QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI"

Transcript

1 GIUSEPPE SEMERARO 21 marzo 2013 QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI Domande e risposte su problematiche inerenti la tutela della salute e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile

2 E-BOOK QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI 2012 GIUSEPPE SEMERARO Tutti i diritti sono riservati all Autore. Vietata la riproduzione su qualsiasi mezzo. Vietato l inserimento, anche parziale, in altre pubblicazioni a stampa o su supporto informatico, anche se a titolo gratuito. 2

3 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri ACRONIMI E ABBREVAZIONI ADOPERATI NEL TESTO ANCE = associazione nazionale costruttori edili ASL = Azienda sanitaria locale AVCP = Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Det. = Determinazione (normalmente dell AVCP) DPC = dispositivo (attrezzatura o opera provvisionale) di protezione collettiva DPI = dispositivo (attrezzatura) di protezione individuale DTL = direzione territoriale del lavoro DVR = documento di valutazione dei rischi DUVRI = documento unico di valutazione dei rischi interferenti CSE = coordinatore per l esecuzione CSP = coordinatore per la progettazione FO = fascicolo adattato alle caratteristiche dell opera LSP = sistema di protezione contro i fulmini (Lightning Protection System) è l'intero sistema Osservatorio = Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture PA = pubblica amministrazione (in genere nel senso di amministrazione aggiudicatrice) PiMUS = piano di montaggio uso e smontaggio dei ponteggi PLE = piattaforma di lavoro in elevato (in gergo autocestello) POS = piano operativo di sicurezza PSC = piano di sicurezza e coordinamento PSS = piano sostitutivo di sicurezza RTI (o ATI) = raggruppamento (o associazione) temporaneo di imprese RUP = responsabile del procedimento unico tutte le fasi dell intervento in ambito pubblico SOA = organismo attestazione della qualificazione delle imprese nel settore dei lavori pubblici 3

4 SUVA = è un'azienda autonoma di diritto pubblico di assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali della Svizzera 4

5 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri INDICE ANALITICO DEGLI ARGOMENTI A AMBITO D APPLICAZIONE DEL TITOLO SUI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI... 9 APPALTI DI LAVORI ALL INTERNO DELLE AZIENDE APPALTO DI LAVORI PUBBLICI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DEI CARICHI ATTREZZATURE DI LAVORO C COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE PER LA SICUREZZA D DIRETTORE DEI LAVORI, DIRETTORE TECNICO DI CANTIERE E PREPOSTI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE NEI LAVORI IN QUOTA F FASCICOLO ADATTATO ALLE CARATTERISITICHE DELL OPERA FORNITORI DI MATERIALI O ATTREZZATURE G GESTIONE DEL PRIMO SOCCORSO, ANTINCENDIO ED EMERGENZA IN CANTIERE I IDONEITÀ DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI IMPIANTO CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE IMPRESA AFFIDATARIA... 42; 46 L LAVORATORI LAVORATORI AUTONOMI

6 P PARAPETTI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA PONTEGGI R RECINZIONE DI CANTIERE S SERVIZI IGIENICO ASSISTENZIALI DI CANTIERE STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA T TRASMISSIONE DI DOCUMENTI ALL AUTORITÀ PER IL TITOLO ABILITATIVO DEI LAVORI V VIABILITÀ DI CANTIERE

7 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri PRESENTAZIONE Molti dubbi angosciano gli addetti ai lavori, a qualunque categoria appartengano, nella pratica quotidiana della ricerca delle soluzioni di conformità del lavoro nel cantiere alla legge o norma tecnica o buona prassi o best practice o linea guida o chi sa a quale altro standard emanato chi sa da chi e dove, sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e per tranquillizzare la propria coscienza, anche in relazione alle responsabilità connesse all espletamento del proprio ruolo nel processo realizzativo degli interventi edili o di ingegneria civile. Per questo motivo ho pensato di mettere per iscritto le risposte ad una selezione di oltre 140 quesiti, tra quelli che mi sono sentito sottoporre più volte in tanti anni di attività di divulgazione delle personali conoscenze in materia di prevenzione infortuni nei cantieri temporanei e mobili. Per lo più le questioni analizzate riguardano la legislazione, ma non solo sotto gli aspetti giuridici - come: chi è tenuto a fare cosa e come fare quel qualcosa? - ma anche dal punto di vista tecnico prevenzionistico. Le questioni trattate sono quelle che ho ritenuto più meritevoli di attenzione; quelle più critiche o più rappresentative. La maggior parte sono argomenti ancora non del tutto definiti dalla giurisprudenza o prassi consolidata. Le risposte, volutamente sintetiche, sono il frutto di tanti anni di esperienza e di un continuo processo di aggiornamento e confronto sul campo. La speranza è che il lavoro svolto possa servire ad aprire un dibattito sulle tematiche trattate e sulle altre che emergeranno nel tempo, per arrivare ad una condivisione quanto più ampia delle soluzioni a beneficio del livello di salute e sicurezza nei cantieri. A riguardo sono gradite informazioni di ritorno. L Autore 7

8 8

9 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri 1. AMBITO D APPLICAZIONE DEL TITOLO SUI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DOMANDA 1.1. Impianti a rete Il titolo sui canteri temporanei o mobili non si applica ai lavori riguardanti gli impianti di cui all articolo 88, c. 1, lett. g-bis), del D.Lgs. 81/2008 sempre che non comportino lavori edili o di ingegneria civile, di cui all allegato X. Ciò premesso, nel caso in cui l intervento impiantistico preveda lavori edili o di ingegneria civile meramente accessori rispetto all attività principale, l intervento gode ancora dell esclusione dall ambito di applicazione? Se si, l esecuzione di fori su murature e solai e/o la realizzazione di tracce sono da considerarsi lavori edili? Risposta Il titolo IV, capo I (cantieri temporanei o mobili, di recepimento della direttiva 91/57/CEE), del D.Lgs. 81/2008, come modificato dal D.Lgs. 106/2009, non si applica ai lavori riguardanti gli impianti di cui all articolo 88, c. 1, lett. g-bis), del medesimo decreto, sempre che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui all allegato X. Gli impianti in questione sono gi impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, di condizionamento e riscaldamento. Mentre con la locuzione lavori edili o di ingegneria civile di cui all allegato X si identificano sicuramente attività edili o di ingegneria civile di demolizioni e rifacimenti (quale la formazione e successiva chiusura di tracce e forni su muri, solai e pavimenti) e attività di scavo (formazione e chiusura di trincee per canalizzazioni). Pertanto, la risposta alla domanda è la seguente: nel caso di realizzazione degli impianti, di cui all articolo 88, c. 1, lett. g- bis), del D.Lgs. 81/2008, in esecuzione esterna, cioè senza opere murarie accessorie, si gode dell esonero dall applicazione del titolo sui cantieri temporanei o mobili; viceversa, cioè se sono presenti tali opere, non si gode dell esonero dall applicazione del titolo sui cantieri temporanei o mobili. DOMANDA 1.2. Impianti fotovoltaici Gli interventi di realizzazione di impianti fotovoltaici godono, ai sensi dell art. 88, c. 1, lett. g-bis), del D.Lgs. 81/2008, dell esenzione dell applicazione del titolo IV, capo I, del D.Lgs. 81/2008? Pur facendo rientrare la realizzazione degli impianti fotovoltaici tra gli impianti elettrici, i quali, ai sensi dell articolo 88, c. 1, lett. g-bis), del D.Lgs. 81/2008, godono, in assenza di opere edili o di ingegneria civile, della deroga 9

10 all applicazione del titolo sui cantieri temporanei o mobili, va considerato che la realizzazione di tali impianti comporta quasi sempre l esecuzione di opere complementari, a volte non accessorie, di natura edile (quali carpenterie metalliche, demolizioni di manufatti edili, maneggiamenti di manti di copertura, ecc.), che non consentono di usufruire della deroga in questione. DOMANDA 1.3. Manutenzioni industriali Il titolo sui cantieri edili o di ingegneria civile si applica alle manutenzioni industriali? In generali le attività (dalle istallazioni alle relative manutenzioni) di impianti per la produzione non richiedono l applicazione del titolo IV capo I del D.Lgs. 81/2008 (vedi la Circolare del Ministero del lavoro n. 41 del 18 marzo 1997), salvo che le stesse non prevedano lavori, anche accessori, appartenenti a quelle di cui all allegato X, come nel caso dell installazione di una turbina che richieda la realizzazione di carpenterie metalliche di sostegno e di servizio o la realizzazione di un impianto di zincatura che prevedeva l esecuzione di una vasca e il montaggio di opere fisse di metallo (vedi Corte di cassazione, sez. IV penale, sentenza n del 9 febbraio 2010). DOMANDA 1.4. Lavori nelle cave e nelle industrie di idrocarburi L esecuzione di lavori edili o di ingegneria civile all interno di un aria in concessione di cava o d un industria di idrocarburi è esentata dall applicazione del titolo sui cantieri edili o di ingegneria civile? 10 Relativamente alle cave e all estrazione degli idrocarburi, come per le miniere, l esenzione sull applicazione del titolo IV capo I del D.Lgs. 81/2008 è prevista dall articolo 88 solo per talune attività. Relativamente alle cave si specifica che l esenzione è riferita ai lavori di frantumazione, vagliatura, squadratura e trasporto dei prodotti delle cave e alle operazioni di caricamento di tali prodotti dai piazzali. Mentre le attività esentate riguardanti le aziende che lavorano gli idrocarburi sono quelle di prospezione, ricerca, coltivazione e stoccaggio degli idrocarburi liquidi e gassosi. Pertanto, nei lavori edili o di ingegneria civile eseguiti in tali aree, come la costruzioni di edifici industriali o la realizzazione di strade, non possono ritenersi esonerati dall ambito di applicazione del titolo IV, capo I, del D.Lgs. 81/2008. E nulla rileva che gli organi di vigilanza e controllo in tali ambiti non siano quelli abituali (ASL e DTL competenti per territorio) ma altri. DOMANDA 1.5. Lavori in economia diretta

11 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri Il committente nel caso in cui esegue i lavori in economia diretta è tenuto all applicazione del titolo sui cantieri edili o di ingegneria civile? L applicazione del titolo IV capo I, del D.Lgs. 81/2008, sui cantieri temporanei o mobili, si applica non in funzione del titolo con cui i vari soggetti sono chiamati ad operare, ma sul fatto che l intervento riguarda un lavoro edile o di ingegneria civile di cui all allegato X del medesimo decreto. Pertanto, qualora il committente coincide con l esecutore e non intervengono altri operatori economici nell esecuzione dei lavori, verranno meno gli obblighi di designazione dei coordinatori per la sicurezza ma non gli altri obblighi che regolano il rapporto tra l essere committente ed esecutore, non ultimo l autoverifica dell idoneità tecnico professionale ad eseguire i lavori. 11

12 12

13 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri 2. COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI DOMANDA 2.1. Un impresa esecutrice e lavoratori autonomi In un cantiere i lavori saranno eseguiti da un impresa e da due lavoratori autonomi, un idraulico ed un elettricista. In questo caso si è tenuti alla designazione del coordinatore per la sicurezza? RIPOSTA Il legislatore con il D.Lgs. 106/2009, di modificazione d integrazione del D.Lgs. 81/2008 ha voluto definire in maniera più chiara questi casi rispetto al passato. In primo luogo ha stabilito che i coordinatori per la sicurezza devono essere designati quando si prevedono più imprese esecutrici. In più ha voluto chiaramente differenziale l impresa esecutrice dal lavoratore autonomo introducendo la seguente definizione di impresa esecutrice: impresa che esegue un opera o parte di essa impegnando proprie risorse umane e materiai. Mentre la definizione di lavoratore autonomo è quella di persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell opera senza vincolo di subordinazione. Va segnalato che prima dell emanazione dei chiarimenti avvenuti con il D.Lgs. 106/2009, la giurisprudenza sull argomento era di avviso diverso (cassazione, sezione IV, sentenza n del 16 gennaio 2009). DOMANDA 2.2. Comunicazione dei nominativi dei coordinatori per la sicurezza In base al c. 7 dell art. 90, del D.Lgs. 81/2008 il committente o il responsabile dei lavori è tenuto a comunicare alle imprese affidatarie, esecutrici e ai lavoratori autonomi, pena l applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 500 a euro 1.800, i nominativi dei coordinatori per la sicurezza. Come deve avvenire, soprattutto in relazione alle imprese e lavoratori autonomi subaffidatari, con i quali il committente non ha rapporti diretti? Va considerato preliminarmente che la comunicazione dei nominativi dei coordinatori per la sicurezza nei confronti dei datori di lavoro delle imprese e dei lavoratori autonomi consente a costoro di svolgere una funzione di controllo sul committente in relazione all adempimento degli obblighi di designazione dei coordinatori medesimi. Nello specifico della domanda, si ritiene prova sufficiente dell adempimento di tale obbligo l inserimento dei nominativi dei coordinatori per la sicurezza nel cartello di cantiere, come previsto dallo stesso art. 90, c. 7, secondo periodo, del D.Lgs. 81/2008 e l affissione in cantiere della notifica preliminare, in adempimento all art. 99, c. 2, del D.Lgs. 81/2008 e la trasmissione, ai sensi dell art. 101 del D.Lgs. 81/2008, a cura dell impresa affidataria del PSC, con 13

14 l indicazione dei suddetti nominativi, alle imprese subaffidatarie ed ai lavoratori autonomi subcontrattisti. DOMANDA 2.3. Verifica adempimenti del CSE Quali azioni devono mettere in atto il committente ovvero il responsabile dei lavori per verificare l adempimento degli obblighi del coordinatore per l esecuzione? Il committente o il responsabile dei lavori, ai sensi dell art. 93, c. 2, del D.Lgs. 81/2008, è tenuto a verificare l adempimento degli obblighi di cui all articolo 92, c. 1, lett. a), b) c), d) ed e) del D.Lgs. 81/2008 da parte del coordinatore per l esecuzione. La verifica può condurre fino alla risoluzione dell incarico di CSE, come previsto dall art. 90, c. 8, del D.Lgs. 81/2008. Se non effettuata adeguatamente è prevista la pena dell arresto da due a quattro mesi o l ammenda da euro a Ciò premesso, è del tutto ovvio che la verifica in questione non deve necessariamente sfociare nel controllo sul campo, quasi a simulare l attività richiesta al CSE. D altro canto non sarebbe nemmeno logico aspettarsi una condotta del genere da parte del committente o del responsabile dei lavori, in quanto ciò richiederebbe il possesso di qualifica da coordinatore per la sicurezza o non la semplice diligenza di buon padre di famiglia. Nello specifico, quello che si deve sicuramente scongiurare è che non ci siano vuoti di controllo e coordinamento efficace da parte del CSE (vedi a riguardo maggiori dettagli sull argomento nella sezione Coordinatori per la sicurezza). Da questo punto di vista è necessario allora accertare che la frequenza del cantiere da parte del CSE sia sufficiente ed efficace sotto il profilo prevenzionistico, in quanto i lavori devono procedere senza pregiudizio alcuno per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. La verifica conseguente è di tipo documentale: farsi trasmettere dal CSE gli esiti dei suoi sopralluoghi e verificare che la periodicità dei sopralluoghi sia adeguata alla specificità del cantiere. A riguardo il disciplinare d incarico di CSE deve essere sufficientemente esauriente, nel senso che deve prevedere l obbligo, pena la risoluzione del contratto d incarico stesso, di relazionare periodicamente, in funzione del numero delle fasi lavorative, al fine di non avere vuoti di controllo sullo stato di tutela di salute e sicurezza in cui versa il cantiere. 14 Sotto questo aspetto non può non registrarsi una contraddizione di fondo che frequentemente si legge nei contratti d incarico di CSE. Da una lato si dispone che il CSE frequenti il cantiere con una certa assiduità, mentre dall alto lato il

15 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri compenso previsto non rende giustificabile tale richiesta, anzi, esso stesso costituisce un pericoloso ostacolo alle azioni richieste al CSE. Naturalmente, oltre ai controlli indicati in precedenza, le segnalazioni di non conformità del cantiere alle norme antinfortunistiche, che potrebbero giungere da terzi (per esempio, dal direttore dei lavori), devono essere prese in seria considerazione dal committente o responsabile dei lavori e costituiscono elementi validi per ammonire il CSE o per risolvere con costui il contratto. DOMANDA 2.4. Idoneità per l adempimento degli obblighi dell affidataria In base all art. 100, c. 6-bis), del D.Lgs. 81/2008, il committente ovvero il responsabile dei lavori è tenuto ad assicurare l attuazione degli obblighi di cui all art. 97, comma 6, lett. 3-ter del medesimo decreto. Ciò premesso, quali sono le modalità operative per adempiervi? L art. 90, c. 9, del D.Lgs. 81/2008 dispone di effettuare la verifica tecnico professionale delle imprese (affidatarie ed esecutrici) e dei lavoratori autonomi secondo le modalità stabilite all allegato XVII del medesimo decreto. Relativamente alle imprese affidatarie prevede l acquisizione di una dichiarazione che indichi il nominativo del soggetto o i nominativi dei soggetti della propria impresa, con le specifiche mansioni, incaricati per l assolvimento dei compiti di cui all art. 97 del D.Lgs. 81/2008. Al successivo art. 100, comma 6-bis), si dispone, sempre a carico del committente o del responsabile dei lavori, di assicurare che i soggetti che si occupano dello svolgimento delle attività di cui all art. 97, quindi i soggetti indicati ai fini della verifica tecnico professionale dell impresa affidataria, siano adeguatamente formati. Ciò premesso, la domanda pone il problema di come assicurare l adeguatezza della formazione. La risposta alla domanda posta non può essere esaustiva poiché il legislatore non ha stabilito il livello di formazione minima degli addetti all attuazione del citato art. 97. Tuttavia, è possibile affermare che i contenuti della formazione devono riguardare gli aspetti inerenti l attuazione dell art. 97 (conoscenze in materia di salute e sicurezza nei cantieri per il controllo della sicurezza, per il coordinamento degli obblighi di cui agli artt. 95 e 96 del D.Lgs. 81/2008, di verifica coerenza dei POS, di verifica dell idoneità tecnico professionale dei subcontrattisti) e pertanto non può ritenersi sufficiente a riguardo la formazione di ruolo (dirigente o preposto) stabilita dall art. 37, c, 7, del D.Lgs. 81/2008 e dall Accordo Stato Regioni e Province autonome del 21 dicembre 2011 (atto n 221 CSR) e quella per l espletamento delle funzioni di responsabile del servizio di prevenzione e protezione. Mentre si può ritenere sicuramente sufficiente la formazione prevista per i coordinatori per la sicurezza di cui all art. 98 del D.Lgs. 81/

16 DOMANDA 2.5. Deroga alla redazione del PSC e designazione del CSE Considerato che l art. 100, c. 6, del D.Lgs. 81/2008 dispone di fatto la deroga alla redazione del PSC nei casi ivi previsti, negli stessi casi la designazione del CSE deve essere effettuata? L art. 100, c. 6, del D.Lgs. 81/2008 consente di derogare dall applicazione di quanto stabilito nel medesimo articolo, a proposito dei contenuti del PSC, per situazioni di somma urgenza o per consentire la continuità di servizi essenziali alla collettività. La legge, pertanto, non esonera esplicitamente in tali casi e qualora gli interventi di emergenza siano affidati a più imprese esecutrici alla designazione del CSP, ma semplicemente di derogare alla redazione del PSC con i contenuti stabiliti dall art. 100, quindi dall allegato XV. Tuttavia è ipotizzabile, per motivi di soma urgenza (la tempestività dell intervento è necessaria per salvaguardare la popolazione da danni maggiori conseguenti ad un intervento effettuato nel rispetto delle regole stabilite in regime di ordinarietà e quindi con tempi non celeri) che la deroga alla redazione del PSC equivalga alla deroga alla designazione del CSP, anche se avrebbe comunque uno scopo non del tutto residuali in tali casi, cioè coordinare l adempimento dell obbligo di cui all art. 91, c.1, lett. b-bis, del D.Lgs. 81/2008. Di questo parere è il DPCM 231/2011, relativamente all'individuazione delle particolari esigenze connesse all'espletamento delle attività del Dipartimento della protezione civile, che ribadisce, invece, l obbligo della designazione del CSE, il quale deve assicurare assicura una presenza continua in cantiere, avvalendosi anche di assistenti, e deve redigere il fascicolo dell opera. DOMANDA 2.6. Committente e PSC L art. 90, c. 2, del D.Lgs. 81/2008 dispone che il committente o il responsabile dei lavori, nella fase di progettazione, prenda in considerazione il PSC e il Fascicolo dell opera redatti dal CSP. Nei lavori privati è sufficiente adempiere a tali obblighi accertandosi che siano redatti prima della fase di richiesta delle offerte? 16 I termini prendere in considerazione non equivalgono al termine verificare. Pertanto, considerato che al committente privato cittadino al più si può pretendere la diligenza di buon padre di famiglia e, comunque, non quella professionale, si ritiene sufficiente accertare che tali documenti siano formalmente redatti e disponibili prima della richiesta delle offerte per l affidamento dell esecuzione dei lavori. DOMANDA 2.7. Committenti ed esecuzione diretta dei lavori

17 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri A quali condizioni i committenti privati possono personalmente partecipare all esecuzione dei lavori? I committenti privati possono partecipare direttamente all esecuzione dei lavori, purché in possesso dei requisiti tecnico professionali di cui all art. 89, c. 1, lett. l) del D.Lgs. 81/2008, in quanto applicabili. DOMANDA 2.8. Fermo di cantiere e responsabilità Di chi è la responsabilità dei cantiere nel caso in cui vi è un fermo dei lavori non imputabile all appaltatore, ma al committente? Il coordinatore per l esecuzione cosa deve fare in questo caso? Salvo che non siano previsti patti contrattuali specifici o non siano intervenuti nuovi patti contrattuali in materia di custodia e mantenimento in sicurezza del cantiere per fermo di cantiere, cosa alquanto inverosimile nel caso in esame, la custodia del cantiere è il mantenimento nel tempo delle condizioni di sicurezza devono essere garantite dal committente. Il CSE chiederà di essere sollevato dall incarico durante tutto il periodo di fermo del cantiere. In tal senso è preferibile che sia lo stesso CSE a inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno spiegando i motivi della cessazione temporanea della sua attività e chiedendo al committente di comunicargli la data della ripresa dei lavori. La migliore soluzione sarebbe che il committente o il responsabile dei lavori inviasse, a sua volta, integrazione della notifica preliminare agli organi di vigilanza competenti, informandoli del fermo di cantiere. DOMANDA 2.9. Impresa e responsabile dei lavori Il datore di lavoro di un impresa affidataria o esecutrice può svolgere il ruolo di responsabile dei lavori? Il responsabile dei lavori è il soggetto incaricato dal committente per adempiere a quei compiti propri del committente, di cui agli art. 90, 99 e 100 del D.Lgs. 81/2008, che gli sono stati effettivamente conferiti mediante l incarico. Se tra questi vi sono anche quello di verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi, di adottare provvedimenti di sospensione dei lavori o addirittura di risoluzione del contratto di appalto o d opera o di revoca dell autorizzazione al subappalto su richiesta del CSE, di assicurare la corresponsione dei costi della sicurezza nel subappalto senza alcun ribasso, di assicurare l adeguata formazione dei soggetti, incluso il datore di lavoro, addetti all applicazione dell art. 97 del D.Lgs. 81/2008, si pone il problema se, sebbene non previsto esplicitamente dalla legge, sul piano logico operi il divieto 17

18 dell assunzione del ruolo di responsabile dei lavori da parte del datore di lavoro dell impresa esecutrice o di suoi dipendenti. Di questo avviso è la Corte di cassazione, sezione penale IV, che ne nella sentenza n del 14 gennaio 2010, asserisce un analisi approfondita circa la definizione del ruolo e della sfera di responsabilità delle diverse figure garanti all interno delle attività esercitate nei cantieri edili (committente, responsabile dei lavori, coordinatore per la progettazione, coordinatore per l esecuzione)... Dopo aver ritenuto che l incarico al responsabile dei lavori da parte del committente (lo si voglia o meno tratteggiare come una forma di delega), per assumere rilevanza giuridica deve comunque presentare una chiara evidenza formale, e questo implica necessariamente il conferimento dei poteri decisionali, gestionali e di spesa occorrenti; e che, stante il rapporto critico-dialettico tra il committente e il datore di lavoro dell impresa esecutrice, è da escludere, sul piano logico-sistematico, che il ruolo di responsabile dei lavori possa essere assegnato dal primo al secondo (pena l inconcepibile identificazione tra soggetto controllore e soggetto controllato per quello che riguarda la sicurezza nei cantieri). DOMANDA Committente ed inerzia nella sospensione dei lavori Quali rischi corre il committente o il responsabile dei lavori nel caso non adotti alcun provvedimento di sospensione delle lavorazioni o di risoluzione del contratto in seguito a segnalazioni del coordinatore per l esecuzione senza motivazioni di sorta? Il CSE, ai sensi dell art. 92, c. 1, lett. e) del D.Lgs. 81/2008, in seguito a contestazione scritta di non conformità a quanto stabilito agli articoli 94,95, 96, 97 c. 1 del D.Lgs. 81/2008 e alle disposizioni e prescrizioni del PSC, è obbligato a comunicare al committente o responsabile dei lavori le violazioni medesimi, al fine di farle cessare mediante il provvedimento adottato da costui di sospensione delle lavorazioni a rischi o, nel casi peggiori, di risoluzione del contratto. La norma in questione, dunque, chiama in causa il committente o il responsabile dei lavori, senza prevedere alcuna sanzione nei suoi confronti per inadempienza o inerzia ingiustificata. Tuttavia, pur non prevedendo alcuna sanzione, il committente o il responsabile dei lavori è presunto corresponsabile con il soggetto che commette le violazioni segnalate dal CSE di eventi dannosi nei confronti dei lavoratori, che potrebbero manifestarsi proprio per non aver dato corso alle azioni dovute. 18

19 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri 3. APPALTO DI LAVORI PUBBLICI DOMANDA 3.1. Responsabile dei lavori nei contratti pubblici In base al combinato disposto degli articoli 89, c. 1, lett. c) e 93, c. 1, del D.Lgs. 81/2008, il committente che intende far svolgere ad altro soggetto i propri compiti deve conferire formale incarico (delega di funzioni). Nel caso di applicazione del codice dei contratti pubblici, ai sensi dell art. 10, cc. 2 e 3, del DPR 207/2010, il responsabile del procedimento assume ex lege il ruolo di responsabile dei lavori. Significa questo che in tali casi non è necessario l incarico scritto? Risposta A differenza di quanto stabilito dal DPR 554/1999, che prevedeva il conferimento di specifico incarico scritto indicante esplicitamente i compiti delegati al RUP in qualità di responsabile dei lavori, il nuovo regolamento di attuazione ed esecuzione del codice dei contrati pubblici prescinde dall incarico scritto e rende automatico l affidamento dell incarico in quanto parte integrante dei compiti del RUP. I limiti di competenza del RUP nell adempiere agli obblighi di responsabile dei lavori (quelli del committente) sono indicati dal medesimo regolamento. DOMANDA 3.2. Delegato alla redazione del DUVRI L art. 26 c. 3 ultimo periodo stabilisce che nel capo di applicazione del codice dei contratti pubblici il DUVRI è redatto dal soggetto titolare dei poteri decisionali e di spesa (committente). Il DPR 207/2010, all art. 10, c. 1, lett. dd), stabilisce altresì, per gli stessi casi, che su delega di costui il responsabile del procedimento adempie all obbligo della redazione del DUVRI. Quale delle due norme prevale? Risposta In base a quanto stabilito dall art. 26 c. 7 del D.Lgs. 81/2008, la disciplina prevalente in materia è quella del D.Lgs. 163/2006 (quindi del suo regolamento di esecuzione ed attuazione DPR 207/2010). Pertanto, il soggetto obbligato alla redazione del DUVRI è il responsabile unico del procedimento, se delegato dal soggetto che sarebbe invece tenuto (colui che ha il potere decisionale e di spesa nell appalto) secondo quanto disposto all art. 26, c. 3, ultimo periodo, del D.Lgs. 81/2008. DOMANDA 3.3. Documento preliminare del PSC e CSP Il DPR 207/2001, all art. 17, c.1, lett. f), prescrive tra i documenti componenti il progetto preliminare la redazione del documento preliminare alla redazione del PSC. Questo documento, potendosi 19

20 identificare con il PSC preliminare, deve essere redatto esclusivamente dal CSP? Risposta Il CSP deve essere designato, qualora si prevedano più imprese contemporanee, al momento dell incarico di progettazione. Nell appalto pubblico di lavori, al momento dell incarico di progettazione preliminare. Dai contenuti stabiliti dal citato art. 17, c. 2, del DPR 207/2010, si comprende facilmente che il documento prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e della sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza altro non è che un PSC preliminare. Attraverso le due considerazioni premesse si può concludere che è logico aspettarsi la redazione di tale documento da parte del CSP, salvo che non si prevedano più imprese, anche non contemporanee, durante l esecuzione dei lavori. Ma in tal caso non è richiesta la redazione del PSC e non avrebbe senso elaborare un documento propedeutico ad un altro non previsto. DOMANDA 3.4. Progetto preliminare posto a base di gara Quando un progetto preliminare è posto a base di gara, il Documento preliminare al PSC di cui all'art. 17, c. 1, lett. f), del DPR 207/2010, ai sensi del successivo comma 3, ultimo periodo, è allegato al contratto d appalto, fermo restando l integrazione del medesimo contratto con il PSC predisposto a corredo del progetto esecutivo. In tali casi, considerato che il progetto esecutivo è redatto dall appaltatore, il PSC da chi è redatto? Il PSC può essere redatto soltanto dal CSP, la cui designazione è esclusivamente a carico del Committente e deve essere effettuata contestualmente all incarico di progettazione (preliminare nell appalto pubblico). Pertanto il PSC deve essere redatto, anche nell appalto integrato, dal CSP incaricato direttamente dall amministrazione aggiudicatrice. DOMANDA 3.5. Progetto definitivo posto a base di gara Quando un progetto definitivo è posto a base di gara, l art. 24, c. 3, del DPR 207/2010 dispone che il progetto sia corredato del PSC. In tali casi, poiché il progetto esecutivo è redatto dall appaltatore, il PSC da chi è redatto? 20 Oltre alle considerazioni di cui alla domanda precedente, va considerato che il PSC è, come citato, un documento di gara e in quanto tale non potrà mai essere redatto dall appaltatore, soggetto che risulterà affidatario dell intervento in seguito al completamento della stessa procedura di gara.

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note

IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note 11 - IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 E IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note di Rosario Giurintano - ENGINEERING

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ART. 1 Ente appaltante

ART. 1 Ente appaltante La Scuola è sede di progetti Istituto Omnicomprensivo Statale San Demetrio Corone (CS) Dirigenza ed Uffici Amministrativi Via Dante Alighieri, n. 146 87069 San Demetrio Corone (CS) Tel. +39 0984 956086

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE La dichiarazione che segue deve essere resa dall Impresa concorrente completa

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli