Architettura dei sistemi Mainframe. Francesco Bertagnolli IBM Italia Gaetano Maretto IBM Italia. IBM Systems IBM Corporation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura dei sistemi Mainframe. Francesco Bertagnolli IBM Italia Gaetano Maretto IBM Italia. IBM Systems. 2010 IBM Corporation"

Transcript

1 Architettura dei sistemi Mainframe Francesco Bertagnolli IBM Italia Gaetano Maretto IBM Italia 2010 IBM Corporation

2 Agenda Blue Gene vs Mainframe Un Mainframe: La generazione z10 Architettura del processore mainframe Struttura di un Server e di un Cluster Misurare la potenza del Mainframe

3 Blue Gene vs Mainframe

4 System Name Site JUGENE Forschungszentrum Juelich (FZJ) 4 core System Family IBM BlueGene System Model BlueGene/P Computer Vendor Blue Gene/P Solution IBM 32 Chip Application area Research Installation Year 2009 Operating System CNK/SLES 9 Interconnect Proprietary Processor type PowerPC MHz (3.4 GFlops) Processor ( core) Main memory 2 Gbytes /node (aggregate 144 TB) 32 nodecards 72 Racks 72 Racks with 32 nodecards x 32 chip x 4 core (total chip) core

5 * * *Rmax and Rpeak values are in TFlops

6 Un applicazione Front End Access Point Local Network Security Network Access Point Dati Remote Network Sistemi Centrali External Network Internal Network

7 Il Sistema Centrale - Ruolo Volume PRINTERS Attached Users Networ k Local & Remote Networks Administrators ONLINE Data On Magnetic DISKS OFFLINE Data On TAPES or DVDs

8 Definizione di Sistema Centrale Un Sistema Centrale è un Calcolatore usato per gestire grandi flussi transazionali e/o massiccie elaborazioni batch con un grado elevato di sicurezza e di disponibilità. Inoltre si richiede al sistema centrale di poter garantire un livello di servizio concordato con gli utenti. Per poter svolgere compiti di questa mole deve essere in grado di accedere a grandi volumi di dati per conto di un gran numero di utenti contemporaneamente collegati.

9 Esistono Diversi tipi di Sistemi Centrali A partire dal 1990 industrie diverse (IBM, SUN, HP) hanno prodotto sistemi di grandi dimensioni ai quali gli utenti hanno dato il ruolo di Sistema Centrale Tali prodotti si differenziano per caratteristiche tecniche ed architettura costruttiva oltre che per la dimensione di potenza di calcolo. Anche se i Sistemi Centrali non hanno tutti necessariamente le stesse caratteristiche tecnicofunzionali essi sono accomunati dall uso che di essi viene fatto.

10 Modelli di Infrastruttura Modello Host Centrico Modello Client-Server Mainframe (Host) Mainframe (Host) Dati Dati Dati Dati Server Dati Terminali Browser Browser Browser Browser Client Client Client Client

11 Tipici lavori svolti dal Mainframe

12 Elaborazione di tipo Batch

13 Elaborazione di tipo On Line ATMs Account activities 1 TCP/IP network 4 Requests Branch offices Branch office automation systems 2 Office automation systems 3 Mainframe Accesses database 5 Central office queries and updates 6 Business analysts Inventory control Disk storage controller Stores database files

14 IBM System z Tipici ruoli professionali nel mondo Mainframe

15 Un mainframe: la generazione z10 EC

16 IBM System z: System Design Comparison System I/O Bandwidth 288 GB/sec* Balanced System CPU, nway, Memory, I/O Bandwidth* GB/sec* 96 GB/sec Memory 24 GB/sec ITR for 1-way 1.5 TB** 512 GB 256 GB 64 GB ~600 ~ way 32-way z10 EC *Servers exploit a subset of its designed I/O capability ** Up to 1 TB per LPAR 54-way 64-way Processors z9 EC zseries 990 zseries 900

17 Mainframe HW evolution z10 EC 77 engines 64-way Each new range continues to deliver: New function Unprecedented capacity to meet consolidation needs Improved efficiency to further reduce energy consumption Delivering flexible and simplified on demand capacity A mainframe that goes beyond the traditional paradigm Maximum ITR z9 EC 64 engines 54-way z engines 32-way z engines 16-way z900 z/os 1.6 z990 z/os 1.6 z9 EC z/os 1.6 z10 EC z/os 1.8

18 z10 EC Under the covers (Model E56 or E64) Power Supplies 2 x Support Elements Internal Batteries (optional) 3x I/O cages Processor Books, Memory, MBA and HCA cards Ethernet cables for internal System LAN connecting Flexible Service Processor (FSP) cage controller cards InfiniBand I/O Interconnects 2 x Cooling Units Fiber Quick Connect (FQC) Feature (optional) FICON & ESCON FQC

19 IBM System z10 EC Processor and Memory Structure

20 z10 EC Multi-Chip Module (MCM) 96mm x 96mm MCM 103 Glass Ceramic layers 7 chip sites 17 and 20 way MCMs S 2 S 3 PU 2 SC 1 PU 1 PU 4 PU 3 SC 0 PU 0 S 0 S 1 CMOS 11s chip Technology PU, SC, S chips, 65 nm 5 PU chips/mcm Each up to 4 cores One memory control (MC) per PU chip mm x mm 994 million transistors/pu chip L1 cache/pu core (Store-Through to L1.5) 64 KB I-cache 128 KB D-cache L1.5 cache/pu core (Store-Through to L2) 3 MB 4.4 GHz 0.23 ns Cycle Time 6 km of wire 2 Storage Control (SC) chip mm x mm 1.6 billion transistors/chip L2 Cache 24 MB per SC chip (48 MB/Book) L2 Store-In vs L3 (RAM) L2 access to/from other MCMs 3 km of wire 4 SEEPROM (S) chips 2 x active and 2 x redundant Product data for MCM, chips and other engineering information Clock Functions distributed across PU and SC chips

21 z10 EC Enterprise Quad Core z10 PU Chip Core L1 + L1.5 & HDFU MC Core L1 + L1.5 & HDFU L2 Intf COP COP L2 Intf Core L1 + L1.5 & HDFU GX Core L1 + L1.5 & HDFU Up to Four cores per PU 4..4 GHz L1 cache/pu core 64 KB I-cache 128 KB D-cache 3 MB L1.5 cache/pu core Each core with its own Hardware Decimal Floating Point Unit (HDFU) Two Co-processors (COP) Accelerator engines Data compression Cryptographic functions Includes 16 KB cache Shared by two cores L2 Cache interface Shared by all four cores I/O Bus Controller (GX) Interface to Host Channel Adapter (HCA) Memory Controller (MC) Interface to controller on memory DIMMs

22 z10 EC Additional Details for PU Core Each core is a superscalar processor with these characteristics: The basic cycle time is approximately 230 picoseconds Up to two instructions may be decoded per cycle Enterprise Quad Core z10 processor chip Maximum is two operations/cycle for execution as well as for decoding Memory accesses might not be in the same instruction order PU 2 PU 1 PU 0 Most instructions flow through a pipeline with different numbers of steps for various types of instructions. Several instructions may be in progress at any instant, subject to the maximum number of decodes and completions per cycle SC 1 SC 0 Each PU core has an L1 cache divided into a 64 KB cache for instructions and a 128 KB cache for data Each PU core also has a L1.5 cache. This cache is 3MB in size. Each L1 cache has a Translation Look-aside Buffer (TLB) of 512 entries associated with it S 2 S 3 PU 4 PU 3 S 0 S 1

23 z10 EC Compression and Cryptography Accelerator Data compression engine Static dictionary compression and expansion Dictionary size up to 64 KB (8K entries) Local 16 KB caches for dictionary data Core 0 Core 1 CP Assist for Cryptographic Function (CPACF) DES (DEA, TDEA2, TDEA3) SHA-1 (160 bit) SHA-2 (224, 256, 384, 512 bit) IB OB TLB 2 nd Level Cache TLB OB IB AES (128, 192, 256 bit) PRNG Accelerator unit shared by 2 cores Cmpr Exp 16K 16K Cmpr Exp Independent compression engines Shared cryptography engines Crypto Cipher Crypto Hash

24 z10 EC SC Hub Chip Connects multiple z10 PU chips 48 GB/Sec bandwidth per processor Shared Level 2 cache 24 MB SRAM Cache Extended directory Partial-inclusive discipline Hub chips can be paired 48 MB shared cache Low-latency SMP coherence fabric Robust SMP scaling Strongly-ordered architecture Multiple hub chips/pairs allow further SMP scaling

25 z10 EC Processor/Memory/HCA and Book SC CHIP PU CHIP Core L1 + L1.5 & HDFU MC L2 Int COP L2 Int Core L1 + L1.5 & HDFU GX Front View HCA2-O HCA2-O Core L1 + L1.5 & HDFU COP Core L1 + L1.5 & HDFU PU PU PU SC SC PU PU FSP FSP HCA2-C HCA2-C HCA2-C HCA2-C MBA MBA

26 z10 EC Book Layout Rear Memory Fanout Cards Front DCA Power Supplies Memory Cooling from/to MRU

27 z10 EC Book Layout Under the covers Fanouts MCM HCA2-O (InfiniBand) Memory FSP cards DCA Power Supplies HCA2-C (I/O cages) MBA (ICB-4) MRU Connections

28 20 PU MCM Structure Memory Memory Memory Memory 2 GX 2 GX 2 GX 2 GX 4 PU cores 4x3MB L1.5 COP 4 PU cores 4x3MB L1.5 COP 4 PU cores 4x3MB L1.5 COP 4 PU cores 4x3MB L1.5 COP 4 PU cores 4x3MB L1.5 COP MC, GX MC, GX MC, GX MC, GX MC, GX 24MB L2 SC 24MB L2 SC Off- Book Interconnect Off- Book Interconnect Off- Book Interconnect

29 z10 EC Inter Book Communications Model E64 The z10 EC Books are fully interconnected in a point to point topology as shown in the diagram Data transfers are direct between Books via the Level 2 Cache chip in each MCM. Level 2 Cache is shared by all PU chips on the MCM 17-way First Book 20-way Third Book 77-way CEC 20-way Second Book 20-way Fourth Book

30 Architettura del processore mainframe

31 Caratteristiche di base della CPU Terminologia 1. Tecnologia di Base: TTL CMOS 2. Codifica dei dati e delle istruzioni ASCII EBCDIC UNICODE 3. Instruction Set CISC (Complex Instruction Set Computer) RISC (Reduced Instruction Set Computer) 4. Indirizzamento della memoria: 24 Bit 31 Bit 64 Bit 5. Velocità di esecuzione (potenza) Ciclo Base (Nanosecondi, picosecondi) Tempo necessario al processore per passare da uno stato definito al successivo Frequenza di Clock (numero di cicli al secondo - Mhz, Ghz) Numero di Istruzioni generiche al secondo (MIPS= Millions of Instructions per Second) Numero di Istruzioni in virgola Mobile (Mflops)

32 Definizione Architetturale del Mainframe la z/architecture Le caratteristiche funzionali dei Sistemi Centrali IBM (detti Sistemi z) sono pubbliche. Esse sono state pubblicate la prima volta nel Sono contenute in due famiglie di volumi: La descrizione dell organizzazione dell unita centrale in un volume intitolato Principles of Operation La descrizione delle connessioni fra unita centrale e dispositivi periferici in un volume intitolato Interface Definition Tali caratteristiche vengono indicate col nome di z/architecture. Elementi essenziali di essa sono: L organizzazione dei Sistemi La gestione della Memoria Le caratteristiche del Sottosistema I/O. Il Set di Istruzioni Funzioni HW rivolte a particolari applicazioni La z/architecture è compatibile con ed estende le precedenti Architetture denominate: S/360 (1964) S/370 (1970) S/370 XA (1983) ESA/370 (1988) ESA/390 (1990) Fonte: Z/Architecture Principles of Operation SA IBM Corporation September 2005

33 IBM z/architecture Instruction Set Continues line of upward-compatible mainframe processors Application compatibility since 1964 Supports all z/architecture-compliant OSes ESA/390 z/architecture 64-bit addressing 370/ESA 370/XA Binary Floating Point S/370 Sysplex S/360 Virtual addressing 31-bit addressing 24-bit addressing s 1980s 1990s 2000s

34 I Sistemi Operativi del Mainframe 1967 CP/ OS/ VM/ MVS/ VM/XA 1982 MVS/XA 1990 VM/ESA 1988 MVS/ESA 2000 Linux/ bit 2002 z/vm 1996 OS/ z/os 2004 z/linux 64 bit 2009

35 Elementi della z/architecture L organizzazione generale dei Calcolatori (secondo lo schema precedente). Il Set di Istruzioni Le modalità di INPUT/OUTPUT e le relative istruzioni. L Organizzazione della Memoria Reale e Virtuale e dei Registri Le Assist a funzioni applicative; ad esempio: Crittografia Compressioni dei dati Gli strumenti per la gestione (avvio/chiusura) del sistema (Operator facilities) Le modalità di Controllo del Complesso Elaborativo (CEC) Le modalità di esecuzione dei programmi Le modalità di interrupt (Interruption Handling - IH) Le modalità di Gestione degli Errori (Machine-Check Handling).

36 La caratteristica fondamentale della z/architecture Compatibilità Binaria all interno delle famiglie di elaboratori che la compongono. Ovvero qualunque programma applicativo utente scritto secondo le regole della z/ Architecture può essere eseguito su qualunque calcolatore con essa compatibile senza la necessità di alcuna modifica, né al codice sorgente, né al programma direttamente eseguibile. Tale caratteristica obbliga tutti i Calcolatori compatibili ad essere in grado di eseguire con lo stesso risultato tutte le istruzioni definite dall Architettura, indipendentemente dalla implementazione Tecnologica del Processore. Molti utenti dei Sistemi Centrali IBM eseguono con successo oggi, programmi che sono stati compilati nel 1964, senza averli mai modificati o rielaborati.

37 Elementi della z/architecture Virtual Memory Memoria Virtuale I Sistemi mainframe usano la tecnica denominata Memoria Virtuale Indice delle Pagine Memoria Centrale Memoria ausiliaria: Immagine della Memoria Virtuale sui dischi Page-in Page-out L operazione di spostamento di dati e programmi dalla Memoria ausiliaria a quella centrale per essere elaborati viene detta page in. Lo Spostamento di dati e programmi non usati dalla memoria centrale ad altri dispositivi viene detta page out

38 Elementi della z/architecture La Dynamic Address Translation (DAT) Il processo detto Dynamic Address Translation (DAT) ha lo scopo di convertire un indirizzo virtuale in un indirizzo reale. ha la capacità di interrompere l esecuzione di programmi per spostare i contenuti relativi dalla memoria centrale su una memoria ausiliaria (dischi) ed in un secondo momento restituire dati e programma alla memoria centrale ponendoli in una differente locazione. Tale operazione viene definita Paginazione e rappresenta il passaggio dalla Memoria Virtuale a quella reale. Le operazioni del DAT sono assolutamente trasparenti al programma. Memoria Virtuale Memoria Ausiliaria Memoria Centrale Programma 1 Programma2 Programma

39 Elementi della z/architecture La traduzione degli indirizzi virutali La traduzione viene effettuata in maniera assistita dall hardware utilizzando tabelle gestite dal sistema operativo Sono possibili 5 livelli di tabelle (3 Region Tables, Segment Table, Page Table) Per ottimizzare le performance si possono evitare livelli di traduzione per address-space di opportuna dimensione All interno del processore i TLB (Translation Lookaside Buffers) sono cache delle traduzioni effettuate.

40 Elementi della z/architecture Tipi di indirizzo Al fine della traduzione si definiscono due indirizzi: Indirizzo Virtuale : Indica una posizione nella memoria Virtuale. Per essere ricondotto ad una posizione reale necessita di una traduzione dell indirizzo. Indirizzo Reale : è un indirizzo di memoria Centrale che viene fatto corrispondere ad un indirizzo virtuale mediante Traduzione dinamica dell indirizzo Memoria Reale Memoria Virtuale Sui Sistemi della z/architecture l indirizzamento puo avvenire con tre modalità(trimodal ADDRESSING): 1. A 24 Bit. Puo indirizzare 16 Megabytes (2 24 )di Memoria Reale o Virtuale. Viene mantenuto per compatibilita con le precedenti architetture. 2. A 31 Bit. Puo indirizzare 2Gigabytes (2 31 )di Memoria Reale o Virtuale. Viene mantenuto per compatibilta con le precedenti architetture. 3. A 64 Bit. Metodo Standard puo indirizzare 16 ExaBytes (2 64 ). Fonte: Z/Architecture Principles of Operation SA IBM Corporation September 2005

41 Elementi della z/architecture La Program Status Word (PSW) La Program Status Word (PSW) è una struttura binaria che contiene in ogni istante l indirizzo della l istruzione da eseguire nel passo successivo ed altre informazioni di controllo sullo stato della CPU. La PSW attiva in ogni istante si chiama Current PSW. Ogni processore ha la sua current PSW. Le CPU della z/architecture hanno la possibilità di interrompere il ciclo di istruzioni in esecuzione (programma) e passare subito ad un altro quando ricevono un particolare segnale detto interruption. Questo switch (PSW switching) avviene in questo modo: 1. La Current PSW viene scritta in una locazione di memoria ben definita dall architettura (Old PSW) e 2. Da un altra locazione di memoria ben definita dall architettura (New PSW) viene caricata una nuova PSW che indirizza l esecuzione alla routine SW che gestisce il tipo di Interrupt. Esistono sei Tipi possibili di Interrupt: 1. External 2. I/O 3. Machine check 4. Program 5. Restart 6. Supervisor Call Fonte: Z/Architecture Principles of Operation SA IBM Corporation September 2005

42 Principali Registri della z/architecture I Registri sono particolari strutture della CPU designate a contenere informazioni di controllo e servizio ovvero i dati da elaborare I Registri si dividono in: 1. General Registers : (16 a 64 bit) Sono i registri di base per il funzionamento della CPU e per l esecuzione delle operazioni elementari (Accumulatori, Program Counter,etc...) 2. Floating Point Registers: (16 a 32 o 64 bit)- Sono usati per le operazioni in virgola mobile a singola o doppia precisione. 3. Floating point Control register : un registro a 32 bit che contiene informazioni di controllo per la gestione delle operazioni in virgola mobile. 4. Control Registers:(16 a 64 bit) Sono usati dalla CPU solo per funzioni di controllo e registrazione 5. Access Registers: (16 a 32 bit) Servono a controllare l accesso ai dataspace (address space che contengono solo dati) Fonte: Z/Architecture Principles of Operation SA IBM Corporation September 2005

43 Elementi della z/architecture il Set di Istruzioni CISC (Instruction set) Le operazioni della CPU sono controllate da una serie di istruzioni, in memoria che, eseguite in maniera sequenziale, ed una per volta, rappresentano un programma. L indirizzo della prossima istruzione da eseguire è sempre indicata nella Current PSW. Questo indirizzo puo essere: 1. Quello dell istruzione adiacente (cioè con indirizzo crescente) in memoria virtuale. 2. Il target di un salto di programma (Branch) 3. L indirizzo contenuto in una New PSW che diventa Current a seguito di un Interrupt 4. L indirizzo contenuto in un campo di memoria che diventa Current PSW a fronte di una istruzione Load PSW. Ogni istruzione e costituita da due parti: Operation Code, che specifica quale operazione deve essere eseguita Operando(s) Indirizzo del dato(i) che si deve elaborare Le istruzioni possono avere quindi lunghezza e formati variabili (i formati previsti dall architettura sono 21) L Instruction set attuale comprende piu di 800 Istruzioni. Fonte: Z/Architecture Principles of Operation SA IBM Corporation September 2005

44 Alcune Istruzioni della z/architecture General Instructions: ADD SUBTRACT BRANCH COMPARE DIVIDE LOAD MOVE MOVE STRING STORE CHARACTER STORE CLOCK TRANSLATE SUPERVISOR CALL Decimal Instructions: EDIT ADD DECIMAL DIVIDE DECIMAL MULTIPLY DECIMAL... Floating point Instructions: CONVERTE BFP to HFP STORE LOAD ZERO... Control Instructions: COMPARE AND SWAP DIAGNOSE MOVE PAGE LOAD PSW SET CLOCK SIGNAL PROCESSOR PAGE IN PAGE OUT STORE CPU ID... Hexadecimal FP Istructions: ADD NORMALIZED CONVERT TO FIXED MULTIPLY SQUARE ROOT LOAD AND TEST... Binary FP Instructions ADD COMPARE LOAD FPC MULTIPLY AND ADD...

45 Il Channel Subsystem Introdotto con l architettura S370/XA (1983 ) Concetti definiti dall architettura Channel Channel Path Control Unit Subchannel Device Uno dei punti di forza dell architettura mainframe Permette ottenere grandi prestazioni nell accesso ai dati Garantisce alti livelli di scalabilità e RAS

46 Componenti del Channel Subsystem (CSS) SAP (System Assist Processor): uno dei tipi di processori dei Sistemi z. connette il CSS ai dispositivi di I/O che sono attaccati ai canali usa la configurazione di caricata nell Hardware System Area (HSA), e conosce quale dispositivo è connesso a ogni canale, e qual è il suo protocollo gestisce la coda di operazioni di I/O passate al CSS dal sistema operativo Canali: piccoli processori che comunicano con le unità di controllo dell I/(Control Unit o CU) gestiscono il trasferimento dei dati dalla memoria centrale al dispositivo esterno. Channel path: Il CSS comunica con i dispositivi di I/O attraverso percorsi di canale (Channel paths) Se un canale è condiviso fra molte partizioni logiche, ogni partizione logica stabilisce un unico percosso di canale verso ciascun dispositivo che usa questo canale Sottocanali Un sottocanale (Subchannel) fornisce l aspetto logico di un dispositivo nei riguardi di un programma e contiene le informazioni richieste per eseguire una singola operazione di I/O Un sottocanale viene fornito per ogni dispositivo di I/O indirizzabile dal CSS.

47 Gestione I/O con il Channel Subsystem CPU Sistema a CHPID USER PGM Start Subchannel Channel PGM SAP Disconnect FREE Sub Channel CU Disconnect Path USER PGM Interrup t FREE Sub Channel Dynamic Path Reconnect CU-Firmware Device L Operazione di I/O viene gestita da diverse CPU indipendenti

48 Struttura di un Server e di un Cluster di server

49 Core CICS DB2 IMS ERP DB2 z/os Mainframe and Virtualization WebSphere Java Java Appl Appl. Busine ss Java Business CICS Appl Object Objects IMS s JVM JVM z/os Linux Linux for System z z/vm Test z/os Native Linux C++ Java Linux for System z DB2 DB2 Linux for System z HiperSockets virtual networking and switching Processor Resource/Systems Manager (PR/SM ) Linux Linux for System z z/vm Native Linux C++ Java Linux for System z DB2 DB2 Linux for System z CP 1 CP 2 CP n Memory IFL 1 IFL n Up to 60 logical partitions on PR/SM; 100 s to 1000 s of virtual servers on z/vm Virtual networking for memory-speed communication, as well as virtual layer 2 and layer 3 networks supported by z/vm Intelligent and autonomic management of diverse workloads and system resources based on business policies and workload performance objectives

50 z10 EC Inter Book and I/O Communications Processor Book 3 L2 Memory Processor Book 0 L2 Memory Processor Book 2 L2 Memory Processor Book 1 L2 Memory HCA2-Cs HCA2-Cs HCA2-Cs HCA2-Cs 12x IB-DDR to I/O card domains 6 GB/sec Slot 5 Mux 0 Mux 1 Interconnect Slot 14 Mux 2 Mux 3 Interconnect Slot 23 Mux 4 Mux 5 Interconnect Slot 28 Mux 6 Mux 7 Interconnect Domain 0 Slot 01 Slot 03 Slot 06 Slot 08 Domain 2 Slot 10 Slot 12 Slot 15 Slot 17 Domain 4 Slot 19 Slot 21 Slot 24 Slot 26 Domain 6 Slot 29 Slot 30 Slot 31 Slot 32 I/O Cage 1 Slot 02 Slot 04 Slot 07 Slot 09 Domain 1 Slot 11 Slot 13 Slot 16 Slot 18 Domain 3 Slot 20 Slot 22 Slot 25 Slot 27 Domain 5

51 z10 EC I/O Infrastructure Book 0 Book 1 Book 2 Book 3 Memory Memory Memory Memory PU PU PU PU PU PU PU PU FBC/L2 Cache HCA (8x) 12x IB-DDR (16x) FBC/L2 Cache PU PU PU PU PU PU PU PU PU PU PU PU HCA (8x) 12x IB-DDR (16x) FBC/L2 Cache HCA (8x) 12x IB-DDR (16x) FBC/L2 Cache HCA (8x) 12x IB-DDR (16x) HCA-O or HCA-C fanout or MBA fanout for ICB-4 1 st level Copper Cables IFB-MP RII Channels IFB-MP IFB-MP RII IFB-MP IFB-MP IFB-MP IFB-MP IFB-MP RII RII 2 GBps msti 1 GBps msti. ISC 500 MBps msti ISC ISC ISC Coupling Links Channels 333 MBps msti ESCON ESCON ESCON ESCON.. Ports 2 GBps msti 2GBps msti 2 nd level Embedded Cargo cage (3x) FICON Express4 1/2/4 Gbps ISC-3 ESCON OSA-Express3 10 GbE Note: 28 I/O cards per cage

52 FICON/FCP IBM System z FICON Express8 FICON Express4 FICON Express2 Networking OSA-Express3 10 Gigabit Ethernet LR Gigabit Ethernet LX and SX OSA-Express2 1000BASE-T Ethernet Gigabit Ethernet LX and SX 10 Gigabit Ethernet LR HiperSockets (Define only) z10 EC Channel Types ESCON STP Coupling Links InfiniBand Coupling Links ISC-3 (Peer mode only) ICB-4 IC (Define only) Crypto Crypto Express2 Configurable Coprocessor or Accelerator

53 z10 EC FICON Express8 2, 4, 8 Gbps auto-negotiated Up to 336 channels LX 10 km, LX 4 km, SX Concurrent repair of optics Personalize as: FC Native FICON Channel-To-Channel (CTC) z/os, z/vm, z/vse, z/tpf, TPF, Linux on System z FCP (Fibre Channel Protocol) Support of SCSI devices z/vm, z/vse, Linux on System z 1, 2, 4 Gbps 1, 2, 4 Gbps 1, 2, 4 Gbps 1, 2, 4 Gbps

54 OSA-Express3 10 GbE New microprocessor 10 Gigabit Ethernet LR (Long Reach) Two ports per feature Small form factor connector (LC Duplex) CHPID type OSD (QDIO) PCI-E PCI-E LC Duplex SM LC Duplex SM Hardware data router Packet construction, inspection and routing preformed in hardware instead of firmware Designed to improve performance for standard (1492 byte) and jumbo frames (8992 byte) Up to 40% reduction in latency compared to OSA-Express2 10 GbE

55 Cluster di Mainframes IBM Parallel Sysplex Cluster IBM zseries E possibile realizzare un Cluster di Sistemi Mainframes z/os: Il Parallel Sysplex. IBM zseries z/os 40 Km CF IBM zseries z/os 40 Km 40 Km IBM zseries z/os 40 Km IBM zseries z/os CF

56 Misurare la potenza del Mainframe

57 Architetture - CISC e RISC CISC (Complex Instruction Set Computer) Tipica di z/architecture & INTEL Molte Centinaia di Istruzioni Istruzioni molto complesse che fanno riferimento anche a diversi operandi in memoria e diversi registri. Pochi Registri nella CPU Ogni istruzione puo richiedere anche molti cicli macchina. Alcuni processori possono presentare un SET di istruzioni CISC, che vengono internamente convertite in istruzioni RISC per essere eseguite in unità RISC (Pentium). RISC (Reduced Instruction Set Computer) Tipica dei sistemi UNIX Poche Centinaia di Istruzioni Istruzioni molto semplici che operano sempre su una posizione di memoria ed un registro (Load & Store) e tra due registri. Molti Registri nella CPU Ogni ciclo macchina viene conclusa una istruzione (Pipeline). Negli ultimi anni tendono a divenire piu complesse.

58 Differenze tra architetture - CISC e RISC Istruzioni da Eseguire per Funzione Ciclo Base CISC= Complex Istruction Set Computer Minimizza la Path Length RISC= Reduced Istruction Set Computer Minimizza i Cicli per istruzione La frequenza di Clock (inverso del Ciclo Base) non e l unico elemento per misurare le prestazioni di un calcolatore Entrambe le implementazioni sono in grado di eseguire piu di una ISTRUZIONE contemporaneamente

59 La potenza dei Processori - Definizioni Ciclo Base (Nanosecondi, picosecondi) Tempo necessario al processore per passare da uno stato definito al successivo Frequenza di Clock (numero di cicli al secondo - Mhz, Ghz) Numero di Istruzioni in virgola Mobile al secondo (MFlOPS = Millions of Floating Point Operations/Second) MIPS (Millions Instructions per Second) = Numero di Istruzioni CISC eseguite al secondo (in milioni). Cicli per Istruzione = Numero medio di istruzioni macchina per istruzione CISC (si ottiene da Frequenza/MIPS) MIPS UNI = Milioni di istruzioni CISC eseguite da una macchina con un solo processore. MIPS Tot = Milioni di istruzioni CISC eseguite da una macchina con il massimo di processori attivi Internal Throughput Rate (ITR) = Numero di unita di lavoro eseguite da un mainframe per secondo di processore utilizzato ITR_Uni = ITR di un mainframe con un processore ITR_N = ITR di un mainframe con n processori

60 Evoluzione dei Processori Metriche dei Processori IBM S/390 & Z 64 Bit

61 Evoluzione dei Processori IBM per i Mainframe

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica a.a. 2008/2009 Corso di CALCOLATORI ELETTRONICI Capitolo

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali

Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali Smau Bologna 18 Giugno 2009 Eligio Papa Distribution Channel Sales Manager SAP Italia COSA SIGNIFICA

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server Prima pubblicazione: 21 Ottobre 2012 Ultima modifica: 21 Ottobre 2012 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West Tasman Drive San Jose, CA 95134-1706 USA http://www.cisco.com Tel: 8 526-00 800

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti,

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, Data Center ELMEC Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, alimentazione e condizionamento. Con il nuovo

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Anno Accademico 2012-2013 Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Sebastiano Pizzutilo Strutturazione del Sistema Operativo

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli