OPERE PUBBLICHE. TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA Teramo, 9 giugno 2017

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPERE PUBBLICHE. TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA Teramo, 9 giugno 2017"

Transcript

1 TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA Teramo, 9 giugno 2017 UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO a cura Arch. Cristian DAMIANI e Ing. Emanuele CAVALLO

2 LA RICOSTRUZIONE PUBBLICA SI REALIZZA ATTRAVERSO DIVERSI PIANI ATTUATIVI: art. 14 co. 2 Lett. a) Piano delle Opere Pubbliche Lett. a bis) Piano Edilizia Scolastica Lett. b) Beni Culturali Lett. c) Dissesti Idrogeologici Lett. d) Sviluppo Infrastrutture e Sistema Imprese Lett. f) Programma infrastrutture ambientali

3 Co. 2 lett. a) Tramite Ordinanze si provvede a predisporre ed approvare un piano delle opere pubbliche, comprensivo degli interventi sulle urbanizzazioni dei centri o nuclei oggetto degli strumenti urbanistici attuativi, articolato per le quattro Regioni interessate, che quantifica il danno e ne prevede il finanziamento in base alla risorse disponibili. Sulla Piattaforma telematica messa a disposizione dalla Struttura Commissariale, gli Enti Pubblici provvedono a caricare le schede di rilievo del danno relative ai propri immobili di proprietà ( sedi comunali, musei, circoli ricreativi, attrezzature sportive, uffici pubblici, presidi sanitari, attrezzature culturali, caserme, edifici demaniali, ecc. )

4

5 INTERVENTI ENTRO CRATERE N. 147 FINANZIAMENTO TOTALE RICHIESTO euro ,98 INTERVENTI FUORI CRATERE N. 134 FINANZIAMENTO TOTALE RICHIESTO euro ,59 Fonte:

6 Finanziamento previsto per tutte le Regioni: ,00 Finanziamento previsto solo Abruzzo massimo 10%: ,00 Priorità da seguire: cratere, esito certo, danni da sisma documentabili, cantierabilità, no zone rosse e/o perimetrazione, priorità strategica. Criteri da applicare: economicità, efficienza, efficacia, urgenza, importanza, fattibilità in tempi ragionevoli, congruità costi economici. Procedura operativa: Stabilire la tipologia di oo.pp. da finanziare nel primo stralcio, il numero e la localizzazione delle opere. Una volta stabiliti gli interventi, occorre approfondire le singole opere in contraddittorio con i comuni interessati ( stima economica credibile, verifica urbanistica, stato della progettualità dell opera per stabilire le tempistiche ).

7 Programma «Misure in materia di riparazione del patrimonio edilizio pubblico suscettibile di destinazione abitativa» da stralciare dal Piano OO.PP. Co. 3 ter: Ordinanza in itinere _ Elenco edifici di proprietà pubblica, non statale, ricompresi all interno del Cratere Sismico 2016, non classificati agibili a seguito di sopralluogo tecnico, che siano ripristinabili con miglioramento sismico entro il 31 dicembre 2018, da destinare al soddisfacimento delle esigenze abitative delle popolazioni dei comuni del cratere. Ciascun Presidente di Regione provvede a comunicare al Commissario Straordinario l elenco degli immobili suddetto per l approvazione definitiva.

8 Programma «Misure in materia di riparazione del patrimonio edilizio pubblico suscettibile di destinazione abitativa» da stralciare dal Piano OO.PP. Co. 3 quater: Le Regioni, gli ATER, o i Comuni gestori degli Edifici Residenziali Pubblici, provvedono all espletamento delle procedure di gara, relativamente agli immobili di loro proprietà. Co. 3 quinquies: Gli USR provvedono alla diretta attuazione degli interventi sugli immobili di proprietà statale, ripristinabili con miglioramento sismico entro il 31 dicembre 2018 ed inseriti negli appositi elenchi predisposti dai Presidenti di Regione.

9 Programma «Misure in materia di riparazione del patrimonio edilizio pubblico suscettibile di destinazione abitativa» da stralciare dal Piano OO.PP. Co. 3 sexies: con apposita Ordinanza sono definite le procedure per la presentazione e l approvazione dei progetti relativi agli immobili del suddetto programma. Ultimati gli interventi, gli immobili recuperati vengono tempestivamente destinati al soddisfacimento delle esigenze abitative delle popolazioni dei territori interessati dagli eventi sismici.

10 PROGETTAZIONE OO.PP. Co. 4: Sulla base delle priorità stabilite dal CSR d intesa con i vice commissari, i soggetti attuatori ( USR, MIBACT, MIT e Diocesi ) oppure i Comuni, le Unioni dei Comuni, le Unioni Montane e le Province interessate, provvedono a predisporre ed inviare i Progetti degli interventi al Commissario Straordinario. Co. 4 bis: I soggetti di cui sopra possono procedere all affidamento dell incarico di progettazione, ai professionisti iscritti nell elenco speciale di cui art. 34 ( nel caso di assenza e/o indisponibilità di personale dipendente interno alla PA ). Per importi inferiori alla soglia di euro ( Ente governativo centrale ) oppure euro ( Ente non governativo centrale ), l affidamento di cui sopra è attuato tramite procedura negoziata a cinque.

11 APPROVAZIONE PROGETTAZIONE OO.PP. Co. 5: Il Commissario Straordinario, previo esame dei progetti presentati, e verificata la congruità economica degli stessi, acquisito il parere della Conferenza Permanente, approva definitivamente i Progetti Esecutivi ed adotta il decreto di concessione del contributo.

12 ESPLETAMENTO DELLA GARA PER LE OO.PP. Co. 7: A seguito del rilascio del provvedimento di concessione del contributo, il Commissario Straordinario inoltra i progetti esecutivi alla Centrale Unica di Committenza ( INVITALIA SPA ) che provvede ad espletare le procedure di gara per la selezione degli OE che realizzano gli interventi.

13 PARCELLA PROFESSIONISTI Art. 34 co. 5: Il contributo massimo per tutte le attività tecniche poste in essere per la ricostruzione pubblica e privata, è stabilito nella misura, al netto dell IVA e dei versamenti previdenziali, del 10%, incrementabile fino al 12,5% per i lavori di importo inferiore a euro. Omissis. Co. 6: Per le OO.PP., compresi i BBCC di competenza delle Diocesi e del MIBACT, con successive ordinanze è fissata la soglia massima di assunzione degli incarichi tecnici, tenendo conto dell organizzazione dimostrata dai professionisti nella qualificazione.

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ordinanza n. 27 del 9 giugno 2017 Misure in materia di riparazione del patrimonio edilizio pubblico suscettibile di destinazione abitativa. Il Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione

Dettagli

SISMA MARCHE 2016/2017 PROVVEDIMENTI. Decreto Legislativo n.8

SISMA MARCHE 2016/2017 PROVVEDIMENTI. Decreto Legislativo n.8 SISMA MARCHE 2016/2017 PROVVEDIMENTI Decreto Legislativo n.8 DECRETO LEGGE 9 FEBBRAIO 2017 n.8 Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017 Novità

Dettagli

Visto il decreto-legge 9 febbraio 2017, n. 8, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 2017, n. 33, recante «Nuovi interventi urgenti in favore

Visto il decreto-legge 9 febbraio 2017, n. 8, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 2017, n. 33, recante «Nuovi interventi urgenti in favore PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - IL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 24 AGOSTO 2016 ORDINANZA 9 giugno 2017 Misure in materia di riparazione dei

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO

COMUNE DI PIEVE DI CENTO COMUNE DI PIEVE DI CENTO PROVINCIA DI BOLOGNA TERRITORIO E PATRIMONIO DETERMINAZIONE N. 21 del 24/02/2015 OGGETTO FABBRICATO EX SCUOLA ELEMENTARE E. DE AMICIS SITA IN VIA MARCO RIZZOLI 2-4-6 INTERVENTO

Dettagli

I Piani della Ricostruzione

I Piani della Ricostruzione Servizio Pianificazione Urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio I Piani della Ricostruzione SAIE 2014 Bologna, 23/10/2014 ing. Barbara Nerozzi Le politiche per la ricostruzione In poco

Dettagli

INTERVENTI POST-SISMA: DALL INAGIBILITA ALLA RICOSTRUZIONE

INTERVENTI POST-SISMA: DALL INAGIBILITA ALLA RICOSTRUZIONE INTERVENTI POST-SISMA: DALL INAGIBILITA ALLA RICOSTRUZIONE Macerata, 30/06/2017 1 DALLA SCHEDA FAST DI NON UTILIZZABILITA ALLA SCHEDA AEDES La verifica Fast ( veloce ) permette di sapere solo se l edificio

Dettagli

AGGREGATI EDILIZI E PIANIFICAZIONE

AGGREGATI EDILIZI E PIANIFICAZIONE AGGREGATI EDILIZI E PIANIFICAZIONE INTERVENTI SU EDIFICI IN AGGREGATO DISSESTI IDROGEOLOGICI PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA Teramo, 9 giugno 2017 UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE

Dettagli

Il quadro delle pratiche di ricostruzione presentate

Il quadro delle pratiche di ricostruzione presentate PRESIDENTE-COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA MAGGIO 2012 Il quadro delle pratiche di ricostruzione presentate Direttore STCD - Arch. Alfiero Moretti Ferrara, 27 marzo 2014 Gli edifici inagibili Quasi

Dettagli

I modi, i tempi e i costi del ripristino

I modi, i tempi e i costi del ripristino SISMA 2012 Pieve di Cento 13 giugno 2016 I modi, i tempi e i costi del ripristino RUP Arcidiocesi di Bologna LE NORMATIVE NAZIONALI E REGIONALI Decreto Legge n. 74-2012 convertito in Legge n. 122-2012

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Opere pubbliche e beni culturali DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 40 DEL 02/10/2017 OGGETTO: Eventi sismici 2016. Ordinanza del Commissario Straordinario n. 33 del 11 luglio 2017. Avvio indagine

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 24 AGOSTO 2016

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 24 AGOSTO 2016 Ordinanza n. 47 del 10 gennaio 2018 Utilizzo del partenariato pubblico-privato per gli interventi di riparazione, ricostruzione e ripristino di edifici pubblici nonché volti ad assicurare la funzionalità

Dettagli

Regione Umbria. Giunta Regionale

Regione Umbria. Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE GOVERNO DEL TERRITORIO E PAESAGGIO. PROTEZIONE CIVILE. INFRASTRUTTURE E MOBILITA' Servizio Organizzazione e sviluppo del sistema di protezione civile

Dettagli

La ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni culturali

La ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni culturali La ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni culturali La ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni culturali La Regione Emilia Romagna - nell ambito della disciplina per la ricostruzione post-sisma

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE. 1. Il terremoto in Abruzzo del 6 aprile Pag I numeri del terremoto ad un anno dalla tragedia...

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE. 1. Il terremoto in Abruzzo del 6 aprile Pag I numeri del terremoto ad un anno dalla tragedia... INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009... Pag. 1 2. I numeri del terremoto ad un anno dalla tragedia...» 4 Parte I SCENARI E ANALISI Capitolo Primo LO IUS PUBLICUM DELLA

Dettagli

COMUNE DI CAMPOTOSTO Provincia di L Aquila

COMUNE DI CAMPOTOSTO Provincia di L Aquila DECRETO SINDACALE N. 02 DEL 16.01.2016 IL SINDACO VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 recante Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale. G. GIORGI Brindisi. Informatica e Telecomunicazioni Elettronica,Elettrotecnica e Automazione

Istituto Tecnico Industriale Statale. G. GIORGI Brindisi. Informatica e Telecomunicazioni Elettronica,Elettrotecnica e Automazione Istituto Tecnico Industriale Statale G. GIORGI Brindisi Informatica e Telecomunicazioni Elettronica,Elettrotecnica e Automazione Meccanica Meccatronica ed Energia C.F.80001970740 Cod. Mec. BRTF010004 Web:

Dettagli

Ordinanza n. 82 del 15 Dicembre 2014

Ordinanza n. 82 del 15 Dicembre 2014 IL COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DEL DPCM DEL 25/8/2014 Ordinanza n. 82 del 15 Dicembre 2014 Definizione delle procedure per l effettuazione dei sopralluoghi al fine della partecipazione dei soggetti interessati

Dettagli

Il terremoto nelle marche REGIONE MARCHE

Il terremoto nelle marche REGIONE MARCHE Il terremoto nelle marche Sisma in cifre COMUNI COINVOLTI 87 3.978 Comuni nel cratere su 131 totali kmq 31.7 superficie interessata nelle Marche Comuni fuori dal cratere che hanno fatto 90segnalazioni

Dettagli

LE IMPLICAZIONI DI TIPO AMMINISTRATIVO E GIURIDICO A SEGUITO DELLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE AEDES

LE IMPLICAZIONI DI TIPO AMMINISTRATIVO E GIURIDICO A SEGUITO DELLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE AEDES LE IMPLICAZIONI DI TIPO AMMINISTRATIVO E GIURIDICO A SEGUITO DELLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE AEDES Monza 28 maggio 2016 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Monza e della Brianza Ing. Claudio Brozzi

Dettagli

Decreto n del 11 luglio 2017

Decreto n del 11 luglio 2017 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Decreto n. 1990 del 11 luglio 2017 Contributi all

Dettagli

Sisma Ricostruzione privata Edifici residenziali

Sisma Ricostruzione privata Edifici residenziali Sisma 2016 Ricostruzione privata Edifici residenziali Riferimenti Normativi: Legge n. 229 del 15 Dicembre 2016 Ordinanza n. 4 del 17/11/2016 Ordinanza n. 8 del 14/12/2016 Ordinanza n. 12 del 10/01/2017

Dettagli

DOV'E L'UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE LAZIO. [obiettivo dell'ufficio Speciale Ricostruzione Lazio è quello di garantire, di

DOV'E L'UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE LAZIO. [obiettivo dell'ufficio Speciale Ricostruzione Lazio è quello di garantire, di DOPO IL SISMA L'UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE LAZIO è stato istituito a seguito del sisma 2016 con una convenzione tra la Regione Lazio, la Provincia di Rieti e i Comuni di Accumoli, Amatrice, Antrodoco,

Dettagli

IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L. n. 74/2012 convertito con modificazioni dalla Legge n.

IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L. n. 74/2012 convertito con modificazioni dalla Legge n. IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L. n. 74/2012 convertito con modificazioni dalla Legge n. 122/2012 Vista la legge 24 febbraio 1992, n. 225 e ss.mm.ii.;

Dettagli

SCHEDE AEDES ACCORGIMENTI SULL ESATTA COMPILAZIONE

SCHEDE AEDES ACCORGIMENTI SULL ESATTA COMPILAZIONE SCHEDE AEDES ACCORGIMENTI SULL ESATTA COMPILAZIONE TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA Teramo, 9 giugno 2017 UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO a cura di Arch. Roberto Orsatti e Ing. Simona Cocciolone

Dettagli

SCHEDA N. 116 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE. Altre opere

SCHEDA N. 116 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE. Altre opere SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Consolidamento dei costoni e dei versanti della Collina dei Camaldoli - lato Soccavo SCHEDA N. 116 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L. n. 74/2012 convertito con modificazioni dalla Legge n.

IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L. n. 74/2012 convertito con modificazioni dalla Legge n. IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L. n. 74/2012 convertito con modificazioni dalla Legge n. 122/2012 Vista la legge 24 febbraio 1992, n. 225 e ss.mm.ii.;

Dettagli

Ordinanza n. 24 del 15 Aprile 2016

Ordinanza n. 24 del 15 Aprile 2016 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 24 del 15 Aprile 2016 Integrazioni e modifiche

Dettagli

Determinazione del Dirigente Scolastico/ RUP (Art. 10 del D. Lgs 163 / 2006) del 11/09/2014

Determinazione del Dirigente Scolastico/ RUP (Art. 10 del D. Lgs 163 / 2006) del 11/09/2014 Torre Annunziata Lì 11/09/2014 Prot. 4958 A/32 Determinazione del Dirigente Scolastico/ RUP (Art. 10 del D. Lgs 163 / 2006) del 11/09/2014 Determina a contrare per l affidamento dei lavori di PIANO DI

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Ricostruzione Centro Italia

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Ricostruzione Centro Italia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Ricostruzione Centro Italia Il raffronto con gli altri eventi sismici più recenti SISMA VALLE DEL BELICE FRIULI IRPINIA/BASILICATA

Dettagli

IL RESPONSABILE DELL AREA LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO

IL RESPONSABILE DELL AREA LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO COMUNE DI REGGIOLO Codice Ente CO-35032 ORIGINALE (Progr. 118) Area 009 DETERMINAZIONE N. 58 in data: 14.04.2015 OGGETTO: APPALTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE DEFINITIVA-ESECUTIVA DEL I STRALCIO FUNZIONALE

Dettagli

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DEL 20/04/2017

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DEL 20/04/2017 Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE GOVERNO DEL TERRITORIO E PAESAGGIO. PROTEZIONE CIVILE. INFRASTRUTTURE E MOBILITA' Servizio Organizzazione e sviluppo del sistema di protezione civile

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Interventi in materia di edilizia scolastica a seguito degli eventi sismici verificatisi in Abruzzo nel mese di aprile 2009 SCHEDA N.

Dettagli

Al via la classificazione del Rischio Sismico delle costruzioni per prevenzione e Sismabonus

Al via la classificazione del Rischio Sismico delle costruzioni per prevenzione e Sismabonus Al via la classificazione del Rischio Sismico delle costruzioni per prevenzione e Sismabonus Articolo 1, comma 2, lettera c) L. Stabilità 2017 Roma, 28 febbraio 2017 28/02/2017 Il Sismabonus come occasione

Dettagli

Al via la classificazione del Rischio Sismico delle costruzioni per prevenzione e Sismabonus

Al via la classificazione del Rischio Sismico delle costruzioni per prevenzione e Sismabonus Al via la classificazione del Rischio Sismico delle costruzioni per prevenzione e Sismabonus Articolo 1, comma 2, lettera c) L. Stabilità 2017 Roma, 28 febbraio 2017 12/05/2017 Il Sismabonus come occasione

Dettagli

G.1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI SUGLI EDIFICI PUBBLICI E PER IL CULTO

G.1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI SUGLI EDIFICI PUBBLICI E PER IL CULTO G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA EDIFICI PUBBLICI E DI CULTO G.1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI SUGLI EDIFICI PUBBLICI E PER IL CULTO Le numerose frazioni del comune

Dettagli

LA RICOGNIZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE CANTIERABILI. In collaborazione con

LA RICOGNIZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE CANTIERABILI. In collaborazione con LA RICOGNIZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE CANTIERABILI In collaborazione con 29 aprile 2015 L urgenza di investire in progetti per migliorare la qualità della vita 2 IL TERRITORIO ITALIANO È CARATTERIZZATO

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico SCHEDA N. 186 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO

Dettagli

Quindi possono usufruire della procedura di immediata esecuzione i soggetti legittimati in riferimento a:

Quindi possono usufruire della procedura di immediata esecuzione i soggetti legittimati in riferimento a: INTERVENTI DI IMMEDIATA CHE COSA SONO? ESECUZIONE Gli interventi di immediata esecuzione sono gli interventi di ripristino che è possibile realizzare per tutti gli edifici danneggiati aventi danni di tipo

Dettagli

Decreto. - Piano Annuale Opere Pubbliche Allegato C1 N Ordine Chiesa di Santa Teresa Via Campo Marzio, 13 Reggio Emilia;

Decreto. - Piano Annuale Opere Pubbliche Allegato C1 N Ordine Chiesa di Santa Teresa Via Campo Marzio, 13 Reggio Emilia; IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Decreto n. 438 del 22 febbraio 2017 Contributi assegnati

Dettagli

Ordinanza n. 57 del 4 dicembre 2015

Ordinanza n. 57 del 4 dicembre 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 57 del 4 dicembre 2015 Prolungamento delle

Dettagli

LA RIORGANIZZAZIONE DELLE STAZIONI APPALTANTI LOCALI ALLA LUCE DEL NUOVO CODICE APPALTI. Bergamo, 23 maggio 2017

LA RIORGANIZZAZIONE DELLE STAZIONI APPALTANTI LOCALI ALLA LUCE DEL NUOVO CODICE APPALTI. Bergamo, 23 maggio 2017 LA RIORGANIZZAZIONE DELLE STAZIONI APPALTANTI LOCALI ALLA LUCE DEL NUOVO CODICE APPALTI Bergamo, 23 maggio 2017 Art. 38 - D.Lgs. 50/2016 QUALIFICAZIONE STAZIONI APPALTANTI E CENTRALI DI COMMITTENZA AMBITO

Dettagli

Centrale acquisti Decreto nr. (104) prot del _25/01/2017 Il Direttore Generale,

Centrale acquisti Decreto nr. (104) prot del _25/01/2017 Il Direttore Generale, DIREZIONE GENERALE Centrale acquisti Decreto nr. (104) prot. 11488 del _25/01/2017 Il Direttore Generale, VISTO il d.lgs. 18 aprile 2016 n. 50 recante Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE

Dettagli

COMUNE DI OSTIGLIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE N. 272 DEL 31/07/2013

COMUNE DI OSTIGLIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE N. 272 DEL 31/07/2013 COMUNE DI OSTIGLIA Via Gnocchi Viani, 16 46035 Ostiglia (MN) comune@comune.ostiglia.mn.it Provincia di Mantova DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE N. 272 DEL 31/07/2013

Dettagli

Determinazione del Dirigente Scolastico. (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Prot. n. 2985/B4 del 17/05/2013

Determinazione del Dirigente Scolastico. (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Prot. n. 2985/B4 del 17/05/2013 Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Prot. n. 2985/B4 del 17/05/2013 Determina a contrarre per l affidamento dei lavori di Interventi per il risparmio energetico Sostituzione

Dettagli

- DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL PRESIDIO E.R.A.P. DI ASCOLI PICENO N. 140/RPAP DEL 23/05/2017

- DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL PRESIDIO E.R.A.P. DI ASCOLI PICENO N. 140/RPAP DEL 23/05/2017 1 - DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL PRESIDIO E.R.A.P. DI ASCOLI PICENO N. 140/RPAP DEL 23/05/2017 Oggetto: Programma di recupero immobili ERP L. n. 80/201 Interventi Linea B: affidamento incarico progettazione

Dettagli

CONSORZIO PER LA BONIFICA DELLA VAL DI CHIANA. ROMANA E VAL DI PAGLIA Chiusi Stazione (SI) **** DELIBERAZIONE N 19 ADOTTATA D URGENZA

CONSORZIO PER LA BONIFICA DELLA VAL DI CHIANA. ROMANA E VAL DI PAGLIA Chiusi Stazione (SI) **** DELIBERAZIONE N 19 ADOTTATA D URGENZA CONSORZIO PER LA BONIFICA DELLA VAL DI CHIANA ROMANA E VAL DI PAGLIA Chiusi Stazione (SI) **** DELIBERAZIONE N 19 ADOTTATA D URGENZA DAL PRESIDENTE IN DATA 10 SETTEMBRE 2015 **** OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SCICLI (Provincia Regionale di Ragusa) VII Settore LL.PP.

COMUNE DI SCICLI (Provincia Regionale di Ragusa) VII Settore LL.PP. COMUNE DI SCICLI (Provincia Regionale di Ragusa) VII Settore LL.PP. REGISTRO DELLE DETERMINAZIONI N 176 li 13.08.2010 Oggetto: progetto esecutivo di Riqualificazione e Completamento Zona Artigianale di

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Determinazione Settore UFFICIO TECNICO COMUNALE n. 46 del 12.09.2013 Oggetto: APPROVAZIONE VERBALE DI GARA ED AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA INCARICO PROFESSIONALE

Dettagli

Programma delle Opere Pubbliche e dei Beni Culturali Piani Annuali delle Opere Pubbliche e dei Beni Culturali.

Programma delle Opere Pubbliche e dei Beni Culturali Piani Annuali delle Opere Pubbliche e dei Beni Culturali. IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Decreto n. 1423 del 19 maggio 2017 Programma delle

Dettagli

Ordinanza n. 19 del 4 agosto 2017

Ordinanza n. 19 del 4 agosto 2017 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 19 del 4 agosto 2017 Nuove disposizioni

Dettagli

Determinazione del dirigente Numero 754 del 27/07/2016

Determinazione del dirigente Numero 754 del 27/07/2016 Determinazione del dirigente Numero 754 del 27/07/2016 Oggetto : 30 DETERMINA A CONTRARRE PER L APPALTO DEI SERVIZI TECNICI RELATIVI AL COORDINAMENTO E SUPERVISIONE DELLA DIREZIONE DEI LAVORI E SUPPORTO

Dettagli

SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115

SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115 SISTEMI URBANI Risanamento del sottosuolo dell area urbana di Napoli Progetto esecutivo Vallone S. Rocco SCHEDA N. 115 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: H44E04000000006 Altre opere

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO MS/ms

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO MS/ms SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO MS/ms Determinazione n. DD-2017-24 esecutiva dal 16/01/2017 Protocollo Generale n. PG-2017-4001 del 12/01/2017

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 766 SETTORE Settore Lavori Pubblici NR. SETTORIALE 215 DEL 16/09/2016 OGGETTO: LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE NELLE ZONE DI ESPANSIONE

Dettagli

Oggetto: Informativa avviso di manifestazione di interesse per l iscrizione all elenco speciale dei professionisti.

Oggetto: Informativa avviso di manifestazione di interesse per l iscrizione all elenco speciale dei professionisti. presso Ministero della Giustizia Prot. n. 2495 del 16 febbraio 2017 Serv. EP Area 1 Rif. del Ai Presidenti dei Collegi dei Geometri e Geometri Laureati Ai Geometri iscritti all Albo LORO SEDI Oggetto:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 64 SETTORE Settore Lavori Pubblici NR. SETTORIALE 6 DEL 30/01/2017 OGGETTO: 'LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE NELLE ZONE DI ESPANSIONE

Dettagli

Determinazione Dirigenziale

Determinazione Dirigenziale MUNICIPIO ROMA II DIREZIONE TECNICA Patrimonio-Edilizia pubblica ordinaria e straordinaria-manutenzione strade straordinaria-verde- Bilancio-Piano investimenti OO.PP- Scavi-Progetti- Autority della U.O.T.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE dei Servizi Territoriali N DEL 13/12/2002

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE dei Servizi Territoriali N DEL 13/12/2002 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE dei Servizi Territoriali N. 1492 DEL 13/12/2002 OGGETTO: EDILIZIA Edificio scolastico sede del Liceo N. Copernico via Borgovalsugana, 63 a Prato Espletamento consulenza in

Dettagli

Decreto n del 22 maggio 2017

Decreto n del 22 maggio 2017 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Decreto n. 1447 del 22 maggio 2017 Oggetto: Rigetto

Dettagli

COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto

COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N 107 del 22-02-2013 OGGETTO: APPALTO INTEGRATO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA COSTRUZIONE

Dettagli

Piano di Ricostruzione del Comune di Goriano Sicoli. Art. 14 bis L. 77/2009 Art. 67/quinquies L. 143/2012

Piano di Ricostruzione del Comune di Goriano Sicoli. Art. 14 bis L. 77/2009 Art. 67/quinquies L. 143/2012 Piano di Ricostruzione del Art. 14 bis L. 77/2009 Art. 67/quinquies L. 143/2012 Attuazione degli interventi urbanistici ed edilizi. ACCORDO DI PROGRAMMA ai sensi dell Art. 34 D.Lgs. 267/2000 e Artt. 8

Dettagli

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE Scheda 1 QUADRO DI NTE PER CATEGORIE DI OPERE TIPOLOGIA DI INTERVENTO (TABELLA 1) Codice CATEGORIE DI OPERE (TABELLA 2) Codice FINALITA' E RISULTATI ATTE Fabbisogno espresso in valori Assoluti Risorse

Dettagli

Ordinanza n. 4 dell 8 luglio 2014

Ordinanza n. 4 dell 8 luglio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L.N. 74/2012 ED AI SENSI DELL ART. 1 DEL D.L.N. 74/2014 Ordinanza n. 4 dell 8 luglio 2014 Ordinanza di autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI MACCHIA VALFORTORE Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE. N 18 del

COMUNE DI MACCHIA VALFORTORE Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE. N 18 del COMUNE DI MACCHIA VALFORTORE Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N 18 del 15.3.2011 Oggetto: Evento sismico del 31.10.2002 Delibera di G.C. n.136 del 19.7.2005. Rettifiche alla graduatoria

Dettagli

EDILIZIA PRIVATA ATTIVITA PRODUTTIVE DELOCALIZZAZIONE TEMPORANEA E DEFINITIVA RIPRISTINO E RIACQUISTO BENI STRUMENTALI E SCORTE

EDILIZIA PRIVATA ATTIVITA PRODUTTIVE DELOCALIZZAZIONE TEMPORANEA E DEFINITIVA RIPRISTINO E RIACQUISTO BENI STRUMENTALI E SCORTE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITA PRODUTTIVE DELOCALIZZAZIONE TEMPORANEA E DEFINITIVA RIPRISTINO E RIACQUISTO BENI STRUMENTALI E SCORTE TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA Teramo, 9 giugno 2017 UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA COPIA COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA RESPONSABILE DI AREA : Mariagrazia Gazzani DETERMINAZIONE N. 331 DEL 11/11/2009 OGGETTO: INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO SISMICO DELL

Dettagli

SETTORE 4 SERVIZI INFRASTRUTTURE PER IL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici

SETTORE 4 SERVIZI INFRASTRUTTURE PER IL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici. Servizio Lavori Pubblici N.O. DESCRIZIONE PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO 1 Affidamento diretto di lavori, servizi e forniture in economia di importo inferiore a 40.000,00 2 Affidamento diretto di lavori, servizi e forniture in economia

Dettagli

IL COMMISSARIO DELEGATO

IL COMMISSARIO DELEGATO ORDINANZA n. 1 del 25 gennaio 2013 OGGETTO: Piano degli interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio della Provincia di Rovigo nel mese

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO DETERMINAZIONE INGEGNERE CAPO 3 SETTORE TECNICO DETERMINA N. 303 DEL 31/08/2011 OGGETTO: Approvazione progetto esecutivo Riqualificazione urbana della zona

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, CASERTA

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, CASERTA ${id=115071} REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 CASERTA DeterminazioneDirigenziale Competenza/Funzione: X Propria Delegata Provvedimento con Eseguibilità: Ordinaria

Dettagli

Città di Recanati (Provincia di Macerata)

Città di Recanati (Provincia di Macerata) D E T E R M I N A Z I O N E D I R I G E N Z I A L E NR. 61 del 30/01/2017 Nr. 12 del 30/01/2017 del Registro Generale del Registro Settoriale Area Tecnica Programmazione Gestione Territorio Serv. Lavori

Dettagli

REGISTRO GENERALE N. 273 DEL

REGISTRO GENERALE N. 273 DEL REGISTRO GENERALE N. 273 DEL 28-06-2010 PROVINCIA DI LATINA P.za Lanzuisi. n. 1-04017 San Felice Circeo (LT) Telefono 0773.5221 - Fax 0773.546043 - www.comune.sanfelicecirceo.lt.it COPIA DETERMINAZIONE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Toselli Silvestri. Indirizzo Telefono Fax . Nazionalità. Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Toselli Silvestri. Indirizzo Telefono Fax  . Nazionalità. Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Toselli Silvestri Nazionalità Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA Dal 1979 - attualmente ancora in servizio

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 211 DEL

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 211 DEL CITTA DI VIADANA (Provincia di Mantova) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 211 DEL 26/05/2016 Settore Lavori Pubblici Unità Operativa Demanio Patrimonio OGGETTO: APPROVAZIONE DOCUMENTAZIONE TECNICA PROGETTO

Dettagli

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale)

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale) TABELLA A ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA INCIDENZA ECONOMICA ONERI DI URBANIZZAZIONE PER INSEDIAMENTI RESIDENZIALI E PER SERVIZI (art. 38, commi 1 e 3, regolamento regionale 2/2015) IMPORTO

Dettagli

Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006)

Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LOMBARDO RADICE Corso Calatafimi, 241/A - 90129 PALERMO CF. : 97251390825 091/422967-091/6570638 Fax 091/6575536 Email : paic8ad00q@istruzione.it Prot. n. 5910/B32- Pon Palermo

Dettagli

Det n /2016 Class. 279 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 1673/2016 SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA E IMPIANTI SPORTIVI

Det n /2016 Class. 279 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 1673/2016 SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA E IMPIANTI SPORTIVI COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 1673/2016 SETTORE EDILIZIA PUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA E IMPIANTI SPORTIVI Proponente: BERNABINI GUALTIERO OGGETTO: AFFIDAMENTO INCARICO PROFESSIONALE PER LA

Dettagli

Padova 5 GIUGNO 2013 LE RECENTI INIZIATIVE REGIONALI PER LA RIDUZIONE DAL RISCHIO SISMICO. Ing. Mariano CARRARO Regione Veneto

Padova 5 GIUGNO 2013 LE RECENTI INIZIATIVE REGIONALI PER LA RIDUZIONE DAL RISCHIO SISMICO. Ing. Mariano CARRARO Regione Veneto Padova 5 GIUGNO 2013 LE RECENTI INIZIATIVE REGIONALI PER LA RIDUZIONE DAL RISCHIO SISMICO Ing. Mariano CARRARO Regione Veneto 1 SISMICA NORMATIVA TECNICA NAZIONALE Principale disposizioni: 1) Ordinanza

Dettagli

Ordinanza n. 24 del 1 marzo 2013

Ordinanza n. 24 del 1 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 24 del 1 marzo 2013 Programma per il ripristino,

Dettagli

Il Responsabile del procedimento Ing. Virginia Caracciolo. Data Firma. Data Firma. Il Direttore della U.O.C. Economico Finanziaria e Patrimoniale

Il Responsabile del procedimento Ing. Virginia Caracciolo. Data Firma. Data Firma. Il Direttore della U.O.C. Economico Finanziaria e Patrimoniale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE - --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Cossato Settore Area Tecnica Ufficio Lavori Pubblici

Comune di Cossato Settore Area Tecnica Ufficio Lavori Pubblici Comune di Cossato Settore Area Tecnica Ufficio Lavori Pubblici - D.Lgs. 163/2006. D.M. Ministero Infrastrutture e Trasporti del 09.06.2005 -PROGRAMMA TRIENNALE DEI LAVORI PUBBLICI 2012 2014 Art. n. 128

Dettagli

Oggetto: Predeterminazione delle priorità ai sensi degli artt.11 e 15 del Decreto USRC n.1 del

Oggetto: Predeterminazione delle priorità ai sensi degli artt.11 e 15 del Decreto USRC n.1 del Oggetto: Predeterminazione delle priorità ai sensi degli artt.11 e 15 del Decreto USRC n.1 del 6.2.2014 Art.1 Ambito di applicazione I criteri di cui al presente atto disciplinano le priorità di intervento

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

SCHEMI IDRICI ABR - Potenziamento Acquedotto del Ruzzo dal Gran Sasso lato Teramo 1 lotto funzionale SCHEDA N. 151

SCHEMI IDRICI ABR - Potenziamento Acquedotto del Ruzzo dal Gran Sasso lato Teramo 1 lotto funzionale SCHEDA N. 151 SCHEMI IDRICI ABR - Potenziamento Acquedotto del Ruzzo dal Gran Sasso lato Teramo 1 lotto funzionale SCHEDA N. 151 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: C47H04000030001 Rete idrica Regione

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO II Governance, Progetti e Finanza

PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO II Governance, Progetti e Finanza PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO II Governance, Progetti e Finanza AREA EDILIZIA PROT. DATA A tutti i Comuni della Provincia di Ancona LORO SEDI OGGETTO: L.R. N. 31/2009, ART. 40 PROGRAMMA STRAORDINARIO

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 814 del 23/12/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 814 del 23/12/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 814 del 23/12/2015 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 8 - Direzione Generale per i lavori pubblici e la protezione civile

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno DETERMINAZIONE N.752 DEL 24/10/2017 PROPOSTA N. 793 PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LAVORI PUBBLICI OGGETTO:

Dettagli

Il Piano del Governo per l edilizia scolastica

Il Piano del Governo per l edilizia scolastica Presidenza del Consiglio dei Ministri Struttura di Missione per il coordinamento e impulso nell attuazione di interventi di riqualificazione dell edilizia scolastica Il Piano del Governo per l edilizia

Dettagli

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA INGEGNERIA E GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE SERVIZI DI MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA INGEGNERIA E GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE SERVIZI DI MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PG N 31890 Titolazione: del 17/09/2014 COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA R.U.D. 973 del 03/10/2014 INGEGNERIA E GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE SERVIZI DI MANUTENZIONE Dirigente: DI SILVESTRO Ing. Alfredo DETERMINAZIONE

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ EDILIZIA FINALIZZATA AL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DEL PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. VISTO l articolo 5, comma 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. VISTO l articolo 5, comma 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225; Ordinanza Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO N. 42 del 12/05/2015 Copia Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE EDIFICIO SCLASTICO DI

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 207 DEL

DETERMINAZIONE N. 207 DEL DETERMINAZIONE N. 207 DEL 01.12.2016 OGGETTO: NOMINA PROGETTISTA, COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE, CERTIFICATORE ENERGETICO E GEOLOGO PER L INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA U.O. PROGETTAZIONE DEL TERRITORIO

COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA U.O. PROGETTAZIONE DEL TERRITORIO COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA U.O. PROGETTAZIONE DEL TERRITORIO Variante n. 2 al Regolamento Urbanistico per la correzione di errori grafici delle opere connesse

Dettagli

Protocollo Generale n. PG del 15/07/2015. Proposta n.:p

Protocollo Generale n. PG del 15/07/2015. Proposta n.:p SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO NM/nm Determinazione n. DD-2015-1203 esecutiva dal 16/07/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-73501 del 15/07/2015

Dettagli

Art. 1 (Comitato regionale per i lavori pubblici)

Art. 1 (Comitato regionale per i lavori pubblici) L.R. 31 Gennaio 2002, n. 5 Comitato regionale per i lavori pubblici (1) Art. 1 (Comitato regionale per i lavori pubblici) 1. E' istituito il comitato regionale per i lavori pubblici, di seguito denominato

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE. Regolamento per la esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri di urbanizzazione

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE. Regolamento per la esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri di urbanizzazione COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Regolamento per la esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri di urbanizzazione Approvato con deliberazione del C.C. n. 85 del 18-11-2008 OPERE DI

Dettagli

Autorizzazione alla delocalizzazione temporanea dell'attività GIOIELLERIA GUGLIELMELLI DI GUGLIELMELLI SANDRO

Autorizzazione alla delocalizzazione temporanea dell'attività GIOIELLERIA GUGLIELMELLI DI GUGLIELMELLI SANDRO Ufficio Speciale Ricostruzione Lazio Dipartimento: Direzione: UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE LAZIO DIREZIONE Area: DECRETO DIRIGENZIALE (con firma digitale) N. A00025 del 16/06/2017 Proposta n. 26 del

Dettagli

Approvazione schema del programma triennale delle opere pubbliche

Approvazione schema del programma triennale delle opere pubbliche PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 2 1 0 Del 30 novembre 2016 Oggetto Approvazione schema del programma triennale delle opere pubbliche 2017-2019. L'anno 2016 ( Duemila

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli