Che cos è la società di massa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cos è la società di massa"

Transcript

1 Che cos è la società di massa La definizione La società di massa è la nostra società. Una società caratterizzata dal <<pieno>>: <<le città sono piene di gente. Le case, piene di inquilini. Gli alberghi, pieni di ospiti. I treni, pieni di viaggiatori >> Partiti di massa e sindacati Per conquistare il consenso di masse di elettori si affermarono progressivamente i partiti politici di massa. Contemporaneamente, sorsero organizzazioni sindacali a livello nazionale. La vita quotidiana Con la società di massa si diffusero anche i cosiddetti mass media. Fu proprio la stampa quotidiana e periodica ad incrementare la produzione e la vendita. Nell economia assunse un ruolo importantissimo il terziario, cioè il settore dei servizi. L istruzione per la prima volta venne considerata un opportunità da offrire alla totalità dei cittadini.

2 I caratteri generali dell età giolittiana L età giolittiana Dal 1901 al 1914 Giolitti esercitò un influenza cosi autorevole sulla vita politica dell Italia che questo periodo viene comunemente definito età giolittiana. Il decollo industriale dell Italia e le nuove condizioni di vita L età giolittiana coincise con il decollo della rivoluzione industriale in Italia, soprattutto nel triangolo industriale, formato da Torino Milano e Genova. La politica protezionistica che favorì lo sviluppo industriale al Nord danneggiò il commercio dei prodotti tipici del Sud. Lo sviluppo industriale portò notevoli miglioramenti nel livello medio di vita degli Italiani, ma anche nuovi disagi nelle città sempre più affollate. I socialisti:riformisti e massimalisti Nell epoca giolittiana, all interno del Partito socialista italiano si formarono due correnti: i riformisti, guidati da Filippo Turati, ritenevano che si dovesse cambiare la società gradualmente, attraverso le riforme; i massimalisti, guidati da Costantino Lazzari e Benito Mussolini, ritenevano che per cambiare la società fosse necessario ricorrere alla rivoluzione. Giolitti più volte cercò l appoggio dei riformisti, tanto da invitare a far parte del suo governo lo stesso Turati, che tuttavia non accettò. Il doppio volto di Giolitti Un politico ambiguo Il modo di fare politica di Giolitti venne definito del <<doppio volto>>: Un volto aperto e democratico nell affrontare i problemi al Nord Un volto conservatore e corrotto nello sfruttare i problemi del Sud Un politico democratico Al Nord Giolitti consentì gli scioperi. Varò anche alcune riforme che migliorarono le condizioni di lavoro degli operai. La lotta sindacale portò all aumento dei salari dei lavoratori che poterono acquistare anche prodotti industriali, con beneficio dell economia. Un politico spregiudicato L azione del governo nei confronti del Meridione ebbe invece carattere sporadico, gli interventi vennero spesso affidati a <<leggi speciali>> per porre rimedio a situazioni particolari. Gran parte del denaro che in questo modo arrivò al Sud alimentò clientele e corruzione. Per Giolitti il Sud era un semplice serbatoio di voti da controllare.

3 Le rimesse degli emigranti Molti contadini meridionali, rimasti disoccupati, si videro costretti a partire in cerca di lavoro verso l estero. Tra il 1900 e il 1914 emigrarono più di 8 milioni di Italiani principalmente verso il Nord Europa, gli Stati Uniti e alcuni paesi dell America del Sud. L emigrazione fu un fenomeno doloroso, che tuttavia concorse ad aumentare la ricchezza del nostro paese: gli emigranti, infatti, inviavano alla loro famiglia in Italia parte della paga (le cosiddette <<rimesse>>). Tra successi e sconfitte La conquista della Libia Giolitti, spinto da interessi politici ed economici e dall opinione pubblica, riprese la politica coloniale con la guerra in Libia. Nel 1911 l Italia dichiarò guerra alla Turchia che dominava la Libia. Non riuscendo a piegare la resistenza libica, l Italia attaccò direttamente la Turchia che firmò nel 1912 il Trattato di Losanna con il quale cedeva la Libia. Un bilancio negativo L avventura coloniale comportò notevole spese a cui non corrisponde la creazione di grandi opportunità per gli emigranti italiani. La Libia, infatti, non era la terra rigogliosa descritta dalla propaganda. A trarre vantaggio dalla conquista furono solo le banche, gli armatori e l industria militare. Il suffragio universale maschile Nel 1912 venne introdotto il suffragio universale maschile. In questo modo Giolitti intendeva avvini care alle istituzioni i due grandi movimenti di massa presenti nel paese: i socialisti e i cattolici. Giolitti e i cattolici Nel 1913 Giolitti stipulò con l Unione elettorale cattolica il Patto Gentiloni: i cattolici promettevano di votare quei candidati liberali che avessero sottoscritto l impegno di difendere la Chiesa. Grazie a questo patto nelle elezioni del 1913 Giolitti riuscì ad ottenere nuovamente la maggioranza. 1914: finisce l età giolittiana La guerra in Libia e la crisi economica avevano indebolito il governo guidato da Giolitti, che nel 1914 preferì dare le dimissioni. Gli succedette Antonio Salandra, con cui l Italia tornò ad un clima di tensione sociale. L età giolittiana era davvero finita.

4 Cause ed inizio della guerra Le cause remote La prima guerra mondiale fu provocata da fenomeni che da tempo erano presenti in Europa. Cause politiche esistevano due blocchi militari contrapposti: Triplice Alleanza e Triplice Intesa. I Francesi covavano un desiderio di rivincita sui Tedeschi. I Balcani erano contesi tra Austria e Russia, e l Impero ottomano era in crisi Cause economiche le potenze industriali, specie Germania e Gran Bretagna erano rivali sul piano economico, anche in relazione alle colonie Cause militari si era affermata la politica militarista e la corsa agli armamenti Cause culturali dilagava il nazionalismo e la guerra era considerata una lotta per la sopravvivenza delle nazioni La causa occasionale Il 28 giugno 1914 l arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono austriaco, venne ucciso a Sarajevo da un nazionalista serbo. L episodio offrì all Austria l occasione di risolvere la questione balcanica. Il 28 giugno 1914, infatti, dichiarò guerra alla Serbia. Le prime fasi della guerra Subito entrarono in gioco le alleanze e si passò a una guerra europea: La Germania dichiarò guerra a Russia e Francia (1 3 agosto) La Gran Bretagna intervenne il 4 agosto I Tedeschi avevano previsto una guerra di movimento, ma nell autunno, dopo la grande battaglia della Marna, si passò alla guerra di posizione: i due eserciti, bloccati su un fronte occidentale di 800 chilometri, scavarono le trincee per difendersi dall attacco nemico. Anche sul fronte orientale tra Russi e Tedeschi si giunse a una situazione di stallo. Il 31 ottobre la Turchia entrò in guerra contro l Intesa.

5 L Italia in guerra L Italia fra neutralità e intervento Nell agosto del 1914 l Italia si proclamò neutrale: la Triplice Alleanza era valida solo in occasione di guerre difensive, mentre erano state Germania e Austria ad attaccare. Nel paese si aprì un dibattito sulla necessità di intervenire o meno al fianco dell Intesa. I neutralisti erano la maggioranza della popolazione e del Parlamento: liberali (guidati da Giolitti), socialisti e cattolici. Gli interventisti erano una minoranza molto attiva: Interventisti di destra: i nazionalisti, spinti da intellettuali come D Annunzio e Papini, promuovevano la guerra come segno di vitalità della nazione. Gli irredentisti aspiravano ad ottenere la liberazione di Trento e Trieste Interventisti di sinistra: per alcuni democratici, repubblicani e socialisti l Italia doveva schierarsi con le forze democratiche dell Intesa. Il Popoli d Italia di Mussolini divenne l organo dell interventismo di sinistra. Mussolini era stato un dirigente socialista, espulso dal partito proprio per il suo sostegno all intervento. Il patto di Londra Il governo italiano, senza interpellare il Parlamento, stipulò in segreto il Patto di Londra(26 aprile 1915) con l Intesa: l Italia sarebbe entrata in guerra entro un mese e in caso di vittoria avrebbe ottenuto non solo le terre irredente, ma anche altri territori. L Italia in guerra Il 3 maggio 1915 l Italia uscì dall Alleanza. Il 24 maggio, dopo una massiccia propaganda che orientò l opinione pubblica a favore dell intervento, venne dichiarata guerra all Austria(alla Germania sarebbe stata dichiarata nell agosto 1916). La grande guerra : il fronte italiano L esercito italiano era male armato, poco preparato e comandato dal dispotico generale Cadorna; la linea del fronte italo austriaco, per la sua posizione geografica, era difficile da difendere. Nel giugno 1916 gli Austriaci sfondarono le linee italiane e occuparono Asiago, ma dovettero fermarsi per respingere i Russi sull altro fronte. Cadorna contrattaccò e liberò Gorizia, dopodiché si tornò alla stallo e alla guerra di trincea.

6 : gli altri fronti Nel 1915 la situazione fu favorevole agli Imperi Centrali. Nel 1916: Nelle due grandi battaglie di Verdun e sulla Somme l Intesa riuscì a impedire il crollo del fronte francese L esercito russo ebbe la meglio sugli Austriaci Per porre fine al blocco economico imposto dalla Gran Bretagna, la Germania attaccò la flotta inglese nella battagli dello Jutland. Nonostante i danni riportati, il dominio dei mari restò agli Inglesi. 1917: la svolta Sugli altri fronti. I tedeschi intensificarono la guerra sottomarina. Ciò danneggiava anche i rapporti commerciali degli Stati Uniti con l Europa. Il 6 aprile gli USA entrarono in guerra con l Intesa uscendo dal tradizionale isolamento. A seguito della rivoluzione dell ottobre 1917, la Russia decise di uscire dal conflitto. Concluse con i Tedeschi una pace che comportò pesanti perdite territoriali. In Italia. Grazie alla crisi della Russia, Austriaci e Tedeschi si concentrarono sul fronte occidentale e italiano. Sfondando le linee italiane il 24 ottobre a Caporetto, gli Austriaci penetrarono in Italia. Diaz, succeduto a Cadorna, il bloccò sul fiume Piave. I soldati al fronte, ormai sfiniti, iniziarono a rifiutarsi di combattere. Il fronte interno La guerra coinvolse tutta la popolazione: i soldati nelle trincee, i civili uomini e donne nelle fabbriche. Per sostenere gli eserciti al fronte era infatti necessario un grande sforzo produttivo. Il peggioramento delle condizioni di vita della popolazione causò sommosse in tutta Europa. I sostenitori della guerra le ritenevano provocate da un fronte interno, costruito dai nemici per minare la stabilità dello Stato. 1918: la conclusione del conflitto Nella primavera del 1918 l Intesa respinse l attacco dell Alleanza sul fronte occidentale. Dopo le battaglie della Marna e di Amiens tutti i fronti degli Imperi centrali crollarono. Il 29 ottobre 1918 l Italia sconfisse gli Austriaci a Vittorio Veneto, e il 3 novembre fu firmato l armistizio con l Austria Il 30 ottobre la Turchia si arrese L 11 novembre, dopo l armistizio di Guglielmo II e la proclamazione della repubblica, la Germania firmò l armistizio di Rethondes.

7 I trattati di pace La Conferenza per la pace e la nuova situazione internazionale Il 18 gennaio 1919 inizio a Parigi una Conferenza per la pace. Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti (e in minor misura l Italia) assunsero le decisioni più importanti; gli altri Stati furono convocati solo per la firma finale dei trattati, che avvenne tra il 1919 e il I principi di democrazia e convivenza pacifica tra Stati suggeriti dal presidente americano Wilson non furono seguiti. Prevalse la linea punitiva che prevedeva risarcimenti ai vincitori e una pesante penalizzazione degli sconfitti. Con l applicazione dei trattati la Germania, riconosciuta responsabile del conflitto, dovette pagare ingenti danni di guerra e perse le colonie; la continuità del suo territorio fu interrotta da una striscia di terra che collegava la Polonia al mare. L Italia ottenne Trento, l Alto Adige, la Venezia Giulia, Trieste. Quattro imperi furono cancellati (russo, austroungarico, tedesco e turco) e nacquero nuove nazioni: Ungheria, Cecoslovacchia, Iugoslavia, Lituania, Estonia e Lettonia. In seguito alla guerra l Europa perse il primato economico e politico a vantaggio degli Stati Uniti.

8 Tre rivoluzioni in Russia La rivoluzione del 1905 In gennaio la sanguinosa repressione di una protesta scatenò scioperi e rivolte in tutta la Russia. Nacque un movimento liberale che chiedeva una costituzione e lo zar, intimorito, concesse una parlamento, la Duma, che però non ebbe mai un potere effettivo. In ottobre nacque a San Pietroburgo il primo soviet, un consiglio dei lavoratori che aspirava ad assumere ruoli di governo. Lo guidava Trockij. La rivoluzione del febbraio 1917 La prima guerra mondiale peggiorò le condizioni della popolazione ed esasperò la conflittualità sociale che precipitò nel febbraio del 1917, quando il regime zarista fu sostituito dalla repubblica. Il potere venne assunto da un governo promissorio appoggiato dai borghesi e dal soviet di Pietrogrado. Ma tale dualismo indebolì la repubblica. Intanto Lenin, con le sue Tesi di Aprile, proponeva: pace, potere ai soviet e terra ai contadini. Era ciò che le masse volevano sentire. La rivoluzione di ottobre 1917 I bolscevichi dopo l estate conquistarono la maggioranza nei soviet di Pietrogrado e Mosca. Il 24 ottobre 1917 (secondo il calendario russo) la Guardia Rossa, una forza militare creata dai bolscevichi, iniziò una rivoluzione incruenta che si concluse con la conquista del Palazzo d Inverno di Pietrogrado. Dopo alcuni giorni cadde anche Mosca. I bolscevichi egemonizzarono il neonato Congresso pan russo dei soviet e il governo provvisorio che doveva guidare la Russia sino all Assemblea Costituente.

9 I problemi del dopoguerra Come conservare la pace? I trattati di Parigi intendevano creare un nuovo equilibrio geopolitico per garantire la pace in Europa. Tuttavia il nuovo assetto causò insoddisfazione in Germania e in Italia lasciò aperto il problema delle nazionalità. Nel 1920 fu fondata la Società delle Nazioni, un organizzazione internazionale cui si affidava l obiettivo di risolvere i conflitti attraverso la diplomazia. Il progetto fallì: gli Stati Uniti non vi aderirono e l organizzazione non disponeva di una propria forza militare. L Europa in ginocchio Problemi demografici: la guerra aveva causato 8 milioni di morti, e l influenza detta spagnola tra il 1918 e il 1924, stroncò altri 22 milioni di persone nel mondo Crisi economica: la produzione industriale doveva essere riconvertita, ma ciò comportava altri costi: le imprese in crisi licenziarono o abbassarono i salari Inflazione: per pagare i debiti di guerra gli Stati emisero moneta, causando un inflazione incontrollabile che danneggiò soprattutto il ceto medio Una società nuova e la crisi della democrazia liberale La guerra aveva segnato l ingresso delle masse nella storia. Si comprese l importanza di riunirsi in organizzazioni: partiti e sindacati conobbero un grande sviluppo, interpretando le rivendicazioni di operai e contadini. Tra il 1919 e il 1920 vi furono in Europa lotte e manifestazioni. I borghesi moderati, temendo una rivoluzione comunista, si spostarono verso l estrema destra: giudicavano le istituzioni parlamentari troppo deboli per mantenere l ordine sociale esistente. Il biennio rosso( ) L internazionale Comunista L esperienza russa aveva dimostrato che la rivoluzione era possibile e Lenin intendeva diffonderla in tutto il mondo. Nel 1919 sorse la Terza Internazionale(Comintern) e nel 1920 si svolse il Congresso dell Internazionale Comunista. Per aderire al Comintern i partiti europei dovevano accettare la subordinazione al partito russo,m rifiutare il sistema parlamentare democratico e impegnarsi a realizzare la rivoluzione. In tutta Europa i rivoluzionari si separarono dai socialisti riformisti e crearono nuovi partiti comunisti. Il biennio rosso Il periodo fu detto biennio rosso: attraverso scioperi e agitazioni gli operai ottennero aumenti di salari e la giornata lavorativa di otto ore. Ci furono tentativi rivoluzionari: in Germania, in Italia, in Austria e Ungheria. Tali tentativi furono stroncati con la forza.

10 Il fallimento delle rivoluzioni In Germania intervenne l esercito, che arrestò e uccise i principali responsabili delle insurrezioni. In Italia l iniziativa rivoluzionaria rifluì per lasciare progressivamente spazio all affermazione del fascismo. In Austria la vittoria elettorale andò ai conservatori e clericali, forti del sostegno delle masso contadini più reazionarie. In Ungheria, il fallimento della repubblica sovietica lasciò il potere alla contro rivoluzione guidata da Miklos Horthy. L età dei totalitarismi La crisi del dopoguerra Dopo la prima guerra mondiale, secondo il Patto di Londra l Italia avrebbe dovuto ottenere la Dalmazia, lasciando la città di Fiume agli Austro Ungarici. Il governo italiano pretese con forza il rispetto del Patto di Londra, ma cercò di ottenere anche l annessione di Fiume. Gli alleati respinsero questa richiesta e in Italia si diffuse il malcontento per quella che D Annunzio definì una << vittoria mutilata>>. L occupazione di Fiume Il governo del neopresidente Nitti fu accusato di incapacità nel tutelare gli interessi nazionali e D Annunzio fu artefice di una clamorosa impresa:l occupazione di Fiume nel Nel 1920 tornò al governo Giolitti che per risolvere la questione iugoslava firmò il Trattato di Rapallo: la Iugoslavia ottenne la Dalmazia, all Italia fu assegnata l Istria. Fiume divenne uno Stato libero. La crisi economica Le conseguenze sociale ed economiche della guerra furono particolarmente pesanti: Centinaia di migliaia di caduti e invalidi Aumento del debito pubblico Svalutazione della lire e inflazione La riconversione e l aumento della disoccupazione Grazie alle commesse di guerra l appartato industriale italiano migliorò e incrementò la produzione. Ma la necessità di riconvertire la produzione da bellica in civile determinò una crescente disoccupazione. Le conquiste sociale di operai e contadini In questo contesto le lotte sociali si fecero sempre più aspre. Crebbe in modo massiccio l adesione degli operai ai sindacati. Fu anche importante l azione delle Federterra che portò all occupazione dei terreni con coltivati. Le lotte ottennero risultati sia per gli operai che per i contadini: Aumenti salariali adeguati alla crescita dei prezzi Parziale ridistribuzione delle terre incolte occupate Giornata lavorativa di otto ore

11 Il Partito Popolare Italiano Nel 1919 venne fondato da don Luigi Sturzo il Partito Popolare Italiano che segnò il coinvolgimento diretto dei cattolici nella vita politica italiana. Fondamentalmente per la riuscita del progetto fu l aconfessionalismo, cioè il fatto che il consenso non fu chiesto sulla base delle personali convinzioni di fede, ma a partire dalla condivisione di un programma di riforme sociali da attuarsi pacificamente. I Fasci di combattimento Sempre nel 1919 nacque il movimento dei Fasci di combattimento, fondato da Benito Mussolini. Inizialmente, si collocò politicamente a sinistra, battendosi per radicali riforme sociali. Ben presto, però, il movimento si caratterizzò per l aggressività verbale e per la violenza. Il biennio rosso in Italia Le elezioni del 1919 Le elezioni del 1919, le prime con il sistema proporzionale, segnarono la sconfitta dei vecchi gruppi liberaldemocratici che passarono da 300 a 200 seggi. Il partito più votato fu quello socialista che triplicò i suoi seggi, ottenendone oltre 156; secondo per consensi fu il Partito popolare (100 seggi). Questi risultati non diedero stabilità al paese, anche perché il PSI continuò a rifiutare ogni collaborazione con i governi borghesi. L occupazione delle fabbriche Nel 1920 il sindacato dei metalmeccanici chiese il rinnovo del contratto per ottenere aumenti salariali ma gli industriali respinsero ogni richiesta. Scattò cosi l occupazione delle fabbriche. Giolitti realizzò un intelligente opera di mediazione: fece ottenere agli operai aumenti salariali in cambio dello sgombero delle fabbriche. Nasce il Partito Comunista In questo contesto i contrasti interni al PSI fra massimalisti e riformisti si fecero sempre più duri. Nel 1921 la corrente guidata da Gramsci e da Bordiga decise di aderire alle indicazioni del Comintern: uscì dal PSI e fondò il Partito Comunista d Italia.

12 La marcia su Roma Il fascismo agrario Tra la fine del 1919 e l inizio del 1921 vennero formate le squadre d azione fasciste, che organizzavano spedizioni punitive contro socialisti e organizzazione contadine. I fascisti in Parlamento Giolitti decise di indire nuove elezioni nel maggio del I fascisti, che entrarono il liste comuni con liberali e gruppi di centro, continuarono a ricorrere alla violenza in modo sistematico durante la campagna elettorale. Le elezioni furono un insuccesso per i liberali e cosi Giolitti rinunciò a guidare il governo. La marcia su Roma Nel novembre del 1921 Mussolini decise di trasformare il suo movimento in Partito Nazionale Fascista, modificandone significativamente il programma: Si dichiarò favorevole alla monarchia Sostenne l opportunità di una politica economica liberista Dopo avere reso più credibile il PNF come forza di governo, Mussolini il 24 ottobre 1922, riunì migliaia di camice nere e ordinò di marciare su Roma. Nei giorni successivi, il re, nonostante le sollecitazioni del governo, decise di non fare intervenire l esercito e di affidare a Mussolini l incarico di formare il nuovo governo. Dalla fase legalitaria alla dittatura Mussolini al governo Tra il 1922 e il 1924 si svolse la cosiddetta fase legalitaria del fascismo. Mussolini guidò un governo di coalizione costituito anche dai liberali e popolari. Tra i provvedimenti assunti in questo periodo merita ricordare: La riforma della scuola varata da Giovanni Gentile La legge Acerbo che riformò il sistema elettorale in senso maggioritario La creazione della Milizia Volontarie per la Sicurezza Nazionale Il delitto Matteotti Il 10 giugno 1924 Giacomo Matteotti, segretario del Partito socialista unitario, a seguito di un discorso alla Camera tenuto il 30 maggio in cui denunciava violenze e brogli dei fascisti durante le elezioni del 1924, fu rapito e ucciso da un gruppo di squadristi con a capo Dumini. Vi fu un crollo della popolarità di Mussolini. L opposizione si dichiarò disponibile a rientrare in Parlamento solo dopo il ripristino della legalità e l abolizione della Milizia (secessione dell Aventino).

13 Si afferma la dittatura Nel 1925, in un discorso alla Camera, Mussolini si assunse tutta la responsabilità di ciò che era avvenuto. Era l annuncio dell inizio della dittatura fascista. L Italia fascista Le leggi fascistissime La trasformazione del fascismo in dittatura avvenne nel 1925 con i seguenti provvedimenti: Unico partito riconosciuto fu il PNF; tutti i partiti dell opposizione vennero sciolti Il capo del governo fu dichiarato responsabile solo di fronte al re; gli si riconobbe anche il potere legislativo Vennero abolite le autonomie locali; il posto del sindaco fu occupato da un funzionario del governo, il podestà La stampa fu sottoposta a censura Vennero dati ampi poteri all OVRA, incaricata di individuare e arrestare gli oppositori Il partito unico Il Partito fascista si riorganizzò in una struttura burocratica sottoposta localmente ai prefetti. Il vertice del partito era il Gran Consiglio del fascismo, affidato alla presidenza di Mussolini. Nel 1928 la trasformazione dello Stato liberale in Stato totalitario fu completata con una nuova legge elettorale che affidò al Gran Consiglio il compito di preparare la lista unica di candidati. Le elezioni, dunque, si trasformarono in plebisciti in favore del governo. Propaganda e consenso Ci fu un grande impegno per organizzare il consenso nella società italiana, cercando di influire sui costumi, sulle mentalità e sulla vita quotidiana delle masse. Inoltre, sia il cinema che la radio furono ampiamente usati a scopi propagandistici. I patti lateranensi Nel 1929 il governo e la Santa Sede sottoscrissero i Patti lateranensi che comprendevano: Il trattato internazionale con il quale la Chiesa riconosceva lo Stato italiano Una convezione finanziaria che impegnava l Italia a versare una indennità al Vaticano Un concordato che stabilì che quella cattolica era la religione di stato; regolamentò l insegnamento della religione nella scuola; garantì libertà alla Chiesa nell amministrazione dei bene ecclesiastici e nella scelta dei vescovi

14 La politica economica: dal liberismo all autarchia La prima fase della politica economica fascista fu di stampo liberista. Ma nel 1926 Mussolini adottò alcune misure protezionistiche. Uno dei primi importanti provvedimenti fu l aumento del dazio sui cereali (battaglia del grano). Fu questo il primo passo della politica dell autarchia: l Italia avrebbe, cioè, dovuto essere in grado di produrre autonomamente ciò di cui aveva bisogno. Il corporativismo Per quanto riguarda i rapporti tra le classi sociali, Mussolini propugnò il corporativismo: i datori di lavoro e i lavoratori dovevano collaborare e difendere insieme gli interessi della nazione. In realtà questo ordinamento si risolse solo a vantaggio degli imprenditori che riuscirono a tenere basso il costo del lavoro. Lo Stato imprenditore L intervento dello Stato in economia divenne sempre più imponente negli anni Trenta. Furono instituiti l Istituto Mobiliare Italiano capace di sostituirsi alle banche nel sostegno alle industrie in difficoltà e l Istituto per la Ricostruzione Industriale che sanò decine di imprese grazie ai finanziamenti pubblici. L invasione dell Etiopia Nel 1934 Mussolini decise di invadere l Etiopia. Dopo la conquista, la Società delle Nazioni condannò l Italia in quanto aggressore e decretò delle sanzioni economiche, vietando la vendita all Italia di beni di interessi militari. In realtà le sanzioni non furono mai rispettate e servirono soltanto a far guadagnare consenso a Mussolini. L alleanza con la Germania La conseguenza più grave della guerra d Etiopia fu l avvicinamento di Mussolini a Hitler che aveva appoggiato la conquista coloniale italiana. Nel 1936 fu firmato un patto tra l Italia e la Germania (Asse Roma Berlino). In quest epoca il regime fascista si adeguò al nazismo anche nella promulgazione di leggi razziali contro gli Ebrei. Ma in Italia queste discriminazione suscitarono molte perplessità e la condanna della Chiesa.

15 L Italia antifascista Benedetto Croce Il filosofo Benedetto Croce nel 1925 dichiarò il proprio dissenso al regime attraverso il Manifesto degli intellettuali antifascisti. La sua opposizione fu essenzialmente morale e per questo venne tollerata dal regime. Giustizia e libertà Giustizia e libertà fu un movimento antifascista fondato a Parigi, nel 1929, da un gruppo di profughi italiani (Carlo Rosselli, Emilio Lussu, Ernesto Rossi). L organizzazione condusse una lotta contro il regime con metodi rivoluzionari, cercando di coniugare liberismo e marxismo. I Comunisti La direzione comunista stabilì la sua sede a Parigi, sotto la guida di Palmiro Togliatti. Fu la forza politica che meglio seppe organizzare una rete di opposizione clandestina in Italia. La concentrazione antifascista Sempre a Parigi, esulti italiani di ispirazione repubblicana e socialista (Turati, Saragat,Nenni,De Gasperi), fondarono nel 1927 la Concentrazione antifascista che fece un opera di propaganda internazionale contro il regime.

16 Gli <<anni ruggenti>> Il primato mondiale degli USA Alla fine della prima guerra mondiale gli Stati Uniti erano la maggior potenza mondiale. Tra il 1922 e il 1929 la produzione e i consumi conobbero un ulteriore espansione e divennero di massa grazie alla pubblicità, ai pagamenti rateali e ai grandi magazzini. Gli Americani volevano dimenticare i sacrifici imposti dalla guerra e divertirsi: per questo gli anni Venti sono definiti gli <<anni ruggenti>>. Isolazionismo xenofobia proibizionismo Il desiderio di difendere il benessere raggiunto e impedire la diffusione di idee sovversive portò all isolazionismo, alla xenofobia e al proibizionismo. Isolazionismo. La politica isolazionista fu sostenuta dal Partito repubblicano, che governò gli Usa per tutti gli anni Venti. Ci si doveva <<isolare>> dai problemi europei e badare solo a quelli interni e alla tutela dei propri interessi nel Pacifico. Xenofobia. Gli immigrati furono accusati di compiere azioni criminose, di appartenere alla malavita organizzata, di diffondere idee sovversive. Tra gli Americani divenne sempre più forte un atteggiamento di diffidenza nei loro confronti che culminò nell esecuzione dei due anarchici italiani Sacco e Vanzetti. Proibizionismo. L alcool era molto diffuso tra gli immigrati tedeschi e irlandesi. Tra il 1921 e il 1923 furono proibiti la vendita e il consumo di alcolici, ma l alcolismo non fu sconfitto. Si diffuse anzi un fiorente mercato clandestino che arricchì ancor più la malativa organizzata. Il <<Big Crash>> Il liberismo dei repubblicani In campo economico i repubblicani adottarono una politica liberista. Volevano favorire gli investimenti e per questo: Aumentarono le imposte indirette e diminuirono quelle dirette, proporzionali ai redditi Ridusse la spesa pubblica Resero più convenienti gli investimenti grazie al basso tasso di interesse Permise lo sviluppo di monopoli e oligopoli Il boom della Borsa Si credeva che il benessere sarebbe indefinitamente aumentato. Molti risparmiatori investirono in Borsa sperando di accrescere rapidamente le loro ricchezze e i prezzi della azioni aumentarono rapidamente. Tra il 1927 e il 1929 il valore delle azioni addirittura raddoppiò.

17 Il grande crollo Ma in America c erano molti poveri e il potere d acquisto di agricoltori ed operai era calato. L aumento della produzione portò a una saturazione del mercato. Giovedì 24 ottobre 1929 (il <<giovedì nero>>) la bolla speculativa si sgonfiò improvvisamente e la Borsa crollò. Il crollo si estese alle banche e mise in difficoltà le industrie che non potevano più avere prestiti. Ne derivò un aumento di disoccuparti e una conseguente diminuzione di consumi, che portò ad ulteriori licenziamenti. Il presidente Hoover rifiutò di svalutare il dollaro, ma la scelta si rilevò sbagliata. La crisi economica americana coinvolse presto l Europa; in particolare ebbe conseguenze pesantissime sulla Germania. Roosevelt e il <<New Deal>> Roosevelt: lo Stato interviene nell economia Nelle elezioni del 1932 Hoover fu sconfitto e salì al potere il democratico Franklin Delano Roosevelt. Egli varò un nuovo corso economico (<<New Deal>>) abbandonando il dogma liberista secondo cui il mercato ha la capacità di riequilibrare spontaneamente, senza interventi esterni, le situazioni di crisi. Si scelse invece una politica di intervento da parte dello Stato, mirata ad innalzare il reddito pro capite, a rafforzare la domanda e a ridurre le sperequazioni sociali. Il <<New Deal>> A tal fine il presidente Roosevelt: Riformò il sistema creditizio e sganciò il dollaro dalla parità con l oro Limitò la sovrapproduzione agricola Impose alle aziende un codice di disciplina produttiva Varò una riforma fiscale con criteri di tassazione progressivi che penalizzava i redditi più alti Tutelò le organizzazioni sindacali Creò vari enti che diedero lavoro a milioni di disoccupati, impegnandoli nella realizzazione di opere pubbliche Varò un moderno sistema previdenziale e pensionistico I risultati strettamente economico non furono però entusiasmatici. I disoccupati, che nel 1932 erano circa 12,5 milioni, scesero a 7,5 nel 1937, ma risalirono nel 1938 a 10. Nel 1940 erano ancora 8 milioni, di fatto la disoccupazione sarà riassorbita solo grazie alla mobilitazione industriale determinata dalla seconda guerra mondiale. Tuttavia l età rooseveltiana fu percepita come una fase in cui la politica aveva saputo dare risposte efficaci alla crisi economica e alle difficoltà dei cittadini. Le resistenze conservatrici La ripresa fu lenta e non toccò tutti i lavoratori. Roosevelt comunque godette di enorme successo popolare. Il suo programma incontrò però forte resistenze tra imprenditori e finanzieri che si appellarono alla Corte Suprema. Essa poteva dichiarare incostituzionali le legge e ostacolò a lungo il presidente. Grazie però anche al notevole successe nelle elezioni del 1936, Roosevelt vinse lo scontro.

18 Bilancio del <<New Deal>> La politica di Roosevelt modificò profondamente gli USA, in particolare il rapporto tra Stato e società: Si abbandonò l idea che il mercato fosse in grado di autoregolarsi e lo Stato ricominciò ad intervenire nel sistema economico Si affermo il welfare state (<<stato del benessere>>): lo Stato si assunse cioè il compito di tutelare i diritti sociali dei cittadini (salute, assistenza, istruzione) La creazione del welfare portò a un aumento di persone impiegate nell amministrazione pubblica I sindacati non furono più considerati nemici pericolosi, ma legittimi interlocutori del governo La Germania tra le due guerre: il nazismo La repubblica di Weimar La fine della guerra Nel 1918 la monarchia fu travolta dalla sconfitta nella guerra e fu proclamate la repubblica. Il presidente del nuovo governo provvisorio, il socialdemocratico Ebert, indisse delle elezioni per formare un Assemblea Costituente. Il movimento socialista La componente maggioritaria del movimento socialista era il Partito Socialdemocratico, l SPD,che sosteneva posizioni riformiste e democratiche. L ala rivoluzionaria del movimento, formata dall USPD e dalla Lega di Spartaco, era invece contraria all Assemblea Costituente. L insurrezione spartachista Il dissenso nei confronti del governo e dell SPD portò gli spartachisti a tentare un insurrezione: fra il 5 e il 13 gennaio del 1919 gli spartachisti cercarono di boicottare le elezioni e di rovesciare il governo. Il tentativo rivoluzionario fu stroncato dall esercito. La Costituzione della Repubblica di Weimar Nelle elezioni per l Assemblea Costituente nel 1919 l SPD ottenne la maggioranza. L assemblea, che si riuniva nelle cittadina di Weimar, approvò la nuova Costituzione: la Germania divenne una repubblica federale; il potere legislativo andò al Parlamento; il potere esecutivo, al governo presieduto da un cancelliere nominato dal presidente della Repubblica; quest ultimo era eletto dal popolo, comandava le forze armate e poteva anche assumere potere straordinari. L umiliazione di Versailles Nel frattempo, le potenze vincitrici imponevano alla Germania l umiliazioni del Trattato di Versailles, rafforzando il nazionalismo tedesco e lo spirito di rivincita delle forze più reazionarie che accentuarono la loro campagna antisocialista e antidemocratica.

19 Dalla crisi economica alla stabilità La crisi economica e sociale Le condizioni di pace portarono la Germania a una gravissima crisi economica. La Francia, inoltre, nel 1923, colse l occasione del mancato pagamento di una rata delle riparazioni, per occupare la Ruhr. I Tedeschi risposero con la resistenza passiva. In quest epoca l inflazione raggiunse livelli inauditi: nel 1923 per 1 dollaro ci volevano 4200 miliardi di marchi. La Germania era ad un passo dal tracollo economico. Tentativi reazionari Nel 1920, Wolfang Kapp, esponente dell estrema destra nazionalista appoggiato da alcune forze militari, tentò un colpo di Stato che fu però fermato. Anche il Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori, fondato nel 1920 da Hitler, tentò nel 1923 un colpo di Stato a Monaco. Anch esso fallì. Il governo Stresemann Nel 1923 il nuovo cancelliere Stresemann attuò una riforma monetaria per rivalutare il vecchio marco. Il governo pose anche fine alla resistenza passiva della Ruhr. L aiuto decisivo alla Germania arrivò dagli Stati Uniti che, nel quadro del piano Dawes, fornirono investimenti e prestiti agevolati. La ripresa, che dipendeva esclusivamente dai finanziamenti stranieri, si interruppe nel 1929 quando la depressione americana determinò la fine dei finanziamenti. La stabilizzazione nelle relazioni internazionali Superata la questione della Ruhr, nel 1925, Germania e Francia giunsero agli Accordi di Locarno, con i quali la Germania riconosceva la perdita dell Alsazia e della Lorena, accettava la smilitarizzazione della Renania ma non assumeva impegni riguardo alle frontiere orientali. La stabilizzazione delle relazioni internazionali fu consolidata dal Patto Briand Kellog (1928) con cui 62 paesi si impegnarono a rinunciare alla guerra. La fine della Repubblica di Weimar La crisi della repubblica e la radicalizzazione delle opposizioni Nelle elezioni presidenziali del 1925 venne eletto Hindenburg, esponente della destra. Nelle elezioni politiche del 1928 la sinistra non riuscì a conquistare una solida maggioranza e fu necessario quindi formare un governo di coalizione, che si rivelò molto debole. Nel 1929, con la fine dei crediti statunitensi, la Germania entrò in una crisi economica. Sia a destra che a sinistra vi fu un processo di radicalizzazione delle opposizioni, che portò alla caduta del governo (1930). Il nuovo cancelliere, il cattolico moderato Bruning, decise di indire nuove elezioni. Il partito nazista di Hitler ottenne un ottimo risultato: il 18,3% dei voti.

20 La fine delle Repubblica Tra il 1930 e il 1932, Bruning restò al governo grazie all appoggio della SPD che voleva difendere le istituzioni democratiche dal pericolo nazista e comunista. Ma con il successo elettorale, Hitler era ormai diventato un importante interlocutore politico anche per la destra non estremista. La grande industria, gli agrari e l esercito diedero il loro appoggio al Partito nazionalsocialista che nelle elezioni del 1932 divenne il primo partito tedesco. Nel 1933 così venne affidato a Hitler l incarico di formare il nuovo governo. Il nazismo Origine e fondamenti ideologici del nazismo Il partito nazista nacque nel clima di delusione e di rabbia per gli esiti della pace di Versailles. Il nazionalsocialismo si inseriva infatti nel panorama della destra tedesca, nazionalista e militarista, che rifiutava gli esiti della prima guerra mondiale. L ideologia nazista aveva inoltre un aspetto anticapitalista, anche se la lotta di classe veniva condannata in favore del corporativismo. La purezza della razza Nelle premesse ideologiche del Partito nazista era centrale il concetto di purezza della razza del popolo tedesco, il mito dell arianesimo. Occorreva sottomettere le razze inferiori, creando una comunità purificata da ogni elemento estraneo. L apice del razzismo nazista fu l antisemitismo: il nazismo identificò nell ebraismo la fonte di tutti i mali che affliggevano la Germania. Ma la difesa della purezza della razza doveva essere esercitata anche contro gli zingari, i portatori di handicap, gli omosessuali e i malati di mente. Hitler e il fuhrerprinzip I cardini del pensiero politico di Hitler erano: la lotta contro il liberalismo e la democrazia, ritenuti simboli di decadenza rispetto all unità del corpo sociale la lotta al marxismo che con la lotta di classe disgregava la società la lotta contro gli Ebrei accusati di guidare lo sfruttamento economico della Germania Hitler desiderava creare una società compatta, con al vertice un capo supremo e assoluto, non soggetto al potere ma fonte dell autorità stessa (Fuhrerprinzip, <<principio del capo>>). L obiettivo era quello di condurre la Germania alla conquista dello <<spazio vitale>> necessario al suo sviluppo: si trattava nella sostanza di distruggere l URSS e di asservire la razza slava.

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

DOPOGUERRA. I problemi del dopoguerra

DOPOGUERRA. I problemi del dopoguerra DOPOGUERRA I problemi del dopoguerra I Trattati di Parigi (19191920) intendevano creare un nuovo equilibrio geopolitico per garantire la pace in Europa. Tuttavia il nuovo assetto causò insoddisfazione

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 settembre 1939 invasione della Polonia LA SECONDA GUERRA MONDIALE VERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE CRISI DEGLI ANNI 30 ISOLAZIONISMO AMERICANO AFFERMAZIONE DEL NAZISMO IN GERMANIA POLITICA ESTERA AGGRESSIVA

Dettagli

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss La Grande guerra L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss Le cause della guerra Fattori internazionali: Conflitto economico e coloniale tra Germania

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

IL NAZISMO LE PREMESSE:

IL NAZISMO LE PREMESSE: IL NAZISMO LE PREMESSE: Dopo la Guerra la Germania si trovò in una condizione peggiore dell'italia. Le condizioni di Pace avevano cercato di umiliare la Nazione che era ritenuta responsabile della guerra,

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale 1939: l inizio del conflitto Il 1 settembre la Germania invade la Polonia che crolla dopo un mese. In base agli accordi, l URSS occupa la Polonia orientale, le repubbliche baltiche

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

Il fascismo in Italia

Il fascismo in Italia Il fascismo in Italia L Italia aveva perso oltre 600.000 soldati al fronte e conosceva una forte crisi economica: un altissimo debito pubblico dovuto alle spese sostenute dallo Stato durante la guerra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

Nazismo Repubblica di Weimar Hindenburg 1929 Partito Nazionalsocialista 1923 Mein Kampf pangermanesimo Reich millenario

Nazismo Repubblica di Weimar Hindenburg 1929 Partito Nazionalsocialista 1923 Mein Kampf pangermanesimo Reich millenario Dopo la sconfitta della Prima guerra mondiale, nel 1918 in Germania viene proclamata la Repubblica di Weimar. La Germania è condannata a pagare ingenti danni di guerra ai vincitori e per questo la situazione

Dettagli

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe V F Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar Il breve periodo della Repubblica di Weimar è rimasto impresso nella memoria collettiva del popolo tedesco e dell Europa come quello della cosiddetta iperinflazione,

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE A cura di Maurizio Cesca Dalla guerra-lampo alla guerra di logoramento (1939-1941)...

Dettagli

L aggressione nazifascista all Europa

L aggressione nazifascista all Europa L aggressione nazifascista all Europa Carta Il fascismo in Europa Germania e Italia non sono un eccezione: tra gli anni 20 e 30 molti paesi europei conoscono governi autoritari: Austria (Dolfuss), Ungheria

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE 1 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE capitolo 1 Le origini della società di massa 1. Redditi e consumi 4 2. Divertimenti di massa 9 3. Amore, famiglia e sessualità 12 4. Scienze mediche e misoginia 15 PASSATO

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA di Angelo Fasolo L Italia si trovò spiazzata dallo scoppio della prima guerra mondiale. La triplice alleanza, nata il 20 maggio 1882, era un patto militare di carattere esclusivamente

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi)

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) Il piano di guerra tedesco: Hitler aveva già pronto il suo piano militare dopo aver invaso la

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO

LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO All inizio del Novecento, l IMPERO ASBURGICO è costituito come una doppia monarchia (austriaca ed ungherese) con in comune

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Il 28 giugno 1914, a Sarajevo, l arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d Austria, e sua moglie Sofia furono uccisi dal nazionalista serbo Gavrilo Princip. L'imperatore

Dettagli

TRATTAZIONI SINTETICHE DI ARGOMENTI DI STORIA CONFORMI ALLA TIPOLOGIA B DELLA TERZA PROVA ESAME DI STATO (D.M.429/2000 ART.

TRATTAZIONI SINTETICHE DI ARGOMENTI DI STORIA CONFORMI ALLA TIPOLOGIA B DELLA TERZA PROVA ESAME DI STATO (D.M.429/2000 ART. TRATTAZIONI SINTETICHE DI ARGOMENTI DI STORIA CONFORMI ALLA TIPOLOGIA B DELLA TERZA PROVA ESAME DI STATO (D.M.429/2000 ART.2 COMMA B) 1-LA GUERRA FREDDA Per guerra fredda s intende il clima di forte tensione

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

LA PRIMA GUERRA DI MASSA LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA DI MASSA LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA DI MASSA LA PRIMA GUERRA MONDIALE 15 aprile 1912, l affondamento del transatlantico Titanic, appena varato e considerato «inaffondabile», è l evento che meglio simboleggia la fine della

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

TRATTAZIONI SINTETICHE DI ARGOMENTI DI STORIA CONFORMI ALLA TIPOLOGIA B DELLA TERZA PROVA ESAME DI STATO (D.M.429/2000 ART.2 COMMA B) PRIMO TRIMESTRE

TRATTAZIONI SINTETICHE DI ARGOMENTI DI STORIA CONFORMI ALLA TIPOLOGIA B DELLA TERZA PROVA ESAME DI STATO (D.M.429/2000 ART.2 COMMA B) PRIMO TRIMESTRE TRATTAZIONI SINTETICHE DI ARGOMENTI DI STORIA CONFORMI ALLA TIPOLOGIA B DELLA TERZA PROVA ESAME DI STATO (D.M.429/2000 ART.2 COMMA B) PRIMO TRIMESTRE I GOVERNI DELLA DESTRA STORICA (1861/1876) Dopo l'unità

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COSTITUZIONE ITALIANA (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATUTO ALBERTINO 1848 ll Re Carlo Alberto di Savoia, a seguito di tumulti, concede agli abitanti del Regno di

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

VIA GIOVANNI AMENDOLA

VIA GIOVANNI AMENDOLA VIA GIOVANNI AMENDOLA Via Giovanni Amendola unisce Via Indipendenza a Via F.lli Cervi. Si tratta di una via situata nel centro del paese.costeggia Piazza dei Quartieri e dopo una curva a destra si immette

Dettagli

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA LA GUERRA DI SPAGNA LA SITUAZIONE DELL EUROPA PRIMA DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE IL PATTO D ACCIAIO L EUROPA SOTTO IL DOMINIO NAZISTA L INVASIONE DELLA FRANCIA L

Dettagli

Antonella Pulvirenti www.maestrantonella.it

Antonella Pulvirenti www.maestrantonella.it SECOLO/ XV sec = 1400 (dal 1400 al 1500) RINASCIMENTO XVI sec = 1500 (dal 1500 al 1600) XVII sec = 1600 XVIII sec = 1700 (dal 1700 al 1800) SCOPERTA DELL AMERICA (1492) RIFORMA PROTESTANTE (1517) GUERRE

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

5 BP Programma di Storia. Prof. Martani Vincenzo

5 BP Programma di Storia. Prof. Martani Vincenzo 1 5 BP Programma di Storia Prof. Martani Vincenzo CAPITOLO 22- L EUROPA AGLI INIZI DEL NOVECENTO Modulo 5 La belle époque e le sue contraddizioni Le masse sulla scena politica La crisi di fine secolo Blocchi

Dettagli

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Situazione in Austria, Prussia e Russia (pag. 248) 1830. Austria, Prussia e Russia sono monarchie accomunate da: - Fedeltà verso i princìpi

Dettagli

Dopo la 1^ guerra mondiale in Italia vi furono gravi crisi politiche e sociali. Nel cosiddetto biennio rosso i braccianti agricoli e gli operai delle

Dopo la 1^ guerra mondiale in Italia vi furono gravi crisi politiche e sociali. Nel cosiddetto biennio rosso i braccianti agricoli e gli operai delle FASCISMO Dopo la 1^ guerra mondiale in Italia vi furono gravi crisi politiche e sociali. Nel cosiddetto biennio rosso i braccianti agricoli e gli operai delle industrie scesero in sciopero per il rinnovo

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

STORIe mondi VERSIONE MISTA. Il Novecento e l Età attuale. Vittoria Calvani. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

STORIe mondi VERSIONE MISTA. Il Novecento e l Età attuale. Vittoria Calvani. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Vittoria Calvani 3 STORIe mondi Il Novecento e l Età attuale STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Mappe illustrate schede facilitate laboratori di lettura con audio dei testi e attività autocorrettive

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

IL NOVECENTO: 1901-1955

IL NOVECENTO: 1901-1955 Studiare con... la linea del tempo IL NOVECENTO: 1901-1955 Completa la linea del tempo. Mentre leggi e studi le pagine del tuo libro di storia dedicate alla prima parte del Novecento, scrivi le date gli

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 15 TRA LE DUE GUERRE MONDIALI

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 15 TRA LE DUE GUERRE MONDIALI Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 15 TRA LE DUE GUERRE MONDIALI A cura di Maurizio Cesca L Italia fascista... 1 L Italia sotto la dittatura

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

LICEO LINGUISTICO INTERNAZIONALE Programma di STORIA a.s. 2014-2015 Classe VA Prof. Giuseppe De Matola

LICEO LINGUISTICO INTERNAZIONALE Programma di STORIA a.s. 2014-2015 Classe VA Prof. Giuseppe De Matola LICEO LINGUISTICO INTERNAZIONALE Programma di STORIA a.s. 2014-2015 Classe VA Prof. Giuseppe De Matola Testo scolastico: AA. VV., Dentro la storia, vol. 2, Dagli Stati assoluti agli Stati-nazione, vol.

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione IC di Monte San Pietro Scuola Media Statale Cassani Lusvardi Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2012-2013 Classe 3E Prof.ssa Fulvia Spatafora Storia L Europa

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

L età giolittiana. Lezioni d'autore

L età giolittiana. Lezioni d'autore L età giolittiana Lezioni d'autore L Europa del primo Novecento L Europa all inizio del Novecento è all apice del suo sviluppo. Dopo il conflitto franco-tedesco del 1870 non c era più stata guerra al suo

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

REGIME REAZIONARIO DI MASSA TOTALITARISMO

REGIME REAZIONARIO DI MASSA TOTALITARISMO REGIME REAZIONARIO DI MASSA Crisi del sistema liberale - soppressione delle istituzioni rappresentative - partito unico - repressione poliziesca - dirigismo economico Tutela della borghesia - reazione

Dettagli

Imparare e Usare il Metodo di Studio

Imparare e Usare il Metodo di Studio Imparare e Usare il Metodo di Studio Per gli studenti: con questa semplice guida puoi imparare a usare un buon metodo di studio. Per imparare, leggi e cerca di capire bene i passi seguenti e allenati ogni

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO

LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 pagina 1 di 6 LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO Materia: Storia Classe: III C Insegnante: G.

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli