MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO"

Transcript

1 MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente compresso e sollecitata dalla differenza di trazione delle armature nelle due fessure. // // Fessure per flessione Fessure per taglio e flessione F t F + F t t F = M / z M = V x

2 MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO SCHEMA MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE z F = V x /z t F t Sezione con MMAX

3 MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO EFFETTO DELL INGRANAMENTO DEGLI INERTI È dovuto alle pressioni di contatto lungo la superficie della fessura che delimita i denti di calcestruzzo. Effetto che dipende da: - attrito lungo le due superfici di contatto - presenza eventuale di uno sforzo normale - altezza della trave

4 MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO SCHEMA EFFETTO DELL INGRANAMENTO DEGLI INERTI + contributo correttivo

5 MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO EFFETTO SPINOTTO Rappresenta il contributo dovuto alla presenza delle armature longitudinali all interno delle fessure, che tendono a fornire un aumento di resistenza

6 MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO SCHEMA EFFETTO SPINOTTO + contributo correttivo

7 MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO PRESENZA DI UNO SFORZO NORMALE DI COMPRESSIONE

8 RESISTENZA A TAGLIO DI PROGETTO ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO VALUTAZIONE DEL TAGLIO RESISTENTE ALLO S.L.U. ( N.T.C.08) È consentito l impiego di solai, piastre e membrature a comportamento analogo, sprovviste di armature trasversali a resistenti a taglio. Con riferimento all elemento fessurato da momento flettente, la resistenza a taglio si valuta con V Rd 0,18 c 1 3 0,15 σ b d ( 0,15 σ ) b d k 100ρ f l ck cp min cp (La resistenza a taglio espressa nella formula tiene conto dei contributi resistenti forniti dai meccanismi descritti in precedenza con correttivi dedotti da risultati sperimentali)

9 RESISTENZA A TAGLIO DI PROGETTO ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO min 0,035 k 3 2 f ck k = 1 + (200/d) 1/2 2 (è un coefficiente che mette in evidenza la minore efficacia dell ingranamento al crescere dell h utile) d altezza utile della sezione (in mm) l = A sl /(b d) è il rapporto geometrico di armatura longitudinale ( 0,02); σcp = N Ed / Ac è la tensione media di compressione nella sezione ( 0,2 fcd); b è la larghezza minima della sezione(in mm).

10 RESISTENZA A TAGLIO DI PROGETTO ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO IN ASSENZA DI SFORZO NORMALE SI HA: V Rd 0,18 c 1 3 b d b d k 100ρ f l ck min IN ASSENZA DI SFORZO NORMALE E ARMATURA LONGITUDINALE SI HA: V Rd min b d 0,035 k 3 2 f ck b d (espressione che può essere utilizzata per una prima verifica della capacità portante)

11 RESISTENZA A TAGLIO DI PROGETTO ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MA SE LO SFORZO È DI TRAZIONE SI HA: V Rd 0 la resistenza a taglio del calcestruzzo è da considerarsi nulla e, in tal caso, non è possibile adottare elementi sprovvisti di armatura trasversale (N.T.C.08)

12 RESISTENZA A TAGLIO DI PROGETTO ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO CONSIDERAZIONI AGGIUNTIVE SULLE ARMATURE LONGITUDINALI N.T.C.08 Le armature longitudinali, oltre ad assorbire gli sforzi conseguenti alle sollecitazioni di flessione, devono assorbire quelli provocati dal taglio dovuti all inclinazione delle fessure rispetto all asse della trave, inclinazione assunta pari a 45. In particolare, in corrispondenza degli appoggi, le armature longitudinali devono assorbire uno sforzo pari al taglio sull appoggio.

13 RESISTENZA A TAGLIO DI PROGETTO ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO CONSIDERAZIONI AGGIUNTIVE SULLE ARMATURE LONGITUDINALI Regola della traslazione del momento (in via cautelativa z=d) Equivale a imporre che l armatura che si estende al di là della sezione di verifica debba essere lunga un tratto pari ad almeno (d+ lbd) dove lbd è la lunghezza di ancoraggio.

14 DIAGRAMMA TAGLIO 5,117 kn/m ESEMPIO - Solaio in latero - cemento 1,5 (Q k1 + G ) 2 = 2,4 kn/m 1,3 (G 1 + G ) 2 = 2,717 kn/m A B C COMB1 PER SLU 8,00 kn 11,33 kn C A B 12,47 kn 4,00 m 3,40 m 6,07 kn Oss.ne: il taglio massimo a filo trave (a 27,5 cm dall appoggio) è pari a 11,059 kn

15 DIAGRAMMA TAGLIO 5,117 kn/m ESEMPIO - Solaio in latero - cemento 1,5 (Q k1 + G ) 2 = 2,4 kn/m 2,717 kn/m 1,3 (G 1 + G ) 2 = 2,717 kn/m A B C 8,40 kn A COMB2 PER SLU 6,78 kn B 4,00 m 12,07 kn 3,40 m C 2,46 kn Oss.ne: i valori indicati sono relativi ai tagli in asse alle travi

16 ESEMPIO - Solaio in latero - cemento Meccanismo resistente a pettine per elementi non armati a taglio // // M T Ft F t+ Ft F t produce all incastro una coppia di reazione oraria (per conci posti nella semicampata sinistra)

17 Verifica sezione B (appoggio centrale) V Rd k 1 0,18 c 200 d k 1 100ρ f 3 b d v b d 1 l ck ,02 min ESEMPIO - Solaio in latero - cemento si adotta k=2,0 l A b s d ,0083 0,02 0,18 1 V 2, , Rd ,5 0, N 12,53 kn

18 ESEMPIO - Solaio in latero - cemento Verifica sezione B CONFRONTO CON IL TAGLIO RESISTENTE MINIMO V Rd, min 0,035 k 3 2 f ck b d 0, N 9,4 kn V Rd 12,53 kn V Rd, min 9,4 kn V Rd = 12,53 kn > V Ed = 11,059 kn VERIFICA SODDISFATTA

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinorzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Documento approvato il 24 luglio 2009 dall assemblea Geneale Consiglio

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Nei casi in cui si consideri significativa l interazione tra il terreno

Nei casi in cui si consideri significativa l interazione tra il terreno 6.4.3 FONDAZIONI SU PALI Il progetto di una fondazione su pali deve comprendere la scelta del tipo di palo e delle relative tecnologie e modalità di esecuzione, il dimensionamento i dei pali e delle relative

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante 11 LE SCALE Le scale rappresentano quelle parti di struttura che consentono il collegamento tra i vari piani. A seconda dello schema strutturale che le caratterizzano si differenziano in: Scale a soletta

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval)

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval) I prodotti da ancoraggio secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 I prodotti da ancoraggio C.P. MK 685410 (I) 09/11 Mapei, nell ambito della norma UNI EN 1504, edita un fascicolo dedicato ai prodotti da

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

ANALISI DEL DANNO DA IMPATTO AD ALTA VELOCITÀ SU STRUTTURE COMPOSITE IN ALLUMINA

ANALISI DEL DANNO DA IMPATTO AD ALTA VELOCITÀ SU STRUTTURE COMPOSITE IN ALLUMINA UNIVERSITÀ degli STUDI di CASSINO Facoltà di Ingegneria Tesi di Dottorato in Ingegneria Meccanica XX Ciclo ANALISI DEL DANNO DA IMPATTO AD ALTA VELOCITÀ SU STRUTTURE COMPOSITE IN ALLUMINA Tutor Prof. Nicola

Dettagli

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici Stefano Aversa e Rosa Maria Stefania Maiorano Università di Napoli Parthenope, Napoli, Italy Alessandro Mandolini Seconda Università

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Manuale di progettazione per strutture in acciaio inossidabile. (Terza Edizione)

Manuale di progettazione per strutture in acciaio inossidabile. (Terza Edizione) Manuale di progettazione per strutture in acciaio inossidabile (Terza Edizione) 006 Euro Inox e The Steel Construction Institute -87997-06-X -87997-039-3 (Prima Edizione) Euro Inox e The Steel Construction

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Laboratorio di sicurezza degli impianti industriali Docente: Prof. Ing. Lorenzo Fedele Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Andrea Spaziani 1318099 A. A.

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO 13 TETTO IN LEGNO PIANO ED Tetto caldo e tetto freddo (ventilato) Impermeabilizzazione e isolamento termico dei tetti in legno con manto a vista Il presente documento riguarda l impermeabilizzazione delle

Dettagli