Guida alla raccolta differenziata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla raccolta differenziata"

Transcript

1 Comune di PUTIGNANO Differenziamo Putignano Guida alla raccolta differenziata

2 Si ringraziano per la cortese collaborazione: il Sindaco Avv. Gianvincenzo Angelini De Miccolis, l Assessore all Ambiente Geom. Modesto Angelini, i Dirigenti e il personale della 4^ Ripartizione - Polizia Municipale e Attività Produttive - Ambiente e l Aministrazione Comunale tutta. Prodotto da ATI Antinia-Avvenire. Edizione finita di stampare nel dicembre Ideazione, cura e design grafico fotografie ROTORA - rotora.it 2

3 Comune di PUTIGNANO Carissimi Concittadini, inizia ora una piccola grande avventura che ci porterà a vincere - solo se saremo compatti - una importante sfida: il rispetto per l ambiente. Dopo un lungo percorso amministrativo e dopo aver vissuto insieme la fase della partecipazione e del coinvolgimento, finalmente parte la raccolta differenziata porta a porta. Ci sarà, probabilmente, qualche disagio iniziale: lo supereremo insieme! Questo opuscolo, come tutti gli altri strumenti divulgativi che saranno distribuiti, ha lo scopo di facilitare la conoscenza delle modalità di conferimento del rifiuto e delle sue varie tipologie; in poche parole comm amaffà a scttà u rummat! Le nostre abitudini dovranno cambiare e nell arco di poco tempo: impareremo a selezionare la carta, la plastica, l umido e l indifferenziato; dalle nostre strade scompariranno i cassonetti; potremo andare a conferire il rifiuto differenziato tutti i giorni al nuovo Centro di Raccolta Comunale di via Martiri delle Foibe (di fronte alla caserma dei Vigili del Fuoco); impareremo come guadagnare dai rifiuti. Per qualsiasi dubbio, incertezza o errore iniziale, l Amministrziaone Comunale e la società appaltatrice l A.T.I. Antinia-Avvenire Vi saranno affianco e disponibili sia direttamente che tramite il numero verde (gratuito) che troverete all interno di questo opuscolo. Vinciamo ogni timore e saremo già nel futuro, con la consapevolezza di lavorare per i nostri figli e nipoti oltre che per noi stessi. Assessore all Ambiente geom. Modesto Angelini Sindaco avv. Gianvincenzo Angelini De Miccolis 3

4 Fare la raccolta differenziata perché per ridurre i rifiuti portati alla discarica, per inquinare meno e per limitare l uso di materie prime nella realizzazione di nuovi prodotti; perché ognuno deve fare la sua parte per salvaguardare l ambiente; perché è un dovere nei confronti dei nostri figli; perché con un po di organizzazione, anche se abbiamo poco spazio, la raccolta differenziata diventa un abitudine; perché i rifiuti che tu separi, noi li recuperiamo: scopri in questa guida dove vanno a finire. 4

5 L aumento dei consumi e la crescente urbanizzazione hanno determinato sia un diffuso incremento della produzione dei rifiuti (ogni giorno, in Italia, produciamo circa 1,7 kg. di rifiuti a testa) sia una riduzione delle aree in cui depositarli. Le risorse disponibili sulla terra non sono infinite ed è quindi indispensabile recuperare e riciclare quello che può essere riutilizzato e ridurre la quantità di rifiuti prodotti per salvaguardare il nostro territorio e, in generale, tutto l ambiente. La raccolta differenziata si fonda soprattutto sulla collaborazione attiva dei cittadini: perché la corretta separazione dei rifiuti inizia nelle case di ciascuno di noi, dove selezionando i rifiuti e conferendoli in maniera idonea rendiamo possibile il recupero di materiali ancora utili. Dalle nostre case, i rifiuti differenziati sono avviati agli impianti di separazione, trattamento e recupero dove vengono rilavorati e trasformati in nuovi materiali, contribuendo così a non sprecare le risorse naturali. Recuperare e riutilizzare vetro, metalli, plastica, legno e carta consente di ridurre il consumo di materie prime vergini (non tagliare nuovi alberi, non usare petrolio e non consumare energia). Fare la raccolta differenziata è il modo più utile per restituire i materiali all ambiente trasformandoli in risorse preziose. Ognuno di noi, con un po di attenzione, può contribuire a cambiare le cose. 5

6 Alcuni consigli utili le regole della raccolta differenziata Diminuire la produzione di rifiuti Acquista prodotti con imballaggi ridotti o riutilizzabili o in materiale riciclato o riciclabile; gli imballaggi riciclabili sono riconoscibili dai seguenti marchi: - CA per la carta - PE, PET, PP, PVC, PS per la plastica - FE, ACC, ALU per i materiali in ferro, acciaio, alluminio. Separare, ridurre, sciacquare Se acquisti prodotti con imballaggi composti da materiali diversi, separa quanto più possibile le varie componenti prima di gettarle nei contenitori della differenziata. Prima di gettare gli imballaggi, schiacciali per ridurne il volume. Non gettare imballaggi o materiali sporchi nei contenitori della differenziata: risciacqua quelli in plastica, alluminio, vetro e tetrapak. Se hai dubbi su come dividere i materiali anche dopo aver letto il Dizionario dei Rifiuti e/o chiamato il Numero Verde, preferisci il contenitore dell indifferenziato a quello della raccolta differenziata. 6

7 Fare attenzione Non inserire rifiuti che non siano conformi al tipo di raccolta indicato nel contenitore. Diffondi quanto hai imparato ai tuoi conoscenti: puoi contribuire anche tu alla corretta informazione. 7

8 Con il prossimo anno cambia il sistema di raccolta dei rifiuti: parte il nuovo servizio di raccolta domiciliare o porta a porta Al primo posto i vantaggi per noi A partire dal mese di Gennaio 2013 c è una novità anche per la nostra città. Le normative europee e nazionali indicano la necessità di un approccio integrato alla gestione del ciclo dei rifiuti, e l Amministrazione Comunale, dopo uno scrupoloso studio di analisi e fattibilità, ha pianificato per PUTIGNANO, come avviene in tanti Comuni virtuosi, la raccolta porta a porta : il metodo più efficace per il corretto conferimento dei rifiuti. Il nostro obbiettivo comune é rendere la raccolta di rifiuti sempre più differenziata. Non solo per motivi di civiltà, anche per convenienza. Le discariche per l indifferenziato hanno costi elevatissimi, anche quando sono chiuse. Meno rifiuti indifferenziati produciamo e più le tariffe di smaltimento a carico del nostro Comune, e quindi di ogni singolo cittadino, saranno contenute. Il nuovo sistema di raccolta consentirà di effettuare la raccolta, il trasporto, il recupero, lo smaltimento di rifiuti urbani, nella maniera più utile e funzionale per tutti. Con la collaborazione di tutti, questo sistema porterà il nostro Comune a raggiungere in breve tempo gli obiettivi (in termini percentuali) di raccolta differenziata, così come da obbligo di legge. Nel medio termine, anche il risparmio per le casse Comunali sarà notevole, e porterà benefici economici a tutti i cittadini. A chi è rivolta La raccolta porta a porta riguarda tutte le utenze domestiche (i privati cittadini) e le utenze non domestiche (uffici pubblici e privati, ospedali, scuole, studi professionali, attività artigianali, attività industriali, attività commerciali, etc.) del territorio. 8

9 Cosa cambia Gradualmente, tutti i vecchi cassonetti saranno eliminati dalle strade. La carta, l organico, la plastica, e i rifiuti indifferenziati saranno raccolti solo con il sistema porta a porta. Gli operatori ambientali preleveranno i rifiuti direttamente davanti all ingresso delle vostre abitazioni, in giorni e orari prestabiliti. Rimarranno invece disponibili sulle strade le campane verdi per il vetro, i contenitori per l alluminio e le lattine, e altri contenitori per rifiuti specifici quali batterie, farmaci, contenitori per sostanze tossiche e/o infiammabili. E per tutto il resto, bisognerà recarsi presso il Centro Comunale di Raccolta Rifiuti, luogo a disposizione di tutti i cittadini, in cui vengono raccolti i rifiuti urbani che, per tipologia o dimensione, non possono essere introdotti nei contenitori. In più, il Centro può servire anche a chi non essendo riuscito ad esporre il rifiuto nel giorno previsto della raccolta domiciliare lo trasporta conferendolo correttamente presso il Centro. Le modalità della nuova raccolta La raccolta porta a porta prevede che i rifiuti vengano raccolti direttamente davanti all ingresso delle abitazioni e presso le utenze non domestiche. Ogni tipologia di rifiuto ha il suo giorno di raccolta. Per facilitare la separazione corretta dei rifiuti ad ogni utenza sarà consegnata gratuitamente, da parte dell Amministrazione, una dotazione di mastelli e/o sacchetti e buste per le diverse tipologie di rifiuto da conferire. Gli edifici con più di 6 appartamenti saranno dotati anche di contenitori condominiali carrellati. Alle utenze non domestiche saranno consegnati sacchetti e buste e/o contenitori aventi volumetria adeguata alle necessità di ciascuno. LEGENDA relativa alle diverse tipologie di utenza Utenze domestiche Utenze non domestiche case singole e fino a 6 famiglie edifici con più di 6 famiglie residenti in campagna uffici, negozi, industrie e strut. pubbliche Per limitare i comportamenti scorretti e tutelare i cittadini, il Regolamento Comunale del Servizio di Gestione dei Rifiuti Urbani indica che è sempre obbligatorio differenziare i rifiuti, conformemente alle modalità del sistema di raccolta in uso, e prevede sanzioni amministrative per i trasgressori. 9

10 Come funziona la nuova raccolta domiciliare Utenze Domestiche fino a 6 famiglie Nelle case singole e nelle palazzine che includono fino a 6 appartamenti ogni utenza dovrà differenziare e conferire la diversa tipologia di rifiuti solidi urbani (organico, carta e cartone, plastica, secco residuo) utilizzando i mastelli e/o buste e sacchetti forniti dall Amministrazione. Ogni utenza avrà a disposizione 2 mastelli: il più piccolo per i rifiuti organici ed il più grande per le altre tipologie di rifiuto da conferire di volta in volta come da Calendario. Il mastello dovrà essere esposto, da parte di ogni singola utenza, all esterno dell abitazione, su suolo pubblico, nelle giornate ed orari prestabiliti dal Calendario di raccolta, sempre chiuso e contenente il tipo di rifiuto previsto (organico, carta, plastica, o indifferenziato) chiuso a sua volta nelle buste o sacchetti dedicati. Il gestore del servizio provvederà a svuotare i mastelli lasciandoli nel punto in cui sono stati depositati dall utenza, in modo da consentirne alla stessa il ritiro nel più breve tempo possibile. UTENZE DOmeStiche CON PIù DI 6 FAmiglie I Condomini con più di 6 appartamenti (utenze) saranno dotati di contenitore carrellato da 360 litri, che dovrà essere custodito nello spazio condominiale interno. Ogni famiglia (utenza) riceverà una dotazione di buste biodegradabili per la raccolta dell organico, buste in PE per la raccolta della plastica, sacchetti in carta per la carta, e un sacchetto in juta per il vetro. I rifiuti del tipo secco residuo (indifferenziato) saranno raccolti da ciascuno come meglio preferisce, ma devono essere conferiti sempre in busta chiusa. Seguendo giornate ed orari prestabiliti dal Calendario di raccolta, il gestore del servizio provvederà ad esporre in strada, su suolo pubblico, il contenitore carrellato, e da quel momento i residenti potranno conferire all interno dello stesso la tipologia di rifiuto prevista per quel giorno di raccolta.dopo la raccolta, il gestore del servizio riporterà all interno del Condominio il contenitore carrellato che sarà custodito sempre vuoto nello spazio interno preposto (si ricorda che le utenze non dovranno servirsi del contenitore carrellato quando è custodito all interno del Condominio ma solo quando viene posto su suolo pubblico per la raccolta). 10

11 RESIDUO DI RAccOltA StrADALE I rifiuti solidi urbani composti da materiali quali vetro, alluminio e acciaio, e altri rifiuti specifici quali batterie, farmaci, contenitori di sostanze tossiche e/o infiammabili, separati in maniera corretta, dovranno essere conferiti nei cassonetti stradali, rispettivamente Vetro nella campana verde Alluminio e acciaio nel cassonetto mangia lattine Batterie nello specifico contenitore (nei pressi di rivenditori, uffici, scuole, etc.) Farmaci - nello specifico contenitore (nei pressi di farmacie / sanitarie) Contenitori di sostanze tossiche e/o infiammabili - nello specifico contenitore (nei pressi di rivenditori, ferramenta, etc.) UTENZE NON DOmeStiche Ogni categoria di utenza non domestica dovrà differenziare e conferire le diverse tipologie di rifiuti speciali non pericolosi assimilati (organico, carta e cartone, plastica, vetro, e secco residuo, per talune categorie anche imballaggi metallici) utilizzando buste e sacchetti, mastelli, contenitori carrellati, tutti aventi volumetria adeguata alle necessità di ciascuno, forniti dall Amministrazione. Il ritiro di ogni singola specifica tipologia di rifiuti avverrà a cura del gestore direttamente presso l utenza interessata secondo il prefissato Calendario di raccolta (giorni ed orari). Assieme a questa guida che contiene indicazioni su come effettuare nel miglior modo possibile la raccolta differenziata, è distribuito un Calendario della Raccolta realizzato appositamente per aiutarvi a ricordare, giorno per giorno, esattamente quale tipologia di rifiuto sarà raccolto davanti alla vostra abitazione e/o presso la vostra utenza non domestica. 11

12 Carta e Cartone SI giornali, riviste, quaderni, libri, carta da pacchi, cartoncini, depliant, volantini, fotocopie e fogli vari, sacchetti di carta, scatole di cartone (es. per scarpe o alimenti: pasta, riso, sale, etc.), fustini dei detersivi, imballaggi di cartone, blister, tetrapak e cartoni per bevande in genere (latte, succhi di frutta, acqua e vino), carte che contengono piccole parti di materiale diverso (es. finestre di plastica sulle buste o sui cartoni di pasta) No copertine plastificate, carta unta o sporca di colla o di altre sostanze, carta oleata, carta chimica per fax o auto copiante, carta carbone, carta da parati, carta pergamena, carta da forno, bicchieri e piatti di carta/plastica, carta stagnola, polistirolo, pinze di cartellette, raccoglitori, fazzoletti sporchi Come i cartoni e le scatole vanno ripiegati per ridurne il volume; buttare la carta e i giornali senza buste e involucri in plastica, togliere i punti metallici. Piegare una scatola di cartone è semplicissimo, basta aprirla sul fondo e ripiegarla seguendo le linee di piegatura. Dove Utenze Domestiche fino a 6 famiglie rifiuti nel sacchetto in carta, e sacchetto pieno nel mastello GRIGIO all esterno dell abitazione, su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene ogni 14 giorni; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta (acquisendo punti premialità). Dotazione annuale per ogni utenza sacchetti in carta. Utenze Domestiche con più di 6 famiglie rifiuti nel sacchetto in carta, e sacchetto pieno nel contenitore carrellato condominiale, la raccolta porta a porta avviene ogni 14 giorni; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta (acquisendo punti premialità). Dotazione annuale per ogni utenza sacchetti in carta. Attrezzatura per ogni Condominio n 1 o più contenitore carrellato generico. 12

13 Utenze Non Domestiche Alberghi senza ristorante; Associazioni; Attività e botteghe artigianali: parrucchieri, barbieri, centri estetici, falegnami, idraulici, fabbri, elettricisti; Attività artigianali di produzione beni specifici; Attività plurilicenza: alimentare, non alimentare e/o miste; Attività di ristorazione: ristoranti trattorie, osterie, pizzerie, pub, birrerie, paninoteche; Autofficine; Autosaloni; Biblioteche; Bar-Caffè- Pasticcerie; Campeggi; Carrozzerie; Cartolerie; Cinematografi e Teatri; Distributori carburanti; Edicole; Elettrauto; Esposizioni; Farmacie; Ferramenta e altri beni durevoli; Impianti Sportivi; Librerie; Luoghi di culto; Macellerie; Mense; Musei; Negozi di abbigliamento e calzature; Negozi di tendaggi, tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli; Negozi di generi alimentari; Panifici; Pasta fresca; Scuole; Supermercati; Tabaccai: rifiuti nel sacchetto in carta, e sacchetto all esterno dell utenza su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene ogni 14 giorni; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Dotazione annuale per ogni utenza sacchetti in carta 40/80 Lt. Banche ed istituti di credito; Case di cura e riposo; Ospedali; Uffici, agenzie e studi professionali: rifiuti nel sacchetto in carta, e sacchetto pieno nel contenitore all esterno dell utenza, su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene ogni 14 giorni; 13

14 o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Dotazione annuale per ogni utenza sacchetti in carta 40 Lt. Attrezzatura per ogni utenza contenitore ecobox da 50 Lt. Attività industriali con capannoni di produzione: rifiuti in sacchetti di carta a cura dell utenza, e sacchetto pieno nel cassonetto in dotazione, la raccolta porta a porta avviene ogni 14 giorni; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Attrezzatura per ogni utenza cassonetto da 1100 Lt. CARTONE ondulato Attività plurilicenza: alimentare, non alimentare e/o miste; Cartolerie; Case di cura e riposo; Ferramenta e altri beni durevoli; Librerie; Negozi di abbigliamento e calzature; Negozi di generi alimentari; Negozi di tendaggi, tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli; Macellerie; Ospedali; Panifici; Pasta fresca; Supermercati: i cartoni vanno piegati e impilati all interno del Roller, la raccolta porta a porta avviene con frequenza variabile da 1 a 3 giorni settimanali in base alle necessità delle diverse categorie di utenza; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Attrezzatura per ogni utenza contenitore Roller in acciaio. Tutte le altre utenze produttrici di rifiuti in imballaggi di cartone, devono conferire gli stessi sfusi, piegati e impilati, posizionandoli all esterno dell utenza, su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene con frequenza variabile da 1 a 3 giorni settimanali in base alle necessità delle diverse categorie di utenza. Lo sapevi che Il 95% della carta che buttiamo può essere riciclato; per produrre una tonnellata di carta vergine occorrono 15 alberi, litri d acqua e kwh di energia elettrica; invece per produrre una tonnellata di carta riciclata bastano litri d acqua e kwh di energia elettrica. 14

15 il ciclo della carta 6 Prodotti del riciclo a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si ottengono prodotti diversi: carta da imballo e da scrittura, cartoni, cartoncini e altri tipi 1 Raccolta la carta e il cartone inseriti negli appositi contenitori vengono prelevati dal gestore del servizio. 2 TrASporto il materiale raccolto viene trasportato agli impianti di selezione 5 Lavorazione il materiale è inviato alla cartiera. Qui viene tritato e trasformato in poltiglia con l aggiunta di acqua calda, quindi filtrato e depurato. La pasta proveniente dalla carta di recupero può essere inserita nel normale circuito di produzione della carta mescolandola a cellulosa vergine in base al tipo di utilizzo cui è destinata 3 Selezione qui si provvede a eliminare le impurità (plastica, punti metallici, ecc.) e ad effettuare la selezione per tipologia di carta 4 PreSSAtura il materiale selezionato viene pressato e confezionato in grandi balle 15

16 Plastica SI tutti gli imballaggi contraddistinti con le sigle: PE, PP, PVC, PET, PS; bottiglie in plastica (per acqua minerale, bibite, oli alimentari, succhi di frutta e latte), flaconi (per detersivi, per prodotti per l igiene personale o della casa, per salviette umide, per cosmetici), bicchieri e piatti di plastica, pellicole per alimenti, buste e sacchetti in plastica, cassette in plastica per frutta e verdura, vasetti per yogurt, vaschette porta uova, vaschette per salumi, scatole e buste per il confezionamento degli abiti, reggette per legatura pacchi, tappi in plastica per bottiglie No tutto ciò che non è un imballaggio in plastica, tutti gli arredi, piatti e posate di plastica rigida, giocattoli, elettrodomestici, tetrapak, carta/ cartone, CD/DVD/VHS e relative custodie, barattoli per colle, solventi o vernici, tubi in PVC e manufatti in plastica rigida Come si raccomanda di svuotare e sciacquare i contenitori sporchi. Gli imballaggi non devono contenere residui di rifiuti organici e di sostanze pericolose. Schiacciare sempre le bottiglie di plastica per ridurne il volume. Dove Utenze Domestiche fino a 6 famiglie rifiuti nella busta in PE di colore giallo, e busta piena nel mastello GRIGIO all esterno dell abitazione, su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene 1 giorno alla settimana; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta (acquisendo punti premialità). Dotazione annuale per ogni utenza buste in polietilene di colore giallo. Utenze Domestiche con più di 6 famiglie rifiuti nella busta in PE di colore giallo, e busta piena nel contenitore carrellato condominiale, la raccolta porta a porta avviene 1 giorno alla settimana; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta (acquisendo punti premialità.) Dotazione annuale per ogni utenza buste in polietilene di colore giallo. Attrezzatura per ogni Condominio n 1 o più contenitore carrellato generico. 16

17 Utenze Non Domestiche: Alberghi senza ristorante; Associazioni; Attività e botteghe artigianali: parrucchieri, barbieri, centri estetici, falegnami, idraulici, fabbri, elettricisti; Attività artigianali di produzione beni specifici; Attività plurilicenza: alimentare, non alimentare e/o miste; Attività di ristorazione: ristoranti trattorie, osterie, pizzerie, pub, birrerie, paninoteche; Autofficine; Bar-Caffè-Pasticcerie; Biblioteche; Campeggi; Carrozzerie; Cartolerie; Cinematografi e Teatri; Discoteche Night-Club; Distributori carburanti; Edicole; Elettrauto; Farmacie; Ferramenta e altri beni durevoli; Impianti Sportivi; Librerie; Luoghi di culto; Macellerie; Mense; Musei; Negozi di abbigliamento e calzature; Negozi di tendaggi, tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli; Negozi di generi alimentari; Panifici; Pasta fresca; Supermercati; Tabaccai: rifiuti nella busta gialla in polietilene, e busta piena all esterno dell utenza su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene con frequenza variabile da 1 a 2 giorni settimanali in base alle necessità delle diverse categorie di utenza; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Dotazione annuale per ogni utenza buste gialle in polietilene da 110 Lt. Case di cura e riposo; Ospedali; Scuole: rifiuti nella busta giallo in polietilene, e busta piena nel cassonetto in dotazione all utenza, la raccolta porta a porta avviene con frequenza variabile da 1 a 2 giorni settimanali in base alle 17

18 necessità delle diverse categorie di utenza; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Dotazione annuale per ogni utenza buste gialle in polietilene da 110 Lt. Attrezzatura per ogni utenza cassonetto da 1100 Lt. Attività industriali con capannoni di produzione: rifiuti in una busta in polietilene a cura dell utenza, e busta piena nel cassonetto in dotazione, la raccolta porta a porta avviene con frequenza variabile mensile; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Attrezzatura per ogni utenza cassonetto da 1100 Lt. Le Utenze Non Domestiche appartenenti alla categoria Banchi di mercato beni durevoli a fine della giornata lavorativa dovranno conferire i rifiuti in una busta in PE. Lo sapevi che Le buste di plastica che usi solo per qualche minuto possono restare nell ambiente tra i 15 e i anni. Non prendere una nuova busta di plastica ogni volta che fai la spesa: procurati una borsa riutilizzabile o in cotone e di no, grazie alle buste di plastica o di carta. 18

19 il ciclo della plastica 1 Raccolta la plastica inserita negli appositi contenitori viene prelevata dal gestore del servizio 6 Prodotti del riciclo dalla plastica riciclata si ottengono: coperte e maglioni in pile, imbottiture, flaconi, moquette, vasi per fiori, sacchi per spazzatura, arredi urbani (panchine, recinzioni, parchi gioco per bambini, cartellonistica stradale), tubi, passacavi, raccordi, scarichi per acqua piovana, etc 2 TrASporto il materiale raccolto viene trasportato agli impianti di selezione 5 Lavorazione il materiale tritato è trasformato in scaglie o granuli pronti per essere fusi e produrre nuovi oggetti (ad esclusione di quelli ad uso alimentare) nuova plastica 3 selezione qui si provvede ad eliminare eventuali frazioni estranee (vetro, carta, alluminio) e a suddividere gli imballaggi in plastica secondo la tipologia del polimero (PE, PP, PET, PVC, PS e altri) ottenendo la materia prima seconda (così chiamata per sottolineare che le caratteristiche tecniche e chimiche del materiale riciclato sono simili a quelle iniziali) 4 Macinazione il materiale, selezionato per tipologia, viene macinato e lavato Pe Pet altro 19

20 Vetro SI contenitori di vetro: bottiglie di vetro sia bianche che colorate, barattoli, vasetti per alimenti, vasetti per creme e cosmetici, flaconi, bicchieri rotti, piccoli oggetti di vetro rotti, etc. No occhiali, pyrex, stoviglie destinate ai forni a microonde, specchi e cristalli, vetri dei caminetti o dei piani di cottura, vetri per finestre, ceramica, porcellana, terracotta, lampadine e neon, vetro accoppiato, vetro retinato, barattoli che abbiano contenuto prodotti chimici pericolosi (vernici, solventi, olio motore, benzina, trielina, etc.) Come i contenitori vanno inseriti direttamente privi di liquido e/o prodotto e, se possibile, i contenitori sporchi devono essere ben sgocciolati e sciacquati. Togliere eventuali tappi di metallo dai barattoli. Dove Per tutte le utenze Domestiche rifiuti nell ecoborsa riutilizzabile in juta, che quando è piena va svuotata nei contenitori a campana verdi presenti sulle strade, questo tipo di raccolta non è porta a porta; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta (acquisendo punti premialità). Dotazione per ogni utenza n 1 ecoborsa in juta Utenze Non Domestiche Alberghi senza ristorante; Attività di ristorazione: ristoranti trattorie, osterie, pizzerie, pub, birrerie, paninoteche; Bar-Caffè-Pasticcerie; Cinematografi e Teatri; Mense: rifiuti nel sacchetto riutilizzabile in rafia sintetica, che quando è piena va svuotata nei contenitori a campana verdi presenti sulle strade, questo tipo di raccolta non è porta a porta; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Dotazione per ogni utenza sacchetti in rafia sintetica da 70 Lt. 20

21 Campeggi; Case di cura e riposo; Discoteche-Night Club; Impianti Sportivi: rifiuti nel sacchetto riutilizzabile in rafia sintetica, e sacchetto pieno nel contenitore carrellato all esterno dell utenza, su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene con frequenza variabile da 1 a 2 giorni alla settimana in base alle necessità delle diverse categorie di utenza; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta. Dotazione per ogni utenza sacchetti in rafia sintetica da 70 Lt. Attrezzatura per ogni utenza contenitore carrellato. Associazioni; Musei; Biblioteche; Luoghi di culto; Ospedali; Scuole: rifiuti nel sacchetto riutilizzabile in rafia sintetica, che quando è piena va svuotata nel contenitore a campana in dotazione all utenza, la raccolta porta a porta avviene con frequenza mensile; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta; Dotazione per ogni utenza sacchetti in rafia sintetica da 70 Lt. Attrezzatura per ogni utenza campana verde da 2 Mc. 21

22 Tutte le altre Utenze Non Domestiche che hanno una produzione di rifiuto comparabile alle Domestiche dovranno conferire il vetro nei contenitori a campana verdi presenti sulle strade o direttamente presso il Centro Comunale di Raccolta. Per tali utenze questo tipo di raccolta non è porta a porta. Lo sapevi che Il ciclo potrebbe non arrestarsi mai, perché il vetro è un materiale riciclabile all infinito. Il 60% delle bottiglie oggi immesse al consumo in Italia sono fatte con vetro riciclato proveniente dalla raccolta differenziata nazionale. 22

23 il ciclo del vetro 7 Prodotti del riciclo la pasta di vetro viene soffiata in appositi stampi e trasformata in nuovi oggetti e contenitori; dopo un passaggio nel forno di ricottura e un attento controllo qualitativo automatizzato, il prodotto finito viene confezionato e venduto alle aziende di imbottigliamento, che immettono sul mercato i nuovi contenitori 1 Raccolta il vetro inserito negli appositi contenitori viene prelevato dal gestore del servizio 2 TrASporto il materiale raccolto viene trasportato agli impianti di selezione 6 FORNO il rottame di vetro, mescolato alle materie prime in percentuali variabili, viene fuso. Grazie al continuo progresso delle tecnologie, il vetro riciclato viene impiegato in sempre maggiori quantità, nella misura dell 80% e oltre 3 selezione qui si provvede ad eliminare le eventuali impurità (carta, plastica, legno, materiali ceramici, materiali metallici ferrosi e non) 5 Vetreria successivamente il materiale viene inviato alle vetrerie 4 Frantumazione il vetro recuperato viene frantumato in pezzature omogenee e lavato 23

24 Alluminio e Acciaio SI lattine per bevande e alimenti (ad esempio bibite, olio ecc), scatolette per la conservazioni dei cibi (ad esempio scatole di pelati, piselli, tonno, ecc), scatole di confezioni regalo (biscotti, cioccolatini, caramelle, dolci, liquori, ecc), lattine da cibo per animali, vaschette in alluminio, tappi e chiusure per vasi e bottiglie, bombolette esaurite per alimenti (es. panna spray) e prodotti per l igiene personale (es. deodoranti, lacche,etc.) che riportino la sigla FE40 o ALU41 Come i contenitori vanno inseriti direttamente privi di liquido e/o prodotto e, se possibile, i contenitori sporchi devono essere ben sgocciolati e sciacquati. Dove No barattoli che abbiano contenuto prodotti chimici pericolosi (es. vernici, solventi, olio motore, benzina, trielina), tutto quello che non è alluminio o acciaio oppure rifiuti di grandi dimensioni Per tutte le utenze Domestiche rifiuti conferiti direttamente nei contenitori mangialattine rossi presenti sulle strade, questo tipo di raccolta non è porta a porta; o conferimento diretto presso il Centro Comunale di Raccolta (acquisendo punti premialità). Nessuna dotazione e attrezzatura prevista Utenze Non Domestiche Alberghi senza ristorante; Associazioni; Attività di ristorazione: ristoranti trattorie, osterie, pizzerie, pub, birrerie, paninoteche; Bar- Caffè-Pasticcerie; Biblioteche; Campeggi; Cinematografi e Teatri; Discoteche-Night Club; Impianti Sportivi; Luoghi di culto; Mense; Musei; Scuole: rifiuti nella busta rossa in polietilene, e busta piena all esterno dell utenza su suolo pubblico, la raccolta porta a porta avviene 24

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 COMUNE DI AVELLINO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 ANNO 2014 DELIBERAZIONE N. 274 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI e piano economico

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

CO M U N E D I AV E L L I N O

CO M U N E D I AV E L L I N O COMUNE DI AVELLINO R E G O L A M E N T O P E R L I S T I T U Z I O N E E L A P P L I C A Z I O N E D E L T R I B U T O C O M U N A L E S U I R I F I U T I E S U I S E R V I Z I ( T A R E S ) R I F E R

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI Regolamento per l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI 1. STORIA DELL ALLUMINIO 2. COME SI PRODUCE 3. CICLO DELL ALLUMINIO 4. ALLUMINIO INTORNO A NOI 5. LO SAPEVI CHE? UN PROGETTO DI STORIA DELL ALLUMINIO LE ORIGINI DELL ALLUMINIO

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

SEL.PRESS. ITALIA PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI E SEPARATORI DI LIQUIDI SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA

SEL.PRESS. ITALIA PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI E SEPARATORI DI LIQUIDI SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA SEL.PRESS. ITALIA SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA www.selpress.it - www.selpressitalia.com e-mail: selpress@tin.it - info@selpress.it PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli