LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI"

Transcript

1 LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La CTU deducente e la CTU percipiente 2. La nomina del CTU 3. L attività del CTU 4. I poteri del CTU 5. Il meccanismo delle osservazioni alla CTU 6. La valutazione della CTU nella motivazione della sentenza 7. La valutazione di CTP e perizia stragiudiziale nella motivazione della sentenza 8. Il compenso del CTU 1

2 1. La CTU deducente e la CTU percipiente Una trattazione sulle prove non può prescindere da una riflessione circa la Consulenza Tecnica d Ufficio 1, la quale, pur non potendo certo essere considerata a stretto rigore come un mezzo di prova in senso proprio 2, rientra tuttavia certamente tra i mezzi istruttori in senso lato 3. E stato infatti acutamente osservato 4 che tale collocazione sistematica si impone in ragione del fatto che la CTU, disciplinata dagli articoli c.p.c., è comunque collocata nell ambito della sezione codicistica dedicata all istruzione probatoria, pur se prima di quella relativa all assunzione dei mezzi di prova in generale di cui agli articoli c.p.c. Secondo la tradizionale nozione che ne viene data, la CTU costituisce un subprocedimento che determina l ingresso nel processo di un ausiliario del Giudice, cui il Giudice stesso fa ricorso per integrare le proprie conoscenze nell attività di valutazione ed apprezzamento delle prove che le parti hanno già offerto. Ne consegue che la CTU non è fonte di prova nella disponibilità delle parti, ma piuttosto lo strumento che consente al Giudice di acquisire un bagaglio di conoscenze ed esperienze tecniche che sfuggono all ordinaria preparazione di un magistrato 5. 1 In proposito, sia consentito il rinvio a MORLINI, La consulenza tecnica nel processo civile, in Il Merito, 2006, 10, 2. 2 E ciò con scelta confermata anche nel contesto delle riforme del 2009 ed al contrario di quanto disponeva il Codice del 1865, che inseriva la perizia tra i mezzi di prova in senso proprio. 3 Per la giurisprudenza, cfr. ex pluribus Cass. n. 3004/2004, Cass. n. 4720/1996, Cass. n. 132/1996, Cass. n /1995. In dottrina, cfr. ANDRIOLI, Diritto processuale civile, Napoli, 1979, 205; COMOGLIO, Le prove civili, Torino, 1998, 449 ss.; COMOGLIO, La consulenza tecnica, in Le prove civili, Torino, 2010, 842; COMOGLIO-FERRI- TARUFFO, Lezioni sul processo civile, Bologna, 1998, 679; LIEBMAN, Manuale di diritto processuale civile, Milano, 1992, I, 347 ss.; MANDRIOLI, Diritto processuale civile, II, Torino, 2011, 203; MONTELEONE, Diritto processuale civile, Padova, 2009, 420 ss.; MONTESANO-ARIETA, Diritto processuale civile, II, Torino, 1992, 209; PROTETTI E.-PROTETTI M.P. La consulenza tecnica nel processo civile, Milano, 1999; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 34; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, 1-2; VERDE, Profili del processo civile, II, Napoli, 2000; 4 Cfr. BONI, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 15; FAROLFI, I poteri istruttori del Giudice. L ammissione e l assunzione della prova, relazione tenuta a Roma il 10/5/2005 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 31; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 34; ZULIANI, La fase istruttoria nel processo civile ordinario: ammissione, acquisizione, assunzione e valutazione delle prove, relazione tenuta il 16-20/6/2003 a Roma ad un corso di formazione per magistrati, Per la giurisprudenza, cfr. ex pluribus Cass. n /2006, Cass. n /2004, Cass. n. 5422/2002, Cass. n /2000, Cass. n. 7319/1999, Cass. Sez. Lav. n. 996/1999. In dottrina, cfr. BONI, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 15; FAROLFI, I poteri istruttori del Giudice. L ammissione e l assunzione della prova, relazione tenuta a Roma il 10/5/2005 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 30; ZULIANI, La fase istruttoria nel processo civile ordinario: ammissione, acquisizione, assunzione e valutazione delle prove, relazione tenuta il 16-20/6/2003 a Roma ad un corso di formazione per magistrati, 26. 2

3 Consegue altresì che la CTU rientra nella piena disponibilità, anche temporale, del Giudice, e la sua eventuale sollecitazione ad opera delle parti non è quindi soggetta alle preclusioni istruttorie poste dalla legge processuale per le parti stesse 6. E consegue infine che la CTU non può essere utilizzata per esonerare le parti dal loro onere probatorio 7, non essendo consentita una relevatio ab onere probandi ad opera della consulenza. Tuttavia, le conclusioni sopra esposte circa l inidoneità della consulenza tecnica ad integrare un mezzo probatorio, apparentemente scontate e pacifiche secondo il tradizionale insegnamento giurisprudenziale e dottrinale, diventano sfumate ed evanescenti, sino ad essere del tutto disattese, nel caso di CTU relativa a fatti determinabili solo con ricorso a determinate cognizioni tecniche. Hanno infatti chiarito dottrina 8 e giurisprudenza 9 che, laddove un fatto non sia percepibile nella sua intrinseca natura se non con cognizioni o strumentazioni tecniche che il Giudice non possiede, o comunque risulti di più agevole, efficace e funzionale accertamento, ove 6 Cfr. Cass. n. 5878/2011, Cass. n. 9461/2010, Cass. n /2005 con specifico riferimento al rito del lavoro, Cass. n /2006, Cass. n /2005, Cass. n /2002, Cass. n. 5422/2002, Cass. n / Ex pluribus, cfr. Cass. Sez. Un. n. 1850/2009, Cass. n. 3374/2008, Cass. n /2007, Cass. n /2007, Cass. n. 9060/2003, Cass. n. 5422/2002, Cass. n. 3343/2001, Cass. n /2000, Cass. n. 1132/2000, Cass. n. 5345/ Cfr. AGRESTI, La consulenza tecnica, relazione tenuta a Roma il 11/6/2012 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 2; AULETTA, Consulenza Tecnica, in BONI, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 16; CARTONI, La Consulenza Tecnica d Ufficio, relazione tenuta a Scandicci il 5/2/2013 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dalla Scuola della Magistratura, 3-5; COMOGLIO, Le prove civili, Torino, 1998, 490 ss.; DE TILLA, Il consulente tecnico nella elaborazione giurisprudenziale, in Giust. Civ., 1993, II, 63; FAROLFI, I poteri istruttori del Giudice. L ammissione e l assunzione della prova, relazione tenuta a Roma il 10/5/2005 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 31 ss.; LAMORGESE, La prova testimoniale. La consulenza tecnica d ufficio e di parte, relazione tenuta a Roma il 26-30/5/2003 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 38; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 35; PINTO, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 16-20/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 21; RAZETE, L attività istruttoria nel rito civile ordinario: poteri delle parti e poteri del giudice, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 22; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, 2-3; ZULIANI, La fase istruttoria nel processo civile ordinario: ammissione, acquisizione, assunzione e valutazione delle prove, relazione tenuta il 16-20/6/2003 a Roma ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n. 2251/2013, Cass. n /2013, Cass. n. 2663/2013, Cass. n. 6155/2009, Cass. n. 6754/2008, Cass. n /2007, Cass. n /2007, Cass. n. 4743/2007, Cass. Sez. Un. n. 9522/2006, Cass. n. 3990/2006, Cass. n. 1020/2006, Cass. n /2005, Cass. n /2005, Cass. n /2005, Cass. n. 8297/2005, Cass. n. 88/2004, Cass. n /2003, Cass. n. 7635/2003, Cass. n. 3710/2003, Cass. n /2002, Cass. n /2002, Cass. n. 5422/2002, Cass. n. 3343/2001, Cass. n /2000, Cass. n /2000, Cass. Lav. n /2000, Cass. n. 8395/2000, Cass. n. 2802/2000, Cass. n. 1361/2000, Cass. n. 4755/1999, Cass. n /1999, Cass. n /1999, Cass. n. 6396/1999, Cass. n. 4755/1999, Cass. n. 2957/1999, Cass. n. 321/1999, Cass. n. 9584/1998, Cass. n. 4520/1998, Cass. n. 342/1997, Cass. Sez. Un. n. 9522/1996, Cass. n. 6166/1996, Cass. n. 5718/1996, Cass. n. 3679/1996, Cass. n. 2205/1996, Cass. n. 132/1996, Cass. n. 2514/1995, Cass. n. 2083/1995, Cass. n. 7880/1994, Cass. n. 2629/

4 l indagine sia condotta da un ausiliario dotato di specifiche cognizioni tecnico-scientifiche 10, la CTU può costituire una vera e propria fonte oggettiva di prova. In tali casi, ove si è detto la consulenza tecnica d ufficio costituisce essa stessa fonte oggettiva di prova in quanto diretta ad accertare fatti, si suole parlare di CTU percipiente, per distinguere la figura dalla CTU deducente, id est la tradizionale forma di consulenza destinata a valutare fatti già acquisiti al processo e quindi tendenzialmente esperita dopo l espletamento dei mezzi di prova. Tra l altro, che la CTU possa svolgere un ruolo non soltanto di valutazione di una prova già acquisita, ma anche di integrazione della prova stessa, può normativamente desumersi dall art. 259 c.p.c., che in tema di ispezione giudiziale prevede la possibile partecipazione del consulente; e dall art. 261 c.p.c., che facoltizza l esecuzione dell esperimento giudiziario mediante un esperto 11. E stato poi convincentemente evidenziato che l evoluzione giurisprudenziale non può che volgere verso un utilizzo sempre più diffuso della CTU-prova, in ragione dell incalzante progresso tecnologico, che consente di ricorrere all accertamento giudiziale dei fatti con tecniche e metodologie scientifiche sempre più raffinate e sofisticate, in grado di superare e soppiantare il sapere dell uomo medio 12. Anche peraltro nel caso di CTU percipiente, la parte non può comunque sottrarsi del tutto all onere probatorio e rimettere in toto l accertamento della propria posizione processuale all attività del consulente, essendo comunque necessario che vengano dedotte circostanze ed elementi specifici posti a fondamento del diritto azionato, non potendo quindi la CTU risolversi nell accertamento di fatti che non sono stati nemmeno affermati ed allegati in giudizio a sostegno delle proprie domande ed eccezioni 13. E appena il caso di evidenziare, attesa la notevole diversità delle tematiche, che altro è la natura probatoria che assume la CTU percipiente, ciò che attiene alla tipologia del quesito formulato; altro è la generale facoltà, attribuita a tutti i consulenti ex art. 194 comma 1 c.p.c. e della quale si dirà oltre nel paragrafo 7.4, di domandare chiarimenti alle parti e di assumere informazioni dai terzi a seguito di autorizzazione del Giudice, ciò che attiene invece alle modalità di svolgimento delle operazioni peritali, comprese quelle che hanno ad oggetto una CTU deducente. 10 A mero titolo esemplificativo, si pensi alla CTU in materia medico-legale per verificare gli stati di incapacità, ovvero la sussistenza di determinati requisiti necessari per la corresponsione di prestazioni previdenziali; alla CTU in materia genetica nelle cause di riconoscimento e disconoscimento di paternità; alla CTU grafologica per verificare l autografia di una firma; alla CTU nelle materie di appalto e compravendita, per quantificare il minor valore della res a seguito della presenza di vizi. 11 Cfr. FAROLFI, I poteri istruttori del Giudice. L ammissione e l assunzione della prova, relazione tenuta a Roma il 10/5/2005 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, Cfr. COMOGLIO, Le prove civili, Torino, 1998, 490 ss.; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 36; TARUFFO, La prova dei fatti giuridici, Milano, 1992, In giurisprudenza, cfr. Cass. n /2011, Cass. n. 3130/2011, Cass. n. 6155/2009, Cass. n /2007, Cass. n /2007, Cass. n. 3191/2006, Cass. n /2005, Cass. n. 7097/2005, Cass. n. 9060/2003, Cass. n. 7635/2003, Cass. n. 2887/2003, Cass. n /2002, Cass. n. 5422/2002, Cass. n. 3343/2001, Cass. n /1999, Cass. n. 3423/1998, Cass. n. 342/1997, Cass. Sez. Un. n. 9522/1996, Cass. n. 2205/1996. Per la dottrina, cfr. COMOGLIO, Le prove civili, Torino, 1998, 463; CARTONI, La Consulenza Tecnica d Ufficio, relazione tenuta a Scandicci il 5/2/2013 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dalla Scuola della Magistratura, 6-8; RAZETE, L attività istruttoria nel rito civile ordinario: poteri delle parti e poteri del giudice, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 22. 4

5 2. La nomina del CTU Come è noto, alla nomina del CTU il Giudice provvede con ordinanza, non reclamabile né ricorribile per Cassazione 14, ma pacificamente revocabile in virtù del generale principio posto dall art. 177 c.p.c. E poi pacificamente ammesso che il Giudice possa delegare per la nomina del CTU, pur se non anche per la formulazione del quesito 15, il Giudice del luogo in cui deve svolgersi l accertamento, in analogia con quanto previsto dall art. 203 c.p.c. per la prova delegata, Giudice davanti al quale il Consulente giurerà e Giudice che dovrà decidere le questioni eventualmente sorte durante le indagini 16. L ammissione della consulenza costituisce un provvedimento normalmente discrezionale da parte del Giudice, che solo in limitati e residuali casi è tenuto ad una nomina obbligatoria 17. La discrezionalità in ordine all ammissione comporta poi che il Giudice ben può disporre la CTU anche senza istanza di parte, ovvero può rigettare la richiesta di ammissione; in quest ultimo caso, però, laddove la consulenza sia, come nell ipotesi di CTU percipiente, l unico od il più agevole mezzo di accertamento di un fatto determinante per la decisione, ha l onere di motivare il rigetto con riferimento a superfluità od irrilevanza del mezzo, essendo in caso contrario la decisione censurabile in Cassazione sotto il profilo dell omessa o insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia 18. Pertanto e con specifico riferimento alla CTU percipiente, laddove la decisione giurisdizionale dipenda dalla risoluzione di una questione tecnica e si tratta, quindi, di accertare elementi rispetto ai quali la consulenza tecnica si presenti come lo strumento più funzionale ed efficiente di indagine, il Giudice non può, da un lato, respingere l istanza di ammissione della consulenza tecnica d ufficio, e, dall altro lato, ritenere non accertati i fatti che la consulenza avrebbe potuto accertare 19, atteso che in tal caso alla parte spetta solo l onere di allegazione, indicando il fatto posto a fondamento del diritto 20. Dopo la modifica apportata dalla L. n. 69/2009 all articolo 191 c.p.c., la formulazione del quesito deve essere posta in essere già al momento della nomina del consulente, e ciò 14 Tra le tante, Cass. n /2011, Cass. n. 72/2011, Cass. n. 7622/2010, Cass. n. 6050/2010, Cass. n /2009, Cass. n /2007, Cass. n /2005, Cass. n. 4588/2000, Cass. n. 7772/ Cfr. FAROLFI, Commento all art. 191 c.p.c., in Commentario al codice di procedura civile a cura di Cendon, Milano, 2012, Per la giurisprudenza, cfr. Cass. n. 4588/2000. In dottrina, AGRESTI, La consulenza tecnica, relazione tenuta a Roma il 11/6/2012 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 21, ed i richiami ivi contenuti; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 39; 17 Si pensi ad esempio alle cause per sinistri marittimi, ove, in deroga ai principi generali, la nomina del CTU è obbligatoria qualora la causa presenti questioni tecniche (cfr. artt. 599 e 600 cod. nav.); parimenti doverosa è la nomina del CTU nelle cause di primo grado relativamente a domande previdenziali od assistenziali che richiedano accertamenti tecnici (cfr. art. 445 c.p.c.), mentre la nomina resta facoltativa in appello: Cass. n /1998, Cass. n. 2187/1986, Cass. n. 4428/ Ex pluribus, cfr. Cass. n. 72/2011, Cass. n /2008, Cass. n /2007, Cass. n /2007, Cass. n /2007, Cass. n. 4853/2007, Cass. n. 4407/2006, Cass. n /2005, Cass. n /2004, Cass. n. 88/2004, Cass. n. 3690/2003, Cass. Lav. n. 87/2003, Cass. n. 20/2002, Cass. n /2001, Cass. n /2000, Cass. n /2000, Cass. n. 6166/1997, Cass. n /1996, Cass. n. 622/ SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, FAROLFI, Commento all art. 191 c.p.c., in Commentario al codice di procedura civile a cura di Cendon, Milano, 2012,

6 all evidente fine di consentire un reale contraddittorio con le parti ed il perito stesso su tale quesito; ma in tutta evidenza, il quesito ben può essere modificato all udienza di giuramento. Sempre a seguito della riforma, viene opportunamente chiarito che la consulenza può essere disposta sia con il provvedimento di ammissione delle istanze istruttorie, sia con altra successiva ordinanza, laddove la necessità sorga successivamente, ad esempio a seguito delle risultanze della fase testimoniale. In ogni caso, nonostante il chiaro tenore letterale della norma, non si dubita che la CTU possa essere disposta anche in via anticipata rispetto all esame delle altre richieste di prova, od addirittura anche prima della concessione dei termini ex art. 183 comma 6 c.p.c. 21 L individuazione del nominativo del consulente va fatta, nella normalità dei casi, nell ambito degli iscritti all albo del Tribunale, in ragione del precetto posto dall art. 22 comma 1 disp. att. c.p.c. Tale obbligo, secondo la tesi prevalente, non vale peraltro né nel caso di nomina dell ausiliario del Giudice nell ambito delle procedure esecutive immobiliari, parlando la legge in proposito di esperto (cfr. artt. 568, 569 e 576 c.p.c., 173 bis disp. att. c.p.c.), non già di vero e proprio consulente tecnico d ufficio ; né nel caso di nomina dell ausiliario del Giudice nell ambito delle procedure fallimentari, sempre in ragione del disposto letterale che parla di stimatore (cfr. artt. 172 e 204 L.F.) e non di consulente tecnico d ufficio. Al di fuori di tali ipotesi, il Giudice che intenda nominare un consulente iscritto in un albo di un diverso Tribunale o non iscritto in alcun albo, è invece tenuto a sentire il Presidente ed indicare nel provvedimento i motivi della scelta ai sensi del comma 2 dell art. 22 disp. att. c.p.c. Tuttavia, l omissione di tali formalità ed incombenti non comporta alcuna nullità, né della sentenza né della CTU, atteso che la norma non ha carattere cogente ma mera finalità direttiva 22, ed è semplicemente finalizzata ad evitare abusi da parte del Giudice ed a privilegiare la nomina di tecnici dei quali si è verificata la competenza al momento dell esame della domanda di iscrizione all albo 23. Inoltre, a seguito della modifica dell art. 23 disp. att. c.p.c. ad opera della L. n. 69/2009, il Presidente deve vigilare affinché senza danno per l amministrazione della giustizia, gli incarichi siano equamente distribuiti tra gli iscritti nell albo in modo tale che a nessuno dei consulenti iscritti possano essere conferiti incarichi in misura superiore al 10 per cento di quelli affidati dall ufficio, e garantisce che sia assicurata l adeguata trasparenza del conferimento degli incarichi anche a mezzo di strumenti informatici. Ferma la clausola di salvezza rappresentata dall inciso senza danno per l amministrazione della giustizia, resta la difficoltà di comprendere come possa essere applicato il limite numerico, posto che per un verso non è chiaro l arco temporale all interno del quale la percentuale deve essere calcolata, per altro verso non si comprende se detta percentuale vada calcolata sul totale dei consulenti o solo su quelli iscritti ad una specifica specializzazione dell albo, da ultimo non si comprende se occorre tenere conto di tutte le consulenza o solo di quelle conferite dal singolo giudice. Il Consulente iscritto all albo, ai sensi dell art. 63 c.p.c., ha l obbligo di prestare l incarico, salvo sia autorizzato ad astenersi dal Giudice ex art. 192 comma 2 c.p.c. per la ricorrenza delle condizioni di cui agli artt. 192, 63 e 51 c.p.c., a pena di violazione dell art. 21 Contra però AULETTA, Consulenza Tecnica, in 22 Per la giurisprudenza, pacifica e mai disattesa, cfr. ex pluribus Cass. n /2011, Cass. n. 481/1986, Cass. n. 453/1985, Cass. n. 4884/1984, Cass. n. 1025/1983, Cass. n. 2834/1983. In dottrina, cfr. A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, 8. 6

7 366 c.p.; mentre il Consulente non iscritto, sempre ai sensi dell art. 192 comma 2 c.p.c., può rifiutare l incarico. Pur se parte della dottrina non condivide l assunto, il termine previsto dall art. 192 c.p.c. per la ricusazione del CTU ad opera delle parti, è stato inteso dalla giurisprudenza come perentorio, nonostante la mancata specificazione da parte del Legislatore. Ne consegue che l eventuale situazione di incompatibilità che non venga fatta valere entro i prescritti tre giorni prima della comparizione, resta definitivamente sanata e non più successivamente deducibile, salva solamente la possibilità di disporre rinnovazione dell istruttoria o sostituzione del CTU ai sensi dell art. 196 c.p.c. 24. Tuttavia, a seguito dell entrata in vigore del vigente articolo 153 c.p.c., così come novellato dalla legge n. 69/2009, tenuto conto che la rimessione in termini diviene istituto di carattere generale e non più confinato alla materia probatoria come nel caso del precedente articolo 184 bis c.p.c., potrebbe opinarsi che la scoperta di una causa di ricusazione in un momento successivo al termine codicistico previsto per poterla eccepire, renderebbe possibile la rimessione in termini della parte per formulare la domanda di ricusazione. La scelta del consulente tecnico, rimessa al prudente apprezzamento del Giudice ex art. 61 c.p.c., è sottratta al sindacata di legittimità della Cassazione 25. Quanto al quesito da sottoporre, è di banale evidenza osservare che non può essere delegato al consulente il giudizio sulla qualificazione giuridica dei fatti 26, né l interpretazione delle norme dell ordinamento italiano e comunitario, che il Giudice è tenuto a conoscere. Possono invece essere delegate al CTU, come unica eccezione al principio iura novit curia, la ricerca di norme consuetudinarie 27 e l accertamento della legge straniera, pur se non anche il criterio di collegamento che la rende applicabile in base alle norme del diritto internazionale privato 28. Per quanto concerne poi il giuramento del consulente, previsto dall art. 193 c.p.c., una parte della dottrina ha sostenuto che la sua completa mancanza dovrebbe portare alla nullità, pur se relativa, della CTU 29. La giurisprudenza, invece, da un lato ritiene che il giuramento stesso ben possa essere eseguito anche dopo l espletamento dell incarico, contestualmente al deposito della relazione 30 ; dall altro lato, ritiene comunque che, anche in caso di sua mancanza, non si possa parlare di nullità, ma di mera irregolarità 31, e che il Giudice possa comunque valutare le risultanze peritali almeno come argomenti di prova atipica 32. In ogni caso, il CTU non è tenuto a rinnovare il giuramento laddove sia chiamato a rendere 24 Cfr. Cass. Lav. n. 3105/2004, Cass. n. 3364/2001, Cass. n /2000, Cass. n. 3657/1998, Cass. n. 1215/1993, Cass. n. 5005/1988, Cass. n. 5121/1985, Cass. Lav. n. 2125/ Cass. n. 5473/2001, Cass. n. 1025/ Per tutte, cfr. Cass. n. 7936/1987 e Cass. n. 2470/ Cfr. BONI, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 16; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, In particolare, per la possibilità da parte del Giudice di avvalersi di un esperto al fine di conoscere la legge di un paese il cui ordinamento deve essere applicato in base alle regole del diritto internazionale privato, cfr. art. 14 L. n. 218/ REDENTI, Diritto processuale, II, Milano, 1980, Cfr. Cass. n. 3907/1974, Cass. n. 2460/ Cfr. Cass. n / Cfr. Cass. n. 5737/1986, Cass. n. 5671/1984, Cass. n. 1531/1970, Cass. n. 2460/1967, Cass. n. 656/

8 chiarimenti od eseguire nuovi accertamenti 33 ; e nelle cause collegiali il giuramento può essere reso davanti al solo Giudice Istruttore 34. Quanto poi alla mancata apposizione della firma nel verbale attestante il giuramento, trattasi di mera irregolarità, che non comporta alcun profilo di invalidità Cfr. Cass. n. 272/ Cfr. Cass. n / Cfr. Cass. Lav. n /

9 3. L attività del CTU Ai sensi degli artt. 194 comma 2 c.p.c. e 90 comma 1 disp. att. c.p.c., il CTU deve dare comunicazione alle parti costitute di giorno, ora e luogo dell inizio delle operazioni peritali, pur se non anche del prosieguo delle stesse, laddove esso sia volta a volta fissato nel verbale delle operazioni, posto che incombe sulle parti l onere di informarsi sulla prosecuzione delle attività- peritali stesse 36 ; solo invece ove il consulente rinvii le operazioni a data da destinarsi e successivamente le riprenda, vi è l obbligo di avvertire nuovamente le parti a pena di nullità della perizia 37. La Cancelleria deve invece, ex art. 91 disp. att. c.p.c., dare comunicazione al CTP delle indagini predisposte dal CTU. Tuttavia, l attività del consulente meramente acquisitiva di elementi emergenti da pubblici registri accessibili a chiunque, così come quella di semplice valutazione di dati in precedenza acquisiti, non integrano vere e proprie indagini tecniche, e pertanto possono essere compiti senza preventivo avviso alle parti 38. La comunicazione non deve poi comunque essere posta in essere nei confronti del contumace, così come al contumace non occorre dare comunicazione della nomina del Consulente ex art. 192 c.p.c., atteso che essa non rientra tra gli atti che l art. 292 c.p.c., con elencazione tassativa, prevede debbano essere notificati al contumace stesso 39. Ragionevole eccezione al principio, e conseguente necessità di comunicare al contumace l inizio delle operazioni peritali, si ha peraltro quando la collaborazione del contumace è indispensabile per l espletamento del mandato, come nel caso di incarico consistente nell ispezione sulla persona del contumace o su beni nella sua disponibilità 40. Nel caso di procedimento che prevede l intervento obbligatorio del P.M., non si ha nullità della CTU per assenza dello stesso all udienza di conferimento dell incarico e per la conseguente omissione della sua firma sul documento oggetto di querela, posto che non è necessaria la presenza di un rappresentante di tale ufficio nelle udienze, né la formulazione di conclusioni, essendo sufficiente che il P.M., mediante l invio degli atti, sia informato del giudizio e quindi posto in condizione di sviluppare l'attività ritenuta opportuna 41. La mancanza della comunicazione di inizio operazioni peritali (che, sia detto per inciso, al fine di evitare problematiche e contestazioni, sarebbe opportuno fosse resa dal consulente a verbale d udienza al momento del giuramento), pur in assenza di apposita e specifica previsione, è unanimemente e concordemente sanzionata con la nullità, in base al generale principio di cui all art. 156 comma 2 c.p.c., per violazione del principio del contraddittorio 42, con conseguente inutilizzabilità della perizia e sua mancanza di valore probatorio anche indiziario 43. Tale sanzione di nullità, tuttavia, è temperata da due correttivi. 36 Cfr. Cass. n. 3243/2012, Cass. n /2008, Cass. n. 4271/2004, Cass. n /2003, Cass. n. 15/2003, Cass. n. 9382/2002, Cass. n /2001, Cass. n. 5775/2001, Cass. n. 986/1996, Cass. n. 1457/1995, Cass. n. 1459/1994, Cass. n. 4821/1993, Cass. n. 3615/1990, Cass. n. 5058/1986, Cass. n. 6089/ Cass. n. 4271/2004, Cass. n. 15/2003, Cass. Sez. Un. n. 2481/1988. Nello stesso senso Cass. n /2008 con riferimento ad indagini rinviate ad una certa data e poi in concreto anticipate nel loro svolgimento. 38 Cass. n. 5762/2005, Cass. n. 1318/1993, Cass. n /1992, Cass. Lav. N. 9672/1991, Cass. n. 6098/1982, Cass. n. 5812/ Cfr. Cass. n /2012, Cass. n /2003, Cass. n /1991 e Cass. n /1990; contra solo la datata Cass. n. 5248/ Così SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n /2013, Cass. n / In giurisprudenza, per tutte Cass. n. 986/1996, Cass. n. 5659/1990. Per la dottrina, Cfr. BONI, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica 9

10 Da un lato, proprio in ragione della lettera dell art. 156 commi 2 e 3, la nullità non può essere pronunciata se l atto ha raggiunto il suo scopo, e quindi se si dimostra che la parte non ha subito un effettivo pregiudizio al suo diritto di difesa, avendo comunque avuto notizia dell inizio delle attività o comunque avendovi partecipato 44. Dall altro lato, trattasi comunque di nullità relativa, come peraltro relative sono tutte le nullità riguardanti l espletamento della CTU 45, con la conseguenza che, ai sensi dell art. 157 c.p.c., ne resta precluso il rilievo, e l invalidità rimane sanata, se l eccezione non viene sollevata nella prima istanza o difesa successiva al deposito della relazione, ovvero, nel caso del contumace, nel suo atto di costituzione 46. Per prima istanza o difesa successiva deve poi intendersi anche l udienza di mero rinvio nella quale il Giudice si sia limitato a differire la trattazione ad altra udienza per consentire alle parti l esame della relazione, atteso che la denuncia della nullità non presuppone la conoscenza del contenuto della relazione 47. Né, peraltro, è esclusa la configurabilità di acquiescenza nei confronti della nullità, anche in forza di dichiarazioni o comportamenti anteriori al deposito della consulenza, a condizione che gli stessi siano riferibili al procuratore alla lite, onde è escluso che la presenza della sola parte personalmente alle operazioni peritali possa sanare l eventuale nullità per omessa comunicazione dell inizio delle medesime 48. Non dà invece luogo a nullità, non essendo la stessa sanzione espressamente prevista, ma solo ad irregolarità, la violazione dell art. 195 comma 2 c.p.c., che impone al CTU di inserire nella relazione anche le osservazioni e le istanze delle parti 49 ; e parimenti non vi è nullità nemmeno nel caso di omessa verbalizzazione delle operazioni, essendo sufficiente la loro descrizione nella relazione 50. d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 20; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, 18; ZULIANI, La fase istruttoria nel processo civile ordinario: ammissione, acquisizione, assunzione e valutazione delle prove, relazione tenuta il 16-20/6/2003 a Roma ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n. 343/ Cfr. Cass. n /2011, Cass. n /2010, Cass. n /2010, Cass. n /2007, Cass. n /2006, Cass. n /2006, Cass. n. 8227/2006, Cass. n /2005, Cass. n. 5762/2005, Cass. n /2004, Cass. Lav. n. 4271/2004, Cass. n. 15/2003, Cass. n. 9382/2002, Cass. n. 9231/2001, Cass. n. 5775/2001, Cass. Lav. n. 5093/2001, Cass. n. 2511/1999, Cass. n. 3274/1998, Cass. n. 4511/1997, Cass. n. 986/1996, Cass. n. 1457/1995, Cass. n /1994, Cass. n. 3155/1991, Cass. n. 4758/1988, Cass. Sez. Un. n. 2481/1988, Cass. Lav. n. 978/1986, Cass. n. 5732/ Per tutte, cfr. Cass. n. 2251/ Cfr. Cass. n. 1744/2013, Cass. n /2011, Cass. n /2010, Cass. n. 8347/2010, Cass. n /2007, Cass. n /2006, Cass. n. 7243/2006, Cass. n /2005, Cass. n. 5762/2005, Cass. n. 2589/2003, Cass. n. 5422/2002, Cass. n. 167/2002, Cass. n /2000, Cass. n /2000, Cass. n /1999, Cass. n /1999, Cass. n. 3615/1998, Cass. n. 3340/1997, Cass. n. 1457/1995, Cass. n /1994, Cass. n. 1459/1994, Cass. n. 7088/1992, Cass. n. 3615/1990, Cass. n. 2598/1987, Cass. n. 7379/1986, Cass. n. 627/1984, Cass. n. 5908/ Cfr. Cass. n. 3716/2013, Cass. n. 1744/2013, Cass. n /2010, Cass. n /2006, Cass. n / A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, Per la giurisprudenza, cfr. Cass. Lav. n / Cfr. Cass. Lav. n. 5897/2011, Cass. Lav. n /2010, Cass. Lav. n /2001, Cass. n. 3680/1999, Cass. n. 1459/ Cass. n. 15/2003, Cass. Lav. n /2001, Cass. n. 3680/

11 Quanto alle modalità di svolgimento dell incarico peritale, è pacificamente ammesso da dottrina 51 e giurisprudenza 52 che il CTU possa, anche senza l espressa autorizzazione del Giudice, avvalersi dell ausilio di collaboratori e specialisti per il compimento di particolari indagini o l acquisizione di elementi di giudizio. La frequente prassi di richiedere comunque al Giudice tale autorizzazione, che si ribadisce non risulta necessaria sotto il profilo strettamente giuridico, si spiega, nel caso la collaborazione stessa comporti un aggravio di spesa, con la ragione pratica di evitare che in sede di liquidazione delle spettanze non venga riconosciuta come rimborsabile tale spesa ex art. 56 DPR n. 115/ In ogni caso, peraltro, ove vi sia l ausilio di collaboratori, resta inteso che il CTU deve valutare la loro opera, assumendosene la responsabilità giuridica, scientifica e morale, laddove trasfonda i risultati di tali collaborazioni nella propria relazione 54 ; e comunque, l attività del collaboratore non può essere integralmente sostitutiva di quella del CTU 55. Diversamente, il CTU potrebbe invece chiedere al Giudice di essere affiancato da altro consulente specialista in altra disciplina, ma in tal caso dovrà, da parte del Giudice, essere conferito apposito incarico e si sarà in presenza di due distinte consulenze tecniche d ufficio. Laddove, come nella normalità dei casi, al CTU sia richiesta la redazione di una relazione scritta ex art. 195 comma 2 c.p.c., la stessa deve essere depositata entro un termine fissato dal Giudice, che peraltro, in ragione della mancata specificazione normativa, è pacificamente inteso come non perentorio, con la conseguenza che il suo mancato rispetto non determina la nullità della consulenza 56, ferma ovviamente restando la possibilità per il Giudice di procedere alla sostituzione del perito ex art. 196 c.p.c. Nel rito del lavoro, invece, l art. 424 comma 3 c.p.c. prevede che il termine fissato dal Giudice non sia superiore a venti giorni e non sia prorogabile; inoltre, nelle controversie di appello sempre soggette al rito del lavoro, l art. 441 c.p.c. impone al consulente di depositare l elaborato almeno dieci giorni prima dell udienza di rinvio. Secondo la giurisprudenza, l inosservanza di tali termini comporta la nullità relativa della CTU, sanata ex art. 157 comma 51 Cfr. CARTONI, La Consulenza Tecnica d Ufficio, relazione tenuta a Scandicci il 5/2/2013 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dalla Scuola della Magistratura, 22; DE TILLA, Il Consulente tecnico nella elaborazione giurisprudenziale, in Giust. Civ., 1993, II, 73; LAMORGESE, La prova testimoniale. La consulenza tecnica d ufficio e di parte, relazione tenuta a Roma il 26-30/5/2003 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 39; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 41; PINTO, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 16-20/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 23; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n /2011, Cass. n /2009, Cass. n /2006, Cass. n /2006, Cass. n. 7499/2006, Cass. n. 7243/2006, Cass. n /2003, Cass. n. 5921/1999, Cass. n. 2865/1995, Cass. n. 2859/1995, Cass. n /1993, Cass. n. 6099/1985, Cass. Lav. n. 1605/ Cfr. Cass. n. 9767/2005. In Dottrina, PINTO, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 16-20/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 23-24; CONTE, La liquidazione dei compensi degli ausiliari del Giudice, relazione tenuta a Scandicci il 22/1/2014 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dalla Scuola della Magistratura, Cfr. Cass. n /2009, Cass. n /2008, Cass. n /2006, Cass. n. 7243/2006, Cass. n. 5921/1999, Cass. n. 2859/1995, Cass. n /1993, Cass. n. 6099/1985, Cass. n. 1605/1984, Cass. Lav. n. 4628/ Cfr. Cass. n /2009, Cass. n /2006, Cass. n. 7499/2006, Cass. n. 4435/ Principio pacifico sin da Cass. n. 1052/1956, Cass. n. 951/1961, Cass. n. 2566/1968, Cass. Sez. Un. n. 3907/1974, Cass. n. 2375/1975, Cass. n. 853/1979, Cass. n. 3647/1989 e mai disatteso. 11

12 2 c.p.c. se non opposta all atto della scadenza del termine assegnato, o nella prima difesa successiva alla scadenza del termine, o al momento del deposito tardivo della CTU 57. Una precisazione deve essere effettuata con riferimento all ipotesi di conciliazione della lite nel corso della CTU, grazie all opera mediatoria del CTU stesso. In caso di conciliazione, infatti, la procedura prevista dagli articoli 198 e 199 c.p.c., che culmina nel decreto del Giudice con il quale si attribuisce efficacia di titolo esecutivo al verbale sottoscritto da parte e consulente, riguarda solo ed esclusivamente le consulenze contabili, come emerge dal dato letterale delle norme citate 58. Un ulteriore e simile ipotesi è stata ora introdotta, nell ambito della cosiddetta consulenza tecnica preventiva, dall art. dall art. 696 bis c.p.c., che prevede l attribuzione, sempre con decreto del Giudice, di titolo esecutivo al verbale conciliativo sottoscritto dalle parti con l ausilio del CTU. Ove invece venisse conciliata una controversia estranea alla materia contabile od all ambito applicativo dell art. 696 bis c.p.c., un decreto del Giudice che dichiari esecutivo il verbale di conciliazione redatto dal CTU fuori udienza sarebbe un provvedimento abnorme, ricorribile direttamente ed unicamente per Cassazione ex art. 111 Cost. 59. In tali casi, infatti, la causa non potrà che essere definita tramite la mancata comparizione delle parti in udienza e conseguente cancellazione dal ruolo ex art. 309 c.p.c., ovvero tramite rinuncia delle parti a ciò autorizzate agli atti del giudizio e conseguente estinzione ex art. 306 c.p.c., ovvero tramite redazione di un verbale di conciliazione in udienza davanti al Giudice ex art. 185 u.c. c.p.c., ovvero infine tramite una pronuncia di cessazione della materia del contendere a seguito di un negozio transattivo 60. Ai sensi dell art. 196 c.p.c., è attribuita al Giudice la facoltà di disporre la rinnovazione delle indagini e, per gravi motivi, la sostituzione del consulente tecnico. La rinnovazione implica che le indagini siano state ultimate, e che vi sia una valutazione del Giudice di insufficienza dei risultati raggiunti dalla consulenza espletata, o per vizi di forma che rendono la consulenza stessa inutilizzabile, o per carenze negli accertamenti. Trattasi di valutazione discrezionale, insindacabile in sede di legittimità 61, ed il rigetto della richiesta di rinnovazione può risultare anche per implicito 62. La sostituzione del consulente presuppone invece che le indagini siano ancora in itinere, e può essere disposta in caso di comportamento inottemperante del consulente, per esempio con riferimento al rispetto dei termini ovvero all obbligo di tempestivamente comunicare un motivo di ricusazione 63, ovvero in caso di grave negligenza o grave imperizia dell ausiliare 64, laddove ovviamente inottemperanza, imperizia e negligenza, siano tali da integrare i gravi 57 Cfr. Cass. n. 3488/1999, Cass. n. 166/1986, Cass. n. 2337/1985, Cass. n. 5037/ Cfr. A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 43; ZULIANI, La fase istruttoria nel processo civile ordinario: ammissione, acquisizione, assunzione e valutazione delle prove, relazione tenuta il 16-20/6/2003 a Roma ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n /1993, Cass. n. 2978/1991, Cass. n. 6204/1990, Cass. n. 6976/ Cfr. Cass. n /2008, Cass. n. 909/1981, Cass. n. 4106/ Cfr. Cass. n /2008, Cass. n /2008, Cass. n /2008, Cass. n /2007, Cass. n. 8355/2007, Cass. n. 7560/2006, Cass. n. 5277/2006, Cass. n. 3105/2004, Cass. n. 3004/2004, Cass. n. 2151/2004, Cass. n /2003, Cass. n /2002, Cass. n. 2164/2002, Cass. n. 7594/2001, Cass. n. 5142/2001, Cass. n /1998, Cass. n. 5777/1998, Cass. n. 8611/1995, Cass. n /1994, Cass. n. 4057/1990, Cass. n. 5888/1982, Cass. n. 305/1982, Cass. n. 4527/1981, Cass. n. 1103/1980, Cass. n. 2083/ Cfr. Cass. n / Cfr. Cass. n. 3657/1998 e Cass. n. 2125/1985 circa la possibilità delle parti di prospettare al Giudice la sostituzione del consulente, a seguito della scoperta di motivi di ricusazione dopo il termine per la formulazione dell istanza o di sopravvenienza di tali motivi. 64 Cfr. Cass. Lav. n. 2337/1985 circa la possibilità delle parti di prospettare al Giudice la sostituzione del consulente, a seguito del ritardo nel deposito della perizia. 12

13 motivi previsti dall art. 196 c.p.c. 65. Il provvedimento di sostituzione, pur rientrando tra i poteri discrezionali del Giudice, dev essere adeguatamente motivato 66, e per alcuni Autori preferibilmente preceduto dall audizione dell interessato. In ogni caso, il giudice di merito, ove intenda disporre una nuova consulenza tecnica d'ufficio, è tenuto a motivare adeguatamente - in base ad idonei elementi istruttori o cognizioni proprie, eventualmente integrati da presunzioni e da nozioni di comune esperienza - le ragioni che lo conducono ad ignorare o sminuire i dati risultanti dalla relazione del CTU già in atti, rispondendo tale esigenza a ragioni di economia processuale e dei costi del giudizio, oltre al rispetto del canone della ragionevole durata del processo, per la cui valutazione si tiene conto anche dei tempi necessari per l espletamento della consulenza tecnica d ufficio, che non possono risultare sprecati Cfr. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 49; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. Lav. n. 3105/2004, Cass. n. 537/1982, Cass. n. 4257/ Così, testualmente, Cass. n /

14 4. I poteri del CTU La giurisprudenza di legittimità ha fornito un interpretazione molto ampia dei poteri del CTU, forzando il dato letterale dell art. 194 comma 1 c.p.c. 68, secondo il quale il consulente può essere autorizzato dal Giudice a domandare chiarimenti alle parti, ad assumere informazioni dai terzi. Invero, per una tesi, rientra comunque nel potere del CTU attingere aliunde e senza bisogno di autorizzazione del Giudice, notizie e dati non ricavabili dagli atti processuali e concernenti fatti e situazioni formanti oggetto del suo accertamento, quando ciò sia necessario per espletare convenientemente il compito affidato; e tali circostanze di fatto, se accompagnate dall'indicazione delle fonti per permetterne il controllo e se non contestate alla prima difesa utile, costituiscono fatti accessori validamente acquisiti al processo che possono concorrere con le altre risultanze di causa alla formazione del convincimento del giudice ed essere da questi posti a base della decisione unitamente ai fatti principali 69. Più prudentemente, una diversa ricostruzione teorica ritiene di precisare che il CTU possa assumere informazioni senza bisogno di autorizzazione del Giudice, solo quando le stesse tendono ad accettare fatti strettamente accessori, costituenti presupposti tecnici necessari per rispondere ai quesiti posti, ma non integrano invece fatti e statuizioni posti a fondamento delle domande e delle eccezioni delle parti, che come tali devono essere dedotti e provati dalle parti; laddove gli accertamenti del CTU sconfinassero da tali limiti, essi sarebbero nulli e privi di qualunque valore probatorio, neppure indiziario 70. Tale ultima soluzione appare preferibile, se non altro perché, diversamente opinando, la CTU potrebbe essere utilizzata per scardinare il sistema delle preclusioni assertive ed istruttorie che è alla base dell attuale ordinamento civilistico a partire dalla riforma della legge n. 353/1990. In tutta evidenza, peraltro, tale problema non si pone laddove la CTU sia stata disposta prima dello spirare di tali preclusioni. In ogni caso, nello svolgimento delle operazioni il CTU è pubblico ufficiale, e pertanto fanno fede fino a querela di falso le verbalizzazioni circa informazioni ricevute e fatti accaduti in sua presenza 71. Similmente e proprio muovendo da tale ultima considerazione, allorquando le informazioni di cui all art. 194 c.p.c. provengono da documenti non prodotti in giudizio, gli stessi possono essere utilizzati dal CTU sempre solo se ciò avviene nel contraddittorio tra le parti, se è indicata la fonte di acquisizione, se si tratta di documenti utili e rilevanti dal punto 68 Cfr. A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 42; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n /2012, Cass. n. 1901/2010, Cass. n /2007, Cass. n. 4252/2004, Cass. n /2001, Cass. n. 2865/1995, Cass. n. 2859/1995, Cass. n. 4644/1989, Cass. n. 2543/1988, Cass. n. 8256/1987, Cass. n. 1325/1984, Cass. n. 3553/ Cfr. Cass. N. 2251/2013, Cass. n /2007, Cass. n. 3936/2007, Cass. n. 3191/2006, Cass. n. 1020/2006, Cass. n /2004, Cass. n. 6195/2003, Cass. n. 5422/2002, Cass. n /2001, Cass. n. 6502/2001, Cass. n. 8395/2000, Cass. n. 5345/1998, Cass. n. 2865/ Cfr. Cass. n 14652/2012, Cass. n /2007, Cass. n /2007, Cass. n /

15 di vista strettamente tecnico 72, al fine di dimostrare fatti accessori e secondari, non direttamente posti a fondamento delle domande e delle eccezioni 73. Laddove poi il CTU utilizzasse documenti al di fuori delle limitazioni sopra esposte, l elaborato peritale sarebbe inficiato da nullità, pur se da nullità relativa ex art. 157 comma 2 c.p.c., giusta quanto esposto nel paragrafo precedente, con la conseguenza che il difetto deve ritenersi sanato ove non tempestivamente fatto valere nella prima istanza o difesa successiva al deposito della relazione peritale 74. In ogni caso, l eventuale vizio della CTU non si trasmette alla sentenza laddove il Giudice non abbia valutato ai fini della decisione la documentazione irritualmente assunta. Una disciplina specifica e differenziata in ordine alla possibilità per il CTU di utilizzare documentazione non agli atti è dettata dall art. 198 comma 2 c.p.c. in tema di consulenza contabile, ove è previsto che il consulente sentite le parti, e previo consenso di tutte, può esaminare anche documenti e registri non prodotti in causa. Di essi, tuttavia, senza il consenso di tutte le parti, non può fare menzione nei processi verbali o nella relazione ; e dall art. 121 comma 5 D.Lgs. n. 30/2005, cd. codice della proprietà industriale, che statuisce come nella materia di cui al presente codice il consulente tecnico d ufficio può ricevere i documenti inerenti ai quesiti posti dal giudice anche se non ancora prodotti in causa, rendendoli noti a tutte le parti. Ciascuna parte può nominare più di un consulente. Quanto poi all efficacia probatoria dei chiarimenti resi dalle parti al CTU e dalle informazioni da lui assunte da terzi, si rileva che i chiarimenti resi non hanno valore confessorio o negoziale, mentre le informazioni non possono essere considerate vere e proprie prove testimoniali. In un caso e nell altro, si è in presenza di elementi aventi valore meramente indiziario di argomento di prova, rientranti nelle cosiddette prove atipiche 75. Infine, merita un cenno la tematica del valore probatorio degli accertamenti e delle risposte fornite dal consulente oltre l ambito dei quesiti affidatigli, pur in materia attinente e comunque non estranea all oggetto dell indagine peritale. In tal caso, dottrina 76 e giurisprudenza 77 parlano di argomenti di prova, ed in particolare di prova atipica, non dubitandosi della possibilità per il giudice del merito di trarre elementi di convincimento anche dalla parte della consulenza d ufficio eccedente i limiti del mandato, ma non sostanzialmente estranea all oggetto dell indagine in funzione della quale è stata disposta. 72 Ad esempio, documentazione relativa alla certificazione catastale ed alla regolarità urbanistica dell'immobile oggetto di divisione, secondo Cass. n /2012; cartelle cliniche, radiografie e mappe catastali, secondo LAMORGESE, in La prova testimoniale. La consulenza tecnica d ufficio e di parte, relazione tenuta a Roma il 26-30/5/2003 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, Cfr. Cass. n /2013, Cass. n /2012, Cass. n /2010, Cass. n. 3191/2006, Cass. Lav. n /2004, Cass. n. 9060/2003, Cass. n. 5422/2002, Cass. n. 3343/2001, Cass. n. 2205/1996, Cass. n. 2865/1995, Cass. n. 4644/1989, Cass. Lav. n. 2543/ Cfr. Cass. n /2005, Cass. n / Cfr. FAROLFI, I poteri istruttori del Giudice. L ammissione e l assunzione della prova, relazione tenuta a Roma il 10/5/2005 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 34; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. FAROLFI, I poteri istruttori del Giudice. L ammissione e l assunzione della prova, relazione tenuta a Roma il 10/5/2005 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, 33; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n /2006, Cass. n. 5965/2004, Cass. n. 117/2000, Cass. n /1999, Cass. Lav. n. 202/1995, Cass. Lav. 1374/1993, Cass. n /1991, Cass. n. 1223/1990, Cass. n. 1414/

16 5. Il meccanismo delle osservazioni alla CTU Una delle più interessanti modifiche del codice di procedura civile introdotte dalla legge n. 69/2009, è quella, proprio in tema di CTU, relativa alla riformulazione dell articolo 195 comma 3. La nuova disposizione, che recepisce una delle prassi virtuose già invalse in molti Tribunali, prevede che La relazione deve essere trasmessa dal consulente alle parti costituite nel termine stabilito dal giudice con ordinanza resa all udienza di cui all articolo 193. Con la medesima ordinanza il giudice fissa il termine entro il quale le parti devono trasmettere al consulente le proprie osservazioni sulla relazione e il termine, anteriore alla successiva udienza, entro il quale il consulente deve depositare in cancelleria la relazione, le osservazioni delle parti e una sintetica valutazione sulle stesse. In tutta evidenza, la finalità è quella di concentrare ed anticipare il contraddittorio tecnico davanti al soggetto tecnico, cioè il CTU, cercando di evitare il defatigante iter di richieste di chiarimenti ad opera delle difese delle parti ed integrazioni di perizia ad opera del CTU, successivamente al deposito dell elaborato. Ciò posto, non può essere revocato in dubbio che i termini concessi per le osservazioni alla bozza siano ordinatori ex art. 152 comma 1 c.p.c., in quanto non qualificati come perentori. Pertanto, tali termini possono essere prorogati, pur se con i limiti dell art. 154 c.p.c., id est con un periodo non superiore a quello originario e con la concessione di un ulteriore proroga solo per gravi motivi ed a seguito di provvedimento motivato. L elemento di maggiore problematicità interpretativa è peraltro dato dal dubbio circa il fatto che sia o meno ora ammissibile la proposizione di osservazioni tecniche alla CTU per la prima volta dopo lo spirare dei termini concessi dal Giudice. Infatti, per una tesi la risposta positiva si impone in ragione del fatto che, diversamente opinando, si introdurrebbe una preclusione non prevista dal codice, ed in ragione altresì del fatto che, se è sempre possibile la rinnovazione della CTU ex art. 196 c.p.c., a maggiore ragione deve essere possibile la richiesta di integrazione o chiarimenti. Altra tesi, invece, invoca una risposta negativa, a pena di vanificare lo spirito e la funzione della riforma 78. Una soluzione sostanzialmente mediana, invece, postula l ammissibilità di un prolungamento del contraddittorio tecnico anche oltre lo spirare dei termini ex art. 195 c.p.c., solo laddove occorra meglio indagare circostanze, giudizi e valutazioni, già fatte emergere nelle memorie depositate in tali termini. 78 Sostanzialmente in questi termini POTETTI, Novità e vecchie questioni in tema di consulenza tecnica d ufficio nel processo civile, in Giurisprudenza di merito, 2010, 26. Similmente, Cass. n. 7335/2013, Cass. n /2006, Cass. n. 9517/2002 e Cass. n /1998, tutte relative al periodo precedente l entrata in vigore della norma, ritengono inammissibili le osservazioni critiche alla CTU per la prima volta dedotte in sede di comparsa conclusionale, in quanto sottratte al contraddittorio ed al dibattito processuale. 16

17 6. La valutazione della CTU nella motivazione della sentenza Il noto brocardo latino a tenore del quale il Giudice resta comunque il peritus peritorum pur dopo la nomina di un CTU, significa che il Giudice stesso non è mai vincolato dalle conclusioni raggiunte dal CTU 79. Il principio, peraltro, merita almeno due precisazioni. Sotto un primo profilo, la libera valutazione del Giudice riguarda soltanto i pareri di carattere tecnico e scientifico espressi dal consulente, mentre quando nella perizia siano contenuti veri e propri accertamenti di fatto, il Giudice potrà trarre dai medesimi argomenti di prova ex art. 116 comma 2 c.p.c. 80. Da una seconda angolazione, poi, è stato convincentemente sostenuto che teoria della libera valutazione del Giudice quale peritus peritorum, rappresenta spesso una ipocrisia ed una utopia, di fatto sempre più incompatibile con l assegnazione, al consulente, di compiti che richiedono complicate indagini scientifiche, magari svolte con l ausilio di particolari strumenti tecnici 81. Per tali motivi, ciò che davvero pare rilevante, più che la dogmatica statuizione che il Giudice è il peritus peritorum, è piuttosto il rapporto tra la motivazione della sentenza e le conclusioni cui giunge la CTU 82. E con riferimento a tale tematica, la giurisprudenza distingue diverse situazioni. Invero, laddove il Giudice riconosca convincenti le conclusioni cui è giunto il perito, e tali conclusioni non siano fatte oggetto di specifiche e motivate censure ad opera delle parti o dei rispettivi CTP, il Giudice non è tenuto ad esporre specificamente le ragioni del suo convincimento, atteso che l obbligo di motivazione è già assolto con l indicazione delle fonti del convincimento, e quindi con il richiamo alla perizia 83. Tuttavia, nel caso di erroneo affidamento al consulente di valutazioni giuridiche o di merito inammissibili, non può risolvere la controversia in base ad un richiamo alle conclusioni del consulente stesso, ma può condividerle soltanto ove formuli una propria autonoma 79 Cfr. COMOGLIO, Le prove civili, Torino, 2004, 495; A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 46. Per quanto concerne la valenza ex art. 116 comma 2 c.p.c. degli accertamenti in fatto compiuti dal CTU, cfr. anche MANDRIOLI, Corso di diritto processuale civile, II, Torino, 1997, A. PAPPALARDO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. ANDRIOLI, La scientificità della prova con particolare riferimento alla perizia ed al libero apprezzamento del Giudice, in Dir. e Giur., 1971, 785; BONI, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, 16; DENTI, Scientificità della prova e libera valutazione del Giudice, in Riv. Dir. Proc., 1972, 25; DE TILLA, Il Consulente tecnico nella elaborazione giurisprudenziale, in Giust. Civ., 1993, II, 77; SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, 35; ZULIANI, La fase istruttoria nel processo civile ordinario: ammissione, acquisizione, assunzione e valutazione delle prove, relazione tenuta il 16-20/6/2003 a Roma ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n /2013, Cass. n /2009, Cass. n /2007, Cass. n /2006, Cass. n. 3881/2006, Cass. n. 3191/2006, Cass. n /2005, Cass. n. 3568/2002, Cass. n /2001, Cass. n. 2486/2001, Cass. n. 3517/2000, Cass. n. 4138/1999, Cass. n. 5677/1998, Cass. n. 2114/1995, Cass. n. 6698/1986, Cass. n. 442/

18 motivazione basata sulla valutazione degli elementi di prova legittimamente acquisiti al processo e dia sufficiente ragione del proprio convincimento, tenendo conto delle contrarie deduzioni delle parti che siano sufficientemente specifiche 84. Resta poi ovviamente fermo, ma ciò non attiene certo alla motivazione in ordine all accoglimento delle conclusioni della CTU, quanto piuttosto al generale iter motivazionale del provvedimento decisorio, l obbligo di redigere una motivazione completa in ordine alla rilevanza ed alla refluenza del giudizio peritale sulla decisione adottata di fondatezza o infondatezza della domanda 85. Parimenti, laddove il Giudice intenda aderire alle conclusioni peritali, e le stesse già si siano fatte carico di replicare alle contrarie deduzioni delle parti, la motivazione può limitarsi al richiamo dell elaborato peritale, proprio perché già questo dà conto del percorso logico che sorregge le conclusioni raggiunte e del superamento dei rilievi critici mossi 86. Ove invece il Giudice ritenga di condividere le conclusioni della CTU pur in presenza di critiche precise e puntuali mosse alla perizia, ed astrattamente idonee ad incidere sulla decisione, relativamente alle quali la CTU stessa non prende posizione, l onere di motivazione sarà più pregnante, dovendo il Giudice giustificare l adesione alle conclusioni peritali e disattendere le particolareggiate e circostanziate critiche ad esse rivolte 87. Sul punto, poi, è appena il caso di osservare che, costituendo la nomina del consulente di parte una mera facoltà ex art. 201 c.p.c., ben potrebbe la parte stessa, anche in assenza del deposito di un elaborato ad opera del CTP, ovvero in caso di mancata partecipazione del CTP alle operazioni peritali od anche in caso di mancata nomina del CTP, formulare successivamente rilievi critici alla CTU 88. Allo stesso modo, in caso di dissenso rispetto alle conclusioni del CTU, il Giudice deve motivare adeguatamente ed esaurientemente le ragioni che lo inducono a discostarsi dalle valutazioni formulate 89. Lo stesso obbligo di motivazione incombe sul Giudice quando, espletate più consulenze con risultati difformi, ritenga di aderire ad uno dei pareri, a meno che, aderendo alla seconda consulenza, la stessa non abbia già dato conto del perché debba essere disattesa la precedente 90 ; o quando, nell ambito di un unica consulenza, opti per una tra le molteplici soluzioni prospettate dal perito. 84 Cfr. Cass. n /2002 e Cass. n. 966/ BONI, I poteri istruttori delle parti e del Giudice. In particolare: problemi in tema di ammissibilità della prova per testimoni in relazione ai limiti previsti dal codici civile; consulenza tecnica d ufficio; tecniche di redazione dei provvedimenti, relazione tenuta a Roma il 11/6/2003 ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n /2009, Cass. n. 282/2009, Cass. n. 8355/2007, Cass. n. 4797/2007, Cass. n /2006, Cass. n. 7485/2003, Cass. n /2001, Cass. Lav. n. 3519/2001, Cass. n /2000, Cass. n. 4138/1999, Cass. n. 7806/ Cfr. Cass. n /2011, Cass. n /2008, Cass. n /2008, Cass. n /2007, Cass. n. 8355/2007, Cass. n. 4797/2007, Cass. n /2005, Cass. Lav. n /2002, Cass. n. 3492/2002, Cass. n. 8165/2001, Cass. n. 5142/2001, Cass. n. 3519/2001, Cass. n /2000, Cass. n. 7716/2000, Cass. n. 1975/2000, Cass. n. 4787/1999, Cass. n. 7806/1998, Cass. n. 5677/1998, Cass. n. 5158/1998, Cass. n /1997, Cass. n. 1875/1997, Cass. n. 1042/1997, Cass. n /1995, Cass. n. 7150/1995, Cass. n. 1153/1995, Cass. n. 245/1995, Cass. n. 8970/1991, Cass. n. 2900/1987, Cass. n. 2396/1983, Cass. n. 305/ Per tutte, cfr. Cass. n. 1811/ Cfr. Cass. n /2012, Cass. n. 5548/2012, Cass. n /2004, Cass. n /2003, Cass. n /2002, Cass. n. 9922/2001, Cass. Lav. n. 3787/2001, Cass. n. 1590/2001, Cass. n /1999, Cass. n. 9814/1999, Cass. n. 333/1999, Cass. n. 3551/1998, Cass. n. 2145/1998, Cass. n /1997, Cass. n. 7557/1986, Cass. n. 991/1986, Cass. n. 1479/1985, Cass. n. 2976/1985, Cass. n. 6229/1983, Cass. n. 245/ Cfr. Cass. n /2013, Cass. n /2009, Cass. Lav. n /2009, Cass. Lav. n. 4850/2009, Cass. n. 4885/2006, Cass. n. 993/2002, Cass. n /2001, Cass. Lav. n. 4652/2001, Cass. Lav. n. 3787/2001, Cass. Lav. n. 3093/2001, Cass. n. 3240/1998, Cass. n. 71/2001, Cass. n. 4787/1999, Cass. n. 334/1998, Cass. n. 6792/1996, Cass. Lav. n. 5345/1996, Cass. Lav. n. 6822/1995, Cass. n. 8669/1994, Cass. Sez. Un. n. 2383/1992, Cass. n. 277/

19 Infine, la CTU espletata in un diverso giudizio fra le stesse od altre parti, può essere apprezzata come principio di prova 91, e la valutazione del giudice deve quindi essere più rigorosa Cfr. Cass. n /2008, Cass. n /2000, Cass. n. 8585/1999, Cass. n /2001. Vedi anche DI CAPUA, La prova nei giudizi di responsabilità, in particolare la CTU e la prova scientifica, relazione tenuta a Roma il 15/2/2010 ad un corso di formazione per magistrati organizzato dal CSM, Così Cass. n. 7364/

20 7. La valutazione della CTP e della perizia stragiudiziale nella motivazione della sentenza Nel caso di nomina del CTU, e solo in tal caso, le parti possono nominare un CTP ai sensi dell art. 201 c.p.c. 93 Sul punto, la Corte Costituzionale ha dichiarato manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale del citato articolo 201 c.p.c., con riferimento agli articoli 3 e 24 Cost., nella parte in cui, allorché non sia disposta la consulenza tecnica d ufficio, non viene consentito alle parti di nominare un proprio consulente 94. Il termine concesso dal Giudice ex art. 201 c.p.c. per la nomina dei consulenti di parte è certamente ordinatorio; ma altrettanto certamente, come per ogni altro termine ordinatorio, il suo mancato rispetto senza che sia chiesta la proroga prima della scadenza ex art. 154 c.p.c., ha gli stessi effetti preclusivi della scadenza del termine perentorio ed impedisce la concessione di un nuovo termine per svolgere l attività 95. Peraltro, il rispetto del termine fissato dal Giudice ex art. 201 c.p.c. per la nomina del CTP è unicamente condizione per avere diritto alla partecipazione alle operazioni peritali, essendo invece sempre consentita una successiva nomina per depositare osservazioni alla relazione, eventualmente anche nel corpo di una memoria del difensore e pure nelle comparse conclusionali 96. Le eventuali ammissioni del CTP non hanno alcun valore confessorio 97, ma incidono solamente circa l onere di motivazione del Giudice nel caso di adesione alla CTU, così come più diffusamente illustrato nel precedente paragrafo. Resta in ogni caso salva la possibilità, anche in assenza di CTU, di produrre in causa perizie stragiudiziali, sul cui valore probatorio occorre distinguere. In particolare, la perizia stragiudiziale, con riferimento alle valutazioni tecniche espresse, integra sotto il profilo giuridico un semplice mezzo difensivo, al pari delle deduzioni e delle argomentazioni dell avvocato, soggetto al libero apprezzamento del Giudice 98, che è tenuto quindi a motivare adeguatamente laddove ponga le risultanze di tale perizia alla base della decisione 99 ; e non incorre in vizio di motivazione laddove le disattenda senza confutarle ed analizzarle specificamente 100. Con riferimento poi ai fatti che il consulente asserisce di aver accertato, la perizia stragiudiziale non ha valore probatorio, non essendo prevista dall ordinamento la precostituzione fuori del giudizio di un siffatto mezzo di prova, ma solo valore indiziario 101. Tuttavia, alla parte che ha prodotto la perizia giurata è riconosciuta la facoltà di dedurre prova testimoniale avente ad oggetto le circostanze di fatto accertate dal consulente, che, se confermate dal medesimo in veste di testimone, possono acquisire dignità e valore di prova, 93 Un solo CTP per parte, come chiarisono Trib. Verbania, 17/2/2010, in Giusto Proc. civ., 2011, 845 e AULETTA, Consulenza Tecnica, in 94 Cfr. Corte Cost. ordinanza n. 124/ Cfr. Cass. n. 8976/1992, proprio con riferimento alla scadenza del termine per la nomina del CTP. Per l applicazione più in generale del principio di diritto, cfr. Cass. n /2011, Cass. n. 1064/ Cfr. Cass. n. 3505/ Cfr. Cass. n /2003, Cass. Sez. Lav. n. 600/1996, Cass. n. 93/ In giurisprudenza, per tutte cfr. Cass. n. 9551/2009, Cass. n. 1902/2002, Cass. n. 5544/1999, Cass. n. 2574/1992, Cass. n. 1325/1984. In dottrina, cfr. SURIANO, I poteri istruttori delle parti e del giudice. Ammissione, assunzione e valutazione della prova, con particolare riguardo alla consulenza tecnica d ufficio, relazione tenuta a Roma il 15/5/2002 ad un corso di formazione per magistrati, 22; ZULIANI, La fase istruttoria nel processo civile ordinario: ammissione, acquisizione, assunzione e valutazione delle prove, relazione tenuta il 16-20/6/2003 a Roma ad un corso di formazione per magistrati, Cfr. Cass. n. 4186/2004, Cass. n /2001, Cass. n. 2574/1992, Cass. n. 1416/1987, Cass. n. 5286/ Cfr. Cass. n /2010, Cass. n. 2063/2010, Cass. n. 9551/2009, Cass. n /2006, Cass. n. 1902/2002, Cass. n. 5687/2001, Cass. n. 2486/2001, Cass. n. 5151/1998, Cass. n. 8240/1997, Cass. n. 706/ Tra le ante, Cass. n. 9551/

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

LA SCALA DEL RAGIONAMENTO PROBATORIO IN MATERIA CAUTELARE

LA SCALA DEL RAGIONAMENTO PROBATORIO IN MATERIA CAUTELARE LE PROVE NEL PROCEDIMENTO CAUTELARE di GIANLUIGI MORLINI Giudice del Tribunale di Reggio Emilia Vicenza, 28 giugno 2013 PREMESSE Ragionamento per differenza: interessano gli elementi differenziali della

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE. I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti

11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE. I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti 11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti Il processo civile è basato sul principio dispositivo fissato dagli artt.

Dettagli

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile L attività del Consulente Tecnico di Parte nelle operazioni peritali Dott. Marco Capra 20 maggio

Dettagli

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE 1 PARTE I^ 1) PRIMA UDIENZA 1) L assegnazione delle cause ai giudici e la fissazione dell udienza di

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Articolo 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 16, terzo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997, n. 472 Art. 17, secondo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997,

Dettagli

La nozione di prova e di argomenti di prova

La nozione di prova e di argomenti di prova 1 La nozione di prova e di argomenti di prova SOMMARIO 1. L attività istruttoria nel processo civile. 2. La prova. 3. L oggetto della prova. 4. Classificazione delle prove. 5. L onere della prova. 1. L

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

Prove atipiche, configurabilità, casistica e scritti provenienti da terzi a contenuto testimoniale

Prove atipiche, configurabilità, casistica e scritti provenienti da terzi a contenuto testimoniale Prove atipiche, configurabilità, casistica e scritti provenienti da terzi a contenuto testimoniale Tribunale di Reggio Emilia, 1 dicembre 2014. Giudice Morlini. Prove atipiche - configurabilità - casistica

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

6.2. Il recente orientamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sent. 3 marzo 2005, n. 8203)

6.2. Il recente orientamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sent. 3 marzo 2005, n. 8203) 36 6.2. Il recente orientamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sent. 3 marzo 2005, n. 8203) Di recente, la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con sent. 3 marzo 2005, n. 8203 47, ha ribadito

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative CIRCOLARE N.12/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 aprile 2012 Prot. n. 2012/55377 OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Dettagli

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO Protocollo del Distretto in tema di ascolto del minore PREMESSO che le modifiche legislative intervenute nel corso dell anno 2006 hanno reso urgente e indilazionabile regolamentare le modalità di audizione

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M.

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. 8 aprile 2004 n. 127 a cura del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pordenone CRITERI GENERALI Tariffa applicabile La tariffa applicabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

L esperto del giudice: le attività, i compensi ed il tentativo di conciliazione

L esperto del giudice: le attività, i compensi ed il tentativo di conciliazione Corso di formazione professionale in consulenza tecnica di ufficio L esperto del giudice: le attività, i compensi ed il tentativo di conciliazione (24 ore formative) - corso a cura del Geom.Paolo Frediani

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

II M O D U L O CASE STUDY

II M O D U L O CASE STUDY Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord --------------- Corso di formazione e di approfondimento per consulenti tecnici d ufficio e di parte I M

Dettagli

Lombardia/231/2009/PAR

Lombardia/231/2009/PAR Lombardia/231/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giancarlo Penco dott. Giuliano

Dettagli

NOTE SU ASPETTI PROCEDURALI DELLA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE

NOTE SU ASPETTI PROCEDURALI DELLA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE NOTE SU ASPETTI PROCEDURALI DELLA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE Febbraio 2011 A cura della Commissione Consulenza Tecnica di Ufficio Presidente Mario Giovanni Scandura Componenti Lucia Di Lauro

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno a cura dell Avv. Valentina Stefutti Il Ministero dell Interno, con nota circolare prot. 1795 del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE Articolo1. Fonti normative..1 Articolo 2. Oggetto.1 Articolo 3. Presupposti 2 Articolo 4. Procedimento per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 pubblicato all Albo Pretorio on line lì 20.1.2015 n. ro Registro COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Cartella di pagamento Equitalia

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE Il test si supera se le risposte esatte sono 34 sul totale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002.

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. Al Sig. Presidente del Tribunale di Patti Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. I seguenti quesiti,

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5 TABELLA B - DIRITTI DI AVVOCATO (redatta dall'autore) I - PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie;

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1993 - sentenza Brasserie du Pecheur: 1) le condizioni fissate per il risarcimento del danno a

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE Pubblichiamo la delibera del 19.4.2001 dell'unione DELLE CAMERE PENALI ITALIANE, con la quale è stato approvato il testo definitivo delle Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive,

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

Il libero convincimento

Il libero convincimento Il libero convincimento Prof. Tonino Di Bona Mezzi di prova Per "mezzi di prova" si intendono gli istituti giuridicoprocessuali preordinati per introdurre nel processo i dati di ricostruzione del fatto.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

Ciò posto, si chiede di sapere se l interpretazione dell Agenzia delle Entrate sia corretta.

Ciò posto, si chiede di sapere se l interpretazione dell Agenzia delle Entrate sia corretta. Quesito Tributario n. 128-2015/T DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE SUCCESSIVA ACCETTAZIONE CON BENEFICIO D INVENTARIO DICHIARAZIONE INTEGRATIVA - DISAPPLICAZIONE PRESUNZIONE ART. 9 D.LGS. 346/1990 TERMINE PER

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli