La trasparenza nei rapporti banca-cliente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La trasparenza nei rapporti banca-cliente"

Transcript

1 Capitolo 2 La trasparenza nei rapporti banca-cliente di Antonio Proto Indice 1 La trasparenza: obiettivi e ambito di applicazione. 2 2 I clienti. 3 3 La pubblicità e l informazione precontrattuale. 4 4 I contratti Le comunicazioni alla clientela Le modalità di calcolo degli interessi I requisiti organizzativi e la gestione dei reclami Riferimenti bibliografici 24

2 1 La trasparenza: obiettivi e ambito di applicazione. La conoscenza delle caratteristiche e dei costi delle operazioni e dei servizi bancari, la comparazione fra le diverse offerte presenti nel mercato e la possibilità di effettuare scelte consapevoli e coerenti con i bisogni da soddisfare dipendono dalle informazioni disponibili. Tali informazioni sono spesso insufficienti, per cui è difficile effettuare valutazioni sulle operazioni e sui servizi offerti, sia sotto il profilo della convenienza economica, sia sotto il profilo della funzionalità in relazione ai bisogni del cliente. In quest ambito si colloca il concetto di trasparenza, intesa come possibilità per il cliente di accedere alle informazioni relative alle clausole contrattuali che disciplinano le relazioni con le banche; fra queste assumono particolare rilevanza le condizioni economiche, indispensabili per una corretta valutazione di convenienza delle operazioni e dei servizi. Peraltro, la carenza di informazioni è solo uno degli aspetti critici nei rapporti banca-cliente. I contratti bancari, infatti, si caratterizzano per il contenuto predefinito (contratti per adesione) e per l efficacia che si protrae nel tempo (contratti a tempo indeterminato e contratti di durata): proprio nei contratti si manifesta la posizione di forza della banca nei confronti del cliente, che assume così il ruolo di contraente debole, meritevole quindi di tutela. Per garantire la trasparenza e, più in generale, la correttezza nei rapporti fra banca e clientela, sono state emanate specifiche norme 1 che intervengono nelle diverse fasi in cui si articolano tali rapporti: la ricerca e la raccolta delle informazioni necessarie per scegliere la banca con cui operare; l instaurazione del rapporto attraverso la stipula di uno o più contratti; l effettuazione delle operazioni e l utilizzo dei servizi; l illustrazione dell andamento della relazione attraverso idonei supporti informativi. Le norme sulla trasparenza disciplinano quindi la pubblicità e l informazione precontrattuale, la forma e il contenuto dei contratti e le comunicazioni alla clientela relativamente alle operazioni e ai servizi disciplinati dal T.U. 1 La materia è disciplinata dal T.U. bancario (Titolo VI Trasparenza delle condizioni contrattuali e dei rapporti con i clienti), dalla delibera CICR del 4 marzo 2003 (Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari) e dal provvedimento della Banca d Italia Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti. A tali disposizioni si sono aggiunte nel tempo alcune iniziative di autoregolamentazione promosse dall Associazione Bancaria Italiana (ABI), come il Codice di comportamento del settore bancario e finanziario, il Protocollo di intesa con le associazioni dei consumatori sulle condizioni generali relative al rapporto banca-cliente e il progetto PattiChiari. (www.pattichiari.it). 2

3 bancario 2 offerti ai clienti dalle banche 3 in Italia, anche fuori sede 4 e mediante tecniche di comunicazione a distanza 5. Per una efficace attuazione della regolamentazione, le banche devono inoltre rispettare alcuni requisiti organizzativi al fine di ridurre i rischi legali e reputazionali derivanti dalle relazioni con la clientela. Posto che le norme sulla trasparenza sono derogabili solo in senso più favorevole al cliente (art. 127, comma 2, del T.U. bancario), il controllo sulla loro applicazione spetta alla Banca d Italia, che dispone di poteri informativi e ispettivi e, in caso di irregolarità, può: - inibire la continuazione dell attività, anche di singole aree o sedi secondarie, e ordinare la restituzione delle somme indebitamente percepite e altri comportamenti conseguenti; - inibire specifiche forme di offerta, promozione o conclusione di contratti; - disporre la sospensione, per un periodo non superiore a novanta giorni, delle attività di cui ai punti precedenti in caso di particolare urgenza; - pubblicare i relativi provvedimenti nel Bollettino di Vigilanza e disporre altre forme di pubblicazione, eventualmente a cura e spese della banca. 2 I clienti. Per cliente si intende qualsiasi soggetto, persona fisica o giuridica, che ha in essere un rapporto contrattuale o che intenda entrare in relazione con una banca. Non rientrano nella definizione gli intermediari finanziari e ogni altro soggetto che svolge attività di intermediazione finanziaria. 2 Tali norme non si applicano ai servizi e alle attività di investimento, al collocamento di prodotti finanziari e alle operazioni e servizi componenti di prodotti finanziari, sottoposti alla disciplina di trasparenza del T.U. finanziario (art. 23, comma 4), sempre che non si tratti di operazioni di credito al consumo. In caso di prodotti composti la cui finalità esclusiva o preponderante non sia di investimento, le norme sulla trasparenza si applicano all intero prodotto se questo ha finalità, esclusive o preponderanti, riconducibili a quelle di operazioni o servizi disciplinati dal T.U. bancario; negli altri casi alle sole componenti riconducibili a prodotti o servizi del T.U. bancario. Se la finalità esclusiva o preponderante è quella di investimento, si applicano le norme del T.U. finanziario sia al prodotto nel suo complesso sia alle singole componenti, sempre che non si tratti di operazioni di credito al consumo. 3 Sono soggetti alle norme sulla trasparenza anche gli intermediari finanziari che esercitano l attività di concessione di finanziamenti (art. 106 del T.U. bancario), i confidi, gli istituti di moneta elettronica (IMEL) e Poste Italiane S.p.A. per le attività di bancoposta. Una specifica regolamentazione è prevista invece per il credito al consumo, i prestatori di servizi di pagamento, i servizi di mediazione creditizia e i cambiavalute (cfr. le Sez. VI, VII, VVIII e IX del provvedimento della Banca d Italia, dove sono anche indicati i riferimenti normativi). 4 L offerta fuori sede è la promozione e il collocamento di operazioni e servizi svolta in luogo diverso dalla sede o dalle dipendenze della banca. 5 Si tratta di tecniche di contatto con la clientela, diverse dagli annunci pubblicitari, che non comportano la presenza fisica e simultanea del cliente e della banca o di un suo incaricato. 3

4 Peraltro, un efficace tutela di coloro che intrattengono relazioni con la banca non può non tenere conto che tale definizione comprende varie tipologie di soggetti, dal consumatore alla grande impresa: è evidente, infatti, che la capacità di gestire il rapporto con la banca è diversa, perché diverse sono le competenze e la forza contrattuale. Ne consegue che, una volta definito un sistema di regole generali per garantire un livello minimo di trasparenza e correttezza, è opportuno adottare particolari disposizioni a tutela dei clienti ritenuti più deboli. A tale scopo le norme sulla trasparenza utilizzano la seguente classificazione della clientela: Tabella 1: Classificazione della clientela secondo le norme sulla trasparenza Clienti al dettaglio altri Consumatori Artigiani e Professionisti Enti senza finalità di lucro Micro imprese All interno della categoria generale dei clienti si individuano i cosiddetti clienti al dettaglio, cui appartengono non solo i consumatori, cioè le persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta, ma anche altri soggetti (micro-imprese 6, enti senza finalità di lucro, artigiani e professionisti) che si caratterizzano per la piccola dimensione e per una scarsa competenza in materia finanziaria. Per tutti questi soggetti sono previste specifiche disposizioni volte ad assicurare una maggiore tutela. A tale scopo la banca deve verificare, prima della conclusione del contratto, se al cliente può essere attribuita la qualifica di consumatore o di cliente al dettaglio; successivamente il cambiamento della qualifica può avvenire, qualora ne ricorrano i presupposti, solo su richiesta del cliente. L accertamento della qualifica può rivelarsi difficile poiché alcuni clienti, come gli artigiani e i professionisti, si distinguono spesso per la commistione fra attività imprenditoriale e personale, interagendo con la banca anche per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale svolta. 3 La pubblicità e l informazione precontrattuale. Le norme del T.U. bancario impongono alla banca di rendere note in modo chiaro al cliente tutte le condizioni economiche relative alle operazioni 6 Si tratta di imprese con meno di dieci addetti e un fatturato o totale di bilancio non superiore a due milioni di euro. 4

5 e ai servizi offerti, stabilendo che tale obbligo non può essere assolto mediante rinvio agli usi. La Banca d Italia elenca le operazioni e i servizi soggetti a pubblicità 7, precisando che le relative disposizioni non si applicano quando l attività della banca è volta alla conclusione di contratti unilateralmente predisposti dal cliente o che costituiscono oggetto di trattativa individuale: - depositi; - certificati di deposito; - mutui; - aperture di credito; - anticipazioni bancarie; - crediti di firma; - sconti di portafoglio; - leasing finanziario; - factoring; - altri finanziamenti; - garanzie ricevute; - conti correnti di corrispondenza; - incassi e pagamenti che non configurano servizi di pagamento di cui al Titolo VI, Capo II-bis, del T.U. bancario; - acquisto e vendita di valuta estera; - intermediazione in cambi; - custodia e amministrazione di strumenti finanziari; - locazione di cassette di sicurezza. Per attuare gli obblighi in materia di pubblicità delle operazioni e dei servizi offerti e delle relative condizioni contrattuali, le banche utilizzano i seguenti strumenti 8 : a) i documenti contenenti i principali diritti del cliente; b) il foglio informativo; c) la copia completa dello schema di contratto; d) il documento di sintesi. a) La banca deve esporre nei locali aperti al pubblico e mettere a disposizione dei clienti un documento generale denominato Principali diritti del cliente conforme, per ciascuna modalità di commercializzazione utilizzata, ai modelli stabiliti dalla Banca d Italia 9. Inoltre, devono essere messi a disposizione appositi documenti (Guide) 10 riguardanti i contratti di conto corrente 7 L elenco non è definitivo, poiché secondo quanto previsto dalla delibera CICR del 4 marzo 2003 (art. 3) la Banca d Italia può individuare, in relazione all evoluzione dell operatività degli intermediari e dei mercati, altre operazioni e servizi. 8 Sui criteri di redazione cfr. l allegato 1 del provvedimento della Banca d Italia. 9 Cfr. l allegato 2 del provvedimento della Banca d Italia. 10 Le Guide sono stampate secondo i modelli contenuti nell allegato 3 del provvedimento della Banca d Italia. 5

6 offerti ai consumatori e i servizi più comunemente associati (Bancomat, assegni, carte di credito, scoperti, ecc.), i mutui ipotecari offerti ai consumatori e l accesso ai meccanismi di soluzione stragiudiziale delle controversie previsti dal T.U. bancario (Arbitro Bancario Finanziario) 11. b) Per ogni operazione e servizio 12 la banca mette a disposizione dei clienti 13 fogli informativi contenenti almeno: - informazioni sulla banca: denominazione, iscrizione in albi e/o registri, indirizzo della sede legale, numero di telefono degli uffici ai quali il cliente si può rivolgere per ulteriori informazioni e/o per la conclusione del contratto, numero di fax, sito internet e indirizzo di posta elettronica; - le caratteristiche e i rischi tipici dell operazione o del servizio; - un elenco completo delle condizioni economiche offerte 14 ; - le clausole contrattuali che riguardano: il diritto di recesso spettante al cliente e alla banca 15 e i tempi massimi per la chiusura del rapporto; i mezzi di tutela stragiudiziale di cui la clientela può avvalersi; - le informazioni sugli eventuali servizi accessori 16. Tutte le condizioni economiche sono indicate nella misura massima se a favore della banca e minima se a favore del cliente; per ciascuna condizione può essere riportato anche un valore fisso o un valore massimo e minimo. I tassi di interesse sono riportati su base annuale e almeno con riferimento all anno civile; in caso di capitalizzazione infrannuale degli interessi, il tasso di interesse deve tenere conto degli effetti della capitalizzazione All Arbitro Bancario Finanziario, cui devono aderire tutti gli intermediari, possono essere sottoposte le controversie relative ad operazioni e servizi bancari e finanziari aventi ad oggetto l accertamento di diritti, obblighi e facoltà, indipendentemente dal valore del rapporto al quale si riferiscono. Se la richiesta del cliente riguarda la corresponsione di una somma di denaro a qualunque titolo, l importo richiesto non può superare euro. Cfr. il provvedimento della Banca d Italia Disposizioni sui sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari. 12 La banca può redigere un unico foglio informativo per pubblicizzare, in relazione a un determinato prodotto, le condizioni relative alle diverse linee del servizio offerte (ad esempio, conti correnti aventi diverse caratteristiche). 13 Nei locali aperti al pubblico (su supporto cartaceo o altro supporto durevole) e nel sito internet. 14 Se un operazione comporta più voci di costo, le condizioni economiche devono essere presentate in modo che risulti facilmente comprensibile il costo complessivo 15 Per i contratti di credito fondiario diversi da quelli per l acquisto o per la ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione o allo svolgimento della propria attività economica o professionale da parte di persone fisiche, il foglio informativo riporta il compenso onnicomprensivo per l estinzione anticipata secondo quanto previsto dalla delibera CICR del 9 febbraio Ad esempio, la carta di debito accessoria rispetto al conto corrente 17 Sulla capitalizzazione degli interessi si rinvia al par

7 Per il contratti di conto corrente 18 devono essere indicati: - eventuali requisiti minimi per l apertura del conto; - le valute sui versamenti e sui prelievi; - i termini di disponibilità delle somme accreditate e degli assegni versati; - le causali che danno origine ad una scritturazione per la quale vengono addebitati oneri economici, con specificazione dell importo. Con riferimento alle valute e ai termini di disponibilità massimi applicabili, la banca deve in ogni caso attenersi a quanto prescritto dal T.U. bancario (art. 120) e dal d.lgs. n. 11/2010 di attuazione della direttiva 2007/64/CE relativa ai servizi di pagamento (art. 23), riassunto nella seguente tabella: Tabella 2: Valute e termini di disponibilità delle somme Strumenti di pagamento Valute Disponibilità Assegni circolari emessi dalla stessa banca Assegni bancari tratti sulla g. del versamento 4 gg lavorativi stessa banca presso la quale è effettuato il versamento Altri assegni circolari 1 g. lavorativo Altri assegni bancari 3 gg. lavorativi Altri strumenti (es. bonifici) g. di accredito g. di accredito I fogli informativi relativi alle operazioni di finanziamento devono inoltre riportare l indicazione della possibilità per il cliente di consultare il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dalla normativa antiusura. Per i contratti di leasing finanziario deve essere indicato il tasso interno di attualizzazione per il quale si verifica l uguaglianza fra costo di acquisto del bene locato (al netto di imposte) e valore attuale dei canoni e del prezzo dell opzione di acquisto finale (al netto di imposte) contrattualmente previsti 19. Per quanto riguarda l acquisto e la vendita di valuta estera i fogli informativi possono rinviare, per il tasso di cambio praticato, a un apposito cartello esposto nei locali aperti al pubblico, in forma di tabella (cartacea, elettronica, a caratteri mobili), che riporta anche i differenziali (in forma fissa o percentuale) rispetto a un tasso di cambio di riferimento ufficiale e un avvertimento al cliente circa la necessità di consultare i fogli informativi per conoscere tutte le altre condizioni economiche dell operazione. 18 I fogli informativi relativi ai contratti di conto corrente (e ai contratti più comunemente commercializzati assieme) e mutuo ipotecario per i consumatori sono redatti secondo i modelli previsti nell Allegato 4 del provvedimento della Banca d Italia. 19 Se i canoni comprendono corrispettivi per servizi accessori di natura non finanziaria o assicurativa si considera solo la parte di canone riferita alla restituzione del capitale investito per l acquisto del bene e i relativi interessi. 7

8 Nel caso di prodotti composti, la banca deve predisporre un unico foglio informativo relativo a tutte le componenti del prodotto offerto; in presenza di componenti non disciplinate dalle norme in esame, il foglio informativo rinvia agli eventuali strumenti di trasparenza stabiliti dalle norme di riferimento. In ogni caso, il foglio informativo riporta tutti i costi relativi al prodotto composto. Per i contratti di mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale 20, oltre ai fogli informativi, la banca deve mettere a disposizione un foglio comparativo 21 contenente informazioni generali sulle diverse tipologie di mutui offerti, che elenca tutti i prodotti offerti, rinviando ai fogli informativi per la pubblicizzazione delle rispettive condizioni, e indica in modo chiaro le caratteristiche e i rischi tipici dei mutui, secondo modalità che agevolano alla clientela la comprensione delle principali differenze tra i diversi prodotti offerti. Per ogni tipologia di mutuo devono essere indicati almeno il tasso di interesse 22, la durata minima e massima, le modalità di ammortamento, la periodicità delle rate, il TAEG 23 e l esempio di importo della rata, secondo quanto riportato nei relativi fogli informativi. Per quanto riguarda, infine, i rapporti con i clienti al dettaglio, la Banca d Italia invita le banche ad evitare di inserire nei contratti forme complesse di remunerazione degli affidamenti o degli sconfinamenti, quali la commissione di massimo scoperto o altre che prevedono una pluralità di voci di costo; in caso contrario, le relative condizioni devono essere spiegate nel foglio informativo al fine di chiarire al cliente il significato delle varie voci di costo. Per le forme di remunerazione degli affidamenti devono essere inoltre inseriti alcuni esempi formulati con riferimento a ipotetici casi di utilizzo del fido. Specifiche disposizioni sono previste nei casi di offerta fuori sede e di utilizzo di tecniche di comunicazione a distanza. Nel caso di offerta fuori sede, anche se realizzata attraverso soggetti terzi, i fogli informativi riportano, oltre alle informazioni sulla banca committente, i dati e la qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (dipendente, promotore finanziario, agente in attività finanziaria) ed eventuali costi aggiuntivi derivanti da tale modalità di offerta. Il soggetto che procede al- 20 Tra questi i mutui a tasso variabile indicizzato al tasso sulle operazioni di rifinanziamento principale della Banca centrale europea, che le banche e gli intermediari finanziari sono tenuti a offrire ai sensi del d.l. n. 185/2008 convertito, con modificazioni, con legge n. 2/ Tale documento può essere omesso se la banca predispone un foglio informativo unico contenente le informazioni relative a tutte le tipologie di mutui offerti. 22 In caso di tasso variabile, sono indicati lo spread, il parametro di riferimento e l ammontare del tasso al momento della pubblicità. I valori possono essere anche riportati nel loro ammontare massimo. 23 In caso di tasso variabile, il documento specifica che il tasso di interesse e il TAEG sono riportati in via meramente esemplificativa, assumendo un valore del tasso immutato rispetto a quello iniziale per tutta la durata del contratto. 8

9 l offerta deve consegnare al cliente, prima che il contratto sia concluso o che il cliente sia vincolato da un offerta, il documento Principali diritti del cliente (o la Guida, se prevista per il servizio offerto) e il foglio informativo; in caso di contratto di finanziamento, viene consegnato al cliente anche un documento contenente i Tassi Effettivi Globali Medi (TEGM) previsti dalla legge antiusura. La banca committente deve acquisire dal cliente un attestazione dell avvenuta consegna 24. La banca deve inoltre: - fornire al soggetto che effettua l offerta fuori sede i dati e la documentazione necessari per l assolvimento degli obblighi di pubblicità; - verificare che tale soggetto rispetti gli obblighi di trasparenza previsti; in particolare, se il foglio informativo e i documenti previsti sono predisposti dal soggetto incaricato dell offerta, deve accertarne la conformità alle disposizioni vigenti e l idoneità a conseguire pienamente le finalità delle norme sulla trasparenza. Se è la banca ad offrire prodotti e servizi di un altro intermediario, prima di procedere all offerta deve controllare se le informazioni ricevute sono complete e idonee a conseguire pienamente le finalità delle norme sulla trasparenza. Per quanto riguarda l utilizzo di tecniche di comunicazione a distanza, la Banca d Italia stabilisce regole particolari in materia di informativa precontrattuale e comunicazioni non richieste 25. La banca deve pubblicare nel proprio sito internet il documento Principali diritti del cliente, le Guide e i fogli informativi relativi alle operazioni e servizi offerti. In caso di utilizzo di altre tecniche di comunicazione a distanza per rendere note le caratteristiche dei prodotti offerti devono essere messi a disposizione il documento Principali diritti del cliente 26 e i fogli informativi relativi alle operazioni e ai servizi offerti mediante la medesima tecnica impiegata per la conclusione del contratto, su supporto cartaceo o su altro supporto durevole, disponibile e accessibile per il cliente in tempo utile prima che il medesimo sia vincolato dal contratto o dall offerta. I fogli informativi sono integrati con l indicazione dei costi e degli oneri specifici connessi con il mezzo di comunicazione utilizzato, dei recapiti che permettono di contattare rapidamente l intermediario e di comunicare efficacemente con lo stesso, nonché, se ne ricorrono le condizioni, con le altre informazioni previste dal 24 Tali disposizioni non si applicano se il soggetto incaricato dell offerta è una banca o un intermediario finanziario. L esenzione dall obbligo della consegna del foglio informativo vale solo qualora l offerta avvenga presso le dipendenze del soggetto incaricato. 25 Le disposizioni in esame si integrano con le norme del Codice del Consumo in materia di commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori (Sez. IV-bis). Per quanto riguarda l ambito di applicazione della disciplina sull informativa precontrattuale e sulle comunicazioni non richieste cfr. il par. 2.1 della Sez. V del provvedimento della Banca d Italia. 26 Se per il servizio offerto è prevista una Guida, questa deve essere messa a disposizione al posto del documento Principali diritti del cliente. 9

10 Codice del Consumo (artt. 67-quater e ss.); in particolare, deve essere resa nota l esistenza o la mancanza del diritto del consumatore di recedere dal contratto nel termine di quattordici giorni e, se tale diritto esiste, devono essere fornite istruzioni pratiche e informazioni circa le modalità d esercizio, le conseguenze derivanti dal mancato esercizio e l importo che il consumatore può essere tenuto a versare per la parte del servizio eventualmente prestata prima del recesso. Come stabilito dal Codice del Consumo (art. 67-novies), in caso di comunicazioni ai consumatori mediante telefonia vocale, all inizio della conversazione la banca o il soggetto incaricato dell offerta dichiara in maniera inequivoca la propria identità e il fine commerciale della chiamata. Previo consenso del consumatore, devono essere fornite solo informazioni relative a 27 : - identità della persona in contatto telefonico e suo rapporto con la banca; - principali caratteristiche del servizio; - costo totale del servizio o base di calcolo dello stesso; - esistenza o mancanza del diritto di recesso. Anche il testo del contratto deve essere fornito al cliente in forma cartacea o su altro supporto durevole 28. Se il contratto è concluso su richiesta del cliente mediante una tecnica di comunicazione a distanza che non consente di trasmettere il documento Principali diritti del cliente o la Guida relativa al contratto concluso e il foglio informativo, la banca deve mettere a disposizione del cliente tali strumenti di pubblicità subito dopo la conclusione del contratto. Per quanto riguarda le comunicazioni non richieste, la banca deve acquisire il consenso preventivo del consumatore all utilizzo di tecniche di comunicazione a distanza quali sistemi automatizzati di chiamata senza l intervento di un operatore, telefax o strumenti che consentono una comunicazione individuale ( , posta, telefono); tali misure non possono comportare costi per il consumatore (art. 67-sexies decies del Codice del Consumo). Secondo la Banca d Italia il consenso è validamente prestato se manifestato liberamente, in modo esplicito e in forma differenziata in relazione alle diverse finalità e categorie di servizi offerti; peraltro, la banca può non richiedere il preventivo consenso se il consumatore ha precedentemente fornito nella commercializzazione di un servizio analogo i propri recapiti di posta elettronica o di posta cartacea. In occasione dell invio di ciascuna comunicazione, il consumatore deve essere comunque informato della possibilità di opporsi in ogni momento alla ricezione di ulteriori annunci, in modo agevole e gratuito; a tal fine, è fornito un indirizzo valido cui inviare la richiesta di cessazione 27 Al consumatore deve essere comunicato che ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta, precisandone la natura. 28 Gli obblighi in materia di consegna di una copia completa dello schema di contratto si intendono assolti con il rispetto di quanto previsto dal Codice del Consumo (art. 67 undecies, comma 1). 10

11 di tali comunicazioni 29. c) Prima della conclusione del contratto, la banca deve consegnare al cliente che ne abbia fatto richiesta, entro tempi congrui, una copia completa del testo contrattuale idonea per la stipula; a scelta del cliente può essere consegnato il solo documento di sintesi. La consegna non impegna le parti alla stipula del contratto e il diritto del cliente di ottenere copia del testo contrattuale o del documento di sintesi non può essere sottoposto a termini o condizioni. In caso di modifica delle condizioni contrattuali indicate la banca, prima della conclusione del contratto, deve informare il cliente e, su richiesta di quest ultimo, consegna una copia completa del nuovo testo contrattuale o una nuova copia del documento di sintesi. Nei contratti di finanziamento il cliente può scegliere tra: - la consegna di copia del contratto idonea per la stipula, che può essere subordinata al pagamento di una somma non eccedente le relative spese di istruttoria, il cui ammontare massimo è pubblicizzato nel foglio informativo; - la consegna gratuita dello schema di contratto, privo delle condizioni economiche e di un preventivo contenente le condizioni economiche basate sulle informazioni fornite dal cliente. Per i contratti di mutuo ipotecario offerti ai clienti al dettaglio, la consegna della copia del contratto idonea per la stipula è gratuita a partire dal momento in cui viene concordata la data per la stipula presso il notaio; negli altri casi è sempre gratuita. d) Al contratto è allegato un documento di sintesi, che riporta in maniera personalizzata, secondo quanto previsto dal contratto, le condizioni economiche pubblicizzate nel foglio informativo relativo alla specifica operazione o servizio. Tale documento costituisce il frontespizio del contratto e ne è parte integrante in presenza di un accordo delle parti in tal senso. Se l offerta di un operazione o di un servizio non è personalizzabile, il foglio informativo e il documento di sintesi possono coincidere. In questo caso il frontespizio del contratto è costituito dal foglio informativo. Per i contratti di mutuo che sono o potrebbero rimanere a tasso fisso per tutta la durata del contratto, il documento di sintesi riporta in calce il piano di ammortamento. Nel documento di sintesi e nel foglio informativo deve essere inserito un indicatore sintetico di costo (ISC), quando riguardano mutui, anticipazioni bancarie, altri finanziamenti (ad esempio, prestiti personali e finalizzati), conti correnti destinati ai consumatori e aperture di credito offerte ai clienti al dettaglio. Per i mutui, le anticipazioni bancarie, le aperture di credito e gli altri finanziamenti l ISC è denominato Tasso Annuo Effettivo Globale 29 Restano ferme le disposizioni previste dal d.lgs. n. 70/2003 in materia di commercio elettronico, dal Codice della Privacy (d.lgs. n. 196/2003) e dal Codice del Consumo in materia di pratiche commerciali scorrette. 11

12 (TAEG) ed è calcolato come previsto dalla normativa sul credito al consumo 30 ; per i contratti di conto corrente l ISC è calcolato secondo le modalità previste dall Allegato 5A del provvedimento della Banca d Italia; per le aperture di credito in conto corrente offerte a clienti al dettaglio è calcolato secondo le modalità previste dall Allegato 5B. 4 I contratti. Le norme sulla trasparenza disciplinano la forma e il contenuto dei contratti bancari 31. Per quanto riguarda la forma, i contratti sono redatti per iscritto e un esemplare, comprensivo delle condizioni generali, deve essere consegnato al cliente; la consegna è attestata mediante apposita sottoscrizione del cliente sull esemplare del contratto conservato dalla banca. Il documento informatico soddisfa il requisito della forma scritta nei casi previsti dalla legge 32. In caso di inosservanza della forma prescritta il contratto è nullo: tale nullità, come tutte quelle previste dalle norme sulla trasparenza, è relativa, poiché può essere fatta valere solo dal cliente oppure d ufficio dal giudice qualora comporti un vantaggio per il cliente (art. 127, comma 4, del T.U. bancario). Peraltro, la forma scritta non è obbligatoria: - per le operazioni e i servizi effettuati in esecuzione di contratti redatti per iscritto 33 ; - per le operazioni e i servizi prestati in via occasionale, quali, ad esempio, acquisto e vendita di valuta estera contante ed emissione di assegni circolari, purché il valore complessivo della transazione non ecceda euro e a condizione che la banca mantenga evidenza dell operazione compiuta e consegni o invii tempestivamente al cliente conferma dell operazione in forma scritta 30 Peraltro, l ISC nel documento di sintesi relativo ai contratti di conto corrente va riportato soltanto nell ambito delle comunicazioni periodiche mentre non va inserito se il contratto è destinato ad un consumatore. 31 I contratti bancari sono disciplinati anche dalle norme del Codice civile riguardanti le clausole vessatorie nei rapporti con i consumatori (artt bis ss.), dal Codice del consumo, dal d.lgs. n. 190/2005 relativo alla commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori e dal d.lgs. n. 70/2003 in materia di commercio elettronico. 32 Ai sensi dei commi 1-bis e 2 dell art. 20 del d.lgs. n. 82/2005, l idoneità del documento informatico a soddisfare il requisito della forma scritta è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità ed immodificabilità. Il documento informatico sottoscritto con firma elettronica qualificata o con firma digitale, formato nel rispetto delle regole tecniche stabilite ai sensi dell articolo 71 del decreto, che garantiscano l identificabilità dell autore, l integrità e l immodificabilità del documento, soddisfa comunque il requisito della forma scritta. 33 L esenzione dalla forma scritta si ha, ad esempio, per le operazioni regolate in conto corrente. Restano comunque soggette all obbligo di forma scritta le modifiche e le integrazioni del contratto redatto per iscritto. 12

13 o su altro supporto durevole, indicando il prezzo praticato, le commissioni e le spese addebitate. Nella conclusione dei contratti mediante strumenti informatici o telematici, la banca deve osservare, oltre alla disciplina prevista dalle presenti disposizioni, anche le norme specificamente stabilite per l utilizzo di tali tecniche. Relativamente al contenuto, i contratti devono indicare il tasso d interesse e ogni altro prezzo e condizione praticati, inclusi gli eventuali oneri di mora 34 per i contratti di credito, le commissioni spettanti alla banca, e le altre voci di spesa a carico del cliente 35. Il contratto deve comunque riportare tutte le condizioni applicate, incluse le condizioni generali di contratto. Sono nulle e si considerano non apposte le clausole contrattuali: - di rinvio agli usi per la determinazione dei tassi di interesse e di ogni altro prezzo e condizione praticati; - che prevedono tassi, prezzi e condizioni sfavorevoli per i clienti rispetto a quelli pubblicizzati nei fogli informativi e nei documenti di sintesi. In questi casi e se il contratto non indica il tasso di interesse o ogni altro prezzo e condizione praticati si applicano: - il tasso nominale minimo (per le operazioni attive) e quello massimo (per le operazioni passive) dei buoni ordinari del tesoro annuali o di altri titoli similari eventualmente indicati dal Ministro dell economia e delle finanze, emessi nei dodici mesi precedenti la conclusione del contratto o, se più favorevoli per il cliente, emessi nei dodici mesi precedenti lo svolgimento dell operazione; - gli altri prezzi e condizioni pubblicizzati per le corrispondenti categorie di operazioni e servizi al momento della conclusione del contratto o, se più favorevoli per il cliente, al momento in cui l operazione è effettuata o il servizio è reso. In mancanza di pubblicità nulla è dovuto. Nel caso in cui il contratto contenga clausole di indicizzazione, devono essere riportati il valore del parametro al momento della conclusione del contratto e le modalità di rilevazione del suo andamento nel corso del rapporto. 34 Gli oneri (o interessi) di mora sono applicati alle rate di rimborso di un prestito non pagate alla scadenza. 35 A tale proposito l art. 127-bis del T.U. bancario vieta l addebito al cliente di spese inerenti alle informazioni e alle comunicazioni previste dalla legge se trasmesse in via telematica, mentre le comunicazioni riguardanti le modifiche unilaterali delle condizioni contrattuali sono invece sempre gratuite. Il contratto può prevedere delle spese a carico del cliente solo in caso di richiesta di informazioni o comunicazioni ulteriori o più frequenti rispetto a quanto previsto dalla norma o la loro trasmissione con strumenti diversi da quelli stabiliti nel contratto. Le spese addebitate devono comunque essere adeguate e proporzionate ai costi effettivamente sostenuti dalla banca. Nei contratti di finanziamento la consegna di documenti personalizzati può essere subordinata la pagamento delle spese di istruttoria. 13

14 Nel contratto deve essere inoltre espressamente indicata la possibilità di variare in senso sfavorevole al cliente il tasso di interesse e ogni altro prezzo e condizione, con clausola approvata specificamente dal cliente 36. Se alcuni degli elementi che concorrono alla determinazione del costo complessivo dell operazione dipendono dalla quotazione di titoli o dall andamento di valute ad una data futura o non sono comunque individuabili al momento della redazione del contratto, devono essere in ogni caso indicati gli elementi per la determinazione di tali componenti di costo. Qualora il contratto sia stipulato in forma diversa da quella scritta, gli elementi di calcolo devono essere indicati, oltre che nei fogli informativi, anche nella comunicazione di conferma dell operazione, se prevista. Con riferimento ai tassi di interesse, i contratti devono indicare la periodicità di capitalizzazione e, nei casi in cui sia prevista una capitalizzazione infrannuale, il valore del tasso annuo che tiene conto degli effetti della capitalizzazione. Per i contratti di finanziamento, nell indicazione del tasso rapportato su base annua non si tiene conto degli eventuali interessi di mora. Le clausole relative alla capitalizzazione degli interessi sono inefficaci se non sono specificamente approvate per iscritto dal cliente. Nelle operazioni di credito fondiario diverse da quelle finalizzate all acquisto o alla ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione o allo svolgimento della propria attività economica o professionale da parte di persone fisiche i contratti devono riportare, anche in allegato, uno o più esempi di applicazione della formula di calcolo del compenso onnicomprensivo da corrispondere in caso di estinzione anticipata 37, e prevedere inoltre che nessun altro onere può essere addebitato. La stipula di contratti mediante tecniche di comunicazione a distanza è ammessa nel rispetto delle condizioni e dei requisiti previsti dalle disposizioni 36 Secondo il T.U. bancario (art. 118, comma 1), nei contratti a tempo indeterminato può essere convenuta, con clausola approvata specificamente dal cliente, la facoltà di modificare unilateralmente i tassi, i prezzi e le altre condizioni di contratto qualora sussista un giustificato motivo; negli altri contratti di durata tale facoltà può essere convenuta esclusivamente per le clausole non aventi ad oggetto i tassi di interesse, sempre che sussista un giustificato motivo. Per giustificato motivo si intende un evento che incide direttamente sul rapporto contrattuale come, ad esempio, un cambiamento nel grado di rischio del cliente o una variazione dei tassi di interesse che determina una modificazione dei costi per la banca. La norma stabilisce inoltre che le variazioni dei tassi di interesse adottate in previsione o in conseguenza di decisioni di politica monetaria riguardano contestualmente sia i tassi debitori che quelli creditori, e si applicano con modalità tali da non recare pregiudizio al cliente. 37 Secondo l art. 120-ter del T.U. bancario è nullo qualunque patto o clausola, anche posteriore alla conclusione del contratto, con il quale si convenga che il mutuatario sia tenuto al pagamento di un compenso o penale o ad altra prestazione a favore del soggetto mutuante per l estinzione anticipata o parziale dei mutui stipulati o accollati a seguito di frazionamento per l acquisto o per la ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione o allo svolgimento della propria attività economica o professionale da parte di persone fisiche. La nullità del patto o della clausola opera di diritto e non comporta la nullità del contratto. 14

15 generali in materia di contratti. Se il cliente è un consumatore: - ha diritto di richiedere, in qualsiasi momento del rapporto, copia cartacea del contratto, e di cambiare la tecnica di comunicazione utilizzata, a meno che ciò sia incompatibile con il contratto concluso o con la natura del servizio prestato (art. 67-undecies, comma 3, del Codice del Consumo); - non è tenuto ad alcuna prestazione per servizi non richiesti e, in ogni caso, l assenza di risposta non implica consenso (art. 67-quinquies decies del Codice del Consumo). Particolarmente importante, infine, è la facoltà attribuita alla Banca d Italia di prescrivere che determinati contratti o titoli, individuati attraverso una particolare denominazione o sulla base di specifici criteri qualificativi, abbiano, pena la nullità, un contenuto tipico determinato (art. 117, comma 8, del T.U. bancario); in questo modo si limita l autonomia negoziale delle parti, ma, standardizzando i contratti, si agevola il cliente nella valutazione e nel confronto delle operazioni e servizi offerti dalle banche. Peraltro, poiché l istruttoria condotta dalla Banca d Italia ai sensi della legge n. 287/1990 (cfr. Cap. 3, nota 3) ha stabilito che gli schemi contrattuali elaborati dall ABI non sono vincolanti per le banche associate e possono essere quindi modificati e integrati in base alle esigenze delle banche stesse e della loro clientela, si può affermare che l obiettivo della Banca d Italia, al fine di tutelare la concorrenza, è quello di incentivare un processo di differenziazione dell offerta. La tipizzazione degli schemi contrattuali rappresenta perciò un ipotesi destinata a concretizzarsi solo nei casi in cui l autonomia negoziale delle banche conduca a risultati incompatibili con le norme sulla trasparenza. La Banca d Italia, avvalendosi di tale facoltà, ha determinato il contenuto tipico del Conto corrente semplice, un contratto destinato a soddisfare le esigenze di base dei consumatori che consente di usufruire, pagando un canone annuo fisso, di un rapporto di conto corrente che prevede un numero determinato di operazioni di scritturazione contabile e di servizi 38. Il canone annuo e il tasso di interesse creditore sono fissati liberamente dalla banca, che non può addebitare al cliente alcun ulteriore onere a parte gli oneri fiscali previsti dalla legge. L Indicatore Sintetico di Costo del Conto corrente semplice è pari al canone annuo di base. L informativa periodica avviene su base almeno trimestrale e i relativi costi sono inclusi nel canone annuo. L offerta di tale conto corrente può essere articolata in due tipologie a seconda che le operazioni siano eseguite allo sportello o online. 38 Le tipologie di servizi e il numero di operazioni sono state definite dalla Banca d Italia sulla base dell accordo del 28 ottobre 2009 tra l ABI e la maggioranza delle associazioni facenti parte del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti (CNCU), allegato al provvedimento della Banca d Italia. 15

16 5 Le comunicazioni alla clientela. Le comunicazioni alla clientela comprendono: a) l informazione sulle variazioni contrattuali; b) i supporti informativi consuntivi che le banche devono inviare al cliente (comunicazioni periodiche); c) le informazioni su specifiche operazioni effettuate dal cliente (comunicazioni a richiesta). a) Secondo il T.U. bancario (art. 118) la banca deve comunicare al cliente le modifiche unilaterali delle condizioni contrattuali 39 secondo modalità contenenti in modo evidenziato la formula Proposta di modifica unilaterale del contratto, con preavviso minimo di due mesi; la comunicazione, da inviare presso il domicilio indicato dal cliente, deve avvenire in forma scritta o mediante altro supporto durevole preventivamente accettato dal cliente. Per i rapporti in cui non è possibile l individuazione del cliente, le banche adempiono all obbligo di comunicazione mediante appositi avvisi nei locali aperti al pubblico. La modifica delle condizioni si intende approvata se il cliente non recede dal contratto entro sessanta giorni dalla ricezione della comunicazione. L eventuale recesso non può comportare spese per il cliente e si attua applicando, in sede di liquidazione del rapporto, le condizioni precedentemente praticate. Le variazioni contrattuali per le quali non siano state osservate tali prescrizioni sono inefficaci, se sfavorevoli per il cliente. Il diritto di recesso (art. 120-bis del T.U. bancario), peraltro, non costituisce uno strumento di tutela particolarmente efficace poiché, anche in presenza di variazioni sfavorevoli, prevale l interesse del cliente alla conservazione del contratto, soprattutto se relativo ad operazioni di finanziamento che, in caso di recesso, comporterebbero l immediato rimborso. b) Nei contratti di durata le banche devono fornire per iscritto o mediante altro supporto durevole preventivamente accettato dal cliente 40, alla scadenza del contratto, e comunque almeno una volta all anno, una comunicazione chiara in merito allo svolgimento del rapporto. In mancanza di opposizione scritta da parte del cliente, le comunicazioni si intendono approvate trascorsi sessanta giorni dal ricevimento (art. 119 del T.U. bancario). La comunicazione periodica è effettuata mediante invio o consegna di un rendiconto e del documento di sintesi delle principali condizioni economi- 39 Secondo il Ministero dello sviluppo economico le modifiche disciplinate dall art. 118 riguardano solo le fattispecie di variazioni previste dal contratto e quindi non possono comportare l introduzione di nuove clausole. L obbligo di comunicazione non si applica alle variazioni di tasso conseguenti a variazioni di specifici parametri prescelti dalle parti e la cui determinazione è sottratta alla loro volontà. 40 In ogni momento del rapporto il cliente ha il diritto di cambiare la tecnica di comunicazione utilizzata, salvo che ciò sia incompatibile con la natura dell operazione o del servizio. 16

17 che 41. Il rendiconto (estratto conto per i rapporti regolati in conto corrente) indica, anche mediante voci sintetiche di costo, tutte le movimentazioni, le somme a qualsiasi titolo addebitate o accreditate, il saldo debitore o creditore e ogni altra informazione rilevante per la comprensione dell andamento del rapporto. Il documento di sintesi aggiorna quello unito al contratto e riporta tutte le condizioni economiche in vigore, anche se non sono variate rispetto alla comunicazione precedente; in caso di variazione, le condizioni oggetto di modifica sono evidenziate graficamente. Il documento di sintesi inviato con il rendiconto relativo al periodo che si conclude il 31 dicembre riporta inoltre il numero complessivo delle variazioni intervenute nel corso dell anno. Le parti possono convenire che le comunicazioni periodiche siano omesse nei casi di rapporti che non registrano movimenti da oltre un anno e presentano un saldo creditore non superiore a euro. Le comunicazioni periodiche devono inoltre informare il cliente dell esistenza di procedure di legge o di autoregolamentazione che favoriscono la portabilità dei rapporti presso altro intermediario e rinviano alle Guide se previste per lo specifico rapporto cui la comunicazione si riferisce. Nei rapporti regolati in conto corrente, l estratto conto e il documento di sintesi sono inviati con periodicità annuale o, a scelta del cliente, con periodicità semestrale, trimestrale o mensile; negli estratti conto sono indicate le modalità di calcolo degli interessi. Il documento di sintesi relativo ai contratti di conto corrente conclusi con consumatori riporta inoltre l ISC pubblicizzato sul foglio informativo dello stesso conto messo a disposizione della clientela alla data dell invio del documento di sintesi 42. Per i clienti al dettaglio, l estratto conto al 31 dicembre riporta il riepilogo delle spese sostenute nell anno per la tenuta del conto corrente e per i servizi di gestione della liquidità e di pagamento 43 ; con separata evidenza sono indicati i costi sostenuti in relazione a eventuali affidamenti e sconfinamenti. In particolare, il riepilogo riporta il numero delle operazioni effettuate, distinte per categoria, comprende l ammontare complessivo delle spese addebitate e quello parziale relativo a ciascun servizio, richiama l attenzione del consumatore sulla possibilità di confrontare il totale delle spese sostenute con l ISC riportato nel documento di sintesi e lo invita a verificare se vi sono servizi più adatti alle sue esigenze Le parti possono stabilire una diversa periodicità per l invio o la consegna del rendiconto e del documento di sintesi. Inoltre, se hanno concordato l invio o la consegna, su base inferiore all anno, di documentazione idonea a soddisfare le esigenze informative proprie del rendiconto o estratto conto e del documento di sintesi, non è necessario l invio o la consegna di una comunicazione relativa all intero anno. 42 Cfr. l allegato 6 del provvedimento della Banca d Italia. 43 Si tratta delle spese relative ai seguenti servizi: conto corrente (versamenti, incassi, prelevamenti, scritture, comunicazioni, ecc.), carta di debito, carta di credito, bonifico, affidamento, assegno, domiciliazione utenze, e ogni altro servizio che è stato commercializzato unitamente al conto corrente. 44 Le banche devono riportare in modo chiaro, alla fine del riepilogo, la frase seguente: 17

18 Per i libretti di risparmio al portatore la banca mette a disposizione l estratto conto annuale e il documento di sintesi per trenta giorni a decorrere dal 1 gennaio di ciascun anno presso lo sportello in cui è intrattenuto il rapporto. Nei contratti di credito fondiario, le comunicazioni periodiche includono le modalità per l estinzione anticipata e l eventuale compenso onnicomprensivo. Per i contratti di deposito titoli a custodia e amministrazione, le parti possono convenire che la comunicazione sia omessa quando il valore nominale dei titoli non supera euro e non si registrano movimenti da oltre un anno. Entro il medesimo limite possono essere omesse le comunicazioni periodiche, anche in presenza di movimenti, se le informazioni richieste sono già contenute nelle comunicazioni riepilogative concernenti altri rapporti di durata (ad esempio, nell estratto conto per l accredito degli interessi). c) Il cliente, colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell amministrazione dei suoi beni, hanno diritto di ottenere, a proprie spese, entro un congruo termine e comunque non oltre novanta giorni, copia della documentazione inerente a singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni. La banca può addebitare al cliente solo i costi di produzione di tale documentazione. 6 Le modalità di calcolo degli interessi. Le norme sulla trasparenza disciplinano la produzione di interessi su interessi, cioè il calcolo degli interessi anatocistici 45. Le operazioni interessate sono: - le operazioni in conto corrente; - i finanziamenti con rimborso rateale; - le operazioni di raccolta. Nelle operazioni in conto corrente è ammessa la capitalizzazione infrannuale degli interessi, ma al cliente deve essere assicurata la stessa periodicità di capitalizzazione sia degli interessi attivi, sia di quelli passivi per ogni singolo conto; tale periodicità è liberamente concordata fra le parti. In caso di «Può confrontare il totale delle spese sostenute nell anno con i costi orientativi per i clienti tipo riportati nel riquadro Quanto costa il conto corrente del documento di sintesi allegato. Una differenza significativa può voler dire che questo conto forse oggi non è il più adatto alle sue esigenze; i motivi possono essere molti. In ogni caso, può andare in banca o su internet per verificare se ci sono offerte più convenienti per lei». 45 L art. 120, comma 2, del T.U. bancario attribuisce al CICR il compito di stabilire modalità e criteri per la produzione di interessi su interessi maturati nelle operazioni bancarie, prevedendo in ogni caso che nelle operazioni in conto corrente sia assicurata nei confronti della clientela la stessa periodicità nel conteggio degli interessi debitori e creditori. In attuazione di tale norma, il CICR ha emanato la deliberazione del 9 febbraio

19 chiusura del conto, se indicato nel contratto, sul saldo finale possono essere calcolati gli interessi, ma questi non possono essere capitalizzati. Nei finanziamenti con rimborso rateale, se indicato nel contratto, è possibile calcolare gli interessi di mora sulle rate scadute e non pagate e sull importo complessivamente dovuto qualora il mancato pagamento delle rate determini la risoluzione del contratto; tuttavia, tali interessi non possono essere capitalizzati. Quando il pagamento della rata o del debito residuo avviene mediante regolamento in conto corrente, si applicano le regole previste per le operazioni in conto corrente. Nelle operazioni che prevedono un periodo di pre-finanziamento è invece possibile capitalizzare gli interessi maturati alla scadenza di tale periodo poiché, se stabilito nel contratto, sono cumulabili all importo da rimborsare secondo il piano di ammortamento. Anche nelle operazioni di raccolta è consentita la capitalizzazione infrannuale degli interessi a favore del cliente, secondo modalità e criteri che devono essere indicati nel contratto. Va infine rilevato che le clausole relative alla produzione di interessi sugli interessi maturati contenute nei contratti stipulati anteriormente alla data di entrata in vigore della deliberazione del CICR (22 aprile 2000) sono valide ed efficaci fino a tale data e devono essere adeguate dopo di essa 46. Per comprendere gli effetti economici della capitalizzazione degli interessi si consideri un conto corrente, aperto da due anni, nel quale gli interessi sono stati capitalizzati trimestralmente. I dati sugli interessi addebitati e sui tassi applicati, indicati negli estratti conto, sono riportati in Tab Tale norma, introdotta con l art. 25, comma 3, del d.lgs. n. 342/1999, intendeva risolvere il problema sorto in seguito ad alcune sentenze della Corte di Cassazione (n. 2374, n e n del 1999) che stabilivano la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi, in quanto basata su un uso negoziale e non normativo, e perciò incompatibile con l art del codice civile che ammette l anatocismo, in mancanza di usi contrari, solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione successiva alla scadenza degli interessi, e sempre che siano dovuti almeno per sei mesi. La conseguenza di tali sentenze è che la dichiarazione di nullità determina la retroattività degli effetti delle sentenze stesse, con il rischio, per le banche, di dover restituire i maggiori interessi addebitati ai clienti. La Corte costituzionale (sentenza n. 425 del 2000) ha però sancito l incostituzionalità della norma in esame, per cui l intento del legislatore di bloccare la retroattività della dichiarazione di nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi risulta compromesso. A ciò si aggiunga l ulteriore sentenza (n del 2004) con cui la Cassazione ha dichiarato invalide anche le clausole anatocistiche anteriori al 22 aprile 2000, consentendo così l avvio delle richieste di restituzione dei maggiori interessi pagati dai correntisti. Tali richieste, peraltro, devono essere attentamente valutate in termini di convenienza: prima di procedere nei confronti della banca è infatti necessario effettuare una stima delle somme recuperabili a fronte dei costi (assistenza legale, perizie tecniche, ecc.) e dei tempi delle procedure giudiziarie. 19

20 Tabella 3: Interessi maturati e tassi di nteresse trimestrali anno 1 i% anno 2 i% trim , ,5 trim , ,0 trim , ,0 trim , ,5 A questo punto è possibile calcolare gli interessi anatocistici: Tabella 4: Calcolo degli interessi anatocistici ( , 0 91gg)/ ( , 5 92gg)/ ( , 0 92gg)/ Int. su int. (trim. 1, ) ( , 5 92gg)/ ( , 0 92gg)/ Int. su int. (trim. 2, ) ( , 0 92gg)/ Int. su int. (trim. 3, ) Interessi anatocistici, anno 1 ( , 0 91gg)/ ( , 0 92gg)/ ( , 5 92gg)/ Int. su int. (trim. 1, ) ( , 0 92gg)/ ( , 5 92gg)/ Int. su int. (trim. 2, ) ( , 5 92gg)/ Int. su int. (trim. 3, ) ( , 5 90gg)/ ( , 0 91gg)/ ( , 0 92gg)/ ( , 5 92gg)/ Int. su interessi anatocistici, anno Interessi anatocistici, anno Interessi anatocistici totali L importo ottenuto misura i maggiori interessi addebitati nel conto corrente a causa della capitalizzazione trimestrale. In questo caso gli interessi anatocistici rappresentano il 3,2% degli interessi totali del biennio (5.988 su ). Per quanto riguarda gli effetti economici della norma che prevede la stessa periodicità di capitalizzazione degli interessi attivi e passivi, va detto che è sempre conveniente per il cliente il passaggio dalla capitalizzazione trimestrale degli interessi attivi e annuale degli interessi passivi alla capitalizzazione trimestrale o annuale degli interessi attivi e passivi, poiché diminuisce la differenza fra tasso attivo e tasso passivo (spread). Si consideri, a tale proposito, il seguente esempio, nel quale i tassi effettivi sono calcolati con la capitalizzazione composta: 20

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 67 DOSSIER/7 SETTEMBRE 2010 L E M O D I F I C H E A I C O D I C I L Italia si allinea alle regole di tutela europee sui finanziamenti

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE 2015 Milano - Via Caldera, 21 - Telefono 02 7212.1 - Fax 02 7212.74 - www.compass.it - Capitale euro 0086450159; Iscritta all Albo degli Intermediari Finanziari e all Albo degli Istituti di Moneta Elettronica

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli