Provincia dell Aquila Organismo Intermedio P.O. FSE ABRUZZO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia dell Aquila Organismo Intermedio P.O. FSE ABRUZZO 2007 2013"

Transcript

1 Provincia dell Aquila Organismo Intermedio P.O. FSE ABRUZZO Dipartimento II Sviluppo Lavoro e Formazione Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Comunitarie AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER FORMATIVI PER NEO IMPRENDITORI ASSE I ADATTABILITA Linea di intervento 5 Servizi di formazione continua P.O. F.S.E. ABRUZZO 2007/2013 Ob. C.R.O. Piano Operativo

2 Premessa La Provincia dell Aquila, Organismo Intermedio P.O. FSE Abruzzo , con determinazione dirigenziale n. 85 del , adotta il presente Avviso in coerenza ed attuazione delle seguenti disposizioni: Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell 11 luglio 2006 recante disposizioni generali sui fondi strutturali e successive modifiche ed integrazioni; Regolamento (CE) n. 284/2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria; Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione dell 8 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del Reg. (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e successive modifiche ed integrazioni; Regolamento (UE) n. 846/2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1828/2006; Regolamento (CE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione, per quanta riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria; Regolamento (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento all Unione Europea agli aiuti de minimis pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea del 24/12/2013 L352; Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, pubblicato sulla G.U.U.E. del 26 giugno 2014 L187, che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato; Decisione della Commissione Europea n. C (2007) 3329 del 13 luglio 2007 di approvazione del Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo ; Decisione C(2007) 5495 dell 8 novembre 2007 di approvazione del Programma Operativo della Regione Abruzzo - Fondo Sociale Europeo - Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione; Delibera CIPE del n. 36 recante Definizione dei criteri di cofinanziamento pubblico nazionale degli interventi socio strutturali comunitari per il periodo di programmazione ; Decreto del Presidente della Repubblica del 3 ottobre 2008 n. 196 Regolamento di esecuzione del Reg. (CE) n. 1083/2006 recante Norma generale per l ammissibilità della spesa ; D.P.R. del 28 dicembre 2000 n. 445 recante Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa e successive modifiche ed integrazioni;

3 Legge n. 136 del e s.m.i. concernente la tracciabilità dei flussi finanziari e successive modifiche ed integrazioni; Legge 12 novembre 2011 n. 186 ed in particolare l art. 15; Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 22 dicembre 2011 n. 14 recante Adempimenti urgenti per l applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui all art. 15 della legge del 12 novembre 2011, n. 183 ; Legge Quadro in materia di Formazione Professionale n. 845 del ; Leggi e norme Regionali vigenti in materia di formazione e politiche attive del lavoro; Deliberazione di Giunta Regionale n. 363 del concernente Accreditamento delle sedi formative ed orientative della Regione Abruzzo a norma del D.M. n. 166 del 25 maggio 2011: approvazione nuovo disciplinare ; Deliberazione di Giunta Regionale n. 247 del di modifica della D.G.R. n. 363 del ; Deliberazione di Giunta Regionale n. 364 dell , avente ad oggetto PO FSE Abruzzo Ob. C.R.O. Piano Operativo : Approvazione ; Deliberazione di Giunta Regionale n. 914 recante PO FSE Abruzzo , Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Approvazione Schema di Intesa Interistituzionale tra la Regione Abruzzo e le Province di Chieti, L Aquila, Pescara e Teramo per la promozione dell orientamento, dell istruzione e formazione professionale e delle politiche attive del lavoro ; Deliberazione di Giunta Regionale del di approvazione dello schema di Accordo Operativo Bilaterale da sottoscrivere tra Regione Abruzzo e ciascuna Provincia a seguito dell Intesa Interistituzionale Deliberazione di Giunta Regionale del 7 aprile 2014 n. 232 che approva gli schemi di dichiarazione di sostitutiva per la concessione degli aiuti de minimis; Intesa Interistituzionale sottoscritta in data tra la Regione Abruzzo e le Province di Chieti, L Aquila, Pescara e Teramo Accordo Operativo Bilaterale tra la Regione Abruzzo e la Provincia dell Aquila, sottoscritto in data , con gli allegati Quadro Operativo e Documento Progettale a supporto del Quadro Operativo allegato all Accordo Operativo Bilaterale; DL/90 della Regione Abruzzo del 7 maggio 2013 che stabilisce l effettività del ruolo di Organismo Intermedio delle singole amministrazioni provinciali DL/23 Regione Abruzzo del 18 febbraio 2014 di approvazione del Manuale delle procedure dell Autorità di Gestione e del Testo Coordinato delle Linee Guida per l attuazione operativa degli interventi Determinazione direttoriale n. DGP/73 del della Regione Abruzzo di ulteriore estensione dei termini di conclusione e rendicontazione delle attività affidate agli Organismi Intermedi sul Piano Operativo al ; Determinazione direttoriale n. DGP/74 del della Regione Abruzzo di approvazione delle proposte progettuali presentate, nell ambito dei rispettivi Accordi Bilaterali, dagli Organismi Intermedi e di assegnazione di risorse aggiuntive;

4 Decreto del Presidente della Provincia dell Aquila n. 2 del ; Decreto del Presidente della Provincia dell Aquila n. 17 del Art. 1 Finalità Il presente Avviso è volto a favorire opportunità di formazione e di rafforzamento delle competenze per i neoimprenditori di imprese operanti nel territorio della provincia dell Aquila. L intento è quello di offrire sostegno ai neoimprenditori per l accesso ad attività formative che possono risultare strategiche ai fini di una maggiore efficacia dell attività di gestione dell impresa e al fine di ridurne i tassi di mortalità. Tale Avviso persegue le finalità dell Asse Adattabilità del P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 ed intende contribuire al conseguimento degli obiettivi e delle priorità declinate all interno della Strategia di Lisbona e degli Orientamenti Europei per l occupazione. Nella seguente scheda si sintetizzano gli elementi caratteristici dell intervento: Voucher formativi per neo imprenditori Riferimenti P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 Asse Obiettivo specifico 1 Adattabilità 1.a) Sviluppare sistemi di formazione continua e sostenere l adattabilità dei lavoratori Piano Operativo Categoria di spesa n. 62: sviluppo di sistemi e di strategie di apprendimento permanente all interno delle aziende; formazione e servizi per i lavoratori per incrementare la loro adattabilità ai cambiamenti; promozione dell imprenditorialità e dell innovazione. Risorse finanziarie ,00 Riferimenti QSN Priorità Obiettivo specifico 1 Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane 1.4.2) Indirizzare il sistema di formazione continua a sostegno della capacità di adattamento dei lavoratori Classificazione CUP Settore Sottosettore Categoria Formazione e sostegno per il mercato del lavoro 71- Formazione per il lavoro 010 Formazione per occupati (o formazione continua)

5 Art. 2 Tipologia di intervento Il presente Avviso finanzia: in via prioritaria, voucher formativi per imprenditori e soci di PMI e società cooperative attive ed iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA dell Aquila entro i 36 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente avviso, aventi sede legale e/o operativa nel territorio della provincia dell Aquila in subordine, nel caso di risorse residue, voucher formativi per imprenditori e soci di PMI e società cooperative attive ed iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA dell Aquila oltre i 36 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente avviso, aventi sede legale e/o operativa nel territorio della provincia dell Aquila. Il voucher è finalizzato alla fruizione di interventi formativi concernenti ambiti e contenuti coerenti con l attività svolta dall impresa ovvero con le esigenze di sviluppo delle stessa. Gli interventi formativi attivabili devono essere funzionali allo sviluppo e al consolidamento delle competenze degli imprenditori e soci finalizzati alla maggiore competitività dell impresa. Ai fini del presente avviso sono rimborsabili i soli costi di iscrizione ad interventi formativi fino ad un massimo di 5.000,00, IVA inclusa, qualora rimborsabile ai sensi della vigente normativa, sostenuti: 1. direttamente dal destinatario dell attività formativa; 2. dall impresa, a favore del destinatario dell attività formativa. Si specifica che in base alla vigente normativa l'imposta sul valore aggiunto (IVA) realmente e definitivamente sostenuta dal beneficiario e' una spesa ammissibile solo se non sia, in tutto o in parte, recuperabile. Sono riconosciute e quindi ammissibili solo le spese di iscrizione pagate e quietanzate nel periodo per la frequenza di corsi formativi che devono concludersi entro e non oltre il Sono escluse, pertanto, spese di altra natura. Ciascun destinatario può richiedere un solo voucher a sostegno delle spese di iscrizione per un solo corso. Ciascuna impresa può richiedere anche più voucher, per diversi destinatari, fino ad un importo massimo di ,00. Le spese sostenute direttamente dall impresa sono riconosciute ai sensi della regolamentazione De Minimis. Non possono essere erogati voucher formativi per rimborsare: spese di iscrizione a corsi la cui frequenza è obbligatoria per legge ovvero a corsi di laurea spese di iscrizione a corsi erogati con modalità FAD (Formazione a Distanza) Non possono inoltre essere erogati voucher a favore di destinatari facenti capo a società, imprese o cooperative che, nel proprio statuto, abbiano come attività principale o prevalente l erogazione di attività di natura formativa. 2.1 Caratteristiche del soggetto formatore Gli interventi formativi di cui al presente Avviso possono essere erogati esclusivamente da: 1 Organismi di Formazione accreditati per la Formazione continua e/o per la Formazione Superiore e/o per le utenze speciali presso la Regione Abruzzo o altre Regioni italiane;

6 2 Università pubbliche o private, italiane o straniere. Potranno essere rimborsate, inoltre, solo su richiesta dell impresa, spese di iscrizione a corsi erogati da aziende, società di vendita o di distribuzione di particolari attrezzature, macchinari o impianti, qualora l imprenditore abbia proceduto al loro acquisto/realizzazione nei 6 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente avviso. In tal caso alla domanda di candidatura andrà allegata copia della fattura di acquisto e la documentazione attestante l avvenuto pagamento della stessa. Art. 3 Beneficiari Possono presentare domanda di accesso ai benefici del presente avviso: IN VIA PRIORITARIA 1. Imprenditori e soci di PMI e società cooperative attive, iscritte nel Registro delle Imprese della CCIAA dell Aquila entro i 36 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente avviso, aventi sede legale e/o operativa nel territorio della provincia dell Aquila, per il rimborso delle spese di iscrizione ad interventi formativi sostenute direttamente e personalmente. Nello specifico, i voucher possono essere richiesti da: Imprenditori di ditte individuali Soci e titolari di cariche e qualifiche di società di persone Soci e titolari di diritti su azioni e quote nonché componenti dei Consigli di Amministrazione di società di capitali Soci e amministratori di società cooperative Ciascun destinatario può richiedere un solo voucher a sostegno delle spese di iscrizione per un solo corso. Si specifica che i voucher richiesti ed erogati ai singoli imprenditori concorrono al raggiungimento della quota massima di voucher erogabile alle singole imprese, così come indicata nel precedente art PMI e società cooperative, attive, iscritte al Registro delle imprese della CCIAA dell Aquila entro i 36 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente Avviso, aventi sede legale e/o operativa nel territorio della provincia dell Aquila, per il rimborso delle spese di iscrizione sostenute direttamente dalle stesse per la partecipazione ad interventi formativi da parte di imprenditori e soci. Per ciascun voucher è obbligatorio presentare una singola candidatura. Non sono ammissibili candidature contenenti più richieste di voucher. Per ciascun destinatario della formazione è necessario inviare una candidatura. IN SUBORDINE 1. Imprenditori e soci di PMI e società cooperative attive, iscritte nel Registro delle Imprese della CCIAA dell Aquila oltre i 36 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente avviso, aventi sede legale e/o operativa nel territorio della provincia dell Aquila, per il rimborso delle spese di iscrizione ad interventi formativi sostenute direttamente e personalmente. Nello specifico, i voucher possono essere richiesti da: Imprenditori di ditte individuali

7 DIPARTIMENTO II SVILUPPO LAVORO E FORMAZIONE Soci e titolari di cariche e qualifiche di società di persone Soci e titolari di diritti su azioni e quote nonché componenti dei Consigli di Amministrazione di società di capitali Soci e amministratori di società cooperative Ciascun destinatario può richiedere un solo voucher a sostegno delle spese di iscrizione per un solo corso. Si specifica che i voucher richiesti ed erogati ai singoli imprenditori concorrono al raggiungimento della quota massima di voucher erogabile alle singole imprese, così come indicata nel precedente art PMI e società cooperative, attive, iscritte al Registro delle imprese della CCIAA dell Aquila oltre i 36 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente avviso, aventi sede legale e/o operativa nel territorio della provincia dell Aquila, per il rimborso delle spese di iscrizione sostenute direttamente dalle stesse per la partecipazione ad interventi formativi da parte di imprenditori e soci. Per ciascun voucher è obbligatorio presentare una singola candidatura. Non sono ammissibili candidature contenenti più richieste di voucher. Per ciascun destinatario della formazione è necessario inviare una candidatura. Il corso di formazione deve essere avviato e concluso dal destinatario della formazione durante il periodo di effettiva attività lavorativa come imprenditore, socio o amministratore presso l azienda. Il destinatario della formazione deve essere imprenditore, socio o amministratore della medesima azienda sia durante la fruizione del corso, sia al momento della domanda di rimborso. Art. 4 Risorse disponibili e vincoli finanziari Le risorse disponibili per gli interventi del presente avviso ammontano complessivamente ad ,00, per un numero minimo di interventi finanziabili pari ad 80. Per ciascun destinatario può essere finanziato un solo voucher dell importo massimo di 5.000,00. A ciascuna impresa possono essere finanziati più voucher fino ad un massimo di ,00. Si specifica che nell ipotesi di voucher erogabili alle singole imprese, le risorse finanziarie verranno concesse nel rispetto delle condizioni previste dal Regolamento UE 1047/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell UE agli aiuti de minimis. Si rammenta al riguardo che l importo complessivo degli aiuti de minimis concessi ad un impresa unica 1 non deve superare il massimale di ,00 su 1 Per Impresa unica si intende,a i sensi dell art. 2 del reg. 1407/2013 l insieme delle imprese fra le quali esiste almeno una delle relazioni seguenti: - un impresa detiene la maggioranza dei diritti di voto degli azionisti o soci di un altra impresa; - un impresa ha il diritto di nominare o revocare la maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione, direzione o sorveglianza di un altra impresa; - un impresa ha il diritto di esercitare un influenza dominante su un altra impresa in virtù di un contratto concluso con quest ultima oppure in virtù di una clausola dello statuto di quest ultima; - un impresa azionista o socia di un altra impresa controlla da sola, in virtù di un accordo stipulato con altri azionisti o soci dell altra impresa, la maggioranza dei diritti di voto degli azionisti o soci di quest ultima. - le imprese fra le quali intercorre una delle relazioni suindicate, per il tramite di una o più altre imprese, sono anch esse considerate un impresa unica.

8 un periodo di tre esercizi finanziari (l esercizio finanziario entro il quale il contributo viene concesso e i due esercizi precedenti). Ai sensi del presente avviso gli aiuti de minimis non sono cumulabili con aiuti statali e comunitari relativamente agli stessi costi ammissibili. Art. 5 Modalità e termini per la presentazione delle candidature I soggetti interessati ed in possesso dei requisiti di cui all art. 3 dovranno presentare apposito dossier di candidatura utilizzando i modelli allegati al presente avviso. In particolare, nel caso di voucher formativo richiesto dal singolo imprenditore e/o socio, il dossier di candidatura dovrà contenere, a pena di inammissibilità della domanda, la seguente documentazione: Modulo di candidatura secondo il Modello A) debitamente sottoscritto dal destinatario dell intervento formativo, corredato dalle dichiarazioni 1 (dichiarazione a firma del soggetto richiedente ), 2 (dichiarazione a firma del legale rappresentate dell Odf) e 3 (dichiarazione a firma del legale rappresentante dell impresa di appartenenza) Fotocopia leggibile di un valido documento di identità del sottoscrittore. Nel caso di voucher formativo richiesto dall impresa, il dossier di candidatura dovrà contenere, a pena di inammissibilità della domanda, la seguente documentazione: Modulo di candidatura secondo il Modello A1) debitamente sottoscritto dal legale rappresentante dell impresa richiedente, corredato dalle dichiarazioni 1 (dichiarazione a firma del legale rappresentate dell Odf), 2 (dichiarazione a firma del legale rappresentante dell impresa richiedente). Nel caso in cui l impresa faccia richiesta di voucher per più destinatari, andranno compilati tanti Modelli A1) quanti sono i destinatari degli interventi formativi. Fotocopia leggibile di un valido documento di identità del legale rappresentante dell impresa richiedente Dichiarazione sul De Minimis resa secondo il Modello B) corredata dalle dichiarazioni de minimis di eventuali imprese controllate o collegate nel rispetto dell art. 2 del Reg. (UE) n /2013 utilizzando il Modello C) allegato al presente Avviso; si precisa che la dichiarazione de minimis dovrà essere ripresentata dalle imprese prima della concessione degli aiuti de minimis se i dati contenuti nella stessa sono differenti rispetto a quelli indicati nella dichiarazione inizialmente posta a corredo della domanda Nel caso di voucher formativi richiesti per il rimborso delle spese di iscrizione a corsi erogati da aziende, società di vendita o di distribuzione di particolari attrezzature, macchinari o impianti, qualora l imprenditore abbia proceduto al loro acquisto /realizzazione nei 6 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del presente avviso, fotocopia della/e fatture di acquisto e documentazione attestante l avvenuto pagamento della/e stessa/e.

9 I dossier di candidatura come sopra costituiti devono essere inviati, a pena di esclusione, a mezzo posta elettronica certificata (PEC), al seguente indirizzo: Sono ammesse le seguenti modalità: - Dossier di candidatura trasmessi a mezzo PEC sottoscritti con firma digitale in tutti gli allegati. - Dossier di candidatura trasmessi a mezzo PEC contenenti tutta la documentazione richiesta in copia elettronica scannerizzata e accompagnati da copia elettronica scannerizzata di un documento d identità di ciascun dichiarante in corso di validità. Alla PEC deve essere allegato un solo dossier di candidatura. Nel caso in cui l impresa faccia richiesta di voucher per più destinatari, è necessario che il dossier di candidatura contenga tanti Modelli A1) quanti sono i destinatari degli interventi formativi. Si specifica che la singola PEC non dovrà superare i 40 mb. Le candidature dovranno pervenire dall al A tale proposito farà fede la data di arrivo effettivo della PEC indicata nel sistema informatico utilizzato dall Amministrazione. L Amministrazione non assume responsabilità per ritardi dovuti ad errori o disguidi imputabili a fatto di terzi, al caso fortuito o a forza maggiore. Nell oggetto della PEC dovrà essere apposta la seguente dicitura: P.O. F.S.E. Abruzzo 2007/2013 Ob. C.R.O. Piano Operativo 2012/2013 Voucher per neo imprenditori Art. 6 Verifica dei requisiti di ammissibilità delle candidature Con apposito atto dirigenziale verrà individuato il Gruppo di Lavoro che procederà innanzitutto alla verifica dei requisiti di ammissibilità e alla successiva predisposizione della graduatoria. Si specifica che non verranno considerate ammissibili le candidature nel caso in cui ricorra anche soltanto una delle seguenti condizioni: Pervenute al di fuori dei termini previsti dall art.5 dell avviso Inviate con modalità diverse da quelle previste dall art. 5 dell avviso Presentate da richiedenti non in possesso dei requisiti indicati all art. 3 dell avviso Non presentate attraverso l apposita modulistica; Incomplete, in quanto non compilate in ogni parte dei modelli allegati all avviso Prive di uno o più documenti obbligatori costituenti il dossier di candidatura Recanti uno o più documenti privi di apposita sottoscrizione Che prevedano attività formative erogate da soggetti diversi da quelli indicati all art. 2.1 Che prevedano corsi non rispondenti alle prescrizioni di cui all art. 2 Che prevedano tipologie di spese non ammissibili Che prevedano attività e spese al di fuori del periodo di ammissibilità indicato all art. 2 dell avviso

10 Eccedenti il limite di finanziamento massimo per imprese così come indicato all art. 2 dell avviso. All esito della verifica di cui al presente articolo verranno predisposti gli elenchi delle candidature ammissibili ed inammissibili. Nell elenco dei non ammessi, per ciascuna istanza, saranno indicate le cause che ne hanno determinato l esclusione. Art.7 Formazione delle graduatorie Le candidature risultate ammissibili verranno incluse in due distinte graduatorie, una relativa alle richieste di voucher per neo imprenditori (categoria prioritaria) e l altra relativa alle richieste di voucher per imprenditori (categoria residuale). I richiedenti inseriti nella prima graduatoria avranno quindi la precedenza in merito all assegnazione del voucher; solo in caso di risorse residue sarà possibile assegnare i benefici ai richiedenti inseriti nella seconda graduatoria. Ciascuna delle suddette graduatorie sarà ordinata in base all ordine cronologico della data e dell ora di arrivo delle candidature. A tal fine faranno fede la data e l ora di arrivo effettivo della PEC indicate nel sistema informatico utilizzato dall Amministrazione. L elenco delle candidature inammissibili, con l indicazione delle motivazioni che ne hanno determinato l esclusione, e le graduatorie delle candidature ammesse verranno approvate con determinazione dirigenziale e pubblicate sull Albo Pretorio e sul sito istituzionale della Provincia dell Aquila, con valore di comunicazione agli interessati. L assegnazione dei voucher verrà effettuata fino a concorrenza delle risorse disponibili. Agli ammessi e finanziati verrà data comunicazione anche per raccomandata A/R o PEC. Art. 8 Modalità di gestione ed erogazione del voucher L Amministrazione Provinciale provvederà a comunicare agli istanti utilmente collocati in graduatoria l ammissione a finanziamento. Il beneficiario, a pena di decadenza, entro 10 giorni dalla suddetta comunicazione, dovrà inviare il modulo di accettazione del voucher secondo il Modello D) allegato al presente avviso, con raccomandata A/R al seguente indirizzo: Provincia dell Aquila, Ufficio Protocollo, Via Monte Cagno L Aquila o a mezzo posta elettronica certificata (PEC), al seguente indirizzo: Ai fini dell erogazione del voucher, il beneficiario entro e non oltre 15 giorni dalla conclusione del corso dovrà produrre la seguente documentazione: Domanda di rimborso secondo il Modello E), sottoscritta dal medesimo sottoscrittore della candidatura; Fattura in originale con esplicito riferimento al destinatario della stessa (singolo o azienda) nonché al corso svolto. Le fatture emesse e quietanziate in data successiva all accettazione del voucher dovranno contenere la seguente dicitura: Intervento cofinanziato dall Unione Europea sul P.O. F.S.E. Abruzzo 2007/2013 Ob. C.R.O._Piano Operativo 2012/2013_Voucher per neo imprenditori_cup ;

11 Attestazione a cura del soggetto formatore che attesti il completamento del corso da parte del destinatario, il titolo del corso, la durata in ore e il periodo di svolgimento dello stesso. Copia stralcio dell estratto conto bancario o postale da cui risulti l addebito del pagamento effettuato da parte dell azienda o del singolo a favore del soggetto formatore. Si specifica, al riguardo, che la data della valuta di addebito rilevata dalla suddetta documentazione deve essere compresa nel periodo Il bonifico bancario o postale è l unica modalità di pagamento ammissibile. L erogazione del voucher avverrà previo controllo della documentazione prodotta e sulla base delle spese effettivamente sostenute, nonché nell ipotesi di voucher erogabile alle aziende previa verifica della regolarità contributiva. Art. 9 Responsabilità del procedimento. Ai sensi della Legge 241 del 7 Agosto 1990 e successive modifiche ed integrazioni, la struttura amministrativa responsabile dell adozione del presente Avviso è il Dipartimento II Sviluppo Lavoro e Formazione, Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Comunitarie (Direttore: Dott. Tiziano Amorosi). Responsabile del procedimento amministrativo è la Dott.ssa Sabrina Perilli - Titolare del potere sostitutivo ex art. 2, comma 9 bis, Legge n. 241/1990 e s.m.i.. è la Dott.ssa Paola Cinque. Tel indirizzo e_mail: PEC: Il presente Avviso a, unitamente alla modulistica, sarà pubblicato all Albo Pretorio della Provincia dell Aquila e sul sito internet Lo stesso sarà trasmesso, altresì, alla Regione Abruzzo per la diffusione anche tramite il sito Copia dell Avviso potrà essere ritirata presso: - Sede dell Albo Pretorio della Provincia dell Aquila in Via Monte Cagno 3 - L Aquila; - i Centri per l Impiego dell Aquila, di Avezzano, di Sulmona e di Castel di Sangro e relative Sedi Coordinate; - i Centri Provinciali di Formazione professionale dell Aquila, Avezzano e Pratola Peligna - gli uffici decentrati della Provincia di Avezzano e Sulmona. Durante l intero periodo di durata degli interventi, saranno attivi presso tutti i Centri per l Impiego della Provincia appositi Sportelli Informativi dove sarà possibile rivolgersi per ulteriori informazioni, ovvero per il supporto alla compilazione della modulistica. Art. 10 Informazioni, Pubblicità e Monitoraggio. I soggetti finanziati devono attenersi strettamente al Regolamento Comunitario vigente in tema di informazione e pubblicità degli interventi dei Fondi Strutturali Reg. (CE) 1828/2006 nonché a quanto previsto dalle Linee Guida regionali per l attuazione operativa degli interventi a valere sul FSE

12 I soggetti finanziati sono obbligati altresì a fornire alla Provincia dell Aquila, Organismo Intermedio P.O. FSE Abruzzo , tutti i dati e le informazioni necessarie ai fini dell implementazione del sistema di monitoraggio fisico, finanziario e procedurale. La Provincia dell Aquila sottopone il contenuto delle dichiarazioni prodotte dai beneficiari a controlli e verifiche secondo le modalità e le condizioni previste dagli artt. 71 e 72 del DPR 445/2000 e s.m.i. e dalla Linee Guida regionali per l attuazione operativa degli interventi sul FSE Qualora dai controlli emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti ed incorre nelle sanzioni penali di cui all art. 76 del DPR 445/2000. Art. 11 Tutela della privacy Tutti i dati personali di cui l Amministrazione venga in possesso in occasione dell espletamento del presente procedimento verranno trattati nel rispetto D. Lgs. del 30 giugno 2003, n 196 Codice in materia di protezione dei dati personali. Art. 12 Allegati Modello A) Modulo di candidatura per singoli imprenditori/soci. Modello A1) Modulo di candidatura per aziende. Modello B) Dichiarazione De Minimis con schema di istruzione per la compilazione. Modello C) Dichiarazione De Minimis imprese controllate e collegate con schema di istruzione per la compilazione. Modello D) Modulo di accettazione del voucher. Modello E) Modulo per la presentazione della domanda di rimborso. IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO II SVILUPPO LAVORO E FORMAZIONE Dott. Tiziano Amorosi

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale PROVINCIA DEL L AQUILA Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale P.O.R. ABRUZZO OBIETTIVO 3 PER IL 2000/2006 PIANO DEGLI INTERVENTI 2006 STRUMENTO UNITARIO DI PIANIFICAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa PROVINCIA DI PISA PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese che assumono soggetti in mobilità, a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA AVVISO ESPLORATIVO

PROVINCIA DELL AQUILA AVVISO ESPLORATIVO PROVINCIA DELL AQUILA P.O.R. F.E.S.R. ABRUZZO 2007 2013 ASSE IV: Sviluppo Territoriale Intervento 3 Eventi Speciali Attività IV 2.1.b Valorizzazione dei territori di Montagna Marketing, Promozione e Pubblicità

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 15 dicembre 1998, n. 441, recante "Norme per la diffusione e la valorizzazione dell'imprenditoria

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002 AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTE DA STUDENTI CHE STANNO TERMINANDO CON SUCCESSO PERCORSI DI IFP PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL

Dettagli

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI Prot. n. Budrio, BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, A FRONTE DI SPESE SOSTENUTE, AD IMPRESE ARTIGIANE CON SEDE LEGALE E/O OPERATIVA IN BUDRIO E COMUNQUE OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE- ANNO 2010.

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Centri per l impiego della Provincia di Terni

Centri per l impiego della Provincia di Terni Centri per l impiego della Provincia di Terni AVVISO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI PER FAVORIRE IL POSSESSO DA PARTE DI DONNE IMMIGRATE DI PATENTI IN REGOLA CON

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO per l assegnazione di contributi alle piccole imprese del commercio in sede fissa operanti in provincia di Ragusa che provvedono

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA

Provincia di Pisa. All. A PROVINCIA DI PISA All. A PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di incentivi alle imprese a valere sul POR Toscana OB.2 competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres.

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei

Dettagli

AVVISO PUBBLICO per la presentazione di manifestazioni di interesse per la partecipazione degli operatori turistici Anno 2015

AVVISO PUBBLICO per la presentazione di manifestazioni di interesse per la partecipazione degli operatori turistici Anno 2015 ALLEGATO A AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO A R E A P R O M O Z I O N E E C O M M E R C I A L I Z Z A Z I O N E Calendario delle iniziative e delle manifestazioni di promozione turistica in Italia ed all

Dettagli

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 REGIONE MOLISE Direzione Generale Area III Servizio Politiche Sociali POR FSE Molise Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero BANDO PUBBLICO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE OPERANTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIGGIANO - INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI - Art. 1 FINALITA Il Comune di Triggiano

Dettagli

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014 Avviso pubblico e Regolamento per la concessione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi in provincia di Napoli in periodi di bassa e media stagione Annualità 2014 Delibera

Dettagli

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione -

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ESTETISTA INDICE Articolo 1 Riferimenti normativi pag. 2

Dettagli

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015

Regione Umbria DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 6638 DEL 16/09/2015 Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Politiche per il credito e internazionalizzazione delle imprese DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

3. Destinatari Studenti residenti nel Comune di Isola del Giglio che frequentano le scuole superiori in ambito regionale.

3. Destinatari Studenti residenti nel Comune di Isola del Giglio che frequentano le scuole superiori in ambito regionale. Bando provinciale per l assegnazione di buoni studio a favore degli studenti residenti nel Comune di Isola del Giglio mis. C.2 POR Ob.3 2000-06 anno scolastico 2007/08 Premessa La Provincia di Grosseto

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro

REGIONE SICILIANA. Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro Agenzia Regionale per l Impiego, l Orientamento, i Servizi e le Attività Formative Servizio VI AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 All.A Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART.

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

Settore VII Politiche del Lavoro e Formazione Professionale. PO FSE Abruzzo 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Settore VII Politiche del Lavoro e Formazione Professionale. PO FSE Abruzzo 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Settore VII Politiche del Lavoro e Formazione Professionale PO FSE Abruzzo 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione PIANO OPERATIVO 2009-2010-2011 Progetto Speciale Multiasse ad attuazione

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Al Sindaco del Comune di:

Al Sindaco del Comune di: Prot. n.1225 del 16/01/13 Al Sindaco del Comune di: 1. Caivano (NA) 2. Cesa (CE) 3. Ottaviano (NA) 4. Calvizzano (NA) Oggetto: LETTERA DI INVITO PER EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AI COMUNI CONSORZIATIPER

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

PROVINCIA DI PISA Servizio Politiche del lavoro. AVVISO PUBBLICO PER INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI L. 68/99 - Fondo Regionale

PROVINCIA DI PISA Servizio Politiche del lavoro. AVVISO PUBBLICO PER INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI L. 68/99 - Fondo Regionale PROVINCIA DI PISA Servizio Politiche del lavoro Allegato A AVVISO PUBBLICO PER INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI L. 68/99 - Fondo Regionale Premessa La Provincia di PISA adotta il presente

Dettagli

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti INTERVENTI

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato 3 Schema di convenzione SCHEMA DI CONVENZIONE ai sensi dell art 9.1 dell Avviso per l individuazione di soggetti interessati ad erogare interventi di di formazione di base e trasversale di cui

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 IL DIRIGENTE

AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 IL DIRIGENTE All.A AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2015 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART. 14, L. 68/99 IL DIRIGENTE VISTA la legge 12 marzo

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni PROVINCIA DI MILANO La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per l attuazione

Dettagli

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE Provincia di Imperia Provincia di Imperia Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Dipartimento Politiche del Lavoro, dell Istruzione, della Ricerca e dell Università

REGIONE ABRUZZO Dipartimento Politiche del Lavoro, dell Istruzione, della Ricerca e dell Università REGIONE ABRUZZO Dipartimento Politiche del Lavoro, dell Istruzione, della Ricerca e dell Università P.O. FSE Abruzzo 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione PIANO OPERATIVO 2009/2010/2011

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 27/02/2016 IL SEGRETARIO COMUNALE QUALE RESPONSABILE

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE

CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE che Giovanili e pari opportunità CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE Scadenza bando: 1 fase 30.06.2012 2 fase 30.10.2012 3 fase 28.02.2013

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 134 concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO l Allegato 1 al DL 83/2012 che abroga la Legge 1083/54

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) CITTA DI PALAGONIA V Dipartimento Servizi Sociali Provincia di Catania DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) DISTRETTO SOCIO - SANITARIO

Dettagli

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana. SERVIZIO SOCIALE E SANITA Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it SELEZIONE PUBBLICA PER FORMAZIONE GRADUATORIA

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione. Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili)

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione. Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili) Allegato A REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili) 1) PREMESSA La Regione Lazio, con la legge regionale 19/2003, ha dato operatività

Dettagli

(delibera del Senato Accademico n. 491/17370 del 27 agosto 2012)

(delibera del Senato Accademico n. 491/17370 del 27 agosto 2012) Avviso pubblico per l acquisizione di candidature del personale tecnicoamministrativo per la nomina nel Consiglio di Amministrazione dell Università degli Studi di Parma (delibera del Senato Accademico

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006 REGIONE CAMPANIA - AGC 6 Ricerca Scientifica, Statistica, Sistemi Informativi ed Informatica - POR 2000-2006 - Misura 3.22 azione

Dettagli

ABRUZZO SVILUPPO SPA AVVISO PUBBLICO

ABRUZZO SVILUPPO SPA AVVISO PUBBLICO ABRUZZO SVILUPPO SPA Sede Legale e Amministrativa: Piazza Ettore Troilo, 27 65127 Pescara Tel + 39 085.67078 - Fax + 39 085.68556-7992231 E-mail: info@abruzzosviluppo.it - Sito web: www.abruzzosviluppo.it

Dettagli

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo:

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo: AVVISO 01/2014 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse e Finanziamenti... 4 4. Destinatari... 5 5. Presentatori e Attuatori... 5 6. Durata delle attività... 6 7. Accordo sindacale...

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di All. A AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI in favore di ASSOCIAZIONI ONLUS CHE HANNO SUBITO DANNI A CAUSA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI ATMOSFERICI DEL 5 MARZO 2015 Si rende noto che

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO N.

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA DI VARESE DI PROGETTI DA FINANZIARE CON LE RISORSE PROVENIENTI DALLA REGIONE LOMBARDIA - ANNO 2002/2003. DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO Sviluppo

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE INNOVAZIONE RICERCA E COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI N. 84/IRE DEL 03/07/2014 Oggetto: POR MARCHE 2007-13 e L 598/94 art 11 Sostegno alle PMI al

Dettagli

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00

BANDO DISPONIBILITA. 2.629,00 COMUNE DI GONNOSNÒ PROVINCIA DI ORISTANO Ufficio Servizio Sociale Professionale Via Oristano, 30-09090 GONNOSNÒ P.I. 00069670958 E-mail: protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it 0783/931678 0783/931679 L.R.

Dettagli

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di finanziamenti per servizi di accompagnamento alla CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 1

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALL ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA

Dettagli

S e t t o r e W e l f a r e

S e t t o r e W e l f a r e S e t t o r e W e l f a r e LIFT 2014 Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione di servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DEI DISABILI PSICHICI

Dettagli

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento.

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento. 2. PROCEDIMENTO 2.1 Aspetti generali. Il coordinamento generale delle strutture competenti, nonché la verifica ed il monitoraggio degli interventi, sono espletati tramite riunioni periodiche cui partecipano:

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

Azienda Speciale di Formazione Scuola Paolo Borsa

Azienda Speciale di Formazione Scuola Paolo Borsa AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA FORMAZIONE E/O L AGGIORNAMENTO DELL ALBO COLLABORATORI (istituito con determinazioni dirigenziali n. 12/2014 e n. 13/2014) Per titoli ed esperienze lavorative, per la

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di:

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di: ALLEGATO 2 dichiarazione sostitutiva Al Comune di CORSICO Via Roma n. 18 20094 CORSICO (MI) OGGETTO: Avviso pubblico per l accreditamento della fornitura di prestazioni domiciliari assistenziali e socio-educative

Dettagli