I libri servono a capire e a capirsi, e a creare un universo comune anche in persone lontanissime. Susanna Tamaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I libri servono a capire e a capirsi, e a creare un universo comune anche in persone lontanissime. Susanna Tamaro"

Transcript

1 I libri servono a capire e a capirsi, e a creare un universo comune anche in persone lontanissime. Susanna Tamaro Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 1

2 2 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

3 Premessa Il PON di italiano Le avventure del lettore ha inteso essere un laboratorio di lettura e contemporaneamente di scrittura. Gli alunni sono venuti a contatto con testi letterari di diverso genere, toccando con mano le caratteristiche e le peculiarità delle diverse tipologie di narrazione attraverso la lettura ettura di brani e si sono cimentati nell arte dello scrivere, diventando dei piccoli scrittori. Hanno così incontrato e conosciuto personaggi fantastici, protagonisti di racconti letti ed analizzati e di racconti creati dagli stessi studenti. Gli alunni hanno potuto costruire attivamente il loro percorso formativo, partendo da esercizi mirati a sviluppare le loro conoscenze ed abilità nella produzione scritta fino ad arrivare a mettere in gioco la loro fantasia e creatività. Il progetto è stato un vero e proprio laboratorio della parola scritta, letta ed analizzata nei vari testi e reinventata e riscoperta nelle produzioni degli alunni. Gli studenti che hanno partecipato al corso hanno mostrato impegno ed interesse per le attività proposte, oltre ad una grande creatività come si può ben vedere nei testi di seguito riportati. Con questo tipo di attività didattica si è inteso migliorare le abilità linguistiche di ogni singolo studente ma soprattutto rafforzare in ognuno la fiducia in se stesso, nelle proprie idee e nelle proprie capacità. Prof.ssa Elena Lazzaro Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 3

4 Alunni che hanno partecipato al PON Le avventure del lettore Alborino Giuseppina Anna Auriemma Anna Barra Caterina Barra Emanuele Barra Francesco Bianchini Federica Bova Maria Capasso Michele Cennamo Giusy De Rosa Biagio Di Micco Fatima Di Micco Gaetana Di Micco Giovanna Esposito Padricelli Giulia Garofalo Emanuela Gigante Michela Grillà Rosanna Moccia Sossio Mormile Francesco Parisi Rita Pedata Rosa Romano Rosa Ruggiero Giusy Russo Carla Serra Chiara Silvestre Nicolas Tremante Martina Vitagliano Alfonso 4 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

5 Il binomio fantastico Verranno utilizzate le seguenti coppie di parole: canarino, gambe; pesce pescatore; fiore, velo; foglio, cappello; gatto e delfino; tessuto, mela; vestito, colla; scala, schiena; penna e pizza. Il canarino e le sue bellissime gambe C era una volta un canarino di nome Jack. Un giorno, mentre stava svolazzando qua e là, vide un palo con sopra un manifesto su sui c era scritto concorso di bellezza per adulti e bambini oggi alle ore 18:00. Jack, sorpreso ed emozionato, andò dalla madre per parlarle di questo concorso: aveva sempre desiderato di partecipare ad un concorso di bellezza! La madre acconsentì e così Jack andò dal suo amico per invitarlo. Passato il pomeriggio, i due andarono al concorso: erano emozionatissimi perché chi vinceva aveva come premio una medaglia d oro. Fu il momento della prima prova (cantare) e toccò prima al suo amico che cantò una bellissima canzone e quando finì tutti applaudirono. Giunse il momento di Jack ma era così stonato che alla fine della canzone nessuno applaudì. Ecco la seconda prova (ballare): questa volta toccò al piccolo Jack che fu bravissimo e superò la prova brillantemente. All amico, invece, andò male ma superò lo stesso la prova. Infine venne il momento dell ultima prova, la prova di bellezza: indovinate chi vinse? Il piccolo Jack! Perché quando incominciò a sfilare tutti applaudirono per le sue bellissime gambe lisce color arancione scuro. Quando tornò a casa, la mamma abbracciò contentissima il suo piccolo e, commossa, gli diede un bacio. Carla Russo, Rosa Pedata, Michela Gigante Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 5

6 Il pescatore torna a casa a mani vuote Un giorno in un piccolo paesello sul lago venne organizzata una gara a chi prendeva più pesci: parteciparono tutti i pescatori professionisti ma anche uno che non lo era si gettò a capofitto in quest impresa. Aveva con sè la canna da pesca più misera del mondo e con questa voleva prendere tanti pesci, lui che era un tipo goffo e distratto di natura. Quando incominciò la gara, tutti i pescatori si avviarono al lago mentre lui faceva beatamente un pisolino; fu, infatti, uno dei giudici della gara a svegliarlo. Allora si avviò al lago ancora mezzo assonnato. Appena lanciò la lenza in acqua, subito i pesci si affollarono intorno a lui, quasi volessero essere pescati da quell improvvisato pescatore. Gli altri concorrenti pescarono ben poco. Cos era successo? Fino a qualche giorno prima il nostro pescatore non aveva mai pescato: durante un litigio con la moglie, che lo accusava di non aver voglia di lavorare e di non saper fare niente, lui le disse: Io posso fare tutto. Anche pescare. Così si avviò al lago. Il caso volle che finisse nella sua rete un pesciolino dorato. Il buon uomo non aveva il cuore di mangiarlo e così lo liberò. Il pesciolino era magico e gli chiese come poteva ripagarlo per ciò che aveva fatto. Lui gli chiese di vincere quella gara di pesca per poter riconquistare la moglie. E così accadde. La moglie, che aveva assistito alla gara e alla premiazione, decise così di dargli un altra opportunità. E questa volta l improvvisato pescatore non la sprecò. Mormile Francesco, Silvestre Nicolas, Vitagliano Alfonso Il fiore e il velo Un contadino piantò nel suo orto un seme ed ogni giorno lo curava con amore. Infatti dopo qualche tempo sbocciò un fiore bellissimo di nome Margaret. Di notte lei con le sue radici andava a fare una passeggiata e una volta conobbe un ciclamino di nome Marcos. Si vedevano ogni notte quando il padrone andava a letto: avrebbero voluto sposarsi ma Margaret non voleva lasciare né il suo padrone né i suoi amici nell orto. Passò intere giornate a piangere e a pensare, ma poi prese una decisione: il suo amore per Marcos aveva vinto. Non aveva un soldo per acquistare un vestito da sposa. Ma un ragno, che aveva fatto una ragnatela vicino alla casa del contadino, sentì il ragionamento di Margaret e, impietositosi, le propose: Io posso procurarti il velo e il vestito. Il fiore incredulo saltò di gioia e decise di fissare la data del matrimonio il giorno dopo. Il ragno le fece trovare il velo e il vestito: le stavano benissimo. Era già pronta quando finalmente arrivò Marcos nel suo vaso nuovo di zecca, pronto a farsi piantare nel giardino della sua amata. Così tutti vissero felici e contenti. De Rosa Biagio, Mormile Francesco, Silvestre Nicolas Il foglio e il cappello magico Un giorno un bambino fece un aereoplanino di carta e lo lanciò in aria. Questo volò fino ad un antico castello grigio, dove si posò sul davanzale di una delle sue tante finestre. L uomo che vi viveva, Ron, lo raccolse e lo posò sul tavolo insieme al suo cappello, poi andò nella sua camera per riposarsi. Il cappello era magico e poteva quindi parlare, fare magie, volare, etc. Il cappello, vedendolo lì sul tavolo, gli chiese: Chi sei e perché ti trovi qui? Il cappello vide che il foglio non gli rispondeva, così decise di fargli un incantesimo, 6 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

7 facendolo parlare. Dopo l incantesimo il foglio, spaventato, parlò con il cappello e gli chiese: Chi sei tu e dove mi trovo? Così il cappello gli rispose: Io sono un cappello magico e tu ti trovi nel castello del mio padrone. Lui ti raccolse quando tu ancora non parlavi e sono stato io a farti parlare. Il cappello e il foglio, con il passare degli anni, divennero due amici inseparabili e il foglio era costretto a nascondersi ogni volta che Ron arrivava, perché altrimenti l avrebbe buttato. Un giorno Ron scoprì che il foglio che aveva raccolto anni prima, era ancora in casa e quindi, senza pensarci due volte, lo gettò. Il foglio venne messo in un sacchetto e poi buttato in una discarica. Era molto triste per essere stato buttato in una discarica, sentiva la mancanza del suo amico cappello e per di più si ferì e non riusciva più a volare. Così il cappello magico lo andò a cercare una notte, mentre Ron dormiva, e lo trovò. Quando si videro, i due strani amici si diedero un grande abbraccio e dopo il cappello lo portò in un luogo magico che solo lui conosceva e da quel momento vissero felici e contenti. Esposito Padricelli Giulia, Anna Auriemma Il gatto e il delfino C era una volta un ragazzo di nome Genny che aveva 12 anni. Lui amava molto gli animali, soprattutto i gatti e i delfini. Il giorno del suo compleanno il padre gli fece una sorpresa: gli regalò un pappagallo tutto colorato; ma lui, visto che amava i delfini e i gatti, voleva uno dei due. Lo disse al padre con tono abbastanza forte, ma egli non gli diede ascolto! Così Genny si arrabbiò: pensava che il padre non volesse accontentarlo ma il genitore gli disse che non poteva avere un delfino perché era un mammifero e doveva stare in acqua per allattare i suoi piccoli. Per il gatto, forse, avrebbe potuto fare qualcosa. Genny ci pensò un po su e gli venne una grande idea. Pensò di andare a fare una gita a mare, di imparare a pescare per poi prendere un delfino di nascosto e portarlo a casa sua. Magari in un acquario un po più grande ci sarebbe stato Passò un bel po di tempo: il ragazzo imparò a pescare ma di delfini nemmeno l ombra fino a quando un giorno sentì l acqua muoversi delicatamente, poi un tuffo leggero ed ecco lì a guardarlo un bellissimo delfino! Ad un solo movimento che Genny fece, l animale scappò e si rituffò in acqua. Il ragazzo era rimasto male, così decise di tornare a casa. Ma ecco all improvviso il delfino riapparve e si avvicinò lentamente. Lui lo accarezzò delicatamente sul muso, poi se ne andò facendo dei versi come se volesse salutarlo! Non voleva farlo andare via, ma poi capì che come lui voleva la sua libertà anche i delfini dovevano avere la loro. Tornò a casa, chiese scusa a suo padre per come lo aveva trattato, poi gli disse che anche se i suoi animali preferiti erano i gatti e i delfini, avrebbe tenuto il pappagallo visto che era un suo regalo e lo avrebbe trattato come un vero membro della famiglia. Caterina Barra, Rita Parisi, Rosa Romano Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 7

8 Il tessuto meloso Sbucciando, tagliando, cuocendo, ricamando Ecco come trascorreva le sue giornate la signora Gertrude. Lei aveva un segreto per ricavare un tessuto mai visto prima. Mi scusi mi dà una tenda color ecrù? disse un suo caro cliente. Gertrude rispose gentilmente: D accordo le dò la Melinda? Ma certo! disse Geppetto È ormai famosissima per la stoffa che usa! La sera Gertrude, avendo saputo dal medico che la sua fine era vicina, scrisse un biglietto con il suo segreto e lo mise fuori la bottega. Qualcuno magari avrebbe continuato la sua attività, non avendo lei stessa figli in grado di farlo. Il giorno seguente la bottega non aprì, ma un cliente lesse il biglietto e disse a tutto il paese: Oh, no! Gertrude è morta! Ma ci ha svelato il suo segreto: le tende erano fatte con le bucce delle mele! Alborino Giuseppina Anna, Federica Bianchini, Maria Bova Il vestito stregato e la colla magica C era una volta in una casa abbandonata in cui si diceva ci fosse il fantasma di una giovane sposa di cui era rimasto nell armadio il vestito da sposa tutto ammuffito. In quella città vivevano due gemelli, uno coraggioso di nome Harry e l altro fifone che si chiamava Ted. Un giorno Harry, sapendo che il fratello era fifone, lo sfidò a dormire per due giorni nella casa stregata di cui avevano sentito tanto parlare. Alcuni sostenevano di aver visto un vestito da sposa aggirarsi per le stanze. Ma Harry non ci credeva affatto. Ted, per non essere più preso in giro dal fratello, accettò la proposta, ma aveva molta paura. Quella sera i due ragazzi andarono alla casa stregata e posarono la loro roba nelle stanze che trovarono agibili. Tutte le finestre erano chiuse e i due fratelli non capivano da dove venisse quel vento gelido. Arrivata la mezzanotte, i due si salutarono e andarono a dormire. All improvviso sentirono rumori di piatti e di sedie che cadevano. A quel punto uscirono dalla loro camera e si avvicinarono alla cucina. In cucina non c era niente di rotto che spiegasse quegli strani rumori che di lì a poco continuarono. Questa volta, però, sembravano provenire dal bagno. I due fratelli cominciarono ad avere paura e scapparono via nei loro letti. All improvviso Harry si sentì un peso sulla pancia, come se qualcuno vi ci fosse seduto sopra e cominciò a sentire una voce in tutta la stanza, mentre a Ted non succedeva niente. Ted, pensando che si era immaginato tutto a causa della sua paura, uscì dalla camera e andò a bere un po di latte. Dietro di lui c era il vestito da sposa 8 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

9 tutto strappato, sporco e ammuffito. Quel vestito volava e scompariva di tanto in tanto. Harry, ora decisamente spaventato, visto che non trovava più il fratello nella stanza, cominciò a cercarlo per tutta la casa. Arrivato in uno studio, trovò un manichino ed un barattolo di colla che immediatamente prese senza capire il perchè. Arrivato in cucina, vide il fratello tutto tranquillo e quel vestito stregato dietro di lui che sembrava quasi inghiottirlo. Visto che Harry sapeva bene che Ted sarebbe morto dalla paura a vedere la scena che accadeva dietro le sue spalle, non voleva farlo girare. Così prese il barattolo con la colla e lo buttò sopra l abito, alle spalle di Ted, prima che indossasse il fratello. Ted guardò la scena stupito fin quando non si girò e vide cosa stava per colpirlo. Così l abito restò a terra attaccato ed Harry e Ted raccolsero le loro cose e fuggirono via da quella casa non sapendo per quanto tempo la colla lo avrebbe trattenuto. Ovviamente i due giovani vi non misero piede mai più. Alfonso Vitagliano, Emanuele Barra Il mal di schiena di Federica Un giorno la scala Federica cominciò a sentirsi male. Questo dolore andò avanti per molti giorni: inizialmente non capiva il motivo. Sicuramente si sentiva affaticata. Un giorno si svegliò e trovò una borsa su ogni suo gradino. Inizialmente non disse nulla, però le borse in pochi giorni cominciarono ad aumentare e così il loro peso iniziò a farsi sentire. La scala, quindi, si rivolse alle borse dicendo: Ehi, mi sentite? Sto parlando con voi, rispondetemi! La borsa più grande, di colore blu, svegliandosi di soprassalto disse: Come osi disturbare il nostro sonno? Federica, offesa, si rivolse a lei dicendo: Per vostra informazione, siete voi ad occupare i miei scalini! Una borsetta rossa, svegliandosi, si rivolse dolcemente alla scala: Scusa se ti stiamo disturbando ci hanno abbandonate qui per via di un trasloco e non ci hanno ancora dato una sistemazione. La scala accettò le scuse della borsa che, essendosi molto dispiaciuta per il danno arrecato, decise di svuotarsi del suo contenuto e chiese alle altre borse di fare lo stesso. L unica borsa che non accettò di svuotarsi, ovviamente, fu quella blu, permalosa ed arrogante com era. Federica, non sopportava più la grande borsa e così per dispetto fece crollare lo scalino dove era situata, facendola cadere tra le macerie. Tra queste c erano dei pezzi appuntiti di legno che la fecero strappare, rovinandola del tutto! Federica si sentì sollevata e capì che il dolore che aveva alla schiena era causato dal peso della borsa blu che ormai era andata perduta. Gaetana Di Micco, Giusy Ruggiero, Emanuela Garofalo Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 9

10 La penna magica Tanto tempo fa un pizzaiolo di nome Raul aveva un segreto davvero strabiliante. Era il proprietario di una famosissima pizzeria: la sua pizza infatti era buonissima e c era sempre una gran fila per mangiarla. Nessuno sapeva il suo segreto ma la sua pizza era davvero insuperabile. Aveva cominciato quest attività subito dopo il matrimonio. Per il suo viaggio di nozze era andato con sua moglie in Africa dove aveva aiutato durante un safari un leone rimasto intrappolato in una trappola dei cacciatori. Così uno sciamano per il suo coraggio e per il suo amore per la natura gli aveva regalato una penna. Il regalo gli sembrò un po strano ma lo accettò. Una volta tornato a casa, Raoul volle provarla e disegnò su un foglio una pizza (dacchè lui faceva il pizzaiolo con non molto successo). Subito dopo il suo gatto Muffin, passeggiando sul tavolo, fece cadere un barattolo per terra e per il rumore fuggì via impaurito, lasciando cadere un suo pelo sul disegno. Subito dopo il padrone vide il pelo e soffiò sul foglio e così in un batter d occhio il foglio si trasformò in una pizza succulenta. Il pizzaiolo rimase senza parole e provò la pizza comparsagli davanti: era eccezionale! Così decise di fare tutte le pizze così. Divenne famosissimo e dopo un po di tempo diventò ricco. Allora decise di fare un altro viaggio in Africa e ringraziare quell uomo che gli aveva donato la penna magica. Non lo trovò e a questo punto fece una donazione a favore delle zone povere africane. Dopo essere tornato a casa, andò in pizzeria e trovò altre penne magiche. Così aprì numerose pizzerie in tutto il mondo e, nonostante fosse molto ricco, non dimenticò mai di aiutare il prossimo e i poveri. Inoltre, la sua pizza, dopo ogni buona azione, diventò sempre più saporita. Giovanna, Chiara Serra, Martina Tremante 10 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

11 Cosa succederebbe se Cosa succederebbe se un quaderno parlasse Un giorno una ragazza di nome Claudia, si incamminò verso scuola tutta preoccupata sia per il compito in classe di italiano che si sarebbe tenuto quella mattina, sia perché la mamma le aveva comprato un quaderno tutto strano, troppo da bambina, e sapeva bene che le sue compagne l avrebbero presa in giro. Arrivò a scuola, prese posto, tirò fuori il quaderno dal suo zaino e iniziò a svolgere il compito. All improvviso sentì una vocina sottile, che sussurrando le disse: Ehi! Sono qui per aiutarti, hai bisogno di me? La ragazza confusa, si guardò intorno per cercare di capire da dove provenisse quella voce soave ed allora si accorse che proveniva dal quaderno. Così rispose: Certo che sì! Questo compito è davvero incomprensibile. Il quaderno, allora, iniziò a suggerirle tutte le risposte, facendola così terminare il compito in un batter d occhio. Il giorno dopo la prof aveva già corretto tutti i compiti e Claudia era stata l unica a prendere un ottimo voto. La ragazza, saputi i risultati, ringraziò tanto il quaderno e da quel giorno lo tenne sempre con sé. Chi trova un amico, trova un tesoro! Giusy Cennamo, Rosanna Grillà, Fatima Di Micco Cosa succederebbe se non ci fosse la gravità? (I variante) Un giorno di primavera eravamo a scuola quando nell ora di arte incominciarono a volare penne, matite, sedie, banchi e tutta la classe all improvviso si ritrovò a fluttuare nell aria. Il professore andò a sbattere con la testa contro il soffitto e stava per volare via dalla finestra. Così, per non perderlo, gli lanciammo una corda che tirò fin quando non riuscì ad attaccarsi alla maniglia e a rientrare in classe. Capimmo subito che quello era un problema di gravità. Legati a delle funi, cercammo di tornare nelle nostre case. Da qualche televisione che fluttuava nell aria scoprimmo che gli scienziati di tutto il mondo si stavano consultando per capire il motivo di quell assenza di gravità. Ma nessuno sapeva dire come fosse scomparsa. La NASA stava preparando un razzo per capire se nello spazio c era stato qualche cambiamento quando in alcuni campi di grano cominciarono ad apparire delle scritte e dei disegni strani. In effetti se ne parlava da tempo e si pensava fossero opera degli alieni. Ed invece gli scienziati riuscirono a decodificarli e lessero il messaggio che contenevano. Quei cerchi nel grano erano messaggi del pianeta Terra! Così si scoprì che l assenza di gravità era stata provocata dalla Terra stessa perché era stanca dell inquinamento causato dagli uomini che non avevano nessun rispetto per l ambiente. Nell ultimo messaggio la Terra diceva a tutti gli umani: Non inquinate più e vi ridarò la gravità. Questa volta gli umani impararono la lezione e non fecero più niente contro la natura per paura che la terra gli togliesse definitivamente la forza di gravità. Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 11

12 De Rosa Biagio, Mormile Francesco, Silvestre Nicolas Cosa succederebbe se le statue parlassero? Un giorno un bambino di nome Matteo festeggiava i suoi 12 anni e non vedeva l ora di scoprire qual era il regalo da parte dei suoi genitori. Era emozionatissimo: si aspettava un gioco, dei DVD ma i suoi genitori gli fecero un altro tipo di regalo, un viaggio a Parigi per visitare il Louvre. A Matteo non piacque il regalo, voleva scoppiare a piangere, ma non voleva far rimanere male i suoi genitori, quindi fece finta di essere contento. Arrivato il giorno della partenza, Matteo e la sua famiglia presero l aereo per Parigi. Il viaggio durò alcune ore e intanto Matteo si addormentò. Arrivati in città, la famiglia andò subito a visitare il Louvre e i genitori di Matteo non facevano altro che ammirare e fotografare i monumenti, le statue e i dipinti, lì esposti. Matteo invece si annoiava a morte: avrebbe preferito restare a casa anziché gironzolare in quel museo. All improvviso una voce spaventò Matteo. Questa gli diceva: Ehi tu! Ragazzo, perché non vieni ad ammirarci? Matteo si girò e vide La Gioconda che gli parlava. Lui credeva di avere le allucinazioni, ma era proprio vero: la Gioconda gli stava parlando! All improvviso un altra voce lo sorprese: Ehi ragazzo! La Gioconda ha ragione! Perché non vieni a scattarci qualche foto? Non ti piacciamo? Come è possibile che voi sappiate parlare? disse Matteo sorpreso ma anche curioso Siete delle statue robot? No risposero tutte le statue e la Gioconda in coro Noi sappiamo parlare perché abbiamo imparato dalle persone che vengono a visitarci. Che cosa credevi, che noi non avessimo il cervello? dissero. No, no! Certo che no! rispose Matteo Non volevo mica offendervi! Il ragazzo si presentò alle statue e iniziò a parlare con loro per tutto il tempo. Quando uscirono dal Louvre, i genitori gli chiesero se gli era piaciuta la visita al museo e Matteo, rispose con entusiasmo di sì, poichè era stata molto interessante ed istruttiva. Esposito Padricelli Giulia Cosa succederebbe se i professori parlassero all incontrario? Cari scienziati, vi scriviamo per raccontarvi un fatto davvero strano successo nella nostra classe, sperando che voi possiate darci una risposta. Era martedì, quando Mauro fece una domanda riguardo un problema di matematica alla professoressa Di Nardo ed ella gli rispose: Non ossop ivrid allun eteglovs li amelborp ad ilos. Noi siamo rimasti scioccati. Di fronte alle nostre facce impietrite la prof. è rimasta senza parole. Pensava fossimo in difficoltà per l esercizio affidatoci e si preoccupava per noi. Ma adesso siamo noi in pensiero per lei! Che possiamo fare? Martina Tremante, Giovanna Di Micco, Chiara Serra 12 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

13 Cosa succederebbe se i disegni si animassero? Un giorno nell ora di arte eravamo tutti intenti a fare i nostri disegni. Eravamo talmente concentrati che in classe regnava il silenzio più assoluto. In quel momento sentimmo delle voci. Ci guardammo intorno, con aria interrogativa, ma nessuno aveva parlato. Poi pensammo che fosse stato il professore e lo guardammo, ma non era stato nemmeno lui. Era strano:qualcuno doveva aver parlato eppure nella nostra classe regnava un silenzio così assoluto. C era un atmosfera talmente tranquilla e rilassante che, non solo, quelle voci avevano rovinato la nostra tranquillità ma anche i nostri disegni! Riprendemmo a disegnare ma a quel punto mi accorsi che i miei disegni non c erano più ed era rimasto soltanto il foglio bianco. Così guardai i miei compagni e anche i loro fogli erano diventati bianchi. Eppure avevamo fatto tanti disegni fino a quel momento! Com era possibile? Dov erano finiti? A quel punto mi venne un idea: e se i nostri disegni avessero preso vita e fossero stati loro a parlare? Valeva la pena investigare. Ci alzammo per cercarli e li trovammo dappertutto: in bagno, nel cortile, nel corridoio, seduti nei banchi. Era una cosa davvero mitica.. stranissima. Eravamo senza parole. Poi cominciammo a capire i vantaggi di quello che era successo. Tutti nostri desideri, tutti i nostri sogni, trasformati in disegni, sarebbero diventati realtà. Così ci rimettemmo subito all opera. Caterina Barra, Rita Parisi, Rosa Romano Cosa succederebbe se il mondo fosse senza maschi? Un giorno a casa di Lucia andò la sua migliore amica Nunzia per trascorrere una serata fra amiche. Ma a disturbarle c era il fratello di Lucia, Marco, con il suo amico Michele. Lucia e Nunzia pensavano come sarebbe stato bello e silenzioso il mondo se fosse stato senza maschi senza accorgersi che in quel momento stava passando una stella cadente. Il mattino seguente si svegliarono ed era tutto tranquillo, non si sentiva alcun rumore: questo sembrava molto strano alle due amiche. Lucia la mattina sentiva sempre il fratello che le urlava a squarciagola di alzarsi e di fare presto. Allora si prepararono per andare a scuola. Arrivate lì, si accorsero che non c erano più maschi, uscirono in cortile e anche lì non si vedeva neanche un ombra di un uomo, ragazzo o bambino. Ritornarono nell atrio della scuola: a scuola c erano solo femmine! Anche i prof. maschi erano spariti. Una volta tornate a casa in televisione sentirono la notizia definitiva: i maschi erano misteriosamente scomparsi! Le due amiche esultarono di gioia per l accaduto. Scese la sera e le due ragazze non videro tornare i loro papà. Certo, il mondo era senza maschi! In fondo non era poi così bello, pensava Lucia. Svegliati, Luciaaa! urlò Marco a squarciagola proprio nelle sue orecchie. Meno male, era un sogno! Le sarebbe proprio dispiaciuto per il suo papà. Un po meno per suo fratello Giusy Cennamo, Rosanna Grillà, Fatima Di Micco Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 13

14 Cosa succederebbe se non ci fosse la gravità? (II variante) Marco era un ragazzino molto fantasioso: se ne inventava di tutti i colori, certamente le cose più strampalate venivano in mente a lui. Una volta fantasticò su come sarebbe stato il mondo senza gravità. Secondo me il mondo girerebbe su se stesso fino a quando tutti vomiterebbero pensava mentre andava a scuola. Un giorno, svegliandosi, si mise a sedere sul letto con gli occhi chiusi ancora tutto assonnato, cercando di infilarsi le pantofole, anche se dopo svariate volte rinunciò a mettersele. Alzandosi, infatti, si accorse del fatto che le pantofole stavano fluttuando nell aria e scendendo dal letto non poggiò i piedi a terra perché il suo letto, e quindi egli stesso, era sospeso nella sua stanza. Marco, dopo averci ragionato, capì che la sua fantasia era diventata realtà sulla terra mancava la gravità! Fluttuando, si vestì, andò in cucina e fece colazione con difficoltà siccome il latte e i biscotti volavano. Andò a scuola e lì la cosa fu ancora più divertente: il suo compagno Francesco rincorse la sua matita che gironzolava per l aula e la professoressa cercò per molto tempo di riprendere gli occhiali che fluttuavano lontano da lei. Le lezioni finirono prima e non ci furono i compiti! Per Marco era tutto fantastico e cominciò a pensare che non poteva essere tutto vero. Così si diede dei pizzicotti per capire se era tutto un sogno. E a quel punto si svegliò. Purtroppo era stato tutto frutto della sua immaginazione. Gaetana Di Micco, Giusy Ruggiero, Emanuela Garofalo Cosa succederebbe se la scuola volasse? Durante un normale incontro per un progetto scolastico, d un tratto i computer caddero dalle scrivanie, i libri caddero dai banchi e le sedie vennero trascinate qui e lì. Noi tutti ci affacciammo alle finestre, pensando di non aver via di fuga dal terremoto e vedemmo il Golfo di Napoli! La scuola stava letteralmente volando. Oh, ma, ma la scuola vola! Datemi un pizzicotto, non riesco a crederci! disse l irrefrenabile Maria, con un sorriso stampato sul volto. Era magnifico! Stavamo sorvolando l Italia intera senza essercene nemmeno accorti! Ed ecco il Monte Bianco, il più alto d Italia, disse la professoressa Falco chi mi sa dare notizie? Dai prof... godetevi il giro! la incitammo tutti. Lentamente la scuola passò su tutt Italia e poi tornò al suo posto. Noi uscimmo dalle nostre aule meravigliati: era stata sicuramente un esperienza indimenticabile. Alborino Giuseppina Anna, Bianchini Federica, Bova Maria 14 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

15 Modi di dire Avere la testa fra le nuvole (I versione) Giulia era una ragazza un po stramba e aveva una sua stilista personale che accontentava ogni suo desiderio: una fatina. Era sempre in caccia di abiti ed acconciature all ultima moda. Da un po di tempo desiderava cambiare look. Ma le sarebbe piaciuto qualcosa che fosse originale. Guardando le nuvole, notò che queste cambiavano sempre dimensione, assumendo di volta in volta una forma diversa. E se i suoi capelli fossero stati così? Non avrebbe mai avuto la stessa pettinatura! Chiese alla sua fatina di fiducia di darle una mano. Quella notte la fatina, che era anch ella un po strana, trasformò i suoi capelli in nuvole che ad ogni cambio di vento modificavano il loro aspetto. Il giorno seguente, quando Giulia si svegliò, si specchiò e vide che la fatina l aveva accontentata. Di corsa andò a scuola molto felice, per mostrare agli altri la sua nuova moda. Tutte le ragazze la assillavano per ricevere da lei consigli di moda, ma lei non poteva accontentarle perché con la testa fra le nuvole non sentiva e non vedeva niente. Giorno dopo giorno la nuvola cresceva sempre più, ricoprendole tutta la testa fino a quando un giorno sollevò la ragazza da terra, trasportandola in cielo. La fatina, assistendo a questa scena, si alzò in volo e fece scomparire in un baleno la nuvola. La ragazza iniziò a precipitare, ma cadde sopra un soffice materassino fatto di materiale nuvoloso che aveva va poggiato lì la fatina. Meno male che quella brutta esperienza era finita! Cennamo Giusy, Rosanna Grillà, Federica Bianchini Avere la testa fra le nuvole (II versione) Valery era a scuola, però non stava ascoltando la lezione, dato che era troppo impegnata a pensare al ragazzo che le piaceva: Niall. Tra l altro era anche suo compagno di classe e le era veramente difficile concentrarsi. Valery!!! la sgridò la professoressa Falco. Scusate prof.! Ero un po distratta rispose la ragazza. Ma tu sei sempre distratta! Nota sul registro! Ormai Valery si era rassegnata sarebbe sicuramente stata bocciata. Doveva impegnarsi, però, o i genitori le avrebbero tolto il cellulare. Ah deve essere lui il motivo della tua distrazione... disse guardando Niall. Ehm no, professoressa, cioè io Valery era imbarazzatissima e aveva il viso più rosso di un peperoncino. Niall! Cambia posto! Vicino a Valery! disse la prof. Falco e Niall lo fece. Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 15

16 Ciao! la salutò Niall. C-Ciao balbettò la ragazza. Tutto bene Valery? Sei un po strana Sì, tutto bene non preoccuparti. La lezione proseguì e per la prima volta dopo tanto tempo Valery fu attenta e non guardò Niall. Ma proprio quella volta il ragazzo che le piaceva da tantissimo tempo cercava il suo sguardo e le sorrideva fino a quando le scrisse un bigliettino. Vuoi uscire con me? lesse Valery al colmo della felicità. Improvvisamente la ragazza sentì un forte dolore alla tempia e, sbattendo più volte gli occhi, si accorse di aver preso un palo Si era immaginata tutto! Sarebbe stato troppo bello per essere vero. Era davvero stata con la testa fra le nuvole. Emanuela Garofalo, Giusy Ruggiero, Gaya Di Micco Non avere peli sulla lingua Jessica era una ragazza molto sincera, a volte anche troppo: spesso le sue amiche le dicevano che non aveva peli sulla lingua. Anche se a volte avrebbe potuto usare un po di tatto con gli altri. Infatti in una discussione con la sua migliore amica a cui aveva detto senza mezzi termini che a scuola stava andando proprio malissimo e che non c era niente da fare per essere promossa, lei le disse che forse le avrebbe fatto bene avere un paio di peli sulla lingua! Proprio per la sua mancanza di sensibilità! La mattina Jessica si svegliò, andò nel bagno e, mentre si stava lavando i denti, si accorse che aveva i peli sulla lingua. Subito iniziò ad urlare e a preoccuparsi. Chiamò la mamma per dirle questa orribile notizia e anche la mamma incominciò a preoccuparsi. Così le disse: Chiama l estetista: lei te li toglierà! Quel pomeriggio stesso arrivò l estetista: Jessica inizialmente non voleva farsi vedere perché si vergognava, ma la mamma la convinse. Jessica cacciò fuori la lingua, l estetista stava quasi per svenire ma subito si riprese e incominciò a togliere i peli. Jessica pianse dal dolore. Alla fine del lavoro Jessica era felicissima: adesso la sua lingua era liscia e senza nessun pelo. Carla Russo, Michela Gigante, Pedata Rosa 16 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

17 La cicala e la formica Riportiamo la versione ufficiale della fiaba de la cicala e la formica. Gli alunni hanno pensato, invece, che la formica fosse più bendisposta verso la cicala e che la invitasse a casa sua. L'estate trascorre felice per la cicala che si gode il sole sulle foglie degli alberi e canta, canta, canta. Viene il freddo e la cicala imprevidente, si trova senza un rifugio e senza cibo. Si ricorda che la formica per tutta l'estate ha accumulato provviste nella sua calda casina sottoterra. Va, allora, a bussare alla porta della formica. La formica si fa sulla porta, reggendo una vecchia lampada ad olio. «Cosa vuoi?» chiede con aria infastidita. «Ho freddo, ho fame.» balbetta la cicala. Dietro di lei si vede la campagna innevata. Anche il cappello della cicala ed il violino sono pieni di neve. «Ma davvero?» brontola la formica «Io ho lavorato tutta l'estate per accumulare il cibo per l'inverno. Tu che cosa hai fatto in quelle giornate di sole? «Io ho cantato!» «Hai cantato? Bene adesso balla!» La formica richiude la porta e torna al calduccio della sua casetta, mentre la cicala, con il cappello ed il violino coperti di neve, rimane al freddo, ad ali basse, nella campagna. Versione adatt. Jean De La Fontaine Finale 1 Un giorno una formica incontrò una cicala, la salutò e la invitò a casa sua per tutto l inverno. Voleva compagnia per il letargo. Arrivata a casa della formica, la cicala la ringraziò per la sua ospitalità e disse: Grazie, sono molto contenta di restare con te per tutto l inverno. La cicala disse alla formica che la sua casa era molto calda e sembrava fosse estate. A questo punto la cicala, con il suo talento di cantante, cantò tante belle canzoni moderne, dedicate alla formica che dalla felicità si commosse. La formica, sentendo la voce della sua amica, volle imparare a cantare e la cicala incominciò dei corsi di canto e dopo molte lezioni la formica divenne bravissima. Cantando, l inverno passò in fretta e, quando la cicala doveva tornare alla sua abitazione, le due piansero ma la formica ormai era cambiata, non raccoglieva più il cibo e sentiva la mancanza della cicala e del suo canto. La formica si mise alla ricerca della cicala ed era curiosa di conoscere la casa della sua amica. Entrata nella casa ad ogni passo che faceva, si sentiva una nota musicale e la formica disse alla cicala di volere una casa Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 17

18 come la sua. La formica e la cicala divennero un duetto di cantanti formidabili: infatti nella foresta si svolgevano sempre concerti a cui gli altri animali partecipavano volentieri. Tornò l inverno e la cicala e la formica rimasero senza provviste e decisero che a ogni concerto gli animali spettatori avrebbero dovuto pagare il biglietto. Divennero ricche e famose, vincendo il festival di Sanremo e interpretarono dei film musicali a Hollywood. Mormile Francesco, Silvestre Nicolas, Vitagliano Alfonso Finale 2 Disperata, la cicala andò ad esporre il suo triste caso alla vicina, una formica, pregandola di prestarle quel poco di cibo che sarebbe bastato per farla campare fino a primavera. La formica disse alla cicala: Certo, mia cara amica, ti ospiterò per tutto l inverno e ti offrirò il miglior cibo che ho. La cicala rispose: Grazie mille, non so come ringraziarti, ma stai certa che ho un debito con te. La formica la ospitò in casa e le fece vedere la stanza degli ospiti. La cicala rimase soddisfatta per la stanza e per l ospitalità della formica. Un giorno d inverno la cicala si svegliò molto prima della formica per farle una sorpresa perché voleva preparare la colazione, ma visto che, sembrava di essere in estate talmente che faceva caldo, la cicala si mise a cantare canzoni di opere liriche. Quando la formica si svegliò grazie alle armoniose canzoni della cicala, volle anche lei imparare a cantare e disse alla cicala: Buongiorno, amica mia, che bella canzone che stai cantando! Vorrei anche io imparare a cantare come te. La cicala rispose: Ma certo! Possiamo incominciare anche adesso le lezioni! Mi sembra il minimo dopo quello che hai fatto per me. La formica accettò e subito imparò a cantare come la cicala. Un giorno d estate venne un artista di Natura Got Talent (un programma che faceva tutte le domeniche condotto da Antonio il Riccio) e sentì la cicala e la formica cantare e subito si innamorò delle loro voci. L artista entrò in casa e le convocò per un provino che sarebbe tenuto il sabato successivo. Il sabato seguente si svegliarono molto presto, salirono sulla rana mobile e andarono ad Insettopoli. Erano emozionatissime. Il provino andò a meraviglia e comparvero in TV e le videro in tutto il mondo e da quel momento tutti gli insetti le ammirarono. Le due amiche non si lasciarono mai più. Il nome della band era le amiche cantanti. Barra Emanuele, De Rosa Biagio, Barra Francesco Finale 3 La formica disse: Cara cicala, sono disposta ad ospitarti per tutto l inverno, accomodati in casa. La cicala disse: Si sta così bene qui che sembra di essere ancora in estate, adesso ti farò sentire delle canzoni moderne. E cominciò il suo repertorio. La formica: Wow, ma sei bravissima! Da questo momento la musica è la mia passione, voglio imparare a cantare. 18 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

19 All inizio la formica si mostrò un po stonata ma dopo qualche giorno di prove diventò una cantante perfetta. L inverno passò in fretta tra musica, divertimento e lezioni di canto ed arrivò il momento degli addii. La formica era cambiata e non voleva più stare ad ammucchiare provviste: infatti aveva nostalgia del canto della cicala e della cicala stessa. La formica, allora, si mise in cerca della sua amica e la trovò nella sua casa. All interno di essa c erano note musicali e strumenti a fiato. La cicala accettò la proposta della formica, ovvero quella di andare a vivere con lei. La mattina uscivano insieme e lasciavano la casa in disordine: le magliette nella dispensa e i pantaloni nel lavello. Andavano a cantare dall alba al tramonto e tutti gli altri animali le acclamavano, chiedendogli autografi. La formica un giorno affermò: Fino a ieri eravamo due animali normali ed ora siamo due star! E tutto grazie a te! La cicala rispose: Hai ragione, amica mia, la ruota della fortuna oggi ha scelto noi! Finalmente! Arrivò l inverno e le due non avevano provviste.. ma alla formica venne un idea illuminante quella di sfruttare le loro abilità di cantanti. Le due prenotarono un viaggio per fare le selezioni per Amici di Maria De Filippi e non solo le passarono ma vinsero il talent show! Divennero così ricche e famose. Maria Bova, Chiara Serra Finale 4 La cicala pregò la formica: Ti prego! Se mi ospiti, farò tutto ciò che vuoi! Tutto, proprio tutto? Sì, ma ti prego aiutami! Allora, entra! le concesse la formica. La cicala entrò e vide tutta la casa in disordine, i figli della formica piangere e fare i capricci e suo marito seduto sul divano a mangiare qualcosa, sbriciolando dappertutto. Mi farai da aiutante Dovrai pulire casa e fare la babysitter! sentenziò la formica. La cicala guardò per un momento tutto il disordine e per qualche secondo pensò di andarsene, ma vedendo tutte le scorte di cibo, decise di restare, altrimenti sarebbe morta durante l inverno. Passarono alcuni giorni e la cicala cantò con armonia, portando molta allegria in quella casa triste e piena di rumori assordanti. Tutti erano felici, tanto che la formica iniziò ad aiutarla nelle pulizie e anche i suoi figli non piangevano più, ma giocavano gioiosamente. Tra scherzi e canti, però, l inverno passò e arrivò per la cicala il momento di tornare a casa. Non andare! dissero le due piccole formichine. Mi dispiace piccole, ma devo andare a rallegrare gli altri con il mio canto. Vi prometto che verrò a farvi visita appena possibile. Esperto: Prof.ssa Elena Lazzaro Tutor: Prof.ssa Carolina Falco, Prof.ssa Grazia Rocco 19

20 La cicala partì e qualche mese dopo fece carriera, diventando la cicala con la voce più bella del mondo. Ovviamente non si dimenticò della promessa fatta alle formichine: infatti tornò a trovarle e si abbracciarono per la felicità. Un buon amico non abbandona mai i suoi amici soprattutto quelli che l hanno aiutato nei momenti di difficoltà. Giusy Ruggiero, Giusy Cennamo, Rosanna Grillà Finale 5 La cicala, non ottenendo nient altro che dei rimproveri dalla formica, la implorò dicendo: Oh, formica cara, se mi ospiterai a casa tua, io addolcirò ogni momento di questo inverno con il mio canto e ti aiuterò a diventare come me. La formica, pensando a quello che la cicala le aveva appena detto, rispose: Ti ospiterò solo per questo inverno, dopodiché dovrai provvedere da sola alla tua vita. La tana della formica era talmente calda e accogliente che alla cicala venne voglia di cantare, facendo restare la formica senza parole. Alla formica, a furia di ascoltare il canto melodioso della cicala, venne voglia di imparare a cantare come lei; così facendo chiese alla cicala: Adesso tocca a te rispettare il patto; insegnami a cantare come te! La cicala accettò e, appena sentì la voce stonata della formica, cacciò dalla tasca della giacca dei tappi per le orecchie e se li infilò; appena la formica finì di cantare le disse con voce sarcastica: Per te ci sarà molto lavoro da fare nel mondo della musica Ad ogni lezione la formica, impegnandosi, diventava sempre più brava. Una volta arrivata la primavera la formica era talmente brava che avrebbe potuto vincere il festival di San Farfalla. La cicala aveva fatto un vero e proprio miracolo! Le due, per salutarsi, cantarono una serenata, facendo radunare intorno a loro una folla di insetti. La formica tornò a casa sua e si accorse di non voler più trascorrere le sue giornate ad accumulare le provviste per l inverno, ma di voler vivere come la cicala. Tornò dalla cicala e le chiese di poter vivere con lei perché le si era affezionata troppo; la cicala, entusiasta, disse alla formica: Se verrai a vivere con me, ogni mattina usciremo a cantare, rallegrando le giornate degli altri. La formica rispose di sì con molto entusiasmo. La cicala e la formica diventarono sempre più famose e formidabili. Un giorno, mentre cantavano in una piazza, si avvicinò loro il famosissimo Simon Bruco, il produttore della serie musicale San Farfalla. Simon disse loro: Voi avete tanto talento! Perché non fate le audizioni di San Farfalla? Il duo accettò e, dopo aver fatto le audizioni, partecipò al programma e le due formidabili cantanti vinsero. Quelle due diventarono le più famose del mondo della musica insetto. Gaetana Di Micco, Emanuela Garofalo, Anna Auriemma Finale 6 Disperata, la cicala andò a esporre il suo triste caso alla vicina, una formica, pregandola di prestarle quel poco di cibo che sarebbe bastato per farla campare fino a primavera. La formica le disse: Certo, ti ospiterò per tutto l inverno e ti darò il 20 PON Le avventure del lettore a.s. 2013/2014 Classi IA e ID

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli