Quattordicesimo Capitolo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quattordicesimo Capitolo."

Transcript

1 Quattordicesimo Capitolo. Agosto Remus si domanda, mentre il treno giunge alla stazione, perché sta indossando una sciarpa in Agosto. Apparentemente, lui sa perché sta indossando una sciarpa: sua madre pensava che, durante il viaggio in treno, potesse far freddo, o potesse fare un freddo fuori stagione nel Devonshire, o potesse aver bisogno di strangolare un serial killer sul treno e una sciarpa sarebbe tornata utile. Comunque, ora che il treno sta arrivando alla stazione e sua madre non gli sta più avvolgendo la sciarpa intorno al collo per diciassette volte -- piuttosto come per cercare di strozzarlo invece che per protezione contro gli elementi atmosferici e contro un inatteso ma senza dubbio tragico futuro -- Remus si domanda perché sta ancora indossando la sciarpa. Un senso di lealtà, forse, o del dovere, o per il semplice fatto che profuma di buono. Va tutto bene, Lupin, dice a se stesso. Non sembrare troppo entusiasta, i Potter sono brave persone ma non sono così brave. Lancia uno sguardo molto furtivo fuori dalla finestra mentre il treno sta rallentando, alcune famiglie qui e là attendono i loro parenti che senza dubbio disprezzano, c'è un piccolo grasso uomo con un cappello molto grande, un gruppo di giovani maghi che cercano, senza riuscirci, di sembrare babbani. Ancora nessun Potter. Remus scarta e scarta e riscarta la sua Cioccolata da Treno. Finiscila di essere nervoso, si ripete, mentalmente, per la millesima volta. Queste sono persone per bene che non ti mangeranno. Non ti metteranno delle caccabombe nel tuo letto perché sono brave persone e non ti mangeranno. Il treno si ferma con lo stridore dei freni, svegliando bruscamente una vecchia strega dall'aspetto esausto sul sedile davanti a lui, che si stira largamente e gli mostra un sogghigno senza denti. "In vacanza, figliolo?" dice con una voce che suona come un foglio di carta antico. "Sì," dice Remus. Provare a sorriderle mentre contemporaneamente scruta la piattaforma in cerca dei Potter ancora assenti, cosa che gli sta affaticando gli occhi. "Non toccare le pecore," mette in guardia la vecchia strega. "Ho letto di turisti che toccano le nostre pecore. E non ha mai fatto del male a nessuno, una pecora." Dopo avergli dato un lungo e angusto sguardo, pieno di profonda accusa, si riaddormenta prontamente. "Ehm, non lo farò," dice Remus, parlando quietamente, per non svegliarla. Con un ultimo sguardo intontito, prende la sua valigia dal portabagagli e corre fuori velocemente. La piattaforma è velata dal vapore. Remus cerca di non sembrare come sta sembrando, ma il suo cuore inizia a inabissarsi o il suo stomaco sta iniziando a lievitare. Uno di quei ragazzi non molto babbani gli sta lanciando uno sguardo languido, e Remus non lo biasima. La sua Cioccolata da Treno sta cominciando a sciogliersi nelle sue tasche e suppone che la grande macchia scura sui suoi pantaloni e il fatto che stia ancora indossando una grande sciarpa pungente, che senza dubbio gli ha fatto venire un'irritazione per il caldo, lo rendano poco raccomandabile. I tuoi pantaloni sono stati spiaccicati dalla cioccolata ma non c è bisogno di essere nervoso a riguardo. Remus si rosicchia il pollice. Si toglie la sciarpa. La tua faccia si sta riempiendo di grosse bolle causate dalla lana ma non c è bisogno di essere nervoso a riguardo. Remus si domanda se un fazzoletto possa aiutarlo con il casino nelle sue tasche. Ci ficca un dito dentro. La cioccolata è sempre buona, non importa quanto appiccicosa. Adesso c è del cioccolato sulle tue bolle e comunque chi è quell'uomo che ti sta guardando come se non avesse mai visto un matto prima, ma non c è bisogno di essere nervoso a riguardo. "Sorridi," dice Sirius ad alta voce dietro di lui. Il flash della macchina fotografica scatta. 1

2 "Vuole conservare questi delicati e teneri ricordi," spiega James. "Sono cieco," dice Remus. "Beh sembri pieno di brio," dice Sirius. "C'è della cioccolata nella tua tasca o sei --" "Beh è molto caldo," mormora Remus permalosamente. "Questo spiega quella cosa molle," dice James saggiamente. La macchina fotografica scatta di nuovo, Remus si muove bruscamente. "È per forza necessario, Sirius?" "Sì," dice Sirius. "Non riuscivo a vedere bene la macchia nell'ultima. È davvero fantastica. Vuoi un paio di pantaloni in prestito?" 2

3 "Resteremo per molto in pubblico?" mormora Remus. "Potrei camminare davanti al tuo culo," propone James. "O dietro, suppongo. Farti da scudo contro gli sguardi altrui. O averli tutti per me." "Assomigli proprio ad un maniaco," dice Peter, e ridacchia. "Bene!" dice Sirius ufficialmente. "Non sprechiamo ancora più tempo in questo deserto culturale. Chi viene con me sulla moto ad afferrare le mie spalle virili, adorandomi, e chi va sul tappeto con i Potter?" "Io non ci vado con mamma," dice James velocemente, alzando la mano. "Non lo so," inizia Remus, e poi si acquieta. Sono solo i genitori di James. Non ha bisogno di James per stare con i genitori di James. I genitori sono facili: possono parlare di letteratura e di quello che ha fatto Remus questa estate e in mezz'ora sarà finito, che è più di quello che può dire per questa sempre più incauta visita. "Sono solo le mie spalle che vuoi," si pavoneggia Sirius, "dato che i momenti in cui ti appartengono sono fugaci e pochi." 3

4 "Va bene, sì, lo sappiamo," dice James, "hai una ragazza di nome Sophie che ti sussurra paroline dolci in francese all'orecchio tutta la notte. Buona fortuna, vecchio ragazzo, ma non importa più a nessuno." Sirius tiene la mano a coppa dietro l'orecchio. "Quella è gelosia, signor Potter? Percepisco il suo clangore di discordia nell'altrimenti armoniosa aria estiva?" "Non sono geloso," dice James. "Sono soltanto preoccupato del fatto che lei passi così tanto tempo a leccare parti di te che, come ho visto durante l'inverno, gocciolano e si raffreddano spesso." La macchina fotografica scatta. "Reperto C: James Potter, geloso, alla stazione." Sirius sorride radiosamente. "Tappeto," dice Remus in modo deciso, sollevando la sua valigia e uscendo dalla stazione. "Sono così da tre giorni," dice Peter, correndo per raggiungerlo. "Non è colpa loro, però. Sophie è -- cioè, è -- beh, lo sai. Hai visto le foto?" 4

5 "Non lo so," gracida Remus. È la verità. Non lo sa. "E sì. Le ho viste." Presume che Sophie sia, in effetti, molto attraente. Presume che, dopo tutto il chiasso che i loro amici hanno fatto sin dal loro primo cenno di pubertà, e prima di quello, facendo finta che già ce l'avevano avuto, lei sia forse il culmine della Ragazza, la definitiva Cleopatra, un trionfo degli dei e il Solo Obiettivo dell'adolescente Maschio. Si domanda se James balbetti davanti a lei e quanto spesso Sirius si sia inciampato sui lacci degli stivali per farla felice. Si domanda se, quando escono, la gente li fissi e Sirius si gonfi come uno di quei pesci palla, con un aspetto tutto spinoso e poco attraente. Si domanda se Peter diventi rosso come un peperone e inizi a dire in continuazione battute da rimorchio -- una strana e in un certo senso penosamente riflessiva abitudine che ha sviluppato in qualche modo. Remus si domanda perché le ragazze molto attraenti sembrano mandare i ragazzi in un simile turbine di miseria, follia e inconsistenza. Remus capisce che, esteticamente, Sophie è senza dubbio la Venere Di Milo delle relazioni estive. Capisce che James diventa un idiota con la lingua a penzoloni di fronte alle ragazze e che Peter diventa untuoso e repulsivo e che Sirius diventa inquietantemente disponibile, e capisce che lui, se stesso, non riesce assolutamente a capirne il perché. Sono solo ragazze. Sono persone, solo che hanno i seni. Spesso è molto bello parlare con loro. "Quella macchia," sta dicendo Peter, "è veramente inopportuna da dietro." *** I genitori di James sono immancabilmente amichevoli e premurosi come Remus sperava, nonostante trovi che la mamma di James sia vagamente intimidatoria, e il papà offri a Remus una visione del proprio futuro che è contemporaneamente terrificante e confortante. Gli hanno sistemato un letto nel soggiorno, completo con orsacchiotto appollaiato sulla federa gialla, la quale inclusione ha provocato uno schiamazzo tra James e la madre sull'inclinazione della signora Potter a svelare le parti più segrete dell'infanzia di James. "Mi sento male," dice Remus, tenendo stupidamente l'orso per il braccio. "No," dice Sirius, in modo consolatorio. "Non è veramente imbarazzato. Davvero. Penso che abbia paura che tu versi qualcosa sul Signor Toodles." Fissa Remus con uno sguardo intenso. "Non verserai qualcosa sul Signor Toodles, vero?" "Non potrei," dice Remus. "Guarda che faccino dolce." Un quasi silenzio cala. Remus può ancora sentire James e la madre che stanno litigando, lanciandosi insignificanti oggetti domestici come cuscini e orologi. Almeno, è quello che sembra. Remus suppone che la madre di James debba avere un braccio incredibile. Ed ecco l'insalatiera, pensa Remus quando qualcosa si fracassa e James strilla e un cane di due case più giù ulula come un matto. Non è per niente come casa sua. Remus non si ricorda di aver litigato sul serio con i suoi genitori: schivano sempre le discussioni e tutti si sentono colpevoli ma in silenzio. La sua mamma e il suo papà hanno smesso di litigare tempo fa. Suppone che pensino che non sia una cosa buona per lui. Invece, parlano tranquillamente di soldi quando origlia e si sorridono felicemente durante la cena, mentre qualche volta lui sente come se fossero tutti dei fantasmi molto in carne e ossa, e i sorrisi felici sono felici. Si amano, dopotutto. "Allora," dice Sirius, rivolgendosi evidentemente al soffitto. "Ah," concorda Remus. "Dove sono le mie mutande?" dice Peter a voce alta dal bagno degli ospiti. "Non indovinerai mai," sussurra Sirius. "Con i piatti sporchi," risponde Remus. "Cazzo," dice Sirius. "Come ci riesci?" 5

6 "Pratica," dice Remus. Si sta chiedendo quale sarà la prossima parte di un'inutile conversazione che dovrà farfugliare quando dal piano di sopra giunge l'inconfondibile suono di qualcosa di enorme che si è schiantato, come una palla di cannone, sulle assi del pavimento, seguito da un silenzio assordante. "Armadio?" suggerisce Remus. "Tregua," lo corregge Sirius, annuendo sapientemente. *** Sophie è, come promesso, la Venere Di Milo delle relazioni estive: aggraziata, snella, e impossibilmente adorabile, con modi impeccabili e un accento come la cioccolata fondente che fa pensare Remus a tutti i caffè parigini dove Fitzgerald ha scritto e che lui non visiterà mai. Stringe persino le mani bene. Decisa. Buona intesa con lo sguardo, pensa Remus stupidamente. James, che in occasioni precedenti ha disprezzato la stretta di mano femminile come l'universale avvelenamento del gentil sesso, probabilmente ha avuto un attacco di cuore. "Ehm," dice Remus. "Così tu sei Sophie. Piacere di conoscerti. Sirius parla continuamente di te." Sirius, che sta a sei centimetri dietro Sophie con la mano appoggiata in modo protettivo sulle sue reni, si sposta un po' e ammicca al pavimento. "Così tu sei Remus," dice Sophie, con un misterioso piccolo accenno di sorriso che sembra non lasci mai il suo volto. "Potrei dire lo stesso, hmm? Anche se," inclina indietro la testa per guardare Sirius, che sta sorridendo ora, "non ha mai detto che eri così bello. Tralasci," in un sussurro più segreto e intimo, chiaro solo a Sirius, "sempre le cose più importanti." Sirius borbotta qualcosa riguardo al non volere accumulare troppa competizione e la bacia sulla punta del naso piuttosto a lungo. Remus si sposta da un piede all'altro per un momento e si domanda cosa dovrebbe fare in questa situazione, e finalmente decide di guardare fuori dalla finestra come se qualcosa di molto interessante stesse accadendo nella fontanella degli uccelli. Sta immaginando effettivamente gli uccelli che sono completamente asessuali tra di loro nella fontanella. Ah, la sicurezza degli uccelli. Non gli piacciono particolarmente gli uccelli, e qualche volta ha questo incontrollabile impulso di inseguirli intorno al cordone del marciapiede, ma gli uccelli non hanno camusi nasi francesi e Sirius probabilmente non ne bacerebbe mai uno sul becco, a meno che non venga sfidato, o sia molto ubriaco. "Allora," dice Sirius, "uh, che stai guardando, Remus?" "Uccelli," risponde Remus senza pensarci. "Ma non ci sono uccelli," mormora Sophie. "Sono volati via," dice Remus. "Stavo pensando a -- agli uccelli che non ci sono." "È una cosa molto profonda, Remus." Sophie dice il suo nome come se fosse stato sempre francese -- il che è, si ricorda Remus, generalmente il modo in cui i francesi dicono tutto: come se fosse stato sempre francese. Rrre-mù. Vuole rammentarle che, in verità, c'è una S alla fine del suo nome, e che gli piace, ma gli occhi di lei sono così neri e rotondi e circondati da spesse e lunghe ciglia e pieni di ombretto femminile che lo distraggono prima che le parole si formino. "Non mi avevi detto che i tuoi amici guardano gli uccelli che non ci sono." "Io guardo gli uccelli che non ci sono," dice Sirius velocemente. "Continuamente." "Mm," dice Sophie, alzando un sopracciglio. Remus si rende conto che gli piace. Non vuole baciarla o succhiarla sul naso come Sirius stava facendo prima. Nemmeno vuole diventare goffo intorno a lei come James o sbavare per lei nel sonno come Peter. Ma, a dispetto di se stesso, e contro l'ordine naturale delle cose, a Remus piace questa ragazza francese che è piombata nella sua vita e che gli ha rubato gli amici. È sbalorditivo. 6

7 C'è qualcosa di sbagliato in lui. Vuole che gli parli della Francia. "Allora," dice Sirius di nuovo. "Uccelli," dice Remus, che non è esattamente quello che intendeva dire. Può ora, avendo già detto uccelli, pensare a ventimila cose da dire, incluso, in toni soavi, 'Allora, Sophie, da quale parte della Francia hai detto che vieni?' perché lei ancora non l'ha detto, e porterebbe a una conversazione, che è quello che le persone normali fanno. Ma ora ha detto uccelli, e lei gli sta sorridendo come se fosse pazzo, cosa che non è molto lontana dalla verità. Si domanda, per un breve e terrorizzante momento, se questo è sentirsi come James, per tutto il tempo. "Remus," mormora Sophie. Infila un braccio nel suo e mette una piccola, fredda mano sulla sua spalla. "Ti va di camminare con me fino al tavolo da pranzo?" "Ehi, aspetta un attimo," guaisce Sirius indignato, ma Sophie si volta parzialmente e mette una mano sulla guancia di lui e gli sussurra qualcosa nell'orecchio e lui si calma, sebbene si muovi leggermente di scatto. "Ehm," dice Remus, preoccupato e perplesso. "Nessun problema," mormora Sirius. Guarda torvamente l'aria oltre il suo orecchio. "Te l'avevo detto. Pappa e ciccia." *** *** "Beh, tu le piaci," dice James lascivamente in una voce pesante di suggerimento, quando lui e Remus e Peter stanno giocando a Carte Esplosive nella sua camera dopo cena, e Sirius e Sophie si stanno dicendo i loro lunghi addii al piano di sotto. "Sai una cosa, Moony, gioca bene le tue carte e potresti far parte di una piccola partita canina a tre." La mano di Remus esplode vicino alla testa. 7

8 "Ho ancora il naso sulla faccia?" è la prima cosa che pensa di chiedere. Le carte, quando assalgono la sua carne, sono evidentemente molto affilate. "Grosso come sempre," lo informa James. "Che iella." Remus sussulta e si accinge a scegliere le sue carte, cercando di non mostrare l'intensità delle sue ferite. "Se ti ci metti di impegno ad ascoltare," sussurra Peter, "puoi sentire i suoni che fanno. Sono molto bagnati. I suoni. Che fanno. È sorprendente che le labbra siano ancora, sai, sulle loro bocche." "Peter," dice James, "quello è veramente disgustoso." Remus apre la bocca per aggiungere qualcosa a quello, ugualmente raccapricciante, ma James mette un dito sulle labbra, l'universale segnale del Sta Zitto Perché Voglio Ascoltare. Domani, Remus comprerà i tappi per le orecchie. Oggi, Remus si nasconderà nel bagno. "Bagno," dice Remus solo con il movimento delle labbra, e fugge verso il rifugio. Purtroppo, il bagno è stato riempito di prodotti cosmetici da Sophie, tutti sistemati ordinatamente, e di un profumo attraente, e del casino di Peter, e di asciugamani bagnati, e del vapore del bagno recente di qualcuno. Remus si mette a sedere sul water con la tavoletta abbassata e tampona il naso con un batuffolo di fazzoletto. L'eco del suono dei baci, che schioccano e succhiano e tirano e leccano, rimbalza sui muri piastrellati. Questo non è come Remus si aspettava che la sua vacanza nel Devonshire fosse. Pensava che sarebbe stata divertente, piena di cose che James e Sirius avrebbero fatto insieme che lui non capirà mai, ma che ne è stato sempre affascinato. Pensava che ci sarebbero stati scherzi e la cucina della mamma di James e le parate in nudità per tutto il giorno afoso, spaventando i vicini. Potrà passare tre settimane a sentirsi come se ci fosse una barretta sciolta di cioccolata che sta macchiando il fondo dei suoi pantaloni? *** Apparentemente, ci sono cose peggiori: Remus se ne rende conto quando si trascina con passo malfermo e sbadigliando nel bagno il mattino del quarto giorno per poi trovare Sirius che esce dalla doccia in un tipico après-doccia d'alta moda. "GNAUGH," urla Sirius, e prontamente cade nella vasca da bagno. "SCUSA," dice Remus in modo soffocato, e poi rimane congelato sul pavimento come un completo ebete per quello che sembra un'ora, mani inutilmente ai lati, serrando gli occhi. Ci sono suoni bagnati e sdrucciolevoli di qualcuno che si arrampica sulle piastrelle, e poi la voce di Sirius, senza fiato, dice, "Cristo, pensavo che fossi la mamma di James." Remus si sente come la mamma di James. "Bene," dice, sentendosi oppresso. "Scusa. Non sapevo che ci fosse qualcuno dentro." "È lecito, Moony, siamo solo noi, ci siamo già visti nell'insieme, nessun torto fatto." Le parole di Sirius si inciampano l una sull'altra, ingrandite dai muri piastrellati e dal vapore che riscalda il viso di Remus e che gli arriccia le punte dei capelli. Nell'insieme, nell'insieme, nell'insieme diventa sono nudo, sono nudo, sono così, così nudo. Remus apre leggermente un occhio. Sirius, in assenza di un asciugamano a portata di mano, a parte quello che penzola intorno al collo di Remus, si è coperto con la tenda della doccia. Una piccola gialla decalcomania di una papera sta chiaramente tra le sue gambe. Remus sente la bolla dell'isteria che gli graffia la gola. "Bene, beh, posso usare la doccia quando hai finito," dice Remus, artigliando dietro di sé la maniglia. "È tua," sussurra Sirius. "Ah...ah." "Grazie," dice Remus, e poi improvvisamente cade all'indietro quando la porta si apre apparentemente di sua spontanea volontà. 8

9 "Oops!" esclama la madre di James allegramente, sollevando le sopracciglia. "Scusatemi, ragazzi! Non volevo disturbare! Ci sono le uova per colazione, non vi dispiacciono strapazzate, vero?" Remus la guarda a bocca aperta, e non riesce a formulare delle parole. "Amo le uova!" dice Sirius dietro di lui. Almeno suona molto come Remus si sente. "Amo tutti i tipi di uova. Amo le uova strapazzate. Amo le uova alla diavola. Amo le uova fritte. Sode. Strapazzate. Ho già detto strapazzate. Le uova mi fanno questo effetto. Stupende uova. Deliziose. Non vedo l'ora!" "Beh, sbrigatevi a scendere prima che si raffreddino," rimprovera la signora Potter, facendo cenni espressivi con le sopracciglia. Remus apre e chiude la bocca diverse volte, e alla fine fa un suono come "nks," ma la signora Potter è già andata, chiudendo la porta dietro di sé. Remus raggiunge prudentemente la maniglia, la gira, e spinge. Non succede nulla. "Si dilata," dice Sirius in una voce vuota, "la porta, qualche volta, con l'acqua." "Argh," brontola Remus, e spinge di nuovo. C'è un silenzio molto lungo. "Dai," dice Sirius per esteso, "lascia fare a me." Ancora stringendo la tenda della doccia sopra le sue gambe, si muove a poco a poco attraverso il bagno. Remus si appiattisce contro il muro opposto, sentendosi molto distante dal suo stesso corpo. Se mai c'è stata un'esperienza extracorporale, pensa. Riesce a immaginare se stesso, che guarda se stesso, l'espressione sulla sua faccia, Sirius che sta per chiudere la doccia, e la madre di James che salta gaiamente giù per gli scalini senza domandarsi veramente perché i due amici di suo figlio erano nel bagno insieme finché non comincia a rompere le uova, e la sua mano si serra spasmodicamente e un povero uovo esplode su tutta la sua faccia e prende la salmonella, avvelenandosi in qualche modo per aver inspirato dell'uovo crudo, e deve essere portata all'ospedale e Remus sfrutta la confusione per scappare nella foresta, o in qualsiasi posto vicino al Devonshire, per fare amicizia con gli uccelli che non si fanno mai la doccia e sono sempre comodamente vestiti con le loro piume. Sirius gira la maniglia nell'altra direzione. Quello spiega ogni cosa. La porta fa un cortese piccolo cigolio e si spalanca. "Ecco qua," dice Sirius, osservando fissamente il soffitto. "Aperta." "Grazie," dice Remus. "Buona doccia! Forse dovresti chiudere la porta a chiave la prossima volta! La tua papera sta scivolando!" Senza aspettare alcun tipo di risposta -- cosa che probabilmente ucciderebbe entrambi -- corre e si nasconde sotto il letto finché la madre di James, che non ha ancora avuto la decenza di andare all'ospedale, chiama per dire che la colazione è pronta e l'odore della pancetta riesce a trascinarlo via dagli amichevolissimi conigli di pezza che lo amano senza tener conto della macchia scura che si sta allargando sul suo posteriore. *** "Allora penso," dice James, "che dovremmo andare a nuotare." Penso, dice il cervello di Remus, che dovresti stare sopra di me a decapitarmi dopo che mi sarò sventrato con un coltello rituale per riportare onore alla mia famiglia. "Senza Sophie," aggiunge James. "Non ho portato i calzoncini da bagno," dice Remus. "Niente nuoto. Devo restare a casa. Spiacente. Terribile. Divertitevi senza di me!" "I Malandrini," dice James fermamente, "non hanno bisogno di calzoncini da bagno." 9

10 Di Malandrino, dice il cervello di Remus fermamente, ce ne sarà uno in meno dopo che mi sarò affogato. "Va bene," dice la bocca di Remus. "Allora," dice Sirius, saltellando per la stanza e sfregandosi le mani entusiasticamente, "cosa abbiamo nel menù di oggi? Che genere di audaci imprese ci inventeremo? Devo lavorare domani sera, quindi niente che coinvolga mutilazioni o i miei capelli, ma a parte questo, sono affamato di avventura." "Sophie è occupata stasera?" chiede Peter innocentemente. Sirius si sgonfia leggermente. "Avrà una Serata tra Ragazze con le sue cugine. Che evidentemente nella vita reale non è affatto come nella mia immaginazione." "Non lasciare che ciò ti fermi," dice Peter incoraggiantemente, e Sirius gli lancia uno sguardo. "Andremo a nuotare," dice James. "Smettila di essere così pornografico. Cugine. Cosa c è che non va in te? In ogni caso: andremo a nuotare." "Fantastico!" dice Sirius, con grande entusiasmo. "Nuotare! Finalmente. Stasera è la prima volta dopo secoli che non ha piovuto. Odio quando non posso avere tre ore senza essere bagnato fradicio. Possiamo andare in quel posto in fondo al pascolo dove siamo andati l anno scorso? Oh, e James, posso fregarti un paio dei tuoi calzoncini, non ne ho neanche uno." "Da quando indossi i calzoncini da bagno?" dice James, completamente sconcertato. "L anno scorso hai detto, e cito, 'I calzoncini da bagno sono per gli elefanti e per gli effeminati.' Chi sei? Dov è il Padfoot che conosco, che lo sventolava da tutte le parti e spaventava gli uccelli?" "Beh, ho un uccello di una specie differente adesso," dice Sirius, diventando piuttosto rosso. "Non posso condividere l opulenza con chiunque, volente o nolente." "Beh, non ne ho un paio in più," dice James bruscamente e permalosamente, "allora dovrai fare, volente o nolente, come hai sempre fatto, come le persone normali. Tutti e due," aggiunge, puntando un dito accusatorio su Remus. "Sinceramente! Vestiti! Cos altro poi?" "Non avrei mai pensato che tu potessi fare pressioni sui vestiti," dice Peter a Sirius, rimproverandolo. "Stanno tutti impazzendo, tranne me." "E me," fa notare James. "Impazzerai una volta che saremo ritornati a scuola," spiega Peter. "Vero," dice James. "Ma alla fine tu non mi tradiresti mai indossando calzoncini da bagno per andare a nuotare." "Completamente nudo," concorda Peter. Remus languisce come un pallone schiacciato. "Non vedo l ora," dice Sirius. "Davvero." *** Remus tiene strategicamente l'asciugamano al suo posto. James non gli ha lasciato portare un libro -- sarebbe stato fin troppo ingegnoso, quanto utile, e Peter non gli lancerebbe sguardi strani ogni due minuti -- per cui Remus coverà per sempre un calmo e potente risentimento. James e Peter sembrano così a loro agio, nudi, spensierati, a fare le capriole. Beh, forse non proprio a fare le capriole -- più che altro a mangiare panini e ad aspettare che l'acqua non aggrinzisca la loro pelle per il freddo -- ma se volessero fare le capriole, lo farebbero. Se Remus volesse fare le capriole, inciamperebbe sopra il suo strategico asciugamano e si spezzerebbe il collo sopra le pietre in basso. Per fortuna, Sirius se volesse fare le capriole, dovrebbe uscire prima da dietro quell'albero, ma non sembra che lo farà molto presto. 10

11 "Andiamo, Pads!" urla James attraverso un boccone di tacchino. "Non è che non abbiamo mai visto prima d'ora il Piccolo Sirius. Cosa c'è di sbagliato in te? Sei coperto da vesciche?" "No," dice Sirius da dietro l'albero, molto accuratamente. Effettivamente sembra come se stesse considerando le sue parole, cosa che non è da Sirius ed è davvero un po' terrificante. "No, niente vesciche." "Beh allora cosa c'è?" geme James. Cade pesantemente a terra, esasperato. "Ti odio adesso. Mangerò il tuo panino." "Sei ingiusto," dice Sirius, voce seguita da qualche misterioso fruscio. "È solo che non ho nessun particolare desiderio di congelare i miei testicoli nelle acque sudice del Devonshire, grazie mille." "L'anno scorso," mormora James mentre si ingozza con la metà del panino di Sirius, "facevi le capriole nelle acque sudice senza preoccuparti nemmeno un po' dei tuoi preziosi testicoli." "L'anno scorso ero l'unico a cui sarebbero mancati se li perdevo," dice Sirius con tetro, lascivo divertimento. "Odio la francese," confida James a Remus. "Cosa diavolo stai facendo con quell'asciugamano?" "Io," inizia Remus, ma viene interrotto da un'esplosione di fruscio dietro l'albero di Sirius, seguito immediatamente dalla grandiosa entrata di Sirius. "Tada," dice. Getta le braccia al cielo. "Beh," dice James. "Sembra proprio che tu abbia trovato la foglia più grande del mondo per il cazzo più piccolo del mondo. Congratulazioni, Sirius. Ti ripudio! Ripudio. Sei morto per me. Mangerò tutti i tuoi panini, i morti non ne hanno bisogno." Remus comincia a classificare la foglia. È una specie di foglia da cespuglio, forse, con un contorno strano e spinoso, e leggermente marrone. O forse viene da un qualche tipo raro di felce, o da un altro tipo di pianta che causerà ai testicoli di Sirius un'improvvisa e incontrollabile irritazione. Il pensiero è crudele, ma incoraggiante. "Perché stai sorridendo, Remus?" mormora James. "Hai trasformato il tuo asciugamano in una gonna. La prossima cosa che so che farai sarà avvolgerlo e metterlo sotto le tue ascelle, prendere le ciabatte e una di quelle piccole cuffie per la doccia e cominciare a cantare operette." "Lo fa già," dice Peter, masticando una mela. "Remus ama le sue operette." "Riesci a sentirle?" chiede Remus, lievemente raccapricciato. "Moony," dice Sirius, in modo pietoso, "riusciamo a sentirle tutti." Non è affatto giusto, secondo Remus, essere accondisceso da qualcuno che indossa una foglia dalle misteriosi origini sopra i suoi cosi. "Dammi quei panini." "Oi, Peter, hai sentito qualcosa?" dice James, fissando in modo vacuo oltre la nuda coscia di Sirius. "Potrei giurare di aver sentito il vento mormorare: 'Panini!' sembrava piangesse. Suonava quasi come qualcuno che conoscevo, prima che morisse. Tragico. Proprio tragico." Sirius, sollecitamente, lo calcia. James non ha nessuna reazione, all'infuori di rimpinzarsi pensosamente con l'altra metà del panino e scuotere tristemente la testa. Peter sospira e rotola sulla schiena. "Qual è il nostro problema?" "Nofft'o?" dice James indignato, sputando briciole. "È ffuo! E della ffua 'agassa f'ancefe!" e punta un pollice accusatorio verso Sirius. "Forse questo è quello che accade quando ti lasci alle spalle le cose infantili ed entri nell'intricata foresta della maturità," dice Sirius saggiamente. 11

12 Peter scuote la testa. "Non penso proprio. Moony è maturo, e non si mette delle foglie sopra i suoi cosi." "Tuttavia," fa notare Sirius. "Lo farete tutti la prossima stagione. È molto trendy a Milano." "Se il vento sta insinuando che sa molte più cose sulle ultime mode a causa della sua ragazza, ricordiamo al vento quanto puzzolente sia a Parigi, e vediamo cosa il vento ha da dire su quello mentre mi mangio il suo secondo panino che è, se addirittura possibile, migliore del primo," dice James, e prontamente si ingozza con un altro panino che difficilmente sembra entrargli nella bocca. "Il vento sta solo facendo notare," mormora Sirius, "che quando certi ladri di panini di dubbia reputazione si mettevano a piangere grandi e perlacee lacrime di pena e tormento e a parlare di questa rossa, qual era il suo nome, che non lo amerà mai per l'eternità, eravamo tutti molto comprensivi su quanto lui fosse noioso." "No il vento non lo era," replica James. Non si volta, ora, concentrandosi vagamente sull'acqua. "Infatti il vento una volta mi ha detto che se non la smettevo di piagnucolare e di farmi spuntare le macchie in faccia avrei dovuto fare comunella con i fantasmi del bagno e piangere per sempre nel water, dato che il vento non voleva avere niente a che fare con me, così ora sarei diventato un'insipida e depressa ragazzina." "Me lo ricordo quello," dice Peter. "Ehi, posso avere l'altra metà del suo ultimo panino?" "È morto; morto e andato," sospira James, "e ci ha lasciato solo i panini, con il suo ultimo brandello di sanità mentale." Remus vuole veramente, veramente il suo libro. Quando Sirius ha scoperto che aveva portato dei libri con lui hanno necessariamente finto di fare qualcosa, Sirius che lo derideva e Remus che faceva un commento scaltro, ma poi il silenzio è calato di nuovo e hanno tossito un sacco, finché la madre di James non è entrata a dirgli che quella tipa francese si è fatta di nuovo viva. Davvero, aveva detto la madre di James, proprio non lo capisco. Nessuno di noi parla francese! "Vorrei avere un libro," dice Peter dopo alcuni momenti di silenzio, e improvvisamente Remus è colpito dal fatto che forse le cose siano più disperate di quanto ne sia consapevole. *** 12

13 *** Il settimo giorno, vaga verso la cucina e trova Sirius e James che guardano stupiti il tavolo. James sta tenendo una lettera nella sua mano destra e qualcosa sta luccicando in quella sinistra; Sirius lo sta fissando come se gli fossero cresciuti dei tentacoli sulla faccia. All'entrata di Remus, le loro facce pallide si voltano verso di lui. "Oh Dio," dice James. La bocca di Sirius apre la bocca e la chiude di nuovo. Remus li fissa entrambi, il suo panico aumenta sempre di più. "Cosa? Cos'è successo?" "James," gracida Sirius, e fa un vago gesto verso il foglio nella mano tremolante di James. "James -- lui - - lui è--" "Stai morendo?" chiede Remus. "Malato? Sei entrato nell'esercito? Cosa sta succedendo?" "Caposcuola," dice James improvvisamente, le parole che esplodono fuori di lui. "Silente mi ha appena scritto e ha detto che sono caposcuola il che non ha alcun senso, pensavamo fosse per te, così l'abbiamo aperta, scusaci, ma no, è per me, vedi, proprio qui, dice James Potter e quello è il mio nome, non il tuo." 13

14 14

15 Remus fissa lo spazio tra i due, indeciso se sentirsi sollevato o in qualche modo sofferente. Non ha mai voluto veramente essere un Prefetto, tanto per cominciare -- aveva sempre presunto che James lo sarebbe stato -- ma avere quel distintivo lucente e ben pulito gli ha dato un senso di scopo. Patrocinare ordini perché doveva era anche naturalmente molto più facile che patrocinare ordini perché voleva. Essere un Prefetto gli ha dato la scusa per praticare l'alzata di sopracciglio che bastava a far sapere a Sirius che quello era una cattiva idea o che questo era qualcosa che non poteva in tutta coscienza permettere. Essere un Prefetto, naturalmente, significava anche che un giorno con molta probabilità sarebbe diventato un Caposcuola, se si fa affidamento sui precedenti, e Remus se l'è chiesto. L'idea di ciò sarebbe molto gradita, naturalmente; gli darebbe più di un'opportunità di mantenere l'ordine naturale delle cose, di orchestrare il giusto equilibrio. Però, con quella responsabilità deriverebbe inevitabilmente del potere. Remus sa che non ha le capacità di controllare un simile potere. Dovrebbe parlare a tutti, possibilmente per tutto il tempo, e dire alla persone cosa fare, e quando; e mentre lui saprebbe cosa dire, dirlo effettivamente è molto di più che una complicata asserzione. "Congratulazioni," dice Remus, un sincero sorriso gli appare in volto. "Congratulazioni, James." "Huhhhh," dice James, una lunga esalazione di aria allarmata. "Non sono arrabbiato," dice Remus velocemente, per mandare a vuoto il dubbio. "Caposcuola," riecheggia Sirius. Sembra, se è possibile, più scioccato e terrorizzato di James. "Tu sei destinato a essere Caposcuola. Cosa ce ne facciamo di lui come Caposcuola? Non possiamo avere due persone responsabili contemporaneamente. Tu sei Caposcuola?" Si volta per rivolgersi a James alla fine, in completa confusione. "Non lo so!" geme James. "Chi è la Caposcuola, lo dice?" chiede Remus. "James, questo è veramente eccitante! Smettila di sembrare come un pesce e diventa eccitato!" "Non lo dice," dice James a mo' di robot. "Come posso diventare eccitato? Questo è un errore. Questo è il peggiore errore mai fatto." "Scommetto che è Mafalda Hopkirk," dice Sirius. "Congratulazioni, Jamie!" James emette un suono come se fosse un piccolo animale morente e crolla sul tavolo. "Non posso dannatamente crederci," mormora Sirius. Remus vuole picchiarlo in un certo senso. No, in realtà, vuole veramente picchiarlo. Con un gigantesco martello di legno, forse, o una padella, o un dizionario. "James," dice, spingendo da parte questo impulso, "è veramente fantastico, te che sei un Caposcuola." "Nghr," dice James. "Pensa a tutto il lavoro che farai con Silente! A modellare il futuro di Hogwarts!" "Ghnn," dice James. "E," dice Remus, trionfalmente, "potrai togliere punti." La testa di James si alza di scatto dal tavolo come uno sparo. "Eh?" "Esatto," bisbiglia Sirius, raddrizzandosi. "A tua discrezione. Quanti punti vuoi a chiunque vuoi." "Beh," tenta Remus, "non è veramente a tua discrezione." "Oh mamma," dice James, un piccolo e malvagio sogghigno curva gli angoli della sua bocca. 15

16 "Nonono," dice Remus, cercando di ritornare sui propri passi. "Non è a tua discrezione. Deve basarsi sulla logica; deve essere giusto; deve essere giudizioso--" "Otto miliardi di punti tolti a Serpeverde," dice James. "Sì. Suona bene." "Nonono," ripete Remus, "non è così che funziona, James." "Ave a James Potter, Caposcuola," grida Sirius gioiosamente, balzando in piede e facendo un profondo inchino. "Ha l'intero mondo nelle sue mani!" Remus fa un piccolo suono morente. "Otto miliardi di punti tolti a Serpeverde perché il naso di Piton mi sta dando fastidio," corregge James. "Come sembra? Adorabile, ecco com'è. Merlino, è come il paradiso." Remus cerca una via d'uscita nella lettera. "Guarda," dice debolmente, girandola, "dice proprio qua, questo non è un potere da abusare. Deve essere preso seriamente, James; devi prenderlo seriamente e con la massima espressione di maturità." "Otto miliardi di punti tolti al naso di Pitocchio!" urla James allegramente. Remus vuole piangere. *** Le cene sono i momenti più imbarazzanti di tutti. Le cene con la famiglia di qualcun altro, persino quando la cena in sé non è esattamente imbarazzante, danno sempre una sensazione imbarazzante. Remus può conversare con i genitori, e può conversare con i suoi amici, però genitori e amici insieme lo fanno diventare rigido fino a che il cibo non è stato mangiato, ed è ora di offrire il proprio aiuto per lavare i piatti. La madre di James è perlomeno una cuoca eccellente, ed è sempre molto facile tenerlo occupato con il cibo. Durante la cena, la madre di James che sollecita informazioni, James che scivola sempre più sotto il tavolo e, in questa loro ottava sera insieme, Sophie che è molto, molto affascinante sopra i suoi piselli non impediscono la diffusione del suono dell'ampollosa conversazione. "...così ora, tutte le streghe parigine chic indossano questi cappelli rosa, e nessuno sa che è a causa di un tiro che ho giocato a mia sorella," conclude Sophie, sogghignando, e la madre di James scoppia in un grido di risate, un po' troppo chiassose di quanto la situazione richieda. Persino il padre di James dà un leggero colpo di tosse divertito. Sirius le fa un piccolo sogghigno brillante e la sua mano striscia fastidiosamente su per la coscia abbronzata di lei. "Oh," dice la madre di James, asciugando lacrime di ilarità dai suoi occhi, "Dio mio, Sophie, avere una famiglia all'ultima moda deve essere proprio emozionante. L'idea di stile di questa famiglia è mettere una camicia alla rovescia," e fissa James con uno sguardo gelido. "Mamma," dice James, in piccoli toni omicidi, stravaccandosi sempre più in basso sulla sedia. C'è un breve silenzio. Tutti spizzicano il cibo. Finalmente, Sophie si lancia di nuovo in una conversazione: "Questo pollo è fantastique, Mme. Potter," dice vivacemente. Tutti quanti concordano in fretta con "mmm!" e "Oh sì" e "Proprio delizioso, davvero," ma alla fine la situazione si placa di nuovo e l'unico rumore è il tintinnio delle posate e delle stoviglie e dell'occasionale, tiepido "mmmm." "Mi passi il pane per favore!" dice Peter, così forte che tutti saltano. Remus passa il pane a Sophie. Le loro dita si toccano. Sophie passa il pane a Peter. Sirius guarda Remus. James sparisce sotto il tavolo, sbatte la testa sul bordo, e guaisce sotto la tovaglia. "James!" ammonisce la madre di James. "James, cosa stai facendo?" 16

17 "Penso che si stia nascondendo, signora Potter," dice Peter. Imburra il pane. "Allora," dice il padre di James, "Remus, ho sentito dire che ti piace la musica swing." "Sì," dice Remus. "È vero. Mi piace la musica swing." "Beh," dice il padre di James. "Buono a sapersi. Ottimi gusti per uno così giovane. E così via." "È vero," dice James da sotto il tavolo. "Gli piace la musica swing. La suona continuamente quando pensa che nessuno stia ascoltando. Non sei l'unico che mi fa venire gli incubi su Benny Goodman." "Ah, Benny Goodman," dice il padre di James appassionatamente. Queste conversazioni non stanno proseguendo secondo lo schema. Remus ha osservato la mano di Sirius strisciare su per la coscia di Sophie il più lentamente possibile, e adesso vuole semplicemente prendere in mano la faccenda. Beh, non letteralmente. Quello che vuole fare è prendere la mano di Sirius con la sua e metterla subito sul posteriore di Sophie. Perché girarci intorno? Che problema hanno queste persone? Come è riuscito a sopportarle per prolungati periodi di tempo? Come può una persona essere così attraente mangiando solamente un pisello da una stupida forchetta? Remus si nasconderebbe di nuovo nel bagno, ma tutto quello a cui pensa quando ci entra, è la paperella gialla di Sirius. La sua igiene personale sta soffrendo a causa di ciò. Accanto a lui, Sophie fa un piccolo rumore scioccato e soddisfatto e schiaffeggia la mano di Sirius. Tutti sollevano lo sguardo. Sirius cerca di sembrare innocente e finisce per sembrare perverso. Le punte delle orecchie del signor Potter diventano rosse. "Devo andare al gabinetto!" annuncia Peter, e va. Quelli seduti lo guardano andare. "Buoni i piselli," dice Remus debolmente. Sono buoni piselli, anche se riportano alla mente dolorosi ricordi. "Mm," concordano tutti, e "deliziosi." *** "Cosa dovremmo fare ora?" chiede James, suonando avvilito. Remus fruga cupamente con un bastone il fuoco da accampamento. "Potremmo raccontare delle storie di fantasmi," suggerisce Peter, ma senza alcuna reale convinzione. "No," dice Sirius. "Non sarebbe lo stesso fuori della Stamberga. Moony, come sono quei pomodori?" Remus li fissa. Sembrano, pensa, dei piccoli fegati morti; non c'è niente di remotamente attraente o qualcosa in relazione con le Avventure da Ragazzi. Uno dei pomodori scoppietta, senza entusiasmo. "Stanno... venendo." "Potremmo giocare a Indovina Chi Non Ha I Pantaloni," propone James. "Quel gioco va sempre bene per farsi una risata." "È sempre Sirius," fa notare Peter. "Potrebbe... non essere," dice Sirius, piuttosto debolmente. "Sirius non ha i pantaloni," dice Peter. "Dannazione." Sirius aggrotta le ciglia. "Beh, sì, hai vinto. È stato divertente." 17

18 "Tu pensi che niente sia divertente senza Sophie, comunque sia," mormora James. "Soprattutto Con I Pantaloni Addosso." "James è geloso che io venga pomiciato quasi a morte, regolarmente e in modo molto euforico," spiega Sirius. "Ecco perché, bambini, si sta comportando come se avesse le mutande troppo strette. Non significa che non vi ama; lui vi ama. E non significa nemmeno che io non vi amo. Lo sapete che vi amerò sempre. È solo che qualche volta, l'occhio di un uomo vaga." "Te lo do io l'occhio vagante," dice James, e si lancia sopra il fuoco verso Sirius che è dall'altro lato di esso. "Beh," dice Remus. Dà un colpetto triste ai pomodori. "Questi sembrano disgustosi, vero, Peter?" "Odio quando mamma e papà litigano," sospira Peter. "Pensi che si separeranno?" "Penso che noi dovremmo separarli," replica Remus. "Quello deve far male." "Sirius recupera facilmente," fa notare Peter. "Anche se quel bastone era molto appuntito." C'è un improvviso strillo dall'altro lato del fuoco da accampamento, e Remus alza lo sguardo nel panico per poi vedere che Sirius, in una particolarmente sopraentusiastica spinta, ha dato fuoco a James. "Oh Dio," dice Remus, sentendo il sangue che gli si prosciuga dalla testa. "Cazzo!" urla Sirius. Si getta addosso a James, che emette alcuni guaiti smorzati di protesta e picchia invano la testa di Sirius. "Tutto bene!" grida Sirius. "James, Prongs, amico, va tutto bene! L'ho estinto." "Era solo la manica!" strepita James, sputando rametti e dando una botta violenta a Sirius sull'addome. "Razza di epilettico, era la mia manica e non me lo meritavo e togliti di dosso." "Credevo di salvarti la vita!" dice Sirius bruscamente e in modo sdegnato. "Sarebbe questa la tua gratitudine!" "Mi ci hai spinto!" sputa James. "Ne ho abbastanza! Chi è con me?" "Oh oh," dice Peter, sollevando in alto le mani. "Scegli me!" "Bene," dice James. "Peter. Tu. Io. Quella tenda." "Cosa faremo?" chiede Peter, occhi sgranati. "Dormire. Ignorare l'altra metà. Dare fuoco a Sirius nella notte. Sì," aggiunge James, dando a Sirius uno sguardo di avvertimento, "sta attento. Succederà quando meno te lo aspetti." Afferra Peter per il colletto e si precipita verso la loro tenda, nello sgretolio delle foglie e nel fermento di una manica bruciata e nell'odore del tessuto coperto di cenere. "Solo io e te ora," borbotta Sirius. Spazzola via i rametti dai suoi capelli, senza alzare lo sguardo. "Solo io, te e i pomodori." "Penso che li butterò via," dice Remus. "Voglio dire, non stanno facendo progressi, e hanno un odore strano, e non posso immaginarmi di mangiarli, non mi piacciono nemmeno così tanto i pomodori, quindi-- " "Ora perché," esplode Sirius, "perché faresti qualcosa del genere? Ho detto che siamo io, te e i pomodori e perché butteresti via i pomodori?" "Uhm," dice Remus. "Mi dispiace?" 18

19 Sirius emette un lungo sbuffo di aria esasperata, e dice, "Non importa. Dio. Cavolo -- lascia perdere." "Non mi importa," dice Remus, sempre più perplesso. "Bene," replica Sirius cupamente. Per un momento stanno seduti in silenzio, Remus che ancora tiene goffamente la padella dei pomodori umiliati lontano dalle fiamme, indeciso su quale dovrebbe essere la prossima mossa. "Buttali via," dice Sirius per esteso, apparentemente parlando al fuoco. "Non sono buoni. Non aggiungeranno nulla alla compagnia." "Bene," dice Remus, sollevato. Rovescia non molto cerimoniosamente la padella. I pomodori si pasticciano pateticamente sulla terra. "È stata un'opportunità sprecata," dice Sirius cupamente. "Avresti dovuto lanciarli. Negli alberi. Dovevi usare la padella come una catapulta." "La padella era bollente," spiega Remus. "Se l'avessi usata come una catapulta mi sarei probabilmente bruciato." "È così noioso," mormora Sirius. Lo dice come, sei così noioso. Remus fissa i pomodori umiliati, bruciati nei contorni, molli in mezzo, lasciati a morire sull'erba. Si sente, improvvisamente e irrazionalmente, male per loro. È come gettare via un vecchio giocattolo. Posa la padella. "Mi dispiace di essere noioso," dice Remus. Sirius lo fissa. "Cosa?" "Mi dispiace di essere bruciato nei contorni e molle in mezzo come questi pomodori," cerca di spiegare Remus. Le parole stanno uscendo pazzamente. L'usuale bolla di panico per la sua inabilità di comunicare come un normale essere umano non viene in superficie; si sente solo esausto e abbattuto, e il fondo dei suoi pantaloni è coperto di macchie d'erba e di terra notturna gelata. È difficile sentire l'orgoglio ferito quando il tuo posteriore si è addormentato da oltre tre ore. "Ho provato a cucinarli," dice, "ci ho provato, ma sono solo bravo con i toast al formaggio e a scartare i cioccolatini." "Non sei noioso," dice Sirius bruscamente. "Sai chi è noioso, James è noioso." "Penserei che sia lui che hai baciato," dice Remus, senza pensarci, "dal modo in cui ti comporti." Errore! urla il cervello di Remus non più di un momento dopo. Abbandonare la nave. Mettersi al riparo. Sarai il prossimo a cui darà fuoco! Sirius sembra che abbia dimenticato come usare la faccia. È più che un po' terrificante. Dopo un momento, dice in modo incerto, "Moony, riguardo a quello." "Non c'è un riguardo," balbetta Remus. "Non c'è nessun riguardo per quello che è successo. Perché non ne stavamo parlando. È Ciò di Cui Non Parliamo. Mi dispiace, non intendevo dirlo, erano solo i pomodori e tu che tieni il muso--" "È solo," dice Sirius in toni acuti innaturali, parlando sopra le ciance insensate di Remus. "Volevo dirti, non intendevo che quello fosse qualcosa. Era solo, sai. Con il settimo anno, e pensavo che non venissi per l'estate, ed ero -- non volevo, sai, che fosse un bacio bacio. Sono veramente, veramente dispiaciuto. Non voglio che la prendi in quel modo. Sei il mio migliore amico. Cioè," come un ovvio ripensamento, "ovviamente James è il mio migliore amico, ma sai, tu sei Moony. Sarebbe strano. E tu devi pensare che sia strano e anche spaventoso. E così continuo a pensare che tu pensi che sia strano e così anch'io divento strano. Ma non deve essere così. Se entrambi decidiamo che non dovrebbe. Giusto?" "Ehm," dice Remus. Un pomodoro dà un ultimo e disperato scoppietto accanto al suo ginocchio. 19

20 "Non aveva alcun senso," dice Sirius miserabilmente, "vero? Senti, possiamo smettere di essere così irrequieti a riguardo? È solo un bacio. È solo un Malriposto Qualcosa-o-altro di cui, ne sono sicuro, tu avrai letto in merito. Non intendevo dire qualcosa con quello." "È la situazione dei dormitori," dice Remus automaticamente, "ecco cos'è. Ne ho già letto in merito. Abbiamo passato così tanto tempo in stretta prossimità, e inoltre mi dici sempre che sono una ragazza, che gli ormoni si sono confusi. Beh, non è del tutto così, ma generalmente è quella l'idea. Succede a un sacco di persone. Continuamente. Non vuol dire nulla." "Potrebbe succedere a chiunque," concorda Sirius. Sembra sollevato. Remus è contento che non devono pensarci mai più. "Probabilmente è successo, sai, non a tutti, ma -- a un sacco di persone. Giusto?" "Continuamente," lo assicura Remus. "È quello che, uhm, il libro diceva." "I libri non mentono mai." "Basato su una meticolosa ricerca." "È un sollievo saperlo. Ottimo lavoro, Moony." Sirius si inclina e gli dà una pacca sulla spalla. Remus si domanda se ora possono fare un lavoro migliore per dimenticarsi di quello che è successo. Questo vuol dire che sarà capace di chiudere gli occhi e andare a dormire senza essere sicuro della tortura che lo aspetta, nascosta nella sua psiche più segreta? "Sono contento," dice Remus. "Sono così contento. È stato così imbarazzante." Sirius ride nervosamente. "Terribile. Solo, sai, davvero terribile." "E, vedi, hai una ragazza, ed è molto carina, e questo significa che il bacio -- sai -- era -- solo--" "Amichevole," dice Sirius. "Un bacio amichevole. Le ragazze lo fanno continuamente, dice Sophie, ma forse mi stava solo, ahahah, prendendo in giro, voleva mandarmi tutto su di giri. Sono il suo piccolo motore. Qualcosa -- qualcosa del genere." "Sono contento," dice Remus di nuovo. Qualche grillo effettivamente stride. "Ahahah," dice Sirius. "Dovrei probabilmente scusarmi con James per avergli dato fuoco." "Buona idea," concorda Remus. "Sì. Perché non lo fai." "Bene," dice Sirius, suonando come un uomo a cui è stata sospesa l'impiccagione. "Senti, grazie, amico. Nessun torto fatto, giusto? Quindi posso stare nudo come un verme davanti a te senza che pensi che ti violenterò?" "Ahahah," dice Remus. "Assolutamente. Nudo come ti pare." Sirius gli fa un ammicco smaliziato e poi cammina furtivamente nell oscurità oltre la luce del fuoco da accampamento. Remus, sentendosi piuttosto a cuor leggero, crolla all'indietro sul terreno irto e ha solo il tempo di sperare che nessun altro vada a fuoco perché è troppo stanco per fare qualcosa a riguardo e poi: È un enorme boccia per pesci rossi. Silente sta pattinando sul ghiaccio sopra di lui, cantando una canzone oscena sulle tazze da zucchero e diventando di diverse tonalità di viola. --Ciao, dice un enorme scoiattolo che è improvvisamente apparso di fronte a lui. Remus espira bolle. -- Vuoi un po' di torta di compleanno? "Grazie a Dio," dice Remus, sopraffatto dalla gioia. "Grazie a Dio per gli scoiattoli." 20

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni:

Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni: Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni: Giochi individuali: * I giochi di Kim sviluppano le capacità dei cinque sensi 1. La fattoria accecata (gioco

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli