PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E"

Transcript

1 PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E ANNO 2014

2 Indice 1. Premessa 2. Obiettivi 2.1 La situazione attuale 2.2 Obiettivi Il modello gestionale 4. Il sistema di raccolta e smaltimento 5. I Costi 6. Determinazione della tariffa 6.1. Articolazione della tariffa 6.2. Calcolo tariffa utenze domestiche Parte fissa Parte variabile 6.3. Calcolo tariffa utenze non domestiche Parte fissa Parte variabile 6.4. Agevolazioni 7. Piano Finanziario 8. Tabelle determinazione tariffa 2

3 1 Premessa Nell ambito del Comune di Ala le attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani sono svolte dalla Comunità della Vallagarina, soggetto gestore del servizio. Le attività di spazzamento e pulizia delle strade e suolo pubbliche sono invece svolte direttamente dal Comune con propri mezzi e personale. Con decorrenza dall anno 2004, la raccolta dei rifiuti solidi urbani, in sintonia con le previsioni contenute nel 2 aggiornamento del PianoProvinciale di Smalti mento dei Rifiuti stralcio relativo ai rifiuti urbani approvato con delibera della Giunta Provinciale 9 agosto 2002 n. 1974, è stata riorganizzata sulla base di apposito progetto finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi: Introduzione di sistemi per l identificazione del produttore del rifiuto; Introduzione del sistema di raccolta porta a porta, tramite assegnazione di cassonetti personali per nucleo famigliare o per singola utenza; Potenziamento delle strutture zonali per la raccolta differenziata di una pluralità di tipologie di rifiuto (CRM). Il Piano Provinciale Smaltimento Rifiuti impone inoltre la raccolta differenziata della frazione umida per le utenze private nei Comuni con popolazione superiore a abitanti e per le grandi utenze per l intero territorio comprensoriale. Il sistema di raccolta denominato porta a porta, introdotto nel Comune di Ala, a decorrere dal 2^ semestre dell anno 2004, è entrata a pieno regime nel corso del A partire dal 1^ gennaio 2005, nel Comune di Ala è stata introdotta la tariffa prevista dall art. 49 del D.Leg.vo n. 22. A partire dal 1^ gennaio 2014, la tariffa di cui al citato D. Leg.vo 22/1997 viene sostituita dalla TARI, nella sua forma tributaria, istituita dall articolo 1, commi da 641 a 667, della legge 27 dicembre 2013 n. 147; Il piano finanziario relativo all anno 2014 viene predisposto sulla base delle previsioni di spesa comunicate dal Comunità della Vallagarina, soggetto gestore di parte del servizio, e sulla base delle spese quantificate dal Comune per la parte di servizio direttamente gestito. 3

4 2 Obiettivi 2.1 La situazione attuale I dati di produzione RSU ed i valori delle Raccolte differenziate per gli anni 2012 e 2013 sono illustrati nelle tabelle seguenti: ANNO 2012 Tonnellate % Kg/Ab/anno Rifiuti urbani misti 704,310 21,91% 77,439 Rifiuti ingombranti 318,300 9,90% 34,997 Totale rifiuti indifferenziati 1.022,610 31,82% 112,437 - Carta e cartone 510,770 15,89% 56,159 Imballaggi in vetro 271,170 8,44% 29,815 Imballaggi e plastica e multimateriale 403,550 12,56% 44,371 Rifiuto biodegradabile da mense e cucine 663,750 20,65% 72,980 Legno 15,200 0,47% 1,671 Metallo 41,130 1,28% 4,522 Verde e ramaglie 236,730 7,37% 26,029 Beni durevoli 21,860 0,68% 2,404 Abbigliamento 21,690 0,67% 2,385 Rifiuti urbani pericolosi 5,390 0,17% 0,593 Totale raccolta differenziata 2.191,240 68,18% 240,928 Totale rifiuti urbani 3.213, % 353,364 Abitanti equivalenti 9095 ANNO 2013 Tonnellate % Kg/Ab/anno 684,430 21,30% 75,762 Rifiuti urbani misti 305,570 8,50% 33,824 Rifiuti ingombranti 990,000 30,80% 109,586 Totale rifiuti indifferenziati - Carta e cartone 526,730 16,39% 58,305 Imballaggi in vetro 268,000 8,34% 29,666 Imballaggi e plastica e multimateriale 406,720 12,66% 45,021 Rifiuto biodegradabile da mense e cucine 691,280 21,51% 76,520 Legno 15,280 0,48% 1,691 Metallo 25,170 0,78% 2,786 Verde e ramaglie 241,730 7,52% 26,758 Beni durevoli 21,860 0,68% 2,420 Abbigliamento 21,690 0,67% 2,401 Rifiuti urbani pericolosi 5,390 0,17% 0,597 Totale raccolta differenziata 2.223,850 69,20% 246,164 Totale rifiuti urbani 3.213, % 355,750 Abitanti equivalenti

5 2.2 Obiettivi 2014 La Giunta Provinciale con delibera n dd ha approvato il III Aggiornamento del Piano Provinciale di Smaltimento dei Rifiuti, fissando quale obiettivo un quantitativo massimo di t/anno di rifiuto residuo indifferenziato da avviare a smaltimento e un quantitativo limite pro-capite di 175 kg/ab. equivalente/anno, il quale deve essere decrescente con l aumento demografico. Per il raggiungimento di tali obiettivi l Amministrazione Comunale ha attivato già dall anno 2004 il sistema di raccolta porta a porta, in sostituzione del precedente sistema di tipo stradale. L introduzione del nuovo sistema è stata accompagnata da attività di informazione e sensibilizzazione della popolazione. Contemporaneamente alla distribuzione dei cassonetti sono state, inoltre, potenziate le isole ecologiche già esistenti sul territorio comunale per la raccolta differenziata di Carta Vetro Plastica e multi materiale abiti usati rifiuti pericolosi. È stato altresì potenziato il servizio di raccolta degli ingombranti per i quali è prevista, su richiesta, anche la raccolta porta a porta. Per quanto riguarda il rispetto degli obiettivi del piano provinciale di smaltimento dei rifiuti ed il raggiungimento delle percentuali di raccolta differenziata, l introduzione del nuovo sistema di raccolta porta a porta ha inizialmente prodotto un sensibile incremento del conferimento di rifiuti indifferenziati, seguito peraltro, già dall anno 2006, dal raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata stabiliti dal citato piano provinciale. I dati degli ultimi anni confermano la bontà della scelta operata, con il raggiungimento di percentuali di raccolta differenziata abbondantemente superiori a quelle indicate dal piano provinciale. Per l anno 2014, in assenza di attendibili dati forniti dal soggetto gestore del servizio, si ritiene di poter confermare il positivo andamento dell anno precedente e, ferma restando la sostanziale invarianza del quantitativo totale di rifiuti conferiti, si ritiene di poter stimare un ulteriore leggero incremento della raccolta differenziata a scapito di quella indifferenziata. Con tutta evidenza, l entrata in esercizio in corso d anno del nuovo CRM in loc. Cerè e la ripresa di una mirata campagna di ulteriore informazione e sensibilizzazione della cittadinanza, potranno produrre effetti migliorativi sui dati di raccolta qui di seguito stimati. ANNO 2014 Tonnellate % Kg/Ab/anno Rifiuti urbani misti 634,350 19,99% 70,933 Rifiuti ingombranti 339,820 15,28% 37,998 Totale rifiuti indifferenziati 974,170 30,69% 108,931 Carta e cartone 511,200 16,11% 57,162 Vetro 287,920 9,07% 32,195 Multimateriale (palstica -lattine-tetrack) 424,550 13,38% 47,473 Verde e ramaglie 240,250 7,57% 26,865 Rifiuto biodegradabile da mense e cucine 631,770 19,91% 70,644 Legno/arredi 29,740 0,94% 3,326 Metallo 33,580 1,06% 3,755 Beni durevoli 2,140 0,07% 0,239 abbigliamento 31,280 0,99% 3,498 Rifiuti urbani pericolosi 7,270 0,23% 0,813 Totale raccolta differenziata 2.199,700 69,31% 245,969 Totale rifiuti urbani 3.173, % 354,900 Abitanti equivalenti

6 I rifiuti relativi allo spazzamento (266,68 t) non concorrono alla formazione dei rifiuti urbani cui riferire il calcolo preordinato alla determinazione della percentuale di raccolta differenziata. 3. Il Modello Gestionale Il servizio viene gestito dalla Comunità della Vallagarina per la parte relativa alle attività di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti interni, ossia quelli prodotti nei locali e nelle aree scoperte soggette al tributo (utenze domestiche e non domestiche); viene invece gestito direttamente dal Comune il servizio relativo allo spazzamento e pulizia delle strade ed aree pubbliche, alla gestione dei rifiuti di qualunque natura o provenienza giacenti sulle strade ed aree pubbliche, nonché la gestione dei rifiuti prodotti dal verde pubblico come giardini, parchi ed aree cimiteriali. La Comunità della Vallagarina provvede allo svolgimento delle attività di sua competenza mediante le forme consentite dall art. 44 della L.R n. 1, privilegiando quella che garantisce una gestione imprenditoriale improntata a criteri di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza. Attualmente il servizio di raccolta e trasporto RSU e differenziate è affidato dalla Comunità della Vallagarina alla ditta risultante vincitrice della relativa gara d appalto concorso per la gestione del servizio. 4. Il sistema di raccolta e smaltimento Il servizio di raccolta degli RSU per la generalità degli utenti, come risulta dalla parte prima della presente relazione Gestione dei rifiuti redatta dal soggetto gestore, è strutturato come segue: RACCOLTA RSU frazione secca: la raccolta viene eseguita con frequenza settimanale con lo svuotamento di cassonetti della capacità variabile come di seguito indicato: o litri 120 (circa cassonetti distribuiti al singolo nucleo familiare) o litri 1100 (circa 120 cassonetti di prossimità o condominali per utenza domestica) o litri 1000/1100 (circa 100 cassonetti utenze non domestiche con servizio dedicato) o litri 1100 (circa 300 utenze non domestiche con servizio standard). RACCOLTA frazione organica del rifiuto solido urbano: la raccolta viene eseguita con frequenza di 2 svuotamenti a settimana, con svuotamento di cassonetti della capacità variabile come di seguito indicato: o litri 25 (circa cassonetti distribuiti al singolo nucleo familiare) o litri 120/240 (circa cassonetti di prossimità o condominali per utenza domestica) o litri 1100 (circa 60 cassonetti utenze non domestiche con servizio dedicato) o litri 1100 (circa 35 utenze non domestiche con servizio standard). ISOLE ECOLOGICHE (PER UTENZE DOMESTICHE E NON DOMESTICHE): la raccolta viene eseguita con frequenza di 2 volte in settimana con svuotamento di contenitori per: o CARTA (circa 135 cassonetti dal lit. 1100) o PLASTICA (circa 130 cassonetti da lit. 1100) e con frequenza bisettimane/mensile: o VETRO ALLUMINIO e BANDA STAGNATA (circa 100 cassonetti da lt. 2000) o ABITI USATI (circa 30 cassonetti) o RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI INGOMBRANTI E RAMAGLIE: o È attivo un numero verde per il ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti e verde/ramaglie. Per quanto attiene alla raccolta di CARTA PLASTICA E VETRO sono collocati anche circa 60 cassonetti di prossimità di altrettante utenze non domestiche. 6

7 5. I Costi I costi complessivi ed unitari, come risultanti dal Piano Finanziario sono i seguenti: Costi Gestione Servizi RSU Indifferenziati (CGIND) anno 2014 Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) ,06 Costi Raccolta e Trasporto RSU (CRT) ,71 Costi Trattamento e Smaltimento RSU (CTS) ,74 compreso costo smalt.rifiuti abbandonati * conteggiato a parte RACCOLTA E TRASPORTO R.S.U.+ INGOMBRANTI + GESTIONE C.R.M. COSTO SMALTIMENTO R.S.U., INGOMBRANTI E SE PRESENTE SPAZZAMENTO STRADALE Altri Costi (AC) ,00 costi acq.beni e servizi *conteggiato a parte TOTALE (CGIND) ,51 Costi Raccolta Differenziata (CRD) ANNO 2013 Materiale Plastica/ Multimateriale Carta Vetro Metallo e Legno Fraz. Umida Beni durevoli - abbligliament o R U P TOTALE Personale Gestione/ Manutenzione Automezzi Altro TOTALE Costi in Economia Costi di acquisizione del Servizio , , ,78 0, , , , ,02 (Contributo Conai) TOTALE COSTI , , ,78 0, , , , ,02 7

8 Costi Trattamento e Riciclo (CTR) 2014 Piattaforme ecologiche, trattamento frazione umida, selezione multimateriale e carta TOTALE Costi di acquisizione del servizio , ,80 Totale Costi , ,80 Costi Comuni (CC) 2014 Costi Amm.vi diversi (CARC) ,00 Costi Generali di Gestione (CGG) 0,00 Costi Comuni Diversi (CCD) 0,00 TOTALE (CC) ,00 8

9 Costi Gestione Servizi RSU Indiff. (CGIND) FABBISOGNO FINANZIARIO 2014 Totale Costi spazzamento e lavaggio strade (CSL) + ammort.spazzatrice ,06 Costi raccolta e Trasporto RSU (CRT) ,71 Costi di trattamento e Smaltimento RSU (CTS) ,74 Altri costi (AC) ,00 Costi di gestione Servizi RSU Indiff. (CGIND) ,51 Plastica/alluminio/banda stagnata/tetrapak ,32 Carta ,53 Vetro 7.448,78 Metallo e legno 0,00 Beni durevoli + abbigliamento 1.537,54 Frazione Umida ,10 RUP ,74 DEDOTTO: contributo C10 Costi Raccolta differenziata per Materiale (CRD) ,01 Costi gestione raccolta (CGD) Piattaforme ecologiche Selezione frazione umida Compostaggio ,80 Selezione frazione secca Termovalorizzazione Incenerimento Discarica Selezione multimateriale 0,00 Costi Trattamento e Riciclo (CTR) ,80 Costi gestione raccolta differenziata (CGD) ,82 TOTALE Costi operativi di Gestione (CG = CGIND+ CGD) ,32 Costi amm.vi accertamento -riscossione -contenzioso (CARC) ,00 Costi generali di gestione (CGG) Costi Comuni (CC) Costi comuni diversi (CCD) Altri costi (AC) Quota ammortamento macchine operatrici 5.886,55 Costi comuni (Cc) ,55 TOTALE Costi di Gestione (FABB. GESTIONE CORRENTE) ,87 Spazzamento e lavaggio Raccolta e trasporto RSU indifferziati Raccolta differenziata Investimenti Impianti di trattamento, riciclo e smaltimento Attività centrali Investimento Costi di gestione Servizi RSU Indiff. (CGIND) 0,00 TOTALE fabbisogno investimenti TOTALE FABBISOGNO FINANZIARIO ,87 9

10 6. Determinazione della tariffa Per la determinazione della tariffa, come previsto dall articolo 14, comma 9, del D.L. 201/2011, si fa riferimento, come già in precedenza per la Tia, a quanto stabilito dal D.P.R. 27 aprile 1999 n. 158, recante le norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani. Sulla base di tale metodo la tariffa deve rispettare la seguente equivalenza: (entrate tariffarie totali) = TF (entrate quota fissa) + TV (entrate quota variabile) 6.1 Articolazione della tariffa Ai sensi dell art. 4 del richiamato D.P.R. 158/99, la tariffa viene articolata nelle fasce di utenza domestica ed utenza non domestica, a loro volta suddivise in una parte fissa ed una parte variabile. Nell ambito dell articolazione della tariffa deve essere assicurata l agevolazione per l utenza domestica. A tale scopo la ripartizione dei costi fra le categorie domestica e non domestica è stata effettuata tenendo conto dei seguenti parametri: a) rapporto fra quantitativi dei rifiuti domestici e non domestici come di seguito indicato: - domestici Kg (sul totale di Kg ) - non domestici Kg b) gettito della tariffa relativo all anno precedente: - da utenze domestiche (72%) - da utenze non domestiche (28%) Considerato che il rapporto tra le superfici imponibili delle utenze domestiche e quelle delle utenze non domestiche è sensibilmente variato dall introduzione della tariffa, per effetto del costante aumento della popolazione da un lato e della diminuzione delle attività economiche dall altro, il sistema di riparto dei costi introdotto dal che aveva fissato in 5 punti la percentuale di agevolazione alle utenze domestiche - è stato rivisto dal 2008, fissandolo nella misura di 4 punti percentuali, come di seguito indicato: - costi da coprire con la tariffa utenze domestiche: 74% - costi da coprire con la tariffa utenze non domestiche: 26% 6.2 Calcolo tariffa utenze domestiche Il calcolo della tariffa, articolata nelle fasce d utenza di cui al punto 6.1, è stato effettuato con la finalità di copertura integrale dei costi del servizio, quali indicati e ripartiti analiticamente negli elaborati allegati al presente documento (vedi allegato punto 8) PARTE FISSA: è calcolata quale prodotto della quota unitaria ( /mq) per la superficie dell utenza corretta con un coefficiente di adattamento (Ka), in rapporto al numero dei componenti il nucleo familiare. La quota unitaria (Quf) è determinata quale rapporto fra i costi attribuibili alle utenze domestiche e la superficie totale delle utenze domestiche, corretta mediante il coefficiente di 10

11 adattamento Ka. Il tasso previsto di copertura dei costi mediante applicazione dei suddetti parametri è del 52,52%, mentre l incidenza percentuale di tale quota sull intera tariffa è del 38,86% PARTE VARIABILE calcolata con riferimento al costo per Kg. dei rifiuti prodotti (rapporto tra totale rifiuti prodotti e il totale delle utenze ed al n. dei componenti il nucleo familiare), adattati al coefficiente proporzionale di produttività (Kb) nella misura prevista dalla tabella 2 al D.P.R. 158/99. Il tasso previsto di copertura dei costi mediante applicazione dei suddetti parametri è del 47,48% mentre l incidenza percentuale di tale quota sull intera tariffa è del 35,14% 6.3 Calcolo tariffa utenze non domestiche PARTE FISSA: calcolata con riferimento alla superficie adattata mediante applicazione del coefficiente potenziale di produzione (Kc) di cui alla tabella 3a del D.P.R. 158/99. I coefficienti kc, per gli anni 2005 e 2006 erano stati applicati nella misura minima per tutte le categorie economiche. A decorre dall esercizio 2007, al fine di perequare il carico sulle varie categorie, anche in riferimento alla situazione economica locale, per alcune categorie economiche è stata prevista l applicazione del coefficiente kc massimo. Il tasso previsto di copertura dei costi mediante l applicazione dei suddetti parametri è del 52,52%, mentre l incidenza percentuale di tale quota sull intera tariffa è pari al 13,65% PARTE VARIABILE: calcolata in rapporto tra i costi variabili attribuiti ed la quantità dei rifiuti prodotti, adattati mediante applicazione del coefficiente proporzionale di produttività (kd) previsto dalla tabella 3b di cui al D.P.R. 158/99. Anche nell applicazione di tale coefficiente, che per gli anni 2005 e 2006 era stato applicato nella misura massima a tutte le categorie, a decorrere dal 2007 si è operata la scelta di applicare ad alcune categorie la misura minima, per le stesse finalità di perequazione del carico. Il tasso previsto di copertura dei costi mediante applicazione dei suddetti parametri è del 47,48% mentre l incidenza percentuale di tale quota sull intera tariffa è del 12,35%. 6.4 Agevolazioni Il gettito tariffario è stato determinato considerando, secondo quanto previsto da Regolamento per l applicazione della tariffa, la conferma dell applicazione delle seguenti agevolazioni: a) Compostaggio domestico della frazione umida dei rifiuti urbani (Art. 43 Regolamento) 20% quota variabile della tariffa b) Riduzione per avvio al recupero rifiuti assimilati utenze non domestiche (art. 44 Regolamento) Max 30 % quota variabile della tariffa c) Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato o discontinuo d) Locali, diversi dalle abitazioni, o aree scoperte adibiti ad uso stagionale o non continuativo, ma ricorrente e) abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora per più di sei mesi all anno all estero (art. 45 comma 1, lett.a) Regolamento) (art.45 comma 1, lett.b) Regolamento) ( art. 45 comma 1, lett. c) Regolamento 30% quota variabile della tariffa 30% quota variabile della tariffa 30% quota variabile della tariffa L applicazione di tali agevolazioni ed esenzioni comporta un costo stimato in circa Euro 3.000,00 11

12 L art. 2 del D.P.R. 158/1999, sancisce il principio di obbligatoria integrale copertura di tutti i costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti tramite la tariffa. Le voci di costo del servizio sono tutte e solo quelle indicate dal richiamato D.P.R. 158/1999. Nell allegato Piano Finanziario vengono riportate le voci di costo del servizio fornite dalla Comunità della Vallagarina per la parte del servizio da essa gestito, opportunamente integrate con i costi sostenuti dal Comune per la parte di servizio direttamente gestito. Si presume che i costi indicati dalla Comunità della Vallagarina siano depurati delle entrate derivanti dal riutilizzo o dal reimpiego dei rifiuti (cessione vetro, carta, plastica, ecc.; produzione di energia, ecc.), così come stabilito dal citato D.P.R. 158/

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei

Dettagli

COMUNE DI PETRIANO (Provincia di Pesaro e Urbino)

COMUNE DI PETRIANO (Provincia di Pesaro e Urbino) COMUNE DI PETRIANO (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 26 del 27-09-2014 1 DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI CORTINO Provincia di TERAMO

COMUNE DI CORTINO Provincia di TERAMO COMUNE DI CORTINO Provincia di TERAMO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI ANCARANO Provincia di Teramo

COMUNE DI ANCARANO Provincia di Teramo ALLEGATO A COMUNE DI ANCARANO Provincia di Teramo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI (ripartizione 47% e 53% costi tra utenze e non ed applicazione deroga ai limiti minimi

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI OPERA Provincia di Milano PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca

COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei

Dettagli

COMUNE DI PEIA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PEIA Provincia di Bergamo COMUNE DI PEIA Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI PRECI Provincia di PERUGIA

COMUNE DI PRECI Provincia di PERUGIA COMUNE DI PRECI Provincia di PERUGIA PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI CREMELLA Provincia di Lecco

COMUNE DI CREMELLA Provincia di Lecco COMUNE DI CREMELLA Provincia di Lecco PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di CREMONA

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di CREMONA COMUNE DI TRIGOLO Provincia di CREMONA PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI Castiglione M.R. Provincia di Teramo

COMUNE DI Castiglione M.R. Provincia di Teramo COMUNE DI Castiglione M.R. Provincia di Teramo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI BISACCIA Provincia di AVELLINO

COMUNE DI BISACCIA Provincia di AVELLINO TARI 2015 Delibera del Consiglio Comunale n. 10 /2015 COMUNE DI BISACCIA Provincia di AVELLINO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MONTALENGHE Provincia di TORINO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI APPROVATO CON C.C. N. 18 DEL 04/09/2013 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti

Dettagli

COMUNE DI POGGIO SANNITA Provincia di Isernia

COMUNE DI POGGIO SANNITA Provincia di Isernia COMUNE DI POGGIO SANNITA Provincia di Isernia PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI COLZATE Provincia di Bergamo

COMUNE DI COLZATE Provincia di Bergamo COMUNE DI COLZATE Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI FROSOLONE Provincia di Isernia

COMUNE DI FROSOLONE Provincia di Isernia COMUNE DI FROSOLONE Provincia di Isernia PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO Provincia di Como

COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO Provincia di Como COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO Provincia di Como PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI FRONTINO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI FRONTINO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI FRONTINO Provincia di Pesaro e Urbino PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani è determinato con l approvazione da parte

Dettagli

COMUNE DI SALBERTRAND Provincia di Torino

COMUNE DI SALBERTRAND Provincia di Torino COMUNE DI SALBERTRAND Provincia di Torino PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI VERZINO Provincia di CROTONE

COMUNE DI VERZINO Provincia di CROTONE COMUNE DI VERZINO Provincia di CROTONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL)

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 4.323.093,28 432.309,33 4.755.402,61 Costi Raccolta e Trasporto R.U. (CRT) 4.204.463,71 420.446,37

Dettagli

COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca

COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca Allegato B alla delibera C.C. n. 8 del 06.04.2016 di approvazione delle tariffe TARI per l anno 2016 COMUNE DI FOSCIANDORA Provincia di Lucca ALLEGATO TECNICO DI DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DEL TRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI VILLA D OGNA Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D OGNA Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D OGNA Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014

COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014 COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014 Ex art. 8 D.P.R. 27 Aprile 1999 n. 158 1 INDICE PREMESSA 1

Dettagli

COMUNE DI CREMENO Provincia di Lecco

COMUNE DI CREMENO Provincia di Lecco COMUNE DI CREMENO Provincia di Lecco PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA PAGANICO Provincia di GROSSETO

COMUNE DI CIVITELLA PAGANICO Provincia di GROSSETO COMUNE DI CIVITELLA PAGANICO Provincia di GROSSETO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei

Dettagli

1. PREMESSA NORMATIVA

1. PREMESSA NORMATIVA COMUNE PATTI Piano Finanziario e Relazione di Accompagnamento DI PROVINCIA DI MESSINA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO NORME DI RIFERIMENTO: - ART. 22 D.LGS 22/97 E S.M.I. - ART. 8 DEL

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VENDROGNO Via Don Mario Biagini n. 10 - Prov. Lecco Cap. 23838 Tel. 0341/870157 Partita IVA 00651590135 - Fax 0341/807941 E-mail: info@comune.vendrogno.lc.it Sito: www.comune.vendrogno.lc.it

Dettagli

COMUNE DI ARNAD Regione Autonoma Valle D Aosta

COMUNE DI ARNAD Regione Autonoma Valle D Aosta COMUNE DI ARNAD Regione Autonoma Valle D Aosta PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 25/09/2014 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione

Dettagli

COMUNE DI FERRIERE Provincia di Piacenza

COMUNE DI FERRIERE Provincia di Piacenza COMUNE DI FERRIERE Provincia di Piacenza PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 AREA TECNICA - MANUTENTIVA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 Casnate con Bernate, 3 aprile 2014 Il Responsabile del servizio AREA ECNICA E

Dettagli

COMUNE DI CERTOSA DI PAVIA Provincia di PAVIA

COMUNE DI CERTOSA DI PAVIA Provincia di PAVIA COMUNE DI CERTOSA DI PAVIA Provincia di PAVIA PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI CASTELLETTO DI BRANDUZZO Provincia di PAVIA

COMUNE DI CASTELLETTO DI BRANDUZZO Provincia di PAVIA COMUNE DI CASTELLETTO DI BRANDUZZO Provincia di PAVIA PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione

Dettagli

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 2013 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 1 IL PIANO FINANZIARIO L

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCI Provincia di AVELLINO

COMUNE DI CASTELFRANCI Provincia di AVELLINO COMUNE DI CASTELFRANCI Provincia di AVELLINO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO Città Metropolitana di Roma Capitale

COMUNE DI BRACCIANO Città Metropolitana di Roma Capitale COMUNE DI BRACCIANO Città Metropolitana di Roma Capitale PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 26 del 30 luglio 2015

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca ALLEGATO B Alla delibera di C.C n. 29 del 27/06/2013di approvazione delle tariffe TARES per l anno 2013 COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca ALLEGATO TECNICO DI DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DEL TRIBUTO

Dettagli

Piano finanziario Tares COMUNE DI MONTEMONACO Provincia di Ascoli Piceno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Comune di Montemonaco 1 Piano finanziario Tares IL PIANO FINANZIARIO

Dettagli

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015 1 COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Anno 2015 Ex art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n.158 Art.1 comma 639 Legge 27 dicembre 2013 n. 147 2 INDICE PREMESSA NORMATIVA E

Dettagli

COMUNE DI RIVA DEL GARDA

COMUNE DI RIVA DEL GARDA --------------------------------------------ALLEGATO A) PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI (TARI) EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158. COMUNE DI RIVA DEL GARDA ANNO 2015 Indice 1. Premessa 2. Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI ISILI Provincia di Cagliari

COMUNE DI ISILI Provincia di Cagliari COMUNE DI ISILI Provincia di Cagliari PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 Comune di Isili Pagina 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio

Dettagli

COMUNE DI SCLAFANI BAGNI Provincia di Palermo

COMUNE DI SCLAFANI BAGNI Provincia di Palermo COMUNE DI SCLAFANI BAGNI Provincia di Palermo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E TABELLE TARIFFE ANNO 2013 (approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 58

Dettagli

COMUNE DI SOLZA Provincia di Bergamo

COMUNE DI SOLZA Provincia di Bergamo COMUNE DI SOLZA Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Premessa La Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Dettagli

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Comune di Boissano Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Legge di stabilità 2014 Legge 147/2013 e successive modifiche

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VERDELLO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della componente

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi B8 Godimento beni di terzi B9 Personale B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi

Dettagli

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 1 Premessa COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 PIANO FINANZIARIO - TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

COMUNE DI BELLINO Provincia di CUNEO

COMUNE DI BELLINO Provincia di CUNEO Piano finanziario Tari COMUNE DI BELLINO Provincia di CUNEO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI (TARI) Comune di Bellino 1 IL PIANO FINANZIARIO PREMESSA Il presente documento

Dettagli

COMUNE DI GERA LARIO

COMUNE DI GERA LARIO COMUNE DI GERA LARIO (Provincia di Como) ESERCIZIO 2014 PIANO FINANZIARIO TARI TARIFFE UTENZE DOMESTICHE TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE 1 Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale di Gera Lario

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo allegato A) COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2015 1 INTRODUZIONE Il presente documento riporta gli elementi caratteristici

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI A. Premessa 1- PREMESSA Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della TARI (tributo

Dettagli

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto:

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto: Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2015

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2015 PROVINCIA DI TERAMO Piazza Umberto I n. 16 Codice fiscale 81000270678 Tel. 0861/999113 999312 P.IVA 00824050678 Fax 0861/999432 CAP 64035 Mail: protocollo@comunedicastilenti.gov.it PIANO FINANZIARIO E

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 38 del 30-07-20152015 COMUNU DE GUSPINI PROVINTZIA DE SU CAMPIDANU DE MESU SOMMARIO: Art.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI ROCCANOVA ANNO 2013

PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI ROCCANOVA ANNO 2013 PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI ROCCANOVA ANNO 2013 Ex art. 8 D.P.R. 27 Aprile 1999 n. 158 INDICE PREMESSA 1 MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO

Dettagli

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI TARI ANNO 2015 MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla GC. n. 5 del 18.01.2016 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2016 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI A. Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2015 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2015 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2015 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

Piano Economico Finanziario

Piano Economico Finanziario Piano Economico Finanziario 2015 Documento allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del / /2015 CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati CSL Costi di spazz.

Dettagli

COMUNE DI PADRIA PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI

COMUNE DI PADRIA PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI COMUNE DI PADRIA PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI 1 - Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 COMUNE DI PATERNO CALABRO Provincia di Cosenza Regione Calabria Piazza Municipio 87040 - Tel. 0984/6476031 Fax 0984/476030 - P.IVA 00399900786 PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale.

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale. ONERE ANNUO A BASE DI GARA. Nelle pagine che seguono viene riportata l analisi economica conseguente alla esecuzione dei servizi, secondo le modalità minime indicate nell allegato Relazione Tecnica e nel

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 01/08/2014 1 Il presente

Dettagli

La TARES è determinata separatamente per le seguenti fasce di utenza: - utenze domestiche; - utenze non domestiche.

La TARES è determinata separatamente per le seguenti fasce di utenza: - utenze domestiche; - utenze non domestiche. DETERMINAZIONE DELLA TARES La TARES deve coprire i costi per i servizi relativi alla gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti di qualunque natura o provenienza giacenti sulle strade e aree pubbliche,

Dettagli

ALLEGATO 1. S T n = (CG + CC) n-l (1+ IP n - X n ) + CK n (1)

ALLEGATO 1. S T n = (CG + CC) n-l (1+ IP n - X n ) + CK n (1) ALLEGATO 1 Tariffa per la gestione dei rifiuti urbani Metodo normalizzato per definire le componenti dei costi e determinare la tariffa di riferimento (secondo quanto previsto dal D.P.R. n. 158/1999) 1.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO l'art. 14 comma 1 del D.L. n.201/2011, modificato dall art. 1 c. 387, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, che ha introdotto nel nostro ordinamento, a partire dal 1 gennaio

Dettagli

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE DELIBERA N. 35 ADUNANZA DEL 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO TARI. Adunanza straordinaria

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO Comune di Pantelleria Provincia di Trapani SETTORE II Lavori Pubblici - Energia Pubblica Illuminazione Protezione Civile Edilizia Popolare Edilizia Scolastica Manutenzioni Ambiente Servizio Idrico Integrato

Dettagli

COMUNE DI GERA LARIO

COMUNE DI GERA LARIO COMUNE DI GERA LARIO (Provincia di Como) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (T.A.R.E.S.) PIANO FINANZIARIO ESERCIZIO 2013 (Art.23 D.L.201/2011 art. 8 D.P.R. 158/1999) 1 Premessa Il presente documento

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Allegato A) D.C.C. n. 17 del 30.07.2015 COMUNE DI SAN PAOLO SOLBRITO Provincia di Asti PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Indice 1. Premessa 2. Obiettivi di fondo dell Amministrazione comunale 3. Il Modello Gestionale

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA. Provincia dell Ogliastra UFFICIO FINANZIARIO E TRIBUTI UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI TERTENIA. Provincia dell Ogliastra UFFICIO FINANZIARIO E TRIBUTI UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TERTENIA Provincia dell Ogliastra UFFICIO FINANZIARIO E TRIBUTI UFFICIO TECNICO COMUNALE PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2014 Il RESPONSABILE

Dettagli

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile L applicazione del Modello Contarina La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile 1. La tariffa puntuale 2. I risultati 3. I controlli contro gli abbandoni La

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I. COMUNE DI SORICO Provincia di Como PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I. Anno 2014 Allegato 1 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL SERVIZIO Il sistema di raccolta rifiuti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI ROBBIATE Provincia di LECCO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

La raccolta dei rifiuti nel Comune di Brescia: profili economici

La raccolta dei rifiuti nel Comune di Brescia: profili economici La raccolta dei rifiuti nel Comune di Brescia: profili economici Carmine Trecroci forum delle associazioni per un ciclo dei rifiuti sostenibile Consiglio Comunale di Brescia 21 luglio 2014 In un minuto

Dettagli

COMUNE DI ERVE Provincia di Lecco

COMUNE DI ERVE Provincia di Lecco COMUNE DI ERVE Provincia di Lecco PIANO FINANZIARIO 2014 (D.P.R. 27/4/1999, N. 158) 1 PREMESSA NORMATIVA La legge 27 Dicembre 2013 n. 147 (Legge di Stabilità 2014) ha istituito dal 1 gennaio 2014 la IUC

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI Allegato 1 COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Monza e Brianza PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ANNO 2013 (Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.

Dettagli

COMUNE DI CAMMARATA. Provincia di Agrigento

COMUNE DI CAMMARATA. Provincia di Agrigento COMUNE DI CAMMARATA Provincia di Agrigento Piano Finanziario Tassa Rifiuti Anno 2015 1 Sommario 1. Premessa... 3 PARTE I: DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE E DELLE PROSPETTIVE DEL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES)

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) Allegato alla deliberazione C.C. n. 15 del 12.07. INDICE 1- Premessa 2- Obiettivi

Dettagli

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES)

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) 1. Caratteristiche generali del tributo L art. 14, comma 1, del D. L. n. 201 del 2011 ha istituito, a partire dal 1 gennaio 2013, il tributo

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

COMUNE DI CASTELLUCCIO SUPERIORE Provincia di Potenza

COMUNE DI CASTELLUCCIO SUPERIORE Provincia di Potenza COMUNE DI CASTELLUCCIO SUPERIORE Provincia di Potenza PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 PIANO FINANZIARIO Ad opera dell articolo 14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2014

PIANO FINANZIARIO TARI 2014 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 A) Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione della nuova tassa

Dettagli