La Storia di un Paese che ha sofferto molto. La Mia Moldavia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Storia di un Paese che ha sofferto molto. La Mia Moldavia"

Transcript

1 La Storia di un Paese che ha sofferto molto La Mia Moldavia 1

2 Indice La Repubblica della Moldavia apartiore dall I secolo precedente fino ad oggi... La Storia... Il Medioevo... Il controllo russo... I solati dell Armata Rossa ( )... La società culturale in Bessarabia dal 1918 al La Croce Rosa... La crisi economica mondiale... 6 Il processo d industrializzare e le collettivizzazioni dell agricoltura in R.A.S.S.M... 7 Il patto Germano-Russo e la Bessarabia Rumena... 8 Le deportazioni sulla base della lista del La seconda Guerra Mondiale La vita politica della Repubblica della Moldavia negli anni La fame del Il cannibalismo Deportazioni in massa La resistenza della popolazione alla deportazione La colletivizzazione forzata dell agricoltura La vita politica della Moldavia nell epoca di Breznev Il Movimento per una De,ocrazia Politica e la Rinascita Nazionale della Repubblica della Moldavia... Il Crollo dell Unione Sovietica della Bassarabia... La vita politica della Repubblica della Moldavia negli anni Lo svilupo economico della Repubblica della Moldavia negli anni dell Indipendenza.. StataleI primi Passi della Moldavia sull Arena Internazionale... L arena Internazionale... L Orientamento Politico Esterno della Repubblica... L adozione della Bandiera UE sul parlamento del 7 aprile Le proteste da Chisinau del

3 Premessa Ho scelto di rappresentare questo argomento perche sono nata in Repubblica della Moldavia e ho vissuto lì momenti di amore, gioia e tristezza. E il paese che è sempre nel mio quore e a qui tornero sempre. Dopo tante ricerche ho scoperto momenti tragici e momenti belli di questo paese. Le fonti d ispirazione sono: Libro di Storia (della Repubblica della Moldavia); Internet ( wikipedia in lingua rumena ); reviste ( Saptamina ) e giornali ( Jurnal de Chisinau e Комсомольская Правда (kamsamoliskaia pravda)) moldavi e racconti dei mie genitori e i miei nonni. Il titolo l ho scelto in base ai fatti che mi hanno colpito di più. Micleusanu Ana 5^D

4 La Repubblica della Moldavia a partire dall 1 secolo precedente fino a oggi Il territorio della Repubblica della Moldavia è situato sulla riva destra del fiume Nistru, sulla parte ad est dello stato rumeno. La Moldavia ( fondata da Bogdan del Maramures nel 1359), fu unito all impero zarista dopo la pace russo-turca del maggio 1812, firmata in Bucarest. La parte ad est della Moldavia (incluso la Bessarabia che, fino al 1812, era solo la regione chiamata dai turchi Bugiac ) è passata da un statuto autonomo a uno statuto di provincia dell impero zarista russo, chiamato in questa occasione Bessarabia l immagine di Bogdan del Maramures su una marca da bollo della Repubblica della Moldavia 2

5 La Storia In antichità, il territorio della Moldavia (tra il Nistru e Carpazi) era abitato dai Daci. La regione meridionale moldava del mar Nero apparteneva all impero rumeno, e la parte a Nord rimase ai Daci liberi che erano soggetti alle tribù che migravano. La Moldavia è stata spesso saccheggiata o temporaneamente invasa nel corso della storia antica e del medioevo da diverse popolazioni o popoli migratori, fra i quali i Goti (Germani), gli Unni (Mongoli ), i Bulgari Turcofoni e poi i Bulgari Slavofoni, i Russi di Kiev, gli Ungheresi (Ungro Palm), i Peceneghi e i Cumani. Questi popoli integrati con i moldavi nativi, parlano il rumeno, e riescono ad alzare nel medio medioevo, fra il Prut e il Nistru, diverse fortezze: Onutu, Hortin, Soroca, Orhei, Hansca e Tighina,citate nelle cronache dei Cavalieri Teutonici. I Daci erano una popolazione indoeuropea storicamente staziata nell'area a nord del basso corso del Danubio che da loro ha preso il nome (Dacia, corrispondente grossomodo alle odierne Romania e Moldavia). Le diverse tribù che formavano il popolo furono riunite in un regno centralizzato e organizzato soltanto con re Burebista, nel I secolo a.c. Lo Stato dei Daci, con capitale Sarmizegetusa Regia, si scontrò più volte con i Romani, che riuscirono a sottometterli completamente con la vittoria dell'imperatore Traiano su re Decebalo (106). Entrati a far parte dell'impero romano, i Daci furono prima assorbiti da Roma, mescolandosi con i suoi coloni, successivamente con le nuove genti che invasero i suoi territori a partire dalla metà del III secolo, come Sarmati, Germani, Magiari e Slavi. 3

6 Il Medioevo Nel tardo medioevo, la Bessarabia, è stata obbligata ad accettare la sovranità dell impero Ottomano. Solo più tardi nel secolo XIX, tramite il trattato di Bucarest (trattato di pace firmato tra il maggio 1812, tra l impero Russo e l impero Ottomano, alla fine della guerra Russo-turca del ), la Bessarabia è entrata sotto il controllo russo, nella composizione dell impero Russo: ciò è avvenuto in modo fraudolento senza rispettare i diritti politici e umani. Il controllo russo Lo sviluppo economico della Bessarabia, sotto l amministrazione russa, si è effettuato nella prospettiva di un economia di esporto di grane, e bestiame verso il porto di Odessa e in parallelo con un l armata Rossa in Guerra processo di russificazione. La stragrande proporzione dei Rumeni è significativa nel 1817 in Moldavia dell Oriente: 86%. La Bessarabia è stata una parte della moderna Romania, per un tempo di 22 anni, dal 27 marzo Fino al 28 giugno Poi, dopo un ultimatum espansionista del governo sovietico verso la Romania (che guardava la cessione della Bassarabia in Unione Sovietica), il suo territorio (est-moldavia) è stato occupato dall Armata Rossa. l Armata rossa è stata il termine usato per le forze armate della Unione Sovietica fra1918 si 1946). Il nome proviene dal periodo della guerra civile russa, quando questo esercito era avversario dell Armata Bianca. Il nome completo era l Armata Rossa dei lavoratori e contadini. Dal 1946 l esercito URSS prende il nome officiale di Armata Sovietica( ma continua ad essere chiamata nel parlato con il nome di Armata Rossa. Lev Davidovich Trotzky, il condottiero dell Armata Rossa 4

7 I soldati dell Armata Rossa ( ) L Amministrazione e l Armata Rumena sono state costrette a ritirarsi verso Est del fiume Prut. In questo quadro sono state costruite le ferrovie e le nuove zone urbane nelle città di Chisinau, odierna capitale, e Balti, le quali sono diventate (demograficamente) le principali città russe al centro della Moldavia di origine rumena. Per allontanare la Russia dalle foce del fiume Dunarea, le grandi potenze europee, con il Trattato di Parigi del 1856, hanno donato al Principato di Moldavia tre contee del sud di Bessarabia: Cahul, Bolgrad e Ismail. Il 24 gennaio 1859, il Principato di Moldavia, si è unito con quello del paese Rumeno sotto il comando unico del rumeno moldavo Alexandru Ioan Cuza, che ha partecipato alla fondazione dello stato Nazionale Rumeno, che comprendeva anche il Sud della Bessarabia. Tramite il trattato di Berlino del 1878, le grande forze hanno obbligato la Romania, a dare alla Russia il Sud della Bessarabia in cambio di Dobrogei e del riconoscimento dell indipendenza della Romania da parte dell Impero Ottomano. Ciò ha approfondito il risentimento rumeno verso la politica russa. Dopo la rivoluzione russa, la Bessarabia ha proclamato l indipendenza con il nome di Repubblica Democratica Moldava nel gennaio 1918, e il 9 aprile si è unita con il Regno Rumeno. La società culturale in Bessarabia dal 1918 al 1940 Fino al 1918 il governo zarista ha inflitto alla Bessarabia dei tentativi di alienazione e russificazione, che hanno rallentato il processo culturale. A causa di ostacoli di diversa natura, nel momento dell inserimento nel novo stato Rumeno, la Bessarabia aveva un patrimonio culturale modesto. La Grande Unione ha creato le condizioni di beneficio per l integrazione storica e culturale della Bessarabia nello stato Romeno, favorendo un collegamento al flusso delle idee della nazione. Proprio nel periodo fra le due guerre nello spazio rumeno sono state realizzate con successo, opere importanti nel campo dell istruzione, in quello scientifico e artistico. Per l animazione della vita nazionale delle province unite, il governo Romeno ha promosso una politica culturale che ha contribuito al rinascimento spirituale nazionale. Le direzioni di priorità di questa politica hanno favorito la sincronizzazione culturale delle province, l educazioni delle conoscenze nazionali, lo studio dell arte verso dalle origini, la stimolazione delle attività artistiche valorizzando lo studio sistematico del folclore, l organizzazione e il sostenimento materiale delle istituzioni culturali. Nel progetto politico liberale dello stato Rumeno sono state messe le basi dello studio artistico, lo sviluppo della creatività e la propaganda del patrimonio nazionale. Proprio in questo periodo sono stati creati i prime conservatori, il Teatro Nazionale, la Scuola di Belle Arte e altre istituti di cultura. 5

8 La Croce Rossa machine di aiuto della CICR Nell aprile del 1919, una conferenza internazionale americana, ha proposto la federalizzazione delle Società della Croce Rossa dai diversi paesi dentro un organizzazione comparabile con la Lega Nazionale, con lo scopo di permanenti crociate di assistenze medicale per il miglioramento della salute, per le prevenzioni delle malattie e per alleviare le sofferenze. Secondo la convenzione di Ginevra una società di Croce Rossa può essere formata sul territorio di uno stato indipendente e deve estendere le sue attività sull intero territorio. La Società della Croce Rossa della Moldavia, come associazione comune con lo stato legale, si è creato nel 1864 molto più tardi dall apparizione delle prime Società. La crisi economica mondiale Dal la crisi economica ha colpito brutalmente i contadini della Bessarabia. In questi anni tanti contadini hanno perso il terreno. Si rovinavano, di regola, quelli che avevano meno di 10 ha di terra. Gli agricoltori soffrivano molto dopo l isolamento dalle loro tradizioni che prevedevano gli sbocchi del mercato verso la Russia. Il mercato interno era limitato, e per quello esterno c era una lotta feroce di concorrenza. Tutti i benefici li avevano i proprietari di altre regioni della Romania, che godevano delle protezioni da parte del Governo nelle sfere di credito, nelle tariffe e nei mezzi di trasporto. Dopo la crisi economica mondiale, la produzione agricola, ha subito un crollo in particolare nella viticoltura e nella frutticoltura. Si sono ridotti i frutti per ha delle principale colture agricole con le varietà europee di uva, e sono aumentate quelle coltivate con varietà ibride. É diminuito sostanzialmente il numero del bestiame ( porci e pecore). Anche il volume della produzione industriale diminuiva notevolmente. Verso la fine dell ultima crisi economica, il numero dell unità economica è diminuito più del doppio, e anche quello dell industria alimentare. 6

9 Il processo de industrializzare e le collettivizzazioni dell agricoltura in R.A.S.S.M. Verso la meta del 1920 nel R.A.S.S.M. funzionavano 3256 aziende molto piccole, la maggior parte era gestito con il capitale privato. Dopo un decennio predominavano le aziende industriali di stato, e nel settore industriale privato è stato ridotto al minimo. Il comitato per la ricostruzione e la ristrutturazione delle imprese esistenti ha stabilito di costruire le fabbriche industriali. Con l industria, i nuovi processi economici hanno compresso anche l agricoltura. Ma le trasformazioni socialiste dell agricoltura fluivano più lentamente a causa della resistenza di una parte della popolazione di fronte al processo di collettivizzazione forzata. La politica degli organi sovietici, di acquistare prodotti a prezzi estremamente bassi, costringe gli agricoltori a fermare la commercializzazione dei prodotti agricoli da parte dello stato. In queste condizioni il regime stalinista è ricorso alla collettivizzazione forzata dell agricoltura, seguendo attraverso le costrizioni l assicurazione di fornitura delle produzioni agricole da parte dello stato. In questo modo, è iniziata una compagna massiva di organizzazioni del kolchoz, e della liquidazione della proprietà privata in agricoltura. La collettivizzazione dell agricoltura in repubblica si realizza in condizioni di carenza di materiali tecnici verso la fine degli anni 20 si utilizzano solo 329 trattori, 295 trebbiatrici e circa 2800 trapani. La meccanizzazione agricola procedeva lentamente e questo fece scadere il numero dei sostenitori delle nuove forme di organizzazione della produzione del kolchoz. La collettivizzazione forzata era accompagnata da repressioni politiche deportati. Circa famiglie contadine, considerate Gulaghi, nel regimi furono allontanati dall URSS in Siberia, nella regione Arhanghelsk, nell isola Solovetk. La campagna della collettivizzazione in massa dell agricoltura è finita verso la fine del 1931, quando i kolchoz creati hanno assorbito famiglie contadine, il 71,7% del loro numero totale. Le conseguenze delle azioni di una gestione stalinista sono state gravi per la società. L utilizzo dei metodi e mezzi violenti nella riorganizzazione economica ha colpito la popolazione della repubblica. Mille persone sono morte di fame del Questa tragedia è stata ripetuta in grandi proporzioni negli anni La collettivizzazione forzata dell agricoltura industriale, seguita dalla confisca (attraverso la violenza) dei cereali dalle famiglie contadine, come la siccità del hanno provocato la fame fra le popolazioni. R.A.S.S.M (Repubblica Autonoma Sovietica Socialista Moldava) Era una entità territoriale autonoma creata dalla parte sovietica dell Ucraina il 12 ottobre Gulaghi Главное управление исправительно-трудовых лагерей Direzione principale dei campi di lavoro correttivi è stato il ramo della polizia politica dell URSS che costituì il sistema penale dei campi di lavoro forzato. Benché questi campi fossero stati pensati per la generalità dei criminali, il sistema dei Gulag è noto soprattutto come mezzo di repressione degli oppositori politici dell Unione Sovietica. Kolchoz коллективное хозяйство (kollektivnoe chozjajstvo) che in russo significa economia collettiva agricola. Erano cooperative agricole nelle quali i contadini lavoravano collettivamente la terra, condividendo anche strumenti e macchinari agricoli. 7

10 Un fatto significativo era che nelle sfere della produzione, lavoravano meno comunisti, rispetto alle sfere amministrative (e a quella non-produttrice). Nel 1941, nell'agricoltura lavoravano solo 988 comunisti, nell'industria-919, trasporti-850, mentre le imprese di commercio, l'alimentazione pubblica, la cultura e l'amministrazione erano guidate da più di 6540 comunisti, tre volte in più di tutte le altre sfere. Il 6-7 febbraio 1842, si è tenuto il primo congresso del PCM. Sono stati fatti i primi bilanci dell'instaurazione del sistemo comunista in Moldavia. Là si parlava di un' economia nazionale del RSSM: i difetti esterni, le violazioni delle leggi e le lotte con i nemici. Il nuovo potere ha provato a produrre una nuova immagine favorevole per la popolazione della Moldavia. Il 1 gennaio 1941 sono stati approvati i nuovi cambiamenti: l'alfabeto latino è stato sostituito con quel cirillico, la fabbricazione della ''lingua moldava'' e di arcaismi ''con adozione di parole russe e l'eliminazione di neologismi francesi, ma non quelle germaniche, che la chiesa è stata proibita solo nella seconda fase, nei luoghi sacri sono stati fatti dei club, negozi e stalle. Fino al 15 febbraio 1941 sono state arrestati persone. I professori delle scuole staliniste sono riusciti nel percorso di molti decenni a falsificare la vera storia, e ad indurre in errore molte generazioni di Bessarabia. Nel 1941 in quelle 7 scuole superiori studiavano 2500 studenti, ma la guerra ha impedito le realizzazioni di questi piani nobili e necessari. I russi hanno impedito e hanno liquidato tutti i centri di cultura rumena e nei villaggi e nelle città i seguenti istituti di studio : la Facoltà Agricola; la Facoltà di Teologia di Chisinau, le scuole superiori; le scuole primarie e secondarie; i Conservatori: ''Unire'' (unione),''municipal''(municipale), ''National''(nazionale); le società culturale (la Fondazione Culturale Regale '' il Principe Carlo, la lega Culturale; l'università Popolare ''Astra'' ), le case Culturali, i Musei, le sale cinematografiche, 14 case editrici, i giornali, le riviste, il teatro Nazionale, i collettivi corali, le biblioteche, i libri, i programmi scolastici e tutta la letteratura rumena. La spartizione territoriale tra Germania ed Unione Sovietica

11 maggior parte degli investimenti dei capitali, in somma di 6 milioni di rubli, sono stati sistemati nel bilancio della repubblica. Il 2 agosto 1940, contro la volontà della popolazione, è stata istituita una nuova repubblica RSSM, ora Romania, e dalla Trasnistria è stata tolta la capitale. Solo nella seconda meta dell anno dell occupazione, Russia e Ucraina hanno preso dal RSSM 17,2 milioni kw\h di energia elettrica, 7,2 milioni di mattoni, 7,2 mila tegole, 74,3 mila tonnellate di calce, 64 mila unità di oggetti artigianali, 11,8 mila tonnellate di zucchero, 14 mila tonnellate di burro, 48,5 milioni di barattoli convenzionali, 26 mila tonnellate di farina, 1,3 milioni di decalitri di vino, 237 decalitri di alcool, 138 milioni sigarette. Nell agosto sono state messe in vigore le leggi dell unione delle imposte sul reddito dell agricoltura, di di famiglie contadine, sono state sostituiti con imposte agricole, 25% delle imposte provenivano dai artigiani. Dagli bilancio repubblicano 100 milioni sono stati investiti in economia e per le necessità dell ordine culturale e sociale erano preparati 300 milioni di rubli, quindi il 63% del bilancio. Il governo sovietico assegna alle ferrovie di Chisinau, 20 milioni di rubli. Nel 1941 sono destinati 31 milioni di rubli per la costruzione delle strade con pavimentazione resistente. CC nel PC di tutta l Unione e CCN dell URSS operavano per sottrarre il più possibile dei beni dalla Moldavia. Per questo stimolavano il funzionamento dei rami industriali che portavano un super-profitto immediato. Verso la fine del 1940, dall industria alimentare provenivano l 84,6% del tutto il potenziale: dall industria di costruzione di automobili il 3,7 %, dall industria leggera il 3,3%, dall industria di materiali di costruzioni - l 1,2%, e dagli altri rami il 7,2%. Il patto Germano-Sovietico Ribbentrop-Molotov nel 28 settembre 1939 riguardo le frontiere e l amicizia 11

12 Le deportazione sulla base della lista del 1941 Sulle carrozze dei treni era scritto '' TREN CUPRINZIND MUNCITORI ROMINI CARE AU FUGIT DIN ROMANIA DE SUB JUGUL BOERILOR, CA SA VINA IN RAIUL SOVIETIC. IESITI-LE IN CALE CU FLORI'' (''treno che comprende i lavoratori di Romania che sono scappati dalle mani dei boiardi di Romania per venire qua nel paradiso sovietico. Uscite a incontrarli con i fiori.'' Il numero delle deportazioni non si conosce con precisione, sono stati deportati un minimo di persone, e ai loro posti sono stati portate quasi persone non-moldave. Il piano delle deporti era stato messo in vigore molto prima dell'occupazione della Bessarabia e della Bucovina. Lo Scopo di queste deportazioni è stato quello di togliere la nazionalità. Nell'autunno del 1941 le unità armate rumene hanno trovato vicino ad' Odessa, un treno con beni e in ciascuna carrozza, in 22, sono stati trovate persone uccise attraverso i muri di legno (sono stati trovate vittime). Adulti, donne e bambini sono stati arrestati e mandati in Siberia pochi giorni prima dello scoppio della guerra. Sono state fatte deportazioni di massa: -fino al settembre sono stati mandati in URSS dai territori occupati lavoratori -in ottobre e novembre lavoratori -in dicembre lavoratori questi erano mandati volontariamente. L'omicidio individuo collettivo: -gli arrestati meno pericolosi sono stati deportati, -i pericolosi erano assassinati direttamente, dopoché, sotto tortura, si erano loro sottratte le lettere che dovevano essere spedite dalla Siberia a Chisinau. Nelle cantine della sede di NKVD, nel settembre 1941, sono stati trovati 87 cadaveri, tra i quali 15 in una fossa comune, con le mani e i piedi legati. -In Ismail, nella sede di NKVD, nel sotterraneo dell'imobile sono stati trovati 6 cadaveri - 5 uomini 12

13 e una donna legati con le mani alla schiena. -Alla Torre Bianca il 19 aprile del sono stati scoperti 19 cadaveri. Gli uomini venivano mandati nei campi : Kozeliscenski e Futilovski. Gli altri membri delle famiglie erano deportati nei campi di Karagade e Akfiubinise. Lo storico e deputato cristiano-democratico Ioan Varta ha dichiarato che il meccanismo del ripristino dei beni delle vittime dei deportati stalinisti era praticamente impossibile. L'ultima legge approvata dal Parlamento, è stata annullata per la sua crudeltà. Questa legge stabiliva che i beni delle vittime potevano essere recuperati attraverso una ricompensa con i soldi del bilancio di stato, o del bilancio locale. Nel piano socio-economico, il regime totalitario ha preso delle misure decisive, orientati verso la liquidazione della proprietaria privata e all'introduzione del modello sovietico di vita. Già il 15 agosto 1940, il Presidente Sovietico Supreme dell'urss ha emesso il decreto che riguarda la nazionalizzazione delle banche, delle imprese industriale e commerciale, del trasporto ferroviario e di telecomunicazione della Bessarabia. Gradualmente si è esteso il modello sovietico dell'organizzazione dell'agricoltura, l'obiettivo primario del regime bolscevico era la raccolta dei beni prodotti dalle famiglie contadine. Attraverso l'imposta dei kolchoz, il partito comunista seguiva l'appropriazione di quantità imposte di cereali e altri prodotti agricoli. Non meno importante per le nuove autorità l'annientamento della possibilità di pratica e una vita spirituale. Il regime sovietico ha imposto alle famiglie contadine un rigido sistema fiscale. Ciò aveva lo scopo di rovinarle e in questo modo facilitare la politica di collettivizzazione delle famiglie. Il termine boiardo o boardo o boiaro stava ad indicare, tra il X e il XVII secolo (ma fino al XX secolo in Romania), un membro dell alta aristocrazia feudale, russa, rumena, ucraina e bulgara, con potere e influenza secondi solo ai principi regnanti. 13

14 La seconda Guerra Mondiale Nel giugno 1941 la Romania, alleata con la Germania, dopo l inizio della guerra contro l URSS ha liberato i territori ceduti un anno prima, ma ha occupato, insieme con la Germania, la Podolia dell Ucraina. Il marzo del 1944 le truppe sovietiche entrano nel nuovo in Nord della Bessarabia e il 24 agosto 1944, occupano anche il Sud della Bessarabia. L Unione Sovietica in modo abusivo, trasferisce la regione attraversata da Bugeac e il Nord di Bessarabia alla Repubblica Sovietica Socialista Ucraina. L armata Rumena passa il fiume Prut il 21 giugno Il governo Rumeno negli anni fra le due guerre mondiali esercitava una politica d integrazione economica della Bessarabia. Negli anni della prima guerra mondiale il territorio ha subito grande perdite materiali e umane. Sono state distrutte tante aziende industriali e rovinate tante famiglie contadine, è stato smantellata l intera unità di cultura ed è stata bloccata la circolazione delle merce. I proprietari russi e quelli stranieri hanno trasferito il loro capitale nelle banche francesi e inglesi. I prezzi dei prodotti alimentari, erano cresciuti 4-6 volte rispetto a quelli di prima della guerra. Inoltre, è aumentato il prezzo dei beni industriali. Tutte queste cose hanno generato una grande crisi economica e hanno aggravato la situazione sociale dell intera popolazione. Il territorio di Bugeac confina con il Mar Nero 14

15 La vita politica della Repubblica della Moldavia negli anni Lavoro nel Kolchoz Dopo la liberazione nel 1944 del RSSM, all inizio a Soroca, poi Chisinau, si è stabilito l organo di potere sovietico ripreso dopo l evacuazione. Invece è rimasto, in vigore la nuova divisione territoriale amministrativa dell ex provincia della Bessarabia. Dopo le elezioni nel Soviet Supremo della RSSM del 1947, si è consolidato il potere repubblicano a tutti i livelli e si sono formati i consigli del potere locale. Ma la maggior parte dei leader dai comitati esecutivi erano stati mandati dalle altre repubbliche. Loro avevano una certa esperienza di lavoro nel soviet, ma non conoscevano la lingua e le tradizioni del popolo locale. Nelle condizioni del regime stalinista, si sono manifestate azioni di violazione e di privazione dei diritti politici di alcuni strati sociali; tale violazione era in contraddizione con le principali dichiarazioni nella Costruzione dell Unione in quella Repubblicana. Con lo scopo di convincere la popolazione di iscriversi in kolchoz nel giugno del 1949 sono stati deportati più di 11 mila famiglie di kulaki (кулаки), proprietari terrieri e commercianti. Gli arresti venivano fatti di notte, le persone venivano portate via nascosti tra le merce in Siberia, Kazakhstan etc., e le loro proprietà venivano confiscate. Dopo la morte di I. Stalin avvenuta nel 1953, sono state prese delle misure per la liberalizzazione della società e l affermazione della legalità. Più efficace si è effettuato questa attività dopo il 20 Congresso del PCUS (partito comunista dell Unione Sovietica) che ha condannato il culto della personalità di Stalin, e ha allontanato dal potere del partito e dallo stato le più odiose figure politiche. Ma l essenza totalitaria del regime esistente non è tanto cambiata. La democrazia e l umanizzazione del sistemo sovietico sono state boicottate proprio dal partito comunista. I kulaki (dal ruso- pugno) erano una categoria di contadini presente negli ultimi anni dell Impero russo, nella Russia sovietica e nella giovane Unione Sovietica. La parola kulaki inizialmente si riferiva a contadini indipendenti della Russia che possedevano grandi appezzamenti di terreno ed utilizzavano manovali o schiavi; successivamente il termine fu utilizzato spregiativamente dai bolscevichi per indicare i contadini agiati. 15

16 La fame del Tutto è iniziato dal Trattato di Molotov Ribbentrop che ha diviso l'europa nelle sfere di influenza nazista e sovietica, un tremendo scenario, la cui realizzazione ha scatenato un terribile sistema di sterminio, che ha ucciso più di persone della Bessarabia, del Nord di Bucovina e della parte sinistra del Nistro, sono state deportati rumeni. La nuova occupazione sovietica della Bessarabia nel 1944 ha riportato nel territorio un regime di terrore già conosciuto dagli abitanti. La grave conseguenza di questo fatale cambiamento è stata una fame paurosa che e durato dal 1946 al La guida del partito della provincia Balti constatava, nella prima decade del luglio del 1946, che in tutte le province e villaggi tante persone non aveva nessun tipo di cibo, per questo la popolazione si alimentava con erbe, e tanti bambini, rimasti senza genitori, andavano di casa in casa, cercando e mangiando erbacce.''questo anno, si rapportò al centro del potere del partito della provincia Cahul il 4 dicembre Il pane non può essere procurato da nessuna parte. Tutta la popolazione dei villaggi mangiano erbacce asciutte e animali morti...'' Tante famiglie della provincia Chiscareni non avevano altro da mangiare tranne i secchi bastoncini di mais. La situazione era simile anche nella provincia di Chisinau, dove numerose famiglie di contadini mangiavano cibi di segature di legno, erbacce e carcasse di animali. I professori dei villaggi non avevano una vita migliore. Il 6 dicembre 1946, il Ministero della Pubblica Istituzione della RSSM informa la guida superiore del Partito della Repubblica che in ogni provincia, decine di famiglie di professori non avevano da mangiare. Numerose famiglie dei villaggi, lasciavano le case, cercando di salvarsi la vita lontano dalle loro località di nascita. Nell'ottobre del 1947, solo nei tre villaggi (Zolotievka, Ochiul Ros e Larga) della provincia Bulboaca, e della provincia di Tighina, si sono allontanate via 163 famiglie. Questa era la situazione nelle province e di tutto il paese. Molto spesso, i genitori abbandonavano i propri figli, per non vederli morire di fame. La fame ha provocato una crescita terribile delle criminalità. I furti, quasi sempre di prodotti alimentari, divennero molto diffusi: un uomo poteva perdere facilmente facilmente la vita per un pezzettino di pane o per una manciata di grano. '' Nicolae Zelesski, di etnia russo arrivato dopo 1944 in RSSM, ha mandato delle lettere, nel periodo della carestia degli anni , al giornale ''Pravda'', ''trud 16

17 '' e ''Izvestia'' (che significa dal russo ''pravda''-verità; ''trud'' - lavoro; ''izvestia''-notizie), chiedendo perché non pubblicano niente del fatto che la Bessarabia muore di fame. Dopo ha inviato una lettera anche a Lenin.'' La fame causata dalle inique leggi delli autorità economica comunista in Bessarabia, è stata uno dei metodi per i quali i moldavi sono stati obbligati ad entrare '' volontari'' nel Kolchoz. In questo modo è stata tentata la liquidazione di tutte le resistenze antisovietiche. L'operazione di collettivizzazione è partialmente riuscita, ma i fili (documenti) segreti del NKVD fanno vedere che la resistenza antisovietica nel RSSM in questo periodo è stata una delle più amare. L aspetto più grave della fame è stato il cannibalismo All inizio del mese di giugno del 1946, alcuni casi di cannibalismo sono stati effettuati nei villaggi: Alexandresti, Recea-Slobozia e Sturzeni della provincia Rascani. Il cannibalismo è la prova della lunga fame che ha portato ad usare come cibo i cadaveri delle persone. Un funzionario informa la guida del Partito dello stato della Repubblica, che nei giorni 7 e 8 febbraio 1947 nel Baurci della Provincia Congaz, ha constatato 4 omicidi per scopi di cannibalismo. Il consumo dei cadaveri ha preso un carattere di massa. Sono state constatate dei casi di furto dei cadaveri portate ai cimiteri e non sepolti a diversi cadaveri trovati nei villaggi mancavano i muscoli e le membra del corpo(piedi-mani). Nella località di Besalma, si trova scritto dappertutto la situazione peggiora in continuazione. Il consumo dei cadaveri è diffuso in ogni luogo. La mancanza completa dell alimentazione ha portato anche all omicidio di persone, bambini e famigliari. Questa grave realtà avrebbe richiesto un aiuto concesso dei Soviet dei per i villaggi affamati della Bessarabia. In realtà, l aiuto non è mai esistito, è stato promesso solo a scopo di propaganda. Poiché l aiuto non arrivava dalla Russia, si concedeva solo il pane confiscato alle famiglie moldave già provate. Per un verso, le rapine agricole praticate dallo stato, e per l altro, la mancanza dell aiuto reale per gli affamati hanno provocato il grave danno della salute della popolazione dei villaggi. Questo fatto si è constatato già nel giugno del Ciò dimostra che il fenomeno della fame ha iniziato a manifestarsi già dall inizio dell anno. Ai primi di giugno, nei villaggi Balasinesti, Beleavinti e Cotelnea della provincia Lipcani sono stati registrati 300 pazienti malati di distrofia. Pochi mesi dopo la malattia avanzava molto. Verso la fine di settembre, nella provincia di Comrat sono stati registrati 3000 malati di distrofia e di edemi, e di assenza di albumina, tra i quali circa 2000 bambini. All inizio del 1947 soffrivano di distrofie il 10%-15 % della popolazione dei villaggi. Nell intera provincia di Orhei erano 32,3 mila i malati di questa malattia. Verso il 1 maggio 1947, nell intera repubblica erano registrati quasi 238 mila casi di distrofie. Anche se sono state prese speciali misure per la riduzione dei danni di questa malattia, il risultato è rimasto al di sottodelle aspettative. Per il dicembre 1947 in molte province i distrofici formavano il 30% della popolazione, e in alcuni posti (in particolare in Cimislia) questa cifra si era alzata fino all 80%. Verso la fine del 1947, le proporzioni della mortalità iniziano gradualmente a diminuire. Nel novembre erano morte 3264 persone, il 21,2% in più delle persone nate. Nel 1946, la popolazione dei villaggi della repubblica viene ridotta di 477 persone, e nel 1947, la riduzione è stata di persone: una perdita annuale maggiore del 10%. In generale nell anno 1947 la popolazione rurale viene ridotta di 193,9 mila persone. La fame ha provocato grandi perdite di vite umane, nella prima metà dell anno Il numero dei defunti era molto più grande che alla fine zzdell anno precedente la mortalità. 17

18 Deportazioni in massa Quando le ferite della fame non erano ancora sanate, iniziò un altro grande dramma per i contadini delle Bessarabia: le deportazioni di massa delle famiglie dei villaggi. In realtà questo sradicamento dei contadini e la loro deportazione in Siberia era, dopo la guerra, una ripetersi del processo iniziato alla vigilia della guerra. Un qualsiasi Butov, presidente dell ufficio per Moldavia del CC (comitato centrale) del PC (partito comunista) di tutta l Unione, inviava,il 1 novembre 1945, al segretario del partito bolscevico Gh. Malenkov un rapporto, nel quale chiedeva di prendere misure drastiche per la riduzione dell influenza economica delle parte ricca dei contadini della Bessarabia per timore che questa avrebbe collaborato con l amministrazione Rumena e con i partiti politici di Romania. Ma la fame aveva annullato la realizzazione di questo piano, è nato a Mosca. Il 17 marzo, Ivanov, il presidente dell ufficio di CC del PC di tutta l Unione per RSSM (Rep. Sovietica Socialista Moldava), Koval, segretario del CC del CC di Moldavia, e Rudi, il presidente del Consiglio dei ministri del RSSM, inviavano a Stalin una lettera, nella quale chiedevano di permettere la deportazione dalla Moldavia di più di 10 mila di famiglie. Il motivo principale era lo stesso. Il capi di queste famiglie, considerati elementi nazionalisti, che hanno costituito sempre il sostegno dei regimi reazionari di Romania sul territorio dell ex Bessarabia, erano i promotori della politica antisovietica nei villaggi. La massa delle famiglie contadine non era implicata quasi mai nelle attività dei partiti politici della Romania, anche se tanti contadini si pentivano in modo sincero di aver perso la collaborazione con la Romana. La guida del partito Bolscevico della Russia e il governo sovietico hanno approvato, il 6 aprile del 1949, la decisione di deportazione nelle località di Kazakstan, Asia Centrale e Siberia di famiglie con persone. La decisione era accompagnata da un informazione ulteriore, la quale precisava che il governo sovietico ha deciso che la deportazione delle categorie menzionate sarà definitiva. 18

19 Oltre questo altri due dettagli si impongono alla riflessione su questo documento. L uno era la confisca dell intera ricchezza di quei deportati; cioè dimostra, che veramente sono stati deportati per sempre. Quei deportati erano soggetti ad un trattamento simulato dal diritto penali, erano qualificati senza motivo come elementi criminali. Il 15 maggio 1949 un ufficiale militare dichiarò, alla presenza di un gruppo di persone del villaggio Ermoclia della provincia Causeni, che i cosiddetti Kulaki pochi giorni saranno deportati nel fondo dell Unione Sovietica, e le loro proprietà saranno confiscate. Il 26 maggio, essendo interrogato dagli uomini della Sicurezza, il presidente della scuola del villaggio Redi-Ceresnovat, A. Topor, ha testimoniato, che nei giorni aprile è stato visitato a casa da una persona che portava il nome di Mihailiuk il capitano di KGB, che ha detto che doveva essere deportato. Questa è la sua testimonianza: Dicendo questo, l officiale ha tirato fuori dalla sua borsa dei documenti, ho letto i nomi: Kveatkovschi F. C., Sochirca A.C., Justin Taralunga e Anton Popa. Trovando il documento con il mio nome, Mihailiuk mi l ha fatto vedere da lontano la prima pagina come prova dell affermazione che sarò deportato. Sulla pagina vista ho trovato il mio nome, cognome e il nome di mio padre, l anno e la data di nascita, l origine sociale, e gli studi. Dopo ho letto in alto la parola pre-militare. La mia moglie a iniziato a piangere. Ho iniziato anch io ha piangere e mi sono scusato dicendo loro che lui e altri sarebbero stati deportati entro 10 giorni. Un contadino di Drochia, A. Bejan, ha confessato, casualmente, a uno degli agenti del KGB, uno dei miei conoscenti mi ha raccontato che sono stato incluso nella lista dei chiaburi(persone molto ricche). Alla fine di maggio o giugno, quando finiranno gli esami di istruzione degli studi, le persone dalle liste dei chiaburì, i comercianti, quelli che sono scappati in Romania e sono tornati, quelli sospetti dal punto di vista politico saranno mandati in Moldavia. Una mia conoscente di Edinet è in relazioni buone con uno dei capitani della Sicurezza, che le ha detto che è stato incluso nelle liste dei chiaburì e le ha aggiunto, che se inoltre non voglie 19

20 20 essere deportato, deve scappare. Così ha fatto, e nessuno sa dove. Una donna con il nome di Moskviciuk, amministratrice delle case di Chisinau, ha dichiarato: Presto dobbiamo evacuare dalla Bessarabia tutte le persone sospette. Un altra persona, G.A. Jmueciuk, residente nella provincia Sangereni, scrive ai suoi parenti dalla regione Vorosilovgrad: non dovete più scrivere a noi, perché presto saremo deportati in altri posti. Tanti cittadini moldavi, deportati in Siberia, già dal luglio 1941 scrivevano ai loro parenti chiedendo se davvero saranno deportati anche loro: qua da noi si sente altro che in Bessarabia saranno deportati tante persone. Dai documenti dell archivio del Ministero di Sicurezza Nazionale della Repubblica della Moldavia, che ha iniziato ad essere consultati solo ora, si conoscono tante persone della Bessarabia che sono entrate nella formazione di lotta contro i sovietici solo perché erano informate che sarebbero stato cacciate via per sempre dai loro villaggi. Nel giugno 1949, il contadino Gavril Andronovici dal villaggio Condratesti, provincia di Cornesti, dichiara in un cerchio di amici, che poco tempo dopo che è stato incluso nella lista dei chiaburi, è che qualche giorno dopo sarà mandato in Siberia. Questa notizia è stata confermata e dai altri partecipanti a quell incontro in casa di Andronovici. Il tribunale militare di Odessa ha menzionato che nel 1949 tanti contadini della provincia Cornesti, Chiscareni e Bravicea hanno saputo presto delle deportazioni che sarebbero state eseguite, e per questo hanno lasciato i villaggi e si sonno nascosti nelle foreste. Le ultime direttive riguardo le deportazioni sono state fate alla fine del giugno e all inizio del luglio Il governo della Moldavia, attraverso la decisione del 28 giugno 1949 stabiliva, il numero definitivo delle famiglie che continuavano ad essere deportate e la loro distribuzioni nelle province. Una serie di norme completava la decisione del governo sovietico del 6 aprile 1949 riguardo la confisca delle proprietà dei deporti. Il 30 giugno, il Ministero degli Interni dell URSS stabilì che quelle famiglie con persone ad essere mandate nel regime di Kurgan, Tiumen, Irkutsk, Altai, Bureat-Mongolia. Intanto, gli ufficiale del KGB mandati nelle province della repubblica lavoravano duramente alla compilazione delle liste. In questo modo sono state prese in evidenza famiglie con persone per essere espulse dal territorio. Quindi, si stabilirono definitivamente i numeri: famiglie con che stavano per espatriare. Come si sa, il segnale per le deportazioni (cosi detta operazione Iug - in traduzione dal russo che significa Sud) è stato dato il 6 luglio alle ore 2 di notte.

21 La resistenza della popolazione alla deportazione Anche se le autorità hanno messo in atto tutte le misure operare di dispiegarsi velocemente e di sorpresa, sono state numerosi i casi di resistenza agli arresti e alle evacuazioni. Il metodo più efficace è stata la fuga da casa dei contadini o prima del 6 luglio 1949 o proprio nel momento del rientro delle truppe nei villaggi. In quel periodo sparirono 508 famiglie che dovevano essere deportate. Di 174 famiglie non è stata trovata nemmeno una persona a casa, e 105 famiglie si sono nascoste all'inizio dell'operazione. Il maggior numero delle famiglie che si sono salvate è nella provincia di Chisinau 64 rispetto alle 141, proprio in una delle province che hanno fatto la maggior opposizione ai sovietici. Secondo le date ufficiali, l'operazione ''Iug'' finisce verso la fine del 7 luglio 1949, ma le relazioni di alcune regioni mettono in evidenza che questa operazione dura fino all'8 luglio, alle ore 20:00. 21

22 La collettivizzazione forzata dell agricoltura Con la fine della guerra nelle province sulla parte sinistra del fiume Nistro sono state stabiliti i Kolchoz, le aziende agricole e le stazioni di macchine e trattori. Nella parte destra del fiume Nistru la situazione dei contadini era deplorevole. L 80% di questi contadini non avevano animali di trazione, trapani, aratri e le macchine agricole. Mancava il grano, l assistenza agricola per i crediti. Sui terreni dei contadini l applicazione delle macchine agricole moderne era poco produttiva, e alcune volte anche inutile. Il basso livello del reddito agricolo delle famiglie contadine influenza gravemente la capacità della produzione della coltura agricola. La produzione era scarsa appena sufficiente per le necessità minimali. In questa condizione la guida stalinista considera che la verità ottimale era l unione delle famiglie contadine in grande aziende collettive per la lavorazione delle terre. Il paese aveva bisogno di alimenti, e l industria di materie prime era un interesse vitale per aumentare la produzione agricola. Dalle altre regioni dell URSS sono stati portati le macchine tecniche, animali e grano. Sono state creati i punti per la conservazione di questi. Il comitato inizia a creare i Kolchoz. La maggior parte dei contadini no accettava le forme di collettivizzazione per l organizzazione delle aziende. Ma il regime totalitario-stalinista forzava i contadini ad entrare nel Kolchoz. Quelli che non erano d accordo con questa misura del regime venivano deportati nelle regioni lontane della Siberia e Kazakistan. Dopo la morte di Stalin sono state intraprese degli organi dello Stato le misure per la consolidazione delle produzione in agricoltura. I Kolchoz hanno iniziato a passare alla retribuzione mensile del lavoro. lavoratoti del kolchoz 22

23 Leonid Breznev La vita politica della Moldavia nell'epoca di ''Breznev'' Lo sviluppo dello stalinismo moldavo nel periodo post-stalinista, ha cambiato direzione entro una certa misura, e cresce la potenza degli organi repubblicani e la potenza dello stato, aumenta il numero moldavi che compongono l'apparato statale. Il controllo centrale dell'unione sovietica sopra le tutte aree della vita socio-politica della repubblica si è mantenuto constante. La lingua russa è rimasta ancora l'unica lingua dell'apparato statale. Alla fine degli anni epoca cosiddetta stagnazione, il regime politico ha conosciuto qualche tendenza neo-stalinista: la lotta contro un nazionalismo inesistente, la continuazione della politica di russificazione dei moldavi sotto la bandiera ''dell'internazionalismo proletario'', la lotta contro ogni manifestazione di pensiero che è contraddittorio al dogma ufficiale. Nello stesso tempo, grazie alla crescita generale del livello della cultura e dell'istruzione del popolo, conseguente manifestazione dell'intellettualità moldava, si è vissuto un periodo di risveglio della coscienza cittadina e nazionale dei moldavi e di altri gruppi etnici conviventi. Si è avvertita la necessità di un sviluppo. Circa il 52% dei deputati del soviet supremo erano operai e contadini, il resto dei deputati erano rappresentanti delle altre classi sociali. Un evento importante nella vita politica della Repubblica della Moldavia è stata l'adozione il 15 aprile 1978 della costituzione della RSSM: per i cittadini moldavi era la garanzia e dei diritti e della libertà dell'uomo. La costituzione garantiva diritti e libertà umane. Anche se i diritti socio-economici erano strettamente rispettati, quelli politici erano in qualche misura disattesi, perché mancava nella società ogni tipo di pluralismo politico e ideologico. Nella linea fondamentale è stato il governo del partito comunista nella vita della società. Questo costituiva il nucleo del sistema politico e degli organi statali e comunali. Ma la pluralità politica e ideologica in quel momento era assolutamente impossibile. 23

24 Il Movimento per una Democrazia Politica e la Rinascita Nazionale della Repubblica della Moldavia Le sperane dei cittadini moldavi riguardo la democrazia della vita politica sono rinate nel 1985 insieme all arrivo al potere nell unione sovietica del nuovo leader M. Gorbaciov. Il nuovo leader era convinto che la soluzione dei problemi economici e la larga democratizzazione della società sovietica avrebbe portato all armonizzazione delle relazioni etniche dello stato sovietico. Questo problema era sentito da tutta la società inclusa anche la RSSM. Per la prima volta la popolazione si è sentita parzialmente libera: si potevano esprimere i propri pensieri senza preoccuparsi, e senza avere paura. Ma proprio in questo periodo si sono manifestati problemi economici, con una conseguente crescita dei prezzi dei beni di consumo. Sono sorti dispiaceri e malcontenti a causa delle difficoltà di procurarsi case e automobili. Nel marzo del 1988, in Moldavia si è manifestato un movimento generale-democratico di affermazione dell indipendenza nazionale sostenuto dalla maggior parte della popolazione. Tale movimento ha portato all adozione il 31 agosto 1989 della legge di proclamazione della lingua Moldava come lingua di stato. In testa a questo movimento di masse le Unioni di Creazione della Repubblica. Nel 1988 tali Unione hanno creato Momento della consegna al presidente Sovietico M. Gorbaciov il movimento democratico per ricostruzione,di cui facevano parte i rappresentanti di tutte le etnie conviventi nella Repubblica della Moldavia. Nel 1989 questo movimento si è evoluto nel Fronte Popolare di Moldavia, appoggiato inizialmente dalla maggior parte della popolazione e dalle autorità. Nel gennaio del 1989 si costituisce il movimento Internazionale della Repubblica della Moldavia UNITATEA EDINSTVO che ha nelle sue file degli intellettuali di lingua russa i quali sostenevano di proclamare come lingua di stato non solo la lingua moldava ma anche la lingua russo. In questo periodo nascono movimenti nazionali Gagauz e quello Bulgaro con lo scopo di proteggere la cultura nazionale, si creano le società di cultura nazionale russa, ucraina, bulgara, ebraica, polacco etc. Nella primavera del 1990 in RSSM sono stati fatte le prime elezioni parlamentari democratiche cui deputati sono stati scelti in base alla concorrenza di più candidati. Dopo le elezioni, a capo del governo è stato nominato il leader del fronte di Moldavia, Mircea Druc, che come si è dimostrato dopo poco tempo, non aveva l esperienza e le conoscenze necessari e ha commesso errori gravi. Il 27 aprile il Parlamento della Repubblica, ha scelto come capo Mircea Snegur, il quale ha adottato la Legge 24

25 riguardo il Diritto di stato e ha scelto come vessillo il tricolore : Rosso-Giallo-Blu. Il 23 giugno 1990 il Parlamento ha adottato la Dichiarazione della la Sovranità della R.S.S. Moldava. Nella dichiarazione si diceva che la sovranità costituisce la condizione necessaria per l Esistenza Statale della Repubblica della Moldavia. Questa affermazione ha aperto la perspettiva per uno sviluppo libero e indipendente della popolazione moldava. Il 19 agosto 1990 si è proclamata la repubblica Gagauz, e il 2 settembre la nascita e la auto-proclamazione di quella Moldavia Transnistria. Dopo il putsch dell agosto 1991 di Mosca, le Repubbliche dell Unione, una dopo l altra, proclamavano l indipendenza statale. Il 27 agosto del 1991, nelle condizioni dello smantellamento del processo di dissoluzione dell URSS, il Parlamento della Moldavia dichiara l indipendenza della Repubblica della Moldavia, riconosciuta poi da 130 paesi del mondo. Il verssillo della Repubblica della Moldavia 25

26 Il Crollo dell Unione Sovietica della Bessarabia Il presidente russo Boris Eltsin e i capi dell Ucraina e dello Bielorussia hanno segnato l 8 dicembre del 1991 l atto di decesso dell Unione Sovietica durata quasi 70 anni e la cui sparizione ha segnato la fine di un ordine mondiale basato sulla rivalità d URSS e USA. Il 27 agosto 1991, durante il processo di crollo dell URSS trasformate in stati nazionali, la Repubblica della Moldavia ha dichiarato l indipendenza diventando stato e membro dell ONU. La Repubblica della Moldavia ha proclamato l indipendenza il 27 agosto 1991, dopo il crollo dell URSS. Qualche giorno prima la Mosca si affonda nella propria incapacità con un colpo di stato intrapreso da qualche persona apparente al partito. Dopo è seguita la proclamazione delle altre ex repubbliche unionali. Il più grande contributo ad ottenere l indipendenza è stato dato dalle forze esterne, quelle che hanno avviato 26 e hanno gestito il processo della dissoluzione dell URSS. Nello stesso tempo la classe politica e coloro che si trovavano a capo del cosiddetto movimento di liberazione nazionale iniziata nel 1988, militavano per ottenere l indipendenza senza chiedersi a cosa sarebbe. L Unità immediata conseguita nella Dichiarazione del 27 agosto fa credere che per l elite l indipendenza non abbia rappresentato niente, solo un respiro politico necessario al momento. Praticamente, tutto è crollato immediatamente dopo la proclamazione dell indipendenza. E scoppiata una guerra nei dintorni del fiume Nistru si è verificato un disastro economico e sociale, sono crollati gli ideali per i quali si è lottato e una delusione profonda si è diffusa nell intera società. La maggioranza della popolazione della Repubblica della Moldavia era dominata dal sentimento dell abbandono, non dall aspirazione delle libertà. Ecco ciò che afferma il popolo: Abbiamo distrutto l URSS ma non abbiamo ottenuto niente di questo, né lingua, né valore, né bene, né sviluppo economico, niente Si era promesso che ogni cambiamento veniva attuato per il bene della popolazione, ma nello stato si sono

27 verificati: corruzione; povertà; banditismo e la dissolutezza morale. L unico beneficio ottenuto dalla Repubblica dopo l indipendenza è stato il liberalismo. La Moldavia ha iniziato il suo cammino sulla strada dell indipendenza, senza alcun idea di nazione, di fronte al crollo dell economia, ma con il desiderio di arrivare allo spirito liberale. I valori democratici diventano la guida della politica sociale, economica e culturale, tali valori si perseguono anche nelle relazioni internazionali del paese. Gli esperti occidentali come Patrick Buchaman, Noam Chomsky, Anatol Lieven, William Engdahl hanno riconosciuto, dopo tanti anni dal crollo dell URSS, che la liberazione dal comunismo non aveva come scopo l indipendenza, la sovranità, il benessere, lo sviluppo sociale delle repubbliche sovietiche, ma la trasformazione di questo grande territorio geopolitico in colonie dell Occidente. Le elezioni del 1994 sono le prime elezioni democratiche in un paese liberale. È definito lo statuto politico della Repubblica della Moldavia. Boris Eltsin La Vita Politica della Repubblica della Moldavia negli anni Nel periodo dopo il 1991 i personaggi politici che hanno capito in modo corretto la direzione nelle quale è andata la Repubblica della Moldavia dopo la proclamazione dell indipendenza, hanno mantenuto lo statuto politico e economico-finanziario già esistente. Questi personaggi, sospettando le opportunità che venivano offerte dal sistema, hanno azionato nella direzione dello sviluppo, e del rinforzamento del nuovo sistema liberale democratico. Il sistema ideologico liberale permetteva e incoraggiava la privatizzazione in massa dei beni di stato, ma erano necessarie anche azioni concrete per l accelerazione del processo. Uno degli architetti delle riforme liberali della Russia affermando che: Il metodo migliore di privatizzare e di non intromettersi lo stato. Più è assente lo stato, più il processo di privatizzazione, e in generale di cambiamento, è più rapido e efficiente diceva Anatoli Ciubais. Dopo lo scrutinio delle elezioni parlamentari del 1994, il Partito Democratico Agrario ottiene 56 mandati(documenti) e forma una coalizione con il Blocco Elettorale del Partito Sociale e del Movimento dell Unità-Edinstvo. Si evidenzia in questo periodo un gruppo di deputati e di politici che comprendono che la politica interna dello stato deve essere modificata radicalmente. Era necessaria una forza politica che riflettesse l interesse popolare moldavo. Nelle elezioni del 1994 queste forze hanno ottenuto la maggioranza assoluta dei mandati nel Parlamento. Si è votata una nuova Costituzione della Repubblica della Moldavia, e la legge riguardo alla formazione nazionale autonoma che prevede un suo statuto che assicura il diritto e il libero sviluppo del popolo. Come presidente del Parlamento è stato scelto Pietro Lucinschi. 27

28 Lo sviluppo Economico della Repubblica della Moldavia negli anni dell Indipendenza Statale La rottura delle relazioni tradizionali in unione e la perdita dei mercati ha influenzato negativamente lo stato economico del paese. Sono stati liquidate alcune aziende industriali e istituzioni scientifiche prima finanziate dal progetto dell Unione. Le speranze di alcuni investimenti nel mercato dell Occidente e del commercio della produzione della Moldavia sono rimaste non realizzate. Il colpo finale, applicato all industria locale, è stato la concorrenza dei prodotti importati nel mercato interno. Nel percorso degli anni 90 il volume della produzione industriale è diminuito di 7 volte in meno. La mancanza di mezzi per procurare tecniche, la carenza di combustibile, di minerali e di mezzi chimici per la coltivazione delle piante, diminuiscono il livello dell agricoltura di circa 60% e determinano il crollo. Nel 1994 il Parlamento ha adottato un pacco di leggi specifiche che riguardano la proprietà, le banche, la collocazione di investimenti stranieri, i fallimenti. Sono state create infrastrutture di mercato, si è accelerato il processo della privatizzazione. Più dell 80% del Fondo delle locazioni è stato privatizzato. Nella meta degli anni 90 la transizione continua verso la privatizzazione dei mercati: si sono privatizzati i derivati dal vino, cognac (brandy), tabacco, coltivazione d importanza strategica per il paese. Ma i risultati sono stati minimi. Il complesso industriale della Moldavia dipendeva dalla fornitura di argento e di energia, di materia prima, di comunicazione tecnica e tecnologica, dal mercato di vendita, e dai collegamenti con imprese connesse. Nelle condizioni dell interruzione delle relazioni economiche fra le forze della Repubblica dell Unione, tante imprese industriali moderne della Moldavia sono diventate inutili. In queste condizioni il nuovo governo guidato da Vasile Talrev ha adottato nell aprile del 2001 il programma di attività della Repubblica della Moldavia, e la strategia degli investimenti della Repubblica con una banca che prendeva circa 120 progetti La maggioranza dei progetti si è realizzata nel settore sociale, ciò allo scopo di ottenere la riduzione della povertà e dei prezzi di costo. I primi Passi della Moldavia sull Arena internazionale La politica Esterna della Repubblica della Moldavia nel Mircea Snegur il primo presidente della Repubblica della Moldavia Il secolo XX è stato molto ricco di eventi politici. Nel 1990 si decide il cambio del nome legislativo nel Parlamento, viene inoltre adottata la dichiarazione di sovranità, è creata l istituzione presidenziale e viene eletto il presidente della Repubblica Mircea Snegur. In seguito si intraprende la linea politica verso la democrazia della società e la sostituzione dell economia pianificata con l economia di mercato, il sistemo politico diventa un multi-partito. Nella formazione politica di opposizione frontale popolare si sono formati anche altri partiti di diversi orientamenti politici. Inizialmente il numero superava i 50, ma i più influenti sono stati solo alcuni: il Partito Democratico Agrario; e alcuni partiti politici di destra. 28

29 -I partiti di destra, in comune con il Frontale Popolare, hanno adottato la linea politica strategica di riunione della Repubblica della Moldavia con la Romania. Si è formata una commissione Costituzionale con il Presidente del Parlamento Mircea Snegur, con il compito di elaborare il progetto di una Costituzione Democratica. Purtroppo sono state ammesse alcune azioni estremiste che hanno agitato la politica. Sotto la copertura di alcuni slogan democratici si sono lasciati andare ad azioni distruttive, organizzando manifestazioni politiche di stato violando gli ordini pubblici, con azioni aggressive contro i rappresentanti delle etnie conviventi. Dopo la nomina di M. Druc a Primo-ministro sono iniziate le epurazioni del personale politico. Quelli che non erano d accordo con la linea ufficiale erano buttati fuori dalle loro funzioni. Per paura dell instaurazione di un regime pro-rumene e per un eventuale unione forzata della Repubblica della Moldavia con la Romania, il Governo di Chisinau è ricorso alla forza. In questo modo la Repubblica della Moldavia è stata disunita. la dichiarazione dell Indipendenza Statale della Repubblica della Moldavia 29

30 L arena Internazionale Il 21 dicembre 1991 i presidenti a 11 stati indipendenti, i repubblicani Unionali, inclusa la Repubblica della Moldavia, hanno firmato la dichiarazione di costituire una Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) Il 30 gennaio 1992 la Moldavia è diventata il membro dell OCSE e al 3 marzo 1992 membro con i diritti completi dell ONU. La Repubblica della Moldavia è stata riconosciuta ufficialmente da 112 stati del mondo e ha stabilito relazioni diplomatiche con 60 stati. Nel 1993 la Repubblica della Moldavia ottiene lo statuto di invitato speciale, e nel 1995, prima degli stati CSI diventa membro con diritti completi del consiglio Europeo. Il Governo della Repubblica della Moldavia ha partecipato ai programmi di assistenza tecnica e umanitaria a livello europeo ed extraeuropeo. Nel piano della politica estera il giovane stato oscilla, tra CSI e le politiche europee. C è stato un tentativo di combinare le diverse tendenze, e le differenze incompatibili, stabilendo come obiettivo maggiore l integrazione graduale nell Unione Europea. L orientamento Politico esterno della Repubblica All inizio dell anno 2001 la politica estera dello stato è diventata più pratica. Il capo dell governo ha adottato una posizione più equilibrata tra UE e CSI. L integrazione europea non si oppone più all integrazione dello stato con il CSI. Nel luglio del 2001 il capo dello stato V. Voronin ha dichiarato che, riguardo all integrazione Europea, è necessario passare alle azioni per arrivare a questo obiettivo. Questo corso è stato confermato nella visita in USA nel dicembre del 2002, all invito di G. Bush. Il 13 novembre 2003 è stato emesso il decreto riguardo alla costituzione delle commissioni per l integrazione europea e si è creato il gruppo per l elaborazione del concetto di adesione della Repubblica della Moldavia all UE. Sempre nello stesso anno, il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione attraverso la quale ha proposto alle istituzioni dell UE esaminare la possibilità di includere la repubblica nel processo. Nel 2005 è stato segnato il piano di azione della Moldavia- UE che poteva offrire allo stato molda vo grandi vantaggi. Nel 2006, il presidente V. Voronin ha realizzato una visita nel RFG (Rep. Federale della Germania) dove ha avuto un incontro con la cancelliera Angela Merkel. Vladimir Voronin l ex presidente della Reppublica della Moldavia (partito comunista) 30

31 L adozione della bandiera UE sul parlamento del 7 aprile 2009 Il 7 aprile 2009 decine di migliaia di protestanti, la maggioranza giovani, hanno protestato in Chisinau, accusando il Governo Comunista di falsificazioni e brogli elettorali. Le proteste aggressive si sono trasformate in violenza a causa dei provocatori, infiltrati nella folla dei manifestanti. Sono state attaccati e occupate gli edifici del Parlamento e del Presidente. Gli atti violenti sonno stati condannati dai OSCE(organizzazione per la società e cooperazione in Europa). Il ministero dell Interno moldavo ha annunciato che più di 100 poliziotti sono stati feriti nei disordini, e l 8 aprile sono stati arrestate 193 di persone. Si sono registrati 3 vittime: Valerio Boboc, Tapu e Ion Tabuleac, e alcune persone sono state maltrattate durante l arresto. I partiti di opposizione hanno bloccato 2 volte le elezioni dei candidati comunisti alla funzione di presidente. Ciò ha portato al crollo del parlamento e ad elezioni anticipate il 29 giugno 2009, nelle quali il partito comunista è stato posto di nuovo al primo posto, ma non riceve però il posto di presidenza. I partiti di opposizione PL, PLDM, AMN e PDM possono formare un nuovo governo. L opposizione ha formato un nuovo governo di destra e ha deciso di scegliere come presidente, l unico candidato, Marian Lupu. Sono stati fatte due prove per scegliere il presidente ma tutte due sono state boicottate dal PCRM. L adozione della Bandiera UE sul parlamento del 7 aprile

32 Le proteste da Chisinau del 2009 Le proteste sono iniziate il 6 aprile 2009, e sono state chiamate Rivolte da Chisinau. Essa rappresentano una serie di manifestazioni di contrasto alle elezioni Parlamentari della Repubblica delle Moldavia fatte il 5 aprile. Ciò che ha determinato le proteste è stato l annuncio dei risultati preliminari che hanno dato circa 50% dei voti al PCRM. Il rapporto dell OSCE riguardo alle elezioni del 5 aprile espresso giudizi positivi per il processo delle votazioni, anche se sono state menzionati alcuni incidenti. Tuttavia, la baronessa Emma Nicholson, parlamentare Europee e osservatrice accreditata alle elezioni della Repubblica, ha criticato il rapporto OSCE riguardo alla conduzione delle elezioni in un intervista accordata alla di radio inglese BBC, dichiarando che lei e altri osservatori hanno avuto l impressione che il sistema poteva manipolare, le votazioni senza avere però delle prove. La coalizione del 2009 per le elezioni libere, una associazione di organizzazione governale locale che ha partecipato all osservazione delle elezioni, ha dichiarato che l elezione del 5 aprile è ingiusta e parzialmente libera. Un altro fatto è la protesta contro i livelli di vita assai miseri. Con il reddito mensile medio sotto 250 USD e la percentuale delle della disoccupazione alta. Nel potere del 2001, il governo riuscito a recuperare l economia, protrarsi della difficile situazione economica per almeno quattro anni non è considerata accettabile. le proteste nella capitale Chisinau 32

*SULLA GIUSTA SOLUZIONE DELLE CONTRADDIZIONI IN SENO AL POPOLO

*SULLA GIUSTA SOLUZIONE DELLE CONTRADDIZIONI IN SENO AL POPOLO *SULLA GIUSTA SOLUZIONE DELLE CONTRADDIZIONI IN SENO AL POPOLO (27 febbraio 1957) *Discorso pronunciato dal compagno Mao Tse-tung all undicesima sessione allargata della Conferenza suprema dello Stato.

Dettagli

Progetto svolto da Alessandro Gottardi, Fabio Lenzo e Kewjn Witschi.

Progetto svolto da Alessandro Gottardi, Fabio Lenzo e Kewjn Witschi. Progetto svolto da Alessandro Gottardi, Fabio Lenzo e Kewjn Witschi. Corso interdisciplinare Anno scolastico 2003/2004 Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT Pagina 0 di 35

Dettagli

riccardo chivino La Fiat in Polonia, Jugoslavia e Russia nei ricordi di Riccardo Chivino

riccardo chivino La Fiat in Polonia, Jugoslavia e Russia nei ricordi di Riccardo Chivino riccardo chivino La Fiat in Polonia, Jugoslavia e Russia nei ricordi di Riccardo Chivino La Fiat in Polonia, Jugoslavia e Russia nei ricordi di Riccardo Chivino riccardo chivino La Fiat in Polonia, Jugoslavia

Dettagli

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. I padri fondatori dell UE

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. I padri fondatori dell UE LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA I padri fondatori LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Questa pubblicazione fa parte di una serie che illustra le varie politiche europee, spiegando quali sono le competenze

Dettagli

SERGIO TRIPI RIFLESSIONI SU TEMA. Argomenti di attualità per il nuovo millennio CASA EDITRICE NUOVA ERA

SERGIO TRIPI RIFLESSIONI SU TEMA. Argomenti di attualità per il nuovo millennio CASA EDITRICE NUOVA ERA SERGIO TRIPI RIFLESSIONI SU TEMA Argomenti di attualità per il nuovo millennio CASA EDITRICE NUOVA ERA RIFLESSIONI SU TEMA Copyright 1999 dell Autore Prima edizione 2000 ISBN 88-86408 - 32-3 CASA EDITRICE

Dettagli

A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti

A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti POLITICHE EUROPEE INDICE 53 Modulo 1: L Europa della pace e dei diritti 04 Breve introduzione all Unione europea 07 Breve storia dell integrazione europea 14

Dettagli

7dall unità alla grande guerra Fatta l Italia, bisogna fare gli italiani, diceva Cavour. In questo mezzo secolo, che completa l unificazione

7dall unità alla grande guerra Fatta l Italia, bisogna fare gli italiani, diceva Cavour. In questo mezzo secolo, che completa l unificazione 7dall unità alla grande guerra Fatta l Italia, bisogna fare gli italiani, diceva Cavour. In questo mezzo secolo, che completa l unificazione italiana, non solo si fanno gli italiani, ma si costruisce un

Dettagli

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana SINTESI Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio: un patto tra le nazioni per porre fine alla povertà umana Il nuovo secolo si è aperto con una dichiarazione di solidarietà e una determinazione senza precedenti

Dettagli

Che cos è la società di massa

Che cos è la società di massa Che cos è la società di massa La definizione La società di massa è la nostra società. Una società caratterizzata dal :

Dettagli

Adolf Hitler: l ascesa al potere 1924-1933 di Alessandro Persico Articolo pubblicato in: www.viaggio-in-germania.de

Adolf Hitler: l ascesa al potere 1924-1933 di Alessandro Persico Articolo pubblicato in: www.viaggio-in-germania.de Adolf Hitler: l ascesa al potere 1924-1933 di Alessandro Persico Articolo pubblicato in: www.viaggio-in-germania.de Prima parte: 1924-1929 Landsberg, Germania. Sette dicembre 1924. Adolf Hitler esce dal

Dettagli

Vivere insieme. Conciliare diversità e libertà nell Europa del XXI secolo. Rapporto del Gruppo di eminenti personalità del Consiglio d Europa

Vivere insieme. Conciliare diversità e libertà nell Europa del XXI secolo. Rapporto del Gruppo di eminenti personalità del Consiglio d Europa Italian Translation of the Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe on Living Together Combining diversity and freedom in 21 st century Europe. Original: English. 2011, Strasbourg,

Dettagli

L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ

L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ INNOCENTI DIGEST n.10 - Novembre 2002 L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ ED ESCLUSIONE SOCIALE Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia Centro di Ricerca Innocenti Firenze, Italia L INFANZIA URBANA TRA POVERTÀ

Dettagli

Tutto quello che hai sempre voluto sapere sulle Nazioni Unite

Tutto quello che hai sempre voluto sapere sulle Nazioni Unite Per gli studenti di Scuole Medie e Superiori Tutto quello che hai sempre voluto sapere sulle Nazioni Unite Dipartimento di Informazione Pubblica Nazioni Unite New York 2006 Indice Introduzione alle Nazioni

Dettagli

Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella

Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella . Il futuro che vale Per un partito democratico, solidale, europeo. Gianni Pittella 1 UN PAESE DA RICOSTRUIRE Sono almeno 25 anni che il nostro Paese si è sostanzialmente fermato e seduto. Ma tutto questo

Dettagli

La comunità ebraica di Roma nel secondo dopoguerra. Economia e società (1945-1965)

La comunità ebraica di Roma nel secondo dopoguerra. Economia e società (1945-1965) Camera di Commercio di Roma Comunità Ebraica di Roma La comunità ebraica di Roma nel secondo dopoguerra Economia e società (1945-1965) a cura dell Archivio Storico della Comunità Ebraica di Roma Camera

Dettagli

PASQUALE SARACENO. Il nuovo meridionalismo

PASQUALE SARACENO. Il nuovo meridionalismo PASQUALE SARACENO Il nuovo meridionalismo Nella sede dell Istituto Napoli 2005 3 2 ISTITUTO ITALIANO PER GLI STUDI FILOSOFICI QUADERNI DEL TRENTENNALE 1975-2005 6 1 A cura di Antonio Gargano, Segretario

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LIBRO BIANCO SUL WELFARE PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ DINAMICA E SOLIDALE ROMA FEBBRAIO 2003 Il Libro Bianco sul welfare è stato redatto da un gruppo di lavoro

Dettagli

Leonardo Casalino e Alessandro Giacone Manuale di storia politica dell Italia repubblicana (dal 1946 ad oggi) Collection Chemins it@liques dirigée par Sylvain Trousselard Ad Angela, perché impari anche

Dettagli

L olocausto sconosciuto: lo sterminio degli Italiani di Crimea

L olocausto sconosciuto: lo sterminio degli Italiani di Crimea L olocausto sconosciuto: lo sterminio degli Italiani di Crimea (Seconda Edizione - Roma - Marzo 2008) Giulia Giacchetti Boico e Prof. Giulio Vignoli riproduzione in formato elettronico accordato dagli

Dettagli

Università adulti/anziani Bassano - Attualità - anno 2013/14

Università adulti/anziani Bassano - Attualità - anno 2013/14 Giuseppe Testolin Tre lezioni sull'europa 1.13 Università adulti/anziani Bassano - Attualità - anno 2013/14 TRE LEZIONI SULL EUROPA Giuseppe Testolin 1. Il Trattato di Lisbona: le Istituzioni europee L

Dettagli

Gli alberi fanno piovere

Gli alberi fanno piovere Gli alberi fanno piovere GLI ALBERI FANNO PIOVERE Esperienze di sviluppo sostenibile A cura di Ettore Tibaldi Sommario Prefazione 7 4 Tramonto sul fiume Mekong a Luang Prabang in febbraio, alla fine dell

Dettagli

10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE

10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE 10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA SINTESI PER LA STAMPA [PRESENTAZIONE] GENERAZIONE PROVVISORIA: IL DIRITTO DI IMMAGINARE IL FUTURO SUPERANDO LE INCERTEZZE DEL PRESENTE

Dettagli

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Per una famiglia adottiva Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Pari Opportunità Commissione per le adozioni internazionali

Dettagli

INVESTIRE IN SLOVACCHIA Gennaio 2012. KPMG Slovakia Camera di Commercio Italo-Slovacca

INVESTIRE IN SLOVACCHIA Gennaio 2012. KPMG Slovakia Camera di Commercio Italo-Slovacca INVESTIRE IN SLOVACCHIA Gennaio 2012 KPMG Slovakia Camera di Commercio Italo-Slovacca 2 Investire in Slovacchia Indice Prefazione: Ignacio Jaquotot e L uboš Vanco...3 Perché la Slovacchia?...4 Il Mercato

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Thomas Benedikter. Più democrazia per l Europa. La nuova Iniziativa dei cittadini europei e proposte per un Unione europea più democratica

Thomas Benedikter. Più democrazia per l Europa. La nuova Iniziativa dei cittadini europei e proposte per un Unione europea più democratica Thomas Benedikter Più democrazia per l Europa La nuova Iniziativa dei cittadini europei e proposte per un Unione europea più democratica Thomas Benedikter Più democrazia per l Europa La nuova Iniziativa

Dettagli

GUIDA PSICOSOCIALE PER OPERATORI impegnati nell accoglienza dei Minori Stranieri Non Accompagnati

GUIDA PSICOSOCIALE PER OPERATORI impegnati nell accoglienza dei Minori Stranieri Non Accompagnati GUIDA PSICOSOCIALE PER OPERATORI impegnati nell accoglienza dei Minori Stranieri Non Accompagnati Vogliamo riferirvi la storia di un viaggio compiuto da uno sfruttatore e da due sfruttati. Osservatene

Dettagli