VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo;"

Transcript

1 Provvedimento PI FASTWEB-TUTTO GRATIS FINO A NATALE tipo Chiusura istruttoria numero data 18/04/2007 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 16/2007 Procedimento collegato (esito) - Ingannevole Testo Provvedimento PI FASTWEB-TUTTO GRATIS FINO A NATALE Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 18 aprile 2007; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo; VISTO il Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, di cui al D.P.R. 11 luglio 2003, n. 284; VISTI gli atti del procedimento; CONSIDERATO quanto segue: I. RICHIESTA DI INTERVENTO Con richiesta di intervento pervenuta in data 16 ottobre 2006, successivamente integrata in data 26 ottobre 2006 con l acquisizione del messaggio, un consumatore ha segnalato la presunta ingannevolezza, ai sensi del Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo n. 206/05, dello spot radiofonico volto a promuovere l abbonamento a Fastweb entro il 30 settembre 2006, per telefonare, navigare in internet e guardare la televisione con i canali Sky e il digitale terrestre Tutto gratis fino a Natale, diffuso sull emittente Radio 105 in data 11 settembre Il messaggio lascerebbe intendere, contrariamente al vero, che l attivazione dell abbonamento consente di fruire dei servizi indicati, nel periodo considerato, senza il sostenimento di alcun onere. II. MESSAGGIO

2 Il messaggio oggetto della richiesta di intervento consiste in uno spot radiofonico della durata di circa 30 secondi, durante il quale la renna di Babbo Natale chiede al campione di motociclismo Valentino Rossi se è vero che chi si abbona a Fastweb entro il 30 settembre 2006, può telefonare, navigare in internet super veloce e guardare la televisione con i canali Sky e il digitale terrestre Tutto gratis fino a Natale, e il testimonial conferma l esistenza di tale promozione. Subito dopo, una voce fuori campo invita a verificare costi, restrizioni e copertura dell offerta reclamizzata. III. COMUNICAZIONI ALLE PARTI In data 20 novembre 2006 è stato comunicato al segnalante e alla società Fastweb S.p.A., in qualità di operatore pubblicitario, l avvio del procedimento ai sensi del Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo n. 206/05, in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, precisando che l eventuale ingannevolezza del messaggio pubblicitario oggetto della richiesta di intervento sarebbe stata valutata ai sensi degli artt. 19, 20 e 21 del citato Decreto Legislativo, con riguardo alle caratteristiche della promozione pubblicizzata, alle condizioni economiche alle quali vengono forniti i servizi in essa ricompresi, nonché alla rilevanza di eventuali omissioni informative riscontrate nella medesima comunicazione pubblicitaria. IV. RISULTANZE ISTRUTTORIE 1) Informazioni richieste all operatore pubblicitario Contestualmente alla comunicazione di avvio del procedimento è stato richiesto alla società Fastweb S.p.A., in qualità di operatore pubblicitario, ai sensi dell articolo 5, comma 2, lettera a), del D.P.R. n. 284/03, di fornire informazioni e relativa documentazione (anche a diffusione interna) riguardanti: le caratteristiche della promozione che consente di telefonare, navigare in internet e guardare la televisione con i canali Sky e il digitale terrestre, indicando i relativi costi; le condizioni alle quali il consumatore, senza fruire dell offerta promozionale, può attivare l abbonamento a Fastweb comprendente gli stessi servizi sopra indicati; il numero di abbonamenti attivati nel periodo di validità della promozione e i ricavi conseguiti. Al fine di disporre di elementi utili a una più puntuale valutazione dei messaggi, è stato richiesto altresì all operatore pubblicitario di fornire informazioni in merito ad eventuali altre modalità di diffusione del messaggio oggetto della richiesta di intervento. 2) Sintesi delle argomentazioni difensive svolte dall operatore pubblicitario Con memoria pervenuta in data 22 dicembre 2006 l operatore pubblicitario, tra l altro, ha rilevato che: il messaggio individua chiaramente i servizi che, normalmente forniti a pagamento, vengono offerti gratuitamente fino a Natale; in assenza di promozione, l unica offerta di Fastweb che comprende i servizi voce, internet e video è quella denominata FastwebFull, la quale contempla una opzione base, a consumo e al canone di 19 euro mensili, con possibilità di personalizzarla combinando servizi differenti per i quali l utente pagherà, esaurito un bonus di minuti a disposizione, le tariffe predeterminate. L attivazione dell abbonamento è soggetta alla corresponsione di un contributo una tantum di 45 euro se il pagamento è effettuato con carta di credito o di 90 euro se avviene con bollettino postale; l offerta oggetto di segnalazione consiste in un offerta FastwebFull con tutti i servizi gratuiti, e precisamente in un opzione base per la quale, fino al 31 dicembre 2006, il godimento di tutti i servizi non è a consumo, ma è compresa nel canone base di 19 euro mensili; l informazione secondo cui sarebbero eliminati i costi fissi non risulta mai fornita dal messaggio, ma tale circostanza risulta positivamente esclusa dall invito formulato dalla voce fuori campo a verificare costi, restrizioni e copertura dell offerta promozionale; i rilievi mossi nella richiesta di intervento all offerta di Fastweb S.p.A. potrebbero essere pertinenti rispetto al contenuto del messaggio, soltanto ove si utilizzasse come parametro di riferimento un consumatore totalmente sprovveduto, ma ciò non si rinviene nel caso di specie dal momento che i clienti Fastweb appartengono alla categoria degli utenti di servizi di

3 telecomunicazioni integrati, come tali generalmente in possesso di un grado di istruzione medio alto e consapevoli della complessità delle offerte come quella reclamizzata dall operatore pubblicitario. A supporto di tale argomentazione, l operatore ha prodotto una ricerca dell istituto Eurisko. Con comunicazione pervenuta in data 26 gennaio 2007 l operatore pubblicitario, in risposta ad una richiesta di chiarimenti sulla inclusione delle telefonate verso cellulari tra i servizi rientranti nell offerta, ha precisato che la promozione Tutto gratis fino a Natale si applica alle sole telefonate su linea fissa, senza limiti di tempo. 3) Fase conclusiva del procedimento In data 14 febbraio 2007 è stata comunicata alle parti la data di conclusione della fase istruttoria ai sensi dell articolo 12, comma 1, del D.P.R. n. 284/03. L operatore pubblicitario non ha prodotto memorie conclusive. V. PARERE DELL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Poiché il messaggio oggetto del presente provvedimento è stato diffuso per via radiofonica, in data 12 marzo 2007, è stato richiesto il parere all Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ai sensi dell articolo 26, comma 5, del Decreto Legislativo n. 206/05. Con parere pervenuto in data 28 marzo 2007, la suddetta Autorità ha ritenuto che il messaggio pubblicitario descritto al paragrafo II costituisce una fattispecie di pubblicità ingannevole, ai sensi degli artt. 19, 20 e 21, del Decreto Legislativo n. 206/05, sulla base delle seguenti considerazioni: le informazioni sui costi dei servizi di telecomunicazioni costituiscono condizione essenziale di fruizione del servizio offerto e pertanto, pur nella sintesi richiesta dalla presentazione del messaggio, devono essere fornite in maniera evidente e chiaramente percepibile (anche alla luce delle linee guida in merito alle comunicazioni al pubblico delle condizioni di offerta dei servizi di telecomunicazioni offerti al pubblico ed alla introduzione dell Euro adottate dall Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni con delibera n. 417/01/CONS del 7 novembre 2001); il messaggio segnalato, invece, omettendo di indicare che la gratuità dell offerta fa riferimento alle opzioni personalizzate attivabili previo sostenimento dei costi di abbonamento e di attivazione, lascia intendere che i servizi pubblicizzati siano fruibili senza alcun onere a carico dell utente; peraltro, la circostanza che il mezzo di diffusione del messaggio è costituito da una emittente radiofonica, non consente di presumere all ascolto un pubblico selezionato di utenti esperti di offerte relative a servizi integrati di telecomunicazioni. VI. VALUTAZIONI CONCLUSIVE Il messaggio costituito dallo spot radiofonico diffuso su Radio 105 in data 11 settembre 2006, tra l altro, prospetta la possibilità, abbonandosi a Fastweb entro il 30 settembre 2006, di avere le telefonate, internet super veloce e i canali di Sky e del digitale terrestre Tutto gratis fino a Natale. I profili di ingannevolezza oggetto di valutazione riguardano le caratteristiche della promozione pubblicizzata, le condizioni alle quali vengono forniti i servizi in essa ricompresi, nonché la rilevanza di eventuali omissioni informative riscontrate nella comunicazione pubblicitaria. E in effetti, le indicazioni su cui risulta incentrato il messaggio devono considerarsi idonee a creare un particolare affidamento presso i consumatori, che saranno portati ad aderire all offerta di Fastweb in via preferenziale rispetto ad altri operatori del settore, anche in considerazione dell assolutezza con la quale la gratuità dei servizi ricompresi nel pacchetto viene prospettata al consumatore. Stante la formulazione letterale del messaggio, incentrata come detto sul claim Tutto gratis fino a Natale, il consumatore può ragionevolmente ritenere che, nel periodo considerato, la fruizione dei servizi voce, internet e video sia consentita senza alcun esborso economico, anche in esenzione dai costi fissi (canone e attivazione dell abbonamento).

4 Dalle risultanze in atti, invece, risulta che l adesione alla promozione comporta la corresponsione del contributo una tantum di 45 o 90 euro (a seconda delle modalità di pagamento utilizzate) nonché di un canone pari a 19 euro mensili. Pertanto, il costo effettivo della promozione fino a Natale è almeno pari a 102 euro (45 euro di attivazione più 19 euro di canone per tre mesi ). Ad escludere la decettività del messaggio, peraltro, non trova pregio l affermazione dell operatore volta ad enfatizzare la circostanza che lo spot radiofonico si conclude invitando con voce chiara ed in modo assolutamente intelligibile, a verificare costi, restrizioni e copertura. La disciplina in materia di pubblicità ingannevole è volta infatti a salvaguardare la libertà di autodeterminazione del consumatore da ogni interferenza ingiusta fin dal primo contatto pubblicitario, imponendo dunque all operatore commerciale un preciso onere di chiarezza e completezza nella redazione della propria comunicazione d impresa. Inoltre, l idoneità ingannatoria del messaggio è riconducibile anche alla mancanza di informazioni circa il fatto che il servizio voce comprende esclusivamente le chiamate verso l utenza di rete fissa, restando pertanto escluse le telefonate dirette ai numeri di telefonia mobile. La precisazione sulle tipologie di chiamata cui si applica l offerta, costituisce invece una informazione essenziale per la valutazione della convenienza della promozione, e l omissione di indicazioni al riguardo rende il messaggio idoneo ad indurre in errore i consumatori [Cfr. il provvedimento n , adottato dall Autorità in data 7 agosto 2003 a conclusione del procedimento PI 4160 Hello Sempre, con il quale è stato ritenuto ingannevole un messaggio diffuso da un operatore di telefonia fissa, per l assenza di indicazioni circa i limiti costituiti dal fatto che il servizio proposto non comprendeva le chiamate verso i numeri di telefonia mobile. ]. Infine, l asserita capacità dei destinatari della comunicazione pubblicitaria di cogliere gli aspetti dell offerta non chiaramente esplicitati e la portata economica degli stessi, non trova riscontro nelle concrete modalità di diffusione del messaggio dal momento che i programmi di una emittente radiofonica sono ascoltati verosimilmente da un pubblico differenziato sia per età che per estrazione socio-culturale. In ogni caso, è oltremodo evidente che il consumatore, pur se in possesso di un grado di istruzione medio - alto, non sia tenuto necessariamente ad essere informato sui costi effettivi delle offerte dei prodotti di telecomunicazioni integrati, potendo questi preferire l offerta di Fastweb proprio per l apparente convenienza economica dei servizi pubblicizzati. In conclusione, può ritenersi che il messaggio in questione, sulla base delle considerazioni sopra esposte ed in conformità a quanto rilevato dall Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, risulta idoneo ad indurre in errore i consumatori con riguardo alle caratteristiche ed alle condizioni economiche di fornitura dei servizi di telecomunicazioni oggetto dello spot radiofonico. VII. QUANTIFICAZIONE DELLA SANZIONE Ai sensi dell articolo 26, comma 7, del Decreto Legislativo n. 206/05, con la decisione che accoglie il ricorso, l Autorità dispone l applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da a euro, tenuto conto della gravità e della durata della violazione. Inoltre, in ordine alla quantificazione della sanzione deve tenersi conto, in quanto applicabili, dei criteri individuati dall articolo 11 della legge n. 689/81, in virtù del richiamo previsto all articolo 26, comma 12, del Decreto Legislativo n. 206/05: in particolare, della gravità della violazione, dell opera svolta dalle imprese per eliminare o attenuare l infrazione, della personalità dell agente nonché delle condizioni economiche dell impresa stessa. Più specificamente nel caso in questione, con riguardo alla gravità della violazione, si è considerata la dimensione economica dell operatore nonché l ampiezza e la capacità di penetrazione del messaggio che, essendo stato diffuso attraverso una pluralità di mezzi di diffusione (emittenti televisive e radiofoniche nazionali, stampa quotidiana, sale cinematografiche), è suscettibile di aver raggiunto un ampio numero di consumatori. In ordine alla durata della violazione, si è tenuto conto del fatto che dalla documentazione prodotta dall operatore risulta che il messaggio è stato diffuso per un periodo almeno pari a 21 giorni. Considerate la gravità e la durata della violazione, si ritiene di irrogare alla società Fastweb S.p.A. una sanzione pari a euro. Va altresì valutato che sussistono, nel caso di specie, le circostanze aggravanti, in quanto l operatore pubblicitario risulta già destinatario di provvedimenti di ingannevolezza in violazione della normativa in materia di pubblicità ingannevole e comparativa [Cfr. i provvedimenti n adottato in data 15 maggio 2003 a conclusione del procedimento PI 4058 Messaggio Promozionale Fastweb, n

5 adottato in data 25 marzo 2004 a conclusione del procedimento PI4330 Fastweb Ti Porta il Calcio Gratis, n adottato in data 2 febbraio 2005 a conclusione del procedimento PI4658 Sky/Fastweb, n adottato in data 4 agosto 2005 a conclusione del procedimento PI4844 Fastweb 600 Minuti, e n adottato in data 22 dicembre 2005 a conclusione del procedimento PI4896 Adsl Fastweb.]. Considerato, tuttavia, che il richiamato articolo 11 della legge n. 689/81 prevede, al fine di garantire la proporzionalità della sanzione alle condizioni economiche dell impresa, di tenere presente la situazione economica di quest ultima, e che Fastweb S.p.A. ha registrato perdite di rilevante entità, si ritiene di compensare l incremento previsto per l aggravante della recidiva con la riduzione necessaria per adeguare l importo della sanzione alla situazione economica dell operatore pubblicitario. Alla luce dei predetti criteri, la sanzione da applicare alla società Fastweb S.p.A. può essere determinata in misura pari a (diciottomilaseicento euro). RITENUTO, pertanto, in conformità al parere dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, che il messaggio pubblicitario costituito dallo spot radiofonico diffuso su Radio 105 in data 11 settembre 2006, è idoneo ad indurre in errore i consumatori con riguardo alle caratteristiche e condizioni economiche di fornitura dei servizi reclamizzati potendo, per tale motivo, pregiudicarne il comportamento economico. DELIBERA a) che il messaggio pubblicitario descritto al paragrafo II del presente provvedimento, diffuso dalla società Fastweb S.p.A., costituisce, per le ragioni e nei limiti esposti in motivazione, una fattispecie di pubblicità ingannevole ai sensi degli artt. 19, 20, e 21, comma 1, lettere a) e b), del Decreto Legislativo n. 206/05, e ne vieta l ulteriore diffusione; b) che, per la violazione di cui al punto a), alla società Fastweb S.p.A. sia irrogata una sanzione amministrativa pecuniaria di (diciottomilaseicento euro). La sanzione amministrativa di cui alla precedente lettera b) deve essere pagata entro il termine di trenta giorni dalla notificazione del presente provvedimento, con versamento diretto al concessionario del servizio della riscossione oppure mediante delega alla banca o alle Poste Italiane, presentando il modello allegato al presente provvedimento, così come previsto dal Decreto Legislativo 9 luglio 1997, n Decorso il predetto termine, per il periodo di ritardo inferiore a un semestre, devono essere corrisposti gli interessi di mora nella misura del tasso legale a decorrere dal giorno successivo alla scadenza del termine del pagamento e sino alla data del pagamento. In caso di ulteriore ritardo nell adempimento, ai sensi dell articolo 27, comma 6, della legge n. 689/81, la somma dovuta per la sanzione irrogata è maggiorata di un decimo per ogni semestre a decorrere dal giorno successivo alla scadenza del termine del pagamento e sino a quello in cui il ruolo è trasmesso al concessionario per la riscossione; in tal caso la maggiorazione assorbe gli interessi di mora maturati nel medesimo periodo. Dell avvenuto pagamento deve essere data immediata comunicazione all Autorità attraverso l invio di copia del modello attestante il versamento effettuato. Ai sensi dell articolo 26, comma 10, del Decreto Legislativo n. 206/05, in caso di inottemperanza alla presente delibera, l Autorità applica una sanzione amministrativa pecuniaria da a euro. Nei casi di reiterata inottemperanza l Autorità può disporre la sospensione dell attività di impresa per un periodo non superiore a trenta giorni. Il presente provvedimento verrà notificato ai soggetti interessati e pubblicato nel Bollettino dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Avverso il presente provvedimento può essere presentato ricorso al TAR del Lazio, ai sensi dell articolo 26, comma 12, del Decreto Legislativo n. 206/05, entro sessanta giorni dalla data di notificazione del provvedimento stesso, ovvero può essere proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi dell articolo 8, comma 2, del Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1971, n. 1199, entro il termine di centoventi giorni dalla data di notificazione del provvedimento stesso. IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE

6 Fabio Cintioli Antonio Catricalà

VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo;

VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo; Provvedimento PI5459 - PROMOZIONE FIAT FIVE tipo Chiusura istruttoria numero 16407 data 25/01/2007 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 4/2007 Procedimento collegato (esito) - Ingannevole Testo Provvedimento PI5459

Dettagli

VISTO il Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, di cui al D.P.R. 11 luglio 2003, n.

VISTO il Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, di cui al D.P.R. 11 luglio 2003, n. Provvedimento PI5990 - SALVA RATE IBL DI IBL BANCA tipo Chiusura istruttoria numero 17586 data 08/11/2007 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 42/2007 PI5990 - SALVA RATE IBL DI IBL BANCA Provvedimento n. 17586

Dettagli

PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989

PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989 PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 7 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Giorgio Guazzaloca;

Dettagli

Provvedimento PS426 - GRUPPO CERRUTI MULTISERVICES-COSTI FINANZIAMENTO. tipo Chiusura istruttoria. numero 18723. data 07/08/2008 PUBBLICAZIONE

Provvedimento PS426 - GRUPPO CERRUTI MULTISERVICES-COSTI FINANZIAMENTO. tipo Chiusura istruttoria. numero 18723. data 07/08/2008 PUBBLICAZIONE Provvedimento PS426 - GRUPPO CERRUTI MULTISERVICES-COSTI FINANZIAMENTO tipo Chiusura istruttoria numero 18723 data 07/08/2008 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 31/2008 PS426 - GRUPPO CERRUTI MULTISERVICES-COSTI

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XXII - n. 27

Bollettino. Settimanale. Anno XXII - n. 27 Bollettino Settimanale Anno XXII - n. 27 Pubblicato sul sito www.agcm.it il 23 luglio 2012 BOLLETTINO N. 27 DEL 23 LUGLIO 2012 49 PS2480 - BNL-SPESE ISTRUTTORIE FIDO Provvedimento n. 23710 L AUTORITÀ GARANTE

Dettagli

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento 31 luglio 2008 n. 18698 Presidente e Relatore Catricalà

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento 31 luglio 2008 n. 18698 Presidente e Relatore Catricalà Il blocco della funzionalità dell apparecchio di telefonia mobile dopo il periodo di utilizzo esclusivo a favore dell operatore venditore integra limitazione dei diritti contrattuali dell utente, in dispregio

Dettagli

PS4729 - MERCEDES-CLASSE A Provvedimento n. 23449

PS4729 - MERCEDES-CLASSE A Provvedimento n. 23449 PS4729 - MERCEDES-CLASSE A Provvedimento n. 23449 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 28 marzo 2012; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte

Dettagli

PS8801 - AUDI-PUBBLICITÀ LAND OF QUATTRO Provvedimento n. 24472

PS8801 - AUDI-PUBBLICITÀ LAND OF QUATTRO Provvedimento n. 24472 PS8801 - AUDI-PUBBLICITÀ LAND OF QUATTRO Provvedimento n. 24472 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 31 luglio 2013; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

Dettagli

PS7752 - PRESTITEMPO-CONDIZIONI FINANZIAMENTO ABBONAMENTI NAPOLI CALCIO Provvedimento n. 23506

PS7752 - PRESTITEMPO-CONDIZIONI FINANZIAMENTO ABBONAMENTI NAPOLI CALCIO Provvedimento n. 23506 BOLLETTINO N. 16 DEL 7 MAGGIO 2012 37 PS7752 - PRESTITEMPO-CONDIZIONI FINANZIAMENTO ABBONAMENTI NAPOLI CALCIO Provvedimento n. 23506 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 ottobre 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

Provvedimento PS2736 - MULTIFINITALIA-CARTA REFIL. Chiusura istruttoria. numero 21577. data 15/09/2010 PUBBLICAZIONE. Bollettino n.

Provvedimento PS2736 - MULTIFINITALIA-CARTA REFIL. Chiusura istruttoria. numero 21577. data 15/09/2010 PUBBLICAZIONE. Bollettino n. Provvedimento PS2736 - MULTIFINITALIA-CARTA REFIL tipo Chiusura istruttoria numero 21577 data 15/09/2010 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 36/2010 PS2736 - MULTIFINITALIA-CARTA REFIL Provvedimento n. 21577 L

Dettagli

PS4028 - UNIEURO-SOTTOCOSTO SOTTOSCONTO Provvedimento n. 21014

PS4028 - UNIEURO-SOTTOCOSTO SOTTOSCONTO Provvedimento n. 21014 PS4028 - UNIEURO-SOTTOCOSTO SOTTOSCONTO Provvedimento n. 21014 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 aprile 2009; SENTITO il Relatore Professore Piero Barucci; VISTO

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 ottobre 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 29 luglio 2015; SENTITO il Relatore Dott.ssa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

IP177 - TITEL E SOCIETÀ COLLEGATE-CORSO DI INFORMATICA Provvedimento n. 24443

IP177 - TITEL E SOCIETÀ COLLEGATE-CORSO DI INFORMATICA Provvedimento n. 24443 IP177 - TITEL E SOCIETÀ COLLEGATE-CORSO DI INFORMATICA Provvedimento n. 24443 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 10 luglio 2013; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore

Dettagli

PS9249 - CATTOLICA ASSICURAZIONI-INDEBITO RECUPERO CREDITI Provvedimento n. 25642

PS9249 - CATTOLICA ASSICURAZIONI-INDEBITO RECUPERO CREDITI Provvedimento n. 25642 28 BOLLETTINO N. 36 DEL 12 OTTOBRE 2015 PS9249 - CATTOLICA ASSICURAZIONI-INDEBITO RECUPERO CREDITI Provvedimento n. 25642 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 7 ottobre

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 7 ottobre 2015; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

PS9249 - CATTOLICA ASSICURAZIONI-INDEBITO RECUPERO CREDITI Provvedimento n. 25642 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

PS9249 - CATTOLICA ASSICURAZIONI-INDEBITO RECUPERO CREDITI Provvedimento n. 25642 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO PS9249 - CATTOLICA ASSICURAZIONI-INDEBITO RECUPERO CREDITI Provvedimento n. 25642 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 7 ottobre 2015; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XVI - n. 12 10 aprile 2006 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L INFORMAZIONE E L EDITORIA

Bollettino. Settimanale. Anno XVI - n. 12 10 aprile 2006 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L INFORMAZIONE E L EDITORIA Bollettino Settimanale Anno XVI - n. 12 10 aprile 2006 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L INFORMAZIONE E L EDITORIA BOLLETTINO N. 12 DEL 10 APRILE 2006 91 PI4988 - FORMULA VEKA Provvedimento

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012 SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 dicembre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA dell 8 gennaio 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

file://c:\documents and Settings\fulvio\Desktop\d9d12fa3f06f50e3c12576cc004e1dd5.htm

file://c:\documents and Settings\fulvio\Desktop\d9d12fa3f06f50e3c12576cc004e1dd5.htm file://c:\documents and Settings\fulvio\Desktop\d9d12fa3f06f50e3c12576cc004e1dd5.htm Pagina 1 di 9 Provvedimento PS1413 - SPRINTOURS-PROMOZIONI PACCHETTI TURISTICI tipo Chiusura istruttoria numero 20720

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 30 aprile 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA n. ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETÀ WIND TELECOMUNICAZIONI S.P.A. PER LA VIOLAZIONE DEGLI ARTICOLI 70, COMMA 1, E 71, COMMA 1, DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO 2003, N. 259, IN COMBINATO DISPOSTO

Dettagli

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC.

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA Sul

Dettagli

IP117 - RYANAIR Provvedimento n. 23613

IP117 - RYANAIR Provvedimento n. 23613 IP117 - RYANAIR Provvedimento n. 23613 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 30 maggio 2012; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte II, Titolo III,

Dettagli

IP230 - EXPO GUIDE Provvedimento n. 25557

IP230 - EXPO GUIDE Provvedimento n. 25557 IP230 - EXPO GUIDE Provvedimento n. 25557 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 9 luglio 2015; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo

Dettagli

VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 e successive modificazioni (di seguito, Codice del Consumo);

VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 e successive modificazioni (di seguito, Codice del Consumo); PS8985 - ARMANI-PRODOTTI CONTRAFFATTI Provvedimento n. 24703 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 10 dicembre 2013; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29 Bollettino Settimanale Anno XVIII - n. 29 Pubblicato sul sito www.agcm.it il 25 agosto 2008 56 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO 2008 PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE PS7 - SKY-PACCHETTO CALCIO Provvedimento

Dettagli

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 giugno 2012; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte

Dettagli

PS1734 - INTESA SAN PAOLO-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19355

PS1734 - INTESA SAN PAOLO-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19355 PS1734 - INTESA SAN PAOLO-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19355 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 23 dicembre 2008; SENTITO il Relatore Professore

Dettagli

VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 e successive modificazioni (di seguito, Codice del Consumo);

VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 e successive modificazioni (di seguito, Codice del Consumo); PS9476 - HUANG JIA-PRODOTTI MULTIMARCA CONTRAFFATTI Provvedimento n. 25183 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 12 novembre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 marzo 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2013 221/2013/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 novembre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

Delibera n. 18/11/CIR. Definizione controversia Armone/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA

Delibera n. 18/11/CIR. Definizione controversia Armone/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA Delibera n. 18/11/CIR Definizione controversia Armone/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 23 febbraio 2011; VISTA la legge 31 luglio

Dettagli

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE DELIBERAZIONE 14 MAGGIO 2015 222/2015/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

PS1732 - UNICREDIT BANCA DI ROMA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19353

PS1732 - UNICREDIT BANCA DI ROMA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19353 PS1732 - UNICREDIT BANCA DI ROMA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19353 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 23 dicembre 2008; SENTITO il Relatore Professore

Dettagli

DELIBERA DL/076/14/CRL/UD del 29 luglio 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA EVA EDIT MIKULA/VODAFONE OMNITEL N.V. IL CORECOM LAZIO

DELIBERA DL/076/14/CRL/UD del 29 luglio 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA EVA EDIT MIKULA/VODAFONE OMNITEL N.V. IL CORECOM LAZIO DELIBERA DL/076/14/CRL/UD del 29 luglio 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA EVA EDIT MIKULA/VODAFONE OMNITEL N.V. IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Prot. N. Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N.69 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Aricò xxxxx c/ Telecom Italia xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella

Dettagli

Diritto & Diritti - Rivista giuridica elettronica pubblicata su internet

Diritto & Diritti - Rivista giuridica elettronica pubblicata su internet Giurisprudenza nazionale AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento PI5289 - AZIENDA OLEARIA DEL CHIANTI Numero: 15770 Data: 27.7.2006 Pubblicazione: Bollettino nr. 30/2006 SENTITO

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 agosto 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

DELIBERA N. 580/10/CONS

DELIBERA N. 580/10/CONS DELIBERA N. 580/10/CONS Ordinanza- ingiunzione alla società H3G S.p.A. per la violazione dell articolo 5, comma 4, della delibera n. 418/07/CONS, con riferimento agli obblighi imposti in materia di tutela

Dettagli

DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO

DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 23 del 5 maggio 2014

DELIBERAZIONE n. 23 del 5 maggio 2014 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXX XXXXXXXXX XXXXXXXXX XXXXXXXXXX XXX / Fastweb XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Arturo Intelisano /Sky Italia S.r.l.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Arturo Intelisano /Sky Italia S.r.l. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Arturo Intelisano /Sky Italia S.r.l. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 24 APRILE 2014 188/2014/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO DI BILANCIAMENTO DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 30 del 2 settembre 2014

DELIBERAZIONE n. 30 del 2 settembre 2014 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXX XXXXXXXXXX / Siportal XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 169 /15/CONS DIFFIDA ALLA SOCIETÀ TELECOM ITALIA S.P.A. AL RISPETTO DEGLI ARTICOLI 53, 54, 70 E 71 DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO 2003, N. 259 E DELL ARTICOLO 4, DELL ALLEGATO A, DELLA DELIBERA

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

RECUPERO CREDITI DA PARTE DI GE.RI. e ELLIOT SOSPESA ATTIVITA PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE

RECUPERO CREDITI DA PARTE DI GE.RI. e ELLIOT SOSPESA ATTIVITA PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE NEWS 2014 News 2014.012 del 12/04/2014 RECUPERO CREDITI DA PARTE DI GE.RI. e ELLIOT SOSPESA ATTIVITA PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE L Antitrust ha intimato alla società di recupero crediti, la sospensione

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

PS9474 - SVILUPPO E PROGRESSO DI GIAMATTEI L.- BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 25128 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

PS9474 - SVILUPPO E PROGRESSO DI GIAMATTEI L.- BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 25128 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO PS9474 - SVILUPPO E PROGRESSO DI GIAMATTEI L.- BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 25128 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA dell 8 ottobre 2014; SENTITO il Relatore

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 12 aprile 2010 VIS 21/10 Irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge n. 481/1995, nei confronti di Boarezzofuturo S.c.a.r.l.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Simar Tourist di Mencarelli Simonetta & C. S.a.S. /Telecom Italia S.p.A.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Simar Tourist di Mencarelli Simonetta & C. S.a.S. /Telecom Italia S.p.A. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Simar Tourist di Mencarelli Simonetta & C. S.a.S. /Telecom Italia S.p.A. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 9 del 24 novembre 2011 LA DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 9 del 24 novembre 2011 LA DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 9 del 24 novembre 2011 Oggetto: Definizione della controversia XXXXXXX XXXXXXXXXX / Telecom Italia XXX LA DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell Autorità per

Dettagli

L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento n. 11296 ( PI3701 ) THE YORKER INTERNATIONAL UNIVERSITY L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 10 ottobre 2002; SENTITO il Relatore Professor Giuseppe

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 1 del 23 febbraio 2011 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXX XXXXXX XXXX / TELECOM ITALIA XXXXX LA DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 1 del 23 febbraio 2011 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXX XXXXXX XXXX / TELECOM ITALIA XXXXX LA DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 1 del 23 febbraio 2011 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXX XXXXXX XXXX / TELECOM ITALIA XXXXX LA DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell Autorità

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXX XXXXXXXXX /Vodafone Omnitel XX (ex TeleTu) Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXX XXXXXXXXX /Vodafone Omnitel XX (ex TeleTu) Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXX XXXXXXXXX /Vodafone Omnitel XX (ex TeleTu) Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice

Dettagli

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE DELIBERAZIONE 21 MAGGIO 2015 234/2015/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal./BA DELIBERAZIONE N. 140 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TISCALI ITALIA xxx. - NUOVA IMMAGINE xxxx di DE STEFANO xxxx/ IL COMITATO REGIONALE PER

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dott. Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dott. Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA dell 8 ottobre 2014; SENTITO il Relatore Dott. Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA CHIEVE IMMOBILIARE E B.T. ITALIA S.P.A.

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA CHIEVE IMMOBILIARE E B.T. ITALIA S.P.A. Bologna, 16 febbraio 2011 TItolo 1.10.21.55 (ovvero 1.10.21/64) DELIBERAZIONE n. 5/2010 del 16 febbraio 2011 (estratto dal verbale del 16 febbraio 2011) OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA CHIEVE

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 3/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX / N.G.I XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXXX /Clouditalia Telecomunicazioni XXX (già Eutelia XXX XX XX)

Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXXX /Clouditalia Telecomunicazioni XXX (già Eutelia XXX XX XX) Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXXX /Clouditalia Telecomunicazioni XXX (già Eutelia XXX XX XX) Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO

Dettagli

DELIBERA N. 29/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA DITTA XXXX / FASTWEB XXXX

DELIBERA N. 29/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA DITTA XXXX / FASTWEB XXXX DELIBERA N. 29/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA DITTA XXXX / FASTWEB XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il giorno 10 novembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 10 novembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA n. 42/2014 TITOLO 2013.1.10.21.771 2014.1.10.4.1 LEGISLATURA IX Il giorno 10 novembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione

Dettagli

DELIBERA N. 65/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX BRAUT/TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le

DELIBERA N. 65/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX BRAUT/TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le DELIBERA N. 65/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX BRAUT/TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

PS9146 - KUADRA-BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 24883 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

PS9146 - KUADRA-BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 24883 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO PS9146 - KUADRA-BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 24883 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 16 aprile 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 3 del 10 giugno 2011 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXXXX XXX / TELECOM ITALIA XXX LA DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 3 del 10 giugno 2011 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXXXX XXX / TELECOM ITALIA XXX LA DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 3 del 10 giugno 2011 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXXXXXX XXX / TELECOM ITALIA XXX LA DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell Autorità per le garanzie

Dettagli

Provvedimento n. 7410 ( PI2412 ) ISFAR MASTER IN PEDAGOGIA

Provvedimento n. 7410 ( PI2412 ) ISFAR MASTER IN PEDAGOGIA Provvedimento PI2412 ISFAR MASTER IN PEDAGOGIA PUBBLICAZIONE tipo Chiusura istruttoria numero 7410 data 16/07/1999 Bollettino n. 28/1999 Procedimento collegato (esito) - Ingannevole Testo Provvedimento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 7 agosto 2008 VIS 89/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettere a) e d), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Pandora S.p.A. L

Dettagli

DELIBERA DL/005/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA AGENZIA FUNEBRE PORTONACCIO SRL / BT ITALIA S.P.A.

DELIBERA DL/005/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA AGENZIA FUNEBRE PORTONACCIO SRL / BT ITALIA S.P.A. DELIBERA DL/005/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA AGENZIA FUNEBRE PORTONACCIO SRL / BT ITALIA S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni

Dettagli

PS1731 - BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19352

PS1731 - BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19352 PS1731 - BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19352 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 23 dicembre 2008; SENTITO il Relatore

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

PS6970 - BANCA POPOLARE DI ANCONA-CHIUSURA CONTO CORRENTE Provvedimento n. 23424

PS6970 - BANCA POPOLARE DI ANCONA-CHIUSURA CONTO CORRENTE Provvedimento n. 23424 BOLLETTINO N. 12 DEL 10 APRILE 2012 145 PS6970 - BANCA POPOLARE DI ANCONA-CHIUSURA CONTO CORRENTE Provvedimento n. 23424 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 21 marzo

Dettagli

Delibera n. 2 2014. Oggetto: Definizione della controversia GU14 2/2013 XXX XXX/TELECOM ITALIA XXX.

Delibera n. 2 2014. Oggetto: Definizione della controversia GU14 2/2013 XXX XXX/TELECOM ITALIA XXX. Verbale n. 1 Adunanza del 13/1/2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 13 del mese di gennaio, alle ore 15.00, in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 63/2013 TITOLO 1.10.21/603 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 6 dicembre 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

PS6355 - CEPU-CORSI DI AVVOCATO Provvedimento n. 22235

PS6355 - CEPU-CORSI DI AVVOCATO Provvedimento n. 22235 PS6355 - CEPU-CORSI DI AVVOCATO Provvedimento n. 22235 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 23 marzo 2011; SENTITO il Relatore Dottor Antonio Pilati; VISTO il Titolo

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Corecom comitato regionale per le comunicazioni ATTI 1.21.1. 2011/4617/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 14 del 15 aprile 2013 Sono presenti i componenti del Comitato: MINOLI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l articolo 3, comma 133 legge 662/1996, recante delega al Governo per l emanazione di uno o più decreti legislativi per la revisione organica ed il completamento della disciplina

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 10 del 18 marzo 2015 Oggetto: Definizione della controversia XXXXX XXXXXXXXX /Vodafone Omnitel XX IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 10 del 18 marzo 2015 Oggetto: Definizione della controversia XXXXX XXXXXXXXX /Vodafone Omnitel XX IL DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 10 del 18 marzo 2015 Oggetto: Definizione della controversia XXXXX XXXXXXXXX /Vodafone Omnitel XX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell Autorità per le

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 19 del 6 febbraio 2015

DELIBERAZIONE n. 19 del 6 febbraio 2015 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXX XXXXXXX X XX XX XXXXXXX XXXXXXXXX /Telecom Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 1 del 12 agosto 2010. soggetta all attività di direzione e coordinamento di Swisscom AG IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 1 del 12 agosto 2010. soggetta all attività di direzione e coordinamento di Swisscom AG IL DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 1 del 12 agosto 2010 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA xxx/fastweb S.P.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Swisscom AG IL DIRIGENTE VISTA la legge 31

Dettagli

Autorità per le Garanzie Consiglio Regionale

Autorità per le Garanzie Consiglio Regionale Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N. 14 Oggetto: Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA xxxx xxx c/ TELEUNIT. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella seduta del giorno 16.01.2012, svolta presso

Dettagli

DELIBERA N. 47/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX BATTEL/TELECOM ITALIA XXXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 47/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX BATTEL/TELECOM ITALIA XXXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 47/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX BATTEL/TELECOM ITALIA XXXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

Verbale n. 19 Adunanza del 29 giugno 2015

Verbale n. 19 Adunanza del 29 giugno 2015 Verbale n. 19 Adunanza del 29 giugno 2015 L anno duemilaquindici, il giorno ventinove del mese di giugno in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze, si è

Dettagli

Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente

Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente DELIBERA N. 37/2015 TITOLO 2015.1.10.4 2013.1.10.21.1437 LEGISLATURA X Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XXIV - n. 1

Bollettino. Settimanale. Anno XXIV - n. 1 Bollettino Settimanale Anno XXIV - n. 1 Pubblicato sul sito www.agcm.it 7 gennaio 2014 BOLLETTINO N. 1 DEL 7 GENNAIO 2014 39 PUBBLICITA' INGANNEVOLE E COMPARATIVA PB759 - CEMAR-SOFTWARE PER COSTRUZIONI

Dettagli

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2)

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Titolo 1.10.21/72 DELIBERAZIONE n. 13/2011 (estratto dal verbale del 19 aprile 2011) OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Presenti: Gardini Gianluca Giuseppe Bettini Alberici

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Alessandro Paoli /Postemobile S.p.A.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Alessandro Paoli /Postemobile S.p.A. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Alessandro Paoli /Postemobile S.p.A. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Provvedimento n. 5 dell 11 ottobre 1993 MONTE DEI PASCHI DI SIENA. VISTA la legge 10 ottobre 1990 n. 287;

LA BANCA D ITALIA. Provvedimento n. 5 dell 11 ottobre 1993 MONTE DEI PASCHI DI SIENA. VISTA la legge 10 ottobre 1990 n. 287; Provvedimento n. 5 dell 11 ottobre 1993 MONTE DEI PASCHI DI SIENA LA BANCA D ITALIA VISTA la legge 10 ottobre 1990 n. 287; VISTA la propria comunicazione del 14 aprile 1993, con la quale ha disposto l

Dettagli

Verbale n.13 Adunanza del 13 aprile 2015

Verbale n.13 Adunanza del 13 aprile 2015 Verbale n.13 Adunanza del 13 aprile 2015 L anno duemilaquidici, il giorno 13 del mese di aprile alle ore 11 in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze, si

Dettagli

PS9475 - SERVIMPRESA S.R.L. - BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 25129 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

PS9475 - SERVIMPRESA S.R.L. - BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 25129 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO PS9475 - SERVIMPRESA S.R.L. - BANCHE DATI ON LINE Provvedimento n. 25129 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA dell 8 ottobre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore

Dettagli

DELIBERA n. 36/14/CONS

DELIBERA n. 36/14/CONS DELIBERA n. 36/14/CONS ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETÀ TELECOM ITALIA S.P.A. PER LA VIOLAZIONE DELL ART. 4, COMMA 1, LETT. K) DELLA DELIBERA n. 79/09/CSP IN RELAZIONE AGLI OBBLIGHI DI ASSISTENZA CLIENTI

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELL ADUNANZA del 28 ottobre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287, e in particolare l articolo

Dettagli