Josè Rizal. Le filippine tra cento anni (versione italiana dal castigliano di Vasco Caini)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Josè Rizal. Le filippine tra cento anni (versione italiana dal castigliano di Vasco Caini)"

Transcript

1 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, I 1/3 Josè Rizal Le filippine tra cento anni (versione italiana dal castigliano di Vasco Caini) I Seguendo la nostra abitudine di affrontare le più ardue e delicate questioni che hanno relazione con le Filippine, senza preoccuparci delle conseguenze che la nostra franchezza ci possa produrre, andiamo in questo articolo a discutere del suo avvenire. Per leggere nel destino dei popoli, bisogna aprire il libro del loro passato. Il passato delle Filippine si riduce, a grandi linee, a quanto segue. Appena incorporate alla Corona Spagnola, dovettero sostenere con il loro sangue e con gli sforzi dei loro figli le guerre e le ambizioni di conquista del popolo spagnolo, e queste lotte, in quella crisi terribile dei popoli quando cambiano governo, leggi, usi e costumi, religione e credenze, le Filippine si spopolarono, s impoverirono e arretrarono, sorprese nella loro metamorfosi, senza ormai più fiducia nel loro passato, senza ancora fede nel loro presente e senza nessuna lusinghiera speranza nei giorni a venire. Gli antichi signori locali, che avevano solo cercato di conquistare il timore e la sottomissione dei sudditi, per essi abituati alla servitù, caddero come foglie di un albero secco ed il popolo, che non aveva per loro amore né conosceva che cosa fosse la libertà, cambiò facilmente padrone, sperando forse di guadagnare qualcosa nella novità. Cominciò allora una nuova era per i Filippini. Persero a poco a poco le loro antiche tradizioni, i loro ricordi, dimenticarono la loro scrittura, i loro canti, le loro poesie, le loro leggi, per imparare a memoria altre dottrine, che non capivano, altra morale, altra estetica, differenti da quelle ispirate alla loro razza dal clima e dal loro modo di sentire. Allora si abbassarono, degradandosi ai loro stessi occhi, vergognandosi di ciò che era proprio e nazionale, per ammirare quanto era estraneo e incomprensibile; il loro spirito si abbatté e si sottomisero. Così passarono gli anni e passarono secoli. Le pompe religiose, i riti che avevano davanti agli occhi, i canti, le luci, le immagini vestite di oro, un culto in un idioma misterioso 2, i racconti, i miracoli, le prediche finirono 1 Pubblicato in La Solidarietà, n. 18, Barcellona, settembre In latino.

2 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, I 2/ per ipnotizzare lo spirito del paese, superstizioso già di suo, senza peraltro distruggerlo completamente nonostante tutto il sistema poi dispiegato e proseguito con implacabile tenacità. Giunti a questo stato l abbassamento morale degli abitanti, l avvilimento, il disgusto di se stessi, si volle dare allora l ultimo colpo di grazia, per ridurre al niente tante volontà e tanti cervelli addormentati, per fare degli individui una specie di sole braccia, di bruti, di bestie da carico, come un umanità senza cervello e senza cuore. Allora si sparlò, si dette per ammesso quello che si pretendeva, si insultò la razza, si cercò di negarle ogni virtù, ogni qualità umana, e ci furono perfino scrittori e sacerdoti che, portando il colpo più a fondo, vollero negare ai figli del paese non solo l attitudine alla virtù, ma anche quella per il vizio. Allora quello che credevano stesse per essere la morte fu proprio la sua salvezza. Ci sono moribondi che tornano in salute grazie a certe medicine forti. Tante sofferenze furono colmate con gli insulti, e lo spirito assopito tornò a vivere. La sensibilità, la qualità per eccellenza dell Indio, fu ferita, e se trovò la pazienza per soffrire e morire al piede di una bandiera straniera, non la trovò quando quello per il quale moriva, ripagava i suoi sacrifici con insulti e scherni. Allora esaminò se stesso a poco a poco, e riconobbe la sua disgrazia. Quelli che non si aspettavano questo risultato, come i padroni dispotici, considerarono come una ingiuria ogni lamento, ogni protesta, e si castigò con la morte, si cercò di affogare nel sangue ogni grido di dolore e si commisero errori su errori. Lo spirito del popolo non si lasciò per questo intimidire, e sebbene si fosse svegliato in pochi cuori, la sua fiamma si propagava sicura e vorace, grazie agli abusi ed ai turpi maneggi di certe classi per spengere sentimenti nobili e generosi. Così quando una fiamma si attacca ad un vestito, la paura e lo sbigottimento fanno sì che si propaghi sempre più, ed ogni scossa, ogni colpo è un soffio di mantice che la ravviva. Senza dubbio, durante tutto questo periodo non mancarono spiriti nobili e generosi, tra la razza dominante, che cercarono di lottare per i diritti della giustizia e dell umanità, né anime meschine e codarde, tra la razza dominata, che aiutarono l avvilimento della propria patria. Ma gli uni e gli altri furono eccezioni e noi parliamo in termini generali. Questo è l abbozzo del suo passato. Conosciamo il presente. Ed ora, quale sarà il suo avvenire? Le isole filippine continueranno ad essere una colonia spagnola, e, in questo caso, che tipo di colonia? Riusciranno a diventare province spagnole con o senza autonomia? E per arrivare a questo stato, che tipo di sacrifici dovranno fare? Si separeranno forse dalla Madrepatria per vivere indipendenti, per cadere in mano ad altre nazioni o per allearsi con altre potenze vicine?

3 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, I 3/3 È impossibile rispondere a queste domande, perché a tutte si può rispondere con un sì o con un no, secondo il tempo che si vuole assegnare. Se non c è uno stato eterno nella natura, tanto meno lo deve avere nella vita dei popoli, esseri dotati di mobilità e movimento! Così per rispondere a queste domande è necessario fissare uno spazio illimitato di tempo e, in accordo a ciò, cercare di prevedere gli eventi futuri.

4 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II 1/8 II Che sarà delle Filippine tra un secolo? Continueranno ad essere una colonia spagnola? Se questa domanda fosse stata fatta tre secoli fa, quando alla morte di Legaspi 2 i filippini di stirpe malese cominciarono a poco a poco a disilludersi e, trovando pesante il giogo, cominciarono vanamente a scuoterlo, senza alcun dubbio la risposta sarebbe stata facile. Per uno spirito entusiasta delle libertà della propria patria, per uno di quegli indomabili kagayani che alimentavano in sé lo spirito dei Magalats 3, per i discendenti degli e- roici Gat Pulintang e Gat Salakab 4 della provincia di Batangas, l indipendenza era sicura, era solo una questione di trovarsi d accordo e di tentare uno sforzo decisivo. Tuttavia, per chi, disilluso a forza di tristi esperienze, vedeva in ogni parte sconcerto e disordine, apatia ed abbrutimento nelle classi inferiori, scoramento e disaccordo in quelle elevate, si presentava solo una risposta ed era: tendere i polsi alle catene, piegare il collo per sottometterlo al giogo ed accettare l avvenire con la rassegnazione dell infermo che vede cadere le foglie e presagisce un lungo inverno, tra le cui nevi intravede l orlo della sua fossa. Allora il disordine era la ragione del pessimismo: ora sono passati tre secoli, il collo si è abituato al giogo, ed ogni nuova generazione, procreata tra le catene, si è adattata sempre meglio al nuovo stato di cose. Ebbene: le Filippine si trovano ora nelle stesse condizioni di tre secoli fa? Per i liberali spagnoli lo stato morale del popolo continua ad essere lo stesso, vale a dire, che gli Indios filippini non sono migliorati; per i frati ed i loro seguaci, il popolo è stato redento dalla sua selvatichezza, cioè è progredito; per molti filippini la morale, lo spirito ed i costumi sono decaduti, come decadono tutte le buone qualità di un popolo che è caduto in schiavitù, cioè, è retrocesso. Lasciando da parte questi apprezzamenti, per non allontanarci dal nostro obbiettivo, andiamo a fare un breve parallelo tra la politica di allora e quella di oggi, per vedere se quello che allora non è stato possibile, lo sia ora, o viceversa. Tralasciamo per ora l attaccamento che possono avere le Filippine per la Spagna; supponiamo per un momento, con gli scrittori spagnoli, che tra le due razze esistano solo motivi di odio e di sospetto; ammettiamo le pre- 1 Pubblicato in La solidarietà, n. 19, Barcellona, 31 ottobre Michele Lopez de Legaspi, amministratore e navigatore spagnolo, conquistò le Filippine tra il 164 e il 170, più con accordi che con la forza. 3 Della provincia Cagayan (o Kagayan) nel nord dell isola di Luzon. 4 Eroi della storia filippina.

5 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II 2/ messe strombazzate da molti che tre secoli di dominazione non abbiano saputo far germinare nel sensibile cuore una briciola di affezione o di gratitudine, e vediamo se la causa spagnola ha guadagnato o no terreno nell Arcipelago. Prima sostenevano la bandiera spagnola di fronte agli indigeni solo un pugno di soldati, trecento o cinquecento al massimo, molti dei quali si dedicavano al commercio ed erano disseminati, non solo nell Arcipelago, ma anche nelle nazioni vicine, impegnati in lunghe guerre contro i maomettani del sud, contro gli inglesi o gli olandesi, e molestasti senza posa da giapponesi, cinesi e da qualche altra provincia o tribù dell interno. Allora le comunicazioni col Messico e con la Spagna erano lente, rare e penose; frequenti e violenti gli attriti tra le autorità che reggevano l Arcipelago; quasi sempre vuota la cassa, mentre la vita dei conquistatori dipendeva da una fragile nave che contribuiva al commercio con la Cina. Allora i mari di quelle regioni erano infestati da pirati, tutti nemici del nome spagnolo, mentre la marina con la quale questo si difendeva era una marina improvvisata, equipaggiata nella maggior parte dei casi da inesperti avventurieri, se non da nemici, come successe alla armata di Gomez Peres Dasmariñas 1, annullata e fermata dalla ribellione dei vogatori cinesi che lo assassinarono, distruggendo tutti i suoi piani e intenzioni. E tuttavia, nonostante tante tristi circostanze, la bandiera spagnola è rimasta in piedi per più di tre secoli, ed il suo potere, sebbene ridotto, continua ancora a reggere i destini del gruppo delle Filippine. Al contrario, la situazione attuale sembra di oro e rosa, diremmo, una bella mattina paragonata alla tempestosa e agitata notte del passato. Ora sono state triplicate le forze materiali sulle quali conta la dominazione spagnola; la marina è relativamente migliore; c è più organizzazione tanto nella sfera civile che in quella militare; le comunicazioni con la Metropoli 2 sono più rapide e più sicure; questa non ha più nemici all esterno; i suoi possessi sono consolidati, ed il Paese dominato sembra avere meno spirito e meno aspirazioni all indipendenza, parola che gli è quasi incomprensibile. Tutto farebbe prevedere pertanto, a prima vista, altri tre secoli almeno di pacifica dominazione e tranquilla signoria. Tuttavia, in cima a queste considerazioni materiali, si discernono altre invisibili di carattere morale, molto più trascendentali e potenti. I popoli dell Oriente in generale, ed i malesi in particolare, sono popoli di grande sensibilità; in essi predomina la delicatezza dei sentimenti. Anche oggi, nonostante il contatto con le nazioni occidentali che hanno ideali distinti dai loro, vediamo i malesi filippini sacrificare tutto, libertà, comodità, benessere, nome in ossequio ad un aspirazione o ad una vanità, sia religiosa o scientifica o di altro carattere qualsiasi. Però, alla più piccola 1 Governatore Generale delle Filippine nel Madrid.

6 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II 3/ parola che ferisca il loro amor proprio, dimenticano tutti i loro sacrifici, il lavoro speso e serbano nella loro memoria, e mai dimenticano, l offesa che credono di aver ricevuto. Così i popoli filippini si sono mantenuti fedeli durante tre secoli cedendo la propria libertà e indipendenza, sia perché allucinati dalla speranza del Cielo promesso, sia perché lusingati dall amicizia che offriva loro un popolo nobile e grande come quello spagnolo, sia anche perché costretti dalla superiorità delle armi che non conoscevano e che per gli spiriti timidi avevano un carattere misterioso, sia perché, valendosi delle inimicizie intestine, l invasore straniero si presentava come terzo nella discordia, per poi dominare gli uni e gli altri e sottometterli al suo potere. Una volta sotto la dominazione spagnola, questa si mantenne stabile grazie all attaccamento dei popoli, alle loro inimicizie interne, ed al fatto che il sensibile amor proprio dell indigeno non si era trovato fino a quel momento ferito. Allora il popolo vedeva i connazionali nei gradi superiori dell esercito, i suoi maestri di campo 1 lottare al fianco degli eroi della Spagna, spartire i loro allori, non lesinandosi né onori, né stima, né considerazione; allora la fedeltà e l adesione alla Spagna, l amore alla Patria, facevano diventare l indio Raccomandatario 2 e persino Generale, come durante l invasione inglese; allora non si erano ancora inventati i nomi denigratori e ridicoli con i quali si sono poi voluti disonorare i più faticosi e penosi incarichi dei capi indigeni; ancora non era diventato di moda insultare e ingiuriare in lettere di stampa, nei giornali, in libri con il superiore permesso o con licenza dell autorità ecclesiastica, il popolo che pagava, combatteva e versava il suo sangue per il nome della Spagna, né si considerava nobile o arguto offendere tutta una razza, alla quale è proibito replicare e difendersi; e se ci furono dei religiosi ipocondriaci, che negli ozi dei loro chiostri si erano azzardati a scrivere contro di essa, come l agostiniano Gaspare di S. Agostino ed il gesuita Velarde, i loro parti offensivi non erano mai venuti alla luce, e tanto meno erano state date loro per questo mitre o alte dignità. È vero anche che gli indios di allora neppure erano come siamo noi ora: tre secoli di abbrutimento e di oscurantismo hanno dovuto influire sopra di noi; la migliore opera divina, in mancanza di artigiani sicuri, può alla fine risolversi in caricatura. I religiosi di allora, volendo fondare il loro dominio sul popolo, si avvicinavano ad esso e con esso facevano causa comune contro i raccomandatari oppressori. Naturalmente, il popolo che li vedeva con maggiore istruzione e sicuro prestigio, dava loro la sua fiducia, seguiva i loro consigli e li ascoltava anche nei giorni più amari. Se scrivevano, scrivevano per patro- 1 Antica espressione equivalente a comandante. 2 In castigliano encomenderos; per premiare i militari o altri funzionari dell attività svolta per la Spagna, si davano loro delle concessioni (encomiendas) su parti del territorio, abitanti inclusi, che si dovevano considerare a loro raccomandati. I raccomandatari si comportavano spesso come aguzzini ed il sistema aveva portato abusi ed atrocità.

7 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II 4/ cinare i diritti degli indios e facevano arrivare il grido della loro miseria fino ai lontani gradini del Trono. E non pochi religiosi tra secolari e militari affrontavano viaggi pericolosi per i diritti degli indios come deputati del paese, il che, insieme ai diritti di domicilio che si formavano davanti agli occhi dell Arcipelago nei confronti di tutti i governanti, dal Capitano Generale fino all ultimo impiegato, consolavano non poco e tranquillizzavano gli animi feriti, soddisfacendo, anche se solo nella forma, tutti gli scontenti. Tutto ciò è scomparso. Le risate burlesche penetrano come veleno mortale nel cuore dell indio che paga e soffre, e sono tanto più offensive quanto più sono nascoste; le antiche inimicizie tra gli indios sono state cancellate da una stessa piaga: l affronto generale inferto a tutta una razza. Il popolo non ha più fiducia in quelli che un tempo erano i suoi protettori, oggi suoi sfruttatori ed aguzzini. Le maschere sono cadute. Ha visto che quell amore e quella pietà del passato ora sembrano l affetto di una nutrice che, incapace di vivere da un altra parte, desidera sempre l eterna fanciullezza, l eterna debolezza del bimbo, per continuare a ricevere il suo stipendio e vivere alle sue spalle; ha visto che non solo non lo nutre perché cresca, ma che addirittura lo avvelena per impedire la sua crescita, e che alla sua più lieve protesta si converte in furia! L antico simulacro di giustizia, la sacralità del domicilio è sparita; comincia il caos nelle coscienze; l affetto che si dimostra per un Governatore Generale, come La Torre 1, si converte in crimine nel governo del successore ed è sufficiente ad un cittadino per perdere la sua libertà ed il suo focolare; se si obbedisce a quello che un capo comanda, come nella recente questione dell ingresso dei cadaveri nelle chiese, ciò è sufficiente perché poi il suddito obbediente sia vessato e perseguitato con tutti i mezzi possibili; i doveri, le tasse e le contribuzioni aumentano, senza che per questo aumentino i diritti, i privilegi e le libertà o si consolidino i pochi esistenti; un regime di continuo terrore e apprensione agita gli animi, regime peggiore di un periodo di scontri, perché i timori della immaginazione sogliono essere superiori a quelli reali; il paese è povero; la crisi pecuniaria che attraversa è grande, e tutti segnano a dito le persone che creano il male, ma nessuno tuttavia si azzarda a metter loro le mani addosso! È vero che, come una goccia di balsamo tra tanta amarezza, è uscito il codice penale; ma a che servono tutti i codici del mondo, se per informazioni segrete, per motivi futili, per anonimi traditori si esilia, si manda al confino senza istruttoria, senza processo alcuno, qualunque onorato cittadino? A che serve questo codice penale, a che serve la vita se non si ha sicurezza nella casa, fiducia nella giustizia, e confidenza nella tranquillità della coscienza? A che serve tutta questa struttura di nomi, tutto questo 1 Generale Carlo Maria de la Torre, di tendenze liberali; fu Governatore delle Filippine negli anni

8 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II / mucchio di articoli, se la vile accusa di un traditore può influire nei paurosi orecchi dell autocrate supremo, più di tutte le grida della giustizia? Se questo stato di cose continua, che sarà delle Filippine entro un secolo? Le batterie si stanno caricando a poco a poco, e se la prudenza del Governo non dà sfogo ai lamenti che si accumulano, può darsi che un giorno scocchi la scintilla. Non è ora il caso di parlare sopra l esito che potrebbe avere un conflitto così sciagurato: dipende dalla fortuna, dalle armi e da un milione di circostanze che l uomo non può prevedere; ma anche se tutti i vantaggi fossero dalla parte del governo e sua conseguentemente la probabilità di vittoria, sarebbe una vittoria di Pirro 1, ed un Governo non dovrebbe desiderarla. Se quelli che dirigono i destini delle Filippine si ostinano, e invece di concedere riforme vogliono far retrocedere lo stato del Paese, spingere all estremo il rigore e la repressione contro le classi che soffrono e pensano, finiranno per ottenere che queste si avventurino nel rischio e pongano in gioco le miserie di una vita inquieta, piena di privazioni ed amarezze con la speranza di ottenere qualcosa di incerto. Che si perderebbe nella lotta? Quasi niente: la vita delle numerose classi scontente non offre grande incentivo per preferirla ad una morte gloriosa. Si può ben tentare un suicidio; ma poi? Non rimarrebbe un ruscello di sangue tra vincitori e vinti, e non potrebbero questi con il tempo e l esperienza uguagliare in forze, giacché sono superiori in numero, i loro dominatori? Chi dice di no? Tutte le piccole insurrezioni avvenute in Filippine furono opera di alcuni fanatici o militari scontenti che per raggiungere i loro scopi dovevano ingannare o raggirare o valersi della subordinazione dei loro inferiori. Così caddero tutti. Nessuna insurrezione ebbe carattere popolare né si fondò sulla necessità di tutta una razza, né lottò per i diritti dell umanità, né della giustizia; così non lasciarono ricordi indelebili nel popolo, anzi al contrario, questi, accorgendosi di essere stato ingannato e asciugandosi le ferite, applaudì la caduta di quelli che ne avevano turbata la pace! Però, e se il movimento nasce dallo stesso popolo e riconosce per causa le sue miserie? Così, quindi, se la prudenza e le sagge riforme dei nostri ministri non trovano abili e decisi interpreti tra i governanti di Oltremare 2 e fedeli continuatori in quelli che le frequenti crisi politiche chiamano a ricoprire un posto così delicato; se ai lamenti ed alle necessità del popolo filippino si continua a rispondere con l eterno non è il caso, suggerito dalle classi che fondano la loro vita sull arretratezza dei sudditi; se si devono ignorare i giusti reclami per interpretarli come tendenze sovversive, negando al Paese la sua rappresentanza al parlamento e la sua voce autorizzata per protestare 1 Re dell Epiro, ( a.c.), sconfisse i romani nella battaglia di Eraclea nel 280 a.c.,; nello scontro ebbe perdite così gravi da dare luogo al detto popolare vittoria di Pirro. 2 Ministero delle colonie spagnole.

9 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II 6/ contro ogni specie di abusi che sfuggono al ginepraio delle leggi; se si deve continuare, infine, con il sistema fecondo di risultati per alienarsi la volontà degli indigeni, stimolando il loro apatico spirito con insulti e ingratitudine, possiamo assicurare che entro alcuni anni, lo stato attuale delle cose sarà completamente modificato, inevitabilmente. Oggi c è un fattore che non c era prima; si è svegliato lo spirito della Nazione, ed una stessa disgrazia ed uno stesso arretramento hanno unito tutti gli abitanti delle Isole. Si può contare su una numerosa classe istruita dentro e fuori l Arcipelago, classe creata ed aumentata sempre più dalla rozzezza di certi governanti, che obbligano gli abitanti ad espatriare, ad istruirsi all estero, che si mantiene e lotta grazie all eccitazione ed al sistema di persecuzione occhiuta intrapreso. Questa classe, il cui numero aumenta progressivamente, è in comunicazione costante con il resto delle Isole, e se oggi non forma che il cervello del Paese, entro alcuni anni formerà anche tutto il suo sistema nervoso e manifesterà la sua esistenza in tutti i suoi atti. Ebbene, per ostacolare il cammino del progresso di un popolo, la politica ha diversi mezzi: l abbrutimento delle masse per mezzo di una casta legata al Governo, aristocratica come nelle colonie olandesi, o teocratica come nelle Filippine; l impoverimento del paese; la distruzione graduale dei suoi abitanti e lo stimolo dell inimicizia interna tra una provincia e l altra. L abbrutimento dei filippini malesi è risultato impossibile. Nonostante la nera piaga dei frati, alle cui mani è affidata l istruzione della gioventù, che perde anni e anni miserevolmente nelle aule uscendo da lì stanca, affaticata e disgustata dai libri; nonostante la censura che cerca di chiudere ogni passo verso il progresso; nonostante tutti i pulpiti, confessionali, libri, novene che inculcano odio verso ogni conoscenza non solo scientifica, ma anche della stessa conoscenza della lingua castigliana; nonostante tutto questo sistema montato, perfezionato e praticato con tenacità da quelli che vogliono mantenere le Isole in una santa ignoranza, ci sono scrittori, liberipensatori, storiografi, filosofi, chimici, medici, artisti, giuristi, etc.. L istruzione si estende, e la persecuzione che subisce la ravviva. No, la fiamma divina del pensiero è inestinguibile nel popolo filippino, ed in un modo o nell altro dovrà brillare e farsi conoscere. Non è possibile abbrutire gli abitanti delle Filippine! Potrà la povertà frenare il suo sviluppo? Forse, ma è un mezzo molto pericoloso. L esperienza c insegna ovunque, e soprattutto nelle Filippine, che le classi più agiate sono sempre state le più amiche della quiete e dell ordine, perché sono quelle che vivono relativamente meglio ed avrebbero più da perdere nei disordini civili. La ricchezza porta con sé la raffinatezza e lo spirito di conservazione; invece la povertà ispira idee avventurose, desiderio di cambiare le cose, poco attaccamento alla vita, etc.. Lo stesso Machiavelli considera pericoloso que-

10 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II 7/ sto mezzo di sottomettere un popolo. Perché osserva che la perdita del benessere suscita più tenaci nemici della perdita della vita 1. Inoltre, quando c è ricchezza ed abbondanza ci sono meno scontenti, meno lamenti, ed il Governo, più ricco, trova anche maggiori mezzi per sostenersi. Invece in un paese povero succede lo stesso che in una casa dove non c è farina; ed inoltre, che se ne farebbe la Metropoli di una colonia macilenta e povera? Neppure è possibile ridurre a poco a poco il numero degli abitanti. Le razze filippine, come tutte le malesi, non soccombono davanti allo straniero come hanno fatto le razze australiane, le polinesiane e le razze indie del Nuovo Continente 2. Malgrado le numerose guerre che le Filippine hanno dovuto sostenere, malgrado le epidemie che le visitano periodicamente, il loro numero si è triplicato, come i malesi di Giava e delle Molucche. Il filippino accetta la civiltà e vive e si mantiene in contatto con tutti i popoli e nell atmosfera di tutti i climi. L acquavite, il veleno che spenge i nativi delle isole del Pacifico, non ha effetto in Filippine; anzi, al contrario, sembra che i filippini siano diventati più sobri, se si confronta lo stato attuale con quello che dipingono gli antichi storici. Le piccole guerre con gli abitanti del sud consumano solo i soldati, gente che per la loro fedeltà alla bandiera spagnola, lontano da essere un pericolo, rappresenta proprio uno dei suoi più solidi sostegni. Rimane la promozione delle inimicizie delle province tra loro. Questo era possibile prima, quando le comunicazioni tra un isola e l altra erano difficili e rare, quando non c erano vapori, né telegrafo, quando si formavano i reggimenti secondo le differenti province, se ne allettavano alcune concedendo privilegi ed onori, e se ne sostenevano altre contro quelle più forti. Ma ora che sono spariti i privilegi, ora che per spirito di sfiducia sono stati ristrutturati i reggimenti, che gli abitanti si trasferiscono da un isola all altra, naturalmente le comunicazioni e lo scambio di esperienze aumentano e, vedendosi tutti minacciati da uno stesso pericolo e feriti negli stessi sentimenti, si danno la mano e si uniscono. Certamente l unione non è ancora del tutto completa, ma verso di essa indirizzano le misure del cosiddetto buon governo, le deportazioni, le vessazioni che i cittadini dei loro villaggi soffrono, la mobilità dei funzionari, la scarsità dei centri d istruzione, che fa sì che i giovani di tutte le isole si riuniscano e imparino a conoscersi. Anche i viaggi in Europa contribuiscono non poco a stringere queste relazioni, perché all estero gli abitanti delle province più distanti suggellano il loro sentimento patrio, dai marinai fino ai più ricchi commercianti, ed allo spettacolo delle libertà moderne ed al ricordo delle sventure delle loro case, si abbracciano e si chiamano fratelli. 1 Niccolò Machiavelli, Il Principe, Cap. XVII, 3, perché gli uomini, sdimenticano più presto la morte del padre che la perdita del patrimonio. 2 America.

11 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni. II 8/8 1 Insomma, l avanzamento ed il progresso morale delle Filippine è inevitabile, è fatale. Le isole non possono continuare a rimanere nello stato in cui sono, senza ottenere dalla Metropoli più libertà. Mutatis mutandis 1, a uomini nuovi, nuovo stato sociale. Volere che continuino a stare in fasce, è come volere che il preteso infante si rivolti contro la sua balia e fugga stracciando i cenci che lo stringono. Le Filippine, dunque, o continueranno a stare sotto il dominio spagnolo, ma con più diritti e più libertà, o si dichiareranno indipendenti, dopo essersi insanguinate ed avere insanguinata la Madrepatria. Poiché nessuno deve desiderare o sperare in questa disgraziata rottura, che sarebbe un male per tutti e solo l ultima risorsa nel frangente più disperato, andiamo ad esaminare attraverso quali forme di evoluzione pacifica le Isole potrebbero continuare a stare sotto la bandiera spagnola, senza che i diritti, gli interessi e la dignità degli uni e degli altri si possano trovare in alcun modo feriti. 1 Latino, cambiando quello che è da cambiare, ovvero, fatte le debite proporzioni.

12 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III 1/8 III Le Filippine, se devono continuare a stare sotto il dominio della Spagna, devono per forza trasformarsi in senso politico, perché così lo esige il percorso della sua storia e le necessità dei suoi abitanti. Questo lo abbiamo dimostrato nell articolo precedente. Questa trasformazione, abbiamo anche detto, potrà essere violenta e fatale, se parte dagli ambienti popolari; pacifica e feconda di risultati, se parte dalle classi superiori. Alcuni governanti hanno capito questa verità e, spinti dal loro patriottismo, cercano di impostare le riforme necessarie per prevenire certi avvenimenti. Fin ad ora, nonostante ne siano state impostate numerose, hanno prodotto scarsi risultati, sia per il governo sia per il paese, arrivando a danneggiare in certi casi anche quelle che promettevano un buon esito. Il fatto è che si edifica su terreno senza consistenza. Abbiamo detto, lo ripetiamo un altra volta e lo ripeteremo sempre: tutte le riforme che hanno un carattere palliativo sono non solo inutili, ma anche pregiudizievoli, quando il governo deve affrontare mali che devono essere rimediati radicalmente. E se non fossimo convinti dell onorabilità e della rettitudine di certi governanti, saremmo tentati di sostenere che tutte quelle riforme parziali erano solo impiastri e pomate di un medico che, non sapendo curare un cancro, o non azzardandosi ad asportarlo, vuole in quel modo distrarre le sofferenze dell infermo, o compiacere la pusillanimità dei timidi e degli ignoranti. Tutte le riforme dei nostri ministri liberali furono, erano, sono e saranno buone se verranno portate a termine. Quando pensiamo ad esse, ci viene in mente il regime dietetico di Sancho Panza nella Isola Baratterìa 2. Si sedeva davanti ad una sontuosa e ben servita tavola piena di frutta e molta varietà di piatti di diversi cibi ; però tra la bocca dell infelice ed ogni piatto interponeva la sua bacchetta il medico Pietro Recio, dicendo: absit! 3, e il cibo veniva ritirato, lasciando Sancho più affamato di prima. Il fatto è che il dispotico Pietro Recio forniva motivi che sembrano scritti da Cervantes proprio per il governo di Oltremare: - non si deve mangiare, signor Governatore, se non com è d uso e abitudine nelle altre isole dove ci sono governatori, eccètera trovando inconvenienti in tutti i piatti, alcuni perché caldi, altri perché umidi, eccète- 1 Pubblicato in La Solidarietà, n. 21, Madrid, 1 dicembre Michele di Cervantes, Don Chisciotte, parte seconda, cap. XVII; il nome del dr. Pedro Recio de Agüero, potrebbe essere tradotto ed interpretato come Pietra Dura del Malaugurio. 3 Latino, lontano!

13 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III 2/ ra, proprio come i nostri Pietri Recii di qua e di là dai mari. Maledetto il bene che faceva a Sancho l arte del suo cuoco! Nel caso del nostro paese, le riforme fanno la parte dei cibi; le Filippine quella di Sancho, e quella del medico ciarlatano la svolgono molte persone, interessate a che non si tocchino i piatti, forse per approfittarne loro. Sembra che il paziente Sancho, ossia le Filippine, senta la nostalgia della sua libertà, rinnegando del tutto i governi, e finisca per ribellarsi contro il suo presunto medico. Nello stesso modo, finché le Filippine non abbiano stampa libera, non abbiano voce alle Camere per far sapere al governo ed alla Nazione se si adempiono o no dovutamente i suoi decreti, se avvantaggiano o no il Paese, tutte le capacità del ministro di Oltremare faranno la fine dei piatti dell Isola Baratterìa. Un ministro, dunque, che voglia che le sue riforme siano davvero riforme, deve cominciare a dichiarare la stampa libera in Filippine, ed a creare deputati filippini. La stampa libera in Filippine, perché i lamenti di là rare volte arrivano alla Penisola 1, rarissime volte, e se arrivano, tanto occultati, tanto misteriosi, che non c è quotidiano che si azzardi a riportarli; e se vengono riportati, lo si fa tardi e male. Un governo che amministra un paese da molto lontano, è quello che più ha bisogno di una stampa libera, molto più del governo della Metropoli, se quello che desidera è farlo rettamente e decentemente. Il governo che governa dentro il paese, può anche prescindere dalla stampa (se lo può), perché sta sul campo, perché ha occhi ed orecchi, e perché osserva da vicino quello che dirige e amministra. Ma il governo che governa da lontano, ha assolutamente bisogno che la verità ed i fatti arrivino alla sua conoscenza e per tutte le vie possibili, per poterli giudicare ed apprezzare meglio, e questa necessità si acutizza quando si tratta di un paese come le Filippine, i cui abitanti parlano e si lamentano in un lingua sconosciuta alle autorità. Governare in un altro modo si chiamerà pure governare, dal momento che bisogna dargli un nome, ma è governare male. È come giudicare sentendo solo una delle parti; è come governare una nave senza tenere conto delle condizioni di questa, dello stato del mare, degli scogli, delle secche, del corso dei venti, delle correnti, etc.. È come amministrare una casa pensando solo a darle decoro e importanza, senza guardare quanto c è in cassa, senza pensare alla servitù e alla famiglia. Ma la routine è una china dove s incamminano molti governi, e la routine dice che la libertà della stampa è un pericolo. Vediamo invece che cosa dice la Storia. Le rivolte e le sollevazioni sono avvenute sempre nei paesi tiranneggiati, in quelli dove il pensiero ed il cuore umano sono stati obbligati a tacere. 1 La Spagna.

14 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III 3/ Se il grande Napoleone, non avesse tiranneggiata la stampa, forse questa l avrebbe potuto avvertire del pericolo nel quale si stava precipitando, e gli avrebbe fatto capire che i popoli erano stanchi e la terra aveva bisogno di pace; forse il suo genio, invece di logorarsi nell ingrandimento esterno, ripiegandosi sopra se stesso, avrebbe lavorato per il suo consolidamento e si sarebbe consolidato. La stessa Spagna registra nella sua storia più rivoluzioni quando la stampa era imbavagliata. Quale colonia si è resa indipendente avendo la stampa libera e godendo di libertà? È preferibile governare a tastoni o con conoscimento di causa? Qualcuno ci risponderà, adducendo che nelle colonie con la stampa libera risulta molto in pericolo il PRESTIGIO dei governanti, questa colonna dei falsi governi. Gli risponderemo che è preferibile il prestigio della Nazione a quello di vari individui. Una nazione si conquista rispetto non sostenendo o coprendo abusi, ma castigandoli e censurandoli. Inoltre a questo prestigio gli succede quello che diceva Napoleone dei grandi uomini e dei loro camerieri. Noi, che soffriamo e sappiamo tutte le frottole e le vessazioni di questi pretesi Dei, non abbiamo bisogno della stampa libera per conoscerli; è tanto che sono screditati. La stampa libera serve al Governo; il Governo che ancora si preoccupa del prestigio edifica su terreno minato. Lo stesso diciamo per quanto riguarda i deputati filippini. Che pericolo vede in essi il Governo? Delle tre una: o escono rivoltosi, o intrallazzatori, o vengono come devono essere. Supponiamo di cadere nel pessimismo più assurdo e ammettiamo l insulto, grande per le Filippine, ma anche più grande per la Spagna, che tutti i deputati siano separatisti, e che in tutte le loro proposte difendano idee da filibustieri 1. O non sta lì la maggioranza, spagnola e patriota, non è lì la chiaroveggenza dei governanti per opporsi e combatterli? O non sarebbe meglio questo, piuttosto che lo scontento che fermenta e si diffonde nel segreto delle case, nelle capanne e nei campi? Certo che il popolo spagnolo non lesina mai il suo sangue quando si tratta di patriottismo; ma non sarebbe preferibile la lotta sui principi in Parlamento, che lo scambio di palle in terreni fangosi, a 00 leghe dalla patria, tra boschi impenetrabili, sotto un sole ardente o tra piogge torrenziali? Queste lotte pacifiche delle idee, oltre ad essere un termometro per il governo, hanno il vantaggio di essere più a buon mercato e gloriose, perché il Parlamento spagnolo abbonda proprio di paladini della parola, invincibili sul piano dei discorsi. Inoltre, dicono che i filippini sono indolenti e pacati: allora, che può temere il Governo? Non influisce sulle elezioni? Francamente, è un concedere molto onore ai filibustieri, temerli dentro il Parlamento della Nazione. Se escono intrallazzatori, come spera e come probabilmente saranno, tanto meglio per il Governo e tanto peggio per i loro elettori. Sono voti in 1 Nel significato castigliano, sovversivi contro la Spagna.

15 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III 4/ più a favore, ed il Governo potrà ridersene a suo agio dei filibustieri, se ce ne sono. Se escono come dovrebbero essere, degni, onorati e fedeli alla loro missione, molesteranno senza dubbio con le loro domande il ministro ignorante o incapace, ma l aiuteranno a governare e saranno delle persone onorate in più tra i rappresentanti della Nazione. Allora, se il vero inconveniente dei deputati filippini consiste nel puzzo di igorroti 1 che preoccupava tanto in pieno senato l agguerrito Generale sig. Salamanca 2, il sig. D. Sinibaldo de Mas 3, che ha visto gli igorroti da vicino ed ha voluto vivere con loro, può affermare che puzzeranno al massimo come la polvere da sparo, ed il sig. Salamanca, senza dubbio, non ha paura di tale puzzo. E se non fosse che questo, i filippini, che là usano fare il bagno tutti i giorni, una volta deputati, potranno abbandonare tale sudicia abitudine, almeno durante il periodo legislativo, per non molestare con l odore del bagno i delicati olfatti dei signori Salamanchi. Inutile confutare certi inconvenienti di alcuni amabili scrittori, sopra la pelle più o meno mora ed i visi più o meno nariciuti. In questioni di estetica, ogni razza ha la sua: la Cina, per esempio, che ha 414 milioni di abitanti e vanta una civiltà molto antica, trova brutti tutti gli europei che chiama Fan-Kwai, ovvero diavoli rossi. La sua estetica ha 0 milioni di partigiani in più dell estetica europea. Inoltre se di questo si deve tener conto, dovremmo accettare l inferiorità dei latini, e specialmente degli spagnoli, rispetto ai sassoni che sono molto più bianchi. E poi non si venga a dire che il Parlamento spagnolo, è una assemblea di Adoni 4, di Antinoi, play-boys ed altri simili agli angeli; se si va lì per legiferare e non per socratizzare o aggirarsi per emisferi immaginari, crediamo che il Governo non si debba trattenere davanti a tali inconvenienti. Il Diritto non ha pelle né la ragione narici. Non vediamo, dunque, nessuna seria ragione perché le Filippine non abbiano deputati. Con la loro creazione si quieterebbero molte insoddisfazioni, ed il paese invece di imputare i suoi mali al Governo, come succede ora, li sopporterà meglio perché almeno potrà lamentarsi e perché, avendo i suoi figli tra i legislatori, si renderà in certo modo solidale dei loro atti. Non sappiamo se serviamo bene i veri interessi della nostra patria chiedendo deputati. Sappiamo che la scarsità di persone istruite, la pusillanimità, l egoismo di molti nostri compatrioti, e l audacia, l astuzia ed i potenti mezzi di quelli che vogliono là l oscurantismo, possono trasformare la 1 Tribù dell interno del nord di Luzon, animisti, non dominati né convertiti dagli spagnoli. 2 Manuel Salamanca, spagnolo, militare ed uomo politico. 3 Catalano, ( ), viaggiatore, scrittore, poliglotta, diplomatico, storico, orientalista; visitò le isole Filippine e ne scrisse un Resoconto sullo stato delle isole filippine nel 1842, Madrid, Dalla mitologia greca, giovane bellissimo, figlio incestuoso di Mirra e di suo padre Cirino, di cui si innamoravano tutte le donne, compresa Afrodite. Il più bello dei Proci, i principi pretendenti alla mano di Penelope, moglie di Ulisse: ma anche il giovane amante dell imperatore romano Adriano, da lui deificato dopo la sua morte accidentale.

16 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III / riforma in uno strumento nocivo. Tuttavia vogliamo essere leali con il Governo e gli indichiamo la strada che ci sembra migliore perché i suoi sforzi non vadano a male e perché scompaiano gli scontenti. Se dopo l impostazione di mezzi tanto giusti quanto necessari, il popolo filippino fosse così sciocco e pusillanime da tradire i suoi veri interessi, allora che ricadano su di esso le responsabilità, che ne soffra tutte le conseguenze. Ogni paese ha la sorte che si merita, ed il Governo potrà dire di avere compiuto il proprio dovere. Queste sono le due riforme fondamentali che, ben interpretate ed applicate, potranno dissipare tutte le nubi, consolidare l affetto per la Spagna e far fruttare tutte le riforme successive. Queste sono le riforme sine quibus non 1. È puerile il timore che da esse possa conseguire l indipendenza: la stampa libera farà conoscere al Governo tutti i palpiti delle opinioni, ed i deputati, se saranno i migliori tra i figli delle Filippine, come deve essere, saranno la loro garanzia. Se non ci sono motivi di malcontento, come si potrà scatenare la massa del popolo? È in ugual modo inaccettabile l inconveniente che altri adducono riguardo alla scarsa cultura della maggioranza degli abitanti. Oltre al fatto che non è così scarsa come si pretende, non c è alcuna ragione plausibile perché all ignorante e all invalido (per colpa propria o altrui), si neghi il suo rappresentante che vegli per lui perché non lo aggrediscano. È proprio quello che più ne ha bisogno. Nessuno cessa di essere uomo, nessuno perde i suoi diritti alla civiltà solo per essere più o meno privo di cultura, e dal momento che il filippino viene considerato cittadino capace quando gli si chiede il suo contributo ed il suo sangue per difendere la patria, perché gli si deve negare questa capacità quando si tratta di concedergli un diritto? 2 Inoltre, perché deve essere reso responsabile della sua ignoranza, se è stato accertato da tutti, amici e nemici, che il suo desiderio di imparare è così grande, che già prima che arrivassero gli spagnoli tutti sapevano leggere e scrivere, e che, come vediamo ora, le più modeste famiglie fanno enormi sacrifici perché i loro figli possano istruirsi un po, arrivando fino a farli lavorare come domestici per imparare il castigliano? 3 Come si può sperare che il paese accresca la sua istruzione nello stato attuale, se vediamo che tutti i decreti il Governo emette in favore della istruzione, si scontrano con i Pietri Recii che ne impediscono l esecuzione, perché hanno in mano quello che chiamano insegnamento? Se il filippino, dunque, è abbastanza intelligente per contribuire, deve esserlo anche per scegliere ed avere chi vegli 1 Latino, senza le quali non (si può fare niente). 2 Si noti che Rizal teorizza una capacità elettiva anche ai non istruiti, cosa non ancora accettata in tutti i paesi moderni e da tempo democratici. 3 Era molto in uso in Filippine mandare i ragazzi a fare i domestici di personalità, di ricchi o di sacerdoti a titolo gratuito, ma con il diritto di frequentare certe scuole o ricevere insegnamenti dagli stessi padroni.

17 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III 6/ per lui e per i suoi interessi, con il prodotto dei quali serve il Governo della sua Nazione. Ragionare in altro modo vuol dire ragionare coi piedi. Con le leggi e gli atti dell autorità controllati, la parola Giustizia potrebbe cessare di essere un ironia coloniale. Quello che più rende rispettabili gli inglesi nei loro possessi è la loro rigorosa e veloce giustizia, talché gli abitanti hanno nei giudici piena fiducia. La Giustizia è la prima virtù di una razza civilizzatrice. Essa sottomette le nazioni più barbare; l ingiustizia fa sollevare quelle più deboli. I posti e gli incarichi si dovrebbero assegnare per concorso, pubblicando i lavori ed i giudizi affinché ci sia stimolo e non sorgano malcontenti. Così se l Indio non scuote la sua indolenza 1, non potrà poi mormorare se vede tutti gli incarichi ricoperti da castilas 2. Possiamo supporre che non siano gli spagnoli a temere di entrare in questa gara: così potranno provare la loro superiorità e la superiorità della loro intelligenza. E sebbene questo non si usi nella Metropoli, deve praticarsi nelle colonie, in quanto si deve cercare il vero prestigio per mezzo delle doti morali, perché i colonizzatori devono essere, o sembrare almeno, giusti, intelligenti e probi, come l uomo mostra virtù quando sta in contatto con persone estranee. I posti e gli incarichi così guadagnati escluderebbero naturalmente l arbitrario licenziamento e creerebbero impiegati e governanti atti a conoscere i loro doveri. I posti che venissero ricoperti dagli Indios 3, invece di mettere in pericolo la dominazione spagnola, servirebbero solo per consolidarla; infatti, che interesse avrebbero a cambiare il certo e stabile per l incerto e problematico? L indio, inoltre, è molto amante della quiete e preferisce un modesto presente ad un brillante avvenire. Lo dicano quei vari funzionari filippini che s incontrano ancora negli uffici: sono i più stabili conservatori. Potremmo aggiungere altre riforme di dettaglio riguardo al commercio, l agricoltura, la sicurezza dell individuo e della proprietà, l insegnamento, etc.; ma queste sono questioni che tratteremo separatamente in altri articoli. Per ora ci contentiamo delle grandi linee; non ci sia qualcuno che vada a dire che chiediamo troppo. Non mancheranno spiriti che ci tacceranno da utopici: ma che è l utopia? Utopia era un paese immaginato da Tommaso Moro 4, dove c era suffragio universale, tolleranza religiosa, abolizione quasi completa della pena di morte, etc. Quando il racconto fu pubblicato, queste cose furono considerate come sogni, impossibili, cioè, utopici. E, tuttavia, la civiltà ha 1 I filippini erano tacciati dagli spagnoli di indolenza. Rizal scrisse un saggio intitolato Sopra l indolenza dei filippini. 2 Tagalo, per castigliani, spagnoli nati in Spagna. 3 Così gli spagnoli chiamavano i nativi di tutte le loro colonie, fino da quando Colombo scoprì l America cercando e credendo di aver trovate le Indie. 4 Thomas More, ( ), inglese, avvocato, scrittore, umanista, politico, teologo; fu fatto santo nel 193. Pubblicò Utopia (dal greco, luogo che non c è, descrizione di un paese ideale e immaginario) nel 116.

18 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III 7/ lasciato molto indietro il paese della Utopia: la volontà e la coscienza umana hanno realizzato più miracoli, hanno soppresso gli schiavi e la pena di morte per adulterio, cose impossibili per la stessa Utopia! Le colonie francesi hanno i loro rappresentanti; nelle Camere inglesi si è discusso di dare rappresentanza alle colonie della Corona (Crown colonies), perché le altre già godono di una certa autonomia; anche la stampa lì è libera; solo la Spagna, che nel secolo XVI fu la nazione modello nella colonizzazione, rimane arretrata. Cuba e Portorico, i cui abitanti non arrivano ad essere la terza parte di quelli delle Filippine, e che non hanno fatto per la Spagna i sacrifici di queste, hanno numerosi deputati. Le Filippine ebbero fin dai primi giorni i loro, che trattavano con i Re e con il Papa delle necessità del Paese; li ebbero nei momenti critici della Spagna quando questa gemeva sotto il giogo napoleonico, e non si approfittarono della disgrazia della Metropoli come altre colonie, anzi strinsero di più i vincoli che le univano alla Nazione, dando prova della loro lealtà; continuarono per molti anni dopo Che crimine hanno commesso le Isole per privarle così dei loro diritti? Insomma: le Filippine continueranno ad essere spagnole, se entrano nella via della vita legale e civilizzata, se si rispettano i diritti dei suoi abitanti, se si concedono gli altri che loro spettano, se la politica liberale dei Governi si conclude senza ostacoli né meschinità, senza sotterfugi né false interpretazioni. In altri termini, se si vogliono considerare le Filippine come un filone da sfruttare, una risorsa per soddisfare ambizioni, per alleggerire l imposte alla Metropoli, esaurendo la gallina dalle uova d oro e chiudendo le orecchie a tutte le grida della ragione, allora, per quanto grande sia la fedeltà dei filippini, non si potrà impedire che si compiano le leggi fatali della Storia. Le colonie fondate per servire la politica o il commercio di una capitale, finiscono tutte per rendersi indipendenti, diceva Bachelet; prima che lo dicesse Bachelet, lo avevano già detto le colonie fenicie, cartaginesi, greche, romane, inglesi, portoghesi e spagnole. Sono, senza dubbio, stretti i legami che ci uniscono alla Spagna; non vivono due popoli in continuo contatto per tre secoli, accomunati nella stessa sorte, versando il loro sangue negli stessi campi, credendo nelle stessa religione, adorando lo stesso Dio, scambiandosi gli stessi pensieri, senza che nascano tra di loro vincoli più forti di quelli che impongono le armi o il timore: sacrifici e benefici da parte degli uni e degli altri, hanno fatto nascere affetti; Machiavelli, il grande conoscitore del cuore umano, diceva: la natura degli uomini è, così obbligarsi per li benefizii che si fanno, come per quelli che si ricevano 1 ; tutto questo ed altro ancora è sicuro; ma è sentimentalismo puro, e nell amaro campo della politica si impongono la dura necessità e gli interessi. Per quanto i filippini debbano alla Spa- 1 Niccolò Machiavelli, Il Principe, cap. X, 3.

19 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, III 8/8 1 2 gna, non si può esigere da loro che rinuncino alla loro redenzione, che le persone liberali ed istruite vaghino come esiliati dal patrio suolo, che vengano affogate nella sua atmosfera le aspirazioni più grossolane, che il pacifico abitante viva in una continua apprensione, mentre la sorte del popolo dipende dai capricci di un solo uomo; la Spagna non può pretendere, neppure nel nome dello stesso Dio, che sei milioni di uomini si abbrutiscano, siano sfruttati ed oppressi, si neghi loro la luce, i diritti innati all essere umano, e poi li si colmi di disprezzo e di insulti; no, non c è gratitudine che possa scusare, non c è polvere da sparo sufficiente nel mondo che possa giustificare gli attentati contro le libertà dell individuo, contro la santità del focolare, contro le leggi, contro la pace e l onore; attentati che là si commettono ogni giorno; non c è Divinità che possa proclamare il sacrificio dei nostri più cari affetti, quello della famiglia, i sacrilegi e le violazioni che sono commessi da quelli che hanno il nome di Dio sulle labbra; nessuno può esigere dal popolo filippino l impossibile; il nobile popolo spagnolo, tanto amante della sua libertà e dei suoi diritti, non può dirgli di rinunciare ai suoi; il popolo che si compiace con la gloria del suo passato non può chieder all altro, da esso educato, di accettare l abiezione e disonorare il suo nome! Noi che oggi lottiamo sul terreno legale e pacifico delle discussioni, lo comprendiamo così; e con lo sguardo fisso nei nostri ideali, non cesseremo di patrocinare la nostra causa, senza uscire dai limiti del legale: ma se prima la violenza ci facesse tacere o avessimo la disgrazia di cadere (il che è possibile giacché non siamo immortali), allora non sappiamo che strada potrebbero prendere i rampolli numerosi e di più grande energia che si precipiteranno ad occupare i posti che lasceremo vuoti. Se quello che desideriamo non si realizza. Davanti alla eventualità sciagurata, bisogna che l orrore ci faccia arretrare, che invece di chiudere gli occhi, guardiamo viso a viso quello che può portare il futuro. E per questo, dopo aver lanciato il pugno di terra che si tributa ai Cerberi 1, entriamo decisamente nell abisso per sondare i suoi terribili misteri. 1 Cerbero, dalla mitologia greca, mostro canino con tre teste, custode dell ingresso dell Ade.

20 J. Rizal, Saggi politici Le Filippine tra cento anni, IV 1/7 IV La storia non registra nei suoi annali alcuna dominazione duratura esercitata da un popolo sopra l altro, di razze differenti, di usi e costumi estranei e di ideali opposti o divergenti. Uno dei due ha dovuto cedere e soccombere; o lo straniero fu scacciato come successe ai cartaginesi, agli arabi ed ai francesi in Spagna, o il popolo indigeno dovette soccombere, o ritirarsi come successe agli abitanti del Nuovo Continente, dell Australia, della Nuova Zelanda, etc.. Una delle più lunghe dominazioni fu quella degli arabi in Spagna, che durò sette secoli. Ma, nonostante che il popolo conquistatore vivesse in mezzo al popolo conquistato; nonostante il frazionamento dei piccoli stati della Penisola che sorgevano poco a poco, come piccole isole in mezzo alla grande inondazione saracena; nonostante lo spirito cavalleresco, la bizzarria e la tolleranza religiosa dei califfi, furono scacciati alla fine dopo sanguinose e tenaci lotte che formarono la Patria spagnola e crearono la Spagna dei secoli XV e XVI. È contro tutte le leggi naturali e morali l esistenza di un corpo estraneo dentro un altro dotato di forza e di attività. La scienza c insegna che o si assimila, o distrugge l organismo, o si elimina o si incista. L incistamento del popolo conquistatore è impossibile, dal momento che significa isolamento completo, inerzia assoluta, prostrazione dell elemento vincitore. L incistamento qui significherebbe la tomba dell invasore straniero. Ebbene: applicando queste considerazioni alle Filippine, dobbiamo per forza concludere, come deduzione da tutto ciò che andiamo dicendo, che se la sua popolazione non si assimila alla patria spagnola, se i dominatori non si appropriano dello spirito dei suoi abitanti, se leggi eque e riforme generose e liberali non fanno dimenticare agli uni e agli altri che sono di razze differenti, o se entrambi i popoli non si fondono per costituire una massa socialmente e politicamente omogenea che non sia travagliata da opposte tendenze e pensieri ed interessi antagonisti, le Filippine si dovranno dichiarare un giorno fatale infallibilmente indipendenti. Contro questa legge del destino non potranno opporsi né il patriottismo spagnolo, né il clamore di tutti i tirannelli di Oltremare, né l amore per la Spagna di tutti i filippini, né il dubbioso avvenire dello smembramento e le lotte intestine delle isole tra di loro. La necessità è la divinità più forte che il mondo conosca e la necessità è il risultato delle leggi fisiche messe in movimento dalle forze morali. 1 Pubblicato in La Solidarietà, n. 24, Madrid, 31 gennaio 1890.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI 1. PROGETTO DI COSTITUZIONE DI SIEYES (12 agosto 1789) 2. DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO (26 agosto 1789) 3. COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA (3

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino (1789) Dichiarazione universale dei diritti dell uomo (1948)

Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino (1789) Dichiarazione universale dei diritti dell uomo (1948) I diritti umani nelle Dichiarazioni Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino (1789) Dichiarazione universale dei diritti dell uomo (1948) leggere scrivere parlare TESTO REGOLATIVO livello di

Dettagli

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani ichia azion niver alede iritti dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA umani SEZIONE ITALIANA dichia razione univer saledei dirit tiumani Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Preambolo (1789) Preambolo (1793)

Preambolo (1789) Preambolo (1793) Confronto fra la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 e la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino dell Anno Primo (23 giugno 1793). Preambolo I rappresentanti

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

La Santa Sede FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA DI PREGHIERA DISCORSO DEL SANTO PADRE. B. Franklin Parkway, Philadelphia Sabato, 26 settembre 2015

La Santa Sede FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA DI PREGHIERA DISCORSO DEL SANTO PADRE. B. Franklin Parkway, Philadelphia Sabato, 26 settembre 2015 La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO A CUBA, NEGLI STATI UNITI D'AMERICA E VISITA ALLA SEDE DELL'ORGANIZZAZIONE DELLE NAZIONI UNITE (19-28 SETTEMBRE 2015) FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA

Dettagli

CRISTOFORO COLOMBO BUSCAR EL LEVANTE POR EL PONIENTE

CRISTOFORO COLOMBO BUSCAR EL LEVANTE POR EL PONIENTE CRISTOFORO COLOMBO CRISTOFORO COLOMBO NACQUE A GENOVA NEL 1451. SUO PADRE ERA UN POVERO CARDATORE DI LANA. GIOVANISSIMO SCELSE LA CARRIERA DEL MARE. NEI SUOI NUMEROSI VIAGGI MATURÒ UNA GRANDE ESPERIENZA

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina

SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI SISM Segretariato Italiano Studenti in Medicina Anno Associativo 2012/2013 INTRODUZIONE Nella conclusione al preambolo della Dichiarazione dei Diritti Universali

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948)

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) 1 di 8 11/11/2011 10.30 (Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato e proclamato la Dichiarazione Universale

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte Di don Fredo OLIVERO Mi è stato richiesto di mettere le basi bibliche per capire la figura dello straniero : senza queste radici

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri.

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri. Presentazione È interessante notare come, oggi, il tema del perdono sia passato da un ambito specificamente religioso a uno psicologico, sociale, umano. Da un po di tempo (primi anni 2000), in Colombia,

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione L ITALIA, COMUNITA DI PERSONE E DI VALORI L Italia è uno dei Paesi più antichi d Europa che affonda le radici nella cultura classica della Grecia

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli