Indice. Capitolo 1. SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Capitolo 1. SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA -----------------------------------------------------1"

Transcript

1 i Indice Capitolo 1. SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA INTRODUZIONE SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO Tecniche di misura STRUMENTO DI MISURA Struttura e funzionamento Ambiti applicativi L Ossimetro NIMO Capitolo 2. ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO INTRODUZIONE SCOPO DELL ELABORATO CONSIDERAZIONI Capitolo 3. I MICROCONTROLLORI PIC INTRODUZIONE STORIA IL MICROCONTROLLORE IL MICROCONTROLLORE PIC La Cpu La memoria Le periferiche PANORAMICA SULLE FAMIGLIE PICMicro AMBITO APPLICATIVO E PREZZI Capitolo 4. MEMORY CARD SD e MMC INTRODUZIONE LE MEMORIE FLASH Definizione Caratteristiche tecniche Storia e panoramica sulle memorie Flash SD vs MMC SD Memory Card Storia e descrizione Sandisk SD Memory Card Altre Tipologie Applicazioni commerciali e prezzi

2 ii 4.5 MMC MEMORY CARD Storia e descrizione Caratteristiche tecniche Tipologie Applicazioni commerciali e prezzi Capitolo 5. I PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE INTRODUZIONE DEFINIZIONE I 2 C Bus I 2 C Protocollo I 2 C Segnali I 2 C Considerazioni SPI Struttura e funzionamento USB Struttura generale Campo di applicazione PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE DEI PICMicro I 2 C nei PICmicro SPI nei PICmicro PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE DELLE MEMORY CARD SD/MMC Protocolli SD Protocolli MMC SD vs MMC Capitolo 6. INTERFACCE HARDWARE INTRODUZIONE µmmc SERIAL DATA MODULE Descrizione Caratteristiche tecniche USB Mass Storage Application using a PICMicro Descrizione La comunicazione L Hardware TRANSCEIVER PER MEMORY CARD INTERFACE SN74AVCA PIC - MMC (Multi Media Card) Flash Memory Extension MMC 3.3v prototype Board CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

3 iii Elenco delle Tabelle 4.1 Tipologie di memory card e rispettive caratteristiche tecniche Campo di applicazione del protocollo USB Velocità di clock e burst rate delle SD e MMC Velocità di clock e Tempo di trasferimento per un dato di 512byte usando i diversi protocolli 83

4 iv Indice delle Figure 1.1 Spettro di assorbimento in funzione della lunghezza d onda per i differenti cromografi a) Fenomeno dell assorbimento b) Fenomeno di Scattering Segnale di ingresso ad intensità continua Sorgente ad intensità modulata Segnale impulsato Spettro di assorbimento di Acqua ed Emoglobina Ossigenata e Deossigenata Schema a blocchi dell ossimetro Rappresentazione del NIMO Alcuni integrati di PIC Microchip facenti parte della famiglia PIC16C5x Microcontrollore ATMEL integrato Immagine esterna del circuito integrato PIC16C Architettura Harvard vs Von Neumann Cicli di istruzione della Pipeline Cicli di clock e di istruzione Schema elettrico del lampeggiatore a luci rotanti Schema elettrico del pannello per scritte scorrevoli Schema elettrico del interruttore elettrico remoto per cellulari Schema elettrico del Logger di Temperatura Flash NAND Dalla Infineon Schema a blocchi Scheda SD Memory card SanDisk MultiMediaCard Schema a blocchi della struttura interna di una MMC RS - MMC con adattatore a Schema a blocchi di un bus I 2 C b Visuale schematica del collegamento di due dispositivi (master e slave) sul bus I 2 C 64

5 v 5.2 Operazioni di Lettura e Scrittura del protocollo I 2 C Diagramma dei tempi dell operazione di trasferimento dati con i rispettivi segnali Segnali dati e Segnali di controllo tipici del protocollo SPI in configurazione master/slave Esempio di comunicazione con più slave interfacciati ad un singolo master Comunicazione nel SPI Trasferimento dati nell SPI Connettore USB Formato del dato nel caso di master transmitter in alto, e nel caso di master receiver in basso Esempio di collegamento SPI tra due dispositivi Schema a blocchi delle operazioni nella comunicazione SPI dal punto di vista del Master Schema a blocchi delle operazioni nella comunicazione SPI dal punto di vista dello Slave Immagine del µmmc della Rogue Robotics Interfaccia tra il MMC-SDM e un generico microprocessore Vista inferiore, lato componenti, dell interfaccia µmmc della Rogue Robotics Configurazione hardware dell MSD Schema a blocchi tra l MSD e il PC Visuale dall alto del package che riveste il SN74AVCA Interfaccia con schede SD o SDIO in Modo SD 4-Bit Interfaccia con schede SD o MMC in Modo SD 1-Bit o MMC Interfaccia con schede SD/SDIO o MMC in Modo SPI Schema di connessione di un espansione MMC per i PIC Prototipo di interfaccia MMC -PIC16F876 funzionante a 3.3V con uscita seriale Alternativa di collegamento per la scheda di memoria MMC/SD al pcb contenente il PIC 96

6 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 1 Capitolo 1 SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA 1.1 INTRODUZIONE In questo capitolo è illustrata la tecnica di spettroscopia nel vicino infrarosso (NIRS), tecnica che può essere sfruttata per studiare le proprietà di assorbimento e scattering delle molecole tessutali mediante diversi parametri, tra i quali la percentuale di ossigeno. La Spettroscopia nel vicino infrarosso (NIRS, Near Infrared Spectroscopy) è stata recentemente indicata negli Annals of the New York Academy of Sciences come una tecnologia tra le più promettenti nella prossima decade nel monitoraggio finalizzato alla neuroprotezione, essendo in grado di misurare a livello regionale parametri come, appunto, l ossigenazione ed il flusso ematico tessutale cerebrale. Il dispositivo che implementa la suddetta tecnica è chiamato Ossimetro. 1.2 SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO La NIRS è una tecnologia che può essere utilizzata per una vasta gamma di studi, prettamente in ambito diagnostico. Essa può essere utilizzata infatti per studi fisiologici, il monitoraggio del consumo di ossigeno e della concentrazione di emoglobina in caso di tumori (anche se la tecnologia più adatta a tal proposito è l Imaging), diagnosi di patologie del sistema vascolare (occlusioni, ischemie, ecc.), lo studio dell'effetto di farmaci su tessuti, il monitoraggio dell'ossigenazione celebrale durante operazioni chirurgiche ed in neonatologia di prevenzione fino al rilevamento di sostanze illecite nel sangue (doping).

7 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 2 È quindi una tecnica diagnostica non invasiva, in grado di misurare l ossigenazione tessutale utilizzando strumentazioni relativamente a basso costo agendo sulle proprietà dei cromofori 1 che compongono il tessuto da esaminare. La NIRS utilizza un mezzo innocuo per studiare i tessuti biologici, ovvero la radiazione ottica, precisamente l emissione di fotoni nella banda spettrale del vicino infrarosso (NIR, nm). I cromofori esaminati sono l Emoglobina ossigenata (HbO 2 ) e l Emoglobina deossigenata (Hb), i quali hanno spettri di assorbimento differenti nel NIR, come si può osservare nella figura 1.1. Tale caratteristica permette di misurare separatamente le due forme dell Emoglobina e quindi la percentuale di Ossigeno nei tessuti studiati. Figura 1.1 Spettro di assorbimento in funzione della lunghezza d onda per i differenti cromografi. Come si può osservare ciascuna sostanza ha il picco massimo a λ differente. Questo significa che a seconda della radiazione che incide il tessuto verrà stimolata una determinata sostanza. 1. I cromofori sono particolari molecole in grado di assorbire la luce. Alcuni cromofori noti sono l Acqua, i Lipidi, la Melanina, L emoglobina ossigenata. Ogni cromoforo ha uno spettro ben definito che rappresenta la lunghezza d onda alla quale esso assorbe maggiormente.

8 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 3 Il fotone NIR [1] lanciato nel tessuto biologico non lo attraversa secondo un percorso rettilineo tra sorgente e rivelatore, bensì esegue un percorso maggiore, assimilabile ad una spezzata, più o meno complessa a seconda del numero di eventi di scattering cui va incontro, che si conclude con l assorbimento totale del fotone da parte del tessuto (evento raro nella banda spettrale NIR), o con la sua fuoriuscita dal tessuto. Il fotone NIR, quindi subisce nel tessuto biologico due processi principali: la diffusione (scattering) e l assorbimento, entrambi funzione della lunghezza d onda λ. Lo scattering, processo dominante nella banda spettrale NIR, è alla base del tipico percorso a zig-zag del fotone all interno del tessuto, come si può osservare in figura 1.2.b, ed è quantificato dal coefficiente di scattering (µ s ), misurabile con le recenti metodiche NIRS risolte nel tempo. L assorbimento (rappresentato in figura 1.2.a) da parte del tessuto biologico è basso nella banda spettrale NIR, ed è principalmente dovuto all emoglobina; esso è espresso dal coefficiente di assorbimento (µ a ), misurabile indipendentemente da µ s con le recenti metodiche NIRS risolte nel tempo. a) b) Figura 1.2 a) Fenomeno dell assorbimento. I ed Io rappresentano rispettivamente i valori di intensità trasmessa ed incidente, d è lo spessore del mezzo c è la concentrazione di cromofori. b) Fenomeno di Scattering. Si può osservare come anche il percorso del fotone incidente non è rettilineo ma riproduce una spezzata. Entrambi i fenomeni di assorbimento e scattering sono calcolati mediante l espressione di Lambert-Beer il quale utilizza i rispettivi coefficienti di assorbimento e scattering.

9 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 4 La complessità dell interazione tra la luce NIR ed il tessuto biologico è alla base del continuo evolversi delle tecnologie NIRS utilizzate in campo sperimentale e clinico. Per studiare un discreto numero di cromofori sarà di conseguenza necessario utilizzare delle sorgenti laser a più lunghezze d'onda. Un esempio di strumentazione NIRS a più lunghezze d'onda è l'ossimetro ottico, utilizzato per misurare l'ossigenazione dei muscoli. L'utilizzo di più lunghezze d'onda permette di avere un'incertezza sulla misura minore, visto che saranno stimolati diversi cromofori Tecniche di misura Le prime applicazioni della NIRS in ambito biomedico risalgono al 1977 (Jobsis) con lo studio del grado di ossigenazione di alcuni metabolismi, esse si evolvono nel decennio successivo con lo sviluppo di tecniche tomografiche. Essa si basa sul calcolo dell attenuazione dei fotoni all interno del tessuto, espresso dalla legge di Lambert Beer. Tale legge, in funzione dei valori del coefficiente di assorbimento µ a e del coefficiente di scattering µ s permette di calcolare il valore dell'attenuazione ottica e la concentrazione c dei cromofori nel tessuto. Tale legge avrà un espressione per l assorbimento ed un'altra per lo scattering. La legge che prende in considerazione entrambi i fenomeni è chiamata Equazione di Lambert Beer modificata: A = log 10 (I 0 /I) = α c d DPF + G Facendo riferimento alla figura 1.1, il primo termine della somma è legato all'assorbimento, mentre il secondo termine è una costante che tiene conto della geometria e dello scattering. DPF rappresenta la differenza di cammino percorso dai fotoni ed è funzione del tipo di tessuto, mentre α e c sono legati

10 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 5 alla sostanza assorbente e rappresentano rispettivamente l'assorbimento specifico e la distanza spaziale tra il punto di iniezione e di rivelazione della radiazione nel tessuto. Il valore del DPF che varia a seconda del tessuto è tabulato, ma non sempre si tratta di una quantità veritiera e ciò rappresenta un limite. In realtà non si misura direttamente il coefficiente di scattering, ma una quantità detta coefficiente di scattering ridotto µ' s, definita come: µ' s = µ s (1 - g) dove g ha un valore compreso tra 0 e 1; g=0 nel caso di scattering isotropo (stessa probabilità di diffusione in tutte le direzioni), g=1 nel caso di forward scattering, ovvero di diffusione nella stessa direzione della radiazione incidente. Questo significa che g tiene conto anche della dimensione molecolare dei cromofori, infatti, maggiore risulta essere tale dimensione e più lo scattering sarà di tipo forward. Di fondamentale importanza risulta perciò il cammino effettivo dei fotoni, che è una quantità casuale e quindi valutabile in termini statistici. In funzione della necessità o circostanza, il segnale di ingresso, ovvero quello che è inviato sul tessuto da esaminare, può essere modulato in diversi modi; si può modulare ad esempio sinusoidalmente o ad impulsi, oppure con segnali ad intensità continua. Di seguito sono riportate schematicamente tali tecniche: CW-NIRS (Continuous Wave-NIRS). Prevede l'illuminazione di un tessuto con una sorgente ad intensità costante e la valutazione dell'entità della luce trasmessa o della luce retrodiffusa. Si tratta quindi di monitorare le variazioni dell'intensità della luce uscente dal tessuto. Con questa tecnica (mostrata in figura 1.3) piuttosto semplice non è possibile

11 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 6 recuperare alcuna informazione sul cammino effettivo dei fotoni nel tessuto, e si possono quindi effettuare solo misure di tipo qualitativo, come ad esempio la valutazione della variazione di Hb e HbO2. Figura 1.3 Segnale di ingresso ad intensità continua. Utilizzando questa tecnica per misure di tipo quantitativo come ad esempio la valutazione assoluta delle concentrazioni dei cromofori, si necessita di informazioni aggiuntive come l'utilizzo di più lunghezze d'onda o variazioni apposite della distanza tra sorgente e rivelatore. Segnale d'ingresso modulato sinusoidalmente. È una tecnica che offre sicuramente risultati migliori modulando il segnale ottico d'ingresso ad alta frequenza ( MHz) e misurando intensità, fase e coefficiente di modulazione del segnale trasmesso dal tessuto, come in figura 1.4. La variazione di fase che si misura dà quindi informazioni sul cammino medio dei fotoni. Infatti, essendo maggiore il cammino rispetto allo spessore del mezzo, si ha un ritardo nell'assorbimento dei fotoni che si traduce in una variazione di fase del segnale d'uscita rispetto a quello di ingresso. La variazione dell'intensità del segnale è utilizzata invece per determinare il coefficiente di assorbimento. Dalla conoscenza del cammino medio dei fotoni e del coefficiente di assorbimento si ricava dunque la concentrazione dei cromofori.

12 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 7 Figura 1.4 Sorgente ad intensità modulata. Il vero vantaggio di questa tecnica è dovuto al fatto che non si utilizzano sorgenti continue ma modulate eliminando quindi i problemi di interferenza dovuti alla luce ambiente che ha intensità continua. Gli svantaggi maggiori di questo tipo di strumentazioni sono legati essenzialmente alla maggior complessità del sistema e alla necessità di avere fotorivelatori piuttosto veloci. Per quanto riguarda le sorgenti laser, queste presentano potenze nettamente superiori alle potenze in gioco nei laser a intensità costante e devono avere una banda larga. Normalmente poi non si riesce ad effettuare una modulazione del 100%, per non far lavorare il laser in sottosoglia. Segnale impulsato. Si tratta di impulsare la sorgente laser d'ingresso mediante l utilizzo di impulsi dell'ordine dei ns, e di misurando in uscita dal tessuto il ritardo di tali impulsi e la loro intensità. In uscita si presenta quindi un segnale ritardato e allungato nel tempo, e questa dilatazione temporale è data da fotoni che sono stati assorbiti in profondità nel tessuto e che hanno perciò percorso un cammino maggiore (figura 1.5). La misura del cammino medio dei fotoni è data dalla misura del ritardo, mentre

13 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 8 l'entità del rapporto tra le intensità quantifica il coefficiente di assorbimento. Figura 1.5 Segnale impulsato Questo sistema risulta essere tra i più efficienti, presentando di contro una notevole complessità circuitale. Le sorgenti sono normalmente dei laser al titanio-zaffiro che offrono prestazioni migliori, in funzionamento ad impulso rispetto ai normali diodi laser. I fotorivelatori devono essere estremamente veloci e sensibili; normalmente si utilizzano quelli a singolo fotone che presentano, però costi piuttosto elevati. Figura 1.6 Spettro di assorbimento di Acqua ed Emoglobina Ossigenata e Deossigenata.

14 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 9 Si nota dalla fig. 1.6, che mostra come varia il coefficiente di assorbimento dell'acqua e dell'emoglobina al variare della lunghezza d'onda, come ad esempio nel grafico dell'acqua il picco si trova a λ = 970 nm, e quindi per una valutazione efficace della concentrazione dei cromofori si dovrà utilizzare una sorgente laser con tale lunghezza d'onda. Analogo risulta il caso dell'emoglobina ossigenata e deossigenata, che presentano lo stesso valore del coefficiente di assorbimento per λ = 800nm (punto isospestico); quindi facendo lavorare il laser a tale lunghezza d'onda si può misurare la concentrazione totale di emoglobina nel sangue. 1.3 STRUMENTO DI MISURA Le sonde NIR più utilizzate rilevano la radiazione luminosa mediante una o più fibre ottiche con al vertice un Fotodiodo a Valanga (APD) posto dalla stessa parte della sorgente luminosa. I fotoni fuoriescono dal tessuto biologico dopo aver percorso un tragitto di profondità variabile e di forma paragonabile ad una banana (banana function). Questa tecnica prende il nome di spettroscopia in riflettanza, a differenza della spettroscopia in trasmissione in cui le sorgenti rivelatrice e luminosa sono posizionate ai lati opposti del tessuto da studiare. Un dispositivo volto alla rilevazione dell ossigenazione tessutale mediante la tecnica NIRS è l'ossimetro NIMO (Nirox srl). Questo dispositivo è costituito da sorgenti laser che attraverso un MUX ottico permettono di illuminare il tessuto (è utilizzata solo una fibra per volta). La luce diffusa dal tessuto è filtrata per eliminare la componente nel visibile, rivelata da un diodo a valanga, preamplificata e portata in ingresso al formatore di segnale che provvede ad inviare il segnale al Personal Computer.

15 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura Struttura e funzionamento Il sistema, il cui schema a blocchi è riportato nella figura 1.7, rientra nella categoria degli ossimetri ad intensità continua, poiché la singola misura di attenuazione è effettuata in un intervallo temporale in cui l'intensità della radiazione luminosa di eccitazione è mantenuta costante. Figura 1.7. Schema a blocchi dell ossimetro La tecnica multidistanza è implementata mediante l'utilizzo di quattro canali ottici di iniezione realizzati da altrettante fibre ottiche poste a distanze differenti, e da un singolo canale ottico di raccolta costituito da una guida d'onda liquida che conduce la radiazione luminosa all'ingresso di un fotorivelatore. La soluzione a rivelatore singolo fa sì che ogni misura effettuata risenta in ugual modo dell effetto delle derive termiche e dell'invecchiamento dei componenti dell'elettronica di elaborazione.

16 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 11 La sorgente La sorgente è il sistema optoelettronico preposto alla generazione dei fasci luminosi coerenti che sono iniettati nel tessuto da analizzare. Essa è costituita da sei moduli, ciascuno dei quali implementa un diodo laser caratterizzato da una lunghezza d'onda distinta dagli altri. La scelta delle lunghezze d'onda (685, 750, 808, 830, 904, 980nm) è effettuata tenendo presenti gli spettri di assorbimento nel vicino infrarosso delle sostanze di cui interessa determinare la concentrazione. L'emissione di ciascuna lunghezza d'onda può essere attivata in modo del tutto indipendente dalle altre mediante un segnale elettrico di comando in logica TTL applicato a connettori BNC. Per mezzo di un potenziometro è inoltre possibile regolare l'intensità della radiazione luminosa emessa da ciascun diodo laser. I fasci coerenti provenienti dai sei moduli sono convogliati su un unica uscita ottica in corrispondenza della quale è presente un dispositivo optoelettronico, denominato power monitor, che fornisce un segnale analogico di ampiezza proporzionale alla potenza ottica emessa. Allo stato attuale la sorgente è alloggiata in un apposito rack da strumentazione ed è separata dagli altri blocchi funzionali che compongono l'ossimetro. Il multiplexer ottico Il multiplexer ottico ha il compito di convogliare la radiazione luminosa proveniente dalla sorgente su una delle quattro fibre ottiche di iniezione. Se è di tipo multimodale, utilizza attuatori piezoelettrici in luogo dei normali meccanismi per effettuare l'allineamento della fibra ottica di ingresso con quella selezionata come uscita. Rispetto a questi ultimi, i dispositivi piezoelettrici consentono di ottenere tempi di assestamento più ridotti, maggiore affidabilità e consumi energetici inferiori. La selezione della fibra ottica di uscita è comandata mediante segnali logici TTL.

17 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 12 La sonda La sonda è costituita da un supporto di materiale gommoso nel quale sono stati praticati dei fori per mantenere nella posizione desiderata le quattro fibre ottiche di iniezione e la guida d'onda liquida di raccolta. Le fibre sono realizzate in silice e consentono la propagazione multimodale della radiazione. Esse sono poste ad una distanza regolare pari a 5mm l'una dall'altra. La spaziatura minima tra le fibre di iniezione e la guida d'onda liquida di raccolta è invece regolabile tra 2,5 e 3,5cm. L'utilizzo, quale canale di raccolta, di una guida d'onda liquida in luogo di un bundle di fibre è giustificato dalla fatto che essa consente una minore attenuazione e una maggiore apertura angolare rispetto a quest'ultimo. Il fotorivelatore Il fotorivelatore è un modulo commerciale a basso rumore basato su un fotodiodo a valanga (Avalanche Photodiode, APD) e caratterizzato da elevata sensibilità alle lunghezze d'onda del vicino infrarosso. Tale modulo fornisce in uscita un segnale analogico proporzionale all'intensità ottica della radiazione luminosa rivelata. Il modulo è dotato dell'elettronica necessaria al funzionamento corretto ed affidabile del fotodiodo; in particolare è presente un circuito finalizzato a compensare le derive subite dal guadagno dell'apd al variare della temperatura. Unità di controllo L unità di controllo comanda le sorgenti ottiche, sincronizzandole con i segnali analogici processati dal ricevitore e generando i segnali per l unità di conversione A/D. L unità di controllo è infatti interfacciata al PC con appropriate schede I/O - A/D per fornire gli adeguati segnali di controllo in funzione dei segnali analogici ricevuti dall APD

18 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 13 Il fascio di fotoni incidenti saranno assorbiti e deflessi compiendo un tragitto che prende il nome di Banana function, e riemergono in superficie dove sono raccolti da fotorivelatori (fotodiodi a valanga APD) collegati poi all apparato di elaborazione dell informazione. La distanza massima tra l estremità della fibra rivelatrice e quella della fibra che emette la radiazione ottica è di solito 3,5 4 cm, permettendo ai fotoni NIR di penetrare nel tessuto biologico sottostante fino ad una profondità massima di 3 3,5 cm. La profondità è quindi funzione della distanza cui sono poste le due fibre (quella in trasmissione e quella in ricezione). Il segnale ottico trasformato in segnale elettrico, va in ingresso a due convertitori A/D i quali funzionano alternativamente convertono il segnale in 16 bit che contengono l informazione ricevuta dai PD e quella inviata in uscita alle fibre. Questo poiché il bus di comunicazione interno al dispositivo è ad 8 bit, ove viaggia il dato allo stato grezzo che sarà poi elaborato nel DSP e memorizzato nella memoria interna. A questo punto il dato grezzo può venire mandato al PC esterno ed elaborato da un software apposito oppure, come è fatto prevalentemente nei dispositivi portatili, all interno del DSP, ed eventualmente o visualizzato su uno schermo apposito oppure mandato su una scheda di memoria per esempio di tipo SD Ambiti applicativi Per utilizzi diagnostici, come ad esempio nel caso perinatale, sono presenti due tipologie di Ossimetro molto diffuse, ovvero l Ossimetro ISS e l Ossimetro NIRO Hamamatsu. L Ossimetro ISS misura in modo assoluto, direttamente ed indipendentemente i coefficienti di scattering e di assorbimento del tessuto, non necessita quindi di stime a priori o di assunzioni riguardo allo scattering per ottenere una misura accurata dell assorbimento del tessuto, e quindi della concentrazione di Hb. La sorgente di luce è rappresentata da 8 diodi laser, 4 a 750 nm e 4 a

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità

Dettagli

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Introduzione prof. Stefano Salvatori A.A. 2014/2015 Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo documento sono

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big MANUALE D USO MODULI PIC-SMS Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big Rev.0807 Pag.1 di 43 www.carrideo.it INDICE 1. I MODULI SMS... 4 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 4 1.2. DETTAGLI SUL MICROCONTROLLORE

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX ADATTATO PER QUALSIASI APPLICAZIONE DISPOSITIVI PORTATILI DI PEPPERL+FUCHS SICUREZZA INTRINSECA I lettori

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Tradurre in linguaggio assembly MIPS il seguente frammento di

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved.

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved. ADC-20/ADC-24 Registratori di dati ad alta risoluzione Manuale d'uso I Indice Indice 1 Introduzione...1...1 1 Panoramica 2 Informazioni...2...2 1 Avviso sulla sicurezza...3 2 Informazioni leg ali...3 3

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli