Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/ Decreti del Presidente - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 30 settembre 2015, n /Leg. Modificazioni al decreto del Presidente della Provincia 23 aprile 2013, n /Leg "Regolamento di esecuzione concernente l'esercizio del commercio al dettaglio e all'ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17)" IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA - visto l articolo 53 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670, recante Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo Statuto speciale per il Trentino Alto Adige, ai sensi del quale il Presidente della Provincia emana con proprio decreto i regolamenti deliberati dalla Giunta; - visto l articolo 54, comma 1, numero 1, del medesimo decreto del Presidente della Repubblica, secondo il quale la Giunta provinciale è competente a deliberare i regolamenti per l esecuzione delle leggi approvate dal Consiglio provinciale; - vista la legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 Disciplina dell attività commerciale ; - visto il proprio decreto del 23 aprile 2013, n /Leg. avente ad oggetto: Regolamento di esecuzione concernente l esercizio del commercio al dettaglio e all ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17); - vista la deliberazione n di data 28 settembre 2015 con la quale la Giunta provinciale ha approvato il Regolamento concernente Modificazioni al decreto del Presidente della Provincia 23 a- prile 2013, n /Leg Regolamento di esecuzione concernente l'esercizio del commercio al dettaglio e all'ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17). il seguente regolamento: emana Art. 1 Modificazione dell articolo 2 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg del Dopo la lettera d) del comma 3 dell articolo 2 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg del 2013 è inserita la seguente: d bis) per la vendita di prodotti e merci ai sensi dell articolo 8, comma 6. Art. 2 Modificazione dell articolo 4 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg del Nel comma 2 dell'articolo 4 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg del 2013 le parole: sei mesi sono sostituite dalle seguenti: dodici mesi. Art. 3 Modificazione dell articolo 8 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del Nel comma 6 dell articolo 8 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del 2013 le parole: il possesso dei requisiti soggettivi per l'esercizio dell'attività commerciale di cui all'articolo 2, commi 1 e 2 ed e le parole: Alla comunicazione è allegata, se necessario, la dichiarazione sostitutiva di atto notorio circa il possesso dei requisiti di cui all'articolo 2, commi 1 e 2. sono soppresse.

2 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/ Art. 4 Modificazioni dell articolo 9 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del Nel comma 1 dell articolo 9 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del 2013 le parole:, con le forme e con le modalità previste dall articolo 2556 del codice civile, sono soppresse. 2. Nel comma 3 dell articolo 9 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del 2013 le parole: indicando gli estremi dell atto di affidamento e sono soppresse. Art. 5 Modificazione dell articolo 15 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del Dopo il comma 2 dell articolo 15 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del 2013 è inserito il seguente comma: 2 bis. Nei casi previsti dall articolo 59, comma 3 bis, della legge provinciale, il comune dispone la cancellazione delle presenze maturate nel mercato con azzeramento delle priorità acquisite se i soggetti previsti dall articolo 16, comma 4, della legge provinciale, non regolarizzano la propria posizione entro 180 giorni decorrenti dalla data di adozione del provvedimento di sospensione della partecipazione alle operazioni di assegnazione giornaliera dei posteggi del mercato. Art. 6 Modificazioni dell articolo 20 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del Dopo l articolo 20 del decreto del Presidente della Provincia n /Leg. del 2013 è inserito il seguente: Art. 20 bis Hobbisti 1. La vendita in forma hobbistica è consentita nel corso dei due anni di validità del tesserino identificativo previsto dall articolo 20 ter della legge provinciale e nel limite annuale di dieci giornate. La partecipazione a mercati, sagre, fiere e manifestazioni della durata di due giorni, purché consecutivi, equivale a una sola giornata. 2. Gli hobbisti non possono farsi sostituire da altri soggetti nell esercizio della propria attività di vendita. 3. Il valore complessivo della merce esposta non può essere superiore a euro e il valore del singolo prodotto non può essere superiore a 200 euro. 4. Gli oggetti di propria produzione per la realizzazione dei quali è sufficiente una comune capacità progettuale e di esecuzione possono essere venduti, oltre che attraverso le modalità di vendita al dettaglio definite dalla legge provinciale, anche in forma hobbistica secondo quanto previsto da questo articolo e dall articolo 20 ter della medesima legge. Art. 7 Disposizioni transitorie 1. Nei casi di provvedimenti di sospensione dalla partecipazione alle operazioni di assegnazione temporanea dei posteggi di mercato ai sensi dell articolo 16, comma 4, della legge provinciale, assunti per accertata irregolarità del DURC o della certificazione di regolarità contributiva prima della data di entrata in vigore di questo regolamento, si applica quanto previsto dall articolo 15, comma 2 bis, e il termine dei 180 giorni decorre dalla predetta data. Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. IL PRESIDENTE UGO ROSSI

3 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/ NOTE ESPLICATIVE Avvertenza Gli uffici della giunta provinciale hanno scritto le note per facilitarne la lettura. Le note non incidono sul valore e sull efficacia degli atti. I testi degli atti trascritti in nota sono coordinati con le modificazioni che essi hanno subito da parte di norme entrate in vigore prima di questo regolamento. Nelle note le parole modificate da questo regolamento sono evidenziate in neretto; quelle soppresse sono barrate. Note alle premesse L articolo 53 del Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670 (Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo Statuto speciale per il Trentino - Alto Adige) (G.U. 20 novembre 1972, n. 301, serie generale), così modificato dall'art. 4 della l. cost. 31 gennaio 2001, n. 2, dispone: Art. 53 Il Presidente della Provincia emana, con suo decreto, i regolamenti deliberati dalla giunta. L articolo 54 del citato Decreto del Presidente della Repubblica n. 670 del 1972 dispone: Art. 54 Alla Giunta provinciale spetta: 1) la deliberazione dei regolamenti per la esecuzione delle leggi approvate dal Consiglio provinciale; 2) la deliberazione dei regolamenti sulle materie che, secondo l'ordinamento vigente, sono devolute alla potestà regolamentare delle province; 3) l'attività amministrativa riguardante gli affari di interesse provinciale; 4) l'amministrazione del patrimonio della provincia, nonché il controllo sulla gestione di aziende speciali provinciali per servizi pubblici; 5) la vigilanza e la tutela sulle amministrazioni comunali, sulle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza, sui consorzi e sugli altri enti o istituti locali, compresa la facoltà di sospensione e scioglimento dei loro organi in base alla legge. Nei suddetti casi e quando le amministrazioni non siano in grado per qualsiasi motivo di funzionare spetta anche alla Giunta provinciale la nomina di commissari, con l'obbligo di sceglierli, nella provincia di Bolzano, nel gruppo linguistico che ha la maggioranza degli amministratori in seno all'organo più rappresentativo dell'ente. Restano riservati allo Stato i provvedimenti straordinari di cui sopra allorché siano dovuti a motivi di ordine pubblico e quando si riferiscano a comuni con popolazione superiore ai abitanti; 6) le altre attribuzioni demandate alla provincia dal presente statuto o da altre leggi della Repubblica o della regione; 7) l'adozione, in caso di urgenza, di provvedimenti di competenza del consiglio da sottoporsi per la ratifica al consiglio stesso nella sua prima seduta successiva. Nota all articolo 1 L articolo 2 del decreto del Presidente della Provincia 23 aprile 2013, n /Leg (Regolamento di esecuzione concernente l esercizio del commercio al dettaglio e all ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17)) come modificato dall articolo qui annotato, dispone: Art. 2 Requisiti soggettivi per l esercizio dell attività commerciale 1. Per l esercizio dell attività commerciale è richiesto il possesso dei requisiti morali e professionali previsti dall articolo 5 della legge provinciale. 2. Fermo restando il possesso dei requisiti morali, i requisiti professionali previsti dal comma 1 sono posseduti dal titolare o dal legale rappresentante o da una persona specificamente preposta all attività commerciale che di-

4 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/ chiara di assumere tale funzione e di accettare la relativa nomina. 3. Non è richiesto il possesso dei requisiti professionali previsti dal comma 1: a) nel caso di presentazione della segnalazione certificata di inizio attività senza finalità di gestione diretta da parte del richiedente; b) per l esercizio dell attività commerciale ai sensi dell articolo 19 della legge provinciale; c) per l esercizio del commercio all ingrosso; d) per la vendita in spacci interni ai sensi dell articolo 3, comma 1, lettera i) e dell articolo 20 della legge provinciale; d bis) per la vendita di prodotti e merci ai sensi dell articolo 8, comma 6. Per l articolo 8, comma 6 si rinvia alla nota all articolo 3. Nota all articolo 2 L articolo 4, comma 2 del decreto del Presidente della Provincia 23 aprile 2013, n /Leg (Regolamento di esecuzione concernente l esercizio del commercio al dettaglio e all ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17)) come modificato dall articolo qui annotato, dispone: Art. 4 Subingresso nell attività di vendita 2. Chi subentra per causa di morte ed è in possesso dei soli requisiti morali previsti dall articolo 5 della legge provinciale può continuare l'attività del dante causa a titolo provvisorio a seguito di comunicazione al comune competente per territorio corredata di dichiarazione di assenso da parte di tutti gli eventuali eredi. Entro sei dodici mesi decorrenti dalla data di apertura della successione il subentrante presenta al comune competente per territorio una SCIA con la quale dichiara il possesso dei requisiti professionali previsti dall articolo 5 della legge provinciale o nomina un preposto in possesso di tali requisiti. 4. omissis 5. omissis 6. omissis. 7. omissis 8. omissis Nota all articolo 3 L articolo 8, comma 6 del decreto del Presidente della Provincia 23 aprile 2013, n /Leg (Regolamento di esecuzione concernente l esercizio del commercio al dettaglio e all ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17)) come modificato dall articolo qui annotato, dispone: Art. 8 Esercizi di vendita al dettaglio 2. omissis 4. omissis 5. omissis 6. Fermo restando il possesso dei requisiti soggettivi per l esercizio dell attività commerciale di cui all articolo 2, commi 1 e 2 ed il rispetto dei requisiti igienico sanitari, nell esercizio commerciale è ammessa la vendita di prodotti e merci non appartenenti al settore merceologico oggetto della SCIA o dell autorizzazione, senza modifica del settore merceologico, se gli stessi non occupano una superficie di vendita superiore al 1 per cento della superficie di vendita complessiva dell esercizio medesimo. Ai fini di questo comma, la vendita dei prodotti e delle merci non appartenenti al settore merceologico oggetto della SCIA o dell autorizzazione è subordinata alla preventiva comunicazione al comune competente per territorio con l indicazione della superficie occupata dai prodotti. Alla comunicazione è allegata, se necessario, la dichiarazione sostitutiva di atto notorio circa il possesso dei requisiti di cui all articolo 2, commi 1 e 2.

5 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/ Nota all articolo 4 L articolo 9, comma 1 del decreto del Presidente della Provincia 23 aprile 2013, n /Leg (Regolamento di esecuzione concernente l esercizio del commercio al dettaglio e all ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17)) come modificato dall articolo qui annotato, dispone: Art. 9 Esercizio di vendita con pluralità di reparti 1. Il titolare di un esercizio commerciale organizzato su più reparti, in relazione alla gamma dei prodotti trattati o alle tecniche di prestazione del servizio impiegate, può affidare, con le forme e con le modalità previste dall articolo 2556 del codice civile, tali reparti ad uno o più soggetti perché li gestiscano in proprio per il periodo di tempo convenuto. 2. omissis. 4. omissis Nota all articolo 5 L articolo 15 del decreto del Presidente della Provincia 23 aprile 2013, n /Leg (Regolamento di esecuzione concernente l esercizio del commercio al dettaglio e all ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17)) come modificato dall articolo qui annotato, dispone: Art. 15 Sospensione e decadenza dell attività 1. Nei casi previsti dall articolo 58, comma 2, della legge provinciale, la sospensione dell attività relativa all esercizio del commercio su aree pubbliche è disposta da parte del comune che ha adottato i provvedimenti sanzionatori ed è efficace limitatamente al territorio del comune medesimo. La continuazione dell'attività di vendita nel territorio comunale durante il periodo della sospensione costituisce esercizio di attività di vendita non autorizzata ai sensi dell'articolo 53, comma 1, della legge provinciale. 2. Nei casi di accertata irregolarità del DURC o della certificazione di regolarità contributiva annualmente acquisiti, il comune dispone la sospensione dell attività fino all avvenuta regolarizzazione della posizione. Nel caso in cui la posizione non venga regolarizzata entro i successivi 180 giorni, il comune adotta il provvedimento di divieto di prosecuzione dell attività e di revoca della concessione di posteggio e dispone il ritiro definitivo dei rispettivi titoli. Il titolare è tenuto a depositare presso il comune la SCIA in suo possesso e l originale dell eventuale concessione del posteggio per il periodo di sospensione. 2 bis. Nei casi previsti dall articolo 59, comma 3 bis, della legge provinciale, il comune dispone la cancellazione delle presenze maturate nel mercato con azzeramento delle priorità acquisite se i soggetti previsti dall articolo 16, comma 4, della legge provinciale, non regolarizzano la propria posizione entro 180 giorni decorrenti dalla data di adozione del provvedimento di sospensione della partecipazione alle operazioni di assegnazione giornaliera dei posteggi del mercato. L articolo 59 della legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 (Legge provinciale sul commercio 2010) stabilisce: Art. 59 Decadenza delle autorizzazioni e chiusura degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio 2. omissis 3. E' dichiarata la decadenza dall'autorizzazione per l'esercizio del commercio su aree pubbliche se il titolare non inizia l'attività entro un anno dal rilascio e nei casi previsti dal comma 1, lettere b) e c). La decadenza è dichiarata, inoltre, se il comune accerta l'irregolarità della documentazione prevista dall'articolo 15, comma 2, e previa sospensione dell'autorizzazione, secondo quanto previsto dal regolamento di esecuzione. La decadenza è dichiarata, inoltre, se il comune accerta l'irregolarità della documentazione prevista dall'articolo 15, comma 2, e previa sospensione dell'autorizzazione, secondo quanto previsto dal regolamento di esecuzione.

6 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/ bis. Fermo restando quanto previsto dal comma 3, se ai sensi dell'articolo 15, comma 2, è accertata la mancanza del requisito della regolarità contributiva nei soggetti previsti dall'articolo 16, comma 4, il comune, fino all'avvenuta regolarizzazione della posizione, sospende la loro partecipazione alle operazioni di assegnazione giornaliera dei posteggi del mercato e, nel caso di mancata regolarizzazione entro il termine previsto dal regolamento di esecuzione, dispone la cancellazione delle presenze da essi maturate nel mercato. L articolo 16, comma 4 della legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 (Legge provinciale sul commercio 2010) stabilisce: Art. 16 Adempimenti dei comuni 2. omissis 4. I posteggi di mercato temporaneamente non occupati dai titolari della relativa concessione sono assegnati, per la giornata di mancata utilizzazione da parte del titolare, ai soggetti abilitati all'esercizio del commercio su aree pubbliche che detengono il più alto numero di presenze nel mercato e sono in possesso del requisito della regolarità contributiva previsto dall'articolo 15, comma 1. Nota all articolo 7 Per l articolo 16, comma 4 della legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17, si veda la nota all articolo 5.

Bollettino Ufficiale n. 34/I-II del 20/08/2013 / Amtsblatt Nr. 34/I-II vom 20/08/

Bollettino Ufficiale n. 34/I-II del 20/08/2013 / Amtsblatt Nr. 34/I-II vom 20/08/ Bollettino Ufficiale n. 34/I-II del 20/08/2013 / Amtsblatt Nr. 34/I-II vom 20/08/2013 67 85620 Decreti - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 14 agosto

Dettagli

Modificazioni al decreto del Presidente della Provincia 25 settembre 2003, n /Leg. (Regolamento

Modificazioni al decreto del Presidente della Provincia 25 settembre 2003, n /Leg. (Regolamento Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 24/10/2017 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 24/10/2017 0048 182540 Decreti del Presidente - Parte 1 - Anno 2017 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 17 maggio 2007, n /Leg. (Registrato alla Corte dei Conti il , registro 1, foglio 11)

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 17 maggio 2007, n /Leg. (Registrato alla Corte dei Conti il , registro 1, foglio 11) Bollettino Ufficiale n. 33/I-II del 14.8.2007 - Amtsblatt Nr. 33/I-II vom 14.8.2007 11 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 17 maggio 2007, n. 10-90/Leg. (Registrato alla Corte dei Conti il 30.7.2007,

Dettagli

Regolamento di esecuzione degli articoli 6 e 7 della legge provinciale 17 marzo 1988, n. 9 (Disciplina delle agenzie di viaggio e turismo)

Regolamento di esecuzione degli articoli 6 e 7 della legge provinciale 17 marzo 1988, n. 9 (Disciplina delle agenzie di viaggio e turismo) Bollettino Ufficiale n. 12/I-II del 21.3.2006 - Amtsblatt Nr. 12/I-II vom 21.3.2006 31 ANNO 2006 JAHR 2006 PARTE PRIMA ERSTER TEIL LEGGI E DECRETI GESETZE UND DEKRETE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 7/I-II del 16/02/2016 / Amtsblatt Nr. 7/I-II vom 16/02/

Bollettino Ufficiale n. 7/I-II del 16/02/2016 / Amtsblatt Nr. 7/I-II vom 16/02/ Bollettino Ufficiale n. 7/I-II del 16/02/2016 / Amtsblatt Nr. 7/I-II vom 16/02/2016 0026 177060 Decreti del Presidente - Parte 1 - Anno 2016 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 21/I-II del 22/05/2012 / Amtsblatt Nr. 21/I-II vom 22/05/

Bollettino Ufficiale n. 21/I-II del 22/05/2012 / Amtsblatt Nr. 21/I-II vom 22/05/ Bollettino Ufficiale n. 21/I-II del 22/05/2012 / Amtsblatt Nr. 21/I-II vom 22/05/2012 62 79516 Decreti - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 11 maggio

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 26/10/2010 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 26/10/2010 25 58471 Decreti - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 1 settembre

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 6/I-II del 07/02/2017 / Amtsblatt Nr. 6/I-II vom 07/02/

Bollettino Ufficiale n. 6/I-II del 07/02/2017 / Amtsblatt Nr. 6/I-II vom 07/02/ Bollettino Ufficiale n. 6/I-II del 07/02/2017 / Amtsblatt Nr. 6/I-II vom 07/02/2017 0046 180420 Decreti del Presidente - Parte 1 - Anno 2017 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita Commercio con concessione di posteggio. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita Commercio con concessione di posteggio. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita Commercio con concessione di posteggio Descrizione In questa tipologia sono comprese tutte le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione di alimenti

Dettagli

Integrazioni della legge provinciale sulle politiche sociali 2007 in materia di carta dei servizi sociali e di tutela dei minori

Integrazioni della legge provinciale sulle politiche sociali 2007 in materia di carta dei servizi sociali e di tutela dei minori Supplemento n. 1 al B.U. n. 40/I-II del 04/10/2016 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 04/10/2016 Nr. 40/I-II 0009 179271 Leggi - Parte 1 - Anno 2016 Provincia Autonoma di Trento LEGGE PROVINCIALE del 26

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 6/I-II del 09/02/2010 / Amtsblatt Nr. 6/I-II vom 09/02/2010 9 56529 Decreti - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 24 dicembre

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 21/11/2017 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 21/11/

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 21/11/2017 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 21/11/ Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 21/11/2017 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 21/11/2017 0011 182721 Decreti del Presidente - Parte 1 - Anno 2017 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 1/I-II del 07/01/2015 / Amtsblatt Nr. 1/I-II vom 07/01/

Bollettino Ufficiale n. 1/I-II del 07/01/2015 / Amtsblatt Nr. 1/I-II vom 07/01/ Bollettino Ufficiale n. 1/I-II del 07/01/2015 / Amtsblatt Nr. 1/I-II vom 07/01/2015 22 96856 Decreti del Presidente - Parte 1 - Anno 2014 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 28 ottobre 1985, n. 18

LEGGE PROVINCIALE 28 ottobre 1985, n. 18 LEGGE PROVINCIALE 28 ottobre 1985, n. 18 Norme per il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e ulteriori modifiche alla legge provinciale 15 dicembre 1972, n. 28 ( 1 ) (b.u. 5 novembre

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 18 dicembre 2002 n.309 (in Gazz. Uff., 8 febbraio, n. 32). - Norme di attuazione dello statuto speciale della regione Trentino-Alto Adige concernente l'esercizio del diritto di voto

Dettagli

Regolamento concernente il contributo per l'esercizio dell'attività di cava (art. 15 della legge provinciale 24 ottobre 2006, n. 7).

Regolamento concernente il contributo per l'esercizio dell'attività di cava (art. 15 della legge provinciale 24 ottobre 2006, n. 7). Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 01/10/2013 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 01/10/2013 92 86195 Decreti - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 26 settembre

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124, recante delega al Governo per la precisa individuazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305 Norme di attuazione dello statuto speciale per la regione Trentino - Alto Adige per l'istituzione delle sezioni di controllo della Corte dei

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 25 del 24/02/2014 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO del 11/02/2011, n. 1

REGOLAMENTO del 11/02/2011, n. 1 REGOLAMENTO del 11/02/2011, n. 1 Modifica ed integrazione del Nuovo regolamento per la gestione degli Ambiti Territoriali di caccia (A.T.C.) emanato con D.P.G.R. n 626/2003. LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa ***

** NORMATTIVA - Stampa *** ** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export LEGGE 4 novembre 2010, n. 201 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo

Dettagli

Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126

Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126 Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126 Attuazione della delega in materia di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), a norma dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124.

Dettagli

Art. 1 Modifiche all' articolo 4 della legge regionale 6 agosto 2007, n. 13 "Organizzazione del

Art. 1 Modifiche all' articolo 4 della legge regionale 6 agosto 2007, n. 13 Organizzazione del Lazio L.R. 27/11/2013, n. 8 Disposizioni di semplificazione relative alle strutture ricettive. Modifiche alla legge regionale 6 agosto 2007, n. 13, concernente l'organizzazione del sistema turistico laziale

Dettagli

46 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n )

46 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n ) LGBZ Current Ed. NORME COSTITUZIONALI p. 1/7 46 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305 1) Norme di attuazione dello statuto speciale per la Regione Trentino-Alto Adige per l'istituzione

Dettagli

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Allegato alla deliberazione consiliare n. 5 dd. 09/03/2010 IL SEGRETARIO GENERALE dott. Diego Viviani Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Articoli: Art. 1 Fonti normative e definizioni

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 25/10/2011 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 25/10/

Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 25/10/2011 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 25/10/ Bollettino Ufficiale n. 43/I-II del 25/10/2011 / Amtsblatt Nr. 43/I-II vom 25/10/2011 38 77486 Decreti - Parte 1 - Anno 2011 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 13 settembre

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Legge regionale 30 dicembre 2014, n. 24. Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 19 e 14 luglio 2009, n. 20 e abrogazione della legge regionale 25 maggio 2001,

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 9 gennaio 2008, n. 23 (in GU 15 febbraio 2008, n. 39)

Decreto del Presidente della Repubblica 9 gennaio 2008, n. 23 (in GU 15 febbraio 2008, n. 39) Decreto del Presidente della Repubblica 9 gennaio 2008, n. 23 (in GU 15 febbraio 2008, n. 39) Regolamento recante norme in materia di convenzioni con le scuole primarie paritarie ai sensi dell'articolo

Dettagli

REGIONE MARCHE - Legge regionale 15 novembre 2010, n. 16: Assestamento del Bilancio (B.U.R.M. 10 novembre 2010, n. 101 Suppl. n.

REGIONE MARCHE - Legge regionale 15 novembre 2010, n. 16: Assestamento del Bilancio (B.U.R.M. 10 novembre 2010, n. 101 Suppl. n. REGIONE MARCHE - Legge regionale 15 novembre 2010, n. 16: Assestamento del Bilancio 2010. (B.U.R.M. 10 novembre 2010, n. 101 Suppl. n. 9) (Omissis) Art. 24 (Modifiche alla L.R. 27/2009) 1. La lettera c)

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte prima - N. 2 Anno 42 10 febbraio 2011 N. 24 REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

DICHIARAZIONE ATTESTANTE IL POSSESSO DEI REQUISITI PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO ALL INGROSSO

DICHIARAZIONE ATTESTANTE IL POSSESSO DEI REQUISITI PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO ALL INGROSSO ZIONE ATTESTANTE IL POSSESSO DEI REQUISITI PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO ALL INGROSSO Presentata in allegato al modello 1 Il sottoscritto, nato a Prov. il e residente in Via, n., C.F. in qualita di 0 titolare

Dettagli

CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA.

CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA. CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA. ^^^^^^^ APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 68 DELL'11.7.2000 1 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE , : D.G.R.

REGIONE PIEMONTE , : D.G.R. REGIONE PIEMONTE - Deliberazione della Giunta Regionale 9 maggio 2011, n. 13-1999: D.G.R. n. 20-380 del 26 luglio 2010: "Legge regionale 12 novembre 1999, n. 28, Art. 11 e s.m.i.. Disposizioni sul commercio

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 21 Decreti - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA n. 21-23/Leg. del 12/10/2009 Regolamento di attuazione dell articolo 43 della legge provinciale 10 settembre

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina delle attività di: - barbiere - parrucchiere per uomo e donna - estetista

Regolamento comunale per la disciplina delle attività di: - barbiere - parrucchiere per uomo e donna - estetista COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Via Doccia n. 64, 41056 Savignano sul Panaro (MO) COPIA Regolamento comunale per la disciplina delle attività di: - barbiere - parrucchiere per uomo e

Dettagli

REGIONE CALABRIA REGOLAMENTO REGIONALE. Esercizio dei poteri sostitutivi della Regione Calabria in materia urbanistica ed edilizia.

REGIONE CALABRIA REGOLAMENTO REGIONALE. Esercizio dei poteri sostitutivi della Regione Calabria in materia urbanistica ed edilizia. REGIONE CALABRIA REGOLAMENTO REGIONALE Esercizio dei poteri sostitutivi della Regione Calabria in materia urbanistica ed edilizia. Approvato dalla Giunta regionale nella seduta del 5 maggio 2017 Si assegna

Dettagli

COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI NEI MERCATI DI BIBBIANO E BARCO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto il decreto legislativo

Dettagli

DPR 14 Maggio 2007, n. 78 1

DPR 14 Maggio 2007, n. 78 1 DPR 14 Maggio 2007, n. 78 1 Regolamento per il riordino degli organismi operanti presso il Ministero dello sviluppo economico, a norma dell'articolo 29 del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre 1941, n. 1442, in attuazione degli articoli 76 e 80

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N.14 DEL 10 MARZO 1999

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N.14 DEL 10 MARZO 1999 REGOLAMENTO REGIONALE 1 MARZO 1999, N. 2. «Disciplina delle Associazioni turistiche Pro-Loco». BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N.14 DEL 10 MARZO 1999 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE

Dettagli

REGIONE TOSCANA. (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 56 del 22 ottobre 2012)

REGIONE TOSCANA. (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 56 del 22 ottobre 2012) REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE 17 ottobre 2012, n. 57 Modifiche alla legge regionale 5 agosto 2009, n. 51 (Norme in materia di qualita' e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Promulga

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Promulga REGIONE PIEMONTE BU52S1 31/12/2015 Legge regionale 30 dicembre 2015, n. 29. Autorizzazione all esercizio provvisorio del bilancio della Regione Piemonte per l anno 2016 e disposizioni finanziarie. Il Consiglio

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE NORME SUL PROCEDIMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI PER APERTURA, AMPLIAMENTO, CONCENTRAZIONE E ACCORPAMENTO MEDIE STRUTTURE

Dettagli

Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino- Alto Adige

Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino- Alto Adige DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 31 agosto 1972, n. 670 Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino- Alto Adige CAPO II Funzioni della

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Disposizioni correttive di leggi tributarie vigenti, a norma dell'articolo 16 della legge 27 luglio 2000, n. 212, concernente lo statuto dei diritti del contribuente. (Pubblicato

Dettagli

Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.)

Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia agosto 2013 Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) cos è il DURC? Il DURC (Documento Unico di Regolarità

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari All.c) delib. C.C. 63 del 4.10.2013 COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari Verbale n. 23 del 02 / 10 / 2013 PARERE SU PROPOSTA DI MODIFICA APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO E DELLE TARIFFE PER L APPLICAZIONE

Dettagli

Regolamento di esecuzione concernente l'esercizio del commercio al dettaglio e all'ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17).

Regolamento di esecuzione concernente l'esercizio del commercio al dettaglio e all'ingrosso (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17). Bollettino Ufficiale n. 18/I-II del 30/04/2013 / Amtsblatt Nr. 18/I-II vom 30/04/2013 44 84201 Decreti - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 23 aprile

Dettagli

REGIONE TRENTINO ALTOADIGE LEGGE REGIONALE 5 FEBBRAIO 2013, N. 1

REGIONE TRENTINO ALTOADIGE LEGGE REGIONALE 5 FEBBRAIO 2013, N. 1 REGIONE TRENTINO ALTOADIGE LEGGE REGIONALE 5 FEBBRAIO 2013, N. 1 Modifiche alle disposizioni regionali in materia di ordinamento ed elezione degli organi dei comuni 1 CAPO I ULTERIORI MODIFICHE ALLE LEGGI

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 22 giugno 1991, n. 230

DECRETO LEGISLATIVO 22 giugno 1991, n. 230 DECRETO LEGISLATIVO 22 giugno 1991, n. 230 Approvazione della tariffa delle tasse sulle concessioni regionali ai sensi dell'art. 3 della legge 16 maggio 1970, n. 281, come sostituito dall'art. 4 della

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI PRESSO IL MERCATO TRISETTIMANALE IL DIRIGENTE

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI PRESSO IL MERCATO TRISETTIMANALE IL DIRIGENTE BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI PRESSO IL MERCATO TRISETTIMANALE IL DIRIGENTE -Visto il decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 ed in particolare l'art. 70, comma

Dettagli

Comune di Montelibretti. Piano Urbanistico Commerciale REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

Comune di Montelibretti. Piano Urbanistico Commerciale REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Comune di Montelibretti (Provincia di Roma) Piano Urbanistico Commerciale REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA ART. 1 Contenuti Il presente atto detta le norme sul procedimento

Dettagli

COMUNE SAN MARTINO DI VENEZZE

COMUNE SAN MARTINO DI VENEZZE COMUNE SAN MARTINO DI VENEZZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE INDICE Art. 1 (Fonti normative)... 3 Art. 2 (Esercizio dell'attività)... 3 Art. 3 (Autorizzazione

Dettagli

LEGGE COSTITUZIONALE 28 luglio 2016, n. 1

LEGGE COSTITUZIONALE 28 luglio 2016, n. 1 LEGGE COSTITUZIONALE 28 luglio 2016, n. 1 Modifiche allo Statuto speciale della regione Friuli-Venezia Giulia, di cui alla legge costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1, in materia di enti locali, di elettorato

Dettagli

Vigente al:

Vigente al: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 25 febbraio 2016, n. 47 Regolamento recante disposizioni per l'accertamento dell'esercizio della professione forense. (16G00056) (GU n.81 del 7-4-2016) Vigente al: 22-4-2016

Dettagli

Comune di VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di REGGIO EMILIA

Comune di VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di REGGIO EMILIA Comune di VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di REGGIO EMILIA BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI NEL MERCATO DI VEZZANO SUL CROSTOLO IL RESPONSABILE DELL AREA AFFARI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 26 Bollettino Ufficiale n. 11/I-II del 11.3.2008 - Amtsblatt Nr. 11/I-II vom 11.3.2008 [BO11080151981 A090 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 12 febbraio 2008, n. 4-111/Leg. (Registrato alla Corte

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 25 LUGLIO 1992, N. 7

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 25 LUGLIO 1992, N. 7 LEGGE REGIONALE 25 LUGLIO 1992, N. 7 Interventi di previdenza integrativa a favore delle persone autorizzate ai versamenti contributivi volontari, dei lavoratori stagionali e dei coltivatori diretti, mezzadri

Dettagli

Decreto Legislativo 26 gennaio 2007, n. 6

Decreto Legislativo 26 gennaio 2007, n. 6 Decreto Legislativo 26 gennaio 2007, n. 6 Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante il codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE Descrizione Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con

Dettagli

Modificazioni della legge provinciale sulle attività culturali 2007 in materia di piccola editoria libraria

Modificazioni della legge provinciale sulle attività culturali 2007 in materia di piccola editoria libraria Supplemento n. 1 al B.U. n. 40/I-II del 04/10/2016 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 04/10/2016 Nr. 40/I-II 0002 179270 Leggi - Parte 1 - Anno 2016 Provincia Autonoma di Trento LEGGE PROVINCIALE del 26

Dettagli

art. 1 oggetto e finalità

art. 1 oggetto e finalità Regolamento per la concessione di finanziamenti in conto capitale di cui all articolo 10, commi da 44 a 50 della legge regionale 30 dicembre 2008, n. 17 (Legge finanziaria 2009), per la realizzazione di

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 26 luglio 2012 Individuazione delle modalita di inserimento negli atti catastali della sussistenza del requisito della ruralita. (12 08730) (GU n. 185 del

Dettagli

26 novembre 1998, n /Leg.

26 novembre 1998, n /Leg. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 novembre 1998, n. 38-110/Leg. recante Norme regolamentari di attuazione del capo XV della legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10 e altre disposizioni

Dettagli

Regione Emilia-Romagna

Regione Emilia-Romagna LEGGE REGIONALE 24 MAGGIO 2013, N.4 Regione Emilia-Romagna Regolamentazione del commercio sulle aree pubbliche in forma hobbistica. Modifiche alla legge regionale 25 giugno 1999 n. 12 (Norme per la disciplina

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO Vigente al: 21-12-2013 DECRETO 3 dicembre 2013, n. 144 Regolamento recante modifica al decreto 1 agosto 2002, n. 199, concernente il «Regolamento recante modalità di accesso alla

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLE LEGGI REGIONALI N. 10/2000 E N. 66/2012 E GESTIONE TRANSITORIA DEGLI ACQUEDOTTI RURALI

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLE LEGGI REGIONALI N. 10/2000 E N. 66/2012 E GESTIONE TRANSITORIA DEGLI ACQUEDOTTI RURALI REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLE LEGGI REGIONALI N. 10/2000 E N. 66/2012 E GESTIONE TRANSITORIA DEGLI ACQUEDOTTI RURALI Approvata dal Consiglio regionale nella seduta dell 8 febbraio 2016

Dettagli

REGOLAMENTO 20 dicembre 2013, n. 9

REGOLAMENTO 20 dicembre 2013, n. 9 REGOLAMENTO 20 dicembre 2013, n. 9 Regolamento di esecuzione dell articolo 1, comma 82 e comma 83, della legge regionale del 6 maggio 2013, n. 5 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 13-11-2009 REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE

LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 13-11-2009 REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 13-11-2009 REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE Istituzione del nuovo comune di Comano Terme mediante la fusione dei comuni che hanno costituito l unione dei comuni di Bleggio Inferiore

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 16 aprile 2013, n. 6

LEGGE PROVINCIALE 16 aprile 2013, n. 6 LEGGE PROVINCIALE 16 aprile 2013, n. 6 Modificazioni della legge provinciale 20 giugno 2008, n. 7 (Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale) (b.u. 23 aprile 2013, n. 17)

Dettagli

REGIONE TOSCANA. (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 10 del 9 marzo 2016) IL CONSIGLIO REGIONALE.

REGIONE TOSCANA. (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 10 del 9 marzo 2016) IL CONSIGLIO REGIONALE. REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE 1 marzo 2016, n. 21 Riordino delle funzioni di tenuta degli albi regionali del terzo settore ai sensi della l.r. 22/2015. Modifiche alle leggi regionali 28/1993, 87/1997e

Dettagli

MODULO SE. Sede secondaria: istituzione, modifica, cancellazione. Denuncia di dati economici relativi alla sede secondaria AVVERTENZE GENERALI

MODULO SE. Sede secondaria: istituzione, modifica, cancellazione. Denuncia di dati economici relativi alla sede secondaria AVVERTENZE GENERALI MODULO SE Sede secondaria: istituzione, modifica, cancellazione. Denuncia di dati economici relativi alla sede secondaria AVVERTENZE GENERALI Soggetti utilizzatori del modulo Società di capitali, società

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184 Regolamento riguardante l'individuazione del responsabile del procedimento amministrativo e del titolare del potere sostitutivo,

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 124 della Giunta Comunale OGGETTO: INDIVIDUAZIONE SPAZI E CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEGLI STESSI PER L ESERCIZIO TEMPORANEO DI ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 3-01-1985 REGIONE CAMPANIA Modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 39 del 9 agosto 1974 - Istituzione dell' Ente regionale per lo sviluppo e la valorizzazione dell' artigianato

Dettagli

COMUNE DI BISCEGLIE Bando comunale per l assegnazione di box e panca al mercato giornaliero.

COMUNE DI BISCEGLIE Bando comunale per l assegnazione di box e panca al mercato giornaliero. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 115 del 5-10-2017 53657 COMUNE DI BISCEGLIE Bando comunale per l assegnazione di box e panca al mercato giornaliero. BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

Decreto Leg.vo 26 marzo 2001, n 151:

Decreto Leg.vo 26 marzo 2001, n 151: Decreto Leg.vo 26 marzo 2001, n 151: Indennità di maternità per le libere professioniste 1. Indennità di maternità per le libere professioniste 2. Termini e modalità della domanda 3. Adozioni e affidamenti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 22 gennaio 2016, n. 10

DECRETO LEGISLATIVO 22 gennaio 2016, n. 10 DECRETO LEGISLATIVO 22 gennaio 2016, n. 10 Modifica e abrogazione di disposizioni di legge che prevedono l'adozione di provvedimenti non legislativi di attuazione, a norma dell'articolo 21 della legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 31 DEL 30 NOVEMBRE 2012 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI SPESA SANITARIA IL CONSIGLIO REGIONALE. Ha approvato

LEGGE REGIONALE N. 31 DEL 30 NOVEMBRE 2012 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI SPESA SANITARIA IL CONSIGLIO REGIONALE. Ha approvato LEGGE REGIONALE N. 31 DEL 30 NOVEMBRE 2012 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI SPESA SANITARIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: Art. 1

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 195 del 23/06/2003 Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, per l'individuazione delle capacita' e dei requisiti professionali richiesti agli addetti ed ai responsabili

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Borgosatollo Provincia di Brescia COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO AUTORIZZATIVO approvato con Delibera di C.C. n.33 del 03/10/2000 Art. 1 AMBITO

Dettagli

Vista la legge 7 aprile 2014, n. 56 (Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni);

Vista la legge 7 aprile 2014, n. 56 (Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni); Legge Regionale 1 marzo 2016 n. 21 Riordino delle funzioni di tenuta degli albi regionali del terzo settore ai sensi della L.R. 22/2015. Modifiche alle leggi regionali 28/1993, 87/1997 e (Toscana, BUR

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Il sottoscritto nato a prov. il residente in ( ) Via n. C.F. tel. cell. Cittadinanza

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Il sottoscritto nato a prov. il residente in ( ) Via n. C.F. tel. cell. Cittadinanza Spazio riservato al protocollo AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI FRASCATI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' per SUBINGRESSO nella titolarità o nella gestione dell'azienda o nel ramo d'azienda di

Dettagli

COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE

COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE Approvato con delibera C.C. n. 61 del 30.09.2002 Modificato con delibera C.C. n. 11 del 27.03.2009 Modificato con delibera

Dettagli

Attività di vendita Commercio in forma itinerante

Attività di vendita Commercio in forma itinerante Attività di vendita Commercio in forma itinerante Descrizione In questa tipologia sono comprese tutte le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande effettuate in forma

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 LEGGE REGIONALE 1 marzo 2016, n. 21

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 LEGGE REGIONALE 1 marzo 2016, n. 21 28 9.3.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 LEGGE REGIONALE 1 marzo 2016, n. 21 Riordino delle funzioni di tenuta degli albi regionali del terzo settore ai sensi della l.r. 22/2015.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 18 novembre 1988, n. 37

LEGGE PROVINCIALE 18 novembre 1988, n. 37 LEGGE PROVINCIALE 18 novembre 1988, n. 37 Istituzione del Centro servizi culturali S. Chiara (b.u. 29 novembre 1988, n. 54) Art. 1 Finalità e compiti 1. Allo scopo di realizzare la gestione coordinata

Dettagli

UNIONE COMUNITA COLLINARE BETLEMME

UNIONE COMUNITA COLLINARE BETLEMME UNIONE COMUNITA COLLINARE BETLEMME PIAZZA AUSTRALIA,5 15030 CONZANO C.F.01994480067-Tel.0142/925132-Fax 0142/925734 e-mail:comune@comune.conzano.al.it SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Settore/servizio

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 13 febbraio 2014, n. 12. Attuazione della direttiva 2011/51/UE, che modifica la direttiva

DECRETO LEGISLATIVO 13 febbraio 2014, n. 12. Attuazione della direttiva 2011/51/UE, che modifica la direttiva DECRETO LEGISLATIVO 13 febbraio 2014, n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE, che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estenderne l'ambito di applicazione ai beneficiari di protezione

Dettagli

G.U. 2 luglio 2002, n. 153 IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

G.U. 2 luglio 2002, n. 153 IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Decreto 17 maggio 2002, n. 127 Regolamento recante disciplina delle modalità di pagamento dell'imposta di bollo dovuta sulle domande, le denunce e gli atti che le accompagnano, presentate all'ufficio del

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ai sensi dell art. 19 Legge 7 agosto 1990 n. 241 come modificato dalla Legge 30 luglio 2010 n.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ai sensi dell art. 19 Legge 7 agosto 1990 n. 241 come modificato dalla Legge 30 luglio 2010 n. ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANREMO PEC: suap.comune.sanremo@legalmail.it SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ai sensi dell art. 19 Legge 7 agosto 1990 n. 241 come modificato

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI NEI MERCATI DI LUZZARA E VILLAROTTA

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI NEI MERCATI DI LUZZARA E VILLAROTTA BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONCESSIONI IN SCADENZA DEI POSTEGGI NEI MERCATI DI LUZZARA E VILLAROTTA Comune di Luzzara Provincia di Reggio Emilia IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto il decreto

Dettagli

La competente Commissione Consiliare in sede legislativa, ai sensi degli articoli 30 e 46 dello Statuto, ha approvato.

La competente Commissione Consiliare in sede legislativa, ai sensi degli articoli 30 e 46 dello Statuto, ha approvato. REGIONE PIEMONTE BU4329/10/2015 Legge regionale 26 ottobre 2015, n. 22. Modifica alla legge regionale 24 gennaio 1995, n. 10 (Ordinamento, organizzazione e funzionamento delle Aziende Sanitarie Regionali).

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11. Disposizioni in materia di enti locali 1

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11. Disposizioni in materia di enti locali 1 LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11 Disposizioni in materia di enti locali 1 TITOLO I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ELEZIONI DEGLI ORGANI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI Art. 1 (Modifiche alla legge regionale

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DECRETO 16 febbraio 2012, n. 51 Regolamento recante disposizioni in materia di tutela della salute e della sicurezza degli uffici all'estero ai sensi dell'articolo 3, comma

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MODIFICA E ABROGAZIONE DI DISPOSIZIONI DI LEGGE CHE PREVEDONO L'ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI NON LEGISLATIVI DI ATTUAZIONE, A NORMA DELL'ARTICOLO 21 DELLA LEGGE 7 AGOSTO

Dettagli

Residente/con sede in via/piazza n. In via/piazza n. CAP

Residente/con sede in via/piazza n. In via/piazza n. CAP pag. 1 di 3 Modulistica unificata SPAZIO RISERVATO AL COMUNE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO TEMPORANEA (legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 Decreto del Presidente

Dettagli

IL DURC NEL SETTORE COMMERCIO SCHEDA COMPARATIVA DEI TESTI

IL DURC NEL SETTORE COMMERCIO SCHEDA COMPARATIVA DEI TESTI IL DURC NEL SETTORE COMMERCIO SCHEDA COMPARATIVA DEI TESTI D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114: Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo

Dettagli

3) Sul piano economico, viene prevista, in via derogatoria, la possibilità di un anticipazione sul compenso previsto per l appalto di lavori.

3) Sul piano economico, viene prevista, in via derogatoria, la possibilità di un anticipazione sul compenso previsto per l appalto di lavori. Nell ambito dell attività di assistenza in tema di contratti pubblici, si segnalano recenti novità normative introdotte dalla legge n. 98 del 9 agosto 2013 (pubblicata in GU in data 20 agosto 2013), di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 giugno 1999, n.250. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 179 del

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 giugno 1999, n.250. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 179 del DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 giugno 1999, n.250 Regolamento recante norme per l'autorizzazione alla installazione e all'esercizio di impianti per la rilevazione degli accessi di veicoli ai

Dettagli