CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI"

Transcript

1

2

3 CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI I Soci del Consorzio Elettrico di Storo sono convocati in Assemblea Ordinaria indetta in prima convocazione per il giorno di mercoledì 3 aprile 214, ad ore 7.3, presso la sede sociale ed in seconda convocazione per il giorno VENERDÌ 9 MAGGIO 214, AD ORE 2.3, PRESSO IL CENTRO POLIVALENTE DI DARZO per discutere e deliberare sul seguente: ORDINE DEL GIORNO 1. - Saluto dei Commissari Presentazione del Bilancio al 31/12/213 e dei suoi allegati. Relazione del revisore. Deliberazioni relative e conseguenti Relazione dei Commissari sulla situazione del Consorzio Determinazione del sovrapprezzo quote per i nuovi Soci Modifica al Regolamento Soci Sovventori Determinazione dei compensi da corrispondere agli Amministratori Determinazione dei compensi da corrispondere al Collegio Sindacale Elezione delle cariche sociali: Presidente, Vicepresidente, Consiglieri di Amministrazione, Presidente e Componenti del Collegio Sindacale. Il Vice Commissario p.i. Dario Ravagni Il Commissario dott. Maurizio Postal Si ricorda che, ai sensi dell Art. 29 dello Statuto Sociale del CediS, nelle assemblee hanno diritto al voto coloro che risultino iscritti nel libro dei soci da almeno 9 giorni e che non siano in mora nei versamenti del capitale sottoscritto. Tutta la documentazione relativa al Bilancio 213, è disponibile presso la sede sociale in via Garibaldi 18 a Storo (TN), ai sensi dell art del Codice Civile. 1

4 Sede dell azienda Storo, Via Garibaldi nr. 18 Ricordando a tutti i Soci che l Assemblea si terrà VENERDÌ 9 MAGGIO 214 presso il CENTRO POLIVALENTE DI DARZO (nei pressi del Campo Sportivo) con inizio ad ORE 2.3, siamo a specificare gli orari di partenza delle autocorriere messe a disposizione dal CEdiS: da Tiarno di Sotto ore 19.3 da Bondone ore 19.5 da Tiarno di Sopra ore 19.4 da Baitoni ore 2. da Lodrone ore 2.1 da Storo - presso Bar Centrale ore 2. 2

5 STRUTTURA DELLA SOCIETÀ Il CEdiS - Consorzio Elettrico di Storo è una Società Cooperativa, fondata nel 194. SOCI: Al 31/12/213 i Soci sono 3.259, così suddivisi: PAESE NR. SOCI % SOCI PER PAESE Storo ,1% Darzo 339 1,4% Lodrone ,41% Tiarno di Sopra ,84% Tiarno di Sotto 36 11,5% Baitoni 23 6,23% Bondone 132 4,5% Riccomassimo 2,61% Bezzecca 13,4% Ripartizione Soci per Paese Baitoni 6,23% Tiarno di Sotto 11,5% Bondone 4,5% Riccomassimo,61% Bezzecca,4% Storo 42,1% Tiarno di Sopra 11,84% Lodrone 13,41% Darzo 1,4% 3

6 COMPOSIZIONE ORGANI DELLA SOCIETÀ Commissariamento In base alla delibera n. 19 di data 21 maggio 212, la Provincia autonoma di Trento ha disposto la revoca del Consiglio Amministrativo e dell Organo di controllo interno nominando il dott. Maurizio Postal, in qualità di Commissario ed il p.i. Dario Ravagni, in qualità di Vice Commissario. Con delibera n. 664 del 12 aprile 213 è stata inoltre disposta la proroga della gestione commissariale del CEdiS sino al 21 maggio

7 ORGANIGRAMMA DIVISIONALE CEdiS In vigore al 31/12/213 5

8 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 213 E SUOI ALLEGATI esposta all Assemblea Generale Ordinaria dei Soci il giorno 9 maggio 214: Il Bilancio chiuso al 31 dicembre 213 e sottoposto alla Vs. attenzione è stato redatto in aderenza a quanto previsto dalle norme del Codice Civile e dai principi contabili nazionali. L illustrazione della dinamica degli aggregati monetari è contenuta nella Nota Integrativa che costituisce parte integrante del Bilancio ai sensi dell art del C.C., mentre la Società è esentata dalla presentazione della Relazione di Gestione in quanto, ai sensi dell art bis del C.C. può compilare il Bilancio in forma abbreviata. Tutto ciò premesso si informa che l andamento economico gestionale dell esercizio appena concluso è stato caratterizzato dai seguenti fatti di rilievo. Situazione finanziaria, economica e patrimoniale In data 12 aprile 213 la Provincia Autonoma di Trento, con la delibera n 664 della Giunta Provinciale, ha prorogato il commissariamento della società fino al 21 maggio 214 principalmente al fine di completare le azioni di risanamento già iniziate nell esercizio 212. L andamento nel corso del 213 è stato caratterizzato da una notevole produzione di energia elettrica che è stata di circa il 3% superiore a quella dello scorso anno. I flussi di cassa derivanti dalla gestione industriale e il notevole incremento del prestito soci sono stati utilizzati per il contenimento delle esposizioni bancarie a breve, che è stato completato il 1 marzo del 214 con la restituzione del prestito ponte di tre milioni di euro, piuttosto che per investimenti. Gli oneri finanziari sono passati da 396 mila euro a 448 mila con un incremento del 13%. Sono stati inoltre stanziati fondi rischi per un totale di circa 16 mila euro. In conclusione il bilancio di esercizio dell anno si chiude con un utile netto di circa 64 mila euro. Da un punto di vista industriale la gestione ha proseguito gli indirizzi già impostati lo scorso anno e precedentemente, costituiti da riduzione della dipendenza del fatturato dall energia idroelettrica: il piano pluriennale adottato nel 21 prevedeva di passare da un incidenza del 9%, nel 29, ad un obiettivo del 65% nel 214. Ad oggi la dipendenza dal business idroelettrico è del 7% e quindi il 3% del fatturato è costituito da business alternativi a quello tradizionale e da incentivazioni percepite per la produzione di energie rinnovabili; come già preannunciato lo scorso anno, è apparso però necessario all attuale gestione, introdurre il correttivo di destinare l energia derivante da fotovoltaico all autoconsumo dei soci, evitendo di cederla al GSE, per fruire dei vantaggi tariffari e ciò sarà possibile, per ragioni contrattuali, solo dal 214 e per gli impianti di proprietà della cooperativa connessi alla propria rete di distribuzione locale; investimenti dedicati esclusivamente al mantenimento in efficienza degli impianti piuttosto che all espansione dell azienda; realizzazione di investimenti di importo ridotto e a rapido turnover: nel campo delle telecomunicazioni, è stata completata la residua cablatura nel territorio sociale; sono stati effettuati minimi investimenti riguardanti l estensione della rete hiperlan che oggi, come previsto dai nostri piani, rappresenta il 4% della nostra clientela in termini di numero di utenze; appare conseguibile, entro il 214 l incremento degli utenti fino al 5%. Dal punto di vista finanziario le azioni principali sono state rivolte principalmente al controllo 6

9 dai nostri piani, rappresenta il 4% della nostra clientela in termini di numero di utenze; appare conseguibile, entro il 214 l incremento degli utenti fino al 5%. Dal punto di vista finanziario le azioni principali sono state rivolte principalmente al controllo della tesoreria aziendale e della liquidità a breve in maniera da essere in grado di restituire il prestito ponte di tre milioni di euro entro la scadenza del 1 marzo 214. Visto il buon andamento della produzione elettrica, è stato invece ripristinata la concessione del cosiddetto della tesoreria aziendale e della liquidità a breve in maniera da essere in grado di restituire il sconto soci per l anno 213 che vale circa 25 migliaia di euro. Il ristorno è stato erogato in maniera prestito ponte di tre milioni di euro entro la scadenza del 1 marzo 214. differente rispetto al passato ovvero viene ora distribuito sulle singole bollette piuttosto che a fine anno. Visto il buon andamento della produzione elettrica, è stato invece ripristinata la concessione Orientativamente le percentuali di sconto sulla componente energia sono state del 4% per gli usi del cosiddetto sconto soci per l anno 213 che vale circa 25 migliaia di euro. Il ristorno è domestici, del 2% sulle utenze per usi diversi in BT e del 1% sulle utenze industriali in MT. stato erogato in maniera differente rispetto al passato ovvero viene ora distribuito sulle singole bollette piuttosto Continua che ad a essere fine sotto anno. controllo Orientativamente il problema della gestione della le percentuali recupero dei crediti di nei sconto confronti dei sulla componente energia sono clienti state morosi, del che 4% nel 21 per valeva gli circa usi 7. domestici, euro di crediti del non 2% onorati, sulle mentre utenze oggi è rientrato per in usi diversi in BT e del 1% sulle percentuali utenze accettabili. industriali in MT. Continua ad essere sotto controllo il problema della gestione della recupero dei crediti nei confronti dei clienti Di morosi, seguito riportano che gli nel andamenti 21 e i fatti valeva salienti suddivisi circa per 7. ciascun ramo d azienda. euro di crediti non onorati, mentre oggi è rientrato Settore in percentuali Elettrico accettabili. Di seguito si riportano Nel 213 gli la produzione andamenti delle nostre e centrali i fatti idroelettriche salienti è stata suddivisi di per kwh, ciascun valore notevolmente ramo d azienda. superiore (+29%) sia a quello dello scorso anno sia alla media degli ultimi dieci anni (+23%). Settore Elettrico: Di seguito riportiamo l andamento della produzione idroelettrica negli ultimi anni: Nel 213 la produzione delle nostre centrali idroelettriche è stata di kwh, valore notevolmente superiore (+29%) sia a quello dello scorso anno sia alla media degli ultimi dieci anni (+23%). Di seguito riportiamo l andamento della produzione idroelettrica negli ultimi anni: Produzione Energia idroelettrica kw/h anno Per quanto riguarda il settore fotovoltaico CEdiS dispone dei seguenti impianti la cui produzione, fino a tutto il 213, non è stata però considerata energia autoprodotta in Per quanto riguarda il settore fotovoltaico CEdiS dispone dei seguenti impianti la cui produzione, fino a quanto ceduta al GSE tutto il 213, e, pertanto, non è stata però considerata non è stata energia autoprodotta utilizzata in quanto dai ceduta soci: al GSE e, pertanto, non è Impianto di Remedello, stata utilizzata dai con soci: una potenza installata di 977 kwp, che ha generato una produzione di kwh (-9% rispetto al 212) Impianto Ca Rossa, con una potenza installata di 318 kwp, che ha generato una produzione di kwh (-1% rispetto al 212) Impianto ex E-CEdiS, con una potenza installata di 58 kwp, che ha generato una produzione di kwh (-9% rispetto al 212). 2 Dal 214 gli impianti collegati alla nostra rete, ovvero Ca Rossa ed ex E-Cedis, sono stati integrati nelle nostre produzioni e, pertanto l energia prodotta sarà ora ceduta ai soci e fruirà delle agevolazioni previste mentre quella prodotta a Remedello, essendo l impianto fuori dalla nostra rete, continuerà ad essere ceduta al GSE. In definitiva l energia elettrica totale prodotta nel 213 dall azienda è stata di kwh: tale produzione ha consentito di risparmiare 3.75 TEP e tonnellate di CO 2. 7

10 Nelle due tabelle seguenti sono sintetizzati i risultati più significativi del settore elettrico della nostra società, relativi all esercizio 213: Tabella A) Quantitativi e valorizzazione delle energie: Descrizione Anno KWh Importo / KWh Valorizzazione ricavo Energia autoprodotta (al netto delle incentivazioni per energie rinnovabili) ,6337,7464 (,1127) Costi variabili Energia fornita ai clienti (sommando all energia acquistata, l energia autoprodotta e sottraendo le perdite for fettarie addebitateci) Ricavo componente di vendita dell energia elettrica agli utenti (al lordo degli sconti) Costo sostenuto per la componente di trasporto dell energia consegnata ai nostri utenti (vincolati e idonei) Ricavo ottenuto per la componente di trasporto dell energia ( ) ( ) (772.16) (772.16) ( ) (37.296) (6.16),8623,9959 (,1336), (,923),186,1771,89,1951,193 (,21) Le variazioni rispetto all anno precedente sono dovute principalmente alla maggiore quantità prodotta, a una minore quantità venduta e conseguente minore quantità trasportata. Tabella B) Margine Operativo Netto (EBIT) delle attività di Produzione, Distribuzione e Vendita di energia: Descrizione Anno 213 Anno 212 Differenza EBIT Produzione Energia Elettrica di cui Contributo di gestione (pari alle compo nenti A/UC da non versare alla cassa Conguaglio) di cui sconto Soci EBIT Distribuzione e Misura Energia Elettrica (49.433) EBIT Vendita Energia Elettrica EBIT BU Energia Elettrica Il maggiore Margine Operativo Netto nel settore dell Energia Elettrica è dovuto sostanzialmente alla produzione idroelettrica superiore a quella dello scorso anno leggermente mitigata dalla diminuzione di circa il 1% di quella da fotovoltaico, al mancato pagamento di parte della quota capitale relativa al leasing di Remedello e ai maggiori contributi di gestione incassati e non versati alla Cassa Conguaglio: ovviamente l EBIT dell anno 213 tiene conto dello sconto praticato ai Soci. Nel settore elettrico l Azienda riuscirà a garantire, anche nei prossimi anni, un elevata qualità del servizio in quanto dispone di una struttura produttiva moderna ed efficiente grazie anche agli ammodernamenti realizzati negli ultimi anni. La nostra rete di distribuzione è costituita da una moderna cabina MT/MT di collegamento con la rete nazionale, da circa 85 km di linee di Media Tensione a 2 kv, di cui circa 65 km in cavo isolato e interrato, che collega circa 8 Cabine di Trasformazione MT/BT e oltre 3 cabine per consegna ad utenti in MT. La rete di bassa tensione è di oltre 26 km ed è quasi totalmente interrata. 8

11 Per quanto riguarda i principali lavori, nel corso del 213 è stato completato il rifacimento, con parziale interramento della linea MT, a Tremalzo nonché la stesura dell infrastruttura delle fibre ottiche in Val di Ledro. È stata messa in sicurezza la distribuzione elettrica MT nella zona industriale di Tiarno di Sotto migliorando l interconnessione con la rete di SET e incrementando il numero di cabine telecontrollate; si è inoltre provveduto alla razionalizzazione degli spazi interni della sede rendendoli più funzionali alla fruizione da parte degli utenti. Sono stati inoltre completati i lavori di messa in sicurezza delle parti di magazzino dove erano stati installati gli impianti fotovoltaici E-Cedis creando un sistema di deflusso delle acque piovane propedeutico alla eventuale completa fruibilità delle nuove parti. La perequazione è un meccanismo rivolto agli operatori del mercato dell energia elettrica per compensare gli effetti, sia positivi sia negativi, di talune disposizioni di legge o situazioni particolari che hanno inciso sui ricavi e costi di acquisto, vendita, misura, trasmissione e trasporto dell energia elettrica. Per le cooperative il meccanismo della perequazione, bloccato con delibera dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas 43/26, è stato poi sbloccato con l emanazione del TICOOP (Testo Integrato Cooperative) del 26 luglio 21, rimandando comunque a successiva Determina del 28 novembre 211 i chiarimenti sull applicazione per quanto riguarda la vendita. Nel corso del 213 è stato regolarizzato con la Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico il nostro debito di ,68 a relativo al TIT 28, nonché il nostro credito di ,43 a relativo al TIV 27. L importo per la perequazione 213 pari a ,57 è stato calcolato secondo le metodologie stabilite dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas con delibere 199/211, 157/212, 122/213 e 23/213 e la relativa posta è indicata nel Conto Economico sotto la voce altri accantonamenti. Nel fondo oneri futuri permangono gli stanziamenti relativi a TIT , perequazione 212, nonché l importo stimato per la perequazione 213. I servizi di telecomunicazione in banda larga vengono offerti dal CEdiS sia tramite una infrastruttura su fibra ottica sia tramite connessione hiperlan. I clienti dei servizi di fibra ottica attivi al 31 dicembre 213 erano 1.568, incrementati di 148 unità (+1%) rispetto al 212 (1.42), ai quali si sommano 1.5 utenti collegati alle nostre reti hiperlan (nel 211 erano 979, incrementati pertanto di 26 unità, +3%). Si tenga altresì conto del fatto che molti utenti di Ledro sono passati dall hiperlan alla fibra ottica. Attualmente la rete in Fibra Ottica è disponibile in tutto il territorio sociale essendo state evase, nel corso del 213, le richieste di collegamento nel comune di Ledro ed è proseguito l allaccio di nuovi clienti con la tecnologia hiperlan. Per quanto riguarda la IPTV all inizio del 213, come già noto, è stato necessario procedere al rinnovo del contratto per la fornitura dei canali a pagamento onde adeguarlo alla tipologia e al numero di utenti realmente collegati ed è stata inoltre sviluppata una nuova interfaccia TV più completa per i decoder di nuova generazione distribuiti ai nuovi utenti. Prosegue inoltre l attività di sostituzione delle vecchie CPE Pirelli con apparecchiature più moderne: sono state individuate e sperimentate nuove CPE Genesis che risultano maggiormente performanti rispetto alle precedenti. Sono proseguiti i lavori per la ridondanza della banda con l attivazione del secondo fornitore alternativo a quello tradizionale; in tal modo si ritiene di aver pressocchè evitato la possibilità di fuori servizio della rete migliorandone in questo modo sia l affidabilità sia le prestazioni: è stato raggiunto il record di velocità di banda in Italia che si è assestato su 9

12 oltre 6 Mbps, quasi doppio rispetto alla città di Milano, che ci segue in questa particolare classifica con poco più di 3 Mbps. Da un punto di vista economico i risultati del settore sono i seguenti: Tabella Da un punto C) Margine di vista economico Operativo i risultati Netto del (EBIT) settore sono delle i seguenti: attività di Telecomunicazioni: Descrizione Anno 213 Anno 212 Differenza Tabella C) Margine Operativo Netto (EBIT) delle attività di Telecomunicazioni: Fatturato Manutenzione e gestione impianti ( ) ( ) (22.688) Spese generali, amministrative e quota parte spese Manutenzione e gestione impianti di struttura Descrizione Anno 213 Anno 212 Differenza Fatturato Spese generali, amministrative e quota parte spese di struttura ( ) ( ) ( ) ( )(22.688) (52.597) ( ) ( ) (52.597) Ammortamenti ( ) (38.524) (17.47) Ammortamenti ( ) (38.524) (17.47) EBIT ( ) (47.132) EBIT ( ) (47.132) I ricavi sono cresciuti di circa il 16%. Il margine netto ascrivibile al settore è negativo per I ricavi sono cresciuti di circa il 16%. Il margine netto ascrivibile al settore è negativo per 376 migliaia di 376 migliaia di euro: il miglioramento di circa l 8% rispetto al 212 è dovuto sostanzialmente euro: il miglioramento di circa l 8% rispetto al 212 è dovuto sostanzialmente all aumentato numero di clienti. all aumentato numero di clienti. Si Si riporta riporta di di seguito l andamento dell EBIT dell EBIT (Margine (Margine Operativo Operativo Netto) e Netto) delle sue e delle componenti sue componenti Business della Unit Business Telecomunicazioni Unit Telecomunicazioni negli ultimi tre esercizi. negli ultimi tre della esercizi. Per una dettagliata analisi dei costi e dei ricavi si rimanda alla lettura del Bilancio e della Nota Per una Integrativa. dettagliata analisi dei costi e dei ricavi si rimanda alla lettura del Bilancio e della Nota Integrativa. INVESTIMENTI E PROGRAMMI Investimenti effettuati nel settore di energia elettrica Detto in precedenza dei principali investimenti realizzati nel 213, coerentemente col piano finanziario previsto, anche i principali investimenti del 214 riguarderanno il consolidamento degli asset esistenti piuttosto che la loro espansione. Detto in precedenza dei principali investimenti realizzati nel 213, coerentemente col piano finanziario previsto, anche i principali investimenti del 214 riguarderanno il consolida- I principali interventi previsti sono: mento degli asset esistenti piuttosto che la loro espansione. I principali interventi previsti sono: 1 6

13 Ultimazione dell ampliamento adicente al magazzino esistente (lotto 3) con razionalizzazione dell impiantistica interna compresa quella relativa agli impianti fotovoltaici allo scopo di completare la pratica di prevenzione incendi Completamento degli interventi di miglioramento della rete MT in Val di Ledro con la realizzazione delle cabine Pintossi e Santa Lucia Predisposizione per il futuro interramento della linea da Storo al Passo Ampola, necessario per la messa in sicurezza della dorsale principale della nostra linea MT. In questo settore è necessario adeguare continuamente le apparecchiature che presentano un obsolescenza tecnologica particolarmente significativa. Come già accennato, tramite la tecnologia GPON è stato sostanzialmente completato il collegamento degli utenti della Val di Ledro, ed è stata realizzata la ridondanza della banda. Gli investimenti previsti nel 214 riguarderanno il completamento della ridondanza della banda, la sostituzione di apparecchiature obsolescenti e altre piccole migliorie anche nell ambito della IPTV. - In base al disposto dell articolo 2 della Legge 59/92 e dell art del C.C., si fa presente che la politica tariffaria finora perseguita dalla Società è volta a garantire ai soci un costo della bolletta dell energia elettrica inferiore alla normale utenza nazionale e di assicurare all Azienda un sufficiente autofinanziamento per un continuo miglioramento e potenziamento degli impianti, al fine di offrire al Socio un alta qualità e continuità del servizio. Quest anno, come già illustrato su questo documento, per contenere le forti esposizioni finanziarie, è stato scelto di non ristornare parte del contributo di gestione come fatto negli anni precedenti; le utenze di Soci per usi diversi hanno comunque potuto beneficiare di una riduzione dell imposta erariale sull energia elettrica autoprodotta dalla società ed auto consumata dai soci, riduzione quantificata in 56. circa. Nel corso del 213, tutto il fabbisogno dei Soci, al netto dell autoproduzione, è stato acquistato dalla Trenta SpA e rivenduto ai Soci pressoché allo stesso prezzo di acquisto. In questo modo sono stati praticati ai Soci prezzi in linea col mercato. Per quanto riguarda il settore fotovoltaico, l energia prodotta dagli impianti fotovoltaici viene oggi venduta al Gestore dei Servizi Energetici SpA e pertanto non destinata all autoconsumo dei soci. I ricavi derivanti dalle incentivazioni sulle produzioni di tali impianti possono essere reinvestiti per migliorare i servizi resi ai soci. Dal 214 il CEdiS destinerà anche le produzioni degli impianti fotovoltaici connessi alla rete CEdiS (tetto fotovoltaico di Località Ca Rossa, anche detto So.val, e tetti fotovoltaici di zona industriale di cui ai progetti 1-2 e 3-4, acquisiti da E-CEdiS S.r.l. in liquidazione) all autoconsumo dei soci, estendendo il vantaggio di cui questi ultimi già usufruiscono in relazione all energia idroelettrica, anche all energia da fotovoltaico. L energia prodotta dall impianto di Remedello (BS) non può invece godere dei vantaggi dell autoconsumo a favore dei soci, in quanto non fisicamente connessa alla rete di distribuzione di CEdiS. Nel settore telecomunicazioni si rammenta che lo scopo originario era quello di realizzare un infrastruttura che sopperisse alla situazione deficitaria, in tale settore, che caratterizzava Storo e gli altri paesi di competenza CEdiS. 11

14 Date le difficoltà di accesso in zona all utilizzo delle tecnologie che caratterizzano la società dell informazione e della comunicazione, nonché di ricezione dei canali TV normalmente disponibili in chiaro, CEdiS ha deciso di offrire ai propri soci una disponibilità di banda larga su cui far viaggiare più agevolmente telefono, internet e TV. Il vantaggio del socio consiste nell utilizzabilità di una connessione internet con velocità tecnicamente superiore ad esempio all ADSL, ad un prezzo paragonabile a quello dell ADSL. Il socio ha altresì la possibilità di avere un servizio TV più vario ed economico di quello offerto normalmente e paga un fisso mensile inferiore rispetto al fisso Telecom. L obiettivo aziendale rimane quello di offrire gli stessi servizi a tutti i Soci sull intero territorio di competenza del CEdiS, compatibilmente con le disponibilità finanziarie proprie. All interno di questa strategia, anche negli anni futuri, dovranno confluire gli sforzi della Società. Al 31 dicembre 213 i dipendenti erano 23 così inquadrati: un dirigente, un quadro, dodici impiegati, di cui quattro in part-time, e nove operai. Nel corso del 213 è stata assunto un impiegato part time nell area amministrativa a tempo indeterminato. Nel corso dell anno sono stati ripresi temi formativi di tipo comportamentale e sono stati svolti i corsi previsti per la sicurezza. Si sono inoltre ridotte le partecipazioni a manifestazioni all estero limitandole al solo IBC. Il CEdiS controlla, con il 51% la Optical Network s.r.l., alla quale partecipano anche il Comune di Storo e quello di Bondone. Le partecipazioni più significative del CEdiS, sotto l aspetto strategico ed economico, sono: Dolomiti Energia, dove deteniamo lo,56% del capitale, equivalente a Primiero Energia, con una quota di partecipazione pari allo,84%, pari a SET, dove siamo presenti con lo,14% del capitale, corrispondente a GEAS, di cui deteniamo il 9,5% del capitale, per complessivi ISA, di cui deteniamo lo,1% del capitale, per complessivi Il consolidamento delle operazioni di ristrutturazione del debito unito al risultato economico determinato anche dalla riduzione degli investimenti di espansione della società hanno consentito di continuare il recupero della fiducia dei Soci e, al 31 dicembre 213, il Prestito Sociale ammonta a circa migliaia di euro (dei quali vincolati a scadenze varie) con un incremento di oltre il 5% rispetto all anno precedente. Nel 213 il tasso lordo concesso ai Soci è stato mediamente pari al 3,% (netto 2,4%). Per quanto riguarda il prestito vincolato, i tassi sono stati dal 3.25% al 3.75% in funzione delle scadenze. Al fine poi di rendere più agevole la lettura del bilancio, all interno dell opuscolo messo a 12

15 disposizione dei Soci, come già da alcuni anni, vengono inseriti dei prospetti riepilogativi fra i quali quelli di riclassificazione del Conto Economico e dello Stato Patrimoniale, nonché il Rendiconto Finanziario dai quali risulta un Cash Flow (flusso corrente utilizzabile per la realizzazione di nuovi impianti e per il pagamento dei mutui) pari a oltre due milioni di euro. La Situazione Patrimoniale e il Conto Economico chiudono con un utile netto di esercizio di Un pensiero di particolare apprezzamento va rivolto a tutto il personale dipendente per la leale collaborazione prestata e per l impegno profuso costantemente in questa fase indubbiamente difficile della vita societaria. Anche nel 213, nonostante il proseguimento delle vicissitudini finanziarie, il CEdiS ha comunque ritenuto di contribuire con oltre diecimila euro alle attività culturali e sportive del territorio. Si può pertanto essere orgogliosi di far parte di una grande famiglia che, oltre a rappresentare una ricchezza economica, costituisce anche un punto di riferimento sociale per il territorio. A tutti Voi Soci la nostra gratitudine e il nostro ringraziamento per l attaccamento che dimostrate nei confronti della Società Cooperativa. Storo, 28 marzo 214 I Commissari 13

16 ELENCO CONTRIBUTI E BENEFICENZE Si elencano di seguito gli Enti, le Associazioni, i Gruppi che nel corso del 212 hanno ricevuto contributi, sponsorizzazioni o beneficenze da parte del CEdiS: BAITONI Parrocchia di Bondone e Baitoni Pro loco Baitoni Bondone Scuola Materna Don Dino Vigili del Fuoco Baitoni Bondone BONDONE Alpini Bondone Parrocchia di Bondone e Baitoni Pro loco Baitoni Bondone Sezione Comunale Cacciatori Bondone Scuola Materna Don Dino Vigili del Fuoco Baitoni Bondone DARZO Gruppo Amici della Miniera Pro Loco Darzo S.B. Eridio Bocce Scuola Materna Darzo LODRONE Associazione Aiutiamoli a vivere Circolo Ricreativo Lodrone Comitato Belle Epoque Lodrone Gruppo Alpini Lodrone Gruppo Sci Lodrone Pro Loco Lodrone Scuola Materna Lodrone STORO Alpini Storo Associazione Aiutiamoli a vivere Associazione Pescatori Dilettanti Ass. S.D. Canoa Kayak Ass. S.D. Chiese nuoto Avis Storo-Bondone Banda Sociale Storo Cai Sat Calcio Chiese Circolo Oratorio Parrocchiale Circolo Pensionati ed anziani Del Voi Coro Sette Torri Coro Valchiese Gruppo Missionario I Batedur de Bore Il Chiese Progetto Iter Moto Club Storo Parrocchia S. Floriano Storo Pro loco M2 S.A. Valchiese S.S. Settaurense Scuola Kung fu tradizionale Long C hi Scuola materna Isidoro Cima Servizio Volontari Ambulanza Società Ciclistica Storo Team Volley Tennis Club Storo Unità Pastorale Madonna dell Aiuto Vigili del Fuoco Storo LEDRO TIARNO DI SOPRA A.C. Ledrense calcio Associazione Aiutiamoli a vivere Circolo Pensionati e Anziani Valle di Ledro Pro loco Tiarno di Sopra Sci Club Ledrense Scuola Materna Tiarno di Sopra Società Sportiva Dilettantistica Tremalzo Unione Allevatori Valle di Ledro LEDRO TIARNO DI SOTTO A.C. Ledrense calcio Associazione Aiutiamoli a vivere Corpo Bandistico Valle di Ledro Gruppo Missionario Alto Garda e Ledro Pro loco Tiarno di Sotto Sci Club Ledrense Unione allevatori Valle di Ledro Per un totale di 9.85, 14

17 PARTECIPAZIONI SOCIETARIE ED ASSOCIAZIONI Nome Descrizione Attività % Optical Network S.R.L. Primiero Energia S.p.A. S.E.T. Distribuzione S.p.A. Formazione e lavoro G.E.A.S. S.p.A. Consorzio Cooperativo Iniziative & Sviluppo Dolomiti Energia S.p.A. Fincoop S.p.A Banca Valsabbina Unicredit Banca S.p.A. Realizzazione, manutenzione e sviluppo di infrastrutture telematiche territoriali e più in generale di reti di comunicazione elettronica Produzione di Energia Elettrica nel Primiero; società subentrata negli Impianti Ex Sawa. Possesso di nr azioni Società costituita con lo scopo di subentrare all Enel nella distribuzione di Energia Elettrica nella Provincia di Trento. Possesso di nr azioni Società consortile che si occupa di formazione, consulenza e selezione del personale per tutto il movimento cooperativo. Società costituita a livello comprensoriale con l obiettivo di gestire servizi pubblici sul territorio di competenza. Possesso di n azioni Q.ta capitale Posseduta 51,% 5.1,,84% 33.55,,14% , 1., 9,5% , Cooperativa di servizi 1.32,91 Società costituita con l ambizione di subentrare all Enel nella gestione degli impianti idroelettrici Trentini. Possesso di nr azioni Cooperativa finanziaria della Federazione Trentina delle Cooperative Possesso di n. azioni 5. Istituto di credito che ha rilevato le attività dell ex Cassa Rurale di Storo. Possesso di nr azioni Istituto di credito subentrato nelle attività della Caritro. Possesso di nr. 69 azioni,56% ,,4% 5., , ,67 Distretto Tecnologico Nr. 5 quote 1,% 5., Credito Valtellinese Istituto di credito. Possesso di nr. 1. azioni 2.494, ISA S.p.A. Cooperfidi Soc. Coop. Federazione Trentina della Cooperazione Federutility Gestione di attività finanziarie e di compravendite immobiliari. Possesso n azioni,1% 9.36, Cooperativa di 2 grado nata per dare un supporto finanziario alle cooperative trentine. Quote possedute nr. 397 Associata ,32 Associazione di categoria delle cooperative trentine Associata 39,87 Associazione di categoria delle aziende elettriche italiane Associata Confservizi Associazione di categoria delle cooperative italiane Associata Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella Banca di credito coop. Cassa Rurale Adamello Brenta Azienda Pubblica per i servizi alla persona Villa S. Lorenzo Scuola Materna I Cima di Storo Quota sociale 2,58 Quota sociale 2,58 Socio Fondatore Socio Fondatore 15

18 16

19 17

20 Impianto fotovoltaico in località Cà Rossa L impianto fotovoltaico a terra a Remedello Impianto fotovoltaico sul tetto del magazzino CEdiS in zona industriale 18

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli