Introduzione al linguaggio assembly

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al linguaggio assembly"

Transcript

1 Corso di Calcolatori Elettronici I A.A Introduzione al linguaggio assembly Lezione 20 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria

2 Il linguaggio Assembly È funzionalmente equivalente al linguaggio macchina, ma usa nomi più intuitivi (mnemonics) Definisce l Instruction Set Architecture (ISA) della macchina Un compilatore traduce un linguaggio di alto livello, che è indipendente dall architettura, in linguaggio assembly, che è dipendente dall architettura Un assemblatore traduce programmi in linguaggio assembly in codice binario eseguibile Nel caso di linguaggi compilati (es. C) il codice binario viene eseguito direttamente dalla macchina target Nel caso di linguaggi interpretati (es. Java) il bytecode viene interpretato dalla Java Virtual Machine, che in questo senso è al livello Assembly language

3 Ciclo di Sviluppo di un programma in C++ Programma sorgente (nome.cpp) Programma sorgente (nome.cpp) Editor Preprocessore Compilatore disco disco disco Programma sorgente (nome.obj) Librerie (object files) Collegatore disco disco Caricatore MEMORIA (RAM)

4 Fase 1 preparazione del testo origine il testo origine viene digitato mediante un editor e viene memorizzato in un file con estensione cpp

5 Fase 2 precompilazione il testo origine (sorgente) contenuto nel file.cpp viene elaborato da un programma detto preprocessore (o precompilatore) che sostanzialmente esegue l espansione del codice (inclusioni, macro, etc.)

6 Fase 3 compilazione delle unità le unità del programma vengono compilate mediante l attivazione del compilatore; il testo origine verrà trasformato in testo oggetto e memorizzato in un file con estensione.obj

7 Fase 4 collegamento (linkage) i diversi moduli oggetto costituenti il programma eseguibile vengono collazionati fra loro (p1.obj,, pn.obj) e con il supporto al tempo di esecuzione mediante un modulo collegatore (linker). Il tutto viene memorizzato in un file che costituisce il programma eseguibile (p.exe)

8 Linguaggi e dipendenza dalla piattaforma di esecuzione Codice C++ Compilatore C++ i386 Win OS Compilatore C++ PowerPC MacOS Codice Binario Pentium Win OS Codice Binario PowerPC MacOS Compilatore C++ SPARC Solaris OS Codice Binario SPARC Solaris OS

9 Ciclo di sviluppo/esecuzione per programmi in linguaggio di alto livello Digitazione dei sorgenti Editor Compilatore Moduli oggetto Programma sorgente Programma in linguaggio macchina in RAM Linker statico Debugger Macchina target Loader / Linker dinamico Programma eseguibile

10 Ciclo di sviluppo/esecuzione per programmi in linguaggio assembly Digitazione dei sorgenti Editor Assemblatore Moduli oggetto Programma sorgente Programma in linguaggio macchina in RAM Linker statico Debugger Macchina target Loader / Linker dinamico Programma eseguibile

11 Ciclo di sviluppo semplificato di programmi assembly MC68000 nel sistema didattico ASIM Digitazione del programma Editor Assembler ASIMTOOL Programma sorgente.a68 Moduli oggetto e file list Macchina target Loader ASIM

12 Assembly: formato del codice sorgente Una linea di codice sorgente Assembly è costituita da quattro campi: LABEL Ø Stringa alfanumerica Ø Definisce un nome simbolico per il corrispondente indirizzo OPCODE Ø Codice mnemonico o pseudo-operatore Ø Determina la generazione di un istruzione in linguaggio macchina o la modifica del valore corrente del Program Location Counter OPERANDS Ø Oggetti dell azione specificata dall OPCODE Ø Variano a seconda dell OPCODE e del modo di indirizzamento COMMENTS Ø Testo arbitrario inserito dal programmatore

13

14 Assembly: caratteristiche generali Di regola, una linea di codice assembly corrisponde ad una istruzione l/m Eccezioni: Macro: 1 linea assembler n istruzioni l/m Pseudo istruzioni: 1 linea assembler 0 istr. l/m Variabili interamente gestite dal programmatore Allocazione: memoria o registri CPU No dichiarazione

15 Esempio Assembly X86 a 32 bit DES_std_crypt: movl 4(%esp),%edx pushl %ebx movl DES_count,%ecx xorl %ebx,%ebx movq (%edx),k1 movq 32(%edx),K2 movq K1,tmp1 movq 8(%edx),K3 movq 16(%edx),K4 DES_copy(24, 40) DES_copy(112, 120) movq DES_IV,R xorl %edx,%edx movq DES_IV+8,L DES_loop:

16 Esempio Assembly Alpha DES_std_crypt: ldgp $29,0($27) DES_std_crypt..ng: subq $30,56,$30 lda tmp1,des_iv lda tmp2,des_count lda SPE,DES_SPE_F ldq R,0(tmp1) ldq L,8(tmp1) ldq count,0(tmp2) ldq K1,0(kp) ldq K2,8(kp) ldq K3,16(kp) ldq K4,24(kp) xor K1,R,D ldq K5,32(kp) ldq K6,40(kp) ldq K7,48(kp) ldq K8,56(kp) stq K9,0($30) stq K10,8($30) stq K11,16($30) stq K12,24($30) stq K13,32($30) stq K14,40($30) stq K15,48($30) ldq K9,64(kp) ldq K10,72(kp) ldq K11,80(kp) ldq K12,88(kp) ldq K13,96(kp) ldq K14,104(kp) ldq K15,112(kp) ldq K16,120(kp) DES_loop: DES_2_ROUNDS(K2, K3)

17 Esempio Assembly SPARC DES_std_crypt: save %sp,-120,%sp st %i7,[%fp-24] sethi %hi(des_spe_l),spe_l_0 sethi %hi(des_spe_l+0x400),spe_l_4 add SPE_L_0,0x808,SPE_H_0 ldd [kp],dl ldd [SPE_L_4+0xC08],Rl ld [SPE_L_4+0xC18],count DES_loop: DES_2_ROUNDS(kp) std Rl,[out] std Ll,[out+8] ret restore

18 Linguaggi Assembly Per una data macchina, esiste sempre almeno il linguaggio assembly definito dal costruttore In aggiunta, possono esistere linguaggi assembly forniti da terze parti Quando si definisce un linguaggio assembly Si ha libertà di scelta per quanto riguarda: Gli mnemonics Il formato delle linee del sorgente I formati per specificare modi di indirizzamento, varianti delle istruzioni, costanti, label, pseudo-operatori, etc. Non si ha libertà di scelta per quanto riguarda: L effetto finale di ogni singola istruzione macchina

19 Convenzioni Gli spazi bianchi tra i diversi campi fungono esclusivamente da separatori (vengono ignorati dall assemblatore) Una linea che inizi con un asterisco (*) è una linea di commento Nelle espressioni assembly, gli argomenti di tipo numerico si intendono espressi In notazione decimale, se non diversamente specificato In notazione esadecimale, se preceduti dal simbolo $ Nell indicazione degli operandi, il simbolo # denota un indirizzamento immediato

20 Program Location Counter PLC Ø E una variabile interna dell assemblatore Ø Punta alla locazione di memoria in cui andrà caricata a run time l istruzione assemblata Ø Viene inizializzato dallo pseudo-operatore origin (ORG) Ø Durante il processo di assemblaggio, il suo valore è aggiornato sia in funzione degli operatori, sia in funzione degli pseudo-operatori Ø E possibile, all interno di un programma, fare riferimento al suo valore corrente, mediante il simbolo *

21 AsimTool

22 AsimTool: esempio di file list PLC contenuto label opcode operands comments * Somma i primi 17 interi * ORG $ START CLR.W SUM MOVE.W ICNT,D C 33C ALOOP MOVE.W D0,CNT D ADD.W SUM,D C MOVE.W D0,SUM E MOVE.W CNT,D FFFF 10 ADD.W #-1,D E2 11 BNE ALOOP A 4EF JMP SYSA = SYSA EQU $ CNT DS.W SUM DS.W = IVAL EQU ICNT DC.W IVAL Symbol Table ALOOP 800C CNT 8030 IVAL 0011 START 8000 SUM 8032 ICNT 8034

23 ASIM: programma caricato in memoria

24 Pseudo-operatori NON sono istruzioni eseguite dal processore sono direttive che regolano il processo di traduzione del programma assembler in programma eseguibile Lo pseudo-operatore ORG Viene usato per inizializzare il Program Location Counter (PLC), ovvero per indicare a quale indirizzo sarà posta la successiva sezione di codice o dati Esempio: ORG $8100 Lo pseudo-operatore END Viene usato per terminare il processo di assemblaggio ed impostare l entry point (prima istruzione da eseguire) nel programma Esempio: END TARGETLAB

25 Pseudo-operatori Lo pseudo-operatore DS Viene usato per incrementare il Program Location Counter (PLC), in modo da riservare spazio di memoria per una variabile Esempio: LABEL DS.W NUMSKIPS Lo pseudo-operatore DC Viene usato per inizializzare il valore di una variabile Esempio: LABEL DC.W VALUE Lo pseudo-operatore EQU Viene usato per definire una costante usata nel sorgente assembler Esempio: LABEL EQU VALUE

26 Etichette (label) Sono stringhe di testo arbitrarie (opzionali) anteposte ad una istruzione o ad un dato all interno del programma assembler Servono a riferirsi al particolare indirizzo che contiene quella istruzione o dato usati per gestire i salti usati per gestire variabili (manipolate nel programma assembler attraverso le loro etichette in maniera simile alle variabili di un linguaggio di programmazione di alto livello) Ad esempio: ALOOP è un etichetta usata per riferisti all istruzione MOVE, SUM è una etichetta usata per gestire una variabile, mentre IVAL è una costante ALOOP MOVE.W D0,CNT ADD.W SUM,D0 SUM DS.W 1 IVAL EQU 17

27 Processori a carattere e processori a parola I processori a carattere accedono alla memoria con parallelismo 1 byte (8 bit) prime CPU ad accumulatore I processori a parola hanno la capacità di indirizzare ed accedere la memoria per unità (parole o word) di 16 bit, 32 bit o 64 bit In questi sistemi (tranne pochissime eccezioni nel passato) l unità indirizzabile di memoria (locazione) è ancora il byte Si parla di sistemi a memoria byte-addressable: ogni byte ha il suo indirizzo Terminologia Motorola 68000: word = 2 byte, longword = 4 byte

28 Big-endian e little-endian I processori a parola possono disporre in memoria i byte che formano una parola in due modi Big-endian: i byte sono disposti in memoria in modo che il più significativo MSB occupi la locazione di memoria di indirizzo minore, e poi via via gli altri, fino a quello meno significativo LSB che è collocato nella locazione di indirizzo maggiore Little-endian: disposizione opposta Il processore Motorola usa la convenzione Big Endian Disposizione BIG_ENDIAN Byte3 Byte2 Byte1 Byte0 Indirizzi crescenti Disposizione LITTLE ENDIAN Byte0 Byte1 Byte2 Byte3 Indirizzi crescenti MSB LSB LSB MSB

29 Big-endian e little-endian: un esempio Immaginiamo di avere un processore a parola, con parole di 32 bit (4 byte) e voler scrivere in memoria il valore intero (esadecimale) $12FA34ED all indrizzo 812 Le figure sottostanti illustrano il contenuto della memoria nei due casi big-endian e little-endian 12 FA 34 ED indirizzo big-endian ED 34 FA 12 indirizzo little-endian

30 Memoria: parole allineate e non allineate Per un processore a parola di 16 bit o 32 bit, una parola che inizia ad un indirizzo pari si dice allineata sul limite di parola Tipicamente, un processore è in grado di accedere ai due byte che costituiscono una parola allineata mediante una sola operazione di lettura Il processore Intel 8086 consente l accesso a parole non allineate, cioè parole che iniziano ad un indirizzo dispari, ma in tal caso sono necessari 2 distinti accessi in memoria Il NON consente l accesso a parole non allineate Indirizzo i Indirizzo i+2 i i+1 i+2 i+3 i+1 i+2 (i pari) La parola di 16 bit formata dai due byte ombreggiati non è allineata sul limite di parola (indirizzo multiplo di 2)

31 Esempio - Moltiplicazione 2 interi * Programma per moltiplicare MCND e MPY * ORG $8000 * MULT CLR.W D0 D0 accumula il risultato MOVE.W MPY,D1 D1 e' il contatatore di ciclo BEQ DONE Se il contatore e' zero e' finito LOOP ADD.W MCND,D0 Aggiunge MCND al prodotto parziale ADD.W #-1,D1 Decrementa il contatore BNE LOOP e ripete il giro DONE MOVE.W D0,PROD Salva il risultato STOP #$2700 Arresta esecuzione programma ORG $8200 PROD DS.W 1 Riserva spazio di memoria per PROD MPY DC.W 3 Definisce il valore di MPY MCND DC.W 4 Definisce il valore di MCND END MULT Fine ass., salto a entry point

32 Analisi del file LIS PLC contenuto label opcode operandi * Programma per moltiplicare MCND e MPY * ORG $ * MULT CLR.W D MOVE.W MPY,D E 7 BEQ DONE C D LOOP ADD.W MCND,D FFFF 9 ADD.W #-1,D F4 10 BNE LOOP C DONE MOVE.W D0,PROD E 4E STOP #$ ORG $ PROD DS.W MPY DC.W MCND DC.W END MULT Symbol Table MULT $8000 MPY $8202 DONE $8018 LOOP $800C MCND $8204 PROD $8200

33 Esercitazione Provare il programma mult2ints.a68 che moltiplica due interi attraverso un ciclo di addizioni ripetute Eseguire il programma sul simulatore ASIM e sperimentare: L effetto di DC e la convenzione big-endian del processore L effetto dell istruzione CLR.W su registro di 32 bit L effetto dell istruzione MOVE da memoria a registro L effetto dell istruzione BEQ sul PC L effetto dell istruzione ADD tra memoria e registro L effetto dell istruzione ADD tra immediato e registro L effetto dell istruzione BNE sul PC L effetto dell istruzione JMP sul PC L effetto dell istruzione MOVE da registro a memoria Confrontare la codifica in l/m delle istruzioni di salto

34 Esercitazione Nell esempio precedente, effettuare le seguenti sostituzioni ed osservarne gli effetti DONE MOVE.W D0,PROD Salva il risultato PROD DS.W 1 Riserva spazio di memoria per PROD DONE MOVE.L D0,PROD Salva il risultato PROD DS.L 1 Riserva spazio di memoria per PROD L= long (32 bit) W= word (16 bit) B= byte (8 bit)

ASSEMBLER 68K parte 1

ASSEMBLER 68K parte 1 ASSEMBLER 68K parte 1 CORSO DI CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I) DIS - Università degli Studi di Napoli Federico II Supporti didattici Fadini Savy, Fond. Inf. 2 parte. III, cap.

Dettagli

Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2.

Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2. Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2. Dichiarazione di dati: le direttive DS e DC...3 2.1 Direttiva DS...3 2.2

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Lezione 16: L architettura LC-3

Lezione 16: L architettura LC-3 Lezione 16: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 15 Maggio 2013 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Calcolatore: sottosistemi Processore o CPU (Central Processing

Dettagli

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

AXO Architettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. processo di assemblaggio

AXO Architettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. processo di assemblaggio AXO Architettura dei Calcolatori e Sistema Operativo processo di assemblaggio linguaggio assembly è il linguaggio simbolico che consente di programmare un calcolatore utilizzando le istruzioni del linguaggio

Dettagli

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler Indice Linguaggio ad alto livello, linguagio assembler e linguaggio macchina Il linguaggio assembler MIPS: istruzioni aritmetiche, di trasferimento dati e di salto Conversione linguaggio assembler in linguaggio

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

AMBIENTE DI SIMULAZIONE ASIM

AMBIENTE DI SIMULAZIONE ASIM LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 10 Prof. Rosario Cerbone rosario.cerbone@uniparthenope.it http://digilander.libero.it/rosario.cerbone a.a. 2008-2009 AMBIENTE DI SIMULAZIONE ASIM Digitazione

Dettagli

La Macchina Virtuale

La Macchina Virtuale Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU MEMORIZZAZIONE DEGLI OPERANDI DOVE SONO MEMORIZZATI GLI OPERANDI NELLA CPU? ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI

Dettagli

Assemblaggio per il processore Motorola 68000

Assemblaggio per il processore Motorola 68000 Assemblaggio per il processore Motorola 68000 Daniele Paolo Scarpazza daniele.scarpazza@elet.polimi.it Politecnico di Milano Ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2005 Assemblaggio A prima vista sembra un problema

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Il software di base Software

Dettagli

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali Prof. Gian Luca Marcialis Corso di Laurea di Ingegneria Elettronica Capitolo 5 Linguaggio Assembly Fonti principali: Patterson, A.D., Hennessy, J., "Struttura, organizzazione e progetto dei calcolatori

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello):

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello): Architettura (10/9003) Pag. 1/6 Esame di Architettura (matr.0-1) del 10/9003 Per Fondamenti di Architettura NON rispondere Per le domande a risposta multipla cerchiare la risposta scelta. Non alle domande

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici ISA di riferimento: MIPS Massimiliano Giacomin 1 DOVE CI TROVIAMO Livello funzionale Livello logico Livello circuitale Livello del layout istruzioni macchina, ISA Reti logiche:

Dettagli

JPD132. Microprocessore e assembly

JPD132. Microprocessore e assembly JPD132 Microprocessore e assembly Il processore JPD132 Il JPD132 è un ipotetico processore che estende le possibilità del PD32 principalmente con un linguaggio assembly comprendente nuovi metodi di indirizzamento,

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

Progettare l'isa. Progettare l'isa. Corso di Architettura degli Elaboratori. Interpretazione

Progettare l'isa. Progettare l'isa. Corso di Architettura degli Elaboratori. Interpretazione Corso di Architettura degli Elaboratori Il livelo ISA: ISA IJVM, tipi di dati e formato delle istruzioni Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

Architettura del Set di Istruzioni (ISA)

Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Instruction Set Architecture (ISA) Software instruction set Hardware Maurizio Palesi 2 1 Instruction Set Architecture (ISA) Applicazioni

Dettagli

Il Processore: i registri

Il Processore: i registri Il Processore: i registri Il processore contiene al suo interno un certo numero di registri (unità di memoria estremamente veloci) Le dimensioni di un registro sono di pochi byte (4, 8) I registri contengono

Dettagli

Il livello architettura e set di istruzioni

Il livello architettura e set di istruzioni Corso di Informatica 2 Prof. Sciuto Il livello architettura e set di istruzioni Daniele Paolo Scarpazza Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano 7 Giugno 2004 Daniele Paolo Scarpazza

Dettagli

Tecniche di traduzione da C ad assembly 68000. Note generali

Tecniche di traduzione da C ad assembly 68000. Note generali Tecniche di traduzione da C ad assembly 68000 Note generali Schema di compilazione da C ad assembly 68K Ispirato a GCC Fa uso di: banco di registri classi d istruzioni modi d indirizzamento e organizzazione

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI GLI ERANDI NELLA CPU? 2 QUANTI ERANDI SONO CHIAMATI IN MODO ESPLICITO 3. DOVE

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione

Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Complementi al corso di Fondamenti di Informatica Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione Daniela D Aloisi Anno Accademico 2001-2002

Dettagli

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina Lezione n.9 Autore:Luca Orrù 1 Sommario Esecuzione delle istruzioni Architettura interna ed esterna Linguaggio assembler e modi d indirizzamento Consideriamo ora la singola istruzione e la scomponiamo

Dettagli

Esercizi. Assembly. Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it ACSO 2014/2014

Esercizi. Assembly. Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it ACSO 2014/2014 Esercizi Assembly Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it ACSO 2014/2014 1 RIPASSO Architettura dei registri del 68K Di (0 i 7): registri di dato a 8, 16, 32 bit Ai (0 i 7): resgistri di a 16, 32

Dettagli

Architettura dei calcolatori e sistemi operativi. Assemblatore e Collegatore (Linker) Capitolo 2 P&H Appendice 2 P&H

Architettura dei calcolatori e sistemi operativi. Assemblatore e Collegatore (Linker) Capitolo 2 P&H Appendice 2 P&H Architettura dei calcolatori e sistemi operativi Assemblatore e Collegatore (Linker) Capitolo 2 P&H Appendice 2 P&H Sommario Il processo di assemblaggio Il collegatore (linker) 2 Assemblatore: traduzione

Dettagli

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957)

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957) Linguaggio macchina Von Neumann John Von Neumann (1903-1957) Inventore dell EDVAC (Electronic Discrete Variables AutomaFc Computer), la prima macchina digitale programmabile tramite un soiware basata su

Dettagli

2.0.9 Scrittura delle istruzioni con linguaggio simbolico. Progetto del software

2.0.9 Scrittura delle istruzioni con linguaggio simbolico. Progetto del software 89 2.0.9 Scrittura delle istruzioni con linguaggio simbolico. Progetto del software Non si può certo pensare che il programmatore scriva un programma nel modo rappresentato nella RAM di Fig.2.0.7.1, dato

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Dott. Massimo Tivoli Introduzione a MARS: interfaccia, struttura di un programma, gestione dell input L assemblatore e simulatore MARS Permette di eseguire

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI II

CALCOLATORI ELETTRONICI II CALCOLATORI ELETTRONICI II L ASSEMBLATORE Microsoft MASM MASM Argomenti della lezione Faremo riferimento al linguaggio sorgente accettato dall assemblatore Microsoft MASM nelle versioni successive alla

Dettagli

Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. ing. Corrado Santoro

Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. ing. Corrado Santoro Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica prof. ing. Corrado Santoro Schema a blocchi di una CPU Arithmetic Logic Unit Control Unit Register File BUS Control

Dettagli

Cenni ad Assembly Intel

Cenni ad Assembly Intel Cenni ad Assembly Intel Luca Abeni April 17, 2015 Architerrura Intel Utilizzata sulla maggior parte dei laptop, desktop e server moderni Lunga storia Dagli anni 70 (Intel 8080-8 bit!)......fino ad oggi

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

Z80: archite:ura ed esperienze di laboratorio. P. Vicini. P.Vicini - Lab. Sistemi e Segnali

Z80: archite:ura ed esperienze di laboratorio. P. Vicini. P.Vicini - Lab. Sistemi e Segnali Z80: archite:ura ed esperienze di laboratorio P. Vicini 1 Calcolatori Prodotto di una tecnologia estremamente vitale con alto impatto economico e sociale Tecnologia pervasiva: calcolo, controllo,......

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

[http://www.di.univaq.it/muccini/labarch]

[http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] [http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] Modulo di Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori con Laboratorio Docente: H. Muccini Lecture 3: Introduzione a SPIM

Dettagli

Esegue la sommatral'accumulatoreac e Se I=1, ilcontenutodellacelladi memoriailcui indirizzoè

Esegue la sommatral'accumulatoreac e Se I=1, ilcontenutodellacelladi memoriailcui indirizzoè Parte II AND 104 I, micro-operazioni c 0 t 0 : MAR PC c 0 t 1 : MBR M, PC PC+1 c 0 t 2 : OPR MBR(OP), I MBR(I) q 7 Ic 0 t 3 : R 1 Ciclo di fetch (q 7 +I )c 0 t 3 : F 1 c 1 t 0 : MAR MBR(AD); / 104 da Hex

Dettagli

L Assembler 80x86 Concetti Generali. M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi

L Assembler 80x86 Concetti Generali. M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi L Assembler 80x86 Concetti Generali M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni Operatori Modi di Indirizzamento Istruzioni Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 2

Aritmetica dei Calcolatori 2 Laboratorio di Architettura 13 aprile 2012 1 Operazioni bit a bit 2 Rappresentazione binaria con segno 3 Esercitazione Operazioni logiche bit a bit AND OR XOR NOT IN OUT A B A AND B 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Strutturata

Laboratorio di Programmazione Strutturata Laboratorio di Programmazione Strutturata Facoltà di Scienze e Tecnologie per i Media Anno 2008/2009 Dati Generali Docente del corso : Dott. Tulimiero Davide Materiale del corso : Corso completo di programmazione

Dettagli

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1'

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' ' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' Calcolatori Prodotto di una tecnologia estremamente vitale con alto impatto economico e sociale Tecnologia

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MISTA. G. Frosini Programmazione mista Slide 1

PROGRAMMAZIONE MISTA. G. Frosini Programmazione mista Slide 1 PROGRAMMAZIONE MISTA G. Frosini Programmazione mista Slide 1 Caratteristiche del processore PC Processore PC (Processore Completo): processore didattico; schematizzazione (software compatibile) dei processori

Dettagli

Classe 3 A Inf - Alcune informazioni sull'uso del programma Debug

Classe 3 A Inf - Alcune informazioni sull'uso del programma Debug Classe 3 A Inf - Alcune informazioni sull'uso del programma Debug Un po' di storia Debug è un programma che da lunghissimo tempo è presente nei sistemi Microsoft. Fin dall'epoca dei primi dischetti DOS,

Dettagli

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE LINGUAGGI DI BASSO LIVELLO

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE LINGUAGGI DI BASSO LIVELLO LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE LINGUAGGI DI BASSO LIVELLO Linguaggio macchina Uno per ogni processore o famiglia di processori Linguaggio assembler Versione simbolica di quello macchina. LINGUAGGI DI ALTO

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Hardware di un Computer

Hardware di un Computer Hardware di un Computer Monitor Mouse Tastiera Printer Disk CPU Graphics Adapter USB Controller Parallel Port Disk Controller BUS Memoria RAM Memoria ROM (BIOS) DMA CPU esegue istruzioni, effettua calcoli,

Dettagli

Approfondimenti al Capitolo 15 Il linguaggio assembler

Approfondimenti al Capitolo 15 Il linguaggio assembler Approfondimenti al Capitolo 15 Il linguaggio assembler Aggiornato il 29 aprile 2009 Questo materiale integrativo ha lo scopo di concretizzare i contenuti del Capitolo 15 del testo in riferimento al linguaggio

Dettagli

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE! Informatica: dal francese, informatique informat(ion) (automat)ique [termine coniato dall'ingegnere francese Philippe Dreyfus nel 1962] è la scienza che studia i

Dettagli

Linguaggio macchina. 73.1 Organizzazione della memoria. 73.1.1 Pila per salvare i dati. 73.1 Organizzazione della memoria... 37

Linguaggio macchina. 73.1 Organizzazione della memoria. 73.1.1 Pila per salvare i dati. 73.1 Organizzazione della memoria... 37 37 Linguaggio macchina Capitolo 73 73.1 Organizzazione della memoria.............................................. 37 73.1.1 Pila per salvare i dati............................................... 37 73.1.2

Dettagli

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione borghese@dsi.unimi.it Università degli Studi di Milano 1/45 Sommario Le costanti

Dettagli

ASSEMBLER 68K parte 2

ASSEMBLER 68K parte 2 ASSEMBLER 68K parte 2 CORSO DI CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I) DIS - Università degli Studi di Napoli Federico II Classi di istruzioni Un calcolatore deve avere istruzioni in grado

Dettagli

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi : di base e applicativo L HardWare (monitor, tastiera, circuiti, stampante, ) è il nucleo fondamentale del calcolatore ma da solo non serve a nulla. Bisogna utilizzare il software per poterlo fare funzionare.

Dettagli

Tutta la famiglia dei processori Intel (x86) si basa ed e' compatibile con il primo processore di questo tipo: l'8086.

Tutta la famiglia dei processori Intel (x86) si basa ed e' compatibile con il primo processore di questo tipo: l'8086. I processori Intel Tutta la famiglia dei processori Intel (x86) si basa ed e' compatibile con il primo processore di questo tipo: l'8086. L'8086 e' un processore a 16 bit quindi i suoi registri potranno

Dettagli

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Specifica di un algoritmo Primo approccio, scrittura diretta del programma: la soluzione coincide con la codifica

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 3-Compilatori e interpreti 1 Prerequisiti Principi di programmazione Utilizzo di un compilatore 2 1 Introduzione Una volta progettato un algoritmo codificato in un linguaggio

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice Versione A: caricamento ed esecuzione del codice «Nella sua prima versione, la CPU si compone soltanto di registri utili ad accedere alla memoria per leggere il codice operativo da eseguire, come di vede

Dettagli

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Fondamenti di Informatica Modulo 1 Programma dell'a.a. 2003/2004 Luigi Romano Dipartimento di Informatica

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO Lezione di informatica del 31 marzo 2008 (appunti prelevati sulla rete) - Paolo Latella ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO Per architettura di un calcolatore elettronico si intende l'insieme delle

Dettagli

Assembler 8086/8088: Concetti Generali

Assembler 8086/8088: Concetti Generali L Assembler 8086 Concetti Generali M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni Operatori

Dettagli

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I Graziano Frosini ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I ASSEMBLER E CORRISPONDENZA FRA C++ E ASSEMBLER CON RIFERIMENTO AL PERSONAL COMPUTER E ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE DJGPP Copyright MMIX ARACNE editrice

Dettagli

E una notazione per descrivere gli algoritmi.

E una notazione per descrivere gli algoritmi. Linguaggio di Programmazione E una notazione per descrivere gli algoritmi. Programma:: e la rappresentazione di un algoritmo in un particolare linguaggio di programmazione. In generale, ogni linguaggio

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n Rappresentare le informazioni con un insieme limitato di simboli (detto alfabeto A) in modo non ambiguo (algoritmi di traduzione tra codifiche) Esempio: numeri interi assoluti Codifica decimale (in base

Dettagli

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Rappresentazione dell informazione Tutta l'informazione in un calcolatore è

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A 1 Calcolatori Elettronici L-A Obiettivo del modulo è lo studio dei seguenti aspetti dell hardware dei calcolatori: l architettura i principi di funzionamento le tecniche di progettazione l impatto dell'architettura

Dettagli

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009)

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) Parte I Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) I.1 Evoluzione degli Elaboratori N.B. Quasi tutto è successo negli ultimi 50 anni I.2 Generazione 0 (1600-1945) Pascal (1623-1662) Pascaline:

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI Informatica con esercitazioni Prof. Onofrio Greco Modulo 1 Concetti di base dell ICT Modulo 2 Uso del Computer e Gestione dei File Modulo

Dettagli

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57 I Indice generale Prefazione viii 1 Il calcolatore: astrazioni e tecnologia 1 1.1 Introduzione 1 Tipi di calcolatore e loro caratteristiche 2 Cosa si può imparare da questo libro 5 1.2 Cosa c è dietro

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Corso di Laurea per "Tecnico Ortopedico" 03

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Corso di Laurea per Tecnico Ortopedico 03 Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Corso di Laurea per "Tecnico Ortopedico" a.a. 2002-03 03 Prof. Luigi Borrelli Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Napoli - Federico II a.a.

Dettagli

Lezione 3. Sommario. Le operazioni aritmetiche binarie. L aritmetica binaria. La somma La sottrazione La moltiplicazione

Lezione 3. Sommario. Le operazioni aritmetiche binarie. L aritmetica binaria. La somma La sottrazione La moltiplicazione Lezione 3 Le operazioni aritmetiche binarie Sommario L aritmetica binaria La somma La sottrazione La moltiplicazione 1 Definizione Si indica con il termine bit più significativo il bit più a sinistra,

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2013/14. Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2013/14. Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it. 1 Mattia Monga Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2013/14 1 cba 2008 14 M. Monga. Creative Commons Attribuzione Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

Sistemi di numerazione: generalità

Sistemi di numerazione: generalità Sistemi di numerazione: generalità Nel corso della storia sono stati introdotti diversi sistemi di numerazione, dettati di volta in volta dalle specifiche esigenze dei vari popoli. Poiché ogni numero maggiore

Dettagli

Integer Java Virtual Machine (IJVM)

Integer Java Virtual Machine (IJVM) Integer Java Virtual Machine (IJVM) Calcolatori Elettronici II Prof. Antonino Mazzeo mazzeo@unina.it Ing. Luigi Romano Ing. Alessandro Cilardo Ing. Luigi Coppolino lrom@unina.it acilardo@unina.it lcoppoli@unina.it

Dettagli

3. Programmazione strutturata (testo di riferimento: Bellini-Guidi)

3. Programmazione strutturata (testo di riferimento: Bellini-Guidi) Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) 3. (testo di riferimento: Bellini-Guidi) Ing. Agnese Pinto 1 di 28 Linguaggi di programmazione Un programma è un algoritmo

Dettagli

Lezione E3. Architettura ARM - I. Sistemi embedded e real-time

Lezione E3. Architettura ARM - I. Sistemi embedded e real-time Lezione E3 Sistemi embedded e real-time 11 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E3.1 Di cosa parliamo in questa lezione?

Dettagli

Appunti per il corso di Laboratorio di informatica: Architetture

Appunti per il corso di Laboratorio di informatica: Architetture Appunti per il corso di Laboratorio di informatica: Architetture a cura di Annalisa Massini VERSIONE PRELIMINARE Docenti: Annalisa Massini canale A H Andrea Sterbini canale G Z AA 2000/2001 Parte prima

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

Il memory manager. Gestione della memoria centrale

Il memory manager. Gestione della memoria centrale Il memory manager Gestione della memoria centrale La memoria La memoria RAM è un vettore molto grande di WORD cioè celle elementari a 16bit, 32bit, 64bit (2Byte, 4Byte, 8Byte) o altre misure a seconda

Dettagli

Strutture dei sistemi operativi

Strutture dei sistemi operativi Contenuti della lezione di oggi Strutture dei sistemi operativi Descrizione dei servizi messi a disposizione dell utente dal SO Utente generico Programmatore Esame delle possibili strutture di un SO Monolitica

Dettagli

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Il linguaggio assembly 8086

Il linguaggio assembly 8086 Il linguaggio assembly 8086 Introduzione Il linguaggio macchina Il linguaggio naturale di un microprocessore è il linguaggio macchina. Nel linguaggio macchina non esistono riferimenti astratti o simbolici

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli