Occupati - Disoccupati 2010 Confronto su Forza Lavoro Tra 2 Trimestre 2010 e Trimestri anni precedenti. Incidenza della CIG sugli occupati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Occupati - Disoccupati 2010 Confronto su Forza Lavoro Tra 2 Trimestre 2010 e Trimestri anni precedenti. Incidenza della CIG sugli occupati"

Transcript

1 Occupati - Disoccupati 2010 Confronto su Forza Lavoro Tra 2 Trimestre 2010 e Trimestri anni precedenti. Incidenza della CIG sugli occupati A Cura dell Dipartimento Settori Produttivi, Industria -Agricoltura - Artigianato

2 Rapporto tra Occupati e CIG Mettendo in relazione i dati occupazionali del secondo trimestre del 2010 rispetto al secondo trimestre del 2009, con i rispettivi periodi di CIG emerge che la crisi economica è peggiorata. Cala l occupazione tra questi due trimestri di lavoratori con un peggioramento del 0,83. Ancora peggio è l andamento dell occupazione del solo settore industriale che perde complessivamente lavoratori con una percentuale che peggiora del 1,41. L incidenza delle ore di CIG nel complesso dell occupazione nei settori economici si presenta in aumento +77 con 97,7 ore per occupato nel settore industriale. Se consideriamo solo i lavoratori dipendenti occupati nel settore industriale questo rapporto arriva fino a 124,7 ore per lavoratore con un aumento del 79. Il continuo calo degli occupati continua a fare aumentare l incidenza della CIG sul resto dei lavoratori. Il consuntivo di questa situazione è che da gennaio a giugno si è perduto quasi un mese di lavoro su sei mesi a disposizione. Continua ad essere eccessivamente basso il tasso di attività al 62,5. Aumenta il numero dei lavoratori inattivi a partire dal 3 trimestre del 2008 e il 2 trimestre del 2010 di unità se li consideriamo insieme al numero dei disoccupati, la percentuale di disoccupazione raggiunge 8,91. La situazione diventa ancora peggiore se consideriamo i lavoratori in CIG come un potenziale di disoccupazione, inattività, si determina un tasso potenziale di disoccupazione inattività, del 11,48, sul numero totale delle ore di CIG autorizzate a Giugno 2010, se invece, consideriamo la percentuale di abbattimento delle ore utilizzate (tiraggio) si determina un tasso di disoccupazione inattività del 10,24. Il Paese ha prodotto meno ricchezza e la crisi continuano a pagarla maggiormente i lavoratori. Dip.Set.Pro. CGIL 1

3 Confronto Forze di Lavoro Dati su per Regioni e Settori di Attività II Trim II Trim Agricoltura Industria Servizi Occupati II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. Piemonte , , , ,88 Valle d'aosta , , , ,90 Lombardia , , , ,21 Trentino , , , ,45 Veneto , , , ,94 Friuli , , , ,53 Liguria , , , ,35 Emilia Romagna , , , ,69 Toscana , , , ,37 Umbria , , , ,26 Marche , , , ,61 Lazio , , , ,01 Abruzzo , , , ,29 Molise , , , ,02 Campania , , , ,81 Puglia , , , ,97 Basilicata , , , ,30 Calabria , , , ,39 Sicilia , , , ,49 Sardegna , , , ,67 Italia , , , ,83 Ore di CIG in cerca di occupazione tasso di disocc. Dati su Gennaio - Giugno Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG II Trim Diff. X Occ. Ind. X Occ. Tot X Occ. Ind. Diff X Occ. Tot Diff II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Piemonte ,81 121,8 41,2 157, , ,45 6,5 8,0 Valle d'aosta ,83 115,5 27,7 72, , ,36 4,6 4,8 Lombardia ,63 62,7 22,2 125, , ,36 4,9 5,5 Trentino ,45 50,9 12,3 64, , ,17 2,6 3,0 Veneto ,35 31,3 11,8 83, , ,83 4,8 6,0 Friuli ,87 37,4 12,7 71, , ,84 5,2 4,8 Liguria ,74 46,4 9,6 43,0-7 9, ,35 5,1 5,6 Emilia Romagna ,22 28,3 9,6 93, , ,05 4,4 5,8 Toscana ,12 31,4 9,4 60, , ,59 6,2 6,2 Umbria ,99 38,7 12,0 98, , ,16 7,0 7,6 Marche ,67 32,8 13,5 69, , ,46 6,3 5,4 Lazio ,38 73,3 13,0 89, , ,34 7,9 8,2 Abruzzo ,45 107,4 32,8 117,3 9 34, ,72 8,0 9,4 Molise ,48 52,8 14,1 67, , ,11 8,0 8,3 Campania ,51 53,6 13,0 79, , ,99 12,2 14,3 Puglia ,27 65,0 16,3 111, , ,54 12,3 13,4 Basilicata ,35 86,5 21,7 112, , ,42 9,8 12,4 Calabria ,27 25,9 5,0 63, , ,13 11,4 11,6 Sicilia ,16 28,2 4,9 46,0 63 7, ,17 13,8 15,1 Sardegna ,44 39,8 8,4 57, , ,13 11,0 13,3 Italia ,59 55,2 16,1 97, , ,58 7,4 8,3 Il rapporto tra gli occupati e l'incidenza delle ore di cig sugli stessi evidenzia un forte aumento del peso delle ore di cig per occupato, tra il secondo trimestre 2009 e il secondo trimestre Su tutto il territorio nazionale, aumenta sul 2009, del 77 con 97,7 ore per occupato di tutto il settore industriale, mentre sul totale degli occupati, aumenta del 72 con 27,6 ore, nel secondo trimestre Su una Regione, l'aumento è oltre il 200, mentre su 5 è oltre il 100. Le situazioni più in evidenza per dimensione sono: Il Piemonte con 157,6 ore per occupato del settore industriale,+29 sul 2009, e 53,1 ore sugli occupati totali, +29 sul La Lombardia con 125,4 ore per occupato del settore industriali, +100 sul 2009, e 42,3 ore sugli occupati totali, +91 sul La Basilicata con 112 ore per occupato del settore industriale, +29 sul 2009, e 29,5 ore sugli occupati totali, +36 sul L'Emilia Romagna con 93 ore per occupato del settore industriale, +231, e 31,3 ore sugli occupati totali, +227 sul IL Veneto con 83,7 ore per occupato del settore industriale,+167 sul 2009, e 30,3 ore sugli occupati totali, +158 sul Fonte Istat Inps 2

4 Confronto Forze di Lavoro Dati su Regioni Nord-Ovest e Settori di Attività - Solo Lavoratori Dipendenti II Trim II Trim Agricoltura Industria Servizi Occupati II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. Piemonte , , , ,48 Valle d'aosta , , , ,77 Lombardia , , , ,73 Liguria , , , ,94 Italia Nord-Ovest , , , ,69 Ore di CIG in cerca di occupazione tasso di disocc. Dati su Gennaio - Giugno Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG II Trim Diff. Occ.Dip. Ind. Occ.Dip.Tot Occ.Dip.Ind. Diff Occ.Dip.Tot Diff II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Piemonte ,81 153,6 55,8 198, , ,45 6,5 8,0 Valle d'aosta ,83 160,7 36,3 108, , ,36 4,6 4,8 Lombardia ,63 77,0 28,7 155, , ,36 4,9 5,5 Liguria ,74 65,1 13,3 58, , ,35 5,1 5,6 Italia Nord-Ovest ,56 97,5 34,5 161, , ,73 5,3 6,0 Cala l'occupazione nelle regioni del Nord Ovest nel secondo trimestre del 2010 del 1,69 sul secondo trimestre del 2009, diminuisce di lavoratori dipendenti. Aumentano di unità le persone in cerca di occupazione, +15,73 sul secondo trimestre del 2009, nell'industria il calo più marcato. Aumenta la CIG di ore sul periodo gennaio giugno 2009 e del 58,56. Il rapporto tra i lavoratori occupati dipendenti e l'incidenza delle ore di cig sugli stessi evidenzia un aumento del peso delle ore di cig per occupato, tra il secondo trimestre 2009 e il secondo trimestre L'aumento sul 2009 è del 66 con 161,8 ore per lavoratore dipendente del settore industriale, mentre sul totale dei lavoratori dipendenti, aumenta del 61 con 55,7 ore, nel secondo trimestre Confronto Forze di Lavoro Dati su Regioni del Nord-Est e Settori di Attività - Solo Lavoratori Dipendenti II Trim II Trim Agricoltura Industria Servizi Occupati II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. Trentino , , , ,42 Veneto , , , ,03 Friuli , , , ,97 Emilia Romagna , , , ,48 Italia Nord-Est , , , ,39 Ore di CIG in cerca di occupazione tasso di disocc. Dati su Gennaio - Giugno Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG II Trim Diff. Occ.Dip. Ind. Occ.Dip.Tot Occ.Dip.Ind. Diff Occ.Dip.Tot Diff II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Trentino ,45 65,8 16,4 83, , ,17 2,6 3,0 Veneto ,35 37,6 15,1 102, , ,83 4,8 6,0 Friuli ,87 46,5 16,3 88, , ,84 5,2 4,8 Emilia Romagna ,22 35,5 13,3 115, , ,05 4,4 5,8 Italia Nord-Est ,83 39,4 14,7 104, , ,40 4,3 4,9 Cala l'occupazione nelle regioni del Nord Est nel secondo trimestre del 2010 del 1,39 sul secondo trimestre del 2009, diminuisce di lavoratori dipendenti. Aumentano di unità le persone in cerca di occupazione, +22,40 sul secondo trimestre del 2009, nell'industria il calo più marcato. Aumenta la CIG di ore sul periodo gennaio giugno 2009 del 157,83. Il rapporto tra i lavoratori dipendenti e l'incidenza delle ore di cig sugli stessi evidenzia un aumento, più contenuto che nel Nord Ovest, del peso delle ore di CIG per occupato, tra il secondo trimestre 2009 e il secondo trimestre L'aumento sul 2009 è del 26 con 83 ore per lavoratore dipendente del settore industriale, mentre sul totale dei lavoratori dipendenti, aumenta del 28 con 20,9 ore, nel secondo trimestre Fonte Istat Inps 3

5 Confronto Forze di Lavoro Dati su Regioni del Centro e Settori di Attività - Solo Lavoratori Dipendenti II Trim II Trim Agricoltura Industria Servizi Occupati II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. Toscana , , , ,05 Umbria , , , ,36 Marche , , , ,83 Lazio , , , ,51 Italia Centro , , , ,65 Ore di CIG in cerca di occupazione tasso di disocc. Dati su Gennaio - Giugno Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG II Trim Diff. Occ.Dip. Ind. Occ.Dip.Tot Occ.Dip.Ind. Diff Occ.Dip.Tot Diff II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Toscana ,12 43,8 13,5 88, , ,59 6,2 6,2 Umbria ,99 49,4 15,9 125, , ,16 7,0 7,6 Marche ,67 39,7 18,4 86, , ,46 6,3 5,4 Lazio ,38 94,2 16,8 114, , ,34 7,9 8,2 Italia Centro ,87 59,7 15,9 101, , ,68 6,9 6,9 Cala l'occupazione nelle regioni del Centro nel secondo trimestre del 2010 del 0,65 sul secondo trimestre del 2009, diminuisce di lavoratori dipendenti è il calo più contenuto nelle macrozone del paese. Aumentano di unità le persone in cerca di occupazione, +7,68 sul secondo trimestre del 2009, nell'industria il calo più marcato. Aumenta la CIG di ore sul periodo gennaio giugno 2009 del 63,87. Il rapporto tra i lavoratori occupati dipendenti e l'incidenza delle ore di cig sugli stessi evidenzia un consistente aumento, del peso delle ore di CIG per occupato, tra il secondo trimestre 2009 e il secondo trimestre L'aumento sul 2009 è del 70 con 101,2 ore per lavoratore dipendente del settore industriale, mentre sul totale dei lavoratori dipendenti, aumenta del 65 con 26,3 ore, nel secondo trimestre Confronto Forze di Lavoro Dati su Regioni del Sud-Isole e Settori di Attività - Solo Lavoratori Dipendenti II Trim II Trim Agricoltura Industria Servizi Occupati II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Diff. Abruzzo , , , ,94 Molise , , , ,42 Campania , , , ,58 Puglia , , , ,57 Basilicata , , , ,10 Calabria , , , ,79 Sicilia , , , ,25 Sardegna , , , ,66 Italia Sud-Isole , , , ,70 Ore di CIG in cerca di occupazione tasso di disocc. Dati su Gennaio - Giugno Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG Ore di CIG II Trim Diff. Occ.Dip. Ind. Occ.Dip.Tot Occ.Dip.Ind. Diff Occ.Dip.Tot Diff II Trim. II Trim. Diff. II Trim. II Trim. Abruzzo ,45 128,8 46,6 148, , ,72 8,0 9,4 Molise ,48 68,2 20,5 84, , ,11 8,0 8,3 Campania ,51 71,3 18,0 108, , ,99 12,2 14,3 Puglia ,27 82,1 21,7 141, , ,54 12,3 13,4 Basilicata ,35 106,1 31,6 140, , ,42 9,8 12,4 Calabria ,27 35,9 6,8 91, , ,13 11,4 11,6 Sicilia ,16 38,8 6,6 61, , ,17 13,8 15,1 Sardegna ,44 53,7 11,4 75, , ,13 11,0 13,3 Italia Sud-Isole ,70 71,7 16,9 108, , ,71 10,8 12,2 Cala l'occupazione nelle regioni del Sud Isole nel secondo trimestre del 2010 del 1,70 sul secondo trimestre del 2009, diminuisce di lavoratori dipendenti è il calo in più alto nelle macrozone del paese. Aumentano di unità le persone in cerca di occupazione, +12,71 sul secondo trimestre del 2009, nell'industria il calo più marcato. Aumenta la CIG di ore sul periodo gennaio giugno 2009, del 40,70. Il rapporto tra i lavoratori occupati dipendenti e l'incidenza delle ore di cig sugli stessi evidenzia un aumento, su un punto di partenza già alto, del peso delle ore di CIG per occupato, tra il secondo trimestre 2009 e il secondo trimestre L'aumento sul 2009 è del 51 con 108,4 ore per lavoratore dipendente del settore industriale, mentre sul totale dei lavoratori dipendenti, aumenta del 43 con 24,2 ore, nel secondo trimestre Fonte Istat Inps 4

6 Primo Periodo lavoro non attivamente lavoro ma non Non cercano ma Non cercano e non Differenza 2009 III forza lavoro IV I Progressione Inattivi II disoccupati Differenza CIG a zero ore Secondo Periodo con tiraggio effettivo CIG disoccupati inattivi 2008 III lavoratori a zero ore IV con tiraggio effettivo CIG I tasso di disoccupazione 8,53 II tasso disocc. con inattivi 8, Differenza Differenza tra Primo periodo e Secondo Periodo Progressione +/ tra Primo periodo e Secondo Periodo Occupati e Disoccupati Tassi tendenziali Disoccupazione tendenziale complessiva Disoccupazione tendenziale complessiva su tiraggio CIG 11,48 10,24 Dip.Set.Pro.CGIL 5

7 ITALIA Forze di Lavoro I e II Trimestre Maschi e Femmine Periodo di riferimento Occupati FORZE DI LAVORO Persone in cerca di occupazione Con Senza precedenti precedenti esperienze esperienze lavorative lavorative lavoro non attivamente lavoro ma non NON FORZE DI LAVORO Non cercano Non cercano e ma disponibili non disponibili a a lavoro <15 anni POPOLAZIONE 2009 I Trimestre ,4 57,4 7,9 II Trimestre ,6 57,9 7, I Trimestre ,4 56,6 9,1 II Trimestre ,5 57,2 8,3 Inattività Differenza su Trim anno pre ,62 Inattività Differenza su Trim pre ,30 diff. su Trim.Pre ,80 1, ,10 0,70 1,0 I Trimestre 0,90 16,45 9,82 14,68 0,33 12,01 7,19 1,07 0,48 0,54 1,04 0,72 0,56 II Trimestre 0,84 14,45 11,93 13,81 0,24 8,40 9,58 5,49 0,46 0,52 0,90 0,69 0,50 diff. sul Trim Pre ,10 0,60 0,80 1,09 7,29 9,84 7,94 0,27 0,38 2,08 1,29 0,23 0,19 0,25 0,00 0,11 MASCHI 2009 I Trimestre ,6 68,5 6,8 II Trimestre ,8 69,0 6, I Trimestre ,6 67,6 8,1 II Trimestre ,6 68,0 7,6 Inattività Differenza su Trim anno pre ,91 Inattività Differenza su Trim pre ,04 diff. su Trim.Pre ,90 1, ,20 1,00 1,3 I Trimestre 1,00 19,81 14,41 18,60 0,34 16,52 9,54 0,59 1,47 0,53 1,40 0,74 0,54 II Trimestre 1,24 20,14 17,96 19,66 0,08 9,10 11,14 13,04 1,08 0,51 1,15 0,87 0,47 diff. sul Trim Pre ,40 0,50 0,59 6,33 6,85 6,44 0,02 1,96 17,21 7,61 0,03 0,16 0,28 0,16 0,09 FEMMINE 2009 I Trimestre ,3 46,3 9,5 II Trimestre ,5 46,9 8, I Trimestre ,2 45,7 10,5 II Trimestre ,4 46,5 9,4 Inattività Differenza su Trim anno pre ,47 Inattività Differenza su Trim pre ,48 diff. su Trim.Pre ,10 0,60 1, ,10 0,40 0,6 I Trimestre 0,76 12,52 6,41 10,61 0,32 8,77 5,52 1,29 0,05 0,54 0,80 0,71 0,58 II Trimestre 0,24 7,92 7,26 7,72 0,46 7,88 8,79 1,88 0,13 0,53 0,73 0,57 0,53 diff. sul Trim Pre ,20 0,80 1,10 1,83 8,49 12,23 9,62 0,63 0,83 15,22 5,44 0,37 0,23 0,22 0,11 0,14 lavoro >64 anni attività occupazi one disoccup azione Dati Istat 6

8 ITALIA Forze di Lavoro I e II Trimestre NORD Maschi e Femmine Periodo di riferimento Occupati FORZE DI LAVORO Persone in cerca di occupazione Con Senza precedenti precedenti esperienze esperienze lavorative lavorative lavoro non attivamente lavoro ma non NON FORZE DI LAVORO Non cercano ma disponibili a Non cercano e non disponibili a POPOLAZIONE 2009 I Trimestre ,3 65,7 5,1 II Trimestre ,7 66,1 5, I Trimestre ,5 65,0 6,4 II Trimestre ,4 65,2 5,9 Inattività Differenza su Trim anno pre ,17 Inattività Differenza su Trim pre ,46 diff. su Trim.Pre ,20 0,70 1, ,30 0,90 0,9 I Trimestre 0,56 27,60 27,00 27,49 0,86 27,82 4,80 2,80 1,10 1,56 1,23 0,72 0,78 II Trimestre 0,95 16,49 28,11 18,27 0,01 0,90 5,91 9,11 0,99 1,41 1,14 1,22 0,66 diff. sul Trim Pre ,10 0,20 0,50 0,30 6,22 14,75 7,76 0,22 2,35 10,10 3,18 0,24 0,37 0,45 0,43 0,13 MASCHI 2009 I Trimestre ,0 74,6 4,3 II Trimestre ,5 75,1 4, I Trimestre ,3 73,8 5,6 II Trimestre ,0 73,8 5,4 Inattività Differenza su Trim anno pre ,15 Inattività Differenza su Trim pre ,04 diff. su Trim.Pre ,30 0,80 1, ,50 1,30 1,2 I Trimestre 0,68 28,64 36,38 29,85 0,63 36,50 8,82 3,59 1,94 1,56 1,80 0,92 0,76 II Trimestre 1,52 26,53 21,88 25,85 0,35 2,58 28,94 1,51 1,96 1,38 1,77 1,77 0,62 diff. sul Trim Pre ,30 0,20 0,24 1,41 16,67 3,91 0,45 0,44 2,22 5,58 1,51 0,30 0,85 0,74 0,10 lavoro <15 anni lavoro >64 anni FEMMINE 2009 I Trimestre ,3 56,7 6,1 II Trimestre ,7 57,0 6, I Trimestre ,7 56,1 7,5 II Trimestre ,6 56,6 6,6 Inattività Differenza su Trim anno pre ,63 Inattività Differenza su Trim pre ,13 diff. su Trim.Pre ,40 0,60 1, ,10 0,40 0,6 I Trimestre 0,40 26,55 20,22 25,26 1,16 23,36 1,91 5,96 0,62 1,56 0,85 0,58 0,81 II Trimestre 0,18 6,86 33,47 11,13 0,50 0,12 18,16 13,15 0,45 1,43 0,70 0,83 0,70 diff. sul Trim Pre ,10 0,50 0,90 1,04 11,15 13,17 11,54 0,09 3,94 18,36 7,95 0,48 0,44 0,18 0,22 0,17 attività occupazi one disoccup azione Dati Istat 7

9 ITALIA Forze di Lavoro I e II Trimestre CENTRO Maschi e Femmine Periodo di riferimento Occupati FORZE DI LAVORO Persone in cerca di occupazione Con Senza precedenti precedenti esperienze esperienze lavorative lavorative lavoro non attivamente lavoro ma non NON FORZE DI LAVORO Non cercano ma disponibili a Non cercano e non disponibili a POPOLAZIONE 2009 I Trimestre ,9 61,7 7,6 II Trimestre ,0 62,5 6, I Trimestre ,9 61,2 8,4 II Trimestre ,9 62,1 7,1 Inattività Differenza su Trim anno pre ,96 Inattività Differenza su Trim pre ,02 diff. su Trim.Pre ,50 0, ,10 0,40 0,4 I Trimestre 0,04 12,21 7,47 10,99 0,80 2,93 19,20 11,26 0,38 1,24 0,72 0,87 0,84 II Trimestre 0,15 7,33 8,87 7,68 0,65 8,47 7,07 10,98 1,36 1,30 0,56 0,89 0,78 diff. sul Trim Pre ,90 1,30 1,63 12,43 22,48 14,94 0,23 16,16 3,30 10,61 0,14 0,50 0,12 0,17 0,20 MASCHI 2009 I Trimestre ,2 71,4 6,2 II Trimestre ,9 71,9 5, I Trimestre ,8 71,1 7,3 II Trimestre ,5 71,6 6,3 Inattività Differenza su Trim anno pre ,74 Inattività Differenza su Trim pre ,38 diff. su Trim.Pre ,60 0,30 1, ,60 0,30 1,1 I Trimestre 0,20 26,09 4,41 20,84 1,48 1,26 43,32 0,66 0,81 1,19 0,88 0,06 0,80 II Trimestre 0,26 24,88 17,53 23,27 1,44 1,51 39,40 2,63 0,79 1,27 0,54 0,01 0,75 diff. sul Trim Pre ,30 0,50 1,00 1,02 14,82 14,71 14,80 0,14 12,54 22,56 11,81 0,46 0,46 0,18 0,53 0,17 lavoro <15 anni lavoro >64 anni FEMMINE 2009 I Trimestre ,8 52,3 9,5 II Trimestre ,3 53,3 8, I Trimestre ,2 51,5 9,8 II Trimestre ,6 52,8 8,3 Inattività Differenza su Trim anno pre ,49 Inattività Differenza su Trim pre ,70 diff. su Trim.Pre ,60 0,80 0, ,70 0,50 0,3 I Trimestre 0,38 0,01 9,80 2,64 0,09 3,84 0,78 15,85 1,05 1,28 0,61 1,43 0,87 II Trimestre 0,00 6,47 2,41 4,44 0,38 14,34 38,35 14,78 2,60 1,34 0,57 1,54 0,82 diff. sul Trim Pre ,40 1,30 1,50 2,46 9,78 28,09 15,08 0,74 18,08 14,59 19,04 0,48 0,54 0,33 0,07 0,23 attività occupazi one disoccup azione Dati Istat 8

10 ITALIA Forze di Lavoro I e II Trimestre MEZZOGIORNO Maschi e Femmine Periodo di riferimento Occupati FORZE DI LAVORO Persone in cerca di occupazione Con Senza precedenti precedenti esperienze esperienze lavorative lavorative lavoro non attivamente lavoro ma non NON FORZE DI LAVORO Non cercano ma disponibili a Non cercano e non disponibili a POPOLAZIONE 2009 I Trimestre ,2 44,4 13,2 II Trimestre ,2 45,0 11, I Trimestre ,7 43,4 14,3 II Trimestre ,2 44,3 13,4 Inattività Differenza su Trim anno pre ,07 Inattività Differenza su Trim pre ,02 diff. su Trim.Pre ,50 1,00 1, ,70 1,5 I Trimestre 2,22 9,32 4,28 7,66 0,92 10,43 4,05 0,39 0,23 1,00 0,98 0,65 0,11 II Trimestre 1,39 15,91 7,39 13,01 0,33 10,55 16,60 8,08 2,68 0,92 0,78 0,03 0,13 diff. sul Trim Pre ,50 0,90 0,90 2,20 5,86 3,37 5,07 1,16 2,13 3,57 0,75 0,75 0,17 0,02 0,55 0,04 MASCHI 2009 I Trimestre ,4 58,9 11,2 II Trimestre ,5 59,6 10, I Trimestre ,8 57,5 12,5 II Trimestre ,3 58,3 11,8 Inattività Differenza su Trim anno pre ,93 Inattività Differenza su Trim pre ,29 diff. su Trim.Pre ,60 1,40 1, ,20 1,30 1,5 I Trimestre 2,34 11,58 9,80 11,12 0,84 15,45 4,09 0,43 1,26 0,99 1,15 0,87 0,09 II Trimestre 1,79 13,79 16,67 14,55 0,11 12,80 21,45 20,61 4,56 0,90 0,63 0,30 0,12 diff. sul Trim Pre ,50 0,80 0,70 1,72 6,73 0,00 5,01 0,88 3,77 24,91 11,46 1,87 0,18 0,26 0,68 0,03 lavoro <15 anni lavoro >64 anni FEMMINE 2009 I Trimestre ,3 30,2 16,8 II Trimestre ,1 30,7 14, I Trimestre ,9 29,6 17,6 II Trimestre ,5 30,5 16,4 Inattività Differenza su Trim anno pre ,38 Inattività Differenza su Trim pre ,88 diff. su Trim.Pre ,40 0,60 0, ,40 0,20 1,5 I Trimestre 1,98 5,87 0,15 3,50 1,06 6,45 9,63 0,78 0,26 1,01 0,85 0,50 0,13 II Trimestre 0,63 19,42 0,39 11,07 1,11 8,74 13,81 2,24 1,79 0,93 0,89 0,16 0,15 diff. sul Trim Pre ,60 0,90 1,20 3,12 4,48 6,15 5,15 1,67 0,72 13,29 6,39 0,23 0,17 0,21 0,46 0,05 attività occupazi one disoccup azione Dati Istat 9

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015 INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 197-15 Giulia Zigon, Roberta Ciampichini, Gemma Gatta, Enrico Grande, Silvia Francisci, Roberta De Angelis,

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 -

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 - - 2 - - 3 - - 4 - - 1 - 1 Art. 9 comma 1 del D.L. 31 dicembre 2007 n. 248, convertito in legge 28 febbraio 2008 n. 31-2 - - 3 - - 4 - - 5 - - 6 - - 7 - - 8 - - 9 - - 10 - Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013 Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 213 Dott. Riccardo Borghero Dirigente Area Affari Economici Camera di Commercio I.A.A. di Verona 135 IMPRESE

Dettagli

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013 Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA Situazione al 30 Aprile 2013 1 INDICE - 1 1. Le amministrazioni partecipanti Slide 4 New entries del mese Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito a MLF Numero

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni I TRASFERIMENTI ERARIALI COME LEVA DI GOVERNO NEI RAPPORTI STATO COMUNI Copyright SDA Copyright Bocconi 2005 SDA Bocconi 2005 SDA Bocconi per Anci Veneto 1 Il senso di una analisi storica sui trasferimenti

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

Contesto e risorse - Popolazione scolastica

Contesto e risorse - Popolazione scolastica Contesto e risorse - Popolazione scolastica Provenienza socio-economica e culturale degli studenti e caratteristiche della popolazione che insiste sulla scuola (es. occupati, disoccupati, tassi di immigrazione).

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE Presentazione dei risultati Indagine effettuata per PROMOTION MILANO, marzo 2000 1 OBIETTIVI GENERALI Analizzare la domanda di prodotti promozionali

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Seminari del QSN 7 luglio 25 Istruzione I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Marta Foresti - Aline Pennisi Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Appendice Statistica

Appendice Statistica REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Aborto: Ru468, circa 10 mila confezioni vendute nel 2012, +30% rispetto a 2011

Aborto: Ru468, circa 10 mila confezioni vendute nel 2012, +30% rispetto a 2011 Aborto: Ru468, circa 10 mila confezioni vendute nel 2012, +30% rispetto a 2011 - Ad... http://www.adnkronos.com/ign/daily_life/benessere/aborto-ru468-circa-10-mila-c... Page 1 of 2 08/01/2013 Daily_Life

Dettagli

I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR

I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR La scuola e l università hanno oggi il compito, non sempre facile, di preparare i giovani per

Dettagli

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012)

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Milano, 15 ottobre 2013 I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Totale* 211,7 In casa 138,8 * escluse bevande alcoliche Fuori casa 72,9 Fonte: elaboraz. C.S. Fipe

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Anno - Dati aggiornati al Maggio Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Lombardia,9% 6 Emilia Romagna 9,9% Sicilia 9,% 9 Piemonte 9,% 9 Veneto,% Toscana 6,9% Campania 6,% Abruzzo,9%

Dettagli

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012 I&C Italy - Territorial Relations Territorial Development Programs Giovani Imprenditori di Confindustria Santa Margherita Ligure, 10 Giugno PROPOSTA PROGETTUALE TIMELINE 2 OBIETTIVO Far emergere o sostenere

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

La paura della criminalità in Italia

La paura della criminalità in Italia La paura della criminalità in Italia Linda Laura Sabbadini DIRETTORE CENTRALE ISTAT Maria Giuseppina Muratore ISTAT Istituto Nazionale di Statistica 1. Paura personale, senso di insicurezza è la sensazione

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Acquirenti prodotti contraffatti Prima fase 2010-2011 Base: 4000 Seconda fase 2012 No 69,4% Si 30,6% Pari a 586 persone Pari a 367 persone CAMPIONE TOTALE Area Geografica ACQUIRENTI

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente.

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente. Modulo offerta economica validità dell offerta fino al 31/05/2013, prezzi fissi per 12 mesi della data di attivazione della fornitura. HOME ENERGY GAS WEB (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano

Dettagli

Banda massima in upload (Percentile 95 della velocità di trasmissione in

Banda massima in upload (Percentile 95 della velocità di trasmissione in Modello elettronico Qualità dei servizi di accesso ad internet da postazione fissa - Delibere 131/06/CSP - 244/08/CSP e s.m.i. REGIONE Toscana (offerta/profilo 7 Mbps Download / 256 Kbps Upload) Kbps 4726

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

La specializzazione produttiva delle regioni, l effetto della crisi: una rottura?

La specializzazione produttiva delle regioni, l effetto della crisi: una rottura? La specializzazione produttiva delle regioni, l effetto della crisi: una rottura? Il gruppo di lavoro di RegiosS che ha collaborato all organizzazione dell evento e alla redazione del presente rapporto:

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense L Italia dei libri Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto Gian Arturo Ferrari 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014 Conferenza Stampa Garanzia Giovani Roma, 10 dicembre 2014 2 Garanzia Giovani Obiettivo: migliorare l occupabilità Nasce da una raccomandazione europea 1.135 mln di fondi europei 378 mln. cofin. nazionale,

Dettagli