COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari)"

Transcript

1 COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, 91, comma 1 del decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta economicamente vantaggiosa ai sensi dell art. 83, comma 2, lett. a) decreto legislativo n. 163 del 2006 P.O.N. SICUREZZA PER LO SVILUPPO. OBIETTIVO CONVERGENZA FORNITURA ED INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA TERRITORIALE NEL COMUNE DI CORATO PROVINCIA DI BARI. SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Denominazione ufficiale: COMUNE DI CORATO Indirizzo postale: Piazza Matteotti, 7 Città: CORATO CAP / ZIP: Paese: Italia Punti di contatto: All attenzione di: - Ufficio Polizia Municipale - Ufficio Contratti e Appalti Telefono: / / Posta elettronica: Fax: / Indirizzi internet: Amministrazione aggiudicatrice: Ulteriori informazioni sono disponibili presso: Il capitolato speciale d appalto e la documentazione complementare sono disponibili presso: Le offerte vanno inviate a: i punti di contatto sopra indicati si veda l allegato A.I i punti di contatto sopra indicati si veda l allegato A.II i punti di contatto sopra indicati si veda l allegato A.III SEZIONE II: OGGETTO DELL APPALTO II.1) Descrizione II.1.1) Denominazione conferita all appalto dall amministrazione aggiudicatrice: Procedura aperta per la realizzazione del SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CORATO (BA). II.1.2) Tipo di appalto e luogo di esecuzione: FORNITURA E POSA IN OPERA Sito o luogo principale dei lavori: Comune di Corato II.1.3) L avviso riguarda un appalto pubblico II.1.5) Breve descrizione dell appalto: L appalto riguarda la realizzazione di un sistema per la videosorveglianza territoriale del Comune di Corato (Ba) e della relativa sala apparati e sala di controllo 1

2 previste nell'ufficio della Polizia Locale, così come dettagliato nel Capitolato Tecnico. II.1.8) Divisione in lotti: sì no II.1.9) Ammissibilità di varianti: sì no II.2) Quantitativo o entità dell appalto II.2.1) Quantitativo o entità totale (in euro, IVA esclusa) ,11, di cui oneri di progettazione (soggetti a ribasso) a) Categoria prevalente: OS19 Classifica: I II.2.2) Opzioni: sì no II.3) Durata dell appalto o termine di esecuzione Periodo in giorni: a) il progetto esecutivo riguardante la posa in opera delle videocamere deve essere consegnato entro 15 giorni dall ordine del RUP; b) l intero sistema dovrà essere realizzato entro tre mesi dalla data di consegna dei lavori ovvero nel minor tempo offerto dall aggiudicatario. SEZIONE III: INFORMAZIONI DI CARATTERE GIURIDICO E TECNICO III.1) Condizioni relative all appalto III.1.1) Cauzioni e garanzie richieste a) per i concorrenti: garanzia provvisoria di euro 3.966,94 (2% dell importo dell appalto), ex art. 75 del d.lgs. n. 163 del 2006, mediante cauzione con versamento in contanti in tesoreria o fideiussione conforme allo schema 1.1 approvato con d.m. n. 123 del 2004; b) per l aggiudicatario: 1) garanzia fideiussoria definitiva non inferiore al 10% dell importo del contratto, incrementabile in funzione dell offerta, ex art. 113 del d.lgs. n. 163 del 2006, mediante fideiussione conforme allo schema 1.2 approvato con d.m. n. 123 del 2004; 2) polizze assicurative previste nella parte II Clausole contrattuali punto 2 del Capitolato Tecnico. Importi della garanzia provvisoria di cui alla lettera a) e della garanzia fideiussoria di cui alla lettera b), numero 1), ridotti del 50% per i concorrenti in possesso della certificazione del sistema di qualità della serie europea UNI EN ISO 9000, ai sensi dell art. 63 del D.P.R. N. 207/2012, in corso di validità. III.1.2) Principali modalità di finanziamento e di pagamento a) Pon Sicurezza per lo Sviluppo - Obiettivo Convergenza cofinanziato dall Unione Europea e dal FESR nell ambito dell Asse I (Sicurezza per la libertà economica e d impresa) Obiettivo Operativo 1.1 ( Rendere il territorio meno aggredibile da fattispecie criminose che rappresentano un grave ostacolo allo sviluppo economico, alla civile convivenza, alla qualità e produttività del lavoro e all attrattività dei territori) del Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo sviluppo Obiettivo Convergenza ). III.1.3) Forma giuridica che dovrà assumere il raggruppamento aggiudicatario dell appalto: Ai sensi di quanto disposto dall art. 37 del D. Lgs. n. 163/2006 III.1.4) Altre condizioni particolari cui è soggetta la realizzazione dell appalto: sì no III.2) Condizioni di partecipazione III.2.1) Situazione personale degli operatori, inclusi i requisiti relativi all iscrizione nell albo 2

3 professionale o nel registro commerciale Dichiarazioni sostitutive ai sensi del d.p.r. n. 445 del 2000, in conformità al disciplinare di gara, indicanti: 1) iscrizione alla C.C.I.A.A. o altro registro ufficiale per i concorrenti stabiliti in altri paesi della U.E.; 2) assenza delle cause di esclusione di cui all art. 38, comma 1, del d.lgs. n. 163 del 2006 e ss. mm. e ii.: 3) insussistenza delle condizioni di cui all art. 1 bis, comma 14, della L. n. 383/2001, come modificato dalla L. n. 266/2002. III.2.2) Capacità economica e finanziaria: non richiesta III.2.3) Capacità tecnica Dichiarazioni sostitutive ai sensi del D.P.R. n. 445 del 2000, in conformità al disciplinare di gara, indicanti: a) Iscrizione all albo camerale della C.C.I.A.A. per le attività oggetto dell affidamento; b) attestazione SOA nella categoria OS19, in classifica I; c) Possesso di idonee referenze bancarie rilasciate da almeno un istituto bancario in ordine all affidabilità economica del concorrente d) ammesso avvalimento ai sensi dell art. 49 del d.lgs. n. 163 del 2006 e ss.mm. e ii., alle condizioni previste dal disciplinare di gara. III.2.4) Appalti riservati: sì no SEZIONE IV: PROCEDURA IV.1) Tipo di procedura IV.1.1) Tipo di procedura: aperta IV.2) Criteri di aggiudicazione IV.2.1) Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa in base ai criteri indicati nel disciplinare di gara IV.3) Informazioni di carattere amministrativo IV.3.1) Numero di riferimento attribuito al dossier dall amministrazione aggiudicatrice: CUP.: I53D CIG: EC2 IV.3.2) Pubblicazioni relative allo stesso appalto sì no IV.3.3) Condizioni per ottenere il capitolato d oneri e la documentazione complementare Termine per il ricevimento delle richieste di documenti o per l accesso ai documenti: Giorno: Giovedì Data: Ora: Documenti a pagamento sì no Prezzo da concordare Condizioni e modalità di pagamento: Pagamento in contanti direttamente presso la copisteria all indirizzo di cui all allegato A punto II IV.3.4) Termine ultimo per il ricevimento delle offerte: Giorno: Lunedì Data: Ora:

4 IV.3.6) Lingue utilizzabili per la presentazione delle offerte: Italiano IV.3.7) Periodo minimo durante il quale l offerente è vincolato alla propria offerta giorni: 180 (dal termine ultimo per il ricevimento delle offerte) IV.3.8) Modalità di apertura delle offerte Giorno: Mercoledì Data: Ora: 9 30 Luogo: COMUNE DI CORATO Piazza Matteotti, 7- Uffici al 1 piano Persone ammesse ad assistere all apertura delle offerte: sì no Rappresentanti dei concorrenti, in numero massimo di 1 persona per ciascuno; i soggetti muniti di delega o procura, o dotati di rappresentanza legale o direttori tecnici dei concorrenti, come risultanti dalla documentazione presentata, possono chiedere di verbalizzare le proprie osservazioni. SEZIONE VI: ALTRE INFORMAZIONI 4

5 VI.1) Trattasi di un appalto periodico: sì no VI.2) Appalto connesso ad un progetto/programma finanziato da fondi comunitari: sì Indicare il progetto e/o il programma: Pon Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza Obiettivo Operativo 1.1 VI.3) Informazioni complementari: 1) Appalto indetto con determinazione a contrattare n. 45 del , Settore VI - Vigilanza (art. 55, comma 3, d.lgs. n. 163 del 2006). 2) Aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida (art. 55, comma 4, d.lgs. n. 163 del 2006); 3) Obbligo di indicazione delle parti di lavori e forniture che si intendono subappaltare(art. 118, d.lgs. n. 163 del 2006 e ss.mm.e ii.). 4) La Stazione appaltante non provvede al pagamento diretto dei subappaltatori alle condizioni di cui all art. 118, comma 3, d.lgs. n. 163 del 2006 e ss. mm. e ii.. 5) Obbligo per i raggruppamenti temporanei di indicare le parti di lavori da affidare a ciascun operatore economico raggruppato (art. 37, comma 13, d.lgs. n. 163 del 2006 e ss.mm.e ii.). 6) Obbligo per i consorzi di cooperative e consorzi stabili di indicare i consorziati per i quali il consorzio concorre e, per tali consorziati, dichiarazioni possesso requisiti punto III.2.1) (art. 37, comma 7, d.lgs. n. 163 del 2006 e ss.mm.e ii.). 7) Obbligo di allegare prova documentale di avvenuto pagamento di euro 20,00 a favore dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, pagamento da effettuare con le modalità di cui al disciplinare di gara; 8) Obbligo di sopralluogo da effettuarsi con le modalità di cui al disciplinare di gara; 9) Ogni informazione, specificazione, modalità di presentazione della documentazione per l ammissione e dell offerta, modalità di aggiudicazione, indicate nel disciplinare di gara, parte integrante e sostanziale del presente bando; 10) Disciplinare di gara e modelli per dichiarazioni (utilizzabili dai concorrenti), disponibili al seguente indirizzo internet: 11) La Stazione appaltante si avvale della facoltà di cui all art. 140, commi 1 e 2, d.lgs. n. 163 del 2006 e ss.mm.e ii. per cui in caso di fallimento dell'appaltatore o di risoluzione del contratto per grave inadempimento saranno interpellati progressivamente i soggetti che seguono in graduatoria; 12) la Stazione appaltante si riserva la facoltà di avviare la fornitura in pendenza della formalizzazione del contratto. 13) la presentazione dell offerta non vincola la stazione appaltante che si riserva la facoltà insindacabile di non procedere ad alcun atto di aggiudicazione. 14) Al pagamento delle spese sostenute dal soggetto attuatore è delegato il Fondo di Rotazione del Ministero dell Economia e delle Finanze previa richiesta di erogazione da parte dell Ufficio Pagamenti della Segreteria Tecnica del PON subordinata all esito positivo dei controlli di primo livello. Il pagamento in ogni caso è subordinato alla disponibilità delle risorse nazionali e comunitarie presso il Fondo di Rotazione e quindi l Amministrazione non potrà essere ritenuta responsabile dei ritardi che potrebbero verificarsi nella liquidazione delle fatture dovuti alla mancata disponibilità delle citate risorse. 15) È esclusa la possibilità di cessione dei crediti derivanti da contratti affidati nell ambito dei progetti ammessi al finanziamento del PON Sicurezza. 16) La sottoscrizione dei contratti non impegna il beneficiario finché non è stato approvato dalla Autorità competente, Responsabile di Obiettivo Operativo di Linea di Intervento, e registrato, qualora previsto, presso gli Organi di Controllo. 17) controversie contrattuali deferite all Autorità giudiziaria del Foro di Trani; 18) responsabile del procedimento: dott. Vitantonio Patruno, dirigente del V Settore del Comune di Corato. no VI.4) Procedure di ricorso VI.4.1) Organismo responsabile delle procedure di ricorso Denominazione ufficiale: T.A.R. (Tribunale Amministrativo Regionale) per la Puglia sede di Bari Indirizzo postale: Piazza Massari, 6 Città: BARI Posta elettronica: Codice postale: Telefono: Paese: Italia 5

6 Indirizzo internet (URL): Fax: VI.4.2) Presentazione di ricorsi Informazioni precise sui termini di presentazione di ricorso: a) entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente bando per motivi che ostano alla partecipazione; b) entro 30 giorni dalla conoscenza del provvedimento di esclusione; c) entro 30 giorni dalla conoscenza del provvedimento di aggiudicazione VI.5) Data di pubblicazione del presente avviso sulla G.U.R.I.: Il Dirigente del V Settore - Vigilanza dott. Vitantonio Patruno 6

7 ALLEGATO A Altri indirizzi e punti di contatto I) Indirizzi e punti di contatto presso i quali sono disponibili ulteriori informazioni Denominazione ufficiale: COMUNE DI CORATO Indirizzo postale: Piazza Matteotti, 7 Città: Corato CAP / ZIP: Paese: Italia Punti di contatto: all attenzione di: dott. Giuseppe Loiodice Telefono: / Posta elettronica: Fax: / Indirizzo internet: II) Indirizzi e punti di contatto presso i quali sono disponibili il capitolato d oneri e la documentazione complementare Denominazione ufficiale: COMUNE DI CORATO - UFFICIO CONTRATTI E APPALTI Indirizzo postale: Piazza Matteotti,7 Città: Corato CAP / ZIP: Paese: Italia Punti di contatto: all attenzione di: dott.ssa Filomena Campione Telefono: / Posta elettronica: Fax: / Indirizzi internet: III) Indirizzi e punti di contatto ai quali inviare le offerte Denominazione ufficiale: COMUNE DI CORATO UFFICIO CONTRATTI E APPALTI Indirizzo postale: Piazza Matteotti, 7 Città: CORATO CAP / ZIP: Paese: Italia Punti di contatto: all attenzione di: Posta elettronica: Indirizzi internet: Telefono: + Fax: http: 7

8 Progetto di videosorveglianza territoriale PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CORATO (BA) CORATO SICURA CIG: XXXXXXXXXX CUP: n I53D

9 2

10 I N D I C E 1 PREMESSA INTRODUZIONE OBIETTIVI PARTE I OGGETTO DELLA FORNITURA DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA SITI E SENSORISTICA DI CAMPO INFRASTRUTTURA DI TRASPORTO CENTRALE OPERATIVA SALA CONTROLLO SALA APPARATI APPARATI DI CAMPO: TELECAMERE TELECAMERE FISSE TELECAMERE BRANDEGGIABILI ILLUMINATORI SISTEMA DI TRASMISSIONE SISTEMA DI TRASMISSIONE DA AMPLIARE (O POTENZIARE) IN MODALITÀ WIRELESS SISTEMA DI TRASMISSIONE DA POTENZIARE IN MODALITÀ WIRED (FIBRA OTTICA) ALIMENTAZIONE ELETTRICA DEI SITI PRESCRIZIONI RIGUARDANTI I CIRCUITI, CAVI E CONDUTTORI CANALIZZAZIONI SCAVI, REINTERRI TRASPORTI SERVIZI ADDESTRAMENTO FORMATIVO CONDIZIONI GENERALI. 21 PARTE II CLAUSOLE CONTRATTUALI 1 TEMPI DI REALIZZAZIONE 19 2 RESPONSABILITA E ASSICURAZIONI 20 3 CAUZIONE DEFINITIVA 20 3

11 4 SERVIZI COMPRESI NELLA FORNITURA 21 5 MODALITA E TERMINI PER PER L ESECUZIONE DELLA FORNITURA E POSA IN OPERA: PROROGHE E SOSPENSIONI 6 EMISSIONE DI ORDINE IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO ULTIMAZIONE DELLA FORNITURA E POSA IN OPERA 22 8 TERMINE DI ULTIMAZIONE E SANZIONI PER INOSSERVANZA DEGLI OBBLIGHI 22 9 PAGAMENTI COLLAUDO RISOLUZIONE DEL CONTRATTO CONTROVERSIE RISCHI OSSRVANZA DI LEGGI E DISPOSIZIONI NORMATIVE E RETRIBUTIVE RISULTANTI DAI CONTRATTI COLLETTIVI DI LAVORO SUBAPPALTO E CESSIONE DEL CONTRATTO CESSIONE DEI CREDITI TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI SPESE CONTRATTUALI RISERVATEZZA NORME CONCLUSIVE 25 4

12 1 PREMESSA L esigenza di sicurezza e sicuramente una priorità delle convivenza civile, ma anche un bisogno legato al singolo individuo. Nell ambito di programmi di sicurezza partecipata e di recupero della cultura della legalità e della vivibilità, il fabbisogno di sicurezza viene affrontato cercando risposte tese ad un approccio integrato. La sicurezza integrata puo essere applicata attraverso la ricerca e l attuazione di nuove e piu efficaci forme di cooperazione e coordinamento tra le Forze di Polizia e Polizia Locale. Tale cooperazione puo rendersi possibile anche attraverso la realizzazione di sistemi di videosorveglianza evoluti in grado di fornire elementi di deterrenza, prevenzione, contribuendo alla diffusione di una percezione di un territorio piu sicuro e quindi piu vivibile. 2 INTRODUZIONE Il seguente Capitolato descrive la soluzione che il Comune di Corato intende adottare al fine di aumentare il livello di percezione di sicurezza della Comunità, rendendo il territorio meno aggredibile da fattispecie criminose, che rappresentano un grande ostacolo allo sviluppo economico, alla civile convivenza, alla qualità e produttività del lavoro e all attrattività del territorio. Il presente capitolato contiene le specifiche tecniche alla base della progettazione preliminare predisposta dal Comune e della realizzazione del sistema di videosorveglianza cittadina comprensiva dei servizi di istallazione, configurazione e durata complessiva della garanzia dell intera fornitura. 3 OBIETTIVI L obiettivo dell Amministrazione Comunale e di installare un sistema che consenta: Un controllo dei luoghi ritenuti sensibili in alternativa alla presenza fisica degli Agenti di Polizia Locale; Gestione centralizzata del sistema; Contenimento dei costi di gestione dei servizi di sorveglianza; Possibilità di memorizzazione delle immagini per invio a autorità competenti; Rispetto della normativa vigente in materia di Privacy; Realizzazione di un infrastruttura di proprietà dell Amministrazione; Realizzare un sistema che si possa successivamente interfacciare con quello del PIT 2 che a breve diventerà di proprietà comunale. 5

13 PARTE I 4 OGGETTO DELLA FORNITURA L offerente dovrà formulare una progettazione esecutiva di dettaglio in cui sia posta in evidenza la modalità di esecuzione dell intero progetto chiavi in mano. Con il termine fornitura chiavi in mano si intende un progetto omnicomprensivo delle seguenti attività ed opere accessorie per dare il sistema finito e funzionante: la fornitura ed installazione delle varie apparecchiature; la fornitura in opera di eventuali pali di supporto, se necessari dalla progettazione previsti, compreso i plinti di fondazione; le cassette di tipo stradale, per il contenimento degli alimentatori, degli interruttori di protezione delle alimentazioni e degli accessori di cablaggio, se necessari dalla progettazione previsti; armadi a rack secondo quanto previsto in progettazione, da ubicare presso la Centrale Operativa, per il contenimento degli apparati di switching, del sistema di videoregistrazione e gestione/controllo del sistema di videosorveglianza,del gruppo di continuità per l alimentazione elettrica degli apparati, degli alimentatori, degli interruttori di protezione delle alimentazioni e degli accessori di cablaggio (morsettiere, termostati, ventole, ecc.); le tubazioni, gli scavi ed i ripristini e tutti gli accessori per dare finita a regola d arte l opera; le fornitura delle licenze d uso del software applicativo e del sistema operativo; la redazione della relazione ambientale per le interferenze elettromagnetiche; la fornitura della documentazione as built; la fornitura delle certificazioni (DM 37/2008, etc.); la fornitura degli imballaggi e lo smaltimento degli stessi, il trasporto ed il montaggio; la messa a punto e le prove del sistema fornito; il corso agli operatori; il collaudo in loco; la garanzia minima degli apparati (24 mesi). Le caratteristiche tecniche e funzionali, descritte nel seguito, sono da intendersi come requisiti minimi a cui attenersi e da poter integrare con proposte migliorative nella fase di progettazione esecutiva. Compito del proponente sarà offrire una soluzione progettuale realizzativa di dettaglio, in grado di rispondere alle esigenze minime esposte dalla Committenza e garantire i massimi livelli di performance e sicurezza. 5 DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA Gli elementi ad integrazione dell infrastruttura, a partire dalle singole componenti, devono essere progettati in modo da garantire massime perfomances e scalabilità. I flussi video, catturati dalle telecamere IP, devono essere inviati, a mezzo dell infrastruttura di rete di accesso e di distribuzione, alla Sala Operativa della Polizia Locale, ubicata in via 6

14 Gravina, al civico n. 132, che rappresenta il cuore di tutto il sistema in quanto consentirà la gestione, l archiviazione, l elaborazione e il retrieval dei filmati. In fase di progettazione, se il sistema risulterà più funzionale, il progettista potrà individuare luoghi diversi per l archiviazione delle immagini, anche usufruendo di edifici pubblici comunali esistenti sul territorio purchè le stesse immagini risultino visibili nell immediatezza (live) sugli apparati monitor presenti presso il Comando di Polizia Municipale e facilmente richiamabili a video in momenti successivi. Il progettista dovrà considerare le modalità di acquisizione immagini, i supporti tecnici qualitativamente idonei per il loro rilievo e per la trasmissione tenendo conto della collocazione, dell esistenza o meno di allacciamento energetico, di rete o ponti presenti o da realizzare, il tutto secondo i migliori canoni di progettazione e funzionalità a prescindere dalle condizioni previste nelle schede tecniche progettuali approvata dal Comune ed a base della presente gara. Quest ultima dovrà sempre essere considerata come requisiti minimi e cui attenersi integrandola con proposte migliorative che saranno oggetto di valutazione in fase di apertura delle offerte. I criteri di fattibilità, imposti da ciascuna delle tecnologie adoperate, saranno determinati dall analisi dei rapporti costi/benefici, in relazione all esigenza istallativa dello specifico sito. Il progetto, nel suo complesso, deve prevedere la messa in esercizio di almeno n. 33 telecamere secondo i criteri che il progettista avrà il compito di esplicitare nell elaborato progettuale. 5.1 SITI E SENSORISTICA DI CAMPO Di seguito vengono riportati i luoghi sui quali elaborare il progetto di videosorveglianza. ID Descrizione Sito Indirizzo Sito 1 Centro Abitato Via A. D Oria Via Farinata 2 Via Petrella indirizzando la telecamera Centro Abitato con altra parte di Piazza Marconi non videosorvegliata 3 Centro Abitato Piazza Cesare Battisti 4 Centro Abitato Corso Cavour angolo Via Duomo 5 Centro Storico Piazza Di Vagno 6 Centro Storico Via Sedile 7 Centro Storico Via dei Bambini 8 Centro Storico Laghetto Tarantini 7

15 ID Descrizione Sito Indirizzo Sito 9 Zona Commerciale Viale IV Novembre Via Ruvo 10 Zona Commerciale Piazza Vittorio Emanuele 11 Zona Commerciale Via A. Moro Viale Ettore Fieramosca 12 Zona Commerciale Via Alcide De Gasperi Viale Ettore Fieramosca 13 Zona Commerciale Via Castel del Monte Viale Vittorio Veneto 14 Zona Commerciale: Via Castel del Monte Via Santa Faustina 15 Zona 167 Villa Comunale 16 Zona 167 Stadio 17 Zona 167 Palazzotto dello Sport 6 INFRASTRUTTURA DI TRASPORTO Nell ambito del progetto predisposto dal Comune è stato individuato un sistema di trasporto basato sulla tecnologia wireless. Comune, sarà cura del progettista verificare, sotto la propria responsabilità solidalmente con l offerente, la soluzione più idonea per la trasmissione delle immagini /filmati. In particolare sarà cura del progettista dimensionare il sistema di trasmissione valutando in termini di qualità (throughputh e delay) ipotizzando una sicura implementazione futura del sistema di videosorveglianza. La rete deve essere progettata in maniera tale da garantire il trasporto ottimale dei flussi video provenienti dalle telecamere, fino alla Centrale Operativa, prevista all interno del Comando di Polizia Municipale. All interno della Sala apparati deve essere realizzata l aggregazione dei flussi video provenienti dalle tratte in fibra ottica e dalla rete/i di trasmissione utilizzata. Le terminazioni devono essere collocate all interno di un nodo di concentrazione (rack) opportunamente dimensionato e allestito. All interno dello stesso armadio rack devono essere istallati gli apparati necessari al funzionamento proprio dell impianto (servers). Il dimensionamento della rete (banda necessaria al trasferimento delle immagini) deve essere congrua alla tipologia di telecamere (risoluzione, compressione etc) e alla topologia della rete (distanze o elementi di rete coinvolti nelle tratte fino alla centrale operativa). I dati video trasportati nei tratti di rete wireless di nuova istallazione devono essere crittografati in accordo a quanto richiesto al paragrafo Provvedimento in Materia di Videosorveglianza del 08/04/10 del Garante della Privacy. 8

16 7 CENTRALE OPERATIVA Cuore del sistema di videosorveglianza e la Centrale Operativa. Tale centrale è da intendersi come Sala Apparati e Sala Controllo. Logisticamente le due Sale sono collocate all interno del Comando di Polizia Municipale, anche se di fatto deputata a due diversi ruoli nell ambito della videosorveglianza. In particolare la Sala Apparati è la Sala in cui saranno istallati e configurati tutti gli elementi hardware a corredo del sistema. La sala Controllo è la Sala in cui sarà possibile monitorare e gestire l impianto da parte degli Enti preposti. 7.1 Sala Controllo All interno della sala Controllo, gli operatori autorizzati, dovranno poter visualizzare e gestire le immagini catturate dalle telecamere di campo. Durante le fasi di ricerca e visualizzazione live delle immagini provenienti dalle telecamere periferiche, il sistema deve essere in grado di proseguire autonomamente con la registrazione delle immagini catturate sui sistemi della sala apparati, e non devono verificarsi temporanei congelamenti di immagini o interferenze nei processi avviati. La sala deve essere composta da una componente di gestione dell intero sistema di videosorveglianza e da una componente di analisi video, in grado di rendere l impianto più efficiente in termini di sicurezza, utilizzo e efficienza. Gli enti saranno quindi provvisti di strumenti di analisi e controllo che sfruttano le migliori tecnologie oggi a disposizione, in grado di rendere immediati ed efficaci gli interventi nelle aree monitorate, con finalità di sicurezza della collettività e di mantenimento di decoro dei beni ambientali. L impianto sarà composto da una parte software per la quale è richiesto che il sistema di gestione abbia le seguenti caratteristiche: Collegamento ad un numero adeguato (scalabilità) di telecamere (almeno 50); Supporto di microsoft windows XP professional e Microsoft Windows Server 2008 e comunque ultima versione in commercio; Compatibilità certificata con le periferiche video selezionate; Discovery automatico delle telecamere; Ottimizzazione di utilizzo di banda; Compatibilità con gli standard ONVIF e PSIA; Open API/SDK integrazione con applicazioni di terze parti; Supporto di viewer per smartphone; Ricerca del Motion nell immagine registrata; gestione controlli e selezione preset per eventuali PTZ camera; gestione impostazioni per gli eventi e loro notifiche; gestione e controllo da remoto del sistema; esportazione immagini e/o video; Esportazione registrazioni in JPEG, AVI con audio, WAV e formati di database nativo con visualizzatore stand alone, crittografia dei dati e log di esportazione, note dell'utente e stampa di report con immagini; Autenticazione con Microsoft Active Directory; 9

17 Autorizzazione con Microsoft Active Directory, utenti e gruppi Privilegi d accesso alle telecamere e tutte le azioni svolte dall operatore con le medesime, devono essere memorizzate separatamente per ogni telecamera; Estrazione di singoli fotogrammi. In aggiunta al sistema di gestione deve essere realizzato un sistema di analisi video in grado di rendere ancora più efficiente l intera azione dell impianto da realizzarsi. I moduli di video analisi devono osservare i seguenti requisiti: disponibilità per ambienti Windows e per ambienti Linux, 32bit o 64bit; robustezza ed efficacia nel filtrare falsi allarmi dovuti a fenomeni atmosferici, variazioni di luminosità, vegetazione, ombre, tramite algoritmi auto adattivi Acquisizione flussi video da: o telecamere IP di almeno 10 produttori; o piattaforme VMS di almeno 10 produttori; o filmati compressi in tutti i formati standard (JPEG, MPEG4, H264, ). Invio automatico e in tempo reale degli allarmi verso: o VMS di almeno 10 produttori; o Centraline di allarme, tramite schede I/O compatibili con protocollo Modbus; o Indirizzi e mail, con attachment di screenshot relativo all allarme generato; o Server FTP; o Porte seriali via PLC; o Network call via HTTP. A supporto del sistema di gestione la sala di controllo deve prevedere: Video server in formato RACH con 4Gb di ram + 4 Gb di ram (4 Gb x ogni processore); 1 Case da 16 slot x HDD; 1 Controller RAID ARC x 16canali; 1 HDD; 2 Armadio RACK 42 U; 1 Postazione operatore; 1 UPS; 1 Swtch di rete; n. 1 sistema operativo windows 7 professionale; 1 Software MVR 64 ; 1 Software professionale di video-registrazione per sistemi MONO-UTENTI. 1 Realizzazione ed installazione sala controllo: PC client con processore Intel, RAM 4 Gb, HDD ; 1 Monitor 42 1 Monitor

18 Si fa rilevare come in fase di esame dell offerta, saranno valutate positivamente soluzioni di videosorveglianza (telecamere e software applicativo) di un unico produttore. 7.2 Sala Apparati La sala apparati è il luogo dove fisicamente sarà predisposto l hardware necessario alla funzionalità del sistema. La sala apparati necessita di una opportuna sistemazione logistica per rispondere alle nuove esigenze di conformità e sicurezza della stessa. Il tutto deve essere perfettamente funzionante con i supporti che la ditta partecipante alla gara valuterà necessari. In particolare la ditta offerente dovrà fornire un: Sistemazione impianto dati; Adeguamento, se necessario, dell impianto elettrico (certificazione di conformità) e realizzazione del quadro elettrico autonomo; Adeguamento dell impianto di condizionamento, se necessario, (commisurato al fabbisogno emerso in termini di calore dissipato dalle apparecchiature istallate) realizzato con macchine di condizionamento con tecnologia ad inverter BTU adeguato o integrato con quello esistente; All interno della sala apparati deve essere predisposto un rack da almeno 33 Unità completamente allestito nelle componenti passive (patch panel, patch cord, strisce di alimentazione etc) e nelle componenti attive salvo numero maggiore in base all offerta presentata. In particolare deve essere previsto: Un UPS per montaggio a rack con capacità almeno di 1000VA e comunque in grado di garantire una continuità elettrica di almeno 30 minuti; Uno o più Server per la gestione del sistema (gestione e videoanalisi); dischi SATA o Serial Attached SCSI (SAS) e tecnologia PCI Express Gen2. Memoria espandibile fino a 192GB, almeno 2 HD da 1 TB e sistema operativo incluso; Hardware dimensionato per lo storage dei flussi video di almeno 15 fps 7 giorni h24; Un sistema di back up dei segnali video; Switch Ethernet 10/100/1000 con uplink 1 Gb o 10 Gb, gestibile e impilabile. 8 APPARATI DI CAMPO: TELECAMERE E richiesta la fornitura e posa in opera di almeno 08 telecamere dome brandeggiabili ed almeno n. 25 telecamere fisse per un totale di almeno 33 telecamere. 8.1 Telecamere fisse Le telecamere di contesto, fisse, dovranno essere tali da permettere una visione quanto più ampia dell'area di ripresa. Le caratteristiche tecniche degli apparati di ripresa dovranno essere rispondenti alle caratteristiche minime di seguito descritte: telecamera IP nativa, aggiornabile via IP; ottica fissa intercambiabile o varifocal, da individuare in funzione delle esigenze con 11

19 angolo di ripresa indicativo compreso tra 20 e 120 ; tecnologia del sistema di ripresa mediante sensore a colori; sensibilità del complesso di ripresa almeno 0,5 Lux in modalità calore (day) e almeno 0,05 Lux in modalità B/N (night) misurati a 50 IRE; risoluzione minima del sensore: full HD (1920xl080); caratteristiche minime dl flusso video: 1.3 megapixel (1280xl024) e non inferiore 9 fps; modalità di funzionamento di tipo "day&night" con commutazione automatica; algoritmo di compressione dei flussi video: Motion JPEG, H264 e sue evoluzioni; Funzionalità di Activity Detector incorporate; Client NTP; n 1 ingresso d'allarme a bordo camera; n 1 uscita; controllo del guadagno, white balance: automatici e regolabili via software; compensazione del controluce di tipo automatico; alimentazione:in bassa tensione con valore non superiore ai 48 Vac, PoE classe 3); Allarme antimanomissione; condizioni di esercizio: sarà cura della ditta individuare la tipologia di custodia per la telecamera in funzione delle condizioni climatiche minime e massime (temperatura, umidità) del luogo di installazione in modo che sia garantito il corretto funzionamento per tutto l'arco dell'anno e comunque in un intervallo non inferiore a ( 10 ;+45 ) e umidità(20%;80%); grado di protezione della custodia: l'apparato deve essere protetto dagli agenti atmosferici quali pioggia. salsedine, polveri tipiche del luogo di installazione garantendo così il livello massimo di funzionamento e comunque non inferiore a IP65, eccetto nei casi estremi in cui si richieda una tenuta stagna per cui il valore va esteso a IP66; Compatibilità con la illuminazione pubblica specie se collocata su pali o bracci comunali; Autonomia di almeno 2 ore nell eventuale ipotesi che venisse meno l energia elettrica. 8.2 Telecamere brandeggiabili telecamera IP nativa, aggiornabile via IP; telecamera a colori di tipo "DAY/NIGHT"; matrice attiva del sensore con numero di pixel non inferiore 704x576 (4CIF); frame rate non inferiore a 20fps; sensibilità del complesso di ripresa almeno 0,5 Lux in modalità colore (day) e almeno 0,005 Lux in modalità B/N (night); obiettivo autofocus con zoom {minimo 35X ottico con minimo F.l.4, auto iris, 12X digitale); algoritmo di compressione dei flussi video: Motion JPEG, H264 e sue evoluzioni; algoritmo di trasporto dei flussi video: RTSP; 12

20 brandeggio a velocità variabile orizzontale di tipo endless e verticale controllabile da remoto; PTZ meccanico; Funzionalità di Activity Detector Incorporate; Client NTP; n 16 Posizioni angolari preselezionabili (Preset); n 8 Sequenze di Preset (Tour) n l ingressi d'allarme a bordo camera; almeno n l uscita d'allarme a bordo camera; n 8 Zone di esclusione (Privacy Mask); Pattugliamento automatico; alimentazione: in bassa tensione con valore non superiore ai 48 Vac, oppure PoE: condizioni di esercizio: sarà cura della ditta individuare la tipologia di custodia per la singola telecamera in funzione delle condizioni climatiche minime e massime (temperatura, umidità) del luogo di installazione in modo che sia garantito il corretto funzionamento per tutto l'arco dell'anno e comunque in un intervallo non inferiore a ( 10 ;+45 ) e umidità (20%;80%); grado di protezione della custodia: l'apparato deve essere protetto dagli agenti atmosferici quali pioggia, salsedine, polveri tipiche del luogo di installazione, garantendo cosi il livello massimo di funzionamento e comunque non inferiore a IP65, eccetto nei casi estremi in cui si richieda una tenuta stagna per cui il valore va esteso a IP66; Alloggiamento scheda di memoria SD SDHC; Fornitura SDK per sviluppo terze parti; Compatibilità con la illuminazione pubblica specie se collocata su pali o bracci comunali; Autonomia di almeno 2 ore nell eventuale ipotesi che venisse meno l energia elettrica. 8.3 Illuminatori Man mano che la luce diminuisce al di sotto di un determinato livello, la telecamera può automaticamente passare in modalità notturna per utilizzare la luce a infrarossi (IR) e generare immagini in bianco e nero di alta qualità. La luce a infrarossi, che va da 700 nanometri (nm) sino a circa 1000 nm, è superiore a quanto l occhio umano può percepire, ma può essere rilevata e utilizzata dalla maggior parte dei sensori di telecamera. Durante il giorno, una telecamera per riprese diurne e notturne utilizza un filtro IR. La luce IR viene filtrata in modo che non vengano distorti i colori delle immagini percepite dall occhio umano. Quando la telecamera è in modalità notturna (bianco e nero), il filtro IR viene rimosso, consentendo alla telecamera di raggiungere un livello di sensibilità alla luce pari allo 0,001 lux o inferiore. Ciò nonostante l offerente può prevedere, in base alle condizioni di luminosità dei singoli siti, degli illuminatori ad infrarosso integrativi in grado di rendere una migliore e più efficace visibilità anche in notturno. 13

COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari)

COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta del prezzo più basso mediante

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Ufficio Unico Pit 2 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta del prezzo più basso mediante ribasso sull

Dettagli

Comune di Gorlago Provincia di Bergamo

Comune di Gorlago Provincia di Bergamo Comune di Gorlago Provincia di Bergamo Cap 240 - Viale Mons. Facchinetti 1 - telefono 035.4252611 telefax 035.4252640 e-mail tecnico@comune.gorlago.bg.it BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura:

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37, e art. 55, comma 5, Decreto Legislativo n. 163 del 2006 e ss.mm.ii. criterio: offerta al prezzo più basso ai sensi dell art. 82 del

Dettagli

Provincia di Barletta Andria Trani Settore 12 - Edilizia e Manutenzione - Impianti termici - Espropriazioni

Provincia di Barletta Andria Trani Settore 12 - Edilizia e Manutenzione - Impianti termici - Espropriazioni Provincia di Barletta Andria Trani Settore 12 - Edilizia e Manutenzione - Impianti termici - Espropriazioni BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55 decreto legislativo

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Via Roma 2 72023 - Mesagne (Br) tel/fax: 0831 732245 www.comune.mesagne.br.it pec: ambiente@pec.comune.mesagne.br.it SERVIZI AMBIENTALI ED ENERGETICI BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura:

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83 del decreto

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, Decreto Legislativo n. 163 del 2006 e ss.mm.ii. criterio: offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art.

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI BRESSA- NONE

SPECIFICHE TECNICHE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI BRESSA- NONE STADTGEMEINDE BRIXEN Autonome Provinz Bozen CITTÀ DI BRESSANONE Provincia autonoma di Bolzano SPECIFICHE TECNICHE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI BRESSA- NONE Premessa Il seguente documento

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO UFFICIO MANUTENZIONE ORDINARIA UFFICIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Università degli Studi di Ferrara RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO UFFICIO MANUTENZIONE ORDINARIA UFFICIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA DI LAVORI - CONTRATTO APERTO PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA NON PROGRAMMATA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA ANNO 2009 CODICE CIG: 0274255262

Dettagli

COMUNE DI LETTERE PROVINCIA DI NAPOLI UFFICIO TECNICO. CORSO V. EMANUELE n 130 C.A.P. 80050 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

COMUNE DI LETTERE PROVINCIA DI NAPOLI UFFICIO TECNICO. CORSO V. EMANUELE n 130 C.A.P. 80050 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta del prezzo più basso mediante ribasso sul costo/tonn. di smaltimento

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA CITTA DI CASTROVILLARI (Provincia di Cosenza) Piazza Vittorio Emanuele II 87012 Castrovillari (Cosenza) Tel. 0981.2511 Fax. 0981.21007 http://www.comune.castrovillari.gov.it BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA COMUNE DI VILLARICCA (Provincia di Napoli) Corso Vittorio Emanuele, 60 CAP: 80010 Tel. +390818191228/229 Fax: +390818191269 http://www.comune.villaricca.na.it pec: protocollo.villaricca@asmepec.it BANDO

Dettagli

PROGETTO TORTOLÌ SICURA

PROGETTO TORTOLÌ SICURA PROGETTO TORTOLÌ SICURA VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA DI GARA Progetto Sicurezza Urbana del territorio Comunale di Tortolì Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:...

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Via Roma 2 72023 - Mesagne (Br) tel/fax: 0831 732245 www.comune.mesagne.br.it pec: ambiente@pec.comune.mesagne.br.it AREA TECNICA - SERVIZI AMBIENTALI ED ENERGETICI BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA C O M U N E D I P O M E Z I A (PROVINCIA DI ROMA) Ufficio Appalti, Gare e Contratti Via Cicerone, n. 5 06/91146521 - -Fax 06/91146520 e-mail: contratti@comune.pomezia.rm.it BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO

PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO Programma Operativo Nazionale FESR Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007-2013 Obbiettivo Operativo 1.1 PROGETTO PER VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TORREMAGGIORE

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

SETTORE GESTIONE TRIBUTI E APPALTI Servizio Appalti

SETTORE GESTIONE TRIBUTI E APPALTI Servizio Appalti CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE GESTIONE TRIBUTI E APPALTI Servizio Appalti BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura: aperta art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del

Dettagli

UNIONE DI COMUNI MONTEDORO PROVINCIA DI TARANTO

UNIONE DI COMUNI MONTEDORO PROVINCIA DI TARANTO Programma Operativo Nazionale FESR Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007-2013 S.I.M. SISTEMA INTERCOMUNALE MONTEDORO Bando di Gara Videosorveglianza 1 BANDO DI GARA Procedura: aperta articoli

Dettagli

Provincia dell Aquila

Provincia dell Aquila Provincia dell Aquila Dipartimento IV Ricostruzione Settore 4.1 - Edilizia e Programmazione BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA previa acquisizione del progetto definitivo in sede di offerta, progettazione

Dettagli

Comune di Ordona. Piazza Aldo Moro, n. 1-71040 Ordona (FG) utc@comune.ordona.fg.it --PEC: utc@pec.comune.ordona.fg.it. ooooooooo BANDO DI GARA

Comune di Ordona. Piazza Aldo Moro, n. 1-71040 Ordona (FG) utc@comune.ordona.fg.it --PEC: utc@pec.comune.ordona.fg.it. ooooooooo BANDO DI GARA Comune di Ordona Piazza Aldo Moro, n. 1-71040 Ordona (FG) Tel. 0885/796221 - Fax 0885/796067 P.IVA: 00516330719 - C.F.: 81002190718 utc@comune.ordona.fg.it --PEC: utc@pec.comune.ordona.fg.it ooooooooo

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA CITTA DI CASTROVILLARI (Provincia di Cosenza) Piazza Vittorio Emanuele II - 87012 - Castrovillari (Cosenza) Tel. 0981.25211 - Fax. 0981.21007 http://www.comune.castrovillari.cs.it BANDO DI GARA MEDIANTE

Dettagli

Procedura aperta per l acquisizione di un sistema di bordo per le autovetture adibite ai servizi di controllo del territorio Progetto Mercurio

Procedura aperta per l acquisizione di un sistema di bordo per le autovetture adibite ai servizi di controllo del territorio Progetto Mercurio BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA COMUNITARIA Programma Operativo Nazionale FESR Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007-2013 - Acquisizione di un sistema di bordo per le autovetture

Dettagli

BANDO DI GARA - ACCORDO QUADRO MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA - ACCORDO QUADRO MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA - ACCORDO QUADRO MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: aperta art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta economicamente più vantaggiosa ex art.

Dettagli

II.1.1) Denominazione: Appalto integrato per l affidamento della progettazione esecutiva, previa. 1 di 8

II.1.1) Denominazione: Appalto integrato per l affidamento della progettazione esecutiva, previa. 1 di 8 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA APPALTO INTEGRATO Modalità di affidamento: appalto integrato ex art. 53, comma 2, lett. c), D.Lgs.163/2006 Procedura: aperta ex art. 55, comma 5, D.Lgs. 163/2006;

Dettagli

Servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo

Servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo CITTA DI CASTROVILLARI (Provincia di Cosenza) Piazza Vittorio Emanuele II - 87012 - Castrovillari (Cosenza) Tel. 0981.2511 - Fax. 0981.21007 http://www.comune.castrovillari.cs.it BANDO DI GARA MEDIANTE

Dettagli

COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS. BANDO DI GARA Servizi/Forniture

COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS. BANDO DI GARA Servizi/Forniture COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS BANDO DI GARA Servizi/Forniture PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI ANTINTRUSIONE. GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIGILANZA

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Esecuzione di lavori. art. 53, comma 2, lettera a), decreto legislativo n. 163 del 2006

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Esecuzione di lavori. art. 53, comma 2, lettera a), decreto legislativo n. 163 del 2006 COMUNENDI CASARANO PROVINCIA DI LECCE Settore Sviluppo Locale. Servizio Lavori Pubblici. Indirizzo: Piazza San Domenico, n. 73042 CASARANO Tel: 0833 514259 - Fax. 0833 514259 Internet (URL:) www.comune.casarano.le.it

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37, 14 comma 2 lett a), e art. 53, comma 4, periodi primo e terzo decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: ribasso percentuale sull'importo

Dettagli

COMUNE DI MATTINATA. ooooooooo BANDO DI GARA

COMUNE DI MATTINATA. ooooooooo BANDO DI GARA COMUNE DI MATTINATA Provincia di Foggia www.comune.mattinata.fg.it tecnico@comune.mattinata.fg.it Corso Matino n. 68, Mattinata C. F. 83001290713 P. IVA 01009880715 SETTORE 3 SERVIZIO 1: PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo Di Lecce

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo Di Lecce PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE/FESR Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007-2013 Progetto La rete dei responsabili della legalità negli appalti pubblici Obiettivo Operativo 2.7 (CUP F89I12000070006)

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) Via Pietro Nenni n. 11 - C.A.P. 70016 - C.F./P.iva 05165930727 Tel. 080/4784209 Fax 080/4782984 - www.comune.noicattaro.bari.it III Settore: Lavori Pubblici e Manutenzione

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA SETTORE TECNICO COMUNALE

PROVINCIA DI POTENZA SETTORE TECNICO COMUNALE COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI PROVINCIA DI POTENZA SETTORE TECNICO COMUNALE Prot. n 5346 del 27/08/2015 BANDO DI GARA Albo n 605 del 27/08/2015 Lavori di Completamento dell'efficientamento energetico

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Strada delle Scotte n. 15 53100 Siena P.IVA 00388300527. Bando di gara

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Strada delle Scotte n. 15 53100 Siena P.IVA 00388300527. Bando di gara AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Strada delle Scotte n. 15 53100 Siena P.IVA 00388300527 Bando di gara 1. Stazione appaltante: Azienda Ospedaliera Universitaria Senese (AOUS), telefono 0577/585010

Dettagli

1. Nome, indirizzo, numero di telefono e di fax, nonché sito telematico. Senese, Strada delle Scotte n. 14, 53100 Siena; telefono 0577/585010; Telefax

1. Nome, indirizzo, numero di telefono e di fax, nonché sito telematico. Senese, Strada delle Scotte n. 14, 53100 Siena; telefono 0577/585010; Telefax AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE BANDO DI GARA D APPALTO DI LAVORI PUBBLICI 1. Nome, indirizzo, numero di telefono e di fax, nonché sito telematico dell amministrazione aggiudicatrice: Azienda

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione regionale Puglia BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA procedura: art. 3, comma 38 e art. 55, comma 6, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio:

Dettagli

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti SISTEMA TVCC A TECNOLOGIA I.P. Quantit à Costo Unitario Costo Complessivo OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti Si prevede la videosorveglianza nei corridoi principali ai diversi piani in corrispondenza

Dettagli

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE Cuggiono (MI) Via Ugo Foscolo e Scuola Media 1 SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE 1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: E.E.S.CO.

Dettagli

Direzione Interregionale per il Lazio e l Abruzzo Distretto di Roma Servizio Acquisti e Contratti Via Carucci 71, 00143 Roma

Direzione Interregionale per il Lazio e l Abruzzo Distretto di Roma Servizio Acquisti e Contratti Via Carucci 71, 00143 Roma Direzione Interregionale per il Lazio e l Abruzzo Distretto di Roma Servizio Acquisti e Contratti Via Carucci 71, 00143 Roma BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: aperta art. 3, comma 37 e

Dettagli

I. 1 Indirizzo al quale inviare le offerte: Comune di Monte Sant Angelo Protocollo Generale Piazza Roma n. 2, 71037 Monte Sant Angelo;

I. 1 Indirizzo al quale inviare le offerte: Comune di Monte Sant Angelo Protocollo Generale Piazza Roma n. 2, 71037 Monte Sant Angelo; 71037 Monte Sant Angelo Piazza Roma n. 2 Telefono 0884/566244 0884/566242 0884/566220 - Telefax 0884/566212 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI Procedura: aperta

Dettagli

CITTA DI CASTROVILLARI (Provincia di Cosenza)

CITTA DI CASTROVILLARI (Provincia di Cosenza) CITTA DI CASTROVILLARI (Provincia di Cosenza) BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Lavori di «Costruzione del secondo Campo di calcio di Castrovillari - 1 lotto funzionale» CUP: E59B08000050004 APPALTO

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA COMUNE DI SQUINZANO Provincia di Lecce Via Matteotti 10 C.A.P. 73018- Telefono 0832 785032 / Fax 0832 782601 -Settore Tecnico- BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: aperta art. 3, comma 37

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006-a corpo Criterio: offerta economicamente

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO, IN FAVORE DEL COMUNE DI REGGIO CALABRIA,

Dettagli

Denominazione ufficiale: Roma Convention Group

Denominazione ufficiale: Roma Convention Group BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DEMINAZIONE INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Roma Convention Group Indirizzo postale: Viale della pittura, 50 Punti di

Dettagli

SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti

SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura: aperta art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Via Roma 2 72023 - Mesagne (Br) tel/fax: 0831 732245 www.comune.mesagne.br.it pec: ambiente@pec.comune.mesagne.br.it AREA TECNICA - SERVIZI AMBIENTALI ED ENERGETICI P.O.I. ENERGIA - FESR 2007-2013 Finanziamento

Dettagli

BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI

BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI CIG: 5241502049 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Sezione I: ENTE AGGIUDICATORE I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Denominazione ufficiale: Ferrovie Emilia Romagna S.r.l. Indirizzo postale:

Dettagli

Comune di Rimini (RN) Bando di lavori pubblici Sezione I: amministrazione aggiudicatrice I.1) denominazione, indirizzi e punti di contatto: Comune di

Comune di Rimini (RN) Bando di lavori pubblici Sezione I: amministrazione aggiudicatrice I.1) denominazione, indirizzi e punti di contatto: Comune di Comune di Rimini (RN) Bando di lavori pubblici Sezione I: amministrazione aggiudicatrice I.1) denominazione, indirizzi e punti di contatto: Comune di Rimini Direzione lavori pubblici e qualità urbana U.O.

Dettagli

particolare i lavori di adeguamento del comparto pretrattamenti attraverso costruzione di un nuovo manufatto in c.a. destinato

particolare i lavori di adeguamento del comparto pretrattamenti attraverso costruzione di un nuovo manufatto in c.a. destinato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI N 103 CIG. N 02938615C3. SEZIONE I:AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Acquedotto Pugliese S.p.A.

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Appalto lavori

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Appalto lavori COMUNE di MAGLIANO SABINA PROVINCIA DI RIETI BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Appalto lavori Offerta economicamente più vantaggiosa OGGETTO: Lavori di realizzazione di n.2 impianti fotovoltaici da 17.86

Dettagli

Gara di appalto per il progetto: VIDEOSORVEGLIANZA STAZIONI E TRENI IN MOBILITA

Gara di appalto per il progetto: VIDEOSORVEGLIANZA STAZIONI E TRENI IN MOBILITA BANDO DI GARA Gara di appalto per il progetto: VIDEOSORVEGLIANZA STAZIONI E TRENI IN MOBILITA Potenziamento dell equipaggiamento tecnico del personale della Polizia Ferroviaria I.1) Amministrazione Aggiudicatrice:

Dettagli

SICUREZZA PER LO SVILUPPO

SICUREZZA PER LO SVILUPPO PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI SANTA MARIA LA CARITA (NA) - IMPRESE E CITTADINI NEL MIRINO - 1 1. Premessa Il

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA C O M U N E D I P O M E Z I A (PROVINCIA DI ROMA) Ufficio Appalti, Gare e Contratti Via Cicerone, n. 5 06/91146520 - -Fax 06/91146520 e-mail: contratti@comune.pomezia.rm.it BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

CITTÀ DI GRUMO APPULA

CITTÀ DI GRUMO APPULA CITTÀ DI GRUMO APPULA Provincia di Bari IV Settore - Polizia Locale tel. 0803831215 fax 0807831114 poliziamunicipale@comune.grumoappula.ba.it areapoliziamunicipale@pec.comune.grumoappula.ba.it CAPITOLATO

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

ASSOCIAZIONE APRITICIELO BANDO DI GARA

ASSOCIAZIONE APRITICIELO BANDO DI GARA ASSOCIAZIONE APRITICIELO BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzo amministrazione aggiudicatrice, punti di contatto: Associazione Apriticielo Strada Osservatorio

Dettagli

Prot.: 0000225 Monza, lì 21/01/2016

Prot.: 0000225 Monza, lì 21/01/2016 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA I.P.S.S.E.C. A. OLIVETTI VIA LECCO 12-20900 MONZA (MB) Tel. 039324627 - Fax. 039323397 - sito web:

Dettagli

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it Procedura negoziata per l'affidamento in cottimo fiduciario della fornitura relativa all'adeguamento tecnologico, all'ampliamento ed alla manutenzione in sede ed a campo del sistema di videosorveglianza

Dettagli

La cauzione definitiva non dovrà essere cointestata, non trattandosi di Ati, ma dovrà essere stipulata dalla sola impresa concorrente;

La cauzione definitiva non dovrà essere cointestata, non trattandosi di Ati, ma dovrà essere stipulata dalla sola impresa concorrente; CHIARIMENTI SUL BANDO DI GARA DI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA ED ESECUZIONE DEI LAVORI DI ESTENDIMENTO E MIGLIORAMENTO DELLE RETE DI VIDEOSORVEGLIANZA DELL'UNIONE TERRE

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Bando di gara d appalto n. 35/08 Forniture noleggio. www.comune.cagliari.it Ulteriori informazioni e documentazione

COMUNE DI CAGLIARI. Bando di gara d appalto n. 35/08 Forniture noleggio. www.comune.cagliari.it Ulteriori informazioni e documentazione COMUNE DI CAGLIARI Bando di gara d appalto n. 35/08 Forniture noleggio CIG N. 02162810BA I.1) COMUNE DI CAGLIARI, VIA ROMA 145 CAGLIARI, ITALIA - www.comune.cagliari.it Ulteriori informazioni e documentazione

Dettagli

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO (LE)

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO (LE) COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO Provincia di Lecce P.zza Caduti di Nassirja 73040 CASTRIGNANO DEL CAPO (LECCE) Telefono: + 390 0833 751068 - Fax: + 390 0833 530544 ufficiotecnico@comune.castrignanodelcapo.le.it

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE INDICE 1. PREMESSA 4 2. TELECAMERE 4 3. UNITA' DI STORAGE

Dettagli

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SACILE * * * * * * Oggetto: Affidamento della fornitura, installazione, manutenzione preventiva

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio appalti e contratti BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO, IN FAVORE DEL COMUNE DI REGGIO CALABRIA,

Dettagli

Autoparco -Via Carlo Amore

Autoparco -Via Carlo Amore Descrizione dell'intervento e/o materiali Autoparco -Via Carlo Amore Fornitura, installazione, collegamento ad infrastruttura di rete e collaudo di telecamera IP Giorno/Notte tipo DOME a colori, con risoluzione

Dettagli

I.1) I.2) II.1.2) II.1.3) II.1.5)

I.1) I.2) II.1.2) II.1.3) II.1.5) BANDO DI GARA D APPALTO PROCEDURA APERTA SVOLTA IN MODALITÀ TELEMATICA PER L'APPALTO DEI LAVORI AMPLIAMENTO RETE GAS METANO MPA A SERVIZIO DELLA LOCALITÀ MONTELORO DEL COMUNE DI PONTASSIEVE I.1) I.2) SEZIONE

Dettagli

BANDO DI GARA APPALTO INTEGRATO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA SEDE MUNICIPALE

BANDO DI GARA APPALTO INTEGRATO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA SEDE MUNICIPALE BANDO DI GARA APPALTO INTEGRATO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA SEDE MUNICIPALE AGGIUDICAZIONE TRAMITE PROCEDURA APERTA E CRITERIO DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIU VANTAGGIOSA. IPOTESI DI

Dettagli

COMUNE DI OTRANTO Provincia di Lecce Via Basilica - c.a.p. 73028 -Telefono (0836)- 871318 / Fax (0836) 801845

COMUNE DI OTRANTO Provincia di Lecce Via Basilica - c.a.p. 73028 -Telefono (0836)- 871318 / Fax (0836) 801845 COMUNE DI OTRANTO Provincia di Lecce Via Basilica - c.a.p. 73028 -Telefono (0836)- 871318 / Fax (0836) 801845 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA progettazione esecutiva ed esecuzione lavori sulla

Dettagli

COMUNE DI MINERVINO MURGE Settore Lavori Pubblici

COMUNE DI MINERVINO MURGE Settore Lavori Pubblici COMUNE DI MINERVINO MURGE Settore Lavori Pubblici Piazza A. Moro, 6-76013 Minervino Murge (BT) Tel. +390883695880 - Fax: +390883695880 http://www.comune.minervinomurge.ba.it e-mail: llpp_minervinomurge@pec.it

Dettagli

BANDO DI GARA - SETTORI SPECIALI. CIG. n. 34962848D2. ufficiale: Acquedotto Pugliese S.p.A.; Indirizzo Postale: Via Cognetti n. 36

BANDO DI GARA - SETTORI SPECIALI. CIG. n. 34962848D2. ufficiale: Acquedotto Pugliese S.p.A.; Indirizzo Postale: Via Cognetti n. 36 BANDO DI GARA - SETTORI SPECIALI CIG. n. 34962848D2 Sezione I: Ente Aggiudicatore I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Denominazione ufficiale: Acquedotto Pugliese S.p.A.; Indirizzo Postale:

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA STORNARA E TARA Viale Magna Grecia 240 Taranto

CONSORZIO DI BONIFICA STORNARA E TARA Viale Magna Grecia 240 Taranto CONSORZIO DI BONIFICA STORNARA E TARA Viale Magna Grecia 240 Taranto Bando di gara mediante procedura aperta Appalto di LAVORI SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzi e

Dettagli

Server e Gateway VSoIP Pro

Server e Gateway VSoIP Pro IP video Server e Gateway VSoIP Pro Software VSoIP Server 3.2 14/12/2012- G215/2/I Caratteristiche principali VSoIP 3.2 Suite è il sistema di gestione video GANZ per reti Ethernet basato su una reale topologia

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CORPO DI POLIZIA LOCALE SETTORE VI ALLEGATO TECNICO

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CORPO DI POLIZIA LOCALE SETTORE VI ALLEGATO TECNICO CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CORPO DI POLIZIA LOCALE SETTORE VI ALLEGATO TECNICO Premessa: Il Comune di Albano Laziale ha l esigenza di ampliare ed implementare alcune telecamere dell impianto

Dettagli

C I T T A D I A L T A M U R A

C I T T A D I A L T A M U R A C I T T A D I A L T A M U R A PROVINCIA DI BARI (Servizio Contratti-Appalti) Piazza Municipio, n.2 Tel. 080/3107285 Fax 080/310/7204 BANDO DI GARA D APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA lì, 2 Novembre 2011

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BANDO DI GARA D APPALTO SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

REGIONE PIEMONTE BANDO DI GARA D APPALTO SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE REGIONE PIEMONTE BANDO DI GARA D APPALTO SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzo amministrazione aggiudicatrice, punti di contatto: Regione Piemonte Via Viotti n. 8 10121

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA (ART. 54 E SEGG. DEL D.LGS N. 163/2006)

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA (ART. 54 E SEGG. DEL D.LGS N. 163/2006) Citta di Lomazzo P.zza IV Novembre, 4 22074 Lomazzo (Como) Tel. 029694121 fax 0296779146 info@comune.lomazzo.co.it www.comune.lomazzo.co.it C.F. e P. Iva 00566590139 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA (ART.

Dettagli

Comune di Passignano sul Trasimeno (Provincia di Perugia)

Comune di Passignano sul Trasimeno (Provincia di Perugia) BANDO DI GARA PER APPALTO INTEGRATO DI AMPLIAMENTO CIMITERO DEL CAPOLUOGO CUP I83F10000030004 - CIG 0593163596 SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto:

Dettagli

SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Comune di Isola del Giglio (GR) Indirizzo postale: via Vittorio Emanuele,

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE 1/11 1. Oggetto del presente capitolato Il, intende dotare l Area cimiteriale comunale, compresa tra via Rimembranza ad Ovest, via della Centuriazione

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA COMUNE DI UGGIANO LA CHIESA Prov. di Lecce Piazza Umberto I C.A.P. 73020 Tel. 0836 812008 -Fax 0836 812106 - www.comuneuggianolachiesa.it e-mail: ufficio.tecnico@comuneuggianolachiesa.it -Settore Tecnico-

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA = PREZZO PIU BASSO DETERMINATO MEDIANTE MASSIMO RIBASSO SULL IMPORTO DEI LAVORI APPALTO CON CORRISPETTIVO A CORPO = LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTI

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche. dell Emilia Romagna Marche

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche. dell Emilia Romagna Marche MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche dell Emilia Romagna Marche SEDE DI ANCONA ( Codice fiscale 80006190427 ) BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Settore Polizia Locale e Protezione Civile. GARA DI ASTA PUBBLICA Capitolato di Appalto e Disciplinare di gara

Settore Polizia Locale e Protezione Civile. GARA DI ASTA PUBBLICA Capitolato di Appalto e Disciplinare di gara COMUNE DI POGGIOMARINO Provincia di Napoli Settore Polizia Locale e Protezione Civile GARA DI ASTA PUBBLICA Capitolato di Appalto e Disciplinare di gara Per la fornitura di n 2 telecamere fisse e n 1 telecamera

Dettagli

A.O.R.N."AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI"

A.O.R.N.AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA acquisizione del progetto definitivo in sede di offerta, progettazione esecutiva ed esecuzione di lavori sulla base del progetto preliminare art. 53, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "Francesco Da Collo" TVIS021001

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Francesco Da Collo TVIS021001 Prot.n. 4515/C14 Conegliano, 17 giugno 2014 CIG. X940F05DE9 CUP. G23H13000050005 DITTE VARIE PRESENTI IN MEPA ALL ALBO PRETORIO BANDI E GARE OGGETTO: Gara per il cablaggio della rete wireless dell Istituto.

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino Ufficio Patrimonio e-mail contratti@comune.volvera.to.it BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA CASTAGNOLE

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A)

ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A) REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA Direzione generale Servizio tecnico e della prevenzione ELENCO E DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E DELLA FORNITURA (ALLEGATO A) Pubblico Incanto Det.

Dettagli

D. Si chiede se e possibile usufruire dell istituto giuridico dell avvalimento.

D. Si chiede se e possibile usufruire dell istituto giuridico dell avvalimento. RISPOSTE AI QUESITI D. Si chiede se e possibile usufruire dell istituto giuridico dell avvalimento. R. Si conferma la possibilità di usufruire di tale istituto si rimanda al punto al punto 11 del bando

Dettagli

COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara

COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara PROCEDURA APERTA I STRALCIO FUNZIONALE DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI PISTA CICLABILE LUNGO VIA PROVINCIALE A VOGHIERA (LOTTI 1 E 2) - CUP J41B13000250006 Voghiera

Dettagli