Capitolo 5 1 /2 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 5 1 /2 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella"

Transcript

1 Capitolo 5 1 /2 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

2 Mezzi trasmissivi fisici Cavo coassiale Guida Coppia di cavi intrecciati (twisted pair) Fibra Ottica Non guida Aria Vuoto M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 2

3 Mezzi trasmissivi Il mezzo trasmissivo è il cammino fisico, tra il mittente e ricevente, che il segnale (onda elettromagnetica o fotone) attraversa. Su tali mezzi trasmissivi il segnale può viaggiare in una sola direzione (simplex) nelle due direzioni alternativamente (half-duplex) contemporanemeamente in entrambe le direzioni (full-duplex) Il mezzo può essere punto-punto oppure condiviso da più nodi M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 3

4 Lo spettro elettromagnetico f(hz) suono radio microonde infrarosso UV raggi X raggi gamma 700 nm 400 nm luce visibile La relazione fondamentale tra la frequenza ƒ e la lunghezza d onda λ è λƒ = c/n(λ) dove c è la velocità della luce nel vuoto ed n(λ) è l indice di rifrazione del mezzo (per esempio n è circa nel diamante). A frequenze più grandi corrispondono lunghezze d onda più piccole. Figure 3.48 M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 4

5 Spettro Elettromagnetico p.e nm 1310 nm 850 nm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 5

6 Doppino incrociato Due fili che corrono paralleli, incrociandosi, ciascuno isolato da una guaina isolante I fili si avvolgono con regolarità l uno con l altro e sono spesso uniti con altre coppie in un unico cavo. Il ricevente ricava il segnale della differenza in tensione rilevata sui due fili allo stesso istante L interferenza agisce su entrambi i fili nello stesso modo permettendo di trasmettere differenzialmente e di eliminare il rumore Incrociando i fili si riduce l interferenza fra coppie vicine. Singolo giro: mm singolo giro Spessore : mm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 6

7 Interferenza su doppino non incrociato sorgente di rumore rumore = 16 unità mittente ricevente rumore = 12 unità L effetto totale, anche se si trasmette differenzialmente (segnali identico su entrambi i fili, ma di segno opposto, sommati alla fine) è di 4 unità di rumore al ricevente. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 7

8 Interferenza su doppino incrociato sorgente di rumore rumore = 4 unità mittente ricevente rumore = 3 unità per ogni mezzo giro di ogni filo L effetto totale, con trasmissione differenziale, è di 0 unità di rumore al ricevente. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 8

9 Doppino incrociato Il doppino permette di trasmettere un ampio spettro di frequenze. Attenuazioni tipiche sono di db/km a 1KHz 7 16 db/km a 500KHz In caso di trasmissione digitale Ripetitori ogni 2-3 Km permette pochi Mb/s su lunghe distanze e 100 Mb/s 1Gb/s su distanze da 10 a 100 metri. Per esempio, un filo di misura 24 (24-gauge) (diametro mm) permette la trasmissione fino a 5 Km a 1,5 Mb/s, ma solo 300 metri a 51 Mb/s. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 9

10 Attenuazione nel doppino fino a 1 MHz 26 gauge Attenuazione (db/miglio) gauge 22 gauge 19 gauge 3 1 0,01 0,1 1 f (MHz) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 10

11 Attenuazione nel doppino fino a 100 MHz Category Category 5 Category Category 4 Category Category 3 Attenuazione db/305 m Frequenza (MHz) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 11

12 Doppino schermato e non schermato Unshielded Twisted Pair (UTP) normale cavo telefonico per esempio economico semplice da installare può risentire di interferenze elettromagnetiche esterne Shielded Twisted Pair (STP) Aggiunta di uno schermo metallico che riduce le interferenze più costoso più difficile da utilizzare (più rigido, spesso e pesante) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 12

13 blu bianco/blu Il cavo UTP bianco/arancio arancio bianco/ verde verde bianco/marrone marrone Normalmente 4 coppie con colori standard. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 13

14 Categorie UTP Cat 2 da 0,256 a 1 MHz, usato solo per la voce Cat 3 - diffuso da 0,772 a 16MHz usato sia per la voce che per i dati lunghezza del giro da 7.5 cm a 10 cm Cat 4 - poco usato da 0,772 a 20 MHz Cat 5 - molto usato da 0,772 a 100MHz lunghezza del giro da 0.6 cm a 0.85 cm Cat 6 da 0,772 a 250 MHz o più ancora non standardizzato M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 14

15 Connettori Il connettore da utilizzare riveste un importanza pari o superiore a quella del cavo stesso: facile da utilizzare economico resistente all usura ed alla trazione sia maschio che femmina, con possibilità di presa a muro connettore maschio UTP RJ-45 M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 15

16 La distribuzione strutturata linea totale Switch Patch Panel Cavo Patch Nodo Cavo di distribuzione nell edificio Presa a muro Cavo Patch Linea Base Stanza M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 16

17 Connettori Telefono Distribuzione d edificio: Cavo multicoppia terminato tradizionalmente su dei pannelli con connettorizzazione a pressione. Il singolo filo viene inserito a pressione fra due lamine sottili che tagliano la guaina e fanno contatto con il rame vari tipi, tra cui AT&T e Krone Distribuzione finale presa a muro con spina tripolare (italia) oppure connettore RJ-11 (4 o 6 fili) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 17

18 KRONE -vs- 110 Contatto tipo KRONE Contatto AT&T tipo 110 vista dall alto vista laterale M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 18

19 Connecttori dati Il tipo di connettore universalmente usato è il tipo RJ45, specificato da TIA/EIA 568A/B: 4 coppie intrecciate in versione schermata o non schermata maschio femmina M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 19

20 RJ45 (2 coppie) pin out cavo dritto 1 - TX+ 2 - TX- 3 - RX RX RX+ 2 - RX- 3 - TX TX La regola per associare un cavo di un particolare colore al numero di un pin del connettore, nel caso di cavo dritto, il più usato. La disposizione dei cavi nei due connettori è identica. Il connettore dal lato dello switch automaticamente inverte receive e transmit come mostrato. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 20

21 RJ45 (2 coppie) pin out cavo incrociato 1 - TX+ 2 - TX- 3 - RX RX TX+ 2 - TX- 3 - RX RX Un cavo incrociato serve per collegare due nodi terminali direttamente, senza necessità di uno switch. Quindi i pin da entrambi i lati avranno lo stesso significato ed il cavo deve collegare ogni TX all RX corrispondente. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 21

22 L uso del doppino Il doppino è alla base del cablaggio strutturato, che unifica la distribuzione all utente di telefono, voce e dati su due soli mezzi: doppino (di categoria 5 o superiore) fibra ottica (in alcuni casi) Il rame non è più usato nella struttura di dorsale, dove si preferisce la fibra ottica per la maggiore distanza che permette, flessibilità di impiego e velocità. Il doppino è ancora diffuso nell ultimo miglio, come eredità del sistema telefonico e tecniche come xdsl cercano di ottenere dal doppino la massima velocità trasmissiva. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 22

23 ISDN Integrated Service Data Network su rete telefonica stessa: l accesso base (Basic Rate Interface) consiste in due canali (B) a 64Kb/s uno dati (D) a 16Kb/s costoso, perchè tariffato a tempo, se si usano due canali si paga il doppio (costo è funzione lineare della capacità usata) banda garantita permette di utilizzare più di un canale a 64Kb/s contemporaneamente, ma come somma di molti canali singoli il perfezionamento dei modem l ha reso obsoleto M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 23

24 ADSL Asymmetric Digital Subsrciber Line usa lo stesso filo telefonico verso utente (local loop), ma lo collega ad apparecchiature diverse lo spettro di frequenza è diviso in due parti: dall utente alla rete: da 64 a 640 Kb/s dalla rete all utente: da a Mbs ITU-T G specifica per ADSL la modulazione Discreta Multi Tono (DMT) che combina le caratteristiche del multiplexing a divisione di frequenza e l utilizzo contemporaneo di più di un canale trasmissivo (multiplexing inverso) DMT divide la banda in vari sotto-canali l informazion è inviata simultaneamente a tutti i canali usando tecniche QAM ed evitando i canali rumorosi. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 24

25 Cavo Coassiale Due tipi: BandaBase (Baseband) e BandaLarga (Broadband) Conduttore centrale (metallo solido) Isolamento (materiale dielettrico) Conduttore esterno (schermo a fogli) Isolamento esterno M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 25

26 Cavo Coassiale Il cavo coassiale permette uno spettro di frequenze più ampio del doppino (fino ad 1 GHz): Diametro cm; Distanze maggiori del doppino; maggior numero di nodi collegabili; buona schermatura; costo medio; 50 Ω usato per i dati, 75 Ω usato per trasmissioni analogiche, televisione, satellite. Usato ampiamente tutt ora nella distribuzione telefonica e per la televisione via cavo. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 26

27 Cavo Coassiale Nella trasmissione dati Ethernet 10Base2 utilizza un connettore a T per collegare i nodi e resistenze di terminazione di 50 Ω. La rete finale deve essere equivalente ad un bus lineare, senza biforcazioni e anelli! M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 27

28 Attenuazione nei cavi coassiali Attenuazione (db/km) /2.9 mm 1.2/4.4 mm 2.6/9.5 mm f (Mhz) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 28

29 Rete via cavo Diffusa negli Stati Uniti ed in altri paesi. Un mezzo condiviso fra molti utenti. (si veda capitolo 1 Kurose) Tipicamente da 500 a 5,000 case capo del cavo rete di distribuzione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 29

30 Rete via cavo server Ambiente casalingo M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 30

31 M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 31 Canali V I D E O V I D E O V I D E O V I D E O V I D E O V I D E O D A T A D A T A C O N T R O L FDM: Rete via cavo

32 Fibra ottica Gli enormi progressi in termini di miniaturizzazione e velocità delle componenti elettroniche hanno permesso di passare nell arco di 20 anni da CPU a 1 Mhz a CPU a 2 GHz (un fattore 20 ogni dieci anni, legge di Moore). La trasmissione dati su fibra ottica nello stesso periodo è cresciuta fino a 50,000 Gb/s su singola fibra, vincendo, per ora, la gara. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 32

33 Fibra ottica Tre componenti chiave: la sorgente di luce la fibra il rivelatore Core (cuore) Rivestimento esterno (Jacket) Rivestimento interno (Cladding) luce cladding jacket core M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 33

34 Fibra ottica Figure 3.44 θ c La luce in ingresso ad un angolo maggiore di quello critico è assorbita dal rivestimento esterno Angolo di Incidenza Angolo di Riflessione Il core un indice di rifrazione leggermente maggiore del cladding, permettendo la riflessione totale interna. Il rapporto dei due indici di rifrazione definisce l angolo critico θ c (circa 16 ) Quando l angolo di incidenza della luce è minore di θ c la luce viene riflessa ancora nel core, proseguendo M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 34

35 Fibra ottica - sistemi trasmissivi Un segnale elettrico viene convertito in ottico, sotto forma di impulsi (1 = luce, 0 = assenza di luce) Light Emitting Diode (LED) economici; operano in una vasta gamma di condizioni ambientali ; di lunga durata; potenza limitata; non strettamente monocromatici Injection Laser Diode (ILD) e Laser più efficenti e potenti; monocromaticità; più costosi ed ingombranti Il ricevente riconverte il segnale ottico in elettrico. Normalmente nelle fibre il data link fa costantemente passare segnale per mantenere costante la risposta della fibra. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 35

36 Fibra ottica Laser Intensità LED Lunghezza d onda M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 36

37 Parametri per le prestazioni Attenuazione (intrinseca e meccanica) Lunghezza d onda (il mezzo reagisce diversamente a lunghezze d onda diverse) Dispersione (l impulso non è mai perfettamente monocromatico e la velocità di propagazione cambia da una lunghezza d onda ad un altra) Frequenza di utilizzo La composizione della fibra (mono o multimodale, tipo di vetro, drogata) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 37

38 Attenuazione nella fibra Perdita per collisione o assorbimento nella fibra Perdita per angolo eccessivo di piegatura della fibra M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 38

39 Lunghezze d onda tipiche La scelta della lunghezza d onda dipende dalla sorgente e dalla fibra (lunghezza e tipo) NON bisogna mai guardare nelle fibre o nelle interfacce ottiche, soprattutto se a medio o lungo range! Luce Visibile 400 nm Ultravioletto 455 nm Violetto 490 nm Blu 550 nm Verde 580 nm Giallo 620 nm Arancio 750 nm Rosso 800 nm Infrarosso 850 nm 1300 nm 1550 nm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 39

40 Frequenze tipiche Ogni apparecchiatura di trasmissione e ricezione è sensibile a frequenze ne intorno di una principale e fino ad un livello minimo di intensità di segnale. Lunghezza d onda Finestra di ricezione nominale 850 nm 800nm - 900nm 1310 nm 1250nm nm 1550 nm 1500nm nm M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 40

41 Attenuazione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 41

42 Attenuazione Perdita (db/km) Rayleigh scattering Assorbimento infrarosso Lunghezza d onda (µm) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 42

43 Fibra ottica Nella regione intorno a 1300nm attenuazione < 0.5dB / km banda fino a 25 Terahertz Nella regione intorno a 1550nm attenuazione < 0.2dB / km banda fino a 25THz Utilizzando tecniche di multiplazione di frequenza si ottiene la Wavelength Division Multiplexing (WDM) per utilizzare la grande banda disponibile. Dense WDM (DWDM): 160 lunghezze d onda da 10 Gp/s l una Coarse WDM: 8 lunghezze d onda fino a 2.5 Gp/s Maggiore la velocità maggiore la dispersione Oggi esistono apparecchiature che permettono di avere tratte senza ripetitori di anche 600 Km. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 43

44 Dispersione La dispersione è causata dalla variazione della velocità nella fibre in funzione del valore della lunghezza d onda. Due i principali effetti di dispersione: Modale Cromatica L effetto netto è l allargamento dell impuso di luce. Sono prodotte oggi fibre a dispersione negativa diversa da zero (Non Zero Dispersion Fiber) che correggono la dispersione agendo al contrario. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 44

45 Dispersione cromatica Cladding nm nm nm nm Cladding nm nm Core M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 45

46 Dispersione modale Fiber Fibra Shortest Path High Order Mode Cammino più breve Cammino più lungo (modo di ordine superiore) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 46

47 Modi nella fibra ottica Fibra Multi Modo - luce su cammini diversi Luce riflessa Cammino diretto Fibra Mono Modo - solo un cammino Fibra Multi-Modo: molti raggi di luce con cammini diversi (dimensioni tipiche 62.5/125 micron o 50/125 micron), ma limitazioni nella distanza e nella frequenza massima Fibra Mono Modo (Single-Mode): diametro del core di 9 micron per distanze maggiori e velocità elevate (anche 160 Gb/s) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 47

48 Modi di trasmissione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 48

49 Fibra ottica - Applicazioni Scelta naturale per distanze grandi, anche su scala geografica velocità da 155 bs to 9.6 Gb/s (singola lambda ); 40 Gb/s a Gb/s (con WDM) Comincia ad essere diffusa anche come mezzo per l accesso Una fibra per ogni casa è ancora costosa Una fibra per ogni edificio è più abbordabile (Fastweb) Su LAN come dorsale e per alcuni nodi Ethernet (10, 100, 1.000, Mb/s) Il nodo deve avere un architettura HW adatta M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 49

50 Fibra ottica - vantaggi capacità pressoché illimitata anche su una singola fibra peso e dimensioni ridotte bassa attenuazione (0.5 db/km) immune da interferenze elettromagnetiche maggiore durata nel tempo dell investimento adattabile a vari scenari (cavidotti elettrici, tubature ) costi abbordabili possibile fare giunzioni a caldo sul campo (< 0.01 db) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 50

51 Fibra ottica - connettori connettore di tipo SC M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 51

52 Synchronous Optical NETwork (SONET - USA) e Synchronous Digital Hierarchy (SDH - EU) Sviluppato dalle società di telecomunicazione (Bellcore e quindi CCITT) per Interconnettere in maniera standard fibre di carrier diversi Unificare i sistemi digitali europei, giapponesi e degli USA Multiplare efficentemente i canali in modo sincrono, così che sia possibile indirizzare direttamente il frame di una particolare connessione Unificare e creare un sistema di diagnostica, controllo, amministrazione e mantenimento (OAM) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 52

53 Velocità trasmissive SONET/SDH M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2004 Cap pag. 53

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200. ottiche

Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200. ottiche Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200 2004 Tecniche di produzione p delle fibre ottiche Indice (1) Famiglie di fibre ottiche: fibre monomodali; fibre multimodali. Materiali per le fibre

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

PicoScope 9200A. www.picotech.com. Oscilloscopi a campionamento completi per PC. Oscilloscopi a campionamento per PC Windows

PicoScope 9200A. www.picotech.com. Oscilloscopi a campionamento completi per PC. Oscilloscopi a campionamento per PC Windows PicoScope 9200A Oscilloscopi a campionamento per PC Windows Oscilloscopi a campionamento completi per PC Caratterizzazione del segnale Verifica di pre-conformità TDR e TDT elettriche Verifica pass/fail

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1.1 Introduzione I cavi elettrici, utilizzati per il trasporto dell energia elettrica, sono l elemento più vulnerabile del sistema di distribuzione

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Cavi piatti di qualità per ascensori

Cavi piatti di qualità per ascensori Cavi piatti di qualità per ascensori Resistenti, affidabili e in linea con la normativa EUZ HAR EN 50214 Soluzioni di cavi ad alte prestazioni Testati per rispettare gli standard qualitativi Draka offre

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

CABLAGGIO CONNESSIONE POSIZIONAMENTO DEI CAVI CAN BUS E MUTE INSTALLAZIONE CON CABLAGGIO EASYPLUG CP200MP9. ROSSO = Positivo fisso (INGRESSO)

CABLAGGIO CONNESSIONE POSIZIONAMENTO DEI CAVI CAN BUS E MUTE INSTALLAZIONE CON CABLAGGIO EASYPLUG CP200MP9. ROSSO = Positivo fisso (INGRESSO) SW0C ARANCIO = service + 5 CAN BUS (USCITA) mute della radio ROSA = linea CAN BUS H ARANCIO/ VERDE VERDE = linea CAN BUS L ARANCIO/ VERDE INSTALLAZIONE CON CABLAGGIO EASYPLUG CP00MP9 POSIZIONAMENTO DEI

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

1. Generalità. 2. Applicazione 2.1 GOLD RX/PX/CX/SD versione E/GOLD LP/ COMPACT Sensore della temperatura ambiente IT.TBLZ242.

1. Generalità. 2. Applicazione 2.1 GOLD RX/PX/CX/SD versione E/GOLD LP/ COMPACT Sensore della temperatura ambiente IT.TBLZ242. IT.TLZ242.140328 Istruzioni di installazione Sensore di temp. amb. TLZ1242, per inst., IP20/ Sensore di temp. esterna TLZ1243, per inst. esterna, IP54 GOLD/OMPT 1. Generalità Il sensore della temperatura

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3

LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3 150 RETI LOCALI: DAL CABLAGGIO ALL'INTERNETWORKING 6 LA RETE ETHERNET E LO STANDARD IEEE 802.3 6.1 INTRODUZIONE Nei primi anni '70 tre industrie di alta tecnologia formarono il consorzio DIX per lo sviluppo

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli