Capitolo 5 1 /2 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 5 1 /2 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella"

Transcript

1 Capitolo 5 1 /2 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

2 Mezzi trasmissivi fisici Cavo coassiale Guida Coppia di cavi intrecciati (twisted pair) Fibra Ottica Non guida Aria Vuoto M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 2

3 Mezzi trasmissivi Il mezzo trasmissivo è il cammino fisico, tra il mittente e ricevente, che il segnale (onda elettromagnetica o fotone) attraversa. Su tali mezzi trasmissivi il segnale può viaggiare in una sola direzione (simplex) nelle due direzioni alternativamente (half-duplex) contemporanemeamente in entrambe le direzioni (full-duplex) Il mezzo può essere punto-punto oppure condiviso da più nodi M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 3

4 Lo spettro elettromagnetico f(hz) suono radio microonde infrarosso UV raggi X raggi gamma 700 nm 400 nm luce visibile La relazione fondamentale tra la frequenza ƒ e la lunghezza d onda λ è λƒ = c/n(λ) dove c è la velocità della luce nel vuoto ed n(λ) è l indice di rifrazione del mezzo (per esempio n è circa nel diamante). A frequenze più grandi corrispondono lunghezze d onda più piccole. Figure 3.48 M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 4

5 Spettro Elettromagnetico p.e nm 1310 nm 850 nm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 5

6 Doppino incrociato Due fili che corrono paralleli, incrociandosi, ciascuno isolato da una guaina isolante I fili si avvolgono con regolarità l uno con l altro e sono spesso uniti con altre coppie in un unico cavo. Il ricevente ricava il segnale della differenza in tensione rilevata sui due fili allo stesso istante L interferenza agisce su entrambi i fili nello stesso modo permettendo di trasmettere differenzialmente e di eliminare il rumore Incrociando i fili si riduce l interferenza fra coppie vicine. Singolo giro: mm singolo giro Spessore : mm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 6

7 Interferenza su doppino non incrociato sorgente di rumore rumore = 16 unità mittente ricevente rumore = 12 unità L effetto totale, anche se si trasmette differenzialmente (segnali identico su entrambi i fili, ma di segno opposto, sommati alla fine) è di 4 unità di rumore al ricevente. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 7

8 Interferenza su doppino incrociato sorgente di rumore rumore = 4 unità mittente ricevente rumore = 3 unità per ogni mezzo giro di ogni filo L effetto totale, con trasmissione differenziale, è di 0 unità di rumore al ricevente. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 8

9 Doppino incrociato Il doppino permette di trasmettere un ampio spettro di frequenze. Attenuazioni tipiche sono di db/km a 1KHz 7 16 db/km a 500KHz In caso di trasmissione digitale Ripetitori ogni 2-3 Km permette pochi Mb/s su lunghe distanze e 100 Mb/s 1Gb/s su distanze da 10 a 100 metri. Per esempio, un filo di misura 24 (24-gauge) (diametro mm) permette la trasmissione fino a 5 Km a 1,5 Mb/s, ma solo 300 metri a 51 Mb/s. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 9

10 Attenuazione nel doppino fino a 1 MHz 26 gauge Attenuazione (db/miglio) gauge 22 gauge 19 gauge 3 1 0,01 0,1 1 f (MHz) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 10

11 Attenuazione nel doppino fino a 100 MHz Category Category 5 Category Category 4 Category Category 3 Attenuazione db/305 m Frequenza (MHz) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 11

12 Doppino schermato e non schermato Unshielded Twisted Pair (UTP) normale cavo telefonico per esempio economico semplice da installare può risentire di interferenze elettromagnetiche esterne Shielded Twisted Pair (STP) Aggiunta di uno schermo metallico che riduce le interferenze più costoso più difficile da utilizzare (più rigido, spesso e pesante) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 12

13 blu bianco/blu Il cavo UTP bianco/arancio arancio bianco/ verde verde bianco/marrone marrone Normalmente 4 coppie con colori standard. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 13

14 Categorie UTP Cat 2 da 0,256 a 1 MHz, usato solo per la voce Cat 3 - diffuso da 0,772 a 16MHz usato sia per la voce che per i dati lunghezza del giro da 7.5 cm a 10 cm Cat 4 - poco usato da 0,772 a 20 MHz Cat 5 - molto usato da 0,772 a 100MHz lunghezza del giro da 0.6 cm a 0.85 cm Cat 6 da 0,772 a 250 MHz o più ancora non standardizzato M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 14

15 Connettori Il connettore da utilizzare riveste un importanza pari o superiore a quella del cavo stesso: facile da utilizzare economico resistente all usura ed alla trazione sia maschio che femmina, con possibilità di presa a muro connettore maschio UTP RJ-45 M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 15

16 La distribuzione strutturata linea totale Switch Patch Panel Cavo Patch Nodo Cavo di distribuzione nell edificio Presa a muro Cavo Patch Linea Base Stanza M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 16

17 Connettori Telefono Distribuzione d edificio: Cavo multicoppia terminato tradizionalmente su dei pannelli con connettorizzazione a pressione. Il singolo filo viene inserito a pressione fra due lamine sottili che tagliano la guaina e fanno contatto con il rame vari tipi, tra cui AT&T e Krone Distribuzione finale presa a muro con spina tripolare (italia) oppure connettore RJ-11 (4 o 6 fili) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 17

18 KRONE -vs- 110 Contatto tipo KRONE Contatto AT&T tipo 110 vista dall alto vista laterale M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 18

19 Connecttori dati Il tipo di connettore universalmente usato è il tipo RJ45, specificato da TIA/EIA 568A/B: 4 coppie intrecciate in versione schermata o non schermata maschio femmina M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 19

20 RJ45 (2 coppie) pin out cavo dritto 1 - TX+ 2 - TX- 3 - RX RX RX+ 2 - RX- 3 - TX TX La regola per associare un cavo di un particolare colore al numero di un pin del connettore, nel caso di cavo dritto, il più usato. La disposizione dei cavi nei due connettori è identica. Il connettore dal lato dello switch automaticamente inverte receive e transmit come mostrato. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 20

21 RJ45 (2 coppie) pin out cavo incrociato 1 - TX+ 2 - TX- 3 - RX RX TX+ 2 - TX- 3 - RX RX Un cavo incrociato serve per collegare due nodi terminali direttamente, senza necessità di uno switch. Quindi i pin da entrambi i lati avranno lo stesso significato ed il cavo deve collegare ogni TX all RX corrispondente. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 21

22 L uso del doppino Il doppino è alla base del cablaggio strutturato, che unifica la distribuzione all utente di telefono, voce e dati su due soli mezzi: doppino (di categoria 5 o superiore) fibra ottica (in alcuni casi) Il rame non è più usato nella struttura di dorsale, dove si preferisce la fibra ottica per la maggiore distanza che permette, flessibilità di impiego e velocità. Il doppino è ancora diffuso nell ultimo miglio, come eredità del sistema telefonico e tecniche come xdsl cercano di ottenere dal doppino la massima velocità trasmissiva. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 22

23 ISDN Integrated Service Data Network su rete telefonica stessa: l accesso base (Basic Rate Interface) consiste in due canali (B) a 64Kb/s uno dati (D) a 16Kb/s costoso, perchè tariffato a tempo, se si usano due canali si paga il doppio (costo è funzione lineare della capacità usata) banda garantita permette di utilizzare più di un canale a 64Kb/s contemporaneamente, ma come somma di molti canali singoli il perfezionamento dei modem l ha reso obsoleto M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 23

24 ADSL Asymmetric Digital Subsrciber Line usa lo stesso filo telefonico verso utente (local loop), ma lo collega ad apparecchiature diverse lo spettro di frequenza è diviso in due parti: dall utente alla rete: da 64 a 640 Kb/s dalla rete all utente: da a Mbs ITU-T G specifica per ADSL la modulazione Discreta Multi Tono (DMT) che combina le caratteristiche del multiplexing a divisione di frequenza e l utilizzo contemporaneo di più di un canale trasmissivo (multiplexing inverso) DMT divide la banda in vari sotto-canali l informazion è inviata simultaneamente a tutti i canali usando tecniche QAM ed evitando i canali rumorosi. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 24

25 Cavo Coassiale Due tipi: BandaBase (Baseband) e BandaLarga (Broadband) Conduttore centrale (metallo solido) Isolamento (materiale dielettrico) Conduttore esterno (schermo a fogli) Isolamento esterno M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 25

26 Cavo Coassiale Il cavo coassiale permette uno spettro di frequenze più ampio del doppino (fino ad 1 GHz): Diametro cm; Distanze maggiori del doppino; maggior numero di nodi collegabili; buona schermatura; costo medio; 50 Ω usato per i dati, 75 Ω usato per trasmissioni analogiche, televisione, satellite. Usato ampiamente tutt ora nella distribuzione telefonica e per la televisione via cavo. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 26

27 Cavo Coassiale Nella trasmissione dati Ethernet 10Base2 utilizza un connettore a T per collegare i nodi e resistenze di terminazione di 50 Ω. La rete finale deve essere equivalente ad un bus lineare, senza biforcazioni e anelli! M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 27

28 Attenuazione nei cavi coassiali Attenuazione (db/km) /2.9 mm 1.2/4.4 mm 2.6/9.5 mm f (Mhz) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 28

29 Rete via cavo Diffusa negli Stati Uniti ed in altri paesi. Un mezzo condiviso fra molti utenti. (si veda capitolo 1 Kurose) Tipicamente da 500 a 5,000 case capo del cavo rete di distribuzione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 29

30 Rete via cavo server Ambiente casalingo M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 30

31 M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 31 Canali V I D E O V I D E O V I D E O V I D E O V I D E O V I D E O D A T A D A T A C O N T R O L FDM: Rete via cavo

32 Fibra ottica Gli enormi progressi in termini di miniaturizzazione e velocità delle componenti elettroniche hanno permesso di passare nell arco di 20 anni da CPU a 1 Mhz a CPU a 2 GHz (un fattore 20 ogni dieci anni, legge di Moore). La trasmissione dati su fibra ottica nello stesso periodo è cresciuta fino a 50,000 Gb/s su singola fibra, vincendo, per ora, la gara. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 32

33 Fibra ottica Tre componenti chiave: la sorgente di luce la fibra il rivelatore Core (cuore) Rivestimento esterno (Jacket) Rivestimento interno (Cladding) luce cladding jacket core M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 33

34 Fibra ottica Figure 3.44 θ c La luce in ingresso ad un angolo maggiore di quello critico è assorbita dal rivestimento esterno Angolo di Incidenza Angolo di Riflessione Il core un indice di rifrazione leggermente maggiore del cladding, permettendo la riflessione totale interna. Il rapporto dei due indici di rifrazione definisce l angolo critico θ c (circa 16 ) Quando l angolo di incidenza della luce è minore di θ c la luce viene riflessa ancora nel core, proseguendo M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 34

35 Fibra ottica - sistemi trasmissivi Un segnale elettrico viene convertito in ottico, sotto forma di impulsi (1 = luce, 0 = assenza di luce) Light Emitting Diode (LED) economici; operano in una vasta gamma di condizioni ambientali ; di lunga durata; potenza limitata; non strettamente monocromatici Injection Laser Diode (ILD) e Laser più efficenti e potenti; monocromaticità; più costosi ed ingombranti Il ricevente riconverte il segnale ottico in elettrico. Normalmente nelle fibre il data link fa costantemente passare segnale per mantenere costante la risposta della fibra. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 35

36 Fibra ottica Laser Intensità LED Lunghezza d onda M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 36

37 Parametri per le prestazioni Attenuazione (intrinseca e meccanica) Lunghezza d onda (il mezzo reagisce diversamente a lunghezze d onda diverse) Dispersione (l impulso non è mai perfettamente monocromatico e la velocità di propagazione cambia da una lunghezza d onda ad un altra) Frequenza di utilizzo La composizione della fibra (mono o multimodale, tipo di vetro, drogata) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 37

38 Attenuazione nella fibra Perdita per collisione o assorbimento nella fibra Perdita per angolo eccessivo di piegatura della fibra M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 38

39 Lunghezze d onda tipiche La scelta della lunghezza d onda dipende dalla sorgente e dalla fibra (lunghezza e tipo) NON bisogna mai guardare nelle fibre o nelle interfacce ottiche, soprattutto se a medio o lungo range! Luce Visibile 400 nm Ultravioletto 455 nm Violetto 490 nm Blu 550 nm Verde 580 nm Giallo 620 nm Arancio 750 nm Rosso 800 nm Infrarosso 850 nm 1300 nm 1550 nm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 39

40 Frequenze tipiche Ogni apparecchiatura di trasmissione e ricezione è sensibile a frequenze ne intorno di una principale e fino ad un livello minimo di intensità di segnale. Lunghezza d onda Finestra di ricezione nominale 850 nm 800nm - 900nm 1310 nm 1250nm nm 1550 nm 1500nm nm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 40

41 Attenuazione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 41

42 Attenuazione Perdita (db/km) Rayleigh scattering Assorbimento infrarosso Lunghezza d onda (µm) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 42

43 Fibra ottica Nella regione intorno a 1300nm attenuazione < 0.5dB / km banda fino a 25 Terahertz Nella regione intorno a 1550nm attenuazione < 0.2dB / km banda fino a 25THz Utilizzando tecniche di multiplazione di frequenza si ottiene la Wavelength Division Multiplexing (WDM) per utilizzare la grande banda disponibile. Dense WDM (DWDM): 160 lunghezze d onda da 10 Gp/s l una Coarse WDM: 8 lunghezze d onda fino a 2.5 Gp/s Maggiore la velocità maggiore la dispersione Oggi esistono apparecchiature che permettono di avere tratte senza ripetitori di anche 600 Km. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 43

44 Dispersione La dispersione è causata dalla variazione della velocità nella fibre in funzione del valore della lunghezza d onda. Due i principali effetti di dispersione: Modale Cromatica L effetto netto è l allargamento dell impuso di luce. Sono prodotte oggi fibre a dispersione negativa diversa da zero (Non Zero Dispersion Fiber) che correggono la dispersione agendo al contrario. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 44

45 Dispersione cromatica Cladding nm nm nm nm Cladding nm nm Core M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 45

46 Dispersione modale Fiber Fibra Shortest Path High Order Mode Cammino più breve Cammino più lungo (modo di ordine superiore) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 46

47 Modi nella fibra ottica Fibra Multi Modo - luce su cammini diversi Luce riflessa Cammino diretto Fibra Mono Modo - solo un cammino Fibra Multi-Modo: molti raggi di luce con cammini diversi (dimensioni tipiche 62.5/125 micron o 50/125 micron), ma limitazioni nella distanza e nella frequenza massima Fibra Mono Modo (Single-Mode): diametro del core di 9 micron per distanze maggiori e velocità elevate (anche 160 Gb/s) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 47

48 Modi di trasmissione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 48

49 Fibra ottica - Applicazioni Scelta naturale per distanze grandi, anche su scala geografica velocità da 155 bs to 9.6 Gb/s (singola lambda ); 40 Gb/s a Gb/s (con WDM) Comincia ad essere diffusa anche come mezzo per l accesso Una fibra per ogni casa è ancora costosa Una fibra per ogni edificio è più abbordabile (Fastweb) Su LAN come dorsale e per alcuni nodi Ethernet (10, 100, 1.000, Mb/s) Il nodo deve avere un architettura HW adatta M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 49

50 Fibra ottica - vantaggi capacità pressoché illimitata anche su una singola fibra peso e dimensioni ridotte bassa attenuazione (0.5 db/km) immune da interferenze elettromagnetiche maggiore durata nel tempo dell investimento adattabile a vari scenari (cavidotti elettrici, tubature ) costi abbordabili possibile fare giunzioni a caldo sul campo (< 0.01 db) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 50

51 Fibra ottica - connettori connettore di tipo SC M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 51

52 Synchronous Optical NETwork (SONET - USA) e Synchronous Digital Hierarchy (SDH - EU) Sviluppato dalle società di telecomunicazione (Bellcore e quindi CCITT) per Interconnettere in maniera standard fibre di carrier diversi Unificare i sistemi digitali europei, giapponesi e degli USA Multiplare efficentemente i canali in modo sincrono, così che sia possibile indirizzare direttamente il frame di una particolare connessione Unificare e creare un sistema di diagnostica, controllo, amministrazione e mantenimento (OAM) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 52

53 Velocità trasmissive SONET/SDH M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 53

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Mezzi Trasmissivi, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Mezzi Trasmissivi, Marzo 2010 1 9: Strato fisico: mezzi trasmissivi Mezzi trasmissivi 2 mezzi trasmissivi guidati: doppino e sue varianti cavo coassiale fibra ottica mezzi trasmissivi non guidati: ponti radio trasmissioni satellitari

Dettagli

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari Il livello fisico e Topologie di rete Mauro Gaspari 1 Il livello fisico I protocolli sono realizzati sopra il livello fisico Lo scopo del livello fisico è di trasportare un flusso grezzo di bit da una

Dettagli

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta I semestre 03/04 Livello fisico Mezzi di Trasmissione Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Il livello fisico deve garantire il trasferimento di un flusso

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 LE FIBRE OTTICHE Pietro Nicoletti Silvano Gai Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright e

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici

Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli La propagazione e la legge di Snell Le fibre ottiche Trasmettitori e rivelatori ottici Link budget I cavi 11.2 Ci sono due ragioni importanti

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER 1 ELETTRICI 2 OTTICI 3 WIRELESS MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER MODALI ELETTRICI PARAMETRI 1 IMPEDENZA 2 VELOCITA'

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Livello fisico: i mezzi trasmissivi

Livello fisico: i mezzi trasmissivi Livello fisico: i mezzi trasmissivi Mod4_1_2_3 Uno degli aspetti più importanti di una rete, indipendentemente dal fatto che sia essa locale o geografica, è costituito dal tipo e dalle caratteristiche

Dettagli

I mezzi trasmissivi Per formare una rete

I mezzi trasmissivi Per formare una rete I mezzi trasmissivi Per formare una rete di comunicazione possono essere usati diversi mezzi trasmissivi (o media). La loro classificazione può essere fatta in base alle loro caratteristiche fisiche e

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it. Silvano.Gai@polito.it http://www.polito.it/~silvano.

LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it. Silvano.Gai@polito.it http://www.polito.it/~silvano. LE FIBRE OTTICHE Pietro Nicoletti Pietro.Nicoletti@torino.alpcom.it Silvano Gai Silvano.Gai@polito.it http://www.polito.it/~silvano Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania FIBRA OTTICA A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania Fibra ottica Minuscolo e flessibile filo di vetro costituito

Dettagli

Rete di accesso in rame Pag 1

Rete di accesso in rame Pag 1 Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche Rete di accesso in rame Pag 1 Tecnologie per l ultimo miglio Parametri di una linea trasmissiva in rame I 0 Cellula elementare I x G V 0 l g r c V x Linea

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Introduzione Indispensabili per l esistenza delle reti, sono spesso sottovalutati mezzi fisici o guidati (conducted

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico

Mezzi trasmissivi e livello fisico Il livello fisico Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ IL LIVELLO FISICO - 1 Mezzi e sistemi trasmissivi Elettrici Doppino non schermato Cavo coassiale Ottici Fibra ottica

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

in lavorazione. Fibre Ottiche 1

in lavorazione. Fibre Ottiche 1 Fibre Ottiche 1 in lavorazione. Caratteristiche generali Sono sottilissimi fili di materiale vetroso (silice) o di nylon, dal diametro di alcuni micron, che trasmettono segnali luminosi su lunghe distanze.

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm Fibre ottiche FIBRE OTTICHE Le fibre ottiche operano nelle bande infrarosso, visibile e ultravioletto. La lunghezza d onda di tali bande è: (1 nm = 10-9 m) ULTRA VIOLETTO VISIBILE INFRAROSSO 10 nm 390

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Mezzi e sistemi trasmissivi. Reti di Calcolatori AA 2010/2011. Il livello Fisico. Renato Lo Cigno. Quest opera è protetta dalla licenza:

Mezzi e sistemi trasmissivi. Reti di Calcolatori AA 2010/2011. Il livello Fisico. Renato Lo Cigno. Quest opera è protetta dalla licenza: 1 Reti di Calcolatori AA 2010/2011 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Il livello Fisico Renato Lo Cigno Copyright Quest opera è protetta dalla licenza: Creative Commons

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 4 Martedì 17-03-2015 Mezzi trasmissivi I mezzi trasmissivi si dividono in

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Le tre leggi del Networking

Le tre leggi del Networking Le tre leggi del Networking #1 - Le reti andranno sempre più veloci Progetti per alta velocità, incremento del flusso di dati, riduzione dei tempi di risposta. #2 - Le reti saranno sempre più vaste Progetti

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Guido Giuliani - Architettura Università di Pavia guido.giuliani@unipv.it Fotonica - Cos è? Scienza che utilizza radiazione elettromagnetica a frequenze ottiche

Dettagli

Paragrafo 1: I mezzi trasmissivi

Paragrafo 1: I mezzi trasmissivi Paragrafo 1: I mezzi trasmissivi Classificazione dei mezzi trasmissivi. Essi si dividono in tre categorie: - Elettrici, cioè quelli che sfruttano la proprietà dei metalli di condurre corrente elettrica.

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Propagazione in fibra ottica

Propagazione in fibra ottica Propagazione in fibra ottica Struttura delle fibre ottiche In questa sezione si affronteranno: Modi in fibra ottica Dispersione multimodale Confronto multimodo-singolo modo. I modi in fibra ottica Il campo

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso Reti di Accesso Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l ultima tratta di rete viene detta rete d accesso ( local loop in inglese) Tecnologie nelle reti di accesso: Plain

Dettagli

1.2 - Mezzi Trasmissivi

1.2 - Mezzi Trasmissivi 1. Fondamenti sulle reti di telecomunicazioni 1.2 - Mezzi Trasmissivi Giacomo Morabito Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania http://www.diit.unict.it/users/gmorabi

Dettagli

Reti di Calcolatori AA 2010/2011

Reti di Calcolatori AA 2010/2011 Reti di Calcolatori AA 2010/2011 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Il livello Fisico Renato Lo Cigno Copyright Quest opera è protetta dalla licenza: Creative Commons

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Introduzione alle fibre ottiche

Introduzione alle fibre ottiche Introduzione alle fibre ottiche Struttura delle fibre ottiche Una fibra ottica è sostanzialmente un cilindro (solitamente in vetro) con una parte centrale, detta core, con un indice di rifrazione superiore

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche (seconda parte) Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/22 Il doppino

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Cavi fibra ottica CAVI FO

Cavi fibra ottica CAVI FO CAVI FO Cavi fibra ottica Il primo componente dei sistemi di cablaggio ottico è il cavo. La scelta del tipo di cavo è fondamentale e va effettuata considerando le caratteristiche di costruzione l applicazione

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI FIBRE OTTICHE

MEZZI TRASMISSIVI FIBRE OTTICHE MEZZI TRASMISSIVI La scelta dell'insieme dei cavi adatti per le reti fonia/dati è diventato uno dei più importanti argomenti dal punto di vista economico delle imprese moderne. I costi iniziali devono

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Sistemi di comunicazione in fibra ottica

Sistemi di comunicazione in fibra ottica Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso per la laurea di primo livello in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Trasmissioni Ottiche Prof. Maria-Gabriella Di Benedetto a.a. 2004/2005 Sistemi

Dettagli

3.8 Le fibre ottiche. 3.8.1 Fisica delle fibre ottiche

3.8 Le fibre ottiche. 3.8.1 Fisica delle fibre ottiche 34 3.8 Le fibre ottiche L'idea di utilizzare la luce come mezzo di comunicazione risale a circa 200 anni fa. Nel 1790 Claude Chappe costruì un telegrafo ottico composto da torri equipaggiate con braccia

Dettagli

I mezzi trasmissivi. I mezzi trasmissivi

I mezzi trasmissivi. I mezzi trasmissivi Sistemi e reti utilizzati nelle reti di calcolatori si suddividono attualmente in tre categorie, in base al tipo di fenomeno fisico utilizzato per la trasmissione dei bit: mezzi elettrici: sono i mezzi

Dettagli

Fibre ottiche. Fiisiica delllle ffiibre ottiiche

Fibre ottiche. Fiisiica delllle ffiibre ottiiche Il livello fisico Parte IV Fibre ottiche... 1 Fisica delle fibre ottiche... 1 Riflessione totale dell energia nel core... 3 Fibre multimodali e problema della dispersione modale... 5 Fibre monomodali...

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica Novembre 2003 Reti e Sistemi Telematici - 2 Topologia generica di rete a commutazione di circuito Il livello fisico Gruppo Reti TLC giancarlopirani@telecomitaliait http://wwwtelematicapolitoit/ A B X C

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Ricerca guasti nel cablaggio

Ricerca guasti nel cablaggio Ricerca guasti nel cablaggio Non c è un metodo migliore di ricerca guasti; e non c è un singolo attrezzo per risolvere i problemi di rete. Ecco alcuni approcci per la soluzione dei problemi Verifiche su

Dettagli

Cavi Trasmissione Dati

Cavi Trasmissione Dati Indice Gr. Merc. Cavi Trasmissione Dati Descrizione Pagina Catalogo 421 FIBRA OTTICA 9/125 (OS1) LSZH F0002 FIBRA MONOMODALE 9/125 (OS1) 2 FIBRE LSZH 072 F0003 FIBRA MONOMODALE 9/125 (OS1) 4 FIBRE LSZH

Dettagli

Il cablaggio strutturato

Il cablaggio strutturato Il cablaggio strutturato Pubblicato il: 21/09/2003 Aggiornato al: 21/09/2003 di Gianluigi Saveri 1. Generalità La necessità di comunicare e di trasmettere informazioni in modo razionale e affidabile ha

Dettagli

Fibre Ottiche. Svantaggi: conversione del segnale da elettrico a ottico e viceversa precauzioni di installazione strumentazione di test sofisticata

Fibre Ottiche. Svantaggi: conversione del segnale da elettrico a ottico e viceversa precauzioni di installazione strumentazione di test sofisticata Fibre Ottiche Lo sviluppo delle fibre ottiche è stato spinto dalle telecomunicazioni che, inzialmente, ne hanno apprezzato le possibilità di trasmettere a grandi distanza con pochi amplificatori intermedi.

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 6: Sistemi Ottici Parte 6.1: Propagazione in Fibra Ottica Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Trasmissione

Dettagli

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA Il nucleo (o core ) di una fibra ottica è costituito da vetro ad elevatissima purezza, dal momento che la luce deve attraversare migliaia di metri di vetro del nucleo.

Dettagli

Introduzione alle Reti di Telecomunicazione. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Introduzione alle Reti di Telecomunicazione. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Introduzione alle Reti di Telecomunicazione IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Telecomunicazione Definizione: con il termine telecomunicazione (Tlc) si intende la trasmissione a

Dettagli

Teoria della comunicazione

Teoria della comunicazione Livello Fisico Davide Quaglia 1 Teoria della comunicazione Analisi di Fourier Segnali a banda limitata e illimitata Modulazione Nemici della trasmissione Capacità teorica di un canale 2 Analisi di Fourier

Dettagli

Cos'è il cablaggio strutturato?

Cos'è il cablaggio strutturato? Cos'è il cablaggio strutturato? Il cablaggio strutturato è una grande rete di trasmissione dati costituita da un insieme di cavi, prese, armadi ed altri accessori tramite i quali trasportare ed integrare

Dettagli

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT CAVI IN FIBRA OTTICA Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT Fibra OTTICA tipo LOOSE Per posa esterna/interna Cavi per trasmissione dati in fibra ottica OM1 OM2 OM3

Dettagli

Guida al montaggio di un cavo di rete UTP RJ45 CAT5 Diretto o Incrociato (Crossover) secondo le specifiche EIA568A e B.

Guida al montaggio di un cavo di rete UTP RJ45 CAT5 Diretto o Incrociato (Crossover) secondo le specifiche EIA568A e B. Guida al montaggio di un cavo di rete UTP RJ45 CAT5 Diretto o Incrociato (Crossover) secondo le specifiche EIA568A e B. Nota preliminare: I cavi usati nelle reti possono essere di vario tipo: Thinnet coassiale:

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali)

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali) Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi Via Milano, 1-56025 Pontedera (Pisa) Tel. 0587 / 53566-55390 Fax 0587/57411 : iti@marconipontedera.it - WEB: www.marconipontedera.it cod. fisc. 81002020501

Dettagli

CABLAGGIO STRUTTURATO

CABLAGGIO STRUTTURATO CABLAGGIO STRUTTURATO L esigenza di poter comunicare in modo sempre più rapido ed affidabile, attribuisce al settore delle comunicazioni un ruolo primario nel panorama socio-economico. Il continuo e repentino

Dettagli

Cap. 7 Tecnologie Ethernet

Cap. 7 Tecnologie Ethernet CCNA_1 (Versione 3.1) Networking basics Marco Ciampi m.ciampi@ithum.it 2/45 Ithum Learning License Licenza d uso del materiale didattico Questo documento e tutto il materiale prodotto da Ithum S.r.l. e

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Tecniche di trasmissione!2 Ogni rete di calcolatori necessita di un supporto fisico di collegamento

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Lo schema di un sistema di comunicazione ha tipicamente tre componenti: Emittente MEZZO TRASMISSIVO Ricevente

Mezzi trasmissivi. Lo schema di un sistema di comunicazione ha tipicamente tre componenti: Emittente MEZZO TRASMISSIVO Ricevente Mezzi trasmissivi Lo schema di un sistema di comunicazione ha tipicamente tre componenti: Emittente MEZZO TRASMISSIVO Ricevente La trasmissione del messaggio puo' avvenire secondo tre tecnologie: trasmissione

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l CENNI STORICI 1 LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI Presentato da: Nicola Ferrari FAR ITALY S.r.l 2 CENNI STORICI Jean - Daniel Colladon 1802-1893 fisico svizzero John Tyndall 1820-1893 Fisico inglese

Dettagli

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni,

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, delle link interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, Verifica delle fibre ottiche p. 160 Qualifica delle reti p. 162 Verifica delle reti p. 163 Verifica

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Strato fisico Reti di trasporto e di accesso

Strato fisico Reti di trasporto e di accesso Strato fisico Reti di trasporto e di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ RETI DI CALCOLATORI Strato fisico - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza

Dettagli

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5 pagina 1 di 5 1. Informazione importante Le seguenti prescrizioni speciali fanno parte integrante del capitolato di appalto e devono essere completate, dove richiesto, da parte dell Assuntore. E compito

Dettagli

Sezione propedeutica. Infrastruttura hardware di una rete

Sezione propedeutica. Infrastruttura hardware di una rete Sezione propedeutica Infrastruttura hardware di una rete Client e Server Una rete, sebbene sia usata da persone, è composta da computer. I computer sono classificabili in due categorie: CLIENT e SERVER

Dettagli

Cos è un protocollo? Protocolli di rete: macchine invece di esseri umani Tutte le attività di comunicazione in Internet sono governate da protocolli

Cos è un protocollo? Protocolli di rete: macchine invece di esseri umani Tutte le attività di comunicazione in Internet sono governate da protocolli Cos è un protocollo? Protocolli umani: Che ora è? Ho una domanda Presentazioni messaggi specifici vengono spediti azioni specifiche sono compiute quando i messaggi sono ricevuti, o in seguito ad altri

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Standard nelle fibre ottiche

Standard nelle fibre ottiche Standard nelle fibre ottiche Il protocollo ethernet ottico Ethernet è una suite di protocolli originariamente sviluppati per realizzare LAN (Local Area Networks): Ethernet ha avuto molto successo ed è

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI - Mezzi trasmissivi, strato fisico, reti di accesso e trasporto

RETI DI CALCOLATORI - Mezzi trasmissivi, strato fisico, reti di accesso e trasporto Copyright Strato fisico Reti di trasporto e di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons NoDerivs-NonCommercial.

Dettagli

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici.

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici. Cavi a Fibre Ottiche Ampia gamma di costruzioni, materiali e armature Conformità alle norme internazionali Approvazioni DNV/ABS/Warrington Costruzioni personalizzate Possono essere usati con conduttori

Dettagli

Livello Fisico rappresentazione dell informazione

Livello Fisico rappresentazione dell informazione Reti di calcolatori mezzi trasmissivi Prof.ssa Simonetta Balsamo Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari di Venezia balsamo@dsi.unive.it http://www.dsi.unive.it/~reti Livello fisico L'informazione

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Reti di Calcolatori Brevi considerazioni sulla Tecnologia 1 Definizioni Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Nodi: Calcolatore general purpose Switch o router

Dettagli