FINALMENTE LA PISTA nuova!!! A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINALMENTE LA PISTA nuova!!! A"

Transcript

1 MENSILE DI INFORMAZIONE E CULTURA IPPICA ANNO 4 - NUMERO 3 AUTUNNO 2010 FINALMENTE LA PISTA nuova!!! A DOPO OLTRE DIECI ANNI DI PROGETTI E ATTESE, ARRIVA IL MOMENTO DELL INAUGURAZIONE ll inizio dell anno aveva colpito e non poco il fatto che la riunione autunnale di Pisa si sarebbe articolata su tutti i lunedì feriali di novembre e dicembre, con l eccezione di domenica 12 dicembre, il giorno del Criterium e dell Andred. Fatto abbastanza curioso, visto che l ippodromo di San Rossore è rimasto ormai uno dei pochi ad avere un pubblico più che decente nei giorni del weekend, mentre è chiaro che di lunedì, a parte i coiffeur che sono tenuti in grande considerazione dall UNIRE, coloro che potranno venire all ippodromo saranno veramente in numero esiguo. A parte queste considerazioni, è balzato subito all occhio un altro fatto di rilievo. Nell imminente stagione di corse si deve inaugurare la nuova pista, dopo oltre dieci anni di attesa. Per fare questo non si può di certo aspettare il giorno delle listed, essendo opportuno che i fantini possano saggiare in anticipo il nuovo tracciato. drina dell evento, la show girl sulla cresta dell onda Nina Senicar. Questo momento avrà una coreografia completata da cavalli e cavalieri del corpo delle Guardie Forestali e dai neo allievi fantini del corso di formazione professionale. E allora quando farlo: un lunedì feriale? Un evento così tanto atteso dalla città ma, anche, dal popolo ippico nazionale, relegato a un comune lunedì feriale? Una cosa veramente demenziale, anche perché l Alfea aveva tutta la volontà di creare un contor- L ARTISTA Il Palazzo Blu sul Lungarno Gambacorti ospita Joan Mirò dal 9 ottobre al 23 gennaio: la mostra e l artista son molto ben presentati nell articolo che pubblichiamo a pagina 8. Tutte le informazioni relative a Aspettando Mirò sono su Con l organizzatore Giunti Mostre Arte e Musei l Alfea ha una convenzione per la reciproca promozione delle attività. Pertanto, alla cassa della mostra sarà possibile ritirare un coupon per l acquisto di un biglietto ridotto all ippodromo dove, invece, coloro che saranno interessati, potranno ritirare un corrispondente tagliando per ottenere una riduzione sul prezzo d ingresso alla mostra. no adeguato a questa première, dandole l opportuno risalto a livello locale, nazionale e non solo. La possibilità di un giorno festivo che non fosse concomitante con una giornata di gran premio a Milano e Roma però esisteva. Lunedì 1 novembre, tra l altro con il vantaggio che si tratta di un giorno festivo. Così l Alfea ha lavorato in tal senso fino a ottenere l assenso dell UNIRE e sono iniziati i preparativi per questa festa. Il programma delle corse La show race di queste giovani speranze dell ippica nazionale sarà un segno per indicare che attraverso queste iniziative congiunte si può rilanciare l ippica. All ippodromo, poi, il pubblico troverà intrattenimenti per tutto il pomeriggio: dagli stalloni dell Istituto d Incremento Ippico della Regione Toscana, alle esibizioni di ballo latino americano, all esposizione di alcune Ferrari, al mercatino di prodotti artigianali e alimentari presentati dalle associazioni pisane di Sardegna, Calabria e Lucania mentre giocherà in casa la Bottega del Parco. prevede anche la disputa di tre corse in ostacoli poste in apertura di programma per far sì che l inaugurazione avvenga nel momento centrale del pomeriggio. Il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, È qui la festa? Senza taglierà il nastro tricolore dubbio sì, il 1 novembre accompagnato dalla ma- a San Rossore. EQ l'immagine la MADRINA Questo è un giorno di festa per San Rossore e per la città di Pisa: pertanto, contrariamente a quanto accade di solito, l ingresso all ippodromo sarà gratuito. La campagna pubblicitaria in città e non solo è veramente ampia: cartelloni stradali, affissioni, volantinaggio, una piccola auto elettrica personalizzata per l evento che a giro per le strade di Pisa. Pagine speciali su La Nazione e Il Tirreno ma anche su Per Sport, spot pubblicitari sui canali televisivi locali e su quelli UNIRE ma anche nei cinema in città. Insomma, non sarà facile non sapere che San Rossore allunga, anche perché l immagine scelta è veramente inconsueta e originale ed è la base della campagna pubblicitaria ideata dal agenzia Sintesi di Pisa. Per un occasione come quella dell inaugurazione della pista non poteva mancare una madrina d eccezione e la scelta è caduta per più motivi sulla serba Nina Senicar. Primo perché ama i cavalli, sa andare a cavallo, ne possiede uno e recentemente, ospite al Chiambretti Night, ha consigliato di fare equitazione per migliorare il tono muscolare. E laureata alla Bocconi in Economia e Management ed è una bellissima ragazza che sta emergendo nello show biz.

2 La notizia del mese una pista lunga dieci anni LE TAPPE PRINCIPALI DELLA STORIA DELL IPPODROMO DI SAN ROSSORE L DAI LORENA AI GIORNI NOSTRI a pista dell ippodromo di San Rossore, giunta finalmente a una nuova fase con l ampliamento della curva di fondo che rende tecnicamente più valido il tracciato, ha una storia antica di 182 anni. Nel 1822 i Lorena avevano acquisito la piena proprietà di San Rossore (i Medici e altri proprietari di parti della Tenuta erano stati soltanto affittuari) pagando al Capitolo dei Canonici di Pisa la somma di 12 mila lire. Con la morte di Ferdinando II e l ascesa al trono di Leopoldo II, avvenuta nel 1824, inizia un profondo rinnovamento nella Tenuta. Tanto è appassionato di questi luoghi che decide di costruire alle Cascine Vecchie, a partire dal 1828, un villino, originariamente di caccia, che diventerà in seguito la residenza estiva dei Lorena, poi dei Savoia, fino alla distruzione del 1944 a opera delle truppe tedesche. Nello stesso anno si registrano altri due interventi. Il primo è l inizio dei lavori per l apertura verso il mare con la costruzione del viale del Gombo (che si completerà nel 1837). Un ulteriore intervento è conseguente alla passione di Leopoldo II per le disfide dei cavalli purosangue, corse già presenti sui Prati del Quercione, a Firenze. I cavalli del Granduca corrono con i colori della razza Gentile (giubba amaranto, maniche bianche, berretto nero, poi ripresi dalla razza di Sansalvà). Quale migliore opportunità, per il giovane granduca che allenare i suoi cavalli sui terreni di San Rossore? E così che viene tracciata una pista a poche decine di metri dalla villa delle Cascine Vecchie. La pista viene chiamata Prato degli Escoli per la presenza di querce ai suoi confini ( eschia è uno dei nomi con i quali è indicato un tipo di quercia). E qua che il 10 novembre 1829 iniziano a San Rossore le prime disfide che oggi possiamo chiamate corse dei cavalli. Leopoldo II di Lorena ma impennata, necessitò di una rimozione per la profondità di 50 centimetri dello strato sabbioso e quindi anche erboso. L intervento si inserì in una più ampia ristrutturazione dell ippodromo che vide numerose novità: lo svuotamento della parte interna della tribuna coperta con la creazione del salone utilizzato per l accettazione delle scommesse al tot, il conseguente spostamento della segreteria in una nuova palazzina nell area sud dell ippodromo e la rotazione di 90 gradi del tondino nella posizione attuale. Nacquero anche le nuove poste d insellaggio, fu modificata la parte alta della tribuna, con collegamento alla struttura scoperta. Venne infine costruito un nuovo ristorante a nord dell ippodromo che in seguito sarà spostato al centro del prato. Questa nuova pista verrà scoperta un anno dopo da Jacopo Barchielli il quale darà il via a Barbaricina alla nascita delle scuderie e alla stagione dello svernamento dei purosangue. Formatasi una società ippica amatoriale, viene costrui- to anche un piccolo ippo- restyling. Vediamo quali. dromo con tribunette in legno che vedrà la prima All inizio degli anni giornata di corse il 3 apri- Settanta presidente le del Harry Bracci Torsi il primo intervento. L usuda quel 1828 il fondo ra del fondo originario, e il tracciato del prato de- a causa del numero di gli Escoli hanno subito giornate e di partenti che importanti interventi di aveva subito una nettissi- Nel 1987 (con la presidenza di Piero Studiati Berni) si ha un nuovo intervento. L esigenza di ampliare il parterre (che viene pavimentato con piastrelle autobloccanti che vanno a sostituire il ghiaino) comportò lo spostamento della pista IL SOGNO CHE DIVENTA FANTASTICA REALTA Un progetto lungo dieci anni (che prevede nuove tribune, segreteria, pista da corsa) è dunque realizzato nella sua terza parte con l allargamento della curva che porta l intero, nuovo tracciato a un livello europeo, grazie anche a una salitina posta all immissione nella dirittura d arrivo. Si apre anche la possibilità di una serie di nuove distanze, fino a oggi impossibili con il vecchio tracciato. L ippodromo di San Rossore cerca così di dare una spallata alla crisi, investendo anziché tirando i l area tecnica, ha collaborato alla realizzazione della nuova pista un pool di imprese tutte pisane: Toni di Barbaricina, Pacini di Pontasserchio, oltre al Certes dell Università, che è il Centro di ricerca sui tappeti erbosi sportivi, e al Laboratorio nazionale per l irrigazione del Cnr. Il risultato è stato ottimo anche grazie a una nuova tecnica messa a punto dalla ditta remi in barca. La nuova Confidiamo che l Unire Politiche Agricole. Pacini che ha escluso la pista è costata oltre un mantenga fede ai suoi semina per privilegiare milione di euro, a tota- impegni sul finanziasotto la direzione il trapianto di piantine di le carico dell Alfea. Ma mento, un progetto pe- di Emiliano Piccioni, serra. Nel box a fianco le precisa il presidente del- raltro già approvato an- l agronomo che è il re- date principali dei lavori l Alfea, Stefano Meli: che dal Ministero delle sponsabile dell Alfea per alla pista nuova. verso ovest di quindici metri. Il tracciato ne uscì leggermente modificato con la correzione della curva di fondo e l allargamento della stessa pista che consentì da allora lo spostamento dello steccato seguendo l andamento dell usura stagionale. Con l occasione altre migliorie, seppure non strutturali, furono apportate all ippodromo (copertura della segreteria, nuovi bar e servizi igienici, restyling del ristorante). Quando si torna a parlare di interventi alle strutture va anche ricordato che quei lavori comportarono grande impegno a ogni livello e una dura applicazione. Così avvenne con il primo intervento del 1974 che vide il presidente Bracci Torsi tutti i giorni sul cantiere per seguire di persona l avanzare delle opere. Così, e ancora più drammaticamente, accadde nel 1987 allorché il 4 novembre, quando l intero cantiere era aperto, un nubifragio si abbatté sull intera Toscana, e quindi anche su San Rossore, sconvolgendo opere già avviate. Ma alla fine, tutto venne risolto nei tempi previsti. RC LA PISTA NUOVA PASSO DOPO PASSO Agosto 2008 inizio lavori Ottobre 2008 sistemzione fondo pista Maggio 2009 primo galoppo su fondo sabbioso 1 giugno 2009 trapianto piantine di gramignia 18 agosto 2009 primo galoppo sull erba 1 settembre 2010 completamento copertura con trasemina di poa e loietto

3 IPPICA E CULTURA VITA DI TUTTI I GIORNi ANNI '20: NOVEMBRE ERA IL MESE DEL RITORNO A CASA PER GLI UOMINI DI CAVALLI DI BARBARICINA Il libro Il Paese dei Cavalli, dal quale abbiamo mutuato la testata del nostro giornale, uscì trent anni fa. Raccontava, come molti sanno, le vicende storiche ma anche sportive di Barbaricina, la sua straordinaria trasformazione, avvenuta a partire dal 1830, da borgo rurale a elemento propulsore del centro di allenamento di San Rossore. In quel libro Renzo Castelli ha raccolto testimonianze di personaggi da tempo scomparsi, storie che meritano di non essere dimenticate. Nel 1981 Il Paese dei Cavalli ispirò una mostra che si svolse nell Arsenale Mediceo e che fu visitata da oltre 5 mila persone; due anni dopo, il regista Paolo Pardini ne ricavò un cortometraggio per Rai3 che fu diffuso nelle scuole pisane. Per ricordare i trent anni di vita del libro pubblichiamo un piccolo passo relativo alla vita di Barbaricina nel momento del suo maggior fulgore, cioè all inizio del Novecento, quando era veramente l ombelico dell ippica italiana. EQ I n quegli anni gli ultimi dello splendore autentico di Barbaricina l autunno era la stagione più dolce e dolcissimo il novembre perché era allora che gli uomini tornavano a casa dopo una dura stagione di corse vissuta a Roma o a Milano. Era bello che i cavalli in inverno avessero bisogno del clima mite del Tirreno, della sabbia soda di San rossore Era bello perché qui si era a casa! Dopo il ritorno, per un paio di sere, gli uomini restavano in famiglia. C era da raccontare alla moglie e ai figli le avventure sugli ippodromi, le fiabe di quegli scontri fra grandi cavalli e grandi fantini e c era da far fronte ai doveri coniugali sempre in grave arretrato. Ma dopo qualche sera già tutti sentivano il desiderio di scendere da Milietta e riprendere il vecchio uso del paese: la partita a carte, il bicchiere del vino, le chiacchiere con gli amici. La moglie, all inizio, storceva un po il naso; ma poi da novembre le vie di Barbaricina che portano verso San Rossore tornano a vivere era felice perché sapeva il marito lì a due passi, la famiglia finalmente riunita, il cavallo sotto casa, il pane fresco nella madia. Sembrava così lontana la primavera che avrebbe riportato lontani uomini e cavalli. Alla locanda se pure scene di vita nella Barbaricina degli anni '20 tutti avevano da alzarsi presto al mattino per portare i cavalli al lavoro sulle piste, si faceva notte alta. Incontrarsi dopo mesi di distacco, gli uomini in arrivo da Milano con quelli di Roma: quanti ponci, quanti discorsi, quante bugie! Era tutto un intrecciarsi di racconti fra italiani di Barbaricina e forestieri, inglesi veri e trapiantati, e perfino magiari, in quegli anni calati in Italia e quindi, in inverno, presenti nel Paese dei Cavalli (Nagy, Andor, Toma, Czaborm Zabrak). La notte si consumava così in un fiume di ricordi e quando Milietta Stonebridge chiudeva, il paese era da molte ore in un sonno profondo. importava alla ragazze di Barbaricina: a loro piaceva sposarsi fra quelle mura perché era la chiesa che le aveva viste bambine, raccolte intorno all altare ogni domenica, alle funzioni del maggio e davanti al presepio, nei giorni di Natale. Molti matrimoni ippici furono consacrati in questa chiesa e che, come pochi altri, avrebbero richiesto ai due sposi amore e sacrificio, divisi per molti mesi, lui dietro ai cavalli a Milano, a Roma, a Torino; e qua, in Barbaricina, nel mezzo a tutto un parentado che viveva ogni giorno degli echi che giungevano dagli ippodromi delle grandi città, restava la moglie: ad allevare i La chiesa era proprio figli, a governare la casa alla fine del paese; oltre e le galline, a sfogliare il iniziava la periferia di calendario, a illanguidirbarbaricina, il grande re- si nell attesa di quell augno dei Rook. Si diceva tunno che non arrivava che la chiesa fosse stata mai. eretta nel punto dove fra Bartolomeo, mezzo frama il tempo, grande te e mezzo santo, si era galantuomo, compiva adoprato per miracolare miracoli; e l autunno la gente colpita dalla pe- giungeva sempre punste. Mito o storia? Poco tuale. Era la stagione della felicità, gli uomini e i cavalli finalmente a casa, il paese che tornava a vivere sprigionando colori, odori, umori che tutti amavano. Al mattino i cavalli uscivano presto per allenarsi, lo schiocco cadenzato dei loro zoccoli sull acciottolato svegliava i ragazzi e li lasciava così, a occhi aperti, a sognare un momento che di certo anche per loro sarebbe venuto. I cavalli tornavano a casa che il sole era già alto. I barrocciai, incontrandoli, si facevano in disparte e fermavano il carro con rispetto. I cavalli attraversavano il paese uno dietro l altro, pieni di baldanza; dalle case, i ragazzi uscivano tutti sulla strada e restavano in silenzio a godersi uno spettacolo eguale ogni giorno ma ogni giorno straordinario. Intanto, le donne dentro casa muovevano appena le tendine alle finestre per guardare anch esse, con una grande pace dentro il cuore, quegli uomini e quei cavalli che erano tutta la loro vita. Oggi tutto - troppo - è cambiato. La fine della guerra ha scatenato l edilizia massiva in certi casi anche speculativa. Barbaricina ha perduto l originario fascino anche se la memoria dei suoi fasti non sarà dimenticata. Renzo Castelli la famiglia Perry

4 LA PASSIONE CONTA PIÙ DI TUTTO DUE STORIE DIVERSE MA CON UNA MORALE COMUNE I l nono corso di formazione professionale per addetto artiere/allievo fantino è nella sua fase conclusiva. Gli esami di fine ottobre stabiliranno quali saranno i nuovi allievi fantini tra i 14 ragazzi che stanno frequentando il corso. Lo stage si è concluso in maniera più che positiva per tutti gli studenti che hanno saputo approfittare al meglio della chance di avere questa esperienza lavorativa in scuderie di alto livello. Per la prima volta da quando a San Rossore si organizzano questi corsi (e ricordiamo che gli ultimi tre sono stati interamente finanziati dalla Provincia di Pisa) la maggior parte dei ragazzi (8 su 14) ha trascorso il periodo di stage all estero. Le novità assolute sono state le collaborazioni con Alain De Royer Dupré e con la scuderia Godolphin gestita da Mahamood Al a entrare nella lista degli ammessi. Un premio a questa sua costanza è venuto in sede di assegnazione di stage, e la destinazione Newmarket Luca Cumani ha fatto gioire e non poco il nostro. Anche per lui, come per Fabio, il suo compagno d avventura, i voti del severo allenatore sono stati ottimi. Fabio e Christian in galoppo per Luca Cumani a Newmarket Zarooni. A Chantilly sono andati quattro ragazzi, due dei quali da Alessandro Botti, mentre gli altri due sono stati affidati alle cure di uno dei trainer più in vista a livello continentale. De Royer Dupré è ormai da anni l allenatore principale di S.A. Aga Khan e gestisce anche una propria scuderia decisamente internazionale, con proprietari un'immagine esclusiva delle piste di Moulton Stable che vengono dai quattro angoli della terra. Uno dei nostri ha passato quasi tre mesi nella stupenda scuderia del Principe ismaelita e un altro in quella dell allenatore. E se per quest ultimo, Manuel, sardo e nato a cavallo e appartenente a una famiglia ippica, la carriera di fantino era quasi scontata, per l altro, Mirko, è tutta un altra storia. Mirko, ventunenne livornese, fino a un anno e mezzo fa lavorava in un distributore di benzina vicino a Collesalvetti, una cittadina in provincia di Livorno, vicino alla quale sorge il centro d allenamento privato della famiglia Guidoni e al quale, oltre a Romolo Valeri, sono appoggiati anche altri allenatori. Uno di questi è Riccardo Santini che si fermava spesso a questo distributore per fare rifornimen- to e dove ha conosciuto Mirko. Il ragazzo ha colpito l allenatore primo per il physique du role, corrispondente in pieno alle caratteristiche fisiche che deve avere un fantino, e poi dalla verve che lo rende persona interessante. le del 2009 con uguale risultato. Non ammesso. Ma la caparbietà è una dote che non manca a Christian che ha trovato in Andrea Marcialis un suo mentore, anche un po incosciente, che ha messo il ragazzo in sella su qualunque tipo di cavallo e, tra una caduta e Così l invito a provare l altra, le cose sono mia montare a cavallo, cosa gliorate. E lo sono così che Mirko non aveva tanto, che alle selezioni mai fatto prima, per poi per il corso attuale, Chripresentarsi alle selezioni stian non ha fatto fatica per questo corso. Così, in poco meno di due anni, Mirko dalla pompa di benzina di Collesalvetti è passato alla scuderia dell Aga Khan dove ha superato, con profitto positivo lo stage aziendale del corso. Al contrario di Mirko, Christian, 20 anni di Pisa, ci ha messo un po a entrare nel corso. Si era presentato, infatti, tanto alle prove di selezione del 2008 quanto a quel- a spasso sulla pista Siete curiosi di vedere la pista da vicino? Volete passeggiare sulla nuova pista poche ore prima della sua inaugurazione? Questo sarà possibile lunedì 1 novembre per una visita guidata al nuovo tracciato: un occasione unica per tutti coloro che ne hanno sentito parlare fino a ora e che vogliono rendersi conto di persona di come sia. Sarà come trasformarsi, per qualche minuto, in uno dei fantini che da lì a poco sarà tra i protagonisti. Il punto d incontro è il gazebo all ingresso principale alle ore 12.00, il giro durerà circa 30 minuti, si concluderà nella zona dello snack bar e non sarà possibile effettuarlo senza l accompagnatore. Non ce ne vogliano gli altri dodici studenti del corso se abbiamo parlato solo di questi due (sottolinaeiamo che tutti hanno superato brillantemente lo stage aziendale), ma queste due storie, così diverse, portano alla stessa conclusione: quando scocca la scintilla della passione per il cavallo purosangue e per le corse, non esistono ostacoli e, se ci sono, quattro tempi di galoppo e un buono slancio servono ad andare oltre. Mirko in sella a un cavallo dell'aga Khan a Chantilly NATHI PER L EUROPA I l nome è molto complicato: Net-building and Training for Horse Industry e il suo acronimo è NATHI. È un progetto di formazione professionale in ambito transnazionale e interregionale ed è stato presentato dall agenzia formativa Percorsi, con la collaborazione dell Alfea, alla Provincia di Pisa che l ha approvato e finanziato. NATHI è uno strumento attraverso il quale possono essere sviluppate e migliorate le capacità professionali di coloro che parteciperanno attivamente alla sua esecuzione. Gli obiettivi di NATHI sono quelli di favorire la mobilità dei formatori e la mobilità di allievi ed ex allievi della scuola ippica ma non solo. Infatti, anche la Filiera Ippica Toscana ne sarà interessata per lo studio e l approfondimento dei sistemi di preparazione e doma dei cavalli. Inoltre, il personale specializzato dell Alfea avrà la possibilità di perfezionare il proprio livello professionale visitando importanti ippodromi europei per confrontare i sistemi di lavoro. Ma non è tutto, perché l ippodromo di San Rossore è quello che fornisce la copertura televisiva migliore in Italia e anche in questo caso giornalisti, cameraman e registi potranno confrontarsi con i network più importanti in Europa. La Provincia di Pisa, l'alfea e Percorsi gestiranno il progetto attraverso un'associazione temporanea di scopo, come previsto dalla normativa vigente, nella quale la Provincia avrà ruolo direttivo, di controllo e valutazione e divulgativo mentre Percorsi seguirà gli aspettivi organizzativi e di gestione e l'alfea parteciperà direttamente ad alcune azioni.

5 IL business DEL turismo ippico I ALL ESTERO AGENZIE SPECIALIZZATE NELL ORGANIZZARE TOUR IPPICI l turismo ippico all estero è una realtà. Sono anni che un agenzia specializzata inglese organizza viaggi per appassionati ippici in occasione di eventi in giro per il mondo. Si chiama Horse Racing Abroad, è un agenzia indipendente, nel 2010 ha in agenda 11 destinazioni, a partire dal meeting delle Ghinee al Curragh passando per Chantilly e il suo Prix du Jockey Club, a Deauville per le corse importanti in agosto, tornando in Francia per l Arc e visitando anche la Repubblica Cèca in occasione della Velka a Pardubice. La conclusione dell anno è dedicata a Sydney (Melbourn Cup), Kentucky (Breeders Cup) e Hong Kong, tanto per citare alcune delle mete più prestigiose. Insomma la possibilità in ogni mese dell anno di viaggiare in compagnia di altri ippici avendo a disposizione un assistenza specializzata che provvede a tutti i dettagli, inclusi i posti riservati per i viaggiatori. In occasione dell ultimo meeting dell Arc, un handicap del sabato pomeriggio era proprio intitolato a questa agenzia. Dall altra parte del mondo, in Australia, troviamo la stessa situazione. In questo caso l organizzatore è la Ambassador Travel che, oltre alle destinazioni abituali europee e americane, propone anche tour ippici del Sud America, abbinandoli a visite di luoghi famosi dal punto di vista naturalistico e, naturalmente, in Gran Bretagna meno gradita e nel tardo pomeriggio la guida ha dovuto costringerli quasi a forza a salire sul pullman per raggiungere l hotel. Anche Hopechart organizza tour ippici in tutta Europa, in allevamenti e ippodromi. qualche turista trova le nostre pubblicità ai desk degli hotel principali e viene farci visita, ma sono fatti sporadici) oppure un tour della Tenuta e del centro d allenamento. Se l ippica in Italia avesse qualche certezza in più, si potrebbe anche provare a coinvolgere questi tour operator per il nostro Big Day, il giorno del premio Pisa (anche se cade sempre in concomitanza con la Dubai World Cup, che è uno delle tappe fisse dei loro programmi annuali), ma questo è molto difficile perché la loro promozione va da un anno all altro, mentre noi, la certezza di una data la possiamo dare solo il mese prima E in Italia? Non ci risulta che esistano tour operator specializzati in tal senso però potremmo anche pensare di lavorare in una direzione inversa e cioè: perché non cercare con l Azienda di Promozione Turistica di Pisa di includere nei pacchetti per i turisti che giungono in città anche la possibiliper i grandi meeting come Choisir, il velocista che tà di una visita a San RosRoyal Ascot. vinse a livello di gruppo sore? Durante la stagione 1 in Australia ma anche a ippica la possibilità anche di partecipare a una A proposito di au- Royal Ascot. giornata di corse (talvolta straliani, forse qualcuno Enrico Querci ricorderà che nel 2008 Il luogo piacque alla una di queste comitive Hopechart, il tour operagiunse a San Rossore alla tor britannico che orgafine dell estate per visita- nizzò questo viaggio (che re il centro d allenamen- ha come corrispondente to, l ippodromo, il parco austaliana proprio la Ame le scuderie storiche bassador), il riscntro dei della Razza Latina. Pisa clienti fu positivo tanto fu una tappa intermedia che quest anno ha ripertra Roma e Parigi, dove corso le medesime tappe gli ippoturisti giunse- della volta precedente. ro per assistere all Arc Giro più breve questa di Zarkava. Del gruppo volta perché i turisti sono facevano parte anche il giunti per l ora di pranzo, proprietario e l allenatore ma non per questo l epedel campione australiano rienza è risultata essere turisti australiani a San Rossore COME ERAVAMO... IN TANTI SULLA TRIBUNA! Pisa, 1 gennaio Tempo bello, Terreno 4 e ½ pesante Capodanno nel segno dei purosangue. Meglio non si poteva sperare per questa apertura della Riunione d Inverno: giornata splendida, un sole caldo inondava lo scenario del Prato degli Escoli, il terreno era ancora pesante dopo le piogge di fine anno ma si sa, il pesante di San Rossore non è pesante. E tanta, tanta folla a riempire gli ormai angusti spazi dell ippodromo, a conferma che lo sport ippico, ma è ormai un luogo comune, sta diventando anche in Italia uno sport popolare. L Alfea ha comunque dimostrato di essere preparata a tanto afflusso di pubblico e, in particolare, l accettazione delle giocate ha retto molto bene. E stato anche il primo vero impatto con la scommessa minima a 1000 lire e sembra che la cosa non abbia turbato il pubblico più di tanto. Ma veniamo al fatto tecnico. Benché le corse non fossero molto affollate, il programma era di quelli allettanti, sia per la qualità dei cavalli, sia per i molteplici motivi offerti dalle corse principali. Al centro del programma, naturalmente, il Premio d Apertura, handicap con dotazione di Campo un po scarno per la verità data la moneta ma, forse, a causa dell indiscussa superiorità che sulla carta e ancor più sulla pista mostrava il top-weight Blue Team, l ormai ben noto cavallo banca. Tutti gli altri potevano però ambire al piazzamento: Fortress, Happy Flash, Leal Souvenir, Wolfermann. La corsa è stata lineare, poco tirata nella prima parte per l indecisione di Leal Souvenir e Venzone. Una volta in dirittura Blue Team, portato per linee interne dall impeccabile Sergio Fancera emergeva all altezza del ristorante e prendeva vistosamente la meglio su Leal Souvenir mentre al largo spuntava il pesino Fortress che conquistava un buon posto d onore; quarto l enigmatico Infinito. n Stefano Mazzanti RC

6 pedra in francia P IL TROFEO É GIUNTO ALLA FASE FINALE edra Pompas ha inaugurato vincendo a Pisa il premio Regione Toscana la quarta edizione del Défi du Galop. Il trofeo che lega 15 corse, 11 delle quali si disputano in ippodromi francesi e le altre a Pisa, Avenches (Svizzera), San Sebastian (Spagna) e Baden Baden (Germania), mette in palio un ricco bonus per il proprietario del cavallo che riesce a vincere tre di queste prove e si piazza almeno una volta secondo o terzo. Per far si che questa manifestazione resti interessante il più a lungo possibile, almeno due di questi risultati devono essere ottenuti dalla nona tappa in poi, quella di Craon che si è disputata il 6 settembre. La decima è stata quella di Strasburgo del 19 set- Pedra Pompas (in giubba rosso-blu) vince il premio Regione Toscana tembre e, a questo punto, i può fare anche un qua- to bene. Agent Secret ha dro della situazione dopo fatto centro a Compiegne e Vichy e adesso, dopo il il giro di boa. giro di boa a Craon, deve Il vincitore del bonus completare l opera con di Euro dello un altro primo posto acscorso anno Young Tiger, compagnato da una piazha già conquistato due af- za. Representing ha vinto fermazioni e a Strasburgo a Avenches e Craon e anè giunto terzo: a lui man- che a lui mancano un succa una sola vittoria per cesso e un piazzamento. conquistare nuovamente il ricco premio in palio Saranno decisive, ma dovrà guardarsi da quindi, le ultime tapaltri due cavalli che sono pe del Défi du Galop di messi ugualmente mol- Baden Baden (il 23 otto- bre), Nantes (26 ottobre), Marsiglia (13 novembre), Tolosa (12 dicembre) e Cagnes sur Mer che chiude il trofeo il 13 febbraio In tutto questo l unico italiano che può far sentire la sua voce è Pedra Pompas. Questi i piani di Marco Gasparini. Pedra Pompas con due listed vinte paga sovraccarichi in listed e, quindi, potrebbe correre a Baden Baden il gruppo 3. Se vincesse, perderebbe la qualifica per Marsiglia, se si piazzasse potrei correre anche a Marsiglia, sperare di vincere e poi giocare le residue chance di salire sul podio tra gli allenatori correndo a Cagnes, anche se su quella pista non ha mai corso bene. A questo punto non resta che tifare per Pedra! JAKKAYORK Jakkalberry ci ha provato ma non è andata bene. La sua trasferta a York per partecipare alle Juddmonte International Stakes sulle orme di Electrocutionist era quasi un atto dovuto ma, questa volta, il portacolori italiano non è riuscito a essere mai un fattore nella corsa che è stata siglata da Rip Van Winkle (allevato da Roberto Brogi). La trasferta del portacolori di Felice Villa a York è stata accompagnata, oltre che da proprietario, allenatore e familiari, anche da Stefano Meli ed Emiliano Piccioni, presidente e direttore dell area tecnica dell Alfea. I nostri dirigenti sono stati accolti dallo staff della pista del Knavesmire. Il meeting è molto importante e richiama molta gente all ippodromo che è in grado di accogliere tutti e di offrire servizi differenziati in grado di soddisfare le esigenza di ciascuno. Sia per coloro che frequentano l area picnic, sia per quelli che amano lo champagne. I look sono sempre ricercati spesso stravaganti, non di rado eccentrici perché comunque l importante in queste circostanze è apparire ma in maniera rilassata, festosa. E, last but not least, la scommessa è parte essenziale per partecipare attivamente all evento ippico con divertimento. le tribune dell ippodromo di York Beppe & Duccio: amici a pisa, nemici a siena A lla fine, dopo tanta attesa e solo due tentativi precedenti (per la verità uno e mezzo), Silvano Mulas ha coronato un altro suo grande sogno, quello di vincere il Palio di Siena. Silvano è così entrato con pieno diritto nella storia della Carriera senese perché è certamente il fantino da ippodromo con maggiori titoli (il Derby italiano, e non solo) che partecipa al Palio di Siena e lo vince. In luglio ha montato per la Selva la grigia Fedora Saura (già titolare di una vittoria in Piazza) e i due hanno trionfato dopo i tre canonici giri del circuito in tufo. E così Voglia, il suo soprannome dettato da una voglia di cioccolato che ha sul fianco e dalla voglia di vincere che ha in qualsiasi contesto (aggiungiamo noi!), non è più maiden in Piazza del Campo. Ricordiamo che Silvano Mulas ha iniziato la sua carriera agonistica proprio a Pisa dove ha vinto la sua prima corsa, il 15 marzo 2001 in sella a Leevi Lane. Nel Palio d agosto Mulas ha avuto l occasione di montare nuovamente Fedora Saura avuta in sorte dalla Contrada del Montone, ma la femmina è apparsa non al top della condizione e non è stata brillante come al solito. A vincere è stato Istriceddu, ben montato dall attuale re della Piazza, Luigi Bruschelli, in arte Trecciolino che ha vestito il giubbino giallo e blu della Tartuca. Vogliamo sottolineare questa affermazione per un fatto che la lega strettamente a San Rossore. infatti, un elemento sempre molto importante per la vittoria del Palio è il veterinario di Contrada. Quello della Tartuca è Giuseppe Incastrone. Siciliano d origine ma ormai pisano di mestiere poiché, assieme a Duccio Pellegrini, è uno dei veterinari responsabili della clinica veterinaria a San Rossore, il Day Hospital che ha sede nell area delle scuderie gestite dall Alfea. Beppe Incastrone ha stabilito un vero e proprio record, meno noto di quello dei fantini ma che noi vogliamo invece sottolineare. Il record è que- Tartuca il loro terzo Palio assieme. Quello che era nato come un incarico professionale ben remunerato spiega Incastrone è poi diventata una forte passione, perché il Palio è un grande gioco che diverte principalmente i senesi e coloro che sono loro vicini. È risaputo, infatti, che molti cittadini di Siena non disdegnerebbero un Palio a porte chiuse ai forestieri che son spesso considerati degli intrusi. Giuseppe Incastrone e Duccio Pellegrini in camice chirurgico sto: ha vinto 6 Palii nei 20 anni in cui ha prestato i suoi servizi a Siena. Il suo esordio risale al luglio del 1991 ed è subito centro che riporta il Cencio nella Tartuca dopo 19 anni di digiuno. Meglio di così non poteva iniziare, ma come si diventa veterinari per una Contrada? Pellegrini risponde prontamente. Essendo socio e amico mio. Io sono senese e quindi c era diffidenza da parte delle altre Contrade verso un veterinario del quale si conosce la fede paliesca. Così suggerii Giuseppe che ebbe la fortuna di partire con il piede giusto. E qua si nota la prima punta di acredine da parte di Pellegrini! Non passa molto tempo, tre anni, e nell agosto 94 arriva il bis per Incastrone che deve poi aspettare il 2002 con il forte Berio per festeggiate con la Con il passare degli anni molti a Siena si dimenticano che Duccio Pellegrini è un loro concittadino, visto che risiede a Pisa da molto tempo e nel 2003 anche lui diventa veterinario di Contrada. L anno successivo è l apoteosi per i due colleghi amici perché in luglio Duccio vince con la Giraffa e in Agosto arriva il poker di Beppe sempre con la Tartuca. Pellegrini prova a recuperare il tempo perso e nel luglio 2007 porta alla vittoria Fedora Saura per il tricolore dell Oca. Gli ultimi due anni, invece, hanno arriso al dottor Incastrone che ha infilato una bella doppietta nel luglio 2009 e nell agosto Credo di essere detentore di un record assoluto avendo conquistato 6 Palii in 20 anni e queste vittorie mi hanno regalato delle grandi soddisfazioni. Mentre dice questo Duccio, che fino a quel momento era riuscito a trattenersi, d improvviso sbotta. Sarà anche bravo, però ha anche molta fortuna (in verità usa un termine molto più colorito e accompagnato dal gesto congiunto dei pollici e degli indici a formare una circonferenza. n.d.r.). Posso ingoiare tutte le sue altre vittorie, venute tra l altro per merito mio che l ho introdotto in città, ma l ultima proprio no! Doveva verificarsi solo una congiunzione astrale tra milioni perché la Tartuca potesse vincere: che tirasse in sorte Istriceddu, e così è stato. E poi adesso mi tocca sopportarlo fino al prossimo anno!. Questa è una delle tante storie che rendono così particolare il Palio di Siena. EQ

7 La storia di Antonio Zorro Rovetto A ntonio Rovetto nasce nel 1947 a Villafrati, in provincia di Palermo, a non molta distanza da quella Lercara Friddi che, come vedemmo in una precedente occasione, dette i natali a Saro Pecoraro. E le storie di Antonio e Saro si intrecceranno poi in più di un occasione, anche se prima di arrivare in Toscana i due non si conoscevano. Le prime corse a pelo sulla strada ma ben presto, ancora ragazzino, inizia una storia di emigrazione, destino comune a tanti di quella terra, in quegli anni. Prima a Empoli in una vetreria, poi in Svizzera a posare cavi di telefono, un esperienza finita presto perché il lavoro mancava anche lì. Poi la Germania, operaio in fabbrica a 18 anni. Ma è in Germania che Antonio comincia a montare sul serio, che ottiene la prima patente di allievo fantino. Il ritorno in Italia a Roma, a Milano con Armando Maggi, in Toscana prima con Otello Menichetti, lo zio di Riccardo, poi un lungo sodalizio con la scuderia Mantova (la prima corsa vinta a Livorno fu proprio con una mantovana, Santa Maria Formosa) e con la Razza Pescaia del conte Tolomei. Ma Antonio fu soprattutto un freelance come si direbbe oggi, uno che montava per chi lo chiamava e lo chiamavano in molti in quelli anni 70/ 80, i più si da cavallo tutto finiva lì. Anche se una volta, in corsa a Livorno, volarono nerbate che sembrava di essere al Palio. Eravamo più o meno dal Contadino, avevo il cavallo in mano e lui mi prese per le briglie. Lasciami, lasciami, gli urlai. Lui niente, allora alzai la frusta. Cose che succedevano, allora non c erano tutte quelle televisioni (dice proprio così, n.d.r.) come oggi. mente il Premio Gazzetta dello Sport. Smette di montare in corsa a 50 anni ( alla fine non ce la facevo più, stavo ritto come certi gentleman poco allenati ) e per alcuni anni resta attivo come allenatore, prima di arrendersi all evidenza di un mondo sempre più difficile, nel quale oltre alle doti personali non si può fare a meno di mezzi e di fortuna. Il presente è a BolSul finire della carrie- gheri, da Ovidio Pessi ra Antonio diventa anche per la Dormello Olgiaallenatore-proprietario ta, il lavoro al mattino, Antonio Rovetto in un momento del suo lavoro a Bolgheri e trova il modo di avere a 63 anni, per poi vedere in casa un cavallo che lo in corsa la giubba bianfulgidi della sua carriera, Criterium Labronico, il la giubba a strisce gial- renderà felice. Si chia- cocrociata indossata da qua in Toscana finalmen- Rook con Lagopo, l An- lo-viola che in Italia, in mava Lost Trail, diventò altri. te diventata la sua terra dreina con Lanceolata quegli anni, era quella di un ottimo passista. Lo d elezione. della Pescaia. Ma il ca- Antonio, un altro dei fra- avevo acquistato a Roma La vita è questa, sivallo simbolo di quegli telli Pecoraro. tramite l agente Panetta gnori. A volte prende, a Di sapere il nume- anni fu, per Antonio, il per pochi soldi e ci vinsi volte dà. E non è detto ro esatto di corse vinte famoso cavallo-banca, A questo punto volto tanto, direi una dozzina che i conti tornino semnemmeno a parlarne, ma quel Blue Team (per il e voce di Antonio si ve- di corse fra cui anche de- pre. un conto approssimativo training di Saro Peco- lano un po di malinco- gli handicap importanti è presto fatto. Ho mon- raro) con il quale vinse nia, se non di tristezza. a Milano, uno fu sicura Francesco Parducci tato in corsa per quasi 30 l Arno e poi arrivò se- Pensando, capisco o creanni racconta ora con condo nell edizione del do di capire, a qualcosa una punta di rimpianto centenario del Città di che avrebbe potuto es per un paio di decenni Varese. Sempre in quegli sere e non è stato. Col non ho mai vinto meno anni ci fu la vittoria di un senno di poi mi dice di 50/60 corse all anno, altro Arno con Safatu, avrei dovuto restare là. per cui direi intorno alle una femmina dei Brotini, Ma qui in Italia c era la corse. Una bella anche questa allenata da famiglia, come si faceva cifra davvero, se rappor- Saro. Nel mezzo a tutta a lasciarli soli per tanto tata all epoca, quando questa messe di vittorie, tempo? Sia come sia, le occasioni erano assai anche una trasferta negli Antonio torna, continua minori di adesso, quan- Stati Uniti dove lavorò e a vincere tanto in Toscado di correre al lunedì o montò proprio per uno na dividendosi il grosso di mattina non si parlava dei fratelli di Saro, Mat- della torta con Vincenzo neppure. teo. Anche due vittorie Di Maggio, altro big di all ippodromo di Gulf- casa nostra in quell epotanta quantità, ma stream Park, nei pressi ca. C era una grande anche qualità. In Tosca- di Miami, mi mostra due rivalità fra noi, inutile na ho vinto praticamente foto che ritraggono tutto negarlo. Eravamo queltutto ad eccezione pur- il gruppone degli italiani li che montavano più di troppo del Premio Pisa. sorridente intorno a lui tutti e quindi vincevamo Due volte il Grosseto, il vincitore al rientro con di più. Ma una volta sce1978: foto ricordo dopo la vittoria nella Corsa dell Arno con Blue Team willy the jockey Antonio Rovetto vince anche a Gulfstream Park in Florida Antonio Rovetto ha due figli, Samuele e William. Il maggiore di età, dopo aver lavorato come artiere con il padre, ha lasciato il l'ippica e adesso lavora in un altro settore. William ha mosso fin da piccolo i primi passi tra i cavalli al "Caprilli", sempre con l'ambizione di fare il fantino. La foto a lato è del 1994 e lo ritrae in una posa molto spavalda all'età di 13 anni non ancora compiuti, naturalmente all'ippodromo livornese. Il sogno di Willy si è poi materializzato e ha svolto la professione di fantino, aiutato anche dal peso sempre leggerissimo. Oltre 1000 le corse alle quali ha pertecipato, più di 100 le affermazioni ottenute. Ma poi Willy si è stufato e due anni fa è andato a fare esperienza in Dubai dove ha lavorato e anche montato. Poi la svolta e dalla primavera scorsa è entrato nella squadra di Godolphin come work rider e ha così passato la sua prima stagione estiva di lavoro a Newmarket. Tra poco il ritorno in Dubai.

8 L MIRÒ SI MOSTRA NEL BLU o spettacolo del cielo mi sopraffà. Sono sopraffatto quando vedo la luna crescente o il sole in un cielo immenso, scriveva Joan Mirò ( ), pittore catalano amico di Picasso e dello scrittore Hemingway e vicinissimo ai surrealisti che amava perché, scrive Mirò, non considerano la pittura come un fine a se stesso. Eppure Mirò non è proprio un surrealista, la sua non è arte automatica, inconscia, più che altro è spontanea e naturale, vicina alla realtà della campagna e della guerra. IL PITTORE E POETA FIGLIO DEL MEDITERRANEO IN ESPOSIZIONE A PISA partire dalla semplicità della natura e della campagna catalana. Mirò, quando crea, è sempre in sintonia con il mondo intorno: profondamente colpito dall immensa quiete di una campagna catalana, dal firmamento, dalla bellezza di una donna, e la campagna catalana si vede. Questi spazi vuoti, gli orizzonti vuoti, le pianure vuote che procuravano una forte impressione al pittorepoeta, che paragonava il suo lavoro a quello di un giardiniere. La mostra inizia proprio da qui: alcune opere ispirate al mito di Dafne e Cloe e a quello del Minotauro; opere che esprimono il suo attaccamento alla terra, il nostro patto originario con la natura che, però, la crudeltà dell uomo ha strappato in modo brutale; eravamo negli sconvolgenti anni della guerra mondiale e dell inizio della dittatura franchista e Mirò reagirà al disastro mondiale sperimentando nuove strade, quella della pittura selvaggia e arrivando a dipingere persino con la marmellata! Eppure la sensazione che trarrete da qualsiasi opera di Mirò è sempre vicina a un sentire metafisico, irreale, inspiegabile. E non si tratta solo di pittura in senso tradizionale: di lui abbiamo anti-dipinti, i cosiddetti collage-oggetto, i dipinti onirici, i dipinti-collage e i dipinti-poesia. Ebbene sì, il Pittore Mirò amava profondamente la poesia e poesia si respira davanti a ogni opera che ti regala la sensazione di andare oltre l apparente e di scoprire significati profondi Per Mirò iniziare a e mitici, archetipici, a dipingere è come rice- ANGOLO DELLA POSTA Paragoni illustri Ho l occasione di leggere il vostro giornale e mi complimento. Siete rimasti l unica bandiera di questa nostra povera ippica. Da vecchio appassionato del galoppo sono rimasto impressionato in questi ultimi anni dall affermazione di giovanissimi fantini, fra l altro, se non sbaglio, cresciuti alla scuola per allievi di San Rossore. I tre fantini sono Fabio Branca, Nicola Pinna e Umberto Rispoli che indico volutamente in ordine alfabetico. E allora mi viene spontaneo, io che credo di aver visto nella mia vita (ho 87 anni) migliaia di corse, questi paragoni. Branca ha la classe, lo stile e compostezza di un Sergio Fancera, Pinna ha la solidità di un Camici ma Rispoli ha la fantasia, la genialità e la forza di un Paolo Caprioli che per me è il più grande fantino della storia del galoppo italiano (la pensava così anche Camici). Francesco Bonistalli Milano Ringraziamo il signor Bonistalli per i suoi complimenti e anche per la sua incrollabile passione e gli confermiamo che i tre ragazzi sono usciti dalla scuola per allievi di San Rossore. In quanto ai paragoni fra fantini di epoche diverse, ognuno ha le sue preferenze e non vogliamo entrare nel merito delle valutazioni. Certo è che i tre paragoni espressi sono tutti prestigiosi e i tre giovani fantini possono andarne ben orgogliosi. Per ricevere questo giornale e per inviare la vostra posta: fax ra Danseuse espagnole, del 1923, proveniente dal Musée des Beaux Arts di Bruxelles. vere uno shock fisico che diventa quel particolarismo pittorico di molte suo opere; la rappresentazione precisa e calligrafica che rende i minuti dettagli del paesaggio contadino catalano fa pensare alla trasformazione simbolica del reale, alla creazione di un paesaggio archetipico dietro quello quotidiano. In questo modo trasporta la Mediterraneità su orbite mitiche, verso la dimensione rarefatta della Poesia che il Pittore amava profondamente per la sua capacità di farti andare oltre e di scoprire significati profondi e mitici, archetipici ma sempre a partire dalla semplicità, dall immediatezza dei gesti naturali: L arte popolare mi ha sempre commosso. In quest arte non ci sono trucchi, non ci sono imbrogli scrive sempre Mirò, nella cui opera ricorre spesso il tema degli uccelli, delle stelle ma anche dei fiori, degli insetti, degli attrezzi del contadino, delle lumache e della bellezza femminile come nell ope- IL SAN ROSSORE TURF CLUB Per Mirò creare è sempre una tensione, un viaggio alla ricerca della speranza, la tribolazione del reale è un trampolino di lancio verso l infinito della quiete interiore, una tensione scrive ancora Mirò che non dovrebbe essere prodotta da sostanze chimiche come alcool e droghe. L atmosfera che favorisce questa tensione è qualcosa che trovo nella poesia, nella musica, nell architettura, nelle mie passeggiate quotidiane, in certi rumori: il rumore dei cavalli nella campagna, le ruote di legno di carri che cigolano lungo la strada, il suono dei passi, grida nella notte, grilli. Dalla matericità delle sculture-oggetto, fatte con corde e sacchi, ai dipinti, ai dipinti-poesia, dove tratto dipinto e parola scritta hanno la stessa importanza, fino agli haiku illustrati, micropoesie corte, essenziali, Mirò esprime sempre l amore per la semplicità: Le cose più sempli- ci mi danno delle idee. Fino alle ultime tappe del viaggio che la mostra ci offre, dalle stelle metafisiche della Poesia al grande mito della Madre Natura, ai simboli chiaramente fallici e mitici nelle figure dei volatili, alle pennellate piene e dense di nero, rosso, azzurro. Agli sfondi rarefatti in cui spesso la donna appare stuprata da un uccello, la donna-natura coi suoi cicli di rinascita e distruzione, cicli mitici e orrori quotidiani che ancora oggi ci portiamo dentro. Bello poter pensare, più o meno, alla fine della nostra visita, anche noi quello che Mirò confessava nei suoi scritti: Bach mi impartisce superbe lezioni di architettura. Mozart, con la sua purezza, con la sua generosità e col suo amore, evoca l amore. Tutti ci aiutano a vivere tra tanta bassezza e volgarità! Tutti, anche Mirò, questo figlio del Mediterraneo, del mare Nostrum, che ci aiuterà a vivere momenti di emozioni immense e di naturalezza, momenti ormai paradossali e rari in questa strana e complicata epoca virtuale! Gianluca Garrapa ecco chi sono Due eventi di natura completamente opposta hanno toccato da vicino il San Rossore Turf Club alla fine dell estate. Il primo, gioioso, ha visto il socio Stefano Pampana, stimato veterinario che lavora con l allevamento SAB di Besnate nella sua filiale umbra di Umbertide, convolare a nozze con Valentina Scaramelli il 27 di agosto. L altro è invece molto triste e riguarda la morte della signora Luisella Del Lupo, moglie del nostro socio Guido. Il presidente del SRTC, Mauro Bellatalla, ha espresso a nome di tutti i soci del Club la vicinanza alla famiglia della nostra apprezzata amica che la domenica alle corse era una presenza costante nella club house. Ricordate questa foto pubblicata sul numero scorso in "Come eravamo..." a pagina 7? La foto, bellissima, saltata fuori dal nostro archivio, non riportava luogo, data ed evento: e allora, chi erano i soggetti ritratti, personaggi di un altra epoca rimasti senza nome? Il nostro fedelissimo lettore, Rino Arnotti (soggetto lui stesso di uno dei nostri passati articoli) ha riconosciuto buona parte dei protagonisti. Il fantino è John Sumter (giunto anche terzo con Orpello nel premio Pisa del 1930 vinto da Noa Noa), Joseph Welan è il proprietario che tiene a mano il cavallo mentre, defilato dietro a lui, Luigi Regoli scorta il vincitore. Un grazie ad Arnotti che ha svelato il nome di tre dei quattro ricercati.

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Comunicato stampa venerdì 13 gennaio 2012 INCHIESTA DELL ASSESSORATO AL TURISMO SUL NATALE APPENA TRASCORSO: I CITTADINI RISPONDONO In conclusione del Natale, il Comune

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010

Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010 Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010 Quest anno per la solita gita che facciamo tra Natale e Capodanno decidiamo di cambiare meta, non più la ormai (per noi) tradizionale toscana, toccata negli

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Credevo di essere un fisico

Credevo di essere un fisico Credevo di essere un fisico Giorgio Roncolini CREDEVO DI ESSERE UN FISICO biografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giorgio Roncolini Tutti i diritti riservati A mia moglie Anna Ai miei figli

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne materiali www.samuelbeckett.it La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne di Larry Lund Nel 1953, con la somma ereditata dopo la morte della madre, Samuel Beckett acquistò una piccola casa a Ussy-sur- Marne,

Dettagli

Spazio Tex SPAZIO TEX SI PREPARA AL NATALE. Cosa segnaliamo. Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013

Spazio Tex SPAZIO TEX SI PREPARA AL NATALE. Cosa segnaliamo. Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013 Notiziario Spunti Riflessioni Suggerimenti Annotazioni Segnalazione Eventi Collaborazioni Spazio Tex Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013 Cosa segnaliamo LIBRI IN GIRO, LETTORI CERCASI SPAZIO TEX

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Linea A 1. BATTISTINI

Linea A 1. BATTISTINI Linea A 5 1. BATTISTINI È lunedì. Una nuova settimana comincia. Come tutte le mattine, il signor Duccio Pucci sta andando a lavorare. - Il lavoro, il lavoro, sempre il lavoro Ma perché devo lavorare così

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OPENLAB - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

pissarro l anima dell impressionismo family guide

pissarro l anima dell impressionismo family guide pissarro l anima dell impressionismo family guide +5 CAMILLE PISSARRO Il giovanotto che vediamo rappresentato è Camille Pissarro. Dipinge questo autoritratto poco prima dei 25 anni. Da un isola delle Antille

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

per Scuole Calcio ACMilan

per Scuole Calcio ACMilan Torneo di Primavera per Scuole Calcio ACMilan Trieste 26, 27 e 28 marzo 2016 PROGRAMMA Pasqua 2016 a Trieste Campi sportivi di Borgo San Sergio ASD Trieste Calcio Via Laura e Silvano Petracco 8 34148 TRIESTE

Dettagli

99^ GIRO D ITALIA: PRESENTATE A MILANO LE MAGLIE 2016 E LA NUOVA MADRINA, GIORGIA PALMAS

99^ GIRO D ITALIA: PRESENTATE A MILANO LE MAGLIE 2016 E LA NUOVA MADRINA, GIORGIA PALMAS 99^ GIRO D ITALIA: PRESENTATE A MILANO LE MAGLIE 2016 E LA NUOVA MADRINA, GIORGIA PALMAS Presenti al vernissage anche Giacomo Nizzolo (vincitore della Maglia Rossa al Giro 2015), il pilota di moto Marco

Dettagli

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 15, indicando una possibile scansione delle

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA.

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA. CELI 3 2 fascicolo UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA (Punteggio della prova: 20 punti) Tempo: 45 minuti Cognome

Dettagli