QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI"

Transcript

1 GIUSEPPE SEMERARO 21 marzo 2013 QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI Domande e risposte su problematiche inerenti la tutela della salute e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile

2 E-BOOK QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI 2012 GIUSEPPE SEMERARO Tutti i diritti sono riservati all Autore. Vietata la riproduzione su qualsiasi mezzo. Vietato l inserimento, anche parziale, in altre pubblicazioni a stampa o su supporto informatico, anche se a titolo gratuito. 2

3 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri ACRONIMI E ABBREVAZIONI ADOPERATI NEL TESTO ANCE = associazione nazionale costruttori edili ASL = Azienda sanitaria locale AVCP = Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Det. = Determinazione (normalmente dell AVCP) DPC = dispositivo (attrezzatura o opera provvisionale) di protezione collettiva DPI = dispositivo (attrezzatura) di protezione individuale DTL = direzione territoriale del lavoro DVR = documento di valutazione dei rischi DUVRI = documento unico di valutazione dei rischi interferenti CSE = coordinatore per l esecuzione CSP = coordinatore per la progettazione FO = fascicolo adattato alle caratteristiche dell opera LSP = sistema di protezione contro i fulmini (Lightning Protection System) è l'intero sistema Osservatorio = Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture PA = pubblica amministrazione (in genere nel senso di amministrazione aggiudicatrice) PiMUS = piano di montaggio uso e smontaggio dei ponteggi PLE = piattaforma di lavoro in elevato (in gergo autocestello) POS = piano operativo di sicurezza PSC = piano di sicurezza e coordinamento PSS = piano sostitutivo di sicurezza RTI (o ATI) = raggruppamento (o associazione) temporaneo di imprese RUP = responsabile del procedimento unico tutte le fasi dell intervento in ambito pubblico SOA = organismo attestazione della qualificazione delle imprese nel settore dei lavori pubblici 3

4 SUVA = è un'azienda autonoma di diritto pubblico di assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali della Svizzera 4

5 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri INDICE ANALITICO DEGLI ARGOMENTI A AMBITO D APPLICAZIONE DEL TITOLO SUI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI... 9 APPALTI DI LAVORI ALL INTERNO DELLE AZIENDE APPALTO DI LAVORI PUBBLICI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DEI CARICHI ATTREZZATURE DI LAVORO C COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE PER LA SICUREZZA D DIRETTORE DEI LAVORI, DIRETTORE TECNICO DI CANTIERE E PREPOSTI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE NEI LAVORI IN QUOTA F FASCICOLO ADATTATO ALLE CARATTERISITICHE DELL OPERA FORNITORI DI MATERIALI O ATTREZZATURE G GESTIONE DEL PRIMO SOCCORSO, ANTINCENDIO ED EMERGENZA IN CANTIERE I IDONEITÀ DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI IMPIANTO CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE IMPRESA AFFIDATARIA... 42; 46 L LAVORATORI LAVORATORI AUTONOMI

6 P PARAPETTI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA PONTEGGI R RECINZIONE DI CANTIERE S SERVIZI IGIENICO ASSISTENZIALI DI CANTIERE STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA T TRASMISSIONE DI DOCUMENTI ALL AUTORITÀ PER IL TITOLO ABILITATIVO DEI LAVORI V VIABILITÀ DI CANTIERE

7 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri PRESENTAZIONE Molti dubbi angosciano gli addetti ai lavori, a qualunque categoria appartengano, nella pratica quotidiana della ricerca delle soluzioni di conformità del lavoro nel cantiere alla legge o norma tecnica o buona prassi o best practice o linea guida o chi sa a quale altro standard emanato chi sa da chi e dove, sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e per tranquillizzare la propria coscienza, anche in relazione alle responsabilità connesse all espletamento del proprio ruolo nel processo realizzativo degli interventi edili o di ingegneria civile. Per questo motivo ho pensato di mettere per iscritto le risposte ad una selezione di oltre 140 quesiti, tra quelli che mi sono sentito sottoporre più volte in tanti anni di attività di divulgazione delle personali conoscenze in materia di prevenzione infortuni nei cantieri temporanei e mobili. Per lo più le questioni analizzate riguardano la legislazione, ma non solo sotto gli aspetti giuridici - come: chi è tenuto a fare cosa e come fare quel qualcosa? - ma anche dal punto di vista tecnico prevenzionistico. Le questioni trattate sono quelle che ho ritenuto più meritevoli di attenzione; quelle più critiche o più rappresentative. La maggior parte sono argomenti ancora non del tutto definiti dalla giurisprudenza o prassi consolidata. Le risposte, volutamente sintetiche, sono il frutto di tanti anni di esperienza e di un continuo processo di aggiornamento e confronto sul campo. La speranza è che il lavoro svolto possa servire ad aprire un dibattito sulle tematiche trattate e sulle altre che emergeranno nel tempo, per arrivare ad una condivisione quanto più ampia delle soluzioni a beneficio del livello di salute e sicurezza nei cantieri. A riguardo sono gradite informazioni di ritorno. L Autore 7

8 8

9 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri 1. AMBITO D APPLICAZIONE DEL TITOLO SUI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DOMANDA 1.1. Impianti a rete Il titolo sui canteri temporanei o mobili non si applica ai lavori riguardanti gli impianti di cui all articolo 88, c. 1, lett. g-bis), del D.Lgs. 81/2008 sempre che non comportino lavori edili o di ingegneria civile, di cui all allegato X. Ciò premesso, nel caso in cui l intervento impiantistico preveda lavori edili o di ingegneria civile meramente accessori rispetto all attività principale, l intervento gode ancora dell esclusione dall ambito di applicazione? Se si, l esecuzione di fori su murature e solai e/o la realizzazione di tracce sono da considerarsi lavori edili? Risposta Il titolo IV, capo I (cantieri temporanei o mobili, di recepimento della direttiva 91/57/CEE), del D.Lgs. 81/2008, come modificato dal D.Lgs. 106/2009, non si applica ai lavori riguardanti gli impianti di cui all articolo 88, c. 1, lett. g-bis), del medesimo decreto, sempre che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui all allegato X. Gli impianti in questione sono gi impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, di condizionamento e riscaldamento. Mentre con la locuzione lavori edili o di ingegneria civile di cui all allegato X si identificano sicuramente attività edili o di ingegneria civile di demolizioni e rifacimenti (quale la formazione e successiva chiusura di tracce e forni su muri, solai e pavimenti) e attività di scavo (formazione e chiusura di trincee per canalizzazioni). Pertanto, la risposta alla domanda è la seguente: nel caso di realizzazione degli impianti, di cui all articolo 88, c. 1, lett. g- bis), del D.Lgs. 81/2008, in esecuzione esterna, cioè senza opere murarie accessorie, si gode dell esonero dall applicazione del titolo sui cantieri temporanei o mobili; viceversa, cioè se sono presenti tali opere, non si gode dell esonero dall applicazione del titolo sui cantieri temporanei o mobili. DOMANDA 1.2. Impianti fotovoltaici Gli interventi di realizzazione di impianti fotovoltaici godono, ai sensi dell art. 88, c. 1, lett. g-bis), del D.Lgs. 81/2008, dell esenzione dell applicazione del titolo IV, capo I, del D.Lgs. 81/2008? Pur facendo rientrare la realizzazione degli impianti fotovoltaici tra gli impianti elettrici, i quali, ai sensi dell articolo 88, c. 1, lett. g-bis), del D.Lgs. 81/2008, godono, in assenza di opere edili o di ingegneria civile, della deroga 9

10 all applicazione del titolo sui cantieri temporanei o mobili, va considerato che la realizzazione di tali impianti comporta quasi sempre l esecuzione di opere complementari, a volte non accessorie, di natura edile (quali carpenterie metalliche, demolizioni di manufatti edili, maneggiamenti di manti di copertura, ecc.), che non consentono di usufruire della deroga in questione. DOMANDA 1.3. Manutenzioni industriali Il titolo sui cantieri edili o di ingegneria civile si applica alle manutenzioni industriali? In generali le attività (dalle istallazioni alle relative manutenzioni) di impianti per la produzione non richiedono l applicazione del titolo IV capo I del D.Lgs. 81/2008 (vedi la Circolare del Ministero del lavoro n. 41 del 18 marzo 1997), salvo che le stesse non prevedano lavori, anche accessori, appartenenti a quelle di cui all allegato X, come nel caso dell installazione di una turbina che richieda la realizzazione di carpenterie metalliche di sostegno e di servizio o la realizzazione di un impianto di zincatura che prevedeva l esecuzione di una vasca e il montaggio di opere fisse di metallo (vedi Corte di cassazione, sez. IV penale, sentenza n del 9 febbraio 2010). DOMANDA 1.4. Lavori nelle cave e nelle industrie di idrocarburi L esecuzione di lavori edili o di ingegneria civile all interno di un aria in concessione di cava o d un industria di idrocarburi è esentata dall applicazione del titolo sui cantieri edili o di ingegneria civile? 10 Relativamente alle cave e all estrazione degli idrocarburi, come per le miniere, l esenzione sull applicazione del titolo IV capo I del D.Lgs. 81/2008 è prevista dall articolo 88 solo per talune attività. Relativamente alle cave si specifica che l esenzione è riferita ai lavori di frantumazione, vagliatura, squadratura e trasporto dei prodotti delle cave e alle operazioni di caricamento di tali prodotti dai piazzali. Mentre le attività esentate riguardanti le aziende che lavorano gli idrocarburi sono quelle di prospezione, ricerca, coltivazione e stoccaggio degli idrocarburi liquidi e gassosi. Pertanto, nei lavori edili o di ingegneria civile eseguiti in tali aree, come la costruzioni di edifici industriali o la realizzazione di strade, non possono ritenersi esonerati dall ambito di applicazione del titolo IV, capo I, del D.Lgs. 81/2008. E nulla rileva che gli organi di vigilanza e controllo in tali ambiti non siano quelli abituali (ASL e DTL competenti per territorio) ma altri. DOMANDA 1.5. Lavori in economia diretta

11 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri Il committente nel caso in cui esegue i lavori in economia diretta è tenuto all applicazione del titolo sui cantieri edili o di ingegneria civile? L applicazione del titolo IV capo I, del D.Lgs. 81/2008, sui cantieri temporanei o mobili, si applica non in funzione del titolo con cui i vari soggetti sono chiamati ad operare, ma sul fatto che l intervento riguarda un lavoro edile o di ingegneria civile di cui all allegato X del medesimo decreto. Pertanto, qualora il committente coincide con l esecutore e non intervengono altri operatori economici nell esecuzione dei lavori, verranno meno gli obblighi di designazione dei coordinatori per la sicurezza ma non gli altri obblighi che regolano il rapporto tra l essere committente ed esecutore, non ultimo l autoverifica dell idoneità tecnico professionale ad eseguire i lavori. 11

12 12

13 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri 2. COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI DOMANDA 2.1. Un impresa esecutrice e lavoratori autonomi In un cantiere i lavori saranno eseguiti da un impresa e da due lavoratori autonomi, un idraulico ed un elettricista. In questo caso si è tenuti alla designazione del coordinatore per la sicurezza? RIPOSTA Il legislatore con il D.Lgs. 106/2009, di modificazione d integrazione del D.Lgs. 81/2008 ha voluto definire in maniera più chiara questi casi rispetto al passato. In primo luogo ha stabilito che i coordinatori per la sicurezza devono essere designati quando si prevedono più imprese esecutrici. In più ha voluto chiaramente differenziale l impresa esecutrice dal lavoratore autonomo introducendo la seguente definizione di impresa esecutrice: impresa che esegue un opera o parte di essa impegnando proprie risorse umane e materiai. Mentre la definizione di lavoratore autonomo è quella di persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell opera senza vincolo di subordinazione. Va segnalato che prima dell emanazione dei chiarimenti avvenuti con il D.Lgs. 106/2009, la giurisprudenza sull argomento era di avviso diverso (cassazione, sezione IV, sentenza n del 16 gennaio 2009). DOMANDA 2.2. Comunicazione dei nominativi dei coordinatori per la sicurezza In base al c. 7 dell art. 90, del D.Lgs. 81/2008 il committente o il responsabile dei lavori è tenuto a comunicare alle imprese affidatarie, esecutrici e ai lavoratori autonomi, pena l applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 500 a euro 1.800, i nominativi dei coordinatori per la sicurezza. Come deve avvenire, soprattutto in relazione alle imprese e lavoratori autonomi subaffidatari, con i quali il committente non ha rapporti diretti? Va considerato preliminarmente che la comunicazione dei nominativi dei coordinatori per la sicurezza nei confronti dei datori di lavoro delle imprese e dei lavoratori autonomi consente a costoro di svolgere una funzione di controllo sul committente in relazione all adempimento degli obblighi di designazione dei coordinatori medesimi. Nello specifico della domanda, si ritiene prova sufficiente dell adempimento di tale obbligo l inserimento dei nominativi dei coordinatori per la sicurezza nel cartello di cantiere, come previsto dallo stesso art. 90, c. 7, secondo periodo, del D.Lgs. 81/2008 e l affissione in cantiere della notifica preliminare, in adempimento all art. 99, c. 2, del D.Lgs. 81/2008 e la trasmissione, ai sensi dell art. 101 del D.Lgs. 81/2008, a cura dell impresa affidataria del PSC, con 13

14 l indicazione dei suddetti nominativi, alle imprese subaffidatarie ed ai lavoratori autonomi subcontrattisti. DOMANDA 2.3. Verifica adempimenti del CSE Quali azioni devono mettere in atto il committente ovvero il responsabile dei lavori per verificare l adempimento degli obblighi del coordinatore per l esecuzione? Il committente o il responsabile dei lavori, ai sensi dell art. 93, c. 2, del D.Lgs. 81/2008, è tenuto a verificare l adempimento degli obblighi di cui all articolo 92, c. 1, lett. a), b) c), d) ed e) del D.Lgs. 81/2008 da parte del coordinatore per l esecuzione. La verifica può condurre fino alla risoluzione dell incarico di CSE, come previsto dall art. 90, c. 8, del D.Lgs. 81/2008. Se non effettuata adeguatamente è prevista la pena dell arresto da due a quattro mesi o l ammenda da euro a Ciò premesso, è del tutto ovvio che la verifica in questione non deve necessariamente sfociare nel controllo sul campo, quasi a simulare l attività richiesta al CSE. D altro canto non sarebbe nemmeno logico aspettarsi una condotta del genere da parte del committente o del responsabile dei lavori, in quanto ciò richiederebbe il possesso di qualifica da coordinatore per la sicurezza o non la semplice diligenza di buon padre di famiglia. Nello specifico, quello che si deve sicuramente scongiurare è che non ci siano vuoti di controllo e coordinamento efficace da parte del CSE (vedi a riguardo maggiori dettagli sull argomento nella sezione Coordinatori per la sicurezza). Da questo punto di vista è necessario allora accertare che la frequenza del cantiere da parte del CSE sia sufficiente ed efficace sotto il profilo prevenzionistico, in quanto i lavori devono procedere senza pregiudizio alcuno per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. La verifica conseguente è di tipo documentale: farsi trasmettere dal CSE gli esiti dei suoi sopralluoghi e verificare che la periodicità dei sopralluoghi sia adeguata alla specificità del cantiere. A riguardo il disciplinare d incarico di CSE deve essere sufficientemente esauriente, nel senso che deve prevedere l obbligo, pena la risoluzione del contratto d incarico stesso, di relazionare periodicamente, in funzione del numero delle fasi lavorative, al fine di non avere vuoti di controllo sullo stato di tutela di salute e sicurezza in cui versa il cantiere. 14 Sotto questo aspetto non può non registrarsi una contraddizione di fondo che frequentemente si legge nei contratti d incarico di CSE. Da una lato si dispone che il CSE frequenti il cantiere con una certa assiduità, mentre dall alto lato il

15 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri compenso previsto non rende giustificabile tale richiesta, anzi, esso stesso costituisce un pericoloso ostacolo alle azioni richieste al CSE. Naturalmente, oltre ai controlli indicati in precedenza, le segnalazioni di non conformità del cantiere alle norme antinfortunistiche, che potrebbero giungere da terzi (per esempio, dal direttore dei lavori), devono essere prese in seria considerazione dal committente o responsabile dei lavori e costituiscono elementi validi per ammonire il CSE o per risolvere con costui il contratto. DOMANDA 2.4. Idoneità per l adempimento degli obblighi dell affidataria In base all art. 100, c. 6-bis), del D.Lgs. 81/2008, il committente ovvero il responsabile dei lavori è tenuto ad assicurare l attuazione degli obblighi di cui all art. 97, comma 6, lett. 3-ter del medesimo decreto. Ciò premesso, quali sono le modalità operative per adempiervi? L art. 90, c. 9, del D.Lgs. 81/2008 dispone di effettuare la verifica tecnico professionale delle imprese (affidatarie ed esecutrici) e dei lavoratori autonomi secondo le modalità stabilite all allegato XVII del medesimo decreto. Relativamente alle imprese affidatarie prevede l acquisizione di una dichiarazione che indichi il nominativo del soggetto o i nominativi dei soggetti della propria impresa, con le specifiche mansioni, incaricati per l assolvimento dei compiti di cui all art. 97 del D.Lgs. 81/2008. Al successivo art. 100, comma 6-bis), si dispone, sempre a carico del committente o del responsabile dei lavori, di assicurare che i soggetti che si occupano dello svolgimento delle attività di cui all art. 97, quindi i soggetti indicati ai fini della verifica tecnico professionale dell impresa affidataria, siano adeguatamente formati. Ciò premesso, la domanda pone il problema di come assicurare l adeguatezza della formazione. La risposta alla domanda posta non può essere esaustiva poiché il legislatore non ha stabilito il livello di formazione minima degli addetti all attuazione del citato art. 97. Tuttavia, è possibile affermare che i contenuti della formazione devono riguardare gli aspetti inerenti l attuazione dell art. 97 (conoscenze in materia di salute e sicurezza nei cantieri per il controllo della sicurezza, per il coordinamento degli obblighi di cui agli artt. 95 e 96 del D.Lgs. 81/2008, di verifica coerenza dei POS, di verifica dell idoneità tecnico professionale dei subcontrattisti) e pertanto non può ritenersi sufficiente a riguardo la formazione di ruolo (dirigente o preposto) stabilita dall art. 37, c, 7, del D.Lgs. 81/2008 e dall Accordo Stato Regioni e Province autonome del 21 dicembre 2011 (atto n 221 CSR) e quella per l espletamento delle funzioni di responsabile del servizio di prevenzione e protezione. Mentre si può ritenere sicuramente sufficiente la formazione prevista per i coordinatori per la sicurezza di cui all art. 98 del D.Lgs. 81/

16 DOMANDA 2.5. Deroga alla redazione del PSC e designazione del CSE Considerato che l art. 100, c. 6, del D.Lgs. 81/2008 dispone di fatto la deroga alla redazione del PSC nei casi ivi previsti, negli stessi casi la designazione del CSE deve essere effettuata? L art. 100, c. 6, del D.Lgs. 81/2008 consente di derogare dall applicazione di quanto stabilito nel medesimo articolo, a proposito dei contenuti del PSC, per situazioni di somma urgenza o per consentire la continuità di servizi essenziali alla collettività. La legge, pertanto, non esonera esplicitamente in tali casi e qualora gli interventi di emergenza siano affidati a più imprese esecutrici alla designazione del CSP, ma semplicemente di derogare alla redazione del PSC con i contenuti stabiliti dall art. 100, quindi dall allegato XV. Tuttavia è ipotizzabile, per motivi di soma urgenza (la tempestività dell intervento è necessaria per salvaguardare la popolazione da danni maggiori conseguenti ad un intervento effettuato nel rispetto delle regole stabilite in regime di ordinarietà e quindi con tempi non celeri) che la deroga alla redazione del PSC equivalga alla deroga alla designazione del CSP, anche se avrebbe comunque uno scopo non del tutto residuali in tali casi, cioè coordinare l adempimento dell obbligo di cui all art. 91, c.1, lett. b-bis, del D.Lgs. 81/2008. Di questo parere è il DPCM 231/2011, relativamente all'individuazione delle particolari esigenze connesse all'espletamento delle attività del Dipartimento della protezione civile, che ribadisce, invece, l obbligo della designazione del CSE, il quale deve assicurare assicura una presenza continua in cantiere, avvalendosi anche di assistenti, e deve redigere il fascicolo dell opera. DOMANDA 2.6. Committente e PSC L art. 90, c. 2, del D.Lgs. 81/2008 dispone che il committente o il responsabile dei lavori, nella fase di progettazione, prenda in considerazione il PSC e il Fascicolo dell opera redatti dal CSP. Nei lavori privati è sufficiente adempiere a tali obblighi accertandosi che siano redatti prima della fase di richiesta delle offerte? 16 I termini prendere in considerazione non equivalgono al termine verificare. Pertanto, considerato che al committente privato cittadino al più si può pretendere la diligenza di buon padre di famiglia e, comunque, non quella professionale, si ritiene sufficiente accertare che tali documenti siano formalmente redatti e disponibili prima della richiesta delle offerte per l affidamento dell esecuzione dei lavori. DOMANDA 2.7. Committenti ed esecuzione diretta dei lavori

17 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri A quali condizioni i committenti privati possono personalmente partecipare all esecuzione dei lavori? I committenti privati possono partecipare direttamente all esecuzione dei lavori, purché in possesso dei requisiti tecnico professionali di cui all art. 89, c. 1, lett. l) del D.Lgs. 81/2008, in quanto applicabili. DOMANDA 2.8. Fermo di cantiere e responsabilità Di chi è la responsabilità dei cantiere nel caso in cui vi è un fermo dei lavori non imputabile all appaltatore, ma al committente? Il coordinatore per l esecuzione cosa deve fare in questo caso? Salvo che non siano previsti patti contrattuali specifici o non siano intervenuti nuovi patti contrattuali in materia di custodia e mantenimento in sicurezza del cantiere per fermo di cantiere, cosa alquanto inverosimile nel caso in esame, la custodia del cantiere è il mantenimento nel tempo delle condizioni di sicurezza devono essere garantite dal committente. Il CSE chiederà di essere sollevato dall incarico durante tutto il periodo di fermo del cantiere. In tal senso è preferibile che sia lo stesso CSE a inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno spiegando i motivi della cessazione temporanea della sua attività e chiedendo al committente di comunicargli la data della ripresa dei lavori. La migliore soluzione sarebbe che il committente o il responsabile dei lavori inviasse, a sua volta, integrazione della notifica preliminare agli organi di vigilanza competenti, informandoli del fermo di cantiere. DOMANDA 2.9. Impresa e responsabile dei lavori Il datore di lavoro di un impresa affidataria o esecutrice può svolgere il ruolo di responsabile dei lavori? Il responsabile dei lavori è il soggetto incaricato dal committente per adempiere a quei compiti propri del committente, di cui agli art. 90, 99 e 100 del D.Lgs. 81/2008, che gli sono stati effettivamente conferiti mediante l incarico. Se tra questi vi sono anche quello di verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi, di adottare provvedimenti di sospensione dei lavori o addirittura di risoluzione del contratto di appalto o d opera o di revoca dell autorizzazione al subappalto su richiesta del CSE, di assicurare la corresponsione dei costi della sicurezza nel subappalto senza alcun ribasso, di assicurare l adeguata formazione dei soggetti, incluso il datore di lavoro, addetti all applicazione dell art. 97 del D.Lgs. 81/2008, si pone il problema se, sebbene non previsto esplicitamente dalla legge, sul piano logico operi il divieto 17

18 dell assunzione del ruolo di responsabile dei lavori da parte del datore di lavoro dell impresa esecutrice o di suoi dipendenti. Di questo avviso è la Corte di cassazione, sezione penale IV, che ne nella sentenza n del 14 gennaio 2010, asserisce un analisi approfondita circa la definizione del ruolo e della sfera di responsabilità delle diverse figure garanti all interno delle attività esercitate nei cantieri edili (committente, responsabile dei lavori, coordinatore per la progettazione, coordinatore per l esecuzione)... Dopo aver ritenuto che l incarico al responsabile dei lavori da parte del committente (lo si voglia o meno tratteggiare come una forma di delega), per assumere rilevanza giuridica deve comunque presentare una chiara evidenza formale, e questo implica necessariamente il conferimento dei poteri decisionali, gestionali e di spesa occorrenti; e che, stante il rapporto critico-dialettico tra il committente e il datore di lavoro dell impresa esecutrice, è da escludere, sul piano logico-sistematico, che il ruolo di responsabile dei lavori possa essere assegnato dal primo al secondo (pena l inconcepibile identificazione tra soggetto controllore e soggetto controllato per quello che riguarda la sicurezza nei cantieri). DOMANDA Committente ed inerzia nella sospensione dei lavori Quali rischi corre il committente o il responsabile dei lavori nel caso non adotti alcun provvedimento di sospensione delle lavorazioni o di risoluzione del contratto in seguito a segnalazioni del coordinatore per l esecuzione senza motivazioni di sorta? Il CSE, ai sensi dell art. 92, c. 1, lett. e) del D.Lgs. 81/2008, in seguito a contestazione scritta di non conformità a quanto stabilito agli articoli 94,95, 96, 97 c. 1 del D.Lgs. 81/2008 e alle disposizioni e prescrizioni del PSC, è obbligato a comunicare al committente o responsabile dei lavori le violazioni medesimi, al fine di farle cessare mediante il provvedimento adottato da costui di sospensione delle lavorazioni a rischi o, nel casi peggiori, di risoluzione del contratto. La norma in questione, dunque, chiama in causa il committente o il responsabile dei lavori, senza prevedere alcuna sanzione nei suoi confronti per inadempienza o inerzia ingiustificata. Tuttavia, pur non prevedendo alcuna sanzione, il committente o il responsabile dei lavori è presunto corresponsabile con il soggetto che commette le violazioni segnalate dal CSE di eventi dannosi nei confronti dei lavoratori, che potrebbero manifestarsi proprio per non aver dato corso alle azioni dovute. 18

19 Giuseppe Semeraro Questioni critiche nei cantieri 3. APPALTO DI LAVORI PUBBLICI DOMANDA 3.1. Responsabile dei lavori nei contratti pubblici In base al combinato disposto degli articoli 89, c. 1, lett. c) e 93, c. 1, del D.Lgs. 81/2008, il committente che intende far svolgere ad altro soggetto i propri compiti deve conferire formale incarico (delega di funzioni). Nel caso di applicazione del codice dei contratti pubblici, ai sensi dell art. 10, cc. 2 e 3, del DPR 207/2010, il responsabile del procedimento assume ex lege il ruolo di responsabile dei lavori. Significa questo che in tali casi non è necessario l incarico scritto? Risposta A differenza di quanto stabilito dal DPR 554/1999, che prevedeva il conferimento di specifico incarico scritto indicante esplicitamente i compiti delegati al RUP in qualità di responsabile dei lavori, il nuovo regolamento di attuazione ed esecuzione del codice dei contrati pubblici prescinde dall incarico scritto e rende automatico l affidamento dell incarico in quanto parte integrante dei compiti del RUP. I limiti di competenza del RUP nell adempiere agli obblighi di responsabile dei lavori (quelli del committente) sono indicati dal medesimo regolamento. DOMANDA 3.2. Delegato alla redazione del DUVRI L art. 26 c. 3 ultimo periodo stabilisce che nel capo di applicazione del codice dei contratti pubblici il DUVRI è redatto dal soggetto titolare dei poteri decisionali e di spesa (committente). Il DPR 207/2010, all art. 10, c. 1, lett. dd), stabilisce altresì, per gli stessi casi, che su delega di costui il responsabile del procedimento adempie all obbligo della redazione del DUVRI. Quale delle due norme prevale? Risposta In base a quanto stabilito dall art. 26 c. 7 del D.Lgs. 81/2008, la disciplina prevalente in materia è quella del D.Lgs. 163/2006 (quindi del suo regolamento di esecuzione ed attuazione DPR 207/2010). Pertanto, il soggetto obbligato alla redazione del DUVRI è il responsabile unico del procedimento, se delegato dal soggetto che sarebbe invece tenuto (colui che ha il potere decisionale e di spesa nell appalto) secondo quanto disposto all art. 26, c. 3, ultimo periodo, del D.Lgs. 81/2008. DOMANDA 3.3. Documento preliminare del PSC e CSP Il DPR 207/2001, all art. 17, c.1, lett. f), prescrive tra i documenti componenti il progetto preliminare la redazione del documento preliminare alla redazione del PSC. Questo documento, potendosi 19

20 identificare con il PSC preliminare, deve essere redatto esclusivamente dal CSP? Risposta Il CSP deve essere designato, qualora si prevedano più imprese contemporanee, al momento dell incarico di progettazione. Nell appalto pubblico di lavori, al momento dell incarico di progettazione preliminare. Dai contenuti stabiliti dal citato art. 17, c. 2, del DPR 207/2010, si comprende facilmente che il documento prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e della sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza altro non è che un PSC preliminare. Attraverso le due considerazioni premesse si può concludere che è logico aspettarsi la redazione di tale documento da parte del CSP, salvo che non si prevedano più imprese, anche non contemporanee, durante l esecuzione dei lavori. Ma in tal caso non è richiesta la redazione del PSC e non avrebbe senso elaborare un documento propedeutico ad un altro non previsto. DOMANDA 3.4. Progetto preliminare posto a base di gara Quando un progetto preliminare è posto a base di gara, il Documento preliminare al PSC di cui all'art. 17, c. 1, lett. f), del DPR 207/2010, ai sensi del successivo comma 3, ultimo periodo, è allegato al contratto d appalto, fermo restando l integrazione del medesimo contratto con il PSC predisposto a corredo del progetto esecutivo. In tali casi, considerato che il progetto esecutivo è redatto dall appaltatore, il PSC da chi è redatto? Il PSC può essere redatto soltanto dal CSP, la cui designazione è esclusivamente a carico del Committente e deve essere effettuata contestualmente all incarico di progettazione (preliminare nell appalto pubblico). Pertanto il PSC deve essere redatto, anche nell appalto integrato, dal CSP incaricato direttamente dall amministrazione aggiudicatrice. DOMANDA 3.5. Progetto definitivo posto a base di gara Quando un progetto definitivo è posto a base di gara, l art. 24, c. 3, del DPR 207/2010 dispone che il progetto sia corredato del PSC. In tali casi, poiché il progetto esecutivo è redatto dall appaltatore, il PSC da chi è redatto? 20 Oltre alle considerazioni di cui alla domanda precedente, va considerato che il PSC è, come citato, un documento di gara e in quanto tale non potrà mai essere redatto dall appaltatore, soggetto che risulterà affidatario dell intervento in seguito al completamento della stessa procedura di gara.

QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI

QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI GIUSEPPE SEMERARO www.cseplanner.com QUESTIONI CRITICHE NEI CANTIERI Domande e risposte su problematiche inerenti la tutela della salute e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

Il coordinatore per la sicurezza nei cantieri eolici

Il coordinatore per la sicurezza nei cantieri eolici Sabrina Paola Piancone Il coordinatore per la sicurezza nei cantieri eolici CONTROLLO E MONITORAGGIO PER L ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DEL COORDINATORE PER LA SICUREZZA Il D.Lgs. n. 81/2008, l innovazione

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI Corso di aggiornamento per coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori 06/03/2013 Dott. Lucio QUATTROCCHI D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SIENA IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI GUIDA PRATICA SUGLI OBBLIGHI E REPONSABILITA DEL COMMITTENTE E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI PREMESSA Con

Dettagli

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici BERGAMO 31.01.2007 www.gruppomercurio gruppomercurio.orgorg FASE PRELIMINARE Individuazione del Responsabile Unico

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi

Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi Introduzione Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi corrisponde per lo più all idea di come fare per evitare profili di colpa nel caso di violazioni

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza Capitolo Secondo Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza I responsabili della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili sono: Committente e Responsabile dei lavori (Scheda 2.1) Datore

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Documentazione

Dettagli

Gerarchia dei soggetti

Gerarchia dei soggetti Gerarchia dei soggetti Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici IL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA (DURC) Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici Ordine degli Ingegneri di Bergamo Ing. Filippo Scopazzo

Dettagli

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160)

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) All interno di un cantiere già avviato deve entrare un impresa di due soci, chiamati dal committente per la realizzazione di un soppalco in ferro, e quindi non in subappalto.

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 ARGOMENTI DEL CORSO DEFINIZIONI; OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI; LA NOTIFICA

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS Scopo Definire una procedura che permetta di redigere, aggiornare e verificare il POS (piano operativo di sicurezza) da parte delle imprese esecutrici presenti

Dettagli

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia-Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Cagliari 16

Dettagli

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile Confartigianato Ravenna 17 dicembre 2008 Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 Il valore della sicurezza nelle imprese del settore p.i Elio Mazza

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013 GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013 ART. 1. GENERALITA Il presente titolo costituisce parte integrante del contratto

Dettagli

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni "La vigilanza sulla sicurezza e salute dei lavoratori nella realizzazione delle grandi opere infrastrutturali: risultati e prospettive." Azienda Sanitaria Firenze Il ruolo del coordinatore alla sicurezza:

Dettagli

Allegati: Si allegano i seguenti documenti:

Allegati: Si allegano i seguenti documenti: Mod. 4AE AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO (da presentarsi a mano all'uff. protocollo o mediante Raccomandata RR) OGGETTO: Comunicazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009

Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009 Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009 Analisi della normativa alla luce del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Dott. Paolo Picco Dott. Dario Castagneri

Dettagli

La direzione dei lavori

La direzione dei lavori APPALTI PUBBLICI: L APPROFONDIMENTO Definizioni, compiti e responsabilità alla luce del DLgs 12 aprile, n. 163 - Codice dei Contratti La direzione dei lavori Francesco Musci * e Roberto Scaravaglione **

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 Vincenzo Mainardi Guida al POS e ITP PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 CD-ROM INCLUSO CON MODELLO COMPLETO E PRECOMPILATO DI POS E ITP Indice

Dettagli

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E.

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. AL COMUNE DI RAGUSA Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O RESPONSABILE DEI LAVORI (art.90 D.Lgs. n. 81 del 09.04 08 come modificato dall art 59 del D.Lgs n. 106 del 03.08.09)

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia Il TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Ing. Massimo Selmi Pistoia, 24.03.2010 VALUTAZIONE DEI RISCHI Data Certa Valutazione

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena ddefilippo@lavoro.gov.it http://facebook.com/sinergiaperlasicurezza Cassazione Penale Sez. IV 13 maggio 2010 n.18149 Marzano Sulla

Dettagli

Ruolo e responsabilità del Committente

Ruolo e responsabilità del Committente www.ordingbo.it Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Ruolo e responsabilità del Guida alla sicurezza dei cantieri Coordinatore Premessa Prevenire è meglio che curare. Molti degli incidenti

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Giornata di Studio 8 Giugno 2006 Ing. Sandro Vescovi INFN - LNF Il settore delle Costruzioni presenta un rischio

Dettagli

La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro

La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro Milano, 13 aprile 2012 PAG. 1 Il lavoro è una revisione sostanziale di un analogo lavoro realizzato nel 2003 La revisione è stata giudicata necessaria

Dettagli

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori Modulo II Le figure responsabili della sicurezza: i Coordinatori

Dettagli

Al Comune di Scandiano Sportello per l edilizia

Al Comune di Scandiano Sportello per l edilizia Al Comune di Scandiano Sportello per l edilizia agg. gen. 2014 DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI (D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, art. 90 aggiornato con D.L. 3 agosto 2009 n.106 e

Dettagli

SICUREZZA CONDOMINIO

SICUREZZA CONDOMINIO Cristoforo Moretti SICUREZZA SUL LAVORO NEL CONDOMINIO MANUALE PRATICO INTEGRAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE A SEGUITO DELLA PUBBLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 106/2009 CORRETTIVO DEL D.LGS. 81/2008 www.millescale.it

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008)

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Il ruolo del Ing. Massimo Selmi Pistoia, 26.10.2010 IMPRESA AFFIDATARIA Impresa titolare

Dettagli

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE PRESENTAZIONE SINTETICA IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE QUANDO ENTRA IN SCENA IL CSE COME SOGGETTO RESPONSABILE? La posizione di garanzia del coordinatore entra in vigore con il D. Legislativo 494 del

Dettagli

Responsabilità e obblighi degli amministratori di stabili. Lavori Privati Documentazione e DURC

Responsabilità e obblighi degli amministratori di stabili. Lavori Privati Documentazione e DURC Responsabilità e obblighi degli amministratori di stabili Lavori Privati Documentazione e DURC 1 Decreto Lgs. 81/08 Art. 3 Campo di applicazione Punto 1 - Il presente decreto legislativo si applica a tutti

Dettagli

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste Ufficio Ambiente e sicurezza PROMEMORIA NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DELLE IMPRESE DI CANTIERE 1. DOCUMENTAZIONE GENERALE (a cura dell impresa

Dettagli

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26)

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26) Modulo A.1: Organizzazione sanitaria (Formazione di base) sanzionatoria (applicata all art. 26) Dlgs. 81/08 e s.m.i. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Consigliere con delega alla SSLL fulvi.francesco@gmail.com

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 INDICE Chi sono il CSP e Il CSE? 2 Cos è il P.S.C. (Piano di Sicurezza e Coordinamento)? 3 Cos è il P.O.S Piano operativo di Sicurezza 5 Fascicolo dell'opera

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 CONFRONTOn 26-05-2008 13:44 Pagina 8 Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 Vecchio DLgs. 494/96, 528/99, 276/03 e 251/04 TESTO INTEGRATO In questa colonna le integrazioni

Dettagli

IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI

IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI Direzione IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI venerdì 30 maggio 2008 Caselle Torinese Jet Hotel Direzione PRESENTAZIONE DIRIGENTE REFERENTE SICUREZZA CANTIERI SCR

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Via G. Garibaldi, 2-23891 Barzano (Lc) Tel 039 9272557 - Fax 039 9212955 amministrazione@gruppo-prisma.com - www.gruppo-prisma.com

Via G. Garibaldi, 2-23891 Barzano (Lc) Tel 039 9272557 - Fax 039 9212955 amministrazione@gruppo-prisma.com - www.gruppo-prisma.com G r u p p o P r i s m a T r e S. r. l. S e r v i z i d i C o n s u l e n z a p e r I m p r e s e E d i l i, S t u d i P r o f e s s i o n a l i O r g a n i z z a z i o n e G e s t i o n a l e e d O p e

Dettagli

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI CORSO PER COORDINATORI DELLA PROGETTAZIONE E DELL ESECUZIONE NEI CANTIERI EDILI - ART. 98 D.Lgs.81/08 dott. Mauro Maranelli U.O. Prevenzione

Dettagli

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza ROMA 12 APRILE 2013 Avv. Giulia Adotti Studio Legale ADOTTI & Associati Roma, Viale B. Buozzi n. 68 Frascati, via F. Cecconi n. 37-39 www.adottiassociati.it

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA. D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA. D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 Principi generali Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81/08 sono: - attuative dell art. 1 della legge 3 agosto 2007 n. 123 - suddivise in XIII

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS 7 7.1 Introduzione Il Piano Operativo di Sicurezza è stato l ultimo piano introdotto dalla normativa sulla salute e sicurezza nei cantieri e sugli appalti di lavori pubblici, con lo scopo di separare le

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese -

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni) Il sottoscritto nato a ( ) il / / in qualità di Legale

Dettagli

N. 02/2013 06 Luglio 2013

N. 02/2013 06 Luglio 2013 N. 02/2013 06 Luglio 2013 Ing. Luca Serafini Sicurezza e ruolo dell'amministratore di Condominio nell'appalto di lavori edili Gli aspetti che analizzeremo nel corso di questo incontro riguardano le responsabilità

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D CAPITOLATO D ONERI affidamento del servizio di direzione lavori, misurazione e contabilità, assistenza al collaudo, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori di realizzazione del LAVORI

Dettagli

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI Forlimpopoli 29 OTTOBRE 2014 Bertozzi - Bertoni Azienda USL della Romagna Il "Decreto del Fare", Il "Decreto del Fare", ovvero il Decreto Legge

Dettagli

LAVORI CONDOMINIALI. Prevenzione infortuni negli affidamenti di lavori nei condomini. vai alla scheda del libro. Giuseppe Semeraro IMMOBILI

LAVORI CONDOMINIALI. Prevenzione infortuni negli affidamenti di lavori nei condomini. vai alla scheda del libro. Giuseppe Semeraro IMMOBILI Collana IMMOBILI e CONDOMINIO Pagine tratte da www.epc.it - Tutti i diritti riservati vai alla scheda del libro altri titoli Giuseppe Semeraro LAVORI CONDOMINIALI Prevenzione infortuni negli affidamenti

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott.

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Le figure del titolo IV del Dlgs 81/2008 Soggetti destinatari

Dettagli

APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI

APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI di Cristoforo Moretti www.millescale.it millescale@libero.it PREMESSA Parlare di appalto in condominio vuole dire prendere in considerazione diverse tipologie

Dettagli

Vincenzo Mainardi GESTIONE SICUREZZA CANTIERI

Vincenzo Mainardi GESTIONE SICUREZZA CANTIERI SOFTWARE Professione Sicurezza Applicativi per il settore edile Vincenzo Mainardi GESTIONE SICUREZZA CANTIERI Procedure e modulistica completa per la sicurezza in cantiere ai sensi del Testo Unico Sicurezza

Dettagli

Sicurezza nei Cantieri Edili

Sicurezza nei Cantieri Edili Sicurezza nei Cantieri Edili Rev. 1 ott. 2009 Cantieri slide 1 di 51 Cantiere e sicurezza sul lavoro Il settore delle costruzioni continua a mantenere alti indici infortunistici sia di frequenza che di

Dettagli

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO Ordine degli Ingegneri della Provincia del VCO Collegio dei Geometri della Provincia del VCO Ordine degli Architetti delle Provincie di Novara e VCO Collegio dei periti della Provincia del VCO PROVINCIA

Dettagli

Sicurezza nei cantieri: cosa cambia

Sicurezza nei cantieri: cosa cambia Caroli_Sicurezza 21-09-2009 13:30 Pagina 6 Come orientarsi nella nuova normativa Sicurezza nei cantieri: cosa cambia Massimo Caroli* Le modifiche introdotte toccano praticamente tutti e tredici i titoli

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI

CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI D. lgs. 81/2008 (Testo Unico Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro) Erogabile

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE IMPRESA CANTIERE COMMITTENTE Comitato Paritetico Territoriale della FeNeal UIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL della Provincia di L AQUILA - Tel. 0862.401396 Fax. 0862.482093 www.cptlaquila.it

Dettagli

il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA

il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Ente Sistema Edilizia Brescia - via della Garzetta, 51-25133 Brescia ENTE SISTEMA

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro PROCEDURE DEL COORDINATORE PER LA GESTIONE DEL CANTIERE P.S.C., IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE: APPLICAZIONE

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODULI DI AUTOCERTIFICAZIONE

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODULI DI AUTOCERTIFICAZIONE OBBLIGHI CONNES AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE - RMATIVA DI RIFERIMENTO E MODULI DI AUTOCERTIFICAZIONE ARTICOLO 26 - OBBLIGHI CONNES AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari COMUNE DI SELARGIUS Area 6 Lavori Pubblici Gara del giorno: 15/09/2015 Scadenza offerte: 25/08/2015, ore 17.30 PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA, PREVIA ACQUISIZIONE DEL PROGETTO

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza TITOLO IV "Ruoli, responsabilità e sanzioni nel settore pubblico e privato Argomenti: - Principi contenuti nel «Codice degli appalti D.lgs 12 aprile

Dettagli

ISTRUZIONI MODELLO POS

ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI - COPERTINA DOCUMENTO È necessario revisionare il POS ogni qual volta siano apportate modifiche significative alla situazione lavorativa ipotizzata, soprattutto se connessa

Dettagli

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA Reggio Emilia 10/2012 Il presente documento è stato predisposto e redatto dal Tavolo Sicurezza Cantieri - Reggio Emilia, di cui è promotore ANCE Reggio Emilia Collegio Costruttori Edili Ind. RE è partecipato

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Premessa La presente relazione è stata elaborata in ottemperanza a quanto disposto dall art. 18, comma 1, lettera

Dettagli