COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino"

Transcript

1 COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino SETTORE 3 - INFRASTRUTTURE TECNICHE ED URBANISTICHE U.O. Gestione e Manutenzione Patrimonio CAPITOLATO D ONERI All. B UTILIZZO PATRIMONIO BOSCHIVO COMUNE DI CAGLI CAPO I Ubicazione, descrizione del lotto e criteri di utilizzazione Articolo 1 L ubicazione dei lotti oggetto di vendita è la seguente: 1. Località: Monte Petrano lotti Località Ponte Alto Lotto 3-4 Articolo 2 Caratteristiche del Lotto n.1: 1. Composizione: Cedui invecchiato da avviare all Alto fusto e secondo intervento su Alto Fusto di Faggio (In prevalenza). 2. Superficie netta da tagliare: Ha 22,50 3. Quantità lorda di legna commerciale ritraibile desunta dal P.d.G.: q.li ,72 Caratteristiche del Lotto n.2: 1. Composizione: Cedui invecchiato da avviare all Alto fusto e secondo intervento su Alto Fusto di Faggio (In prevalenza). 2. Superficie netta da tagliare: Ha 23,60 3. Quantità lorda di legna commerciale ritraibile desunta dal P.d.G.: q.li ,40 Caratteristiche del Lotto n.3: Composizione: Ceduo con prevalenza lecci. 2. Superficie netta da tagliare: Ha 22,13 3. Quantità lorda di legna commerciale ritraibile desunta dal P.d.G.: q.li ,56 Caratteristiche del Lotto n.4: Composizione: Ceduo con prevalenza lecci 2. Superficie netta da tagliare: Ha 18,26 3. Quantità lorda di legna commerciale ritraibile desunta dal P.d.G.: q.li ,07 Caratteristiche del Lotto n.5: Composizione: Ceduo con prevalenza roverella carpino acero e secondo intervento su alto fusto 2. Superficie netta da tagliare: Ha 6,45 3. Quantità lorda di legna commerciale ritraibile desunta dal P.d.G.: q.li 4.434,34 Art.3 Tipologia di intervento: diradamento e conversione a fustaia. 1- In merito alla tipologia di bosco presente, delle condizioni stazionali (fertilità, pendenza, esposizione, giacitura, ecc.) e gli indirizzi gestionali forniti dagli strumenti di pianificazione sovraordinati, dai vincoli normativi generali e di settore, e tenuto conto degli obiettivi posti dalla Giunta Comunale, si è proceduto, come richiesto, all individuazione di massima della tipologia di intervento selvicolturale più idoneo per i boschi in oggetto. 1

2 L individuazione più di dettaglio dei parametri tecnici (con particolare riferimento al numero degli alberi, suddivisi per specie legnosa, pre e post intervento e la ripresa) volti alla definizione quali-quantitativa dell intervento è stata eseguita con rilievi dendrometrici specifici. Esclusa la ceduazione in quanto non consentita e, considerato l invecchiamento dei boschi, ci si deve indirizzare verso il governo all altofusto, con trattamento a tagli successivi a gruppi o strisce. La PMPF ha infatti classificato come cedui invecchiati, in generale non più governabili come tali, le faggete oltre i 40 anni ed i soprassuoli di altre specie oltre i 30 anni, a fronte di turni consuetudinari di anni. Tale provvedimento è generalmente opportuno per il faggio che, affrancandosi, perde presto la facoltà pollonifera, costituendo spontaneamente fustaie da polloni, in quanto specie molto stabile. E stata esclusa la conversione all altofusto per via naturale in quanto i tempi e le dinamiche della successione naturale sono incompatibili con la necessità di ottenere un utile economico dall intervento. Ci si indirizza così verso la conversione con interventi guidati consistenti in un insieme di diradamenti i quali possono interessare anche soggetti già affrancati o di origine gamica. Gli approcci operativi per la conversione guidata possono essere i seguenti: Tenuto conto che le condizioni di fertilità della stazione sono medie, il soprassuolo attuale è dotato di un congruo numero di alberi sufficientemente stabili e in buone condizioni vegetative, si può operare una conversione attiva a scopo polifunzionale. E opportuno operare un taglio di avviamento con selezione massale dei polloni, rilasciando generalmente uno o due allievi per ceppaia nei popolamenti con ceppaie non eccessivamente rade ed espanse e buona distribuzione degli alberi sulla superficie. Devono essere privilegiati i soggetti più vigorosi delle specie più competitive nei riguardi dei parametri stazionali, indipendentemente dalle qualità tecnologiche del fusto; anche alcune delle vecchie matricine potranno essere utilmente conservate per assicurare la produzione di seme e rendere più articolata la struttura. 2-Nel lotto il taglio deve interessare tutta la superficie; è vietato il taglio cosiddetto a saltamacchione ed ogni altra forma di taglio volta al prelievo dei soli assortimenti commerciali o solo di alcuni di essi; è fatto pertanto obbligo di procedere al taglio con uniformità. 3-La Ditta aggiudicataria è obbligata al rispetto dell autorizzazione rilasciata dal Servizio SADAF per il taglio della legna nei lotti sopra indicati. 4-Durante l utilizzazione non devono essere abbandonati rifiuti sull area di taglio, provvedendo al loro tempestivo e regolare smaltimento entro la giornata di lavoro. 5-Le ramaglie e gli altri residui di lavorazione, al fine di evitare eventuali danni causati ai ricacci dalla fauna selvatica, devono essere sistemati a protezione delle ceppaie tagliate, specie per quelle di Roverella e Cerro, più esposte a detta tipologia di danno. 6-Le ramaglie e gli altri residui di lavorazione devono essere collocati a distanza superiore a mt. 20 dalla viabilità esistente, da viali, fasce parafuoco e al di fuori dell alveo di massima piena di fiumi, fossi, torrenti etc. 7-Modalità di esbosco: come previsto dalla vigenti P.M.P.F., è consentito il transito dei trattori lungo varchi naturali per il concentramento e l esbosco, sempre che ciò non arrechi danni al soprassuolo, distruzione del cotico e movimenti terra. L'esbosco del materiale dovrà essere effettuato entro 15 (quindici) giorni dal termine della stagione silvana che, secondo l altitudine è stabilita al 15 aprile salvo proroghe, ed avvenire su viabilità e tracciati esistenti. Le vie di smacchio all'interno del lotto dovranno essere concordate con il personale di vigilanza, onde evitare danneggiamenti al soprassuolo. Durante l'utilizzazione deve essere salvaguardata la presenza di eventuali manufatti abbeveratoi, fontanili, muretti a secco ecc. e non devono essere abbandonati rifiuti sull'area di taglio o limitrofe, provvedendo al loro tempestivo e regolare smaltimento entro la giornata di lavoro. CAPO II Norme generali, consegna e inizio lavori. Articolo 4 1-La vendita avviene a corpo per ogni singolo lotto, a tutto rischio, vantaggio o danno della Ditta aggiudicataria. La.Ditta provvede a proprie spese e cura ad eseguire il taglio, l'allestimento, l'esbosco ed il trasporto del legname, nonchè tutti gli eventuali lavori che si rendessero necessari a tal fine, senza che per ciò egli possa pretendere indennità o compensi di sorta per qualsiasi causa, anche di forza maggiore. 2- La Ditta non potrà mai pretendere diminuzione alcuna di prezzo per qualsiasi ragione. La vendita del legname viene eseguita a piante in piedi e per la quantità presunta dal Piano di Assestamento Forestale. La Ditta accetta la quantità e qualità di legname risultante dal taglio anche se diverse da quelle stimate e poste a base d asta, senza sollevare eccezioni o pretendere indennizzi di sorta. 3- La Ditta è invitata a prendere in consegna il lotto, con comunicazione da effettuarsi a mezzo Fax e/o raccomandata A.R. ovvero a mezzo p.e.c., nel giorno e nel luogo ivi indicato entro 30 giorni dalla firma del contratto. La consegna è effettuata da un tecnico indicato dal comune ed alla presenza di un rappresentante della Ditta. Dell avvenuta consegna è redatto verbale controfirmato dagli intervenuti, nel quale è dato atto dei termini e segnali che fissano l estensione del lotto, delle strade di smacchio, degli imposti in cui accumulare il legname e delle vie di trasporto del legname; la Ditta deve altresì presentare prima dell inizio dei lavori il previsto Piano della Sicurezza in conformità a quanto previsto dal l Dlgs 81/2008 e ss.mm. e ii.. 2

3 4- Qualora la Ditta si rifiuti di sottoscrivere il predetto verbale, ovvero non si presenti ad assumere la consegna trascorsi quarantacinque giorni dalla data di ricevimento della comunicazione di cui al comma 3 del presente articolo, il Comune potrà risolvere contratto e richiedere il risarcimento dei danni. Articolo 5 1-La Ditta deve indicare al Comune il giorno in cui si inizieranno le operazioni nel bosco. Articolo 6 1-La Ditta non può cedere ad altro, né in tutto né in parte, il presente contratto. La inosservanza di tale obbligo comporterà la risoluzione del contratto. Articolo 7 1-In caso di morte, fallimento o di altro impedimento della Ditta e comunque nel caso che l esbosco del materiale non si possa attuare per comprovati motivi di forza maggiore, il Comune ha facoltà di recedere dal contratto. CAPO III Prescrizioni tecniche e norme forestali. Articolo 8 1-La Ditta nelle operazioni di taglio, allestimento, esbosco e trasporto della legna è obbligato alla piena osservanza sia delle norme stabilite nel presente capitolato, che delle Prescrizioni di Massima e Norme di Polizia Forestale, che ancora dei regolamenti e delle Leggi Forestali in vigore. Articolo 9 1-La rete viaria di accesso viene consegnata nelle condizioni in cui si trova; è cura del concessionario apportare, a proprie spese, le migliorie che sono necessarie in relazione alla propria specifica organizzazione di lavoro. In ogni caso le strade non possono essere riconsegnate in condizioni peggiori di quelle originarie. 2- Per eventuali tratti di strade vicinali la conservazione deve essere concordata con i proprietari frontisti interessati. Articolo 10 1-L esbosco dei prodotti legnosi deve avvenire evitando di arrecare danni alle piante, riconguagliando il terreno smosso e realizzando idonei sciacqui per lo smaltimento delle acque piovane. 2-L esbosco con mezzi meccanici deve essere sospeso qualora in conseguenza di intense precipitazioni il passaggio ripetuto dei mezzi provochi la formazione di solchi profondi nel terreno. Articolo 11 1-Gli imposti da utilizzare sono indicati in occasione della consegna del lotto. Articolo 12 1-L apertura di nuove piste ed imposti ed il ripristino dei vecchi tracciati di esbosco potrà avvenire a cura e spese dell impresa e solo previa autorizzazione da parte del Comune il quale si avvarrà della autorizzazione e parere del SADAF e degli Enti competenti. Articolo 13 1-E proibito alla Ditta aggiudicataria del lotto boschivo introdurvi materiale proveniente da altre lavorazioni e lasciare pascolare animali da tiro od altri. 2-Gli animali da soma o da tiro eventualmente utilizzati per l esbosco devono essere sistemati nelle ore di riposo in aree idonee indicate dai tecnici o dal personale di vigilanza del Comune previo parere o autorizzazione del SADAF. 3-L area adibita a ricovero deve essere recintata a cura e a spese della Ditta aggiudicataria al fine di evitare che gli animali possano arrecare danni ai soprassuoli e alle colture contermini. Articolo 14 1-La Ditta non può costruire nel bosco tettoie, capanne ed altri manufatti senza espressa autorizzazione del Comune aggiudicante e degli altri Enti tutori. Articolo 15 1-La Ditta è obbligata: 3

4 a) a tenere sgomberi i passaggi e le vie nelle aree oggetto di intervento, in modo che vi si possa transitare liberamente; b)a riparare o a ripristinare le vie, i ponti, i ponticelli, i termini, le barriere, le siepi, i fossi, le recinzioni, le strutture demaniali, etc. danneggiati o distrutti e qualunque altro guasto arrecato al bosco anche circostante nel taglio e nel trasporto del legname; c)a sistemare l area interessata ai lavori, le piste di esbosco e gli imposti realizzati nonché la rete viaria utilizzata secondo quanto disposto nel presente capitolato. CAPO IV Rilevamento danni e penali. Articolo 16 1-Durante le operazioni di taglio ed esbosco il personale incaricato dal Comune procede ad effettuare visite di vigilanza e controllo sul corretto andamento dei lavori, rilevando anche eventuali danni arrecati al bosco. Compiti di vigilanza possono inoltre essere svolti dal personale del Corpo Forestale dello Stato. 2-La Ditta aggiudicataria deve essere preventivamente informata dell espletamento dei controlli; qualora il rappresentante della Ditta o un suo incaricato non si presenti nella data e luogo fissato per il rilievo si procede in sua assenza. 3-Al termine di ogni visita è redatto un verbale dal Responsabile del Servizio Gestione e Manutenzione Patrimonio o suo delegato, 4-In caso di rilevamento danni il verbale di accertamento è tempestivamente notificato alla ditta aggiudicataria. 5-L insieme dei suddetti verbali sono rimessi al tecnico incaricato dell accertamento finale per il conteggio delle penalità da addebitare alla Ditta aggiudicataria. 6-Delle infrazioni alle leggi e regolamenti in vigore è data comunicazione all Autorità forestale per i provvedimenti di competenza. Articolo 17 1-Qualora le operazioni di utilizzazione non si svolgano in conformità alle prescrizioni del presente capitolato e/o della normativa forestale vigente, il personale del Comune, notifica alla Ditta aggiudicataria, anche direttamente al personale presente sul posto, il verbale di controllo nel quale viene indicato il termine concesso per l esecuzione degli interventi atti a ricondurre l utilizzazione nei limiti di conformità. 2-Il Comune si riserva la facoltà di sospendere, a mezzo fax o con lettera raccomandata AR alla Ditta, le operazioni di taglio ed esbosco della legna qualora, malgrado gli avvertimenti e le indicazioni del personale di vigilanza addetto, questi persista nell utilizzazione del bosco in difformità alle condizioni stabilite nel presente capitolato e nelle vigenti disposizioni di Legge in materia forestale. 3-L utilizzazione non può essere ripresa fino a quando la Ditta non abbia provveduto ove del caso, al ripristino della situazione preesistente e al pagamento dei danni arrecati, come da stima provvisoria dei tecnici incaricati, eventualmente eccedenti il deposito cauzionale costituito, salva restando la loro determinazione definitiva in sede di accertamento finale. 4-Qualora dalla continuazione dell utilizzazione in difformità a quanto stabilito dalle norme contrattuali e dalle vigenti disposizioni di legge in materia, possa derivare danni tali da alterare permanentemente lo stato dei luoghi e/o la consistenza boschiva del lotto, la sospensione è disposta direttamente dal personale di vigilanza del Comune nei confronti dei dipendenti della Ditta esecutrice presenti in loco. In tal caso il Comune di Cagli, ha la facoltà di risolvere il contratto con possibilità di chiedere il risarcimento danni. Articolo 18 1-La Ditta è esclusìva responsabile di tutti i danni, da chiunque e contro chiunque commessi ( persone animali e cose) che si dovessero verificare nel lotto assegnato e nelle aree attraversate per l esbosco ed il trasporto, esonerando sin da ora e tenendo indenne il Comune da qualsiasi azione e responsabilità al riguardo. A tal fine dovrà essere presentata apposita polizza assicurativa con massimale non inferiore ad Euro ,00. Articolo 19 1-Per ogni matricina o pianta rilasciata per l invecchiamento indefinito o per il valore naturalistico che sia stroncata o danneggiata dalla Ditta o dai suoi dipendenti nelle operazioni di esbosco, in modo così grave da obbligarne l abbattimento, la Ditta stessa dovrà pagare al Comune il doppio del suo valore di macchiatico da determinarsi sulla base del prezzo di mercato all atto dell accertamento finale ad insindacabile giudizio del collaudatore, salve in ogni caso, le sanzioni penali previste. 2-Parimenti fatta salva l applicazione delle sanzioni previste dalla vigente normativa: - in caso di sconfinamenti su lotti non oggetto di utilizzo ed appartenenti al Comune, la Ditta corrisponderà, a titolo di penale, al Comune il doppio del valore a q.le di aggiudicazione moltiplicato per il numero di quintali oggetto di taglio e verificato con apposito verbale da parte del personale del Comune medesimo; - per ogni ceppaia che venisse danneggiata sarà applicata una penale di 10,00 a favore di questo Ente, oltre alle sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente; 4

5 - per ogni ara o frazione di ara di novellame distrutto o danneggiato e per ogni ara o frazione di ara in cui la rinnovazione agamica risulterà danneggiata, oltre alle sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente, sarà applicata una penale di 15,00; - per ogni ettometro di via aperta o ampliata senza autorizzazione sarà applicata una penale di 150,00; - per ogni imposto o deposito di legname realizzato o costituito senza l autorizzazione preventiva di questo Ente sarà applicata una penale di 50,00. -Restano salve le sanzioni previste dalla normativa vigente. Articolo 20 1-La ditta sarà esclusiva responsabile venissero formati su altrui proprietà. per eventuali sconfinamenti del taglio, passaggi o piazze di deposito che Articolo 21 1-Qualora la Ditta non adempia a quanto previsto dall art. 16 lettere b) e c) l Amministrazione potrà effettuare le riparazioni e i ripristini in proprio, rivalendosi sulla Ditta, fatta salva comunque la facoltà del Comune di procedere alla risoluzione del contratto. Articolo 22 1-La valutazione dei danni derivanti dalle infrazioni alle clausole e condizioni del presente disciplinare che non sia stata prevista negli articoli precedenti è fatta dal tecnico incaricato al momento dell accertamento finale. CAPO V Termine lavori e accertamento finale. Articolo 23 1-Il termine delle operazioni di taglio, esbosco e prelievo del legname dagli imposti è fissato nel contratto. I suddetti termini possono essere sospesi, con atto scritto, per giustificate ed inderogabili esigenze da sottoporre alla valutazione e giudizio del Comune. Articolo 24 1-Il legname e la legna non sgomberati entro i termini previsti dal contratto, divengono di proprietà del Comune, rimanendo pur sempre la Ditta responsabile di ogni spesa e conseguenza per il mancato sgombero e di quant altro possa verificarsi in conseguenza di tale inosservanza. Articolo 25 1-L accertamento finale sarà eseguito tramite sopralluogo congiunto della Ditta e del tecnico incaricato dal Comune entro 30 giorni dalla data di chiusura dell utilizzazione. 2-La Ditta, sarà invitata ad intervenire all accertamento ed in caso di mancato intervento l accertamento sarà eseguito in sua assenza. 3-Sulla base dei verbali di accertamento danni precedentemente redatti e delle risultanze del sopralluogo di cui sopra, il tecnico incaricato provvederà a conteggiare l ammontare a carico della Ditta a titolo di penalità, risarcimento danni e oneri di ripristino. 4-Di tale accertamento è redatto apposito verbale da sottoscriversi dai presenti. Articolo 26 1-Avvenuto l accertamento finale e redatto il relativo verbale, il lotto oggetto delle operazioni di esbosco viene riconsegnato al Comune. 2-Con la firma del verbale la Ditta rinuncia a qualsiasi diritto, azione o ragione verso il Comune per motivi comunque attinenti al contratto e/o conseguenti. Articolo 27 1-Per quanto non previsto dal capitolato d oneri e nel contratto valgono le norme di Legge vigenti. Cagli.lì IL RESPONSABILE DEL SEVIZIO Gestione e Manutenzione Patrimonio Geom. Stefano Sabbatini 5

6 6

Comune di Oristano. Provincia di Oristano CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA DI EUCALIPTO DA PRELEVARE

Comune di Oristano. Provincia di Oristano CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA DI EUCALIPTO DA PRELEVARE Comune di Oristano Provincia di Oristano CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA DI EUCALIPTO DA PRELEVARE ALL INTERNO DEL PERIMETRO DELL AREA DI PROPRIETA COMUNALE SITA IN LOCALITA PABARILE REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA IN PIEDI DEL COMUNE DI CAGLI, COMUNE DI, LOCALITÀ.. (PU).

CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA IN PIEDI DEL COMUNE DI CAGLI, COMUNE DI, LOCALITÀ.. (PU). CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA IN PIEDI DEL COMUNE DI CAGLI, COMUNE DI, LOCALITÀ.. (PU). N Rep.. L anno.. In attuazione della determina generale del Responsabile del Servizio N... del Innanzi a me Dr.ssa..

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA CAPITOLATO GENERALE D ONERI

CITTÀ DI POTENZA CAPITOLATO GENERALE D ONERI CITTÀ DI POTENZA CAPITOLATO GENERALE D ONERI Vendita e utilizzazione del materiale legnoso assegnato al taglio in località Pallareta nel lotto denominato AREA SPERIMENTALE di proprietà del Comune di Potenza

Dettagli

CAPITOLATO D O ERI IL PROGETTISTA. Dr. Agr. Antonio LAROSA PROGETTO DI TAGLIO E STIMA DEL LOTTO BOSCHIVO DI LECCIO SITO IN LOCALITÀ ZIMBI 1 LOTTO

CAPITOLATO D O ERI IL PROGETTISTA. Dr. Agr. Antonio LAROSA PROGETTO DI TAGLIO E STIMA DEL LOTTO BOSCHIVO DI LECCIO SITO IN LOCALITÀ ZIMBI 1 LOTTO AZIENDA FORESTALE DELLA REGIONE CALABRIA CATANZARO DIREZIONE GENERALE SETTORE FORESTE Via Vinicio Cortese N 2 88100 Catanzaro Tel. 0961507463/65 Fax 0961507421 e.mail: serviziotecnicoafor@libero.it CAPITOLATO

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 31 dicembre 2002 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto

Capitolato Speciale di Appalto Capitolato Speciale di Appalto Affidamento del servizio di progettazione ed esecuzione di una campagna di comunicazione attraverso la messa in onda, presso le principali emittenti del Veneto, di un programma

Dettagli

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 Allegato D8 PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 La Provincia di Pisa intende affidare in concessione

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

Quadro A - Proprietario o Azienda

Quadro A - Proprietario o Azienda DICH-P Pagina 1 di 9 Settore Programmazione Forestale Quadro A - Proprietario o Azienda Sez. 00 - Documenti accessori Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (barrare solo una casella) Settore Forestale Dichiarazione

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FORNITURA DI: GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E L OSPEDALE DI CONSELVE

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

1. ENTE APPALTANTE: Comune di Rignano Flaminio; tel. 0761/597924 fax 0761/597952 - e-mail: areaamministrativa@comune.rignanoflaminio.rm.

1. ENTE APPALTANTE: Comune di Rignano Flaminio; tel. 0761/597924 fax 0761/597952 - e-mail: areaamministrativa@comune.rignanoflaminio.rm. Prot. n. 15787 del 12.08.2014 AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO P.B. RASI DI PROPRIETA COMUNALE COMPOSTO DA CAMPO DA CALCIO REGOLAMENTARE E PISTA DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 55030669B7

CAPITOLATO SPECIALE CIG 55030669B7 All. B CAPITOLATO SPECIALE Oggetto: Fornitura di carburante per autotrazione per i mezzi di proprietà del Comune di Gubbio mediante utilizzo di carta magnetica fuel card CIG 55030669B7 ART 1 - OGGETTO

Dettagli

OGGETTO: SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E L ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE

OGGETTO: SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E L ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE XIV Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa.it OGGETTO:

Dettagli

ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE

ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE, VERDE E PARCHI SETTORE PARCHI E VERDE ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA MANUTENZIONE E LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE Art. 1 AMMISSIONE ALLA FIERA Possono essere ammessi come espositori: a) Le aziende italiane ed estere

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Servizio per la fornitura di prestazioni di radioterapia su pazienti in trattamento presso l Istituto Oncologico Veneto. * * * * * * CIG N.1136442D97

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali SCHEMA Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali CORPO FORESTALE DELLO STATO Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Pistoia Rep. n ATTO DI CONCESSIONE tra il Mi.P.A.A.F - C.F.S. -

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

COMUNE DI BERZO INFERIORE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI BERZO INFERIORE PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione consiliare n. 23 del 26/09/2013 COMUNE DI BERZO INFERIORE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L USO E LA MANUTENZIONE DI CASCINE MONTANE, NONCHE USO CIVICO DEI PASCOLI DEMANIALI

Dettagli

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI AREE ALL INTERNO DELLA MINICAVA

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI AREE ALL INTERNO DELLA MINICAVA COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI AREE ALL INTERNO DELLA MINICAVA Deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/01/2014, esecutiva, avente ad oggetto

Dettagli

CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT

CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT S.p.A. CONTRATTO tra Milanosport S.p.A., con sede in Milano,

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

SOMMA DISPONIBILE 24.590,16 OLTRE I.V.A. ART. 1) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

SOMMA DISPONIBILE 24.590,16 OLTRE I.V.A. ART. 1) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO COMUNE DI PALERMO Area AMMIN ISTRATIVA DELLA R IQUALIF ICAZIONE URBANA E DELLE INFRASTRUTTURE Ufficio Contratti ed Approvvigionamenti Via Roma, 209 90133 Palermo T e l. 0 9 1 7 4 0 3 5 9 2 - m a i l :

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. 81/2008 ART. 1. OGGETTO DEL SERVIZIO L incarico comporta lo svolgimento di

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco.

Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco. GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE C.I.G. 60347701BF CAPITOLATO SPECIALE Responsabile Unico del Procedimento Ing. Gianfranco Marcelli 1 INDICE Art. 1 Glossario Art. 2 Oggetto dell Appalto

Dettagli

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali TESTO PER AUDIZIONI PdL n. 30 - LEGGE FORESTALE REGIONALE TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1 - Principi e finalità. 1. La Regione del Veneto, in conformità ai principi della gestione forestale sostenibile

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL INCARICO

ART. 1 OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DAL 01/06/2015 AL 31/05/2019 CIG.ZC613BE677 1 ART. 1 OGGETTO DELL INCARICO L incarico ha per oggetto lo svolgimento del Servizio di Brokeraggio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste Capitolato lotto 3 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste COPERTURA ASSICURATIVA DELLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE DEL PROGETTISTA E DEL VERIFICATORE INTERNI (copertura

Dettagli

COMUNE DI CASIER CAPITOLATO D ONERI. per il servizio di noleggio full service di macchine fotocopiatrici digitali per gli Uffici comunali

COMUNE DI CASIER CAPITOLATO D ONERI. per il servizio di noleggio full service di macchine fotocopiatrici digitali per gli Uffici comunali COMUNE DI CAER CAPITOLATO D ONERI per il servizio di noleggio full service di macchine fotocopiatrici digitali per gli Uffici comunali Art. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto il noleggio full-service

Dettagli

Rep. n.. del. / Prot. n. del. - l Agenzia del Demanio Direzione Regionale Emilia-Romagna, nella persona di ---

Rep. n.. del. / Prot. n. del. - l Agenzia del Demanio Direzione Regionale Emilia-Romagna, nella persona di --- All. 2 CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO DIVERSO DALL ABITATIVO (D.P.R. 296 del 13/09/2005) Rep. n.. del. / Prot. n. del L anno duemilatredici il giorno del mese di, in Bologna, Piazza Malpighi

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA . REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI INFERMIERISTICI PRESSO LA CASA DI RECLUSIONE E LA CASA CIRCONDARIALE DI PADOVA. * * * * * * CAPITOLATO D ONERI

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali

Dettagli

Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la fornitura dei seguenti servizi per gli anni 2007/2009: - manovalanza operai - prestazione

Dettagli

Allegato C COMUNE DI PISA

Allegato C COMUNE DI PISA Allegato C COMUNE DI PISA CAPITOLATO D'ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI A MESSAGGIO VARIABILE O MAXISCHERMI SU AREE DI PROPRIETA DEL COMUNE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la

Dettagli

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive

Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive ALLEGATO A Modalità di iscrizione e tenuta dell Albo regionale della imprese boschive PREMESSA L Albo regionale delle imprese boschive, istituito con la delibera di giunta regionale 12 novembre 2008, n.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. n.7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI.

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI. COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI. Durata dall aggiudicazione dell appalto fino al 31/12/2014 INDICE Pagina. TITOLO

Dettagli

COMUNE DI GABIANO Piazza Europa n 4 15020 GABIANO Telf. 0142-945001 Fax 0142-945622 gabiano@ruparpiemonte.it

COMUNE DI GABIANO Piazza Europa n 4 15020 GABIANO Telf. 0142-945001 Fax 0142-945622 gabiano@ruparpiemonte.it COMUNE DI GABIANO Piazza Europa n 4 15020 GABIANO Telf. 0142-945001 Fax 0142-945622 gabiano@ruparpiemonte.it ********** AVVISO D ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA A CORPO DI CIRCA 500 Q.LI DI LEGNAME VARIO

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO:

INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO: la progettazione definitiva, progettazione esecutiva ed il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dei lavori aventi ad oggetto: a) il risanamento

Dettagli

Servizio Contratti e Appalti

Servizio Contratti e Appalti 1 SETTORE AFFARI GENERALI Servizio Contratti e Appalti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DURATA TRIENNALE 2 INDICE INDICE 2 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877

89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 GARA INFORMALE PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA DITTA CUI AFFIDARE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI UROLOGICI PER L U.O. UROLOGIA E PER L U.O. CHIRURGIA PEDIATRICA Atti 1517/2006 all.10 $%&' I N D I C E Art. 1 Oggetto del capitolato Art. 2 Durata

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

COMUNE DI PAULARO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI.

COMUNE DI PAULARO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI. COMUNE DI PAULARO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 29/06/2007 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 28/05/2009 REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di manutenzione programmata e straordinaria

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLA. Provincia di Bergamo. Oggetto: SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA ED ESECUZIONE

COMUNE DI FONTANELLA. Provincia di Bergamo. Oggetto: SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA ED ESECUZIONE Allegato 7 determinazione n. 68 del 04/05/2012 COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo Oggetto: SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA ED ESECUZIONE DEL SISTEMA DI VIDEO-SORVEGLIANZA REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Settore Amministrativo. U.O. Provveditorato Economato. Capitolato speciale di appalto per:

Settore Amministrativo. U.O. Provveditorato Economato. Capitolato speciale di appalto per: Settore Amministrativo U.O. Provveditorato Economato Capitolato speciale di appalto per: affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo in favore di ARPA Lombardia, per la durata di 36 (trentasei)

Dettagli

Capitolato Amministrativo

Capitolato Amministrativo ALLEGATO C Capitolato Amministrativo Relativo al bando di gara per l affidamento del Servizio di realizzazione, personalizzazione, erogazione, monitoraggio e rendicontazione dei voucher sociali del valore

Dettagli

Articolo. 1 Oggetto del servizio... 2. Articolo. 2 Requisiti... 3. Articolo. 3 Videoterminali 3. Articolo. 4 Esami clinici e biologici...

Articolo. 1 Oggetto del servizio... 2. Articolo. 2 Requisiti... 3. Articolo. 3 Videoterminali 3. Articolo. 4 Esami clinici e biologici... Articolo. 1 Oggetto del servizio... 2 Articolo. 2 Requisiti.... 3 Articolo. 3 Videoterminali 3 Articolo. 4 Esami clinici e biologici... 3 Articolo. 5 Rapporto con i lavoratori.... 3 Articolo. 6 Cause di

Dettagli

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova C O M U N E D I V I A D A N A Provincia di Mantova AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONCESSIONE DEI LOCALI POSTI IN VIA AL PONTE NEI PRESSI DEL CENTRO SPORTIVO COMUNALE PER LA

Dettagli

Atto pubblico amministrativo REPUBBLICA ITALIANA UNIONE DEI COMUNI DI BUJA E TREPPO GRANDE PROVINCIA DI UDINE FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA NEI

Atto pubblico amministrativo REPUBBLICA ITALIANA UNIONE DEI COMUNI DI BUJA E TREPPO GRANDE PROVINCIA DI UDINE FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA NEI Rep. N. Atto pubblico amministrativo REPUBBLICA ITALIANA UNIONE DEI COMUNI DI BUJA E TREPPO GRANDE PROVINCIA DI UDINE FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA NEI COMUNI DI BUJA E TREPPO GRANDE L'anno duemilaquindici,

Dettagli

COMUNE DI. Capitolato d Oneri per la Fornitura di contatori di energia elettrica BT monofase e trifase

COMUNE DI. Capitolato d Oneri per la Fornitura di contatori di energia elettrica BT monofase e trifase COMUNE DI FRANCAVILLA DI SICILIA P R O V I N C I A D I M E S S I N A Ente del Parco Fluviale dell Alcantara Area Tecnica Lavori Pubblici Servizio Idroelettrico Piazza Annunziata n. 3 98034 Francavilla

Dettagli

C o m u n e d i L u v i n a t e

C o m u n e d i L u v i n a t e C o m u n e d i L u v i n a t e PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di rimozione della neve e di spargimento di

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI ---------------------- ART. 1 Oggetto del servizo

CAPITOLATO D ONERI ---------------------- ART. 1 Oggetto del servizo ALL. A PROCEDURA DI AFFIDAMENTO IN ECONOMIA, MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO, DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA DEI LOCALI DELLA SEDE DEL GABINETTO G.P. VIEUSSEUX, SITI IN PALAZZO STROZZI, PALAZZO CORSINI

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 28 novembre 2003 n. 7/15276,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500 PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO INERENTE LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DEL COMUNE DI CON ONERI DI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE. CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE

REGOLAMENTO COMUNALE. CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI ZOPPOLA REGOLAMENTO PER ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETA COMUNALE O DI USO PUBBLICO REGIONE AUTONOMA

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE O IN CONCESSIONE ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SECONDARIO E DIALIZZATI SU GOMMA NELL ISOLA DEL LIDO DI VENEZIA

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SECONDARIO E DIALIZZATI SU GOMMA NELL ISOLA DEL LIDO DI VENEZIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SECONDARIO E DIALIZZATI SU GOMMA NELL ISOLA DEL LIDO DI VENEZIA ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO E DURATA Il servizio ha per oggetto il trasporto,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI GARA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER AUTOTRAZIONE PRESSO L AUTORIMESSA DI MARINO DEL TRONTO ANNO 2015 Gara per fornitura di gas metano Anno 2015_ Capitolato speciale D

Dettagli

INDICE DELLE DEFINIZIONI

INDICE DELLE DEFINIZIONI Dizionario forestale INDICE DELLE DEFINIZIONI 1. BOSCO 2. MASSA AD ETTARO (o consistenza o provvigione) 3. NUMERO DI PIANTE 4. GOVERNO (forma di governo) a) Ceduo b) Fustaia 5. STRUTTURA DEL BOSCO a) monoplana

Dettagli

Misura 227. Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale

Misura 227. Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale Beneficiari Enti pubblici e soggetti privati che attuano gli investimenti. Aree di operatività La misura si applica in aree a

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PUBBLICHE AFFISSIONI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PUBBLICHE AFFISSIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il servizio oggetto di appalto prevede l affissione di manifesti, avvisi e fotografie di

Dettagli

Contratto ad esecuzione periodica e continuativa

Contratto ad esecuzione periodica e continuativa AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza Telefono 0971612677 Fax 0971612551 e-mail: provveditore@ospedalesancarlo.it Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 Contratto ad

Dettagli

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER UN PERIODO DI 48 MESI CUP B44I11000010004

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA ---------------

PROVINCIA DI VICENZA --------------- BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA CON IL METODO DELLE OFFERTE SEGRETE DI CUI ALL ART. 73 COMMA 1 Lettera C) del R.D. 23/05/1924 n 827 PER LA VENDITA DI UN IMMOBILE SITO IN VIA S.TOMA 7 A LONIGO Amministrazione

Dettagli

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Regolamento per la disciplina dell impiego del suolo e del sottosuolo, delle sedi stradali di proprietà comunale e di aree di uso pubblico. Approvato con deliberazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE E SOCIALIZZAZIONE DI AD PERSONAM

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE E SOCIALIZZAZIONE DI AD PERSONAM CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE E SOCIALIZZAZIONE DI AD PERSONAM ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto il servizio di animazione e socializzazione rivolto

Dettagli

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO ALLEGATO F SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI LADISPOLI E LA COOPERATIVA SOCIALE TIPO B, Al SENSI DELL'ART. 5 LEGGE 381/91, PER LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI LADISPOLI

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze Il presente capitolato d oneri disciplina la concessione d uso

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN GESTIONE STRUTTURA DOLOMITI ADVENTURE PARK IN LOCALITA SANTAVIELA

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN GESTIONE STRUTTURA DOLOMITI ADVENTURE PARK IN LOCALITA SANTAVIELA COMUNE DI FORNI DI SOPRA PROVINCIA DI UDINE CONTRATTO DI CONCESSIONE IN GESTIONE STRUTTURA DOLOMITI ADVENTURE PARK IN LOCALITA SANTAVIELA L anno duemilaquattordici il giorno ---- del mese di ------- (00.00.2014)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale di consulenza

Dettagli

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

BANDO DI GARA VENDITA, CON LA PROCEDURA AD ECONOMIA, DI AUTOVETTURE DEL CORPO DICHIARATE FUORI USO PER CAUSE TECNICHE E VETUSTA ED USURA.

BANDO DI GARA VENDITA, CON LA PROCEDURA AD ECONOMIA, DI AUTOVETTURE DEL CORPO DICHIARATE FUORI USO PER CAUSE TECNICHE E VETUSTA ED USURA. GUARDIA DI FINANZA REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO ABRUZZO Ufficio Amministrazione - Sez. Acquisti - Via R. Paolucci, 04-67100 L Aquila - Tel. 0862/34961- Fax 0862/3496515 BANDO DI GARA VENDITA,

Dettagli

COMUNE DI SENEGHE. Provincia di Oristano

COMUNE DI SENEGHE. Provincia di Oristano Provincia di Oristano Piazza G. A. Deriu, 1-09070 Seneghe C.F. \ p. I.V.A. 00070890959 Tel +39.0783.548012-548013 - 548184-548191 Fax +39.0783.51652 Prot. N. 6233 del 21.11.2014 Il Comune di Seneghe (OR)

Dettagli

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI 1. CONSEGNA DEGLI SPAZI ESPOSITIVI Gli spazi espositivi saranno messi a disposizione degli Espositori per l'introduzione e la sistemazione dei

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N. 181 NONCHÉ PER IL SERVIZIO DI STOCCAGGIO E CUSTODIA DEGLI

Dettagli

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 COMUNE DI PRAIANO Provincia di Salerno CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 CAPITOLATO D ONERI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO La ditta aggiudicataria dei servizi di seppellimento, di custodia

Dettagli

COMUNE DI FORLI DEL SANNIO Provincia di I S E R N I A

COMUNE DI FORLI DEL SANNIO Provincia di I S E R N I A COMUNE DI FORLI DEL SANNIO Provincia di I S E R N I A Piazza Municipio, 18 Telefono 0865 84301 Fax 0865 84203 E-mail: forlidelsannio@tin.it CF: 80050230947 P.Iva 00205770944 Prot. n. 2329 UFFICIO TECNICO

Dettagli

Alla COMUNITA MONTANA VALNERINA Sede Legale:Via Manzoni,8-06046 NORCIA Sede Operativa:Via delle Portelle,4-05100 TERNI

Alla COMUNITA MONTANA VALNERINA Sede Legale:Via Manzoni,8-06046 NORCIA Sede Operativa:Via delle Portelle,4-05100 TERNI Marca da bollo 14.62 Mod. 20 Alla COMUNITA MONTANA VALNERINA Sede Legale:Via Manzoni,8-06046 NORCIA Sede Operativa:Via delle Portelle,4-05100 TERNI OGGETTO :Richiesta di riconoscimento tartufaia CONTROLLATA

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE Piazza Marconi, 1/1-21020 COMABBIO - P. IVA 00261830129 Tel. 0331.968.572 int.6 - fax. 0331.968.808 e- mail: poliziamunicipale@comune.comabbio.va.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

4602699B5C CUP: F23H11000130001

4602699B5C CUP: F23H11000130001 ALLEGATO 3 SCHEMA DI CONTRATTO Oggetto: Affidamento per l esecuzione delle indagini geognostiche, geotecniche e di caratterizzazione ambientale per l attuazione del Piano di Caratterizzazione dell area

Dettagli

Comune di San Giovanni in Fiore

Comune di San Giovanni in Fiore Comune di San Giovanni in Fiore 87055 Provincia di Cosenza ****** 5 Servizio: Pubblica istruzione, cultura, servizi sociali, sport-turismo-spettacolo Via Livorno tel. 0984/977111 fax 0984/975698 E-Mail:

Dettagli

Contratto ad esecuzione periodica e continuativa. Contratto di fornitura di beni PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO STAMPANTI, FAX E FOTOCOPIATORI

Contratto ad esecuzione periodica e continuativa. Contratto di fornitura di beni PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO STAMPANTI, FAX E FOTOCOPIATORI AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza Telefono 0971612677 Fax 0971612551 e-mail: provveditore@ospedalesancarlo.it Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 Contratto ad

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO VAN SHARING. Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da:

REGOLAMENTO SERVIZIO VAN SHARING. Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da: Pagina 1 di 6 Van Shering Imola Servizio di Van Sharing Città di Imola in Convenzione col Comune di Imola e gestita da: AREA BLU S.P.A REGOLAMENTO Indice 1. Tariffe pag. 1 2. Modalità di prenotazione pagg.

Dettagli