Prima Lezione: Introduzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prima Lezione: Introduzione"

Transcript

1 Prima Lezione: Introduzione Le Virtual Lan (V-LAN) permettono di separare i domini di boardcasting di pc collegati allo stesso switch o alla stessa rete fisica. In altre parole il loro uso consente di far appartenere a reti logiche diverse pc colllegati allo stesso switch o alla stessa rete fisica. Un ulteriore uso delle si ha quando è necessario far appartenere alla stessa rete logica Pc collegati in diversi segmenti di rete fisica. Gli apparati di rete che supportano le sono gli switch; conseguentemente il livello della pila ISO/OSI a cui si pongono le è il livello data link e i messaggi su cui lavorano sono i FRAME. Come esempio di utilizzo si consideri il caso in cui un ospedale abbia i reparti divisi per piano (ad ogni piano corrisponde un reparto); si suppomga che in ogni reparto ci siano dei pc ad uso dei medici ed altri pc ad uso dei pazienti, risulta evidente la necessità di predisporre due reti logiche separate: una per i medici ed una per i pazienti. Supponiamo che lo schema logico del cablaggio dell'ospedale sia quello in figura. Figura Nel TC-Chirurgia avremo due switch: il primo collegherà tutte le To dei medici; il secondo tutte quelle dei pazienti, identica situazione si ripeterà nel TC-Pediatria. Il problema nasce quando dobbiamo collegare tra di loro i diversi piani; dal momento che il cablaggio orizzontale è costituto da un solo cavo, la presa del patch panel che porta all'mc può essere collegata ad uno dei due switch e di conseguenza potremo collegare tra i diversi piani o i pc dei modici o quelli dei pazienti ma non entrambi. D'altra parte non è possibile collegare ad un solo switch tutte le prese in quanto appartenenti a reti logiche diverse. Le Vlan permetteranno, quindi, di effettuare questa operazione. Per realizzare le V-LAN sono necessari appositi switch in grado di supportarle; utilizzeremo il simbolo in figura per indicare uno switch di questo tipo. Figura

2 Tali switch sono configurabili, bisognerà infatti indicare: La definizione delle che lo switch dovrà gestire; ogni è identificata da un univoco e da un nome. Associare ogni PC collegato allo switch con una delle definite. Tale associazione avverrà tramite il numero di porta fisica dello switch a cui è collegato il pc. Bisognerà, quindi, associare ogni porta dello switch ad una vlan. UN altra possibilità, che non utilizzeremo, è associare il pc alla VLAn in base al proprio indirizzo IP e/o MAC. I nodi collegati a diverse dello stesso switch funzionano come se fossero collegati a diverse. Supponiamo di avere uno switch a cui sono collegati 6 pc; i primi tre appartengono alla A e gli altri tre alla B; supponiamo, inoltre, che le porte di collegamento dei singoli pc siano come illustrato in figura. Figura La configurazione da impostare sullo switch è di seguito indicata: Definzione _A _B Configurazione Porte

3 6 Avere due reti virtuali fa si che la rete funzioni come se i pc fossero collegati a due switch separati, come illustrato in figura. Figura Gli switch che supportano le devono essere in grado di svolgere tre funzioni.. Ingress: Capire a quale Vlan appatiene un frame in ingresso da una porta. Forwarding: Conoscere verso quale porta far uscire il frame in base all'indirizzo mac e alla Vlann di appartenenza. Egress: Passare il frame in modo che l'informazione sulla Vlan di appartenenza arrivi ad eventuali altri switch a valle di esso.

4 Seconda Lezione: Tagged e Untagged V-Lan Untagged Vlan Nelle Vlan untagged (dette anche port Based) ogni porta dello switch può essere associata ad una sola Vlan e di conseguenza il riconoscimento della Vlan a cui appartiene un frame avviene solo attraverso la porta di invio-ricezione del frame. Questa caratteristica presenta delle difficoltà nel momento in cui si vogliono collegare tra di loro due switch che supportano le Vlan. Prendiamo l esempio in figura. I Pc, e appartengon alla Vlan A ma i pc e sono collegati al primo switch mentre il pc all altro. Allo stesso modo i pc, e 6 appartengono alla Vlan A con i primi due collegati al primo switch e il terzo all altro switch. La configurazione dei due switch sarà la seguente. Switch - Definzione _A Switch - Definzione _A _B Switch - Configurazione Porte _B Switch - Configurazione Porte?? Figura Il problema, come evidenziato sia nella figura che nella configurazione, è capire a che Vlan vanno

5 associate le porte che collegano i due switch (la porta per lo switch e la porta per lo switch ). Se associamo tali porte alla vlan A i pc della vlan B collegati a due switch diversi non potrebbero comunicare tra di loro; associandole, invece, alla vlan b si avrebbe lo stesso problema con la vlan A. L unica soluzione consiste nel realizzare due collegamenti tra i due switch uno tra porte associate alla vlan A e l altro tra porte associate alla vlan B. La configurazione e la figura seguente illustrano questa soluzione. Switch - Definzione _A Switch - Definzione _A _B Switch - Configurazione Porte _B Switch - Configurazione Porte 6 Figura 6 Nelle Vlan Untagged le operazioni di ingress, forward ed egress sono molto semplici:. Ingress: Per capire a quale Vlan appatiene un frame e sufficiente vedere a che Vlan è associata la porta di ingresso. Forwarding: Il Frame verrà inoltrato solo su porte associate alla stessa Vlan

6 . Egress: Per passare ad uno switch a valle l informazione sulla vlan di appartenenza di un frame si sfrutterà la porta che collega i due switch associata alla quellla Vlan. Tagged Vlan Le Vlan tagged utilizzano uno standard apposito (80.q) che interviene a modificare la struttura dei frame in modo da inserire, in alcuni casi, l id della vlan a cui appartiene il frame. In questo modo è sufficiente un solo collegamento tra gli switch, infatti, nel momento in cui il frame abbandona uno switch, diretto verso un altro switch, viene taggato con l id della vlan di appartenenza. Tale processo avviene solo se la porta dello switch è collegata ad un altro switch. Gli switch che supportano le tagged vlan hanno, quindi due tipi di porte: Port: porte che possono essere associate ad una sola vlan (untagged port). I frame in uscita da queste porte,utilizzate per connettere pc o router, non vengono taggati. Port: porte che appartengono a più Vlan; se non specificato diversamente le trunk port appartengono a tutte le vlan. Queste porte sono utilizzate per collegare tra di loro gli switch 80.q e i frame in uscita da esse vengono taggati con l id della vlan di appartenenza. Utilizzando questi tipi di switch per collegare i pc dell precedente esempio sarà sufficiente solo il collegamento tra la porta dello switch e la porta dello switch, come mostrato in figura. Per rendere funzionante il collegamento bisognerà definire la porta dello switch e dello switch come trunk port. La configurazione dei due switch è illustarata di seguito. Switch - Definzione _A Switch - Definzione _B Switch - Configurazione Porte _A _B Switch - Configurazione Porte Nelle Vlan Tagged le operazioni di ingress, forward ed egress sono descritte di seguito:. Ingress: Se la porta da cui arriva il frame è una porta access, per capire a quale Vlan appatiene un frame e sufficiente vedere a che Vlan è associata la porta di ingresso; se invece il frame arriva da una porta tagged è necessario cercare il campo contenente il -Id e rimuoverlo.. Forwarding: Il Frame verrà inoltrato solo su porte associate alla stessa Vlan o su porte trunk.. Egress: Per passare ad uno switch a valle l informazione sulla vlan di appartenenza bisogna inserire nel frame i campi previsti dallo standard 80.Q tra cui l Id della Vlan di appartenenza del frame.

7 Terza Lezione: Vlan e Router Abbiamo detto precedentemente che le Vlan vengono configurate a livello Data Link, di conseguenza, è necessario procedere anche alla configurazione del livello di rete. Bisognerà quindi configurare ogni nodo con un indirizzo IP, una maschera e un gateway, nonché introdurre uno o più router, opportunamente configurati, nel nostro schema di rete. La divisione in reti a livello logico può rispettare o meno la divisione in Vlan; è possibile, ad esempio, fare in modo che diverse vlan appartengano ad una stessa rete di indirizzi IP, oppure che ad ogni Vlan corrispondano più sottoreti o che ci sia piena corrispondenza tra vlan e reti di indirizzi ip. Come già detto precedentemente, le Vlan permettono di progettare una rete in cui la disposizione fisica dei nodi non rispecchia la divisione in reti. Possiamo, infatti, far convivere sullo stesso switch fisico nodi che appartengono a reti diverse mettendo in diversi punti del cablaggio pc che appartengono alla stessa rete. Le Vlan faranno in modo che virtualmente tutti nodi della stessa rete siano collegati allo stesso switch e ad uno switch vengano collegati solo nodi che appartengono alla stessa rete. Vediamo un esempio; vogliamo progettare una rete (livelli data link e rete) che rispetti le seguenti richieste: piani; su ogni piano uno switch collega pc Due pc per piano appartengono alla Vlan A Un pc per piano appartiene alla Vlan B Un pc per piano appartiene alla Vlan C Ad ogni Vlan corrisponde una rete di indirizzi IP privata ( / per la vlan A, / per la vlan B, / per la vlan C) La rete descritta avrà il seguente schema logico dei componenti attivi Figura 7

8 La configurazione dei tre switch è descritta di seguito. Switch PT - Definzione Switch P e P - Definzione _A _A _B _B Switch - Configurazione Porte _C 0 Switch - Configurazione Porte Configurate le wlan sarà necessario configurare ogni nodo con i relativi indirizzo ip, gateway e maschera. Gli indirizzi IP sono riportati nella seguente tabella, come da richiesta ad ogni corrisponde una rete privata. Rete A B C Host Indirizzo IP Nome host / / / PC PC PC PC6 PC9 PC PC PC7 PC Indirizzo IP PC PC PC La tabella precedente corrisponde allo schema di rete in figura 8:

9 Figura 8 Come si può notare confrontando le figure 7 e 8 lo schema logico non corrisponde con la divisione in reti; sarà cosi possibile far condividere la stessa rete a nodi collegati alla rete in punti diversi. Se ora si volessa far comicare le reti/vlan tra di loro è necessario aggiungere dei router che colleghino a livello logico le reti.0,.0,.0 e a livello data link le vlan a, b e c Colleghiamo l eth0 del router alla porta 7 dello switch piano terra, l eth alla porta 8 e l eth alla porta 9; completiamo, poi, la configurazione precedente come indicato di seguito. La configurazione dei tre switch è descritta di seguito. Si noti che ogni interfaccia del router è collegata, con una porta access, alla corrispondente al suo indirizzo IP. Switch PT - Definzione Switch P e P - Definzione _A _A _B _B Switch - Configurazione Porte _C 0 Switch - Configurazione Porte

10 Configurate le wlan sarà necessario configurare ogni nodo con i relativi indirizzo ip, gateway e maschera. Gli indirizzi IP sono riportati nella seguente tabella, come da richiesta ad ogni corrisponde una rete privata. Rete A B C Host Indirizzo IP Nome host / / / PC PC PC PC6 PC9 PC Router Eth0 PC PC7 PC Router Eth Indirizzo IP PC PC PC Router Eth Il collegamento tra le tre reti poteva essere realizzato anche tramite una rete logica di collegamento (ad esempio ) e tre router. In questo caso si sarebbe dovuto aggiungere anche una quarta a cui collegare le schede di rete del router con indirizzo sulla rete.0 La realizzazione di tale soluzione è lasciata per esercizio.

Questa configurazione non offre alcuna protezione. Si usa un hub che serve per "condividere" la connessione a internet su tutte le sue porte.

Questa configurazione non offre alcuna protezione. Si usa un hub che serve per condividere la connessione a internet su tutte le sue porte. VLAN Le VLAN (Virtual Local Area Network) non sono altro che dei gruppi di dispositivi collegati alla stessa rete fisica, che si comportano come se fossero collegati ad un unica singola rete indipendente

Dettagli

Prima prova parziale traccia della soluzione

Prima prova parziale traccia della soluzione Reti Avanzate / Sicurezza dei Dati, A.A. 2015 2016 Prima prova parziale traccia della soluzione Mauro Brunato Giovedì 7 aprile 2016 Siete stati incaricati di progettare e realizzare la rete interna di

Dettagli

Definizione: un insieme di tecnologie che permettono di segmentare il dominio di broadcast, che si crea in una rete locale (tipicamente IEEE 802.

Definizione: un insieme di tecnologie che permettono di segmentare il dominio di broadcast, che si crea in una rete locale (tipicamente IEEE 802. Definizione: un insieme di tecnologie che permettono di segmentare il dominio di broadcast, che si crea in una rete locale (tipicamente IEEE 802.3) basata su switch, in più reti locali logicamente non

Dettagli

INFOCOM Dept. Antonio Cianfrani

INFOCOM Dept. Antonio Cianfrani Antonio Cianfrani Virtual LAN (VLAN) VLAN: motivazioni LAN Ethernet: tutti gli host appartenenti ad una stessa infrastruttura fisica (switches, hubs, cavi) fanno parte della stessa rete IP Se bisogna realizzare

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Le Virtual LAN 1 Le virtual LAN Lo standard 802.1Q (2003) definisce le specifiche che permettono di definire piu reti locali virtuali (VLAN) distinte, utilizzando

Dettagli

Prima Lezione: Indirizzi IP Bit di rete Bit di host

Prima Lezione: Indirizzi IP Bit di rete Bit di host Prima Lezione: Indirizzi IP Gli scopi del livello di rete sono unire più reti (rete X e rete y nel disegno) instradare e indirizzare i pacchetti attraverso le diverse reti Se un pacchetto P deve andare

Dettagli

ELEMENTI BASE DI NETWORKING

ELEMENTI BASE DI NETWORKING Paolo Tozzo Elementi base di networking 1 ELEMENTI BASE DI NETWORKING Per poter creare una rete tra due o più computer sono necessari (oltre ai computer ) una scheda di rete per ogni pc, cavi di rete,

Dettagli

Quarta Lezione: Disposizione Fisica degli apparati di rete

Quarta Lezione: Disposizione Fisica degli apparati di rete Quarta Lezione: Disposizione Fisica degli apparati di rete Packet tracer permette di disporre gli apparati di rete anche secondo la loro collocazione fisica. Come già osservato all apertura di packet tracer

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI II

RETI DI CALCOLATORI II RETI DI CALCOLATORI II Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Ing. DANIELE DE CANEVA a.a. 2009/2010 ARGOMENTI DELLA LEZIONE RIDONDANZA NELLE RETI SWITCHED E PROBLEMI COLLEGATI SPANNING TREE

Dettagli

Reti Locali (LAN) e Reti Locali Virtuali (VLAN)

Reti Locali (LAN) e Reti Locali Virtuali (VLAN) Reti Locali (LAN) e Reti Locali Virtuali (VLAN) A.A. 2009/2010 Walter Cerroni Evoluzione delle reti locali (LAN) Ethernet (IEEE 802.3) 10 Mb/s CSMA/CD topologia a bus su cavo coassiale (10Base5, 10Base2)

Dettagli

Autore: Bandiera Roberto 2016

Autore: Bandiera Roberto 2016 Configurare il servizio DHCP in uno Switch Multilayer per più VLAN Si vuole attivare la configurazione dinamica degli indirizzi IP nelle diverse VLAN di una rete aziendale. Questo risulta particolarmente

Dettagli

Manuale di Configurazione Parametri di Rete

Manuale di Configurazione Parametri di Rete Manuale di Configurazione Parametri di Rete Windows XP (Pagina 1 di 10) Introduzione Una rete locale (LAN Local Area Network) permette di connettere più computer fra loro. La LAN, utilizzata per navigare

Dettagli

MC-link. Connessione e configurazione del router PRESTIGE 642R per l accesso ad MC-link in ADSL a cura del supporto tecnico di MC-link

MC-link. Connessione e configurazione del router PRESTIGE 642R per l accesso ad MC-link in ADSL a cura del supporto tecnico di MC-link MC-link Connessione e configurazione del router PRESTIGE 642R per l accesso ad MC-link in ADSL a cura del supporto tecnico di MC-link Per la connessione del router PRESTIGE 642R ad un singolo computer

Dettagli

Dispositivi di Rete. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Dispositivi di Rete. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Dispositivi di Rete Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Strumenti hardware per la realizzazione di reti locali Per risolvere le problematiche di interconnessione delle reti

Dettagli

Realizzare una rete scolastica che consenta di:

Realizzare una rete scolastica che consenta di: Realizzare una rete scolastica che consenta di: a) collegare ad internet: due laboratori ; i computer degli uffici; i computer della presidenza, della vicepresidenza e della biblioteca; b) creare un archivio

Dettagli

Esercizio 2.3 Uso del patch panel

Esercizio 2.3 Uso del patch panel Introduzione Il patch panel è un componente passivo che fa parte del sistema di cablaggio strutturato. E un pannello forato contenuto in un armadio in grado di ospitare connettori da parete. Sui connettori

Dettagli

VLAN, Link Aggregation, Spanning tree. Orazio Battaglia

VLAN, Link Aggregation, Spanning tree. Orazio Battaglia VLAN, Link Aggregation, Spanning tree Orazio Battaglia Introduzione alle VLAN (Virtual LAN) Definizione di dominio di broadcast: Un dominio di broadcast è un insieme di computer in una rete che possono

Dettagli

UD 3 PROTOCOLLO ISO-OSI

UD 3 PROTOCOLLO ISO-OSI UD 3 PROTOCOLLO ISO-OSI IL PROTOCOLLO All inizio ogni azienda creava dispositivo hw e sw in grado solo di essere utilizzati e di comunicare con dispositivi dell azienda stessa Sistemi Chiusi Nel tempo

Dettagli

Reti di Calcolatori 1

Reti di Calcolatori 1 Reti di Calcolatori 1 ESERCIZIO 2: Considerato il diagramma di rete riportato nella figura sottostante, il candidato risponda ai quesiti seguenti. Si consideri la rete funzionante e a regime. 1. Si riporti

Dettagli

L indirizzo IP. Created by A. Deriu, P. Cogoni, R. Spiggia, A. Massidda

L indirizzo IP. Created by A. Deriu, P. Cogoni, R. Spiggia, A. Massidda L indirizzo IP Created by A. Deriu, P. Cogoni, R. Spiggia, A. Massidda L indirizzo IP E un indirizzo a 32 bit (4 byte) rappresentato come serie di 4 numeri decimali compresi tra 0 e 255, separati dal punto

Dettagli

Manuale Utente Impostazione router Tele-assistenza

Manuale Utente Impostazione router Tele-assistenza Manuale Utente Impostazione router Tele-assistenza Sommario Indice Tabelle... 3 Indice Figure... 4 1. Rappresentazione struttura base LAN... 5 2. Accesso al PLC da remoto... 5 2.1 Configurazione Modem/Router

Dettagli

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi Indirizzamento

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi Indirizzamento Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Esercizi Indirizzamento Esercizio 1 A una rete IP è assegnato l insieme di indirizzi definiti da: address: 208.57.0.0 netmask: 255.255.0.0

Dettagli

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi Indirizzamento

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi Indirizzamento Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Esercizi Indirizzamento Esercizio 1 o A una rete IP è assegnato l insieme di indirizzi definiti da: n address: 208.57.0.0 n netmask: 255.255.0.0

Dettagli

Introduzione. Il routing permette la comunicazione tra due nodi differenti anche se non sono collegati direttamente

Introduzione. Il routing permette la comunicazione tra due nodi differenti anche se non sono collegati direttamente Routing Introduzione Il livello 3 della pila ethernet ha il compito di muovere i pacchetti dalla sorgente attraversando più sistemi Il livello di network deve quindi: Scegliere di volta in volta il cammino

Dettagli

Gli indirizzi IP. Gli indirizzi IP sono univoci a livello mondiale e vengono assegnati da un unica autorità ICANNN

Gli indirizzi IP. Gli indirizzi IP sono univoci a livello mondiale e vengono assegnati da un unica autorità ICANNN Gli indirizzi IP Nelle reti TCP/IP ad ogni host viene associato un indirizzo IP. Un indirizzo IP è composto da 32 bit diviso in gruppi di 4 byte. Viene diviso in due parti come segue: NET-ID HOST-ID NET-ID

Dettagli

Indirizzi IP, Classi, Subnetting, NAT

Indirizzi IP, Classi, Subnetting, NAT Indirizzi IP, Classi, Subnetting, NAT L'indirizzamento IP permette di identificare ogni host all'interno di una rete TCP/IP. Grazie all'utilizzo delle classi di indirizzi ed al subnetting è possibile organizzare

Dettagli

Instradamento IP. Appunti di reti di computer. Prof. Marco Marchisotti. Istituto Superiore Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL)

Instradamento IP. Appunti di reti di computer. Prof. Marco Marchisotti. Istituto Superiore Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL) Appunti di reti di computer Instradamento IP Prof. Marco Marchisotti prof. Marco Marchisotti Instradamento IP (Rev.1) 1 Architettura della rete Configurazione di rete di Pippo: Indirizzo IP: 199.40.6.84

Dettagli

Connessione tra LAN. Ethernet, hub, switch, bridge,router, gateway

Connessione tra LAN. Ethernet, hub, switch, bridge,router, gateway Connessione tra LAN Ethernet, hub, switch, bridge,router, gateway Ethernet È lo standard attualmente più diffuso per le comunicazioni in una rete locale. Questa tecnologia, nata nei primi anni settanta,

Dettagli

4b. Esercizi sul livello di Rete Inoltro in IP

4b. Esercizi sul livello di Rete Inoltro in IP 4b. sul livello di Rete Inoltro in IP 4b-1 o Un router riceve sull interfaccia eth1 una serie di pacchetti. L interfaccia ha come indirizzo MAC bbbb:6c3c:5656:3b34 e l indirizzo IP: 131.175.21.254. Il

Dettagli

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi Inoltro

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi Inoltro Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Esercizi Inoltro Esercizio 1 o Si consideri la rete in figura dove le interfacce sono identificate con lettere maiuscole: Router eth0 A D

Dettagli

4a. Esercizi sul livello di Rete - Indirizzamento

4a. Esercizi sul livello di Rete - Indirizzamento 4a. sul livello di Rete - Indirizzamento 4a- o A una rete IP è assegnato l insieme di indirizzi definiti da indirizzo: 208.57.0.0, netmask: 255.255.0.0. Occorre partizionare la rete in modo da servire

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione. Le Virtual LAN 802.1Q

Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione. Le Virtual LAN 802.1Q Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Le Virtual LAN 802.1Q VLAN o Le VLAN sono un meccanismo per fare coesistere su una unica Bridged LAN fisica diverse LAN logiche

Dettagli

Reti. insieme di computer (host) interconnessi. Token evita conflitti di trasmissione Rete più o meno affidabile

Reti. insieme di computer (host) interconnessi. Token evita conflitti di trasmissione Rete più o meno affidabile Reti Rete insieme di computer (host) interconnessi Tipologie interconnessioni Ad anello (token ring). Token evita conflitti di trasmissione Rete più o meno affidabile i pacchetti di dati possono girare

Dettagli

Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata

Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata 3/4/2006 Laura Ricci Laura Ricci 1 RIASSUNTO DELLA LEZIONE Classfull IP Addressing Subnetting CIDR: Classless Adddressing Laura Ricci 2 INTERCONNESSIONE DI RETI:

Dettagli

Introduzione alle reti ed al TCP/IP

Introduzione alle reti ed al TCP/IP Introduzione alle reti ed al TCP/IP Il termine rete si riferisce idealmente a una maglia di collegamenti. In pratica indica un insieme di componenti collegati tra loro in qualche modo a formare un sistema.

Dettagli

Outdoor CPE / Access Point Intellinet ad alta potenza Wireless 150N (525794) Come impostare un bridge di collegamento punto-punto

Outdoor CPE / Access Point Intellinet ad alta potenza Wireless 150N (525794) Come impostare un bridge di collegamento punto-punto Sommario Introduzione... 2 Prerequisiti... 3 Indirizzi IP LAN... 3 Impostazioni wireless... 4 Configurazione Modalità Bridge... 5 Bridge 1... 5 Bridge 2... 6 Riavvio Bridge 1 e 2... 6 Introduzione L Access

Dettagli

Creazione di un flusso audio base tra dispositivi Barix

Creazione di un flusso audio base tra dispositivi Barix Creazione di un flusso audio base tra dispositivi Barix GUIDA RAPIDA Introduzione L obiettivo di questa guida rapida è la creazione di un semplice flusso audio (stereo e mono direzionale) tra due dispositivi

Dettagli

Reti di Comunicazione e Internet

Reti di Comunicazione e Internet Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione Reti di Comunicazione e Internet Laboratorio 2. Packet Tracer Agenda della lezione CISCO IOS Command Line Interface: User Exec Mode Privileged

Dettagli

Indirizzi IP. E-3: Indirizzi IP e subnetting INSTRADAMENTO INSTRADAMENTO. A. Memo. da H1 ad H2 (2) da H1 ad H2 (1)

Indirizzi IP. E-3: Indirizzi IP e subnetting INSTRADAMENTO INSTRADAMENTO. A. Memo. da H1 ad H2 (2) da H1 ad H2 (1) E-3 Indirizzi IP e subnetting A. Memo Indirizzi IP sono ampi 32 bit si rappresentano con 4 numeri interi compresi tra 0 e 255, divisi da punti 92.68.3.6 vengono attribuiti a tutte le interfacce si NIC,

Dettagli

Scritto da Administrator Domenica 14 Settembre :51 - Ultimo aggiornamento Domenica 20 Giugno :38

Scritto da Administrator Domenica 14 Settembre :51 - Ultimo aggiornamento Domenica 20 Giugno :38 L'indirizzamento IP permette di identificare ogni host all'interno di una rete TCP/IP. Grazie all'utilizzo delle classi di indirizzi ed al subnetting è possibile organizzare e gestire in modo più efficiente

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 18 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 18 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 18 giugno 2004 Problema Rigidità della struttura degli indirizzi Limitate possibilità di organizzare autonomamente le LAN private, anche all interno di un unica organizzazione

Dettagli

Se per esempio inserisco show version ecco il risultato. Con il comando enable entro in privilege mode.

Se per esempio inserisco show version ecco il risultato. Con il comando enable entro in privilege mode. Laboratorio 1 Packet Tracer Prendiamo un router ed un computer. Prendiamo un console cable e lo colleghiamo alla console port del router e alla porta RS 232 del PC. Clicchiamo sul PC e scegliamo il Terminal.

Dettagli

Progetto 1: rete con dorsale in cavo coassiale

Progetto 1: rete con dorsale in cavo coassiale Progetto 1: rete con dorsale in cavo coassiale La figura 1 illustra il progetto relativo alla realizzazione di una rete in una piccola scuola in cui si vogliano collegare due laboratori ed alcuni uffici

Dettagli

Routing. Indice generale

Routing. Indice generale Indice generale Routing... 1 Subnetting.... 3 Esempio:...4 Sintesi... 5 Determinazione delle subnet valide per una rete... 6 Determinazioni delle Subnet per reti con meno di 8 bit per la subnet...7 Determinazioni

Dettagli

F450. Gateway OpenBacnet. Manuale Software.

F450. Gateway OpenBacnet. Manuale Software. F450 Gateway OpenBacnet www.homesystems-legrandgroup.com Indice Per iniziare 4 Interazioni con il dispositivo 4 Configurazione del dispositivo 5 Menù configura 5 Invia configurazione 7 Ricevi configurazione

Dettagli

Cablaggio Armadi e Relativa Composizione. Cablaggio Tabella delle Permutazioni

Cablaggio Armadi e Relativa Composizione. Cablaggio Tabella delle Permutazioni Testo del Problema Un istituto scolastico di nuova costruzione deve pianificare la realizzazione di una rete locale di computer per lo scambio delle informazioni interne (materiali didattici, materiali

Dettagli

Instradamento in IPv4

Instradamento in IPv4 Antonio Cianfrani Instradamento in IPv4 Funzione di instradamento nei Router IP I Router IP hanno la funzione di instradare i datagrammi in rete: ricevono un datagramma da una interfaccia, eseguono alcune

Dettagli

La tecnologia Ethernet

La tecnologia Ethernet Livello 1 Il livello 1 si occupa della trasmissione dei dati trasmormandoli in segnali fisici, a questo livello l'unità di informazione è di tipo binario, la codifica è di tipo Manchester. La sequenza

Dettagli

Con per la prima rete e per la seconda rete. La configurazione della rete sarà la seguente:

Con per la prima rete e per la seconda rete. La configurazione della rete sarà la seguente: Laboratorio 1 Packet Tracer Costruiamo due segmenti della stessa subnet con due switch differenti. Colleghiamo gli switch con un cavo copper cross-over. Possiamo trovarci a costruire una rete così perché

Dettagli

Guida all'installazione

Guida all'installazione Leggere questa Guida all'installazione con attenzione prima di iniziare. Per informazioni non contenute qui, visita http://www.tendacn.com. Guida all'installazione 1 Contenuto della confezione D303 * 1

Dettagli

Controller Wireless NXC Series

Controller Wireless NXC Series Controller Wireless NXC Series Modalità bridge con DHCP gestito da vlan0. Configurazione interfacce In questo scenario useremo il controller in modalità Bridge. Davanti è installato un router che si occupa

Dettagli

LEZIONE 2 SWITCHING AVANZATO

LEZIONE 2 SWITCHING AVANZATO LEZIONE 2 SWITCHING AVANZATO ESERCIZIO N. 2.1 SWITCHING DI UN EDIFICIO DESCRIZIONE: Si vuole costruire una rete, che si estende su due edifici, nella quale abbiamo uno switch centro stella al quale sono

Dettagli

Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5A Informatica A.S. 2015/16 Docente: Barbara Zannol ITP: Alessandro Solazzo

Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5A Informatica A.S. 2015/16 Docente: Barbara Zannol ITP: Alessandro Solazzo Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5A Informatica A.S. 2015/16 Docente: Barbara Zannol ITP: Alessandro Solazzo DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI DISCIPLINARI DEI MODULI - SCELTA DEI CONTENUTI Modulo Unità didattiche

Dettagli

L installazione dell adattatore Ethernet/Wireless Wi-lly0.1 è studiata per risultare estremamente semplice.

L installazione dell adattatore Ethernet/Wireless Wi-lly0.1 è studiata per risultare estremamente semplice. Gentile cliente, L installazione dell adattatore Ethernet/Wireless Wi-lly0.1 è studiata per risultare estremamente semplice. Nel caso si disponga di un router con supporto della funzione WPS, la configurazione

Dettagli

Guida rapida alla configurazione della rete per centrali lares

Guida rapida alla configurazione della rete per centrali lares Guida rapida alla configurazione della rete per centrali lares INDICE 1. COMUNICAZIONE PC LARES TRAMITE CAVO DI RETE PUNTO PER PUNTO...2 2. COMUNICAZIONE PC LARES TRAMITE ROUTER MODEM...4 3. ACCESSO ALLA

Dettagli

07/12-01 PC Lettore di Prossimità Sfera. Manuale installatore

07/12-01 PC Lettore di Prossimità Sfera. Manuale installatore 07/12-01 PC 353200 Lettore di Prossimità Sfera Manuale installatore 2 Lettore di Prossimità Sfera Indice 1 Introduzione 4 1.1 Avvertenze e consigli 4 Manuale installatore 2 Descrizione 5 2.1 Funzioni principali

Dettagli

ADATTATORE ANALOGICO VOISPEED V-6019 WHITE. Quick Start

ADATTATORE ANALOGICO VOISPEED V-6019 WHITE. Quick Start ADATTATORE ANALOGICO VOISPEED V-6019 WHITE Quick Start 1. MATERIALE NECESSARIO PER L INSTALLAZIONE E LA CONFIGURAZIONE Per una corretta installazione e configurazione, è necessario avere: Adattatore V-6019

Dettagli

Ogni computer deve possedere una scheda di rete Ethernet PCI, o integrata o PCMCIA nel caso di un portatile.

Ogni computer deve possedere una scheda di rete Ethernet PCI, o integrata o PCMCIA nel caso di un portatile. Per avere una lan perfettamente funzionante composta da solo 2 sono ovviamente necessari: Ogni computer deve possedere una scheda di rete Ethernet PCI, o integrata o PCMCIA nel caso di un portatile. 1

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 17 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 17 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 17 giugno 2004 TCP/IP e ISO/OSI Architettura TCP/IP APPLICATION TELNET FTP DNS NFS DNS RPC SNMP TRANSPORT TCP UDP NETWORK ARP RARP DATA LINK (LLC MAC) Protocollo IP Protocollo

Dettagli

Corso di Reti di Telecomunicazioni. Giovanni Schembra. Trasmissione trame su canale broadcast

Corso di Reti di Telecomunicazioni. Giovanni Schembra. Trasmissione trame su canale broadcast Indirizzi LAN e ARP Corso di Reti di Telecomunicazioni Giovanni Schembra 1 Trasmissione trame su canale broadcast I nodi di una LAN si scambiano trame su un canale broadcast: quando un nodo in una LAN

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2011/2012 Capitolo 4 Indirizzi del Protocollo IP fausto.marcantoni@unicam.it Agenda Indirizzamento, gerarchia, classificazione degli indirizzi

Dettagli

Antonio Cianfrani. Standard Access Control List (ACL)

Antonio Cianfrani. Standard Access Control List (ACL) Antonio Cianfrani Standard Access Control List (ACL) Indice Cosa sono le ACL? Interfacce Inbound & Outbound Wildcard mask Configurare una ACL standard ACL extended (prossima lezione) Named ACL (prossima

Dettagli

Aggiornamento del firmware per dispositivi Barix

Aggiornamento del firmware per dispositivi Barix Aggiornamento del firmware per dispositivi Barix V 1.1 GUIDA RAPIDA Introduzione L obiettivo di questa guida rapida è l aggiornamento del firmware su dispositivi Barix. Le seguenti pagine illustreranno

Dettagli

I-Fly Wireless Access Point Guida Rapida

I-Fly Wireless Access Point Guida Rapida Guida Rapida A02-WAP-54G/G1 (Febbraio 2004)V1.00 Questo manuale è inteso come una guida rapida, pertanto per ulteriori dettagli sulla configurazione fare riferimento al manuale esteso presente sul CDRom

Dettagli

1 Registrazione del Solar-Log 200 WiFi. 2 Installazione del Solar-Log 200 WiFi

1 Registrazione del Solar-Log 200 WiFi. 2 Installazione del Solar-Log 200 WiFi Registrazione del Solar-Log200 WiFi 1 Registrazione del Solar-Log 200 WiFi Il primo passaggio per configurare il Solar-Log 200 WiFi è la registrazione presso questo link: http://home.solarlog-web.it/register.html

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI, RETI, INTERNET

SISTEMI OPERATIVI, RETI, INTERNET Competenze e Unità didattica formativa capitalizzabile 4.1 SISTEMI OPERATIVI, RETI, INTERNET Comprendere il significato dell'evoluzione dei sistemi operativi. Comprendere che cosa fa un sistema operativo

Dettagli

Guida introduttiva: Registrazione al Microsoft Business Center

Guida introduttiva: Registrazione al Microsoft Business Center Guida introduttiva: Registrazione al Microsoft Business Guida per il cliente Novembre 2016 Il Microsoft Business è rivolto alle organizzazioni che hanno sottoscritto un Contratto per i Prodotti e i Servizi

Dettagli

Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Trifase

Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Trifase Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Trifase CONSERVA QUESTO MANUALE IN UN POSTO SICURO! P800SRL Via Valdilocchi, 6/F 19126 La Spezia PI01353280116 REV. 00 DATA 03/10/2016 SOMMARIO INTRODUZIONE...

Dettagli

IN CEILING ACCESS POINT 300MBPS WL-ICNAP48-052

IN CEILING ACCESS POINT 300MBPS WL-ICNAP48-052 IN CEILING ACCESS POINT 300MBPS WL-ICNAP48-052 Grazie Per aver scelto un nostro prodotto INDICE Capitolo 1 Hardware ed alimentazione 1.1 Descrizione interfaccia 1.2 Alimentazione tramite adattatore PoE

Dettagli

ESERCIZIO N. 1.2 VLAN BASE

ESERCIZIO N. 1.2 VLAN BASE ESERCIZIO N. 1.2 VLAN BASE DESCRIZIONE: Si vuole costruire una rete, nella quale abbiamo uno switch centro stella al quale sono collegati due switch; ad ognuno di questi si collegano un pc. I PC STUD 1

Dettagli

MODULO WI-FI. V. documentazione 9.5 GUIDA PASSO - PASSO CONFIGURAZIONE APP HAIERSMART2 1

MODULO WI-FI. V. documentazione 9.5 GUIDA PASSO - PASSO CONFIGURAZIONE APP HAIERSMART2 1 V. documentazione 9.5 GUIDA PASSO - PASSO CONFIGURAZIONE APP HAIERSMART2 SMARTAIR2 1 2 Scaricare dal Play store di Google o Apple l applicazione Haier SmartAir2 (ver. 2.2 o superiore) 3 haiercondizionatori.it

Dettagli

Collegamento Punto-Punto tra EPA-Bluetooth e PLC

Collegamento Punto-Punto tra EPA-Bluetooth e PLC Collegamento Punto-Punto tra EPA-Bluetooth e PLC +24V.DC Cavo M12 Con questa dispensa vediamo come controllare da remoto un PLC, o qualsiasi altro dispositivo collegato ad un dispositivo EPA Bluetooth

Dettagli

Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Monofase

Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Monofase Manuale Sistema di Monitoraggio Retrofit Monofase CONSERVA QUESTO MANUALE IN UN POSTO SICURO! P800SRL Via Valdilocchi, 6/F 19126 La Spezia PI01353280116 REV. 2 DATA 24/11/2016 SOMMARIO INTRODUZIONE...

Dettagli

Fondamenti di Internet e Reti

Fondamenti di Internet e Reti 5. sul Livello di Linea e Reti Locali 5.1. o TDM Un sistema di multiplazione TDM presenta una trama di N=10 slot; in ciascuno slot vengono trasmessi k=128 [bit]. Se il sistema è usato per multiplare 10

Dettagli

CORSO DI RETI DI CALCOLATORI II (Docente Luca Becchetti) Esercizi su instradamento e tabelle di routing 1

CORSO DI RETI DI CALCOLATORI II (Docente Luca Becchetti) Esercizi su instradamento e tabelle di routing 1 CORSO DI RETI DI CALCOLATORI II (Docente Luca Becchetti) Esercizi su instradamento e tabelle di routing 1 1. Si proponga una topologia di rete corrispondente alla seguente porzione della tabella di instradamento

Dettagli

SORGENTE] INDIRIZZO DESTINAZIONE INDIRIZZO DESTINAZIONE WILD CARD

SORGENTE] INDIRIZZO DESTINAZIONE INDIRIZZO DESTINAZIONE WILD CARD Sesta Lezione: Filtraggio dei pacchetti In pachet tracer è possibile impostare sui router delle regole per eseguire un filtrtaggio dei pacchetti. I concetti sono simili a quelli visti con il comando iptables

Dettagli

Laboratorio di. Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica A.A. 2017/2018. Ing. Carlo Vallati

Laboratorio di. Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica A.A. 2017/2018. Ing. Carlo Vallati Laboratorio di Reti Informatiche Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica A.A. 2017/2018 Ing. Carlo Vallati carlo.vallati@unipi.it 1 Esercitazione 2 Configurazione di interfacce di rete, gateway

Dettagli

Antonio Cianfrani. VLAN-Trunking Protocol (VTP)

Antonio Cianfrani. VLAN-Trunking Protocol (VTP) Antonio Cianfrani VLAN-Trunking Protocol (VTP) Gestione delle VLAN Configurazione delle VLAN: deve essere effettuata per ogni switch presente nella rete LAN LAN di dimensioni elevate: complessità di gestione,

Dettagli

Parte I. Ibrido MPLS. Figura 1.1

Parte I. Ibrido MPLS. Figura 1.1 Parte I 1. INTRODUZIONE ALLE RETI MPLS Instradamento a pacchetto datagram Ibrido Commutazione di circuito virtuale IP MPLS ATM Figura 1.1 L MPLS (Multiprotocol label switching, commutazione di etichetta

Dettagli

Installazione e Configurazione del servizio DHCP. Orazio Battaglia

Installazione e Configurazione del servizio DHCP. Orazio Battaglia Installazione e Configurazione del servizio Orazio Battaglia Protocollo e Servizio Il protocollo (Dynamic Host Configuration Protocol) è un protocollo di rete di livello applicativo che permette ai dispositivi

Dettagli

Introduzione alla gestione dei sistemi di rete. Davide Quaglia

Introduzione alla gestione dei sistemi di rete. Davide Quaglia Introduzione alla gestione dei sistemi di rete Davide Quaglia Tipologie di doppino Doppino non schermato: un-shielded twisted pair (UTP) Doppino schermato: shielded twisted pair (STP) 2 Doppino in rame

Dettagli

Appello Esempio d esame. Es1 (6 pt) Es2 (6 pt) Es3 (6 pt) Ques (9 pt) Lab (6pt)

Appello Esempio d esame. Es1 (6 pt) Es2 (6 pt) Es3 (6 pt) Ques (9 pt) Lab (6pt) Fondamenti di Internet e Reti Proff. A. Capone, M. Cesana, I. Filippini, G. Maier Cognome Nome Matricola Appello Esempio d esame Tempo complessivo a disposizione per lo svolgimento: 2h15m Usare lo spazio

Dettagli

Prof. Roberto De Prisco. TEORIA - Lezione 9. Indirizzi Internet. Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica.

Prof. Roberto De Prisco. TEORIA - Lezione 9. Indirizzi Internet. Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica. Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 9 Indirizzi Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi 2 Per permettere a tutti i computer di comunicare 1. Assegnare

Dettagli

Esercizi di Addressing. Fulvio Risso Guido Marchetto

Esercizi di Addressing. Fulvio Risso Guido Marchetto Esercizi di Addressing Fulvio Risso Guido Marchetto 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali.

Dettagli

In questo nuovo fascicolo ZAKINPROGRESS COMPONENTI

In questo nuovo fascicolo ZAKINPROGRESS COMPONENTI F.19-ZAKinPROGRESS 13-02-2008 16:58 Pagina 7 7 I L S E T T A G G I O D E I S E R V O ID Con le istruzioni presenti nelle prossime pagine vedrai come settare gli ID numerici dei servomotori. Per questa

Dettagli

Realizziamo una centralina per gestire il processo di Ammostamento

Realizziamo una centralina per gestire il processo di Ammostamento Realizziamo una centralina per gestire il processo di Ammostamento - Elenco componenti per realizzare la Centralina. Per realizzare questa centralina avremmo bisogno dei seguenti componenti. - 1 Termoregolatore

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: instradamento e routing. Aspetti di forwarding e routing del protocollo IPv4

Internet Protocol Versione 4: instradamento e routing. Aspetti di forwarding e routing del protocollo IPv4 Internet Protocol Versione 4: instradamento e routing Aspetti di forwarding e routing del protocollo IPv4 1 Instradamento (forwarding) Operazione comune a tutte le macchine con stack TCP/IP Router, end

Dettagli

Cosa sono le maschere

Cosa sono le maschere Prof. Emanuele Papotto Cosa sono le maschere La maschera è un oggetto di database che viene realizzato per mostrare, modificare e immettere i record in modo più chiaro rispetto alla visualizzazione foglio

Dettagli

SIMULAZIONE ESAME DI STATO - PRIMO QUADRIMESTRE

SIMULAZIONE ESAME DI STATO - PRIMO QUADRIMESTRE 1 SIMULAZIONE ESAME DI STATO - PRIMO QUADRIMESTRE Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione: INFORMATICA Materia: SISTEMI E RETI Il candidato (che potrà eventualmente avvalersi delle conoscenze

Dettagli

FUEL introduzione e primi test

FUEL introduzione e primi test FUEL introduzione e primi test Giovanni Zizzi, Diego Michelotto INFN-CNAF 17 Dicembre 2014 Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso

Dettagli

MODULO DI ESPANSIONE HC

MODULO DI ESPANSIONE HC MODULO DI ESPANSIONE HC Hydrawise Ready Guida di avvio rapido hunterindustries.com SOMMARIO Installazione 3 Configurazione dell applicazione Hydrawise 7 Risoluzione dei problemi 8 SUPPORTO HC Grazie per

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 15

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 15 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 15 Martedì 22-04-2014 1 Indirizzamento

Dettagli

MANUALE VONETS VAR11N-300

MANUALE VONETS VAR11N-300 MANUALE VONETS VAR11N-300 Gasiashop S.R.L. WWW.GASIASHOP.COM Sommario 1. LOGIN... 1 2. MODALITA ROUTER... 2 2.1. Impostazioni LAN in Router Mode... 2 2.2. Impostazione rete WiFi in Router Mode... 3 2.3.

Dettagli

Istruzioni per montaggio modulo WIFI e configurazione dell applicazione da smartphone

Istruzioni per montaggio modulo WIFI e configurazione dell applicazione da smartphone Istruzioni per montaggio modulo WIFI e configurazione dell applicazione da smartphone Capitolo 1 - Pag.2 Istruzioni per Installazione modulo WIFI su modello AQUA - Pag.3 Istruzioni per Installazione modulo

Dettagli

Introduzione al NATTING

Introduzione al NATTING Introduzione al NATTING I Router CISCO sono in grado di svolgere funzioni proprie di un firewall, in particolare possono effettuare la trasformazione degli indirizzi IP PRIVATI usati dai pc della rete

Dettagli

Configurazione di una LAN in ambiente Windows

Configurazione di una LAN in ambiente Windows Configurazione in ambiente Windows Configurazione di una LAN in ambiente Windows Appunti per le classi III inf. A cura dei proff. Mario Catalano e Paolo Franzese 1/23 Configurazione TCP/IP statica 1/2

Dettagli

Le reti rete La telematica telematica tele matica Aspetti evolutivi delle reti Modello con mainframe terminali Definizione di rete di computer rete

Le reti rete La telematica telematica tele matica Aspetti evolutivi delle reti Modello con mainframe terminali Definizione di rete di computer rete Reti e comunicazione Le reti Con il termine rete si fa riferimento, in generale ai servizi che si ottengono dall integrazione tra tecnologie delle telecomunicazioni e le tecnologie dell informatica. La

Dettagli

YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag 1/1 Sessione ordinaria 2008 N o 088102/08 Seconda prova scritta YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Indirizzo: INFORMATICA CORSO SPERIMENTALE Progetto ABACUS Tema di: SISTEMI DI ELABORAZIONE

Dettagli

Database Modulo 4 RELAZIONI TRA TABELLE

Database Modulo 4 RELAZIONI TRA TABELLE Database Modulo 4 RELAZIONI TRA TABELLE PERCHÉ DEFINIRE LE RELAZIONI Dopo avere definito le tabelle corrispondenti alle entità individuate nel progetto del database, è necessario indicare il modo per ricollegare

Dettagli

Marco Listanti. Indirizzamento IP. DIET Dept. Telecomunicazioni (Canale 2) - Prof. Marco Listanti - A.A. 2016/2017

Marco Listanti. Indirizzamento IP. DIET Dept. Telecomunicazioni (Canale 2) - Prof. Marco Listanti - A.A. 2016/2017 Marco Listanti Esercizi i 7 Indirizzamento IP Frammentazione IP Esercizio 1 (1) Si identifichi la classe a cui appartengono i seguenti indirizzi IP 11100101 01011110 01101110 00110011 101.123.5.45 231.201.5.45

Dettagli