PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA"

Transcript

1 Prot. n. 343 Cagliari, 09/01/2014 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna Ai responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali delle Prefetture di - Cagliari - Sassari - Nuoro - Oristano LORO SEDI Oggetto: Elezioni del Presidente della Regione e del XV Consiglio regionale della Sardegna. Disciplina della propaganda elettorale. NORMATIVA APPLICABILE L'esercizio della propaganda elettorale è principalmente regolamentato dalla legge 4 aprile 1956, n. 212, come recentemente modificata dalla legge 27 dicembre 2013, n. 147 e dalla legge 22 febbraio 2000, n. 28, che disciplina la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e la comunicazione politica. Altre disposizioni sono rinvenibili nel DPR 30 marzo 1957, n. 361 (Approvazione del testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione della Camera dei Deputati) e successive modificazioni, nella legge 10 dicembre 1993, n. 515 (Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica) e nella legge 27 dicembre 2001, n. 459 (Norme per l'esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all'estero) che completano il quadro della disciplina della materia. 1

2 Inoltre, per aspetti di natura esemplificativa, è utile fare riferimento alla circolare del Ministero dell Interno 8 aprile 1980, n. 1943/V, avente ad oggetto: Disciplina della propaganda elettorale. Propaganda mediante affissioni Ai sensi dell'art. 1, primo comma, della L. n. 212/1956, costituiscono affissioni di propaganda elettorale gli stampati, i giornali murali od altri e i manifesti di propaganda finalizzati a determinare la scelta elettorale. Stando agli esempi indicati dal Ministero dell Interno nella sopra citata circolare 8 aprile 1980, n. 1943/V, possono costituire mezzi di propaganda mediante affissione: 1. gli stampati di qualsiasi genere inerenti, direttamente o indirettamente, alla propaganda elettorale; 2. gli stampati recanti la sola indicazione di denominazioni di partiti o di gruppi politici o di nomi di candidati; 3. gli altri tipi di stampe, vignette, disegni redatti anche a mano, fotografie, figure allegoriche, riproduzioni figurate di fatti ed avvenimenti di cronaca interna ed internazionale od altro, che possano contenere qualsiasi riferimento, anche indiretto, alla propaganda elettorale; 4. le strisce con la sola indicazione di denominazioni di partiti o di gruppi politici o di nomi di candidati; 5. gli avvisi di comizi, riunioni o assemblee a scopo elettorale. Si richiamano i principali adempimenti prescritti dalla normativa vigente in materia di spazi per le affissioni di propaganda elettorale. L articolo 1, comma 1, della legge 4 aprile 1956, n. 212, contenente Norme per la disciplina della propaganda elettorale, stabilisce che l affissione di stampati, giornali murali od altri e di manifesti di propaganda elettorale, da parte di partiti o gruppi politici che partecipano alla competizione elettorale con liste di candidati, sia effettuata esclusivamente negli appositi spazi a ciò destinati in ogni Comune (c.d. propaganda diretta ). A norma degli articoli 2 e 3 della legge n. 212/1956, l'individuazione e la delimitazione dei suddetti spazi deve avvenire ad opera di ciascuna Giunta municipale tra martedì 14 gennaio e venerdì 17 gennaio 2014, rispettivamente 33 e 30 giorno precedenti le elezioni in oggetto. Al riguardo si ricorda che l'art. 1, comma 400, lett. h), della Legge 27 dicembre 2013, n. 147: ha modificato l'art. 2 della legge n. 212/1956, riducendo il numero degli speciali spazi di cui sopra ad almeno 3 e non più di 5 nei Comuni da a abitanti nonché, sia nel numero minimo che nel numero massimo, alla metà nei Comuni da a abitanti e ad un terzo nei Comuni con più di abitanti; ha abrogato le disposizioni della legge n. 212/1956 riguardanti la cosiddetta propaganda indiretta e, in particolare, il secondo comma dell'articolo 1 e il primo, il secondo ed il terzo comma dell'articolo 4. 2

3 Si ricorda ancora che, ai sensi di quanto disposto dall'art. 5 della legge n. 212/1956, entro i due giorni successivi alla ricezione della comunicazione delle liste ammesse, inviata da questo Servizio Elettorale, la Giunta comunale delimita gli spazi per le affissioni di propaganda elettorale e li ripartisce in tante sezioni quante sono le liste ammesse, assegnando le sezioni nel rispetto di quanto previsto dagli articoli 3 e 5 della medesima legge. Dalla disciplina suesposta si evince che i Comuni hanno l obbligo di assegnare d ufficio gli spazi alle liste di candidati, senza che intervenga apposita domanda da parte dei partiti o gruppi politici che presentano le liste. Poiché l affissione del materiale di propaganda elettorale deve avvenire negli appositi spazi assegnati a tal fine dalla Giunta comunale, ne consegue che, dal momento dell assegnazione degli appositi spazi per la propaganda e fino alla chiusura delle votazioni sono vietate: 1. l affissione di qualsiasi materiale di propaganda negli spazi destinati dai comuni alle normali affissioni, previo pagamento dei diritti; 2. l esposizione di materiale di propaganda nelle bacheche o vetrinette appartenenti a partiti o gruppi politici, associazioni sindacali o giovanili, editori di giornali o periodici, posti in luogo pubblico o esposto al pubblico, con l eccezione dell affissione, nelle predette bacheche o vetrinette, di quotidiani e periodici; 3. l affissione o l esposizione di stampati, giornali murali od altri e di manifesti inerenti, direttamente o indirettamente, alla propaganda in qualsiasi altro luogo pubblico o esposto al pubblico, nelle vetrine dei negozi, nelle porte, sui portoni, sulle saracinesche, sui chioschi, sui capanni, sulle palizzate, sugli infissi delle finestre o dei balconi, sugli alberi o sui pali, ovvero su palloni o aerostati ancorati al suolo; 4. le iscrizioni murali e le iscrizioni su fondi stradali, rupi, argini, palizzate e recinzioni, oltre che su monumenti e opere d arte di qualsiasi genere, sugli alberi, sul piano inferiore dei banconi ecc Divieto di forme di propaganda a carattere fisso L art. 6, primo comma, della legge n. 212 del 1956 prescrive il divieto a decorrere dal 30 giorno precedente la data fissata per le elezioni (cioè da venerdì 17 gennaio 2014) di ogni forma di propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico; da questo divieto sono escluse le insegne indicanti le sedi dei partiti. In base a questa norma deve ritenersi proibita ogni forma di propaganda figurativa o luminosa, a carattere fisso, come ad esempio quella a mezzo di cartelli, targhe, stendardi, tende, ombrelloni, globi, monumenti allegorici, palloni o aerostati ancorati al suolo. 3

4 Alla luce di questa disposizione e del sopra illustrato regime delle affissioni, è da considerarsi proibita l esposizione di materiale fotografico che, per il suo contenuto, realizzi fraudolentemente una forma di affissione di materiale di propaganda elettorale fuori dagli appositi spazi predisposti a cura dei Comuni. Divieto di forme di propaganda figurativa luminosa mobile Lo stesso art. 6, primo comma, della legge n. 212 del 1956 vieta, altresì, ogni forma di propaganda luminosa mobile intendendosi la propaganda eseguita su mezzi mobili con apparecchiature luminose; deve, pertanto, ritenersi ammessa ogni forma di propaganda figurativa non luminosa eseguita con mezzi mobili. Divieto di lancio o getto di volantini Il medesimo art. 6, primo comma, della legge n. 212 del 1956 vieta, inoltre dal 30 giorno precedente la data fissata per le elezioni (cioè da venerdì 17 gennaio 2014) il lancio (è da intendere lo sparpagliare confusamente dall alto) e il getto (il buttar via in qualunque direzione) di volantini di propaganda elettorale in luogo pubblico, cioè vie e piazze con o senza l ausilio di veicoli o aeromobili, ed in luogo aperto al pubblico, come pubblici esercizi, sale cinematografiche, teatri e simili, allo scopo di impedire forme di propaganda invasive e disturbatrici, in favore di altre più rispettose dell elettore; dalla formulazione della norma, che vieta il lancio e il getto, si deduce che la distribuzione dei volantini stessi deve ritenersi ammessa. Propaganda elettorale fonica su mezzi mobili Dal 30 giorno antecedente la data fissata per le elezioni, ai sensi dell art. 7, secondo comma, della legge n. 130 del 1975, l uso di altoparlanti su mezzi mobili è consentito soltanto per il preannuncio dell ora e del luogo in cui si terranno i comizi e le riunioni di propaganda elettorale e solamente dalle ore 9 alle ore 21,30 del giorno della manifestazione e di quello precedente, salvo diverse motivate determinazioni più restrittive adottate da parte degli enti locali interessati relativamente agli orari anzidetti; si precisa, inoltre, che, ai sensi del combinato disposto della predetta norma e dell art. 59, quarto comma, del D.P.R. n. 495 del 1992, tale forma di propaganda è subordinata alla preventiva autorizzazione del Sindaco o, nel caso in cui si svolga sul territorio di più comuni, del Prefetto territorialmente competente. Le riunioni di propaganda elettorale Le riunioni elettorali (ivi compresi i cortei e i comizi), tipica forma di propaganda elettorale, possono tenersi in luogo pubblico o aperto al pubblico. 4

5 Ai sensi dell art. 7 della legge n. 130 del 1975, non possono aver luogo prima del 30 giorno antecedente la data fissata per le votazioni, le riunioni elettorali. Per queste riunioni, non applicandosi le disposizioni dell art. 18 del Testo Unico 18 giugno 1931, n. 773 delle leggi di pubblica sicurezza, non è previsto l obbligo di darne avviso al Questore almeno tre giorni prima. In ogni caso, i promotori delle riunioni elettorali devono ottenere il nulla osta del comune per l occupazione di suolo pubblico (vie o piazze). Si ricorda, infine, che a partire dal giorno precedente quello della votazione, non sono consentiti né comizi né riunioni di propaganda elettorale, in qualsiasi luogo pubblico o aperto al pubblico (art. 9, comma 1, L. n. 212/1956). Parità di accesso ai mezzi di informazione durante la campagna elettorale Dalla data di convocazione dei comizi elettorali, per tutto l arco della campagna elettorale, si applicano le disposizioni della legge 22 febbraio 2000, n. 28 in materia di parità di accesso ai mezzi di informazione e di comunicazione politica. Divieto per le pubbliche amministrazioni di svolgere attività di comunicazione Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto, ai sensi dell art. 9, primo comma, della citata legge n. 28 del 2000, è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione, ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l efficace assolvimento delle proprie funzioni; in tale contesto sono certamente consentite le forme di pubblicizzazione necessarie per l efficacia giuridica degli atti amministrativi. Diffusione di sondaggi demoscopici A partire dal 15 giorno antecedente la data delle votazioni è vietato, ai sensi dell art. 8, primo comma, della legge n. 28 del 2000, rendere pubblici o, comunque, diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori, anche se tali sondaggi siano stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto. La propaganda elettorale nel giorno precedente ed in quelli della votazione Affinché nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per la votazione non siano turbate le operazioni dei vari uffici elettorali e l espressione del voto, la legge vieta alcune forme di propaganda; in particolare, ai sensi 5

6 dell art. 9, primo comma, della legge n. 212 del 1956, in queste giornate è vietata la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti di propaganda. Il divieto riguarda le nuove affissioni negli appositi spazi approntati dai Comuni, considerato che le affissioni in altri spazi sono proibite; deve, invece, ritenersi ammessa, ai sensi dell art. 1, quarto comma, della legge n. 212 del 1956, la nuova affissione di giornali quotidiani o periodici nelle bacheche poste in luogo pubblico, regolarmente autorizzate alla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi. Inoltre, un preciso divieto di diffusione della propaganda elettorale è previsto per le emittenti radiotelevisive private, nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per la votazione, dall art. 9bis del decreto legge 6 dicembre 1984, n. 807, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 febbraio 1985, n. 10. Nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per la votazione sono, altresì, vietati anche i comizi e le riunioni di propaganda elettorale in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Nei giorni della votazione, oltre alle forme di propaganda vietate anche nel giorno precedente e sopra riportate, è vietata ogni forma di propaganda elettorale nel raggio di 200 metri dall ingresso delle sezioni elettorali; è evidente che la norma riguarda anche la propaganda svolta nei locali del seggio o in quelli adiacenti. Sanzioni Infine, si ricorda che le leggi n. 212 del 1956 e n. 130 del 1975 prevedono sanzioni per le violazioni alla disciplina della propaganda elettorale. Per quanto concerne le singole fattispecie, si precisa quanto segue: le violazioni alle disposizioni relative al lancio di volantini e al divieto di ogni forma di propaganda luminosa o figurativa a carattere fisso e di propaganda luminosa mobile di cui all art. 6 della legge n. 212 del 1956 sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 103,00 a 1.032,00; alla stessa sanzione è soggetto, a norma dell art. 8, primo comma, della legge n. 212 del 1956, chiunque sottrae o distrugge stampati.o manifesti di propaganda elettorale.o ne impedisce l affissione o la diffusione ovvero stacca, lacera o rende comunque illeggibili quelli già affissi negli spazi riservati alla propaganda elettorale o, non avendone titolo, affigge stampati o manifesti negli spazi suddetti ; la stessa sanzione si applica, ai sensi dell art. 8, terzo comma, della legge n. 212 del 1956, nel caso di affissione di stampati, giornali murali od altri, o manifesti di propaganda elettorale fuori degli appositi spazi, ovvero di iscrizione murali e sui fondi stradali, rupi, argini, palizzate o recinzioni; 6

7 le violazioni al divieto di propaganda elettorale nel giorno precedente ed in quelli destinati alle votazioni di cui alle disposizioni dell art. 9 della legge n. 212 del 1956 e le violazioni relative all uso di altoparlanti su mezzi mobili di cui all art. 7, secondo comma, della legge n. 130 del 1975 sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 103,00 a 1.032,00. Con riguardo alle modalità di applicazione delle sanzioni amministrative, si rinvia alle relative disposizioni previste dalla legge n. 689 del 1981, precisando che compete ai Comandi di Polizia Municipale (ed agli organi di P.S.) l accertamento, la contestazione e notificazione delle violazioni in materia di propaganda elettorale. Prescindendo dalle sanzioni amministrative a carico dei responsabili, i Comuni devono provvedere a far defiggere subito il materiale che interessi direttamente o indirettamente la campagna elettorale che sia stato indebitamente affisso in posti differenti dagli appositi spazi oppure negli spazi stessi da parte di chi non vi ha titolo; in tal caso, ai sensi dell art. 15, terzo comma, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, le spese sostenute dal Comune per la rimozione della propaganda abusiva nelle forme di scritte o affissioni murali e di volantinaggio sono a carico, in solido, dell'esecutore materiale e del committente responsabile. Si segnala, infine, che tutte le informazioni relative alle elezioni indicate in oggetto sono reperibili sul sito internet della Regione al seguente indirizzo: cliccando su Elezioni Regionali per il Direttore del Servizio dott.ssa Ida Gasperini (ex art. 30, c. 2, l.r. n. 31/1998) firmato digitalmente dr. Gianluca Tocco/Responsabile Settore Attività trasversali 7

PRONTUARIO SANZIONI ELETTORALI ad uso della Polizia Locale.

PRONTUARIO SANZIONI ELETTORALI ad uso della Polizia Locale. (aggiornamento di gennaio 2005) PRONTUARIO SANZIONI ELETTORALI ad uso della Polizia Locale. VIOLAZIONE A) perché effettuava propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Area II - Raccordo con gli enti locali e consultazioni elettorali Ufficio Elettorale Provinciale Prot. n. 13187/Area II - C.E. Cagliari, 18 febbraio 2008 Circ 3 - CE ex Min. 9/08 Ai Sigg. Sindaci e Segretari

Dettagli

Prefettura di Salerno Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Salerno Ufficio Territoriale del Governo ELEZIONI REGIONALI ed AMMINISTRATIVE di DOMENICA 31 MAGGIO 2015. In data 5 maggio 2015 alle ore 11,00 presso questa Prefettura/Ufficio Territoriale del Governo, si è tenuta una riunione presieduta dalla

Dettagli

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia AREA II raccordo con gli enti locali, consultazioni elettorali Pistoia 7 aprile 2014 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDE

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo Prot. n. 16555 /2014/SE Modena, 8.4.2014 SINDACI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI SEGRETARI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI QUESTORE MODENA COMANDANTE PROVINCIALE CARABINIERI MODENA COMANDANTE PROVINCIALE GUARDIA

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

Prefettura di Perugia

Prefettura di Perugia Rispondere a: elettorale.prefpg@pec.interno.it Perugia, 8 aprile 2014 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI - Al Signor Commissario Straordinario del Comune di CANNARA GUALDO TADINO

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

Elezioni Regionali 23 novembre 2014

Elezioni Regionali 23 novembre 2014 Comune di Medicina SERVIZI AL CITTADINO Servizi Demografici e Servizi di Statistica tel. 051 6979288; fax. 051 6979255 elettorale@comune.medicina.bo.it Comune di Medicina - Via Libertà 103 40059 Medicina

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

PROPAGANDA ELETTORALE

PROPAGANDA ELETTORALE Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno ELEZIONI REGIONALI 2015 PROPAGANDA ELETTORALE a cura del Settore Supporto Istituzionale e Comunicazione PREMESSA Le presenti istruzioni costituiscono

Dettagli

Prefettura di Venezia Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Venezia Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Venezia Ufficio Territoriale del Governo Ufficio Elettorale Provinciale INDICAZIONI OPERATIVE SULLA PROPAGANDA ELETTORALE 11 APRILE 2011 1 In vista delle consultazioni amministrative del

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015.

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. L anno duemilaquindici il giorno tredici del mese di maggio alle

Dettagli

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo Prefettura Perugiia Prot Uscita del 23104!.2015 Numero: 0024540 Classifica: 033.10 f.lf( IIJ JIJI II ~IIHI!I Jlt l J ~ Perugia 23 aprile 2015 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI -

Dettagli

COMUNE DI GRAFFIGNANO

COMUNE DI GRAFFIGNANO COMUNE DI GRAFFIGNANO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE In vista delle consultazioni elettorali indicate in oggetto, si richiamano di seguito i principali adempimenti prescritti dalla normativa

Dettagli

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE ELETTORALE CIRCOSCRIZIONALE presso IL TRIBUNALE DI AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE REGIONALE presso LA CORTE

Dettagli

Sanremo, 9 aprile 2014 Al Sindaco Agli Assessori Al Presidente del Consiglio Ai Consiglieri Comunali Ai Dirigenti All Ufficio Elettorale

Sanremo, 9 aprile 2014 Al Sindaco Agli Assessori Al Presidente del Consiglio Ai Consiglieri Comunali Ai Dirigenti All Ufficio Elettorale SEGRETERIA GENERALE Cod. Fisc. 00253750087 Sanremo, 9 aprile 2014 Al Sindaco Agli Assessori Al Presidente del Consiglio Ai Consiglieri Comunali Ai Dirigenti All Ufficio Elettorale Oggetto: Elezioni amministrative.

Dettagli

Prefettura di Macerata

Prefettura di Macerata Elezioni comunali del 06 e 07 maggio 2012 DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE Si è tenuta in data odierna, presso questa Prefettura, la riunione per la disciplina della propaganda elettorale in occasione

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE Tel. 011 9084060 Fax 011 9048763 E-mail: poliziamunicipale@comune.bruino.to.it OGGETTO: VERBALE ASSEMBLEA Il giorno 26 aprile

Dettagli

Comune di Arezzo DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE E DI STAMPA NORME RELATIVE AI SEGGI ELETTORALI (PARTE)

Comune di Arezzo DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE E DI STAMPA NORME RELATIVE AI SEGGI ELETTORALI (PARTE) Comune di Arezzo DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE E DI STAMPA NORME RELATIVE AI SEGGI ELETTORALI (PARTE) Il presente documento sintetizza le principali normative in materia di propaganda

Dettagli

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale Prot. U. 14054 del 10.1.2014 Prefettura di, data del protocollo Presidente dell Ufficio Elettorale Circoscrizionale presso la Corte d Appello di Roma Presidente dell Amministrazione Provinciale di Sindaci

Dettagli

Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015

Area Il bis Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci e Commissari Straordinari Ai Sigg. Segretari Comunali Ai Responsabili degli

Dettagli

Disciplinare di propaganda elettorale

Disciplinare di propaganda elettorale ELEZIONI del Presidente della Giunta Regionale e dell'assemblea legislativa dell'umbria del 31 MAGGIO 2015 Disciplinare di propaganda elettorale Art. 1. Utilizzo locali di proprietà comunale (art.19 comma

Dettagli

~w t6m~~"t"othdah/' ~VeMZÒ

~w t6m~~tothdah/' ~VeMZÒ ~~,(aza - ~w t6m~~"t"othdah/' ~VeMZÒ cd~ Prot. n. 2084/s.E. lì, 21.aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi e Segretari comunali della provincia Loro Sedi Al Presidente dell'ufficio

Dettagli

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI PROPAGANDA POLITICO/ELETTORALE

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI PROPAGANDA POLITICO/ELETTORALE CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI PROPAGANDA POLITICO/ELETTORALE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina le modalità e i termini di richiesta

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO Direzione generale dell amministrazione civile Direzione centrale per i servizi elettorali, 8 aprile 1980, n. 1943/V Disciplina della propaganda elettorale. PREMESSA Le presenti

Dettagli

Prefettura di Firenze

Prefettura di Firenze Verbale della riunione per la disciplina della propaganda elettorale L anno 2014, il giorno 30 aprile, alle ore 12.00, presso la Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo di Firenze, alla presenza del

Dettagli

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI Provincia di Napoli -------------------- SERVIZI ELETTORALI

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI Provincia di Napoli -------------------- SERVIZI ELETTORALI COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI Provincia di Napoli -------------------- SERVIZI ELETTORALI Prot. n. 302 del 25.03.2015 DIRETTIVA PER LA DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE E DELL USO DI SPAZI, AREE

Dettagli

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Cittd Metropolitana di Firenze LORO SEDI

Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Cittd Metropolitana di Firenze LORO SEDI Fasc. n. 435412015 - Area ll S.E. Firenze, 21 aprile 2015 Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Cittd Metropolitana di Firenze LORO SEDI Ai Sigg.ri Segretari Comunali dei Comuni della Cittdr Metropolitana

Dettagli

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DOMENICA 3 MAGGIO 205 EVENTUALE TURNO DI BALLOTTAGGIO PER L ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI - DOMENICA GIUGNO 205 RIO DEGLI DEGLI UFFICI ELETTORALI COMUNALI E ALTRE SCADENZE

Dettagli

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6 Libertà di espressione e libertà politiche Lezione n.6 Libertà di espressione dei membri del parlamento Parità di accesso ai mezzi di informazione Privacy e campagna elettorale articolo 68 Costituzione

Dettagli

APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE

APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE APPENDICE N. 1 PROPAGANDA ELETTORALE La materia propaganda elettorale è disciplinata, anche per l elezione del Presidente della Provincia e del Consiglio provinciale di Trento, dalle seguenti fonti normative:

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA CAMPAGNA ELETTORALE E SUI FINANZIAMENTI A PARTITI E CANDIDATI

DISPOSIZIONI SULLA CAMPAGNA ELETTORALE E SUI FINANZIAMENTI A PARTITI E CANDIDATI DISPOSIZIONI SULLA CAMPAGNA ELETTORALE E SUI FINANZIAMENTI A PARTITI E CANDIDATI L. 4 APRILE 1956, N. 212 Norme per la disciplina della propaganda elettorale ART. 1 L affissione di stampati, giornali

Dettagli

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE In vista dello svolgimento delle prossime consultazioni elettorali (amministrative nei Comuni di Agrigento, Cammarata, Licata, Raffadali,

Dettagli

31. - Divieto di ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di 200 metri dall ingresso delle sezioni elettorali... 20 32.

31. - Divieto di ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di 200 metri dall ingresso delle sezioni elettorali... 20 32. INDICE 1 CAPITOLO I...5 DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE MEDIANTE AFFISSIONI....5 1. - Affissioni di propaganda elettorale....5 2. - Regime delle affissioni di propaganda elettorale nei periodi non

Dettagli

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale Calendario delle operazioni elettorali 25 maggio 2014 La presente pubblicazione contiene le scadenze

Dettagli

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO Giorni rispetto alla votazione Entro il 55 giorno Entro il 45 giorno Dalla data di convocazione dei comizi elettorali

Dettagli

SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015

SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015 ... MARZO (giorno di pubblicazione del decreto)... MARZO (5 giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto) Domenica 5 APRILE ( 56 giorno precedente la data delle votazioni) Da Lunedì 6 APRILE

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale REGIONE SICILIANA Servizio Elettorale PUBBLICAZIONE N. 1 R/bis CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DI DOMENICA

Dettagli

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento è diretto a disciplinare il rilascio di autorizzazioni

Dettagli

Elezioni regionali 2013. Guida alla propaganda elettorale

Elezioni regionali 2013. Guida alla propaganda elettorale Elezioni regionali 2013 3 Guida alla propaganda elettorale Sommario Sommario...1 Presentazione...3 Parole chiave...4 Comunicazione istituzionale...4 Propaganda...4 Propaganda elettorale...4 Informazione

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015. Calendario delle operazioni elettorali

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015. Calendario delle operazioni elettorali ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 ed eventuale turno di ballottaggio delle elezioni Comunali del 14 GIUGNO 2015 Calendario delle operazioni elettorali Redigere il verbale di assunzione in

Dettagli

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci e ai Responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali delle Prefetture

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 25 maggio 7 aprile 2014 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

COMUNE DI FANO. (Provincia di Pesaro-Urbino) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE

COMUNE DI FANO. (Provincia di Pesaro-Urbino) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE COMUNE DI FANO (Provincia di Pesaro-Urbino) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE (approvato con deliberazione di consiglio n. 229 del 20/11/2013 modificato con deliberazione

Dettagli

PILLOLE DI PAR CONDICIO

PILLOLE DI PAR CONDICIO PILLOLE DI PAR CONDICIO PROGRAMMI DI INFORMAZIONE I telegiornali, i giornali radio, i notiziari e ogni altro programma di contenuto informativo a rilevante presentazione giornalistica devono garantire

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000)

Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000) Legge 22 febbraio 2000, n. 28 (G.U. n. 43 del 22.02. 2000) Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica Art.

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via e-mail Milano, data del protocollo Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Provincia di Milano LORO SEDI Al Sigg.ri Vicesindaci dei Comuni di PERO e ROZZANO

Dettagli

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda.

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. Prot. n. 7441/1.5.2 Circolare n. 4 bis/el A lista d inoltro Udine, 6 marzo 2013 TRASMESSA VIA MAIL e VIA PEC oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. In vista delle elezioni

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2015 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2015 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 31 maggio 24 aprile 2015 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA

CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA CAMPAGNA ELETTORALE NORMATIVA E MEZZI DI PROPAGANDA INDICE LE NORME GENERALI PAG 3 I MANIFESTI PAG 4 FORMAT DEI MANIFESTI PAG 4 LE INSERZIONI STAMPA PAG 4 LA PROPAGANDA MOBILE PAG 4 DISTRIBUZIONE E MAILING

Dettagli

/; A^.o+ad. - Ouestura diancona. Comando Provinciale Carabinieri Ancona. Comando Provinciale Guardia Fina nza Ancona. Capitaneria di Porto

/; A^.o+ad. - Ouestura diancona. Comando Provinciale Carabinieri Ancona. Comando Provinciale Guardia Fina nza Ancona. Capitaneria di Porto P "a(,elluoa -V (,t;cía T eroílaoíale /el. Q ou e4,,1o /; A^.o+ad Prot. n. 25696 Fas c.41191201 5 L'anno duemilaquindici il giorno 22 del mese di aprile alle ore 10.30, presso la Prefettura di Ancona,

Dettagli

Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali

Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali ti aspettano nella tua sezione elettorale per eleggere: 1. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE VENETO 2. IL SINDACO

Dettagli

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007 Prot. n. 003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo Ai signori Sindaci e Commissari Straordinari dei Comuni della Provincia Ai Signori Segretari Comunali dei Comuni della Provincia Ai Signori Presidenti delle

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ILLUSTRATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO I COSTI DELLA DEMOCRAZIA ROMA 8 APRILE 1999

PROPOSTA DI LEGGE ILLUSTRATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO I COSTI DELLA DEMOCRAZIA ROMA 8 APRILE 1999 PROPOSTA DI LEGGE ILLUSTRATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO I COSTI DELLA DEMOCRAZIA ROMA 8 APRILE 1999 NORME PER IL FINANZIAMENTO VOLONTARIO DELL ATTIVITA POLITICA Art. 1. Erogazioni liberali delle persone

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 30 marzo 1999 Modificato con deliberazione

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE Imposta Comunale Pubblicità e Diritto Pubbliche Affissioni Comune di Cesano Maderno (MB) Gestore: ASSP S.p.A. Via Garibaldi n. 20 Cesano Maderno (MB) Telefono 0362/6445205 Fax 0362/553963 e-mail: affissioni@assp.it

Dettagli

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Comune di Pisa Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Approvato con Deliberazione del C.C. n. 19 del 29.04.2010 1 Indice Capo

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA NELLE REGIONI EMILIA-ROMAGNA E CALABRIA LORO SEDI AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA DI PALERMO - TRAPANI AI COMMISSARI DEL GOVERNO

Dettagli

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari COPIA Deliberazione del Commissario Straordinario n. 1 (assunta con i poteri della Giunta) OGGETTO: ELEZIONI POLITICHE PER IL RINNOVO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

Dettagli

CALENDARIO ELETTORALE

CALENDARIO ELETTORALE ELEZIONI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEL CONSIGLIO REGIONALE di domenica 31 maggio 2015 CALENDARIO ELETTORALE Questa pubblicazione contiene il calendario delle operazioni relative all elezione del Presidente

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo CIRCOLARE N. 17/2014 Prefettura di Rovigo TRAMITE PEC Rovigo, (data del protocollo) All. 1 - AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA L O R O S E D I - AI SIGNORI PRESIDENTI DELLA COMMISSIONE E SOTTOCOMMISSIONI

Dettagli

ORDINANZA. Comune di San Pancrazio Salentino COPIA. (Provincia di Brindisi) N. 20 DEL 30/05/2013 PROT. DEL OGGETTO:

ORDINANZA. Comune di San Pancrazio Salentino COPIA. (Provincia di Brindisi) N. 20 DEL 30/05/2013 PROT. DEL OGGETTO: Comune di San Pancrazio Salentino (Provincia di Brindisi) ORDINANZA N. 20 DEL 30/05/2013 PROT. DEL OGGETTO: REGOLAMENTAZIONE DISTRIBUZIONE VOLANTINI, DEPLIANT, MANIFESTI O ALTRO MATERIALE PUBBLICITARIO

Dettagli

Delibera n. 42/08/CSP

Delibera n. 42/08/CSP Delibera n. 42/08/CSP 1 di 8 Delibera n. 42/08/CSP Comunicazione politica e parità di accesso ai mezzi di informazione Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori Presidenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con delibera di consiglio comunale n. 31 del 29.12.1995 SOMMARIO

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTO N. 1911 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTO N. 1911 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTO N. 1911 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FRAGOMELI, GIACHETTI, LORENZO GUERINI, GASPARINI, FOSSATI, GAROFANI, GIUSEPPE GUERINI, GUERRA,

Dettagli

INDICE. Le norme generali I manifesti Le inserzioni stampa La propaganda mobile Distribuzione e mailing Provvedimento garante privacy

INDICE. Le norme generali I manifesti Le inserzioni stampa La propaganda mobile Distribuzione e mailing Provvedimento garante privacy VADEMECUM2:Layout 1 16/04/2009 14.26 Pagina 5 INDICE Le norme generali I manifesti Le inserzioni stampa La propaganda mobile Distribuzione e mailing Provvedimento garante privacy Radio e TV nazionali e

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni COMUNE DI MORTEGLIANO PROVINCIA DI UDINE C.A.P.: 33050 PIAZZA G. VERDI, 10 FAX 0432/761778 TEL. 0432/826842 C.F. 80006650305 P.IVA 00677260309 Email: tributi@com-mortegliano.regione.fvg.it Internet: http://www.comune.mortegliano.ud.it/

Dettagli

DELIBERA N. 58/04/CSP

DELIBERA N. 58/04/CSP DELIBERA N. DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI COMUNICAZIONE POLITICA E DI PARITA' DI ACCESSO AI MEZZI DI INFORMAZIONE RELATIVE ALLA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI ITALIANI

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con delibera C.C. n. 208 del 13.10.1994 Modificato con delibera C.C. n. 172 del 27.11.2008 Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO IMPOSTA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con D.C.C. n 8

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI NONANTOLA Ufficio Tributi NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione

Dettagli

Presidenza. Prot. N. 10451 Cagliari, 12 maggio 2011

Presidenza. Prot. N. 10451 Cagliari, 12 maggio 2011 Direzione Generale Servizio Elettorale Prot. N. 10451 Cagliari, 12 maggio 2011 Ai Signori Sindaci Comunicazione trasmessa solo via fax SOSTITUISCE L ORIGINALE ai sensi dell art. 6, comma 2, L. n. 412/1991.

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di FERRARA In concessione ad I.C.A. srl Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 20 febbraio 2008, in particolare nella sua prosecuzione del 21 febbraio 2008;

NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 20 febbraio 2008, in particolare nella sua prosecuzione del 21 febbraio 2008; Delibera n. 33/08/CSP Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per le elezioni della Camera

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI COMUNALI DEL 10 MAGGIO 2015

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI COMUNALI DEL 10 MAGGIO 2015 Regione autonoma Trentino Alto Adige GIUNTA REGIONALE Ufficio elettorale Elezioni amministrative Mod. 28-el. Per i comuni della Provincia di Trento CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI

Dettagli

Corte dei conti. Il Collegio di controllo sulle spese elettorali. presso la Sezione regionale di Controllo per l Umbria. composto dai Magistrati

Corte dei conti. Il Collegio di controllo sulle spese elettorali. presso la Sezione regionale di Controllo per l Umbria. composto dai Magistrati Deliberazione n. 21/2015/CSE Corte dei conti Il Collegio di controllo sulle spese elettorali presso la Sezione regionale di Controllo per l Umbria composto dai Magistrati Dott. Fulvio Maria LONGAVITA Dott.

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 30 Aprile 2015 - unica convocazione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 30 Aprile 2015 - unica convocazione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 30 Aprile 2015 - unica convocazione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI ai sensi dell art. 125-ter del D.Lgs. n. 58/1998 1 Punto 1 all ordine del giorno Bilancio di esercizio

Dettagli

COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO

COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 10/04/2015 PROPAGANDA ELETTORALE. DESIGNAZIONE E DELIMITAZIONE DEGLI SPAZI RISERVATI ALLA PROPAGANDA

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Circolare n. 13 / 2015 Roma, 15 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 136 del 22.11.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ADOZIONE: Deliberazione consiliare N. 22 del 26.03.2007 1 INDICE GENERALE

Dettagli