CA Process Automation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CA Process Automation"

Transcript

1 CA Process Automation Guida all'installazione Release

2 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come "Documentazione"), viene fornita all'utente finale a scopo puramente informativo e può essere modificata o ritirata da CA in qualsiasi momento. Questa Documentazione è di proprietà di CA non può essere copiata, trasmessa, riprodotta, divulgata, modificata o duplicata, per intero o in parte, senza la preventiva autorizzazione scritta di CA. Fermo restando quanto enunciato sopra, se l'utente dispone di una licenza per l'utilizzo dei software a cui fa riferimento la Documentazione avrà diritto ad effettuare copie della suddetta Documentazione in un numero ragionevole per uso personale e dei propri impiegati, a condizione che su ogni copia riprodotta siano apposti tutti gli avvisi e le note sul copyright di CA. Il diritto a stampare copie della presente Documentazione è limitato al periodo di validità della licenza per il prodotto. Qualora e per qualunque motivo la licenza dovesse cessare o giungere a scadenza, l'utente avrà la responsabilità di certificare a CA per iscritto che tutte le copie anche parziali del prodotto sono state restituite a CA o distrutte. NEI LIMITI CONSENTITI DALLA LEGGE VIGENTE, LA DOCUMENTAZIONE VIENE FORNITA "COSÌ COM'È" SENZA GARANZIE DI ALCUN TIPO, INCLUSE, IN VIA ESEMPLIFICATIVA, LE GARANZIE IMPLICITE DI COMMERCIABILITÀ, IDONEITÀ A UN DETERMINATO SCOPO O DI NON VIOLAZIONE DEI DIRITTI ALTRUI. IN NESSUN CASO CA SARÀ RITENUTA RESPONSABILE DA PARTE DELL'UTENTE FINALE O DA TERZE PARTI PER PERDITE O DANNI, DIRETTI O INDIRETTI, DERIVANTI DALL'UTILIZZO DELLA DOCUMENTAZIONE, INCLUSI, IN VIA ESEMPLICATIVA E NON ESAUSTIVA, PERDITE DI PROFITTI, INTERRUZIONI DELL'ATTIVITÀ, PERDITA DEL GOODWILL O DI DATI, ANCHE NEL CASO IN CUI CA VENGA ESPRESSAMENTE INFORMATA IN ANTICIPO DI TALI PERDITE O DANNI. L'utilizzo di qualsiasi altro prodotto software citato nella Documentazione è soggetto ai termini di cui al contratto di licenza applicabile, il quale non viene in alcun modo modificato dalle previsioni del presente avviso. Il produttore di questa Documentazione è CA. Questa Documentazione è fornita con "Diritti limitati". L'uso, la duplicazione o la divulgazione da parte del governo degli Stati Uniti è soggetto alle restrizioni elencate nella normativa FAR, sezioni , e (c)(1) - (2) e nella normativa DFARS, sezione (b)(3), se applicabile, o successive. Copyright 2013 CA. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi, i nomi commerciali, i marchi di servizio e i loghi citati nel presente documento sono di proprietà delle rispettive società. Contattare il servizio di Supporto tecnico Per l'assistenza tecnica in linea e un elenco completo delle sedi, degli orari del servizio di assistenza e dei numeri di telefono, contattare il Supporto tecnico visitando il sito Web all'indirizzo

3 Modifiche apportate alla documentazione I seguenti aggiornamenti sono stati apportati alla documentazione nel tempo trascorso dall'ultimo rilascio della documentazione: Quale azione si desidera eseguire? (a pagina 13): questo argomento esistente ha un nuovo titolo e comprende una serie di collegamenti alle varie attività di installazione. Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation (a pagina 15): questo nuovo capitolo descrive ogni componente, a partire da quelli necessari per la configurazione di un sistema semplice. Sistema di CA Process Automation semplice (a pagina 15) Sistema di CA Process Automation standard (a pagina 17) Sistema di CA Process Automation cluster (a pagina 19) Associazioni di database tipiche (a pagina 20) Gli argomenti seguenti sono stati aggiornati per indicare che l'unica versione di JDK supportata da CA Process Automation Release 4.2 è JDK 1.7. Questo requisito si applica solo agli orchestrator. CA Process Automation supporta la versione Java 6 di JRE (fino a JRE 1.6.0_45) per gli agenti. Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation (a pagina 28) Prerequisiti del JDK (a pagina 74) Considerazioni relative al database durante l'aggiornamento da CA IT PAM 2.x a CA Process Automation Release 4.2. Aggiornamento a JDK versione 1.7. Aggiornamento a CA Process Automation Release 4.2 Linee guida per specificare il nome del server di database per SQL Server (a pagina 72): questo nuovo argomento spiega che è possibile ospitare un database di CA Process Automation su un'istanza denominata di SQL Server. Privilegi del titolare del database (a pagina 74): questo argomento esistente è stato corretto per includere i diritti applicabili sulle visualizzazioni. Installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 94): questo argomento esistente è stato aggiornato con le nuove pagine aggiunte alla procedura guidata di installazione per questo rilascio. Installazione interattiva di un agente (a pagina 172): questo argomento esistente è stato aggiornato per descrivere la nuova casella di controllo che specifica se l'agente deve utilizzare la comunicazione semplificata su porte di Internet standard (valore predefinito) o la comunicazione obsoleta sulla porta 7003.

4 Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM (a pagina 163): questo nuovo argomento descrive la procedura per aggiornare un sistema CA Process Automation Release 4.2 esistente contemporaneamente all'aggiornamento della versione di rilascio di CA EEM o alla generazione di nuovi certificati con lunghezze di chiave maggiori. Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation (a pagina 158): questo nuovo argomento fornisce la procedura di installazione da seguire se l'amministratore di CA EEM rigenera i certificati con le chiavi a 2048 o a 4096 bit dopo l'installazione di CA Process Automation con CA EEM r Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 (a pagina 51): questa sezione esistente è stata aggiornata per contemplare le nuove modifiche per il supporto della comunicazione semplificata e la rimozione dei riferimenti al nodo primario. Sono state apportate altre modifiche per migliorare l'utilizzabilità. Utilità di bilanciamento del carico NGINX (a pagina 33): questa nuova sezione descrive la procedura per configurare l'utilità di bilanciamento del carico NGINX, in grado di supportare la comunicazione semplificata. Questa utilità di bilanciamento del carico può sostituire Apache, che supporta soltanto la comunicazione obsoleta. Informazioni sulla comunicazione degli agenti (a pagina 154): questo nuovo argomento descrive il nuovo metodo di comunicazione semplificata.

5 Aggiornamento di CA Process Automation (a pagina 138): questo nuovo scenario è stato aggiunto al capitolo Aggiornamento al rilascio corrente. Esecuzione di backup e preparazione dell'interruzione (a pagina 139): questo nuovo argomento prende spunto da un'esperienza sul campo con l'aggiornamento di un cliente. Esecuzione delle attività preliminari all'aggiornamento (a pagina 140) Aggiornamento dell'orchestrator di dominio (a pagina 141) Aggiornamento di un orchestrator non cluster (a pagina 145) Aggiornamento di un nodo cluster (a pagina 148) Esecuzione delle attività post-aggiornamento (a pagina 151): questo nuovo argomento comprende delle linee guida tratte dall'esperienza sul campo con l'aggiornamento di un cliente. Verifica dei processi con gli orchestrator aggiornati (a pagina 152) Cambio delle utilità di bilanciamento del carico da Apache a NGINX (a pagina 152) Aggiornamento dei pool F5, definizione di irule e configurazione (a pagina 153) Configurazione degli agenti per l'utilizzo della comunicazione semplificata (a pagina 153) Verifica dei processi con la comunicazione semplificata (a pagina 155) Esempi di aggiornamento: questa nuova appendice include: Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster da 4.1 sp01 al rilascio 4.2 (a pagina 284): questo nuovo argomento comprende le schermate specifiche dello scenario di aggiornamento. Esempio: Aggiornamento di un nodo dell'orchestrator di dominio da 3.1 sp01 al rilascio 4.2 (a pagina 275): questo nuovo argomento comprende le schermate specifiche dello scenario di aggiornamento. Esempio: Aggiornamento di un ulteriore nodo dell'orchestrator di dominio da 3.1 sp01 al rilascio 4.2 (a pagina 281): questo nuovo argomento comprende le schermate specifiche dello scenario di aggiornamento. Porte utilizzate da CA Process Automation (a pagina 221): in questa nuova appendice sono elencate le porte usate dai componenti di un sistema tipico di CA Process Automation.

6

7 Sommario Capitolo 1: Quale azione si desidera eseguire? 13 Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation 15 Sistema di CA Process Automation semplice Sistema di CA Process Automation standard Sistema di CA Process Automation cluster Opzioni di configurazione avanzate Esempio: Modalità dei touchpoint di abilitare la portabilità di contenuto Download del bookshelf di CA Process Automation senza accesso a Internet Capitolo 3: Supporto della piattaforma e requisiti hardware 27 Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation Requisiti hardware Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 33 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Prerequisiti Comunicazione di base Comunicazione protetta Configurazione REST Generazione di file di certificato SSL Prerequisiti per il bilanciamento del carico F Creazione di un nodo F5 per ciascun nodo cluster Creazione di due pool F5 per ciascun cluster di CA Process Automation Creazione di un irule F5 per CA Process Automation Creazione di un server virtuale F5 per CA Process Automation Configurazione di F5 per l'utilizzo della comunicazione semplificata con HTTPS Preparazione dell'utilità di bilanciamento del carico F5 per la verifica della comunicazione (esempio) Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 63 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Progettazione delle posizioni dei componenti di supporto Prerequisiti server di database Sommario 7

8 Prerequisiti del JDK Prerequisiti di CA EEM Prerequisiti di pianificazione delle porte Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Installazione del prodotto software di terze parti Installazione dell'orchestrator di dominio Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica Creazione di un file di risposta Esecuzione o modifica del file di script per l'installazione invisibile all'utente Considerazioni sull'aggiornamento (installazione in modalità invisibile all'utente) Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Accesso a CA Process Automation come amministratore predefinito Rendere il bookshelf disponibile per gli utenti senza accesso a Internet Configurazione dei firewall per la comunicazione bidirezionale Installazione dei driver per gli operatori di database Abilitazione dell'autenticazione pass-through NTLM dopo l'installazione Interazione con la configurazione desktop Configurazione di CA EEM per consentire agli utenti di riferimento di accedere con il nome del proprio indirizzo di posta elettronica Prerequisiti di sincronizzazione temporale Installazione di patch e connettori con CA Process Automation Modifica della configurazione del server di database Oracle per l'utilizzo di un RAC Oracle Interruzione dell'orchestrator Avvio dell'orchestrator Disinstallazione dell'orchestrator di dominio Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 137 Aggiornamento di CA Process Automation Esecuzione di backup e preparazione dell'interruzione Esecuzione delle attività preliminari all'aggiornamento Aggiornamento dell'orchestrator di dominio Aggiornamento di un orchestrator non cluster Aggiornamento di un nodo cluster Esecuzione delle attività post-aggiornamento Verifica dei processi con gli orchestrator aggiornati Cambio delle utilità di bilanciamento del carico da Apache a NGINX Aggiornamento dei pool F5, definizione di irule e configurazione Configurazione degli agenti per l'utilizzo della comunicazione semplificata Informazioni sulla comunicazione degli agenti Verifica dei processi con la comunicazione semplificata Guida all'installazione

9 Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente 157 Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM Abilitazione delle comunicazioni protette per CA Process Automation Capitolo 8: Installazione di agenti 169 Prerequisiti per l'installazione degli agenti Identificazione degli host che richiedono agenti Verifica dei prerequisiti Java per agenti Determinazione della disponibilità delle porte per gli agenti Accesso a CA Process Automation Installazione interattiva di un agente Esecuzione dell'installazione dell'agente in modalità automatica Attività post-installazione per gli agenti Risoluzione del conflitto sulla porta per un agente Configurazione di agenti da eseguire come utente con privilegi limitati standard Come avviare o arrestare un agente Capitolo 9: Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio 183 Prerequisiti all'installazione di un nodo cluster per l'orchestrator di dominio Installare un nodo cluster per l'orchestrator di dominio Sincronizzazione temporale per un nodo cluster Capitolo 10: Installazione di un orchestrator aggiuntivo 191 Prerequisiti per installare un orchestrator Installazione di un orchestrator Attività post-installazione per un orchestrator Capitolo 11: Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo 201 Prerequisiti per installare un nodo cluster per un orchestrator Installazione di un nodo cluster per un orchestrator Sincronizzazione temporale per un nodo cluster Capitolo 12: Ottimizzazione di CA Process Automation 209 Procedura per migliorare le prestazioni di CA Process Automation Sommario 9

10 Appendice A: Utilizzo di SiteMinder con CA Process Automation 213 Prerequisiti di CA SiteMinder Configurazione degli oggetti del server dei criteri CA SiteMinder Integrazione di CA Process Automation all'iis per l'sso Configurazione di IIS per il reindirizzamento a Tomcat Integrazione di CA Process Automation ad Apache per SSO Abilitazione della disconnessione in CA Process Automation per SSO Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 221 Comunicazione in un'architettura tipica Porte utilizzate da CA EEM Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico Porte utilizzate da un orchestrator Porte utilizzate da un agente Porte utilizzate dai server di database Porte utilizzate dai client Web Appendice C: Gestione del nome DNS dell'orchestrator o dell'indirizzo IP 241 Gestione degli indirizzi IP Risoluzione di caratteri non validi nel nome DNS di CA Process Automation Abilitazione DNS per la risoluzione di un nome host non valido Gestione del nome host DNS Sintassi per nomi host del DNS Appendice D: Risoluzione dei problemi 245 Errori di installazione di CA Process Automation Problema potenziale quando si esegue CA Process Automation su un server VMWare mediante l'interfaccia di rete E Bug di Oracle n Limiti in Internet Explorer Installazione di CA Process Automation su ambienti di rete a doppio stack (IPv4 e IPv6) Prestazioni ridotte con MySQL Impossibile creare database di runtime Impossibile eseguire gli operatori Esegui script o Esegui programma su RHEL Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 255 Prerequisiti per il bilanciamento del carico di Apache Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows Configurazione di base (Windows) Guida all'installazione

11 Configurazione protetta (Windows) Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows Configurazione di base (non Windows) Configurazione protetta (non Windows) Appendice F: Esempi di aggiornamento 275 Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows Esempio: Aggiornamento un altro nodo dell'orchestrator di dominio dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su Windows Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows Aggiornamento da un rilascio precedente al 3.1 SP Sommario 11

12

13 Capitolo 1: Quale azione si desidera eseguire? Prima installazione di CA Process Automation Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation (a pagina 15). Supporto della piattaforma e requisiti hardware (a pagina 27). Installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 63). Aggiornamento di CA Process Automation da un rilascio precedente (a pagina 137) Aggiornamento del rilascio corrente di CA Process Automation a: Utilizzo di domini di Active Directory multipli. (a pagina 163) (dopo l'aggiornamento di CA EEM a 12.5) Utilizzo dei nuovi certificati di CA EEM 12.5 (a pagina 158) (con CA EEM 12.5 esistente) Abilitazione della comunicazione protetta (HTTPS) (a pagina 167) Utilizzo di un indirizzo IP del nuovo host (a pagina 241) Installazione di un agente (a pagina 169). Creazione del sistema Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster (a pagina 33) Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio (a pagina 183). Installazione di un orchestrator aggiuntivo (a pagina 191). Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo (a pagina 201). Risoluzione dei problemi (a pagina 245) Utilizzo di CA SiteMinder con CA Process Automation (a pagina 213) Capitolo 1: Quale azione si desidera eseguire? 13

14

15 Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Sistema di CA Process Automation semplice (a pagina 15) Sistema di CA Process Automation standard (a pagina 17) Sistema di CA Process Automation cluster (a pagina 19) Opzioni di configurazione avanzate (a pagina 20) Esempio: Modalità dei touchpoint di abilitare la portabilità di contenuto (a pagina 23) Download del bookshelf di CA Process Automation senza accesso a Internet (a pagina 25) Sistema di CA Process Automation semplice Un sistema di CA Process Automation semplice include tre componenti: l'orchestrator di dominio, un server di database e CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM). Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation 15

16 Sistema di CA Process Automation semplice Orchestrator di dominio Gli orchestrator sono server di CA Process Automation. Gli utenti si connettono a un orchestrator per progettare e verificare i processi, eseguire i processi e configurare il sistema di CA Process Automation in vari modi. Ogni sistema di CA Process Automation comprende un orchestrator di dominio e anche uno o più orchestrator non di dominio. Una distribuzione semplice presenta un solo orchestrator di dominio. Server di database Durante l'installazione dell'orchestrator di dominio, identificare il server di database su cui creare i tre database di CA Process Automation. Nel database di libreria si archivia il contenuto di automazione creato, tra cui processi, set di dati e moduli. Nel database di runtime si archiviano le informazioni sullo stato delle istanze di processo eseguite o in corso di esecuzione. Nel database di reporting si archiviano le informazioni sulle istanze di processo eseguite in un formato adatto all'esecuzione di report. CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM) Durante l'installazione dell'orchestrator di dominio, registrare l'applicazione di CA Process Automation con CA EEM. È possibile utilizzare una singola istanza di CA EEM con più prodotti di CA Technologies per gestire un'unica posizione le identità dell'utente e le autorizzazioni per ciascuna applicazione. CA EEM permette l'autenticazione degli utenti di CA Process Automation. CA EEM esegue la corrispondenza delle credenziali immesse dagli utenti all'accesso con le credenziali degli utenti di CA Process Automation noti. Tutte le credenziali valide vengono definite direttamente in CA EEM o, più di frequente, utilizzate come riferimento con CA EEM da uno o più repository LDAP come Microsoft Active Directory. CA EEM gestisce anche i livelli di autorizzazione per gli utenti di CA Process Automation. In CA EEM le autorizzazioni vengono assegnate a ciascun account utente dopo l'installazione di CA Process Automation in modo da fornire all'utente le autorizzazioni pertinenti all'interno dell'applicazione di CA Process Automation. 16 Guida all'installazione

17 Sistema di CA Process Automation standard Sistema di CA Process Automation standard Molte distribuzioni richiedono la possibilità di suddividere il carico di lavoro per l'esecuzione su host diversi dall'orchestrator di dominio. È possibile eseguire alcuni tipi di carico di lavoro su un host remoto senza agenti installati. Tuttavia, si ha una maggiore funzionalità quando sull'host di destinazione è installato un agente di CA Process Automation. Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation 17

18 Sistema di CA Process Automation standard Agenti Ogni istanza di processo comprende uno o più operatori. Ciascun operatore viene impostato per l'esecuzione su un host specifico, servendosi direttamente o indirettamente del concetto di touchpoint. Attraverso la configurazione di sistema viene eseguito il mapping di ciascun touchpoint su un host specifico. È possibile eseguire il mapping di un nome di touchpoint identico su host diversi in domini o ambienti diversi di CA Process Automation. Di conseguenza, i touchpoint consentono la distribuzione invariata dello stesso contenuto di processo in domini o ambienti di CA Process Automation differenti. I touchpoint possono essere mappati su un orchestrator di CA Process Automation o un agente di CA Process Automation. I touchpoint proxy vengono mappati su un host remoto senza un'applicazione CA Process Automation installata. Gli orchestrator possono distribuire il carico di lavoro su un host remoto mediante una connessione SSH diretta o tramite un agente, che a sua volta si connette all'host remoto in modalità SSH. Come un touchpoint, un touchpoint proxy è un'entità logica. È possibile utilizzare il nome del touchpoint proxy nella finestra di progettazione del processo per specificare la destinazione di esecuzione di un operatore. Mentre un touchpoint viene definito e mappato su un agente specifico tramite la configurazione di ambiente, un touchpoint proxy viene mappato su un host remoto specifico privo di agenti. Ciascun host remoto privo di agenti (mappato su un touchpoint proxy) viene gestito da un agente installato su un host diverso. Quando un orchestrator distribuisce il lavoro che ha come destinazione un touchpoint proxy, lo invia all'agente che gestisce l'host remoto. Tale agente a sua volta stabilisce una sessione SSH con l'host remoto per eseguire il lavoro. Di conseguenza, l'attività primaria di un agente di CA Process Automation consiste nell'esecuzione del carico di lavoro sull'host di installazione. Inoltre, gli agenti possono agire da gateway attraverso il quale il carico di lavoro viene distribuito su host remoti dove non è possibile installare un agente. 18 Guida all'installazione

19 Sistema di CA Process Automation cluster Sistema di CA Process Automation cluster Molte installazioni distribuiscono un orchestrator di dominio cluster ai fini di un'elevata disponibilità e scalabilità della distribuzione. Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation 19

20 Opzioni di configurazione avanzate Orchestrator cluster Un orchestrator cluster comprende due o più nodi. Nelle operazioni standard, il carico di lavoro viene condiviso tra i vari nodi dell'orchestrator. È possibile aggiungere altri nodi per distribuire la funzionalità dell'orchestrator in modo appropriato. In caso di errore di un nodo dell'orchestrator, gli altri nodi svolgono le relative funzioni fino al suo recupero, garantendo un'elevata disponibilità. Ciascun nodo dell'orchestrator è installato su un host diverso. Installare e aggiornare ciascun nodo separatamente. Nota: Se in precedenza è stato installato un orchestrator inizialmente in una configurazione standalone, è necessario ripetere la procedura guidata di installazione per riconfigurarlo come nodo di un orchestrator cluster. Utilità di bilanciamento del carico CA Process Automation supporta utilità di bilanciamento del carico hardware e software, ad esempio: F5 NGINX Apache (con limiti di funzionamento) Nota: L'utilità di bilanciamento del carico di Apache viene supportata per la comunicazione tra gli agenti aggiornati e un orchestrator cluster. Tuttavia, l'utilità di bilanciamento del carico di Apache non supporta il protocollo richiesto dal meccanismo di comunicazione semplificata. È possibile continuare a utilizzare il modello di comunicazione obsoleta con Apache, ma se si prevede di effettuare la distribuzione con un'utilità di bilanciamento del carico software, si consiglia vivamente di utilizzare NGINX. CA EEM ad alta disponibilità È possibile configurare CA EEM con un nodo di failover per le distribuzioni che richiedono una configurazione completa ad alta disponibilità. Opzioni di configurazione avanzate Orchestrator non di dominio È possibile suddividere il carico di lavoro di automazione mediante la distribuzione su altri orchestrator. Come per gli orchestrator di dominio, è possibile creare cluster di orchestrator non di dominio. Considerare il caso in cui è necessario impostare un determinato carico di lavoro per l'esecuzione in un datacenter particolare o una zona geografica specifica e il sistema di CA Process Automation richiede una configurazione diversa in ciascuna posizione. Si potrebbe distribuire un orchestrator in ogni datacenter e utilizzare la configurazione a livello di orchestrator per sostituire la configurazione di livello di dominio in modo appropriato. 20 Guida all'installazione

21 Opzioni di configurazione avanzate Ambienti Una distribuzione standard comprende un dominio e un singolo ambiente, l'ambiente predefinito. È possibile suddividere un dominio di CA Process Automation in più ambienti. È possibile quindi adeguare vari aspetti della configurazione di dominio a ciascun ambiente. Ad esempio, con più ambienti è possibile configurare un aspetto in un modo nel contesto di sviluppo dei contenuti e in un altro modo nel contesto di test o di produzione. Ogni ambiente può avere la propria libreria in modo da poter disporre di versioni eventualmente diverse dei contenuti nei vari ambienti. Inoltre, il carico di lavoro viene suddiviso negli ambienti. Ogni orchestrator dato viene associato a un ambiente. L'ambiente predefinito comprende l'orchestrator di dominio e può avere uno o più orchestrator non di dominio. Tutti gli altri ambienti hanno uno o più orchestrator non di dominio. Ciascun orchestrator di dominio e non di dominio può essere cluster (con più nodi) o non cluster (con un nodo singolo). Gli ambienti consentono anche di suddividere il carico di lavoro con un contesto di produzione. Ad esempio, un provider di servizi effettua la distribuzione di un ambiente per cliente. Questa configurazione permette di eseguire lo stesso contenuto di automazione standard nei vari ambienti il cui carico di lavoro è suddiviso. Questi ambienti su cui è in esecuzione lo stesso contenuto sono configurati in modo diverso e possono trovarsi in zone geografiche differenti. Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation 21

22 Opzioni di configurazione avanzate Implicazioni dell'aggiunta di ambienti e orchestrator non di dominio per i database È possibile assegnare in modo flessibile la condivisione dei database tra gli orchestrator. Le associazioni tipiche sono illustrate di seguito: Un database di reporting è condiviso da tutti gli orchestrator nel dominio. Mentre non è possibile condividere nessun database tra i domini, è possibile avere più database di reporting. Un database di libreria per ogni ambiente, dove ciascun database di libreria è condiviso da tutti gli orchestrator nello stesso ambiente. Un database di runtime per orchestrator. Questo è obbligatorio. Ciascun orchestrator autonomo (non cluster) ha il proprio database di runtime. Allo stesso modo, ciascun orchestrator cluster utilizza un database di runtime singolo. In una distribuzione semplice con un orchestrator di dominio non cluster nell'ambiente predefinito, i tre database di CA Process Automation vengono installati su un server di database. L'aggiunta di altri ambienti e l'installazione di orchestrator non di dominio aumentano notevolmente la complessità della configurazione di database richiesta. Ulteriori informazioni: Informazioni sui database di CA Process Automation (a pagina 68) 22 Guida all'installazione

23 Esempio: Modalità dei touchpoint di abilitare la portabilità di contenuto Esempio: Modalità dei touchpoint di abilitare la portabilità di contenuto Considerare una distribuzione di esempio con un dominio di test e un dominio di produzione, ognuno dei quali con il proprio server SMTP. smtptest1.myorg.com nel dominio di test smptserver.myorg.com nel dominio di produzione L'amministratore installa un agente su ciascun server SMTP e configura ogni agente con il touchpoint denominato server SMTP. Il responsabile di progettazione dei contenuti crea un processo con un operatore Send_ , in cui la destinazione di esecuzione viene impostata sul nome di touchpoint server SMTP. È possibile distribuire questo processo senza modifiche al dominio di test e al dominio di produzione. Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation 23

24 Esempio: Modalità dei touchpoint di abilitare la portabilità di contenuto Nota: Nei manuali e nella guida in linea di CA Process Automation viene descritta la procedura per realizzare la portabilità dei contenuti tra gli ambienti in un dominio singolo. 24 Guida all'installazione

25 Download del bookshelf di CA Process Automation senza accesso a Internet Download del bookshelf di CA Process Automation senza accesso a Internet In questa sezione viene descritta la procedura per il download del bookshelf di CA Process Automation senza accesso a Internet. Nota: Per avere accesso al bookshelf di CA Process Automation, è necessario scaricare il file bookshelf.zip su tutti i nodi di CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Utilizzare le credenziali di amministratore per accedere a un nodo di CA Process Automation con accesso a Internet. Viene visualizzata l'interfaccia utente di CA Process Automation. 2. Nell'interfaccia utente di CA Process Automation, fare clic sul collegamento Bookshelf dall'elenco a discesa della guida in linea, al collegamento?. Viene visualizzato il bookshelf di CA Process Automation. 3. Nella pagina del bookshelf di CA Process Automation, fare clic sul collegamento Scarica bookshelf. Viene visualizzata una finestra di dialogo in cui si richiede di salvare il file.zip. 4. Creare la cartella bookshelf nella posizione seguente: <server_loc>\c2o\.c2orepository\ 5. Creare un nome <Locale Folder Name> in base alla lingua selezionata per il bookshelf nella posizione seguente: <server_loc>\c2o\.c2orepository\bookshelf\ Nota: A seconda della lingua selezionata per il bookshelf, utilizzare il nome <Locale Folder Name> appropriato come segue: Inglese - <Locale Folder Name> è en_us Tedesco - de_de Spagnolo - es_es Francese - fr_fr Italiano - it_it Giapponese - ja_jp Portoghese - pt_br Turco - tr_tr Cinese - zh_cn 6. Aprire il file.zip e posizionare i file del bookshelf di CA Process Automation nella cartella locale seguente: Capitolo 2: Introduzione ai componenti di un sistema di CA Process Automation 25

26 Download del bookshelf di CA Process Automation senza accesso a Internet <server_loc>\c2o\.c2orepository\bookshelf\<locale Folder Name>\ bookshelf files. Ora, è possibile accedere ai file del bookshelf di CA Process Automation dalla cartella locale. 26 Guida all'installazione

27 Capitolo 3: Supporto della piattaforma e requisiti hardware Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation (a pagina 28) Requisiti hardware (a pagina 30) Capitolo 3: Supporto della piattaforma e requisiti hardware 27

28 Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation Nella tabella seguente vengono indicate le piattaforme supportate per i componenti di CA Process Automation. Nota: il supporto per il sistema operativo e il software elencati può cambiare nel tempo. Per le informazioni più recenti sul supporto della versione, consultare la sezione relativa alla compatibilità sul sito support.ca.com. Componente di CA Process Automation Sistemi operativi supportati Software richiesto Altri requisiti Orchestrator Microsoft Windows Server 2003 R2 x64 SPx, 2008 x64 SPx, 2012 x64 Solaris SPARC 10 Solaris 11 Red Hat Enterprise Linux 5 x64, 6 x64 SPx CentOS Linux 6 x64 Java Development Kit (JDK) 1.7 Nota: Anche la versione 3.4 del connettore Catalyst integrato richiede JDK 1.7. Catalyst supporta la REST API e tutti i connettori UCF. Consultare la sezione Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 63). 28 Guida all'installazione

29 Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation Componente di CA Process Automation Sistemi operativi supportati Software richiesto Altri requisiti Agente Microsoft Windows Server 2003 R2 x64 SPx, 2003 R2 x32 SPx, 2008 x64 SPx, 2012 x64 SUSE Linux Enterprise Server 10 x64, 11 x32 SPx, 11 x64 SPx Solaris SPARC 9, 10 Solaris 10 x86 x32 bit, 11 Red Hat Enterprise Linux 5 x64, 6 x32 SPx, 6 x64 SPx CentOS Linux 6 x64 AIX 6.1, 7.1 HP-UX 11i V3 (Itanium) Una delle seguenti versioni di Java Runtime Environment (JRE) supportate dal sistema operativo. Per Windows, Solaris SPARC e Linux: Oracle JRE 1.6 e 1.7. Per AIX, IBM JRE 1.6 Per HP-UX, il livello minimo è 1.6_04. HP Java 1.6 (JRE). Importante. Non utilizzare gli aggiornamenti Java 6 Runtime Environment dal 27 (1.6.0_27) al 29 (1.6.0_29). Un problema con tale versioni ha effetto sulle applicazioni, tra cui CA Process Automation, che utilizza JDBC per connettersi a Microsoft SQL Server. Nel database dei problemi di SDN questo problema è contrassegnato come problema Java 1.6 aggiornamento 45 è l'ultima versione Java 6 supportata dagli agenti di CA Process Automation. Per touchpoint proxy e gruppi host, ciascun host remoto deve eseguire un server SSHv2. Un host remoto di UNIX deve avere ksh. Server di database Per informazioni sui sistemi operativi supportati, consultare la documentazione dei fornitori. Uno dei seguenti database relazionali: MySQL r5.5 Microsoft SQL Server 2005, 2008, 2008 R2, 2012 Oracle 11g R2 Consultare la sezione Prerequisiti server di database (a pagina 67) per informazioni dettagliate sui requisiti. Per Oracle, è consigliata la versione , o successive. Capitolo 3: Supporto della piattaforma e requisiti hardware 29

30 Requisiti hardware Componente di CA Process Automation Sistemi operativi supportati Software richiesto Altri requisiti Directory server Consultare la documentazione di CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM). CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM) r8.4 SP4 o CA EEM r12.0 -r Interfaccia utente basata su browser N/D Uno dei seguenti browser: Microsoft Internet Explorer 9x, 10 Google Chrome versione 17, 18 JavaScript abilitato Adobe Flash Player Mozilla Firefox 4.x fino a 15.0 Apple Safari Nota: se si utilizza il browser Firefox o Chrome, disattivare la funzione del controllore ortografico per evitare elaborazioni superflue. Requisiti hardware La seguente tabella elenca i requisiti hardware minimi per ogni componente di CA Process Automation: Componente di CA Process Automation Hardware richiesto Orchestrator Hardware di classe server per l'esecuzione di più CPU o di CPU a più nuclei. 8 GB di RAM 40 GB di spazio libero su disco richiesti 100 Mbps per connessione di rete Nota: si consiglia una connessione di 1000 Mbps. Agente Host in grado di eseguire un sistema operativo supportato 2 GB di RAM 4 GB di spazio su disco 100 Mbps per connessione di rete 30 Guida all'installazione

31 Requisiti hardware Componente di CA Process Automation Server di database CA EEM Interfaccia utente basata su browser Hardware richiesto Consultare le specifiche del fornitore. Archiviazione aggiuntiva secondo necessità per i database ospitati. Nota: È consigliabile disporre di almeno 40 GB di spazio libero per i database. Consultare la documentazione di CA Embedded Entitlements Manager. Qualsiasi host in grado di eseguire un browser supportato. Nota: le configurazioni potrebbero essere per computer fisici e virtuali. Capitolo 3: Supporto della piattaforma e requisiti hardware 31

32

33 Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster Si consiglia di sostituire le utilità di bilanciamento del carico di Apache con le utilità di bilanciamento del carico NGINX. NGINX permette la comunicazione semplificata tra agenti e orchestrator, mentre Apache supporta soltanto la comunicazione obsoleta. Se si prevede creare in futuro un cluster di orchestrator, configurare un'utilità di bilanciamento del carico prima di installare l'orchestrator, quindi configurare l'orchestrator come node1. La procedura principale per NGINX è simile a quella per Apache: 1. Installare un'utilità di bilanciamento del carico. 2. Configurare le comunicazioni di base. 3. Installare CA Process Automation, inclusi i nodi cluster. 4. Generare i file di certificato SSL. 5. Configurare la comunicazione protetta. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Utilità di bilanciamento del carico NGINX (a pagina 33) Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 (a pagina 51) Utilità di bilanciamento del carico NGINX Un orchestrator cluster è un insieme di nodi che vengono visualizzati e agiscono come un orchestrator singolo e che utilizzano una libreria condivisa. È possibile creare un cluster di qualsiasi orchestrator di CA Process Automation in modo da ottenere alta disponibilità, tolleranza al guasto e scalabilità. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 33

34 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Per la creazione di cluster di qualsiasi orchestrator, incluso l'orchestrator di dominio, è necessario disporre di un'utilità di bilanciamento del carico, come NGINX HTTP Server. Un'utilità di bilanciamento del carico non è parte dell'installazione di CA Process Automation. È necessario installare e configurare un'utilità di bilanciamento del carico prima di installare CA Process Automation. La modalità di comunicazione semplificata, introdotta in CA Process Automation 4.2, utilizza i socket Web e HTTP per produrre una connessione unidirezionale persistente dall'agente all'orchestrator. CA Technologies supporta NGINX per questo nuovo metodo di comunicazione semplificata, che può essere utilizzato anche con qualsiasi utilità di bilanciamento del carico che supporti i socket Web. Nota: L'utilità di bilanciamento del carico Apache non supporta la modalità di comunicazione semplificata per gli agenti, pertanto, per sfruttare questa funzionalità, utilizzare NGINX o un'altra utilità di bilanciamento del carico basata sui socket Web. Se non si utilizza il metodo di comunicazione semplificata e si desidera utilizzare il metodo di comunicazione obsoleta, è possibile installare l'utilità di bilanciamento del carico Apache. Installare l'utilità di bilanciamento del carico NGINX su un host esterno a CA Process Automation per garantire la compatibilità con il sistema operativo. Per informazioni sui sistemi operativi supportati, consultare la documentazione di NGINX. L'utilità di bilanciamento del carico è necessaria solo per un orchestrator in una configurazione con cluster e in configurazioni SSO specifiche. Importante. Se si desidera creare un cluster di un orchestrator autonomo esistente, installare e configurare un'utilità di bilanciamento del carico, quindi reinstallare l'orchestrator. Prerequisiti I prerequisiti per utilizzare l'utilità di bilanciamento del carico NGINX sono descritti di seguito. 34 Guida all'installazione

35 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Installazione di NGINX NGINX è software di server Web open source gratuito che è possibile scaricare e installare per il sistema operativo. CA Process Automation è certificato con NGINX versione Attenersi alle istruzioni seguenti per iniziare. Windows Linux Scaricare il pacchetto NGINX ed estrarre i file. Attenersi alla procedura seguente: 1. Scaricare il pacchetto NGINX ed estrarre i file. 2. Aprire un prompt dei comandi. 3. Immettere il comando seguente per l'installazione di NGINX: rpm -ivh nginx-release-rhel-6-0.el6.ngx.noarch.rpm wget yum install nginx Nota: I comandi precedenti sono per Red Hat Enterprise Linux. Per altre versioni di Linux, fare riferimento al sistema operativo e alla documentazione NGINX per i comandi equivalenti. Per Windows e Linux, avviare NGINX mediante un prompt dei comandi. Accedere alla posizione della directory di NGINX e immettere: nginx.exe Per verificare che l'utilità NGINX sia stata installata correttamente e che sia attualmente in esecuzione, accedere all'url da un browser: Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 35

36 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Copia degli esempi di configurazione Una volta installato NGINX, estrarre i file di esempio dal supporto di installazione di CA Process Automation nella directory di installazione di NGINX. Attenersi alla procedura seguente: 1. Andare alla seguente cartella nel supporto di installazione di CA Process Automation: install_dir/dvd1/nginxconftemplates 2. Estrarre i file da NginxConfig.zip. 3. Accedere alla cartella secondaria pam. Questa cartella include i file seguenti: pam-server.conf Utilizzato per la configurazione non protetta. secure-pam-server.conf Utilizzato per la configurazione protetta. pam-rest.conf Utilizzato per la configurazione REST. Questi file sono specifici della configurazione di CA Process Automation con NGINX. 4. Copiare questi tre file e incollarli nella cartella seguente: nginx_install_dir/conf Ora è possibile configurare l'utilità di bilanciamento del carico NGINX. Comunicazione di base Le istruzioni seguenti descrivono la procedura per configurare la comunicazione di base non protetta per NGINX su sistemi di Windows e Linux. 36 Guida all'installazione

37 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Windows Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene file pam-server.conf. 2. Aprire il file pam-server.conf. 3. I tre blocchi di codice presenti devono essere modificati per ogni nodo aggiunto. a. Aggiungere il nome host node1 al blocco upstream loadbalancer: server <Immettere qui il nome host node1>:8080 max_fails=3 fail_timeout=3s b. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco upstream jettyloadbalancer. server <Immettere qui il nome host node1>:8080 max_fails=3 fail_timeout=3s c. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco Define node1: server <hostname of machine where you have installed node1>:<jetty server port> max_fails=3 fail_timeout=3s Sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here con un valore valido. Non modificare i numeri di porta, salvo se si utilizza una porta diversa per il nodo di CA Process Automation. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui viene eseguire l'installazione del nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. Ripetere questi passaggi per ciascun nodo aggiuntivo installato. 4. Salvare e chiudere il file pam-server.conf. 5. Aprire il file nginx_install_dir/conf/nginx.conf. 6. Aggiungere la voce seguente nel blocco http alla fine del file nginx.conf: include nginx_install_dir/conf/pam-server.conf; Questa voce collega NGINX alle modifiche di configurazione apportate per CA Process Automation nel file pam-server.conf. 7. Salvare e chiudere il file nginx.conf. Importante. Eseguire i passaggi restanti dopo aver installato almeno un nodo di orchestrator. Per istruzioni, consultare la sezione Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva (a pagina 90) o Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115). 8. Una volta installato almeno un nodo di orchestrator, aprire il file nginx_install_dir/conf/nginx.conf. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 37

38 Utilità di bilanciamento del carico NGINX 9. Rimuovere qualsiasi blocco di codice del server per eventuali conflitti con il server identificato nel file pam-server.conf. Ad esempio: server { listen 80; server_name <LOADBALANCER_HOSTNAME>; location / { root /usr/share/nginx/html; index index.html index.htm; } } 10. Salvare e chiudere il file nginx.conf. 11. Interrompere NGINX. In un prompt dei comandi, accedere alla posizione di directory di NGINX e immettere: nginx s stop 12. Riavviare NGINX. Le modifiche vengono applicate. 38 Guida all'installazione

39 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Linux Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene il file nginx.conf. 2. Aprire il file nginx.conf. 3. Inserire il blocco di server come segue per verificare NGINX standalone. server { listen 80; server_name <LOADBALANCER_HOSTNAME>; location / { root /usr/share/nginx/html; index index.html index.htm; } } 4. Salvare il file e chiuderlo. 5. Accedere alla seguente cartella nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene file pam-server.conf. 6. Aprire il file pam-server.conf. 7. I tre blocchi di codice presenti devono essere modificati per ogni nodo aggiunto. a. Aggiungere il nome host node1 al blocco upstream loadbalancer: server <Immettere qui il nome host node1>:8080 max_fails=3 fail_timeout=3s b. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco upstream jettyloadbalancer. server <Immettere qui il nome host node1>:8080 max_fails=3 fail_timeout=3s c. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco Define node1: server <hostname of machine where you have installed node1>:<jetty server port> max_fails=3 fail_timeout=3s Sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here con un valore valido. Non modificare i numeri di porta, salvo se si utilizza una porta diversa per il nodo di CA Process Automation. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui viene eseguire l'installazione del nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. Ripetere questi passaggi per ciascun nodo aggiuntivo installato. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 39

40 Utilità di bilanciamento del carico NGINX 8. Salvare e chiudere il file pam-server.conf. 9. Aprire il file nginx.conf. 10. Aggiungere la voce seguente nel blocco http alla fine del file nginx.conf: include nginx_install_dir/conf/pam-server.conf; Questa voce collega NGINX alle modifiche di configurazione apportate per CA Process Automation nel file pam-server.conf. 11. Rimuovere la voce seguente: include nginx_install_dir/nginx/conf.d/*.conf; 12. Salvare e chiudere il file nginx.conf. Importante. Eseguire i passaggi restanti dopo aver installato almeno un nodo di orchestrator. Per istruzioni, consultare la sezione Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva (a pagina 90) o Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115). 13. Una volta installato almeno un nodo di orchestrator, aprire il file nginx_install_dir/conf/nginx.conf. 14. Rimuovere qualsiasi blocco di codice del server per eventuali conflitti con il server identificato nel file pam-server.conf. Ad esempio: server { listen 80; server_name <LOADBALANCER_HOSTNAME>; location / { root /usr/share/nginx/html; index index.html index.htm; } } 15. Salvare e chiudere il file nginx.conf. 16. Interrompere NGINX. In un prompt dei comandi, accedere alla posizione di directory di NGINX (nginx-1.42) e immettere: nginx s stop 17. Riavviare NGINX. Le modifiche vengono applicate. Comunicazione protetta Le istruzioni seguenti descrivono la procedura di configurazione della comunicazione protetta per NGINX su sistemi di Windows e Linux. La comunicazione protetta differisce da quella di base in quanto richiede l'uso di file di chiave e di certificato. 40 Guida all'installazione

41 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Windows La comunicazione protetta per NGINX richiede certificati SSL (file c2okey2.pem e c2ocert.pem). Verificare di aver generato questi file (a pagina 48) prima di iniziare questa procedura. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella: nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene il file secure-pam-server.conf. 2. Aprire il file secure-pam-server.conf. 3. I tre blocchi di codice presenti devono essere modificati per ogni nodo aggiunto. Modificare i blocchi in base alle misure di protezione da adottare. a. Aggiungere il nome host node1 al blocco upstream loadbalancer: server <Enter node1 hostname here>:8443 max_fails=3 fail_timeout=3s b. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco upstream jettyloadbalancer. server <Enter node1 hostname here>:8443 max_fails=3 fail_timeout=3s c. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco Define node1: server <hostname of machine where you have installed node1>:<jetty server port> max_fails=3 fail_timeout=3s Sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here con un valore valido. Non modificare i numeri di porta, salvo se si utilizza una porta diversa per il nodo di CA Process Automation. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui viene eseguire l'installazione del nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. Ripetere questi passaggi per ciascun nodo aggiuntivo installato. 4. Aggiornare le righe seguenti specificando la posizione dei file c2ocert.pem e c2okey2.pem (nella directory nginx_installed_location\conf). ssl_certificate <certificate_location\c2ocert.pem>; ssl_certificate_key <certificate_location\c2okey2.pem>; Ad esempio: ssl_certificate <nginx_install_dir\conf\c2ocert.pem>; 5. Salvare e chiudere il file secure-pam-server.conf. 6. Aprire il file nginx.conf. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 41

42 Utilità di bilanciamento del carico NGINX 7. Aggiungere la voce seguente nel blocco http alla fine del file nginx.conf: include nginx_install_dir/conf/secure-pam-server.conf; Questa voce collega NGINX alle modifiche di configurazione apportate per CA Process Automation nel file secure-pam-server.conf. 8. Salvare e chiudere il file nginx.conf. Importante. Eseguire i passaggi restanti dopo aver installato almeno un nodo di orchestrator. Per istruzioni, consultare la sezione Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva (a pagina 90) o Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115). 9. Una volta installato almeno un nodo di orchestrator, aprire il file nginx_install_dir/conf/nginx.conf. 10. Rimuovere qualsiasi blocco di codice del server per eventuali conflitti con il server identificato nel file secure-pam-server. Ad esempio: server { listen 80; server_name <LOADBALANCER_HOSTNAME>; location / { root /usr/share/nginx/html; index index.html index.htm; } } 11. Salvare e chiudere il file nginx.conf. 12. Interrompere NGINX. In un prompt dei comandi, accedere alla posizione di directory di NGINX (nginx-1.42) e immettere: nginx s stop 13. Riavviare NGINX. Le modifiche vengono applicate. 42 Guida all'installazione

43 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Linux La comunicazione protetta per NGINX richiede certificati SSL (file c2okey2.pem e c2ocert.pem). Verificare di aver generato questi file (a pagina 48) prima di iniziare questa procedura. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene il file nginx.conf. 2. Aprire il file nginx.conf. 3. Inserire il blocco di server come segue per verificare NGINX standalone. server { listen 80; server_name <LOADBALANCER_HOSTNAME>; location / { root /usr/share/nginx/html; index index.html index.htm; } } 4. Salvare il file e chiuderlo. 5. Accedere alla seguente cartella: nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene il file secure-pam-server.conf. 6. Aprire il file secure-pam-server.conf. 7. I tre blocchi di codice presenti devono essere modificati per ogni nodo aggiunto. Modificare i blocchi in base alle misure di protezione da adottare. a. Aggiungere il nome host node1 al blocco upstream loadbalancer: server <Enter node1 hostname here>:8443 max_fails=3 fail_timeout=3s b. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco upstream jettyloadbalancer. server <Enter node1 hostname here>:8443 max_fails=3 fail_timeout=3s c. Aggiungere il nome host node1 sotto il blocco Define node1: server <hostname of machine where you have installed node1>:<jetty server port> max_fails=3 fail_timeout=3s Sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here con un valore valido. Non modificare i numeri di porta, salvo se si utilizza una porta diversa per il nodo di CA Process Automation. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 43

44 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui viene eseguire l'installazione del nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. Ripetere questi passaggi per ciascun nodo aggiuntivo installato. 8. Aggiornare le righe seguenti specificando la posizione dei file c2ocert.pem e c2okey2.pem (nella directory nginx_installed_location\conf). ssl_certificate <certificate_location\c2ocert.pem>; ssl_certificate_key <certificate_location\c2okey2.pem>; Ad esempio: ssl_certificate <nginx_install_dir\conf\c2ocert.pem>; 44 Guida all'installazione

45 Utilità di bilanciamento del carico NGINX 9. Salvare e chiudere il file secure-pam-server.conf. 10. Aprire il file nginx.conf. 11. Aggiungere la voce seguente nel blocco http alla fine del file nginx.conf: include nginx_install_dir/conf/pam-server.conf; Questa voce collega NGINX alle modifiche di configurazione apportate per CA Process Automation nel file secure-pam-server.conf. 12. Rimuovere la voce seguente da: include nginx_install_dir/nginx/conf.d/*.conf; 13. Salvare e chiudere il file nginx.conf. Importante. Eseguire i passaggi restanti dopo aver installato almeno un nodo di orchestrator. Per istruzioni, consultare la sezione Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva (a pagina 90) o Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115). 14. Una volta installato almeno un nodo di orchestrator, aprire il file nginx_install_dir/conf/nginx.conf. 15. Rimuovere qualsiasi blocco di codice del server per eventuali conflitti con il server identificato nel file secure-pam-server.conf. Ad esempio: server { listen 80; server_name <LOADBALANCER_HOSTNAME>; location / { root /usr/share/nginx/html; index index.html index.htm; } } 16. Salvare e chiudere il file nginx.conf. 17. Interrompere NGINX. In un prompt dei comandi, accedere alla posizione di directory di NGINX (nginx-1.42) e immettere: nginx s stop 18. Riavviare NGINX. Le modifiche vengono applicate. Configurazione REST CA Process Automation offre la possibilità di configurare un'utilità di bilanciamento del carico NGINX per l'api RESTful di Catalyst. Le istruzioni seguenti descrivono la procedura per la configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico NGINX per utilizzare REST per la comunicazione di base e protetta in sistemi di Windows e Linux. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 45

46 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Comunicazione di base Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene file pam-rest.conf. 2. Aprire il file pam-rest.conf. 3. Modificare il blocco di codice seguente: HTTP upstream ucfcluster { server <Enter node1 hostname here>:7000 max_fails=3 fail_timeout=5s; server <Enter node2 hostname here>:7000 max_fails=3 fail_timeout=5s; } Sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here con un valore valido. Non modificare i numeri di porta, salvo se si utilizza una porta diversa per il nodo di CA Process Automation. Ripetere questi passaggi per ciascun nodo aggiuntivo installato. 4. Salvare e chiudere il file pam-rest.conf. 5. Aprire il file nginx.conf. 6. Aggiungere la voce seguente nel blocco http alla fine del file nginx.conf: include nginx_install_dir/conf/pam-rest.conf; Questa voce collega NGINX alle modifiche di configurazione apportate per CA Process Automation nel file pam-rest.conf. 7. Salvare e chiudere il file nginx.conf. Importante. Eseguire i passaggi restanti dopo aver installato almeno un nodo di orchestrator. Per istruzioni, consultare la sezione Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva (a pagina 90) o Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115). 8. Una volta installato almeno un nodo di orchestrator, aprire il file nginx_install_dir/conf/nginx.conf. 9. Salvare e chiudere il file nginx.conf. 10. Interrompere NGINX. In un prompt dei comandi, accedere alla posizione di directory di NGINX (nginx-1.42) e immettere: nginx s stop 11. Riavviare NGINX. Le modifiche vengono applicate. 46 Guida all'installazione

47 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Comunicazione protetta I file di certificato SSL sono obbligatori per la comunicazione protetta con REST. Verificare di aver generato questi file (a pagina 48) prima di iniziare questa procedura. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella nginx_install_dir/conf Questa cartella contiene file pam-rest.conf. 2. Aprire il file pam-rest.conf. 3. Modificare il blocco di codice seguente: ## HTTPS upstream sslcluster { server <Enter node1 hostname here>:7443 max_fails=3 fail_timeout=5s; server <Enter node2 hostname here>:7443 max_fails=3 fail_timeout=5s; } Sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here con un valore valido. Non modificare i numeri di porta, salvo se si utilizza una porta diversa per il nodo di CA Process Automation. Ripetere questi passaggi per ciascun nodo aggiuntivo installato. 4. Aggiornare le righe seguenti specificando la posizione dei file c2ocert.pem e c2okey2.pem (nella directory nginx_installed_location\conf). ssl_certificate <certificate_location\c2ocert.pem>; ssl_certificate_key <certificate_location\c2okey2.pem>; Ad esempio: ssl_certificate <nginx_install_dir\conf\c2ocert.pem>; 5. Salvare e chiudere il file pam-rest.conf. 6. Aprire il file nginx.conf. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 47

48 Utilità di bilanciamento del carico NGINX 7. Aggiungere la voce seguente nel blocco http alla fine del file nginx.conf: include nginx_install_dir/conf/pam-rest.conf; Questa voce collega NGINX alle modifiche di configurazione apportate per CA Process Automation nel file pam-rest.conf. 8. Salvare e chiudere il file nginx.conf. Importante. Eseguire i passaggi restanti dopo aver installato almeno un nodo di orchestrator. Per istruzioni, consultare la sezione Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva (a pagina 90) o Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115). 9. Una volta installato almeno un nodo di orchestrator, aprire il file nginx_install_dir/conf/nginx.conf. 10. Salvare e chiudere il file nginx.conf. 11. Interrompere NGINX. In un prompt dei comandi, accedere alla posizione di directory di NGINX (nginx-1.42) e immettere: nginx s stop 12. Riavviare NGINX. Le modifiche vengono applicate. Generazione di file di certificato SSL È necessario generare i certificati SSL dopo aver installato CA Process Automation, ma prima di configurare la comunicazione protetta per l'utilità di bilanciamento del carico. I certificati SSL non sono richiesti se si desidera utilizzare la comunicazione di base non protetta per l'utilità di bilanciamento del carico. Una volta generato il file di certificato, è necessario identificarne la posizione durante la configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione protetta. 48 Guida all'installazione

49 Utilità di bilanciamento del carico NGINX Attenersi alla procedura seguente: 1. Scaricare e installare OpenSSL da un vendor di terze parti. Nota: verificare che l'host su cui si installa OpenSSL abbia JDK installato. 2. Dopo aver installato CA Process Automation in modalità cluster (con almeno un nodo installato), la procedura guidata di installazione di CA Process Automation genera il file c2okeystore nella posizione seguente: \server_location\c2o\.config Copiare c2okeystore e incollarlo nella directory seguente: \jdk_location\bin È possibile eseguire i comandi localmente da questa posizione. 3. Utilizzare keytool in JDK per importare il keystore nel formato pksc12 come segue: a. Accedere alla directory jdk_location\bin e immettere il comando seguente: keytool -importkeystore -srckeystore c2okeystore -srcstoretype jks -destkeystore c2okeystore.p12 -deststoretype pkcs12 La console richiede la password del keystore di destinazione. Nota: Il file OasisConfig.properties contiene la password di keystore. Individuare il file in questa directory: \server_location\c2o\.config\ Aprire il file e copiare la password. È possibile trovare il valore accanto alla voce KEYSTOREID=. Ad esempio, KEYSTOREID=723e1830-a98c-49a1-8f16-a0794c La password è 723e1830-a98c-49a1-8f16-a0794c b. Incollare la password nel prompt per la password del keystore di destinazione nella console aperta. c. Quando richiesto, reinserire la password. d. Inserire nuovamente la password nel prompt della password chiave di origine. Nella directory \jdk_location\bin viene generato un file c2okeystore.p12. e. È necessario convertire il keystore con formato p12 nei file di certificato e chiave con formato PEM. A tale scopo, eseguire il comando openssl nella posizione della directory \jdk_location\bin: openssl pkcs12 -nocerts -in c2okeystore.p12 -out c2okey.pem f. Al prompt per l'importazione della password, immettere la password del keystore. g. Al prompt della passphrase PEM, immettere qualsiasi frase. h. Reinserire la passphrase PEM. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 49

50 Utilità di bilanciamento del carico NGINX i. Immettere il comando seguente nella posizione della directory \jdk_location\bin: openssl pkcs12 -clcerts -in c2okeystore.p12 -out c2ocert.pem j. Al prompt per l'importazione della password, immettere la password del keystore. k. Al prompt della passphrase PEM, immettere la frase creata in precedenza per il passaggio g. l. Reinserire la passphrase PEM. m. Immettere il comando seguente nella posizione della directory \jdk_location\bin: openssl rsa -in c2okey.pem -out c2okey2.pem n. Al prompt della passphrase PEM, immettere la frase creata in precedenza per il passaggio g. o. Reinserire la passphrase PEM. p. Copiare i file c2okey2.pem e c2ocert.pem nella directory \conf dell'utilità di bilanciamento del carico. Nota: Eseguire un backup di questi file. 50 Guida all'installazione

51 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Ciascun orchestrator in cluster necessita del bilanciamento del carico. Se si dispone di un'utilità di bilanciamento del carico F5, è possibile utilizzarla per bilanciare l'elaborazione delle richieste dell'operatore o delle richieste dei servizi Web nei nodi cluster dell'orchestrator di destinazione. Prima di installare il primo nodo di un orchestrator di dominio in cluster o un altro orchestrator in cluster, preparare F5 per l'esecuzione del bilanciamento del carico. Innanzitutto raccogliere le informazioni seguenti: Identificazione degli host o dei server virtuali su cui vengono distribuiti i nodi dell'orchestrator. Le credenziali per accedere all'interfaccia di F5. Quindi configurare i seguenti elementi di F5, in modo che funzionino con CA Process Automation. 1. Creare un nodo F5 per ciascun nodo cluster (a pagina 52). Per CA Process Automation, un nodo è un host o un server virtuale su cui viene installato un nodo cluster dell'orchestrator (o potrebbe essere installato in futuro). 2. Creare un pool F5 per ciascun cluster di CA P (a pagina 53)rocess Automation. Per CA Process Automation, ciascun pool include i nodi cluster dell'orchestrator che appartengono allo stesso orchestrator in cluster. 3. Creare un irule F5 per CA Process Automation (a pagina 54). Per CA Process Automation, un irule dirige le richieste dell'operatore che utilizzano come destinazione il touchpoint di un orchestrator in cluster. 4. Creare un server virtuale F5 per CA Process Automation (a pagina 57). F5 può avere vari server virtuali. CA Process Automation viene impostato come un server virtuale. 5. Configurare F5 per l'utilizzo della comunicazione semplificata con HTTPS (a pagina 59). 6. Preparare l'utilità di bilanciamento del carico F5 per la verifica della comunicazione (a pagina 61). 7. Abilitare sessioni permanenti sull'utilità di bilanciamento del carico F5. È necessario abilitare sessioni permanenti su F5 perché funzioni con un cluster di CA Process Automation. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 51

52 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Creazione di un nodo F5 per ciascun nodo cluster Anziché configurare i nodi cluster quando sono già presenti in CA Process Automation, configurare precedentemente i nodi che si prevede di aggiungere agli eventuali orchestrator cluster. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a F5. 2. Selezionare la scheda Main (Principale), fare clic su Local Traffic (Traffico locale) e quindi fare clic su Nodes (Nodi). L'elenco dei nodi visualizza i seguenti dettagli per ogni nodo di rete definito in F5: stato, indirizzo IP, partizione e nome host. 3. Fare clic su Crea. Viene visualizzata la pagina New Node (Nuovo nodo). 4. Completare la sezione General Properties (Proprietà generali). Indirizzo Nome Specifica l'indirizzo IP del nuovo nodo. Specifica il nome host dell'indirizzo IP associato. 5. Completare la sezione Configuration (Configurazione). Health Monitors (Monitor di stato) Ratio Specifica il monitor di stato per questo nodo. Se non viene configurato, selezionare None (Nessuno). Impostazione predefinita: nodo predefinito Specifica un valore ponderato da assegnare al nodo. Se i nodi che appartengono allo stesso cluster hanno tutti la stessa capacità, immettere 1 come valore Ratio per ciascun nodo. Connection Limit (Limite delle connessioni) Specifica il numero massimo di connessioni gestibili da parte di questo nodo. 6. Fare clic su Fine. Il nodo aggiunto viene visualizzato nell'elenco dei nodi. 52 Guida all'installazione

53 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Creazione di due pool F5 per ciascun cluster di CA Process Automation Creare due pool F5 per ciascun cluster di CA Process Automation. A ciascun pool di F5 creato, aggiungere i nodi che appartengono al cluster associato. Ad esempio, creare due pool come negli esempi seguenti: PAMPOOL denominato PAMSRVPOOL, dove i membri utilizzano la porta 8080 (di base) o la porta 8443 (protetta). Questo pool viene utilizzato per tutte le comunicazioni PAMWSPOOL PAMJETTYPOOL, dove i membri utilizzano la porta 80 (di base) o la porta 443 (protetta). Questo pool supporta gli agenti configurati per la comunicazione semplificata, che utilizzano i socket Web. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a F5. 2. Selezionare la scheda Main (Principale), fare clic su Local Traffic (Traffico locale) e quindi fare clic su Pools (Pool). Se si stanno impostando i pool per la prima volta, l'elenco dei pool è vuoto. L'elenco dei pool visualizza i seguenti dettagli per ciascun pool: stato, nome del pool, partizione e numero di membri nel pool. 3. Fare clic su Crea. Viene visualizzata la pagina Nuovo pool. 4. Completare la sezione Configuration (Configurazione). a. Selezionare Basic (Di base) dall'elenco a discesa. b. Immettere un nome per il nuovo pool. c. Dai monitor di controllo dello stato di salute disponibili, selezionare HTTP e passare all'elenco attivo. 5. Selezionare Round Robin dall'elenco a discesa Load Balancing Method (Metodo di bilanciamento carico). 6. Selezionare Disabled (Disabilitato) dall'elenco a discesa Priority Group Activation (Attivazione di gruppo prioritaria). 7. Aggiungere ciascun nodo al nuovo pool di F5, come segue: a. Selezionare Node List (Elenco nodi), in quanto si sta aggiungendo un nodo definito. b. Selezionare l'indirizzo IP (nome host) dall'elenco a discesa Address che identifica il nodo da aggiungere a questo pool di F5. c. Immettere uno dei valori seguenti per la porta del servizio in base al livello di protezione della comunicazione (di base o protetta) e al tipo di comunicazione (obsoleta o semplificata): Comunicazione di base (non protetta) e obsoleta Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 53

54 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F Comunicazione di base (non protetta) e semplificata 80. Se si seleziona HTTP, 80 viene inserito automaticamente nel campo Service Port. Comunicazione protetta e obsoleta 8443 Comunicazione protetta e semplificata 443. Se si seleziona HTTPS, 443 viene inserito automaticamente nel campo Service Port. d. Fare clic su Aggiungi. I dettagli aggiunti per questo nodo appaiono nell'elenco New Members (Nuovi membri). 8. Fare clic su Fine. Il nuovo pool viene aggiunto all'elenco dei pool di F5. Creazione di un irule F5 per CA Process Automation Un irule dirige le richieste dell'operatore che utilizzano come destinazione il touchpoint di un orchestrator in cluster. F5 crea un URL da queste informazioni e utilizza tale URL come destinazione del touchpoint. Per creare un irule F5 per CA Process Automation, copiare la definizione di irule fornita nella casella di testo Descrizione. Quindi impostare i valori per la variabile MyPool. Nota: Un irule è equivalente a uriworkermap.properties in Apache. Un irule identifica un nodo cluster dell'orchestrator per una richiesta che utilizza come destinazione il touchpoint di un orchestrator in cluster. La decisione si basa sull'url. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a F5. 2. Selezionare la scheda Main (Principale), fare clic su Local Traffic (Traffico locale) e quindi fare clic su irules. L'elenco di irules è vuoto se si stanno impostando irules per la prima volta. L'elenco di irules visualizza i seguenti dettagli per ciascun irule: il nome irule e la partizione. 3. Fare clic su Crea. Viene visualizzata la pagina New irule (Nuovo irule). 54 Guida all'installazione

55 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 4. Completare la sezione Proprietà. Nome Specifica il nome irule. Definizione Specifica la definizione di irule. Copiare il testo dalla pagina Definizione di irule (a pagina 56) in questa casella di testo. Nota: il linguaggio di programmazione utilizzato per irules è Tcl, Tool command language. Extend Text Area (Estendi area di testo) Specifica se estendere l'area di testo della casella di definizione alla dimensione massima. Opzione selezionata - Estende l'area di testo alla dimensione massima. Opzione deselezionata - Presenta l'area di testo in una domensione inferiore alla dimensione massima. Wrap Text (Testo a capo) Specifica se mandare a capo il testo in maniera automatica, in modo che venga visualizzato correttamente nella casella di testo della definizione, invece di visualizzare una barra di scorrimento orizzontale. Opzione selezionata - Manda a capo il testo che esce dalla porzione visualizzabile della casella di testo della definizione, evitando che venga creata una barra di scorrimento orizzontale. Opzione deselezionata - Presenta il testo come viene immesso, con una barra di scorrimento orizzontale, se necessario. 5. Fare clic su Fine. Il codice irule inserito compare sotto l'elenco di irule. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 55

56 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Definizione di irule Digitare la definizione seguente nella casella di testo Definition (Definizione) per il nuovo irule. Adeguare i valori per le istruzioni set in modo appropriato. Impostare la variabile BasicPool sui valori specifici del pool corrente con la porta 8080 per la comunicazione di base non protetta. Impostare gli indirizzi IP per NODE1 e NODE2 sui valori dei server nel pool PAMWSPOOL. Utilizzare set WSPORT 80 per HTTP o set WSPORT 443 per utilizzare la porta protetta (HTTPS) ai fini della comunicazione semplificata. when HTTP_REQUEST { set PAMPOOL "PAMSRVRPOOL" set PAMWSPOOL "PAMJETTYPOOL" set NODE1 " " set NODE2 " " set WSPORT "80" switch -glob [HTTP::uri] { "/jmx-console*" { pool $PAMPOOL } "/web-console*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/oasishelp*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/htmlfile/aboutus/*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/htmlfile/language/*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/htmlfile/installation/*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/media*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/thirdparty*" { pool $PAMPOOL } "/c2orepository/maininstallerconfiguration.properties" { pool $PAMPOOL } "/itpam*" { pool $PAMPOOL } "/itpam/serverconfigurationrequestservlet" { pool $PAMPOOL } "/itpam/mirroringrequestprocessor*" { pool $PAMPOOL } "/itpam/agentconfigurationrequestservlet" { pool $PAMPOOL } "/itpam/startagent*" { pool $PAMPOOL } "/itpam/oasisprimary" { pool $PAMPOOL } "/itpam/jnlprequestprocessor*" { pool $PAMPOOL } "/itpam/jnlprequestprocessor/installation" { pool $PAMPOOL } "/itpam/clientproxy/c2oresourceaction" { pool $PAMPOOL } "/itpam/clientproxy/c2oreportaction" { pool $PAMPOOL } "/mirroringrepository*" { pool $PAMPOOL } "/birt/*" { pool $PAMPOOL } default { pool $PAMPOOL } "/ws/node1" { pool $PAMWSPOOL member $NODE1 $WSPORT } "/ws/node1/*" { pool $PAMWSPOOL member $NODE1 $WSPORT } "/ws/node2" { pool $PAMWSPOOL member $NODE2 $WSPORT } "/ws/node2/*" { pool $PAMWSPOOL member $NODE2 $WSPORT } "/*" { pool $PAMWSPOOL } } 56 Guida all'installazione

57 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 } Creazione di un server virtuale F5 per CA Process Automation È possibile creare un server virtuale F5. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a F5. 2. Selezionare la scheda Main (Principale), fare clic su Local Traffic (Traffico locale) e quindi fare clic su Virtual Servers (Server virtuali). L'elenco dei server virtuali visualizza i seguenti dettagli per ciascun server virtuale: stato, nome, partizione, indirizzo IP di destinazione, porta del servizio e tipo, oltre a un collegamento per la modifica delle risorse. 3. Fare clic su Crea. Compare la pagina New Virtual Server (Nuovo server virtuale). 4. Completare la sezione General Properties (Proprietà generali). Nome Specifica il nome del server virtuale, ad esempio PAMLB. Destination Type (Tipo di destinazione) Specifica l'host per un indirizzo IP singolo. Destination Address (Indirizzo di destinazione) Specifica l'indirizzo IP del server virtuale, ad esempio, Service Port (Porta di servizio) Stato Specifica la porta associata per il server virtuale, ad esempio, 80 per HTTP, 443 per HTTPS. Specifica se il server virtuale è disponibile per il bilanciamento del carico. Specificare Enabled (Abilitato). Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 57

58 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 5. Completare la sezione Configuration (Configurazione). Accettare tutti i valori predefiniti, tranne il profilo HTTP. Tipo Specifica il tipo di server virtuale. Il server standard è un tipo di server virtuale che destina tutto il traffico al pool definito come pool di bilanciamento del carico predefinito. Impostazione predefinita: Standard HTTP Profile Specifica il profilo HTTP per la gestione del traffico HTTP. Selezionare http. 6. Completare la sezione Resources (Risorse). irules Specifica l'irules da abilitare per questo server virtuale. Selezionare lo script irules creato per l'orchestrator in cluster. Includere l'irule che è stato creato per il pool predefinito. Default Pool (Pool predefinito) Specifica il nome del pool utilizzato dal server virtuale per reindirizzamento del traffico. Specificare il pool di CA Process Automation come il pool predefinito. Default Persistence Profile (Profilo di persistenza predefinito) Specifica il profilo di persistenza per questo server virtuale. Ad esempio source_addr. Fallback Persistence Profile (Profilo di persistenza di fallback) Specifica il profilo di persistenza che questo server virtuale utilizza quando non è possibile utilizzare il profilo di persistenza predefinito. Ad esempio dest_addr. 7. Fare clic su Fine. 58 Guida all'installazione

59 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Configurazione di F5 per l'utilizzo della comunicazione semplificata con HTTPS La comunicazione SSL in F5 richiede un file di certificato e un file di chiave. Per la comunicazione semplificata si possono utilizzare solo i certificati generati da keytool e copiati nel keystore di CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Generare i file di certificato SSL (a pagina 48). 2. Caricare il certificato SSL e la chiave. a. Accedere a F5. b. Fare clic su Local Traffic, SSL Certificates, Import. c. Per importare la chiave, selezionare Key come tipo di importazione, immettere il nome della chiave, fare clic su Browse e accedere alla posizione del file di chiave, quindi fare clic su Import. user-specified-location/c2okey2.pem d. Fare clic su Local Traffic, SSL Certificates, Import. e. Per importare il certificato, selezionare Certificate come tipo di importazione, immettere il nome del certificato, fare clic su Browse e accedere alla posizione del certificato, quindi fare clic su Import. user-specified-location/c2ocert2.pem 3. Creare il profilo Client. a. Fare clic su Local Traffic, Profiles, SSL, Client. b. Fare clic su Crea. c. Specificare il nome nel relativo campo. Accettare il valore predefinito per il profilo padre clientssl. d. Selezionare il valore Advanced per la configurazione. e. A destra, selezionare i campi Certificate, Key e Pass Phrase per renderli modificabili. f. Dall'elenco a discesa Certificate, selezionare il certificato c2ocert2.pem importato nel passaggio precedente. g. Dall'elenco a discesa Key, selezionare la chiave c2okey2.pem importata nel passaggio precedente. h. Nei campi Pass Phrase e Confirm Pass Phrase, immettere la frase chiave utilizzata per generare i file di certificato. i. Fare clic su Fine. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 59

60 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 4. Creare il profilo Server. a. Fare clic su Local Traffic, Profiles, SSL, Server. b. Fare clic su Crea. c. Specificare il nome nel relativo campo. Accettare il valore predefinito per il profilo padre serverssl. d. Selezionare il valore Advanced per la configurazione. e. A destra, selezionare i campi Certificate, Key e Pass Phrase per renderli modificabili. f. Dall'elenco a discesa Certificate, selezionare il certificato c2ocert2.pem importato nel passaggio precedente. g. Dall'elenco a discesa Key, selezionare la chiave c2okey2.pem importata nel passaggio precedente. h. Nei campi Pass Phrase e Confirm Pass Phrase, immettere la frase chiave utilizzata per generare i file di certificato. i. Fare clic su Fine. 5. Collegare i profili Client e Server a F5 Virtual Server. a. Fare clic su Local Traffic, Virtual Servers, Virtual Server List. b. Selezionare il server virtuale per CA Process Automation, ad esempio, pamlib. Nel campo Service Port sono contenuti i valori 443 e HTTPS. c. Per SSL Profile (Client), selezionare clientssl, che è il valore predefinito utilizzato per il profilo padre negli ultimi due passaggi. d. Per SSL Profile (Server), selezionare serverssl. e. Fare clic su Fine. Confronto delle impostazioni di porta per HTTPS e HTTP HTTPS (protetto) HTTP (di base) Service Port (Porta di servizio) Membri di nodo aggiunti al pool irule che fa riferimento alla porta del socket Web Guida all'installazione

61 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Preparazione dell'utilità di bilanciamento del carico F5 per la verifica della comunicazione (esempio) Il processo di installazione dell'orchestrator presenta una pagina di configurazione in cui è possibile decidere di configurare un'utilità di bilanciamento del carico: Per il nome host pubblico nell'installazione di CA Process Automation, si immette il nome host definito in F5. Per convalidare la capacità di CA Process Automation di comunicare con l'host specificato per il nome host pubblico, il processo di installazione di CA Process Automation invia una richiesta HTTP Get alla destinazione specificata. Il problema per il processo di installazione di CA Process Automation è che questo nome host è mappato all'indirizzo IP privato del server virtuale allocato da F5, ovvero un indirizzo IP che non appartiene alla propria rete di CA Process Automation locale. Nell'esempio seguente, è un indirizzo IP che appartiene alla rete di F5, non alla rete di CA Process Automation. Capitolo 4: Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster 61

62 Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 Senza una soluzione alternativa, si presenta un errore simile a quello illustrato di seguito: java.net.unknownhostexception:pamlb Per consentire il completamento corretto della convalida della comunicazione, creare una voce nel proprio file di host che esegue il mapping della voce per nome host pubblico all'indirizzo IP di un server che può rispondere alla richiesta. Ad esempio, creare una voce del file di host che esegue il mapping della voce del nome host pubblico all'indirizzo IP di un server nella rete di CA Process Automation con un'utilità di bilanciamento del carico di Apache installata. xxx.xxx.xxx.xxx pamlb Dopo che il programma di installazione procede oltre la pagina dell'utilità di bilanciamento del carico, rimuovere questa riga della soluzione alternativa dal file di host. Nota: In alternativa, è possibile configurare l'utilità F5 in modo che l'indirizzo IP allocato possa accettare la richiesta open http stream dal processo di installazione dell'orchestrator di CA Process Automation. Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione dell'utilità F5. Ulteriori informazioni: Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico (a pagina 225) 62 Guida all'installazione

63 Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio L'orchestrator di dominio viene installato quando si installa CA Process Automation per la prima volta. Prima di installare l'orchestrator di dominio è necessario completare i prerequisiti. È possibile installare l'orchestrator di dominio in maniera interattiva con una procedura guidata. Oppure è possibile creare un file di risposta con valori per parametri che non hanno valori predefiniti e quindi eseguire lo script per installare l'orchestrator di dominio in modalità invisibile. Dopo aver eseguito l'installazione, configurare le porte e i firewall. Quindi configurare CA Process Automation come descritto nella Guida per l'amministratore del contenuto. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 63) Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva (a pagina 90) Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115) Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio (a pagina 122) Disinstallazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 135) Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Valutare la possibilità di implementare un'utilità di bilanciamento del carico per la prima installazione, in modo da preparare una successiva espansione. (L'aggiunta di nodi cluster può essere effettuata quando se ne presenta la necessità.) Nota: Si consiglia un'utilità di bilanciamento del carico hardware. Consultare Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 (a pagina 51). Se non è possibile, si consiglia di scegliere NGINX come utilità di bilanciamento del carico software. NGINX per UNIX è estremamente scalabile. NGINX per Windows può supportare fino a 300 agenti con la comunicazione semplificata. Consultare Prerequisiti per il bilanciamento del carico NGINX. Progettare l'installazione iniziale di CA Process Automation. Per i requisiti dei componenti, consultare: Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation (a pagina 28). Requisiti hardware (a pagina 30). Attenersi alla procedura seguente: 1. Identificare un host per l'orchestrator di dominio che soddisfi i requisiti. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 63

64 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio 2. Verificare che l'host per l'orchestrator di dominio abbia una versione JDK supportata Consultare Prerequisiti JDK (a pagina 74). 3. Progettare se localizzare componenti di supporto sull'host con l'orchestrator di dominio. Consultare Progettazione delle posizioni dei componenti di supporto (a pagina 65). 4. Identificare il server di database che ospiterà i database di libreria, di reporting e di runtime per l'orchestrator di dominio. 5. Preparare il server di database. Consultare Prerequisiti server di database (a pagina 67). 6. Identificare l'host per CA EEM, se un CA EEM non è già in uso con un altro prodotto di CA Technologies. 7. Valutare le opzioni di configurazione per CA EEM. Consultare la sezione Prerequisiti di CA EEM (a pagina 76), compreso l'argomento Prerequisiti per la configurazione dell'autenticazione NTLM. 8. Se CA EEM viene configurato con CA SiteMinder, valutare la configurazione di CA Process Automation per utilizzare la funzionalità SSO. Consultare Utilizzo di CA SiteMinder con CA Process Automation (a pagina 213). 9. Eventualmente, installare un'utilità di bilanciamento del carico se si prevede l'esigenza di creare un cluster dell'orchestrator di dominio in un secondo momento. Consultare la sezione Configurazione di un'utilità di bilanciamento del carico per la creazione di orchestrator cluster (a pagina 33). 10. Conservare in un luogo sicuro la password di certificato che si intende impostare nel campo Password certificato per l'orchestrator di dominio. Importante. Si deve fornire la stessa password quando si installano altri orchestrator o nodi dell'orchestrator aggiuntivi. Se si dimentica la password, è necessario reinstallare ogni orchestrator presente nel sistema a partire dall'orchestrator di dominio. Questa stessa password viene richiesta in caso di aggiornamento a un nuovo rilascio. 64 Guida all'installazione

65 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Progettazione delle posizioni dei componenti di supporto Parte della pianificazione di un sistema CA Process Automation prevede la determinazione di quali nuovi componenti possono essere collocati sullo stesso host con l'orchestrator di dominio di CA Process Automation e quali vanno installati su host separati. Di seguito vengono analizzati i componenti di una rete CA Process Automation. JDK - deve essere collocato insieme CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM) - può essere collocato insieme, ma si sconsiglia di farlo Server di database per i database CA Process Automation - sebbene non sia consigliato, è possibile eseguirne l'installazione Utilità di bilanciamento del carico (se si prevede di eseguire un cluster) - non può essere collocata insieme Altri orchestrator - non possono essere collocati insieme Nodi cluster - non possono essere collocati insieme Server NTP - esterno alla rete CA SiteMinder (facoltativo) - può essere collocato insieme, ma si sconsiglia di farlo Ciascun nodo cluster e ciascun orchestrator vengono generalmente installati su un host separato. Il server NTP può essere esterno alla rete. Per un sistema CA Process Automation leggermente carico, si potrebbero installare le entità seguenti sullo stesso host su cui è stato installato l'orchestrator di dominio: CA EEM. Server di database per i database di libreria, report, e runtime. Considerare i seguenti fattori quando si decide se collocare insieme varie entità o utilizzare host multipli: Caratteristiche dell'host I maggiori fattori includono la quantità e la velocità di CPU, la memoria, lo spazio per l'archiviazione e le reti. Volume dei processi. Considerare non solo il numero totale di processi, ma anche i valori massimi di tenuta, nei periodi di maggiore attività. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 65

66 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Implementazione dei processi. Non tutti i processi sono uguali. Alcuni processi hanno pochi operatori, altri ne hanno centinaia. Alcuni processi contengono molte attività intensive per la CPU, mentre altri passano la maggior parte del tempo ad attendere eventi o interazioni da parte dell'utente. Questa variabilità rende difficile specificare i carichi in termini di volume/frequenza dei processi. Anche alla granularità più fine degli operatori, la portata varia. Livello obbligatorio di reattività. La reattività in tempo reale non è mai raggiungibile con l'attuale implementazione. Tuttavia, vanno considerati anche requisiti meno stretti quando entra in gioco più hardware per ulteriori orchestrator. Con uno SLA intenso, il sistema ha bisogno di una maggiore capacità di riserva, in modo da offrire buone prestazioni anche nei periodi di massima attività. Senza SLA, il sistema ha bisogno solamente di sufficiente capacità per coprire un carico medio. Intensità di utilizzo per componenti condivisi. Considerare per quali altri scopi vengono utilizzati CA EEM e il sistema RDBMS. In previsione di una crescita futura, si consiglia di installare separatamente CA EEM e il server di database con l'orchestrator di dominio. L'unico modo sicuro per determinare se si possiedono sufficienti risorse è effettuando una verifica a pieno carico. 66 Guida all'installazione

67 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Prerequisiti server di database CA Process Automation richiede che si disponga di uno o più dei seguenti server di database di terze parti, su cui CA Process Automation potrà archiviare e mantenere validi i propri dati: Server MySQL r5.5 Microsoft SQL Server 2005, 2008, 2008 R2, 2012 Oracle Database 10g Release 2 o 11g Release 2 CA Process Automation presenta tre database. Ognuno di questi database può risiedere sullo stesso server di database, su server di database distinti dello stesso tipo o su server di database di tipo diverso. Se non si dispone già di uno di questi server, fare riferimento ai prerequisiti per ciascuno prima di ottenerlo. Questo server e CA Process Automation dovrebbero risiedere su host separati. Seguire le linee guida del tipo di server di database utilizzato per l'installazione dell'orchestrator. Preparazione di MySQL Server per CA Process Automation (a pagina 70). Preparazione di Microsoft SQL Server per CA Process Automation (a pagina 71). Preparazione di un server di database Oracle per CA Process Automation (a pagina 73). Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 67

68 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Informazioni sui database di CA Process Automation Ciascun orchestrator richiede tre database logici: Il database repository, o database libreria, è un database che archivia gli oggetti di automazione creati nelle cartelle nella scheda Libreria in CA Process Automation. I dati archiviati includono la struttura ad albero della libreria, la definizione completa di ciascun oggetto, la titolarità e le informazioni di gestione delle versioni. Nota: gli orchestrator multipli possono condividere il database repository sull'orchestrator di dominio o ciascun orchestrator può avere il proprio. Il database di runtime è un database specifico dell'orchestrator che archivia i dati relativi alle istanze dei processi per un singolo orchestrator o cluster di orchestrator. I dati includono informazioni sulle istanze dei processi attualmente in corso, le istanze che sono state eseguite, ma che non sono ancora state spostate nella tabella di archivio, e le istanze archiviate. È possibile accedere ai dati correnti e a quelli archiviati dalla scheda Operazioni. Ciascun record di runtime include stato, set di dati e proprietario dell'istanza dell'oggetto, oltre alle informazioni di pianificazione. Nota: ogni orchestrator richiede un database di runtime separato. Un orchestrator autonomo dispone di un proprio database. Un cluster di orchestrator viene considerato come un singolo orchestrator logico. In questo caso, tutti i nodi condividono lo stesso database. Il database di reporting archivia i dati della cronologia per le istanze di processo e operatore. Nella scheda Report, gli amministratori possono generare report quasi in tempo reale con questi dati, utilizzando le definizioni predefinite e personalizzate dei report. Nota: in genere, il database di reporting è condiviso tra tutti gli orchestrator. 68 Guida all'installazione

69 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Sebbene i database logici possano condividere il database fisico, si consiglia di utilizzare database separati. CA Process Automation richiede che per i nomi di database non si faccia distinzione tra maiuscole e minuscole. È consigliabile disporre di almeno 40 GB di spazio libero per i database. Determinate operazioni, ad esempio l'aggiornamento di CA Process Automation, richiedono una quantità di risorse elevata. Si consiglia pertanto di disporre di uno spazio elevato e di monitorarne periodicamente il consumo. Considerazioni sulla policy di archiviazione Le dimensioni dei database di runtime aumentano in fase di esecuzione dei processi, pertanto lo spazio richiesto per archiviare i dati dipende dalla dimensione dei contenuti dell'istanza di processo, nonché dalle impostazioni della policy di archiviazione di CA Process Automation. Le istanze di processo vengono archiviate in base alla policy di archiviazione. È possibile configurare la policy di eliminazione archiviazione in modo da: Spostare le istanze in archivio dopo un determinato periodo di tempo. Eliminare automaticamente le istanze meno recenti senza spostarle in archivio. Non effettuare alcuna azione. Nota: Quando la policy viene impostata per non effettuare alcuna azione, si consiglia di eseguire le attività di archiviazione dati all'esterno di CA Process Automation. La policy di archiviazione è specifica dell'orchestrator. Nota: consultare Configurazione delle policy Orchestrator nella Guida per l'amministratore del contenuto. Ulteriori informazioni: Opzioni di configurazione avanzate (a pagina 20) Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 69

70 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Preparazione di MySQL Server per CA Process Automation Durante l'installazione dell'orchestrator di dominio o di un orchestrator aggiuntivo, il programma di installazione crea dei database CA Process Automation nel server MySQL specificato. Il programma di installazione richiede i requisiti seguenti: Durante l'installazione, accedere al driver JDBC di MySQL. Questo driver non è incluso nei supporti di installazione di CA Process Automation. Nota: Si consiglia di utilizzare il driver MySQL JDBC versione e successive. Credenziali utenti con privilegi amministrativi per creare i database Libreria, Reporting e Runtime. Due variabili MySQL personalizzate per CA Process Automation. Prima di installare un orchestrator che utilizza il server di database MySQL, preparare il server MySQL per CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Scaricare il driver JDBC dal sito Web di MySQL. Ad esempio, scaricare MySQL Connector/J Salvare il driver in una posizione a cui è possibile accedere durante l'installazione. 3. Aprire MySQL Workbench e selezionare il file delle opzioni sotto Configurazione. 4. Impostare la variabile per il tempo di attesa di una transazione prima che un blocco venga ripristinato: a. Selezionare la scheda InnoDB. b. Accedere al gruppo Various (Vario). c. Selezionare innodb_lock_wait_timeout. d. Modificare il valore predefinito, 50, con un valore superiore a 60. innodb_lock_wait_timeout = Impostare la lunghezza massima del pacchetto da inviare al server e da ricevere dal server su byte (32 MB). Il valore predefinito è a. Selezionare la scheda Networking (Rete). b. Localizzare il gruppo Data / Memory size (Dati / Dimensioni memoria). c. Selezionare max_allowed_packet. d. Immettere il valore richiesto. 6. Fare clic su Applica. Viene visualizzata una conferma delle modifiche da applicare al file di configurazione di MySQL. 70 Guida all'installazione

71 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Preparazione di Microsoft SQL Server per CA Process Automation Prima di installare l'orchestrator di dominio di CA Process Automation o un orchestrator aggiuntivo dove risiedono i database di CA Process Automation su SQL Server, procedere come segue: Verificare che SQL Server soddisfi i requisiti di CA Process Automation (a pagina 71). Conoscere le modalità di riferimento del driver JDBC 3.0 (a pagina 72). Rivedere le linee guida per specificare il nome del server di database per SQL Server (a pagina 72). Verificare che SQL Server soddisfi i requisiti di CA Process Automation. Il server SQL Server che si prepara per i database CA Process Automation deve soddisfare i requisiti seguenti: È necessario installare SQL Server o configurarlo con l'autenticazione di modalità mista. Durante l'installazione dell'orchestrator è necessario specificare un account con l'autenticazione del server SQL. Il programma di installazione dell'orchestrator richiede credenziali utente con privilegi di amministratore per poter creare i database di CA Process Automation. Il confronto di SQL Server per i database di CA Process Automation deve essere SQL_Latin1_General_CP1_CI_AS. Per impostazione predefinita, il programma di installazione di CA Process Automation crea database con questo confronto. Esaminare i file di configurazione per il proprio SQL Server per verificare che SQL Server soddisfi i requisiti di CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere al file ConfigurationFile.ini, creato in un percorso simile a quello seguente: C:\ Program Files\Microsoft SQL Server\100\Setup Bootstrap\Log\ yyyymmdd_hhmmss 2. Verificare che l'impostazione della modalità di protezione assomigli a quanto segue: ; The default is Windows Authentication. Use "SQL" for Mixed Mode Authentication. SECURITYMODE="SQL" Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 71

72 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio 3. Verificare che l'impostazione per le credenziali dell'account di amministratore del sistema SQL assomigli a quanto segue: ; Windows account(s) to provision as SQL Server system administrators. SQLSYSADMINACCOUNTS=".\Administrator" 4. Verificare che le impostazioni di confronto siano similari alla seguente: ; Specifies a Windows collation or an SQL collation to use for the Database Engine. SQLCOLLATION="SQL_Latin1_General_CP1_CI_AS" Considerazioni sulle modalità di riferimento al driver JTDS JDBC Durante l'installazione dell'orchestrator, il programma di installazione richiede il driver JTDS 1.3 per SQL Server, incluso in DVD1. Il percorso è:.../dvd1/drivers/jtds-1.3.jar Linee guida per specificare il nome del server di database per SQL Server Quando si installa l'orchestrator di dominio o qualsiasi orchestrator non cluster, specificare i dettagli per tre database di CA Process Automation: libreria, runtime e reporting. Se si definisce il tipo di database come MS SQL, utilizzare le linee guida seguenti per specificare il server di database: Se si dispone solo di un'istanza di SQL Server sul server host, specificare il nome host del server. (Questo nome è l'istanza predefinita.) Se si dispone di più istanze di SQL Server sul server host, specificare l'istanza denominata di SQL Server nel formato host_name\named_instance. Un'istanza denominata di SQL Server è un'altra copia di SQL Server che viene eseguita sullo stesso host. Ciascuna copia viene eseguita indipendentemente e distinta in base al rispettivo nome di istanza. Un server di database può disporre di molte istanze denominate ma solo di un'istanza predefinita (non denominata). 72 Guida all'installazione

73 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Preparazione di un server di database Oracle per CA Process Automation Prima di installare l'orchestrator di dominio o un orchestrator aggiuntivo, che utilizza Oracle per ospitare i database interni, è necessario eseguire la preparazione. Attenersi alla procedura seguente: 1. Creare un utente con autorizzazioni di connessione e risorsa. 2. Verificare che Oracle abbia sufficiente spazio tabelle per ospitare i database seguenti: Database di libreria Database di runtime Database di reporting 3. Creare manualmente i database di libreria, reporting e runtime. 4. Configurare le seguenti impostazioni: Impostare il numero massimo di connessioni su 100 (o almeno 150 per cluster). Tutte le connessioni vengono eseguite tramite gli orchestrator, ma per un funzionamento ottimale sono richieste poche connessioni in pool. Impostare Elaborazione delle transazioni in linea (OLTP) per facilitare le transazioni. 5. Riferimenti al driver JDBC Oracle. Note: Durante l'installazione dell'orchestrator, il programma di installazione richiede il driver JDBC Oracle per Oracle, incluso nel DVD1. Il percorso è:.../dvd1/drivers/ojdbc14.jar La partizione non è supportata. Ulteriori informazioni: Bug di Oracle n (a pagina 248) Modifica della configurazione del server di database Oracle per l'utilizzo di un RAC Oracle (a pagina 132) Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 73

74 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Privilegi del proprietario del database Al primo avvio di CA Process Automation o dopo l'applicazione di una patch, viene eseguita la modifica della struttura di schema o di database. I privilegi di database minimi richiesti da CA Process Automation sono i seguenti: Diritto di accesso ai metadati (per determinare la struttura) Diritto di creazione/modifica/eliminazione (CAD, create/alter/drop). Diritti DDL per tabelle, indici, visualizzazioni, vincoli e sequenze nel database. Diritti di lettura o scrittura su tutte le tabelle L'applicazione CA Process Automation richiede i privilegi seguenti per le tabelle: Seleziona Inserisci Elimina Prerequisiti del JDK Prima di installare qualsiasi orchestrator, verificare che i prerequisiti di Java Development Kit (JDK) vengano rispettati. Utilizzare il seguente comando: Java version L'esempio precedente mostra una versione Java valida per Windows. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host su cui si intende installare l'orchestrator di dominio. 2. Verificare che Java Development Kit sia Oracle JDK 1.7. Nota: Per ulteriori informazioni, consultare la sezione Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti di CA Process Automation (a pagina 28). Se la versione predefinita di Java è diversa, modificarla con la shell in cui verrà avviato il programma di installazione di CA Process Automation. 3. Se la versione di JDK richiesta non è installata, scaricarla dal sito Web di Oracle ed eseguire la procedura guidata per l'installazione di JDK. 4. Per un orchestrator cluster, verificare che Oracle JDK sia installato su ogni nodo. 74 Guida all'installazione

75 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Impostazione del percorso predefinito della directory principale Java Se la versione predefinita è diversa, modificare la versione Java predefinita con la shell in cui verrà avviata l'installazione di CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla cartella DVD1 2. Impostare java come directory predefinita nel prompt dei comandi o nella shell. Windows set JAVA_HOME=<home_directory_of_jdk (not_bin)> set PATH=%JAVA_HOME%\bin;%PATH% UNIX o Linux export JAVA_HOME=<home_directory_of_jdk (not_bin)> export PATH=$JAVA_HOME/bin:$PATH 3. Avviare il programma di installazione dal prompt dei comandi o dalla shell seguente. Windows.\ Domain_Installer_windows.bat UNIX o Linux./ Domain_Installer_unix.sh Il programma di installazione prima avvia il programma di installazione di terze parti e, quindi, avvia il programma di installazione dell'orchestrator di dominio. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 75

76 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Prerequisiti di CA EEM CA Process Automation utilizza CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM) per l'autenticazione e l'autorizzazione utente. CA EEM è un prerequisito obbligatorio. Se si sta utilizzando CA EEM con un altro prodotto di CA Technologies, controllare che si tratti di una versione supportata da CA Process Automation. Consultare la sezione Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation. (a pagina 28) Se non si è in possesso di CA EEM o se la versione di CA EEM posseduta è precedente alle versioni supportate da CA Process Automation, scaricare e installare CA EEM (a pagina 77). Pianificazione della modalità di autenticazione degli utenti di CA Process Automation (a pagina 83). Raccolta di informazioni relative CA EEM per l'installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 79). Per creare due istanze di CA EEM al momento dell'installazione (una da utilizzare e l'altra come riserva in caso di failover), consultare la sezione Preparazione di un failover verso CA EEM in standby (a pagina 78). Questa procedura è facoltativa e può essere eseguita in un momento successivo. 76 Guida all'installazione

77 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Configurazione di CA EEM CA Process Automation richiede CA EEM per la gestione dell'autorizzazione e dell'autenticazione. È necessario che un'istanza valida di CA EEM sia disponibile prima dell'installazione o dell'aggiornamento di CA Process Automation. CA Process Automation può utilizzare qualsiasi versione di CA EEM dalla 8.4 SP04 CR10 alla , ma alcune funzionalità di CA EEM, utilizzabili con CA Process Automation, non sono supportate in tutte le versioni di CA EEM. Ad esempio: Per il supporto dei certificati di protezione a 2048 e 4096 bit, è richiesta la versione di CA EEM 12.0 o una successiva. Per il supporto di più domini di Microsoft Active Directory, è richiesta la versione di CA EEM 12.5 o una successiva. Se sul sito esiste un'istanza di CA EEM ma non della versione richiesta, consultare l'amministratore del sito per vedere se è possibile aggiornare l'istanza di CA EEM al livello desiderato. I limiti correlati al supporto della versione per altri prodotti che utilizzano l'istanza di CA EEM possono impedire l'aggiornamento dell'istanza. Nuova installazione di CA EEM Una nuova installazione di CA EEM è richiesta se non è disponibile alcuna istanza di CA EEM alla versione desiderata. Attenersi alla procedura seguente: Scaricare i programmi di installazione per CA EEM dalla posizione sul supporto di installazione di CA Process Automation. Seguire le istruzioni fornite nella documentazione di CA EEM in fase di distribuzione o di aggiornamento dell'istanza di CA EEM. Considerazioni sulla configurazione di CA EEM Quando si configura CA EEM per l'utilizzo dell'archivio utenti interno o di un archivio utenti esterno, considerare le implicazioni seguenti per CA Process Automation: Se si seleziona l'archivio utenti interno predefinito, è possibile creare account utente per gli utenti di CA Process Automation. Le credenziali utente definite in CA EEM vengono utilizzate per l'autenticazione all'accesso. Se si fa riferimento a un archivio utente esterno, gli account utente di tale archivio vengono caricati automaticamente in CA EEM come utenti globali. Le credenziali utente definite in Microsoft Active Directory di riferimento vengono utilizzate per l'autenticazione. Consultare la sezione Utenti globali di riferimento e gruppi globali da Microsoft Active Directory (a pagina 88). (CA EEM 8.4) Consultare la sezione Riferimento agli utenti globali di più Active Directory (a pagina 88). (CA EEM 12.51) Quando si configura CA EEM per la modalità FIPS, considerare quanto segue: Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 77

78 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio CA Process Automation codifica i dati che vengono trasportati tra CA Process Automation e CA EEM. Se la modalità FIPS è selezionata in CA EEM, è necessario configurare CA Process Automation per l'utilizzo degli algoritmi supportati da FIPS per la comunicazione tra CA Process Automation e CA EEM. Durante l'installazione di CA Process Automation, selezionare Usa certificato di conformità FIPS per utilizzare gli algoritmi supportati da FIPS. Preparazione di un failover verso CA EEM in standby Prendere in considerazione l'impostazione di due istanze di CA EEM in una configurazione ad alta disponibilità. Se si utilizza questo tipo di configurazione per CA EEM, l'istanza primaria di CA EEM agisce come server di autorizzazione e autenticazione di protezione attivo per CA Process Automation. L'istanza secondaria di CA EEM corrisponde al server di autorizzazione e autenticazione di protezione in standby. L'istanza secondaria di CA EEM esegue il mirroring dell'istanza primaria di CA EEM. Le due istanze di CA EEM possono puntare alla stessa directory esterna. CA Process Automation esegue in modo automatico e trasparente il failover dall'istanza primaria di CA EEM a quella secondaria di CA EEM se l'istanza primaria di CA EEM non riesce dopo la connessione iniziale di CA Process Automation. Il failover si verifica anche se il server primario è inizialmente non attivo quando si configurano entrambi i server di CA EEM in CA Process Automation. Per informazioni sull'impostazione di CA EEM in una configurazione ad alta disponibilità, consultare la documentazione della versione di CA EEM distribuita sul sito in uso. Ulteriori informazioni sono disponibili sulla pagina relativa alle procedure di implementazione di CA Process Automation (accessibile mediante un collegamento rapido nella scheda Pagina iniziale di CA Process Automation). 78 Guida all'installazione

79 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Raccolta di informazioni relative a CA EEM per l'installazione dell'orchestrator di dominio Prima di iniziare a installare l'orchestrator di dominio, tenere a portata di mano i dettagli seguenti relativi alla configurazione di CA EEM: Le credenziali dell'amministratore di CA EEM, in cui EiamAdmin è il nome utente. La versione di rilascio di CA EEM e l'impostazione FIPS in CA EEM. 1. Accedere a CA EEM in uso. https://server:5250/spin/eiam 2. Selezionare il nome dell'applicazione CA Process Automation dall'elenco a discesa Applicazione. 3. Immettere le credenziali di accesso valide, sia EiamAdmin sia la password associata. Fare clic su Accesso. 4. Fare clic su Informazioni. La versione di rilascio di CA EEM e l'impostazione FIPS vengono visualizzate in Specifiche del prodotto. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 79

80 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Nota: Durante l'installazione di CA Process Automation, il processo che registra l'applicazione CA Process Automation con CA EEM genera anche i certificati che CA Process Automation utilizza per connettersi a CA EEM. Se CA EEM è abilitato per FIPS, vengono generati sia PAM.cer sia PAM.key. Se in CA EEM non è abilitata la modalità FIPS, fornire una password (password di certificato EEM) prima di registrare l'applicazione CA Process Automation con CA EEM. La password viene quindi utilizzata per proteggere il certificato PAM.p12 che viene generato durante la registrazione dell'applicazione CA Process Automation con CA EEM. Se si installa, senza registrare, l'applicazione CA Process Automation con CA EEM, viene richiesto di selezionare l'sdk corrispondente alla versione del server di CA EEM in uso. Il nome host del server di CA EEM. Per determinare il nome host, accedere a CA EEM. Il nome host viene visualizzato con l'etichetta Backend nella barra del titolo. Importante. Per accedere a CA EEM è necessaria la password EiamAdmin. Se è in corso l'aggiornamento e si intende configurare CA EEM per l'utilizzo di più Microsoft Active Directory, è necessario conoscere il nome del dominio di Active Directory a cui si fa attualmente riferimento. Considerare la possibilità di specificare questo dominio come il dominio Active Directory predefinito. Gli utenti di CA Process Automation che appartengono al dominio predefinito di Active Directory possono accedere a CA Process Automation con il nome utente non completo dopo che sono stati riassegnati a un gruppo applicazione. Registrare la password di certificato che si intende inserire. La password di certificato controlla l'accesso alle chiavi utilizzate per la crittografia delle password e di altri dati critici. La password di certificato è specifica per un singolo dominio CA Process Automation. Questa password di certificato non è correlata a CA EEM, ma è importante registrarla. Importante. È necessario utilizzare questa stessa password per l'installazione di qualsiasi altro orchestrator o l'aggiunta di nodi cluster a un orchestrator. Questa stessa password è una voce obbligatoria in fase di aggiornamento di CA Process Automation. 80 Guida all'installazione

81 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Identificazione della versione del CA EEM SDK utilizzata da CA Process Automation È possibile determinare se la versione del CA EEM SDK utilizzata da CA Process Automation è 8 o 12. Attenersi alla procedura seguente: 1. Arrestare l'orchestrator di dominio 2. Aumentare il livello log dell'orchestrator di dominio a INFO. 3. Avviare l'orchestrator di dominio. 4. Accedere al server di CA Process Automation. 5. Rivedere i log. Se CA Process Automation utilizza CA EEM SDK r8.4: 13:03: INFO [com.optinuity.c2o.eemconfiguration.eemmanagerfactory] (http-user01-m4600.ca.com ) Found method: soretrievebyusername in class: com.ca.eiam.safeglobaluser. The current EEM SDK's version is 8 13:03: INFO [com.optinuity.c2o.eemconfiguration.eem8manager] (http-user01-m4600.ca.com ) Initialized EEM8Manager... Se CA Process Automation utilizza CA EEM SDK 12.51: 13:32: INFO [com.optinuity.c2o.eemconfiguration.eemmanagerfactory] (http-user02-m4600.ca.com ) Found method: soretrievebyprincipalname in class: com.ca.eiam.safeglobaluser. The current EEM SDK's version is 12 13:32: INFO [com.optinuity.c2o.eemconfiguration.eem12manager] (http-user02-m4600.ca.com , ) Initialized EEM12Manager Arrestare l'orchestrator di dominio, riportare l'impostazione del livello log al livello precedente, quindi riavviare l'orchestrator di dominio. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 81

82 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Prerequisiti per la configurazione dell'autenticazione NTLM Procedere come segue prima di configurare l'autenticazione NTLM: Verificare che CA EEM sia installato su un server con un sistema operativo Microsoft Windows. Verificare che CA EEM utilizzi Microsoft Active Directory come archivio utenti esterno. Verificare che CA EEM non sia configurato per più Active Directory o per una foresta Active Directory. Verificare che gli utenti accedano a CA Process Automation da un computer Windows. Verificare che il server di CA EEM e il computer per l'accesso a CA Process Automation siano inclusi nello stesso dominio di rete. Se i computer sono inclusi in domini nidificati, verificare che il server di CA EEM e il computer di avvio dell'applicazione siano compresi in domini con una relazione di trust. Verificare che gli utenti del dominio siano aggiunti ai gruppi utente sul computer di avvio dell'applicazione. 82 Guida all'installazione

83 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Pianificazione della modalità di autenticazione degli utenti di CA Process Automation Se si tratta di una nuova installazione di CA Process Automation, parte della preparazione consiste nel determinare la modalità di autenticazione degli utenti di CA Process Automation. L'installazione effettiva descritta in questo documento viene eseguita una volta completata l'installazione. Tuttavia, le opzioni di installazione CA Process Automation selezionate si basano sui piani in uso. Le opzioni consentono di: Creare un account utente per ciascun utente di CA Process Automation in CA EEM. L'amministratore di CA EEM assegna un ID utente a ciascun account. Gli utenti possono aggiornare le rispettive password in CA EEM. Quando gli utenti accedono a CA Process Automation, CA EEM esegue l'autenticazione degli utenti verificando che l'id utente immesso e la password (credenziali) appartengano a un account utente attivo. Fare riferimento agli account utenti archiviati in una o più Microsoft Active Directory. CA EEM trasmette le credenziali utilizzate per l'accesso di CA Process Automation ad Active Directory, che esegue l'autenticazione. Utilizzare l'autenticazione pass-through NTLM senza SiteMinder. In via preliminare, è necessario fare riferimento ad account utente archiviati in un dominio di Microsoft Active Directory. L'autenticazione NTLM non è supportata se si fa riferimento a più domini di Microsoft Active Directory. L'autenticazione NTLM richiede che tutti i computer interessati utilizzino un sistema operativo Windows e che siano compresi nello stesso dominio o in domini con relazioni di trust. Abilitare Single Sign-On mediante l'autenticazione NTLM. A tale scopo utilizzare CA SiteMinder o accertarsi di soddisfare i prerequisiti per la configurazione dell'autenticazione NTLM (a pagina 82). In entrambi i casi, selezionare l'autenticazione NTLM durante l'installazione. NTLM gestisce l'autenticazione quando gli utenti accedono a CA Process Automation. Gli utenti autenticati eseguono l'accesso con le credenziali di Windows. In alternativa, abilitare l'autenticazione pass-through NTLM dopo l'installazione (a pagina 127). In caso di una nuova installazione di CA Process Automation, durante la fase di preparazione è necessario decidere la modalità di autenticazione degli utenti di CA Process Automation. La configurazione effettiva qui descritta viene eseguita una volta completata l'installazione. Tuttavia, dal metodo di autenticazione scelto dipendono le impostazioni da specificare durante l'installazione di CA Process Automation. Le opzioni di autenticazione includono quanto segue: Autenticazione tramite EEM-based Utente remoto basato su EEM Prerequisiti Installazione di CA EEM Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 83

84 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Dettagli: un amministratore di CA EEM crea un account utente in CA EEM per ciascun utente che richiede l'accesso a CA Process Automation. L'amministratore di CA EEM fornisce a ciascun utente un ID di accesso. Gli utenti possono aggiornare le rispettive password in CA EEM. Quando gli utenti accedono a CA Process Automation, CA EEM esegue l'autenticazione degli utenti verificando che l'id utente immesso e la password (credenziali) appartengano a un account utente attivo. Azione richiesta durante l'installazione di CA Process Automation Non è richiesta alcuna azione particolare Riferimento alla directory LDAP Prerequisiti Installazione di CA EEM Accesso a una directory esterna basata su LDAP Dettagli: sono disponibili i tipi di directory e le configurazioni seguenti: Active Directory (AD) È possibile configurare CA EEM in modo che faccia riferimento ad account utente archiviati su uno o più Microsoft Active Directory. CA Process Automation trasmette a CA EEM le credenziali di accesso e CA EEM trasmette a sua volta le stesse credenziali ad Active Directory per la convalida. Directory basata su LDAP non di Active Directory È possibile anche configurare CA EEM per l'utilizzo di una directory basata su LDAP diversa da Active Directory. In questo caso, l'autenticazione viene gestita allo stesso modo. Azione richiesta durante l'installazione di CA Process Automation Non è richiesta alcuna azione particolare Single Sign-On con l'autenticazione NTLM Prerequisiti Stessi prerequisiti dell'utilizzo di Active Directory con l'opzione di directory LDAP appena descritta (NEED TO VERIFY if NTLM authentication is not supported if you reference multiple Microsoft AD domains.) 84 Guida all'installazione

85 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Inoltre, è necessario riuscire a soddisfare i prerequisiti per la configurazione dell'autenticazione NTLM. Nota: Come requisito, gli utenti PAM devono eseguire un sistema operativo Windows e trovarsi nello stesso dominio del server EEM o in domini con relazioni di trust. Dettagli: CA EEM gestisce l'autenticazione via NTLM quando gli utenti accedono a CA Process Automation. Gli utenti autenticati eseguono l'accesso con le credenziali di Windows. Azione richiesta durante l'installazione di CA Process Automation Selezionare l'opzione NTLM nella pagina della procedura guidata di EEM durante l'installazione di CA Process Automation. Questo metodo è consigliato per abilitare SSO. Nota: È possibile abilitare l'autenticazione pass-through NTLM dopo l'installazione, se necessario. Autenticazione tramite SiteMinder-based Single Sign-On con CA SiteMinder Prerequisiti [Fare riferimento alla documentazione di SiteMinder] Dettagli: SiteMinder esegue l'autenticazione con una directory esterna e invia il nome utente a CA Process Automation. L'utente viene così autorizzato in CA EEM. [We should probably point the user to the SiteMinder section in our install guide for more details.] Azione richiesta durante l'installazione di CA Process Automation Il nome host e le intestazioni di SiteMinder vengono specificati nella pagina della procedura guidata per il bilanciamento del carico Autenticazione e autorizzazione utente in modalità FIPS È possibile configurare CA EEM per l'utilizzo della modalità FIPS. Questa opzione è facoltativa. Solo se CA EEM è configurato per l'utilizzo della modalità FIPS, è possibile configurare CA Process Automation allo stesso modo. Anche se CA EEM è configurato per l'utilizzo della modalità FIPS, è possibile configurare CA Process Automation per non utilizzarla. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 85

86 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio A seconda se modalità FIPS è attivata o disattivata, i dati trasferiti tra CA EEM e CA Process Automation vengono crittografati. La differenza consiste negli algoritmi utilizzati per la crittografia. Quando gli utenti accedono, CA Process Automation trasferisce il nome utente e la password a CA EEM. CA EEM restituisce i dati di autenticazione e autorizzazione a CA Process Automation. Quando la modalità FIPS è attiva: I dati trasferiti vengono crittografati con l'algoritmo SHA1 supportato da FIPS. Viene utilizzato un certificato PAM.cer. Quando la modalità FIPS è disattivata: I dati trasferiti vengono crittografati con l'algoritmo MD5. Viene utilizzato un certificato PAM.p12. Definizione del tipo di configurazione di CA EEM per l'archiviazione degli utenti globali Durante il completamento dei prerequisiti di CA EEM per l'installazione iniziale di CA Process Automation, considerare i punti seguenti: Durante la configurazione di CA EEM, selezionare se archiviare le credenziali utente a livello interno o se fare riferimento alle credenziali utente da una directory esterna o da SiteMinder. 86 Guida all'installazione

87 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Se si utilizza un'istanza di CA EEM esistente che supporta applicazioni diverse da CA Process Automation, questa opzione e il tipo di configurazione sono già definiti. Tutte le applicazioni utilizzano lo stesso tipo di configurazione. I tipi di configurazione variano a seconda del rilascio. L'opzione di riferimento da una directory esterna di CA EEM Release 8.4 include il tipo di configurazione per Microsoft Active Directory L'opzione di riferimento da una directory esterna di CA EEM Release 12.5 include un proprio insieme di tipi di configurazione, inclusi più domini di Active Directory e una foresta di Active Directory. Se si utilizza una nuova istanza di CA EEM, considerare la seguente procedura: 1. Installare CA EEM e avviare CA EEM. 2. Installare CA Process Automation. Durante l'installazione, eseguire la registrazione con CA EEM che crea l'applicazione di CA Process Automation in CA EEM e ignorare il test per la connettività a CA EEM. 3. Accedere a CA EEM con le credenziali utente EiamAdmin e il nome applicazione di CA Process Automation. 4. Definire l'archivio utenti e, se si seleziona l'opzione di riferimento da una directory esterna, definire i dettagli. Per ulteriori informazioni sulla configurazione degli utenti globali di un archivio utenti di riferimento in CA EEM, consultare la documentazione di CA EEM. Consultare anche gli esempi seguenti: Riferimento agli utenti globali e ai gruppi globali da Microsoft Active Directory (a pagina 88) (CA EEM r8.4). Riferimento agli utenti globali di più Active Directory (CA EEM r12.5) (a pagina 88) 5. Mentre si è connessi a CA EEM, configurare gli utenti di CA Process Automation. Consultare la sezione Assegnazione di un gruppo di applicazioni a un utente globale nella Guida per l'amministratore del contenuto. 6. Eventualmente, configurare CA EEM per consentire agli utenti di riferimento di accedere con il nome del proprio indirizzo di posta elettronica (a pagina 128). Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 87

88 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio Riferimento agli utenti globali di Microsoft Active Directory (CA EEM r8.4) Durante l'installazione di CA EEM r8.4, è possibile selezionare l'opzione Riferimento da una directory esterna, quindi Microsoft Active Directory come tipo. Quando si utilizza NTLM per la protezione, selezionare la casella di controllo Recupera gruppi di scambio come gruppi utenti globali come nell'esempio seguente: Quando si salva la configurazione, vengono visualizzati i messaggi di stato seguenti: Associazione directory esterna riuscita. I dati della directory esterna sono caricati. Se NTLM è abilitato e un utente globale esegue il primo accesso, viene visualizzata la finestra di dialogo in cui è richiesta l'autenticazione. CA EEM utilizza quindi il protocollo NTLM per autenticare gli utenti. Riferimento agli utenti globali di più Active Directory (CA EEM 12.5) Durante l'installazione di CA EEM r12.51, è possibile configurare CA EEM in modo da fare riferimento a più Microsoft Active Directory o a una foresta di Active Directory. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a CA EEM come utente EiamAdmin. Specificare <Global> come applicazione. 2. Fare clic sulla scheda Configura, quindi fare clic su Archivio utenti. 3. Selezionare Archivio utenti dal riquadro Archivio utenti. 4. Da Utenti globali/gruppi globali, selezionare Riferimento da una directory LDAP esterna. 88 Guida all'installazione

89 Prerequisiti per l'installazione dell'orchestrator di dominio 5. Selezionare Più domini Microsoft Active Directory dall'elenco a discesa Tipo di Configurazione. 6. Fare clic su Aggiungi directory e immettere il nome della prima Active Directory nel campo Nome. 7. In Impostazioni di dominio, immettere il dominio nel campo Dominio. 8. Immettere il nome host e il numero della porta nei campi Host e Porta, quindi fare clic sulla freccia destra. L'elenco Nomi host selezionati specifica la posizione dell'active Directory. 9. Selezionare il protocollo di cui si ha bisogno dall'elenco a discesa Protocollo. 10. Per DN di base (nome distinto di base), immettere un valore senza spazi. Il valore specifica la directory LDAP esterna che contiene dati per gli utenti globali e i gruppi globali. Nell'esempio seguente, il valore OU= limita i gruppi globali che vengono caricati in quelli contenuti nell'unità organizzativa specificata. OU=myorganizationalunit,DC=foo,DC=com 11. Specificare le credenziali che CA EEM deve utilizzare per accedere al dominio specificato e all'unità organizzativa. Questo utente deve essere un membro del dominio e dell'unità organizzativa specificata per il DN di base. a. Per DN utente (nome distinto utente), immettere il nome comune dell'utente per la connessione alla directory LDAP esterna. Utilizzare il carattere di escape (\) prima di una virgola tra le parti del nome comune. Ad esempio CN=firstname\,lastname,DC=foo,DC=com b. Immettere la password associata al nome comune specificato per DN utente per Password utente e per Conferma password. 12. Completare la configurazione avanzata o accettare i valori predefiniti. 13. Ripetere i passaggi da 6 a 12 per ogni Active Directory a cui fare riferimento. 14. Fare clic su Salva. Quando si salva la configurazione, vengono visualizzati i messaggi di stato seguenti: Associazione directory esterna riuscita. I dati della directory esterna sono caricati. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 89

90 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Prerequisiti di pianificazione delle porte Le porte vengono configurate durante l'installazione. Quando vengono configurate le porte di rete, accettare le impostazioni predefinite, tranne quando: La porta predefinita viene utilizzata da un'altra applicazione sull'host. Una restrizione del firewall previene la comunicazione sulla porta predefinita. Rivedere l'utilizzo delle porte descritto nella sezione Porte utilizzate da CA Process Automation (a pagina 221) e pianificare la sostituzione delle porte elencate per quelle utilizzate sulla di rete o su un eventuale host. Ad eccezione della porta per gli agenti e per CA EEM, tutte le altre proprietà vengono archiviate nel file OasisConfig.properties in install_dir/server/c2o/.config. Se si verifica un conflitto dopo l'installazione, è possibile modificare questo file manualmente. Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva L'Installazione dell'orchestrator di dominio di CA Process Automation dipende dalla presenza di determinati componenti. Per questo motivo, l'installazione di CA Process Automation viene effettuata in due passaggi principali: 1. Installando il prodotto software di terze parti. 2. Installazione dell'orchestrator di dominio. È necessario eseguire entrambi i passaggi ogni volta che si installa, reinstalla o aggiorna CA Process Automation. È possibile eseguire l'installazione da un supporto fisico o da una copia effettuata dal supporto fisico o ottenuta tramite download. È possibile interrompere in qualunque momento il processo di installazione. Se si annulla, viene visualizzata una finestra popup di conferma. Se si conferma l'annullamento, i passaggi dell'installazione eseguiti fino a questo momento vengono annullati. Se è presente un'utilità di bilanciamento del carico, si consiglia di impostare l'orchestrator di dominio come un orchestrator cluster, anche se non si desidera creare cluster al momento. Se si decide di creare un cluster in un secondo momento e l'orchestrator di dominio non è stato impostato come cluster, è necessario reinstallarlo per supportare il clustering. Per ulteriori informazioni, consultare le sezioni seguenti: Prerequisiti per il bilanciamento del carico NGINX (a pagina 34). Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 (a pagina 51). Prerequisiti per il bilanciamento del carico di Apache (a pagina 255). 90 Guida all'installazione

91 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Le installazioni successive richiedono determinati valori che vanno configurati durante l'installazione dell'orchestrator di dominio. Ad esempio, è necessario reinserire determinate password durante l'aggiornamento o l'installazione di altri orchestrator. Un metodo semplice per mantenere un record di valori inseriti è la creazione di uno schema per le password, prima di iniziare l'installazione interattiva. Ad esempio, registrare le password per quanto segue ed altre password specifiche per i server di database. Certificato di CA Process Automation. Certificato di CA EEM. Database repository. Database di reporting. Database di runtime. Amministratore di CA EEM. Ulteriori informazioni: Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica (a pagina 115) Installazione del prodotto software di terze parti L'installazione di CA Process Automation prevede all'inizio l'installazione del prodotto software di terze parti. Una volta completata, l'installazione dell'orchestrator si avvia automaticamente. Attenersi alla procedura seguente: 1. Inserire il DVD1 del supporto di installazione di CA Process Automation in un'unità. In alternativa, accedere alla posizione in cui sono state copiate le cartelle DVD1 e DVD2 contenenti i file di installazione. 2. Eseguire il programma di installazione adatto alla piattaforma e al supporto in uso: Windows: Domain_Installer_windows.bat Linux o UNIX: Domain_Installer_unix.sh Questi file avviano il programma di installazione di terze parti e dell'orchestrator di dominio. 3. Selezionare la lingua preferita dalla finestra di dialogo per la selezione della lingua. In questo modo viene impostata la lingua predefinita. Indipendentemente dalla lingua selezionata, CA Process Automation viene installato con supporto per tutte le localizzazioni disponibili. A questo punto viene visualizzato il programma di installazione guidata dei componenti di terze parti di CA Process Automation. 4. Fare clic su Avanti per iniziare l'installazione dei componenti di terze parti. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 91

92 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 5. Leggere il contratto di licenza. Per accettare, selezionare Accetto i termini del contratto di licenza e fare clic su Avanti. 6. Fare clic su Avanti per installare i componenti nella directory di destinazione predefinita. Oppure accedere a una directory differente e quindi fare clic su Avanti. Il programma di installazione crea automaticamente la cartella se non esiste. È necessario disporre di almeno 8 GB di spazio. Importante. Verificare che la struttura della cartella di CA Process Automation, incluso il percorso di installazione, non superi i 255 caratteri. CA Technologies consiglia di utilizzare un percorso di installazione (install_dir) con un numero massimo di 64 caratteri. Viene visualizzato l'elenco dei prerequisiti di terze parti. I prerequisiti di terze parti per l'orchestrator di dominio includono l'installazione di JBoss, di Hibernate e del file.jar di JDBC. In CA Process Automation r 4.2, il servizio di messaggistica ActiveMQ viene utilizzato con JBoss Fare clic su Avanti e monitorare l'installazione di JBoss e dei componenti di terze parti. Appare il programma di installazione dei file Jar di JDBC. 92 Guida all'installazione

93 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 8. Selezionare una o più applicazioni del server di database da utilizzare per l'accesso interno ai database di CA Process Automation e specificare il percorso al file Jar del driver JDBC appropriato. Quindi fare clic su Avanti. MySQL - Accedere a un file Jar del driver JDBC precedentemente scaricato per MySQL. Ad esempio:...your_dir\mysql-connector-java bin.jar MS SQL - Accettare il percorso predefinito al file.jar JTDS JDBC sul disco di installazione DVD1. Ad esempio:...\dvd1\drivers\jtds-1.3.jar (Facoltativamente, è possibile accedere a un file Jar JDBC differente.) Oracle - Accettare il percorso predefinito al file Jar JDBC sul disco di installazione DVD1. Ad esempio:...dvd1\drivers\ojdbc14.jar (Facoltativamente, è possibile accedere a un file Jar JDBC differente.) Nota: è necessario specificare almeno un driver JDBC. Generalmente non è necessario specificare driver JDBC multipli per comunicazioni interne. Durante l'installazione dell'orchestrator di dominio, è possibile installare ulteriori driver JDBC per l'utilizzo con altri orchestrator o agenti con gli operatori di database (precedentemente noti come Modulo JDBC). 9. Quando viene visualizzata la schermata che conferma il completamento della procedura guidata di installazione di CA Process Automation, inserire il DVD2 di installazione di CA Process Automation o sostituire il DVD1 con il DVD2 nel campo. (In alternativa, accedere alla directory che contiene i file dei supporti di installazione del DVD2.) Quindi, fare clic su Fine. Il programma di installazione di terze parti passa il controllo al programma di installazione dell'orchestrator di dominio di CA Process Automation. Per un breve intervallo di tempo è possibile che le interfacce utenti per il programma di installazione di terze parti vengano chiuse e che l'interfaccia utente per l'installazione del dominio di CA Process Automation non sia ancora visualizzata. Si tratta di un comportamento normale. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 93

94 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Installazione dell'orchestrator di dominio Dopo aver installato i componenti di terze parti con il relativo programma di installazione, questo copia i file di installazione di CA Process Automation sull'host e avvia il programma di installazione per l'orchestrator di dominio. Questa sezione descrive come installare un orchestrator di dominio non cluster o il primo nodo dell'orchestrator di dominio in cluster. Attenersi alla procedura seguente: 1. Nella pagina di benvenuto, fare clic su Avanti. 2. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 3. Verificare che il percorso visualizzato sia il percorso alla directory principale Java. Se il percorso della directory principale Java non viene visualizzato, completare i passaggi seguenti: a. Fare clic su Sfoglia. b. Individuare la posizione corretta. c. Selezionare il Java Development Kit (JDK) da utilizzare. Ad esempio, selezionare: C:\Program Files\Java\jdk1.7.0_21 d. Fare clic su Avanti. Il JDK viene confermato. 4. Controllare il progresso mentre i file vengono copiati. 5. Per configurare CA Process Automation per l'uso con CA SiteMinder, verificare che tutti i prerequisiti di CA SiteMinder siano soddisfatti. Quindi, completare i campi seguenti nella schermata di configurazione del dominio di CA Process Automation: Configurazione di Single Sign-on (SSO) Selezionare questa casella di controllo per configurare CA SiteMinder con l'orchestrator di dominio. Verificare che CA SiteMinder WebAgent sia configurato con la stessa utilità di bilanciamento del carico di Apache utilizzata per CA Process Automation. Tipo di autenticazione SSO Selezionare Intestazione come tipo di autenticazione quando CA SiteMinder è configurato. Il tipo di autenticazione determina le modalità di comunicazione a CA Process Automation dell'id utente quando un utente è connesso tramite CA SiteMinder. Gli utenti possono selezionare i valori predefiniti nell'elenco Tipo di autenticazione SSO. 94 Guida all'installazione

95 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Parametro di autenticazione SSO Specifica il nome del parametro di autenticazione quando CA SiteMinder è configurato. Accettare i valori predefiniti o immetterne nuovi a seconda della configurazione di CA SiteMinder. Tipo di server Selezionare sm_user come parametro di autenticazione SSO per IIS. Selezionare SM_User come parametro di autenticazione SSO per Apache. Specifica il tipo dell'installazione come Nuovo orchestrator. 6. Eseguire l'azione adatta: Se si desidera configurare un orchestrator di dominio in cluster, leggere le istruzioni per completare la schermata di configurazione. Se è in corso la configurazione dell'orchestrator di dominio per l'uso con CA SiteMinder, leggere le istruzioni per completare la schermata di configurazione. Configura utilità di bilanciamento del carico Specifica se installare l'orchestrator di dominio con possibilità di clustering. Opzione selezionata Installare l'orchestrator di dominio con possibilità di clustering. Prima di selezionare questa opzione, controllare di aver completato i prerequisiti dell'utilità di bilanciamento del carico NGINX (a pagina 33) o i prerequisiti dell'utilità di bilanciamento del carico F5 (a pagina 51). Opzione deselezionata Installare l'orchestrator di dominio senza possibilità di clustering. Nodo di lavoro dell'utilità di bilanciamento del carico Definisce il nome del nodo di lavoro dell'utilità di bilanciamento del carico. Poiché la prima installazione dell'orchestrator di dominio è il primo nodo nel cluster, di norma questo valore è node1. Se l'utilità di bilanciamento del carico è Apache, la voce deve corrispondere al nome del nodo nella variabile worker.nodename.host associata a questo host nel file Apache apache_install_dir\conf\workers.properties. Nell'esempio seguente, il valore variabile, node1, è il valore da assegnare qui. worker.node1.host=nome host dell'orchestrator di dominio Se il file workers.properties specifica worker.abc.host, va immesso abc. Se l'utilità di bilanciamento del carico è F5, accettare il valore predefinito. (Il valore dei nodi di lavoro non è attinente a F5, pertanto non esiste un collegamento ai prerequisiti di F5 che sono stati eseguiti.) Valore predefinito: node1 (i caratteri speciali, inclusi i trattini, non sono supportati.) Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 95

96 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Nome host pubblico Specifica il nome host pubblico per il server Apache, il server NGINX o il server F5. Ad esempio: loadbalancerhost.mycompany.com Impostare questo campo sull'fqdn di IIS/Apache in cui è configurato CA SiteMinder WebAgent se è stata selezionata la casella di controllo Configurazione di Single Sign-On (SSO). Impostare questo campo sull'fqdn dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache, F5 o NGINX se è stata selezionata la casella di controllo Configura utilità di bilanciamento del carico senza l'opzione Configurazione di Single Sign-On (SSO). Numero di porta host pubblico Definisce la porta HTTP per IIS/Apache (host pubblico) o l'host F5 se la casella di controllo Supporta la comunicazione protetta è deselezionata. Se si modifica questo valore durante l'installazione e la configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache, F5 o NGINX, aggiornare il valore di conseguenza. Questa porta e il valore del nome host pubblico vengono utilizzati per accedere a CA Process Automation. Ad esempio: Valore predefinito: 80 Porta protetta dell'host pubblico Definisce la porta HTTPS per l'host pubblico specificato se la casella di controllo Supporta la comunicazione protetta è selezionata. Questa porta è compresa nell'url utilizzato per accedere ai servizi Web di CA Process Automation. Questa porta e il valore del nome host pubblico vengono utilizzati per accedere a CA Process Automation. Ad esempio: https://public-host-name:443/itpam Valore predefinito: Guida all'installazione

97 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Supporta la comunicazione protetta Specifica se l'utilità di bilanciamento del carico (F5, NGINX o Apache) utilizza il protocollo HTTPS per la comunicazione protetta. Opzione selezionata Indica che IIS o Apache (host pubblico) utilizzano il protocollo HTTPS per le comunicazioni. Nota: se sono stati eseguiti i passaggi di configurazione della comunicazione protetta per Apache, selezionare questa opzione. Indica che F5 utilizza HTTPS per la comunicazione. Opzione deselezionata 7. Fare clic su Avanti. Indica che IIS o Apache (host pubblico) utilizzano il protocollo HTTP per le comunicazioni. Indica che F5 utilizza HTTP per la comunicazione. 8. Nel campo Azienda, inserire il nome della propria azienda, quindi fare clic su Avanti. CA Process Automation visualizza la voce immessa come valore in Questo prodotto è concesso in licenza a quando si fa clic su Guida in linea, Informazioni. 9. Inserire una password di certificato, digitarla nuovamente, quindi fare clic su Avanti. Password di certificato Definisce la password che controlla l'accesso alle chiavi per la crittografia delle password e di altri dati critici. Utilizzare questa stessa password per l'installazione di qualsiasi altro orchestrator o l'aggiunta di nodi cluster a un orchestrator. La password di certificato è specifica per un singolo dominio CA Process Automation. Conferma password certificato Verifica la corrispondenza delle password tra la voce immessa in questo campo e quella del campo Password di certificato. Importante. Nella pagina Imposta password di certificato, prima di fare clic su Avanti, registrare la voce immessa nel campo Password di certificato in una posizione sicura per una consultazione in futuro. Questa stessa password di certificato è richiesta per l'aggiornamento dell'orchestrator di dominio e di altri orchestrator (inclusi nodi cluster) a un nuovo rilascio. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 97

98 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 10. (Solo Windows) Specificare le seguenti preferenze del menu Start, quindi fare clic su Avanti. [Nome della cartella del menu Start] Definisce il nome della cartella nel menu Start di CA Process Automation se è stata deselezionata la casella di controllo Non creare una cartella nel menu Start. Accettare il valore predefinito o inserire il nome della cartella nel menu Start per CA Process Automation. Valore predefinito: CA Process Automation 4.0 Crea collegamenti per tutti gli utenti Specifica se il nome della cartella del menu di scelta rapida specificato viene visualizzato per tutti gli utenti che accedono al server con l'orchestrator di dominio di CA Process Automation. Opzione selezionata: i collegamenti sono visualizzati. Opzione deselezionata: i collegamenti non sono visualizzati. Non creare una cartella Menu Start Specifica se creare una voce per CA Process Automation nel menu Start. Opzione selezionata: viene creata una voce di menu Start per CA Process Automation. Opzione deselezionata: non viene creata una voce di menu Start per CA Process Automation. 11. Completare i campi seguenti per definire le modalità di comunicazione dell'orchestrator di dominio con altri componenti e applicazioni di CA Process Automation, quindi fare clic su Avanti. Host server Definisce una delle proprietà seguenti: Il nome o l'indirizzo IP del sistema host in cui l'orchestrator di dominio è distribuito. Un alias DNS che indirizza al sistema host. Nome visualizzato Definisce il nome dell'orchestrator di dominio visualizzato nel browser di configurazione di CA Process Automation. Se non si configura un'utilità di bilanciamento del carico, il nome visualizzato è uguale al nome dell'host server. Se si configura un'utilità di bilanciamento del carico, il nome visualizzato è l'fqdn del server sul quale è installata l'utilità di bilanciamento. 98 Guida all'installazione

99 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Supporta la comunicazione protetta Specifica se la comunicazione con CA Process Automation è sicura, a differenza della comunicazione di base standard. Questo valore controlla se la porta HTTP o la porta HTTPS è abilitata. Opzione selezionata: viene utilizzato il protocollo HTTPS per la comunicazione. Opzione deselezionata: non viene utilizzato il protocollo HTTPS per la comunicazione, ma il protocollo HTTP. Porta del server Definisce la porta che l'orchestrator di dominio utilizza per comunicare con gli altri orchestrator e agenti. Valore predefinito: 80 (di base: HTTP) o 443 (protetto: HTTPS) Porta HTTP Definisce la porta HTTP utilizzata per il server Web se la casella di controllo Supporta la comunicazione protetta è deselezionata. Nota: questa porta è compresa nell'url utilizzato per i servizi Web di CA Process Automation e la schermata di accesso di CA Process Automation. Valore predefinito: 8080 Porta HTTPS Quando si seleziona Supporta la comunicazione protetta, questo campo specifica la porta utilizzata nell'url per l'accesso ai servizi Web di CA Process Automation e all'interfaccia utente di CA Process Automation basata su browser. Valore predefinito: 8443 Nota: selezionare Supporta la comunicazione protetta per abilitare l'immissione di valori in questo campo. Porta JNDI Definisce la porta del server di denominazione Java utilizzata dal server Web. Nota: non accedere a questa porta dall'esterno del sistema host. Valore predefinito: 1099 Porta RMI Definisce la porta RMI utilizzata dal server Web. Nota: non accedere a questa porta dall'esterno del sistema host. Valore predefinito: 1098 Porta SNMP Definisce la porta di ascolto trap SNMP per CA Process Automation. Valore predefinito: 162 Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 99

100 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 12. Accettare il percorso predefinito o accedere a una directory temporanea in cui eseguire gli script. Fare clic su Avanti. Questa directory deve essere scrivibile da tutti gli utenti. 13. Completare i campi seguenti per definire le impostazioni di PowerShell, quindi fare clic su Avanti. Imposta policy di esecuzione PowerShell Specifica se abilitare l'utilizzo di PowerShell. Opzione selezionata: viene abilitato l'utilizzo di PowerShell, impostando la policy di esecuzione PowerShell al percorso specificato su Remote Signed. Opzione deselezionata: non viene abilitato l'utilizzo di PowerShell. Percorso PowerShell sul computer host CA Process Automation individua il percorso di PowerShell automaticamente. Nota: quando si fa clic su Avanti, il programma di installazione convalida il percorso di PowerShell fornito. 100 Guida all'installazione

101 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 14. Definire le impostazioni di protezione di CA EEM. L'ordine in cui i campi vengono presentati in questo passaggio si basa sulle dipendenze anziché sull'ordine dei campi visualizzato nell'interfaccia utente. a. Completare i seguenti campi obbligatori: EEM Server Specifica l'fqdn del server di CA EEM utilizzato da CA Process Automation per autenticare e autorizzare gli utenti di CA Process Automation. In caso di configurazione di EEM ad alta disponibilità (High Availability, HA), è possibile definire anche un server di backup di CA EEM. Utilizzare una virgola come delimitatore tra i nomi dei server. Nome applicazione EEM Definisce il modo in cui il nome dell'applicazione CA Process Automation viene visualizzato in CA EEM. Se si utilizza lo stesso server di CA EEM con più domini di CA Process Automation, è necessario assegnare a ciascun dominio di CA Process Automation un nome dell'applicazione EEM univoco. Il nome immesso qui viene visualizzato nell'elenco a discesa della pagina di accesso al server di CA EEM. Se si sta eseguendo l'aggiornamento, il campo è già compilato con il valore utilizzato nell'installazione iniziale. Questo valore mantiene le assegnazioni del gruppo utenti di CA EEM, le policy personalizzate e i gruppi personalizzati. CA EEM utilizza questo valore per identificare il dominio di CA Process Automation. Valore predefinito: Process Automation Usa certificato di conformità FIPS Specifica se utilizzare i certificati di conformità FIPS. Questa impostazione deve corrispondere all'impostazione di CA EEM per la modalità FIPS. Nota: Per determinare l'impostazione di CA EEM per FIPS, fare clic su Informazioni in CA EEM. Le specifiche del prodotto indicano se la modalità FIPS è abilitata. Opzione selezionata: la modalità FIPS è impostata su ON in CA EEM. Opzione deselezionata: la modalità FIPS è impostata su OFF in CA EEM. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 101

102 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva b. Specificare l'intenzione di registrare il nome dell'applicazione indicato per questo dominio di CA Process Automation con CA EEM dopo aver compilato la pagina. Il processo di registrazione genera certificati di conformità FIPS o certificati di non conformità FIPS in base alla selezione effettuata. Questa casella di controllo viene visualizzata sopra il pulsante Registra. La selezione è la configurazione tipica. Registra l'applicazione con CA EEM Specifica se registrare il valore Nome applicazione EEM per CA Process Automation con CA EEM e generare il certificato utilizzato da CA Process Automation per connettersi all'applicazione nel server di CA EEM. L'SDK di CA EEM gestisce la connessione. Se richiesto, indicare che si desidera eseguire l'aggiornamento dell'applicazione CA Process Automation in CA EEM. Opzione selezionata: il pulsante Registra viene abilitato. (Consultare il passaggio 16.) Disabilita il campo File di certificato EEM. Per una nuova installazione di un orchestrator di dominio, selezionare sempre questa casella di controllo. Una volta compilati i campi relativi alle impostazioni di protezione di EEM, fare clic su Registra. Opzione deselezionata: il pulsante Registra viene disabilitato. Abilita il campo File di certificato EEM. c. Per una nuova installazione, completare il campo seguente solo se non si sta registrando l'applicazione con CA EEM. Fare clic su Sfoglia e individuare la posizione del file di certificato. Una volta caricato il file di certificato, il programma di installazione lo posiziona in questa directory: install_dir/server/c2o/.c2orepository/public/certification Nota: Se si sta eseguendo l'aggiornamento, questo campo viene compilato automaticamente con il percorso del proprio file di certificato. File di certificato EEM Definisce il file di certificato di CA EEM da utilizzare per CA Process Automation. In genere è possibile accettare il valore predefinito. Impostazioni predefinite: PAM.cer se è stata selezionata la casella di controllo Usa certificato di conformità FIPS. PAM.p12 se è stata deselezionata la casella di controllo Usa certificato di conformità FIPS. 102 Guida all'installazione

103 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva d. Compilare uno dei campi seguenti, se richiesto. File chiave di certificato Fare clic su Sfoglia e individuare la posizione della chiave di certificato, ad esempio, il file PAM.key, se richiesto (consultare le Note). Una volta caricato il file di certificato, il programma di installazione lo posiziona in questa directory: install_dir/server/c2o/.c2orepository/public/certification Note: In caso di nuova installazione, questo campo non è obbligatorio se si utilizza la modalità FIPS e si intende eseguire la registrazione. Il processo di registrazione genera il file della chiave di certificato con il certificato. In caso di nuova installazione, questo campo è obbligatorio se si utilizza la modalità FIPS e non si intende eseguire la registrazione. Se si sta eseguendo l'aggiornamento, questo campo viene compilato con il percorso del proprio file di chiave. Password di certificato EEM Obbligatorio se non si utilizza la modalità FIPS. Definisce la password di certificato di CA EEM. Questa password protegge il certificato PAM.p12. CA Process Automation utilizza questa password per aprire e utilizzare il certificato PAM.p12. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 103

104 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva e. Completare i campi seguenti solo CA EEM è stato configurato per fare riferimento agli utenti di una directory LDAP esterna. In caso contrario, ignorare questo passaggio. Dominio Active Directory predefinito (Applicabile solo se si farà riferimento a più domini di Active Directory durante la configurazione di CA EEM Release Consultare il passaggio 17.) Specifica il dominio di Active Directory da utilizzare come dominio predefinito. Gli utenti di CA Process Automation che appartengono al dominio qui specificato possono accedere a CA Process Automation con il loro nome utente non completo. Gli utenti che appartengono ad altri domini Active Directory devono specificare il proprio nome principale (dominio\nome utente o nome e la password quando accedono a CA Process Automation. Questa voce deve corrispondere alla voce del campo Dominio per uno dei diversi domini Active Directory che si configurano per l'archivio utenti di CA EEM di riferimento. CA EEM deve essere configurato in modo adatto per eseguire l'autenticazione con il modulo nome del nome principale. Nota: Consultare Configurazione di CA EEM per consentire agli utenti di riferimento di accedere con il nome del proprio indirizzo di posta elettronica (a pagina 128). Abilita autenticazione pass-through NTLM Specifica se CA EEM utilizza il protocollo NTLM per l'autenticazione degli utenti di CA Process Automation. Opzione selezionata: viene abilitata l'autenticazione pass-through NTLM. CA EEM utilizza il protocollo NTLM per autenticare gli utenti che accedono a CA Process Automation. Opzione deselezionata: viene disabilitata l'autenticazione pass-through NTLM. Gli utenti che accedono a CA Process Automation devono immettere le credenziali nella finestra di dialogo di accesso di CA Process Automation. CA EEM convalida le credenziali con le Microsoft Active Directory di riferimento per autenticare gli utenti. 104 Guida all'installazione

105 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 15. Registrare il valore Nome applicazione EEM configurato con CA EEM o ignorare la registrazione. Il processo di registrazione genera i certificati di CA Process Automation della lunghezza richiesta. Se si tratta di una nuova installazione, fare clic su Registra, completare i campi seguenti nella finestra Credenziali EEM e fare clic su OK. Quando viene visualizzata la conferma Applicazione registrata, fare clic su OK. Nome utente amministratore di EEM Definisce il nome utente dell'amministratore di CA EEM. Tipo EiamAdmin. Password di amministrazione EEM Definisce la password per l'account utente EiamAdmin. Se è stato installato CA EEM, inserire la password creata per l'utente EiamAdmin. Altrimenti, contattare l'amministratore di CA EEM per ottenere la password. Se si utilizzano i certificati FIPS, i nuovi certificati PAM.cer e PAM.key sovrascrivono i certificati esistenti, se presenti. Se non si utilizzano i certificati FIPS, il nuovo certificato PAM.p12 sovrascrive il certificato esistente in CA Process Automation, se presente. Questo certificato è protetto dalla password che è stata immessa nel campo Password di certificato EEM. Il campo File di certificato EEM viene compilato con un percorso e un nome file simile all'esempio seguente: install_dir/server/c2o/.c2orepository/public/certification/ PAM.p12 Nota: I certificati non vengono rigenerati se viene richiesto di eseguire l'aggiornamento dell'applicazione CA Process Automation in CA Embedded Entitlements Manager e si sceglie di non eseguire l'aggiornamento. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 105

106 I Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva L'elenco puntato seguente descrive gli scenari di utilizzo: Nuova installazione con registrazione: il processo di installazione rileva la versione del server di CA EEM e sceglie l'sdk appropriato. Nuova installazione senza registrazione: il processo di installazione richiede di selezionare un SDK in base alla versione di rilascio di CA EEM. Se non si conosce la versione di rilascio del server di CA EEM, accedere a CA EEM e rivedere la sezione Informazioni. 106 Guida all'installazione

107 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 16. (Facoltativo) Se si desidera verificare le impostazioni di CA EEM e CA EEM è stato configurato in modo da fare riferimento da una directory esterna, è necessario prima creare un utente di test. L'utente di test viene recuperato da un'active Directory selezionata e viene quindi assegnato al gruppo PAMAdmins. Attenersi alla procedura seguente: a. Accedere a CA EEM utilizzato da CA Process Automation. Utilizzare l'url seguente: https://hostname:5250/spin/eiam Viene visualizzata la finestra di dialogo CA Embedded Entitlements Manager. b. Dall'elenco a discesa Applicazione, selezionare il nome configurato nel campo Nome applicazione EEM. c. Immettere EiamAdmin e la password dell'amministratore di CA EEM che è stata configurata. d. Fare clic su Accedi. e. Fare clic sulla scheda Gestione identità. f. In Cerca utenti, dove è selezionata l'opzione Utenti globali, selezionare Cognome o Nome e immettere il proprio nome o cognome nel campo Valore. Quindi, fare clic su Vai. Sono ammessi valori parziali. Il nome è visualizzato in Utenti nel relativo riquadro. g. Fare doppio clic sul nome per visualizzare l'account utente caricato. L'account utente presenta due sezioni per i dettagli relativi all'utente. La sezione in alto consente di definire un gruppo in base al ruolo svolto in CA Process Automation. La sezione Informazioni su utente globale, riportata in basso, contiene le informazioni provenienti dalla directory esterna. h. Fare clic sul pulsante Aggiungi informazioni sull'utente dell'applicazione nella sezione in alto. L'elenco Gruppi utenti disponibili contiene un gruppo per ciascun ruolo predefinito. i. Selezionare PAMAdmins e fare clic sulla freccia destra per spostare quel gruppo nell'elenco Gruppo utenti selezionato. j. Fare clic su Salva. k. Fare clic su Disconnetti. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 107

108 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 17. (Facoltativo) Verificare le impostazioni di CA EEM. Questo passaggio richiede l'immissione delle credenziali di un utente definito in CA EEM. Se si utilizza CA EEM come directory locale (impostazione predefinita), è possibile immettere le credenziali di uno degli utenti predefiniti. Se CA EEM punta a una directory esterna, immettere le credenziali dell'utente che ha completato il passaggio precedente. a. Fare clic su Verifica impostazioni EEM. b. Se si utilizza CA EEM come directory locale e si tratta di una nuova installazione, digitare pamadmin come nome utente, pamadmin come password e fare clic su OK. c. Se si utilizza un account utente di riferimento da una directory esterna, inserire le proprie credenziali utente come definite nella directory esterna. Questo è l'account dell'utente di test creato nel passaggio precedente. La schermata Verifica impostazioni di EEM contiene i campi seguenti: Connetti Indica se è possibile stabilire una connessione con il server di CA EEM specificato con i valori forniti nella schermata delle impostazioni di CA EEM. Limiti: OK, Non valido Nota: se il valore è impostato su Non valido, i campi seguenti non vengono visualizzati. L'utente indicato appartiene al gruppo utenti Indica se è possibile autenticare l'utente, ovvero se l'accesso è autorizzato. Limiti: OK, Non valido L'utente è un amministratore Indica se l'utente dispone dell'autorizzazione per eseguire le attività di amministratore. I membri del gruppo PAMAdmins dispongono di questa autorizzazione. Limiti: Sì, No Aggiornamento di EEM Indica se lo schema dell'applicazione di CA Process Automation nel server EEM viene aggiornato. Se viene visualizzato il messaggio Non è necessario eseguire l'aggiornamento, fare clic su OK. Nota: questo campo viene visualizzato solo quando il valore è Non valido. Quando il valore è Non valido, aggiornare l'istanza. 18. Dopo aver controllato i risultati, fare clic su OK, quindi fare clic su Avanti. 108 Guida all'installazione

109 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 19. Completare i campi seguenti per definire le impostazioni del database di libreria (ossia, il database repository). Tipo di database Specifica il tipo di sistema di database. Selezionare un tipo supportato dall'elenco a discesa. Valori: MySQL, MS SQL, Oracle Nota: se l'installazione è destinata all'uso nell'ambiente di produzione, selezionare MS SQL oppure Oracle come procedura ottimale. MySQL è una scelta appropriata per un orchestrator di dominio leggermente carico. Nome utente Definisce un nome utente autorizzato per la creazione e l'accesso al database sul server di database. L'account deve disporre delle autorizzazioni per creare il database sul server o della titolarità (DBO) per un database esistente. I valori seguenti vengono inseriti automaticamente a seconda della selezione di database: Password MS SQL: sa MySQL: root Definisce la password associata al nome utente specificato. Server di database Definisce il nome host o l'indirizzo IP del server di database. Porta database Se il tipo di database configurato è MS SQL e si ha solo un'istanza di SQL Server sul server host o se è stato selezionato un altro tipo di database, specificare il nome host o l'indirizzo IP del server di database. (Questo nome è l'istanza predefinita.) Se il tipo di database configurato è MS SQL e sono presenti istanze multiple di SQL Server sul server host, specificare l'istanza denominata di SQL Server. Utilizzare il formato host\istanza, ad esempio, dbserver.mycompany.com\pamdb. Se il tipo di database configurato è Oracle, fornire un nome SID. Definisce la porta di connessione configurata sul server di database. Per MS SQL, la porta predefinita è Per MySQL, la porta predefinita è Per Oracle, la porta predefinita è Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 109

110 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Database repository Definisce il nome del database in cui archiviare gli oggetti di libreria e altri dati. Ciascun orchestrator può avere il proprio database repository o di libreria. È inoltre possibile condividere il database della libreria tra orchestrator. Ciascun database deve avere un nome univoco. Valutare la possibilità di stabilire una convenzione di denominazione per i propri database di CA Process Automation con questa installazione iniziale. File jar del driver Definisce il file JAR del driver JDBC per i tipi di database specificati. La cartella dei driver nella cartella DVD1 del supporto di installazione fornisce i driver predefiniti per i server di database Microsoft SQL Server e Oracle. Impostazioni predefinite: SQL Server: jtds-1.3.jar Oracle: ojdbc14.jar MySQL: fare clic su Sfoglia, quindi accedere al file JAR scaricato (ad esempio, mysql-connector-java bin.jar). Confronto database Definisce le regole per l'ordinamento dei dati per MS SQL e Oracle. Il set di regole può comprendere: maiuscole/minuscole, accenti, caratteri kana e larghezza dei caratteri. Questo campo è un elenco a discesa. Come procedura ottimale, accettare il valore predefinito. Questo campo non può essere applicato a MySQL. Predefinito: SQL_Latin1_General_CP1_CI_AS Usa stringa di connessione Selezionare questa casella di controllo per fornire una stringa di connessione per connettersi al database Oracle. Nota: Questa casella di controllo è abilitata solo per il database Oracle. Stringa di connessione Immettere una stringa di connessione jdbc in uno dei formati seguenti: jdbc:oracle:thin:databaseserver:portnumber:databasename =hostname)(port=portnumber)) (CONNECT_DATA=(SERVICE_NAME=serviceid))) 110 Guida all'installazione

111 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 20. Fare clic su Verifica impostazioni del database per verificare la connettività da CA Process Automation al server di database specificato utilizzando la porta del database e il file JAR specificati. Se un messaggio indica che i database sono mancanti, chiudere il messaggio e fare clic su Crea database. Tranne che per Oracle, i database richiesti dall'orchestrator possono essere creati durante l'installazione. Crea database Creare il database repository se è stato specificato MS SQL o MySQL. Nota: quando si utilizza un server di database Oracle, il database repository è già stato creato in quanto parte delle attività preliminari del server di database. Un messaggio indica che un database è stato creato con il nome specificato. Fare clic su OK. Fare clic su Verifica impostazioni del database. 21. Fare clic su Avanti. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 111

112 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 22. Immettere le informazioni del database di runtime manualmente oppure copiare le specifiche dalle proprie voci per il database repository. Fare clic su Crea database se il tipo di database è MSSQL o MySQL. Fare clic su Verifica impostazioni del database. I campi Database di runtime sono simili ai campi Impostazione del database per il database repository (libreria), tranne in due casi. Consultare il passaggio 20 per le descrizioni degli altri campi. copia dal repository principale Specifica se copiare le impostazioni del database della libreria nella schermata delle impostazioni del database di runtime. Opzione selezionata: le impostazioni del database della libreria vengono copiate in questa finestra di dialogo. Questa opzione può far risparmiare tempo se si sta utilizzando lo stesso server di database per entrambi i database di CA Process Automation. Se si seleziona questa opzione, digitare il nome del database di runtime nel campo Database di runtime. Quindi fare clic su Verifica impostazioni del database. A questo punto fare clic su Crea database. Opzione deselezionata: le impostazioni del database della libreria non vengono copiate in questa finestra di dialogo. Questa opzione è appropriata se si sta utilizzando un tipo differente di database per il runtime dei dati, rispetto a quello utilizzato per i record della libreria. Database di runtime Definisce il nome del database o lo schema in cui vengono archiviate le istanze di runtime. Due orchestrator non possono puntare allo stesso database di runtime. Immettere un nome univoco. Valore predefinito: pam Importante. Non è possibile condividere un database di runtime tra orchestrator. Se si disinstalla e quindi si reinstalla CA Process Automation, il database di runtime già configurato qui non cambia. 23. Fare clic su Avanti. 112 Guida all'installazione

113 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva 24. Configurare il database di reporting in uno dei modi seguenti: Se per il database di reporting e per il database repository si utilizza lo stesso server di database: a. Inserire un nome univoco per il database di reporting nel campo Database di reporting. b. Selezionare la casella di controllo copia dal repository principale per inserire automaticamente i dati condivisi. c. Fare clic su Verifica impostazioni del database. d. Fare clic su Crea database se il tipo di database è MS SQL o MySQL. Se per il database di reporting e per il database repository si sta utilizzando un server di database diverso: a. Inserire un nome univoco per il database di reporting nel campo Database di reporting. b. Deselezionare la casella di controllo copia dal repository principale. c. Selezionare il tipo di database dall'elenco a discesa Tipo di database. d. Nel campo Nome utente, immettere un nome dell'utente autorizzato a creare e accedere al database sul server di database. Ad esempio, inserire sa per MS SQL o root per MySQL. e. Fare clic su Verifica impostazioni del database. f. Fare clic su Crea database se il tipo di database è MS SQL o MySQL. Non fare clic su questo pulsante se il database di reporting viene eseguito su un server di database Oracle. Consultare le descrizioni di campo seguenti: copia dal repository principale Specifica se copiare le impostazioni del database della libreria nella schermata delle impostazioni del database di reporting. I campi Database di reporting sono simili ai campi Impostazione del database per il database repository (libreria), tranne in due casi. Consultare il passaggio 20 per le descrizioni degli altri campi. Opzione selezionata: le impostazioni del database repository vengono copiate in questa finestra di dialogo. Questa opzione può far risparmiare tempo se si sta utilizzando lo stesso server di database per entrambi i database di CA Process Automation. Opzione deselezionata: le impostazioni del database repository non vengono copiate in questa finestra di dialogo. Questa opzione è appropriata se si sta utilizzando un tipo differente di database per il reporting dei dati, rispetto a quello utilizzato per i record di runtime. Database di reporting Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 113

114 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità interattiva Definisce il nome del database di reporting per l'archiviazione di tutti i report generati. Immettere un nome univoco. 25. Fare clic su Avanti. 26. Selezionare i file JAR aggiuntivi, generalmente i driver JDBC, che si desidera includere nell'installazione. Per impostazione predefinita, i driver JDBC caricati nell'installazione dei componenti software di terze parti sono visualizzati ma non selezionati. È possibile utilizzare il pulsante Aggiungi file per aggiungere più file JAR. Selezionare ciascun file JAR di cui si desidera effettuare la distribuzione. Verificare di aver selezionato tutti i driver che si desiderano distribuire per l'uso dell'operatore JDBC su agenti e orchestrator di CA Process Automation. Usare il pulsante Aggiungi file per aggiungere altri driver. Non è necessario prevedere le esigenze dei responsabili di progettazione per i driver JDBC. Un amministratore di dominio può effettuare la distribuzione di driver JDBC nel momento in cui risultano necessari. Nota: per ulteriori informazioni sull'aggiunta e la gestione delle risorse di orchestrator e agente, inclusi i file JAR JDBC, consultare la Guida per l'amministratore del contenuto. Una volta che si è soddisfatti dei file JAR selezionati, fare clic su Avanti. 27. Monitorare l'avanzamento dell'installazione. Il programma di installazione copia e firma tutti i componenti di CA Process Automation. L'installazione può richiedere alcuni minuti. 28. Fare clic su Fine per uscire dal programma di installazione. L'Installazione dell'orchestrator di dominio è completa. Il primo avvio di CA Process Automation dopo l'aggiornamento o l'installazione può richiedere più tempo del previsto a causa della regolazione dello schema del database. È richiesta circa 1 ora per GB di dati, che può variare in base al fornitore DBMS, alle specifiche del computer e al volume di dati. Avviare l'orchestrator (a pagina 134). Verificare il corretto funzionamento di questo orchestrator iniziale prima di procedere con l'installazione o l'aggiornamento di altri componenti di sistema. 114 Guida all'installazione

115 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica CA Process Automation consente di installare l'orchestrator di dominio in modalità automatica tramite l'uso di un file di risposta. Il file di risposta contiene vari parametri predefiniti da utilizzare durante il processo di installazione. Una volta creato un file di risposta, è possibile modificare ed eseguire il file dello script di installazione per avviare l'installazione. Un esempio di file di risposta è disponibile nella cartella principale del DVD1. Si consiglia di utilizzare una copia di questo file come file di risposta. Creazione di un file di risposta La prima operazione per l'esecuzione di un'installazione automatica di CA Process Automation è creare uno file di risposta. Considerare le note seguenti sul file di risposta: Non modificare i nomi di variabile, poiché l'installazione utilizza i nomi di variabile esistenti. Utilizzare le barre (/) come separatori di directory per specificare le posizioni di cartella. Utilizzare il cancelletto (#) per impostare come commento le variabili che non si desidera utilizzare. Consultare il seguente log di installazione per controllare gli errori: ${install_dir}/server/c2o/installation.log Attenersi alla procedura seguente: 1. Inserire il disco 1 del supporto di installazione di CA Process Automation o accedere alla posizione in cui sono stati copiati in precedenza i file di installazione dal supporto di installazione. 2. Aprire la cartella DVD1. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 115

116 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica 3. Aprire il seguente file: response.varfile 4. Fornire i valori di parametro appropriati. Il file varfile include le descrizioni di parametro. Ad esempio, per consentire a CA EEM di utilizzare il protocollo NTLM per l'autenticazione degli utenti di CA Process Automation, applicare l'impostazione seguente: enablentlm=true È possibile trovare i parametri obbligatori. 5. Salvare il file varfile nel percorso che contiene il file script di installazione invisibile all'utente. Viene creato il file di risposta. 116 Guida all'installazione

117 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica Parametri obbligatori in response.varfile Come indicato in precedenza, un esempio di file di risposta è disponibile nella cartella principale del DVD1. Nell'elenco seguente sono riportati i parametri obbligatori per l'esecuzione di un'installazione automatica di CA Process Automation. I parametri non inclusi nell'elenco sono facoltativi. License thirdpartylicenseaccepted licenseaccepted Percorso di installazione sys.installationdir Percorso Java javahome Posizione DVD2 domaininstallerdir Modalità di comunicazione issecure (true/false) Dettagli database databasetype dbusername databaseserver databaseportnumber libdb driver runtimedbtype runtimedbusername runtimedbserver runtimedbport runtimedb runtimedriver reportingdbtype reportingdbusername reportingdbserver reportingdbport Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 117

118 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica reportingdb Dettagli CA EEM reportingdriver registerapplication (definito come true per un aggiornamento) upgradeapplication (definito come true per un aggiornamento) eiamserver eiamappname eiamadminusrname eiamsdklevel Nuovi parametri per CA Process Automation Release 4.2: nodecommsv2port La porta utilizzata per le comunicazioni semplificate dell'orchestrator di dominio. eiamsdklevel La voce per il livello SDK di CA EEM. #hasoracleconnectionstring Specifica se fornire un URL di connessione. È applicabile solo con Oracle. #dboracleconnectionstring URL di connessione JDBC. Esempio: =<database host name>) (PORT=<portnumber>)) (CONNECT_DATA=(SERVICE_NAME=<libDb>))). Nota: Le ultime due voci sono visualizzate tre volte, di cui due per ciascun database. Questi parametri sono applicabili solo se si seleziona Oracle come database e si utilizza una stringa di connessione. Esecuzione o modifica del file di script per l'installazione invisibile all'utente Dopo aver creato il file di risposta, utilizzare una delle opzioni seguenti per avviare l'installazione invisibile all'utente: Eseguire il file script di installazione invisibile all'utente e immettere i parametri tramite il prompt dei comandi. Questa opzione è la pratica migliore quando si sta installando un orchestrator singolo. Modificare i parametri del file script di installazione, quindi eseguire lo script. Questa opzione è la pratica migliore quando è in corso l'installazione di più orchestrator. 118 Guida all'installazione

119 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica Utilizzare il file script di installazione appropriato al sistema operativo: Nota: Per UNIX, se il file di script di installazione viene richiamato con il simbolo del dollaro ($) in un parametro, inserire una barra rovesciata (\) prima del simbolo del dollaro ($). Ad esempio, se la password di database è 'abc$123', inserire la barra rovesciata (\) come descritto: 'abc\$123'. Windows UNIX Sintassi Silent_Install_windows.bat [Parameter1] [Parameter2] [Parameter3]... Uso: Silent_Install_windows.bat -VcertPassword=a -VeiamCertPass=eiamadmin -VeiamPassword=eiamadmin -VdbPassword=sa -VreportingDbPassword=sa -VruntimeDbPassword=sa -VeiamAdminPass=eiamadmin Sintassi Silent_Install_unix.sh [Parameter1] [Parameter2] [Parameter3]... Uso: Silent_Install_unix.sh -VcertPassword=a -VeiamCertPass=eiamadmin -VeiamPassword=eiamadmin -VdbPassword=sa -VreportingDbPassword=sa -VruntimeDbPassword=sa -VeiamAdminPass=eiamadmin Gli script di installazione includono i parametri seguenti: -VcertPassword=value Definisce la password che controlla l'accesso alle chiavi di crittografia delle password. -VeiamCertPass Definisce la password di certificato di CA EEM (ad esempio, pamadmin). -VeiamPassword Definisce la password per il database utilizzato per gli oggetti di automazione (ad esempio, pamadmin). Nota: VeiamPassword è la password di dominio di Windows. -VdbPassword Definisce la password per il database utilizzato per l'automazione (ad esempio, objectsroot). Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 119

120 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica -VreportingDbPassword Definisce la password per il database di reporting (ad esempio, root). -VruntimeDbPassword Definisce la password per il database utilizzato in fase di runtime (ad esempio, root). -VeiamAdminPass Definisce la password per l'amministratore di CA EEM, dove il valore di nome utente è EiamAdmin (ad esempio, eiamadmin). Importante. I parametri di password, specificati nella riga di comando o archiviati nel file script di installazione, non sono crittografati. Completata l'installazione, è possibile avviare l'orchestrator. Controllare la presenza di eventuali errori nel file installation.log dopo l'esecuzione dello script (install_dir\server\c2o). 120 Guida all'installazione

121 Installazione dell'orchestrator di dominio in modalità automatica Considerazioni sull'aggiornamento (installazione in modalità invisibile all'utente) Prima di eseguire un aggiornamento automatico a CA Process Automation Release 4.2, individuare il file response.varfile nell'installazione corrente di CA Process Automation. È possibile trovare il file al percorso seguente: <install_dir>\server\c2o\.install4j\response.varfile Per completare l'aggiornamento a CA Process Automation Release 4.2, sono necessari i valori dei parametri obbligatori (a pagina 117). Una volta ottenuti i valori, avviare l'aggiornamento automatico con lo stesso comando della nuova installazione (a pagina 118). Nota: I driver di jtds sono obbligatori in CA Process Automation Release 4.2. jtds jar è incluso nella cartella dei driver di DVD1. Ora è necessario sostituire un qualsiasi parametro di response.varfile da un'installazione precedente che include un riferimento a un file.jar SQL con un valore jtds in response.varfile di CA Process Automation Release 4.2. Ad esempio, un file response.varfile di CA Process Automation Release 3.1 potrebbe includere il parametro seguente: runtimedriver=c:/users/administrator/desktop/2013_11_11/dvd1/drive rs/sqljdbc.jar In CA Process Automation Release 4.2, quel parametro diventa: runtimedriver=c:/users/administrator/desktop/2013_11_11/dvd1/drive rs/jtds jar Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 121

122 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Eseguire le attività di post-installazione applicabili. Se l'orchestrator di dominio è stato reinstallato (non aggiornato) per poter così impostare la comunicazione protetta mediante HTTPS, consultare la sezione Abilitazione delle comunicazioni protette per CA Process Automation (a pagina 167). Se è stata eseguita l'installazione di CA Process Automation per la prima volta: Verificare i prerequisiti di pianificazione delle porte (a pagina 90) per configurare le porte. Configurare i firewall per la comunicazione bidirezionale (a pagina 126). Per utilizzare gli operatori di database per connettersi ai database mediante un sistema RDBMS diverso da quello usato da CA Process Automation, installare i driver per gli operatori di database (a pagina 126). Per utilizzare l'autenticazione di Windows (protezione integrata) con JDBC per MSSQL Server, installare i driver per gli operatori di database (a pagina 126). Se è stato installato l'orchestrator di dominio su un server con il sistema operativo HP-UX, eseguire ulteriori passaggi di configurazione su HP-UX. Se CA EEM è stato installato con Microsoft Active Directory come directory esterna, CA EEM può autenticare gli utenti mediante il protocollo NTLM. Se non è stata abilitata l'autenticazione pass-through NTLM durante l'installazione, è possibile abilitarla manualmente in questa fase. Consultare la sezione Abilitazione dell'autenticazione pass-through NTLM dopo l'installazione (a pagina 127). Le attività come la distribuzione di driver per operatori di database richiedono il riavvio dell'orchestrator di dominio. Consultare Interruzione dell'orchestrator (a pagina 133). Consultare Avvio dell'orchestrator (a pagina 134). Prima di configurare il primo amministratore in CA EEM, è possibile accedere a CA Process Automation come amministratore predefinito. Consultare Accesso a CA Process Automation come amministratore predefinito (a pagina 123). 122 Guida all'installazione

123 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Accesso a CA Process Automation come amministratore predefinito Molti degli argomenti di questa guida suppongono che si abbia accesso all'interfaccia utente di CA Process Automation. Attività quali la distribuzione dei driver, l'installazione degli orchestrator e l'aggiunta di nodi vengono avviate dalla scheda Configurazione in CA Process Automation. Per eseguire tali attività gli amministratori generalmente accedono a CA Process Automation con le proprie credenziali. Nota: per ulteriori informazioni sulla creazione dell'account utente, consultare la Guida per l'amministratore del contenuto. Ai fini della disponibilità di CA Process Automation è necessario che siano soddisfatte le condizioni seguenti: CA EEM è in esecuzione. L'utilità di bilanciamento del carico, se utilizzata, è in esecuzione. Il servizio dell'orchestrator di dominio è avviato. Per ulteriori informazioni, consultare Avvio dell'orchestrator (a pagina 134). Per eseguire attività che richiedono l'accesso a CA Process Automation prima che si abbia un account utente di CA Process Automation, accedere a CA Process Automation con le credenziali di amministratore predefinite. Importante. Le credenziali di amministratore predefinite non sono disponibili se CA EEM è stato configurato per l'utilizzo di Microsoft Active Directory come archivio utenti. Le credenziali predefinite per ciascun ruolo utente sono disponibili solamente se CA EEM è stato configurato per l'utilizzo dell'archivio utenti locale per creare e archiviare account utente. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 123

124 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'url appropriato di CA Process Automation. Negli esempi seguenti, server fa riferimento al server su cui è installato un orchestrator di dominio non in cluster. Per un orchestrator di dominio in cluster, server fa riferimento al server con l'utilità di bilanciamento del carico. Per comunicazioni protette, utilizzare la seguente sintassi: https://server:port/itpam Esempi: https://domainorchestrator_host:8443/itpam https://loadbalancer_host:443/itpam Per comunicazioni di base, utilizzare la seguente sintassi: Esempi: Viene visualizzata la pagina di accesso a CA Process Automation. Nota: se è abilitata l'autenticazione NTLM e le credenziali di dominio corrispondono a quelle dell'account utente di CA EEM, viene visualizzata la scheda Pagina iniziale. Per supportare l'autenticazione NTLM in Mozilla Firefox, è necessario congigurare le impostazioni del browser. Per ulteriori informazioni, consultare il supporto di Mozilla. 2. Immettere pamadmin come nome utente. 3. Immettere pamadmin come password. 4. Fare clic su Accedi. L'applicazione CA Process Automation si apre. Viene visualizzata la scheda Pagina iniziale. 5. Dall'elenco a discesa della guida in linea, fare clic su Bookshelf. Verificare di poter aprire il bookshelf dall'assistenza clienti di CA Technologies. 6. Se il bookshelf non si apre poiché non è consentito l'accesso a Internet nell'ambiente in cui lavorano gli utenti di CA Process Automation: a. Recarsi in una posizione aziendale con l'accesso a Internet b. Accedere all'url del bookshelf di CA Process Automation Release https://support.ca.com/cadocs/0/ca%20process%20automation%2004%202% 2000-ENU/Bookshelf.html. c. Fare clic sul collegamento Scarica bookshelf. d. Spostare il bookshelf dalla posizione di download per: 124 Guida all'installazione

125 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Rendere il bookshelf disponibile per gli utenti senza accesso a Internet Gli utenti con accesso a Internet possono aprire il bookshelf della documentazione di CA Process Automation dal collegamento dedicato in CA Process Automation. Questo collegamento permette di accedere al bookshelf di CA Process Automation Release 4.2 pubblicato nella pagina dell'assistenza clienti di CA Technologies. Per gli utenti senza accesso a Internet è necessario rendere disponibile il bookshelf di CA Process Automation. Attivare il collegamento del bookshelf, quindi scaricare il bookshelf e spostarlo in una posizione che verrà applicata alla copia del server locale. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a CA Process Automation come amministratore predefinito (a pagina 123). 2. Dall'elenco a discesa della guida in linea, fare clic su Bookshelf. Determinare se è possibile aprire il bookshelf dall'assistenza clienti di CA Technologies. 3. Se il bookshelf non si apre poiché non è consentito l'accesso a Internet nell'ambiente in cui lavorano gli utenti di CA Process Automation: a. Recarsi in una posizione aziendale con l'accesso a Internet b. Accedere all'url del bookshelf di CA Process Automation Release https://support.ca.com/cadocs/0/ca%20process%20automation%2004%202% 2000-ENU/Bookshelf.html. c. Fare clic sul collegamento Scarica bookshelf. d. Spostare il bookshelf dalla posizione di download per: install_dir\server\c2o\.c2orepository\bookshelf 4. Dall'elenco a discesa della guida in linea, fare clic su Bookshelf. Verificare che il bookshelf si apra. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 125

126 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Configurazione dei firewall per la comunicazione bidirezionale È possibile accedere ai componenti di CA Process Automation tramite i client Web. Consultare la sezione Porte utilizzate da CA Process Automation (a pagina 221) per informazioni sulle porte utilizzate da ciascun componente in un sistema di CA Process Automation. Per permettere la comunicazione bidirezionale è necessario configurare i firewall. La comunicazione bidirezionale è necessaria tra le coppie di componenti seguenti: L'orchestrator di dominio e il server di database utilizzato per il database Libreria. L'orchestrator di dominio e il server di database utilizzato per il database di reporting. L'orchestrator di dominio e il server di database utilizzato per il database di runtime. L'orchestrator di dominio e CA EEM. Ciascun orchestrator e il server di database utilizzato per il database della libreria. Ciascun orchestrator e il server di database utilizzato per il database di reporting. Ciascun orchestrator e il server di database utilizzato per il database di runtime. Se si utilizza un firewall locale sul computer host dell'orchestrator o dell'agente, assicurarsi che i file eseguibili di CA Process Automation possano ascoltare e connettersi in modalità bidirezionale attraverso il firewall su ciascun host. Alcuni programmi firewall basati su host (ad esempio, Windows Firewall) consentono eccezioni per i file eseguibili. Installazione dei driver per gli operatori di database Le finestre di progettazione di CA Process Automation possono utilizzare operatori dalla categoria Database (precedentemente nota come Modulo JDBC) per connettersi a vari sistemi RDBMS (sistemi per la gestione dei database relazionali). Quando il collegamento si ha con un database MySQL, un database Oracle o un database Microsoft SQL Server, sono disponibili i driver corretti. (La disponibilità di tutti e tre i driver dipende dalla selezione effettuata durante l'installazione dell'orchestrator di dominio.) Quando si ha una connessione con un database di un diverso fornitore, è possibile effettuare la distribuzione del driver JDBC per operatori di database per tale database dalla scheda Configurazione di CA Process Automation. Ad esempio, se una finestra di progettazione desidera utilizzare gli operatori di database per Sybase, un amministratore effettua la distribuzione dei driver JDBC per Sybase. Un amministratore può effettuare la distribuzione dei driver JDBC sugli orchestrator o sugli host con agenti di CA Process Automation. Nota: per le procedure consultare l'argomento Distribuzione dei driver JDBC per gli operatori di database nel capitolo Gestione delle risorse utente della Guida per l'amministratore del contenuto. 126 Guida all'installazione

127 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Abilitazione dell'autenticazione pass-through NTLM dopo l'installazione L'autenticazione pass-through NTLM consente a CA EEM di autenticare gli utenti mediante il protocollo NTLM. Si tratta di un metodo alternativo all'utilizzo delle credenziali immesse nel modulo di accesso della finestra di dialogo. Con l'autenticazione pass-through NTLM, la finestra di dialogo per l'accesso viene ignorata. La procedura seguente non è valida se è già abilitata l'autenticazione pass-through NTLM, ad esempio: È stata selezionata l'opzione Abilita autenticazione pass-through NTLM durante l'installazione interattiva di CA Process Automation. È stato specificato enablentlm=true nel file response.var utilizzato per installare CA Process Automation in modo automatico. È possibile abilitare l'autenticazione pass-through NTLM aggiungendo manualmente ntlm.enabled=true al file OasisConfig.properties. Utilizzare la procedura seguente solo se si desidera abilitare questa funzionalità, ma non è stata abilitata durante l'installazione. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere come amministratore al server in cui l'orchestrator di domino è installato. 2. Accedere alla seguente cartella, dove install_dir indica il percorso in cui è installato l'orchestrator di dominio: install_dir/server/c2o/.config 3. Aprire il file OasisConfig.properties con un editor. 4. Utilizzare Trova per individuare la proprietà seguente: ntlm.enabled= 5. Modificare il valore per la proprietà in true, ossia: ntlm.enabled=true 6. Salvare il file e uscire. 7. Riavviare il servizio dell'orchestrator. a. Interrompere l'orchestrator (a pagina 133). b. Avviare l'orchestrator (a pagina 134). 8. Ripetere questa procedura per ogni orchestrator. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 127

128 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Interazione con la configurazione desktop Gli orchestrator e gli agenti normalmente eseguono i servizi della console e non hanno necessità di interagire con il desktop. Se un orchestrator o un agente deve interagire con il desktop Windows, il servizio dell'agente o dell'orchestrator deve essere avviato utilizzando un account utente oppure l'account di sistema locale con il servizio Consenti per interagire con l'opzione desktop selezionata. Questa opzione è selezionata per impostazione predefinita quando un orchestrator o un agente è installato. In alternativa, il servizio può essere configurato mediante la console Servizi in Strumenti di amministrazione di Windows. La casella di controllo per consentire questo privilegio si trova all'interno della scheda di accesso della finestra delle proprietà per il servizio. Configurazione di CA EEM per consentire agli utenti di riferimento di accedere con il nome del proprio indirizzo di posta elettronica Quando si installa CA Process Automation, è possibile configurare Gruppi globali/utenti globali nella Configurazione server CA EEM come Riferimento da una directory esterna. È possibile selezionare Più domini Active Directory e specificare le Microsoft Active Directory in cui sono definiti i potenziali utenti di CA Process Automation. Durante l'installazione di CA Process Automation, identificare il dominio Active Directory predefinito. Gli utenti che appartengono al dominio Active Directory predefinito possono accedere a CA Process Automation con il proprio nome utente e la password. Gli utenti che appartengono ad altri domini Active Directory devono immettere il nome principale e la password al momento dell'accesso. Il formato standard per un nome principale è dominio\nome utente. È possibile configurare CA EEM per autenticare gli utenti di Active Directory con il relativo indirizzo di posta elettronica, ovvero nome Configurare CA EEM per cercare l'utente che utilizza userprincipalname. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a CA EEM come amministratore di CA EEM e selezionare il nome dell'applicazione configurata durante l'installazione di CA Process Automation. 2. Selezionare la scheda Configura. 3. Nel riquadro Archivio utenti, selezionare Mapping attributo LDAP. 128 Guida all'installazione

129 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio 4. Creare un mapping di attributo dal mapping di attributo esistente modificando il filtro di autenticazione utente. Ovvero, modificare samaccountname in userprinciaplname. a. Selezionare Microsoft Active Directory dall'elenco a discesa Nome mapping. b. Nel riquadro Ricerca utenti, il Filtro di ricerca utente è simile all'esempio seguente: (&(objectclass=user)(!(objectclass=computer))) c. Modificare il campo Filtro di autenticazione utente in modo che userprincipalname sostituisca samaccountname. Fare riferimento ai risultati di esempio seguenti: (&(ObjectClass=user)(!(objectClass=computer)(userPrincipalN ame=... d. {UserName} è impostato come segue: )) 5. Salva il mapping di attributo. Ad esempio, digitare il nome madauthmail nel campo Nome mapping, quindi fare clic su Salva. 6. I dati del mapping di attributo utente sono simili ai dati seguenti: Nome utente: samaccountname Nome: givenname Cognome: sn Nome visualizzato: displayname 7. Nella sezione Generale della Configurazione directory LDAP, immettere il nome del mapping di attributo creato nel passaggio 5. Verificare che le voci immesse siano analoghe al testo seguente: Nome: domain Mapping di attributo: madauthmail Dominio: domain Nomi host selezionati: hostname:389 Protocollo: LDAP DN di base: ou=mylocation,dc=mycompany,dc=com DN utente: cn=userid,ou=users,ou=mylocation,dc=mycompany,dc=com Password utente: passwordforuserid Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 129

130 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Prerequisiti di sincronizzazione temporale si consiglia di sincronizzare l'ora dell'orchestrator di dominio con un server di riferimento dell'ora esterno standard. Ciò prepara l'orchestrator di dominio per il momento in cui viene aggiunto un nodo cluster. Tutti i nodi cluster per qualsiasi orchestrator devono essere impostati sulla stessa ora, sincronizzata idealmente con un server di riferimento dell'ora esterno standard. L'utilità di bilanciamento del carico non gestisce la sincronizzazione dell'ora. Ulteriori informazioni: Sincronizzazione temporale per un nodo cluster (a pagina 189) Installazione di patch e connettori con CA Process Automation 4.2 Questa sezione descrive come installare i connettori di CA Process Automation con JBoss 5.1 su un host. Gli amministratori possono installare i connettori di CA Process Automation per consentire a CA Process Automation di interagire con altri prodotti (prodotti CA e di terze parti) per automatizzare gli scenari di utilizzo in azienda. Ciascun connettore funge da modulo che contiene un insieme di operatori. Gli operatori interagiscono con le API di altri prodotti e vengono utilizzati per creare flussi di CA Process Automation. Come prerequisito, accertarsi di aver installato CA Process Automation sull'host. Il file eseguibile del connettore di CA Process Automation è presente sull'host. Importante. Per una corretta installazione di patch e connettori di CA Process Automation, arrestare tutti i nodi dell'orchestrator e installare la patch e il connettore di CA Process Automation su tutti i nodi di dominio e non di dominio. Attenersi alla procedura seguente: 130 Guida all'installazione

131 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio 1. Eseguire il file eseguibile del connettore di CA Process Automation. Viene visualizzata la pagina iniziale. 2. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 3. Nella pagina Selezionare una directory di installazione CA Process Automation, fornire la posizione install_dir. 4. Nella pagina Selezionare i connettori da installare/aggiornare, selezionare i connettori da installare e fare clic su Avanti. Il connettore di CA Process Automation viene installato. 5. Per verificare l'installazione del connettore di CA Process Automation, eseguire l'accesso a CA Process Automation. Fare clic sulla scheda Progettazione, quindi su Nuovo processo. Il connettore installato di CA Process Automation viene elencato con i relativi operatori nella visualizzazione Operatori. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 131

132 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Modifica della configurazione del server di database Oracle per l'utilizzo di un RAC Oracle È possibile continuare a utilizzare il server di database Oracle installato per CA Process Automation e configurato durante l'installazione di CA Process Automation. Se questo singolo server di Oracle è compreso in un RAC Oracle cluster, è possibile eventualmente configurare il RAC Oracle come server di database durante le attività post-installazione. Attenersi alla procedura seguente: 1. Verificare che CA Process Automation utilizzi correttamente il singolo server di database Oracle configurato e specificato in fase di installazione per i database di libreria, di runtime e di reporting. 2. Interrompere il servizio di CA Process Automation come descritto nella sezione Arresto dell'orchestrator (a pagina 133). 3. Aprire il file OasisConfig.properties. install_dir\server\c2o\.config\oasisconfig.properties 4. Modificare le voci seguenti per il database di libreria: 1521/ oasis.database.lib.dbname=servicename oasis.database.queues.dbname=servicename oasis.database.dbhostname=oracle-rac 5. Modificare le voci seguenti per il database di runtime: -server:1521/ oasis.runtime.database.dbname=servicename oasis.runtime.database.dbhostname=oracle-rac 6. Modificare le voci seguenti per il database di reporting: le-server:1521/ oasis.reporting.database.dbname=servicename oasis.reporting.database.dbhostname=oracle-rac 7. Salvare il file OasisConfig.properties. 8. Avviare l'orchestrator (a pagina 134). Nota: Per le istruzioni dell'url di connessione, sono valide anche le notazioni seguenti: Notazione TNS cle-server)(port=1521))(connect_data=(service_name=servicename) )) Notazione TNS RAC 132 Guida all'installazione

133 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio ADDRESS_LIST=(ADDRESS=(PROTOCOL=TCP)(HOST=oracle-server)(PORT=1 521))(ADDRESS=(PROTOCOL=TCP)(HOST=oracle-server)(PORT=1521)))(C ONNECT_DATA=(SERVER=DEDICATED)(SERVICE_NAME=ServiceName))) Un'altra notazione (senza barre; l'istruzione termina con i due punti) Interruzione dell'orchestrator Solo gli amministratori con credenziali di amministratore sul server in cui è installato l'orchestrator possono interromperlo. Importante. In caso di arresto anomalo di un orchestrator, la cartella temporanea seguente può sviluppare file di grandi dimensioni. Se si verifica questo evento, è possibile eliminare la cartella tmp in modo sicuro: install_dir/server/c2o/tmp Attenersi alla procedura seguente: 1. Utilizzando le credenziali di amministratore, accedere all'host in cui è installato l'orchestrator di destinazione. 2. In caso di accesso a un host di Windows, è possibile interrompere il servizio Orchestrator dal menu Start, dalla finestra Servizi o dalla riga di comando. Completare una delle azioni seguenti: Nel menu Start, selezionare Programmi, CA, CA Process Automation 4.0, quindi Arresta servizio dell'orchestrator. Selezionare Strumenti di amministrazione e Servizi da Pannello di controllo. Selezionare il servizio seguente e fare clic su Arresta: Orchestrator CA Process Automation (C:/Program Files/CA/PAM/server/c2o) Aprire un prompt dei comandi ed eseguire lo script riportato: install_dir/server/c2o/bin/stopc2osvc.bat 3. In caso di accesso a un host UNIX o Linux, completare i passaggi seguenti: a. Modificare le directory in ${PAM_HOME}/server/c2o/. Ad esempio, modificare le directory in: /usr/local/ca/pam/server/c2o b. Eseguire lo script c2osvrd.sh con l'opzione di arresto. Ad esempio:./c2osvrd.sh stop Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 133

134 Attività post-installazione per l'orchestrator di dominio Avvio dell'orchestrator Solo gli amministratori con credenziali di amministratore sul server in cui è installato l'orchestrator possono riavviarlo. Attenersi alla procedura seguente: 1. Utilizzando le credenziali di amministratore, accedere all'host in cui è installato l'orchestrator di destinazione. 2. In caso di accesso a un host di Windows, è possibile riavviare il servizio Orchestrator dal menu Start, dalla finestra Servizi o dalla riga di comando. Eseguire una delle attività seguenti: Selezionare Programmi, CA, CA Process Automation, quindi Avvia servizio dell'orchestrator dal menu Start. Selezionare Strumenti di amministrazione e Servizi da Pannello di controllo. Selezionare il servizio seguente e fare clic su Avvia: Orchestrator CA Process Automation (C:/Program Files/CA/PAM/server/c2o) Aprire un prompt dei comandi ed eseguire lo script riportato: install_dir/server/c2o/bin/startc2osvc.bat 3. In caso di accesso a un host UNIX o Linux, eseguire le attività seguenti: a. Modificare le directory in ${PAM_HOME}/server/c2o/. Ad esempio, modificare le directory in: /usr/local/ca/pam/server/c2o b. Eseguire lo script c2osvrd.sh con l'opzione di avvio. Ovvero, eseguire:./c2osvrd.sh start Nota: dopo avere avviato il servizio per l'orchestrator di dominio, avviare CA Process Automation. 134 Guida all'installazione

135 Disinstallazione dell'orchestrator di dominio Disinstallazione dell'orchestrator di dominio Solo gli amministratori con credenziali di amministratore sul server in cui è installato l'orchestrator di dominio possono disinstallarlo. Nota: Arrestare l'orchestrator di dominio prima di disinstallarlo. Attenersi alla procedura seguente: 1. Utilizzando le credenziali di amministratore, accedere all'host in cui è installato l'orchestrator di dominio di destinazione. 2. Se si è effettuato l'accesso agli host seguenti: a. Un host di Windows: È possibile disinstallare l'orchestrator di dominio dal menu Start e dal Pannello di controllo. Eseguire una delle attività seguenti: Nel menu Start, selezionare Programmi, CA, CA Process Automation 4.2 e Disinstalla CA Process Automation. Selezionare la voce del dominio di CA Process Automation dal menu Start, Pannello di controllo, Programmi e funzionalità e fare clic su Disinstalla. Viene visualizzata la procedura guidata di disinstallazione. b. In caso di host UNIX o Linux, eseguire le attività seguenti: a. Modificare le directory in ${PAM_HOME}/standalone/. Ad esempio, modificare le directory in: /usr/local/ca/pam/server/c2o b. Eseguire lo script./uninstall. Viene visualizzata la procedura guidata di disinstallazione. 3. Al termine della disinstallazione dell'orchestrator di dominio, verificare i cambiamenti seguenti: In Pannello di controllo, Strumenti di amministrazione e Servizi il servizio del dominio CA Process Automation è stato eliminato. La voce del dominio di CA Process Automation è stata rimossa dal menu Start, Pannello di controllo, Programmi e funzionalità. La cartella Orchestrator di dominio è stata rimossa dalla posizione di installazione. Capitolo 5: Installazione dell'orchestrator di dominio 135

136

137 Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente È possibile eseguire l'aggiornamento a CA Process Automation Release 4.2 dalle seguenti versioni di CA Process Automation: CA Process Automation 3.1 SP01 CA Process Automation 4.0 SP01 CA Process Automation Release 4.1 CA Process Automation 4.1 SP01 Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Aggiornamento di CA Process Automation (a pagina 138) Esecuzione di backup e preparazione dell'interruzione (a pagina 139) Esecuzione delle attività preliminari all'aggiornamento (a pagina 140) Aggiornamento dell'orchestrator di dominio (a pagina 141) Aggiornamento di un orchestrator non cluster (a pagina 145) Aggiornamento di un nodo cluster (a pagina 148) Esecuzione delle attività post-aggiornamento (a pagina 151) Verifica dei processi con gli orchestrator aggiornati (a pagina 152) Cambio delle utilità di bilanciamento del carico da Apache a NGINX (a pagina 152) Aggiornamento dei pool F5, definizione di irule e configurazione (a pagina 153) Configurazione degli agenti per l'utilizzo della comunicazione semplificata (a pagina 153) Verifica dei processi con la comunicazione semplificata (a pagina 155) Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 137

138 Aggiornamento di CA Process Automation Aggiornamento di CA Process Automation È possibile eseguire l'aggiornamento a CA Process Automation Release 4.2 dalla Release 3.1 SP01 e successive seguendo la procedura illustrata. Importante. Se necessario, eseguire l'aggiornamento da un rilascio precedente al r3.1 SP01 (a pagina 290) prima di iniziare la procedura descritta di seguito. 138 Guida all'installazione

139 Esecuzione di backup e preparazione dell'interruzione Attenersi alla procedura seguente: 1. Eseguire il backup e preparare l'interruzione (a pagina 139). 2. Eseguire le attività preliminari all'aggiornamento (a pagina 140). 3. Aggiornare l'orchestrator di dominio (a pagina 141). 4. Aggiornare gli altri orchestrator e tutti i nodi cluster. Aggiornare un orchestrator non cluster (a pagina 145). Aggiornare un nodo cluster (a pagina 148). 5. Eseguire le attività post-aggiornamento (a pagina 151). 6. Verificare i processi con gli orchestrator aggiornati (a pagina 152). 7. Eseguire una delle operazioni seguenti: Cambiare le utilità di bilanciamento del carico da Apache a NGINX (a pagina 152). Aggiornare i pool F5, la definizione di irule e la configurazione (a pagina 153). 8. Configurare gli agenti per l'utilizzo della comunicazione semplificata (a pagina 153). 9. Verificare i processi con la comunicazione semplificata (a pagina 155). Esecuzione di backup e preparazione dell'interruzione Incidenti imprevisti o non controllabili possono interrompere o impedire il processo di aggiornamento. Come precauzione, si consiglia di eseguire il backup di tutti i dati importanti archiviati nelle cartelle di CA Process Automation prima di iniziare l'aggiornamento. Per preparare un rollback completo, eseguire anche il backup del contenuto di CA Process Automation archiviato sui server di database e in CA EEM. Attenersi alla procedura seguente: 1. Verificare che i server di database abbiano accesso ad almeno il doppio dello spazio attualmente utilizzato dai database di CA Process Automation esistenti. 2. Per preparare un eventuale rollback, creare una snapshot dei computer virtuali per tutti gli orchestrator oppure eseguire il backup della cartella seguente su tutti gli orchestrator: install_dir/server/c2o/ Si consiglia di eseguire il backup di questa cartella su un disco fisico diverso da quello che ospita la cartella install_dir. 3. Eseguire il backup degli archivi dati di libreria, di runtime e di reporting utilizzati da ciascun orchestrator prima dell'aggiornamento. Gli archivi dati possono trovarsi su server di database separati o tutti sullo stesso server di database. Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 139

140 Esecuzione delle attività preliminari all'aggiornamento 4. Eseguire il backup dell'applicazione di CA Process Automation sul server di CA EEM. a. Accedere a CA EEM e specificare l'applicazione CA Process Automation. b. Fare clic sulla scheda Configura, fare clic su Server EEM, quindi su Esporta applicazione. c. Fare clic su Esporta e salvare il file <application-name>.gz nell'unità locale. 5. Preparare un'interruzione. La durata dell'aggiornamento di un orchestrator dipende dalla dimensione degli archivi dati. Più sono i dati presenti, maggiore sarà il tempo impiegato per l'aggiornamento. Se sono presenti altre applicazioni che si basano sui servizi di CA Process Automation, preparare l'interruzione. Ad esempio, se si utilizza Service Catalog per l'avvio dei processi di CA Process Automation, è possibile arrestare Service Catalog durante l'aggiornamento di CA Process Automation. In alternativa, è possibile creare una finestra di dialogo per indicare la non disponibilità temporanea degli elementi di catalogo basati su CA Process Automation. Una volta completato l'aggiornamento di CA Process Automation, rimuovere la finestra di dialogo. Pianificare una finestra di manutenzione appropriata e informare gli interessati circa l'intervallo previsto in cui CA Process Automation non sarà disponibile. Esecuzione delle attività preliminari all'aggiornamento Prima di avviare il processo di aggiornamento al rilascio di CA Process Automation, completare le attività preliminari seguenti: 1. Avere a disposizione le credenziali da amministratore di CA EEM, dove EiamAdmin è in genere il nome utente dell'amministratore EEM e la relativa password è nota all'amministratore di CA EEM. 2. Registrare la password di certificato da utilizzare per l'aggiornamento di sistema. La password di certificato viene utilizzata per controllare l'accesso alle chiavi di crittografia password e altri dati critici. Questa password viene specificata per il primo orchestrator aggiornato. Immettere quindi questa stessa password in fase di installazione di altri nodi dell'orchestrator di dominio, di altri orchestrator autonomi e dei nodi di altri orchestrator cluster per lo stesso rilascio. Importante. È necessario utilizzare la stessa password di certificato usata con il rilascio da cui si esegue l'aggiornamento. 3. Accertarsi che nessun processo di CA Process Automation sia attualmente attivo, ossia che si trovi nello stato In esecuzione o Bloccato. 4. Chiudere tutti gli orchestrator non di dominio. Per gli orchestrator non di dominio in cluster, chiudere il servizio dell'orchestrator su ciascun nodo. Consultare Interruzione dell'orchestrator (a pagina 133). 140 Guida all'installazione

141 Aggiornamento dell'orchestrator di dominio 5. Arrestare l'orchestrator di dominio. Per un orchestrator di dominio in cluster, chiudere il servizio di orchestrator su ciascun nodo. Consultare Interruzione dell'orchestrator (a pagina 133). Note: Gli agenti attivi non sono in grado di connettersi agli orchestrator arrestati, ma si riconnettono una volta riavviati. I processi e gli operatori pianificati non verranno eseguiti durante il processo di aggiornamento. 6. Se si utilizza un'utilità di bilanciamento del carico di Apache, copiare i modelli di configurazione Apache aggiornati da DVD1. Per informazioni, consultare la sezione Utilità di bilanciamento del carico di Apache (a pagina 255). 7. Se si utilizza un'utilità di bilanciamento del carico di F5, aggiornare la definizione irule per rimuovere la designazione del nodo primario. Questa modifica permette di continuare a utilizzare la comunicazione obsoleta per la prima fase dell'aggiornamento. a. Rimuovere: set PRIMARY "[PrimaryIP]" b. Rimuovere: set PRIMPORT "[PrimaryPort]" c. Rimuovere tutte le occorrenze: member $PRIMARY $PRIMPORT 8. Verificare che la versione di JDK installata su tutti i nodi di orchestrator sia una versione supportata. Consultare Prerequisiti JDK (a pagina 74). 9. Se il nome host DNS definito durante l'installazione di CA Process Automation conteneva caratteri limitati (come le sottolineature), correggere il nome host DNS. Per ulteriori informazioni, consultare la sezione Risoluzione di caratteri non validi nel nome DNS di CA P (a pagina 242)rocess Automation. 10. Verificare che CA EEM sia in esecuzione. Nota: Se si utilizza un server LDAP diverso da CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM), installare CA EEM e avviarlo. CA EEM è l'unico directory server supportato da CA Process Automation 4.0 e versioni successive. 11. Aggiornare i connettori di CA Process Automation che non sono connettori 4.x. Aggiornamento dell'orchestrator di dominio È possibile eseguire l'aggiornamento direttamente a CA Process Automation Release 4.2 dalle seguenti versioni di CA Process Automation: CA Process Automation Service Pack 3.1sp01 CA Process Automation Service Pack 4.0sp01 CA Process Automation Release 4.1 CA Process Automation Service Pack 4.1sp01 Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 141

142 Aggiornamento dell'orchestrator di dominio Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host su cui è installato l'orchestrator di dominio o un nodo dell'orchestrator di dominio. 2. Accedere alla cartella DVD1 sul supporto di installazione e avviare la procedura guidata di installazione dal file adeguato per il sistema operativo: Windows: Domain_Installer_windows.bat Linux o UNIX: Domain_Installer_unix.sh Questi file avviano il programma di installazione di terze parti e dell'orchestrator di dominio. 3. Fare clic su Avanti per passare alle pagine successive della procedura guidata: Lingua Configurazione guidata del programma di installazione dei componenti di terze parti di CA Process Automation Contratto di licenza - Accetto i termini del contratto di licenza Seleziona la directory di destinazione Prerequisiti di installazione di CA Process Automation 4. Quando viene visualizzato il programma di installazione dei file.jar di JDBC, Fare clic su Avanti se si utilizza Oracle come il server di database. Fare clic su Aggiungi file se si utilizza MySQL o SQL Server come il server di database. Se si utilizza MySQL, accedere alla posizione in cui è stato scaricato il file.jar appropriato. Se si utilizza SQL Server, accedere a...dvd1\drivers\jtds-1.3.jar. 5. Fare clic su Avanti per i prerequisiti di installazione di CA Process Automation. 6. Quando viene visualizzata la schermata Completamento dell'installazione guidata di CA Process Automation in corso..., sostituire DVD1 con DVD2 nel percorso della directory. Quindi fare clic su Fine. Viene visualizzato il messaggio Copia del programma di installazione di CA Process Automation in corso. L'operazione potrebbe richiedere alcuni minuti. Attendere... È possibile riscontrare un ritardo tra la chiusura di questa pagina e l'apertura della schermata iniziale. 7. Quando viene visualizzata la schermata di installazione guidata per il dominio di CA Process Automation, sfogliare le pagine iniziali della procedura guidata: Lingua Installazione guidata di dominio CA Process Automation Contratto di licenza - Accetto i termini del contratto di licenza 142 Guida all'installazione

143 Aggiornamento dell'orchestrator di dominio 8. Verificare che la directory principale Java punti alla versione di JDK supportata da questo rilascio. 9. Sfogliare le altre pagine per continuare: Reinstallazione Schermata di configurazione 10. Quando viene visualizzata la pagina Imposta password di certificato, immettere la password specificata durante l'installazione dell'ultimo rilascio. Registrare la password per riferimento futuro, poiché sarà necessaria per l'aggiornamento di tutti gli altri orchestrator e nodi di orchestrator in questo dominio di CA Process Automation. Fare clic su Avanti. 11. Sfogliare fino alla selezione della cartella del menu Start per utilizzare la selezione precedente. 12. Nella pagina Proprietà generali, notare i cambiamenti seguenti ai valori predefiniti della porta del server dell'orchestrator: Porta del server Definisce la porta che l'orchestrator di dominio utilizza per comunicare con gli altri orchestrator e agenti. Questa porta viene utilizzata per la comunicazione semplificata. Valore predefinito: 80 (di base: HTTP) o 443 (protetto: HTTPS) Porta del server obsoleta Valore della porta del server definito per un rilascio precedente di CA Process Automation. Questa porta viene utilizzata per la comunicazione obsoleta. Valore predefinito: Sfogliare le pagine seguenti, apportando modifiche a propria discrezione. Directory temporanea script Policy di esecuzione PowerShell 14. Quando viene visualizzata la pagina Impostazioni di protezione di CA Embedded Entitlements Manager (EEM), a. Selezionare Registra l'applicazione con CA EEM e fare clic su Registra. b. Fornire le credenziali per accedere a CA EEM come amministratore EiamAdmin. c. Accettare di eseguire l'aggiornamento. Il processo di installazione rileva la versione del server di CA EEM e sceglie l'sdk appropriato. d. Quando viene visualizzata la conferma Applicazione registrata, fare clic su OK. Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 143

144 Aggiornamento dell'orchestrator di dominio 15. Sfogliare la pagina Impostazioni del database per controllare quanto già definito: Database repository Database di runtime Database di reporting 16. Sfogliare la pagina File jar aggiuntivi per l'installazione per verificare che non vi sia niente da aggiungere. 17. Quando viene visualizzata la pagina Completamento dell'installazione guidata di dominio CA Process Automation in corso..., fare clic su Fine. Importante. È richiesto diverso tempo prima che l'orchestrator di dominio diventi disponibile per l'accesso. L'aggiornamento di ulteriori orchestrator o nodi, se si crea un cluster dell'orchestrator di dominio, può iniziare solo una volta eseguito l'accesso all'orchestrator di dominio. 18. Avviare il servizio dell'orchestrator sull'orchestrator di dominio. Nota: Consultare la sezione Avvio degli orchestrator (a pagina 134) per i dettagli specifici del sistema operativo. Ulteriori attività di aggiornamento (una volta completata l'installazione guidata del dominio) 1. Valutare l'ottimizzazione del computer virtuale Java aggiornando i valori in install_dir/server/c2o/bin/c2osvcw.conf. Ad esempio: wrapper.java.additional.7=-xx:permsize=256m wrapper.java.additional.8=-xx:maxpermsize=768m wrapper.java.initmemory=4096 wrapper.java.maxmemory=4096 I valori wrapper.java.initmemory e wrapper.java.maxmemory devono essere identici. Se è richiesta altra memoria e quest'ultima è disponibile sul server, è possibile modificare questi valori. Dopo aver modificato i valori di configurazione, riavviare il servizio di CA Process Automation. 2. Considerare l'aggiornamento dei valori predefiniti per i pool di database e JBOSS JMS in install_dir/server/c2o/conf/standardjboss.xml. Ad esempio: Under <jndi-name> DefaultDS</jndi-name> <idle-timeout-minutes>10</idle-timeout-minutes> <prepared-statement-cache-size>250</prepared-statement-cach e-size> <max-pool-size>375</max-pool-size> Under <jndi-name> DDLDatasourceDS</jndi-name> <idle-timeout-minutes>10</idle-timeout-minutes> <max-pool-size>375</max-pool-size> 144 Guida all'installazione

145 Aggiornamento di un orchestrator non cluster 3. Se si utilizza CA EEM con CA Process Automation aggiornato e CA EEM è stato configurato per fare riferimento a più Microsoft Active Directory o a una foresta di Active Directory, ricreare gli utenti di CA Process Automation in CA EEM. Nota: consultare Gestione dell'accesso per account utente di riferimento nella Guida per l'amministratore del contenuto. Ulteriori informazioni: Considerazioni sull'aggiornamento (installazione in modalità invisibile all'utente) (a pagina 121) Aggiornamento di un orchestrator non cluster Dopo aver aggiornato l'orchestrator di dominio richiamando uno script distribuito sul supporto, è possibile aggiornare gli altri orchestrator dall'interfaccia utente di CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host con l'orchestrator da aggiornare. 2. Eseguire l'accesso a CA Process Automation (a pagina 171) con le credenziali da amministratore. 3. Fare clic sulla scheda Configurazione e selezionare il riquadro Installazione. 4. Fare clic su Installa nella sezione Installa orchestrator per iniziare l'aggiornamento. 5. Selezionare una lingua e fare clic su OK. Viene visualizzata la procedura di installazione guidata dei componenti di terze parti di CA Process Automation. 6. Fare clic su Avanti per procedere nelle seguenti pagine dell'installazione guidata: Contratto di licenza - Selezionare l'opzione per accettare il contratto. Directory di installazione predefinita Prerequisiti di installazione di CA Process Automation Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 145

146 Aggiornamento di un orchestrator non cluster 7. Specificare i file jar JDBC necessari per l'installazione in uno dei modi seguenti: Lasciare la casella di controllo Usa dominio selezionata e fare clic su Avanti. In questo modo si specifica di utilizzare i file.jar JDBC configurati con l'installazione dell'orchestrator di dominio. Completare la procedura seguente: a. Deselezionare la casella di controllo Usa dominio. b. Fare clic su Aggiungi file. c. Selezionare il tipo di server di database. d. Fare clic su Sfoglia e individuare il file JAR JDBC per il tipo di server selezionato. e. Fare clic su Avanti. 8. Fare clic su Avanti per confermare, quindi su Fine per passare al programma di installazione di CA Process Automation. 9. Fare clic su Avanti nella pagina iniziale 10. Selezionare l'opzione per accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 11. Quando viene visualizzata la pagina Directory principale Java, accedere alla posizione di JDK aggiornato, quindi fare clic su Avanti. 12. Fare clic su Avanti per procedere nelle seguenti pagine dell'installazione guidata: URL di dominio Pagina di configurazione di Single Sign-On e utilità di bilanciamento del carico Nome società 13. Immettere una password di certificato, quindi fare clic su Avanti. Questo certificato di password viene utilizzato dall'orchestrator di dominio. Immettere la stessa password di certificato inserita al momento dell'installazione dell'orchestrator di dominio. Questa è anche la stessa password di certificato utilizzata nel rilascio da cui si esegue l'aggiornamento. 146 Guida all'installazione

147 Aggiornamento di un orchestrator non cluster 14. Fare clic su Avanti per accettare la configurazione precedente nelle seguenti pagine dell'installazione guidata: Preferenze della cartella del menu Start e fare clic su Avanti. Proprietà generali Directory temporanea script Policy di esecuzione PowerShell Impostazioni del database repository per questo orchestrator Impostazioni del database di runtime Impostazioni del database di reporting 15. Fare clic su Fine. 16. Una volta completata l'elaborazione, avviare il servizio dell'orchestrator sull'orchestrator aggiornato non cluster. Nota: Consultare la sezione Avvio degli orchestrator (a pagina 134) per i dettagli specifici del sistema operativo. Ulteriori attività di aggiornamento 1. Valutare l'ottimizzazione del computer virtuale Java aggiornando i valori in install_dir/server/c2o/bin/c2osvcw.conf. Ad esempio: wrapper.java.additional.7=-xx:permsize=256m wrapper.java.additional.8=-xx:maxpermsize=768m wrapper.java.initmemory=4096 wrapper.java.maxmemory=4096 I valori wrapper.java.initmemory e wrapper.java.maxmemory devono essere identici. Se è richiesta altra memoria e quest'ultima è disponibile sul server, è possibile modificare questi valori. 2. Considerare l'aggiornamento dei valori predefiniti per i pool di database e JBOSS JMS in install_dir/server/c2o/conf/standardjboss.xml. Ad esempio: Under <jndi-name> DefaultDS</jndi-name> <idle-timeout-minutes>10</idle-timeout-minutes> <prepared-statement-cache-size>250</prepared-statement-cach e-size> <max-pool-size>375</max-pool-size> Under <jndi-name> DDLDatasourceDS</jndi-name> <idle-timeout-minutes>10</idle-timeout-minutes> <max-pool-size>375</max-pool-size> Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 147

148 Aggiornamento di un nodo cluster Ulteriori informazioni: Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows (a pagina 284) Aggiornamento di un nodo cluster Quando un orchestrator cluster viene aggiornato, viene eseguito l'aggiornamento di un nodo alla volta, a partire da un nodo qualsiasi nel cluster. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host su cui è installato un nodo cluster. 2. Selezionare l'url dell'orchestrator di dominio (l'utilità di bilanciamento del carico per l'orchestrator di dominio, se cluster). 3. Eseguire l'accesso, fare clic sulla scheda Configurazione, quindi fare clic sul riquadro Installazione. 4. Nella pagina Installa nodo cluster dell'orchestrator, fare clic su Installa per iniziare l'aggiornamento. 5. Viene visualizzata prima la finestra di dialogo per la selezione della lingua. Fare clic su OK. 6. Sfogliare le pagine seguenti della procedura guidata: Configurazione guidata del programma di installazione dei componenti di terze parti di CA Process Automation. Contratto di licenza - Selezionare Accetto i termini del contratto di licenza Seleziona la directory di destinazione, per impostazione predefinita C:\Program Files\CA\PAM. Prerequisiti di installazione di CA Process Automation, da cui si avvia l'installazione. Completamento dell'installazione guidata di CA Process Automation in corso... con l'opzione Usa dominio selezionata. Fare clic su Fine Attendere la visualizzazione della pagina successiva. Nessun indicatore mostra lo stato dell'elaborazione che precede la visualizzazione della pagina successiva. Installazione guidata di dominio CA Process Automation Contratto di licenza 7. Se JDK è stato aggiornato, accedere alla directory principale Java, ad esempio C:\Program Files\Java\jdk1.7.0_ Guida all'installazione

149 Aggiornamento di un nodo cluster 8. Completare la schermata di configurazione: a. Se è stato già aggiornato un nodo nel cluster, selezionare dall'elenco a discesa Orchestrator il nodo dell'orchestrator aggiornato per primo. b. Immettere node1, node2, node3 o node4 nel campo Nodo di lavoro dell'utilità di bilanciamento del carico per identificare il nodo in corso di aggiornamento. 9. Immettere il nome dell'azienda, se non è visualizzato 10. Immettere la password di certificato. Importante. Questa voce deve corrispondere alla password di certificato inserita in fase di aggiornamento dell'orchestrator di dominio. 11. Sfogliare le pagine seguenti, se visualizzate. Le impostazioni utilizzate dal node1 vengono utilizzate dagli altri nodi nel cluster. Selezionare la cartella del menu Start. Pagina Proprietà generali. L'opzione Installa come servizio Windows non viene mostrata ma è prevista. Directory temporanea script PowerShell Impostazioni di protezione di CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM) Impostazioni del database - Repository Impostazioni del database - Runtime Impostazioni del database - Reporting L'installazione dell'aggiornamento viene avviata. 12. Quando viene visualizzata la pagina Completamento dell'installazione guidata di CA Process Automation in corso..., fare clic su Fine. L'elaborazione continua dopo aver fatto clic su Fine. 13. Una volta completata l'elaborazione, avviare il servizio dell'orchestrator sul nodo cluster aggiornato. Nota: Consultare la sezione Avvio degli orchestrator (a pagina 134) per i dettagli specifici del sistema operativo. Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 149

150 Aggiornamento di un nodo cluster Ulteriori attività di aggiornamento 1. Valutare l'ottimizzazione del computer virtuale Java aggiornando i valori in install_dir/server/c2o/bin/c2osvcw.conf. Ad esempio: wrapper.java.additional.7=-xx:permsize=256m wrapper.java.additional.8=-xx:maxpermsize=768m wrapper.java.initmemory=4096 wrapper.java.maxmemory=4096 I valori wrapper.java.initmemory e wrapper.java.maxmemory devono essere identici. Se è richiesta altra memoria e quest'ultima è disponibile sul server, è possibile modificare questi valori. 2. Considerare l'aggiornamento dei valori predefiniti per i pool di database e JBOSS JMS in install_dir/server/c2o/conf/standardjboss.xml. Ad esempio: Under <jndi-name> DefaultDS</jndi-name> <idle-timeout-minutes>10</idle-timeout-minutes> <prepared-statement-cache-size>250</prepared-statement-cach e-size> <max-pool-size>375</max-pool-size> Under <jndi-name> DDLDatasourceDS</jndi-name> <idle-timeout-minutes>10</idle-timeout-minutes> <max-pool-size>375</max-pool-size> Ulteriori informazioni: Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows (a pagina 275) Esempio: Aggiornamento un altro nodo dell'orchestrator di dominio dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su Windows (a pagina 281) 150 Guida all'installazione

151 Esecuzione delle attività post-aggiornamento Esecuzione delle attività post-aggiornamento Dopo aver eseguito l'aggiornamento a CA Process Automation Release 4.2, completare le seguenti attività post-aggiornamento: 1. Apportare le modifiche al file di configurazione. a. Passare alla seguente posizione di backup: install_dir/config_backup_mm_dd_yyyy_hhmm b. Utilizzare uno strumento di confronto file per evidenziare le differenze tra i seguenti file di configurazione di backup e la versione corrente di CA Process Automation. install_dir/server/c2o/.config/oasisconfig.properties install_dir/server/c2o/bin/c2osvcw.conf install_dir/server/c2o/conf/standardjboss.xml install_dir/server/c2o/conf/log4j.xml c. Applicare le modifiche appropriate alla versione corrente di CA Process Automation. 2. Eseguire l'accesso a CA Process Automation (a pagina 171). 3. Fare clic sulla scheda Configurazione ed esaminare il browser di configurazione. 4. Verificare che tutti gli orchestrator siano compresi sotto il nodo dell'orchestrator e che i touchpoint dell'orchestrator associati siano compresi nella gerarchia di dominio in corrispondenza dell'ambiente corretto. Se un orchestrator non è attivo, avviarlo (a pagina 134). 5. Verificare che gli agenti siano stati riavviati. Gli agenti che utilizzano la comunicazione obsoleta si riavviano automaticamente. Se un agente viene arrestato, avviarlo come descritto nella procedura apposita (a pagina 181). 6. Se si utilizza CA EEM con CA Process Automation aggiornato e CA EEM è stato configurato per fare riferimento a più Microsoft Active Directory o una foresta di Active Directory, ripristinare la titolarità dell'oggetto. Nota: Consultare la sezione Modifica della titolarità per un oggetto di automazione nella Guida alla progettazione dei contenuti. Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 151

152 Verifica dei processi con gli orchestrator aggiornati Verifica dei processi con gli orchestrator aggiornati Dopo aver completato l'aggiornamento, verificare i processi con CA Process Automation aggiornato. Considerare il seguente approccio. Verificare che i processi siano eseguiti correttamente su ogni orchestrator. Attenersi alla procedura seguente: 1. Avviare un processo che genera un'attività. Accettare l'attività. Verificare che l'istanza di processo sia visualizzata nella scheda Pagina iniziale. Verificare che l'attività accettata sia visualizzata nell'elenco delle attività. 2. Avviare un processo o un operatore pianificato. Verificare che sia avviato in orario e completato correttamente. 3. Avviare un processo con operatori eseguiti su touchpoint agente o su host remoti attraverso touchpoint proxy. Verificare che l'istanza di processo sia completata correttamente. 4. Abilitare soluzioni che utilizzano CA Process Automation come componente integrato da eseguire. Controllare i risultati e verificare la presenza di imprevisti. Cambio delle utilità di bilanciamento del carico da Apache a NGINX Se è stata utilizzata un'utilità di bilanciamento del carico di Apache per gli orchestrator cluster prima dell'aggiornamento, si consiglia di mantenere questa utilità di bilanciamento del carico finché non si verifica che tutto funzioni correttamente nel nuovo rilascio. A tale scopo, è necessario aggiornare la configurazione di Apache con i nuovi modelli forniti nel supporto di installazione. Il passaggio a NGINX dopo un aggiornamento non comporta differenze rispetto alla configurazione di NGINX in un nuovo rilascio, anche se, in caso di aggiornamenti, NGINX viene installato sullo stesso server dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache. In questo modo si continuano a utilizzare l'url, i nomi host e le porte definiti in precedenza. Per informazioni sulla configurazione, consultare la sezione Utilità di bilanciamento del carico NGINX (a pagina 33). Gli agenti e gli orchestrator comunicano tra di loro. Il rilascio 4.2 introduce un metodo migliore di comunicazione semplificata. Apache utilizza il metodo di comunicazione obsoleta. Per impostazione predefinita, gli agenti esistenti vengono configurati per l'utilizzo della comunicazione obsoleta. Questa impostazione predefinita consente di cambiare utilità di bilanciamento del carico da Apache a NGINX e di convertire gli agenti esistenti in modo da utilizzare la comunicazione semplificata al momento opportuno dopo aver completato le attività di aggiornamento obbligatorie. NGINX supporta la comunicazione semplificata. NGINX supporta anche la comunicazione obsoleta. 152 Guida all'installazione

153 Aggiornamento dei pool F5, definizione di irule e configurazione Aggiornamento dei pool F5, definizione di irule e configurazione Per utilizzare la comunicazione semplificata, modificare la configurazione di F5. Attenersi alla procedura seguente: 1. Creare due pool F5 per ciascun cluster di CA Process Automation (a pagina 53). 2. Sostituire irule corrente con la definizione di irule (a pagina 56). 3. Configurare F5 per l'utilizzo della comunicazione semplificata con HTTPS (a pagina 59). Configurazione degli agenti per l'utilizzo della comunicazione semplificata È necessario reinstallare gli agenti esistenti per passare dalla comunicazione obsoleta a quella semplificata. È possibile eseguire questa azione per tutti gli agenti una volta completati l'aggiornamento a CA Process Automation e l'installazione e la configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico NGINX. Reinstallare ogni agente come descritto in Installazione interattiva di un agente (a pagina 172). Per impostazione predefinita, la casella di controllo Usa comunicazione obsoleta è deselezionata. In questo modo, l'agente viene installato per utilizzare la comunicazione semplificata. L'agente crea connessioni al socket Web e invia i dettagli di connessione a tutti i nodi dell'orchestrator. Gli orchestrator utilizzano questa connessione permanente al socket Web per inviare richieste o aggiornamenti all'agente, se necessario. Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 153

154 Configurazione degli agenti per l'utilizzo della comunicazione semplificata Informazioni sulla comunicazione degli agenti Le comunicazioni degli agenti vengono configurate quando si installa un agente. Per impostazione predefinita, i nuovi agenti utilizzano la nuova comunicazione semplificata. La casella di controllo Usa comunicazione obsoleta è deselezionata. Gli agenti aggiornati utilizzano la comunicazione obsoleta. È possibile riconfigurare questa impostazione senza reinstallare l'agente. Comunicazione semplificata La comunicazione semplificata utilizza i socket Web e HTTP per produrre una connessione unidirezionale persistente dall'agente all'orchestrator. CA Process Automation utilizza una porta standard (80 o 443) che consente una connessione veloce tra i componenti. Comunicazione non più in uso La comunicazione obsoleta, che utilizza più porte, non si integra facilmente con il firewall o il router NAT come la comunicazione semplificata. Le connessioni inizializzate dall'orchestrator utilizzate nella comunicazione obsoleta non sono così efficienti come le connessioni permanenti utilizzate nella comunicazione semplificata. Ulteriori informazioni Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico (a pagina 225) 154 Guida all'installazione

155 Verifica dei processi con la comunicazione semplificata Verifica dei processi con la comunicazione semplificata Dopo aver installato l'utilità di bilanciamento del carico NGINX per ciascun orchestrator cluster, verificare nuovamente i processi. Considerare il seguente approccio. Verificare che i processi siano eseguiti correttamente su ogni orchestrator. Attenersi alla procedura seguente: 1. Avviare un processo che genera un'attività. Accettare l'attività. Verificare che l'istanza di processo sia visualizzata nella scheda Pagina iniziale. Verificare che l'attività accettata sia visualizzata nell'elenco delle attività. 2. Avviare un processo o un operatore pianificato. Verificare che sia avviato in orario e completato correttamente. 3. Avviare un processo con operatori eseguiti su touchpoint agente o su host remoti attraverso touchpoint proxy. Verificare che l'istanza di processo sia completata correttamente. 4. Abilitare soluzioni che utilizzano CA Process Automation come componente integrato da eseguire. Controllare i risultati e verificare la presenza di imprevisti. 5. Una volta accertato il corretto funzionamento del nuovo rilascio di CA Process Automation con la comunicazione semplificata, riprendere la normale elaborazione. Capitolo 6: Aggiornamento al rilascio corrente 155

156

157 Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente È possibile apportare modifiche alla versione di rilascio dell'orchestrator corrente ripetendo la procedura guidata di installazione. Le opzioni interessate sono Reinstalla e Configura installazione esistente. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation (a pagina 158) Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM (a pagina 163) Abilitazione delle comunicazioni protette per CA Process Automation (a pagina 167) Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente 157

158 Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation Quando si esegue il processo di installazione per il rilascio installato in precedenza, si può scegliere se reinstallare o configurare l'installazione esistente. Questo scenario di esempio mostra come utilizzare l'opzione Configura installazione esistente per rigenerare i certificati utilizzati da CA Process Automation per connettersi a CA EEM. Il processo di installazione dell'orchestrator di dominio consente di registrare (o di registrare di nuovo) CA Process Automation con CA EEM. Questo processo di registrazione genera certificati dell'applicazione per CA Process Automation con la stessa lunghezza di chiave dei certificati utilizzati da CA EEM. Nota: CA Process Automation presenta altri certificati che non vengono influenzati dalla registrazione. La registrazione genera solo i certificati che CA Process Automation utilizza per connettersi a CA EEM. La posizione di certificato è install_dir/server/c2o/.c2orepository/public/certification. Questo scenario di esempio presuppone l'installazione seguente: 1. L'amministratore di CA EEM installa o esegue l'aggiornamento a CA EEM Release con i certificati predefiniti, che hanno chiavi a 1024 bit. 2. Installare o eseguire l'aggiornamento a CA Process Automation Release 4.2. Anche i certificati di CA Process Automation generati hanno chiavi a 1024 bit. 3. In un secondo momento l'amministratore di CA EEM genera nuovi certificati di CA EEM con lunghezze di chiave più lunghe (2048 bit o 4096 bit). In questo caso, utilizzare la procedura seguente per rigenerare i certificati di CA Process Automation con lunghezze di chiave che corrispondono a quelli dei certificati di CA EEM. Attenersi alla procedura seguente: 1. Installare il prodotto software di terze parti (a pagina 91). Una volta completata l'installazione del prodotto software di terze parti, viene avviato il processo di installazione del dominio di CA Process Automation. 2. Sfogliare le pagine iniziali finché non viene visualizzata la pagina Reinstalla/Configura. 3. Selezionare Configura installazione esistente. (Questo processo modifica i file di proprietà ma non modifica alcun file JAR.) 158 Guida all'installazione

159 Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente 159

160 Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation 4. Sfogliare le pagine finché non viene visualizzata la pagina Impostazioni di protezione di Embedded Entitlements Manager (EEM). 5. Selezionare la casella di controllo Registra l'applicazione con CA EEM, quindi fare clic su Registra. 6. Immettere le credenziali dell'amministratore di CA EEM. Digitare EiamAdmin per Nome utente amministratore di EEM. Immettere la password associata. 160 Guida all'installazione

161 Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation 7. Fare clic su Sì per eseguire l'aggiornamento dell'applicazione anche se non si sta aggiornando il rilascio di CA Process Automation. (È necessario fare clic su Sì affinché vengano generati i certificati dell'applicazione di cui CA Process Automation necessita.) 8. Fare clic su Verifica impostazioni EEM. Fare clic su OK per configurare i messaggi. 9. Immettere le credenziali di un utente di CA Process Automation assegnato al gruppo PAMAdmins. Nota: La voce di esempio di pamadmin, pamadmin, è valida solo se CA EEM è stato configurato per l'utilizzo dell'archivio utenti interno. Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente 161

162 Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation 10. Verificare che CA Process Automation si connetta a CA EEM e che CA EEM autentichi le credenziali. 11. Procedere con i passaggi successivi del processo di installazione, quindi fare clic su Fine. 162 Guida all'installazione

163 Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM Se si esegue l'installazione per la stessa versione di CA Process Automation, sono disponibili le opzioni seguenti: Reinstallazione Viene visualizzata l'intera procedura guidata di installazione. Selezionare Reinstalla se l'installazione precedente utilizzava il server del rilascio 8.4 di CA EEM ma quest'ultimo è stato aggiornato al rilascio 12. Se si registra l'applicazione con CA EEM Release 12.x, l'elaborazione di reinstallazione seleziona la versione principale 12 dell'sdk di CA EEM. Se non si registra l'applicazione, il processo di reinstallazione richiede di selezionare un SDK basato sulla versione di CA EEM in uso. Selezionare Reinstalla se si utilizza CA EEM Release 12.5 e l'sdk presenta la versione principale 8. Il processo di reinstallazione aggiorna l'sdk alla versione principale 12. Nota: CA Process Automation può utilizzare la versione principale 8 dell'sdk di CA EEM con CA EEM Release 12.x. L'aggiornamento dell'sdk alla versione principale 12 consente di utilizzare le nuove funzionalità di CA EEM. Configurazione dell'installazione esistente Visualizza solo le pagine selezionate. (Questo processo modifica i file di proprietà ma non modifica alcun file JAR.) Selezionare questa opzione se sono stati generati certificati di CA EEM con lunghezze di chiave più lunghe (2048 o 4096) dopo l'installazione o l'aggiornamento di CA Process Automation alla Release 4.2. Quando si fa clic su Registra nella pagina di configurazione CA EEM, CA Process Automation richiede di eseguire l'aggiornamento dell'applicazione esistente in CA EEM. Se si accetta di eseguire l'aggiornamento, i certificati di CA Process Automation (utilizzati per comunicare con CA EEM) vengono rigenerati. I nuovi certificati di CA Process Automation hanno lunghezze di chiave corrispondenti alle lunghezze dei certificati di CA EEM. Nota: Consultare la documentazione di CA EEM per ulteriori informazioni sull'aggiornamento di CA EEM o dei relativi certificati. Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente 163

164 Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM CA Process Automation utilizza l'sdk di CA EEM per comunicare con CA EEM. La comunicazione viene protetta mediante certificati. Sia CA EEM sia CA Process Automation dispongono di certificati. I certificati di CA Process Automation devono presentare la stessa lunghezza di chiave dei certificati di CA EEM. Durante l'installazione di CA Process Automation Release 4.2 o l'aggiornamento alla Release 4.2, il processo di installazione recupera i certificati di CA Process Automation da CA EEM e seleziona l'sdk appropriato per CA EEM associato. I certificati sono disponibili al percorso seguente: install_dir/server/c2o/.c2orepository/public/certification Se non CA EEM non viene modificato non sarà necessario eseguire alcuna azione. Tuttavia, le seguenti modifiche a CA EEM richiedono un'azione da parte dell'utente. Installare CA Process Automation Release 4.2 con CA EEM Release 8.4, quindi aggiornare CA EEM alla Release 12.x È possibile non eseguire alcuna azione e continuare a utilizzare CA Process Automation con CA EEM a condizione che i certificati di CA EEM vengano generati con le lunghezze di chiave predefinite. CA Process Automation può utilizzare la versione principale 8 dell'sdk di CA EEM per comunicare con CA EEM Release 12.x. Tuttavia, la versione principale 12 dell'sdk di CA EEM consente di sfruttare le nuove funzionalità in CA EEM 12.x. Si consiglia di (1) aggiornare i certificati utilizzati da CA Process Automation per comunicare con CA EEM e (2) aggiornare CA Process Automation per utilizzare la versione principale 12 dell'sdk di CA EEM. A tal fine, eseguire nuovamente il programma di installazione. La procedura seguente fa riferimento ai numeri dei passaggi dell'installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 94). Passaggio 5: selezionare Reinstalla (non Configure the existing installation (Configura l'installazione esistente)) Passaggio 16: selezionare la casella di controllo Registra l'applicazione con CA EEM. Passaggio 17: fare clic su Registra, selezionare Sì quando viene richiesto di eseguire l'aggiornamento, fare clic su OK quando viene visualizzata la conferma Applicazione registrata. 164 Guida all'installazione

165 Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM Installare CA Process Automation Release 4.2 con CA EEM Release 12.51, quindi generare i nuovi certificati di CA EEM con lunghezze chiave pari a 2048 o CA Process Automation Release 4.2 viene installato con CA EEM Release mediante certificati con lunghezze di chiave pari a 1024 bit. 2. Generare nuovi certificati di CA EEM con lunghezze di chiave 2048 (o 4096). 3. Eseguire nuovamente l'installazione guidata di CA Process Automation, ma questa volta selezionare Configura installazione esistente, non Reinstalla. 4. Registrare CA Process Automation con CA EEM. Vale a dire, registrare il valore Nome applicazione EEM configurato con CA EEM. Il processo di registrazione genera nuovi certificati di CA Process Automation. Risultato: i certificati utilizzati da CA Process Automation quando si richiama CA EEM SDK Release corrispondono alle lunghezze di chiave più lunghe utilizzate da CA EEM. Consultare Scenario di esempio: Configurazione dell'installazione esistente per rigenerare i certificati di CA Process Automation (a pagina 158). Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente 165

166 Supporto post-installazione per gli aggiornamenti di CA EEM Configurazione di CA EEM per consentire agli utenti di riferimento di accedere con il nome del proprio indirizzo di posta elettronica 1. CA Process Automation Release 4.2 è installato con CA EEM mediante un archivio utenti di riferimento. L'archivio utenti di riferimento è configurato come più Active Directory. 2. Durante l'installazione di CA Process Automation, definire quale Active Directory utilizzare come Active Directory predefinita. Gli utenti di riferimento che appartengono all'active Directory predefinita possono accedere a CA Process Automation con il proprio nome utente non completo e la password. 3. Senza il passaggio successivo, CA EEM consente agli utenti di riferimento in altri domini di accedere con il proprio nome principale (dominio\nome utente) e la password. 4. Configurare CA EEM per consentire agli utenti di riferimento di accedere con il nome del proprio indirizzo di posta elettronica (a pagina 128). Risultato: gli utenti non compresi nel dominio Active Directory predefinito configurato possono accedere con il nome principale e la password. Per il nome principale sono supportati entrambi i formati seguenti: domain\username Riepilogo di Registra l'applicazione con CA EEM Se è selezionata la casella di controllo Registra l'applicazione con CA EEM e non si tratta di una nuova installazione, fare clic su Registra. Viene chiesto se si desidera eseguire l'aggiornamento dell'applicazione CA Process Automation. Selezionare Sì per eseguire l'aggiornamento a un nuovo rilascio. Selezionare Sì per generare i nuovi certificati di CA Process Automation come parte del processo Configura installazione esistente. Selezionare No se si sta reinstallando lo stesso rilascio e non si desidera rigenerare i certificati. 166 Guida all'installazione

167 Abilitazione delle comunicazioni protette per CA Process Automation Abilitazione delle comunicazioni protette per CA Process Automation Se precedentemente è stato selezionato HTTP come protocollo per le comunicazioni dell'orchestrator di dominio, è possibile cominciare a comunicare sul protocollo HTTPS protetto. Attenersi alla procedura seguente: 1. Reinstallare l'orchestrator di dominio. Specificare le impostazioni di comunicazione protetta come segue, a seconda del metodo di installazione: Se l'orchestrator di dominio viene reinstallato in modo interattivo (Installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 94)), selezionare Supporta la comunicazione protetta. Se si crea un file di risposta per l'installazione automatica dell'orchestrator di dominio, impostare la variabile issecure su true per abilitare le comunicazioni protette (HTTPS): issecure=true 2. Abilitare la comunicazione protetta per agenti in uno dei modi seguenti, in base alla relativa configurazione. Verificare che gli agenti configurati per l'utilizzo della comunicazione obsoleta vengano riavviati automaticamente. La comunicazione obsoleta è l'impostazione predefinita per gli agenti esistenti che comunicano con orchestrator cluster che utilizzano un'utilità di bilanciamento del carico Apache. Avviare qualsiasi agente (a pagina 181) arrestato prima della reinstallazione. Reinstallare gli agenti configurati per l'utilizzo della comunicazione semplificata. La comunicazione semplificata è l'impostazione predefinita per i nuovi agenti che comunicano con orchestrator cluster che utilizzano un'utilità di bilanciamento del carico NGINX. Reinstallare gli agenti come descritto nella sezione Installazione di un agente (a pagina 169). Quindi, avviare gli agenti (a pagina 181). Il protocollo HTTPS viene utilizzato per tutte le comunicazioni tra gli agenti e l'orchestrator di dominio. 3. Verificare che tutte le istanze di processo che utilizzano gli allegati SOAP esistenti siano completate. Nota: è possibile accedere agli allegati SOAP solo tramite protocollo HTTP. 4. Definire le regole del firewall per bloccare le comunicazioni HTTP. Capitolo 7: Reinstallazione o configurazione del rilascio corrente 167

168

169 Capitolo 8: Installazione di agenti Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Prerequisiti per l'installazione degli agenti (a pagina 169) Accesso a CA Process Automation (a pagina 171) Installazione interattiva di un agente (a pagina 172) Esecuzione dell'installazione dell'agente in modalità automatica (a pagina 174) Attività post-installazione per gli agenti (a pagina 178) Prerequisiti per l'installazione degli agenti Per preparare l'installazione degli agenti utilizzare le seguenti linee guide: 1. Identificare gli host che richiedono agenti (a pagina 169). 2. Verificare i prerequisiti Java per gli agenti (a pagina 170). 3. Determinare la disponibilità delle porte per l'agente (a pagina 170) (solo quando si utilizza la comunicazione non più in uso). Identificazione degli host che richiedono agenti Nella maggior parte dei casi, gli operatori sono eseguiti su un orchestrator. Ovvero, l'operatore utilizza come destinazione un touchpoint per un orchestrator. Gli operatori vengono eseguiti anche su host con agenti. In questo caso, l'operatore utilizza come destinazione un touchpoint associato con uno o più agenti. Esempio: installazione di agenti su host che eseguono operatori Generalmente, gli agenti di CA Process Automation vengono installati su host in cui gli operatori operano, non su host a cui l'operatore si connette durante l'esecuzione. Ad esempio, considerare un host che necessita di un file sul server FTP. L'host che ha bisogno del file esegue l'operatore FTP Get. Un agente deve essere installato sull'host in cui l'operatore viene eseguito. Nessun agente è necessario sull'host con il server FTP. Capitolo 8: Installazione di agenti 169

170 Prerequisiti per l'installazione degli agenti Nota: quando non è possibile installare un agente su un host remoto in cui un operatore deve essere eseguito, è possibile creare una connessione SSH da un host con un agente all'host remoto. Consultare la Guida per l'amministratore del contenuto per informazioni sui touchpoint proxy. Verifica dei prerequisiti Java per agenti Prima di installare un agente su un host, verificare che siano soddisfatti i prerequisiti Java. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host. Assicurarsi che la versione supportata di JRE (Java Runtime Environment) sia installata. Se nessuna versione idonea è presente, scaricare JRE dal fornitore e installarlo. 2. (Facoltativo) Impostare la variabile di ambiente JAVA_HOME sul percorso di JRE per l'agente. Se la variabile non è impostata, il programma di installazione di CA Process Automation richiede all'utente di selezionare la directory in cui JRE è installato. Determinazione della disponibilità delle porte per gli agenti Questo passaggio è obbligatorio solo per gli agenti che utilizzano la comunicazione non più in uso. La comunicazione semplificata utilizza le porte standard per HTTP (porta 80) e HTTPS (porta 443). Gli agenti e gli orchestrator comunicano tra di loro mediante le porte seguenti. Porta dell'orchestrator: 7001 Porta dell'agente: 7003 Durante l'installazione dell'agente, configurare le porte utilizzate dall'agente. Quando si configurano le porte di rete per un agente, accettare le impostazioni seguenti, tranne quando: Un'altra applicazione sull'host sta utilizzando la porta predefinita. Una restrizione del firewall previene la comunicazione sulla porta predefinita. Per utilizzare una porta diversa dalla porta predefinita, selezionare una porta valida e non utilizzata. 170 Guida all'installazione

171 Accesso a CA Process Automation Accesso a CA Process Automation L'URL utilizzato per accedere a CA Process Automation varia se l'orchestrator di dominio viene configurato con un nodo (non cluster) o con più nodi (in cluster). È possibile accedere direttamente a un CA Process Automation non cluster. Per un CA Process Automation in cluster, accedere all'utilità di bilanciamento del carico associata. È possibile raggiungere tutti gli orchestrator nel dominio avviando l'url all'orchestrator di dominio o all'utilità di bilanciamento del carico per l'orchestrator di dominio. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere a CA Process Automation. Per comunicazioni protette, utilizzare la seguente sintassi: https://server:port/itpam Esempi: https://orchestrator_host:8443/itpam https://loadbalancer_host:443/itpam Per comunicazioni di base, utilizzare la seguente sintassi: Esempi: Viene visualizzata la pagina di accesso a CA Process Automation. 2. Immettere le credenziali dal proprio account utente. Nota: Se CA EEM è configurato per fare riferimento agli utenti di più Microsoft Active Directory e CA Process Automation non accetta il nome utente non completo, immettere il proprio nome principale, ovvero domain_name\user_name. 3. Fare clic su Accedi. L'applicazione CA Process Automation si apre. Viene visualizzata la scheda Pagina iniziale. Capitolo 8: Installazione di agenti 171

172 Installazione interattiva di un agente Ulteriori informazioni Informazioni sulla comunicazione degli agenti (a pagina 154) Installazione interattiva di un agente I processi possono includere operatori che devono essere eseguiti su server con un'applicazione di destinazione, database o sistema. Se possibile, installare un agente su un server di questo tipo. Se non è possibile, installare l'agente su un host che può essere connesso con tale server attraverso SSH. Importante. Prima di installare un agente, verificare che l'orchestrator di dominio sia in esecuzione. Attenersi alla procedura seguente: 1. Fare clic sulla scheda Configurazione. 2. Fare clic sul riquadro Installazione. 3. Fare clic su Installa per Installa agente. Viene visualizzata una finestra di dialogo che mostra l'avanzamento per il download dell'applicazione. 4. Se si riceve un avviso di protezione, fare clic su Esegui. Viene visualizzata la finestra di dialogo per la selezione della lingua. La lingua del computer host è selezionata per impostazione predefinita. 5. Fare clic su OK o selezionare un'altra lingua e fare clic su OK. Viene visualizzata la pagina introduttiva per la procedura guidata di installazione agente di CA Process Automation. 6. Fare clic su Avanti. Viene visualizzato il contratto di licenza. 7. Leggere la licenza. Se si accettano i termini, fare clic su Accetto i termini del contratto di licenza. Fare clic su Avanti. Viene visualizzata la pagina per l'impostazione della directory principale di Java. 8. Se la directory principale di Java visualizzata non è corretta, sfogliare la cartella JRE. Tutte le piattaforme supportano jre6. Windows supporta jre6 e jre7. Fare riferimento al percorso di esempio seguente per la piattaforma Windows: C:\Program Files\Java\jdk1.7.0_ Guida all'installazione

173 Installazione interattiva di un agente 9. Fare clic su Avanti. Viene visualizzata la pagina per selezionare la directory di destinazione. In un host Windows, segue il percorso predefinito: C:\Program Files\CA\Agente PAM 10. Fare clic su Avanti per accettare l'impostazione predefinita, oppure immettere una directory di destinazione per il nuovo agente, quindi fare clic su Avanti. Viene visualizzata la pagina per selezionare una cartella Menu Start. 11. (Solo Windows) Fare clic su Avanti per accettare Agente CA Process Automation come collegamento al Menu Start, oppure immettere un nuovo nome e fare clic su Avanti. (Facoltativo) Creare collegamenti per tutti gli utenti su questo host. (Facoltativo) Non creare una cartella nel menu Start. 12. Esaminare l'url di dominio. Questo è l'url da cui è stata avviata l'installazione dell'agente. Fare clic su Avanti. 13. Se il dominio è protetto, inserire una password. 14. Completare la pagina Proprietà generali, quindi fare clic su Avanti. a. Immettere il nome dell'host agente per Host agente. Questo nome identifica l'host da cui è stata avviata l'installazione. b. Modificare o accettare il nome visualizzato predefinito dell'host. c. Se l'installazione dell'agente è stata avviata da un host di Windows, selezionare Installa come servizio Windows. d. Per forzare una nuova connessione per ciascuna comunicazione da un orchestrator a un agente, selezionare Usa comunicazione non più in uso. Si consiglia di lasciare deselezionata questa casella di controllo. Il valore predefinito Comunicazioni semplificate viene preferito perché utilizza una connessione persistente. e. Se si seleziona Usa comunicazione non più in uso, accettare 7003 come Porta agente a meno che tale porta non sia già in uso. Se si utilizza la porta predefinita, immettere il numero di una porta non utilizzata, ad esempio 57003, come porta in cui l'agente rileva la comunicazione con gli orchestrator. Nota: Se non si utilizza la comunicazione non più in uso, gli orchestrator utilizzano una connessione con socket Web (stabilita dagli agenti) per comunicare con gli agenti. Gli orchestrator utilizzano la porta 80 per comunicare con gli agenti tramite HTTP. Gli orchestrator utilizzano la porta 443 per comunicare con gli agenti tramite HTTPS. f. Selezionare Avvia agente al completamento dell'installazione. L'avvio dell'agente consente di visualizzare l'agente attivo e di continuare con la configurazione. Capitolo 8: Installazione di agenti 173

174 Esecuzione dell'installazione dell'agente in modalità automatica 15. Fare clic su Avanti per accettare la directory temporanea predefinita per l'esecuzione degli script oppure immettere un altro percorso e fare clic su Avanti. Nota: il percorso non può contenere spazi. Viene visualizzata la pagina Imposta policy di esecuzione PowerShell. 16. Completare l'impostazione in uno dei modi seguenti. Per eseguire gli script di Windows PowerShell attraverso questo agente: a. Selezionare la casella di controllo Imposta policy di esecuzione PowerShell. b. Accedere alla posizione dell'host di PowerShell se è diversa dal valore predefinito visualizzato. c. Fare clic su Avanti. Se non si utilizza Windows PowerShell, fare clic su Avanti. L'installazione dell'agente si avvia. 17. Fare clic su Fine. 18. (Solo Windows) Avviare il servizio dell'agente. Fare clic su Start, Programmi, CA, Agente CA Process Automation, Avvia servizio dell'agente. 19. Fare clic sul riquadro Browser di configurazione nella scheda Configurazione. 20. Fare clic su Aggiorna. (Oppure disconnettersi ed effettuare di nuovo l'accesso.) 21. Espandere Agenti e verificare che il nome dell'agente sia incluso nell'elenco. Nota: Per utilizzare l'host agente come destinazione, configurare un touchpoint. Per utilizzare l'host agente come gateway per un host remoto, configurare un touchpoint proxy. Esecuzione dell'installazione dell'agente in modalità automatica CA Process Automation supporta l'installazione dell'agente in modalità automatica per consentire agli amministratori di installare gli agenti in modalità remota su un computer host. È possibile utilizzare l'installazione automatica per includere l'agente nella routine di configurazione iniziale per l'impostazione di nuovi computer host. È inoltre possibile utilizzare l'installazione automatica per fornire supporto all'installazione attraverso soluzioni di Software Delivery. Quando si inserisce l'url del dominio con -VdomainUrl=domain_url, il domain_url è http(s):<fqdn_of_domain_orchestrator>:<port_number>. Importante. È necessario immettere domain_url senza /itpam/. 174 Guida all'installazione

175 Esecuzione dell'installazione dell'agente in modalità automatica È possibile eseguire un'installazione automatica dell'agente. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere come amministratore al server su cui è installato l'orchestrator di dominio. 2. Verificare che l'orchestrator di dominio sia in esecuzione. Nota: il programma di installazione automatica dell'agente deve disporre della connessione all'orchestrator di dominio per installare l'agente correttamente. 3. Accedere alla seguente directory: install_dir/server/c2o/.c2orepository/media La cartella del supporto comprende i file seguenti: AgentInstaller AgentInstaller.sh AgentInstaller_64 AgentInstaller-hpux.sh CA_PAM_Agent_unix.sh CA_PAM_Agent_windows_32 CA_PAM_Agent_windows_64 4. Individuare due file in base al sistema operativo: Windows 32 bit: AgentInstaller.bat e CA_PAM_Agent_windows_32.exe Windows 64 bit: AgentInstaller_64.bat e CA_PAM_Agent_windows_64.exe UNX e Linux: Agente Install.sh e CA_PAM_Agent_unix.sh HP-UX: AgentInstaller-hpux.sh e CA_PAM_Agent_unix.sh 5. Copiare entrambi i file richiesti dal sistema operativo in una directory sull'host in cui installare l'agente. 6. Accedere all'host in cui installare l'agente e individuare la directory in cui sono stati copiati il programma di installazione dell'agente e i file di wrapping. 7. (Facoltativo) Eseguire il programma di installazione dell'agente senza argomenti per visualizzare la Guida in linea. 8. Utilizzare i seguenti argomenti della riga di comando con il programma di installazione dell'agente: AgentInstaller.bat -VdomainUrl=domain_url -VacceptLicense=true [-option1 -option2...] AgentInstaller.sh -VdomainUrl=domain_url VacceptLicense=true[-option1 -option2...] Ad esempio: Capitolo 8: Installazione di agenti 175

176 Esecuzione dell'installazione dell'agente in modalità automatica -VdomainURL=https://domainserver.company.com:8443-VacceptLicens e=true -VdomainURL=http://domainserver.company.com: Guida all'installazione

177 Esecuzione dell'installazione dell'agente in modalità automatica Il programma di installazione dell'agente accetta le seguenti opzioni della riga di comando: VlisteningAddress=hostname Specifica il nome di dominio valido completo o l'indirizzo IP del computer host su cui si sta installando l'agente. Questo elemento è obbligatorio se il computer host dispone di più interfacce di rete. -VdisplayName=display_name Specifica il nome che viene visualizzato per questo agente. -VnodePort=port_number Specifica la porta da utilizzare nell'host. -VwinService=boolean Impostare il valore su True per installare l'agente come un servizio Windows. -Vsys.installationDir=path Specifica il percorso completo per l'installazione nel computer host. -VstartAgent=boolean Impostare il valore su True per avviare l'agente dopo aver completato l'installazione. -VjavaHome=value Consente di specificare la posizione di installazione principale di Java. -Vscripts.tmpDir=value Specifica la directory temporanea per eseguire gli script. VcertPassword=value Specifica la password di certificato configurata nell'orchestrator di dominio. Questo valore è obbligatorio in caso di utilizzo di SSL e/o di lavoro in modalità protetta. VisLookUpDNSForIP=boolean Impostare il valore su True per cercare il nome host dell'agente dal DNS. jetty.ssl.ciphers=value Elenco di crittografie separato da virgola da utilizzare durante la comunicazione tra agente e orchestrator di dominio. -VsetPowerShellExecPolicy=value L'esecuzione di script PowerShell su piattaforma di Windows richiede l'impostazione della policy di esecuzione su Remote Signed (Script remoto firmato). Per eseguire script PowerShell tramite CA Process Automation, impostare il valore di questa variabile su true. -VpowerShellPath=value Capitolo 8: Installazione di agenti 177

178 Attività post-installazione per gli agenti Specifica il percorso di PowerShell sul computer host. -VdeprecatedComms=boolean Specifica la modalità di comunicazione (a pagina 154). Impostare il valore su True per supportare la modalità obsoleta di comunicazione. Impostare il valore su False per supportare la nuova modalità di comunicazione. Attività post-installazione per gli agenti Le attività post-installazione per gli agenti sono condizionali. Se dopo aver installato un agente si verifica un conflitto sulla porta, è possibile risolvere il conflitto sulla porta per l'agente (a pagina 179). Se il proprio sito non permette l'esecuzione di agenti con provilegi di amministrazione, è possibile eseguire i programmi per configurare agenti da eseguire come utente con privilegi limitati standard (a pagina 180). Gli agenti installati con CA Process Automation Release 4.2 utilizzano la comunicazione semplificata per impostazione predefinita. Consultare la Guida per l'amministratore del contenuto per informazioni sulla configurazione degli agenti per fare in modo che utilizzino la comunicazione non più in uso, se si sta utilizzando un'utilità di bilanciamento del carico di Apache. Se è appena stato eseguito l'aggiornamento a CA Process Automation Release 4.2, consultare l'argomento dedicato alla configurazione degli agenti esistenti per l'utilizzo della comunicazione semplificata. 178 Guida all'installazione

179 Attività post-installazione per gli agenti Risoluzione del conflitto sulla porta per un agente Se, dopo che è stato installato un agente, una porta non è più disponibile, modificare l'assegnazione della porta mediante uno degli approcci seguenti: Windows: 1. Accedere alla seguente directory sull'host su cui l'agente è installato: agent_install_dir\.config 2. Aprire il file seguente in un editor: proprietà OasisConfig 3. Modificare l'assegnazione della porta seguente: oasis.jxta.port= 4. Salvare il file. Chiudere il file. 5. Accedere alla seguente directory sul server su cui è installato l'orchestratore di dominio. install_dir/server/c2o/.system 6. Rimuovere la cartella.c2o, se è presente. UNIX o Linux: regolare la configurazione di avvio. Capitolo 8: Installazione di agenti 179

180 Attività post-installazione per gli agenti Configurazione di agenti da eseguire come utente con privilegi limitati standard I programmi descritti in questa sezione si applicano a un agente installato su un host con un sistema operativo di Windows. Questi programmi effettuano le operazioni seguenti: Creare l'account utente standard utilizzato per tutti gli agenti di CA Process Automation. Assegnare a questo agente i diritti necessari sull'host locale. Nota: questi programmi non sono stati convalidati per l'utilizzo in tutte le versioni di Windows. Se questi programmi non funzionano sulla propria versione di Windows, configurare le impostazioni manualmente. Utilizzare l'editor delle norme di gruppo negli strumenti di amministrazione di Windows. Prima di iniziare, determinare l'account utente user_name o group_name da utilizzare come standard su tutti gli agenti e gli orchestrator installati. È possibile utilizzare un account utente ordinario. Non è necessario avere un account di dominio con diritti amministrativi. Attenersi alla procedura seguente: 1. Aprire un prompt dei comandi. Ad esempio, Esegui cmd. 2. Accedere alla seguente directory: agent_install_dir\pamagent\.c2orepository\public\tools 3. Digitare il comando riportato di seguito: itpamsvcacct.bat user_name group_name L'account utente viene creato con il nome indicato. 4. Immettere i cinque comandi seguenti. (È possibile immettere un comando singolo e utilizzare uno spazio come delimitatore tra diritti.) itpamassgnrights.exe user_name host_name + SeTcbPrivilege itpamassgnrights.exe user_name host_name + SeCreateTokenPrivilege itpamassgnrights.exe user_name host_name + SeServiceLogonRight itpamassgnrights.exe user_name host_name + SeBatchLogonRight itpamassgnrights.exe user_name host_name + SeAssignPrimaryTokenPrivilege L'account utente indicato ha i privilegi richiesti per eseguire l'agente sull'host locale specificato. 180 Guida all'installazione

181 Attività post-installazione per gli agenti Come avviare o arrestare un agente Avvio di un agente Le modalità di avvio e arresto di un agente dipendono dal sistema operativo utilizzato dall'host su cui è installato. Avviare un agente (a pagina 181). Arrestare un agente (a pagina 182). Utilizzare il metodo di avvio o riavvio dell'agente per il sistema operativo sull'host che comprende l'agente. Avvio o riavvio di un agente su un host di Microsoft Windows I passaggi seguenti si applicano a qualsiasi agente nel dominio di CA Process Automation che risiede su un host con un sistema operativo Windows. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host di Windows su cui è installato un agente. 2. Dal menu Start, selezionare Programmi, CA, Agente CA Process Automation, Avvia servizio dell'agente. 3. Disconnettersi dall'host. Avvio o riavvio di un agente su un host di Linux I passaggi seguenti si applicano a qualsiasi agente nel dominio di CA Process Automation che risiede su un host con un sistema operativo UNIX o Linux. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host di UNIX o Linux su cui è installato un agente. 2. Modificare le directory in: usr/local/ca/pamagent/pamagent 3. Eseguire il comando riportato di seguito:./c2oagtd.sh start L'agente viene riavviato. Capitolo 8: Installazione di agenti 181

182 Attività post-installazione per gli agenti Arresto di un agente È possibile arrestare un agente di CA Process Automation in esecuzione su un host di UNIX o Linux. Arresto di un agente su un host di Microsoft Windows I passaggi seguenti si applicano a qualsiasi agente nel dominio di CA Process Automation che risiede su un host con un sistema operativo Windows. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host di Windows su cui è installato un agente. 2. Dal menu Start, selezionare Programmi, CA, Agente CA Process Automation, Arresta servizio agente. 3. Disconnettersi dall'host. Arresto di un agente su un host Linux I passaggi seguenti si applicano a qualsiasi agente nel dominio di CA Process Automation che risiede su un host con un sistema operativo UNIX o Linux. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host di UNIX o Linux su cui è installato un agente. 2. Modificare le directory in: usr/local/ca/pamagent/pamagent 3. Eseguire il comando riportato di seguito:./c2oagtd.sh stop L'esecuzione dell'agente si arresta. 182 Guida all'installazione

183 Capitolo 9: Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio È possibile creare il dominio di CA Process Automation estendendo la capacità dell'orchestrator di dominio. L'aggiunta di un nodo cluster aiuta a raggiungere un'elevata disponibilità per l'orchestrator di dominio. Per l'aggiunta di un nodo, seguire la stessa procedura utilizzata per l'aggiornamento di un nodo. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Prerequisiti all'installazione di un nodo cluster per l'orchestrator di dominio (a pagina 184) Installare un nodo cluster per l'orchestrator di dominio. (a pagina 187) Sincronizzazione temporale per un nodo cluster (a pagina 189) Capitolo 9: Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio 183

184 Prerequisiti all'installazione di un nodo cluster per l'orchestrator di dominio Prerequisiti all'installazione di un nodo cluster per l'orchestrator di dominio È possibile installare un nodo cluster per l'orchestrator di dominio. Un nodo cluster estende il potere di elaborazione dell'orchestrator di dominio e perciò può migliorarne le prestazioni. Un nodo cluster condivide gli stessi database che sono stati configurati per gli altri nodi esistenti che appartengono al cluster dell'orchestrator di dominio. Prima dell'installazione, eseguire i prerequisiti seguenti: Attenersi alla procedura seguente: 1. Identificare un host per il nodo cluster dell'orchestrator che soddisfi i requisiti di piattaforma e di hardware. Fare riferimento al componente dell'orchestrator nei due argomenti seguenti: Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation (a pagina 28). Requisiti hardware (a pagina 30). 2. Verificare che l'host per questo nodo cluster si trovi nella stessa subnet degli altri nodi esistenti che appartengono all'orchestrator di dominio. 3. Verificare che l'host per questo nodo cluster si trovi nello stesso fuso orario degli altri nodi esistenti che appartengono all'orchestrator di dominio. 4. Verificare che l'host per questo nodo cluster abbia un JDK supportato, e, se mancante, scaricarlo. Consultare Prerequisiti JDK (a pagina 74). 5. Se l'host per questo nodo cluster esegue una versione recente di un sistema operativo Windows, rivedere l'opzione Controllo dell'account utente (nel Pannello di controllo, Account utente). Se questa opzione è attivata, deselezionare la casella di controllo e riavviare il server. 184 Guida all'installazione

185 Prerequisiti all'installazione di un nodo cluster per l'orchestrator di dominio 6. Se l'orchestrator di dominio è stato configurato con un'utilità di bilanciamento del carico F5, aggiungere questo nodo all'utilità di bilanciamento del carico. Consultare Creazione di un nodo F5 per ciascun nodo cluster (a pagina 52). 7. Se l'orchestrator di dominio è stato configurato con un'utilità di bilanciamento del carico di Apache, aggiungere questo nodo all'utilità di bilanciamento del carico. a. Accedere a apache_install_location\conf. b. Aprire il file workers.properties. c. Rimuovere i commenti dalle seguenti righe sotto Define Node 2 (Definisci nodo 2) nel file worker.properties. worker.node2.port=8009 worker.node2.host=hostname worker.node2.type=ajp13 worker.node2.lbfactor=1 d. Modificare hostname con il nome host del server su cui il nodo dell'orchestrator di dominio è stato installato. e. Aggiungere node2 alla riga worker.loadbalancer.balance_workers= sotto Load-balancing behavior. La voce è simile alle informazioni seguenti: worker.loadbalancer.balance_workers=node1,node2 Nota: per il terzo nodo e i nodi successivi, seguire le stesse istruzioni, ma sostituire il numero di nodo corretto per node2, ad esempio node3 o node4. f. Riavviare Apache. 8. Se il primo nodo dell'orchestrator di dominio è stato configurato con un'utilità di bilanciamento del carico NGINX, aggiungere questo nodo (node2) all'utilità di bilanciamento del carico. a. Accedere al file pam-server.conf e aprirlo. b. Individuare la riga #Define node2. (I dati di node1 fanno riferimento al primo nodo dell'orchestrator di dominio. Ignorare le sezioni che fanno riferimento a node1) Nota: node2_hostname è l'indirizzo IP o il nome DNS dell'host in cui node2 è installato. jetty_server_port è il valore Porta del server fornito durante l'installazione del primo nodo dell'orchestrator di dominio. Immettere 80 per la comunicazione semplificata o 7003 per la comunicazione non più in uso. c. Creare le voci seguenti in pam-server.conf per definire sia node1 sia il nuovo nodo, node2: // node1 is the worker node name upstream node1{ # Define node1 server node2_hostname:jetty_server_port max_fails=3 fail_timeout=3s; Capitolo 9: Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio 185

186 Prerequisiti all'installazione di un nodo cluster per l'orchestrator di dominio } // node2 is the worker node name upstream node2{ # Define node2 server node2_hostname:jetty_server_port max_fails=3 fail_timeout=3s; } d. All'interno del tag del server creare le voci seguenti sia per node1 sia per il nuovo nodo, node2: Server{... } location = /ws { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } location = /ws/ { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } location = /ws/node1 { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } location /ws/node1/ { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } location = /ws/node2 { // node2 is the upstream name provided above proxy_pass } location /ws/node2/ { // node2 is the upstream name provided above proxy_pass } 186 Guida all'installazione

187 Installare un nodo cluster per l'orchestrator di dominio. Installare un nodo cluster per l'orchestrator di dominio. Gli utenti con privilegi PAMAdmin possono aggiungere facoltativamente ulteriori nodi cluster a un orchestrator di dominio. Il clustering aiuta a bilanciare il carico di elaborazione su tutti gli host in cluster. Il clustering è un buon metodo per promuovere l'alta disponibilità. Perché l'orchestrator di dominio sia idoneo al clustering, è necessario aver installato un'utilità di bilanciamento del carico prima di installare l'orchestrator di dominio. Verificare il completamento dei prerequisiti per installare un nodo cluster per l'orchestrator di dominio (a pagina 184). Quindi installare il nodo cluster. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere al server in cui si desidera installare il nodo cluster per l'orchestrator di dominio. 2. Selezionare l'url dell'orchestrator di dominio ed effettuare l'accesso. https://load-balancer-hostname:8443/itpam 3. Fare clic sulla scheda Configurazione. 4. Fare clic sul riquadro Installazione. 5. Fare clic su Installa o Installa nodo cluster per l'orchestrator di dominio. 6. Se la firma digitale non può essere verificata, fare clic su Esegui per avviare l'installazione. 7. Quando compare la procedura guidata di installazione dei componenti di terze parti di CA Process Automation fare clic su Avanti. 8. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 9. Specificare la directory di destinazione per installare il nodo orchestrator, quindi fare clic su Avanti. Il programma di installazione crea automaticamente la cartella se non esiste. 10. Nei prerequisiti per la schermata di installazione di CA Process Automation, fare clic su Avanti. La schermata Completamento dell'installazione guidata di CA Process Automation per i prerequisiti visualizza una casella di controllo Usa dominio e un percorso. Verificare che questa casella di controllo sia selezionata. Il processo di installazione utilizza le informazioni raccolte dall'installazione dell'orchestrator di dominio. Questa casella di controllo in genere non viene modificata durante l'installazione, ma se è necessario immettere nuove informazioni, selezionare la casella di controllo e immettere le informazioni nuove. 11. Fare clic su Fine per avviare l'installazione del nodo cluster per l'orchestrator di dominio. Capitolo 9: Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio 187

188 Installare un nodo cluster per l'orchestrator di dominio. 12. Nella schermata di benvenuto, fare clic su Avanti. 13. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 14. Accettare il percorso visualizzato o accedere alla directory principale Java. Fare clic su Avanti. JDK viene confermato e l'installazione dell'orchestrator inizia. La copia dei file di configurazione richiederà un minuto. 15. Compilare la schermata di configurazione e fare clic su Avanti. Orchestrator Specifica l'orchestrator a cui aggiungere il nodo cluster. È necessario configurare l'orchestrator selezionato dall'elenco a discesa con un nome host pubblico che specifica l'fqdn del server su cui è installata l'utilità di bilanciamento del carico. Nodo di lavoro dell'utilità di bilanciamento del carico Specifica il nome del nodo, ad esempio nodo 2. Questo è il nome del nodo specificato nel file workers.properties di Apache, dove nome è il nome dell'host su cui si sta installando il nodo cluster: worker.node2.host=hostname.mycompany.com Nota: La prima installazione dell'orchestrator di dominio è node1. Per il secondo nodo, digitare node Visualizzare il nome dell'azienda e fare clic su Avanti. 17. Immettere una password di certificato, quindi fare clic su Avanti. Password di certificato Specifica la stessa password di certificato immessa durante l'installazione dei nodi installati in precedenza dell'orchestrator di dominio. 18. Verificare le voci sotto Proprietà generali per l'orchestrator. La maggior parte delle impostazioni sono derivate dall'installazione dell'orchestrator di dominio. Fare clic su Avanti. Host server Specifica l'fqdn dell'host in cui viene installato questo nodo cluster per l'orchestrator di dominio. 19. Specificare una cartella del menu di avvio, quindi fare clic su Avanti. 20. Visualizzare le impostazioni di PowerShell. 21. Visualizzare le impostazioni di protezione di CA EEM e fare clic su Avanti. 22. Visualizzare le impostazioni del database per il database di repository (libreria) e fare clic su Avanti. 23. Visualizzare le impostazioni del database per il database di runtime e fare clic su Avanti. 188 Guida all'installazione

189 Sincronizzazione temporale per un nodo cluster 24. Visualizzare le impostazioni del database per il database di reporting e fare clic su Avanti. 25. Controllare i messaggi di progresso mentre il programma di installazione installa il nodo cluster per l'orchestrator di dominio sul computer in cui è stata avviata l'installazione. 26. Fare clic su Fine. Il nodo cluster per l'orchestrator di dominio è installato. Sincronizzazione temporale per un nodo cluster Tutti i nodi cluster relativi a qualsiasi orchestrator devono essere impostati esattamente sulla stessa ora, sincronizzata con un server di riferimento dell'ora esterno standard. Sincronizzare l'ora di tutti i nodi in un cluster in uno dei due modi seguenti: Sincronizzare tutti gli orchestrator e i nodi cluster con un server di riferimento dell'ora esterno standard (preferito). Sincronizzare manualmente l'ora di tutti i nodi aggiuntivi cluster come indicato di seguito: 1. Verificare la precisione dell'ora di tutti i nodi cluster. 2. Eseguire il comando del sistema operativo appropriato su ciascun nodo cluster per sincronizzare l'ora di tutti i nodi cluster. Capitolo 9: Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio 189

190

191 Capitolo 10: Installazione di un orchestrator aggiuntivo Dopo aver installato l'orchestrator di dominio, è possibile creare il dominio installando ulteriori orchestrator. È possibile installare orchestrator multipli in un ambiente. Se si crea un ambiente nuovo, ad esempio da usare in produzione, installarvi un orchestrator. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Prerequisiti per installare un orchestrator (a pagina 191) Installazione di un orchestrator (a pagina 194) Attività post-installazione per un orchestrator (a pagina 199) Prerequisiti per installare un orchestrator È possibile installare un orchestrator nell'ambiente con l'orchestrator di dominio o in un ambiente separato. Prima di installare un orchestrator, eseguire i prerequisiti seguenti: Attenersi alla procedura seguente: 1. Identificare un host per l'orchestrator che soddisfi i requisiti di piattaforma e di hardware. Fare riferimento al componente dell'orchestrator nei due argomenti seguenti: Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation (a pagina 28). Requisiti hardware (a pagina 30). 2. Verificare che l'host per l'orchestrator abbia un JDK supportato, e, se mancante, scaricarlo. Consultare Prerequisiti JDK (a pagina 74). Capitolo 10: Installazione di un orchestrator aggiuntivo 191

192 Prerequisiti per installare un orchestrator 3. Avere a disposizione la password di certificato corrispondente alla password di keystore sull'orchestrator di dominio. La password controlla l'accesso alle chiavi utilizzate per la crittografia delle password e di altri dati critici. Importante. Non è possibile installare correttamente un altro orchestrator senza questa password. 4. Identificare il server o i server di database che ospiteranno il database di runtime e, facoltativamente, il server repository (libreria) per questo orchestrator. Considerare i fattori che seguono: Ciascun orchestrator deve avere il proprio database di runtime. Un orchestrator può condividere il database di libreria dell'orchestrator di dominio o avere il proprio database. Generalmente, tutti gli orchestrator nel dominio utilizzano il database di reporting creato per l'orchestrator di dominio. Un server di database deve soddisfare i requisiti di piattaforma e di hardware. Fare riferimento al componente Server di database nei due argomenti seguenti: Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation (a pagina 28). Requisiti hardware (a pagina 30). 192 Guida all'installazione

193 Prerequisiti per installare un orchestrator 5. Preparare il server di database. È possibile creare i database di runtime e repository su server di database differenti. Consultare Prerequisiti server di database (a pagina 67). 6. Valutare la necessità di un'utilità di bilanciamento del carico per questo orchestrator. CA Process Automation supporta i metodi seguenti di bilanciamento degli orchestrator in cluster. Nota: Si consiglia un'utilità di bilanciamento del carico hardware. Consultare Prerequisiti per il bilanciamento del carico F5 (a pagina 51). Se non è possibile, si consiglia di scegliere NGINX come utilità di bilanciamento del carico software. NGINX per UNIX è estremamente scalabile. NGINX per Windows può supportare fino a 300 agenti con la comunicazione semplificata. Consultare Prerequisiti per il bilanciamento del carico NGINX. 7. Se si prevede di eseguire un cluster dell'orchestrator mediante NGINX, eseguire i seguenti passaggi aggiuntivi: a. Accedere al file pam-server.conf e aprirlo. b. Individuare la riga #Define di node1. (I dati di node1 fanno riferimento al nodo dell'orchestrator installato per primo.) c. Inserire quanto segue, dove jetty_server_port è il valore configurato durante l'installazione per la porta del server. In genere il valore è 80 per la comunicazione semplificata o 7003 se gli agenti che si connettono all'orchestrator utilizzano la comunicazione non più in uso. // node1 is the worker node name upstream node1{ # Define node1 server node1_hostname:jetty_server_port max_fails=3 fail_timeout=3s; } d. All'interno del tag del server creare le voci seguenti: Server{ location = /ws { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } location = /ws/ { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } location = /ws/node1 { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } location /ws/node1/ { // node1 is the upstream name provided above proxy_pass } Capitolo 10: Installazione di un orchestrator aggiuntivo 193

194 Installazione di un orchestrator... } } 8. Identificare un server di riferimento dell'ora (server NTP). La configurazione di tutti gli orchestrator in modo che utilizzino lo stesso server di riferimento dell'ora esterno (o server di ora locale) è il metodo migliore per assicurare la sincronizzazione. 9. Assicurarsi che quanto segue sia avviato prima di accedere a CA Process Automation per iniziare l'installazione di un orchestrator: CA EEM. L'utilità di bilanciamento del carico, se utilizzata. Il servizio dell'orchestrator di dominio. Il server di database che si ha intenzione di utilizzare per il database di runtime e, facoltativamente, un database repository (o di libreria) separato. Installazione di un orchestrator Dopo aver installato l'orchestrator di dominio, è possibile aggiungere orchestrator su altri host. Ciascun nuovo ambiente necessita di almeno un orchestrator, ma può averne più di uno. Più orchestrator consentono la segmentazione. I nuovi orchestrator ereditano informazioni su CA EEM dall'orchestrator di dominio. Prima di utilizzare la procedura seguente, completare i prerequisiti per l'installazione di un orchestrator (a pagina 191). Ad esempio, verificare che JDK sia installato. Attenersi alla procedura seguente per installare un orchestrator o per aggiornare un orchestrator esistente. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere al server su cui installare il nuovo orchestrator. 2. Eseguire l'accesso a CA Process Automation (a pagina 171) con le credenziali da amministratore. Ad esempio, accedere come membro del gruppo PAMAdmins. 3. Fare clic sulla scheda Configurazione e selezionare il riquadro Installazione. 4. Fare clic sul collegamento dei prerequisiti e verificare che siano stati tutti soddisfatti. 194 Guida all'installazione

195 Installazione di un orchestrator 5. Fare clic su Installa orchestrator. Se si utilizza Firefox come browser Web, aprirlo con l'utilità di avvio Java Web Start (impostazione predefinita). Se necessario, installare il certificato obbligatorio secondo le indicazioni. L'applicazione viene scaricata. La finestra di dialogo per la selezione della lingua può essere visualizzata nella barra delle applicazioni. 6. Selezionare una lingua e fare clic su OK. Viene visualizzata la procedura di installazione guidata dei componenti di terze parti di CA Process Automation. 7. Fare clic su Avanti. 8. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 9. Accettare la directory di installazione predefinita (install_dir) o modificarla, quindi fare clic su Avanti. 10. Fare clic su Avanti nella pagina Prerequisiti di installazione di CA Process Automation. Nella pagina Installazione di JBoss in corso... viene mostrato l'avanzamento dell'installazione di jboss Specificare i file jar JDBC necessari per l'installazione in uno dei modi seguenti: Lasciare la casella di controllo Usa dominio selezionata e fare clic su Avanti. In questo modo si specifica di utilizzare i file.jar JDBC configurati con l'installazione dell'orchestrator di dominio. Completare la procedura seguente: a. Deselezionare la casella di controllo Usa dominio. b. Fare clic su Aggiungi file. c. Selezionare il tipo di server di database. d. Fare clic su Sfoglia e individuare il file JAR JDBC per il tipo di server selezionato. e. Fare clic su Avanti. 12. Nella schermata di conferma, fare clic su Avanti. 13. Fare clic su Fine per passare al programma di installazione di CA Process Automation. 14. Fare clic su Avanti nella schermata di benvenuto. 15. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 16. Compiere una delle azioni seguenti nella pagina Home directory Java: Fare clic su Avanti per accettare l'impostazione predefinita. Accedere alla posizione di JDK e fare clic su Avanti. Capitolo 10: Installazione di un orchestrator aggiuntivo 195

196 Installazione di un orchestrator 17. Visualizzare il dominio URL e fare clic su Avanti. 18. Se non si utilizza Single Sign-On o un'utilità di bilanciamento del carico, fare clic su Avanti e ignorare il passaggio seguente. 19. Compilare la pagina e fare clic su Avanti. Configurazione di Single Sign-on (SSO) Specifica se si utilizza CA SiteMinder con SSO, in cui il valore predefinito è deselezionato. La selezione di questa opzione abilita i campi seguenti: Tipo di autenticazione SSO (Intestazione) Parametro di autenticazione SSO (sm-user) Tipo di server (Nuovo orchestrator) Configura utilità di bilanciamento del carico Specifica se installare l'orchestrator in modo da consentirne il clustering. Opzione selezionata Indica che un'utilità di bilanciamento del carico è configurata per questo orchestrator. Opzione deselezionata Indica che non è configurata un'utilità di bilanciamento del carico per questo orchestrator. Nodo di lavoro dell'utilità di bilanciamento del carico (Apache) Specifica il nome del nodo. Poiché questo orchestrator è il primo nodo nel cluster, specificare node1. Nota: per i nodi diversi da node1 (ad esempio, node2), consultare: Aggiunta di un nodo all'orchestrator di dominio (a pagina 183). Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo (a pagina 201). Nome host pubblico Specifica il nome host pubblico come nell'esempio seguente: loadbalancerhost.mycompany.com Se l'orchestrator di dominio utilizza Single Sign-On (SSO), questo campo specifica l'fqdn dell'applicazione IIS (Internet Information Services) o dell'applicazione Apache con CA SiteMinder WebAgent. Se l'orchestrator di dominio non utilizza Single Sign-On (SSO), questo campo specifica l'fqdn dell'utilità di bilanciamento del carico. 196 Guida all'installazione

197 Installazione di un orchestrator Numero di porta host pubblico Se l'opzione Supporta la comunicazione protetta è deselezionata, questo campo specifica la porta HTTP per l'host pubblico (IIS o Apache). Valore predefinito 80 Porta protetta dell'host pubblico Se l'opzione Supporta la comunicazione protetta è selezionata, questo campo specifica la porta HTTPS per l'host pubblico (IIS o Apache). Valore predefinito 443 Supporta la comunicazione protetta Specifica se l'host pubblico utilizza il protocollo HTTPS per la comunicazione protetta. Opzione selezionata L'host pubblico utilizza il protocollo HTTPS per la comunicazione protetta. Opzione deselezionata L'host pubblico non utilizza il protocollo HTTPS per la comunicazione protetta; viene utilizzato il protocollo HTTP per la comunicazione di base. 20. Visualizzare il nome dell'azienda e fare clic su Avanti. 21. Immettere la password di certificato utilizzata dall'orchestrator di dominio, quindi fare clic su Avanti. Se si perde o si dimentica questa password di certificato, è necessario reinstallare tutti gli orchestrator nel sistema di CA Process Automation, a partire dall'orchestrator di dominio. 22. Specificare le preferenze della cartella Menu Start e fare clic su Avanti. 23. Immettere le proprietà generali per l'orchestrator, quindi fare clic su Avanti. Host server Specifica l'fqdn di questo orchestrator. Nome visualizzato Specifica il nome visualizzato nel browser di configurazione per questo orchestrator. Se non si configura un'utilità di bilanciamento del carico, il nome visualizzato è quello dell'host server. Se si configura un'utilità di bilanciamento del carico, il nome visualizzato è l'fqdn del server host per l'utilità di bilanciamento. Capitolo 10: Installazione di un orchestrator aggiuntivo 197

198 Installazione di un orchestrator 24. Accettare il valore predefinito o impostare la directory temporanea in cui eseguire gli script, quindi fare clic su Avanti. 25. Impostare la policy di esecuzione di PowerShell e fare clic su Avanti. 26. Immettere le impostazioni del database repository per questo orchestrator in uno dei modi seguenti: Per condividere il database repository (Libreria) utilizzato dall'orchestrator di dominio, completare la procedura seguente: a. Immettere le stesse informazioni configurate per l'orchestrator di dominio. b. Fare clic su Verifica impostazioni del database. c. Fare clic su Avanti. Per creare un database repository (Libreria) distinto per questo orchestrator, completare la procedura seguente: a. Completare tutti i campi. b. Fornire un nome univoco per il database repository. c. Fare clic su Crea database. d. Fare clic su Verifica impostazioni del database. e. Fare clic su Avanti. 27. Immettere le impostazioni del database di runtime. Ogni orchestrator richiede un database di runtime separato. a. Se il nuovo database di runtime si trova sullo stesso server di database del database repository per questo orchestrator, fare clic su Copia dal repository principale per copiare la password e il nome utente definiti. b. Se il server di database specificato ospita altri database di runtime, creare un nome valido e univoco per tale database di runtime. c. Fare clic su Crea database. d. Fare clic su Verifica impostazioni del database. e. Fare clic su Avanti. 28. Visualizzare le impostazioni relative al database di reporting e fare clic su Avanti. Tutti gli orchestrator nel dominio condividono lo stesso database di reporting. 29. Fare clic su Fine. 198 Guida all'installazione

199 Attività post-installazione per un orchestrator Attività post-installazione per un orchestrator Eseguire le seguenti attività post-installazione, se necessarie. 1. Per configurare un'utilità di bilanciamento del carico di Apache per utilizzare la comunicazione protetta attraverso SSL, procedere come indicato di seguito: a. Accedere alla seguente cartella: apache_install_dir\conf\extra\ b. Aprire il seguente file: httpd-ssl.conf c. Aggiungere le righe seguenti all'interno dei tag di <VirtualHost> </VirtualHost>, alla fine del file: SSLOptions +StdEnvVars +ExportCertData JkMount /* loadbalancer Nota: per configurare un'utilità di bilanciamento del carico per utilizzare la comunicazione di base, escludere la dichiarazione precedente. d. Salvare il file. Chiudere il file. e. Riavviare il server HTTP Apache. 2. Configurare le porte (a pagina 90). 3. Configurare i firewall per la comunicazione bidirezionale (a pagina 126). 4. Se è stato installato l'orchestrator di dominio su un server con il sistema operativo HP-UX, eseguire ulteriori passaggi di configurazione su HP-UX. 5. (Solo Windows) Avviare il servizio dell'orchestrator. L'orchestrator si registra con l'orchestrator di dominio. 6. Verificare l'installazione dell'orchestrator aggiuntivo. a. Eseguire l'accesso a CA Process Automation. b. Fare clic sulla scheda Configurazione. c. Fare clic sul nodo di orchestrator nel riquadro Browser di configurazione. d. Visualizzare il nuovo orchestrator in questo elenco. Capitolo 10: Installazione di un orchestrator aggiuntivo 199

200

201 Capitolo 11: Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo Dopo aver installato un orchestrator aggiuntivo, è possibile estenderne la capacità e fornire le capacità di failover aggiungendo un nodo cluster. Se un nodo qualsiasi presenta un errore, un altro nodo prende il controllo. Per installare i nodi cluster, è possibile utilizzare un'installazione interattiva o un'installazione automatica. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Prerequisiti per installare un nodo cluster per un orchestrator (a pagina 202) Installazione di un nodo cluster per un orchestrator (a pagina 205) Sincronizzazione temporale per un nodo cluster (a pagina 207) Capitolo 11: Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo 201

202 Prerequisiti per installare un nodo cluster per un orchestrator Prerequisiti per installare un nodo cluster per un orchestrator È possibile installare un nodo cluster per un orchestrator. Un nodo cluster estende il potere di elaborazione di un orchestrator e perciò può migliorarne le prestazioni. Un nodo cluster condivide gli stessi database che sono stati configurati per gli altri nodi esistenti che appartengono al cluster dell'orchestrator. Prima dell'installazione, eseguire i prerequisiti seguenti: Attenersi alla procedura seguente: 1. Identificare un host per il nodo cluster dell'orchestrator che soddisfi i requisiti di piattaforma e di hardware. Fare riferimento al componente dell'orchestrator nei due argomenti seguenti: Requisiti e supporto delle piattaforme per i componenti dica Process Automation (a pagina 28). Requisiti hardware (a pagina 30). 2. Verificare che l'host per questo nodo cluster si trovi nella stessa subnet degli altri nodi esistenti che appartengono all'orchestrator. 3. Verificare che l'host per questo nodo cluster si trovi nello stesso fuso orario degli altri nodi esistenti che appartengono all'orchestrator. 4. Verificare che l'host per questo nodo cluster abbia un JDK supportato, e, se mancante, scaricarlo. Consultare Prerequisiti JDK (a pagina 74). 5. Se l'host per questo nodo cluster esegue una versione recente di un sistema operativo Windows, rivedere l'opzione Controllo dell'account utente (nel Pannello di controllo, Account utente). Se questa opzione è attivata, deselezionare la casella di controllo e riavviare il server. 202 Guida all'installazione

203 Prerequisiti per installare un nodo cluster per un orchestrator 6. Se l'orchestrator è stato configurato con un'utilità di bilanciamento del carico F5, aggiungere questo nodo all'utilità di bilanciamento del carico. Consultare Creazione di un nodo F5 per ciascun nodo cluster (a pagina 52). 7. Se l'orchestrator è stato configurato con un'utilità di bilanciamento del carico di Apache, aggiungere questo nodo all'utilità di bilanciamento del carico. a. Accedere a apache_install_location\conf. b. Aprire il file workers.properties. c. Rimuovere i commenti dalle seguenti righe sotto Define Node 2 (Definisci nodo 2) nel file worker.properties. worker.node2.port=8009 worker.node2.host=hostname worker.node2.type=ajp13 worker.node2.lbfactor=1 d. Modificare hostname con il nome host del server su cui il nodo dell'orchestrator è stato installato. e. Aggiungere node2 alla riga worker.loadbalancer.balance_workers= sotto Load-balancing behaviour. La voce assomiglia a quanto segue: worker.loadbalancer.balance_workers=node1,node2 Nota: per il terzo nodo e i nodi successivi, seguire le stesse istruzioni, ma sostituire il numero di nodo corretto per node2, ad esempio node3 o node4. f. Riavviare Apache. 8. Se l'orchestrator è stato configurato con un'utilità di bilanciamento del carico NGINX, aggiungere questo nodo all'utilità di bilanciamento del carico. a. Accedere al file pam-server.conf e aprirlo. b. Individuare la riga #Define node2. (I dati di node1 fanno riferimento al primo nodo dell'orchestrator. Ignorare le sezioni che fanno riferimento a node1.) c. Immettere quanto segue # Define node2 server node2_hostname:jetty_server_port max_fails=3 fail_timeout=3s; } Nota: La porta del server jetty è il valore Porta del server fornito durante l'installazione del primo nodo dell'orchestrator di dominio. Immettere 80 per la comunicazione semplificata o 7003 per la comunicazione non più in uso. All'interno del tag del server creare le voci seguenti: Server{ location = /ws {... // node2 is the upstream name provided above Capitolo 11: Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo 203

204 Prerequisiti per installare un nodo cluster per un orchestrator } proxy_pass } location /ws/node2/ { // node2 is the upstream name provided above proxy_pass } 204 Guida all'installazione

205 Installazione di un nodo cluster per un orchestrator Installazione di un nodo cluster per un orchestrator Gli utenti con privilegi di PAMAdmins possono aggiungere nodi cluster aggiuntivi a un orchestrator che è stato installato con un'utilità di bilanciamento del carico. Verificare il completamento dei prerequisiti per installare un nodo cluster per un orchestrator (a pagina 202). Quindi installare il nodo cluster. La stessa procedura viene utilizzata per l'aggiornamento di un nodo cluster a un nuovo rilascio. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere al server sul quale si desidera installare questo nodo cluster per un orchestrator aggiuntivo. 2. Andare all'orchestrator a cui si desidera aggiungere il nodo cluster ed effettuare l'accesso. https://load-balancer-hostname:8443/itpam 3. Fare clic sulla scheda Configurazione e quindi sul riquadro Installazione. 4. Fare clic su Installa per Installa nodo cluster per l'orchestrator. 5. Se la firma digitale non può essere verificata, fare clic su Esegui per avviare l'installazione. 6. Nella schermata di installazione di terze parti, fare clic su Avanti. 7. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. 8. Specificare la directory di destinazione per installare il nodo orchestrator, quindi fare clic su Avanti. Il programma di installazione crea automaticamente la cartella se non esiste. 9. Nei prerequisiti per la schermata di installazione di CA Process Automation, fare clic su Avanti. Una schermata successiva include la casella di controllo seguente: Usa dominio Specifica se questo nodo cluster è per l'orchestrator di dominio. Opzione deselezionata - Specifica che questo nodo cluster non è per l'orchestrator di dominio. Nella schermata di conferma, fare clic su Avanti. 10. Fare clic su Fine per passare al programma di installazione di CA Process Automation. 11. Nella schermata di benvenuto, fare clic su Avanti. 12. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Avanti. Capitolo 11: Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo 205

206 Installazione di un nodo cluster per un orchestrator 13. Specificare la directory principale Java. Il programma di installazione di CA Process Automation precompila questo campo con il JDK idoneo più recente rilevato nel percorso. Se necessario, individuare la directory in cui è installato JDK e fare clic su Avanti. JDK viene confermato e l'installazione dell'orchestrator inizia. Questa operazione richiederà un paio di minuti per la copia dei file. 14. Compilare la schermata di configurazione e fare clic su Avanti. Orchestrator Specifica l'orchestrator a cui aggiungere il nodo cluster. È necessario configurare l'orchestrator selezionato dall'elenco a discesa con un nome host pubblico che specifica l'fqdn del server su cui è installata l'utilità di bilanciamento del carico. Nodo di lavoro dell'utilità di bilanciamento del carico Specifica il nome del nodo, ad esempio nodo 2. Questo è il nome del nodo specificato nel file workers.properties di Apache, dove nome è il nome dell'host su cui si sta installando il nodo cluster: worker.node2.host=hostname.mycompany.com Nota: La prima installazione dell'orchestrator di dominio è node1. Per il secondo nodo, digitare node Visualizzare il nome dell'azienda e fare clic su Avanti. 16. Inserire la stessa password di certificato immessa durante l'installazione dell'orchestrator di dominio, quindi fare clic su Avanti. Se la password di certificato è stata persa o dimenticata, è necessario reinstallare tutti gli orchestrator nel sistema, a partire dall'orchestrator di dominio. 17. Specificare una cartella del menu di avvio, quindi fare clic su Avanti. 18. Immettere le proprietà generali per l'orchestrator, quindi fare clic su Avanti. Per ulteriori informazioni su ciascuna proprietà, consultare Installazione e configurazione dell'orchestrator di dominio. 19. Visualizzare le impostazioni di protezione e fare clic su Avanti. 20. Visualizzare le impostazioni relative al database e fare clic su Avanti. 21. Visualizzare le impostazioni del database di reporting, quindi fare clic su Avanti per completare l'installazione. 22. Fare clic su Fine. Il nodo cluster per l'orchestrator selezionato è installato. 206 Guida all'installazione

207 Sincronizzazione temporale per un nodo cluster Sincronizzazione temporale per un nodo cluster Tutti i nodi cluster relativi a qualsiasi orchestrator devono essere impostati esattamente sulla stessa ora, sincronizzata con un server di riferimento dell'ora esterno standard. Sincronizzare l'ora di tutti i nodi in un cluster in uno dei due modi seguenti: Sincronizzare tutti gli orchestrator e i nodi cluster con un server di riferimento dell'ora esterno standard (preferito). Sincronizzare manualmente l'ora di tutti i nodi aggiuntivi cluster come indicato di seguito: 1. Verificare la precisione dell'ora di tutti i nodi cluster. 2. Eseguire il comando del sistema operativo appropriato su ciascun nodo cluster per sincronizzare l'ora di tutti i nodi cluster. Capitolo 11: Aggiunta di un nodo a un orchestrator aggiuntivo 207

208

209 Capitolo 12: Ottimizzazione di CA Process Automation Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Procedura per migliorare le prestazioni di CA Process Automation (a pagina 210) Capitolo 12: Ottimizzazione di CA Process Automation 209

210 Procedura per migliorare le prestazioni di CA Process Automation Procedura per migliorare le prestazioni di CA Process Automation Se si desidera aumentare o migliorare le prestazioni, considerare le linee guida seguenti: Convertire gli orchestrator autonomi in cluster. L'aggiunta di un secondo nodo può comportare un miglioramento delle prestazioni fino all'80%. Il miglioramento ottenuto dipende da molte variabili, come il contenuto di CA Process Automation da eseguire. Contenuto Set di dati globali Ridurre al minimo i riferimenti ai set di dati globali, poiché l'accesso ad essi è serializzato. In altre parole, un solo oggetto può accedere a un set di dati alla volta. Questa linea guida si applica alle operazioni di scrittura, non di lettura. Come procedura ottimale, si consiglia di fare una copia a livello di processo dei dati obbligatori e, quindi, fare riferimento a quel set di dati di processo. Processi inline CPU Limitare l'avvio dei processi inline ai casi in cui si verificano entrambe le condizioni seguenti: Sono presenti meno di 10 operatori nel processo inline. Il processo inline non viene chiamato in un ciclo. Controllare l'utilizzo della CPU su tutti i nodi dell'orchestrator per determinare quali nodi potrebbero trarre il migliore vantaggio con ulteriori CPU o componenti di base. Aggiungere ulteriori CPU o componenti di base, in base alle necessità. Durante l'esecuzione in un ambiente virtuale, dedicare le CPU ai computer virtuali di CA Process Automation. Memoria Durante l'esecuzione in un ambiente virtuale, dedicare la RAM ai computer virtuali di CA Process Automation. Controllare la memoria utilizzata per i processi su tutti i nodi dell'orchestrator per determinare se è necessaria ulteriore RAM. Ottimizzazione del server del computer virtuale Fare riferimento al fornitore del server del computer virtuale per istruzioni sulla procedura per l'aumento delle prestazioni. Ottimizzazione e manutenzione del database 210 Guida all'installazione

211 Procedura per migliorare le prestazioni di CA Process Automation Fare riferimento al fornitore del server di database per istruzioni sulla procedura per l'aumento e il mantenimento delle prestazioni del database di CA Process Automation. Tali istruzioni in genere contemplano la reindicizzazione del database, l'aggiornamento delle statistiche, il monitoraggio e la manutenzione del file system su cui vengono archiviati i dati. Disattivazione delle funzionalità non necessarie Catalyst Se non si utilizzano connettori di Catalyst, individuare il valore seguente nel file OasisConfig.properties e modificarlo da true a false: # enable connector ucf.connector.enabled=true Reporting Se non si utilizza un database di reporting, inserire la seguente coppia chiave-valore nel file OasisConfig.properties. Le modifiche apportate a questo file diventano effettive al riavvio del servizio di CA Process Automation. VMware oasis.disable.reporting.manager=true Se si utilizza VMware, modificare la NIC virtuale da E1000 a VMXNET3. Questa modifica in genere comporta un miglioramento delle prestazioni e dell'affidabilità. Capitolo 12: Ottimizzazione di CA Process Automation 211

212

213 Appendice A: Utilizzo di SiteMinder con CA Process Automation CA SiteMinder fornisce funzionalità Single Sign-On (SSO) in domini a uno o più cookie, consentendo agli utenti di accedere alle applicazioni su server web e piattaforme diverse immettendo tuttavia le credenziali solo una volta per sessione. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Prerequisiti di CA SiteMinder (a pagina 214) Configurazione degli oggetti del server dei criteri CA SiteMinder (a pagina 214) Integrazione di CA Process Automation all'iis per l'sso (a pagina 216) Configurazione di IIS per il reindirizzamento a Tomcat (a pagina 217) Integrazione di CA Process Automation ad Apache per SSO (a pagina 219) Abilitazione della disconnessione in CA Process Automation per SSO (a pagina 219) Appendice A: Utilizzo di SiteMinder con CA Process Automation 213

214 Prerequisiti di CA SiteMinder Prerequisiti di CA SiteMinder Verificare che il suo sistema soddisfi i prerequisiti seguenti per installare CA Process Automation con CA SiteMinder: Un server CA EEM integrato con lo stesso LDAP/AD utilizzato come directory degli utenti nel server di policy SiteMinder. Un agente Web di CA SiteMinder integrato in un IIS o a un Apache. È possibile utilizzare l'agente SiteMinder Apache solo quando è presente un bilanciatore del carico basato su Apache e orchestrator cluster. Per un Orchestrator autonomo, configurare l'inoltro della porta da Tomcat 8080 a IIS porta 80 per consentire all'agente SM IIS di funzionare. Nota: per ulteriori informazioni, consultare la Guida all'installazione di CA SiteMinder WebAgent. Per motivi di sicurezza, lavorare direttamente con l'amministratore di CA SiteMinder, per comprendere e seguire tutte le istruzioni esistenti per l'uso di CA SiteMinder da parte dell'organizzazione. Importante. È necessario reinstallare gli agenti di CA Process Automation (anziché semplicemente riavviarli) quando l'url dell'orchestrator di dominio viene modificato. Le modifiche seguenti possono interessare l'url dell'orchestrator di dominio: Passaggio dell'orchestrator di dominio dalla modalità abilitata SSO a quella disabilitata SSO. Passaggio dell'orchestrator di dominio dalla modalità disabilitata SSO a quella abilitata SSO. Puntare l'orchestrator di dominio a un server di SSO differente. Configurazione degli oggetti del server dei criteri CA SiteMinder Per configurare CA SiteMinder, accedere all'interfaccia utente di amministrazione del server dei criteri CA SiteMinder. Per ulteriori informazioni, consultare la guida CA SiteMinder Policy Server Configuration Guide. Importante. Prima di configurare CA SiteMinder per CA Process Automation, consultare l'amministratore di CA SiteMinder. La propria azienda può avere stabilito norme per la selezione o la creazione di domini, convenzioni per l'assegnazione dei nomi alle entità o altre considerazioni sulla protezione specifiche di siti. 214 Guida all'installazione

215 Configurazione degli oggetti del server dei criteri CA SiteMinder Per configurare un oggetto agente Web da integrare con CA Process Automation: 1. Creare un oggetto di configurazione agente nella sezione dell'infrastruttura dell'interfaccia di amministrazione di CA SiteMinder. Selezionare ApacheDefaultSettings o IISDefaultSettings, in base all'agente Web ospitato dai server Web. Accedere alla proprietà BadUrlChars dell'agente Web e rimuovere "/." e "//" dalla proprietà. Andare alla proprietà IgnoreExt e rimuovere ".gif,.jpg,.jpeg,.png" dal valore della proprietà. Accedere alla proprietà LogoffUri e impostarla su "/itpam/logout". 2. Creare un oggetto di configurazione host. Selezionare ApacheDefaultSettings o IISDefaultSettings, in base all'agente Web ospitato dai server Web. 3. Creare un oggetto directory nella sezione dell'infrastruttura dell'interfaccia amministrativa di CA SiteMinder. 4. Creare o selezionare un dominio nella sezione Dominio dell'interfaccia utente di amministrazione di CA SiteMinder. 5. Creare un'area di autenticazione nella sezione Dominio dell'interfaccia utente del server dei criteri CA SiteMinder. 6. Nella nuova area di autenticazione, specificare il nome esatto dell'agente e impostare il filtro risorse come "/itpam", quindi selezionare l'opzione Protected (Protetto) nella sezione relativa alla protezione delle risorse predefinita. 7. Nella nuova area di autenticazione, creare una regola con risorsa come "*" in modo che la risorsa venga visualizzata come web_agent/itpam* e selezionare tutte le azioni nella sezione corrispondente. Nota: per specificare questa regola nella sezione delle policy, aggiungerla a una policy nuova o esistente. Per ulteriori informazioni, consultare la guida CA SiteMinder Policy Server Configuration Guide. 8. Creare una area di autenticazione secondaria per ciascuno dei seguenti URL e selezionare l'opzione Unprotected (Non protetto) nella sezione relativa alla protezione delle risorse predefinita: /swaref.xsd /genericnosecurity /images /StartAgent /itpamclient /ServerConfigurationRequestServlet /MirroringRequestProcessor Appendice A: Utilizzo di SiteMinder con CA Process Automation 215

216 Integrazione di CA Process Automation all'iis per l'sso /soapattachment /AgentConfigurationRequestServlet /soap /css /js 9. Creare una policy nella sezione corrispondete e aggiungere la regola creata al passaggio 7. Per ulteriori informazioni, consultare la guida CA SiteMinder Policy Server Configuration Guide. 10. (Facoltativo) Utilizzare i valori predefiniti per creare una variabile di risposta personalizzata e utilizzarla come parametro di autenticazione SSO. a. Creare un attributo pamuser per la risposta personalizzata del tipo WebAgent-HTTP-Header-Variable. b. Impostare il valore della variabile come parametro utilizzato per l'id utente LDAP/ActiveDirectory. c. Aggiungere la risposta personalizzata alla regola menzionata nel passaggio 9. Nota: durante l'installazione di CA Process Automation, specificare il parametro di intestazione pamuser come parametro di autenticazione SSO, inserendo Header come tipo di autenticazione SSO. Per ulteriori informazioni, consultare la guida CA SiteMinder Policy Server Configuration Guide. Integrazione di CA Process Automation all'iis per l'sso Nota: per integrare CA SiteMinder con cluster, selezionare l'agente Apache SiteMinder. Per configurare l'sso (Single Sign-On) all'iis: 1. Richiedere all'amministratore di CA SiteMinder di installare l'agente Web di CA SiteMinder in un computer su cui è installato IIS. 2. Se IIS è configurato per SSL, decomprimere IIS_https_httpfolders.zip, disponibile nella cartella /SSO/IIS dei supporti prerequisiti di terzi di CA Process Automation, nella directory principale del sito Web su cui è integrato CA SiteMinder. 216 Guida all'installazione

217 Configurazione di IIS per il reindirizzamento a Tomcat 3. Verificare che le seguenti cartelle siano state create nella directory principale: c2orepository + itpam mirroringrepository 4. Aprire IIS Manager (Gestione IIS) e rimuovere la modalità SSL dalle seguenti cartelle: Nel sito Web: c2orepository mirroringrepository Nella cartella itpam: MirroringRequestProcessor StartAgent genericnosecurity Per rimuovere la modalità SSL: a. Aprire le proprietà della cartella corrispondente. b. Scegliere la scheda Protezione directory, quindi fare clic su Modifica nella sezione di comunicazione con protezione e deselezionare la casella di controllo Require SSL Channel. Nota: per integrare CA Process Automation, utilizzare il filtro "Tomcat Redirector" quando l'agente web di CA SiteMinder viene distribuito su IIS. Configurazione di IIS per il reindirizzamento a Tomcat Prerequisito L'agente di CA SiteMinder dovrebbe essere eseguito sullo stesso server di IIS, prima di configurare Tomcat redirector per il reindirizzamento delle richieste a CA Process Automation. Per ulteriori informazioni, consultare la guida CA SiteMinder Installation Guide. Attenersi alla procedura seguente: 1. Verificare che il server Web IIS sia correttamente installato e in esecuzione. 2. Copiare la cartella TomcatRedirector nel computer su cui IIS è installato, preferibilmente nel percorso seguente: C:\Program Files\CA\SharedComponents Appendice A: Utilizzo di SiteMinder con CA Process Automation 217

218 Configurazione di IIS per il reindirizzamento a Tomcat 3. Modificare il file isapi_redirect.properties della cartella Bin per indicare il percorso corretto, nel caso in cui sia diverso. Esempio # Configuration file for the Jakarta ISAPI Redirector # The path to the ISAPI Redirector Extension, relative to the website # This must be in a virtual directory with execute privileges. extension_uri=/tomcatredirector/isapi_redirect.dll Note: TomcatRedirector is the virtual directory name. # Full path to the log file for the ISAPI Redirector log_file=c:\program Files\CA\SharedComponents\TomcatRedirector\logs\isapi_redirect. log # Log level (debug, info, warn, error or trace) log_level=error # Full path to the workers.properties file worker_file=c:\program Files\CA\SharedComponents\TomcatRedirector\conf\workers.propert ies # Full path to the uriworkermap.properties file\ worker_mount_file=c:\program Files\CA\SharedComponents\TomcatRedirector\conf\uriworkermap.pr operties 4. Modificare il nome host nel file TomcatRedirector\conf\workers.properties in modo da riflettere il nome host corretto. Sostituire i riferimenti all'host locale. Esempio: # statement and uncomment the three worker.ajp13w01 lines ############################################################### ####### # The workers that jk should create and work with worker.list=ajp13w01 # Defining a worker named ajp13w01 and of type ajp13 # Note that the name and the type do not have to match. worker.ajp13w01.type=ajp13 worker.ajp13w01.host=pa-w2k3 worker.ajp13w01.port=8009 Nota: nel codice precedente, pa-w2k3 è il computer su cui CA Process Automation è installato. 5. Aprire la Gestione IIS. 6. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Sito Web predefinito, selezionare una nuova directory virtuale e creare un riferimento alla cartella TomcatRedirector\bin creata al passaggio Guida all'installazione

219 Integrazione di CA Process Automation ad Apache per SSO 7. Accedere alla cartella TomcatRedirector\logs in Esplora risorse di Windows e assegnare tutte le autorizzazioni relative al file di registro di tale cartella all'utente del servizio di rete. 8. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla directory virtuale e selezionare le proprietà, fare clic su Script e file eseguibili per i permessi esecuzione, quindi fare clic su OK. Nota: verificare che il valore Nome applicazione sia lo stesso del nome della directory virtuale fornito nel file isapi_redirect.properties (passaggio 3). a. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulle estensioni del servizio Web, assegnare loro il nome TomcatRedirector, e scegliere il percorso al file TomcatRedirector\bin\isapi_redirect.dll per aggiungere un'estensione del servizio Web. Scegliere lo stato Imposta estensione sull'opzione consentita. b. Riavvio del servizio di amministrazione di IIS 9. Aggiungere isapi_redirect.dll come filtro ISAPI nel proprio sito Web IIS. Aprire Gestione IIS e fare clic con il tasto destro del mouse sulla cartella dei siti Web per aprire la finestra di dialogo delle proprietà per tutti i siti Web, scegliere la scheda del filtro ISAPI, fare clic su Aggiungi e selezionare isapi_redirect.dll come eseguibile. 10. Verificare che le richieste vengano inoltrate a Tomcat selezionando Integrazione di CA Process Automation ad Apache per SSO Per configurare l'sso (Single Sign-On) all'apache: 1. Richiedere all'amministratore di CA SiteMinder di installare l'agente Web di CA SiteMinder in un computer su cui è installato Apache. 2. Configurare il sistema Apache con le impostazioni host pubblico. Per ulteriori informazioni, consultare Installazione dell'orchestrator di dominio (a pagina 94). Nota: contattare l'amministratore di CA SiteMinder per ulteriori informazioni. Abilitazione della disconnessione in CA Process Automation per SSO È possibile consentire la disconnessione Single Sign-On in CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente posizione: install_dir/server/c2o/.config Appendice A: Utilizzo di SiteMinder con CA Process Automation 219

220 Abilitazione della disconnessione in CA Process Automation per SSO 2. Fare doppio clic per aprire il file OasisConfig.properties. 3. Modificare ALLOW_SSO_LOGOUT impostandolo su True. 220 Guida all'installazione

221 Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation In questa appendice sono riportate delle tabelle che descrivono in dettaglio le porte utilizzate dai vari componenti di CA Process Automation. Queste tabelle complessive contengono i casi di duplicazione per offrire un quadro completo di ciascun componente. Per una spiegazione delle modalità di comunicazione tra i componenti, consultare la sezione Comunicazione in un'architettura tipica (a pagina 222). Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Comunicazione in un'architettura tipica (a pagina 222) Porte utilizzate da CA EEM (a pagina 223) Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico (a pagina 225) Porte utilizzate da un orchestrator (a pagina 228) Porte utilizzate da un agente (a pagina 236) Porte utilizzate dai server di database (a pagina 238) Porte utilizzate dai client Web (a pagina 239) Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 221

222 Comunicazione in un'architettura tipica Comunicazione in un'architettura tipica Nel diagramma seguente vengono illustrate le relazioni tra i componenti descritti in questa appendice sulle porte utilizzate da CA Process Automation. Ulteriori informazioni: Progettazione delle posizioni dei componenti di supporto (a pagina 65) 222 Guida all'installazione

223 Porte utilizzate da CA EEM Porte utilizzate da CA EEM Le tabelle seguenti forniscono una panoramica delle porte utilizzate per le comunicazioni da e verso CA Embedded Entitlements Manager (CA EEM). Comunicazioni da CA EEM Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione CA EEM Qualsi asi CA EEM 509 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM itechpoz se CA EEM è configurato come cluster HA. CA EEM Qualsi asi CA EEM 1684 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM itechpoz Router se CA EEM è configurato come cluster HA (solo CA EEM 8.4) CA EEM Qualsi asi CA EEM 5250 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM igateway se CA EEM è configurato come cluster HA. Comunicazioni verso CA EEM Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione CA EEM Qualsi asi CA EEM 509 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM itechpoz se CA EEM è configurato come cluster HA. CA EEM Qualsi asi CA EEM 1684 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM itechpoz Router se CA EEM è configurato come cluster HA (solo CA EEM 8.4) Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 223

224 Porte utilizzate da CA EEM Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione CA EEM Qualsi asi CA EEM 5250 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM igateway se CA EEM è configurato come cluster HA. Orchestrator Qualsi asi CA EEM 5250 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM igateway Browser Web (Amministrato re CA EEM) Qualsi asi CA EEM 5250 TCP Configurazione di CA EEM Browser Web che accede all'interfaccia utente di CA EEM. 224 Guida all'installazione

225 Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico Le tabelle seguenti forniscono una panoramica delle porte utilizzate per le comunicazioni da e verso l'utilità di bilanciamento del carico configurata. Le utilità di bilanciamento del carico supportate includono NGINX, Apache e F5. Le porte includono quelle per e per Comunicazioni dall'utilità di bilanciamento del carico Nota:Nel file indicato nella colonna Configurazione, è possibile configurare porte di ascolto per un'utilità di bilanciamento del carico. Nella documentazione di ciascuna utilità di bilanciamento del carico è riportato il percorso dei rispettivi file di configurazione. Apache NGINX F5 httpd.conf tomcat.connector.ajp.port pam-server.conf secure-pam-server.conf pam-rest.conf Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 80 HTTP httpd.conf L'utilità di bilanciamento del carico comunica con l'orchestrator su questa porta. Questa porta non è valida per NGINX. Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 225

226 Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 443 HTTPS httpd.conf L'utilità di bilanciamento del carico comunica con gli orchestrator protetti su questa porta. Questa porta non è valida per NGINX. Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 8010 TCP/AJP tomcat.connector.ajp.po rt Porta del connettore Loadbalancer - AJP tra l'utilità di bilanciamento del carico e l'orchestrator. Questa porta non è valida per NGINX. Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 8080 HTTP httpd.conf, pam-server.conf L'utilità di bilanciamento del carico comunica con l'orchestrator su questa porta. Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 8443 HTTPS httpd.conf, secure-pam-server.conf L'utilità di bilanciamento del carico comunica con gli orchestrator protetti su questa porta. Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 8009 TCP/AJP tomcat.connector.ajp.po rt Porta del connettore Loadbalancer - AJP tra l'utilità di bilanciamento del carico e l'orchestrator. Questa porta non è valida per NGINX. Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 7000 HTTP node0-config.xml, http.port, pam-rest.conf Porta del contenitore di CA Process Automation Catalyst Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Orchestrator 7443 HTTPS node0-config.xml, https.port, pam-rest.conf Porta protetta del contenitore di CA Process Automation Catalyst 226 Guida all'installazione

227 Porte utilizzate dall'utilità di bilanciamento del carico Comunicazione con l'utilità di bilanciamento del carico Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Client REST di Catalyst Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 7000 HTTP node0-config.xml, http.port, pam-rest.conf Porta del contenitore di CA Process Automation Catalyst Client REST di Catalyst Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 7443 HTTPS node0-config.xml, https.port, pam-rest.conf Porta protetta del contenitore di CA Process Automation Catalyst Agente Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 80 HTTP httpd.conf Porta dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione di base Agente Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 443 HTTPS httpd.conf Porta dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione protetta Browser Web (utente CA Process Automation) Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 80 TCP httpd.conf Porta dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione di base Browser Web (utente CA Process Automation) Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 443 TCP httpd.conf Porta dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione protetta Client di servizio Web (SOAP) Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 80 TCP httpd.conf Porta dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione di base Client di servizio Web (SOAP) Qualsi asi Utilità di bilanciament o del carico 443 TCP httpd.conf Porta dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione protetta Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 227

228 Porte utilizzate da un orchestrator Porte utilizzate da un orchestrator Le tabelle seguenti forniscono una panoramica delle porte utilizzate per le comunicazioni, in particolare: Comunicazione da un orchestrator a un altro componente in un sistema di CA Process Automation Comunicazione tra orchestrator Comunicazione a un orchestrator da un altro componente in un sistema di CA Process Automation Comunicazione da un orchestrator a un altro componente Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Qualsi asi CA EEM 5250 TCP Configurazione di CA EEM Utilizzata da CA EEM igateway Orchestrator Qualsi asi Agente 7003 HTTP/ HTTPS Script di installazione agente Obsoleto L'agente resta in ascolto su questa porta obsoleta quando si usa la modalità precedente di comunicazione con gli orchestrator Orchestrator Qualsi asi Server di database Microsoft SQL 1433 TCP Microsoft SQL configurato È possibile modificare la porta di database nell'installazione del server di database. Il valore predefinito per questa porta è Orchestrator Qualsi asi Server di database MySQL 3306 TCP MySQL configurato È possibile modificare la porta di database nell'installazione del server di database. Il valore predefinito per questa porta è Guida all'installazione

229 Porte utilizzate da un orchestrator Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Qualsi asi server di database Oracle 1521 TCP Listener di Oracle configurato È possibile modificare la porta di database durante la creazione del listener. Il valore predefinito per la porta di ascolto di Oracle è È possibile associare l'istanza di database a un listener differente. Fare riferimento alla configurazione di Oracle. Orchestrator Qualsi asi Host remoto di destinazione 22 TCP Porta SSH standard Utilizzata per la comunicazione SSH con un touchpoint proxy o un gruppo host Comunicazione tra orchestrator di dominio e orchestrator non di dominio Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator di dominio Qualsi asi Orchestrator non di dominio 1090 TCP jboss.remoting.port La porta di JBoss Remoting viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 1098 TCP jboss.rmi.port La porta RMI JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 1099 TCP jboss.jndi.port La porta JNDI JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 1100 TCP jboss.ha.jndi.port La denominazione JBoss: HA_Java e l'interfaccia di directory si utilizzano solo tra orchestrator. Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 229

230 Porte utilizzate da un orchestrator Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 1101 TCP jboss.ha.jndi.port Il metodo di invocazione remota JBoss: HA-Java viene utilizzato solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 1102 UDP jboss.mcast.jndi.autodisc overy.port Il servizio di individuazione automatica JBoss: JNDI viene utilizzato solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 3873 TCP jboss.remoting.transport.connector.port Il connettore remoto JBoss: EJB3 viene utilizzato solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4444 TCP jboss.rmi.object.port La porta del server JBoss RMI viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4445 TCP jboss.ha.pooledinvoker.s erverbind.port La porta dell'invoker in pool JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4446 TCP jboss.pooledinvoker.serv erbind.port La porta dell'invoker in pool HA JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4447 TCP jboss.ha.rmi.object.port La porta del server JBoss HA-RMI viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4448 TCP La porta dell'invoker in pool HA JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4457 TCP jboss.service.binding.por t La porta di JBoss Messaging viene utilizzata solo tra orchestrator. 230 Guida all'installazione

231 Porte utilizzate da un orchestrator Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4712 TCP jboss.tx.recovery.manag er.port La porta di JBoss Transaction Status Recovery Manager viene utilizzata solo tra orchestrator Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 4713 TCP La porta di JBoss Transaction Status Manager viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 7001 HTTP/ HTTPS oasis.jxta.port Porta utilizzata per le comunicazioni tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 7600 TCP jboss.jgroups.tcp.tcp_por t La porta di clustering JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 7900 TCP jboss.messaging.datacha nneltcpport La porta di clustering JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 7901 TCP jboss.messaging.controlc hanneltcpport La porta di clustering JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 8083 TCP jboss.rmi.classloader.we bservice.port La porta del servizio Web RMI JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 8080 Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio 8443 Orchestrator Qualsi asi Orchestrator non di dominio Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 231

232 Porte utilizzate da un orchestrator Comunicazione tra nodi di orchestrator cluster Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Orchestrator 1090 TCP jboss.remoting.port La porta di JBoss Remoting viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator 1098 TCP jboss.rmi.port La porta RMI JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator 1099 TCP jboss.jndi.port La porta JNDI JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator 1100 TCP jboss.ha.jndi.port La denominazione JBoss: HA_Java e l'interfaccia di directory si utilizzano solo tra orchestrator. Orchestrator 1101 TCP jboss.ha.jndi.port Il metodo di invocazione remota JBoss: HA-Java viene utilizzato solo tra orchestrator. Orchestrator 1102 UDP jboss.mcast.jndi.autodisc overy.port Orchestrator 3873 TCP jboss.remoting.transport.connector.port Il servizio di individuazione automatica JBoss: JNDI viene utilizzato solo tra orchestrator. Il connettore remoto JBoss: EJB3 viene utilizzato solo tra orchestrator. Orchestrator 4444 TCP jboss.rmi.object.port La porta del server JBoss RMI viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator 4445 TCP jboss.ha.pooledinvoker.s erverbind.port La porta dell'invoker in pool JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. 232 Guida all'installazione

233 Porte utilizzate da un orchestrator Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Orchestrator Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Orchestrator 4446 TCP jboss.pooledinvoker.serv erbind.port La porta dell'invoker in pool HA JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator 4447 TCP jboss.ha.rmi.object.port La porta del server JBoss HA-RMI viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator 4448 TCP La porta dell'invoker in pool HA JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator Orchestrator 4457 TCP jboss.service.binding.por t Orchestrator 4712 TCP jboss.tx.recovery.manag er.port La porta di JBoss Messaging viene utilizzata solo tra orchestrator. La porta di JBoss Transaction Status Recovery Manager viene utilizzata solo tra orchestrator Orchestrator 4713 TCP La porta di JBoss Transaction Status Manager viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator 7001 HTTP/ HTTPS oasis.jxta.port Orchestrator 7600 TCP jboss.jgroups.tcp.tcp_por t Orchestrator 7900 TCP jboss.messaging.datacha nneltcpport Orchestrator 7901 TCP jboss.messaging.controlc hanneltcpport Porta utilizzata per le comunicazioni tra orchestrator. La porta di clustering JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. La porta di clustering JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. La porta di clustering JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 233

234 Porte utilizzate da un orchestrator Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Qualsi asi Orchestrator 8083 TCP jboss.rmi.classloader.we bservice.port La porta del servizio Web RMI JBoss viene utilizzata solo tra orchestrator. Orchestrator Qualsi asi Orchestrator ActiveMQ... Nota: CA Process Automation utilizza JBoss 5.1. A sua volta, JBoss 5.1 utilizza porte dinamiche intermittenti nell'intervallo se configurato come cluster per la comunicazione tra i nodi (solo orchestrator). La maggior parte delle porte viene utilizzata per la gestione interna di un cluster. CA sconsiglia di dividere i cluster tra collegamenti WAN e firewall. La configurazione di cluster predefinita utilizza il multicast. Se la comunicazione multicast non è aperta end-to-end tra i nodi cluster, questi non sono compresi effettivamente nello stesso cluster, causando un comportamento imprevedibile. Comunicazione verso un orchestrator cluster da un altro componente Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Utilità di bilanciamento del carico Utilità di bilanciamento del carico Utilità di bilanciamento del carico Utilità di bilanciamento del carico Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Orchestrator 8080 HTTP httpd.conf di Apache L'utilità di bilanciamento del carico di Apache comunica con gli orchestrator su questa porta. Orchestrator 8443 HTTPS httpd.conf di Apache L'utilità di bilanciamento del carico di Apache comunica con gli orchestrator protetti su questa porta. Orchestrator 7000 HTTP node0-config.xml, http.port Orchestrator 7443 HTTPS node0-config.xml, https.port Porta del contenitore di CA Process Automation Catalyst Porta protetta del contenitore di CA Process Automation Catalyst 234 Guida all'installazione

235 Porte utilizzate da un orchestrator Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Utilità di bilanciamento del carico Agente Agente Agente Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Orchestrator 8009 TCP/AJP tomcat.connector.ajp.po rt Orchestrator 8080 HTTP tomcat.connector.http.p ort Porta del connettore Loadbalancer - AJP tra l'utilità di bilanciamento del carico e l'orchestrator Solo comunicazioni obsolete. Orchestrator 8443 HTTPS tomcat.secure.port Solo comunicazioni obsolete. Orchestrator 7001 HTTP/ HTTPS oasis.jxta.port Porta obsoleta Comunicazione verso un orchestrator non cluster da un altro componente Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Agente Agente Agente Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Orchestrator 8080 HTTP tomcat.connector.http.p ort Interfaccia utente di CA Process Automation: porta di base Orchestrator 8443 HTTPS tomcat.secure.port Interfaccia utente di CA Process Automation: porta protetta Orchestrator 7001 HTTP/ HTTPS oasis.jxta.port Porta obsoleta Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 235

236 Porte utilizzate da un agente Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Orchestrator Qualsi asi Qualsi asi Agente 80 HTPP Jetty Connessione con socket Web stabilita dagli agenti Agente 443 HTTPS Jetty Connessione con socket Web stabilita dagli agenti Porte utilizzate da un agente Le tabelle seguenti forniscono una panoramica delle porte utilizzate per le comunicazioni da e verso un agente di CA Process Automation. Comunicazione da un agente Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Agente Agente Agente Agente Agente Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Orchestrator 8080 HTTP tomcat.connector.http.p ort Interfaccia utente di CA Process Automation: porta per la comunicazione di base. Orchestrator 8443 HTTPS tomcat.secure.port Interfaccia utente di CA Process Automation: porta per la comunicazione protetta. Utilità di bilanciament o del carico di Apache Utilità di bilanciament o del carico di Apache Orchestrator HTTP httpd.conf di Apache Porta dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per la comunicazione di base 443 HTTPS httpd.conf di Apache Porta dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per la comunicazione protetta HTTP/ HTTPS oasis.jxta.port Porta del server obsoleta 236 Guida all'installazione

237 Porte utilizzate da un agente Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Agente Agente Agente Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Orchestrator 80 HTTP Jetty Porta del server Orchestrator 443 HTTPS Jetty Porta del server Host remoto di destinazione 22 TCP Porta SSH standard Utilizzata per la comunicazione SSH con un touchpoint proxy o un gruppo host. Comunicazione verso un agente Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Orchestrator Orchestrator Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Agente 7003 HTTP/ HTTPS Script di installazione agente In precedenza l'agente restava in ascolto su questa porta obsoleta per la comunicazione con gli orchestrator. Agente 80 HTTP Jetty Connessione con socket Web stabilita dagli agenti Agente 443 HTTPS Jetty Connessione con socket Web stabilita dagli agenti Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 237

238 Porte utilizzate dai server di database Porte utilizzate dai server di database La tabella seguente offre una panoramica delle porte utilizzate per le comunicazioni verso un server di database. Comunicazione verso un server di database Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Orchestrator Qualsi asi Server di database Microsoft SQL 1433 TCP Microsoft SQL configurato È possibile modificare la porta di database nell'installazione del server di database. Il valore predefinito per questa porta è Orchestrator Qualsi asi Server di database MySQL 3306 TCP MySQL configurato È possibile modificare la porta di database nell'installazione del server di database. Il valore predefinito per questa porta è Orchestrator Qualsi asi server di database Oracle 1521 TCP Listener di Oracle configurato È possibile modificare la porta di database durante la creazione del listener. Il valore predefinito per la porta di ascolto di Oracle è È possibile associare l'istanza di database a un listener differente. Fare riferimento alla configurazione di Oracle. 238 Guida all'installazione

239 Porte utilizzate dai client Web Porte utilizzate dai client Web La tabella seguente offre una panoramica delle porte utilizzate per le comunicazioni dai client Web. Comunicazione dai client Web Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Browser Web (Amministrato re CA EEM) Browser Web (utente CA Process Automation) Browser Web (utente CA Process Automation) Client dei servizi Web (SOAP) Client dei servizi Web (SOAP) Client REST di Catalyst Client REST di Catalyst Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi Qualsi asi CA EEM 5250 TCP Configurazione di CA EEM Utilità di bilanciament o del carico di Apache Utilità di bilanciament o del carico di Apache Utilità di bilanciament o del carico di Apache Utilità di bilanciament o del carico di Apache Utilità di bilanciament o del carico di Apache Utilità di bilanciament o del carico di Apache Browser Web che accede all'interfaccia utente di CA EEM. 80 TCP httpd.conf di Apache Porta dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per la comunicazione di base 443 TCP httpd.conf di Apache Porta dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per la comunicazione protetta 80 TCP httpd.conf di Apache Porta dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per la comunicazione di base 443 TCP httpd.conf di Apache Porta dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per la comunicazione protetta 7000 HTTP node0-config.xml, http.port 7443 HTTPS node0-config.xml, https.port Porta del contenitore di CA Process Automation Catalyst Porta protetta del contenitore di CA Process Automation Catalyst Appendice B: Porte utilizzate da CA Process Automation 239

240 Porte utilizzate dai client Web Da Porta A Porta di ascolto predefini ta Protocoll o Configurazione Descrizione Browser Web (Amministrato re CA Catalyst) Qualsi asi Orchestrator 8181 TCP ucf.pax.web.http.port Interfaccia di amministrazione di Catalyst Karaf: non utilizzata in operazioni tipiche. 240 Guida all'installazione

241 Appendice C: Gestione del nome DNS dell'orchestrator o dell'indirizzo IP Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Gestione degli indirizzi IP (a pagina 241) Risoluzione di caratteri non validi nel nome DNS di CA Process Automation (a pagina 242) Gestione degli indirizzi IP Potrebbe risultare necessario gestire gli indirizzi IP e/o i nomi. Seguono gli esempi: Modificare l'indirizzo IP e il nome di un orchestrator. Modificare la combinazione di nome e indirizzo IP ogni volta che compaiono nei file seguenti. install_dir/server/c2o/.config/oasisconfig.properties install_dir/server/c2o/.config/domain.xml Nota: per continuare a utilizzare un nome host invariato in tutti i riferimenti in CA Process Automation, modificare il DNS con il nuovo indirizzo IP. Se si installano gli agenti mediante indirizzi IP che cambiano, riconfigurare l'agente aggiornando il file seguente: install_dir/pam Agent/PAMAgent/.config/OasisConfig.properties Modificare il valore della proprietà seguente: oasis.jxta.host Utilizzare più indirizzi IP per CA Process Automation se si dispone di due NIC, una interna e una esterna. Per associare CA Process Automation all'indirizzo IP esterno, aggiungere la proprietà seguente a OasisConfig.properties: jboss.bind.address=xxx.xxx.xxx.xxx Appendice C: Gestione del nome DNS dell'orchestrator o dell'indirizzo IP 241

242 Risoluzione di caratteri non validi nel nome DNS di CA Process Automation Risoluzione di caratteri non validi nel nome DNS di CA Process Automation Nella versione 3.1, CA Process Automation accettava l'installazione di orchestrator con nomi DNS che contenevano caratteri limitati, come il carattere di sottolineatura (_). Se si è installato un orchestrator con un nome host non valido, è necessario eseguire le seguenti azioni correttive: 1. Creare un record DNS che esegua il mapping del nome host valido all'indirizzo IP. Consultare la sezione Sintassi per nomi host DNS (a pagina 243) per gli standard. 2. Creare un record DNS che esegua il mapping del nome non valido al nome valido. Consultare Abilitazione DNS per la risoluzione di un nome host non valido (a pagina 242). 3. Aggiornare il file OasisConfig.properties con il nome corretto. Consultare Gestione del nome host DNS (a pagina 243). Abilitazione DNS per la risoluzione di un nome host non valido Se è stato creato un orchestrator con un nome host che include un simbolo di sottolineatura o un altro carattere non valido, è possibile procedere in modo che il server DNS risolva l'indirizzo IP corretto da un nome host non valido. Questo richiede che si creino due record nel server DNS. Nel primo record viene dichiarato che il nome originale non è un alias di un altro nome canonico. Attenersi alla procedura seguente: 1. Nel DNS, creare un record canonico con un nome host nuovo e valido. 2. Creare un record di CNAME che esegua il mapping del nome canonico al nome originale, non valido. Nome Tipo Valore my_host.mycompany.com. CNAME myhost.mycompany.com. myhost.mycompany.com A In questo esempio, my_host.mycompany.com è un alias per il nome canonico (CNAME) myhost.mycompany.com. Quando il sistema di risoluzione del DNS trova un record CNAME, mentre viene inviata una query per il record di risorsa originale, questo riavvia la query mediante il CNAME invece del nome originale. Il nome canonico al quale punta un record CNAME può trovarsi ovunque nel DNS. 242 Guida all'installazione

243 Risoluzione di caratteri non validi nel nome DNS di CA Process Automation Gestione del nome host DNS È possibile modificare il nome host per un orchestrator. Ad esempio, se il nome host non è conforme alla sintassi supportata, è possibile aggiornarlo. Se è stata eseguita l'installazione di CA Process Automation mediante un nome host DNS non valido, contenente caratteri limitati, come il carattere di sottolineatura, creare un alias conforme agli standard DNS. Quindi, sostituire manualmente il nome host non valido con questo alias nel proprio file OasisConfig.properties. Attenersi alla procedura seguente: 1. Creare un alias. Consultare Abilitazione di DNS per risolvere un nome host non valido (a pagina 242). 2. Accedere come amministratore al server in cui l'orchestrator di domino è installato. 3. Accedere alla seguente cartella, dove install_dir indica il percorso in cui è installato l'orchestrator di dominio: install_dir/server/c2o/.config 4. Aprire il file OasisConfig.properties con un editor. 5. Utilizzare Trova per localizzare la proprietà seguente: oasis.local.hostname 6. Modificare il valore per la proprietà oasis.local.hostname=. 7. Salvare il file e uscire. 8. Riavviare il servizio Orchestrator. a. Interrompere l'orchestrator (a pagina 133). b. Avviare l'orchestrator (a pagina 134). Sintassi per nomi host del DNS Vi sono numerosi percorsi in cui è possibile immettere un FQDN o un indirizzo IP. Se i nomi host del DNS includono un carattere di sottolineatura o non sono conformi alla sintassi richiesta, specificare l'indirizzo IP. Nomi host del DNS validi: Inizia con una lettera. Finisce con un carattere alfanumerico. Contiene 2-24 caratteri alfanumerici. Può contenere il carattere speciale (-), segno di meno. Importante. Il segno di meno (-) è l'unico carattere speciale valido consentito nei nomi host del DNS. Appendice C: Gestione del nome DNS dell'orchestrator o dell'indirizzo IP 243

244

245 Appendice D: Risoluzione dei problemi Questa sezione descrive i metodi di risoluzione dei problemi per l'utilizzo di CA Process Automation. Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Errori di installazione di CA Process Automation (a pagina 245) Problema potenziale quando si esegue CA Process Automation su un server VMWare mediante l'interfaccia di rete E1000 (a pagina 246) Bug di Oracle n (a pagina 248) Limiti in Internet Explorer (a pagina 249) Installazione di CA Process Automation su ambienti di rete a doppio stack (IPv4 e IPv6) (a pagina 250) Prestazioni ridotte con MySQL (a pagina 250) Impossibile creare database di runtime (a pagina 252) Impossibile eseguire gli operatori Esegui script o Esegui programma su RHEL6 (a pagina 253) Errori di installazione di CA Process Automation Sintomo: Se si verifica un errore durante il tentativo iniziale di installare CA Process Automation, i tentativi successivi non verranno completati. Soluzione: Per reinstallare CA Process Automation, pulire le voci di registro, i file e le cartelle rimaste in tale posizione prima di iniziare l'installazione oppure utilizzare una posizione diversa. Appendice D: Risoluzione dei problemi 245

246 Problema potenziale quando si esegue CA Process Automation su un server VMWare mediante l'interfaccia di rete E1000 Problema potenziale quando si esegue CA Process Automation su un server VMWare mediante l'interfaccia di rete E1000 Sintomo: Le cause principali di questo problema sono guasti poco frequenti dell'i/o socket, che possono lasciare in attesa il software in chiamata per un periodo indefinito per completare un'operazione di lettura. Dalla prospettiva degli utenti il sintomo più tipico è il blocco imprevisto dei processi che normalmente non presentano problemi e che vengono ripresi e completati come previsto dopo un riavvio dell'orchestrator di CA Process Automation. Questo problema può influire su un piccolo sottoinsieme di processi o su tutti i processi in esecuzione. Non ha alcuna relazione con il tempo di attività dell'orchestrator e può presentarsi poco dopo un riavvio o dopo giorni, settimane o mesi di corretto funzionamento dell'orchestrator. Questo problema è stato osservato solo in ambienti che eseguono volumi elevati di processi CA Process Automation. Nella maggior parte degli ambienti in cui è installato E1000 NIC il problema non si è mai verificato o è così raro che non è stato rilevato. Soluzione: Questo problema è molto difficile da riconoscere. Se il problema si presenta, spesso il thread di CA Process Automation è bloccato in una lettura del socket e nessun errore rilevante viene scritto nei file di registro. Per riconoscere il problema è necessario verificare una serie di dump di thread Java acquisiti durante un'occorrenza del problema per dimostrare che l'operatore è bloccato in una lettura del thread. Quando si osservano errori relativi a questo problema, vengono indicati errori di connessione generici che potrebbero avere altre cause legittime e non correlate. Esempio: :55: WARN [org.hibernate.jdbc.abstractbatcher] [npool Worker-23] exception clearing maxrows/querytimeout com.microsoft.sqlserver.jdbc.sqlserverexception: The connection is closed. at com.microsoft.sqlserver.jdbc.sqlserverexception.makefromdrivererro r(unknown Source) at com.microsoft.sqlserver.jdbc.sqlserverconnection.checkclosed(unkno wn Source) at com.microsoft.sqlserver.jdbc.sqlserverstatement.checkclosed(unknow n Source) at com.microsoft.sqlserver.jdbc.sqlserverstatement.getmaxrows(unknown Source) 246 Guida all'installazione

247 Problema potenziale quando si esegue CA Process Automation su un server VMWare mediante l'interfaccia di rete E1000 at org.jboss.resource.adapter.jdbc.cachedpreparedstatement.getmaxrows (CachedPreparedStatement.java:367) at org.jboss.resource.adapter.jdbc.wrappedstatement.getmaxrows(wrappe dstatement.java:378) at org.hibernate.jdbc.abstractbatcher.closequerystatement(abstractbat cher.java:272) at org.hibernate.jdbc.abstractbatcher.closequerystatement(abstractbat cher.java:209)... e così via. In questi casi l'identificazione del problema avviene a tentativi ed è necessario escludere altre cause dell'errore di comunicazione. Un errore frequente del processo o un guasto ripetibile di un singolo operatore o di più operatori indicano probabilmente altri problemi non correlati durante la progettazione del processo o nella funzionalità dell'orchestrator. Nei siti in cui il problema è stato confermato, la riconfigurazione del server VMWare da un driver della scheda di interfaccia di rete E1000 a un driver NIC VMXnet-3 si è dimostrata una soluzione molto efficace. CA Technologies non è certa di dichiarare che si tratti di una soluzione completa poiché l'incidente si manifesta molto raramente e il periodo di tempo che trascorre tra le occorrenze persino la scheda E1000 può essere piuttosto lungo. Se è necessario verificare il problema prima di apportare questo cambiamento, contattare il Supporto per ottenere assistenza con l'installazione dell'accesso e dei dump di thread Java necessari per risolvere e verificare questo problema specifico. Appendice D: Risoluzione dei problemi 247

248 Bug di Oracle n Bug di Oracle n Importante. Durante l'esecuzione con versioni di RDBMS Oracle precedenti alla versione , CA Process Automation potrebbe incontrare occasionalmente il noto problema di RDBMS Oracle , per cui, in caso di inserimenti concorrenti di dati CLOB in singole colonne con valori di dimensioni superiori a 52 KB, si può verificare un aggiornamento errato di tali colonne con i dati oltre l'offset di 52 KB sostituiti da spazi. Questo problema è stato riscontrato con la versione 10g e la prima versione 11g di RDBMS Oracle. Sintomo: Il processo di CA Process Automation si bloccherebbe. È necessario ripristinare il processo all'operatore corrispondente in cui è bloccato per continuare l'esecuzione del processo da completare. Il problema non è frequente e si verifica solo con percentuali molto elevate di conflitto di aggiornamento. Soluzione: Non è stato notato durante l'esecuzione con le versioni o di Oracle, di conseguenza per i siti che utilizzano Oracle per i relativi database di CA Process Automation si consiglia di eseguire le versioni o o successive. 248 Guida all'installazione

249 Limiti in Internet Explorer Limiti in Internet Explorer Internet Explorer limita l'installazione dell'agente in una rete diversa da quella su cui è installato l'orchestrator di dominio. Sintomo: Accedere all'orchestrator di dominio mediante Internet Explorer e installare l'agente di CA Process Automation su una rete diversa da quella su cui è installato l'orchestrator di dominio. L'installazione può non riuscire durante il download dei file JAR per l'installazione. Soluzione: Questo problema sporadico potrebbe essere causato dall'impossibilità di Java di caricare file JAR durante il routing tramite proxy in Internet Explorer. Per attenuare il problema, modificare le impostazioni di rete Java selezionando l'opzione Direct Connect prima di installare l'agente. Attenersi alla procedura seguente: 1. Aprire il pannello di controllo di Java sul sistema host in cui è installato l'agente. 2. Aprire Network Settings nella scheda Generale. Viene visualizzata la pagina Network Settings. 3. Selezionare l'opzione Direct Connect e fare clic su OK per salvare le modifiche. 4. Installare l'agente. Appendice D: Risoluzione dei problemi 249

250 Installazione di CA Process Automation su ambienti di rete a doppio stack (IPv4 e IPv6) Installazione di CA Process Automation su ambienti di rete a doppio stack (IPv4 e IPv6) Se si installa CA Process Automation su ambienti di rete a doppio stack (IPv4 e IPv6), è possibile che CA Process Automation non riesca ad avviarsi. Sintomo: Quando si installa CA Process Automation su ambienti di rete a doppio stack (IPv6 e IPv4), si possono riscontrare problemi durante la creazione o l'accesso ai seguenti componenti di CA Process Automation sulla rete: Orchestrator di dominio Orchestrator Agenti Soluzione: Disattivare lo stack IPv6 sul sistema host in cui è in esecuzione uno dei seguenti componenti di CA Process Automation e riavviare i servizi: Orchestrator di dominio Orchestrator Agenti Prestazioni ridotte con MySQL Sintomo: Quando si installa CA Process Automation mediante MySQL o Oracle come database, si riscontrano prestazioni ridotte. Soluzione: Post-installazione, modificare il file oasis-ds.xml per migliorare le prestazioni di CA Process Automation. Attenersi alla procedura seguente: 1. Individuare e aprire il file oasis-ds.xml, che si trova in: install_dir/server/c2o/ext-deploy 2. Rimuovere i commenti dalle righe seguenti: 250 Guida all'installazione

251 Prestazioni ridotte con MySQL 3. Commentare le righe seguenti: Il file aggiornato deve avere il seguente aspetto: 4. Riavviare l'orchestrator. Appendice D: Risoluzione dei problemi 251

252 Impossibile creare database di runtime Impossibile creare database di runtime Sintomo: Quando si installa un orchestrator e si inserisce il database di runtime nella schermata Database di runtime, viene generata l'eccezione seguente: Database di runtime in uso da parte di un altro orchestrator. Soluzione: CA Process Automation versione 4.0 non consente la condivisione dello stesso database di runtime tra orchestrator. Generalmente, la soluzione per questo è creare il database di runtime utilizzando un altro nome, oppure ospitato da un server database separato. Utilizzare la procedura seguente solo se si desidera mantenere le informazioni di runtime in questo database in una nuova istanza di CA Process Automation. Questo si verifica raramente e la reimpostazione di RuntimeDbOrchestratorID presenta numerosi effetti collaterali indesiderati, tra cui l'impossibilità di completare gli operatori in esecuzione in questo database di runtime. Inoltre, tutti gli agenti e gli Orchestrator secondari devono essere reinstallati. In caso di dubbio circa l'idoneità di questa procedura per risolvere il problema riscontrato, rivolgersi al supporto tecnico prima di procedere. Nella presente versione, nel database viene creata una tabella nuova Proprietà con le colonne seguenti: PropKey PropValue Quando un orchestrator utilizza un database di runtime, nella tabella Proprietà viene inserita una riga nuova. PropKey è RuntimeDbOrchestratorID e PropValue è l'id univoco dell'orchestrator. Quando un altro orchestrator richiede lo stesso database, il database viene convalidato nella tabella Proprietà. Se l'id univoco dell'orchestrator richiedente non è simile a Propvalue, viene visualizzato il messaggio seguente: Database di runtime in uso da parte di un altro orchestrator. Importante. Le voci di database di runtime non vengono eliminate neanche dopo aver disinstallato il prodotto. Per utilizzare di nuovo lo stesso database di runtime, eseguire la seguente query SQL ed eliminare la riga corrispondente dalla tabella Proprietà. delete from properties where propkey = 'RuntimeDbOrchestratorID' 252 Guida all'installazione

253 Impossibile eseguire gli operatori Esegui script o Esegui programma su RHEL6 Impossibile eseguire gli operatori Esegui script o Esegui programma su RHEL6 Sintomo: Gli operatori Esegui script o Esegui programma non riescono quando vengono eseguiti su RHEL6. Soluzione: Gli operatori Esegui script ed Esegui programma cercano la shell Korn (ksh) quando vengono eseguiti su piattaforme UNIX o Linux. Per impostazione predefinita, in RHEL 6 non è installato ksh. È possibile risolvere questo problema effettuando una delle seguenti due opzioni: Installazione di ksh: è possibile installare ksh mediante il comando seguente: yum install ksh Instradamento di un collegamento simbolico a una shell valida Creare un collegamento simbolico /bin/ksh ed eseguirne il mapping su qualsiasi shell (ad esempio Bash) esitente sul computer. Utilizzare questo comando, dove /bin/bash è la posizione di bashshell: ln -s /bin/bash /bin/ksh Appendice D: Risoluzione dei problemi 253

254

255 Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache L'utilità di bilanciamento del carico di Apache non supporta la comunicazione semplificata per gli agenti. Per sfruttare la comunicazione semplificata, è necessario utilizzare NGINX o un'altra utilità di bilanciamento del carico basata sul socket Web. Se si utilizza il metodo di comunicazione obsoleto, utilizzare queste istruzioni per installare e configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache. Per ulteriori informazioni, consultare Informazioni sulla comunicazione degli agenti (a pagina 154). Prerequisiti per il bilanciamento del carico di Apache Un orchestrator cluster è un insieme di nodi che vengono visualizzati e agiscono come un orchestrator singolo e che utilizzano una libreria condivisa. È possibile creare un cluster di qualsiasi orchestrator di CA Process Automation in modo da ottenere alta disponibilità, tolleranza al guasto e scalabilità. Per la creazione di cluster di qualsiasi orchestrator, incluso l'orchestrator di dominio, è necessario disporre di un utilità di bilanciamento del carico, come Apache HTTP Server. Un'utilità di bilanciamento del carico non è parte dell'installazione di CA Process Automation. Sebbene sia possibile configurare l'utilità di bilanciamento del carico sullo stesso host come uno dei nodi di orchestrator, è più probabile che il bilanciatore del carico risieda su un host distinto. L'utilità di bilanciamento del carico è necessaria solo per un orchestrator in una configurazione con cluster e in configurazioni SSO specifiche. Importante. Se un Orchestrator viene installato senza prima installare e configurare un'utilità di bilanciamento del carico, non è possibile creare successivamente un cluster per l'orchestrator. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 255

256 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows Questa sezione fornisce istruzioni per installare e configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows. È possibile effettuare la configurazione nei due modi seguenti: Configurazione di base (Windows) (a pagina 256) Configurazione protetta (Windows) (a pagina 261) Configurazione di base (Windows) Questa sezione fornisce istruzioni per installare e configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache nella modalità di base. Nota: è possibile utilizzare un'utilità di bilanciamento del carico diversa da quella di Apache. Tuttavia, un orchestrator di CA Process Automation richiede che alcune classi di richiesta siano indirizzate a un nodo specifico nell'orchestrator cluster. Perciò, il bilanciamento del carico semplice è insufficiente. Consultare la pagina relativa alle procedure di CA Process Automation oppure contattare il supporto di CA per assistenza. Bookshelf include collegamenti a queste pagine. Attenersi alla procedura seguente: 1. Installare un'utilità di bilanciamento del carico e preparare i modelli di configurazione (Windows) (a pagina 256). 2. Configurare le comunicazioni di base (a pagina 259). 3. (Facoltativo) Configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache per API RESTful di Catalyst (Windows) (a pagina 260) Nota: perché un server Web di Apache sia in grado di inoltrare richieste https a operatori Catalyst, i certificati SSL devono essere in formato PEM. Se necessario, generare file di certificato SSL (a pagina 48). Installazione di un'utilità di bilanciamento del carico e preparazione dei modelli di configurazione (Windows) Il supporto di installazione di CA Process Automation contiene il seguente file di configurazione di esempio per l'utilità di bilanciamento del carico di Apache utilizzabile come punto di partenza per la configurazione: ApacheConfig.zip 256 Guida all'installazione

257 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows Le istruzioni seguenti presuppongono che l'utilità di bilanciamento del carico Apache 2.2 sia dedicata a CA Process Automation. Prima, installare un'utilità di bilanciamento del carico di Apache. Quindi, estrarre i file dal file zip ApacheConfTemplates di CA Process Automation nella cartella Conf sotto la cartella di installazione di Apache. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host su cui verrà eseguita l'utilità di bilanciamento del carico. L'utilità di bilanciamento del carico generalmente non è sullo stesso host dell'orchestrator di dominio. Tuttavia, l'host con l'orchestrator di dominio deve essere instradabile dall'utilità di bilanciamento del carico. 2. Scaricare e installare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache più recente con supporto di SSL. Seguire le istruzioni del fornitore. 3. Scaricare il file seguente per la versione di Apache installata: mod_jk.so Si consiglia di scaricare l'ultima versione. 4. Copiare il file mod_jk.so nella cartella seguente: apache_install_dir\modules 5. Andare alla seguente cartella nel supporto di installazione di CA Process Automation: install_dir\dvd1\apacheconftemplates 6. Estrarre i file seguenti da ApacheConfig.zip: mod-jk.conf httpd-proxy.conf uriworkermap.properties workers.properties httpd VIRTUALHOST_EXAMPLE FILE Nota: il file httpd VIRTUALHOST_EXAMPLE estratto contiene testo che può essere tagliato e incollato nel file httpd di Apache quando si configurano comunicazioni protette. Il testo obbligatorio è contenuto anche nella documentazione. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 257

258 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows 7. Copiare i file estratti seguenti nella cartella apache_install_dir\conf: mod-jk.conf httpd-proxy.conf uriworkermap.properties workers.properties Nota: se non si dispone di un'utilità di bilanciamento del carico Apache 2.2, unire le informazioni di configurazione nelle proprietà del modello di esempio e nei file di Conf nei file esistenti. Come precauzione, eseguire il backup dei file prima di modificarli. 258 Guida all'installazione

259 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows Configurazione di comunicazioni di base È possibile configurare un'utilità di bilanciamento del carico per comunicazioni di base con i nodi dell'orchestrator di dominio o di un altro orchestrator. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella: apache_install_dir\conf Questa cartella contiene i file worker.properties e mod-jk.conf. 2. Aprire il file workers.properties. 3. Aggiungere il primo nodo specificando node1 che inizia con la riga seguente: worker.node1.host=<enter node1 hostname here> 4. Da questa riga, sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here per worker.node1.host immettendo il valore valido. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui viene eseguire l'installazione del nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. 5. Salvare e chiudere il file worker.properties. 6. Aprire il file mod-jk.conf. 7. Rimuovere il commento dalla riga seguente: # JkMountFile conf/uriworkermap.properties 8. Salvare e chiudere il file mod-jk.conf. 9. Aprire il file httpd.conf. 10. Aggiungere la seguente voce alla fine del file httpd.conf: #Load balancing module Include conf/mod-jk.conf 11. Salvare e chiudere il file httpd.conf. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 259

260 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per API RESTful di Catalyst (Windows) È possibile configurare il server Web di Apache (utilità di bilanciamento del carico) per l'api RESTful di Catalyst. Le modifiche alla configurazione di Apache si basano sull'utilità di bilanciamento del carico già configurato per CA Process Automation. Dopo aver configurato CA Process Automation in modalità cluster, eseguire le attività post-installazione. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella sul supporto di installazione di CA Process Automation: install_dir\dvd1\apacheconftemplates 2. Estrarre i file seguenti da ApacheConfig.zip: httpd-proxy.conf 3. Copiare il file httpd-proxy.conf nella directory apachehome/conf/extra. 4. Aggiornare le righe seguenti in entrambi gli host virtuali HTTP e HTTPS per sostituire i nomi host di orchestrator per BalancerMember. Membri del nodo non protetto <Proxy balancer://ucfcluster> BalancerMember Enter node1 hostname>:7000 BalancerMember Enter node2 hostname>:7000 Membri del nodo protetto <Proxy balancer://sslcluster> BalancerMember https://< Enter node1 hostname>:7443 BalancerMember https://< Enter node2 hostname>: Sostituire il segnaposto <Enter nodex hostname> per worker.nodex.host immettendo il valore valido. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui viene eseguire l'installazione del nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. 6. Salvare il file httpd-proxy.conf. 7. Aprire il file apachehome/conf/httpd.conf e verificare che le porte 7000 e 7443 non siano in uso. 8. Aggiungere la seguente riga alla fine del file httpd.conf: Include conf/extra/httpd-proxy.conf 9. Seguire la procedura descritta in Generazione di file di certificato SSL (a pagina 48) per generare i file c2okey2.pem e c2ocert.pem. 260 Guida all'installazione

261 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows 10. Copiare i file generati nella directory apachehome/conf. 11. Salvare i file modificati e riavviare il server Web di Apache. Configurazione protetta (Windows) Generazione di file di certificato SSL Questa sezione fornisce istruzioni per installare e configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache nella modalità protetta. Attenersi alla procedura seguente: 1. Installare un'utilità di bilanciamento del carico e preparare i modelli di configurazione (a pagina 256). 2. Generazione di file di certificato SSL (a pagina 48) Nota: Affinché un server Web di Apache sia in grado di inoltrare richieste https a operatori Catalyst, i certificati SSL devono essere in formato PEM. 3. Configurazione delle comunicazioni protette (Windows) (a pagina 263). 4. Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per API RESTful di Catalyst (Windows). (a pagina 260) È necessario generare i certificati SSL dopo aver installato CA Process Automation, ma prima di configurare la comunicazione protetta per l'utilità di bilanciamento del carico. I certificati SSL non sono richiesti se si desidera utilizzare la comunicazione di base non protetta per l'utilità di bilanciamento del carico. Una volta generato il file di certificato, è necessario identificarne la posizione durante la configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico per la comunicazione protetta. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 261

262 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows Attenersi alla procedura seguente: 1. Scaricare e installare OpenSSL da un vendor di terze parti. Nota: verificare che l'host su cui si installa OpenSSL abbia JDK installato. 2. Dopo aver installato CA Process Automation in modalità cluster (con almeno un nodo installato), la procedura guidata di installazione di CA Process Automation genera il file c2okeystore nella posizione seguente: \server_location\c2o\.config Copiare c2okeystore e incollarlo nella directory seguente: \jdk_location\bin È possibile eseguire i comandi localmente da questa posizione. 3. Utilizzare keytool in JDK per importare il keystore nel formato pksc12 come segue: a. Accedere alla directory jdk_location\bin e immettere il comando seguente: keytool -importkeystore -srckeystore c2okeystore -srcstoretype jks -destkeystore c2okeystore.p12 -deststoretype pkcs12 La console richiede la password del keystore di destinazione. Nota: Il file OasisConfig.properties contiene la password di keystore. Individuare il file in questa directory: \server_location\c2o\.config\ Aprire il file e copiare la password. È possibile trovare il valore accanto alla voce KEYSTOREID=. Ad esempio, KEYSTOREID=723e1830-a98c-49a1-8f16-a0794c La password è 723e1830-a98c-49a1-8f16-a0794c b. Incollare la password nel prompt per la password del keystore di destinazione nella console aperta. c. Quando richiesto, reinserire la password. d. Inserire nuovamente la password nel prompt della password chiave di origine. Nella directory \jdk_location\bin viene generato un file c2okeystore.p12. e. È necessario convertire il keystore con formato p12 nei file di certificato e chiave con formato PEM. A tale scopo, eseguire il comando openssl nella posizione della directory \jdk_location\bin: openssl pkcs12 -nocerts -in c2okeystore.p12 -out c2okey.pem f. Al prompt per l'importazione della password, immettere la password del keystore. g. Al prompt della passphrase PEM, immettere qualsiasi frase. h. Reinserire la passphrase PEM. 262 Guida all'installazione

263 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows i. Immettere il comando seguente nella posizione della directory \jdk_location\bin: openssl pkcs12 -clcerts -in c2okeystore.p12 -out c2ocert.pem j. Al prompt per l'importazione della password, immettere la password del keystore. k. Al prompt della passphrase PEM, immettere la frase creata in precedenza per il passaggio g. l. Reinserire la passphrase PEM. m. Immettere il comando seguente nella posizione della directory \jdk_location\bin: openssl rsa -in c2okey.pem -out c2okey2.pem n. Al prompt della passphrase PEM, immettere la frase creata in precedenza per il passaggio g. o. Reinserire la passphrase PEM. p. Copiare i file c2okey2.pem e c2ocert.pem nella directory \conf dell'utilità di bilanciamento del carico. Nota: Eseguire un backup di questi file. Configurazione di comunicazioni protette (Windows) È possibile configurare un'utilità di bilanciamento del carico per effettuare comunicazioni protette. Nei passaggi seguenti, certloc indica la posizione del certificato. Attenersi alla procedura seguente: 1. Installare un'utilità di bilanciamento del carico e preparare i modelli di configurazione (a pagina 256). 2. Aprire il file workers.properties. 3. Aggiungere il primo nodo specificando node1 che inizia con la riga seguente: worker.node1.host=<enter node1 hostname here> 4. Da questa riga, sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here per worker.node1.host immettendo il valore valido. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui si sta installando il nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. 5. Salvare e chiudere il file workers.properties. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 263

264 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows 6. Controllare le posizioni predefinite di CA nel file openssl nella directory seguente: apache_install_location/conf 7. Creare oppure ottenere un file di certificato e un file di chiave privata con Common Name che corrisponde a ServerName in httpd.conf. Ad esempio, i passaggi seguenti descrivono la procedura per utilizzare l'utilità openssl fornita con l'utilità di bilanciamento del carico di Apache nella creazione di un file di certificato. Le opzioni aggiuntive controllano la scadenza di certificato, nomi file e algoritmi. Se il proprio sito ha requisiti particolari, fare riferimento alla documentazione fornita dal vendor. a. Aprire un prompt dei comandi. b. Modificare le directory nella cartella Bin di Apache. cd apache_install_location/bin c. Creare i file richiesta di firma del certificato (CSR) e PEM. A tale scopo, digitare il seguente comando, dove mypamserver è il nome scelto: openssl req -config../conf/openssl.cnf -new -out mypamserver.csr Viene richiesto di immettere la passphrase per il file PEM, insieme ad altre informazioni di identificazione. È possibile accettare i valori predefiniti per la maggior parte delle informazioni di identificazione (come il nome di Paese, stato, provincia, località, organizzazione e unità organizzativa). Per lasciare un campo vuoto, immettere un punto (.). Quando viene visualizzato il prompt per il nome comune, immettere la porzione di nome host di ServerName uguale al valore in apache_install_location/conf/httpd.conf. Ad esempio, se "ServerName" in httpd.conf ha il valore myhost.mycompany.com:80, specificare myhost.mycompany.com come "Nome comune". I campi facoltativi includono: indirizzo di posta elettronica, directory, una password complessa e un nome di azienda facoltativo. L'utilità di bilanciamento del carico di Apache crea mypamserver.csr e privkey.pem nella directory attuale. d. Creare la chiave privata RSA. A tale scopo, immettere una passphrase per privkey.pem quando richiesta dall'utilità di bilanciamento del carico di Apache. openssl rsa -in privkey.pem -out mypamserver.key e. Creare il certificato. openssl x509 -in mypamserver.csr -out mypamserver.cert -req -signkey mypamserver.key 264 Guida all'installazione

265 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su Windows 8. Chiudere il prompt dei comandi e aprire Esplora risorse per copiare ed eliminare i file generati: a. Selezionare la cartella certloc o creare una cartella in cui conservare i file di chiave privata e di certificato. b. Aprire la cartella apache_install_dir\bin nella posizione in cui sono stati generati i file CERT e KEY. c. Trascinare (spostare) i file mypamserver.cert e mypamserver.key in certloc. d. Eliminare i file intermedi creati nella cartella apache_install_dir/bin. Tra i file intermedi sono inclusi mypamserver.csr, privkey.pem e.rnd. 9. Eseguire il backup dei file creati. 10. Utilizzare un editor di testo per modificare il file di testo httpd (apache_install_location\conf\httpd.conf) come mostrato di seguito: a. Rimuovere i commenti dalle righe seguenti: LoadModule rewrite_module modules/mod_rewrite.so LoadModule ssl_module modules/mod_ssl.so Include conf/extra/httpd-ssl.conf b. Aggiungere le righe seguenti alla fine di httpd.conf. È possibile copiare e incollare il testo dal file httpd VIRTUALHOST_EXAMPLE estratto da SecureDomainConfig_Template.zip. <VirtualHost *:80> JkMountFile conf/uriworkermap.properties RewriteEngine On RewriteCond %{HTTPS} off RewriteCond MirroringRequestProcessor* mirror ingrepository* StartAgent* genericnosecurity* soapattachmen t* RewriteRule (.*) https://%{http_host}%{request_uri} </VirtualHost> # Load balancing module include conf/mod-jk.conf c. Salvare il file httpd.conf modificato e chiudere l'editor. 11. Eseguire il backup dei file modificati. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 265

266 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows 12. Utilizzare un editor di testo per modificare il file di configurazione apache_install_location/conf/extra/httpd-ssl.conf come segue: a. Rimuovere il commento dal testo seguente (se commentato): Listen 443 b. Modificare la posizione di SSLCertificateFile con.../certloc/mypamserver.cert. SSLCertificateFile "C:/certloc/mypamserver.cert" c. Modificare la posizione di SSLCertificateKeyFile con.../certloc/mypamserver.key. SSLCertificateKeyFile "C:/certloc/mypamserver.key" d. Aggiungere le righe seguenti alla fine dell'elemento <VirtualHost>, prima dell'elemento </VirtualHost>: SSLOptions +StdEnvVars +ExportCertData JkMountFile conf/uriworkermap.properties e. Salvare il file httpd.conf-ssl modificato e chiudere l'editor. 13. Riavviare il servizio Apache. A tale scopo, fare clic su Programmi, Apache HTTP Server 2.2, Control Apache Server, Riavvia dal menu Start. Le modifiche vengono applicate. Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows Questa sezione fornisce istruzioni per installare e configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows. È possibile effettuare la configurazione nei due modi seguenti: Configurazione di base (non Windows) (a pagina 267) Configurazione protetta (non Windows) (a pagina 271) 266 Guida all'installazione

267 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows Configurazione di base (non Windows) Questa sezione fornisce istruzioni per installare e configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache nella modalità di base. Nota: è possibile utilizzare un'utilità di bilanciamento del carico diversa da quella di Apache. Tuttavia, un orchestrator di CA Process Automation richiede che alcune classi di richiesta siano indirizzate a un nodo specifico nell'orchestrator cluster. Perciò, il bilanciamento del carico semplice è insufficiente. Consultare la pagina relativa alle procedure di CA Process Automation oppure contattare il supporto di CA per assistenza. Bookshelf include collegamenti a queste pagine. Attenersi alla procedura seguente: 1. Installare un'utilità di bilanciamento del carico e preparare i modelli di configurazione (non Windows) (a pagina 267). 2. Configurare le comunicazioni di base (a pagina 259). 3. Configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache per API RESTful di Catalyst (non Windows). (a pagina 269) Nota: perché un server Web di Apache sia in grado di inoltrare richieste https a operatori Catalyst, i certificati SSL devono essere in formato PEM. Se necessario, generare file di certificato SSL (a pagina 48). Installazione di un'utilità di bilanciamento del carico e preparazione dei modelli di configurazione (non Windows) Il supporto di installazione di CA Process Automation contiene il seguente file di configurazione di esempio per l'utilità di bilanciamento del carico di Apache utilizzabile come punto di partenza per la configurazione: ApacheConfig.zip Le istruzioni seguenti presuppongono che l'utilità di bilanciamento del carico Apache 2.2 sia dedicata a CA Process Automation. Prima, installare un'utilità di bilanciamento del carico di Apache. Quindi, estrarre i file dal file zip ApacheConfTemplates di CA Process Automation nella cartella Conf sotto la cartella di installazione di Apache. Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere all'host su cui verrà eseguita l'utilità di bilanciamento del carico. L'utilità di bilanciamento del carico generalmente non è sullo stesso host dell'orchestrator di dominio. Tuttavia, l'host con l'orchestrator di dominio deve essere instradabile dall'utilità di bilanciamento del carico. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 267

268 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows 2. Scaricare e installare la versione più recente dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache. Ad esempio, accedere alla cartella estratta ed eseguire i comandi riportati:./configure -prefix=<install location>-enable-so -enable-mods-shared=all -enable-mod-rewrite --with-z=<zlib home>--with-included-apr --with-mpm=worker --enable-ssl --with-ssl=<ssl home> Make Make install 3. Scaricare e installare il connettore Tomcat per generare il modulo mod_jk. Ad esempio, accedere a <Tomcat connector extracted location>/native/ ed eseguire i comandi riportati:./configure --with-apxs=<install location>/bin/apxs make make install 4. Verificare che il server Apache sia attivo e in esecuzione. 5. Accedere alla seguente cartella sul supporto di installazione di CA Process Automation: install_dir\dvd1\apacheconftemplates 6. Estrarre i file seguenti da ApacheConfig.zip: mod-jk.conf httpd-proxy.conf uriworkermap.properties workers.properties httpd VIRTUALHOST_EXAMPLE FILE Nota: il file httpd estratto contiene testo che può essere tagliato e incollato nel file httpd di Apache quando si configurano comunicazioni protette. Il testo obbligatorio è contenuto anche nella documentazione. 7. Copiare i file estratti nella cartella seguente: apache_install_dir\conf 268 Guida all'installazione

269 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache per API RESTful di Catalyst (non Windows) È possibile configurare il server Web di Apache (utilità di bilanciamento del carico) per l'api RESTful di Catalyst. Apportare le modifiche alla configurazione di Apache sull'utilità di bilanciamento del carico configurato per CA Process Automation. Verificare che sul server di Apache siano installati i seguenti file binari: mod_proxy.so mod_proxy_balancer.so mod_proxy_http.so Attenersi alla procedura seguente: 1. Accedere alla seguente cartella sul supporto di installazione di CA Process Automation: install_dir\dvd1\apacheconftemplates 2. Estrarre il file seguente da ApacheConfig.zip: httpd-proxy.conf 3. Copiare httpd-proxy.conf nella directory seguente: apachehome/conf/extra 4. Aprire httpd-proxy.conf e commentare le righe seguenti: LoadModule proxy_module modules/mod_proxy.so LoadModule proxy_balancer_module modules/mod_proxy_balancer.so LoadModule proxy_http_module modules/mod_proxy_http.so 5. Tornare alla cartella apache_install_dir\conf, aprire httpd.conf e rimuovere il commento dalle seguenti righe (se commentate): LoadModule proxy_module modules/mod_proxy.so LoadModule proxy_balancer_module modules/mod_proxy_balancer.so LoadModule proxy_http_module modules/mod_proxy_http.so 6. Aggiornare le righe seguenti in entrambi gli host virtuali HTTP e HTTPS per sostituire i nomi host di orchestrator per BalancerMember. Membri del nodo non protetto Nodo 1 BalancerMember Enter node1 hostname>:7000 Nodo 2 BalancerMember Enter node2 hostname>:7000 Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 269

270 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows Membri del nodo protetto Nodo 1 BalancerMember https://< Enter node1 hostname>:7443 Nodo 2 BalancerMember https://< Enter node2 hostname>: Sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here per worker.node1.host immettendo il valore valido. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui si sta installando il nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. 8. Salvare il file httpd-proxy.conf. 9. Aprire il file apachehome/conf/httpd.conf e controllare che le porte 7000 e 7443 non siano utilizzate. 10. Aggiungere la seguente riga alla fine del file httpd.conf: Include conf/extra/httpd-proxy.conf 11. Generare file di certificato SSL (a pagina 48) per generare i file c2okey2.pem e c2ocert.pem. 12. Copiare i file generati nella directory apachehome/conf. 13. Riavviare il server Web di Apache. 270 Guida all'installazione

271 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows Configurazione protetta (non Windows) Questa sezione fornisce istruzioni per installare e configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache nella modalità protetta. Nota: è possibile utilizzare un'utilità di bilanciamento del carico diversa da quella di Apache. Tuttavia, un orchestrator di CA Process Automation richiede che alcune classi di richiesta siano indirizzate a un nodo specifico nell'orchestrator cluster. Perciò, il bilanciamento del carico semplice è insufficiente. Consultare la pagina relativa alle procedure di CA Process Automation oppure contattare il supporto di CA per assistenza. Bookshelf include collegamenti a queste pagine. Attenersi alla procedura seguente: 1. Installare un'utilità di bilanciamento del carico e preparare i modelli di configurazione (non Windows) (a pagina 267). 2. Configurare le comunicazioni protette (non Windows) (a pagina 271). 3. Configurare l'utilità di bilanciamento del carico di Apache per API RESTful di Catalyst (non Windows). (a pagina 269) Nota: perché un server Web di Apache sia in grado di inoltrare richieste https a operatori Catalyst, i certificati SSL devono essere in formato PEM. Se necessario, rigenerare i file di certificato SSL (a pagina 48). Configurazione di comunicazioni protette (non Windows) È possibile configurare un'utilità di bilanciamento del carico per effettuare comunicazioni protette. Nei passaggi seguenti, certloc indica la posizione del certificato. Attenersi alla procedura seguente: 1. Installare un'utilità di bilanciamento del carico e preparare i modelli di configurazione (a pagina 256). 2. Aprire il file workers.properties. 3. Aggiungere il primo nodo specificando node1 che inizia con la riga seguente: worker.node1.host=<enter node1 hostname here> 4. Da questa riga, sostituire il segnaposto Enter node1 hostname here per worker.node1.host immettendo il valore valido. Nota: sono valori validi l'indirizzo IP, il nome di dominio completo (FQDN) o l'alias DNS che indirizza all'host in cui si sta installando il nodo dell'orchestrator di dominio iniziale. Il valore valido corrisponde al valore utilizzato per Host server all'installazione dell'orchestrator di dominio. 5. Salvare e chiudere il file workers.properties. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 271

272 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows 6. Controllare le posizioni predefinite di CA nel file openssl nella directory seguente: apache_install_location/conf 7. Creare oppure ottenere un file di certificato e un file di chiave privata con Common Name che corrisponde a ServerName in httpd.conf. Ad esempio, i passaggi seguenti descrivono la procedura per utilizzare l'utilità openssl fornita con l'utilità di bilanciamento del carico di Apache nella creazione di un file di certificato. Le opzioni aggiuntive controllano la scadenza di certificato, nomi file e algoritmi. Se il proprio sito ha requisiti particolari, fare riferimento alla documentazione fornita dal vendor. a. Aprire un prompt dei comandi. b. Modificare le directory nella cartella Bin di Apache. cd apache_install_location/bin c. Creare i file richiesta di firma del certificato (CSR) e PEM. A tale scopo, digitare il seguente comando, dove mypamserver è il nome scelto: openssl req -new -out mypamserver.csr Viene richiesto di immettere la passphrase per il file PEM, insieme ad altre informazioni di identificazione. È possibile accettare i valori predefiniti per la maggior parte delle informazioni di identificazione (come il nome di Paese, stato, provincia, località, organizzazione e unità organizzativa). Per lasciare un campo vuoto, immettere un punto (.). Quando viene visualizzato il prompt per il nome comune, immettere la porzione di nome host di ServerName uguale al valore in apache_install_location/conf/httpd.conf. Ad esempio, se "ServerName" in httpd.conf ha il valore myhost.mycompany.com:80, specificare myhost.mycompany.com come "Nome comune". I campi facoltativi includono: indirizzo di posta elettronica, directory, una password complessa e un nome di azienda facoltativo. L'utilità di bilanciamento del carico di Apache crea mypamserver.csr e privkey.pem nella directory attuale. d. Creare la chiave privata RSA. A tale scopo, immettere una passphrase per privkey.pem quando richiesta dall'utilità di bilanciamento del carico di Apache. openssl rsa -in privkey.pem -out mypamserver.key e. Creare il certificato. openssl x509 -in mypamserver.csr -out mypamserver.cert -req -signkey mypamserver.key 272 Guida all'installazione

273 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows 8. Chiudere il prompt dei comandi e aprire Esplora risorse per copiare ed eliminare i file generati: a. Selezionare la cartella certloc o creare una cartella in cui conservare i file di chiave privata e di certificato. b. Aprire la cartella apache_install_dir\bin nella posizione in cui sono stati generati i file CERT e KEY. c. Trascinare (spostare) i file mypamserver.cert e mypamserver.key in certloc. d. Eliminare i file intermedi creati nella cartella apache_install_dir/bin. Tra i file intermedi sono inclusi mypamserver.csr, privkey.pem e.rnd. 9. Eseguire il backup dei file creati. 10. Utilizzare un editor di testo per modificare il file di testo httpd (apache_install_location\conf\httpd.conf) come mostrato di seguito: a. Rimuovere i commenti dalle righe seguenti: LoadModule rewrite_module modules/mod_rewrite.so LoadModule ssl_module modules/mod_ssl.so Include conf/extra/httpd-ssl.conf b. Aggiungere le righe seguenti alla fine di httpd.conf. È possibile copiare e incollare il testo dal file httpd VIRTUALHOST_EXAMPLE estratto da SecureDomainConfig_Template.zip. <VirtualHost *:80> JkMountFile conf/uriworkermap.properties RewriteEngine On RewriteCond %{HTTPS} off RewriteCond MirroringRequestProcessor* mirror ingrepository* StartAgent* genericnosecurity* soapattachmen t* RewriteRule (.*) https://%{http_host}%{request_uri} </VirtualHost> # Load balancing module include conf/mod-jk.conf c. Salvare il file httpd.conf modificato e chiudere l'editor. 11. Eseguire il backup dei file modificati. Appendice E: Utilità di bilanciamento del carico di Apache 273

274 Configurazione dell'utilità di bilanciamento del carico di Apache su sistemi diversi da Windows 12. Utilizzare un editor di testo per modificare il file di configurazione apache_install_location/conf/extra/httpd-ssl.conf come segue: a. Rimuovere il commento dal testo seguente (se commentato): Listen 443 b. Modificare la posizione di SSLCertificateFile con.../certloc/mypamserver.cert. SSLCertificateFile "/usr/local/certloc/mypamserver.cert" c. Modificare la posizione di SSLCertificateKeyFile con.../certloc/mypamserver.key. SSLCertificateKeyFile "/usr/local/certloc/mypamserver.key" d. Aggiungere le righe seguenti alla fine dell'elemento <VirtualHost>, prima dell'elemento </VirtualHost>: SSLOptions +StdEnvVars +ExportCertData JkMountFile conf/uriworkermap.properties e. Salvare il file httpd.conf-ssl modificato e chiudere l'editor. 13. Riavviare il servizio Apache. A tale scopo, fare clic su Programmi, Apache HTTP Server 2.2, Control Apache Server, Riavvia dal menu Start. Le modifiche vengono applicate. 274 Guida all'installazione

275 Appendice F: Esempi di aggiornamento Questa sezione contiene i seguenti argomenti: Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows (a pagina 275) Esempio: Aggiornamento un altro nodo dell'orchestrator di dominio dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su Windows (a pagina 281) Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows (a pagina 284) Aggiornamento da un rilascio precedente al 3.1 SP01 (a pagina 290) Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows L'esempio seguente è il primo di due esempi correlati sull'aggiornamento di un orchestrator di dominio cluster dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su un sistema operativo Windows. Gli esempi comprendono le schermate selezionate e i commenti per lo scenario seguente: Nodo 1 dell'orchestrator di dominio - pam-sandbox-n1 Nodo 2 dell'orchestrator di dominio - pam-sandbox-n2 Utilità di bilanciamento del carico per l'orchestrator di dominio - pam-sandbox-lb I passaggi sono descritti di seguito: 1. Accedere all'host con il nodo dell'orchestrator di dominio cluster che si intende aggiornare. 2. Aprire il rilascio di CA Process Automation in corso di aggiornamento. Ad esempio, dal menu Start, selezionare Programmi, CA, Dominio CA Process Automation 3.1 SP1, avviare la console di gestione di CA Process Automation. Nota: Questo metodo permette di verificare facilmente che CA EEM sia in esecuzione e che il server di database sia attivo. Si tratta di prerequisiti per eseguire l'aggiornamento. Appendice F: Esempi di aggiornamento 275

276 Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows 3. Fare clic su Disconnetti, chiudere la console di gestione di CA Process Automation e arrestare il servizio dell'orchestrator. Se si apre Servizi, è possibile verificare se il servizio presenta lo stato Avviato. Non eseguire alcuna azione se lo stato indica che l'arresto è in corso. Aggiornare la visualizzazione e attendere che il campo Stato sia vuoto. 4. Accedere alla cartella DVD1 sul supporto di installazione e avviare Domain_Installer_windows.bat. 5. Fare clic su Avanti per sfogliare le pagine iniziali dell'installazione guidata del programma di installazione di terze parti: Configurazione guidata del programma di installazione dei componenti di terze parti di CA Process Automation Contratto di licenza - Accetto i termini del contratto di licenza 6. Per Seleziona la directory di destinazione, accedere alla directory esatta che contiene i file per CA Process Automation 3.1sp01: bin, client, docs, lib e server. Questa directory potrebbe avere il nome predefinito o un nome fornito in precedenza. Importante. È necessario puntare alla directory corretta in modo che il processo di installazione riconosca le opzioni di configurazione precedenti. 7. Fare clic su Avanti per passare alla pagina Prerequisiti di installazione di CA Process Automation. Viene avviata l'installazione dei componenti di terze parti. 8. Quando viene visualizzata la pagina File jar JDBC per l'installazione, fare clic su Aggiungi file se si utilizza un server di database MySQL o SQL Server. Accedere alla posizione del file.jar appropriato. Ad esempio, il driver JDBC per SQL Server è cambiato, accedere a DVD1\drivers\jtds-1.3.jar per SQL Server. 276 Guida all'installazione

277 Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows 9. Quando viene visualizzata la pagina Completamento dell'installazione guidata di CA Process Automation in corso..., a. Modificare l'ultima directory del percorso visualizzato da DVD1 a DVD2. b. Fare clic su Fine. Viene visualizzato il messaggio seguente: Copia del programma di installazione di CA Process Automation in corso. L'operazione potrebbe richiedere alcuni minuti. Attendere Quando viene visualizzata la schermata di installazione guidata per il dominio di CA Process Automation, sfogliare le pagine iniziali della procedura guidata: Lingua Installazione guidata di dominio CA Process Automation Contratto di licenza - Accetto i termini del contratto di licenza. Directory principale Java - Viene selezionata automaticamente, ad esempio C:\Program Files\Java\jdk1.7.0_x. Reinstalla/Configura - L'opzione Reinstalla corrisponde ad Aggiorna. Viene visualizzato il messaggio di configurazione della copia. Schermata di configurazione L'esempio seguente include i dati di esempio: Appendice F: Esempi di aggiornamento 277

278 Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows 11. Quando viene visualizzata la pagina Imposta password di certificato, immettere la stessa password di certificato utilizzata nel rilascio precedente, quindi fare clic su Avanti. 12. Fare clic su Avanti per selezionare la cartella del menu Start; il valore predefinito è CA Process Automation In Proprietà Generali, fare clic su Avanti. L'opzione Installa come servizio Windows è selezionata per impostazione predefinita. L'esempio seguente include i dati di esempio: 14. Fare clic su Avanti per procedere nelle pagine seguenti: Directory temporanea script Policy di esecuzione PowerShell 15. Quando viene visualizzata la pagina Impostazioni di protezione di CA Embedded Entitlements Manager (EEM), le voci tratte dalla precedente configurazione vengono compilate per impostazione predefinita. Ad esempio: 278 Guida all'installazione

279 Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows a. Ignorare il campo Dominio Active Directory predefinito salvo se CA EEM è stato configurato per l'utilizzo di più Microsoft Active Directory. In questo caso, entrare nel nome di un dominio di Active Directory configurato. b. Selezionare Registra l'applicazione con CA EEM e fare clic su Registra. c. Fornire le credenziali per accedere a CA EEM come amministratore EiamAdmin, quindi fare clic su OK. d. Fare clic su Sì per accettare di eseguire l'aggiornamento. Appendice F: Esempi di aggiornamento 279

280 Esempio: Aggiornamento di qualsiasi nodo dell'orchestrator di dominio dalla Release 3.1 SP01 alla 4.2 su Windows e. Fare clic su OK nel messaggio Applicazione aggiornata. f. (Facoltativo). Fare clic su Verifica impostazioni di EEM e completare la relativa schermata: Se le credenziali utente sono archiviate in CA EEM, immettere il nome utente e la password dell'account utente di CA Process Automation. Se CA EEM utilizza Active Directory, immettere le credenziali di Active Directory. Rispondere al messaggio di conferma. 16. Quando viene visualizzata la seguente pagina Impostazioni del database, fare clic su Verifica impostazioni del database e accertarsi che sia visualizzato il messaggio Verifica completata correttamente. Fare clic su Avanti. Database repository (noto anche come database di libreria) Database di runtime Database di reporting L'esempio seguente include i dati di esempio: 280 Guida all'installazione

281 Esempio: Aggiornamento un altro nodo dell'orchestrator di dominio dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su Windows 17. Nella pagina File jar aggiuntivi per l'installazione, fare clic su Avanti o selezionare dall'elenco visualizzato e aggiungere ulteriori file, se necessario. 18. Attendere mentre la procedura aggiorna (installa) il dominio di CA Process Automation. 19. Quando viene visualizzata la pagina Completamento dell'installazione guidata di dominio CA Process Automation in corso..., fare clic su Fine. 20. Disconnettersi dal server su cui è stato aggiornato il nodo 1 dell'orchestrator di dominio cluster. Nota: Se è necessario aggiornare i connettori, rimandare l'avvio del servizio dell'orchestrator al completamento di questo aggiornamento. Esempio: Aggiornamento un altro nodo dell'orchestrator di dominio dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su Windows L'esempio seguente è il secondo di due esempi correlati sull'aggiornamento di un orchestrator di dominio cluster dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su un sistema operativo Windows. Gli esempi comprendono le schermate selezionate e i commenti per lo scenario seguente: Nodo 1 dell'orchestrator di dominio - pam-sandbox-n1 Nodo 2 dell'orchestrator di dominio - pam-sandbox-n2 Utilità di bilanciamento del carico per l'orchestrator di dominio - pam-sandbox-lb I passaggi sono descritti di seguito: 1. Accedere al primo server aggiornato. Avviare il servizio dell'orchestrator da Strumenti di amministrazione, Servizi. Nota: Il percorso è lo stesso percorso dell'installazione iniziale di CA Process Automation. 2. Accedere al server su cui è installato un altro nodo (ad esempio, node2) dell'orchestrator di dominio cluster. 3. Selezionare l'url di dominio, l'utilità di bilanciamento del carico per l'orchestrator di dominio. In questo esempio è 4. Eseguire l'accesso, fare clic sulla scheda Configurazione, quindi fare clic sul riquadro Installazione in basso a sinistra. Appendice F: Esempi di aggiornamento 281

282 Esempio: Aggiornamento un altro nodo dell'orchestrator di dominio dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su Windows 5. Nella pagina Installa nodo cluster dell'orchestrator di dominio, fare clic su Installa per iniziare l'aggiornamento. 6. Viene visualizzata prima la finestra di dialogo per la selezione della lingua. Fare clic su OK. 7. Sfogliare le pagine seguenti della procedura guidata: Configurazione guidata del programma di installazione dei componenti di terze parti di CA Process Automation. Contratto di licenza - Selezionare Accetto i termini del contratto di licenza Seleziona la directory di destinazione, per impostazione predefinita C:\Program Files\CA\PAM. Prerequisiti di installazione di CA Process Automation, da cui si avvia l'installazione. Completamento dell'installazione guidata di CA Process Automation in corso... con l'opzione Usa dominio selezionata. Fare clic su Fine Attendere la visualizzazione della pagina successiva. Nessun indicatore mostra lo stato dell'elaborazione che precede la visualizzazione della pagina successiva. Installazione guidata di dominio CA Process Automation Contratto di licenza 8. Se JDK è stato aggiornato, accedere alla directory principale Java, ad esempio C:\Program Files\Java\jdk1.7.0_45 9. Quando viene visualizzata la schermata di configurazione, a. Fare clic sull'elenco a discesa Orchestrator e selezionare il nodo dell'orchestrator di dominio aggiornato per primo. 282 Guida all'installazione

283 Esempio: Aggiornamento un altro nodo dell'orchestrator di dominio dal rilascio 3.1 SP01 al 4.2 su Windows b. Immettere un valore nel campo Nodo di lavoro dell'utilità di bilanciamento del carico. Immettere l'identificatore del nodo (node2, node3, node4) su cui è in corso l'aggiornamento. Considerare il formato worker.node2.host=current-host, come definito nel file workers.properties nella cartella apache_install_dir/conf. In questo esempio, node2 dell'orchestrator di dominio cluster viene definito come il valore per worker.node2.host=pam-sandbox-n2 in workers.properties. L'FQDN dell'utilità di bilanciamento del carico viene preinserito nel campo Nome host pubblico. 10. Immettere il nome dell'azienda. 11. Immettere la stessa password di certificato inserita in fase di installazione del nodo precedente dell'orchestrator di dominio. Questa è la stessa password di certificato utilizzata dall'orchestrator di dominio nel rilascio precedente. 12. Sfogliare le pagine seguenti, che in questo esempio utilizzano le impostazioni tratte da node1. Selezionare la cartella del menu Start. Pagina Proprietà generali. L'opzione Installa come servizio Windows non viene mostrata ma è prevista. Directory temporanea script PowerShell Impostazioni di protezione di CA Embedded Entitlements Manager CA EEM Impostazioni del database - Repository Impostazioni del database - Runtime Impostazioni del database - Reporting L'installazione dell'aggiornamento viene avviata. 13. Quando viene visualizzata la pagina Completamento dell'installazione guidata di dominio di CA Process Automation in corso..., fare clic su Fine. Appendice F: Esempi di aggiornamento 283

284 Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows L'esempio seguente comprende schermate selezionate che è possibile visualizzare durante l'aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 al 4.2 su un sistema operativo Windows. Se non si ha dimestichezza con l'installazione guidata di CA Process Automation, tale esempio può tornare utile. I passaggi sono descritti di seguito: 1. Accedere all'host sul quale è installato l'orchestrator di dominio. 2. Aprire il rilascio di CA Process Automation in corso di aggiornamento. Ad esempio, dal menu Start, selezionare CA, CA Process Automation 4.1 SP01, Avvia CA Process Automation. Nota: Questo metodo permette di verificare facilmente che CA EEM sia in esecuzione e che il server di database sia attivo. Si tratta di prerequisiti per eseguire l'aggiornamento. 3. Disconnettersi da CA Process Automation, chiudere il browser e arrestare il servizio dell'orchestrator. Ad esempio, dal menu Start, selezionare CA, CA Process Automation 4.1 SP01, Arresta servizio dell'orchestrator. Se si apre Servizi, è possibile verificare se il servizio presenta lo stato Avviato. 284 Guida all'installazione

285 Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows 4. Accedere alla cartella DVD1 sul supporto di installazione e avviare Domain_Installer_windows.bat. 5. Fare clic su Avanti per passare alle pagine successive della procedura guidata: Lingua Configurazione guidata del programma di installazione dei componenti di terze parti di CA Process Automation Contratto di licenza - Accetto i termini del contratto di licenza Seleziona la directory di destinazione Prerequisiti di installazione di CA Process Automation L'installazione si avvia, compresa l'installazione di Active MQ e dei componenti di terze parti. Installazione dei file jar JDBC (per impostazione predefinita, utilizzare i file.jar JDBC specificati durante l'aggiornamento dell'orchestrator di dominio.) Prerequisiti di installazione di CA Process Automation (eseguiti correttamente) 6. Quando viene visualizzata la schermata Completamento dell'installazione guidata di CA Process Automation in corso..., sostituire DVD1 con DVD2 nel percorso della directory. Quindi fare clic su Fine. Viene visualizzato il messaggio Copia del programma di installazione di CA Process Automation in corso. L'operazione potrebbe richiedere alcuni minuti. Attendere... È possibile riscontrare un ritardo tra la chiusura di questa pagina e l'apertura della schermata iniziale. 7. Quando viene visualizzata la schermata di installazione guidata per il dominio di CA Process Automation, sfogliare le pagine iniziali della procedura guidata: Lingua Installazione guidata di dominio CA Process Automation Contratto di licenza - Accetto i termini del contratto di licenza Appendice F: Esempi di aggiornamento 285

286 Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows 8. Per Dominio CA Process Automation, impostare la directory principale Java, accedere alla directory corretta. 9. Sfogliare le altre pagine per continuare: Dominio CA Process Automation, Reinstalla/Configura - Reinstalla è l'unica opzione disponibile per l'aggiornamento. Dominio CA Process Automation, Schermata di configurazione 10. Quando viene visualizzata la pagina Imposta password di certificato, immettere la stessa password di certificato utilizzata dall'orchestrator di dominio. Questa password di certificato deve corrispondere a quella inserita in fase di installazione iniziale dell'orchestrator non cluster. Fare clic su Avanti 11. Sfogliare fino alla selezione della cartella del menu Start per utilizzare la selezione precedente. 12. Nella pagina Proprietà generali, notare i cambiamenti seguenti ai valori predefiniti della porta del server dell'orchestrator: Porta del server Definisce la porta che l'orchestrator di dominio utilizza per comunicare con gli altri orchestrator e agenti. Valore predefinito: 80 (di base: HTTP) o 443 (protetto: HTTPS) Porta del server obsoleta (Solo aggiornamento/reinstallazione) Il valore della porta del server che era stato definito per un rilascio precedente di CA Process Automation. Valore predefinito: Sfogliare le pagine seguenti, apportando modifiche a propria discrezione. Directory temporanea script Policy di esecuzione PowerShell 286 Guida all'installazione

287 Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows 14. Quando viene visualizzata la pagina Impostazioni di protezione di CA Embedded Entitlements Manager (EEM), a. Selezionare Registra l'applicazione con CA EEM e fare clic su Registra. Si consiglia di eseguire sempre un aggiornamento perché un nuovo rilascio può contenere modifiche o aggiunte alle policy di CA EEM per CA Process Automation. Se non sono state apportate modifiche tra i rilasci, verrà visualizzato un messaggio per indicare che non è richiesto alcun aggiornamento. b. Se si tenta di uscire da questa pagina senza registrazione e il processo di installazione rileva un aggiornamento della versione di CA Process Automation, il processo di installazione richiede di selezionare Registra l'applicazione con CA EEM, quindi di fare clic su Registra. c. Fornire le credenziali per accedere a CA EEM come amministratore EiamAdmin. Appendice F: Esempi di aggiornamento 287

288 Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows d. Accettare di eseguire l'aggiornamento. Il processo di installazione rileva la versione del server di CA EEM e sceglie l'sdk appropriato. e. Se non è richiesto l'aggiornamento, viene visualizzato il messaggio seguente: f. Quando viene visualizzata la conferma Applicazione registrata, fare clic su OK. 15. Sfogliare la pagina Impostazioni del database per controllare quanto già definito: Database repository Database di runtime Database di reporting 16. Sfogliare la pagina File jar aggiuntivi per l'installazione per verificare che non vi sia niente da aggiungere. L'installazione aggiorna (installa) del dominio di CA Process Automation. 288 Guida all'installazione

289 Esempio: Aggiornamento di un orchestrator non cluster dal rilascio 4.1 SP01 alla 4.2 su Windows 17. Quando viene visualizzata la pagina Completamento dell'installazione guidata di dominio CA Process Automation in corso..., fare clic su Fine. È richiesto del tempo per il completamento degli aggiornamenti di schema prima di avviare CA Process Automation. 18. Avviare il servizio dell'orchestrator. 19. Avviare CA Process Automation.. Appendice F: Esempi di aggiornamento 289

CA Desktop Migration Manager

CA Desktop Migration Manager CA Desktop Migration Manager Note di rilascio di CA DMM 12.9 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

CA Business Service Insight

CA Business Service Insight CA Business Service Insight Guida alla Visualizzazione delle relazioni di business 8.2 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

CA Desktop Migration Manager

CA Desktop Migration Manager CA Desktop Migration Manager DMM Deployment Setup Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti

Dettagli

CA Desktop Migration Manager

CA Desktop Migration Manager CA Desktop Migration Manager Note di rilascio Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

CA ARCserve Backup Patch Manager per Windows

CA ARCserve Backup Patch Manager per Windows CA ARCserve Backup Patch Manager per Windows Guida per l'utente r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Arcserve Cloud. Guida introduttiva ad Arcserve Cloud

Arcserve Cloud. Guida introduttiva ad Arcserve Cloud Arcserve Cloud Guida introduttiva ad Arcserve Cloud La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

CA Business Service Insight

CA Business Service Insight CA Business Service Insight Guida al contenuto predefinito ISO 20000 8.2 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint Versione: 2.0 Guida di installazione e configurazione Pubblicato: 2011-12-08 SWDT1177102-1864151-1208024337-004 Indice 1

Dettagli

Agente Arcserve Unified Data Protection per Linux

Agente Arcserve Unified Data Protection per Linux Agente Arcserve Unified Data Protection per Linux Guida per l'utente Versione 5.0 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.9.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

CA Clarity Playbook. Guida per l'utente. Versione 2.5

CA Clarity Playbook. Guida per l'utente. Versione 2.5 CA Clarity Playbook Guida per l'utente Versione 2.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Requisiti tecnici di BusinessObjects Planning XI Release 2

Requisiti tecnici di BusinessObjects Planning XI Release 2 Requisiti tecnici di BusinessObjects Planning XI Release 2 Copyright 2007 Business Objects. Tutti i diritti riservati. Business Objects possiede i seguenti brevetti negli Stati Uniti, che possono coprire

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida all'installazione r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server

Dettagli

CA ARCserve Replication e High Availability

CA ARCserve Replication e High Availability CA ARCserve Replication e High Availability Guida operativa per Virtualized Server Environments per Windows r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale

Dettagli

CA Clarity Playbook. Note di rilascio. Versione 2.5

CA Clarity Playbook. Note di rilascio. Versione 2.5 CA Clarity Playbook Note di rilascio Versione 2.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint Versione: 1.1 Guida di installazione e configurazione Pubblicato: 2011-07-25 SWDT1177102-1588746-0725105247-004 Indice 1

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

CA Enterprise Log Manager

CA Enterprise Log Manager CA Enterprise Log Manager Guida all'implementazione Versione 12.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti

Dettagli

Caratteristiche generali

Caratteristiche generali Caratteristiche generali Tecnologie utilizzate Requisiti software/hardware Modalità di installazione del database del PSDR INSTALLAZIONE PSDR Installazione on-line Installazione off-line Primo avvio Riservatezza

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

CA Enterprise Log Manager

CA Enterprise Log Manager CA Enterprise Log Manager Guida all'implementazione r12.1 SP2 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux Update 5 Manuale d'installazione Sommario 1 Prima dell'installazione... 3 1.1 Componenti di Acronis Backup & Recovery 10... 3 1.1.1 Agente per Linux... 3 1.1.2

Dettagli

Backup Exec 15. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 15. Guida rapida all'installazione Backup Exec 15 Guida rapida all'installazione 21344987 Versione documentazione: 15 PN: 21323749 Informativa legale Copyright 2015 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, il logo Symantec

Dettagli

Guida introduttiva di F-Secure PSB

Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Indice generale 3 Sommario Capitolo 1: Introduzione...5 Capitolo 2: Guida introduttiva...7 Creazione di un nuovo account...8 Come

Dettagli

Guida all'installazione

Guida all'installazione Istruzioni per l'uso Guida all'installazione 1 Prima dell'installazione 2 Installazione 3 Avvio/Chiusura Si raccomanda di leggere con attenzione il presente manuale prima di utilizzare il prodotto e di

Dettagli

Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix. Versione 1.0

Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix. Versione 1.0 Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix Versione 1.0 Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix Il software descritto in questo manuale viene fornito in

Dettagli

CA ARCserve Central Protection Manager

CA ARCserve Central Protection Manager CA ARCserve Central Protection Manager Guida per l'utente r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti

Dettagli

CA User Activity Reporting Module

CA User Activity Reporting Module CA User Activity Reporting Module Guida all'implementazione Versione 12.5.02 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

CA Enterprise Log Manager

CA Enterprise Log Manager CA Enterprise Log Manager Guida all'implementazione r12.1 SP3 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida Copyright Axis Communications AB Aprile 2005 Rev. 1.0 Numero parte 23794 1 Indice Informazioni sulle normative............................. 3 AXIS Camera

Dettagli

1 Componenti principali... 3

1 Componenti principali... 3 Guida introduttiva Sommario 1 Componenti principali... 3 2 Sistemi operativi e ambienti supportati... 4 2.1 Acronis vmprotect 8 Windows Agent... 4 2.2 Acronis vmprotect 8 Virtual Appliance... 4 3 Requisiti

Dettagli

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N109548 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica senza

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Virtualized Server Environments per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale

Dettagli

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione Indice Capitolo 1. Introduzione a IBM SPSS Modeler Social Network Analysis.... 1 Panoramica di IBM SPSS Modeler

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 R3 Guida rapida all'installazione 20047221 Il software descritto in questo manuale viene fornito in base a un contratto di licenza e può essere utilizzato in conformità con i

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

CA ARCserve Backup per Windows

CA ARCserve Backup per Windows CA ARCserve Backup per Windows Riepilogo di rilascio r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

Manuale dell'aggiornamento della Suite SAP Business Intelligence Patch 11.x

Manuale dell'aggiornamento della Suite SAP Business Intelligence Patch 11.x Suite SAP BusinessObjects Business Intelligence Versione del documento: 4.0 Support Package 11 2015-02-19 Manuale dell'aggiornamento della Suite SAP Business Intelligence Patch 11.x Sommario 1 Introduzione....3

Dettagli

NetSpot Console Manuale dell'utente

NetSpot Console Manuale dell'utente NetSpot Console Manuale dell'utente NetSpot Console Prefazione Questo manuale contiene le descrizioni di tutte le funzioni e delle istruzioni operative per NetSpot Console. Si consiglia di leggerlo con

Dettagli

CA ARCserve Backup. Guida all'utilità di spostamento dati UNIX e Linux. r16

CA ARCserve Backup. Guida all'utilità di spostamento dati UNIX e Linux. r16 CA ARCserve Backup Guida all'utilità di spostamento dati UNIX e Linux r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

ServiceCenter Guida all'installazione client/server per Windows

ServiceCenter Guida all'installazione client/server per Windows Peregrine ServiceCenter Guida all'installazione client/server per Windows Versione 5.1 N. PARTE: SCT-5.1-ITA-01003-00315 Copyright 2002-2003 Peregrine Systems, Inc. o sue consociate. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

Manuale di installazione di SunForum 3.2

Manuale di installazione di SunForum 3.2 Manuale di installazione di SunForum 3.2 Sun Microsystems, Inc. 901 San Antonio Road Palo Alto, CA 94303-4900 U.S.A. 650-960-1300 N. di parte: 816-0874-10 Maggio 2001, revisione A1 Per inviare commenti

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza di rete. Questo documento è stato

Dettagli

CA ARCserve Central Reporting

CA ARCserve Central Reporting CA ARCserve Central Reporting Guida per l'utente r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

CA ARCserve Replication e High Availability per Windows

CA ARCserve Replication e High Availability per Windows CA ARCserve Replication e High Availability per Windows Guida operativa per server SQL Microsoft r15 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione")

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc.

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc. Note legali È proibita la riproduzione, parziale o totale, non autorizzata di questa Guida. Le informazioni contenute in questa guida sono soggette a modifiche senza preavviso. Si declina ogni responsabilità

Dettagli

1 Componenti principali...3

1 Componenti principali...3 Guida introduttiva Sommario 1 Componenti principali...3 2 Sistemi operativi e ambienti supportati...4 2.1 Acronis vmprotect Windows Agent... 4 2.2 Acronis vmprotect Virtual Appliance... 4 3 Requisiti per

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Guida di installazione e. configurazione. BlackBerry Enterprise Server Express for IBM Lotus Domino. Versione: 5.0 Service Pack: 4

Guida di installazione e. configurazione. BlackBerry Enterprise Server Express for IBM Lotus Domino. Versione: 5.0 Service Pack: 4 BlackBerry Enterprise Server Express for IBM Lotus Domino Versione: 5.0 Service Pack: 4 Guida di installazione e configurazione Pubblicato: 18/12/2012 SWD-20121218151510254 Indice 1 Panoramica: BlackBerry

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

CA ARCserve Replication e High Availability

CA ARCserve Replication e High Availability CA ARCserve Replication e High Availability Guida all'installazione r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

CA Enterprise Log Manager

CA Enterprise Log Manager CA Enterprise Log Manager Guida all'implementazione r12.1 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente a scopo

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX IBM SPSS Modeler Text Analytics Server può essere installato e configurato per essere eseguito su un computer su cui è in esecuzione

Dettagli

September 2006. Backup Exec Utility

September 2006. Backup Exec Utility September 2006 Backup Exec Utility Informazioni legali Symantec Copyright 2006 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, Backup Exec e il logo Symantec sono marchi o marchi registrati

Dettagli

CA ARCserve Backup. Guida all'utilità di spostamento dati UNIX e Linux. r16.5

CA ARCserve Backup. Guida all'utilità di spostamento dati UNIX e Linux. r16.5 CA ARCserve Backup Guida all'utilità di spostamento dati UNIX e Linux r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

Shavlik Protect. Guida di aggiornamento

Shavlik Protect. Guida di aggiornamento Shavlik Protect Guida di aggiornamento Copyright e marchi commerciali Copyright Copyright 2009 2014 LANDESK Software, Inc. Tutti i diritti riservati. Questo prodotto è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

CA ARCserve Replication e High Availability

CA ARCserve Replication e High Availability CA ARCserve Replication e High Availability Guida operativa di Microsoft IIS Server per Windows r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile

Dettagli

CA ARCserve Replication e High Availability

CA ARCserve Replication e High Availability CA ARCserve Replication e High Availability Guida operativa per server SharePoint Microsoft r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX

Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Batch versione 15. IBM SPSS Modeler La modalità batch offre le stesse funzionalità

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Note di rilascio Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

CA ARCserve Central Virtual Standby

CA ARCserve Central Virtual Standby CA ARCserve Central Virtual Standby Guida per l'utente r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

CA ARCserve Backup per Windows

CA ARCserve Backup per Windows CA ARCserve Backup per Windows Guida all'agente per Microsoft SQL Server r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

4.0 SP2 (4.0.2.0) maggio 2015 708P90930. Xerox FreeFlow Core Express Guida all'installazione

4.0 SP2 (4.0.2.0) maggio 2015 708P90930. Xerox FreeFlow Core Express Guida all'installazione 4.0 SP2 (4.0.2.0) maggio 2015 708P90930 2015 Xerox Corporation. Tutti i diritti riservati. Xerox, Xerox con il marchio figurativo e FreeFlow sono marchi di Xerox Corporation negli Stati Uniti e/o in altri

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

CA Agile Vision. Guida all'integrazione di Agile Vision. Winter 2011. Seconda edizione

CA Agile Vision. Guida all'integrazione di Agile Vision. Winter 2011. Seconda edizione CA Agile Vision Guida all'integrazione di Agile Vision Winter 2011 Seconda edizione La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

IBM SPSS Modeler - Istruzioni di installazione (Licenza per l'utilizzo simultaneo)

IBM SPSS Modeler - Istruzioni di installazione (Licenza per l'utilizzo simultaneo) IBM SPSS Modeler - Istruzioni di installazione (Licenza per l'utilizzo simultaneo) Indice Istruzioni di installazione....... 1 Requisiti di sistema............ 1 Installazione.............. 1 Installazione

Dettagli

Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata

Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata Per installazioni distribuite Versione prodotto: 5.2 Data documento: marzo 2015 Sommario 1 Informazioni sulla guida...4 2 Pianificare l'installazione...5

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale

Dettagli

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Guida introduttiva In questo documento, ogni riferimento a DocuColor 242/252/260 rimanda a DocuColor 240/250. 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo

Dettagli

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Maggio 2012 Sommario Capitolo 1: Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook... 5 Presentazione di Conference Manager per Microsoft Outlook...

Dettagli

CA User Activity Reporting Module

CA User Activity Reporting Module CA User Activity Reporting Module Guida generale r12.5.02 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

SafeGuard Enterprise Guida all'upgrade. Versione prodotto: 7

SafeGuard Enterprise Guida all'upgrade. Versione prodotto: 7 SafeGuard Enterprise Guida all'upgrade Versione prodotto: 7 Data documento: Dicembre 2014 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Verifica dei requisiti di sistema...4 3 Download dei programmi di installazione...5

Dettagli

Istruzioni per l'uso - Guida alla configurazione

Istruzioni per l'uso - Guida alla configurazione RICOH TotalFlow Prep Istruzioni per l'uso - Guida alla configurazione Prima della configurazione Installazione Version 3.0 Avvio/Chiusura Per le informazioni non presenti in questo manuale, fare riferimento

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers. Guida di installazione rapida

Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers. Guida di installazione rapida Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers Guida di installazione rapida July 2006 Informazioni legali Symantec Copyright 2006 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, Backup Exec

Dettagli

CA ARCserve Backup per Windows

CA ARCserve Backup per Windows CA ARCserve Backup per Windows Guida all'agente per Microsoft SQL Server r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora

Dettagli

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso RICOH TotalFlow Print Manager Guida rapida alle Istruzioni per l'uso Guida rapida Version 3.0.0 Per le informazioni non presenti in questo manuale, fare riferimento alla Guida del prodotto in uso. Leggere

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa di Microsoft IIS Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile

Dettagli

CA ARCserve Replication e High Availability

CA ARCserve Replication e High Availability CA ARCserve Replication e High Availability Guida operativa per server SQL Microsoft r16 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Manuale dell'utente di Norton AntiVirus per Mac

Manuale dell'utente di Norton AntiVirus per Mac Manuale dell'utente Prendersi cura dell'ambiente è la cosa giusta da fare. Per ridurre l'impatto sull'ambiente dei nostri prodotti, Symantec ha rimosso la copertina di questo manuale. Questo manuale è

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di F-SECURE PSB. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Guida di Active System Console

Guida di Active System Console Guida di Active System Console Panoramica... 1 Installazione... 2 Visualizzazione delle informazioni di sistema... 4 Soglie di monitoraggio del sistema... 5 Impostazioni di notifica tramite e-mail... 5

Dettagli

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili

Dettagli

CA ARCserve Backup per Windows

CA ARCserve Backup per Windows CA ARCserve Backup per Windows Guida all'agente per Microsoft SharePoint r12.5 Questa documentazione (la Documentazione ) e il relativo programma software (il Software ) (d'ora in avanti collettivamente

Dettagli