CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE MODERNE (CLASSE 11)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE MODERNE (CLASSE 11)"

Transcript

1 CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE MODERNE (CLASSE 11) Informazioni generali Il Corso di laurea in Lingue e Culture Straniere Moderne ha durata triennale e si articola in due curricula: Interlinguistico e Interculturale; Lingue, Letterature e Scienze del Testo. I due curricula si differenziano rispettivamente per un maggiore accento sullo studio delle culture e per un maggior accento sull analisi dei testi letterari. Per conseguire la laurea occorre acquisire almeno 180 crediti (CFU). Ogni CFU corrisponde a 25 ore di apprendimento (lezioni frontali, esercitazioni, studio individuale). I CFU misurano il carico di apprendimento dello studente e si acquisiscono con il superamento degli esami e le altre attività formative previste dall ordinamento degli studi. L anno accademico è articolato in semestri: primo semestre: dal 1 ottobre al 19 dicembre secondo semestre: dal 16 febbraio al 22 maggio Gli insegnamenti sono impartiti in forma semestrale compattata, con l eccezione degli insegnamenti di Lingua straniera, le cui esercitazioni di lettorato hanno durata annuale. L impegno dello studente per ogni anno di corso corrisponde a 60 CFU, per un totale di 180 CFU. L orario delle lezioni è pubblicato in sezione apposita sul sito della Facoltà (http://lingue.uniss.it). La frequenza è vivamente raccomandata. Al termine degli studi con il raggiungimento dei 180 CFU e la discussione della prova finale, si consegue il titolo accademico di dottore in Lingue e Culture Straniere Moderne. Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding) I laureati in Lingue e Culture Straniere Moderne possiedono un elevata conoscenza di almeno due lingue straniere e una discreta conoscenza di una terza, abbinata a una spiccata capacità di comprensione del contesto culturale al cui interno esse si sviluppano. In particolare tale comprensione, negli studenti che hanno seguito il curriculum Interlinguistico e interculturale, si esplica con una maggiore attenzione per gli aspetti letterari e storici; mentre negli studenti che hanno seguito il curriculum in Lingue, Letterature e Scienze del Testo la capacità di comprensione tocca e sviluppa aspetti di tipo filologico e filosofico. La comprensione acquisita si alimenta della capacità di connettere e comparare elementi della lingua e della cultura nazionale con quelli delle lingue e delle culture del mondo. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applied knowledge and understanding) I laureati di entrambi i curricula, seppure con modulazioni diverse, in virtù delle conoscenze e capacità di comprensione acquisite, conoscenze e capacità che li hanno introdotti in profondità nella cultura e nella mentalità straniere, sono in grado di relazionarsi con l altro da sé (siano essi testi, persone o organismi), nei diversi contesti della vita quotidiana e professionale, con spirito critico e duttile. I laureati in Lingue e Culture Straniere, attraverso gli strumenti linguistici e culturali di cui si sono impadroniti, possono affrontare e risolvere le situazioni problematiche che inevitabilmente derivano dall incontro-scontro tra culture. Anno accademico

2 Autonomia di giudizio (making judgments) I laureati in Lingue e Culture Straniere Moderne hanno acquisito un metodo e una sensibilità che incrementano la capacità di tradurre e interpretare l altro da sé, superando con una propria autonomia critica i pregiudizi e gli ostacoli che continuamente si frappongono nel confronto interculturale. Abilità comunicative (communication skills) I laureati in Lingue e Culture Straniere Moderne sanno mettersi sulla lunghezza d onda dei loro interlocutori stranieri e non-stranieri, tenendo conto della diversità dei contesti culturali e linguistici e modulando il loro rapporto con l altro, in modo da rivederlo continuamente a seconda delle necessità. I laureati sanno esprimere in modo articolato e complesso i propri pensieri, i propri progetti e i risultati delle proprie ricerche e sono soprattutto capaci di riformulare con proprie parole dati e situazioni problematici in modo pragmaticamente adeguato. Capacità di apprendimento (learning skills) I laureati in Lingue e Culture Straniere Moderne grazie alle conoscenze e competenze linguistiche, letterarie, filologiche, storiche e filosofiche che caratterizzano in modo peculiare i due curricula della classe, e anche grazie alle conoscenze di base di tipo informatico, sanno misurarsi con i testi e interpretarli criticamente secondo prospettive diverse requisito necessario e indispensabile per poter accedere in modo autonomo e consapevole a stadi successivi della propria formazione. Sbocchi professionali I laureati in Lingue e Culture Straniere Moderne acquisiscono la capacità di operare professionalmente in contesti multietnici e multiculturali, in particolare nei settori dei servizi culturali, del giornalismo, dell editoria e delle istituzioni culturali, in imprese e attività commerciali, nelle rappresentanze diplomatiche e consolari, nel turismo culturale e nell intermediazione tra le culture dell Europa e tra queste e quelle dell America, dell Asia e dell Africa. Possono inoltre intraprendere la carriera dell insegnamento nelle scuole secondarie, previa acquisizione della Laurea Magistrale che consente la partecipazione alle selezioni della Scuola di Specializzazione all Insegnamento Secondario (SSIS). Piani di studio Per lo studente immatricolato nell anno accademico , si intenderà adottato il piano di studi ufficiale, e non occorre quindi presentare un piano individuale. Saranno considerate regolari, ai fini dell ammissione alla prova finale, le carriere che abbiano mostrato il superamento degli esami obbligatori e di quelli a scelta libera o alternativa prefissata. Gli studenti possono decidere di utilizzare i 12 crediti liberi, corrispondenti alle attività a scelta, per altri insegnamenti tra quelli attivati nei Corsi di laurea della Facoltà o di altre Facoltà dell Ateneo o di altre Università, italiane o straniere (in particolare nel quadro del programma Erasmus). La scelta di tali insegnamenti da parte dello studente è libera e pertanto ciò non implica, in nessun dei casi sopra indicati, la presentazione di un piano di studi individuale. Per la scelta degli insegnamenti impartiti dalla Facoltà e per gli ulteriori crediti liberi, corrispondenti alle altre attività di contesto, si rimanda ai relativi paragrafi. Allo scopo di intraprendere la carriera dell insegnamento scolastico e di frequentare la Scuola di Specializzazione all Insegnamento Secondario (SSIS), occorre essere in possesso dei seguenti requisiti ottenuti tra Laurea triennale in Lingue e Culture Straniere Moderne (classe 11) e Laurea Magistrale: Anno accademico

3 almeno 12 CFU tra L-LIN/01 e L-LIN/02 almeno 36 CFU per la lingua straniera almeno 24 CFU per la relativa letteratura straniera Pertanto chi ha scelto il curriculum Lingue, Letterature e Scienze del Testo e intende intraprendere la carriera dell insegnamento scolastico, per non avere debiti formativi deve, nel triennio, esercitare le seguenti scelte virtuose: OPTARE al II anno per la letteratura relativa alla prima lingua straniera x prescelta, oppure optare al III anno per l esame di letteratura straniera x come esame a scelta; Gli studenti di entrambi i curricula che intendano proseguire gli studi iscrivendosi alla laurea magistrale Lingue, Culture e Comunicazione internazionale (LM-38), potrebbero se lo ritengono opportuno- inserire una disciplina giuridica e una disciplina economica tra le 2 attività a scelta. Tale corso di laurea magistrale, infatti, prevede che all atto dell iscrizione si siano sostenuti entrambi gli esami di queste discipline. Si tenga tuttavia presente che, per i laureati che non avessero sostenuto tali esami, la Facoltà organizza degli appositi corsi zero di II livello (o precorsi di recupero) per l acquisizione delle competenze previste. Si fa presente infine che il piano di studi ha valore per il triennio successivo e rimane attivo fino al conseguimento del titolo solo per gli studenti che si immatricolano in detto anno accademico. N.B. Gli studenti immatricolati negli anni precedenti devono fare riferimento al piano di studi triennale relativo al loro anno di immatricolazione. Piani di studio studenti part-time A partire dall a.a 2006/2007 (delibera del Senato Accademico del 21/06/2006), gli studenti sono tenuti ad indicare, al momento dell immatricolazione o dell iscrizione, lo status di studente a tempo pieno o a tempo parziale. Per lo status di studente a tempo parziale si rimanda al Regolamento Studenti Part-time dell Ateneo. Lo studente impegnato a tempo parziale, al momento dell immatricolazione, iscrizione o trasferimento, opta per il piano di studi alternativo indicato dalla Facoltà, del quale verrà data comunicazione in una sezione apposita del sito web. Per i crediti eventualmente acquisiti in più rispetto al numero minimo previsto, lo studente impegnato a tempo parziale è tenuto a versare, in base a quanto disposto in merito dall Ateneo, una somma aggiuntiva in misura direttamente proporzionale ai crediti acquisiti all atto dell iscrizione all anno successivo. Lo studente impegnato a tempo parziale è tenuto a conseguire il diploma di laurea in un tempo massimo pari a 6 anni, ossia pari al doppio di quello previsto per la durata normale del corso. Prerequisiti Per l iscrizione al primo anno di corso è richiesta, relativamente alle due lingue straniere prescelte, una competenza pari al livello A2 del Quadro Comune Europeo di riferimento per le lingue (con l eccezione della Lingua inglese per la quale la competenza richiesta è pari al livello B1). È inoltre richiesto un buon livello di competenza nella lingua italiana e un discreto livello di cultura generale. La competenza nelle due lingue straniere scelte dallo studente sarà accertata tramite test d ingresso 1, il cui calendario è pubblicato sulla pagina web: Il test non è selettivo, ma autovalutativo. 1 Gli studenti in possesso delle certificazioni linguistiche internazionali, purché conformi a quanto previsto dal regolamento della Facoltà, possono non sostenere i test d ingresso di autovalutazione. Anno accademico

4 Chi si iscrive al Corso di laurea si impegna a frequentare le esercitazioni di lingua straniera. Il docente responsabile delle esercitazioni stabilirà le modalità necessarie a supplire alla mancata frequenza. Corsi di recupero Gli iscritti al primo anno con competenza inferiore al livello A2 (lingua inglese B1) nelle due lingue straniere prescelte potranno adeguare la loro preparazione frequentando i corsi di recupero che si terranno nel primo semestre del primo anno, a partire dal mese di settembre, secondo il calendario pubblicato sul sito della Facoltà nella sezione apposita e nelle bacheche degli studenti. Scelta delle lingue curricolari (x - y - z) La scelta delle lingue x e y deve ricadere tra le seguenti: francese inglese spagnolo - tedesco. La lingua Z, al 3 anno, diversa dalle lingue x e y, può essere scelta tra le seguenti: arabo cinese - francese inglese russo spagnolo tedesco catalano. Corsi zero Gli studenti immatricolati nell a.a. 2008/2009 sono invitati a frequentare i corsi zero istituiti dalla Facoltà, al fine di colmare eventuali lacune di base in cultura generale o nelle discipline previste dal piano di studi e facilitandone così l apprendimento. Alla fine del corso saranno riconosciuti dei CFU, così come prevede il regolamento, utilizzabili ai fini del completamento del piano di studi, all interno delle altre attività. La frequenza è gratuita e fortemente consigliata. I corsi istituiti sono i seguenti: Corso di latino: 18 ore, 2 CFU; (primo o secondo semestre) Nozioni di base della lingua latina. I corsi sono dedicati esclusivamente agli studenti immatricolati nel corrente a.a. Docente responsabile: Prof. Luigi Matt (Linguistica italiana). Corso di statistica: 20 ore, 2 CFU (primo o secondo semestre). Il corso è dedicato esclusivamente agli studenti immatricolati nel corrente a.a. Docente responsabile: Prof. Baingio Pinna (Psicologia generale Psicolinguistica). Iscrizioni ad anni di corso successivi al primo L iscrizione ad anni di corso successivi al primo, solamente al II anno per l a.a , può essere concessa agli iscritti studenti già iscritti al Corso di Laurea in Lingue e Letterature Straniere dell Università degli Studi di Sassari (V.O. quadriennale), agli iscritti al corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere Moderne (classe 11) con ordinamento didattico fino al 2006/2007, agli studenti provenienti da altri corsi di laurea triennali o da altri atenei italiani e stranieri che optano per il nuovo Corso di laurea in Lingue e Culture Straniere Moderne (classe 11) curriculum Interlinguistico e Interculturale o curriculum in Lingue, Letterature e Scienze del testo, a patto che abbiano sostenuto almeno il 75% dei 60 cfu richiesti al I anno, previa approvazione da parte della Commissione Pratiche Studenti. Per gli iscritti provenienti dai corsi di laurea in Lingue e Letterature Straniere (corso quadriennale): Ai fini dell iscrizione al corso di laurea in Lingue e Culture Straniere Moderne (classe 11) curriculum Interlinguistico e Interculturale o curriculum in Lingue, Letterature e Scienze del testo, gli esami già sostenuti secondo le modalità previste dai precedenti ordinamenti quadriennali sono così convertiti in CFU: - 14 CFU (Lingua X1) complessivamente per la Lingua e letteratura straniera I Quadriennale e 6 CFU per la Letteratura corrispondente; Anno accademico

5 - 14 CFU (Lingua Y1) complessivamente per la Lingua e letteratura straniera I Triennale e 6 CFU per la Letteratura corrispondente; - 13 CFU (Lingua X2) complessivamente per Lingua e letteratura straniera II Quadriennale e 6 CFU per la Letteratura corrispondente da inserire come attività a scelta; - 13 CFU (Lingua Y2) complessivamente per la Lingua e letteratura straniera II Triennale e 6 CFU per la Letteratura corrispondente da inserire come attività a scelta; - 6 CFU (Lingua X3) complessivamente per la Lingua e letteratura straniera III Quadriennale; - 6 CFU (Lingua Y3) complessivamente per la Lingua e letteratura straniera III Triennale; - 6 CFU per ogni altro esame compatibile con il nuovo ordinamento di studi; - Le prove scritte di Lingua e Letteratura degli insegnamenti quadriennali del vecchio ordinamento, purché sostenute entro l anno accademico e superate in tutte le parti da cui sono costituite, vengono riconosciute come il corrispettivo esame di Lingua, 14 CFU per LX 1 e LY 1, 13 CFU per LX 2 e LY 2, 6 CFU per LX 3, 6 CFU per LY 3. Coloro che non le avessero ancora superate sono tenuti a sostenere gli esami di lettorato secondo le modalità stabilite per i corsi di laurea triennali. Gli eventuali CFU in eccedenza sono da considerarsi soprannumerari. Per gli iscritti provenienti dai corsi di laurea appartenenti alla classe 11 o dal corso di laurea in Lingue Culture Straniere Moderne (classe 11): Gli studenti già iscritti ad un corso di laurea della classe 11 o al corso di laurea in Lingue e Culture Straniere Moderne (istituito a partire dall a.a ) che volessero optare per il passaggio al presente Corso di laurea in Lingue e Culture Straniere Moderne (solamente al I o al II anno per l a.a ) possono presentare istanza di passaggio di corso presso la Segreteria studenti entro e non oltre il 30 novembre. L ammissione all iscrizione viene fatta sentito il parere della Commissione Pratiche Studenti di Facoltà, con il riconoscimento degli esami eventualmente sostenuti compatibili con l ordinamento didattico. A seguito della valutazione degli esami già sostenuti e convalidati nel presente Corso, gli eventuali debiti formativi dovranno essere colmati con colloqui d esame integrativi o prove pratiche. Al contrario, eventuali CFU in eccedenza saranno computati come soprannumerari, o eventualmente utilizzati ai fini di una successiva iscrizione ad un corso di Laurea Magistrale, previa valutazione della Commissione Riconoscimento CFU. Esami di profitto Le attività formative possono prevedere accertamenti in itinere e, a conclusione dell intero percorso previsto per ciascuna di esse, comportano un esame finale con attribuzione di CFU e voto espresso in trentesimi. Le attività formative di lingua straniera sono costituite dalle esercitazioni pratiche annuali (MOD2), tenute dai lettori, e dal corso teorico semestrale (MOD1) tenuto dal docente titolare. A conclusione delle esercitazioni di lingua lo studente dovrà sostenere le relative prove d esame. I risultati conseguiti concorreranno all attribuzione del voto finale della prova d esame di Lingua, con il docente titolare. Le informazioni sui programmi d esame e sulle modalità delle prove di profitto sono consultabili nella sezione Guida dello studente o nel Prospetto informativo sui corsi di lingua straniera pubblicati sul sito della Facoltà. Esonero prove di profitto linguistiche e informatiche Gli studenti in possesso di certificazioni linguistiche internazionali e certificazioni informatiche riconosciute dal Ministero dell Università, possono richiedere l esonero dallo svolgimento di alcune prove di profitto, sulla base delle tabelle pubblicate sul sito web. Per le lingue, si veda il Prospetto informativo nel sito di Facoltà (http://lingue.uniss.it/) Attività formative a scelta dello studente: CFU 12 Gli studenti possono scegliere di utilizzare i 12 CFU a scelta optando per altri insegnamenti tra quelli attivati nei corsi di laurea della Facoltà o di altre Facoltà Anno accademico

6 dell Ateneo o di altre Università, italiane e straniere. Si consiglia l inserimento di attività formative libere che siano coerenti con le finalità formative del corso di studi prescelto. La scelta degli insegnamenti è libera e non implica la presentazione del piano di studi individuale. A tal fine si segnalano i corsi attivati presso questa o altre Facoltà da inserire preferibilmente fra le attività a scelta: Curriculum Interlinguistico e Interculturale: - Critica letteraria (L-FIL-LET/14) CFU 6; - Filologia della letteratura italiana (L-FIL-LET/13) CFU 6; - Filologia germanica (L-FIL-LET/15) CFU 6; - Filologia romanza (L-FIL-LET/09) CFU 6; - Filosofia del linguaggio (M-FIL/05) CFU 6; - Letteratura italiana (MOD1) (L-FIL-LET/10) CFU 6; - Lingua e letteratura catalana (L-FIL-LET/09) CFU 6; - Psicolinguistica (M-PSI/01) CFU 6; - Psicologia generale (M-PSI/01) CFU 6; - Storia della lingua inglese (L-LIN/12) CFU 6; - Storia delle donne nell età contemporanea (M-STO/04) CFU 6; - Storia dell arte del Mediterraneo (L-ART/02) CFU 6. Curriculum Lingue, Letterature e Scienze del Testo: - Filosofia teoretica (M-FIL/01) CFU 6; - Geografia economica (M-GGR/02) CFU 6; - Letteratura italiana contemporanea (L-FIL-LET/11) CFU 6; - Letterature comparate (L-FIL-LET/14) CFU 6; - Lingua e letteratura catalana (L-FIL-LET/09) CFU 6; - Storia contemporanea (M-STO/04) CFU 6; - Storia della lingua inglese (L-LIN/12) CFU 6; - Storia delle donne nell età contemporanea (M-STO/04) CFU 6. Al fine di conseguire il titolo finale entro la durata prevista del corso di studi, si sconsiglia di inserire ulteriori discipline di lingua straniera rispetto a quelle previste, in quanto le lingue prevedono una sequenza propedeutica vincolata. Infine, si ricorda agli studenti che dopo l acquisizione della Laurea e della Laurea Magistrale siano interessati a frequentare la Scuola di Specializzazione all Insegnamento Secondario (SSIS) di prendere visione e tenere presente le precisazioni succitate alla voce Piani di studio. Altre attività di contesto: fino a 6 CFU in alternativa all insegnamento di Informatica di base (CFU 6) 2 Gli immatricolati nell a.a. 2008/2009 possono acquisire fino a un massimo di 6 CFU relativi ad attività non riconducibili a quelle previste obbligatoriamente dal piano di studi purché comprese o assimilabili alle tipologie di seguito elencate: - Tirocinio presso enti o aziende convenzionate con la Facoltà (150 ore) CFU 6; - Corsi universitari di lingua o di informatica fino a CFU 6; - Corsi universitari corrispondenti ad attività formative extracurricolari, offerte dalla Facoltà o mutuate da altri CdL o da altro Ateneo fino a CFU 6; - Corsi IFTS fino a CFU 6; - attività strutturate svolte presso ONLUS riconosciute fino a CFU 6; - attività autogestite dagli studenti ai sensi dell art. 6, c. 1 della L. 341/90 fino a CFU 2; - attività di tutorato e orientamento svolte presso la Facoltà o per conto dell Ateneo fino a CFU 6; 2 Tale esame è previsto al I anno nel curriculum Lingue, Letterature e Scienze del testo e al III anno nel curriculum Interlinguistico e Interculturale. Si precisa che l insegnamento di Informatica di base deve essere comunque sostenuto a titolo di attività di contesto o come attività a scelta. Anno accademico

7 - attività extracurricolari gestite dalla Facoltà fino a CFU 2 (es. corsi zero,laboratori, seminari, e così via); - attività di studio svolte all estero presso università convenzionate (esami Erasmus, corsi di perfezionamento, tirocini, seminari, e così via) o presso altre istituzioni universitarie (es. seminari, laboratori, e così via) fino a CFU 6. Tali attività non prevedono un voto finale, ma apportano CFU secondo la valutazione effettuata dal Consiglio di Facoltà. Prova finale: CFU 12 La prova finale consiste nella presentazione e nella discussione di un elaborato individuale su un tema attinente alla lingua, alla letteratura o alla civiltà delle lingue straniere di specializzazione. L elaborato, redatto in italiano o in lingua straniera, potrà essere: a. una breve analisi di un opera (narrativa, poetica, teatrale, filmica, pittorica) o di una sua parte, in base a parametri teorico-critici predefiniti oppure una breve analisi testuale di carattere filologico (curriculum Scienze del Testo); b. un breve studio di una tematica o problematica storico-filosofica, culturale, letteraria in chiave comparatistica e sulla base di parametri teorico-critici definiti (entrambi i curricula); c. un riassunto e una presentazione dell argomentazione principale sviluppata in un opera o in un saggio attinente la disciplina prescelta per la prova finale, redatti in lingua straniera e articolati in funzione di destinatari e contesti predefiniti (curriculum Interlinguistico e Interculturale); d. un riassunto e un illustrazione delle argomentazioni principali sviluppate all interno di numeri di un periodico scritto nella lingua prescelta, per un periodo circoscritto (un semestre, un anno) e su un argomento predefinito (curriculum Scienze del Testo); e. una traduzione dalla lingua straniera in italiano di un breve testo, accompagnata da un introduzione e da note esplicative (curriculum Interlinguistico e Interculturale); f. una compilazione di una bibliografia ragionata su un tema o un autore o un testo (curriculum Scienze del Testo); g. una raccolta e analisi di dati (linguistici, storico-geografici e/o antropologico-culturali) (curriculum Interlinguistico e Interculturale). La prova è vagliata da una commissione di almeno cinque docenti, che esprimerà in centodecimi la valutazione complessiva. Alla valutazione complessiva concorrerà altresì la media, in centodecimi, dei voti conseguiti nelle varie attività didattiche, valutate in trentesimi. Le attività relative alla preparazione e redazione della prova finale per il conseguimento della laurea sono svolte dallo studente sotto la supervisione di un docente tutore (relatore), e contribuiscono all acquisizione dei 12 CFU attribuiti alla prova finale. La laurea si consegue con il superamento della prova finale. Qualora lo studente consegua il titolo entro la durata legale del corso (sessione febbraio-marzo 2012) è previsto un bonus aggiuntivo di 2 punti sul voto finale di laurea. Per essere ammesso alla prova finale, lo studente deve aver conseguito i crediti relativi alle attività previste che, aggiunti a quelli da acquisire nella prova finale, ammontano a 180. Anno accademico

CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PER IL TURISMO (CLASSE 3)

CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PER IL TURISMO (CLASSE 3) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PER IL TURISMO (CLASSE 3) Informazioni generali Il Corso di laurea in Mediazione Linguistica e Culturale per il Turismo ha durata triennale. Per conseguire

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere classe delle lauree n. 11 Lingue e culture moderne approvato dal Consiglio di Facoltà del 17 Dicembre 2003 ART. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

MANIFESTI DEGLI STUDI

MANIFESTI DEGLI STUDI A.D. MDLXII UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE MANIFESTI DEGLI STUDI 2007-2008 Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Via Roma, 151-07100 Sassari Segreteria

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ARTICOLI DEL REGOLAMENTO

ARTICOLI DEL REGOLAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Lingue, Culture e Comunicazione Internazionale (LM-38) Approvato dal Consiglio di Facoltà di Lingue e Letterature

Dettagli

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere GUIDA DELLO STUDENTE. Anno Accademico 2004-2005

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere GUIDA DELLO STUDENTE. Anno Accademico 2004-2005 Per vedere questa immagine occorre QuickTime e un decompressore GIF. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere GUIDA DELLO STUDENTE Anno Accademico 2004-2005 a cura di Giuseppe Contu MANIFESTI DEGLI STUDI

Dettagli

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Corso di laurea

Dettagli

produzione, dei servizi e delle professioni (art. 11 comma 4 DM509 del 3/11/99) sono state consultate in data 15/01/2001

produzione, dei servizi e delle professioni (art. 11 comma 4 DM509 del 3/11/99) sono state consultate in data 15/01/2001 Allegato 8) Università degli Studi di BERGAMO Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BERGAMO Data del DM di approvazione del ordinamento 27/05/2004 didattico Data

Dettagli

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04)

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 70/04)

Dettagli

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI 1 Approvato dal Consiglio di Facoltà del 24 Marzo 2004 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI ART. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È attivato presso la Facoltà

Dettagli

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04)

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L- [Lingue e culture moderne] (D.M. 70/04) DESCRIZIONE DEL PERCORSO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe 11 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E LETTERATURE EUROMEDITERRANEE La laurea triennale in LINGUE E LETTERATURE EUROMEDITERRANEE

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea triennale interfacoltà in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Lettere e Filosofia Corso di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LETTERE MODERNE Classe LM 14 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001-2002

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001-2002 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001-2002 Corso di laurea in Scienze Politiche (N.O.) (Durata: tre anni, CFU 180 - attivati primo, secondo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Lettere moderne - Modern Literatures (Classe LM-14 Filologia moderna) Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

NORME PER L AMMISSIONE

NORME PER L AMMISSIONE Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere NORME PER L AMMISSIONE Corso di Laurea Magistrale: Lingue, letterature e culture straniere Profili: - Lingue, letterature e culture d Europa e d

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione - Classe di appartenenza

Dettagli

Ordinamento didattico del Biennio Specialistico della Classe 15/S. CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN FILOLOGIA E LETTERATURE DELL ANTICHITÀ (15/S)

Ordinamento didattico del Biennio Specialistico della Classe 15/S. CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN FILOLOGIA E LETTERATURE DELL ANTICHITÀ (15/S) 1 Ordinamento didattico del Biennio Specialistico della Classe 15/S. CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN FILOLOGIA E LETTERATURE DELL ANTICHITÀ (15/S) OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI CARATTERISTICHE

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E COMUNICAZIONE PER IL TERRITORIO, L IMPRESA E IL TURISMO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E COMUNICAZIONE PER IL TERRITORIO, L IMPRESA E IL TURISMO Emanato con Decreto Rettorale n. 81, prot. n. 4493/A3 del 9 giugno 2006 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E COMUNICAZIONE PER IL TERRITORIO, L IMPRESA E IL TURISMO Art. 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo Allegato 19) Università degli Studi di BERGAMO Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BERGAMO 13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

TABELLA VII FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Art. 1. Art. 2 DIPLOMA UNIVERSITARIO PER TRADUTTORI E INTERPRETI

TABELLA VII FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Art. 1. Art. 2 DIPLOMA UNIVERSITARIO PER TRADUTTORI E INTERPRETI TABELLA VII FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Art. 1 La Facoltà di Lingue e letterature straniere conferisce: il diploma universitario di Traduttori e interpreti, la laurea in Lingue e letterature

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI - (Classe: LM-39) Art. 1 - Requisiti per l'accesso

Dettagli

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Laurea triennale in Interpretariato e comunicazione Regolamento dei Laboratori di lingua professionalizzanti e caratterizzanti

Dettagli

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Preside: Prof. Giulia Pissarello Corsi di laurea primo livello durata: 3 anni, cfu 180 Nella Facoltà di Lingue e Letterature

Dettagli

Piani di Studio consigliati per il Corso di Laurea in Studi letterari, linguistici e storico-filosofici (L-10) A. A. 2011/2012

Piani di Studio consigliati per il Corso di Laurea in Studi letterari, linguistici e storico-filosofici (L-10) A. A. 2011/2012 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA BASILICATA CORSO DI LAUREA IN STUDI LETTERARI, LINGUISTICI E STORICO FILOSOFICI Classe L- 10 delle Lauree in Lettere (DM 270/04) Piani di Studio consigliati per il Corso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in COMUNICAZIONE DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI

Dettagli

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali 1 Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE I - Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LETTERE Classe delle lauree in Lettere n. 5

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LETTERE Classe delle lauree in Lettere n. 5 Allegato b) ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LETTERE Classe delle lauree in Lettere n. 5 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E' istituito presso l'università degli studi di Bergamo,

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1 1 ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology Art. 1 È istituito il corso di laurea magistrale in Musicologia appartenente alla classe delle lauree magistrali in Musicologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze Antropologiche ed Etnologiche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze Antropologiche ed Etnologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Scienze Antropologiche ed Etnologiche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE E'

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione D. R. 87 2 Maggio 200 Classe delle lauree n. 1 TITOLO I STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO DI LAUREA Art. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È istituito

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in

Corso di Laurea Triennale in UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Triennale in Discipline Economiche e Sociali per la cooperazione, lo Sviluppo e la Pace Classe di laurea n.35 Scienze Sociali per la Cooperazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A Facoltà di Scienze della formazione

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A Facoltà di Scienze della formazione U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A Facoltà di Scienze della formazione ALLEGATO N. Regolamento della Classe Unificata L-15 Classe delle lauree in Scienze del Turismo LM-49 Classe

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

73/S - Classe delle lauree specialistiche in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale

73/S - Classe delle lauree specialistiche in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di BERGAMO 73/S - Classe delle lauree specialistiche in scienze dello spettacolo e della produzione Data del DM di approvazione

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Classe delle lauree n. 14

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Classe delle lauree n. 14 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Classe delle lauree n. 14 ART. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È istituito presso l Università degli Studi di Siena il Corso di Laurea in

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

NORME PER L AMMISSIONE

NORME PER L AMMISSIONE Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere NORME PER L AMMISSIONE Corso di Laurea Magistrale: Lingue, letterature e culture straniere (Classe LM-37) Profili in: - Letteratura e comunicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2014-2015 Corso di Studio triennale: Lingue e Letterature Straniere Moderne (LLSM) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque

Dettagli

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO CREDITI Dopo le fasi dell immatricolazione riportate nel Bando (http://www.univaq.it/section.php?id=1670&idcorso=574)

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA QUADRIENNALE (pre D.M. 09/1999) SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA PRIMARY TEACHER EDUCATION Corso di laurea in esaurimento a. a. 013-014 Presidente del corso

Dettagli

Mediazione Linguistica per l impresa

Mediazione Linguistica per l impresa Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Perugia Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT FACOLTÀ DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE e la Scuola Superiore per mediatori Linguistici di Perugia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN: FORMAZIONE DI OPERATORI TURISTICI Classe L15 Art. 1 - Premesse 1. Il corso

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO TELEMATICO IN SCIENZE PSICOLOGICHE CLASSE L-24

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea triennale interfacoltà in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Lettere e Filosofia Corso di laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Interfacoltà in Storia della società della cultura

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Laurea triennale in

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Laurea triennale in Servizi per il Corso di Laurea FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE TEST DI VALUTAZIONE Nel sito Web dell Università sono liberamente fruibili test on line di lingua straniera (francese, inglese,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2015-2016 Corso di Studio triennale: Scienze della Comunicazione (SCO) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque l immatricolazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI Allegato N. 1 al Verbale CCL in data 21/06/2012 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lingue e letterature straniere Manifesto degli Studi P. I: Requisiti di accesso e norme relative Per accedere al corso di laurea in Lingue e letterature

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) (Classe L-16) Immatricolati fino all'a.a. 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

Facoltà di Musicologia

Facoltà di Musicologia Facoltà di Musicologia La nuova riforma universitaria Con l'anno accademico 2009-2010 l Università di Pavia attua il regolamento in materia di autonomia didattica degli atenei stabilito dal decreto n.

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE 66 Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE (Classe LM-78 - ex D.M. 270/04) Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-78 Scienze filosofiche I laureati nei corsi

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in STORIA DELL ARTE E BENI CULTURALI approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento

Dettagli