8 la via delle scuole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "8 la via delle scuole"

Transcript

1 1. Una lettera Piú avanti le avrebbe detto che la loro storia era cominciata al Teatro nazionale dell Opera ungherese, la sera prima che lui partisse per Parigi sul treno espresso per l Europa occidentale. L anno era il 1937, il mese settembre, l aria insolitamente fredda per la stagione. Suo fratello aveva insistito per portarlo all opera come regalo d addio. Davano la Tosca e i loro posti erano in piccionaia. Ad altri erano riservati i tre portoni ad arco in marmo, la facciata con le colonne corinzie e la grandiosa trabeazione. Il loro era un umile ingresso secondario con un uomo rubizzo che staccava i biglietti, il pavimento di legno logoro, le pareti con appese locandine mezze sbriciolate. Ragazze con l abito al ginocchio salivano i gradini al braccio di giovanotti in completo sdrucito; pensionati discutevano con le mogli canute arrancando lungo le scale strette. E in cima, un allegro frastuono: una sala buffet circondata di specchi e panche di legno, l aria nebbiosa di fumo di sigaretta. La porta in fondo si apriva direttamente sulla sala da concerto, sulla grande caverna illuminata dalle luci elettriche, con l affresco delle divinità greche sul soffitto e i palchi arabescati d oro. András non si sarebbe mai aspettato di vedere un opera in quel teatro se Tibor non avesse comprato i biglietti. Ma suo fratello riteneva che la vita a Budapest imponesse almeno una serata pucciniana all Operaház. Tibor si sporse dalla ringhiera indicando il palco dell ammiraglio Horthy, stavolta occupato solo da un vecchio generale in divisa da ussaro. Piú in basso, uscieri in smoking accompagnavano gli spettatori ai loro posti, gli uomini in frac e le donne con le acconciature scintillanti di gioielli.

2 8 la via delle scuole Come vorrei che Mátyás potesse vederlo, disse András. Lo vedrà, Andráska. Verrà a Budapest quando avrà preso il baccalaureato, e nel giro di un anno sarà stufo marcio di questo posto. András non poté evitare di sorridere. Lui e Tibor si erano trasferiti a Budapest subito dopo il diploma al gimnázium di Debrecen. Erano cresciuti a Konyár, un paesino delle pianure orientali, e all inizio anche loro pensavano che la capitale fosse il centro del mondo. Ora Tibor aveva in programma di frequentare la facoltà di Medicina in Italia mentre András, che viveva a Budapest solo da un anno, sarebbe partito l indomani per l università di Parigi. Prima che arrivasse la notizia dall École Spéciale d Architecture, tutti pensavano che sarebbe stato Tibor a partire per primo. Da tre anni faceva il commesso in un negozio di calzature in Váci utca, mettendo da parte i soldi per l università e studiando di notte i manuali di anatomia, disperatamente, come se ne andasse della sua stessa vita. Quando András si era trasferito da lui l anno prima, la partenza di Tibor sembrava imminente. Aveva già passato gli esami e presentato domanda alla facoltà di Medicina di Modena. Pensava ci sarebbero voluti sei mesi per ottenere l ammissione e il visto da studente. Invece lo avevano messo in una lista d attesa per studenti stranieri dicendogli che sarebbero trascorsi un paio d anni prima che si potesse iscrivere. Tibor non aveva piú accennato alla propria situazione da quando András aveva saputo della borsa di studio, né dato alcun segno d invidia. Anzi, aveva comprato i biglietti per l opera e aiutato András a organizzarsi. Ora, mentre si abbassavano le luci e l orchestra accordava gli strumenti, András fu assalito da una segreta vergogna: sapeva che sarebbe stato felice per Tibor se si fossero trovati nella situazione opposta, ma forse avrebbe faticato a celare la gelosia. Da una porta laterale del golfo mistico spuntò un signore allampanato dai capelli come candide fiamme che entrò sotto la luce di un riflettore. Il pubblico esplose in un ovazione mentre l uomo guadagnava il podio. Dovette fare tre inchini e alzare le

3 una lettera 9 mani in segno di resa per ottenere il silenzio; poi si voltò verso i musicisti e alzò la bacchetta. Dopo un momento di trepida sospensione, gli ottoni e i violini proruppero in una musica che entrò nel petto di András, riempiendogli la cassa toracica fino a mozzargli il fiato. Il sipario di velluto si alzò scoprendo l interno di una cattedrale italiana, resa alla perfezione nei dettagli piú complessi e minuziosi. I vetri istoriati spandevano torrenti di luce rossa e azzurra, e un affresco incompleto di Maria Maddalena affiorava spettrale su una parete intonacata. Un uomo con l uniforme a righe da carcerato strisciò di soppiatto in chiesa e andò a rintanarsi in una cappella buia. Entrò un pittore per lavorare all affresco, seguito da un sacrestano deciso a fargli riordinare pennelli e teloni prima della prossima messa. Poi entrò Tosca, diva dell opera lirica, modella della Maddalena, con le gonne carminio volteggianti intorno alle caviglie. Il canto s innalzò e aleggiò sotto la cupola dipinta dell Operaház: la voce flautata da tenore del pittore Cavaradossi, il basso rotondo del fuggiasco Angelotti, la calda e vellutata voce da soprano della diva immaginaria Tosca, interpretata dalla diva in carne e ossa Zsuzsa Toronyi. Il suono era cosí corposo, palpabile, che András ebbe la sensazione di potersi sporgere dalla balconata per attingerne a piene mani. L edificio stesso era diventato uno strumento, pensò. L architettura espandeva il suono e lo completava, lo amplificava e lo conteneva. Non dimenticherò mai questa serata, bisbigliò al fratello. Ci mancherebbe altro, ribatté Tibor sottovoce. Dovrai portarmi all opera quando verrò a trovarti a Parigi. Durante l intervallo bevvero un caffè nero nella sala buffet e discussero dello spettacolo. Il pittore aveva rifiutato di tradire l amico per lealtà e altruismo o perché era un arrogante malato di protagonismo? La sua capacità di sopportare la tortura andava intesa come una sublimazione dell amore fisico per Tosca? E Tosca avrebbe accoltellato Scarpia se la professione non le avesse inculcato il senso del melodramma? Conversare cosí era un piacere agrodolce; da piccolo András aveva trascorso ore ad ascoltare Tibor dibattere con gli amici di filosofia, sport o let-

4 10 la via delle scuole teratura, agognando il giorno in cui avrebbe espresso un commento che suo fratello avrebbe giudicato arguto o incisivo. Ora che lui e Tibor erano alla pari, o quasi, András stava partendo, stava salendo su un treno che lo avrebbe portato a centinaia di chilometri da lí. Che hai? chiese Tibor, toccandogli la manica. András tossí e distolse lo sguardo. Troppo fumo, disse, e arrossí. Provò sollievo quando le luci lampeggiarono segnalando la fine dell intervallo. Dopo il terzo atto e le innumerevoli chiamate in scena con i defunti Tosca e Cavaradossi miracolosamente tornati in vita e il malvagio Scarpia che sorrideva amabile accettando un fascio di rose rosse András e Tibor si fecero largo verso l uscita e scesero le scale affollate. Una pallida spruzzata di stelle brillava sulla distesa di luci cittadine. Tibor prese il fratello sottobraccio e lo portò verso il lato dell edificio che dava su Andrássy út, dove gli spettatori della prima galleria e della platea si riversavano dai tre archi in marmo della maestosa entrata. Voglio farti vedere il foyer, disse. Diciamo all usciere che abbiamo dimenticato una cosa dentro. András seguí Tibor attraverso l ingresso principale, nell atrio illuminato da un lampadario, dove una scalinata di marmo spalancava le ali verso una galleria. La discendevano uomini e donne in abito da sera, ma András vide solo l architettura: la cornice a ovoli e lancette lungo la scalinata, la volta a crociera in alto, le colonne corinzie rosa che sostenevano la galleria. Miklós Ybl, un ungherese di Székesfehérvár, aveva vinto il concorso internazionale per il progetto del teatro dell opera. Per il suo ottavo compleanno András aveva ricevuto dal padre un libro di suoi disegni e trascorso lunghi pomeriggi a studiare quegli spazi. Mentre la folla in uscita gli scorreva accanto, alzò gli occhi al soffitto, e intento com era a cercare di conciliare la versione tridimensionale con i disegni a tratteggio nella sua memoria, non si accorse della persona che gli si era fermata davanti rivolgendogli la parola. Dovette strabuzzare gli occhi e concentrarsi sull interlocutrice, un mite donnone in pelliccia di zibellino,

5 una lettera 11 che a quanto pareva stava chiedendogli permesso. András fece un inchino e si scostò per lasciarla passare. No, no, disse la donna. Siete proprio dove voglio che siate. Che fortuna incontrarvi qui! Non avrei mai saputo dove trovarvi. András si sforzò di ricordare quando e dove avesse già visto quella donna. Al collo le brillava una collana di diamanti e dall orlo della pelliccia spuntava un abito di seta rosa; i capelli scuri formavano una calotta di riccioli fittissimi. Lo prese sottobraccio e uscí con lui sulle scale del teatro. Eravate voi in banca l altro giorno, vero? chiese la signora. Il ragazzo con la busta piena di franchi. Ora la riconosceva: era Elza Hász, la moglie del direttore della banca. András l aveva vista qualche volta alla grande sinagoga di Dohány utca, dove lui e Tibor ogni tanto assistevano alla funzione del venerdí sera. Si erano scontrati due giorni prima mentre la signora attraversava l atrio della banca; a lei era caduta di mano la cappelliera e a lui era sfuggita la cartellina con i franchi. La cartellina si era aperta, liberando le banconote rosa e verdi, e i soldi si erano sparsi ai suoi piedi come confetti. András aveva spolverato e restituito la cappelliera alla signora, che era poi sparita dietro una porta con la scritta «Vietato l ingresso». A vedervi sembrate coetaneo di mio figlio, disse lei. E a giudicare dalla valuta, direi che state partendo per l Università a Parigi. Domani pomeriggio, ribatté lui. Dovete farmi un grande favore. Mio figlio studia alle Beaux-Arts e vorrei che gli portaste un pacco. Vi sarebbe di molto disturbo? András esitò un attimo prima di rispondere. Accettare di portare un pacco a Parigi voleva dire che stava partendo sul serio, che intendeva lasciare i fratelli, i genitori e il suo paese per entrare nel grande ignoto dell Europa occidentale. Dove abita vostro figlio? chiese. Nel Quartiere latino, ovviamente, disse lei e rise. Nella

6 12 la via delle scuole soffitta di un pittore, non in una bella villa come il nostro Cavaradossi. Anche se mi ha detto che c è l acqua calda e si vede il Panthéon. Ah, ecco la macchina! Una berlina grigia accostò al marciapiede, la signora Hász alzò il braccio per chiamare l autista. Venite domani prima di mezzogiorno. Al 26 di Benczúr utca. Vi farò trovare tutto pronto. Si strinse addosso la pelliccia e corse verso la macchina, senza voltarsi a guardare András. Allora? disse Tibor raggiungendolo fuori, sulle scale. Immagino vorrai spiegarmi di che si tratta. Devo fare da corriere internazionale. Madame Hász vuole che porti un pacco per il figlio a Parigi. Ci siamo conosciuti l altro giorno in banca quando sono andato a cambiare i pengő in franchi francesi. E tu hai accettato? Sí. Tibor sospirò guardando i tram gialli che passavano sul viale. Sarà un mortorio qui senza di te, Andráska. Sciocchezze. Scommetto che entro una settimana ti sarai trovato una ragazza. Ah, certo. Le ragazze vanno matte per i commessi squattrinati! András sorrise. Finalmente un po di vittimismo. Non ne potevo piú della tua generosità e del tuo sangue freddo. Ma di che parli? Ti ammazzerei per il fatto che te ne vai. Ma a che servirebbe? Né io né te andremmo piú all estero. Sorrise, ma il suo sguardo dietro gli occhiali dalla montatura argento era serio. Prese sottobraccio András e lo trascinò giú dalle scale, canticchiando le battute dell ouverture. Il condominio di Hársfa utca distava solo tre isolati; quando arrivarono al portone si fermarono a prendere un ultima boccata d aria prima di salire in casa. Il cielo sopra l Operaház riverberava di arancione pallido, e i campanelli dei tram echeggiavano nel viale. Nella semioscurità Tibor gli sembrò bello come un mito del cinema, con il cappello sulle ventitre e la sciarpa di seta bianca buttata sulla spalla. In quel momento gli parve un uomo pronto ad abbracciare un esistenza eccitante e anticonformista, un

7 una lettera 13 uomo molto piú adatto di lui a sbarcare da un treno e farsi largo in terra straniera. András batté le palpebre e prese la chiave dalla tasca, e un attimo dopo stavano salendo le scale di corsa come due ragazzi del gimnázium. La signora Hász viveva nei pressi del Városliget, il parco cittadino con il castello delle fiabe e gli imponenti bagni termali in stile rococò. La casa in Benczúr utca era una villa all italiana in stucco giallo crema, circondata su tre lati da giardini nascosti; le chiome degli alberi a spalliera spuntavano da dietro un muro bianco. András avvertí il debole scroscio di una fontana, il raschio di un rastrello da giardiniere. Gli sembrò strano che ci vivesse una famiglia di ebrei, ma c era una mezuzah affissa sulla porta d ingresso: un cilindro d argento avvolto in foglie d edera dorata. Quando premette il campanello, cinque note risuonarono all interno. Poi sentí un rumore di tacchi in avvicinamento, e di pesanti chiavistelli che venivano tirati. Una domestica dalla chioma candida aprí la porta e lo fece entrare. András si ritrovò in un ingresso a cupola, con il pavimento di marmo rosa, un tavolo intarsiato, un mazzo di calle dentro un vaso di porcellana. Madame Hász è in salotto, disse la domestica. Gli fece strada nell atrio e lungo un corridoio a volta, fermandosi davanti a una porta dietro cui András sentí un altalena di voci femminili. Non riuscí a distinguere le parole, ma capí che era in corso una discussione: una voce si alzò, si fece stridula e si riabbassò; l altra, piú calma, salí di tono, insistette e tacque. Attendete un momento, disse ad András la domestica ed entrò ad annunciare il suo arrivo. Ci fu un altra breve scaramuccia, come se l argomento della discussione fosse lui. Poi la domestica riapparve e lo fece entrare in una stanza grande e luminosa che sapeva di fiori e crostini imburrati. Il pavimento era coperto da tappeti persiani rosa e oro; sedie bianche damascate stavano davanti a due divani color salmone, e un vaso di rose gialle ornava un tavolino basso. La signora Hász si era alzata dalla sua sedia nell angolo. Seduta alla scrivania vicino

8 14 la via delle scuole alla finestra c era una donna piú anziana in gramaglie, con il capo coperto da un velo di pizzo. Teneva in mano una lettera sigillata con la ceralacca, che posò su una pila di libri sotto un fermacarte di vetro. La signora Hász andò incontro ad András e gli strinse la mano nella propria, grande e fredda. Grazie di essere venuto, disse. Vi presento la signora Hász, mia suocera. Indicò col capo la donna in nero. Era minuta, con un viso profondamente segnato che András trovò incantevole malgrado l espressione dolente; i grandi occhi grigi emanavano muta sofferenza. Le fece un inchino e pronunciò il saluto formale: Kezét csókolom, «bacio le mani». L anziana signora Hász rispose con un cenno del capo. Dunque avete accettato di portare una cassa a József, disse. Molto gentile da parte vostra. Sono certa che avete già parecchio da fare. Nessun disturbo. Non vi faremo perdere troppo tempo, disse la giovane signora Hász. Simon sta imballando le ultime cose. Intanto vi faccio preparare uno spuntino. Vi vedo affamato. Oh no, vi prego, non incomodatevi, disse András. In realtà l odore di crostini gli aveva ricordato che non aveva ancora toccato cibo; ma temeva che in quella casa anche il pasto piú leggero prevedesse una lunga cerimonia, di cui ignorava completamente le regole. E poi aveva fretta: il treno partiva di lí a tre ore. Per i ragazzi è sempre ora di mangiare, affermò la giovane signora Hász, chiamando la domestica. Le diede istruzioni e la rispedí indietro. L anziana signora Hász si alzò dalla scrivania e fece segno ad András di raggiungerla su uno dei divani salmone. Lui si sedette, temendo che i suoi pantaloni lasciassero un impronta sulla seta; avrebbe dovuto vestirsi in tutt altro modo, pensò, per passare un ora lí dentro senza correre rischi. L anziana signora Hász intrecciò le mani affusolate in grembo e gli chiese che cosa avrebbe studiato a Parigi. Architettura, rispose András.

9 una lettera 15 Ma davvero? Allora sarete in classe con József alle Beaux- Arts? Andrò all École Spéciale, disse András. Non alle Beaux- Arts. La giovane signora Hász si accomodò sul divano di fronte. L École Spéciale? chiese. Non l ho mai sentita nominare da József. Ha un taglio piú ingegneristico, strutturale, delle Beaux- Arts, replicò András. Almeno cosí mi risulta. La frequenterò con una borsa di studio dell Izraelita Hitközség. In realtà si è trattato di un caso fortunato. Un caso? András spiegò: il direttore di «Passato e Futuro», la rivista per la quale lavorava, aveva proposto alcune copertine disegnate da András per una mostra a Parigi, una rassegna sui giovani artisti dell Europa centrale. Le copertine erano state scelte ed esposte; un professore dell École Spéciale le aveva viste e si era informato sull autore. Il direttore gli aveva detto che András voleva fare l architetto, ma era difficile per gli ebrei iscriversi ad Architettura in Ungheria: lo spettro del numerus clausus, che negli anni Venti aveva limitato il numero degli studenti ebrei al sei per cento, infestava ancora le procedure di ammissione negli atenei. Il professore aveva scritto lettere, si era rivolto alla commissione dell École Spéciale chiedendo di ammetterlo all anno che stava per iniziare. L Associazione della comunità ebraica di Budapest, l Izraelita Hitközség, aveva sborsato i soldi per la frequenza, il vitto e l alloggio. Era successo tutto in poche settimane, durante le quali era costantemente sembrato sul punto di finire in una bolla di sapone. Invece no, sarebbe partito. Le lezioni sarebbero iniziate sei giorni dopo. Ah, fece la giovane signora Hász. Che fortuna! Addirittura una borsa di studio! Ma poi abbassò subito gli occhi e András provò la stessa sensazione di quando andava a scuola a Debrecen: di vergogna improvvisa, come se fosse rimasto in mutande. A volte passava i pomeriggi del fine settimana a casa dei compagni che abitavano in città, figli di avvocati o di

10 16 la via delle scuole banchieri, che non dovevano andare a pensione dalle famiglie indigenti, ragazzi che la notte dormivano in un letto tutto per loro e venivano a scuola con la camicia stirata e pranzavano a casa ogni giorno. Le madri lo trattavano con premuroso compatimento o con educato disprezzo. In loro presenza András si sentiva ugualmente nudo. Ora si costrinse a guardare la madre di József e a dire: Sí, mi è andata proprio bene. E dove vivrete a Parigi? chiese la signora. András si strofinò i palmi sudati sulle ginocchia. Nel Quartiere latino, credo. Ma dove vi sistemerete appena arrivate? Immagino che chiederò a qualcuno dove affittano stanze per gli studenti. Sciocchezze, disse l anziana signora Hász, coprendogli la mano con la sua. Andrete da József, ecco dove. La nuora tossí e si lisciò i capelli. Non dovremmo impegnarci per József, disse. Magari non ha posto. Oh, Elza, sei una snob tremenda, obiettò l anziana signora Hász. Il signor Lévi sta facendo un favore a József. E József potrà offrirgli un divano, almeno per qualche giorno. Oggi pomeriggio lo avvertiamo per telegramma. Ecco i panini, disse la nuora, visibilmente sollevata dall interruzione. La domestica entrò con un carrello. Oltre al servizio da tè c era un alzata di vetro con una pila di panini cosí pallidi che sembravano di neve. Accanto all alzata un paio di pinze d argento simili a forbici, come a suggerire che certe leccornie non erano fatte per essere toccate da mani umane. L anziana signora Hász raccolse le pinze e ammucchiò i panini nel piatto di András, piú di quanti avrebbe osato prenderne da solo. Quando la nuora si serví senza ricorrere alle posate né alle pinze, András si fece coraggio e cominciò a mangiare uno di quelli che aveva nel piatto. Era con il formaggio fresco all aneto spalmato su pane bianco da cui era stata tolta la crosta. Unica indicazione del fatto che il panino proveniva dall interno dei confini ungheresi erano le fette di peperone giallo sottili come ostie.

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa 5 Oggi dobbiamo fare la spesa perché questa sera vogliamo organizzare una festa a casa nostra. Così decidiamo di andare al supermercato, quello di fronte alla banca, dove

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Sempre collegato al tuo comfort con evohome

Sempre collegato al tuo comfort con evohome Sempre collegato al tuo comfort con evohome Pag 2 Comfort e controllo Comfort più controllo: proprio quello che puoi aspettarti da evohome Pag. 3 evohome Il sistema intelligente per il riscaldamento a

Dettagli