PARTE PRIMA LA FACOLTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE PRIMA LA FACOLTA"

Transcript

1 PARTE PRIMA LA FACOLTA 3

2 Presidenza Calle Larga S. Marta - Dorsoduro, VENEZIA Tel Fax Preside prof. Santi Giorgianni Segreteria di Presidenza Roberta Adami Patrizia Gobbo Valentina Lo Maglio tel tel tel L'Ufficio di Presidenza cura l'attività didattica dei corsi di laurea triennale e specialistica, e l'attività amministrativo - contabile della Facoltà. La Segreteria osserva il seguente orario di apertura al pubblico: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore alle ore Portineria La Portineria della Facoltà di Scienze nella sede di S. Marta fornisce le informazioni relative a orario delle lezioni, appelli d'esame, ricevimento docenti. Tel , Fax Articolazione della Facoltà L'attività didattica della Facoltà è coordinata dal Preside e dall'ufficio di Presidenza della Facoltà cui fanno riferimento i Corsi di Laurea. La Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Venezia si articola: a) dal punto di vista dell'organizzazione della didattica in 6 corsi di laurea triennale: - corso di laurea in Chimica - corso di laurea in Chimica Industriale - corso di laurea in Informatica - corso di laurea in Scienze Ambientali - corso di laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche per la Conservazione ed il Restauro - corso di laurea in Scienze e Tecnologie dei Materiali in 6 corsi di laurea specialistica - corso di laurea in Chimica e Compatibilità Ambientale - corso di laurea in Tecnologie Chimiche per l'industria e l'ambiente - corso di laurea in Informatica - corso di laurea in Scienze Ambientali - corso di laurea in Scienze chimiche per la Conservazione ed il Restauro - corso di laurea in Scienze e Tecnologie dei Materiali 4

3 Gli studenti immatricolati prima dell anno 2001/2002, che non abbiano esercitato l opzione, potranno completare gli studi previsti dal precedente ordinamento (corsi di laurea in Chimica Industriale, Informatica, Scienze Ambientali, Diploma Universitario in Scienza dei Materiali) b) dal punto di vista dell'organizzazione della ricerca in 4 dipartimenti - Dipartimento di Chimica - Dipartimento di Chimica Fisica - Dipartimento di Informatica - Dipartimento di Scienze Ambientali c) dal punto di vista logistico attraverso il Centro Interdipartimentale di Servizi per le Discipline Sperimentali (C.I.S.) organizzato nelle seguenti sezioni: - Laboratorio di documentazione scientifica e didattica (biblioteca, fotocopie, stampa, elaborazione dati bibliografici) - Laboratorio di elettronica - Laboratorio di lavorazione del vetro - Laboratorio di meccanica e falegnameria - Squadra di pronto intervento 5

4 Informazioni generali Calendario delle lezioni e degli esami a.a. 2004/05 La Facoltà di Scienze MM. FF. NN. ha deliberato il seguente calendario accademico per l'a.a. 2004/05 I semestre inizio lezioni: 20 settembre 2004 termine lezioni: 17 dicembre 2004 II semestre inizio lezioni: 21 febbraio 2005 termine lezioni: 27 maggio 2005 Vacanze di Natale Dal 23 dicembre 2004 al 7 gennaio 2005 Vacanze di Pasqua Dal 24 marzo al 30 marzo 2005 Festività della Madonna della Salute 21 novembre 2005 Gli esami si terranno secondo il seguente calendario: dal al dal al dal al L'orario delle lezioni e di ricevimento dei docenti e le date dei singoli esami saranno esposti nelle bacheche di Facoltà, saranno riportati sul sito Internet dei vari Corsi di Laurea o potranno essere chiesti in portineria. Calendario delle lauree Sono previste 3 sessioni di laurea, e per ogni sessione due appelli, come segue: prima sessione: seconda sessione: terza sessione 1 appello dal 15 al 25 giugno 1 appello dal 15 al 25 luglio 1 appello dal 20 al 30 ottobre 1 appello dal 10 al 20 dicembre 1 appello dal 18 al 28 febbraio 1 appello dal 1 al 10 aprile Si ricorda che le domande di laurea vanno presentate in Segreteria Studenti (G. B. Giustinian) dal 15 aprile al 15 maggio per la prima sessione, dal 3 al 20 settembre per la seconda sessione e dal 2 al 20 gennaio per la terza sessione. Dottorati di ricerca Il dottorato di ricerca costituisce il titolo accademico finale di più alto livello rilasciato dalle Università. I corsi di dottorato di ricerca sono preordinati all'approfondimento delle 6

5 metodologie della ricerca nel rispettivo settore di formazione scientifica; hanno durata triennale e prevedono la frequenza obbligatoria. L'accesso ai corsi di dottorato avviene mediante selezione e requisito per l'accesso ai corsi è il possesso del diploma di laurea o di titolo equipollente conseguito presso un'università straniera. Si indicano di seguito i corsi di dottorato che verranno attivati per l'a.a. 2004/2005, e i Dipartimenti presso cui saranno attivati. - Informatica Dipartimento di Informatica - Scienze chimiche Dipartimento di Chimica - Scienze Ambientali Dipartimento di Scienze Ambientali 7

6 PARTE SECONDA CORSI DI LAUREA 8

7 CORSO DI LAUREA IN CHIMICA Referente: prof. Roberto Stevanato Collegio Didattico: Gabriele Albertin, Ottorino De Lucchi, Giampaolo Marangoni, Federico Momo, Ivo Moret, Roberto Stevanato (Presidente), Paolo Stoppa. Requisiti di ingresso Per l ammissione è richiesto un diploma di Scuola Media Superiore quinquennale ovvero quadriennale con corsi integrativi di quinto anno. Tuttavia, per frequentare con profitto il corso di laurea in Chimica è necessaria la conoscenza preliminare di alcuni elementi del metodo e del linguaggio scientifico che saranno trattati in pre-corsi di matematica e chimica tenuti nel mese di settembre, prima dell inizio dei corsi ufficiali (20 settembre 2004). Obiettivi formativi Il corso di laurea in Chimica prepara laureati con rigorose conoscenze nei diversi settori della chimica negli aspetti di base, teorici e sperimentali, capaci di utilizzare il metodo scientifico di indagine in relazione sia a problemi di ricerca che applicativi. Progetto didattico Gli obiettivi formativi sono realizzati mediante attività che prevedono lezioni in aula, esercitazioni e laboratori nei quali gli studenti acquisiscono conoscenze teoriche e sperimentali nei diversi campi della chimica, e competenze nell uso degli strumenti informatici e della lingua inglese. Il percorso didattico si conclude con un periodo di tirocinio svolto all interno dell Università o presso aziende esterne e con una prova finale. Modalità di frequenza Libera. La frequenza ai corsi di laboratorio è obbligatoria. Cosa puoi fare dopo la laurea Il laureato in Chimica trova impiego nell'industria chimica, farmaceutica, alimentare e manifatturiera in genere. Può operare in strutture di ricerca ed in laboratori di analisi, monitoraggio, controllo e certificazione, anche in settori quali i beni culturali, l ambiente e la sanità. Sbocchi professionali sono offerti anche nel campo commerciale e dell informazione scientifica. Può inoltre proseguire gli studi nell ambito delle lauree specialistiche biennali. La segreteria del corso di laurea in Chimica si trova presso la Segreteria di Presidenza della Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, Calle Larga S. Marta, Dorsoduro 2137, Venezia, tel ; fax: ; Nella pagina seguente sono riportati la suddivisione del carico didattico nei tre anni del corso di laurea e l'articolazione dei crediti 9

8 I semestre Corso Chimica generale ed inorganica e Laboratorio Istituzioni di Matematiche con Esercitazioni Fisica generale con Esercitazioni Lingua inglese I semestre Corso Chimica analitica 1 e Laboratorio Chimica organica 2 e Laboratorio Chimica biologica I semestre Corso Biochimica degli Alimenti Chimica fisica 2 e Laboratorio Chimica analitica strumentale (a) Tecniche spettroscopiche PRIMO ANNO II semestre Crediti Corso Chimica organica 1 e Laboratorio Istituzioni di Matematiche con Esercitazioni Fisica generale con Esercitazioni Elementi di Informatica 1 SECONDO ANNO II semestre Crediti Corso Chimica inorganica 1 e Laboratorio Chimica fisica 1 e Laboratorio Chimica industriale TERZO ANNO II semestre Crediti Corso Laboratorio di chimica analitica strumentale (a) Corso a scelta Corso a scelta Corso a scelta Tirocinio (b) Prova Finale (c) Crediti Crediti Crediti Corsi a scelta consigliati (ogni corso vale 3 crediti) Chimica degli Alimenti Chimica delle Sostanze organiche naturali Chimica inorganica applicata Chimica organica fisica Complementi di Chimica analitica Complementi di Chimica fisica Complementi di Chimica inorganica Complementi di Chimica organica (non attivato per l a.a. 2004/05) Didattica chimica Metodi chemiometrici di Analisi multivariata Politiche di pari opportunità (solo per le studentesse) Sintesi e Tecniche speciali inorganiche Sintesi e Tecniche speciali organiche Tecnologie analitiche (a) Il corso di Chimica analitica strumentale ed il relativo Laboratorio, seppure tenuti in semestri diversi del 3 anno, danno luogo ad un unico esame. 10

9 (b) Per essere ammesso al tirocinio lo studente deve aver conseguito almeno 130 crediti. (c) La prova finale consiste nella discussione di una relazione scritta, elaborata dallo studente sotto la guida di uno o più relatori (almeno due per il tirocinio aziendale, un relatore interno ed uno esterno) sulle attività svolte nel corso del tirocinio. Per sostenere la prova finale lo studente deve aver maturato tutti i crediti previsti nell'ordinamento del corso di studi (174), ad eccezione di quelli attribuiti per la prova finale stessa (6). 11

10 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CHIMICA E COMPATIBILITA AMBIENTALE Referente: prof. Roberto Stevanato Collegio Didattico: Gabriele Albertin, Ottorino De Lucchi, Giampaolo Marangoni, Federico Momo, Ivo Moret, Roberto Stevanato (Presidente), Paolo Stoppa. Requisiti di ingresso Per iscriversi al corso di laurea specialistica in Chimica e Compatibilità Ambientale occorre essere in possesso di una Laurea o di altro titolo conseguito all estero riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti. Si potrà accedere, inoltre, da altre lauree triennali della classe di Scienze e Tecnologie Chimiche, previa valutazione da parte del Collegio Didattico della congruità dei crediti acquisiti. I laureati provenienti da altre classi di laurea devono avere acquisito almeno 90 crediti nei settori disciplinari CHIM/01, CHIM/02, CHIM/03, CHIM/04, CHIM/06, CHIM/12 e almeno 18 crediti nei settori disciplinari MAT/05 e FIS/01. Obiettivi formativi Obiettivo del corso di studi è la formazione di laureati con una rigorosa preparazione scientifica nelle principali discipline chimiche, un approfondita conoscenza delle moderne tecniche e metodologie sperimentali d'indagine, abilità informatiche per l'elaborazione dei dati e una cultura attenta alla salvaguardia dell'ambiente. Il laureato acquisirà la capacità di progettare, sintetizzare, caratterizzare ed analizzare sistemi molecolari inorganici, organici ed organometallici e di studiarne le relazioni tra struttura, reattività, proprietà ed applicazioni, con particolare riguardo alla eco-compatibilità dei procedimenti, al risparmio energetico e all'utilizzo di materie rinnovabili. Progetto didattico Nei due anni di corso, gli obiettivi formativi sono realizzati mediante attività che prevedono lezioni in aula, esercitazioni e laboratori nel corso dei quali gli studenti acquisiscono conoscenze specialistiche, teoriche e operative, nei diversi campi disciplinari. Gli insegnamenti possono essere strutturati in moduli. La verifica del profitto ed il conseguimento dei relativi crediti avviene attraverso accertamenti svolti durante il periodo delle lezioni e/o esami finali in forma di prova scritta, colloquio orale, prova pratica, o in più d'una di queste modalità, secondo la tipologia dell'insegnamento. E offerta la possibilità di stage e tirocini in strutture esterne. Modalità di frequenza Libera. La frequenza ai corsi di laboratorio e alle esercitazioni è obbligatoria. Cosa puoi fare dopo la laurea Il laureato specialista in Chimica e Compatibilità Ambientale può proseguire gli studi per il conseguimento del Dottorato di ricerca o accedere al mondo del lavoro inserendosi in strutture di ricerca, sia pubbliche sia private, o in aziende produttive operanti nei vari comparti della chimica. Trova inoltre occupazione in laboratori di analisi e controllo nei settori della chimica, dell'ambiente, dei beni culturali, degli alimenti e della sanità, anche a livello di consulenza come libero professionista. Ulteriori possibilità di impiego sono offerte nel settore tecnicocommerciale e nell'insegnamento. 12

11 Connessione a corsi di laurea triennale I 180 crediti formativi acquisiti con la Laurea in Chimica presso la Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali dell'università Ca' Foscari di Venezia vengono integralmente riconosciuti. La segreteria del corso di laurea in Chimica e Compatibilità Ambientale si trova presso la Segreteria di Presidenza della Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, Calle Larga S. Marta, Dorsoduro 2137, Venezia, tel ; fax: ; Nella pagina seguente sono riportati la suddivisione del carico didattico nei due anni del corso di studi e l articolazione dei crediti. 13

12 I semestre Corso Chimica inorganica 2 e Laboratorio Chimica analitica 2 e laboratorio Elementi di Informatica 2 I semestre Corso Cinetica e Meccanismi di Reazione in Chimica inorganica Sintesi e Caratterizzazione di Molecole di Interesse farmaceutico Chimica analitica degli Inquinanti Chimica fisica dei Colloidi e delle Interfasi Chimica tossicologica Ecologia applicata Corso a scelta 3 PRIMO ANNO II semestre Crediti Corso Chimica organica 3 e Laboratorio Chimica fisica 3 Sintesi e Prodotti organici ecocompatibili Corso a scelta SECONDO ANNO II semestre Crediti Corso Procedure di Valutazione di Impatto ambientale Tesi di laurea* Prova finale** Crediti Crediti Corsi a scelta consigliati (ogni corso vale 3 crediti) Chemiometria ambientale Chimica bioanalitica Chimica dei Composti di Coordinazione Chimica fisica dei fluidi (sostituisce Termodinamica molecolare) Chimica metallorganica Sintesi organiche asimmetriche Spettroscopia infrarossa nelle Indagini ambientali * Per essere ammesso al periodo di internato per la tesi di laurea, lo studente deve avere acquisito almeno 59 crediti. ** La prova finale consiste nella discussione della tesi di laurea sperimentale elaborata dallo studente sotto la guida di uno o più relatori (obbligatoriamente due relatori, uno interno ed uno esterno, nel caso di attività svolte anche presso aziende o laboratori di ricerca esterni) ed inerente l attività di ricerca svolta ed i risultati ottenuti. Per sostenere la prova finale lo studente deve aver maturato tutti i crediti previsti nell'ordinamento del corso di studi, ad eccezione di quelli attribuiti per la prova finale stessa (4 crediti). 14

13 CORSO DI LAUREA IN CHIMICA INDUSTRIALE Referente: prof. Ugo Matteoli Collegio Didattico: Emanuele Argese, Agostino Baldacci, Ugo Matteoli (Presidente), Bruno Pitteri, Pietro Traverso, Paolo Ugo, Raffaella Visinoni. Requisiti di ingresso Per l'ammissione è richiesto un diploma di Scuola Media Superiore quinquennale ovvero quadriennale con corsi integrativi di quinto anno; tuttavia, per frequentare con profitto il corso di laurea in Chimica industriale è necessaria la conoscenza di alcuni elementi del metodo e del linguaggio scientifico che saranno trattati in precorsi di matematica e di chimica tenuti nel mese di settembre, prima dell'inizio dei corsi ufficiali (20 settembre 2004). Obiettivi formativi Il corso di laurea in Chimica industriale forma dei professionisti con una solida preparazione, sia teorica sia sperimentale, applicata ai processi e alle tecnologie di produzione e di gestione delle risorse chimiche. Fornisce inoltre adeguate conoscenze di cultura d'azienda, di valutazione dei costi di produzione e di marketing, nonché di sicurezza e igiene nell'ambiente di lavoro. Attenzione è posta anche all acquisizione della capacità di utilizzare efficacemente la lingua inglese. Vengono anche sviluppate adeguate competenze sull'uso di strumenti di comunicazione e gestione dell'informazione. Qualificante per la formazione professionale è anche il periodo di tirocinio in aziende chimiche. Il laureato in Chimica industriale possiede una spiccata prontezza operativa riguardo aspetti connessi a problematiche industriali, che ne facilitano l'efficace inserimento anche in équipe multidisciplinari con ruolo di cerniera tra professionalità diverse. Progetto didattico Gli obiettivi formativi sono realizzati mediante attività che prevedono, oltre alle lezioni in aula, laboratori nei quali gli studenti acquisiscono conoscenze sia teoriche sia sperimentali nei diversi campi della chimica industriale. Il corso di laurea offre l opportunità di partecipare a stage in aziende private e in istituzioni pubbliche. Modalità di frequenza Libera. La frequenza ai corsi di laboratorio è obbligatoria. Cosa puoi fare dopo la laurea Il laureato in Chimica industriale trova collocazione nei settori della produzione in ambito chimico, chimico-farmaceutico, biotecnologico, conciario, alimentare e manifatturiero in genere. Altri settori di occupazione sono quelli del controllo di qualità e certificazione, dell'assistenza tecnico-scientifica ai clienti e utilizzatori, della consulenza industriale, compresa la sicurezza e l'igiene nell'ambiente di lavoro. Connessione a corsi esistenti Il corso di laurea in Chimica industriale corrisponde al precedente corso di laurea quinquennale in Chimica industriale. 15

14 La segreteria del corso di laurea in Chimica Industriale si trova presso la Segreteria di Presidenza della Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, Calle Larga S. Marta, Dorsoduro 2137, Venezia, tel , fax: , Nella pagina seguente sono riportati la suddivisione del carico didattico nei vari anni del corso di laurea, e l'articolazione dei crediti. 16

15 PRIMO ANNO I semestre Corso II semestre Crediti Corso Chim. generale ed inorganica e Lab. Istituz. di Matematiche ed Esercitaz. Fisica ed Esercitazioni Lingua inglese Chimica organica 1 e Laboratorio Istituz di Matematiche ed Esercitaz. Fisica ed Esercitazioni Elementi di informatica 1 SECONDO ANNO I semestre II semestre Corso Crediti Corso Chimica analitica e Laboratorio Chimica organica 2 e Laboratorio Chimica biologica Economia e organizzazione aziendale Sicurezza nelle produzioni industriali I semestre Corso Chimica fisica 2 e Laboratorio Chimica industriale 1 e Laboratorio Chim. e tecnol. polimeri e formulaz. Corso a scelta Corsi a scelta (ogni corso vale 3 crediti) Chimica inorganica e Laboratorio Chim. fis. Elem. chim. fis. ind. e Lab. Tecnologie analitiche strument. e Lab. Corso a scelta TERZO ANNO II semestre Crediti Corso Processi e impianti chimici 1 e Lab. Corso a scelta Tirocinio (a) Prova finale (b) Crediti Crediti Crediti Chimica analitica per il Controllo e la Certificazione Chimica bioinorganica Chimica dell'ambiente Chimica e Tecnologia degli Additivi per l'edilizia Chimica e Tecnologia degli Intermedi 1 Chimica e Tecnologia della Catalisi 1 Chimica e Tecnologia delle Sostanze coloranti e dei Pigmenti (non attivato per l a.a. 2004/05) Chimica organica industriale 1 (non attivato per l a.a. 2004/05) Chimica tossicologica Enzimologia Impatto ambientale delle Produzioni industriali Petrolchimica e Tecnologia dei Prodotti petroliferi 1 Politiche di pari opportunità (solo per le studentesse) Processi e Tecnologie chimiche e biochimiche di Depurazione Tecnologie elettrochimiche industriali (a) Per essere ammesso al tirocinio lo studente deve aver conseguito almeno 130 crediti. (b) La prova finale consiste nella discussione di una relazione scritta, elaborata dallo studente sotto la guida di uno o più relatori (almeno due per il tirocinio aziendale, un relatore interno ed uno esterno) sulle attività svolte nel corso del tirocinio. Per sostenere la prova finale lo studente deve aver maturato tutti i crediti previsti nell'ordinamento del corso di studi (176), ad eccezione di quelli attribuiti per la prova finale stessa (4).

16 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE Referente: prof. Ugo Matteoli Collegio Didattico: Emanuele Argese, Agostino Baldacci, Ugo Matteoli (Presidente), Bruno Pitteri, Pietro Traverso, Paolo Ugo, Raffaella Visinoni. Requisiti di ingresso Per iscriversi al corso di laurea specialistica in Tecnologie Chimiche per l Industria e per l Ambiente occorre essere in possesso di una laurea o di altro titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti. Obiettivi formativi Il laureato specialista in Tecnologie Chimiche per l Industria e per l Ambiente possiede un approfondita formazione scientifica ed operativa legata alla chimica e alle tecnologie dei processi di produzione, con speciale riferimento alle connessioni prodotto-processo e al miglior utilizzo delle risorse naturali e rinnovabili, nel pieno rispetto dell'ambiente. Può affrontare problemi di progettazione e di passaggio di scala, compresa la relativa valutazione dei costi, nonché di gestione e controllo della qualità globale in impianti di produzione di piccola, media e larga scala, anche coordinando gruppi multiprofessionali a livello di dirigenza. Progetto didattico Gli obiettivi formativi sono realizzati mediante attività che prevedono, oltre alle lezioni in aula, laboratori nei quali gli studenti acquisiscono conoscenze teoriche e operative nei diversi campi disciplinari. E' offerta la possibilità di stage e tirocini in strutture pubbliche o private. Modalità di frequenza Libera, eccetto quella ai corsi di laboratorio che è obbligatoria. Cosa puoi fare dopo la laurea Lo specialista può svolgere, in aziende o strutture di ricerca, anche come libero professionista, in particolare attività di: ricerca fondamentale ed applicata; valutazione tecnica-economica di un progetto di ricerca e passaggio di scala; progettazione di tecnologie avanzate ecocompatibili; impiego delle biotecnologie innovative per la salvaguardia ed il risanamento ambientale; controllo qualità e certificazione; assistenza tecnico-commerciale a clienti ed utilizzatori. Può anche proseguire gli studi di Dottorato di Ricerca. Anche l'insegnamento offre possibilità. Connessione a corsi di laurea triennale: I 180 crediti formativi acquisiti con la laurea in Chimica industriale presso la Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali dell'università Ca' Foscari di Venezia vengono integralmente riconosciuti. Si potrà inoltre accedere da altre lauree triennali della classe di Scienze e Tecnologie chimiche previa valutazione da parte del Collegio didattico della congruità dei crediti acquisiti. Piano di studi e articolazione dei crediti Il corso di laurea specialistica in Tecnologie chimiche per l Industria e per l Ambiente è articolato in due percorsi specialistici: (A) Chimica e Tecnologie per lo Sviluppo Sostenibile e (B) Biotecnologie per l Industria e per l Ambiente. 18

17 La segreteria del corso di laurea in Tecnologie Chimiche per l Industria e per l Ambiente si trova presso la Segreteria di Presidenza della Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, Calle Larga S. Marta, Dorsoduro 2137, Venezia, tel , fax: , Nella pagina seguente sono riportati la suddivisione del carico didattico nei vari anni del corso di laurea, e l'articolazione dei crediti. 19

18 Indirizzo: Chimica e Tecnologie per lo Sviluppo Sostenibile PRIMO ANNO I semestre Corso II semestre Crediti Corso Elementi di Informatica 2 Chimica industriale 2 e Laboratorio Chimica fisica industriale 2 Chimica e Tecnologia dei Polimeri Impianti chimici 2 e Laboratorio Chimica e Tecnologia della Catalisi 2 Catalisi enzimatica Ricerca e Sviluppo di Processo SECONDO ANNO I semestre II semestre Corso Crediti Corso Chim. organica industriale 2 e Lab. Chim. e Tecnologia degli intermedi 2 Petrolch. e Tecnol. dei Prod. petrol. 2 Corso a scelta Corso a scelta Tesi (a) Prova finale (b) Crediti Crediti 32 4 Indirizzo: Biotecnologie per l Industria e per l Ambiente I semestre Corso Elementi di Informatica 2 Chimica industriale 2 e Laboratorio Chimica fisica industriale 2 Biologia molecolare PRIMO ANNO II semestre Crediti Corso Impianti chimici 2 e Laboratorio Chimica e Tecnologia della Catalisi 2 Catalisi enzimatica Impianti di Depuraz. e Risanamento Crediti I semestre Corso Chim. Ferment. e Microb. ind. e Lab. Chimica dei Processi biotecnologici Metodologie biochimiche Corso a scelta Corso a scelta SECONDO ANNO II semestre Crediti Corso Tesi (a) Prova finale (b) Crediti 32 4 Corsi a scelta (ogni corso vale 3 crediti) Biofisica applicata Catalisi ambientale Chimica analitica industriale Chimica bioanalitica Chimica degli Inquinanti Metodologie innovative in Chimica fine 20

19 (a) Per essere ammesso al periodo di internato per la tesi di laurea, lo studente deve avere acquisito almeno 66 crediti. (b) La prova finale consiste nella discussione della tesi di laurea sperimentale elaborata dallo studente sotto la guida di uno o più relatori (obbligatoriamente due relatori, uno interno ed uno esterno, nel caso di attività svolte anche presso aziende o laboratori di ricerca esterni) ed inerente l attività di ricerca svolta ed i risultati ottenuti. Per sostenere la prova finale lo studente deve aver maturato tutti i crediti previsti nell'ordinamento del corso di studi, ad eccezione di quelli attribuiti per la prova finale stessa (4 crediti). 21

20 CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Referente: prof. Agostino Cortesi ) Collegio Didattico: Simonetta Balsamo, Nicoletta Cocco, Agostino Cortesi (Presidente), Salvatore Orlando, Alessandro Roncato, Antonino Salibra, Flavio Sartoretto. Requisiti di ingresso Per l'ammissione è richiesto un diploma di Scuola Media Superiore quinquennale ovvero quadriennale con corsi integrativi di quinto anno; tuttavia, per frequentare con profitto il corso di laurea in Informatica è necessaria la conoscenza di alcuni elementi del metodo e del linguaggio scientifico che saranno comunque trattati in un precorso tenuto nella prima settimana di lezione. In particolare verranno trattati i seguenti temi: Numeri naturali, interi, razionali e reali - MCD e mcm - Proporzioni e percentuali - Calcolo di espressioni algebriche - Equazioni di primo e secondo grado - Disequazioni - Elementi di geometria euclidea - Elementi di geometria analitica - Concetto di funzione - Funzione esponenziale - Funzione logaritmica - Funzioni trigonometriche. Obiettivi formativi La laurea di primo livello in Informatica fornisce un ampio spettro di conoscenze e di competenze in vari settori delle scienze e delle tecnologie dell'informazione, mirate al loro utilizzo nella progettazione, sviluppo e gestione dei sistemi informatici. Progetto didattico Gli obiettivi formativi sono realizzati mediante attività che prevedono, oltre alle lezioni in aula, laboratori nei quali gli studenti acquisiscono conoscenze teoriche e operative nei diversi campi disciplinari. Il corso di laurea offre l'opportunità di partecipare a stage in aziende private e in istituzioni pubbliche. Modalità di frequenza Libera Cosa puoi fare dopo la laurea I laureati in Informatica operano negli ambiti della produzione software, sia in imprese produttrici nelle aree dei sistemi informatici e delle reti di calcolatori, sia nelle imprese, nelle amministrazioni e nei laboratori che utilizzano sistemi informatici complessi. Il Corso di Laurea è inserito nel Progetto CampusOne della CRUI (Conferenza dei Rettori) e nel Progetto Campus Azione Impresa La segreteria del corso di laurea in Informatica si trova in via Torino 155, Mestre Venezia, tel , fax , Sito internet Nella pagina seguente sono riportati la suddivisione del carico didattico nei vari anni del corso di laurea, e l'articolazione dei crediti 22

21 I semestre Corso Architettura degli Elaboratori A Programmazione Esercitazioni di Programmazione Calcolo (I e II) Esercitazioni di Calcolo Lingua inglese corso zero PRIMO ANNO II semestre Crediti Corso Architettura degli Elaboratori B Laboratorio di Architettura Laboratorio di Programmazione Strutture Discrete + Esercitazioni Algebra lineare Lingua Inglese Crediti I semestre Corso Metodologie di Programmazione Algoritmi e Strutture Dati Lab. di Algoritmi e Programmazione Sistemi Operativi A Linguaggi e Compilatori Italiano Tecnico I semestre Corso Reti di Calcolatori Ingegneria del Software Ricerca operativa Corsi a scelta tabella inf_base Crediti a scelta liberi I semestre Corso Reti di Calcolatori Ingegneria del Software Ricerca operativa Sistemi Ipermediali Crediti a scelta liberi SECONDO ANNO II semestre Crediti Corso Basi di Dati Analisi e Progetto di Algoritmi Sistemi Operativi B Laboratorio di Sistemi Operativi Probabilità e Statistica Fisica TERZO ANNO SISTEMI II semestre Crediti Corso 6 Protocolli di Rete 6 Laboratorio di Rete oppure 6 Lab. di Amministrazione di Sistema 3 Calcolo Numerico oppure 9 Economia Aziendale Corsi a scelta tabella inf_base Internato o stage Prova finale TERZO ANNO APPLICAZIONI II semestre Crediti Corso 6 Laboratorio di Basi di Dati 6 Laboratorio di Ing. del Software 6 Calcolo Numerico oppure 6 6 Ottimizzazione Corsi a scelta - tabella inf_base Crediti a scelta liberi Internato o stage Prova finale Crediti Crediti Crediti

22 I semestre Corso Reti di Calcolatori Ingegneria del Software Ricerca operativa Crediti a scelta liberi Corsi a scelta tabella inf_base TERZO ANNO GESTIONALE II semestre Crediti Corso Commercio elettronico Laboratorio di Basi di Dati Sistemi informativi aziendali oppure Corsi a scelta tabella inf_base Economia Aziendale oppure Economia dell Informazione Internato o stage Prova finale Crediti Tabella inf_base Tutti i corsi di Informatica che compaiono nei 3 curricula (sistemi, applicazioni e gestionale) + Insegnamenti Crediti Semestre Complementi di Reti 6 II sem. Elaborazione delle Immagini 3 I sem. Lab. di Web Design 3 I sem. Lab. di Informatica Applicata 3 I sem. Linguaggi per la rete: XML 3 II sem. Project Management e Qualità del Lavoro con Laboratorio 6 II sem. Web Design 3 I sem. E inoltre possibile scegliere insegnamenti specialistici (di livello superiore, e quindi più impegnativi) tra quelli di tipo informatico attivati per la Laurea Specialistica in Informatica. 24

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE Il POLITECNICO di BARI Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura promuove ed organizza IL CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE (istituito ai sensi

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI 2011/2012 2012/2013 2013/2014 Iscritti I anno I volta Iscritti totali

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare?

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 2) Non ho prenotato, posso chiedere al docente di sostenere ugualmente l'esame? 3) La regola dell'appello alternato vale

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca Classi di laurea magistrale LM 1 ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA LM 2 ARCHEOLOGIA LM 3 ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO LM 4 ARCHITETTURA E INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA * LM 5 ARCHIVISTICA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli