Indice. Capitolo 1. SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Capitolo 1. SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA -----------------------------------------------------1"

Transcript

1 i Indice Capitolo 1. SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA INTRODUZIONE SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO Tecniche di misura STRUMENTO DI MISURA Struttura e funzionamento Ambiti applicativi L Ossimetro NIMO Capitolo 2. ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO INTRODUZIONE SCOPO DELL ELABORATO CONSIDERAZIONI Capitolo 3. I MICROCONTROLLORI PIC INTRODUZIONE STORIA IL MICROCONTROLLORE IL MICROCONTROLLORE PIC La Cpu La memoria Le periferiche PANORAMICA SULLE FAMIGLIE PICMicro AMBITO APPLICATIVO E PREZZI Capitolo 4. MEMORY CARD SD e MMC INTRODUZIONE LE MEMORIE FLASH Definizione Caratteristiche tecniche Storia e panoramica sulle memorie Flash SD vs MMC SD Memory Card Storia e descrizione Sandisk SD Memory Card Altre Tipologie Applicazioni commerciali e prezzi

2 ii 4.5 MMC MEMORY CARD Storia e descrizione Caratteristiche tecniche Tipologie Applicazioni commerciali e prezzi Capitolo 5. I PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE INTRODUZIONE DEFINIZIONE I 2 C Bus I 2 C Protocollo I 2 C Segnali I 2 C Considerazioni SPI Struttura e funzionamento USB Struttura generale Campo di applicazione PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE DEI PICMicro I 2 C nei PICmicro SPI nei PICmicro PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE DELLE MEMORY CARD SD/MMC Protocolli SD Protocolli MMC SD vs MMC Capitolo 6. INTERFACCE HARDWARE INTRODUZIONE µmmc SERIAL DATA MODULE Descrizione Caratteristiche tecniche USB Mass Storage Application using a PICMicro Descrizione La comunicazione L Hardware TRANSCEIVER PER MEMORY CARD INTERFACE SN74AVCA PIC - MMC (Multi Media Card) Flash Memory Extension MMC 3.3v prototype Board CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

3 iii Elenco delle Tabelle 4.1 Tipologie di memory card e rispettive caratteristiche tecniche Campo di applicazione del protocollo USB Velocità di clock e burst rate delle SD e MMC Velocità di clock e Tempo di trasferimento per un dato di 512byte usando i diversi protocolli 83

4 iv Indice delle Figure 1.1 Spettro di assorbimento in funzione della lunghezza d onda per i differenti cromografi a) Fenomeno dell assorbimento b) Fenomeno di Scattering Segnale di ingresso ad intensità continua Sorgente ad intensità modulata Segnale impulsato Spettro di assorbimento di Acqua ed Emoglobina Ossigenata e Deossigenata Schema a blocchi dell ossimetro Rappresentazione del NIMO Alcuni integrati di PIC Microchip facenti parte della famiglia PIC16C5x Microcontrollore ATMEL integrato Immagine esterna del circuito integrato PIC16C Architettura Harvard vs Von Neumann Cicli di istruzione della Pipeline Cicli di clock e di istruzione Schema elettrico del lampeggiatore a luci rotanti Schema elettrico del pannello per scritte scorrevoli Schema elettrico del interruttore elettrico remoto per cellulari Schema elettrico del Logger di Temperatura Flash NAND Dalla Infineon Schema a blocchi Scheda SD Memory card SanDisk MultiMediaCard Schema a blocchi della struttura interna di una MMC RS - MMC con adattatore a Schema a blocchi di un bus I 2 C b Visuale schematica del collegamento di due dispositivi (master e slave) sul bus I 2 C 64

5 v 5.2 Operazioni di Lettura e Scrittura del protocollo I 2 C Diagramma dei tempi dell operazione di trasferimento dati con i rispettivi segnali Segnali dati e Segnali di controllo tipici del protocollo SPI in configurazione master/slave Esempio di comunicazione con più slave interfacciati ad un singolo master Comunicazione nel SPI Trasferimento dati nell SPI Connettore USB Formato del dato nel caso di master transmitter in alto, e nel caso di master receiver in basso Esempio di collegamento SPI tra due dispositivi Schema a blocchi delle operazioni nella comunicazione SPI dal punto di vista del Master Schema a blocchi delle operazioni nella comunicazione SPI dal punto di vista dello Slave Immagine del µmmc della Rogue Robotics Interfaccia tra il MMC-SDM e un generico microprocessore Vista inferiore, lato componenti, dell interfaccia µmmc della Rogue Robotics Configurazione hardware dell MSD Schema a blocchi tra l MSD e il PC Visuale dall alto del package che riveste il SN74AVCA Interfaccia con schede SD o SDIO in Modo SD 4-Bit Interfaccia con schede SD o MMC in Modo SD 1-Bit o MMC Interfaccia con schede SD/SDIO o MMC in Modo SPI Schema di connessione di un espansione MMC per i PIC Prototipo di interfaccia MMC -PIC16F876 funzionante a 3.3V con uscita seriale Alternativa di collegamento per la scheda di memoria MMC/SD al pcb contenente il PIC 96

6 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 1 Capitolo 1 SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO E STRUMENTAZIONE DI MISURA 1.1 INTRODUZIONE In questo capitolo è illustrata la tecnica di spettroscopia nel vicino infrarosso (NIRS), tecnica che può essere sfruttata per studiare le proprietà di assorbimento e scattering delle molecole tessutali mediante diversi parametri, tra i quali la percentuale di ossigeno. La Spettroscopia nel vicino infrarosso (NIRS, Near Infrared Spectroscopy) è stata recentemente indicata negli Annals of the New York Academy of Sciences come una tecnologia tra le più promettenti nella prossima decade nel monitoraggio finalizzato alla neuroprotezione, essendo in grado di misurare a livello regionale parametri come, appunto, l ossigenazione ed il flusso ematico tessutale cerebrale. Il dispositivo che implementa la suddetta tecnica è chiamato Ossimetro. 1.2 SPETTROSCOPIA NEL VICINO INFRAROSSO La NIRS è una tecnologia che può essere utilizzata per una vasta gamma di studi, prettamente in ambito diagnostico. Essa può essere utilizzata infatti per studi fisiologici, il monitoraggio del consumo di ossigeno e della concentrazione di emoglobina in caso di tumori (anche se la tecnologia più adatta a tal proposito è l Imaging), diagnosi di patologie del sistema vascolare (occlusioni, ischemie, ecc.), lo studio dell'effetto di farmaci su tessuti, il monitoraggio dell'ossigenazione celebrale durante operazioni chirurgiche ed in neonatologia di prevenzione fino al rilevamento di sostanze illecite nel sangue (doping).

7 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 2 È quindi una tecnica diagnostica non invasiva, in grado di misurare l ossigenazione tessutale utilizzando strumentazioni relativamente a basso costo agendo sulle proprietà dei cromofori 1 che compongono il tessuto da esaminare. La NIRS utilizza un mezzo innocuo per studiare i tessuti biologici, ovvero la radiazione ottica, precisamente l emissione di fotoni nella banda spettrale del vicino infrarosso (NIR, nm). I cromofori esaminati sono l Emoglobina ossigenata (HbO 2 ) e l Emoglobina deossigenata (Hb), i quali hanno spettri di assorbimento differenti nel NIR, come si può osservare nella figura 1.1. Tale caratteristica permette di misurare separatamente le due forme dell Emoglobina e quindi la percentuale di Ossigeno nei tessuti studiati. Figura 1.1 Spettro di assorbimento in funzione della lunghezza d onda per i differenti cromografi. Come si può osservare ciascuna sostanza ha il picco massimo a λ differente. Questo significa che a seconda della radiazione che incide il tessuto verrà stimolata una determinata sostanza. 1. I cromofori sono particolari molecole in grado di assorbire la luce. Alcuni cromofori noti sono l Acqua, i Lipidi, la Melanina, L emoglobina ossigenata. Ogni cromoforo ha uno spettro ben definito che rappresenta la lunghezza d onda alla quale esso assorbe maggiormente.

8 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 3 Il fotone NIR [1] lanciato nel tessuto biologico non lo attraversa secondo un percorso rettilineo tra sorgente e rivelatore, bensì esegue un percorso maggiore, assimilabile ad una spezzata, più o meno complessa a seconda del numero di eventi di scattering cui va incontro, che si conclude con l assorbimento totale del fotone da parte del tessuto (evento raro nella banda spettrale NIR), o con la sua fuoriuscita dal tessuto. Il fotone NIR, quindi subisce nel tessuto biologico due processi principali: la diffusione (scattering) e l assorbimento, entrambi funzione della lunghezza d onda λ. Lo scattering, processo dominante nella banda spettrale NIR, è alla base del tipico percorso a zig-zag del fotone all interno del tessuto, come si può osservare in figura 1.2.b, ed è quantificato dal coefficiente di scattering (µ s ), misurabile con le recenti metodiche NIRS risolte nel tempo. L assorbimento (rappresentato in figura 1.2.a) da parte del tessuto biologico è basso nella banda spettrale NIR, ed è principalmente dovuto all emoglobina; esso è espresso dal coefficiente di assorbimento (µ a ), misurabile indipendentemente da µ s con le recenti metodiche NIRS risolte nel tempo. a) b) Figura 1.2 a) Fenomeno dell assorbimento. I ed Io rappresentano rispettivamente i valori di intensità trasmessa ed incidente, d è lo spessore del mezzo c è la concentrazione di cromofori. b) Fenomeno di Scattering. Si può osservare come anche il percorso del fotone incidente non è rettilineo ma riproduce una spezzata. Entrambi i fenomeni di assorbimento e scattering sono calcolati mediante l espressione di Lambert-Beer il quale utilizza i rispettivi coefficienti di assorbimento e scattering.

9 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 4 La complessità dell interazione tra la luce NIR ed il tessuto biologico è alla base del continuo evolversi delle tecnologie NIRS utilizzate in campo sperimentale e clinico. Per studiare un discreto numero di cromofori sarà di conseguenza necessario utilizzare delle sorgenti laser a più lunghezze d'onda. Un esempio di strumentazione NIRS a più lunghezze d'onda è l'ossimetro ottico, utilizzato per misurare l'ossigenazione dei muscoli. L'utilizzo di più lunghezze d'onda permette di avere un'incertezza sulla misura minore, visto che saranno stimolati diversi cromofori Tecniche di misura Le prime applicazioni della NIRS in ambito biomedico risalgono al 1977 (Jobsis) con lo studio del grado di ossigenazione di alcuni metabolismi, esse si evolvono nel decennio successivo con lo sviluppo di tecniche tomografiche. Essa si basa sul calcolo dell attenuazione dei fotoni all interno del tessuto, espresso dalla legge di Lambert Beer. Tale legge, in funzione dei valori del coefficiente di assorbimento µ a e del coefficiente di scattering µ s permette di calcolare il valore dell'attenuazione ottica e la concentrazione c dei cromofori nel tessuto. Tale legge avrà un espressione per l assorbimento ed un'altra per lo scattering. La legge che prende in considerazione entrambi i fenomeni è chiamata Equazione di Lambert Beer modificata: A = log 10 (I 0 /I) = α c d DPF + G Facendo riferimento alla figura 1.1, il primo termine della somma è legato all'assorbimento, mentre il secondo termine è una costante che tiene conto della geometria e dello scattering. DPF rappresenta la differenza di cammino percorso dai fotoni ed è funzione del tipo di tessuto, mentre α e c sono legati

10 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 5 alla sostanza assorbente e rappresentano rispettivamente l'assorbimento specifico e la distanza spaziale tra il punto di iniezione e di rivelazione della radiazione nel tessuto. Il valore del DPF che varia a seconda del tessuto è tabulato, ma non sempre si tratta di una quantità veritiera e ciò rappresenta un limite. In realtà non si misura direttamente il coefficiente di scattering, ma una quantità detta coefficiente di scattering ridotto µ' s, definita come: µ' s = µ s (1 - g) dove g ha un valore compreso tra 0 e 1; g=0 nel caso di scattering isotropo (stessa probabilità di diffusione in tutte le direzioni), g=1 nel caso di forward scattering, ovvero di diffusione nella stessa direzione della radiazione incidente. Questo significa che g tiene conto anche della dimensione molecolare dei cromofori, infatti, maggiore risulta essere tale dimensione e più lo scattering sarà di tipo forward. Di fondamentale importanza risulta perciò il cammino effettivo dei fotoni, che è una quantità casuale e quindi valutabile in termini statistici. In funzione della necessità o circostanza, il segnale di ingresso, ovvero quello che è inviato sul tessuto da esaminare, può essere modulato in diversi modi; si può modulare ad esempio sinusoidalmente o ad impulsi, oppure con segnali ad intensità continua. Di seguito sono riportate schematicamente tali tecniche: CW-NIRS (Continuous Wave-NIRS). Prevede l'illuminazione di un tessuto con una sorgente ad intensità costante e la valutazione dell'entità della luce trasmessa o della luce retrodiffusa. Si tratta quindi di monitorare le variazioni dell'intensità della luce uscente dal tessuto. Con questa tecnica (mostrata in figura 1.3) piuttosto semplice non è possibile

11 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 6 recuperare alcuna informazione sul cammino effettivo dei fotoni nel tessuto, e si possono quindi effettuare solo misure di tipo qualitativo, come ad esempio la valutazione della variazione di Hb e HbO2. Figura 1.3 Segnale di ingresso ad intensità continua. Utilizzando questa tecnica per misure di tipo quantitativo come ad esempio la valutazione assoluta delle concentrazioni dei cromofori, si necessita di informazioni aggiuntive come l'utilizzo di più lunghezze d'onda o variazioni apposite della distanza tra sorgente e rivelatore. Segnale d'ingresso modulato sinusoidalmente. È una tecnica che offre sicuramente risultati migliori modulando il segnale ottico d'ingresso ad alta frequenza ( MHz) e misurando intensità, fase e coefficiente di modulazione del segnale trasmesso dal tessuto, come in figura 1.4. La variazione di fase che si misura dà quindi informazioni sul cammino medio dei fotoni. Infatti, essendo maggiore il cammino rispetto allo spessore del mezzo, si ha un ritardo nell'assorbimento dei fotoni che si traduce in una variazione di fase del segnale d'uscita rispetto a quello di ingresso. La variazione dell'intensità del segnale è utilizzata invece per determinare il coefficiente di assorbimento. Dalla conoscenza del cammino medio dei fotoni e del coefficiente di assorbimento si ricava dunque la concentrazione dei cromofori.

12 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 7 Figura 1.4 Sorgente ad intensità modulata. Il vero vantaggio di questa tecnica è dovuto al fatto che non si utilizzano sorgenti continue ma modulate eliminando quindi i problemi di interferenza dovuti alla luce ambiente che ha intensità continua. Gli svantaggi maggiori di questo tipo di strumentazioni sono legati essenzialmente alla maggior complessità del sistema e alla necessità di avere fotorivelatori piuttosto veloci. Per quanto riguarda le sorgenti laser, queste presentano potenze nettamente superiori alle potenze in gioco nei laser a intensità costante e devono avere una banda larga. Normalmente poi non si riesce ad effettuare una modulazione del 100%, per non far lavorare il laser in sottosoglia. Segnale impulsato. Si tratta di impulsare la sorgente laser d'ingresso mediante l utilizzo di impulsi dell'ordine dei ns, e di misurando in uscita dal tessuto il ritardo di tali impulsi e la loro intensità. In uscita si presenta quindi un segnale ritardato e allungato nel tempo, e questa dilatazione temporale è data da fotoni che sono stati assorbiti in profondità nel tessuto e che hanno perciò percorso un cammino maggiore (figura 1.5). La misura del cammino medio dei fotoni è data dalla misura del ritardo, mentre

13 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 8 l'entità del rapporto tra le intensità quantifica il coefficiente di assorbimento. Figura 1.5 Segnale impulsato Questo sistema risulta essere tra i più efficienti, presentando di contro una notevole complessità circuitale. Le sorgenti sono normalmente dei laser al titanio-zaffiro che offrono prestazioni migliori, in funzionamento ad impulso rispetto ai normali diodi laser. I fotorivelatori devono essere estremamente veloci e sensibili; normalmente si utilizzano quelli a singolo fotone che presentano, però costi piuttosto elevati. Figura 1.6 Spettro di assorbimento di Acqua ed Emoglobina Ossigenata e Deossigenata.

14 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 9 Si nota dalla fig. 1.6, che mostra come varia il coefficiente di assorbimento dell'acqua e dell'emoglobina al variare della lunghezza d'onda, come ad esempio nel grafico dell'acqua il picco si trova a λ = 970 nm, e quindi per una valutazione efficace della concentrazione dei cromofori si dovrà utilizzare una sorgente laser con tale lunghezza d'onda. Analogo risulta il caso dell'emoglobina ossigenata e deossigenata, che presentano lo stesso valore del coefficiente di assorbimento per λ = 800nm (punto isospestico); quindi facendo lavorare il laser a tale lunghezza d'onda si può misurare la concentrazione totale di emoglobina nel sangue. 1.3 STRUMENTO DI MISURA Le sonde NIR più utilizzate rilevano la radiazione luminosa mediante una o più fibre ottiche con al vertice un Fotodiodo a Valanga (APD) posto dalla stessa parte della sorgente luminosa. I fotoni fuoriescono dal tessuto biologico dopo aver percorso un tragitto di profondità variabile e di forma paragonabile ad una banana (banana function). Questa tecnica prende il nome di spettroscopia in riflettanza, a differenza della spettroscopia in trasmissione in cui le sorgenti rivelatrice e luminosa sono posizionate ai lati opposti del tessuto da studiare. Un dispositivo volto alla rilevazione dell ossigenazione tessutale mediante la tecnica NIRS è l'ossimetro NIMO (Nirox srl). Questo dispositivo è costituito da sorgenti laser che attraverso un MUX ottico permettono di illuminare il tessuto (è utilizzata solo una fibra per volta). La luce diffusa dal tessuto è filtrata per eliminare la componente nel visibile, rivelata da un diodo a valanga, preamplificata e portata in ingresso al formatore di segnale che provvede ad inviare il segnale al Personal Computer.

15 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura Struttura e funzionamento Il sistema, il cui schema a blocchi è riportato nella figura 1.7, rientra nella categoria degli ossimetri ad intensità continua, poiché la singola misura di attenuazione è effettuata in un intervallo temporale in cui l'intensità della radiazione luminosa di eccitazione è mantenuta costante. Figura 1.7. Schema a blocchi dell ossimetro La tecnica multidistanza è implementata mediante l'utilizzo di quattro canali ottici di iniezione realizzati da altrettante fibre ottiche poste a distanze differenti, e da un singolo canale ottico di raccolta costituito da una guida d'onda liquida che conduce la radiazione luminosa all'ingresso di un fotorivelatore. La soluzione a rivelatore singolo fa sì che ogni misura effettuata risenta in ugual modo dell effetto delle derive termiche e dell'invecchiamento dei componenti dell'elettronica di elaborazione.

16 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 11 La sorgente La sorgente è il sistema optoelettronico preposto alla generazione dei fasci luminosi coerenti che sono iniettati nel tessuto da analizzare. Essa è costituita da sei moduli, ciascuno dei quali implementa un diodo laser caratterizzato da una lunghezza d'onda distinta dagli altri. La scelta delle lunghezze d'onda (685, 750, 808, 830, 904, 980nm) è effettuata tenendo presenti gli spettri di assorbimento nel vicino infrarosso delle sostanze di cui interessa determinare la concentrazione. L'emissione di ciascuna lunghezza d'onda può essere attivata in modo del tutto indipendente dalle altre mediante un segnale elettrico di comando in logica TTL applicato a connettori BNC. Per mezzo di un potenziometro è inoltre possibile regolare l'intensità della radiazione luminosa emessa da ciascun diodo laser. I fasci coerenti provenienti dai sei moduli sono convogliati su un unica uscita ottica in corrispondenza della quale è presente un dispositivo optoelettronico, denominato power monitor, che fornisce un segnale analogico di ampiezza proporzionale alla potenza ottica emessa. Allo stato attuale la sorgente è alloggiata in un apposito rack da strumentazione ed è separata dagli altri blocchi funzionali che compongono l'ossimetro. Il multiplexer ottico Il multiplexer ottico ha il compito di convogliare la radiazione luminosa proveniente dalla sorgente su una delle quattro fibre ottiche di iniezione. Se è di tipo multimodale, utilizza attuatori piezoelettrici in luogo dei normali meccanismi per effettuare l'allineamento della fibra ottica di ingresso con quella selezionata come uscita. Rispetto a questi ultimi, i dispositivi piezoelettrici consentono di ottenere tempi di assestamento più ridotti, maggiore affidabilità e consumi energetici inferiori. La selezione della fibra ottica di uscita è comandata mediante segnali logici TTL.

17 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 12 La sonda La sonda è costituita da un supporto di materiale gommoso nel quale sono stati praticati dei fori per mantenere nella posizione desiderata le quattro fibre ottiche di iniezione e la guida d'onda liquida di raccolta. Le fibre sono realizzate in silice e consentono la propagazione multimodale della radiazione. Esse sono poste ad una distanza regolare pari a 5mm l'una dall'altra. La spaziatura minima tra le fibre di iniezione e la guida d'onda liquida di raccolta è invece regolabile tra 2,5 e 3,5cm. L'utilizzo, quale canale di raccolta, di una guida d'onda liquida in luogo di un bundle di fibre è giustificato dalla fatto che essa consente una minore attenuazione e una maggiore apertura angolare rispetto a quest'ultimo. Il fotorivelatore Il fotorivelatore è un modulo commerciale a basso rumore basato su un fotodiodo a valanga (Avalanche Photodiode, APD) e caratterizzato da elevata sensibilità alle lunghezze d'onda del vicino infrarosso. Tale modulo fornisce in uscita un segnale analogico proporzionale all'intensità ottica della radiazione luminosa rivelata. Il modulo è dotato dell'elettronica necessaria al funzionamento corretto ed affidabile del fotodiodo; in particolare è presente un circuito finalizzato a compensare le derive subite dal guadagno dell'apd al variare della temperatura. Unità di controllo L unità di controllo comanda le sorgenti ottiche, sincronizzandole con i segnali analogici processati dal ricevitore e generando i segnali per l unità di conversione A/D. L unità di controllo è infatti interfacciata al PC con appropriate schede I/O - A/D per fornire gli adeguati segnali di controllo in funzione dei segnali analogici ricevuti dall APD

18 Capitolo 1. Spettroscopia nel vicino infrarosso e strumentazione di misura 13 Il fascio di fotoni incidenti saranno assorbiti e deflessi compiendo un tragitto che prende il nome di Banana function, e riemergono in superficie dove sono raccolti da fotorivelatori (fotodiodi a valanga APD) collegati poi all apparato di elaborazione dell informazione. La distanza massima tra l estremità della fibra rivelatrice e quella della fibra che emette la radiazione ottica è di solito 3,5 4 cm, permettendo ai fotoni NIR di penetrare nel tessuto biologico sottostante fino ad una profondità massima di 3 3,5 cm. La profondità è quindi funzione della distanza cui sono poste le due fibre (quella in trasmissione e quella in ricezione). Il segnale ottico trasformato in segnale elettrico, va in ingresso a due convertitori A/D i quali funzionano alternativamente convertono il segnale in 16 bit che contengono l informazione ricevuta dai PD e quella inviata in uscita alle fibre. Questo poiché il bus di comunicazione interno al dispositivo è ad 8 bit, ove viaggia il dato allo stato grezzo che sarà poi elaborato nel DSP e memorizzato nella memoria interna. A questo punto il dato grezzo può venire mandato al PC esterno ed elaborato da un software apposito oppure, come è fatto prevalentemente nei dispositivi portatili, all interno del DSP, ed eventualmente o visualizzato su uno schermo apposito oppure mandato su una scheda di memoria per esempio di tipo SD Ambiti applicativi Per utilizzi diagnostici, come ad esempio nel caso perinatale, sono presenti due tipologie di Ossimetro molto diffuse, ovvero l Ossimetro ISS e l Ossimetro NIRO Hamamatsu. L Ossimetro ISS misura in modo assoluto, direttamente ed indipendentemente i coefficienti di scattering e di assorbimento del tessuto, non necessita quindi di stime a priori o di assunzioni riguardo allo scattering per ottenere una misura accurata dell assorbimento del tessuto, e quindi della concentrazione di Hb. La sorgente di luce è rappresentata da 8 diodi laser, 4 a 750 nm e 4 a

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Architettura dei calcolatori Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Funzionalità di un calcolatore

Funzionalità di un calcolatore Funzionalità di un calcolatore Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione 3. Comunicazione (interfaccia) Architettura di un computer componenti per elaborare

Dettagli

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC 09-05-07 Introduzione ai microcontrollori PIC Daniele Beninato: Nicola Trivellin: beninato@dei.unipd.it trive1@tin.it Che cosa è un microcontrollore? Un microcontrollore è un sistema a microprocessore

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO PROGRAMMA Descrizione funzionale di un calcolatore elementare, COS'E' UN ELETTRONICO HARDWARE SOFTWARE HARDWARE

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 ottobre 2007 L architettura del calcolatore Concetti iniziali L architettura del calcolatore Con il

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

MACCHINA DI VON NEUMANN

MACCHINA DI VON NEUMANN I seguenti appunti non hanno la pretesa di essere esaustivi, ma hanno l unico scopo di illustrare in modo schematico i concetti necessari allo sviluppo del programma di Informatica della 1D del Liceo Scientifico

Dettagli

Elaborazione dei dati

Elaborazione dei dati Elaborazione dei dati Architettura dei computer Esploreremo i fondamenti dell architettura dei computer. Vedremo come un computer elabora i dati e comunica con periferiche come stampanti e tastiere. Linguaggio

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Architettura dei calcolatori DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT HTTP://WWW.DII.UNISI.IT/~RIGUTINI/

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano Le Memorie interne: RAM, ROM, cache Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano 1 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria veloce abbastanza grande da contenere tutti i dati e i programmi

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN PERSONAL COMPUTER

ARCHITETTURA DI UN PERSONAL COMPUTER ARCHITETTURA DI UN PERSONAL COMPUTER Processore Tastiera Mouse CD-ROM Bus Memoria FD HD Stampante La struttura logica Fisicamente l unità centrale è costituita da:... la gabbia per le schede (rack)...

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori I parte Introduzione,

Dettagli

Gerarchia delle memorie

Gerarchia delle memorie Memorie Gerarchia delle memorie Cache CPU Centrale Massa Distanza Capacità Tempi di accesso Costo 2 1 Le memorie centrali Nella macchina di Von Neumann, le istruzioni e i dati sono contenute in una memoria

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Indice degli argomenti Indice delle figure...2 Introduzione...3. Parametri misurati dal sistema Hornet...4 2. Caratteristiche hardware del

Dettagli

Introduzione all'architettura dei Calcolatori

Introduzione all'architettura dei Calcolatori Introduzione all'architettura dei Calcolatori Introduzione Che cos è un calcolatore? Come funziona un calcolatore? è possibile rispondere a queste domande in molti modi, ciascuno relativo a un diverso

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A.

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A. Sistemi Elettronici Definizioni e concetti generali Concetti generali Il microcontrollore è un dispositivo che raggruppa su un unico chip un processore ed un insieme di dispositivi CPU Memoria RAM Memoria

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Introduzione ai ai Microcontroller

Introduzione ai ai Microcontroller Corso di Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 26/04/2007 Introduzione ai ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti in tutto

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI 1 Microcontrollori? Molti prodotti utilizzati quotidianamente contengono più intelligenza di quanto ogni utente possa immaginare. Uno studio indica che ogni

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

Architetture DSP. Capitolo 6

Architetture DSP. Capitolo 6 Capitolo 6 Architetture DSP Un convertitore analogico-digitale (ADC) trasforma un segnale a tempo continuo in una sequenza di bit; viceversa un convertitore digitale-analogico (DAC) trasforma una sequenza

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

Introduzione ai Microcontroller

Introduzione ai Microcontroller Corso di Percezione Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 23/04/2009 Introduzione ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (prima parte) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Problema:

Dettagli

Parte II.2 Elaboratore

Parte II.2 Elaboratore Parte II.2 Elaboratore Elisabetta Ronchieri Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Dicembre 1, 2015 Elisabetta Elisabetta Ronchieri II Software Argomenti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi CORSO DI FORMAZIONE IPSIA CASTIGLIANO AS 2010/11 I MICROCONTROLLORI e ARDUINO DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi INTRODUZIONE E GENERALITA prof. Francesco Contalbi 2 Perché i Microcontrollori? Sono usatissimi

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

K8076 Manuale utente

K8076 Manuale utente K8076 Manuale utente Informazioni generali 1. Introduzione La ringraziamo per aver acquistato e realizzato questo kit Velleman. Il K8076 rappresenta un programmatore per uso didattico, in grado di programmare

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Programmabili

Elettronica dei Sistemi Programmabili Elettronica dei Sistemi Programmabili Introduzione Stefano Salvatori Università degli Studi Roma Tre (stefano.salvatori@uniroma3.it) Università degli Studi Roma Tre Elettronica dei Sistemi Programmabili

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE Chi ha costruito e utilizzato il Controllo GSM bidirezionale con cellulari Siemens, descritto nel fascicolo n 71 della nostra rivista, ha certamente apprezzato le sue possibilità

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione RCHITETTUR DI UN ELORTORE MCCHIN DI VON NEUMNN Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for dvanced Study, anni 40). UNITÀ FUNZIONLI fondamentali Processore (CPU) Centrale

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof.

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Gianluca Amato Architettura degli elaboratori Architettura Hardware Architettura

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

CHE COS'È UN COMPUTER?

CHE COS'È UN COMPUTER? CHE COS'È UN COMPUTER? Un computer è una macchina elettronica capace di ricevere, trasmettere, immagazzinare ed elaborare informazioni, risolvendo i più svariati problemi con straordinaria velocità ed

Dettagli

Corso di Informatica. Sistemi di Elaborazione. Ing Pasquale Rota

Corso di Informatica. Sistemi di Elaborazione. Ing Pasquale Rota Corso di Informatica Sistemi di Elaborazione Ing Pasquale Rota Argomenti Sistema di elaborazione Architettura di un sistema di elaborazione Componenti del sistema di elaborazione Unità I/O Unità logico/aritmetica

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Le memorie. Introduzione

Le memorie. Introduzione Le memorie Introduzione Una memoria è un sistema elettronico in grado di immagazzinare dati in forma binaria, per poi renderli disponibili ad ogni richiesta. Tale sistema è costituito da un insieme di

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: martedì, 12.00-13.00. Dip. Di Matematica Modalità esame: scritto + tesina facoltativa 1

Dettagli

La Memoria d Uso. La Memoria d Uso

La Memoria d Uso. La Memoria d Uso Fondamenti dell Informatica A.A. 2000-2001 La Memoria d Uso Prof. Vincenzo Auletta 1 Fondamenti dell Informatica A.A. 2000-2001 Memorie di Massa Processore CU e ALU Memorie di massa esterne La Memoria

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

Bus di sistema. Memorie di Massa. F. Tortorella Corso di Elementi di Informatica Università degli Studi di Cassino

Bus di sistema. Memorie di Massa. F. Tortorella Corso di Elementi di Informatica Università degli Studi di Cassino Modello di von Neumann: la memoria centrale Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memorie di Massa Interfaccia Periferica Interfaccia Periferica Unità esterne Organizzazione della memoria principale La memoria

Dettagli

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT)

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati nella

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

) in componenti perpendicolari ) che possono essere rilevate attraverso le due piastrine di Hall poste nella parte inferiore (Fig. 1).

) in componenti perpendicolari ) che possono essere rilevate attraverso le due piastrine di Hall poste nella parte inferiore (Fig. 1). Come realizzare un sensore di posizione angolare con MLX90316 Vincent M. Hiligsmann Marketing & Application manages Melexis Grazie alla tecnologia a effetto Hall Triaxis è possibile costruire sensori di

Dettagli