STATUTO della SOCIETA' MUTUA ASSISTENZA E PREVIDENZA TRA IL PERSONALE DELL'AZIENDA OSPEDALIERA VILLA SOFIA CERVELLO DI PALERMO TITOLO I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATUTO della SOCIETA' MUTUA ASSISTENZA E PREVIDENZA TRA IL PERSONALE DELL'AZIENDA OSPEDALIERA VILLA SOFIA CERVELLO DI PALERMO TITOLO I"

Transcript

1 STATUTO della SOCIETA' MUTUA ASSISTENZA E PREVIDENZA TRA IL PERSONALE DELL'AZIENDA OSPEDALIERA VILLA SOFIA CERVELLO DI PALERMO TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1) E costituita tra i dipendenti della Azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello di Palermo sotto la osservanza delle disposizioni contenute nella legge 15 aprile 1886 n e sotto il patrocinio della Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia - Cervello di Palermo, una società di Mutuo Soccorso denominata: "SOCIETA' MUTUA ASSISTENZA E PREVIDENZA TRA IL PERSONALE DELLA AZIENDA OSPEDALIERA VILLA SOFIA - CERVELLO DI PALERMO", che, per brevità, sarà indicata nel presente Statuto con il nome di "S.M.S. VILLA SOFIA - CERVELLO" o semplicemente Mutua o Società, mentre l'azienda Ospedaliera Ospedali riuniti Villa Sofia - Cervello sarà indicata per brevità come "Azienda Ospedaliera". Articolo 2) la Mutua ha sede in Palermo. Articolo 3 ) La durata della Mutua è stabilita in anni 50 e potrà ulteriormente essere prorogata con deliberazione dell'assemblea. Articolo 4) - La S.M.S. VILLA SOFIA - CERVELLO non si propone scopi di lucro, politici e sindacali e può aderire e partecipare ad organismi federali e ad altri che svolgono attività assistenziali, culturali e si propongono comunque scopi o attività affini a quelli esercitati dalla Mutua stessa. La S.M.S. VILLA SOFIA - CERVELLO si prefigge scopi mutualistici ed assistenziali. Per il perseguimento di ciò svolge l'attività di investimento mobiliare ed immobiliare delle quote associative. In relazione a detti fini potrà assumere - secondo le modalità indicate nel presente Statuto tutte le iniziative intese ad elevare il benessere materiale e morale dei soci che saranno stabilite di volta in volta dal Consiglio di Amministrazione. La S.M.S. VILLA SOFIA - CERVELLO si propone in particolare di: a) investire le quote associative mensili in titoli di Stato e/o garantiti dallo Stato ovvero in immobili. E altresì possibile l investimento in titoli mobiliari emessi da primari istituti di credito purché a rendimento e capitale garantiti e nei limiti del 20% della complessiva composizione del portafoglio titoli. Per altre forme di impiego è necessaria -la preventiva deliberazione del Consiglio di Amministrazione con la partecipazione di almeno due Revisori e con la maggioranza di almeno i due/terzi dei 1

2 voti dei consiglieri. b) costituire per ciascun socio ordinario un conto individuale per la creazione di un Fondo di Previdenza (F.I.P.) da devolvere a favore del socio all'atto della cessazione di appartenenza alla S.M.S. VILLA SOFIA - CERVELLO; c) concedere una sovvenzione di buonuscita, proporzionale agli anni di iscrizione alla mutua, al socio che cessi di farne parte per dimissioni, morte o cessazione del rapporto di impiego con l'azienda Ospedaliera come meglio specificato dagli artt ; d) accordare ai soci anticipazioni per necessità e per esigenze personali, da rimborsare secondo le modalità specificate più oltre, utilizzando somme residuali agli investimenti immobiliari e mobiliari; concedere fidejussione a garanzia delle anticipazioni concesse da parte della banca cassiera della Società; e) concedere sovvenzioni in caso di decesso dei soci come meglio specificato dagli artt.46, 47 e 48; f) accordare aiuti economici a soci nei casi di loro prolungata malattia. g) concedere strenne proporzionali agli anni di appartenenza alla Mutua e sempre nella misura stabilita di volta in volta dal Consiglio di Amministrazione. h) creare una apposita sezione per l'assistenza integrativa sanitaria, stipulando eventuale apposite polizze con primarie compagnie assicuratrici. TITOLO II == PATRIMONIO - ESERCIZIO FINANZIARIO LIBRI CONTABILI == Articolo 5 ) Il patrimonio della Mutua è costituito: 1) dalla quota di ammissione e della quota capitale; 2) dalle quote mensili, per la costituzione del fondo individuale di previdenza (F.I.P.); 3) dai contributi, donazioni, lasciti e da ogni altra entrata eccezionale o straordinaria; 4) dai proventi ed interessi derivanti dall'investimento mobiliare ed immobiliare dei beni indicati ai paragrafi precedenti del presente articolo, nonché dagli oneri rimborsati inerenti le anticipazioni erogate in base all'art.4 lettera d) e disciplinate dagli artt.54 e segg. 5) dalla quinta parte degli utili netti di esercizio, accantonato ai sensi del Decreto Articolo 6 ) L'esercizio sociale inizia il 1 gennaio e si chiude il 31 dicembre di ogni anno. Articolo 7 ) Il conto consuntivo deve essere comunicato, con la relazione ed i documenti giustificativi, dal Consiglio di Amministrazione al Collegio dei Revisori almeno trenta giorni prima della data fissata per la discussione in assemblea. Il conto consuntivo deve restare depositato in copia, con le relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio dei Revisori, nella sede sociale durante i 10 giorni che precedono l'assemblea e finché è approvato. 2

3 Articolo 8 ) L'assemblea dei soci stabilisce ogni anno la misura dei contributi sociali e dei proventi vari da destinare eventualmente alle riserve. Articolo 9 ) Le rilevazioni e le registrazioni dei fatti amministrativi della gestione della Mutua devono essere effettuate, osservando le disposizioni del C.C., nei seguenti libri contabili: a) sul giornale; b)- sul mastro; c) sui partitari; d) sugli scadenzari; e)- su ogni altro libro sussidiario ritenuto utile e necessario. Articolo 10 ) Per il servizio di Cassa deve essere costituito un conto corrente bancario. Per tutti i pagamenti da effettuarsi esclusivamente attraverso il c/c bancario è richiesta la firma congiunta del Presidente e quella del Tesoriere. Il Presidente ed il Tesoriere, in caso di assenza o di impedimento, sono sostituiti rispettivamente dal Vice Presidente e dal Vice Tesoriere. TITOLO III == SOCI == Articolo 11) I soci sono onorari, benemeriti, promotori, fondatori ed ordinari. Sono soci onorari coloro ai quali, per l'alto prestigio ed autorità l'assemblea delibera di conferire tale distinzione. Sono soci benemeriti le persone fisiche e giuridiche che favoriscono in modo rilevante il perseguimento delle finalità mutualistiche ed assistenziali della Mutua. Anche tale riconoscimento viene deliberato dall'assemblea dei soci. I soci onorari e quelli benemeriti non sono tenuti al versamento delle quote, non concorrono ai benefici previsti dal presente statuto per gli altri soci. Sono soci promotori coloro i quali è riconosciuta l'iniziativa per la costituzione della Mutua e per il suo sviluppo. Sono soci fondatori i firmatari dell'atto costitutivo della S.M.S. VILLA SOFIA- CERVELLO e gli iscritti entro 90 giorni dalla sua costituzione. Possono essere soci ordinari tutti i dipendenti dell'azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello e della ex U.S.L. 61 di Palermo di ruolo che abbiano chiesto di fare parte della Mutua e la cui domanda sia stata accolta. Articolo 12 ) La domanda di associazione deve essere diretta al Consiglio di Amministrazione. Essa deve contenere esplicitamente la dichiarazione del richiedente di impegnarsi a versare la quota capitale, quella di ammissione e le quote mensili nell'ammontare fissato a termine del presente statuto. 3

4 La quota capitale, infruttifera, viene restituita quando il socio cessa di fare parte della Mutua. Per fruire delle prestazioni di cui alla lettera c), d) e) f) e g) dell'art.4, sono richiesti almeno sei mesi di effettiva appartenenza alla Mutua. Articolo 13 ) Il pagamento della quota capitale di 7,75 (Euro settevirgolasettantacinque), della quota di ammissione di 92,25 (Euro novantaduevirgolaventicinque) e della quota mensile, che sarà stabilita annualmente dall'assemblea che approva il rendiconto per la costituzione del fondo individuale di previdenza (FIP), sarà effettuato, di regola, mediante ritenuta sullo stipendio o retribuzione. All'uopo il socio rilascia apposita dichiarazione con la quale autorizza l'amministrazione dell'azienda Ospedaliera ad effettuare la ritenuta sulle sue spettanze a favore della Mutua. Qualora la ritenuta della quota mensile non possa avere luogo tramite l'amministrazione dell'azienda Ospedaliera, il socio è obbligato a versarla direttamente, non oltre il 5 giorno del mese cui si riferisce, sul c/c bancario intestato alla Mutua. La misura della quota, potrà essere variata dall'assemblea dei soci con la maggioranza di almeno 2/3 (due terzi) dei voti. Articolo 14 ) L'interessato, al quale venga comunicata la mancata ammissione a socio, può ricorrere al Collegio dei Probiviri entro 15 giorni dalla data di ricevimento della lettera di comunicazione. Articolo 15 ) Il socio deve: a) osservare le disposizioni dello Statuto e le deliberazioni del Consiglio di Amministrazione; b) adempiere agli impegni assunti verso la Mutua; c) portare tempestivamente a conoscenza della Mutua, ove se ne verifichi il caso, la perdita per qualsiasi caso dei requisiti prescritti per l'acquisto della qualità di socio. Deve, altresì, comunicare ogni variazione di indirizzo e del reparto di appartenenza; d) non danneggiare moralmente e materialmente la Mutua. Articolo 16 ) La qualità di socio si perde: 1) per morte. 2) per morosità; 3) per espulsione; 4) per recesso; 5) per perdita della qualità di dipendente in servizio attivo dell'azienda Ospedaliera e dell Ente di appartenenza. Il dipendente della predetta Azienda Ospedaliera che comunque viene trasferito presso altro Ente può continuare a far parte della Mutua effettuando mensilmente i versamenti stabiliti dallo Statuto e le quote di ammortamento anticipazioni entro il giorno 5 di ogni mese a mezzo versamento presso la Banca Cassiere della Società o a mezzo assegno 4

5 bancario o circolare non trasferibile indirizzato alla Società, qualora il nuovo Ente di appartenenza non si impegni a trattenere e versare dette somme. Articolo 17 ) La morosità è dichiarata dal Consiglio di Amministrazione e deve essere comunicato al socio quando questi: a) non ha corrisposto per due mesi consecutivi le quote mensili nel caso che corrisponda direttamente al sensi del comma 2 dell art.13; b) non ha restituito due rate dell anticipazione concessa nei termini e secondo le modalità indicate nel presente statuto e nel regolamento. La perdita della qualità di socio per dichiarata morosità non pregiudica le azioni di recupero delle somme dovute alla Mutua. Il socio dichiarato moroso può appellarsi al Comitato dei probiviri, entro 15 giorni dalla data del ricevimento della lettera di comunicazione, per il controllo dello stato di morosità. Articolo 18 ) L'espulsione per fatto ed azioni che ledano gli interessi ed il prestigio della Mutua è dichiarata dalla Assemblea dei soci previa deliberazione del Consiglio di Amministrazione sentito il Comitato dei Probiviri. Il socio dichiarato moroso od espulso perde il diritto alla sovvenzione di buonuscita. Articolo 19) Il socio può recedere dalla Mutua entro il 21 ottobre di ogni anno facendone richiesta scritta indirizzata al Consiglio di Amministrazione e trasmessa con lettera raccomandata postale. La suddetta può essere consegnata a mano presso l'ufficio della Mutua dietro rilascio di una ricevuta indicante la data della presentazione. Il recesso ha efficacia con inizio dell'anno solare successivo a quello della presentazione della domanda. Fino a tale data il socio resta impegnato dalle norme statutarie e dalle decisioni delle eventuali assemblee. Il socio che viene trasferito presso altro Ente può presentare lettera di dimissioni in tutto l'arco dell'anno e le dimissioni avranno effetto immediato. Articolo 20) Gli eventuali debiti che il socio cessante avesse verso la Mutua verranno compensati mediante una corrispondente riduzione delle sue spettanze. Il socio espulso non può essere riammesso a far parte della Mutua prima che siano trascorsi cinque anni dal suo allontanamento. Il socio che recede non può essere riammesso prima che sia trascorso un anno dalla data delle dimissioni. Articolo 21 ) Nei confronti dei soci inadempienti o che contravvengono gli obblighi e doveri previsti dalle norme che disciplinano le attività della Mutua il Consiglio di Amministrazione ha facoltà di deliberare la sospensione parziale o totale delle prestazioni da cui all'art.4 dello Statuto. Articolo 22 ) La perdita della qualità di socio ha effetto dalla data della morte, della cessazione legale della appartenenza al personale della Azienda Ospedaliera o dell'ente 5

6 di appartenenza, della pronuncia del Consiglio di Amministrazione o della Assemblea, oltre che dalla data prevista dallo art.19. TITOLO IV == ORGANI DELLA MUTUA == Articolo 23 ) Sono organi della Mutua: 1) L'assemblea dei soci; 2) Il Consiglio di Amministrazione; 3) Il Collegio dei Revisori; 4) Il Comitato dei Probiviri. Le relative cariche sono gratuite. Gli organi sociali hanno diritto solamente ad un rimborso forfettario che l'assemblea delibererà su proposta del Consiglio di Amministrazione. == ASSEMBLEA DEI SOCI == Articolo 24) L'assemblea dei soci è convocata dal Presidente del Consiglio di Amministrazione. L'assemblea in via ordinaria si riunisce almeno una volta all'anno entro i primi quattro mesi per provvedere all'approvazione del rendiconto. Essa stabilisce le direttive generali sull'azione che la Mutua dovrà svolgere e si pronuncia sui fatti e questioni iscritti all'ordine del giorno. L'assemblea provvede inoltre ogni tre anni ad eleggere fra i soci i membri del Consiglio di Amministrazione in numero di otto su nove ad esclusione del consigliere nominato dall Azienda Ospedaliera Villa Sofia - Cervello., i componenti del Collegio dei Revisori, dei quali uno nominato da detta Azienda, e quello dei Probiviri. Articolo 25 ) La votazione dell'assemblea per le elezioni delle cariche sociali sarà fatta a scrutinio segreto ad eccezione della prima volta - in sede di assemblea costitutiva - in cui le cariche saranno attribuite per acclamazione. Prima delle votazioni, saranno nominati dall'assemblea eventualmente anche mediante sorteggio, cinque scrutatori. I prescelti eleggeranno chi dovrà presiedere il seggio ed annunciare il nome dei nuovi eletti che saranno immediatamente immessi nell'esercizio delle loro funzioni previa loro accettazione scritta. Articolo 26) L'assemblea può essere convocata in ogni tempo su richiesta di almeno un terzo del Consiglio di amministrazione ovvero su richiesta di due membri del Collegio dei Revisori e di almeno un decimo dei Soci. La convocazione viene fatta mediante avviso da affiggersi all'albo della Mutua e tramite volantini almeno 20 giorni prima dell'adunanza, previa debita autorizzazione dell Azienda Ospedaliera. Il predetto avviso può essere diffuso anche a mezzo Internet. 6

7 L'avviso indicherà l'ordine del giorno da trattare. Eventuali variazioni o integrazioni all'ordine del giorno dovranno essere presentate in Segreteria almeno 5 giorni prima dell'adunanza sottoscritte da almeno un decimo dei soci. Articolo 27 ) L'assemblea è validamente costituita in prima convocazione con l'intervento di almeno la metà dei soci presenti o rappresentati; in seconda convocazione, che non potrà essere fissata per lo stesso giorno, sarà validamente costituita con la presenza di almeno un numero di soci pari a quello dei componenti il Consiglio di Amministrazione. Per la validità delle deliberazioni relative a modifiche statutarie, scioglimento o trasformazione della Mutua è richiesto il voto favorevole di almeno la metà più uno dei soci. Il socio può farsi rappresentare in assemblea con delega scritta da un altro socio purché non amministratore, né revisore o dipendente della Mutua. Nessun mandatario può rappresentare più di 5 voti. Per la validità delle deliberazioni della Assemblea è richiesto il voto favorevole della maggioranza dei soci presenti o rappresentati. Articolo 28) Le deliberazioni riguardanti le modifiche dello Statuto e lo scioglimento della Associazione, possono essere fatte anche mediante referendum. Il referendum si svolge mediante comunicazione ai soci della questione che si propone, su un predisposto modulo compilato a cura del Consiglio di Amministrazione e debitamente autenticato, la risposta dovrà essere per il sì o per il no. Il Consiglio di Amministrazione provvederà ad indire l'assemblea per il 30 giorno e per quelli successivi dalla data in cui la questione fu proposta. A tale riunione dovranno partecipare, a pena di nullità, almeno due revisori. Il risultato del referendum verrà quindi reso noto mediante affissione all'albo della Mutua o, anche, a mezzo Internet. Gli atti relativi all'avvenuta consultazione saranno disponibili per i soci che desiderino esaminarli presso la Segreteria della Mutua, per l'intero mese successivo alla data in cui si è data pubblicazione del risultato. Articolo 29 ) Le proposte che i soci volessero fare includere nell'ordine del giorno delle Assemblee ordinarie devono essere indirizzate alla Segreteria della Mutua. Spetta al Consiglio di Amministrazione valutare l'opportunità di porre dette proposte all'ordine del giorno, la loro inclusione è però obbligatoria qualora siano avanzate da un decimo dei soci e da due membri del Collegio dei Revisori. Articolo 30 ) L'assemblea elegge volta per volta, il suo Presidente, l'ufficio di segreteria nonché la commissione verifica deleghe e quella elettorale. Il Presidente accerta la validità della costituzione dell'assemblea. L'Assemblea approva il regolamento del lavoro e delibera a maggioranza di voti fra i soci intervenuti. 7

8 Hanno diritto a voti i soci che abbiano almeno sei mesi di iscrizione e che siano in regola con i pagamenti dovuti alla Mutua. Le votazioni avvengono: - per alzata di mano, in tal caso si vota pro capite; - per scrutinio segreto quando la votazione riguarda le cariche sociali ovvero quando la maggioranza della Assemblea ne ravvisi la necessità ovvero su richiesta scritta di almeno il 20% dei presenti; in tal caso sono ammesse le deleghe. Articolo 31 ) I componenti il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio dei Revisori debbono astenersi dal votare quando trattasi di deliberare sul rendiconto o su questioni che si riferiscono alle loro responsabilità. == CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE == Articolo 32 ) La mutua è amministrata dal Consiglio di Amministrazione composto da nove membri, di cui otto eletti dall'assemblea fra i soci e uno nominato dall Azienda Ospedaliera Villa Sofia/ Cervello. Articolo 33 ) Spetta al Consiglio di Amministrazione: a) curare l'esecuzione delle norme contenute nello statuto e delle deliberazioni dell'assemblea; b) preparare il rendiconto annuale da sottoporre all'assemblea dei soci; c) deliberare sull'utilizzazione del fondo di previdenza e sulla concessione dell'assistenza straordinaria; d) emanare il regolamento riguardante le anticipazioni, le varie forme di assistenza previste dallo statuto; e) predisporre le modifiche allo Statuto della Mutua da sottoporre all'assemblea o a referendum dei soci; f) determinare l'ordine del giorno della Assemblea; g) adempiere agli altri compiti ad esso demandati dallo statuto e dal regolamento, tranne quelli di stretta competenza dell'assemblea; h) emanare di volta in volta il regolamento riguardante le modalità di votazione per il rinnovo delle cariche sociali. Il Consiglio di Amministrazione può demandare con apposita delibera parte di detti compiti per motivi di urgenza al Presidente o in caso di assenza al Vice Presidente. Articolo 34 ) Il consiglio di amministrazione dura in carica 3 anni ed i membri di esso possono essere confermati. Esso elegge fra i suoi membri il Presidente, il Vice Presidente, i componenti del Comitato esecutivo e degli altri comitati che ritenesse necessari. Nomina il Tesoriere, il Vice Tesoriere, il Segretario, il Vice Segretario. Articolo 35 ) Il Consiglio si riunisce tutte le volte che le circostanze lo esigono e deve essere convocato quando lo richiedono almeno tre membri o due revisori. 8

9 Il membro del consiglio che non partecipi a tre sedute consecutive salvi i casi di malattia o di assenza per motivi di servizio decade dalla carica. Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza della maggioranza statutaria dei componenti. Le deliberazioni vengono adottate a maggioranza di voti, in caso di parità prevale il voto del Presidente se la votazione è palese, se la votazione è segreta, la parità comporta reiezione della proposta. Il verbale delle adunanze e delle deliberazioni del Consiglio, trascritto nell'apposito libro, viene firmato dal Presidente e dal membro del consiglio che lo ha redatto. Per una più lodevole amministrazione il consiglio - sentito il presidente del Collegio dei Revisori può chiedere consigli verbali o scritti ad esperti nel campo legale, contabile, commerciale e tributario. Alla scadenza del mandato il Presidente farà una relazione alla Assemblea Ordinaria dei soci sull'andamento della Mutua durante il triennio trascorso. == PRESIDENTE E VICE PRESIDENTE == Articolo 36 ) Il Presidente ha la legale rappresentanza della Mutua e la firma sociale, convoca il Consiglio di Amministrazione, dà esecuzione alle deliberazioni dal medesimo adottate ed adempie alle altre funzioni demandategli dallo statuto e dal regolamento. Il Presidente può delegare il Vice Presidente ad esercitare tutte le sue funzioni. In caso di assenza le attribuzioni del Presidente sono demandate al Vice Presidente e la surrogazione deve risultare da apposito verbale. == COLLEGIO DEI REVISORI == Articolo 37 ) Il collegio dei Revisori è composto dai tre membri effettivi, di cui uno con la carica di Presidente, e due supplenti. I membri del Collegio sono eletti dall'assemblea dei Soci tranne uno che è nominato dall Azienda Ospedaliera. I Revisori durano in carica tre anni e possono essere riconfermati. I poteri ed i doveri del Collegio dei Revisori sono quelli stabiliti dalle disposizioni vigenti. == COMITATO DEI PROBIVIRI == Articolo 38 ) Il comitato dei probiviri è composto da tre membri eletti dall'assemblea. Essi durano in carica tre anni e sono rieleggibili. Articolo 39 ) I probiviri deliberano secondo le norme dell'arbitrato, pronunciando secondo equità, previo tentativo di conciliazione, regolando lo svolgimento dei giudizi nel modo che ritengono più opportuno assegnando alle parti i termini per la presentazione dei documenti e delle memorie difensive e per esporre le loro repliche. Articolo 40 ) Ai sensi dell'articolo precedente e del presente articolo che hanno valore di 9

10 clausola compromissoria la Mutua ed i soci sono obbligati a rimettere alla decisione del Comitato dei Probiviri la soluzione di tutte le controversie insorte sulla applicazione ed interpretazione del presente statuto e sulla validità delle deliberazioni dell'assemblea e del Consiglio di Amministrazione. Contro i provvedimenti della Mutua e del Consiglio il Socio può ricorrere al Comitato dei Probiviri salva diversa disposizione statutaria entro trenta giorni dalla data di ricevimento della comunicazione del provvedimento. Per ogni singola controversia si provvederà, con la partecipazione del Comitato dei Probiviri e delle parti, alla redazione di apposito atto per precisare l'oggetto della controversia, il termine per la pronuncia del lodo arbitrale e le norme ed i termini adottati per lo svolgimento del giudizio arbitrale. Articolo 41 ) Ove un membro del Consiglio di Amministrazione, del Collegio dei Revisori o di quello dei Probiviri cessi per qualsiasi motivo della carica prima della scadenza indicata negli articoli precedenti egli dovrà essere sostituito per cooptazione con un nuovo membro il cui mandato durerà fino alla data in cui il predecessore sarebbe rimasto in carica. Nel caso previsto dal comma precedente ogni membro degli organi sopra indicati, eletto dall Assemblea, viene sostituito automaticamente da quello che nel corso delle elezioni alle rispettive cariche aveva riportato un numero di voti immediatamente inferiore. Nel caso, invece, che cessi dalla carica il membro nominato dall Azienda Ospedaliera, questa provvederà a nominare altro componente Qualora non possa farsi luogo alla sostituzione ai sensi del comma precedente la cooptazione avverrà, entro due mesi dalla data di cessazione del predecessore, mediante scorrimento, nell ordine, della graduatoria dei non eletti per il Collegio dei Revisori e di quella per il Comitato dei Probiviri Art. 42) Soppresso TITOLO V == ASSISTENZA ECONOMICA PER MALATTIA == Articolo 43 ) Il Consiglio di Amministrazione può assegnare al socio iscritto alla Mutua da almeno tre anni che sia assente dal lavoro per infermità senza assegni a norma del regolamento organico, un aiuto economico, purché l'interessato ne faccia regolare e documentata richiesta e sia in regola con i versamenti dovuti alla Mutua. Articolo 44 ) Il Consiglio di Amministrazione, fatti i debiti accertamenti di cui all'art.61, potrà corrispondere al Socio infermo, in sede di prima applicazione del presente statuto, una somma non superiore a Euro 250,00= mensili, frazionabili in trentesimi, dal 1 mese in cui il socio non percepisce lo stipendio in caso di infermità e fino al compimento del VI mese. La relativa deliberazione è presa in seduta plenaria del Consiglio di Amministrazione ed 10

11 a maggioranza di voti. Il Consiglio di Amministrazione stabilisce, anno per anno, l'importo e la durata dell'assegno. Articolo 45 ) I soci che abbiano fruito dell'assistenza di cui agli artt. 43 e 44 per l'intero periodo di sei mesi, non possono beneficiare nuovamente e neppure dimettersi dalla Mutua prima che siano trascorsi tre anni dall'ultimo assegno percepito. == SOVVENZIONI PER DECESSO == Articolo 46 ) Le sovvenzioni per decesso sono liquidate in caso di morte del socio e, per una sola volta, del familiare del socio facente parte dello stesso nucleo familiare del socio medesimo. Per nucleo familiare intendersi: a) per il socio coniugato il coniuge non separato ed i figli non coniugati; b) per il socio non coniugato i genitori; Verificatosi il decesso del socio o del familiare, i beneficiari devono darne immediata notizia alla Mutua e, in ogni caso, non oltre un mese dalla data dell evento, pena la decadenza del beneficio. Devono produrre, inoltre, il certificato di morte e lo stato di famiglia. La sovvenzione sarà corrisposta solo se il socio risulterà in regola con il pagamento dei contributi relativi al mese precedente il decesso e dopo il deposito, da parte degli aventi il diritto, di tutta la documentazione necessaria. Articolo 47 ) La sovvenzione sarà devoluta per legge, in assenza di disposizioni testamentarie, a parenti del socio in linea retta e collaterale sino al secondo grado di parentela. Nel caso non vi sia alcuno dei predetti congiunti, il pagamento non avrà luogo. Articolo 48 ) La misura delle sovvenzioni verrà annualmente determinata assemblea dei soci su proposta del Consiglio di Amministrazione. dalla SOVVENZIONI PER BUONUSCITA Articolo 49) Il socio che appartenga alla Mutua da almeno sette anni e che cessi di farne parte per qualsiasi motivo, eccetto il caso di cessazione per espulsione o per morosità, viene corrisposta una sovvenzione di buonuscita. La stessa viene articolata in: a) al socio che va in quiescenza dall'azienda Ospedaliera, ed in caso di morte agli eredi, compete un premio pari all'80% delle somme versate al fondo F.I.P.. La somma in questione sarà corrisposta secondo modalità e tempi fissati dal Consiglio di amministrazione in funzione delle disponibilità finanziarie; b) al socio che si dimette dalla Società compete un premio pari al 2,66% in ragione di 11

12 ogni anno di appartenenza alla Società sulle somme versate al Fondo F.I.P. e comunque non superiore al 60%. In caso di reiscrizione alla Società compete ex novo il 2,66% annuo fino ad un massimo del 60%. Al socio posto in quiescenza o deceduto che nel corso della sua vita associativa sia già stato dimissionario e che successivamente si sia reiscritto compete esclusivamente il 2,66% annuo delle somme versate nel Fondo Fip fino al massimo del 60%; c) L'ammontare complessivo dei premi pagati per dimissioni dalla Società non può superare, in ogni caso, il 50% degli utili lordi dell'esercizio cui è riferita la liquidazione. Le modalità di computo della indennità di fine servizio e di dimissioni volontarie dalla Società sono le seguenti: 1) la percentuale del 2,66% per l'anno di iscrizione va computata solo se il socio risulta iscritto nei primi sei mesi dell'anno; 2) la percentuale del 2,66% va calcolata, per i soci di cui al secondo comma dell'art. 19, se le dimissioni sono presentate nell'arco del secondo semestre; 3) al socio che cessi fare parte della Società nell'arco del secondo semestre compete quanto stabilito dal punto g) dell'art.4. Articolo 50 ) In caso di decesso del Socio tale sovvenzione sarà pagata a persona da determinarsi in base a quanto disposto dall'art. 47 e secondo le modalità di cui all art. 49. Articolo 51 ) Al socio che si dimette la sovvenzione sarà pagata dopo sei mesi dalla perdita della qualità di socio previa detrazione di quanto previsto dall'art. 53. == FONDO INDIVIDUALE DI PREVIDENZA (F.I.P.) == Articolo 52 ) Il fondo individuale di previdenza è costituito dalle quote mensili, che il socio è tenuto a versare alla Mutua. Tale quota viene stabilita, anno per anno, dal Consiglio di Amministrazione ed è portata all'approvazione dell'assemblea dei soci. L'importo del fondo può essere incrementato alla fine di ogni anno da una aliquota di eventuali avanzi di esercizio fissata dal Consiglio di Amministrazione in misura non eccedente gli interessi annui al tasso legale. Tali importi sono accantonati nel fondo individuale di Previdenza F.I.P. e saranno pagati al momento in cui il Socio intestatario cesserà di far parte della Mutua. In caso di premorienza i detti importi saranno pagati agli eredi nei modi stabiliti dall'art.47. Articolo 53 ) Nei casi di perdita della qualità di socio, previsti ai punti 1, 2 e 3 dell'art.16 il F.I.P. verrà versato all'avente diritto, dopo sei mesi della data di tale perdita, previa detrazione delle eventuali rate di anticipazioni in atto, di ogni altro importo di cui egli fosse debitore verso la Mutua e dell'incremento che nel periodo semestrale possa essere maturato su Fondo. Al socio che cessi di far parte della Società per quiescenza o per cessazione del rapporto 12

13 con l'azienda Ospedaliera l'incremento del Fondo F.I.P. va riferito al 31/12 dell esercizio precedente. == ANTICIPAZIONI SUL FONDO INDIVIDUALE DI PREVIDENZA == Articolo 54 ) Per esigenze personali e del proprio nucleo familiare possono essere concesse delle anticipazioni da rimborsare in rate mensili di uguale importo. Articolo 55 ) Le anticipazioni vengono concesse ai soci che abbiano almeno sei mesi di iscrizione alla Mutua, che non siano in aspettativa senza assegni nei limiti e nei termini previsti dall apposito regolamento adottato dal Consiglio di amministrazione. Articolo 56 ) L'anticipazione è cumulabile con l'eventuale mutuo verso cessioni del V dello stipendio. La durata dell'ammortamento della anticipazione è fissata dal Consiglio di Amministrazione, in relazione alla disponibilità finanziaria della Mutua, in mesi dodici, o diciotto, o ventiquattro o trentasei, o quarantotto, o sessanta. Articolo 57 ) Le anticipazioni vengono maggiorate per oneri accessori, e spese di amministrazione, di un importo determinato dal Consiglio di Amministrazione. Tale importo viene sommato a quello dell anticipazione all atto della concessione della stessa, senza diritto al rimborso totale o parziale anche nel caso di estinzione anticipata. Articolo 58 ) L'anticipazione quando cessa l'iscrizione alla Mutua, deve essere rimborsata dal Socio anche mediante conguaglio sulle somme di sua spettanza. In caso di decesso del socio, le rate che non possono estinguersi mediante conguaglio, sono irripetibili nei confronti degli eredi. Articolo 59 ) Il consiglio di amministrazione, stabilisce mensilmente l'ammontare complessivo delle somme destinate alle anticipazioni. La disponibilità verrà destinata per il 70% secondo l'ordine cronologico delle richieste, per il 20% alle richieste che i Soci possono giustificare con attestati di matrimonio, nascita, morte, per il 10% alle domande dei soci che sono stati segnalati al Consiglio di Amministrazione per i loro casi particolari. TITOLO VI == VIGILANZA == Articolo 61 ) La vigilanza sulle condizioni che comportano l'assistenza economica di malattia è affidata ai Consiglieri, ai Revisori e può essere esercitata da altri soci all'uopo incaricati dal Consiglio di Amministrazione. 13

14 Il Consiglio può chiedere, comunque il parere di un medico di fiducia. Le risultanze dell'accertamento debbono essere redatte per iscritto. == SCIOGLIMENTO == Articolo 62 ) Lo scioglimento volontario della Mutua deve essere deliberato mediante assemblea dei Soci o per referendum. La deliberazione sarà valida solo quando otterrà il voto favorevole di almeno la metà più uno dei soci aventi diritto a voto. Il patrimonio sociale, soddisfatta ogni passività, detratte le quote capitali, le sovvenzioni di buonuscita maturate ed i fondi individuali di previdenza che saranno restituite ai soci, sarà devoluto a scopi di beneficenza ed assistenza a favore dei dipendenti dell'azienda Ospedaliera secondo le indicazioni che verranno stabilite dall'assemblea. Anche la fusione della Mutua con altro Ente similare e la conseguente destinazione dei fondi debbono essere deliberati dai soci con la maggioranza indicata nel comma 2 del presente articolo. TITOLO VII == VARIE == Articolo 63 ) E' espressamente vietato alla Mutua procedere a raccolta di depositi fiduciari per qualsiasi titolo o sotto qualsiasi forma. Articolo 64 ) Il presente Statuto entrerà in vigore a far data del giorno 1 del mese successivo alla sua approvazione. Articolo 65 ) Per tutto quanto non è espressamente previsto nel presente Statuto, valgono le disposizioni del Codice Civile e delle leggi speciali. 14

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA Articolo 1 (costituzione e denominazione) È costituita con sede presso il Comune di Brugherio la Società Cooperativa denominata "Il Brugo società cooperativa

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO I GENERALITÀ Natura giuridica Art. 1. La sezione Bellinzona e Valli del Club Alpino Svizzero (detta in seguito semplicemente Sezione) è

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA STATUTO CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO Articolo 1 Costituzione, sede durata È costituito, ai sensi dell'art.2602 del Codice Civile e della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO ALLEGATO -B- 112065/18206 STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO Articolo 1. Denominazione. Natura. 1.1. E' costituita una società a responsabilità limitata

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. "(..) s.r.l.".

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. (..) s.r.l.. STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1 1. La società è denominata: Articolo 1 Denominazione "(..) s.r.l.". denominazione Articolo 2 Oggetto 2. La società ha per oggetto (..) 2. Articolo 3 Sede

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli