(D.V.R.) DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. AI SENSI DEL D.L.vo 81/08 E SUCCESSIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(D.V.R.) DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. AI SENSI DEL D.L.vo 81/08 E SUCCESSIVE"

Transcript

1 Ing. Antonio Pasquini Studio Via S. Gradi, Roma tel (D.V.R.) DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.L.vo 81/08 E SUCCESSIVE istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Francesco De Pinedo Via F. Morandini, 30 Roma ROMA, 20 OTTOBRE

2 A. GENERALITA Il seguente documento fa riferimento al master redatto e conservato in presidenza A1 identificazione e riferimento della scuola Istituto: TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA F. DE PINEDO Indirizzo: Via Morandini N 30 N. studenti. 884 N. docenti 101 Personale ATA 27 Dirigente scolastico: Prof. Antonio Misantone 1. Responsabile S.P.P. Ing. Pasquini Antonio 2. Coord. della gest. Emergenze: Tidei Giuseppe ASPP 3. Coord. del Primo Soccorso: Tempera Paola 4. Rapp. dei lavoratori per la sicurezza (R.L.S.): Gatti Antonio Medico competente NON NECESSARIO Il Servizio di Prevenzione e Protezione è costituito dal Responsabile e dalle seguenti ulteriori persone: Sig. Niutta Fabiola in qualità di Addetti antincendio Sig.ra sig.ra D emilio Annamaria in qualità di Addetti primo soccorso A2 caratteristiche generali dell edificio scolastico Nella documentazione agli atti dell istituto ( DEPOSITATI IN PRESIDENZA ) è riportata la planimetria completa del vecchio edificio della scuola, dalla quale si possono desumere le ubicazioni delle diverse aree, le strutture che ospitano laboratori 2

3 o veri e propri impianti, i corpi tecnici ed in generale i diversi luoghi coperti o all aperto. L edificio in cui sono collocati i locali della scuola è sito nel comune di Roma in Via Morandini N 30 L edificio ha una forma articolata si sviluppa su quattro livelli E circondato da uno spazio libero quasi tutto percorribile da mezzi di soccorso e dal quale è possibile l accostamento dell autoscale ad ogni fronte dell edificio. I cancelli d ingresso della scuola hanno una larghezza maggiore di 3,5 mt per consentire il transito dei mezzi di soccorso. All inizio dell anno scolastico SOTTO IL PIANO PILOTI è terminata la costruzione della casa del custode e sono in programma altre lavorazioni esterne che saranno riportate sul D.V.R. Per quanto riguarda le strade di accesso all Istituto si evidenzia quanto segue al fine di contattare le strutture competenti: 1. durante le ore d ingresso e di uscita degli studenti la viabilità in condizioni di sicurezza di Via Grotte D Arcaccio è stata regolarizzata con strisce pedonali a metà della salita. 2. l incrocio fra Via di Vigna Murata e Via Grotte D Arcaccio non è ben segnalato e l immissione dalla seconda sulla prima è ad altissimo rischio Ai fini del procedimento adottato di Valutazione dei Rischi lavorativi la Scuola in esame è stata suddivisa nelle seguenti aree operative omogenee per rischio: 1. area didattica normale (si considerano le aule dove non sono presenti particolari attrezzature) 2. area tecnica 3

4 si considerano i laboratori scientifici, i locali tecnici, i luoghi attrezzati con macchine e apparecchiature, laboratori linguistici, informatici, stanza fotocopiatrici o stampanti, ecc.) 3. area attività collettive (si considerano le aule per attività particolari che comportino la presenza di più classi contemporaneamente) 4. area attività sportive (si considerino le palestre e gli spazi attrezzati esterni) 5. area uffici 6. area di cantiere PLANIMETRIA DELLE AREE INTERNE ED ESTERNE Le planimetrie sono appese nelle classi nei corridoi o zone comuni Molte di esse sono state asportate e verranno al più presto reintegrate. Nella documentazione cartografica sono riportate le seguenti informazioni: ubicazione delle uscite di emergenza ubicazione dei luoghi sicuri individuazione (colorata) dei percorsi di fuga ubicazione delle attrezzature antincendio (idranti, estintori, ecc.) individuazione delle aree di raccolta esterne (colorati o con lettera) indicazione della segnaletica di sicurezza individuazione di tutti i locali del piano evidenziando i più pericolosi individuazione dell interruttore elettrico generale di piano e generale individuazione delle chiusure del gas metano individuazione delle chiusure dell erogazione dell acqua 4

5 Nel padiglione nuovo mancano le indicazioni delle chiusure del gas metano e dell interruttore generale. 5

6 A3 DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLA POPOLAZIONE SCOLASTICA. (massimo numero ipotizzabile) PIANO ALUN DISABILI DOCENT NON SEGRETA TOTAL NI I DOCENTI RI E -1 si no si si no 220 circa T si si si si si 300 circa 1 si no si si no 230 circa 2 si no si si no 262 circa TOTALE Classificazione della Scuola in relazione alla effettiva presenza contemporanea delle persone (DM 26/8/92) Tipo 0: scuole con n. di presenze contemporanee fino a 100 persone Tipo 0: scuole con n. di presenze contemporanee fino a 100 persone Tipo 1: scuole con n. di presenze contemporanee da 101 fino a 300 persone 6

7 Tipo 2: scuole con n. di presenze contemporanee da 301 fino a 500 persone Tipo 3: scuole con n. di presenze contemporanee da 501 fino a 800 persone Tipo 4: scuole con n. di presenze contemporanee da 801 fino a 1200 persone Tipo 5: scuole con n. di presenze contemporanee oltre 1200 persone Il nostro istituto è tipo 4 A4 IDENTIFICAZIONE DELLE AREE AD ALTA VULNERABILITA LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE NUMERO Magazzini -1 1 Laboratori PIANO TERRA 8 Centrale termica PIANO TERRA 1 Biblioteca PIANO TERRA 1 Cucina ASSENTE Mensa ASSENTE Impianti Sportivi PIANO TERRA 3 Parcheggio PIANO TERRA EST. Parcheggio MOTO PIANO TERRA INT. Centrale termica nuovo Terrazzo (ala nuova) 1 Aula multimediale PIANO MENO UNO 7

8 AULE PARTICOLARI UBICAZIONE NUMERO Aula Magna per attività ASSENTE collettive Aule con studente disabili Piano terra Aule ubicate in posizioni Aule lato padiglione nuovo particolari con difficoltà di evacuazione ALTRI RISCHI UBICAZIONE NUMERO Sostanze tossiche Attrezzature particolari NON PRESENTI NON PRESENTI Si sottolinea che esiste un area di pertinenza della scuola. In detta area non è consentito l accesso delle auto dei genitori ma è invece permessa la sosta delle moto degli alunni/docenti Inoltre, in via del tutto eccezionale,vi è consentita la sosta delle auto e delle moto del personale di servizio Per la sosta dei mezzi è stato riservato uno spazio apposito 8

9 Non è stato riservato un ingresso ed un passaggio ai pedoni GESTIONE DELLA RICREAZIONE Durante la ricreazione gli alunni si intrattengono nel cortile o in altri spazi all aperto La vigilanza dei docenti è stata organizzata, con compiti specifici sia ai docenti che ai collaboratori scolastici; è assicurata un efficace vigilanza al cancello esterno e non è regolamentato lo spostamento all interno e all esterno dell edificio Lo spazio riservato alla ricreazione non è separato da quello destinato alla sosta dei veicoli E stato organizzata la vigilanza durante il trasferimento nelle aule speciali ma non nelle aree di pertinenza della scuola da attraversare al momento dell uscita I collaboratori scolastici controllano quotidianamente lo stato delle aree di pertinenza della scuola. 1. CONDIZIONI ARCHITETTONICHE DI SICUREZZA Progettazione e destinazione d uso Eventuali variazioni Sotterranei e seminterrati Altezza locali Porte, finestre Scale, vetrate Mezzi di chiusura Custodia dei beni 9

10 L edificio è stato progettato per uso scolastico, e la struttura è conforme alle specifiche esigenze. Tra gli atti della scuola non esiste la documentazione di collaudo e di agibilità ed il CPI. Per tutti i locali e gli ambienti utilizzati, non sono indicate le specifiche destinazioni d uso. L utilizzo dei locali è conforme alle specifiche destinazioni d uso. Sono state verificate le condizioni di sicurezza e salute, l altezza media di locali, i volumi a disposizione delle persone, larghezza delle porte, tipologia dei pavimenti, altezza dei davanzali, struttura delle vetrate, tinte delle pareti e dei soffitti, gradini e corrimani delle scale. Le normative di riferimento sono attualmente la legge 626/94 in particolare l articolo 33 che sostituisce l intestazione del titolo II del DPR 19 Marzo 1956 n Altezza minima = almeno 3 mt - Cubatura minima = almeno 10 mt cubi per lavoratore - Ogni lavoratore deve disporre di almeno 2 mq L organo di vigilanza competente per territorio può consentire altezze minime inferiori a quelle previste purchè siano adottati adeguati mezzi di ventilazione. Per i locali destinati a uffici i limiti di altezza sono quelli individuati dalla normativa urbanistica vigente. Per quanto riguarda il parametro della superficie (2 mq per lavoratore) l amministrazione scolastica (con il sostegno anche di alcune ASL) sostiene che negli edifici scolastici si applica non la legge 626/94, ma il D.M. 18/12/1975 che prevede, una superficie di mq 1,80 per alunno nella scuola media ed elementare e di mq 1,96 per ogni studente nella scuola superiore. Ma, come è noto, spesso neanche questi parametri minimali sono rispettati. 10

11 Infatti per mancanza di aule, l aula di proiezioni è stata divisa in due e non viene rispettato il sopracitato decreto. In una delle due aule l apertura non è verso l esodo. Alcuni colleghi hanno provato a chiedere il rispetto almeno di questi limiti minimali in sede di definizione dell organico, ma con scarso successo, spesso sono risultati inutili persino gli esposti alle ASL; qualche parziale successo è stato invece ottenuto mediante ricorso al difensore civico. - Allorquando un aula prevede la presenza di più di 25 alunni e meno di 50, le porte di uscita dell aula devono aprirsi verso l esterno ed avere una larghezza utile netta almeno di 1,2 metri. - Per la prevenzione incendi peraltro il massimo affollamento previsto dalle attuali norme è di 26 persone ad aula. Infatti occorre anche considerare che la maggior popolazione scolastica incide sulle condizioni generali degli altri ambienti e sull esodo generale dalla scuola. In particolare nel nostro caso bisogna verificare che le l ampiezza delle porte UTILIZZABILE sia 1,2 m, eliminare gli attuali armadi, e mobilio vario, disporre i tavoli possibilmente vicino alle pareti in questo caso si può utilizzare l aula sino a 28 alunni vista la superficie a disposizione nelle aule più grandi. DECRETI DI RIFERIMENTO Affollamento DM 30/11/1983 In generale Affollamento DM 26/8/1992 scuole Affollamento DM 29/8/1996 locali di intrattenimento In relazione ai suddetti punti si evidenziano le seguenti situazioni di rischio: I locali utilizzati e gli spazi accessori non sono adeguati a garantire condizioni di sicurezza e salute 11

12 Nelle aule i volumi a disposizione delle persone presenti sono inferiori a 10m cubi I locali non sono dotati di finestre di dimensioni adeguate per l areazione per la rottura dei meccanismi Nei locali dove stazionano da 26 a 50 persone non è presente nemmeno una porta apribile verso l esterno larga almeno 1,20 m Nei locali dove stazionano più di 50 persone non c è una porta apribile verso l esterno larga almeno 1,20m ed un altra larga 0.8 m ogni ulteriore gruppo di 50 pers. Le vetrate ed in genere tutte le strutture non sono realizzate con materiali di sicurezza certificati In particolare si evidenziano le seguenti informazioni sulla sicurezza delle porte e delle finestre: Le porte di accesso all edificio sono adeguate per robustezza e caratteristiche dei materiali da costruzione Sono individuati gli operatori a cui sono affidate le chiavi Le finestre, soprattutto quelle del piano terra o comunque accessibili con facilità, sono adeguate per robustezza e caratteristiche dei materiali Le finestre del piano terra o comunque accessibili, sono protette da inferriate o altre difese metalliche I locali dove sono custoditi i beni appetibili e gli archivi sono protetti con porte e serrature di sicurezza I documenti più importanti sono custoditi in armadi corazzati Le chiavi interne sono custodite in un ripostiglio riservato e particolarmente protetto 12

13 Per quanto riguarda gli alunni è stato organizzato un servizio di controllo all entrata e all uscita ORE 8.00, 13.00, circa. 2. PREVENZIONE INCENDI C.P.I. o N.O.P. Sistemi di segnalazione e spegnimento Manutenzione delle dotazioni antincendio Uscite di sicurezza Segnaletica Piano di emergenza ed evacuazione Centrale termica Con riferimento alla prevenzione incendi si attesta che non è stato rilasciato il certificato di prevenzione incendi dal competente comando provinciale dei VVF; In particolare si attesta che: Esistono sistemi per la rilevazione e segnalazione dei focolai d incendio (non più funzionante) Non esistono idonei sistemi per il rilevamento della presenza di gas e/o miscele infiammabili (ad esempio nei laboratori non necessari in quanto non vengono usati gas) Le dotazioni antincendio sono regolarmente mantenute e verificate Le uscite di emergenza sono in numero adeguato e di dimensioni idonee si raggiungono percorrendo meno di 40m. Le vie di emergenza e le uscite sono libere da ostacoli 13

14 Sono stati individuati gli operatori addetti all intervento in emergenza ed all evacuazione e sono stati adeguatamente informati e formati E stato predisposto il piano di emergenza e di evacuazione Vengono effettuate prove per la verifica del piano di emergenza e di evacuazione almeno due volte l anno. La centrale termica del vecchio padiglione è realizzata in apposito locale (manca la documentazione del CPI) La centrale termica del nuovo padiglione è realizzata in apposito locale posto sul terrazzo di copertura. (manca la documentazione del CPI) Manca un camino di scarico fumi, un interruttore elettrico generale esterno. Manca una valvola di intercettazione gas. Gli sportelli della caldaia e del quadro elettrico non si aprono bene per una normale manutenzione. 3. IMPIANTI impianto elettrico ( mancano i certificati 46/90 di conformità dei laboratori ) dichiarazione di conformità messa a terra cavi e collegamenti volanti Protezione contro le scariche atmosferiche Illuminazione ausiliaria Ascensori e montacarichi Riscaldamento e condizionamento Illuminazione artificiale Manutenzione e bonifica 14

15 Relativamente agli IMPIANTI si attesta quanto segue: Gli impianti elettrici sono costruiti a regola d arte e mantenuti in modo da prevenire i rischi di folgorazione ed incendio ( mancano in ogni caso i certificati di conformità ) L isolamento dei conduttori in ogni punto dell impianto è adeguato alla tensione Lo stato delle linee, dei quadri, delle prese e degli apparati utilizzatori in genere è tale da escludere il rischio di contatto accidentale I cavi installati in tubo sotto intonaco sono facilmente sfilabili Le interconnessioni elettriche sono installate a regola d arte L impianto dispone di protezioni contro i sovraccarichi (interruttori magnetotermici) Le macchine e gli apparecchi elettrici riportano l indicazione delle caratteristiche costruttive, della tensione, dell intensità e del tipo di corrente E stato installato l impianto di messa a terra E stato collaudato l impianto di messa a terra (mod. B vistato dall ISPELS) ma non sono state richieste le visite periodiche fare prima domanda alla provincia. Tutte le parti metalliche degli impianti e delle macchine sono collegate a terra I dispersori di terra sono ispezionabili attraverso pozzetti Sono installati gli interruttori con differenziali Idn <0,03 A I cavi dei collegamenti volanti sono posizionati in modo da evitare pericoli per il passaggio delle persone E stato collaudato l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche (mod. A) in riferimento alle norme 81-1 e 82-2 (manca la documentazione) Le problematiche relative sono le seguenti: 15

16 Non è stata redatta la Dichiarazione di Conformità ai sensi della Legge 46/90 Negli ambienti a maggior rischio d incendio ( interno dei laboratori ) i cavi installati non sono del tipo non propagante la fiamma Gli organi di interruzione, manovra e sezionamento sono alloggiati in idonei quadri elettrici; ma sono sempre aperti (le norme prevedono la chiusura degli stessi) Gli impianti di messa a terra sono verificati con intervalli superiori a due anni Le derivazioni a spina sono sprovviste di interruttori a monte per permettere l inserimento ed il disinserimento a circuito aperto (non necessarie per carichi <di un KW) I collegamenti con cavo e spina non sono realizzati in modo da evitare sovraccarichi Non esiste un impianto di illuminazione ausiliaria che entra in funzione automaticamente in caso di blackout in grado di illuminare sufficientemente le scale, le uscite dall edificio e altre parti comuni Relativamente al MICROCLIMA si sottolineano le seguenti informazioni e/o limiti: i sistemi di riscaldamento e/o condizionamento non garantiscono in tutti i locali con permanenza di persone un adeguato microclima in conformità alle norma UNI. Durante al stagione invernale la temperatura dell aria non è superiore a 20 C in tutti gli ambienti con presenza di persone Durante la stagione invernale l umidità relativa è superiore al 35-40% Durante la stagione invernale non vengono evitati fenomeni di irraggiamento negativo Sono installati impianti per il condizionamento e/o ventilazione solo in alcuni uffici 16

17 Durante la stagione estiva gli impianti di condizionamento garantiscono il rispetto dei parametri microclimatici consigliati dalla letteratura in conformità alle norme UNI solo in alcuni uffici L impianto di condizionamento non garantisce il mantenimento dell umidità relativa nella stagione estiva e/o invernale entro i valori del benessere termico (valori raccomandati m/s Le prese di aria esterna sono posizionate lontano dalle sorgenti inquinanti I sistemi di coibentazione degli impianti di condizionamento sono stati realizzati con modalità e materiali che non comportano la dispersione di inquinanti nell aria ambiente Non è stato predisposto un programma per la manutenzione periodica e la pulizia dell impianto di condizionamento, La struttura edilizia non consente di evitare, durante la stagione estiva, fenomeni di eccessivo irraggiamento. Per quanto riguarda l ILLUMINAZIONE: Gli impianti per l illuminazione artificiale garantiscono una buona visione in tutti gli ambienti Nei locali per riunione, nelle palestre e negli spazi accessori sono garantiti livelli di illuminamento superiori a 100 lux I livelli di illuminamento massimi sono inferiori ai valori limite di riferimento ( lux) Nei diversi ambienti di lavoro e di studio non sono garantiti livelli di illuminamento conformi alle vigenti norme UNI

18 Relativamente al MICROCLIMA e all ILLUMINAZIONE non è stata fatta nessun tipo di misura e le valutazioni sono di tipo empirico e/o intuitivo. Alcune lampade ed alcune sorgenti luminose non sono adeguatamente schermate Non tutte le lampade sono dotate di schermatura e/o protezione dagli urti. Molte lampade hanno la schermatura in materiale plastico che a causa dell ossidazione tendono a spaccarsi e conseguentemente a cadere. Le finestre non sono dotate di adeguati sistemi per la schermatura (tende). Non sono state eliminate tutte le superfici riflettenti che possono determinare fenomeni di abbagliamento. Non è stato predisposto un programma per la manutenzione periodica e la pulizia degli apparecchi illuminanti. Il programma di manutenzione periodica non prevede la sostituzione delle lampade secondo le indicazioni dei fornitori. Per quanto riguarda la MANUTENZIONE A STRUTTURE E IMPIANTI si rileva quanto segue. Non tutti gli interventi di modifica delle strutture e/o degli impianti vengono effettuati previa valutazione del rischio Non tutti gli interventi manutentivi vengono realizzati nel rispetto delle normative specifiche e vengono certificati Non è stato stabilito uno scadenzario degli interventi di bonifica Non è verificato il rispetto dei tempi previsti di realizzazione delle bonifiche. 4. SERVIZIO SANITARIO/PRONTO SOCCORSO 18

19 Controlli sanitari Medico competente Infermeria e primo intervento Posto di pronto soccorso Sostegno alunni disabili E stato organizzato un servizio di primo soccorso. Nell istituto non sono presenti attività lavorative che comportano l effettuazione dei controlli sanitari ai sensi della normativa vigente Conseguentemente non è stato individuato il medico competente. Servizio di pronto soccorso L istituto non ha organizzato un servizio della scuola dotata dei presidi sanitari necessari per il primo intervento. E stato individuato il presidio sanitario di pronto soccorso più vicino alla scuola con il seguente indirizzo: ospedale Sant Eugenio viale dell Umanesimo Non è stata individuata la procedura più efficace per l eventuale trasporto in ospedale. Controlli sanitario degli alunni E attivo un servizio medico all interno dell istituto, tre volte alla settimana Lun. Mer. Ven. dalle PRESIDENZA/DIREZIONE Sicurezza e igienicità dei locali Illuminazione e arredo 19

20 Custodia dei documenti Tempestiva comunicazione di anomalie Registro infortuni Organizzazione servizio prevenzione e protezione Analisi dei rischi e verifiche periodiche Informazione e formazione degli operatori Disposizioni al personale e agli alunni Relativamente agli IMPIANTI ELETTRICI vale quanto detto precedentemente Relativamente agli MICROCLIMA e all ILLUMINAZIONE vale quanto detto precedentemente Per quanto riguarda l ERGONOMIA del posto di lavoro, relativamente agli arredi e le suppellettili viene segnalato che non è stato fatto uno studio in merito RILEVAZIONE DEGLI INFORTUNI Si attesta che: Esiste nella scuola il registro degli infortuni vidimato dal competente dell ASL Il personale segnala immediatamente tutti gli eventuali infortuni propri e degli alunni Gli infortuni con prognosi superiore a un giorno vengono annotati cronologicamente nell apposito registro 20

21 Gli infortuni dei docenti e degli alunni accaduti durante l attività di educazione fisica e di laboratorio, con prognosi superiori a 3 giorni, vengono denunciati all INAIL entro 2 giorni dal fatto. Tutti gli infortuni del personale non docente, con prognosi superiore a tre giorni, vengono denunciati all INAIL entro due giorni dal fatto. SERVIZIO DI PROTEZIONE E PREVENZIONE (SPP) E stato organizzato il Servizio di Prevenzione e Protezione. E stato individuato il responsabile dell SPP nella persona dell Ing. Antonio Pasquini. Il nominativo del responsabile (RSPP) ed il relativo curriculum è stato inviato alla ASL competente territorialmente ed all Ispettorato Provinciale del Lavoro. L RSPP ha tutti i requisiti richiesti dalla normativa vigente ( corso A, C e B ) Il RSPP ha partecipato alla valutazione dei rischi di cui al presente documento. E stato individuato anche l ASPP nella persona di TIDEI GIUSEPPE 6. SEGRETERIA AMMINISTRATIVA Sicurezza e igienicità dei locali Illuminazione e arredo Uso dei videoterminali custodia dei documenti Relativamente agli IMPIANTI ELETTRICI vale quanto detto precedentemente. 21

22 Per quanto riguarda il MICROCLIMA E L ILLUMINAZIONE vale quanto detto precedentemente Infine, si attesta che: Sono presenti operatori che utilizzano apparecchi VDT e/o PC E stato valutato il tipo di impegno richiesto e la durata dell attività giornaliera presso apparecchi VDT e/o PC Gli apparecchi VDT e/o PC sono certificati come rispondenti alle norme armonizzate di riferimento UNI EN e CEI EN Gli apparecchi VDT e/o PC sono posizionati su piani di lavoro sufficientemente ampi Lo schermo è regolabile ed orientabile secondo le esigenze degli operatori (distanza occhi/video compresa tra 50 e 90 cm) I piani di lavoro consentono l appoggio degli avambracci durante la digitazione della tastiera Non tutti i sedili sono regolabili (altezza e schienale) ed ergonomici (certificazioni) in conformità alle norme UNI EN I documenti più importanti vengono custoditi in armadi corazzati I locali vengono puliti adeguatamente e quotidianamente L arredo e le suppellettili non sono progettati secondo criteri ergonomici Il personale docente e non docente non segnala sollecitamente eventuali anomalie nei locali o impianti, o situazioni di pericolo I collaboratori scolastici provvedono alla regolare chiusura degli uffici, laboratori ed altri locali dove sono custoditi beni appetibili I registri e altri documenti indispensabili per il funzionamento della scuola sono custoditi in locali o armadi con chiusure adeguate 22

23 7. SEGRETERIA DIDATTICA Sicurezza e igienicità Illuminazione e arredo custodia dei documenti Uso dei videoterminali Comunicazioni alle famiglie Relativamente agli IMPIANTI ELETTRICI vale quanto detto precedentemente. Per quanto riguarda il MICROCLIMA E L ILLUMINAZIONE vale quanto detto precedentemente Infine, si attesta che: Sono presenti operatori che utilizzano apparecchi VDT e/o PC E stato valutato il tipo di impegno richiesto e la durata dell attività giornaliera presso apparecchi VDT e/o PC Gli apparecchi VDT e/o PC sono certificati come rispondenti alle norme armonizzate di riferimento UNI EN e CEI EN Gli apparecchi VDT e/o PC sono posizionati su piani di lavoro sufficientemente ampi Lo schermo è regolabile ed orientabile secondo le esigenze degli operatori (distanza occhi/video compresa tra 50 e 90 cm) 23

24 I piani di lavoro consentono l appoggio degli avambracci durante la digitazione della tastiera I sedili non sono regolabili (altezza e schienale) ed ergonomici (certificazioni) in conformità alle norme UNI EN I documenti più importanti vengono custoditi in armadi corazzati I locali vengono puliti adeguatamente e quotidianamente L arredo e le suppellettili non sono progettati secondo criteri ergonomici Il personale docente e non docente non segnala sollecitamente eventuali anomalie nei locali o impianti, o situazioni di pericolo I collaboratori scolastici provvedono alla regolare chiusura degli uffici, laboratori ed altri locali dove sono custoditi beni appetibili I registri e altri documenti indispensabili per il funzionamento della scuola sono custoditi in locali o armadi con chiusure adeguate Le famiglie vengono periodicamente informate in caso di assenze rilevanti degli alunni, è stato attivato un servizio giornaliero tramite sms di avviso di assenza dell alunno. 8. ARCHIVIO Sicurezza dei locali Movimentazione dei carichi Mezzi di chiusura Relativamente agli IMPIANTI ELETTRICI vale quanto detto precedentemente. 24

25 Per quanto riguarda il MICROCLIMA E L ILLUMINAZIONE vale quanto detto precedentemente Infine si attesta che: Sono presenti operatori che possono svolgere attività che comportano la movimentazione manuale di carichi di peso superiore a 3 kg senza significativa continuità Non si è proceduto preliminarmente valutando la possibilità di meccanizzare tutte le operazioni di movimentazione dei carichi Le movimentazioni manuali residue riguardano carichi di peso inferiore a 30 Kg per gli uomini ed a 20 Kg per le donne (o inferiore rispettivamente a 20 e 15 Kg se l età è compresa tra 15 e 18 anni) I carichi movimentati non consentono una buona prensione ed il mantenimento del busto eretto La movimentazione manuale dei carichi viene eseguita in ambienti sicuri (assenza di irregolarità o dislivelli sui pavimenti, illuminazione adeguata, assenza di ostacoli, ecc.) Non è stata effettuata la valutazione del rischio per l individuazione del carico massimo sollevabile (ad esempio secondo NIOSH) I lavoratori non sono stati adeguatamente informati e formati sulle modalità di movimentazione manuale dei carichi in sicurezza In caso di persistenti condizioni di rischio non è stato individuato il Medico Competente I locali dove sono custoditi beni appetibili e gli archivi sono protetti con porte e serrature di sicurezza 25

26 9. BIBLIOTECA Sicurezza e igienicità dei locali Illuminazione e arredo Uso dei videoterminali Gli spazi dedicati alla biblioteca presentano le seguenti caratteristiche: I locali non sono dotati di finestre di dimensioni adeguate per l areazione e l illuminazione naturale diretta I pavimenti sono realizzati con materiali facilmente lavabili e antisdrucciolevoli Nei locali dove stazionano fino a 25 persone è presente almeno una porta apribile facilmente dall interno larga almeno 1,20 m Nei locali dove stazionano da 26 a 50 persone non è presente nemmeno una porta apribile verso l esterno larga almeno 1,20 m nei locali dove stazionano più di 50 persone non è presente nemmeno una porta apribile verso l esterno larga almeno 1,20 m ed un altra larga 0,80 m per ogni ulteriore gruppo di 50 persone o frazione l altezza dei davanzali e dei parapetti di eventuali balconi o terrazzi è pari almeno a 1 m le vetrate ed in genere tutte le strutture non sono realizzate con materiali di sicurezza certificati 81-1 e 81-2 Relativamente agli IMPIANTI ELETTRICI vale quanto detto precedentemente. Per quanto riguarda il MICROCLIMA E L ILLUMINAZIONE vale quanto detto precedentemente 26

27 10. SALA DOCENTI Sicurezza e igienicità dei locali Illuminazione e arredo Custodia dei documenti Gli spazi dedicati alla sala docenti presentano le seguenti caratteristiche: I pavimenti sono realizzati con materiali facilmente lavabili e antisdrucciolevoli Nei locali dove stazionano fino a 25 persone è presente almeno una porta apribile facilmente dall interno larga almeno 1,20 m Nei locali dove stazionano da 26 a 50 persone non è presente nemmeno una porta apribile verso l esterno larga almeno 1,20 m nei locali dove stazionano più di 50 persone non è presente nemmeno una porta apribile verso l esterno larga almeno 1,20 m ed un altra larga 0,80 m per ogni ulteriore gruppo di 50 persone o frazione l altezza dei davanzali e dei parapetti di eventuali balconi o terrazzi è pari almeno a 1 m le vetrate ed in genere tutte le strutture non sono realizzate con materiali di sicurezza certificati 81-1 e 81-2 Relativamente agli IMPIANTI ELETTRICI vale quanto detto precedentemente. 27

28 Per quanto riguarda il MICROCLIMA E L ILLUMINAZIONE vale quanto detto precedentemente Infine si attesta che: I locali vengono puliti adeguatamente e quotidianamente L arredo e le suppellettili non sono progettati secondo criteri ergonomici I collaboratori scolastici provvedono alla regolare chiusura degli uffici, laboratori ed altri locali dove sono custoditi beni appetibili I registri e altri documenti indispensabili per il funzionamento della scuola sono custoditi in locali o armadi con chiusure adeguate (es. blindati) 11. AULA MAGNA ASSEMBLEE TEATRO La nuova aula Magna è stata collocata nell aula di esercitazioni pratiche. Le assemblee degli studenti sono svolte nella palestra. Sicurezza e igienicità dei locali Illuminazione arredo organizzazione delle attività le caratteristiche degli spazi qui esaminati presentano le seguenti caratteristiche: i locali non sono dotati di finestre di dimensioni adeguate per l areazione e l illuminazione naturale diretta lo spazio a disposizione in ogni locale non consente il movimento delle persone in sicurezza 28

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli