Università degli Studi di Firenze. Laurea in LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Firenze. Laurea in LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI"

Transcript

1 Università degli Studi di Firenze Laurea in LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 ART. 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso in inglese Classe Facoltà di riferimento Altre Facoltà Dipartimento di riferimento Altri Dipartimenti Durata normale 3 Crediti 180 Titolo rilasciato Titolo congiunto Atenei convenzionati Doppio titolo Modalità didattica Il corso è Data di attivazione Data DM di approvazione Data DR di approvazione Data di approvazione del consiglio di facoltà Data di approvazione del senato accademico Data parere nucleo Data parere Comitato reg. Coordinamento LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI LANGUAGES, LITERATURES AND INTERCULTURAL STUDIES L-11 Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LETTERE E FILOSOFIA Lingue, Letterature e Studi Interculturali Laurea in LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI No Convenzionale di nuova istituzione 29/01/2014 /02/ /01/2008 0/0/2014 pagina 1/ 32

2 Data della consultazione con le organizzazioni rappresentative a livello locale della produzione, servizi, professioni Massimo numero di crediti riconoscibili Corsi della medesima classe Numero del gruppo di affinità 0//2011 No 1 Sede amministrativa Sedi didattiche Indirizzo internet FIRENZE (FI) informazioni ART. 2 Obiettivi formativi specifici del Corso I CdL in Lingue e letterature (cod 571) e in Studi Interculturali (cod 57117), istituiti col DM 509, riunitisi a più riprese e in modo congiunto, hanno esaminato le diverse possibilità prospettate dal nuovo DM 270. Dopo aver verificato l impossibilità in base ai criteri indicati di istituire due corsi nella medesima classe o in due classi diverse, per utilizzare al meglio il corpo docente disponibile, onde evitare la parcellizzazione degli insegnamenti, hanno deciso di unificare i due corsi in un solo corso di laurea della classe L-11. Il Corso di laurea così unificato con la denominazione Lingue, letterature e studi interculturali ha esaminato infine le diverse esigenze e potenzialità prospettate dal nuovo DM 17/2010. Valorizzando le precedenti positive esperienze didattiche, il CdL offre agli studenti la possibilità di scegliere fra diversi curricula. In un orizzonte comune, che presenta un ampia offerta formativa nell ambito delle lingue e delle letterature europee ed extraeuropee, si distinguono tre curricula. Nel curriculum in Studi linguistici, letterari e interculturali si apprendono le lingue, le metodologie della linguistica, della filologia e della letteratura, rafforzate nella loro prospettiva interculturale dall acquisizione anche di storiche e geografiche, che aprono all occupazione nell ambito dei servizi e delle istituzioni culturali, nonché dell editoria e della traduzione in ambito umanistico. L esperienza di collaborazione con università di altri paesi ha portato alla progettazione di programmi di formazione bilaterali che prevedono la possibilità, per ora limitata solo ad alcune lingue e culture (Studi bilaterali Italo-Tedeschi e Italo-Ungheresi), di formare competenze nell ambito delle lingue e delle culture sia di paesi europei sia del nostro paese. L offerta didattica proposta dal corso di studio abbraccia un ampio ventaglio di lingue e di letterature moderne, accompagnate da una serie di insegnamenti, sia nelle materie di base, sia nelle affini e integrative, che consentono allo studente di apprendere la lingua e di conoscere nei suoi diversi aspetti la cultura di numerosi paesi europei ed extraeuropei. Obiettivi formativi qualificanti della classe I laureati nei corsi di laurea della classe devono: * possedere una solida formazione di base in linguistica teorica e in lingua e letteratura italiana; 0/0/2014 pagina 2/ 32

3 * possedere la padronanza scritta e orale di almeno due lingue (di cui una europea, oltre l italiano), nonché del patrimonio culturale delle civiltà di cui sono espressione; * essere in grado di utilizzare i principali strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti specifici di competenza. Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio (DM 1/03/2007, ART. 3, comma 7) Conoscenza e capacità di comprensione I laureati devono avere la padronanza di almeno due lingue e due letterature, europee ed extraeuropee. Devono inoltre conoscere le più attuali metodologie della linguistica e della filologia, nonché della critica letteraria. Al contempo debbono sviluppare capacità di comprensione del mondo culturale, espresso dalle medesime lingue e letterature, con riferimento alla loro realtà storica e geografica, sempre in rapporto alla lingua, alla letteratura e alla cultura del nostro paese. Saranno in grado inoltre di utilizzare i programmi più comuni dell office automation (word, excel, posta elettronica). Tali e capacità di comprensione saranno acquisite principalmente attraverso: - lezioni frontali e conversazioni guidate anche con l utilizzo di libri di testo avanzati e materiali didattici innovativi; - esercitazioni su testi e fonti di particolare rilevanza filologica, linguistica e letteraria; - partecipazione a conferenze e seminari di alto livello scientifico tenuti da esperti nazionali e internazionali; - preparazione di elaborati e relazioni nel corso degli studi; - elaborato della prova finale. La verifica delle e capacità di comprensione sarà effettuata mediante: - esami di profitto e prove di valutazione scritta e orale; - produzione di elaborati, tesine e relazioni individuali e di gruppo; - prova di valutazione finale. Capacità di applicare conoscenza e comprensione I laureati devono saper applicare queste, maturate nell ambito delle lingue e delle culture, in diversi ambiti professionali, mostrando la capacità di superare luoghi comuni e pregiudizi culturali e di individuare con capacità di sintesi le principali problematiche relative alle lingue, alle letterature e alle culture di loro competenza. In particolare saranno in grado di analizzare le diverse forme testuali, nella fattispecie il testo letterario, e di applicare gli strumenti e le metodologie di analisi linguistica, filologica e letteraria alla comprensione di testi e documenti. Tali capacità di conoscenza e comprensione saranno acquisiti principalmente attraverso: - lezioni frontali ed esercitazioni; - partecipazione alle attività di laboratorio e di seminari organizzati nel corso di studio; - ricerche bibliografiche su argomenti specifici; - uso delle banche dati specializzate, dei corpora, dei tesauri e dei dizionari per la traduzione e l interpretazione dei testi. La verifica delle capacità di conoscenza e comprensione sarà effettuata mediante: - esame di profitto e prove di valutazione scritte e orali; - relazioni, tesine sulle attività di laboratorio; - prova di valutazione finale. Autonomia di giudizio Al termine dei loro studi i laureati devono saper raccogliere ed elaborare i dati nell ambito della comunicazione orale o di testi scritti secondo le metodologie apprese, sempre in un ampio orizzonte storico-culturale, sviluppando un autonoma capacità di interpretazione e giudizio. L autonomia di giudizio sarà acquisita principalmente attraverso: - lezioni teorico-metodologiche; - discussioni ed esercitazioni sull analisi e l interpretazione dei testi, e sulle questioni metodologiche e teoriche fondamentali; 0/0/2014 pagina 3/ 32

4 - partecipazione ad attività di laboratorio; - redazione dell elaborato finale. La verifica delle capacità di un autonomo giudizio sarà effettuata mediante: - esame di profitto e prove di valutazione scritte e orali; - relazioni sui risultati della partecipazione ad attività di laboratorio e di tipo seminariale; - prova di valutazione finale. Abilità comunicative I laureati debbono saper entrare in comunicazione con i parlanti delle lingue e delle culture studiate, mostrando competenza e disinvoltura sia nella forma scritta sia nella forma orale. Sapranno tener conto dei diversi contesti culturali e dei diversi registri di comunicazione linguistica, comprendendo testi mediamente complessi e formulando con precisione idee ed opinioni. Saranno in grado di comunicare informazioni e idee sulle diverse aree culturali, anche a non specialisti del settore, e di elaborare progetti di ricerca e di studio, anche utilizzando i mezzi della comunicazione di massa e i nuovi media. Tali abilità comunicative saranno acquisite principalmente attraverso: - lezioni pratiche ed applicative; - seminari e incontri con esperti italiani e stranieri; - partecipazione a progetti di mobilità studenti, e a soggiorni all estero previsti negli accordi bilaterali; - relazioni ed elaborati nell ambito dei corsi; - partecipazione ad attività di laboratorio; - elaborato finale anche con l impiego di strumenti multimediali. La verifica dell acquisizione delle abilità comunicative sarà effettuata mediante: - esame di profitto e prove di valutazione scritte e orali; - relazioni sui risultati della partecipazione ad attività di laboratorio e di tipo seminariale; - prova di valutazione finale comprendente una discussione orale, in cui si presenta e argomenta il contenuto dell elaborato anche con supporto informatico. Capacità di apprendimento I laureati saranno in grado di perfezionare le proprie competenze sia nelle lingue studiate, in vista di livelli di apprendimento più elevati, sia nell ambito delle metodologie, filologiche e letterarie con l uso di nuovi strumenti e all interno di diversi contesti professionali. In particolare potranno sviluppare capacità specifiche per la traduzione di testi letterari e non letterari dalle lingue studiate. Tali capacità di apprendimento saranno acquisite principalmente attraverso: - lezioni teorico-metodologiche e pratico-applicative; - partecipazione ad esercitazioni, seminari e attività di laboratorio; - uso di nuovi strumenti critici e di aggiornamento secondo le più recenti pubblicazioni nel proprio ambito di competenza. L acquisizione di tale capacità di apprendimento verrà verificata e valutata secondo le seguenti modalità: - esame di profitto e prove di valutazione scritte e orali; - valutazione dei risultati della partecipazione ad attività di laboratorio e di tipo seminariale; - prova di valutazione finale. Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati - Mediatori interculturali in enti pubblici (tribunali, istituti di detenzione, centri di accoglienza per immigrati, centri nazionali e internazionali di volontariato e di assistenza, scuole e università). - Operatori linguistici nell industria e nel terziario culturale, dall editoria (tradizionale e telematica) ai mezzi radio-televisivi, alle agenzie letterarie e culturali, al mondo dell arte e dello spettacolo; consulenti e operatori culturali nell editoria e nel giornalismo - Produttori e programmatori di eventi interculturali - incontri, convegni, manifestazioni, 0/0/2014 pagina 4/ 32

5 festival -, organizzati e gestiti da enti e imprese pubbliche e private, nazionali e internazionali. - Operatori e animatori di eventi interculturali. ART. 3 Requisiti di accesso ai corsi di studio Possesso del Diploma di Scuola secondaria superiore o titolo equipollente; buona cultura generale, segnatamente nell ambito dei beni culturali; padronanza della lingua italiana sia orale che scritta; conoscenza di base di almeno una lingua straniera. La padronanza della lingua italiana sarà verificata attraverso il test non selettivo di autovalutazione e orientamento in ingresso (obbligatorio ma non interdittivo) comune a tutti i Corsi di Laurea della Scuola; eventuali carenze dovranno essere colmate attraverso i corsi di sostegno a frequenza obbligatoria organizzati dalla Scuola. Ai curricula bilaterali, come da convenzione con l Università di Bonn e Budapest ELTE, si accede mediante il superamento del colloquio di selezione previsto secondo il relativo bando pubblicizzato sul sito web della Scuola. Il Comitato Didattico del Corso si riserva la possibilità di svolgere anche un colloquio individuale, non interdittivo, destinato ai soli studenti che intendano iscriversi al Corso di Laurea e volto ad accertare le competenze personali dello studente ed a favorirne l orientamento. L eventuale individuazione di carenze durante il colloquio comporterà anche la frequenza ad attività di recupero organizzate dal Corso di Laurea. ART. 4 Articolazione delle attivita' formative ed eventuali curricula Il CdL in Lingue, letterature e studi interculturali si articola in tre diversi curricula che si differenziano in modo qualificante. Oltre agli immediati sbocchi professionali essi preparano alla successiva formazione in vista dell attività sia di insegnamento sia di ricerca: Curriculum 1: Studi linguistici, letterari e interculturali ambisce a promuovere lungo il percorso triennale lo studio di due Lingue e delle rispettive Letterature, fra quelle previste dal piano di studi. Tutti i corsi di Lingua prevedono la frequenza di un Laboratorio linguistico collegato alle lingue scelte. Lo studio delle Lingue e delle Letterature avrà come fondamento imprescindibile l apprendimento dei metodi della linguistica, della filologia e della critica letteraria.il curriculum promuove inoltre la conoscenza delle realtà culturali, espresse dalle lingue studiate, in funzione della formazione interculturale con l acquisizione anche di storiche e geografiche. Apre così all occupazione nell ambito dei servizi e delle istituzioni culturali, nonché nell editoria e nella traduzione in ambito umanistico. Curriculum 2: Studi bilaterali: Italo-Tedeschi; Curriculum 3: Studi bilaterali: Italo-Ungheresi. Avvalendosi della collaborazione di università europee, i curricula bilaterali a numero programmato intendono fornire specifiche competenze nell ambito della lingua e cultura italiana e di una lingua e cultura straniera in vista dell acquisizione di competenze professionali relative ai vari aspetti delle relazioni culturali fra i paesi interessati, e apre all occupazione sia nell ambito dei servizi e delle istituzioni culturali, nell editoria e nella traduzione in ambito umanistico, sia nelle rappresentanza diplomatiche e consolari. Nel quadro dei relativi accordi intergovernativi, e sulla base di specifiche convenzioni scientifico-didattiche (http://accordi-internazionali.cineca.it) finalizzate all incremento dei processi di internazionalizzazione, sono stati realizzati progetti innovativi di formazione (anche attraverso l utilizzo di piattaforme interattive multilingue) distintamente tra l Università di Firenze e la Rheinische Friedrich-Wilhelms-Universität di Bonn e tra l Università di Firenze e la 0/0/2014 pagina 5/ 32

6 Eötvös Loránd Tudományegyetem (ELTE) di Budapest. Ai sensi della nota del MIUR del 1 febbraio 2011, attuativa del DM 22 settembre 2010, n. 17, tali convenzioni prevedono di sviluppare ulteriormente la mobilità di studenti e docenti; è prevista inoltre l acquisizione di un titolo di studio anche straniero, secondo la tipologia b) indicata nella nota stessa. La durata del Corso di laurea in Lingue, letterature e studi interculturali (L-11) è di tre anni. Per conseguire il titolo di studio lo studente deve acquisire 180. L attività normale dello studente corrisponde al conseguimento di 0 annuali. Lo studente che abbia comunque ottenuto 180, adempiendo a quanto previsto dal regolamento didattico può conseguire il titolo anche prima della scadenza dei tre anni curriculari. Le attività formative di base e caratterizzanti sono comuni ai curricula del CdL per almeno 0. Nelle Attività formative affini e integrative sono stati inseriti, con crediti vincolati, alcuni insegnamenti, previsti dalla classe anche come attività di base. Essi rispondono all esigenza di evitare la parcellizzazione dell offerta didattica e di conferire una fisionomia specifica ai diversi curricula in cui si articola il corso di studio. Nel primo curriculum infatti si pone l accento sulla tradizione letteraria italiana (L-FIL-LET/10; L-FIL-LET/11), ampliata in una prospettiva comparatista di livello europeo (L-FIL-LET/14), mentre nei curricula bilaterali si valorizzano le della linguistica italiana (L-FIL- LET/) e delle letterature comparate (L-FIL-LET/14) favorendo una prospettiva di carattere comparativo nell ambito delle lingue e letterature europee studiate. ART. 5 Tipologia delle forme didattiche, anche a distanza, degli esami e delle altre verifiche del profitto L offerta formativa prevede moduli d insegnamento ciascuno della durata di 30 o 0 ore di lezione frontale, che equivalgono rispettivamente a e a. Per i corsi annuali ( si può prevedere anche l organizzazione in due distinti moduli per gli studenti che devono conseguire un solo modulo da. Si offriranno agli studenti i fondamenti istituzionali delle materie insegnate con una particolare attenzione alla metodologia e i programmi saranno commisurati all ammontare dei previsti per la prova d esame. L insegnamento della lingua sarà organizzato secondo la programmazione didattica più congrua in rapporto alla lingua e di comune accordo fra il titolare del corso e i lettori di madrelingua, prevedendo per il corso annuale, equivalente a, 2 moduli di. Il primo modulo è di 30 ore di lezioni frontali del titolare del corso; per quanto riguarda il secondo, le 30 ore impartite dal titolare del modulo verranno in parte integrate con le ore del lettorato secondo le esigenze di programmazione didattica di ciascuna lingua, al fine di garantire allo studente la maggiore frequenza possibile delle ore complessive di lettorato. Sono contemplati anche Laboratori, sia per l apprendimento delle lingue sia per altre attività formative. Si prevede l'uso del web sia per collegamenti in videoconferenza, sia per la presentazione e l invio di materiali didattici. Al termine dei corsi gli studenti sosterranno le prove di esame. Le prove di profitto con voto (T A-B-C-D) raggiungono il numero minimo di 15 e quello massimo di 17 a seconda del curriculum. Il percorso degli studi si conclude con una prova finale. Gli esami consistono prevalentemente in un colloquio in lingua italiana, che verte sul programma del corso svolto o, per gli studenti part-time non frequentanti, sul programma d esame concordato. L esame può anche consistere in una prova scritta, in forma di relazione o di questionario. Verifiche scritte e orali effettuate durante il corso possono essere parte integrante della prova d esame. 0/0/2014 pagina / 32

7 ART. Modalita' di verifica della conoscenza delle lingue Le prove d esame relative alle lingue comprendono verifiche scritte e orali anche in itinere da parte del docente titolare e del lettore. La verifica orale dell esame di Lingua è svolta principalmente nella lingua oggetto di studio. Al termine dell attività del Laboratorio, che si svolge all interno della programmazione dell insegnamento della lingua, il lettore verifica i risultati ottenuti, con un esito finale di non idoneo ovvero idoneo con un giudizio di sufficiente, distinto, buono, ottimo. Gli attestati linguistici rilasciati da Enti certificatori esterni di norma non sono riconosciuti in ; in casi eccezionali saranno valutati individualmente dal docente di Lingua interessato, il quale deciderà le forme e le modalità di verifica per un eventuale conversione in. ART. 7 Modalità di verifica delle altre competenze richieste, dei risultati degli stages e dei tirocini Gli stages e i tirocini si svolgono sia all interno della Facoltà sia all esterno in collaborazione con strutture convenzionate e, come per le informatiche, si prevede una verifica finale, certificata da una documentazione del responsabile del corso di informatica, degli stages o dei tirocini. Su autorizzazione del CdL è possibile acquisire in ulteriori attività formative con viaggi e soggiorni di studio. Per garantire l adeguatezza di queste attività al profilo del corso di studi, in particolare la scelta dell ente o dell istituzione presso cui esse si svolgeranno deve essere concordata dallo studente con il Delegato agli stages e ai tirocini del CdL. I delle attività formative autonomamente scelte dallo studente devono essere coerenti con il progetto formativo del Corso di Laurea e, soprattutto, con il piano di studio individuale; nella scelta, lo studente terrà anche conto del consiglio del docente con cui intende laurearsi e, comunque, i relativi devono essere acquisiti con l approvazione da parte del Consiglio di Corso di Laurea del piano di studi dello studente. Per insegnamenti a scelta libera si intendono in ogni caso tutti gli insegnamenti attivati dall Ateneo, cui è associato un proprio codice esame distinto. Anche un attività di tirocinio può essere contemplata come scelta libera dello studente. ART. 8 Modalità di verifica dei risultati dei periodi di studio all estero e relativi Il CdL favorisce le esperienze di studio all estero, in particolare sulla base dei programmi di mobilità studenti. La verifica dei risultati dei periodi di studio all estero con il riconoscimento dei corrispondenti prevede le seguenti modalità: preventivamente il titolare dell insegnamento riconosce l equivalenza tra il corso istituito presso l università estera e il proprio corso e si riserva di stabilire se il corso tenuto dal docente presso l università estera corrisponde all intero programma del corso suo proprio o a una sua parte. I relativi saranno riconosciuti sulla base della certificazione presentata dallo studente tenendo conto della tabella di conversione delle votazioni europee stabilita dall Ateneo. Si prevede in particolare il riconoscimento di corsi di lingua seguiti presso università estere, previo colloquio con il docente responsabile della lingua in questione. Gli studenti iscritti al curriculum in Studi bilaterali, come da convenzione, sono tenuti a trascorrere preferibilmente due semestri, con finanziamenti relativi alla mobilità studenti o con altri sostegni finanziari o a titolo personale, presso l università di Bonn o Budapest ELTE, dove acquisiranno almeno 48 per gli Studi Italo-Tedeschi e almeno 0 per gli Studi Italo- Ungheresi. In entrambi i casi si terranno eventualmente in considerazione i della prova 0/0/2014 pagina 7/ 32

8 finale. Il Corso di Laurea, come da convenzione con l Università di Bonn e Budapest ELTE, accoglie gli studenti provenienti dagli atenei convenzionati e ammessi al programma bilaterale, nell ambito del quale essi acquisiranno presso l Università di Firenze almeno 48 per gli Studi Italo-Tedeschi e almeno 0 per gli Studi Italo-Ungheresi, sempre tenendo eventualmente conto dei previsti per la prova finale. ART. 9 Eventuali obblighi di frequenza ed eventuali propedeuticita La frequenza è in linea di principio obbligatoria per gli studenti a tempo pieno e presuppone la partecipazione ad almeno i due terzi delle lezioni. Gli studenti sostengono gli esami di lingua e di letteratura straniera secondo l ordine delle diverse annualità, rispettando la propedeuticità. In particolare, a partire dall inizio del corso di Lingua Inglese 1, si svolge una prova di valutazione finalizzata alla verifica del livello di conoscenza B 2, requisito necessario per superare l esame di Lingua Inglese 1. Inoltre, per sostenere l esame di Letteratura Inglese 1, si deve aver già superato l esame di Lingua Inglese 1. L insegnamento della letteratura comincia al secondo anno. L insegnamento della filologia si intende a scelta fra le filologie attinenti alla prima o alla seconda lingua scelta dallo studente ed è impartito al secondo anno. ART. 10 Eventuali modalità didattiche differenziate per studenti part-time Il CdL prevede che gli studenti impegnati contestualmente in altre attività possano sostenere in modo proporzionale gli esami previsti, in un lasso di tempo non superiore ai sei anni. Si possono prevedere corsi specifici, anche in orari particolari e con il supporto di tutor, con la trasmissione e il reperimento di informazioni, strumenti e materiali didattici per mezzo del web, con lezioni e colloqui in videoconferenza. ART. 11 Regole e modalità di presentazione dei piani di studio Gli studenti devono presentare il piano di studio all inizio del secondo anno di corso e comunque non oltre il 31 dicembre di ogni anno, come stabilito dalla Scuola e come indicato nella Guida dello studente. Gli studenti degli anni successivi, che intendono apportare modifiche a piani di studio presentati in anni accademici precedenti, dovranno compilare entro la stessa data un nuovo piano di studi completo, in sostituzione di quello precedentemente approvato. Il piano di studio conterrà, sia nella sua prima versione che nelle versioni eventualmente modificate, l elenco completo degli esami già sostenuti e di quelli ancora da sostenere. Lo studente deve compilare direttamente il piano di studio on-line, sia nel caso di prima presentazione che di successiva modifica, alla pagina nella sezione Immissione piani di studio. Lo studente inoltre è tenuto ad accertarsi che il piano di studi presentato sia stato approvato dal Consiglio di Corso di Laurea. 0/0/2014 pagina 8/ 32

9 ART. Caratteristiche della prova finale per il conseguimento del titolo La prova finale, a cui sono attribuiti, consiste nella discussione, in presenza di una commissione d esame nominata dal corso di laurea, di un elaborato scritto su un argomento concordato dallo studente con un docente della lingua e/o letteratura nella quale si siano ottenuti, rispettivamente, almeno 24/ e. La prova finale in una disciplina compresa tra le attività di base e affini e integrative presuppone che lo studente abbia ottenuto in quella disciplina almeno. Per quelle discipline nelle quali non è possibile reiterare la prova d esame (ad esempio le discipline filologiche, L-FIL-LET/09; L-FIL-LET/15; L-LIN/19; L-LIN/21), lo studente può, dietro motivata richiesta al Corso di laurea da parte dello studente stesso e del docente interessato, laurearsi anche dopo aver acquisito solo. Gli studenti che intendono laurearsi in una disciplina di base, o affine e integrativa, devono scegliere un argomento associato a una lingua e cultura insegnata nel triennio. Pur non richiedendo un lavoro di carattere originale, lo studente deve mostrare capacità di analisi e di sintesi, sapendo applicare la metodologia del lavoro scientifico. La sua valutazione terrà conto della carriera dello studente in termini di media di acquisizione dei. Si prevede un incremento massimo di quattro punti sopra la media, con l aggiunta di 1 punto nel caso che lo studente si laurei entro il termine del normale ciclo triennale. ART. 13 Procedure e criteri per eventuali trasferimenti e per il riconoscimento dei crediti formativi acquisiti in altri corsi di studio e di crediti acquisiti dallo studente per competenze ed abilità professionali adeguatamente certificate e/o di ed abilità maturate in attività formative di livello post-secondario Si prevede la possibilità di presentare domanda di trasferimento e riconoscimento dei con domanda cartacea. Si terrà conto sia degli esami sostenuti negli stessi raggruppamenti, ma anche degli esami sostenuti in raggruppamenti affini. Per i curricula bilaterali l iscrizione ai corsi e il riconoscimento dei crediti acquisiti dagli studenti provenienti dalle università partner (Bonn e Budapest) seguono le norme e le modalità previste dalle convenzioni stipulate dalle stesse università. Per ambedue i curricula bilaterali le equivalenze fra gli SSD indicati nel regolamento didattico dell Università di Firenze e i loro equivalenti in vigore negli atenei convenzionati verranno rese esplicite in appositi allegati alle rispettive convenzioni. ART. 14 Servizi di tutorato Secondo le normative di legge e le disposizioni, approvate dalla facoltà, il Corso di Laurea attiva servizi di tutorato per la fase di accesso dei nuovi iscritti, per l orientamento nella scelta dei curricula e nella formulazione dei piani di studio, per le attività di tirocinio, per la mobilità internazionale degli studenti e per il proseguimento degli studi in corsi di laurea magistrali o specialistici. A ciascun tutor sono assegnati non più di 0 studenti. ART. 15 Pubblicita su procedimenti e decisioni assunte E previsto all'interno del sito web della Scuola uno spazio apposito, dedicato al Corso di laurea nel quale potranno figurare oltre alle informazioni generali gli estratti di verbale dei CdL riguardanti il funzionamento del medesimo e le carriere degli studenti. Particolare attenzione verrà data alla corretta informazione degli studenti per quel concerne i programmi internazionali e i curricula bilaterali. 0/0/2014 pagina 9/ 32

10 ART. 1 Valutazione della qualita' Il CdL adotta al suo interno il sistema di autovalutazione della didattica messo in opera dall'anvur, secondo il DM 47, del 30 gennaio 2013, mediante la stesura di un Rapporto di Riesame annuale, che viene inserito nella Relazione Annuale della Commissione Paritetica della Scuola di Studi Umanistici e della Formazione, cui il corso afferisce. Esso tiene conto dell'opinione degli studenti frequentanti, rilevata dal Servizio di valutazione della didattica dell'ateneo e verifica inoltre l efficacia del percorso formativo anche attraverso la messa in atto di ulteriori, propri strumenti di monitoraggio dell opinione degli studenti e dei docenti intorno ai contenuti e alle modalità di erogazione dell offerta formativa. Mediante l opportuna valutazione delle carriere degli studenti (abbandoni, tempi di percorrenza, numero di acquisiti nei diversi anni di corso) e del rapporto tra i crediti formativi assegnati agli insegnamenti nel piano di studi e i programmi dei medesimi insegnamenti, attiva al suo interno un sistema di valutazione della qualità coerente con il modello approvato dagli organi accademici. ART. 17 Struttura del corso di studio PERCORSO C09 - Percorso STUDI BILATERALI: ITALO-TEDESCHI Tipo : Base Letteratura italiana e letterature comparate Linguistica, semiotica e didattica delle lingue Discipline storiche, geografiche e socioantropologiche Gruppo SSD 24 L-FIL-LET/10 L-FIL-LET/11 L-FIL-LET/14 L-LIN/01 M-GGR/01 B LETTERATURA ITALIANA B LETTERATURA ITALIANA (SD) B LETTERATURA ITALIANA MODERNA E CONTEMPORANEA B LETTERATURE COMPARATE B LINGUISTICA GENERALE B GEOGRIA 0/0/2014 pagina 10/ 32

11 M-STO/02 B STORIA MODERNA B STORIA MODERNA (SD) Totale Base 42 Tipo : Gruppo SSD e Lingue e 3 L-LIN/04 B LINGUA FRANCESE 1 ( L-LIN/07 B LINGUA SPAGNOLA 1 ( L-LIN/09 B LINGUA PORTOGHESE E BRASILIANA 1 ( L-LIN/ B LINGUA INGLESE 1 ( B LINGUA INGLESE 1 (SD) L-LIN/14 24 B LINGUA TEDESCA 1 ( B LINGUA TEDESCA 2 ( L-LIN/15 B LINGUE NORDICHE 1 ( L-LIN/19 B LINGUE UGROFINNICHE 1 ( L-LIN/21 B LINGUA RUSSA 1 ( B LINGUE SLAVE COMPARATE Letterature 30 L-LIN/03 B LETTERATURA FRANCESE 1 ( L-LIN/05 B LETTERATURA SPAGNOLA 1 ( L-LIN/0 B LETTERATURE ISPANO-AMERICANE 1 ( L-LIN/08 B LETTERATURE PORTOGHESE E BRASILIANA 1 ( L-LIN/10 B LETTERATURA INGLESE 1 ( L-LIN/13 24 B LETTERATURA TEDESCA 1 ( B LETTERATURA TEDESCA 2 ( L-LIN/15 B LETTERATURE NORDICHE 1 ( 0/0/2014 pagina 11/ 32

12 L-LIN/19 B LETTERATURE UGROFINNICHE 1 ( L-LIN/21 B LETTERATURA RUSSA 1 ( B021 - LETTERATURE SLAVE COMPARATE 1 ( Discipline filologiche L-FIL-LET/09 B FILOLOGIA ROMANZA L-FIL-LET/15 B FILOLOGIA GERMANICA Totale e Tipo : Affine/Integrativa Attività formative affini o integrative Totale Affine/Integrativa 72 Gruppo SSD 18 L-FIL-LET/ B LINGUISTICA ITALIANA (C) B014 - LINGUISTICA ITALIANA B Tipo : A scelta dello studente Gruppo SSD A scelta dello studente 18 Totale A scelta dello studente 18 Tipo : Gruppo SSD Lingua/Prova Finale Per la prova finale B PROVA FINALE DI LAUREA Totale Lingua/Prova Finale SSD: SSD: NN Tipo : Altro Abilità informatiche e telematiche Tirocini formativi e di orientamento Gruppo SSD B LABORATORIO DI LINGUA TEDESCA SSD: SSD: L-LIN/14 B LABORATORIO DI INFORMATICA SSD: SSD: NN B LABORATORIO DI INFORMATICA II LIVELLO SSD: SSD: NN B TIROCINIO SSD: SSD: NN 0/0/2014 pagina / 32

13 Totale Altro 18 Totale Percorso 180 0/0/2014 pagina 13/ 32

14 PERCORSO C80 - Percorso STUDI BILATERALI: ITALO-UNGHERESI Tipo : Base Letteratura italiana e letterature comparate Linguistica, semiotica e didattica delle lingue Discipline storiche, geografiche e socioantropologiche Totale Base Gruppo SSD L-FIL-LET/14 24 L-FIL-LET/ L-LIN/01 M-STO/02 42 B LETTERATURE COMPARATE B LINGUISTICA ITALIANA B014 - LINGUISTICA ITALIANA B B LINGUISTICA GENERALE ( B STORIA MODERNA B STORIA MODERNA (SD) Tipo : Gruppo SSD e Lingue e 3 L-LIN/04 B LINGUA FRANCESE 1 ( L-LIN/07 B LINGUA SPAGNOLA 1 ( L-LIN/09 B LINGUA PORTOGHESE E BRASILIANA 1 ( L-LIN/ B LINGUA INGLESE 1 ( B LINGUA INGLESE 1 (SD) L-LIN/14 B LINGUA TEDESCA 1 ( L-LIN/15 B LINGUE NORDICHE 1 ( L-LIN/19 24 B LINGUE E LETTERATURE UGROFINNICHE 1 ( B LINGUE E LETTERATURE UGROFINNICHE 2 ( B LINGUA RUSSA 1 ( B LINGUE SLAVE COMPARATE B LINGUA EBRAICA L-LIN/21 L-OR/08 0/0/2014 pagina 14/ 32

15 L-OR/ B LINGUA ARABA L-OR/13 B LINGUA TURCA 1 ( L-OR/21 B LINGUA CINESE 1 ( L-OR/22 B LINGUA GIAPPONESE 1 ( Letterature 18 L-LIN/03 B LETTERATURA FRANCESE 1 ( B LETTERATURA FRANCESE 1 ( L-LIN/05 B LETTERATURA SPAGNOLA 1 ( B LETTERATURA SPAGNOLA 1 ( L-LIN/0 B LETTERATURE ISPANO-AMERICANE 1 ( B LETTERATURE ISPANO-AMERICANE 1 ( L-LIN/08 B LETTERATURE PORTOGHESE E BRASILIANA 1 ( B LETTERATURE PORTOGHESE E BRASILIANA 1 ( L-LIN/10 B LETTERATURA INGLESE 1 ( B LETTERATURA INGLESE 1 ( B LETTERATURA INGLESE 1(SD L-LIN/13 B LETTERATURA TEDESCA 1 ( B LETTERATURA TEDESCA 1 ( L-LIN/15 B LETTERATURE NORDICHE 1 ( B LETTERATURE NORDICHE 1 ( L-LIN/21 B LETTERATURA RUSSA 1 ( B LETTERATURA RUSSA 1 ( B LETTERATURE SLAVE COMPARATE ( B021 - LETTERATURE SLAVE COMPARATE 1 ( L-OR/08 B LETTERATURA EBRAICA 1 ( L-OR/ B LETTERATURA ARABA L-OR/13 B LETTERATURA TURCA 1 ( 0/0/2014 pagina 15/ 32

16 Discipline filologiche L-FIL-LET/09 L-LIN/19 Totale e L-OR/21 B LETTERATURA CINESE 1 ( L-OR/22 B LETTERATURA GIAPPONESE 1 ( B FILOLOGIA ROMANZA B FILOLOGIA UGROFINNICA Tipo : Affine/Integrativa Attività formative affini o integrative Totale Affine/Integrativa Gruppo SSD 18 L-FIL-LET/10 18 L-FIL-LET/11 L-FIL-LET/ B LETTERATURA ITALIANA B LETTERATURA ITALIANA (SD) B LETTERATURA ITALIANA MODERNA E CONTEMPORANEA B LINGUISTICA ITALIANA (A) Tipo : A scelta dello studente Gruppo SSD A scelta dello studente 24 Totale A scelta dello studente 24 Tipo : Gruppo SSD Lingua/Prova Finale Per la prova finale B PROVA FINALE DI LAUREA Totale Lingua/Prova Finale SSD: SSD: NN Tipo : Altro Abilità informatiche e telematiche Gruppo SSD B LABORATORIO DI LINGUA UNGHERESE SSD: SSD: L-LIN/19 B LABORATORIO DI INFORMATICA SSD: SSD: NN 0/0/2014 pagina 1/ 32

17 B LABORATORIO DI INFORMATICA II LIVELLO SSD: SSD: NN Tirocini formativi e di orientamento Totale Altro B TIROCINIO SSD: SSD: NN 18 Totale Percorso 180 0/0/2014 pagina 17/ 32

18 PERCORSO D42 - Percorso STUDI LINGUISTICI, LETTERARI E INTERCULTURALI Tipo : Base Letteratura italiana e letterature comparate Linguistica, semiotica e didattica delle lingue Discipline storiche, geografiche e socioantropologiche Totale Base Gruppo SSD L-FIL-LET/14 L-LIN/01 M-GGR/01 M-STO/02 30 B LETTERATURE COMPARATE B LINGUISTICA GENERALE ( B GEOGRIA B STORIA MODERNA B STORIA MODERNA (SD) Tipo : Gruppo SSD e Lingue e 3 L-LIN/04 B LINGUA FRANCESE 1 ( B LINGUA FRANCESE 2 ( L-LIN/07 B LINGUA SPAGNOLA 1 ( B LINGUA SPAGNOLA 2 ( L-LIN/09 B LINGUA PORTOGHESE E BRASILIANA 1 ( L-LIN/ B LINGUA INGLESE 1 ( B LINGUA INGLESE 2 ( B LINGUA INGLESE 1 (SD) L-LIN/14 B LINGUA TEDESCA 1 ( B LINGUA TEDESCA 2 ( L-LIN/15 B LINGUE NORDICHE 1 ( L-LIN/19 B LINGUE UGROFINNICHE 1 ( L-LIN/21 B LINGUA RUSSA 1 ( B LINGUA RUSSA 2 ( 0/0/2014 pagina 18/ 32

19 B LINGUE SLAVE COMPARATE L-OR/08 B LINGUA EBRAICA L-OR/ B LINGUA ARABA L-OR/13 B LINGUA TURCA 1 ( L-OR/21 B LINGUA CINESE 1 ( L-OR/22 B LINGUA GIAPPONESE 1 ( Letterature 48 L-LIN/03 B LETTERATURA FRANCESE 1 ( B LETTERATURA FRANCESE 2 ( L-LIN/05 B LETTERATURA SPAGNOLA 1 ( B LETTERATURA SPAGNOLA 2 ( L-LIN/0 B LETTERATURE ISPANO-AMERICANE 1 ( B LETTERATURE ISPANO AMERICANE 2 ( L-LIN/08 B LETTERATURE PORTOGHESE E BRASILIANA 1 ( B LETTERATURA PORTOGHESE E BRASILIANA 2 ( L-LIN/10 B LETTERATURA INGLESE 1 ( B LETTERATURA INGLESE 2 ( B LETTERATURA INGLESE 1(SD L-LIN/13 B LETTERATURA TEDESCA 1 ( B LETTERATURA TEDESCA 2 ( L-LIN/15 B LETTERATURE NORDICHE 1 ( B LETTERATURE NORDICHE 2 ( L-LIN/19 B LETTERATURE UGROFINNICHE 1 ( B LETTERATURE UGROFINNICHE 2 ( L-LIN/21 B LETTERATURA RUSSA 1 ( B LETTERATURA RUSSA 2 ( 0/0/2014 pagina 19/ 32

20 B LETTERATURE SLAVE COMPARATE ( B LETTERATURE SLAVE COMPARATE 2 ( L-OR/08 B LETTERATURA EBRAICA 2 ( B LETTERATURA EBRAICA 1 ( L-OR/ B LETTERATURA ARABA B LETTERATURA ARABA 2 ( L-OR/13 B LETTERATURA TURCA 1 ( B LETTERATURA TURCA 2 ( L-OR/21 B LETTERATURA CINESE 1 ( B LETTERATURA CINESE 2 ( L-OR/22 B LETTERATURA GIAPPONESE 1 ( B LETTERATURA GIAPPONESE 2 ( Discipline filologiche L-FIL-LET/09 B FILOLOGIA ROMANZA L-FIL-LET/15 B FILOLOGIA GERMANICA L-LIN/19 B FILOLOGIA UGROFINNICA L-LIN/21 B FILOLOGIA SLAVA Totale e Tipo : Affine/Integrativa Attività formative affini o integrative 90 Gruppo SSD 18 L-FIL-LET/10 L-FIL-LET/11 B LETTERATURA ITALIANA B LETTERATURA ITALIANA (SD) B015 - LETTERATURA ITALIANA 2 B LETTERATURA ITALIANA MODERNA E CONTEMPORANEA B01 - LETTERATURA ITALIANA MODERNA E CONTEMPORANEA 2 B LETTERATURE COMPARATE (C) L-FIL-LET/14 0/0/2014 pagina 20/ 32

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2015/201 ART. 1 Premessa Denominazione del

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE Università degli Studi di irenze Laurea Magistrale in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso

Dettagli

LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane

LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE A.A. 2015/16 Presidente: Prof. Marco Meli Delegato per l'orientamento:

Dettagli

L-11 - Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI

L-11 - Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI L-11 - Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI Presidente: Prof. Marco Meli Delegato per l'orientamento: Proff.sse Letizia Vezzosi, Michela Graziani,

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere classe delle lauree n. 11 Lingue e culture moderne approvato dal Consiglio di Facoltà del 17 Dicembre 2003 ART. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in COMUNICAZIONE DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia

Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Lettere e Filosofia L-11 Lingue, Culture, Letterature, Traduzione Struttura di riferimento: Dip. Studi europei, americani e interculturali Classe: L-11 Durata: triennale Modalità di ammissione:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Lettere moderne - Modern Literatures (Classe LM-14 Filologia moderna) Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-11 Lingue e culture moderne

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-11 Lingue e culture moderne Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Università degli Studi ROMA TRE L-11 - Lingue e culture moderne Lingue e culture straniere modifica di: Lingue e culture straniere

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe 11 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E LETTERATURE EUROMEDITERRANEE La laurea triennale in LINGUE E LETTERATURE EUROMEDITERRANEE

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Laurea triennale in

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Laurea triennale in Servizi per il Corso di Laurea FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE TEST DI VALUTAZIONE Nel sito Web dell Università sono liberamente fruibili test on line di lingua straniera (francese, inglese,

Dettagli

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Corso di laurea

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CLASSE DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) a.a. 2014/2015 Art. 1 Finalità 1. Il presente

Dettagli

produzione, dei servizi e delle professioni (art. 11 comma 4 DM509 del 3/11/99) sono state consultate in data 15/01/2001

produzione, dei servizi e delle professioni (art. 11 comma 4 DM509 del 3/11/99) sono state consultate in data 15/01/2001 Allegato 8) Università degli Studi di BERGAMO Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BERGAMO Data del DM di approvazione del ordinamento 27/05/2004 didattico Data

Dettagli

1 ANNO CFU SETTORE DOCENTE B014696 LETTERATURA ITALIANA 6 L-FIL-LET/10 GAMBACORTI B014697 LETTERATURA ITALIANA (SD6)* 6 L-FIL-LET/10 MAGHERINI

1 ANNO CFU SETTORE DOCENTE B014696 LETTERATURA ITALIANA 6 L-FIL-LET/10 GAMBACORTI B014697 LETTERATURA ITALIANA (SD6)* 6 L-FIL-LET/10 MAGHERINI L-11 - Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI (CODICE B004) 1 CURRICULUM: D42 - STUDI LINGUISTICI, LETTERARI E INTERCULTURALI Piano di studi a.a. 2013/2014

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STRATEGIE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STRATEGIE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STRATEGIE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E POLITICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI 1 Approvato dal Consiglio di Facoltà del 24 Marzo 2004 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI ART. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È attivato presso la Facoltà

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.uniba.it/ateneo/facolta/lingue/

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.uniba.it/ateneo/facolta/lingue/ FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.uniba.it/ateneo/facolta/lingue/ Presidenza Via Michele Garruba, 6/B - 70122 Bari Preside: prof. Pasquale Guaragnella Tel. 0805717540-7455; e-mail: preside@lingue.uniba.it

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

12/06/2009 26/01/2009 20/01/2009

12/06/2009 26/01/2009 20/01/2009 Università Facoltà Classe Nome del corso Nome inglese del corso Il corso è Data del DM di approvazione dell'ordinamento didattico Data del DR di emanazione dell'ordinamento didattico Università degli Studi

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STUDI GEOGRAFICI ED ANTROPOLOGICI

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STUDI GEOGRAFICI ED ANTROPOLOGICI Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale interclasse in STUDI GEOGRICI ED ANTROPOLOGICI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE in

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE in UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE in Filologia, lingue e letterature moderne Modern Philology, Languages and

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.lingue.uniba.it

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.lingue.uniba.it FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.lingue.uniba.it Presidenza Via M. Garruba, 6/b - 70122 Bari Preside: prof. Pasquale Guaragnella Tel. 080.5717539-7540; fax 080.5717459 e-mail: preside@lingue.uniba.it

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 LAUREA IN Lingue e culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale (LM-38)

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 LAUREA IN Lingue e culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale (LM-38) MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 LAUREA IN Lingue e culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale (LM-38) GENERALITÀ Classe di laurea di appartenenza: LM-38 Lauree magistrali in Lingue

Dettagli

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04)

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L- [Lingue e culture moderne] (D.M. 70/04) DESCRIZIONE DEL PERCORSO

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LETTERE MODERNE Classe LM 14 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.lingue.uniba.it

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.lingue.uniba.it FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.lingue.uniba.it Presidenza Via M. Garruba, 6/b - 70122 Bari Preside: prof. Pasquale Guaragnella e-mail: preside@lingue.uniba.it Segreteria del Preside Olimpia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con i principi e le disposizioni

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE ART. 1

FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE ART. 1 SEZIONE DECIMA FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze linguistiche e letterature straniere afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.uniba.it/ateneo/facolta/lingue/

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.uniba.it/ateneo/facolta/lingue/ FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE www.uniba.it/ateneo/facolta/lingue/ Presidenza Via M. Garruba, 6/b - 70122 Bari Preside: prof. Pasquale Guaragnella Tel. 080.5717539-7540; fax 080.5717459 e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Premessa Il presente Regolamento si riferisce al corso di laurea

Dettagli

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 Art.1 Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza E istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea in Economia

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA ENERGETICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA ENERGETICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA ENERGETICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-11 Lingue e culture moderne

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-11 Lingue e culture moderne Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso Università degli Studi di VERONA L-11 - Lingue e culture moderne Lingue e letterature straniere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO DI LETTERE LINGUE ARTI ITALIANISTICA E CULTURE COMPARATE CORSO DI LAUREA IN TRADUZIONE SPECIALISTICA (CLASSE LM-94) REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015 Art.

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN LINGUE NELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE (Classe XI - Lingue e culture moderne)

CORSO DI LAUREA IN LINGUE NELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE (Classe XI - Lingue e culture moderne) CORSO DI LAUREA IN LINGUE NELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE (Classe XI - Lingue e culture moderne) 1. INFORMAZIONI GENERALI Presidente Prof.ssa Maria Grazia Scelfo Il piano di studi è disponibile in rete

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e letterature straniere moderne Modern Foreign Languages and Literatures Classe di appartenenza: L-11

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1 1 ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology Art. 1 È istituito il corso di laurea magistrale in Musicologia appartenente alla classe delle lauree magistrali in Musicologia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN CIVILTA' E LINGUE STRANIERE MODERNE (CLASSE L-11 delle Lauree in lingue e culture moderne D.M.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN CIVILTA' E LINGUE STRANIERE MODERNE (CLASSE L-11 delle Lauree in lingue e culture moderne D.M. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN CIVILTA' E LINGUE STRANIERE MODERNE (CLASSE L-11 delle Lauree in lingue e culture moderne D.M. 270/2004) FINALITA E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Finalità

Dettagli

73/S - Classe delle lauree specialistiche in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale

73/S - Classe delle lauree specialistiche in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di BERGAMO 73/S - Classe delle lauree specialistiche in scienze dello spettacolo e della produzione Data del DM di approvazione

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale interfacoltà in LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale interfacoltà in LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale interfacoltà in LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Premessa Il presente Regolamento si riferisce al Corso di laurea

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea in SERVIZIO SOCIALE

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea in SERVIZIO SOCIALE Università degli Studi di FIRENZE Laurea in SERVIZIO SOCIALE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2013/2014 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso in inglese

Dettagli

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04)

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 70/04)

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze umanistiche 1.2 Classe

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-37 Lingue e letterature moderne europee e americane

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-37 Lingue e letterature moderne europee e americane Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso Università degli Studi di TRENTO LM-37 - Lingue e letterature moderne europee e americane

Dettagli

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Nome del corso

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Nome del corso Università Università degli studi di Genova Classe 3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Nome del corso Teorie e tecniche della mediazione interlinguistica Modifica di Traduttori

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

TITOLO II TER - SEZIONE DECIMA - FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE 1

TITOLO II TER - SEZIONE DECIMA - FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE 1 SEZIONE DECIMA FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze linguistiche e letterature straniere afferiscono i seguenti corsi di laurea specialistica: a) corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del Corso di Studi per il conseguimento della laurea in Discipline e Arti della Musica e dello Spettacolo Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici

Dettagli

Art. 4 - Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio 4.1. Conoscenza e capacità di comprensione

Art. 4 - Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio 4.1. Conoscenza e capacità di comprensione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN STUDI LETTERARI E LINGUISTICI (LITERARY AND LINGUISTIC STUDIES)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione - Classe di appartenenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in STORIA DELL ARTE E BENI CULTURALI approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea triennale interfacoltà in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Lettere e Filosofia Corso di laurea

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA BIOMEDICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA BIOMEDICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA BIOMEDICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE MODERNE (CLASSE 11)

CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE MODERNE (CLASSE 11) CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE MODERNE (CLASSE 11) Informazioni generali Il Corso di laurea in Lingue e Culture Straniere Moderne ha durata triennale e si articola in due curricula: Interlinguistico

Dettagli

LA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

LA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE LA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla riforma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 509) l impegno dello studente (frequenza

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane

LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE 1 CURRICULUM: C32- STUDI LETTERARI E CULTURALI INTERNAZIONALI Piano di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89) ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento didattico disciplina il di laurea, la programmazione, gestione e valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE (APPLICATA ALL AMBITO ECONOMICO, GIURIDICO E SOCIALE)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE (APPLICATA ALL AMBITO ECONOMICO, GIURIDICO E SOCIALE) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE (APPLICATA ALL AMBITO ECONOMICO, GIURIDICO E SOCIALE) Premessa Il presente Regolamento si riferisce al corso

Dettagli

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Lingue e culture straniere per l'impresa e il turismo Nome del corso

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Lingue e culture straniere per l'impresa e il turismo Nome del corso Università Università degli studi di Genova Classe 3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Lingue e culture straniere per l'impresa e il turismo Nome del corso Modifica di Lingue

Dettagli

Corso di laurea in Letterature d Italia e d Europa

Corso di laurea in Letterature d Italia e d Europa Corso di laurea in Letterature d Italia e d Europa (Classe delle Lauree in Lettere) Articolo 1. Denominazione del Corso di laurea 1. È istituito presso l Università degli Studi di Siena, Facoltà di Lettere

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Lingue e letterature moderne europee e americane (Classe LM-37)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Lingue e letterature moderne europee e americane (Classe LM-37) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Lingue e letterature moderne europee e americane (Classe LM-37) Articolo 1 Definizioni e finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze del linguaggio (SL)

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze del linguaggio (SL) Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze del linguaggio (SL) Classe: LM-39 Linguistica Codice del corso: LM5 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi del corso

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-94 Traduzione specialistica e interpretariato

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-94 Traduzione specialistica e interpretariato I/4 D.R. n.5024 del 01.08.2011 Classe LM-94 - Traduzione specialistica e interpretariato Nome del corso Traduzione specialistica Nome inglese Specialised translation Lingua in cui si tiene il corso italiano

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in BENI CULTURALI approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in BENI CULTURALI approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in BENI CULTURALI approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze umanistiche

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Art. 3 Attività formative Il presente Regolamento,

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI - (Classe: LM-39) Art. 1 - Requisiti per l'accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELL AMMINISTRAZIONE (CORSO INTERCLASSE L-36 E L-16)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELL AMMINISTRAZIONE (CORSO INTERCLASSE L-36 E L-16) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELL AMMINISTRAZIONE (CORSO INTERCLASSE L-36 E L-16) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale FILOLOGIA, LETTERATURA E STORIA DELL'ANTICHITÀ

Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale FILOLOGIA, LETTERATURA E STORIA DELL'ANTICHITÀ Università degli Studi di irenze Laurea Magistrale in ILOLOGIA, LETTERATURA E STORIA DELL'ANTICHITÀ D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del

Dettagli

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo Allegato 19) Università degli Studi di BERGAMO Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BERGAMO 13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo 1 Corso di Laurea in Musica e Spettacolo (Classe delle Lauree in Scienze e tecnologie delle Arti figurative, della Musica, dello Spettacolo e della Moda, classe 23) Regolamento didattico Art. 1. Denominazione

Dettagli

Master Universitario di I Livello Didattica dell italiano lingua seconda e lingua straniera: intercultura e mediazione

Master Universitario di I Livello Didattica dell italiano lingua seconda e lingua straniera: intercultura e mediazione ALLEGATO AL D.R. N. 841 DEL 29.09.2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI- PESCARA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE DIPARTIMENTO DI STUDI FILOSOFICI, STORICI E SOCIALI Master Universitario

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE CLASSE DI LAUREA L-20 A.A. 2008-2009 Art. 1 Generalità del Corso di laurea in Scienze della

Dettagli

TABELLA VII FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Art. 1. Art. 2 DIPLOMA UNIVERSITARIO PER TRADUTTORI E INTERPRETI

TABELLA VII FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Art. 1. Art. 2 DIPLOMA UNIVERSITARIO PER TRADUTTORI E INTERPRETI TABELLA VII FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Art. 1 La Facoltà di Lingue e letterature straniere conferisce: il diploma universitario di Traduttori e interpreti, la laurea in Lingue e letterature

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e culture moderne

Corso di Laurea in Lingue e culture moderne Corso di Laurea in Lingue e culture moderne Presidente: Prof. Francesco Altimari Segretario: Rosalba Cerenzia Segreteria amministrativa bicazione: cubo 28a Telefono: 0984/494544 Fax: 0984/494548 E-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Istituita nel 1969, anche se attiva come Corso di Laurea già dal 1954, nell arco di pochi decenni la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere è riuscita ad acquisire

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Scienze dello spettacolo (LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale)

Corso di Laurea magistrale in Scienze dello spettacolo (LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale) 1 Corso di Laurea magistrale in Scienze dello spettacolo (LM-5 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale) Regolamento didattico Il presente regolamento è consultabile sul sito web della Facoltà.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE DELLA LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI PER L INNOVAZIONE E LE ORGANIZZAZIONI (LUSPIO) ROMA

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea triennale interfacoltà in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Lettere e Filosofia Corso di laurea

Dettagli

Motivazioni dell'inserimento nelle attività affini di settori previsti dalla classe o Note attività affini

Motivazioni dell'inserimento nelle attività affini di settori previsti dalla classe o Note attività affini Comunicazioni dell'ateneo al CUN Note relative alle attività di base Note relative alle altre attività La padronanza di almeno due lingue straniere è tra gli obiettivi qualificanti della classe, e viene

Dettagli