COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA. Seduta della Conferenza Stato Regioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA. Seduta della Conferenza Stato Regioni"

Transcript

1 COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA Seduta della Conferenza Stato Regioni La Conferenza Stato Regioni comunica: La Conferenza si è riunita sotto la presidenza del Ministro degli Affari Regionali e le Autonomie Locali, sono stati esaminati e discussi i seguenti provvedimenti con gli esiti indicati: Parere sullo schema di decreto del Presidente della Repubblica recante disposizioni in materia di direttori scientifici degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS): Lo schema di decreto esaminato consta di un solo articolo strutturato su quattro commi. Il primo comma precisa che oggetto dello schema è la disciplina del potere di nomina del direttore scientifico spettante al Ministro della salute, ai sensi del menzionato articolo 5 del decreto legislativo 16 ottobre 2003, n La disposizione, inoltre, fa salve le competenze statutarie di cui all articolo 3 del decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288, l atto di intesa adottato nella richiamata seduta della Conferenza Stato Regioni del 1 luglio 2004, nonché il parere del Presidente della Regione interessata in ordine al provvedimento di nomina nei termini stabiliti dal più volte detto articolo 5 del decreto legislativo 16 ottobre 2003, n Il terzo e il secondo comma stabiliscono le modalità di scelta e di nomina del direttore scientifico. In particolare, un apposita commissione, la cui composizione è prevista dal terzo comma, è chiamata a selezionare una terna di candidati ritenuti idonei, previo avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. L ultimo comma disciplina il potere del Ministro di revocare l incarico ed indica i casi in cui tale potere può essere esercitato.

2 Le Regioni hanno espresso sullo schema di decreto parere favorevole formulando i seguenti emendamenti poi condivisi dal Governo: - all art. 1, comma 2, aggiungere dopo le parole selezionata da una apposita commissione le parole :, secondo criteri specifici predefiniti dal Ministro della salute ; - all art. 1, comma 3, sostituire il primo periodo con il seguente. La commissione, nominata dal Ministro della salute, è composta dal Direttore generale della Ricerca scientifica e tecnologica, da un rappresentante della Regione ove l Istituto ha la sede principale, da tre rappresentanti della comunità scientifica, anche di nazionalità straniera, di indiscussa fama internazionale nella disciplina, individuati tenendo conto dell equilibrio di genere ; - all articolo 1, comma 4, sopprimere le parole: e la commissione di cui al comma 3 e sostituire con e il consiglio di indirizzo e verifica di cui all art. 2 dell intesa del 1 luglio 2004 per gli IRCCS non trasformati in Fondazioni o il Consiglio di Amministrazione di cui all art. 3 del D.Lgs. n. 288/2003 per gli IRCCS trasformati in Fondazioni PARERE FAVOREVOLE Intesa sul decreto ministeriale recante modalità di utilizzo del fondo per l internazionalizzazione del settore dell artigianato: La legge 24 dicembre 2003, n. 350, incrementa di 10 milioni di euro il fondo volto ad agevolare i processi di internazionalizzazione ed i programmi di penetrazione commerciale promossi dalle imprese artigiane e dai consorzi all esportazione a queste collegati. L utilizzo delle disponibilità del fondo è esteso al sostegno finanziario dei processi esportativi delle imprese artigiane ed ai programmi di penetrazione commerciale e di internazionalizzazione. Il decreto lgs. n. 112/98 attribuisce alle regioni le competenze in materia di interventi in favore dell artigianato. Tuttavia lo strumento del decreto ministeriale appare motivato dall interesse nazionale al raggiungimento delle predette finalità attraverso un programma straordinario nazionale a sostegno dell internazionalizzazione del sistema imprenditoriale artigiano. Gli interventi agevolativi riguardano esclusivamente consorzi all esportazione collegati a imprese artigiane, raggruppamenti di almeno tre imprese produttive artigiane, distretti o filiere di settore. SANCITA INTESA Parere sullo schema di decreto del Ministro della salute concernente la riduzione delle percentuali di sconto a carico delle

3 farmacie, di cui all articolo 38 del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 273, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 febbraio 2006, n. 51: Il decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 273, convertito con modificazioni dalla legge 23 febbraio 2006, n. 51, prevede che, al fine di favorire il mantenimento di una efficiente rete di assistenza farmaceutica territoriale anche nelle zone disagiate, le percentuali dello sconto dovuto dai farmacisti al Servizio Sanitario Nazionale sono ulteriormente ridotte, rispetto alla riduzione prevista dall ultimo periodo dell articolo1, comma 40, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, relativamente alle farmacie con un fatturato annuo non superiore ad euro ,45 e limitatamente all arco temporale decorrente dal 1 marzo al 31 dicembre Ai sensi della predetta disposizione, la misura della riduzione di sconto di cui trattasi è stabilita con decreto del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, per una maggiore spesa complessiva, a carico del Servizio Sanitario Nazionale, non superiore a 2,1 milioni di euro per l anno Per l attuazione della citata norma di legge, il Ministero della salute, ha predisposto lo schema di decreto esaminato che, oltre ad individuare le fattispecie di esenzione dal praticare lo sconto di cui trattasi e di riduzione della percentuale dello sconto medesimo, al fine di rimborsare la maggiore spesa sostenuta dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e di Bolzano, ripartisce tra le stesse la somma di PARERE FAVOREVOLE Parere sulla proposta di riparto alle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano delle somme allocate nel capitolo 3430 dello stato di previsione del Ministero della Salute per l esercizio finanziario 2006 per le iniziative di informazione agli operatori sanitari sulle proprietà, sull impiego e sugli effetti indesiderati dei medicinali e di altri prodotti di interesse sanitario, nonché per le campagne di educazione sanitaria, da realizzarsi tramite le aziende sanitarie locali: Il capitolo 3430 dello stato di previsione della spesa del Ministero della salute prevede, per il corrente esercizio, prevede lo stanziamento della somma di euro ,00 da assegnare alle Regioni e Province autonome per le iniziative di informazione agli operatori sanitari sulle proprietà, sull impiego e sugli effetti indesiderati dei medicinali e di altri prodotti di interesse sanitario, nonché per le campagne di educazione sanitaria, da realizzarsi tramite le aziende sanitarie locali. Il Ministero ha individuato, quale tematica oggetto della destinazione di tali fondi per il 2006, quella del Rischio clinico connesso all uso di dispositivi medici. PARERE FAVOREVOLE

4 Parere sulla proposta del Ministero della salute di assegnazione alle Regioni e Province autonome, per l anno 2006, dei fondi di cui agli articoli 10, comma 8, 12, comma 4, 16, comma 3 e 17, comma 2, della legge 1 aprile 1999, n. 91 : La proposta di ripartizione esaminata è di un importo complessivo pari a , 00 ed è stata elaborata, su indicazioni del Centro Nazionale Trapianti, dal Ministero della salute per le finalità e in attuazione della legge 1 aprile 1999, n. 91, sulla base dei criteri generali utilizzati nei decorsi anni, con una riconsiderazione dei pesi attribuiti ai singoli criteri ai fini di una più adeguata rispondenza rispetto all attività effettivamente svolta. In particolare: - al criterio Attività regionale (Procurement) è stato destinato il 20% dei fondi da ripartire in base al numero di organi procurati e trapiantati; - al criterio Popolazione, è stato destinato il 20% dei fondi da distribuire in rapporto al numero degli abitanti; - al criterio Implementazione Registro Cerebrolesi, è stato attribuito il 40% dei fondi, da ripartire sulla base della trasmissione dei dati, con cadenza mensile, al Centro Nazionale Trapianti; - al criterio relativo alla Direttiva Europea 2004/23/CE su cellule e tessuti è stato attribuito il 20% dei fondi da attribuire in base alle iniziative volte a favorire dal punto di vista organizzativo e informatico l attuazione della medesima direttiva. PARERE FAVOREVOLE Parere sulla proposta del Ministero della salute di progetto formativo da realizzare con gli stanziamenti di bilancio 2006 per le finalità di cui all articolo 21, della legge 1 aprile 1999, n. 91: La legge 1 aprile 1999, n. 91, recante disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti, all art. 21, comma 1, prevede che il Ministro della salute, sentito il Ministro dell università e della ricerca scientifica, con proprio decreto istituisca borse di studio per la formazione del personale delle strutture che svolgono le attività di cui alla legge medesima, nonché per la riqualificazione del personale addetto all assistenza ai donatori e alle persone sottoposte a trapianto, prevedendo a tal fine uno stanziamento annuo di ,00. Per tale attività, nell anno 2006, lo stanziamento sul capitolo 4110 dello stato di previsione del Ministero della salute è di ,00. La proposta esaminata si sostanzia in un programma che prevede borse di studio per la partecipazione a quattro corsi:

5 3 corsi dedicati al management del reperimento di organi e tessuti (corso TPM Transplant Procurement Management), in lingua italiana realizzati da una equipe comprendente docenti italiani e spagnoli; 1 corso dedicato alla morte encefalica; PARERE FAVOREVOLE Proposta di accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome concernente la ripartizione dei fondi per gli oneri di funzionamento, per l anno 2006, delle strutture individuate per garantire il coordinamento intraregionale e interregionale delle attività trasfusionali: La legge 21 ottobre 2005, n. 219 (Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati), all articolo 6, comma 1, lett. c), prevede che con apposito accordo tra Governo, Regioni e province autonome, sancito in sede di Conferenza Stato Regioni, venga promossa la individuazione da parte delle Regioni, in base alla propria programmazione, delle strutture e degli strumenti necessari per garantire un coordinamento intraregionale ed interregionale della attività trasfusionali, dei flussi di scambio e di compensazione nonché il monitoraggio del raggiungimento degli obiettivi in relazione alle finalità poste dalla legge medesima e che, a tal fine, è autorizzata la spesa di annui a decorrere dall anno 2006 per gli oneri di funzionamento delle predette strutture. In attuazione della predetta disposizione di legge, nella seduta della Conferenza Stato Regioni del 30 novembre 2006 è stato perfezionato l Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome, concernente la individuazione delle strutture e degli strumenti necessari per garantire il coordinamento intraregionale e interregionale delle attività trasfusionali, nonché la ripartizione dei fondi 2005 per sostenere gli oneri di impianto delle strutture medesime. Il Ministero della salute ha presentato la proposta di accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome, concernente la ripartizione dei fondi per gli oneri di funzionamento, per l anno 2006, delle strutture individuate per garantire il coordinamento intraregionale e interregionale delle attività trasfusionali. Con la proposta esaminata le somme da assegnare, pari a , sono ripartite secondo i seguenti criteri: - attribuzione del 60% dell intero ammontare suddiviso per ciascuna Regione e Provincia autonoma in base alla popolazione residente; - attribuzione del restante 40% suddiviso in base alla individuazione e attivazione delle strutture per il coordinamento intraregionale e interregionale delle attività trasfusionali. SANCITO ACCORDO

6 Proposta di accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di proroga del regime sperimentale del Programma di educazione continua in medicina: L articolo 1, comma 173, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 prevede la realizzazione di un Piano nazionale dell aggiornamento del personale sanitario. Con l Accordo ponte Stato Regioni del 16 marzo 2006, nelle more della definizione del predetto Piano, da effettuarsi sulla base delle linee generali individuate con l Intesa Stato Regioni del 23 marzo 2005, sono stati provvisoriamente confermati gli obiettivi di formazione continua in medicina e le relative sperimentazioni avviate con l Accordo Stato Regioni del 20 dicembre 2001 Con la proposta di accordo esaminata si prevede, per un periodo non superiore a sei mesi e con la finalità di consentire ad una Commissione paritetica Stato Regioni di predisporre una proposta condivisa sul futuro assetto del Programma di educazione continua in medicina, un ulteriore proroga del regime sperimentale del Programma medesimo con la conferma degli obiettivi formativi individuati dal citato Accordo Stato Regioni del 2001, nonché la fissazione del debito formativo che gli operatori sanitari dovranno soddisfare nel corso del SANCITO ACCORDO Proposta di accordo del Ministero della salute per l assegnazione alle Regioni per l anno 2006, dei fondi di cui all articolo 2-ter, comma 3, del decreto-legge 29 marzo 2004, n. 81, convertito in legge, con modificazioni, dall articolo 1 della legge 26 maggio 2004, n. 138: La proposta di accordo esaminata ripartisce, secondo le indicazioni del Centro Nazionale per i Trapianti, il fondo per l anno 2006, per un importo complessivo di ,00, come di seguito esplicitato: - la somma di ,00 viene assegnata all Ospedale Maggiore IRCCS Policlinico di Milano per il funzionamento dell NITp, - la somma di ,00 viene assegnata all Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino per il funzionamento dell AIRT, - la somma di ,00 viene assegnata all Azienda Ospedaliera Policlinico Umberto I di Roma per il funzionamento dell OCST. La rimanente somma pari a ,00, viene assegnata come di seguito:

7 - la somma di alla Regione Emilia Romagna (afferente al CIR AIRT) per il funzionamento del sistema informativo trapianti; - la somma di ,00 alla Regione Lazio (afferente al CIR OCST) per lo sviluppo e la gestione delle attività di scambio di organi con centri esteri; - la somma di ,00 alla Regione Lombardia (afferente al CIR NITp) per la promozione e il sostegno alla formazione della rete trapiantologica interregionale; - la somma di ,00 alla Regione Emilia Romagna (afferente al CIR AIRT) per la promozione e il sostegno alla formazione della rete trapiantologica interregionale; - la somma di ,00 alla Regione Lazio (afferente al CIR OCST) per la promozione e il sostegno alla formazione della rete trapiantologica interregionale; - la somma di ,00 alla Regione Toscana (afferente al CIR AIRT) inerenti alla rete della sicurezza e alle attività derivanti dall applicazione dell accordo Stato - Regioni del 23 settembre 2004 nella misura, rispettivamente, di ,00 e ,00; - la somma di ,00 alla Regione Veneto (afferente al CIR NITp) per lo promozione di attività formativa; - la somma di alla Regione Basilicata (afferente al CIR OCST) per il finanziamento di microprogetti operativi organizzativi e/o di ricerca applicata. SANCITO ACCORDO Parere sullo schema di decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali relativo alla Disciplina del regime di condizionalità dei pagamenti diretti della PAC e abrogazione del decreto ministeriale 15 dicembre 2005 : Lo schema di decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali aggiorna le disposizioni e gli obblighi a livello nazionale sulle condizioni agronomiche ed ambientali - condizionalità - cui dovranno attenersi le aziende per poter ottenere i previsti aiuti comunitari diretti al reddito. Il mancato rispetto dei requisiti determina la riduzione percentuale dell aiuto diretto, in caso di violazioni accertate, e la revoca totale, in caso di infrazione dolosa. Con questo provvedimento viene abrogato il precedente decreto ministeriale 15 dicembre 2005, allo scopo di rendere compatibile e coerente la programmazione regionale con i nuovi Piani di sviluppo rurale Viene modificata, pertanto, la disciplina, in modo particolare sulle riduzioni ed esclusioni dall aiuto comunitario e prorogato, per l annualità

8 2007, il termine perentorio per la definizione dei provvedimenti regionali, in materia. PARERE FAVOREVOLE Intesa sullo schema di decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali relativo al Piano assicurativo agricolo anno 2007: La nuova normativa disposta con il decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102, abroga le precedenti disposizioni del Fondo di solidarietà nazionale in agricoltura e, per il sostegno dei redditi agricoli a seguito dei danni causati da fenomeni atmosferici o calamità, prevede un apposito Piano assicurativo a copertura dei rischi che determina l entità del contributo pubblico sui premi assicurativi, tenuto conto delle disponibilità di bilancio, dell'importanza socio-economica delle produzioni e del numero di potenziali assicurati. Detto Piano deve essere definito annualmente, d intesa con la Conferenza Stato-Regioni, sentite le proposte di un apposita Commissione tecnica composta da rappresentanti delle Organizzazioni professionali agricole, dei Consorzi di difesa e delle Cooperative, delle Assicurazioni nonché dell Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare (ISMEA), in qualità di organo tecnico dell Amministrazione. La proposta di Piano assicurativo per il 2007, elaborata con la citata Commissione tecnica, ricalca l impianto dei precedenti Piani con alcune integrazioni e con la conferma del principio dell alternatività tra interventi compensativi e copertura assicurativa, in coerenza con la normativa comunitaria. La disponibilità, prevista nel disegno di legge finanziaria, ammonta per gli incentivi assicurativi a 190 milioni per il 2007 ed 200 milioni per il 2008 a fronte dei 150 milioni dell anno in corso. PARERE FAVOREVOLE Approvazione della proroga del Protocollo d intesa per l effettuazione di una indagine annuale sui risultati economici delle aziende agricole RICA e REA: L indagine sui risultati economici delle aziende agricole in oggetto ha cadenza annuale. La lista campionaria delle aziende agricole su cui viene effettuata l indagine è fornita all INEA dall ISTAT. Il provvedimento ha lo scopo di sottoporre all approvazione della Conferenza Stato-Regioni l estensione dell indagine in forma congiunta INEA ISTAT in collaborazione con le Regioni e Province autonome anche ai dati dell anno 2006, con validità fino a tutto l anno 2007, nelle stesse modalità stabilite dal Protocollo già in vigore, approvato, una prima volta, in Conferenza Stato-Regioni il 27 febbraio 2003 per gli anni 2002, 2003 e 2004 e, successivamente, prorogato dalla

9 stessa Conferenza il 3 marzo 2005, con l inserimento del Ministero delle politiche agricole e forestali tra i soggetti firmatari, con validità fino alla fine dell anno APPROVAZIONE DELLA PROROGA DEL PROTOCOLLO D INTESA Intesa tra il Ministero delle politiche agricole e forestali, le Regioni e le Province autonome sulle procedure di recupero del prelievo supplementare, mediante compensazione, nel settore lattiero caseario: L intesa è stata proposta in accordo tra gli Assessorati regionali all agricoltura ed il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per superare le difficoltà di carattere amministrativo ed organizzativo incontrate dalle amministrazioni regionali in considerazione dell imminente scadenza, al 31 dicembre 2006, del terzo pagamento della rateizzazione e al fine di dare certezza politica ai produttori agricoli che operano nel rispetto delle normative nazionali e comunitarie. SANCITA INTESA Proposta di accordo concernente un programma di collaborazione tra il Ministero della solidarietà sociale, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano al fine di realizzare interventi di prevenzione in materia di tossicodipendenze: Con la proposta di accordo esaminata si definiscono, nell ambito di un programma di collaborazione tra il Ministero della solidarietà sociale, le Regioni e le Province autonome volto alla lotta alle dipendenze, le modalità di realizzazione di due specifici progetti denominati: Progetto per le persone migranti che hanno sviluppato dipendenza da alcol e sostanze stupefacenti e Progetto di prevenzione selettiva in materia di nuove droghe. L onere economico per la realizzazione dei due progetti, a carico del Ministero della Solidarietà Sociale, é pari a cinque milioni di euro ( ,00) complessivamente ed è così suddiviso: ,00 per il Progetto per le persone migranti che hanno sviluppato dipendenza da alcol e sostanze stupefacenti ed ,00 per il Progetto di prevenzione selettiva in materia di nuove droghe. Le risorse saranno attribuite alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano in base alla popolazione target per le dipendenze presente sul territorio, rilevata dall ISTAT il 1 gennaio Le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano redigeranno e trasmetteranno al Ministero della Solidarietà Sociale un rapporto finale, nel quale saranno esposti i risultati delle attività realizzate nell ambito dei progetti realizzati. SANCITO ACCORDO

10 Parere sullo schema di decreto legislativo, di attuazione della direttiva europea 2003/122/Euratom del Consiglio del 22 dicembre 2003, sul controllo delle sorgenti radioattive sigillate ad alta attività e delle sorgenti orfane, su proposta del Ministro per le politiche europee e dei Ministri dello sviluppo economico, dell ambiente e della tutela del territorio e del mare, dei trasporti, dell interno e della salute, predisposto ai sensi dell art. 1, commi 1 e segg., allegato a), della legge 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004): La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi, ha predisposto lo schema di decreto esaminato, (approvato in pari data, con deliberazione preliminare, dal Consiglio dei Ministri). La direttiva europea 2003/122/Euratom del Consiglio del 22 dicembre 2003, che integra le disposizioni di precedenti direttive, prevede di assoggettare ad autorizzazione preventiva ogni attività concernente le sorgenti di radiazioni ad alta radioattività e vengono dettagliate le modalità e le misure da indicare nell autorizzazione. Un primo obiettivo fondamentale è quello di individuare le figure che a vario titolo si occupano della gestione delle sorgenti, con le relative attribuzioni di responsabilità. Inoltre, vengono disposti obblighi di tenere una migliore contabilità delle sorgenti, nonché concernenti apposite previsioni per l identificazione e l apposizione di un contrassegno sulle sorgenti, al fine di limitare eventuali smarrimenti, furti o utilizzi impropri delle sorgenti. Vengono previste azioni nel campo della formazione e della informazione, nonché norme a carattere programmatico che prescrivono agli Stati procedure per affrontare eventuali emergenze e interventi per il recupero delle sorgenti orfane. La direttiva prevede anche l istituzione di un sistema di garanzia finanziaria o altro strumento equivalente per coprire i costi di intervento relativi al recupero delle sorgenti orfane, nonché disposizioni per lo scambio di informazioni tra le amministrazioni dei vari Stati. Le finalità della richiamata direttiva comunitaria hanno trovato attuazione nel decreto legislativo in esame, cercando di trovare soluzioni perseguibili per prevenire l esposizione dei lavoratori e della popolazione a radiazioni ionizzanti derivanti da un controllo inadeguato delle sorgenti radioattive. PARERE FAVOREVOLE con accoglimento di proposte emendative condivise Acquisizione della designazione di un rappresentante nella Deputazione Nazionale prevista dal Regolamento per il

11 funzionamento del sistema telematico delle Borse Merci italiane con riferimento ai prodotti agricoli, agroalimentari e ittici di cui al decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali 6 aprile 2006, n. 174: la Conferenza Stato Regioni ha acquisito la designazione del Dott. Gianni Anselmo Sostituzione di un rappresentante in seno alla Commissione per i prodotti sementieri di varietà geneticamente modificate: La Conferenza Stato Regioni ha designato il Dott. Vincenzo Castoro della Regione Basilicata in sostituzione del dr. Giuseppe D Agrosa della medesima regione. Designazione di un rappresentante in seno al Consiglio di Amministrazione dell Istituto di studi ricerche e informazione sul mercato agricolo (ISMEA): La Conferenza Stato Regioni ha designato, riconfermandolo, il Dott. Salvatore Calvanico della Regione Siciliana. Acquisizione della designazione di un rappresentante in seno al Comitato di coordinamento delle Zone di tutela biologica di cui all articolo 4 del decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali 9 marzo 2006: La Conferenza Stato Regioni ha acquisito la designazione del Dott. Giacomo Candi, funzionario del servizio Agricoltura e Forestazione e Pesca della regione Marche. Designazione di due componenti nel Nucleo di consulenza per l attuazione delle linee guida per la regolazione dei servizi di pubblica utilità (NARS): La Conferenza Stato Regioni ha designato i rappresentanti regionali. Designazione di tre responsabili delle strutture di coordinamento intraregionale ed interregionale di cui all articolo 6, comma 1, lettera c), della legge 21 ottobre 2005, n. 219, in seno al Comitato Direttivo del Centro nazionale sangue: La Conferenza Stato Regioni ha designato: Dott. Michele Scelsi, esperto della Regione Puglia Dott. Michele Bajorek, esperto della Regione Sardegna Dott. Antonio Breda, responsabile del Coordinamento regionale per le Attività Trasfusionali Regione Veneto.

12 Nomina della Commissione per la cinematografia: La Conferenza Stato Regioni ha espresso PARERE FAVOREVOLE sullo schema di decreto e ha riconfermato all interno della Commissione stessa, i rappresentanti di nomina regionale: Dott. Oscar Iarussi, Dott. Francesco Gesualdi, Dott. Massimo Bergami, Dott. Carlo Degli Esposti, Dott. Vito Zagarrio e Dott. Paolo Mereghetti. E STATO RINVIATO IL SEGUENTE PUNTO: Parere sulla richiesta di conferma del riconoscimento di carattere scientifico dell IRCCS Fondazione SDN per la ricerca e l alta formazione in diagnostica nucleare di Napoli Roma 14 dicembre 2006

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo Stato, regioni

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale OGGETTO: Borsa di studio per laureato in Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche. Approvazione della graduatoria ed assegnazione della borsa di studio.

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli