Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP"

Transcript

1 Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinorzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Documento approvato il 24 luglio 2009 dall assemblea Geneale Consiglio Superiore LL PP

2

3 INDICE 1 PREMESSA SIMBOLOGIA CONCETTI BASILARI DEL PROGETTO DI RINFORZO E PROBLEMATICHE SPECIALI REQUISITI FONDAMENTALI REQUISITI DI DURABILITÀ PRINCIPI GENERALI DEL PROGETTO DI RINFORZO Generalità Coeicienti parziali ed azioni di calcolo Proprietà dei materiali e dei prodotti Capacità di calcolo COEFFICIENTI PARZIALI Coeicienti parziali m per i materiali ed i prodotti Coeicienti parziali Rd per i modelli di resistenza PROBLEMI SPECIALI DI PROGETTO E FATTORI DI CONVERSIONE Azioni ambientali e attore di conversione ambientale η a Modalità di carico e attore di conversione per eetti di lunga durata η l Resistenza alle azioni causate da impatto ed esplosione Resistenza alle azioni causate da atti vandalici LIMITI DEL RINFORZO NEL CASO DI ESPOSIZIONE AL FUOCO RINFORZO DI STRUTTURE DI C.A. E DI C.A.P VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA NEI CONFRONTI DELLA DELAMINAZIONE Meccanismi di rottura per delaminazione Veriiche di sicurezza nei conronti della delaminazione Resistenza allo stato limite ultimo per delaminazione di estremità (modalità 1) Resistenza allo stato limite ultimo per delaminazione intermedia (modalità 2) Veriica delle tensioni di interaccia allo stato limite di esercizio RINFORZO A FLESSIONE Generalità Analisi del comportamento allo stato limite ultimo Generalità Stato della struttura all atto del rinorzo Resistenza di progetto a lessione dell elemento rinorzato con FRP in presenza di orza assiale (pressolessione) Collasso per delaminazione di estremità Analisi del comportamento agli stati limite di esercizio Fondamenti del calcolo Veriica delle tensioni Veriica delle recce Veriica dell apertura delle essure RINFORZO A TAGLIO Generalità Conigurazioni per il rinorzo a taglio Resistenza di progetto a taglio dell elemento rinorzato con FRP Resistenza di progetto a taglio Resistenza eicace di progetto del rinorzo Limitazioni e dettagli costruttivi...23 i

4 3.4 RINFORZO A TORSIONE Generalità Conigurazioni per il rinorzo a torsione Resistenza di progetto a torsione dell elemento rinorzato con FRP Resistenza di progetto a torsione Limitazioni e dettagli costruttivi CONFINAMENTO Generalità Resistenza di progetto a compressione centrata o con piccola eccentricità dell elemento coninato Stima della pressione laterale di coninamento Sezioni circolari Sezioni quadrate e rettangolari Duttilità di elementi presso-inlessi coninati con FRP RINFORZO A FLESSIONE DI STRUTTURE DI C.A.P Utilizzo di compositi FRP per elementi pre-tesi o post-tesi di c.a Analisi del comportamento allo stato limite ultimo Analisi del comportamento agli stati limite di esercizio INTERVENTI IN ZONA SISMICA Principi generali di intervento Obiettivi della progettazione Criteri per la scelta dell intervento con FRP Strategie di intervento Eliminazione dei meccanismi di collasso di tipo ragile Eliminazione dei meccanismi di collasso di piano Incremento della capacità deormativa globale di una struttura Incremento della capacità deormativa locale degli elementi Applicazione del criterio della gerarchia delle resistenze Veriiche di sicurezza Elementi e meccanismi duttili Pressolessione Rotazione rispetto alla corda Elementi e meccanismi ragili Taglio Zone di sovrapposizione Svergolamento delle barre longitudinali Nodi RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE GENERALITÀ Oggetto ed ambito di applicazione Interventi di restauro su strutture di interesse storico e monumentale Criteri per il progetto del consolidamento strutturale Articolazione degli interventi VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA Modellazione della struttura Criteri di veriica Veriiche di sicurezza VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA ALLA DELAMINAZIONE Considerazioni generali e modi di collasso Resistenza alla delaminazione radente allo stato limite ultimo Resistenza alla delaminazione in presenza di azione normale al piano di adesione VERIFICHE DI ELEMENTI STRUTTURALI RICORRENTI Rinorzo di pannelli murari ii

5 Veriiche per azioni uori dal piano Veriica per ribaltamento semplice Veriica per lessione della striscia muraria verticale Veriica per lessione della striscia orizzontale Veriiche per azioni nel piano del pannello Pressolessione nel piano Taglio Architrave e ascia di piano Veriica per unzionamento ad architrave Veriica per unzionamento a ascia di piano RINFORZO DI ELEMENTI STRUTTURALI A SEMPLICE E DOPPIA CURVATURA Archi Schema ad arco Schema a portale Volte a semplice curvatura: volte a botte Volte a doppia curvatura: cupole Regime membranale Regime lessionale Volte a doppia curvatura su pianta quadrata CONFINAMENTO DI COLONNE DI MURATURA Resistenza di progetto a compressione centrata dell elemento coninato Coninamento di colonne circolari Coninamento di colonne quadrate o rettangolari PRINCIPI GENERALI DI INTERVENTO PER COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA Obiettivi della progettazione Criteri per la scelta dell intervento con FRP MATERIALI FIBRORINFORZATI PER IL RINFORZO STRUTTURALE GENERALITA E DISPOSIZIONI NORMATIVE COMPONENTI Fibre Matrici Adesivi SISTEMI DI RINFORZO CONTROLLO DEI MATERIALI SPECIFICHE TECNICHE DEI LAMINATI FIBRORINFORZATI Materiali ibrorinorzati pultrusi Laminati prodotti in situ CONTROLLI DELLA PRODUZIONE Controlli interni Controlli da parte di enti terzi CONTROLLI DI ACCETTAZIONE DEI MATERIALI Prove sperimentali COLLAUDO DELL INTERVENTO Prove semi-distruttive Prova di strappo normale Prova di strappo a taglio Prove non distruttive Prove di tipo acustico stimolato Prove ultrasoniche ad alta requenza Prove termograiche...71 iii

6 Prove in emissione acustica...71 iv

7

8 1 PREMESSA Scopo delle presenti Linee Guida è ornire, in armonia con le Norme attualmente vigenti, principi e regole per la progettazione, l esecuzione ed il controllo di interventi di consolidamento strutturale mediante l utilizzo di compositi ibrorinorzati. Le Linee Guida trattano i seguenti argomenti: - Concetti basilari del rinorzo con FRP e problematiche speciali; - Rinorzo di strutture di c.a. e di c.a.p.; - Rinorzo di strutture murarie; - Materiali. Sono inoltre ornite speciiche indicazioni concernenti le costruzioni in zona sismica, in linea con i più recenti orientamenti recepiti nella Normativa nazionale ed in quelle internazionali. 1

9 1.1 SIMBOLOGIA Si riporta di seguito il signiicato dei principali simboli utilizzati nel documento. Notazioni generali (.) c valore della grandezza (.) rierita al calcestruzzo (.) cc valore della grandezza (.) rierita al calcestruzzo coninato (.) d valore di progetto (o di calcolo) della grandezza (.) (.) valore della grandezza (.) rierita al composito ibrorinorzato (.) k valore caratteristico della grandezza (.) (.) mc valore della grandezza (.) rierita alla muratura coninata (.) R valore della grandezza (.) vista come resistenza (.) s valore della grandezza (.) rierita all acciaio (.) S valore della grandezza (.) vista come sollecitazione Lettere romane maiuscole A c area della sezione di calcestruzzo, al netto delle armature metalliche A area del rinorzo di FRP A w area del rinorzo a taglio di FRP A sw area della sezione di un braccio di una staa A s area delle armature metalliche E c modulo di elasticità normale del calcestruzzo E modulo di elasticità normale del rinorzo di FRP E ib modulo di elasticità normale della ibra E s modulo di elasticità normale delle armature metalliche F pd valore di progetto della massima orza di ancoraggio trasmissibile da un rinorzo di FRP incollato su una muratura in presenza di un azione normale al piano di adesione G a modulo di elasticità tangenziale dell adesivo G c modulo di elasticità tangenziale del calcestruzzo I c momento di inerzia della sezione omogeneizzata I momento di inerzia del rinorzo di FRP rispetto al proprio asse baricentrico, parallelo all asse neutro della trave M Rd momento resistente di progetto della sezione rinorzata con FRP M Sd momento lettente sollecitante di progetto M o momento lettente sollecitante la sezione di c.a. all atto dell applicazione del rinorzo di FRP N Rcc,d resistenza di progetto a compressione centrata dell elemento di c.a. coninato con FRP N Rmc,d resistenza di progetto a compressione centrata della muratura coninata con FRP N Sd sorzo normale sollecitante di progetto T Rd resistenza di progetto a torsione dell elemento di c.a. rinorzato con FRP T Rd,c resistenza a torsione della biella compressa di calcestruzzo T Rd, contributo a torsione del rinorzo di FRP alla resistenza di progetto T Rd,l resistenza a torsione delle armature metalliche longitudinali T Rd,s contributo a torsione delle armature metalliche trasversali alla resistenza di progetto T Sd momento torcente sollecitante di progetto V Rd resistenza di progetto a taglio dell elemento rinorzato con FRP V Rd,c resistenza della biella compressa di calcestruzzo V Rd, contributo del rinorzo di FRP alla resistenza a taglio di progetto V Rd,s contributo delle armature metalliche trasversali alla resistenza a taglio di progetto V Sd taglio sollecitante di progetto V R vita di rierimento contributo della muratura alla resistenza a taglio di progetto della muratura rinorzata V Rd,m Lettere romane minuscole b larghezza del rinorzo di FRP 2

10 d altezza utile della sezione bd resistenza di progetto dell adesione tra rinorzo di FRP e calcestruzzo (o muratura) c resistenza (cilindrica) a compressione del calcestruzzo ccd resistenza di progetto del calcestruzzo coninato cd resistenza di progetto a compressione del calcestruzzo ck resistenza caratteristica a compressione del calcestruzzo ctm valore medio della resistenza a trazione del calcestruzzo d resistenza di progetto del rinorzo di FRP dd resistenza di progetto alla delaminazione del rinorzo di FRP (modalità 1) dd,2 resistenza di progetto alla delaminazione del rinorzo di FRP (modalità 2) ed resistenza eicace di progetto del rinorzo a taglio di FRP k resistenza caratteristica del rinorzo di FRP pd resistenza di progetto alla delaminazione del rinorzo di FRP in direzione radente mk resistenza caratteristica a compressione della muratura h mk resistenza caratteristica a compressione della muratura in direzione orizzontale mcd resistenza di progetto a compressione della muratura coninata con FRP md resistenza di progetto a compressione della muratura h md resistenza di progetto a compressione della muratura in direzione orizzontale mtd resistenza di progetto a trazione della muratura mtm valore medio della resistenza a trazione della muratura vd resistenza di progetto a taglio della muratura vk resistenza caratteristica a taglio della muratura y resistenza allo snervamento delle armature longitudinali misurata in situ yd resistenza di progetto allo snervamento delle armature longitudinali ywd resistenza di progetto allo snervamento delle armature trasversali l pressione di coninamento l,e pressione eicace di coninamento h altezza della sezione k e coeiciente di eicienza dell azione di coninamento k H coeiciente di eicienza orizzontale k V coeiciente di eicienza verticale k coeiciente di eicienza legato all inclinazione delle ibre rispetto all asse longitudinale dell elemento coninato l b lunghezza di ancoraggio l e lunghezza ottimale di ancoraggio p b distanza tra gli strati di barre nel coninamento di colonne murarie p passo di strisce o di cerchiature di FRP t spessore del rinorzo di FRP w larghezza delle strisce di FRP distanza dell asse neutro dall estremo lembo compresso della sezione retta x e Lettere greche minuscole E coeiciente di penalizzazione della rigidezza del tessuto coeiciente di penalizzazione della resistenza del tessuto γ m coeiciente parziale per materiali o prodotti γ Rd coeiciente parziale per i modelli di resistenza ε o deormazione del calcestruzzo al lembo teso prima dell applicazione del rinorzo ε ccu deormazione ultima di progetto del calcestruzzo coninato ε co deormazione del calcestruzzo al lembo compresso prima dell applicazione del rinorzo ε cu deormazione ultima del calcestruzzo ε d deormazione massima di progetto del rinorzo di FRP ε d,rid valore ridotto della deormazione massima di progetto del rinorzo di FRP nel coninamento di elementi di c.a. o di muratura ε k deormazione caratteristica a rottura per trazione del rinorzo di FRP ε dd deormazione massima del composito ibrorinorzato compatibile con la delaminazione deormazione ultima a compressione della muratura coninata ε mcu 3

11 ε mu ε yd σ c σ σ s σ Sd τ b,e u y deormazione ultima a compressione della muratura valore di progetto della deormazione di snervamento dell armatura metallica attore di conversione tensione nel calcestruzzo tensione nel rinorzo di FRP tensione nelle armature metalliche tese tensione normale al paramento murario agente in corrispondenza della supericie di adesione tra il rinorzo di FRP e la muratura tensione tangenziale equivalente all interaccia adesivo-calcestruzzo curvatura ultima curvatura allo snervamento 4

12 2 CONCETTI BASILARI DEL PROGETTO DI RINFORZO E PROBLEMATICHE SPECIALI Formano oggetto del presente capitolo gli interventi di rinorzo delle strutture esistenti di conglomerato cementizio armato normale e precompresso e di muratura per i quali si vogliano impiegare compositi ibrorinorzati per il consolidamento di elementi strutturali non soddisacenti i requisiti e le veriiche di sicurezza prescritte dalla Normativa vigente. Si assume che: la scelta ed il progetto del sistema di rinorzo siano eseguiti da tecnici qualiicati ed esperti; la successiva esecuzione dell intervento sia eettuata da maestranze in possesso di un adeguato livello di capacità ed esperienza; siano garantite un adeguata supervisione ed un controllo di qualità durante lo sviluppo del processo; i materiali da costruzione ed i prodotti utilizzati siano impiegati come di seguito speciicato. Il progetto del sistema di rinorzo deve soddisare requisiti di resistenza, di esercizio e di durabilità. In caso di incendio, la resistenza del rinorzo deve essere adeguata al tempo di esposizione che si vuole garantire. Il sistema di rinorzo deve essere posizionato nelle zone in cui è necessario resistere a tensioni di trazione. Non si devono aidare tensioni di compressione al composito ibrorinorzato. 2.1 REQUISITI FONDAMENTALI Il progetto del sistema di rinorzo deve presupporre i seguenti requisiti ondamentali: i rischi ai quali la struttura potrebbe essere soggetta vanno accuratamente individuati, eliminati o attenuati; la conigurazione del rinorzo deve risultare poco sensibile ai suddetti rischi; la stessa conigurazione deve inoltre sopportare l occorrenza di danneggiamenti localizzati; sistemi di rinorzo che collassino senza segnali di preavviso vanno opportunamente evitati. I requisiti ondamentali sopra deiniti potranno ritenersi soddisatti se si garantisce: la scelta di materiali opportuni; un progetto adeguato con un accorta cura dei particolari costruttivi; la deinizione, nell ambito di ogni intervento, di procedure di controllo per la progettazione, la produzione, l esecuzione e l uso. Qualora il rinorzo strutturale riguardi costruzioni di interesse storico e monumentale, si richiede una valutazione critica dell intervento rispetto ai canoni della conservazione e del restauro. 2.2 REQUISITI DI DURABILITÀ Il rinorzo deve essere progettato in modo che il degrado atteso nel corso della vita utile della struttura rinorzata non ne riduca le prestazioni al di sotto del livello previsto, tenendo conto sia delle condizioni ambientali sia del programma di manutenzione. Per assicurare durabilità all intervento di rinorzo vanno tenuti in debito conto: la destinazione d uso prevista della struttura rinorzata; 5

13 le condizioni ambientali attese; la composizione, le proprietà e le prestazioni dei materiali preesistenti e di quelli nuovi, nonché dei prodotti utilizzati per la messa in opera di questi ultimi; la scelta della conigurazione del rinorzo e dei particolari costruttivi; la qualità delle maestranze ed il livello di controllo; particolari misure protettive, ad esempio, nei conronti del uoco o dell impatto; la manutenzione attesa durante la vita utile. Problemi speciali di progetto (azioni ambientali, modalità di carico, ecc.) devono essere identiicati in ase di progetto così che possa essere valutata la loro importanza in relazione agli aspetti di durabilità del rinorzo, possano essere adottati gli opportuni valori dei attori di conversione ( 2.5) ed inoltre possano essere previsti adeguati accorgimenti per la protezione dei materiali impiegati. In assenza di valori dei attori di conversione relativi allo speciico sistema adottato, il livello di qualsiasi tipo di degrado a carico del rinorzo deve essere stimato in maniera accurata. Tale stima può essere eseguita sulla base di modelli teorici, di indagini sperimentali, di esperienze dedotte da interventi precedenti o sulla base di una loro combinazione. 2.3 PRINCIPI GENERALI DEL PROGETTO DI RINFORZO Generalità Le veriiche degli elementi rinorzati devono essere condotte sia nei riguardi degli stati limite di e- sercizio (SLE) che nei riguardi degli stati limite ultimi (SLU), come deiniti nella Normativa vigente. Si deve veriicare, mediante il metodo dei coeicienti parziali, che, in tutte le situazioni prevedibili, adottando i valori di progetto (o di calcolo) delle azioni, delle sollecitazioni e delle resistenze, non sia violato alcuno stato limite. Deve cioè risultare: E d R, (2.1) d dove E d ed R d sono, rispettivamente, i valori di progetto (o di calcolo) della generica domanda (eetto, sollecitazione, ecc.) presa in considerazione e della corrispondente capacità (in termini di resistenza o di deormazione) nell ambito dello stato limite esaminato Coeicienti parziali ed azioni di calcolo Ai ini delle veriiche di sicurezza e della deinizione delle azioni di calcolo si considera la vita di rierimento, V R, che la struttura dovrebbe avere se osse di nuova realizzazione. Ne consegue la prescrizione di adottare gli stessi coeicienti parziali per i materiali preesistenti e le stesse azioni di calcolo previste dalle Normative vigenti per le nuove costruzioni Proprietà dei materiali e dei prodotti I valori delle proprietà dei materiali o dei prodotti usati nel rinorzo devono essere stati determinati mediante prove normalizzate di laboratorio, come quelle indicate nel capitolo 5. Per la generica proprietà di resistenza o di deormazione di un materiale o di un prodotto usato nel rinorzo, il valore di calcolo, X d, può essere espresso in orma generale mediante una relazione del tipo: X X k, (2.2) d 6 m

14 dove η è un attore di conversione che tiene conto, in maniera moltiplicativa, di problemi speciali di progetto ( 2.5), X k è il valore caratteristico della proprietà in questione, m è inine il coeiciente parziale del materiale o del prodotto, che tiene conto del tipo di applicazione (Tabella 2-1). Il attore di conversione si ottiene come prodotto del attore di conversione ambientale ( 2.5.1), a, per il attore di conversione relativo ad eetti di lunga durata ( 2.5.2), l. I valori delle proprietà dei materiali preesistenti nella struttura da rinorzare devono essere deiniti a partire da quelli desumibili da prove normalizzate, in situ o in laboratorio, e/o dagli elaborati del progetto originale, ridotti mediante un adeguato attore di conidenza Capacità di calcolo La capacità di calcolo, R d, è esprimibile come: 1 R R d X ; a d,i d,i. (2.3) Rd Nella relazione (2.3) R è una opportuna unzione riconducibile allo speciico modello meccanico considerato (ad esempio quello per la lessione, per il taglio, per l ancoraggio) e Rd è un coeiciente parziale che tiene conto delle incertezze insite nel suddetto modello. Come argomenti della unzione R igureranno, in generale, i valori di calcolo, X d,i, dei materiali/prodotti usati per il rinorzo, oppure dei materiali preesistenti, ed i valori nominali, a d,i, dei parametri geometrici chiamati in causa nel modello. Di regola, per l elemento rinorzato, non può essere considerato un incremento della capacità di calcolo, dovuto al solo FRP, superiore al 60% di quella dell elemento non rinorzato. Tale limitazione non si applica per azioni eccezionali e sismiche. 2.4 COEFFICIENTI PARZIALI Coeicienti parziali m per i materiali ed i prodotti Per gli stati limite ultimi, possibili valori da attribuire ai coeicienti parziali m, che nel caso dei materiali e dei prodotti di composito ibrorinorzato vengono denotati con, sono riportati nella seguente Tabella 2-1, distinguendo i casi in cui il collasso avviene per rottura o per distacco del composito: Tabella 2-1 Coeicienti parziali m per i materiali ed i prodotti. Modalità di collasso Coeiciente Applicazione Applicazione parziale tipo A tipo B Rottura Distacco,d Si deiniscono applicazioni di tipo A sistemi completi di rinorzo di cui sono certiicati sia i materiali che il sistema completo applicato ad un substrato deinito, mentre si deiniscono applicazioni di tipo B sistemi in cui sono certiicati solo i materiali. I produttori e/o i ornitori che sono in grado di proporre sistemi completi di rinorzo (insieme di ibre, resine, preormati o preimpregnati, adesivi ed altri componenti), possono ornire, oltre alle caratteristiche meccaniche e isiche dei singoli componenti, anche le caratteristiche meccaniche del sistema completo indicando il tipo di substrato utilizzato a cui si a rierimento. Tali valori devono 7

15 essere supportati da validazioni sperimentali eettuate in laboratorio o in situ (prove su strutture in scala reale) e documentate da dettagliati rapporti di prova. Per gli stati limite di esercizio, si suggerisce di attribuire un valore unitario a tutti i coeicienti parziali dei materiali e dei prodotti di composito ibrorinorzato, ad eccezione di casi speciicamente indicati Coeicienti parziali Rd per i modelli di resistenza Per gli stati limite ultimi i valori suggeriti per i coeicienti parziali Rd dei diversi modelli di resistenza sono riportati nella seguente Tabella 2-2. Tabella 2-2 Coeicienti parziali Rd. Modello di resistenza Rd Flessione/Pressolessione 1.00 Taglio/Torsione 1.20 Coninamento PROBLEMI SPECIALI DI PROGETTO E FATTORI DI CONVERSIONE Azioni ambientali e attore di conversione ambientale η a Le proprietà meccaniche (per esempio la resistenza a trazione, la deormazione ultima ed il modulo di elasticità normale) di alcuni sistemi di FRP degradano in presenza di determinate condizioni ambientali quali: ambiente alcalino, umidità (acqua e soluzioni saline), temperature estreme, cicli termici, cicli di gelo e disgelo, radiazioni ultraviolette (UV). Di tali eetti si può tenere conto oretariamente attraverso l introduzione di un attore di conversione ambientale, η a, cui vanno attribuiti i valori riportati in Tabella 2-3. Tabella 2-3 Fattore di conversione ambientale η a per varie condizioni di esposizione e vari sistemi di FRP. Condizione di esposizione Tipo di ibra / resina η a Interna Esterna Ambiente aggressivo Vetro / Epossidica 0.75 Arammidica / Epossidica 0.85 Carbonio / Epossidica 0.95 Vetro / Epossidica 0.65 Arammidica / Epossidica 0.75 Carbonio / Epossidica 0.85 Vetro / Epossidica 0.50 Arammidica / Epossidica 0.70 Carbonio / Epossidica Modalità di carico e attore di conversione per eetti di lunga durata η l Le proprietà meccaniche di alcuni sistemi a base di FRP degradano per l eetto della viscosità, del rilassamento e della atica. Per evitare la rottura del rinorzo di FRP sotto tensioni prolungate nel tempo, ovvero in condizioni di carico ciclico, è possibile introdurre opportuni attori di conversione, η l, nelle veriiche agli stati limite di esercizio, cui vanno attribuiti i valori riportati in Tabella

16 Tabella 2-4 Fattore di conversione per eetti di lunga durata η l per vari sistemi di FRP (carichi di esercizio). Modalità di carico Tipo di ibra / resina η l Persistente (viscosità e rilassamento) Ciclico (atica) Vetro / Epossidica 0.30 Arammidica / Epossidica 0.50 Carbonio / Epossidica 0.80 Tutte Resistenza alle azioni causate da impatto ed esplosione Il comportamento dei sistemi a base di FRP soggetti ad azioni causate da impatto o da esplosione è tuttora oggetto di studio. Prime indicazioni consigliano di orientare la scelta verso sistemi a base di ibre arammidiche (più resistenti all impatto) e/o di ibre di vetro piuttosto che verso sistemi a base di ibre di carbonio Resistenza alle azioni causate da atti vandalici I materiali compositi ibrorinorzati sono particolarmente sensibili all incisione ed alla lacerazione prodotte da strumenti da taglio. Nelle applicazioni di rinorzo in ambienti aperti al pubblico si suggerisce di predisporre adeguate misure di protezione del sistema di rinorzo. Va comunque veriicata la sicurezza dell elemento strutturale acendo rierimento alla situazione successiva ad un eventuale atto vandalico, in assenza di rinorzo. A tal ine, nei conronti dello SLU, si adotta la combinazione di azioni per situazioni quasi permanenti con i valori dei coeicienti parziali dei materiali per situazioni eccezionali. 2.6 LIMITI DEL RINFORZO NEL CASO DI ESPOSIZIONE AL FUOCO I materiali compositi ibrorinorzati sono particolarmente sensibili all esposizione alle alte temperature, circostanza che si può ad esempio veriicare in caso di incendio. Quando la temperatura ambientale supera quella di transizione vetrosa della resina (o della temperatura di usione nel caso di materiali semicristallini), la resistenza e la rigidezza del sistema di FRP diminuiscono drasticamente. Nei casi di FRP applicato esternamente su elementi di calcestruzzo o di muratura, l esposizione ad elevate temperature produce, inoltre, un rapido deterioramento dell aderenza FRP/supporto, con conseguente delaminazione del composito e perdita di eicacia del rinorzo. In condizioni di esposizione al uoco, le proprietà meccaniche di sistemi a base di FRP applicati all esterno possono essere notevolmente migliorate incrementando lo spessore del rivestimento protettivo utilizzato. È suggerito l impiego di rivestimenti che riducano la propagazione delle iamme e la produzione di umi. È comunque consigliato l impiego di sistemi di isolamento certiicati. Nel caso di esposizione al uoco, per prevenire il collasso della struttura rinorzata con FRP, in quando non saranno disponibili ulteriori inormazioni sul reale comportamento dei rivestimenti e dei diversi tipi di resine in siatte condizioni, è consigliato contenere prudenzialmente il contributo richiesto al rinorzo. Si suggerisce che la combinazione di azioni per situazioni eccezionali (incendi), come deinita dalla Normativa vigente, accia rierimento alle situazioni di seguito elencate, nelle quali il valore di calcolo dell eetto dell azione termica indiretta viene denotato con il simbolo E d. Situazione eccezionale in presenza del rinorzo (E d 0), nel caso in cui il rinorzo stesso sia stato progettato per un preissato tempo di esposizione al uoco. In questo caso sono da considerare le azioni di esercizio sulla struttura per la combinazione requente. Le capacità degli elementi, opportunamente ridotte per tener conto del tempo di esposizione al uoco, vanno 9

17 calcolate con i coeicienti parziali relativi alle situazioni eccezionali, come previsto dalla Normativa vigente (per il composito ibrorinorzato = 1). Situazione successiva all evento eccezionale (E d = 0), in assenza di rinorzo. In questo caso sono da considerare le azioni sulla struttura per la combinazione quasi permanente. Le capacità degli elementi, opportunamente ridotte per tener conto del tempo di esposizione al uoco, sono da calcolare con i coeicienti parziali relativi alle situazioni eccezionali. 10

18 3 RINFORZO DI STRUTTURE DI C.A. E DI C.A.P. 3.1 VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA NEI CONFRONTI DELLA DELAMINAZIONE Meccanismi di rottura per delaminazione Nel rinorzo di elementi di c.a. mediante lamine o tessuti di materiale composito, il ruolo dell aderenza tra calcestruzzo e composito assume grande importanza in quanto il meccanismo di rottura per delaminazione (perdita di aderenza) è di tipo ragile. Nello spirito del criterio di gerarchia delle resistenze tale meccanismo di crisi non deve precedere il collasso per lessione o per taglio dell elemento rinorzato. La perdita di aderenza tra composito e calcestruzzo può riguardare lamine o tessuti applicati all intradosso di travi di c.a. per il rinorzo a lessione e sulle acce laterali (usualmente tessuti) per il rinorzo a taglio. In linea di principio (Figura 3-1), la delaminazione può prodursi all interno dell adesivo, tra calcestruzzo ed adesivo, nel calcestruzzo o all interno del rinorzo (ad esempio tra strati di tessuto orditi con dierenti angoli di inclinazione delle ibre). Nel caso di rinorzi posti correttamente in opera, poiché la resistenza dell adesivo è in genere molto più elevata di quella a trazione del calcestruzzo, la delaminazione avviene sempre all interno di quest ultimo con l asportazione di uno strato di materiale, il cui spessore può variare da pochi millimetri ino ad interessare l intero coprierro delle barre di armatura. Delaminazione debonding: nel calcestruzzo in concrete Delaminazione tra between calcestruzzo concrete calcestruzzo and e adhesive adesivo Delaminazione adhesive nell adesivo Delaminazione nel nella rinorzo lamina Calcestruzzo concrete adhesive Adesivo Lamina FRP in FRP Figura 3-1 Perdita di aderenza tra rinorzo e calcestruzzo. I modi di collasso per delaminazione di lamine o tessuti utilizzati per il rinorzo a lessione possono essere classiicati nelle seguenti quattro categorie, rappresentate schematicamente nella Figura 3-2. Modalità 1 (Delaminazione di estremità); Modalità 2 (Delaminazione intermedia, causata da essure per lessione nella trave); Modalità 3 (Delaminazione causata da essure diagonali da taglio); Modalità 4 (Delaminazione causata da irregolarità e rugosità della supericie di calcestruzzo). g + q Modalità 1 Modalità 2 zona essurata zona di massimo momento lettente 11 Modalità 4 Modalità 3 zona non essurata Figura 3-2 Trave rinorzata a lessione con lamine di FRP: modalità di rottura per delaminazione. Nel prosieguo si arà rierimento esclusivamente alle modalità 1 e 2, essendo quelle che si veriicano con maggiore requenza in situazioni ordinarie.

19 3.1.2 Veriiche di sicurezza nei conronti della delaminazione La veriica di sicurezza nei conronti della crisi per delaminazione richiede la valutazione della massima orza trasmissibile dal calcestruzzo al rinorzo, nonché la valutazione delle tensioni, sia tangenziali che normali, mobilitate all interaccia calcestruzzo-frp. La prima valutazione risulta necessaria per la veriica allo SLU, la seconda per la veriica allo SLE. Con rierimento ad una tipica prova di aderenza, come quella rappresentata schematicamente in Figura 3-3, il valore ultimo della orza sopportabile dal rinorzo di FRP, prima che subentri la delaminazione, dipende, a parità di tutte le altre condizioni, dalla lunghezza, l b, della zona incollata. Tale valore cresce con l b ino ad attingere un massimo corrispondente ad una ben deinita lunghezza, l e : ulteriori allungamenti della zona di incollaggio non comportano incrementi della orza trasmessa. La lunghezza l e viene deinita lunghezza ottimale di ancoraggio e corrisponde quindi alla lunghezza minima di quest ultimo che assicura la trasmissione del massimo sorzo di aderenza. F max l b l e t b Figura 3-3 Forza massima trasmissibile da un rinorzo di FRP. La lunghezza ottimale di ancoraggio, l e, può essere stimata nel modo seguente: b l e E t 2 ctm [lunghezze in mm], (3.1) dove E e t sono, rispettivamente, il modulo di elasticità normale nella direzione della orza e lo spessore del composito ibrorinorzato ed ctm è la resistenza media a trazione del calcestruzzo costituente il supporto Resistenza allo stato limite ultimo per delaminazione di estremità (modalità 1) Con rierimento ad una delaminazione che coinvolga i primi strati di calcestruzzo e per lunghezze di ancoraggio maggiori o uguali a quella ottimale, la tensione di progetto del rinorzo, dd, ovvero il valore della massima tensione alla quale il rinorzo può lavorare nella sezione terminale di ancoraggio - una volta avvenuto il traserimento degli sorzi dal calcestruzzo al rinorzo di FRP - vale: dd 0. 24,d c E k b ck ctm t [orze in N, lunghezze in mm], (3.2) essendo,,d il coeiciente parziale indicato in Tabella 2-1 ( 2.4.1), c il coeiciente parziale del calcestruzzo ed ck la resistenza caratteristica del calcestruzzo. Sempre nella (3.2), inoltre, k b è un attore di tipo geometrico il cui valore è unzione della larghezza della trave rinorzata, b, e di quella del rinorzo, b : 12

20 k b b 2 b b [lunghezze in mm], (3.3) sempre che b / b 0.33 (per b / b < 0.33 si adotta il valore di k b corrispondente a b / b = 0.33). La relazione (3.2) può essere utilizzata per le veriiche di delaminazione: nel caso di rinorzi a lessione ( ); nel caso di rinorzi a taglio ( ). Nel caso di lunghezze di ancoraggio, l b, minori di quella ottimale, l e, la tensione di progetto deve essere opportunamente ridotta in accordo con la relazione: dd,rid l l b b dd 2 e l l e. (3.4) Quando si accia ricorso a particolari dispositivi di ancoraggio (barre trasversali di composito, asciatura dell estremità mediante tessuti, ecc.), la orza massima di ancoraggio deve essere valutata mediante apposite indagini sperimentali Resistenza allo stato limite ultimo per delaminazione intermedia (modalità 2) Allo scopo di prevenire il meccanismo di delaminazione secondo la modalità 2, si può veriicare che la variazione di tensione nel rinorzo di FRP tra due essure consecutive non superi un opportuno valore limite. Quest ultimo dipende, in generale, dalle caratteristiche del legame di aderenza, dalla distanza tra le essure e dal livello di tensione nel rinorzo. In alternativa, è possibile ricorrere ad una procedura sempliicata consistente nel veriicare che allo SLU la tensione nel composito ibrorinorzato non ecceda un valore massimo, dd,2, ornito dalla seguente relazione: dd,2 kcr dd, (3.5) nella quale, in mancanza di dati speciici, il coeiciente k cr può essere assunto pari a 3.0. Il corrispondente valore della deormazione di progetto del composito ibrorinorzato, dd, vale: dd,2 dd. (3.6) E Veriica delle tensioni di interaccia allo stato limite di esercizio In una trave rinorzata con FRP, all interaccia tra calcestruzzo e rinorzo si veriicano concentrazioni tensionali (tangenziali e normali) localizzate in corrispondenza di essure trasversali presenti nel calcestruzzo, soprattutto alle estremità del rinorzo. Tali concentrazioni possono provocare la essurazione dell interaccia innescando il distacco tra i due materiali. È opportuno che, in condizioni di esercizio, ciò non accada, soprattutto in presenza di cicli di carico e di cicli di gelo/disgelo. La competente veriica può essere eseguita mediante un calcolo delle tensioni di interaccia utilizzando modelli elastici lineari. Si deve controllare che, all interaccia adesivo-calcestruzzo, per la combinazione di carico caratteri- 13

21 stica (rara) o requente, la tensione tangenziale equivalente, b,e, appresso deinita, sia ineriore alla resistenza di adesione tra il rinorzo ed il substrato di calcestruzzo, bd :. (3.7) b,e bd La tensione tangenziale equivalente b,e è deinibile a partire dalla tensione tangenziale media m, valutata in corrispondenza della corda sulla quale si interacciano adesivo e calcestruzzo: k, (3.8) b,e id m dove: - k id è un coeiciente ( 1) che tiene conto della concentrazione di tensioni tangenziali e normali nelle zone terminali: - i coeicienti k e k valgono rispettivamente: / 3 k k k ; (3.9) id σ τ k k t, (3.10) σ τ M z=a k 1 a τ V z=a a ; (3.11) - M (z=a) è il momento agente nella sezione di interruzione del rinorzo; - V (z=a) è il taglio agente nella sezione di interruzione del rinorzo, posta a distanza za dall estremità della trave (Figura 3-4); q z a FRP L Figura 3-4 Deinizione dei parametri geometrici. - e sono due costanti elastiche dipendenti dalle caratteristiche dell interaccia e del rinorzo di FRP: K1 E t, (3.12) b 2.30 K 1 4 E I 1 4, (3.13) 14

22 essendo E, t, b, I e K 1 rispettivamente, il modulo di elasticità normale, lo spessore del rinorzo di FRP, la sua larghezza, il competente momento d inerzia (rispetto al proprio asse baricentrico parallelo alla dimensione di lunghezza b ) ed il coeiciente angolare del ramo lineare crescente del legame di aderenza, assunto pari a: K 1 1 t G t G a a c c, (3.14) dove inoltre, rispettivamente, G a e G c sono i moduli di elasticità tangenziale dell adesivo e del calcestruzzo, t a è lo spessore nominale dell adesivo e t c lo spessore eicace del calcestruzzo partecipante alla deormabilità dell interaccia (in genere si può assumere t c = mm); - m è la tensione tangenziale media alla Jourawski: m V t h x ; (3.15) I n z=a e c - x e ed I c sono, rispettivamente, la distanza dell asse neutro dall estremo lembo compresso ed il momento d inerzia della sezione omogeneizzata, eventualmente parzializzata se in presenza di essurazione; - n = E /E c è il coeiciente di omogeneizzazione (con E c modulo di elasticità normale del calcestruzzo corrispondente alla combinazione di carico considerata, rara o requente). Qualora sia previsto un ancoraggio terminale, realizzato mediante asciatura ad U, l eetto delle tensioni normali ai ini della veriica dell interaccia può essere trascurato e, pertanto, il coeiciente k nella (3.10) può essere assunto pari a zero. La resistenza di progetto dell adesione tra rinorzo e calcestruzzo, bd, è unzione della resistenza caratteristica a trazione del calcestruzzo, ctk, ed è ornita dalla relazione: bd ctk k, (3.16) b b dove il coeiciente parziale b vale 1.0 per la combinazione di carico caratteristica (rara), 1.2 per la combinazione di carico requente ed inoltre il attore di tipo geometrico k b 1 è deducibile dalla relazione (3.3). Nel calcolo delle tensioni di ancoraggio, in condizioni di esercizio (SLE), è possibile rierirsi allo stato di sollecitazione corrispondente all incremento di carico che interviene successivamente all applicazione del rinorzo. 3.2 RINFORZO A FLESSIONE Generalità Il rinorzo a lessione si rende necessario per elementi strutturali soggetti ad un momento lettente di progetto maggiore della corrispondente capacità lessionale. In particolare, nel prosieguo sarà e- saminato il caso di lessione retta, ad esempio quello che si veriica in presenza di asse di sollecitazione coincidente con un asse di simmetria della sezione trasversale dell elemento rinorzato. Il rinorzo a lessione con materiali compositi può essere eseguito applicando una o più lamine, ov- 15

23 vero uno o più strati di tessuto, al lembo teso dell elemento da rinorzare Analisi del comportamento allo stato limite ultimo Generalità Il progetto allo SLU richiede il dimensionamento del rinorzo di FRP in modo che il momento sollecitante di progetto, M Sd, e quello resistente di progetto della sezione rinorzata, M Rd, soddisino la disequazione: M Sd M. (3.17) Rd Le ipotesi ondamentali su cui si basa l analisi allo SLU delle sezioni di c.a. rinorzate con FRP sono le seguenti: conservazione della planeità delle sezioni rette ino a rottura, in modo che il diagramma delle deormazioni normali sia lineare; peretta aderenza tra i materiali componenti (acciaio-calcestruzzo, FRP-calcestruzzo); incapacità del calcestruzzo di resistere a sorzi di trazione; legami costitutivi del calcestruzzo e dell acciaio conormi alla Normativa vigente; legame costitutivo del composito ibrorinorzato elastico lineare ino a rottura. L intervento di rinorzo risulta eicace per sezioni a debole armatura (acciaio teso snervato allo SLU: dilatazione dell acciaio, s, maggiore o uguale del valore di progetto della deormazione di snervamento, yd ); le regole appresso riportate si rieriscono esclusivamente a tale situazione. Si ipotizza che la rottura per lessione si maniesti quando si veriica una delle seguenti condizioni: raggiungimento della massima deormazione plastica nel calcestruzzo compresso, cu, come deinita dalla Normativa vigente; raggiungimento di una deormazione massima nel rinorzo di FRP, d, calcolata come: min, k d a dd, (3.18) dove k è la deormazione caratteristica a rottura del rinorzo, e a sono rispettivamente il coeiciente del materiale e il attore di conversione ambientale, dd è la deormazione massima per delaminazione intermedia come deinita al (generalmente il valore minimo nella (3.18) corrisponde ad dd ). È importante veriicare che il taglio resistente dell elemento rinorzato sia superiore a quello associato al diagramma del momento lettente di progetto. L incremento del taglio resistente, eventualmente necessario, deve essere conseguito in accordo con le prescrizioni ornite nel 3.3. Poiché generalmente il rinorzo di FRP viene applicato su una struttura già sollecitata, si deve tenere conto dello stato di deormazione della struttura all atto del rinorzo Stato della struttura all atto del rinorzo Nell ipotesi che il rinorzo di FRP sia applicato su un elemento soggetto ad una sollecitazione preesistente, cui corrisponda un momento applicato M o si deve procedere alla valutazione dello stato deormativo iniziale quando M o sia maggiore del momento di essurazione. In caso contrario, lo stato 16

24 deormativo iniziale può essere di norma trascurato. Il calcolo viene eseguito nell ipotesi di comportamento elastico lineare dei due materiali costituenti la trave e, in particolare, di incapacità del calcestruzzo a sopportare sorzi di trazione. Le deormazioni signiicative sono quella al lembo compresso, co, e quella al lembo teso, o, dove viene applicato il rinorzo di FRP. Esse possono essere ricavate in base alla linearità del diagramma delle deormazioni normali sulla sezione retta, in unzione delle caratteristiche meccaniche e geometriche della sezione reagente. Generalmente è superluo veriicare l entità della deormazione esibita dall acciaio teso allo SLU, in quanto, per i valori usuali della deormazione limite delle ibre, d, e del calcestruzzo, cu, il valore di progetto di tale deormazione non viene mai attinto. Nel caso in cui la deormazione ultima dell acciaio stabilita dalla Normativa vigente dovesse essere superata, se ne deve tenere conto nel calcolo della posizione dell asse neutro e conseguentemente in quello del momento resistente Resistenza di progetto a lessione dell elemento rinorzato con FRP in presenza di orza assiale (pressolessione) Valgono i principi introdotti nel , portando tuttavia in conto la dipendenza del momento resistente di progetto della sezione rinorzata, M Rd, dallo sorzo normale sollecitante di progetto, N Sd. L attivazione dell azione del rinorzo in corrispondenza delle zone nodali deve essere assicurata attraverso l adozione di soluzioni costruttive idonee. Inoltre, le ibre longitudinali impiegate per il rinorzo a pressolessione devono essere adeguatamente coninate al ine di evitare il distacco delle stesse e l espulsione del materiale di supporto. In tali condizioni, nella valutazione della deormazione massima mediante la relazione (3.18), si assume il valore corrispondente al primo termine in parentesi Collasso per delaminazione di estremità La delaminazione di estremità dipende da una serie di attori quali l ubicazione della zona di ormazione delle essure e la tipologia di queste ultime (essure taglianti e/o lessionali), la presenza di irregolarità sulla supericie di applicazione del rinorzo, la concentrazione di tensioni nelle zone di ancoraggio. Nel caso di elementi inlessi di c.a., una volta che sia stata individuata la sezione a partire dalla quale è necessario il rinorzo di FRP per incrementarne il momento resistente, la sua distanza, a*, dall appoggio deve essere tale da scongiurare il enomeno di delaminazione di estremità. A tal ine la distanza a* deve essere maggiore o uguale della lunghezza di ancoraggio necessaria perché il rinorzo di FRP possa sopportare la tensione normale di progetto senza provocare il collasso dell interaccia. Possono veriicarsi due evenienze a seconda che la distanza a* sia maggiore o uguale della lunghezza ottimale di ancoraggio, l e, ovvero minore. Nel primo caso, la tensione di progetto nel rinorzo di FRP in corrispondenza della sezione a distanza a* dall appoggio non può superare il valore ornito dall espressione (3.2); nel secondo caso il suddetto valore deve essere opportunamente penalizzato nel rispetto della relazione (3.4), essendo la lunghezza disponibile per l ancoraggio al massimo pari ad a*. Qualora l ancoraggio sia realizzato in una zona soggetta a prevalenti sollecitazioni taglianti, che possono quindi indurre essure inclinate, la orza di trazione mobilitata nel composito, alla distanza a* deve essere calcolata dopo aver operato un opportuna traslazione del diagramma del momento lettente, di entità a 1. Tale traslazione deve avvenire nel verso che dà luogo ad un aumento del valore assoluto del momento lettente (Figura 3-5). 17

25 a * a l b a 1 Figura 3-5 Traslazione del diagramma del momento lettente. Sul piano operativo, generalmente, la orza di ancoraggio può essere valutata incrementando il momento di calcolo sollecitante della seguente quantità: M = V a, (3.19) Sd 1 dove V Sd è il taglio sollecitante di progetto, a 1 =0.9d(1cot), è l inclinazione dell armatura a taglio e d è l altezza utile della sezione. In presenza di dispositivi speciali per l ancoraggio delle estremità di lamine o tessuti, è possibile omettere le veriiche di cui al a condizione di disporre di un opportuna certiicazione di tali dispositivi basata su adeguate indagini sperimentali. La certiicazione deve riguardare i materiali impiegati (adesivi e rinorzi), gli speciici sistemi utilizzati per migliorare l ancoraggio (barre trasversali annegate nel coprierro, asciatura trasversale mediante tessuti, ecc.), la successione delle asi indicate dal produttore per la preparazione delle superici, i tempi di esecuzione e le condizioni ambientali Analisi del comportamento agli stati limite di esercizio Fondamenti del calcolo Vanno veriicati i seguenti SLE: limitazione delle tensioni ( ); controllo dell inlessione ( ); controllo della essurazione ( ). Sotto i carichi di esercizio è necessario veriicare che: i livelli tensionali nei materiali siano opportunamente limitati allo scopo di evitare lo snervamento dell acciaio e di mitigare i enomeni di viscosità nel calcestruzzo e nel rinorzo esterno; le deormazioni e le recce non attingano valori eccessivi, tali cioè da iniciare il normale uso della struttura, produrre danni ad elementi non portanti, arrecare disturbo psicologico agli utenti; i enomeni essurativi risultino opportunamente contenuti, dal momento che la presenza di essure troppo numerose o troppo aperte potrebbe ridurre notevolmente la durabilità delle strutture, la loro unzionalità, il loro aspetto e danneggiare l integrità del legame di aderenza all interaccia FRP-calcestruzzo. 18

26 Le veriiche in condizioni di esercizio possono essere svolte in campo elastico-lineare tenendo conto sia del comportamento per sezione interamente reagente che per sezione essurata, nonché dell eventuale deormazione preesistente al momento dell applicazione del rinorzo. Le tensioni nei materiali sono valutabili per sovrapposizione degli eetti. Le ipotesi alla base del calcolo sono: comportamento elastico lineare omogeneo dei materiali; conservazione della planeità delle sezioni rette; assenza di scorrimenti (peretta aderenza) tra calcestruzzo ed armatura metallica e tra calcestruzzo e rinorzo di FRP Veriica delle tensioni In condizioni di esercizio le tensioni nel composito ibrorinorzato, calcolate per la combinazione di carico quasi permanente, devono soddisare la limitazione k, essendo k la tensione caratteristica di rottura del rinorzo ed il attore di conversione, i cui valori sono suggeriti nel 2.5. Le tensioni nel calcestruzzo e nell acciaio vanno limitate in accordo con quanto prescritto nella Normativa vigente Veriica delle recce Le deormazioni esibite dalle strutture rinorzate con FRP devono rispettare le limitazioni imposte dalla Normativa vigente. Il modello adottato deve simulare il comportamento reale della struttura con un livello di accuratezza adeguato agli obiettivi del calcolo. In particolare, si deve tenere conto dell eventuale presenza della essurazione per gli eetti da essa prodotti sulla deormazione del corrente teso e di quello compresso. Se risulta appropriato, il modello meccanico adottato deve consentire di tenere conto: degli eetti della viscosità e del ritiro; dell eetto irrigidente del calcestruzzo teso tra le essure; della essurazione preesistente, provocata da carichi antecedenti all applicazione del rinorzo; dell inluenza di distorsioni eventualmente agenti, quali ad esempio quelle di origine termica; della modalità di applicazione del carico, sia essa statica o dinamica; del valore più appropriato del modulo di elasticità normale del calcestruzzo in unzione del tipo di inerte e della maturazione al momento della messa in carico Veriica dell apertura delle essure Per proteggere l armatura metallica interna e garantire la unzionalità degli elementi, occorre prevedere opportune limitazioni sui valori dell apertura delle essure in condizioni di esercizio. I limiti di essurazione delle strutture rinorzate con FRP devono soddisare le prescrizioni contenute nella Normativa vigente. Per il calcolo dell apertura delle essure di strutture di c.a. rinorzate con FRP è possibile adottare ormulazioni di comprovata validità, purché siano supportate da adeguate sperimentazioni. L evidenza sperimentale dimostra che le membrature di c.a. placcate con FRP presentano, generalmente, essure di ampiezza ineriore anche se più ravvicinate. 19

27 3.3 RINFORZO A TAGLIO Generalità Il rinorzo a taglio si rende necessario nel caso di elementi strutturali per i quali il taglio di calcolo, eventualmente valutato con i criteri della gerarchia delle resistenze, sia superiore alla corrispondente resistenza di calcolo. Quest ultima deve essere determinata considerando i contributi del calcestruzzo e dell eventuale armatura trasversale presente. Il rinorzo a taglio va veriicato per il solo SLU. In aggiunta alle tipologie nel seguito considerate, se ne possono adottare anche altre, purché ne sia dimostrata l eicacia e ne sia quantiicato il contributo resistente a taglio Conigurazioni per il rinorzo a taglio Il rinorzo a taglio con materiali compositi si realizza applicando strisce di tessuto, su uno o più strati, in aderenza alla supericie esterna dell elemento da rinorzare (Figura 3-6). Le strisce possono essere applicate in maniera discontinua, con spazi vuoti ra strisce consecutive, oppure in maniera continua, con strisce adiacenti l una all altra. In quest ultimo caso il rinorzo assume l aspetto di un oglio Intradosso di un eventuale solaio esistente Figura 3-6 Orientamenti del rinorzo a taglio in orma di strisce. Elementi distintivi del rinorzo sono: la geometria (spessore, larghezza, passo) delle strisce di tessuto adese alla membratura rinorzata e l angolo di inclinazione delle ibre rispetto all asse longitudinale di quest ultima. La disposizione del rinorzo attorno alla sezione può avvenire nelle seguenti modalità: rinorzo ad U e rinorzo in avvolgimento (Figura 3-7). ad U in avvolgimento Figura 3-7 Disposizione del rinorzo a taglio attorno alla sezione. Nel caso di rinorzi ad U su sezioni rettangolari o a T, è possibile migliorare le condizioni di vinco- 20

28 lo delle estremità libere (non avvolte completamente attorno agli angoli delle sezioni) dei tessuti, mediante l applicazione, in tali zone, di barre, lamine o strisce di materiale composito. In tale eventualità, se è dimostrata l eicacia del vincolo oerto dai suddetti dispositivi, il comportamento del rinorzo ad U può considerarsi equivalente a quello del rinorzo in avvolgimento. Il rinorzo a taglio può anche essere realizzato mediante l inserimento di barre o lamine di materiale composito in apposite essure praticate sulle acce esterne dell elemento. L eicacia di tale tipologia di rinorzo, qualora osse utilizzata, deve essere supportata da evidenze sperimentali Resistenza di progetto a taglio dell elemento rinorzato con FRP Resistenza di progetto a taglio La resistenza di progetto a taglio dell elemento rinorzato può essere valutata attraverso la seguente relazione: Rd Rd,s Rd, Rd,c V min V V, V, (3.20) dovev Rd,s è il contributo dell armatura trasversale di acciaio, da valutarsi in accordo con la Normativa vigente ponendo l angolo di inclinazione delle essure da taglio rispetto all asse dell elemento, pari a 45 ; V Rd, è il contributo del rinorzo di FRP, da valutarsi come indicato nel seguito; V Rd,c è la resistenza della biella compressa di calcestruzzo, da valutarsi in accordo con la Normativa vigente. Nel caso di disposizione ad U o in avvolgimento su una sezione rettangolare, il contributo del rinorzo di FRP, V Rd,, può essere valutato in base al meccanismo a traliccio di Moersch e risulta pari a: 1 w V 0.9 d 2 t (cot cot ) p, (3.21) Rd, ed Rd dove il coeiciente parziale Rd è dato in Tabella 2-2, 2.4.2, d è l altezza utile della sezione, ed è la resistenza eicace di calcolo del rinorzo, da valutarsi come indicato nel , t è lo spessore del rinorzo di FRP, è l angolo di inclinazione delle ibre rispetto all asse dell elemento, w e p sono, rispettivamente, la larghezza e il passo delle strisce, misurati ortogonalmente alla direzione delle ibre (Figura 3-8). Nella (3.21) deve assumersi = 45 ed inoltre, nel caso di strisce poste in adiacenza o di ogli, il rapporto w /p deve porsi pari a 1.0. h d h w p' w c b w t p p Figura 3-8 Elementi distintivi di un rinorzo a taglio sotto orma di strisce. 21

29 Nel caso di disposizione in avvolgimento con ibre ortogonali all asse dell elemento da rinorzare ( 90), avente sezione circolare di diametro D, il contributo del rinorzo di FRP, V Rd,, è ornito dalla relazione: V 1 D cot Rd, ed 2 t. (3.22) Rd È possibile esprimere la relazione (3.21) in unzione del passo l asse dell elemento, tenendo presente che p = p / sin. p delle strisce misurato lungo Resistenza eicace di progetto del rinorzo Nel caso di disposizione ad U, la resistenza eicace di calcolo del rinorzo è ornita dalla relazione: ed 1 dd l sin d h e 1 3 min 0.9, w. (3.23) dove dd è la resistenza di progetto alla delaminazione, da valutarsi mediante la (3.2), l e la lunghezza minima di ancoraggio, ornita dalla (3.1), l angolo di inclinazione delle ibre rispetto all asse longitudinale dell elemento, d è l altezza utile della sezione, e h w è l altezza dell anima della trave, che deve essere interamente impegnata dal rinorzo ad U (Figura 3-8). Particolare attenzione deve essere riposta nei casi in cui la zona compressa è localizzata ineriormente alla trave, per cui l apice della lesione da taglio è ubicata in alto e la lesione si sviluppa verso l intradosso (ad e- sempio nel caso di mensole, v. Figura 3-9). In tali situazioni deve essere ben valutata l opportunità di ricorrere ad idonei presidi per garantire un adeguato ancoraggio del rinorzo ad U, ivi compreso il ricorso a dispositivi meccanici. Negli stessi casi, per il calcolo della resistenza ed si deve sempre ar ricorso alla (3.23). Figura 3-9 Situazione tipo di zona compressa localizzata ineriormente alla trave. Nel caso di disposizione in avvolgimento su una sezione rettangolare, la resistenza eicace di calcolo del rinorzo è ornita dalla relazione: 1 l sin 1 l sin 1 ( ) 1, (3.24) e e ed dd R d dd 6 min0.9 d, hw 2 min0.9 d, hw dove d è la resistenza di progetto a rottura del rinorzo di FRP, da valutarsi come nel 2, ed inoltre: 22

30 r b c c , 0 0.5, (3.25) R w r b w essendo r c il raggio di curvatura dell arrotondamento dello spigolo della sezione attorno a cui è avvolto il rinorzo, b w la larghezza dell anima della sezione. Nell equazione (3.24) il contributo del secondo termine va considerato solo se positivo. Nella valutazione della resistenza di progetto alla delaminazione, dd (eq. (3.2)), interviene il coeiciente di ricoprimento k b ornito dalla (3.3): nel presente paragrao, nel caso di rinorzi discontinui sotto orma di strisce, si deve porre b = w e b = p, mentre nel caso di rinorzi continui sotto orma di ogli o di strisce adiacenti, si deve porre b b min{0.9 d, h } sin( ) / sin, essendo h w w l altezza dell anima della trave. Se si adottano dispositivi atti a vincolare le estremità libere di rinorzi ad U e si dimostra che la loro resistenza è almeno pari a quella del rinorzo avvolto attorno allo spigolo della sezione, la resistenza eicace di calcolo può essere ottenuta a partire dalla (3.24). In caso contrario, la resistenza eicace di calcolo del rinorzo è ornita dalla (3.23). Nel caso di avvolgimento in ogli con applicato su una sezione circolare di diametro D, la resistenza eicace di calcolo del rinorzo è ornita dalla relazione: E, (3.26) ed,max dove E è il modulo di elasticità normale del rinorzo di FRP nella direzione delle ibre e,max è un opportuno valore limite da imporre alla deormazione di quest ultimo. In mancanza di una determinazione più accurata, si può assumere,max = Limitazioni e dettagli costruttivi Gli spigoli della sezione dell elemento da rinorzare a contatto con il materiale composito devono essere arrotondati, in modo da evitare il tranciamento del rinorzo. Il raggio di curvatura, r c, dell arrotondamento deve essere non minore di 20 mm. Nel caso di rinorzi discontinui costituiti da strisce di materiale composito, la larghezza, w, ed il passo, p, delle strisce, misurati (in mm) ortogonalmente alla direzione delle ibre, devono rispettare le seguenti limitazioni: 50 mm w 250 mm e w p min{0.5 d, 3 w, w mm}. Nel caso in cui il termine min{0.5 d, 3 w, w mm} risultasse più piccolo di w, si dovrà ricorrere ad un tipo di rinorzo dierente (per geometria o per caratteristiche meccaniche). 3.4 RINFORZO A TORSIONE Generalità Il rinorzo a torsione si rende necessario nel caso di elementi strutturali per i quali il momento torcente di calcolo, eventualmente valutato con i criteri della gerarchia delle resistenze, sia superiore alla corrispondente resistenza di calcolo. Quest ultima deve essere determinata considerando i contributi del calcestruzzo e dell eventuale armatura trasversale presente. Il rinorzo a torsione va veriicato per il solo SLU. In aggiunta alle tipologie appresso elencate, se ne possono adottare anche altre, purché sia dimostrata la loro eicacia e sia quantiicato il loro contributo resistente a torsione. 23

31 3.4.2 Conigurazioni per il rinorzo a torsione Il rinorzo a torsione con materiali compositi si realizza applicando strisce di tessuto, su uno o più strati, in aderenza alla supericie esterna dell elemento da rinorzare (Figura 3-6). Le strisce possono essere applicate in maniera discontinua, con spazi vuoti ra strisce consecutive, oppure in maniera continua, con strisce adiacenti l una all altra. In quest ultimo caso il rinorzo assume l aspetto di un oglio. Il rinorzo è contraddistinto dalla geometria (spessore, larghezza, passo) delle strisce di tessuto adese alla membratura rinorzata. Le ibre devono essere disposte con un angolo di inclinazione =90 rispetto all asse longitudinale. Il rinorzo può essere disposto attorno alla sezione solo in avvolgimento (Figura 3-7). Il rinorzo a torsione può anche essere realizzato mediante l inserimento di barre o lamine di materiale composito in apposite essure praticate sulle acce esterne dell elemento. L eicacia di tale tipologia di rinorzo, qualora osse adottata, dovrebbe essere supportata da evidenze sperimentali Resistenza di progetto a torsione dell elemento rinorzato con FRP Le ormule che seguono si applicano agli elementi prismatici in cui si possa individuare una sezione anulare ittizia resistente Resistenza di progetto a torsione La resistenza di progetto a torsione dell elemento rinorzato può essere valutata attraverso la seguente relazione: Rd Rd,s Rd, Rd,l Rd,c T min T T, T, T, (3.27) dove T Rd,s è il contributo dell armatura trasversale di acciaio, da valutarsi in accordo con la Normativa vigente; TRd, è il contributo del rinorzo di FRP, da valutarsi come indicato nel seguito; T Rd,l è la resistenza dell armatura longitudinale di acciaio, da valutarsi in accordo con la Normativa vigente; T Rd,c è la resistenza della biella compressa di calcestruzzo, da valutarsi in accordo con la Normativa vigente. Nel caso in cui dalla relazione (3.27) risulti che la minima resistenza a torsione è quella dell armatura trasversale, il contributo del rinorzo di FRP è ornito da: 1 w Rd, 2 ed cot T t b h, (3.28) p Rd dove il coeiciente parziale Rd deve essere assunto pari a 1.20 (Tabella 2-2, 2.4.2), ed è la resistenza eicace di calcolo del rinorzo, da valutarsi come nel , t è lo spessore della striscia o del oglio di FRP, b è la base della sezione, h è l altezza della sezione, è l angolo di inclinazione delle bielle compresse rispetto all asse dell elemento (da assumersi compreso nell intervallo: ), w e p sono, rispettivamente, la larghezza ed il passo delle strisce, misurati ortogonalmente alla direzione delle ibre. Si noti che nel caso di strisce applicate in adiacenza o nel caso di ogli il rapporto w /p è pari ad 1.0. Se dalla (3.27) risulta che la minima resistenza a torsione è quella dell armatura longitudinale o della biella compressa di calcestruzzo, non è possibile eettuare un rinorzo di FRP. Nel caso di sollecitazione combinata di torsione, T Sd, e taglio, V Sd, deve essere soddisatta la limitazione: 24

32 T T Sd Rd,c V V Sd 1. (3.29) Rd,c Il calcolo del rinorzo a torsione si esegue indipendentemente da quello del rinorzo a taglio: l area complessiva di rinorzo è conseguentemente la somma delle singole aree competenti all intervento per il taglio ed all intervento per la torsione Limitazioni e dettagli costruttivi Nel caso di rinorzi per torsione, gli spigoli della sezione dell elemento da rinorzare a contatto con il materiale composito devono essere arrotondati, in modo da evitare il tranciamento di quest ultimo. Il raggio di curvatura, r c, dell arrotondamento deve essere non minore di 20 mm. Nei rinorzi eseguiti con strisce di materiale composito, la larghezza w ed il passo p di queste, misurati (in mm) ortogonalmente alla direzione delle ibre, dovranno rispettare le seguenti limitazioni: 50 mm w 250 mm, e w p min{0.5 d, 3 w, w mm}. 3.5 CONFINAMENTO Generalità Un adeguato coninamento degli elementi di c.a. può determinare un miglioramento delle prestazioni dell elemento strutturale. In particolare, esso consente di incrementare: la resistenza ultima e la corrispondente deormazione ultima, per elementi sollecitati da sorzo normale centrato o con piccola eccentricità; la duttilità e, congiuntamente all impiego di rinorzi longitudinali ( ), la resistenza ultima per membrature pressoinlesse. Il coninamento di elementi di c.a. può essere realizzato con tessuti o lamine di FRP disposti sul contorno in modo da costituire una asciatura esterna continua (ricoprimento) o discontinua (cerchiatura). L incremento della resistenza a compressione e della corrispondente deormazione ultima del calcestruzzo coninato con FRP dipendono dalla pressione di coninamento applicata. Quest ultima è unzione della rigidezza del sistema e della orma della sezione trasversale dell elemento da coninare. Per la ridistribuzione dei carichi verticali non è consentito are aidamento sulla duttilità di elementi soggetti a sorzo normale centrato o con piccola eccentricità. Un sistema coninante a base di FRP (elastico ino a rottura), a dierenza di un sistema di acciaio (elasto-plastico), esercita una pressione laterale sempre crescente, in senso stretto, all aumentare della dilatazione trasversale dell elemento coninato. Un tipico legame tensione-deormazione - relativo a prove di compressione condotte su provini coninati con FRP è riportato in Figura

33 c lineare non lineare c Figura 3-10 Andamento del legame tensione-deormazione per calcestruzzo coninato con FRP. Per valori della deormazione assiale c pari al 2, la tensione nel calcestruzzo coninato è solo di poco superiore a quella esibita dal calcestruzzo non coninato, e cioè alla resistenza di quest ultimo. Per deormazioni superiori al 2 il legame tensione-deormazione è non lineare e la pendenza della corrispondente curva - diminuisce progressivamente ino ad assumere, nell ultimo tratto, un valore pressoché costante. In quest ultimo tratto, ad andamento lineare, il calcestruzzo coninato perde progressivamente la sua integrità per eetto di una essurazione sempre più estesa. Il collasso dell elemento coninato si raggiunge per rottura delle ibre. Tuttavia, a partire da un certo valore della deormazione assiale, l elemento coninato con FRP è assimilabile ad un recipiente dalle pareti molto lessibili riempito di materiale incoerente. Da questo momento in poi, esso perde di atto la propria unzionalità potendo assorbire solo modeste ed insigniicanti sollecitazioni trasversali. In considerazione di ciò, il collasso dell elemento coninato è convenzionalmente raggiunto quando si attinge una deormazione limite delle ibre pari al Resistenza di progetto a compressione centrata o con piccola eccentricità dell elemento coninato Il coninamento di un elemento di c.a. con FRP si rende necessario quando occorra incrementare la sua resistenza in condizioni di compressione centrata o in presenza di piccola eccentricità. Per ottenere un eicace coninamento è buona norma disporre le ibre in direzione perpendicolare all asse dell elemento. Nel caso di disposizione ad elica, l eicacia del coninamento va opportunamente ridotta. In assenza di una pretensione iniziale, il rinorzo di FRP esercita un coninamento passivo sulla membratura compressa. L azione di coninamento diventa signiicativa nella ase di plasticizzazione, e quindi di essurazione, dell elemento rinorzato, a seguito della più vistosa dilatazione trasversale esibita da quest ultimo. In maniera esplicita, si rileva che prima della essurazione del calcestruzzo il sistema a base di FRP è praticamente scarico. La veriica dell elemento coninato consiste nell accertare che sia soddisatta la seguente limitazione: N Sd N, (3.30) Rcc, d essendo N Sd il valore di progetto dell azione assiale agente (da valutarsi, per le diverse combinazioni di carico previste, come prescritto dalla Normativa vigente), N Rcc,d il valore di progetto della resistenza dell elemento coninato. In assenza di enomeni di instabilità per carico di punta, la resistenza ultima di calcolo a sorzo normale centrato, o con piccola eccentricità, di un elemento di c.a. coninato mediante FRP può essere calcolata utilizzando la seguente relazione: 26

34 1 N A A, (3.31) Rcc, d c ccd s yd γrd dove il coeiciente parziale Rd deve essere assunto pari a 1.10 (Tabella 2-2, 2.4.2), i simboli A c ed ccd rappresentano, rispettivamente, l area della sezione trasversale dell elemento e la resistenza di calcolo del calcestruzzo coninato, mentre i simboli A s ed yd denotano, rispettivamente, l area e la resistenza di calcolo dell armatura metallica eventualmente presente (quest ultima valutata come previsto nella Normativa vigente). La resistenza di progetto del calcestruzzo coninato, ccd, può essere valutata con la seguente relazione: ccd cd l,e cd 2 / 3, (3.32) nella quale cd è la resistenza di progetto del calcestruzzo non coninato, da valutarsi come prescritto nella Normativa vigente, ed l,e è la pressione eicace di coninamento, deinita al paragrao successivo. La stessa relazione può essere utilizzata anche ai ini del conseguimento del secondo obiettivo di cui al Il coninamento risulta eicace solo se l,e / cd > Stima della pressione laterale di coninamento La resistenza di un elemento coninato con FRP dipende soltanto da una aliquota della pressione di coninamento, l, esercitata dal sistema, detta pressione eicace di coninamento, l,e. La pressione eicace di coninamento, l,e, è unzione della orma della sezione e delle modalità di intervento ed è ornita dalla relazione: l, e ke l, (3.33) dove k e è un coeiciente di eicienza ( 1), deinibile come il rapporto ra il volume V c,e di calcestruzzo eicacemente coninato ed il volume V c dell elemento di calcestruzzo, depurato da quello delle armature longitudinali (generalmente trascurabile). La pressione di coninamento può essere valutata mediante la relazione: 1 E, (3.34) l d,rid 2 dove è la percentuale geometrica di rinorzo, dipendente, come descritto nei paragrai seguenti, dalla orma della sezione (circolare o rettangolare) e dalla modalità di applicazione del coninamento lungo l elemento (asciatura continua o discontinua), E è il modulo di elasticità normale del materiale in direzione delle ibre ed d,rid è un opportuna deormazione ridotta di calcolo del composito ibrorinorzato, deinita di seguito. Il coeiciente di eicienza, k e, può essere espresso come prodotto di un coeiciente di eicienza orizzontale, k H, per uno di eicienza verticale, k V, e per un altro ancora legato all inclinazione delle ibre, k : k k k k e H V. (3.35) 27

35 Il coeiciente di eicienza orizzontale, k H, dipende dalla orma della sezione, se circolare o rettangolare, come descritto nei paragrai seguenti. Il coeiciente di eicienza verticale, k V, dipende dalla modalità di applicazione del coninamento lungo l asse longitudinale dell elemento. In caso di asciatura continua si assume k V = 1. In caso di asciatura discontinua (Figura 3-11), realizzata cioè con strisce di FRP disposte ad interasse p e distanza netta p, si deve tenere conto della riduzione di eicacia dovuta al enomeno di diusione delle tensioni tra due asciature consecutive. Per eetto della diusione, in una sezione verticale diametrale, si creano delle zone che non risentono del coninamento, aventi approssimativamente un contorno parabolico con tangente iniziale inclinata di 45. b p p Calcestruzzo non coninato D p /2 D Figura 3-11 Sezione circolare coninata in maniera discontinua. Indipendentemente dalla orma della sezione, il coeiciente di eicienza verticale, k V, che consente di portare in conto il enomeno di diusione verticale delle tensioni, sopra descritto, può essere assunto pari a: k V p 1 2 d min 2, (3.36) avendo indicato con d min la minima dimensione trasversale dell elemento. Nel caso di asciatura discontinua è opportuno che la distanza netta ra le strisce rispetti la limitazione p d min /2. Indipendentemente dalla orma della sezione, il coeiciente di eicienza k, da impiegarsi quando le ibre vengano disposte ad elica, con inclinazione delle stesse rispetto alla sezione trasversale dell elemento, può esprimersi in unzione di come: k 1. (3.37) 2 1 (tan ) La deormazione ridotta di calcolo del composito ibrorinorzato,, è ottenuta a partire dalla deormazione caratteristica a rottura della asciatura di FRP, k, tenendo conto opportunamente dei d,rid attori ambientali e delle osservazioni di cui al 3.5.1, nel modo seguente: min{ / ; 4 }, (3.38) d,rid a k dove a e sono, rispettivamente, il attore di conversione ambientale ed il coeiciente parziale del 28

36 materiale composito ibrorinorzato Sezioni circolari L intervento di coninamento con FRP risulta particolarmente eicace per elementi a sezione circolare soggetti a compressione centrata o a pressolessione con modesta eccentricità. In presenza di ibre disposte in direzione trasversale all asse longitudinale dell elemento, il sistema di FRP induce una pressione laterale uniorme sulla supericie di contatto, che si oppone all espansione radiale dell elemento compresso. La percentuale geometrica di rinorzo,, da impiegare nella valutazione della pressione eicace di coninamento è in tal caso ornita dalla relazione: 4t b D p, (3.39) dove (Figura 3-11) t e b sono, rispettivamente, lo spessore e l altezza della generica striscia di FRP, p è il passo delle strisce e D è il diametro della sezione circolare. Nel caso di asciatura continua l espressione della percentuale si specializza in 4 t D. Per le sezioni circolari, il coeiciente di eicienza orizzontale, k H, è pari ad 1.0. Nel caso di sezioni circolari, la dimensione d min, introdotta nella (3.36) per il calcolo del coeiciente di eicienza verticale, va intesa come il diametro della sezione Sezioni quadrate e rettangolari Il coninamento con FRP di elementi a sezione quadrata o rettangolare produce incrementi solo marginali della resistenza a compressione. Ne consegue che applicazioni di questo genere devono essere attentamente vagliate ed analizzate. Prima dell applicazione del sistema di FRP è opportuno procedere ad un arrotondamento degli spigoli della sezione, allo scopo di evitare pericolose concentrazioni di tensione localizzate in corrispondenza degli stessi, che potrebbero provocare una rottura prematura del sistema. Il raggio di curvatura dello spigolo deve soddisare la seguente limitazione: r 20 mm. (3.40) c La percentuale geometrica di rinorzo, coninamento è:, da impiegare nella valutazione della pressione eicace di 2 t ( b h) b b h p, (3.41) dove t e b sono, rispettivamente, lo spessore e l altezza della generica striscia di FRP, p è il passo delle strisce, mentre b e h sono le dimensioni trasversali della sezione rettangolare. Nel caso di asciatura continua l espressione di ornita nella (3.41) diviene 2 t ( b h) ( b h). Con rierimento alla Figura 3-12 si può ritenere, con buona approssimazione, che l area di calcestruzzo eettivamente coninata sia solo un aliquota di quella complessiva. La motivazione di tale comportamento è da attribuirsi all eetto arco che si maniesta all interno della sezione; tale eetto è dipendente dal valore del raggio di arrotondamento degli spigoli, r c. 29

37 Calcestruzzo non coninato r c h h b = b -2 r c b Figura 3-12 Coninamento di sezioni rettangolari. Il coeiciente di eicienza orizzontale, k H, per le sezioni rettangolari, per tener conto dell eetto arco che si attiva nella sezione trasversale, vale: k H b' h' 1 3 A 2 2 g, (3.42) in cui b e h sono le dimensioni indicate in Figura 3-12 ed A g è l area della sezione trasversale. In assenza di adeguate prove sperimentali, che ne comprovino l eicacia, non va considerato l eetto del coninamento su sezioni rettangolari per le quali b/h>2, ovvero max{ b, h} 900mm Duttilità di elementi presso-inlessi coninati con FRP Il coninamento con FRP può essere realizzato anche su elementi di calcestruzzo soggetti a pressolessione; in tal modo è possibile incrementare la loro duttilità e, solo in misura ridotta, la loro resistenza. In mancanza di determinazioni più accurate, la valutazione della curvatura ultima di una sezione pressoinlessa può essere perseguita ipotizzando un classico legame costitutivo del tipo parabolarettangolo, caratterizzato da una resistenza massima pari a cd, il cui tratto costante si estenda ino ad un valore della deormazione ultima di progetto, ccu, ornito dalla seguente relazione: l,e , (3.43) ccu cd essendo l,e la pressione eicace di coninamento e cd la resistenza di progetto del calcestruzzo non coninato. Nella (3.43) la pressione eicace è calcolata assumendo una deormazione ridotta di calcolo del composito ibrorinorzato data da: k 0.6. (3.44) d,rid a k Determinazioni più accurate della curvatura ultima e del conseguente incremento di resistenza lessionale possono essere conseguite con l ausilio di appropriati legami costitutivi del calcestruzzo coninato con FRP. 30

38 3.6 RINFORZO A FLESSIONE DI STRUTTURE DI C.A.P Utilizzo di compositi FRP per elementi pre-tesi o post-tesi di c.a. I metodi ed i criteri di seguito descritti si applicano nel rinorzo di elementi di conglomerato cementizio armato precompresso, eseguito con lamine di FRP non presollecitate Analisi del comportamento allo stato limite ultimo La determinazione della capacità ultima per lessione di sezioni precompresse si eseguirà secondo procedure analoghe a quelle descritte nel per le sezioni di conglomerato cementizio armato normale, con le sole varianti di seguito speciicate. La deormazione delle armature di precompressione è pari alla somma algebrica della deormazione del calcestruzzo ad esse adeso più la deormazione al limite di decompressione, ; quest ultima rappresenta la deormazione esibita dall armatura di precompressione p quando, per un opportuna combinazione delle azioni interne, la tensione nel calcestruzzo ad essa circostante è nulla (Figura 3-13). La deormazione ultima dell armatura di precompressione è pari a (0.01+ p ). Se l età del calcestruzzo è tale da poter considerare esauriti i enomeni dieriti, la deormazione o coincide con quella presente sulla supericie del calcestruzzo all atto dalla posa del rinorzo, cambiata di segno. In ogni caso, nella valutazione di o si devono considerare eventuali enomeni di ridistribuzione indotti da cause accidentali (quali ad esempio danneggiamento da impatto). Nel caso in cui i enomeni dieriti del calcestruzzo non possano ritenersi esauriti, il valore di o è la somma algebrica del valore calcolato precedentemente più la deormazione dierita che si sviluppa nel calcestruzzo (sulla supericie di contatto con la lamina) posteriormente all applicazione del rinorzo. Nella valutazione di tale deormazione dierita, così come nella determinazione delle perdite dierite dell armatura di precompressione, si può trascurare la presenza del rinorzo. d 1 s cu s c s h > d p > d 2 b b > t A d p o p yd p Figura 3-13 Modalità di rottura di una sezione di c.a.p. rinorzata esternamente con lamine di FRP. Il raggiungimento dello SLU deve essere preceduto dallo snervamento dell armatura di precompressione. Per la veriica nei conronti della delaminazione si rinvia a quanto già espresso nei 3.1 e

39 Analisi del comportamento agli stati limite di esercizio In condizioni di esercizio le tensioni di lavoro del calcestruzzo, dell acciaio e del rinorzo di FRP devono soddisare le limitazioni previste nella Normativa vigente ed in particolare, per quanto attiene al rinorzo di FRP, quelle introdotte nel Di regola non si devono considerare i rinorzi se temporaneamente compressi (ad esempio a seguito della deormazione viscosa del conglomerato). 3.7 INTERVENTI IN ZONA SISMICA Principi generali di intervento Obiettivi della progettazione In zona sismica è possibile rinorzare con FRP strutture di conglomerato cementizio armato che non soddisino i requisiti di sicurezza nei conronti dell azione sismica di progetto relativamente ad uno o più stati limite Criteri per la scelta dell intervento con FRP Tipologia, entità ed urgenza dell intervento con FRP devono dipendere dall esito di una preventiva valutazione della sicurezza sismica, tenendo conto in particolare che: errori grossolani vanno eliminati; orti irregolarità degli ediici (in termini di resistenza e/o rigidezza) non possono essere sanate con tale tecnica; una maggiore regolarità in resistenza può essere ottenuta rinorzando un numero ridotto di elementi; risultano sempre opportuni interventi volti a migliorare la duttilità locale; l introduzione di rinorzi locali non deve ridurre la duttilità globale della struttura. L intervento con FRP è classiicabile come: rinorzo o ricostruzione totale o parziale degli elementi (interventi selettivi). La progettazione di un intervento con FRP deve comprendere le seguenti attività: scelta motivata del tipo di intervento; scelta delle tecniche e/o dei materiali; dimensionamento preliminare dei rinorzi; analisi strutturale che tenga conto delle caratteristiche della struttura post-intervento; in particolare per gli elementi riparati o rinorzati con FRP vanno osservate le indicazioni riportate nei paragrai successivi, adottando per i materiali nuovi o aggiunti i corrispondenti valori di calcolo. In zona sismica il rinorzo con FRP di elementi di c.a. è inalizzato principalmente al conseguimento degli obiettivi di seguito elencati: incrementare la resistenza a lessione semplice o a pressolessione mediante l applicazione di compositi con ibre disposte nella direzione dell asse dell elemento e, in aggiunta, anche in altre direzioni; incrementare la resistenza a taglio di elementi mediante applicazione di FRP con le ibre di- 32

40 sposte ortogonalmente all asse dell elemento e, in aggiunta, anche in altre direzioni; incrementare la duttilità delle sezioni terminali di travi e/o pilastri mediante asciatura con FRP a ibre continue disposte lungo il perimetro; migliorare l eicienza delle giunzioni per sovrapposizione, mediante asciatura con FRP a ibre continue disposte lungo il perimetro; impedire lo svergolamento delle barre longitudinali soggette a compressione mediante asciatura con FRP a ibre continue disposte lungo il perimetro; incrementare la resistenza a trazione dei pannelli dei nodi trave-pilastro mediante applicazione di asce di FRP con le ibre disposte secondo le isostatiche di trazione. Per le veriiche di sicurezza degli elementi rinorzati con FRP si possono adottare le procedure e le ormule riportate nei paragrai seguenti Strategie di intervento In quanto selettiva, la strategia di intervento con FRP deve essere ispirata ai seguenti principi: eliminazione di tutti i meccanismi di collasso di tipo ragile ( ); eliminazione di tutti i meccanismi di collasso di piano ( piano soice ) ( ); miglioramento della capacità deormativa globale della struttura conseguibile in uno dei seguenti modi ( ): - incrementando la capacità rotazionale delle potenziali cerniere plastiche senza variarne la posizione ( ); - rilocalizzando le potenziali cerniere plastiche nel rispetto del criterio della gerarchia delle resistenze ( ) Eliminazione dei meccanismi di collasso di tipo ragile I meccanismi di collasso di tipo ragile da eliminare e le rispettive modalità di intervento sono: crisi per taglio: si interviene rinorzando a taglio gli elementi che presentano tale problema; crisi per perdita di aderenza nelle zone di sovrapposizione: si interviene coninando mediante avvolgimento di FRP le zone in cui la lunghezza di sovrapposizione delle barre longitudinali risulti insuiciente; crisi per svergolamento delle barre longitudinali in compressione: si interviene coninando mediante avvolgimento di FRP le zone di potenziale ormazione di cerniere plastiche nelle quali le armature trasversali non siano in grado di impedire lo svergolamento post-elastico delle barre longitudinali compresse; crisi per trazione dei pannelli dei nodi: si interviene applicando su di essi un rinorzo di FRP Eliminazione dei meccanismi di collasso di piano Premesso che, in assenza di pareti, i meccanismi di collasso di piano possono attivarsi a seguito della ormazione di cerniere plastiche sia in testa che al piede di tutti i pilastri di quel piano, l intervento sarà inalizzato ad incrementare in tali zone la resistenza a lessione composta, con l obiettivo di inibire la ormazione delle suddette cerniere. In nessun caso è consentito di intervenire sui meccanismi di collasso di piano esclusivamente con l intento di incrementare l entità degli spostamenti che ne precedono l attivazione Incremento della capacità deormativa globale di una struttura La capacità deormativa ultima di una struttura è una misura della sua attitudine a sopportare 33

41 l azione sismica. La capacità deormativa ultima di una struttura può essere saggiata utilizzando i risultati di un analisi statica non lineare. La capacità deormativa ultima di una struttura dipende dalla capacità deormativa in campo plastico dei singoli elementi resistenti (travi, pilastri e pareti) Incremento della capacità deormativa locale degli elementi La capacità deormativa di travi e di pilastri può essere misurata mediante la rotazione,, della sezione di estremità rispetto alla congiungente di quest ultima con la sezione di momento nullo ( rotazione rispetto alla corda ) a distanza pari alla luce di taglio: LV M V. Tale rotazione è anche pari al rapporto tra lo spostamento relativo ra le due sezioni suddette e la luce di taglio. Generalmente la capacità deormativa in campo plastico degli elementi è limitata dal comportamento a rottura del calcestruzzo compresso. L intervento di coninamento con FRP su tali elementi (prevalentemente pilastri) determina un aumento della deormazione ultima del calcestruzzo compresso, conerendo una maggiore duttilità agli elementi Applicazione del criterio della gerarchia delle resistenze L applicazione del criterio della gerarchia delle resistenze comporta l adozione di provvedimenti atti ad impedire la ormazione di tutte le potenziali cerniere plastiche nei pilastri. Nelle situazioni di pilastro debole-trave orte, usuali per strutture intelaiate progettate per soli carichi verticali, le sezioni dei pilastri sono sottodimensionate e denunciano carenza di armatura longitudinale. In questi casi è necessario incrementare la loro resistenza a pressolessione con l obiettivo di ricondurre la struttura intelaiata ad una situazione di pilastro orte-trave debole. L attuazione del criterio della gerarchia delle resistenze comporta un incremento della resistenza a lessione dei pilastri e quindi un incremento del taglio agente in condizioni ultime. Conseguentemente, è necessario eseguire opportune veriiche a taglio, incrementando eventualmente la resistenza nei conronti di tale caratteristica allo scopo di evitare un collasso di tipo ragile Veriiche di sicurezza Elementi e meccanismi duttili Pressolessione La capacità lessionale di elementi duttili può essere incrementata mediante l applicazione di rinorzi di FRP. Per il progetto dei rinorzi di FRP a carico di elementi inlessi o pressoinlessi si applicano i criteri e le indicazioni ornite nei 3.2 e 3.5. Quando si incrementi la resistenza lessionale, la trasmissione dell azione del rinorzo alle zone nodali deve essere assicurata attraverso l adozione di soluzioni costruttive idonee. Le ibre longitudinali impiegate per il rinorzo a pressolessione devono essere adeguatamente coninate al ine di evitare, sotto azioni cicliche, il distacco delle stesse e l espulsione del materiale di supporto Rotazione rispetto alla corda La rotazione rispetto alla corda di elementi monodimensionali (prevalentemente travi e pilastri) può essere incrementata mediante un coninamento con FRP. Per la valutazione della rotazione ultima rispetto alla corda, u, di elementi rinorzati mediante coninamento con FRP, si può are ricorso alla seguente relazione: 34

42 1 u y ( u y ) L pl L el L pl v, (3.45) nella quale el vale, generalmente, 1.5 oppure 1.0, ma solo nel caso di elementi secondari, cioè e- lementi la cui rigidezza e resistenza possano essere ignorate nell analisi della risposta, pur dovendo essere in grado di assorbire le deormazioni della struttura soggetta all azione sismica di progetto conservando la capacità portante nei conronti dei carichi verticali. Inoltre, i vari termini al secondo membro hanno il signiicato appresso speciicato. - Il simbolo y denota la rotazione rispetto alla corda esibita dalla sezione terminale quando l acciaio teso raggiunge lo snervamento: L h d V y y y 3 LV b c y, (3.46) essendo h l altezza della sezione, d b il diametro (medio) delle barre longitudinali, ed inoltre c e y, rispettivamente, la resistenza a compressione del calcestruzzo e la tensione di snervamento dell acciaio longitudinale (in MPa), ottenute da prove condotte in situ sui materiali esistenti divise per un attore di conidenza, cui va attribuito un opportuno valore > 1 in assenza di un adeguato livello di conoscenza dei dettagli strutturali e delle proprietà dei materiali esistenti. - Il simbolo u denota la curvatura ultima della sezione terminale valutata attribuendo alla deormazione ultima del conglomerato, ccu, il valore deinito nel Il simbolo y denota la curvatura esibita dalla sezione terminale quando l acciaio teso attinge la deormazione di snervamento, sy, corrispondente a y. - Il simbolo L pl denota l ampiezza della cerniera plastica valutabile come: b y d V L L h (3.47) pl c essendo d b il simbolo precedentemente introdotto e relativo al diametro (medio) delle barre longitudinali. - Il simbolo L V denota la luce di taglio dell elemento (distanza ra il punto di massimo momento ed il punto di momento nullo) Elementi e meccanismi ragili Taglio Per il progetto di rinorzi a taglio con materiali ibrorinorzati si applicano i criteri e le indicazioni ornite nel 3.3, con le seguenti ulteriori prescrizioni: sono consentiti unicamente rinorzi la cui direzione di maggior resistenza sia ortogonale all asse longitudinale dell elemento ( =90 ). 35

43 Zone di sovrapposizione Il pericolo di scorrimento delle giunzioni per aderenza nei pilastri può essere eliminato mediante l applicazione di una asciatura di coninamento a base di FRP. Per sezioni circolari di diametro D, lo spessore da attribuire a tale asciatura può essere valutato mediante la seguente relazione: t D ( ) E l sw, (3.48) nella quale i vari termini al secondo membro hanno il signiicato appresso speciicato. - Il simbolo sw denota la tensione di trazione nelle stae corrispondente alla deormazione dell 1 o la pressione di iniezione della malta tra FRP e pilastro, se presente. - Il simbolo l denota la pressione di coninamento nella zona di sovrapposizione di lunghezza L s, pari a: l As y, (3.49) ue 2 ( d c) L b s 2 n dove u e è il perimetro della sezione all interno del poligono che circoscrive le barre longitudinali di diametro medio d b, n è il numero di barre giuntate lungo u e e c è lo spessore del coprierro. Per sezioni rettangolari, di dimensioni b e h, si possono utilizzare le espressioni precedenti sostituendo D con max{ b,h }, e riducendo l eicacia del coninamento di FRP attraverso il attore k H deinito nel Svergolamento delle barre longitudinali Il pericolo di svergolamento delle barre longitudinali di armatura può essere eliminato mediante l applicazione di una asciatura di coninamento realizzata con compositi ibrorinorzati. Lo spessore, t, da attribuire a tale asciatura può essere valutato mediante la seguente relazione: t n h y 10 n h, (3.50) 4 E E E ds nella quale i vari termini al secondo membro hanno il signiicato appresso speciicato. - Il simbolo n denota il numero totale di barre longitudinali in condizioni di potenziale svergolamento. - Il simbolo y è già stato introdotto nel Il simbolo h denota la dimensione della sezione parallela al piano di lessione. - Il simbolo E denota il modulo di elasticità normale della asciatura di FRP nella direzione delle barre longitudinali. 36

44 - Il simbolo E ds denota un opportuno modulo ridotto ornito dalla seguente relazione: E s i ds 2 4 E E E s E i, (3.51) dove E s ed E i sono, rispettivamente, il valore iniziale del modulo di elasticità normale e quello tangente in campo plastico delle barre di armatura longitudinali Nodi Il calcolo dell incremento di resistenza a trazione conseguibile nei pannelli dei nodi non coninati va eseguito tenendo conto del contributo del materiale ibrorinorzato nella direzione delle tensioni principali di trazione e limitando la massima deormazione di quest ultimo al valore del 4. L intervento è eicace solo se le estremità del rinorzo sono perettamente ancorate attraverso l adozione di opportuni particolari costruttivi. In caso contrario il rinorzo non può essere ritenuto eicace. 37

45 4 RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE 4.1 GENERALITÀ Oggetto ed ambito di applicazione Oggetto del presente capitolo sono le regole per il dimensionamento e la veriica di elementi strutturali murari rinorzati per il tramite di FRP. L intervento di rinorzo ha lo scopo di conseguire, prioritariamente, per i singoli elementi strutturali e per l intera costruzione un incremento di resistenza nei conronti delle azioni sollecitanti e, quando possibile, un aumento dei valori degli spostamenti esibiti all atto del collasso Interventi di restauro su strutture di interesse storico e monumentale Qualora il rinorzo strutturale riguardi costruzioni di interesse storico o monumentale, si richiede una speciica giustiicazione sull indispensabilità, improrogabilità e compatibilità dell intervento con le teorie del restauro ( 2.1) Criteri per il progetto del consolidamento strutturale Gli interventi di rinorzo oggetto delle presenti Linee Guida consistono nell applicazione di lamine, tessuti, reti e barre di FRP sugli elementi strutturali della costruzione, per adesione o mediante dispositivi meccanici di ancoraggio. La suddetta applicazione può avvenire sulle superici esterne della muratura (paramenti murari) o in alloggiamenti e scanalature realizzate all interno della muratura stessa. L inserimento dei rinorzi è motivato dalle seguenti ragioni: trasmissione di sorzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra elementi contigui (rinorzi a lessione, taglio, ecc.); collegamento tra elementi che collaborano a resistere all azione esterna (catene di volte e di pareti, connessioni tra pareti ortogonali, ecc.); irrigidimento di solai nel proprio piano per conseguire un unzionamento a diaramma rigido; limitazione dell apertura di essure; coninamento di colonne al ine di incrementare la resistenza del materiale. La progettazione degli interventi di rinorzo deve essere generalmente mirata ad assicurare uno stato di trazione nei rinorzi di FRP. Inatti, i rinorzi di FRP soggetti a compressione non sono generalmente in grado di incrementare le prestazioni delle murature, in quanto, a parità di contrazione, la risultante degli sorzi di compressione a carico della muratura prevale solitamente di gran lunga su quella a carico del composito ibrorinorzato, a causa della notevole dierenza di area tra la muratura compressa ed il rinorzo. Inoltre, i rinorzi compressi sono soggetti a possibile delaminazione per instabilità locale. Per le strutture murarie rinorzate con FRP e soggette a sollecitazioni cicliche di trazione e compressione, quali quelle causate da eventi sismici e da variazioni termiche, l adesione muratura-frp può deteriorarsi notevolmente nel corso della vita della struttura. A tal riguardo potrebbe essere necessario inserire il rinorzo in intagli atti a prevenire l instabilità locale ovvero applicare dispositivi meccanici di connessione. Nella progettazione del consolidamento deve essere riposta la massima cura nell estendere i rinorzi di FRP ino alle zone di muratura compresse. 38

46 L applicazione di rinorzi di FRP deve essere eettuata su elementi strutturali di adeguate proprietà meccaniche. Qualora la muratura si presenti danneggiata, disomogenea o viziata da qualsiasi dietto che precluda la corretta trasmissione degli sorzi mutui con il rinorzo, si deve procedere al suo preconsolidamento secondo tecniche tradizionali. Inoltre, attese le variegate tipologie di rinorzo disponibili sul mercato (ibre di vetro, di carbonio, arammidiche), la scelta del sistema a base di FRP deve tener conto delle proprietà isiche e chimiche della muratura allo scopo di scegliere la soluzione più idonea. Quando si applicano tessuti o lamine di FRP su superici murarie, si deve tener presente la completa assenza di traspirabilità dei materiali compositi. Per tale motivo gli interventi di rinorzo strutturale eseguiti con tali materiali non devono, di norma, interessare estese superici del paramento murario al ine di presevare un adeguata traspirabilità del sistema Articolazione degli interventi L intervento di rinorzo si inserisce nell ambito di un progetto complessivo di consolidamento strutturale. Il consolidamento, sia esso adeguamento o miglioramento nell accezione precisata dalla Normativa vigente, può essere realizzato: incrementando la resistenza di pannelli, archi o volte; cerchiando colonne allo scopo di incrementarne la resistenza a compressione e la duttilità; riducendo la spinta di strutture spingenti; trasormando elementi non strutturali in elementi strutturali, mediante conerimento di rigidezza e capacità resistente; raorzando e irrigidendo strutture orizzontali non spingenti; incatenando o asciando lateralmente l ediicio all altezza degli impalcati o della copertura. 4.2 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA Modellazione della struttura Il progetto degli interventi di consolidamento deve basarsi su uno schema strutturale che rispecchi il comportamento dell ediicio nelle condizioni di uturo esercizio. Per determinare le azioni sui singoli elementi strutturali della costruzione muraria si adottano i metodi della Scienza e della Tecnica delle Costruzioni. In particolare, la modellazione della struttura può essere condotta in campo elastico lineare ovvero attraverso comprovati modelli non lineari in grado di simulare il comportamento anelastico e la limitata, se non nulla, resistenza a trazione della muratura. Tali analisi sono inalizzate alla valutazione di tutte le componenti di sollecitazione necessarie ai ini delle successive veriiche. Possono altresì essere utilizzate schematizzazioni sempliicate, sinteticamente rappresentative del comportamento della struttura in esame, purché adeguatamente giustiicate. Ad esempio, le sollecitazioni nelle diverse membrature possono essere determinate adottando una distribuzione approssimata ma equilibrata delle tensioni, anche prescindendo dalla congruenza, purché le eventuali tensioni di trazione siano assorbite direttamente dal rinorzo di composito all uopo dimensionato e solidarizzato. È necessario porre particolare attenzione nell uso di distribuzioni di tensioni approssimate, in quanto a causa delle eventuali rotture ragili che possono avvenire nel sistema muratura- FRP, uno stato tensionale staticamente ammissibile potrebbe aver già indotto il collasso della struttura. Inoltre, nel caso di strutture con parti regolari o ripetitive, è possibile individuare, all interno della costruzione, schemi strutturali parziali, idonei per una valutazione più immediata del comportamento globale della struttura rinorzata. Parimenti, per eettuare le veriiche nei conronti di meccanismi di collasso locale, si possono adot- 39

47 tare modelli sempliicati, purché il loro utilizzo sia correttamente motivato Criteri di veriica Premesso che le modalità di crisi dei materiali costituenti la struttura muraria rinorzata con FRP sono: essurazione per trazione della muratura; schiacciamento della muratura; taglio-scorrimento della muratura; rottura del composito ibrorinorzato; delaminazione (o decoesione) del rinorzo di FRP dalla muratura; lo scopo del presente paragrao è la veriica della costruzione rinorzata nei riguardi dell innesco di modi di collasso locali e globali dell intero organismo strutturale. Si evidenzia che le modalità di collasso relative alle strutture rinorzate coinvolgono, in generale, una combinazione delle possibili modalità di crisi dei materiali Veriiche di sicurezza La muratura è caratterizzata da comportamento non isotropo e non lineare anche per valori ridotti delle deormazioni. Il legame tensione-deormazione può variare in modo più che signiicativo da muratura a muratura in unzione della composizione della stessa, ovvero della tipologia e dell aggregazione degli elementi resistenti artiiciali o naturali e della tipologia della malta di allettamento. Sottoposto a prove di carico monoassiali, il materiale muratura presenta un comportamento ragile a trazione contraddistinto da valori della resistenza di gran lunga ineriori a quelli della resistenza a compressione. Un ipotesi di lavoro largamente accettata è quella di considerare nulla la resistenza a trazione della muratura; tale ipotesi è conortata, soprattutto per gli ediici esistenti (antichi e monumentali), dall aleatorietà della resistenza a trazione e dal suo progressivo decadimento nel tempo. Per quanto riguarda il comportamento a compressione, le esperienze di laboratorio dimostrano che, nella sua orma più completa, il legame costitutivo della muratura è: sostanzialmente lineare per bassi valori della contrazione; non lineare crescente ino ad un valore di picco della tensione di compressione; non lineare decrescente, con un ramo (sotening) lungo il quale la resistenza del materiale decresce più o meno rapidamente in unzione della tipologia della muratura. Il comportamento a compressione dipende inoltre dal coninamento trasversale della muratura: incrementando la compressione trasversale si ottiene un miglioramento della resistenza e della duttilità a compressione del materiale. La resistenza a taglio della muratura dipende dalla compressione agente, essendo dovuta sostanzialmente, per ogni tessitura, alla coesione interna del materiale ed al enomeno isico dell attrito. I valori caratteristici delle resistenze sono: a compressione verticale, mk ; a compressione orizzontale, h mk; a taglio, vk. Essi devono essere determinati mediante idonee prove sperimentali su campioni di muro, secondo le modalità deinite dalla Normativa vigente. Come valore orientativo della h mk può assumersi il 50% della mk. 40

48 I valori delle proprietà meccaniche di progetto della muratura sono calcolati dividendo i valori caratteristici per un opportuno coeiciente parziale del materiale, m M, ed inoltre per un opportuno coeiciente parziale relativo al modello di resistenza, Rd, come deiniti, rispettivamente, nella Normativa vigente e nelle presenti Linee Guida. Nella maggior parte delle applicazioni ingegneristiche, il comportamento della muratura, per stati tensionali monoassiali, può essere schematizzato più semplicemente come di seguito speciicato: trazione: resistenza nulla; compressione: comportamento lineare con coeiciente angolare pari al modulo di elasticità normale secante della muratura ino alla resistenza di progetto, md, cui compete il valore m della deormazione; tensione costante, pari ad md, per deormazioni comprese nell intervallo mu ; tensione nulla per deormazioni maggiori di mu. m In assenza di dati sperimentali la deormazione ultima di progetto da considerare per la muratura, mu, può essere assunta pari a In alternativa, possono essere utilizzati legami costitutivi più completi, in grado di cogliere i diversi tipi di comportamento a compressione precedentemente descritti, purché tali legami siano adeguatamente comprovati sulla base di idonee indagini sperimentali. I materiali compositi ibrorinorzati sono caratterizzati da comportamento non isotropo. Sollecitati a trazione in un assegnata direzione, ad esempio quella delle ibre, essi esibiscono una risposta lineare ino alla tensione di rottura, il cui valore caratteristico è k. La massima deormazione di progetto consentita al rinorzo di FRP è: min, k d a dd, (4.1) dove k è la deormazione caratteristica a rottura del composito ibrorinorzato e dd è la deormazione massima nell FRP all atto della decoesione incipiente del rinorzo dalla muratura, enomeno descritto nel paragrao successivo. In assenza di dati più precisi, per la deormazione dd si può assumere il valore ornito al Le veriiche di sicurezza devono essere condotte agli stati limite. Per quanto riguarda gli SLU si distinguono due possibili casi, in unzione del tipo di analisi strutturale eettuata. Se si utilizzano modelli non lineari con impiego di legami costitutivi completi, si deve veriicare che il carico ultimo sopportabile dalla struttura non risulti minore del carico di progetto. Quest ultimo è valutato utilizzando le combinazioni di carico prescritte dalla Normativa vigente. Inoltre, si deve riporre particolare cura nel dimostrare che la soluzione utilizzata sia obiettiva, ovvero che non dipenda dalla particolare discretizzazione adottata per il calcolo. Se la modellazione della struttura è condotta in campo elastico lineare ovvero per il tramite di schemi sempliicati adottando una distribuzione equilibrata delle tensioni, eventualmente prescindendo dalla congruenza, la veriica deve essere eettuata con rierimento alle sollecitazioni risultanti su sezioni dei singoli elementi strutturali. In particolare, per elementi bidimensionali inlessi (piastre, gusci) si deve are rierimento alle sollecitazioni speciiche, valutate cioè per unità di lunghezza degli stessi elementi. Assumendo che, a seguito della deormazione, la generica sezione di ogni elemento strutturale si conservi piana, la veriica viene eettuata assicurando che i tagli ed i momenti sollecitanti di progetto siano minori dei corrispondenti valori resistenti di progetto. Questi ultimi vanno valutati in unzione dello sorzo normale agente, tenendo conto del comportamento non lineare dei materiali costituenti gli elementi strutturali, secondo il modello costitutivo semplii- 41

49 cato. Veriiche allo stato limite di danno devono essere eseguite nei casi previsti speciicamente dalla Normativa. 4.3 VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA ALLA DELAMINAZIONE Nel rinorzo di paramenti murari mediante applicazione di lamine o tessuti di materiale composito il ruolo dell aderenza tra muratura e composito è di grande importanza, poiché la crisi per perdita di aderenza del rinorzo è un modo di rottura ragile e, quindi, indesiderabile. Inatti, in un dimensionamento strutturale che segua il criterio di gerarchia delle resistenze, il meccanismo di rottura ragile per perdita di aderenza del rinorzo non dovrebbe mai precedere l entrata in campo inelastico per compressione della muratura stessa. Nel caso si adottino speciali dispositivi di ancoraggio del rinorzo alla muratura, la rottura per delaminazione è accettata purché si tenga conto della variazione dello schema resistente. Tenuto conto della notevole varietà di composizioni murarie esistenti, quali la muratura realizzata con blocchi artiiciali di laterizio o calcestruzzo, la muratura con blocchi di pietrame squadrato o non squadrato, la delaminazione si maniesta attraverso interazioni tra materiali dierenti. Peraltro, nel caso di murature con paramenti irregolari, allo scopo di realizzare un piano di posa adeguato per il rinorzo, si procede di norma all apposizione di uno strato di malta di regolarizzazione sul quale eettuare l incollaggio. In deinitiva, uno stesso rinorzo lungo il suo sviluppo può risultare connesso a materiali dierenti, caratterizzati da diverse proprietà di interaccia. Qualora la resistenza dell adesivo utilizzato per l applicazione del rinorzo sia più elevata della resistenza del materiale su cui è apposto il rinorzo, la perdita di aderenza tra composito e muratura avviene per decoesione di uno strato supericiale del mattone o del blocco di pietra o della malta Considerazioni generali e modi di collasso La delaminazione dal paramento murario di lamine o tessuti applicati a strisce isolate per il rinorzo secondo direttrici rettilinee può essere classiicata secondo due modalità principali: delaminazione di estremità del rinorzo (plate end debonding), delaminazione a partire dai giunti di malta o da essure trasversali nella muratura (intermediate crack debonding). In una muratura rinorzata e soggetta ad uno stato tensionale che generi trazione nel rinorzo, sia alle estremità di quest ultimo sia nelle zone di esso a cavallo di una essura, l interaccia FRP-muratura è sottoposta ad elevati sorzi tangenziali, localizzati su lunghezze dell ordine di mm a partire dalla sezione di discontinuità. La orza di delaminazione si riduce nei casi di sollecitazione composta, ovvero in presenza di sorzi agenti in direzione ortogonale all asse del rinorzo. In particolare, nel caso di rinorzi applicati su superici curve o quando la rigidezza lessionale della lamina è elevata, si possono avere signiicativi sorzi di trazione in direzione normale all interaccia (peeling) che riducono la orza di ancoraggio trasmissibile. Inoltre, nel caso di tessuti applicati sul paramento murario con ibre inclinate rispetto alla direzione ortogonale alla essurazione, si veriica una concentrazione delle tensioni interattive a cavallo delle essure dovuta al possibile spostamento relativo, responsabile della discontinuità dell interaccia. La delaminazione a taglio, che si veriica in corrispondenza della parte terminale del rinorzo (ancoraggio), può essere accompagnata dall asportazione di un consistente strato di mattone (rip-o ailure), soprattutto quando le tensioni tangenziali di estremità si associano a sorzi normali di trazione. Tale modalità di crisi si maniesta con la ormazione di essure dovute alla diusione dello sorzo di ancoraggio, cui possono associarsi, nel mattone, trazioni tali da provocarne la rattura (Figura 4-1). 42

50 t Estremità della lamina F max Figura 4-1 Schema di rottura per estrazione del mattone di ancoraggio Resistenza alla delaminazione radente allo stato limite ultimo Sperimentalmente, attraverso prove di trasmissione dell azione radente traserita ad un substrato coesivo da un rinorzo di FRP ad esso incollato, si rileva che il valore ultimo della orza sopportabile dal rinorzo prima che subentri la delaminazione dipende, a parità di tutte le altre condizioni, dalla lunghezza, l b, della zona incollata. Tale valore cresce con l b ino ad attingere un massimo corrispondente ad una ben precisa lunghezza, l e : ulteriori allungamenti della zona di incollaggio non comportano incrementi della orza trasmessa. La lunghezza l e viene deinita lunghezza ottimale di ancoraggio e corrisponde quindi alla lunghezza minima di quest ultimo che assicura la trasmissione del massimo sorzo di aderenza. La lunghezza ottimale di ancoraggio, l e, può essere stimata utilizzando la seguente espressione: l e E t 2 mtm [lunghezze in mm], (4.2) essendo: - E il modulo di elasticità normale del composito ibrorinorzato nella direzione della orza F; - t lo spessore del composito ibrorinorzato; - mtm la resistenza media a trazione della muratura; in mancanza di dati diretti, si può assumere mtm = 0.10 mk (in particolare, poiché la coesione tra FRP e muratura è generalmente assicurata all interaccia tra i blocchi ed il rinorzo, il valore di mtm da considerare nella ormula (4.2) è la resistenza media a trazione dei blocchi costituenti la muratura). Con rierimento ad una delaminazione che coinvolga i primi strati di muratura e per lunghezze di ancoraggio maggiori o uguali a quella ottimale, la tensione di progetto nel rinorzo, ovvero il valore della massima tensione alla quale il rinorzo può lavorare nella sezione terminale di ancoraggio - una volta avvenuto il traserimento degli sorzi dalla muratura al rinorzo di FRP - vale: dd 0. 17,d M E mk mtm t [orze in N, lunghezze in mm], (4.3) essendo,d il coeiciente parziale indicato in Tabella 2-1 ( 2.4.1) e M il coeiciente parziale della muratura. La massima deormazione di progetto, dd, che può essere consentita al rinorzo di FRP senza che si maniestino problemi di decoesione ha per valore il rapporto tra la tensione di progetto, dd, ed il modulo di elasticità normale del rinorzo, E. Nel caso di lunghezze di ancoraggio, l b, minori di quella ottimale, l e, la tensione di progetto deve essere opportunamente ridotta in accordo con la relazione: 43

51 lb lb dd, rid dd 2. (4.4) le le Qualora il meccanismo di decoesione tra rinorzo e muratura avvenga per distacco di uno strato supericiale del mattone o del blocco di pietra, ai ini dell eettiva disponibilità delle lunghezze l b e l e, di cui sopra, si deve assumere che la lunghezza di ciascuno degli elementi costituenti la supericie di aderenza (mattoni o blocchi di pietra) contribuisca al massimo per l 80% alla ormazione delle suddette lunghezze. Quando si accia ricorso a particolari dispositivi di ancoraggio (barre trasversali di composito, asciatura dell estremità mediante tessuti), la orza massima di ancoraggio deve essere valutata mediante apposite indagini sperimentali Resistenza alla delaminazione in presenza di azione normale al piano di adesione La orza di distacco per azione normale al piano di adesione risulta di diicile quantiicazione e dovrebbe in generale essere ottenuta da prove sperimentali condotte sul paramento ove sono previsti gli interventi di rinorzo. In mancanza di valutazioni analitiche approondite, per rinorzi caratterizzati da una modesta curvatura, l eetto combinato di distacco per orza di ancoraggio radente e ortogonale al piano di adesione, può essere valutato ipotizzando un dominio d interazione lineare che riduca la orza radente di progetto in proporzione a quella ortogonale. Indicando con Sd l intensità della tensione normale al paramento agente in corrispondenza della supericie di adesione (di dimensioni b l b ), il valore di progetto della resistenza alla delaminazione in direzione radente, pd, può essere ottenuto mediante la relazione: pd dd 1 Sd mtd, (4.5) dove dd è il valore di progetto della resistenza alla delaminazione e mtd è il valore di progetto della resistenza a trazione della muratura. Nel caso in cui la lunghezza di ancoraggio, l b, sia minore della lunghezza ottimale, l e, nella (4.5) va utilizzato il valore dd,rid. Nel caso di rinorzi a sagoma curva, con raggio di curvatura r, sollecitati da una tensione di trazione costante,, si può assumere: 1 t. (4.6) r Sd 4.4 VERIFICHE DI ELEMENTI STRUTTURALI RICORRENTI I principi generali di veriica enunciati nel 4.2 sono di seguito applicati a situazioni ricorrenti nella pratica tecnica Rinorzo di pannelli murari I pannelli di muratura possono essere rinorzati con FRP allo scopo di incrementarne la portanza o la duttilità nei conronti di azioni uori dal piano ovvero di azioni nel piano del pannello. Di seguito sono suggerite alcune veriiche speditive per controllare il grado di sicurezza dei pannelli murari. Tali veriiche non sono esaustive e devono essere integrate con ulteriori controlli, adeguati alla complessità dello speciico caso in esame. 44

52 Veriiche per azioni uori dal piano Il collasso di pannelli uori del piano della muratura, rappresenta una delle tipologie più requenti di crisi locale di elementi strutturali murari. Tale tipologia può essere dovuta a varie cause, ra le quali innanzitutto l azione sismica, ma anche l eetto della spinta di archi e di volte o dietti di verticalità del pannello murario. Può maniestarsi in varie orme: per ribaltamento semplice; per lessione verticale; per lessione orizzontale Veriica per ribaltamento semplice Il cinematismo consiste in un ribaltamento rispetto ad una cerniera cilindrica alla base del pannello murario. Si evidenzia che tale cerniera, dovuta alla ridotta resistenza a trazione della muratura, è posizionata in corrispondenza di una zona di limitato contatto posta uori dal piano medio del pannello. In prima approssimazione si può assumere che la cerniera sia posizionata sulla supericie esterna del pannello. Il collasso per ribaltamento può avvenire in presenza di pareti non ammorsate ad altre ad esse ortogonali, né trattenute in sommità. Esso dipende da vari attori, quali le condizioni di vincolo, la snellezza della parete e la geometria della sezione muraria. Un possibile presidio ad hoc realizzato con rinorzi di FRP consiste, semplicemente, nell inserimento di uno o più elementi orizzontali, incollati alla sommità della parete in oggetto, risvoltati sulle pareti ortogonali di estremità (ove possibile) ed ancorati ad esse. I maggiori beneici e la maggiore eicacia dell intervento si ottengono cerchiando completamente, quando possibile, la abbrica muraria. In tal caso, particolare cura và posta nell arrotondamento delle zone di spigolo al ine di ridurre le concentrazioni di tensione ortogonali al rinorzo. A titolo esempliicativo, si considera un pannello murario soggetto alle seguenti azioni (valori di progetto): P d peso proprio del pannello, N d sorzo normale agente sulla sommità del pannello, Q d azione orizzontale dovuta a eetti sismici, F d orza di contenimento esercitata sul pannello dal rinorzo di FRP. Si potrebbe tenere conto di ulteriori orze agenti in sommità e derivanti, ad esempio, dall eventuale spinta del solaio di copertura. N d F d Q d h P d h * t Figura 4-2 Schema di calcolo per il meccanismo di collasso di ribaltamento semplice. 45

53 Con rierimento allo schema proposto in Figura 4-2, assumendo cioè che siano trascurabili le azioni di vincolo di eventuali solai e di muri ortogonali, l intensità della orza di trazione nel rinorzo si determina attraverso l equazione di equilibrio alla rotazione intorno al piede del pannello: 1 Fd * Qd h Nd t Pd t 2 h, (4.7) avendo indicato con h * la distanza d applicazione del composito di FRP da quest ultimo. Per prevenire il ribaltamento semplice del pannello murario è necessario eettuare le due veriiche appresso riportate: Veriica a trazione del rinorzo di FRP Indicando con A l area del rinorzo di FRP e con d la corrispondente tensione di rottura di progetto, la massima orza esplicabile è F Rd = A d, per cui la veriica si eettua assicurando che risulti: F 2 F. (4.8) d Rd Veriica al distacco del rinorzo di FRP dalle pareti ortogonali Indicando con F pd = A pd la massima orza di ancoraggio del composito di FRP applicato su una delle pareti ortogonali al pannello in oggetto, la veriica consiste nel controllare che sia soddisatta la relazione: F 2 F. (4.9) d pd Generalmente, la seconda veriica è più gravosa della prima. In presenza di cerchiatura completa con un adeguata sovrapposizione essa risulta invece superlua. È necessario, inoltre, procedere alle veriiche a pressolessione ed a taglio delle sezioni orizzontali del pannello, in accordo con quanto riportato nel , così come al calcolo dei carichi di collasso relativi ai meccanismi ancora possibili Veriica per lessione della striscia muraria verticale Un pannello di muratura ben vincolato al piede ed in sommità, soggetto ad azioni orizzontali, può collassare per eetto delle sollecitazioni di lessione che si instaurano in esso. In questo caso il collasso avviene per ormazione di tre cerniere: una al piede, una in sommità e la terza posizionata ad una certa altezza del pannello. La crisi sopravviene quando, alle sollecitazioni di sorzo assiale e momento lettente, corrisponde un centro di pressione esterno alla muratura. Il collasso per lessione verticale può maniestarsi in pannelli particolarmente alti e/o vincolati a maschi murari ortogonali molto distanti tra loro. Inoltre, sono particolarmente sensibili a tale tipologia di collasso, sotto azioni sismiche, quei pannelli sui quali gravino, da parti opposte, solai ubicati a quote dierenti per la presenza di interpiani di diversa altezza. In questi casi, applicando sulle pareti del pannello compositi con ibre verticali, si realizza una muratura armata con FRP nella quale gli sorzi di compressione associati alla lessione sono assorbiti dalla muratura e quelli di trazione dal rinorzo di FRP. Si considera, a titolo esempliicativo, una striscia di larghezza unitaria del pannello murario rinorzato soggetta alle seguenti azioni (valori di progetto): (s) P d peso proprio della parte superiore del pannello, 46

54 (i) P d peso proprio della parte ineriore del pannello, (s) Q d orza sismica che compete alla parte superiore del pannello, (i) Q d orza sismica che compete alla parte ineriore del pannello, N d sorzo normale agente sulla sommità del pannello, Q d azione dovuta ad un ulteriore spinta orizzontale. N d C h s (s) Q d (s) P d H C,d h (i) Q d B Q d h i (i) P d A t Figura 4-3 Schema di calcolo per il meccanismo di collasso per lessione verticale. Con rierimento allo schema di Figura 4-3, l intensità di calcolo della reazione esplicata dal vincolo in C può essere calcolata attraverso l equazione di equilibrio alla rotazione intorno alla cerniera in A: H C,d (i) (s) (s) (i) hi (2 Qd Qd ) Qd (2 h hs ) t ( Nd Pd Pd ). (4.10) 2 h La sezione muraria in B, dove viene applicato il composito ibrorinorzato per inibire la ormazione della cerniera, è soggetta ad uno sorzo normale e ad un momento lettente, rispettivamente, pari a: N N P (s) Sd d d (s) hs M Sd HC,d hs Qd. 2, (4.11) La veriica a lessione verticale consiste nel controllare che sia soddisatta la relazione: M Sd M. (4.12) Rd Il valore del momento resistente, M Rd, della sezione di muratura rinorzata e di larghezza unitaria può essere determinato a partire dalle caratteristiche meccaniche della muratura e del composito ibrorinorzato, dallo spessore, t, della muratura e dal valore dello sorzo normale agente (il competente coeiciente parziale di modello, Rd, è desumibile dalla Tabella 2-2 del e deve essere assunto, nel caso in esame, pari a 1.00). In maniera sempliicata, la veriica a pressolessione può essere condotta assumendo un diagramma costante delle tensioni di compressione, pari a 0.85 md, ed esteso su una porzione di sezione proonda x e, essendo x e la distanza dell asse neutro dall estremo lembo compresso. Si ricorda 47

55 che i valori delle deormazioni massime consentite alla muratura e al composito di FRP sono riportate nel I rinorzi verticali devono essere posizionati ad un interasse, p, soddisacente la limitazione: p 3 t b, (4.13) dove b è la larghezza dei rinorzi adottati. Distanze maggiori possono essere utilizzate solo se adeguatamente giustiicate Veriica per lessione della striscia orizzontale In un pannello di muratura ben vincolato al piede ed inoltre ben ammorsato a muri trasversali in grado di esercitare un azione di contraorte, la resistenza alle azioni orizzontali è garantita da un unzionamento ad arco della striscia di sommità, come illustrato in Figura 4-4(a). Il valore del massimo carico orizzontale uniormemente ripartito, q, sopportabile da tale arco può essere valutato mediante la ormula: 2 2t h q 2 md, (4.14) L h dove L è la larghezza del pannello e md è la resistenza di progetto a compressione della muratura in direzione orizzontale. Per un valore di q, superiore a quello restituito dalla ormula (4.14), il pannello collassa per rottura a compressione della muratura. In questo caso l applicazione di rinorzi di FRP potrebbe indurre un eetto beneico. In un pannello di muratura ben vincolato al piede ma in presenza di muri trasversali incapaci di svolgere un azione di contraorte, il pannello murario può collassare, come illustrato in Figura 4-4(b), a seguito della ormazione di un meccanismo. Con rierimento alla striscia di altezza unitaria collocata in sommità del pannello, la crisi sopravviene quando alle sollecitazioni di sorzo assiale e di momento lettente corrisponde un centro di pressione esterno alla muratura. L applicazione dei materiali compositi consente di contrastare tale meccanismo, conerendo capacità di resistenza a lessione alla striscia di altezza unitaria collocata in sommità del pannello, trasormata in una trave di muratura rinorzata con FRP. Il momento sollecitante di progetto, M Sd, viene determinato con rierimento all azione sismica, a quella del vento e ad eventuali altre azioni orizzontali spingenti originate dalla presenza di ulteriori elementi strutturali. La veriica a lessione orizzontale è soddisatta se vale la disequazione (4.12), dove il momento resistente, M Rd, è determinabile in unzione delle caratteristiche meccaniche della muratura e del composito ibrorinorzato, nonché dello spessore, t, della muratura. In assenza di va- q q t L L (a) (b) Figura 4-4 Collasso per lessione orizzontale. 48

56 lutazioni, adeguatamente giustiicate, dello sorzo normale orizzontale generato dal contrasto dei muri trasversali, il valore di quest ultimo, ai ini del calcolo di M Rd, viene assunto nullo. Occorre inoltre eettuare una veriica a taglio nelle sezioni di attacco tra il pannello e le pareti ortogonali, tenendo conto della solidarietà dell intero pannello che conigura un eetto di comportamento a piastra. Inoltre è necessario veriicare i muri ortogonali sollecitati a trazione in prossimità dell innesto del pannello Veriiche per azioni nel piano del pannello Le veriiche da eettuare per i pannelli murari soggetti a sollecitazioni nel piano sono: a pressolessione nel piano, a taglio Pressolessione nel piano Allo scopo di incrementare la portanza a pressolessione nel piano dei pannelli murari, si può prevedere l applicazione di rinorzi di FRP verticali disposti simmetricamente sulle due superici esterne del pannello, in zona tesa. Tali rinorzi di FRP, salvo diverso provvedimento, devono essere opportunamente ancorati rispetto alle sezioni di estremità del pannello. In orma sempliicata, ipotizzando che, a seguito della deormazione, la generica sezione del pannello murario si conservi sostanzialmente piana, la veriica a pressolessione nel piano può essere condotta assumendo un diagramma costante delle tensioni di compressione nella muratura, pari a 0.85 md, ed esteso su una porzione di sezione proonda x e, essendo x e la distanza dell asse neutro dall estremo lembo compresso. Si ricorda che le deormazioni massime consentite alla muratura e al composito ibrorinorzato sono riportate nel Taglio La resistenza a taglio di un pannello murario consolidato per il tramite di un sistema di rinorzi applicati simmetricamente sulle due superici esterne deriva dalla combinazione di due meccanismi resistenti: da un lato, in presenza di compressione, la muratura trasmette taglio per attrito, dall altro la presenza degli elementi resistenti a trazione attiva nel pannello un traliccio reticolare che trasmette taglio per equilibrio interno. Di norma l incremento della resistenza a taglio del pannello richiede che siano disposti sulla parete sia rinorzi capaci di assorbire la trazione generata dalla lessione, sia rinorzi disposti nella direzione del taglio, atti a generare il comportamento a traliccio. In caso di assenza di rinorzi di FRP disposti per la pressolessione, il rinorzo del pannello a taglio può essere ottenuto applicando i rinorzi secondo le diagonali del pannello. Qualora sia garantita la ormazione del traliccio resistente, la resistenza di progetto a taglio della muratura rinorzata, V Rd, è calcolata come somma dei contributi della muratura, V Rd,m, e del rinorzo di FRP, V Rd,, ino al valore limite V Rd,max che provoca la rottura delle bielle compresse del traliccio: Rd Rd,m Rd, Rd,max V min V V, V. (4.15) Nel caso in cui il rinorzo a taglio sia disposto parallelamente ai corsi di malta, i contributi sopra deiniti possono essere valutati come segue: 1 VRd,m d t Rd vd, (4.16) 49

57 V Rd, d A p w d, (4.17) Rd essendo: - Rd il coeiciente parziale da assumersi pari a 1.20 (Tabella 2-2, 2.4.2), - d la distanza tra il lembo compresso e il baricentro del rinorzo a lessione, - t lo spessore della parete, - vd la resistenza di progetto a taglio della muratura pari a vk / M, - A w l area del rinorzo a taglio disposta in direzione parallela alla orza di taglio, con passo p misurato ortogonalmente alla direzione della orza di taglio, - d la resistenza di progetto del rinorzo di FRP, deinita come il minimo tra la tensione di rottura del composito e la tensione nel composito alla quale si ha la decoesione dalla muratura. Il valore del coeiciente parziale per la muratura, M, deve essere issato in accordo con la Normativa vigente; quello relativo al modello di resistenza, Rd, è desumibile dalla Tabella 2-2 del e, nel caso del taglio, è pari a Qualora l angolo d attrito,, dei corsi di malta sia minore di 45, il valore del taglio V Rd, ornito dalla relazione (4.17) deve essere ridotto mediante un attore moltiplicativo pari a cot(90 -). La massima resistenza a taglio del pannello murario, V Rd,max, corrispondente allo stato limite di compressione delle diagonali del traliccio vale: V 0.3 t d, (4.18) Rd,max h md h dove md è la resistenza a compressione di progetto della muratura nella direzione dell azione agente, cioè parallela ai letti di malta. Nel caso di parete rinorzata con soli elementi longitudinali atti ad assorbire la trazione generata dalla lessione, l incremento di resistenza a taglio prodotto dall incremento della risultante di compressione agente sulla muratura, può essere calcolato determinando il valore della resistenza vk associata alla compressione media, comprensiva di quella dovuta alla lessione, agente sulla muratura. Se il rinorzo a taglio non è disposto parallelamente ai corsi di malta, i contributi di cui alle ormule (4.16) e (4.17), corrispondenti alla disposizione parallela ai corsi di malta, devono essere valutati attraverso modelli adeguati Architrave e ascia di piano Le zone di connessione tra i vari maschi murari all interno di una parete vengono indicate con il termine di asce di piano. Esse, oltre a sostenere la muratura gravante in luce alle aperture, hanno lo scopo di vincolare maschi murari contigui ad assumere deormate congruenti per eetto di azioni orizzontali. Il primo meccanismo resistente si esplica per mezzo degli architravi disposti sopra alle aperture ed è prevalentemente sollecitato da carichi verticali. Il secondo, invece, genera sollecitazioni di lessione e taglio nelle asce di piano stesse ed entra in azione prevalentemente nel caso di eventi sismici. Per eetto dei carichi verticali, nelle zone sovrastanti le aperture presenti in una parete si maniestano due eetti. In primo luogo, a causa della limitata resistenza a trazione, la zona di muratura sovrastante l apertura, non è in grado di portare autonomamente il proprio peso, e deve essere sostenuta da un architrave con unzionamento a trave. Inoltre, quando i maschi murari che contornano l apertura sono particolarmente esili, tanto da non sopportare la spinta orizzontale dovuta alla presenza dell apertura stessa, l architrave deve unzionare come una catena il cui sorzo di trazione possa garantire l equilibrio complessivo della parete. Con rierimento alla Figura 4-5, tenuto conto della unzione statica degli architravi e delle asce di piano, si individuano i tre procedimenti di veriica da eettuare per tali elementi strutturali con rie- 50

58 rimento all azione di carichi verticali o orizzontali, dovuti ad un sisma. q d h N q L 8h 2 d Sd * * h M Sd Figura 4-5 Schema di calcolo degli architravi a tensolessione. L Veriica per unzionamento ad architrave Gli architravi possono essere realizzati utilizzando elementi di rinorzo dotati di resistenza assiale e lessionale, ovvero di sola resistenza assiale. Nel primo caso il rinorzo è in grado di garantire entrambi i comportamenti strutturali precedentemente indicati, cioè le unzioni di trave e di catena. Qualora invece il rinorzo abbia solo resistenza assiale, il sostentamento della zona inerte della ascia di piano deve essere assicurato dalla ormazione di una trave di muratura rinorzata situata immediatamente al di sopra dell apertura, nella quale le trazioni sono assorbite dal rinorzo applicato. In quest ultimo caso è prevedibile che l equilibrio venga raggiunto mobilitando signiicativi valori degli abbassamenti della muratura soprastante il rinorzo. Il rinorzo mediante lamine di FRP deve essere applicato sull intradosso del vano e non sui ianchi della parete muraria, salvo adeguate giustiicazioni e veriiche. Per garantire il unzionamento dell architrave, i rinorzi orizzontali, atti a garantire l equilibrio della muratura sovrastante l apertura, devono essere convenientemente estesi oltre la luce dell apertura, in modo da assicurare un suiciente ancoraggio negli adiacenti maschi verticali. La sezione di muratura rinorzata dell architrave deve esplicare un momento resistente di progetto, M Rd, maggiore di quello sollecitante: M Sd G g t L, (4.19) dove g e t sono, rispettivamente, il peso speciico e lo spessore della muratura, L è la luce netta dell apertura e G è il coeiciente parziale che compete al peso proprio allo SLU. Il rinorzo deve inoltre assorbire una orza di trazione pari a: N q L 8 h 2 d Sd *, (4.20) dove q d è il carico verticale di progetto allo SLU trasmesso all architrave dalla sovrastante parte dell ediicio (somma di carichi permanenti più carichi variabili) ed h * è il braccio della coppia interna, non maggiore del minimo tra la luce L dell apertura e l altezza h della ascia di piano. 51

59 Veriica per unzionamento a ascia di piano Il unzionamento della ascia di piano, rinorzata con FRP, deve essere veriicato nei conronti delle sollecitazioni lettenti, taglianti ed assiali presenti nelle sezioni di connessione con i maschi murari. I valori delle azioni resistenti vanno calcolati con le stesse regole valide per i pannelli murari, tenuto conto della resistenza a compressione della muratura, h md, nella direzione parallela ai giunti di malta. I rinorzi possono essere posizionati a mo di catene con asse parallelo a quello delle asce di piano, ad una quota prossima a quella dei solai o nelle zone di conine, superiore ed ineriore, delle asce stesse. Tali rinorzi possono essere continui o discontinui e sono applicati sia sulle pareti esterne che su quelle interne. In particolare, l applicazione sulle pareti esterne consente anche di realizzare la cerchiatura perimetrale dell ediicio. Per assicurare un comportamento soddisacente nei conronti delle azioni taglianti, si possono applicare rinorzi anche secondo le diagonali dei pannelli murari sovrastanti le aperture. Anche in questo caso è opportuno che i rinorzi siano applicati simmetricamente rispetto al piano medio del muro sia nella accia esterna che in quella interna delle asce di piano. 4.5 RINFORZO DI ELEMENTI STRUTTURALI A SEMPLICE E DOPPIA CURVATURA Gli elementi strutturali a singola o a doppia curvatura perdono generalmente la unzionalità per ormazione di cerniere che attivano meccanismi di collasso. Le cerniere si ormano nelle strutture murarie a semplice e doppia curvatura a causa della limitata resistenza a trazione della muratura. Tali cerniere sono posizionate in corrispondenza di zone di limitato contatto, esterne alla supericie media della struttura. In prima approssimazione, esse possono essere ubicate o all intradosso o all estradosso. La cerniera della muratura trasmette sorzo normale e taglio. Ne consegue che, la sezione incernierata trasmette uno sorzo normale di eccentricità pari a metà dello spessore della struttura. Un rinorzo di FRP contrasta il meccanismo di rotazione relativa e quindi l apertura dei cigli essurativi, impedendo così la ormazione di cerniere sulla porzione di contorno opposta a quella su cui lo stesso rinorzo è applicato. Conseguentemente, la presenza di un rinorzo all intradosso (risp. e- stradosso), adeguatamente ancorato, inibisce la ormazione delle cerniere sull opposta porzione di estradosso (risp. intradosso). L applicazione di FRP non risulta speciicamente idonea per contrastare la rottura a taglio o a schiacciamento della muratura. Scopo dell applicazione di compositi ibrorinorzati è quello di interdire la ormazione di determinate cerniere Archi Si possono prevedere due possibili schemi strutturali: schema ad arco, per archi insistenti su imposte isse; schema arco-piedritto, detto schema a portale, per archi insistenti su piedritti. Generalmente, un arco o un portale collassa per la ormazione di almeno quattro cerniere. In particolare, un possibile meccanismo può essere dovuto, ad esempio, alla ormazione di tre cerniere (proprie) e di un doppio pendolo (cerniera impropria) che permette lo slittamento a taglio di una parte dell arco rispetto all altra Schema ad arco Nello schema ad arco, per impedire il meccanismo caratterizzato dalla ormazione delle quattro cerniere, di cui due all estradosso e due all intradosso, si può intervenire incollando tessuti o lamine di 52

60 FRP all estradosso ovvero all intradosso. Evidenze sperimentali mostrano che l applicazione di tessuti o lamine di FRP sulle superici laterali dell arco non apporta sensibili miglioramenti al comportamento della struttura. Inatti, in tal caso, si produce una prematura decoesione del composito ibrorinorzato dal paramento murario. Tale decoesione è localizzata nelle zone compresse per eetto di instabilità locale e ad essa a seguito un rapido degrado della connessione tra muratura e composito ibrorinorzato esteso a tutta la supericie di applicazione del rinorzo. L intervento di rinorzo sugli archi si esegue preerenzialmente applicando tessuti o lamine di FRP all estradosso, allo scopo di inibire la ormazione di cerniere all intradosso; in alternativa si possono applicare tessuti o lamine di FRP all intradosso dell arco per inibire la ormazione di cerniere al suo estradosso. Un altra pratica possibile consiste nell applicare il rinorzo sia all estradosso che all intradosso dell arco per prevenire la ormazione di cerniere del primo e del secondo tipo. Tale modalità di applicazione è tuttavia meno requente. Tra gli schemi strutturali inalizzati alla determinazione delle caratteristiche della sollecitazione sulla struttura rinorzata, devono essere sempre inclusi quelli che prevedono la ormazione di cerniere alle imposte, a meno di non realizzare speciici interventi che ne impediscano la ormazione. Gli interventi di rinorzo parziali, eseguiti su parte dell estradosso o dell intradosso, non escludono la ormazione di cerniere responsabili dell attivazione di un cinematismo; tuttavia, se opportunamente concepiti e realizzati, contribuiscono ad incrementare il valore del carico di collasso. Di norma è preeribile: eseguire interventi completi sull estradosso o sull intradosso; preerire alle lamine di FRP i tessuti, che meglio si adattano alla geometria del supporto murario; applicare, se possibile, il rinorzo sull estradosso dell arco; inatti in tal caso, per eetto della curvatura, si mobilitano all interaccia arco-frp teso tensioni normali di compressione; al contrario, nel caso di un rinorzo teso applicato all intradosso dell arco, insorgono all interaccia interazioni di trazione, che deprimono la resistenza alla delaminazione. Lo schema di calcolo dell arco rinorzato deve tener conto della ormazione di cerniere, le quali, in prima approssimazione, possono considerarsi localizzate sul contorno dell arco opposto alla supericie rinorzata. Uno schema di calcolo più aderente alla realtà dovrebbe tener conto del atto che, a causa della limitata resistenza a compressione della muratura, le cerniere devono necessariamente ormarsi ad una certa distanza dall estradosso o dall intradosso, a seconda che, rispettivamente, il rinorzo sia stato applicato all intradosso o all estradosso. La suddetta distanza è tanto maggiore, quanto minore è la resistenza a compressione della muratura. Nell ipotesi di incapacità da parte della muratura a resistere a sorzi di trazione, si devono eseguire per l arco rinorzato le seguenti veriiche: veriica di meccanismo, quando tale modo di crisi non sia inibito; veriica a pressolessione, considerando la possibilità di rottura per schiacciamento della muratura e di rottura a trazione del composito ibrorinorzato; veriica a taglio; veriica di delaminazione. La seconda e la terza di tali veriiche devono essere svolte conormemente alla procedura indicata per i pannelli murari. La veriica nei conronti della delaminazione va eseguita nella sezione posta a distanza l b dall estremità del rinorzo; il momento resistente di tale sezione deve essere calcolato i- potizzando nel composito ibrorinorzato lo sorzo di progetto, di cui al

61 Schema a portale Nello schema a portale può non essere suiciente apporre il rinorzo di FRP all estradosso o all intradosso dell arco per impedire il meccanismo ad apertura delle imposte. Occorre in tal caso intervenire sui piedritti oppure disporre una catena tra le imposte. Le veriiche da eettuare sono le stesse di quelle previste per lo schema ad arco Volte a semplice curvatura: volte a botte In situazioni requenti, lo studio della volta a botte è riconducibile a quello di un arco di proondità unitaria il cui proilo corrisponde alla curva direttrice della volta. Ne consegue che le volte a botte possono essere rinorzate mediante tessuti applicati lungo la direttrice, sia all estradosso che all intradosso Volte a doppia curvatura: cupole Le cupole presentano un regime tensionale sia di tipo membranale che lessionale Regime membranale In una cupola soggetta a soli carichi verticali si instaura uno stato tensionale con tensioni normali di trazione dirette lungo i paralleli. Esso è localizzato in prossimità dell imposta della cupola e si e- stende sin oltre le reni. La modestissima resistenza a trazione della muratura giustiica il classico quadro essurativo che requentemente si instaura nelle cupole: le lesioni si dispongono lungo i meridiani, con l apice posizionato all incirca alla metà di questi ultimi, e si estendono ino all imposta. La essurazione lungo i meridiani modiica lo stato di equilibrio preesistente mobilitando valori considerevoli della spinta all imposta, con eventuali ripercussioni sulla sottostante struttura. L intervento mediante tessuti circonerenziali di FRP, disposti in prossimità della base della cupola, può servire a contrastare l estensione della zona essurata mitigando l incremento di spinta all imposta. Per valutare il grado di sicurezza della cupola rinorzata vanno eettuate: la veriica a trazione del composito; la veriica di delaminazione, come indicato al Regime lessionale Il regime lessionale è generalmente localizzato all imposta della cupola o lungo il bordo di eventuali lanterne. In particolare, il regime lessionale può provocare il collasso degli spicchi delimitati dalle essure meridiane. Se la portanza degli spicchi è dettata da un meccanismo con apertura delle imposte, la cupola può essere presidiata applicando i suddetti rinorzi circonerenziali all imposta. Se la portanza dei segmenti arcuati è invece dettata da un meccanismo con imposte isse, i rinorzi circonerenziali all imposta risultano inerti. In tal caso, per presidiare la cupola, i rinorzi vanno applicati lungo i meridiani oppure lungo i paralleli in corrispondenza delle reni. Per valutare il grado di sicurezza della cupola rinorzata vanno eettuate: la veriica a pressolessione; la veriica a taglio; la veriica di delaminazione. Per la veriica a pressolessione e per quella nei conronti del taglio complanare con il generico e- lementino di volta si procede in termini di caratteristiche speciiche (cioè rierite all unità di lunghezza), in analogia con quanto già precedentemente indicato nei e

62 Occorre tenere in debito conto le eventuali riduzioni di resistenza derivanti dalle interazioni tra le varie componenti di tensione agenti contemporaneamente sulle quattro acce contenute nello spessore del generico elementino di volta. Almeno, va considerata l interazione tra le due pressolessioni nonché quella tra i due tagli complanari. Per quanto attiene alle pressolessioni, particolare attenzione va riservata al caso in cui le zone tese e compresse in una delle due direzioni siano invertite rispetto all altra direzione. In tal caso, in via approssimata, salvo determinazioni più rigorose, si può assumere che la somma dei valori assoluti dei due momenti sollecitanti di progetto, ciascuno rapportato al competente valore assoluto del momento resistente di progetto, calcolato in presenza del concomitante sorzo normale sollecitante, sia minore o al più uguale all unità. In caso contrario, la resistenza lessionale speciica in ciascuno dei due piani può assumersi, salvo determinazioni più rigorose, pari a quella risultante in una situazione di sollecitazione monoassiale. Per quanto attiene ai tagli complanari all elementino, si può ragionare in una maniera analoga a quanto già atto per il primo dei due casi sopra trattato. Si rileva che le resistenze lessionali e taglianti di calcolo vanno valutate con rierimento alle competenti resistenze di progetto a compressione della muratura, tenendo conto delle dierenze esibite da quest ultima nei riguardi della compressione in direzione ortogonale e parallela alla tessitura ( 4.2.3). Ai ini della veriica nei conronti del taglio ortogonale al piano dell elementino non si deve tener conto del rinorzo di FRP e si deve procedere come nel caso delle murature non riorzate, operando sempre i termini di caratteristiche speciiche e tenendo in debito conto gli eetti delle interazioni tra sollecitazioni diverse. Per la veriica di delaminazione va tenuto in conto l azione normale al piano di adesione secondo quanto indicato al Per garantire il corretto unzionamento del rinorzo all imposta della cupola, quest ultimo deve essere opportunamente esteso ed ancorato alla struttura sottostante, ricorrendo eventualmente a dispositivi meccanici Volte a doppia curvatura su pianta quadrata L intervento di rinorzo di volte a vela, ovvero volte di traslazione su pianta quadrata, spesso presenti in ediici cellulari con vani di modeste dimensioni, deve innanzitutto interessare la gabbia muraria: l integrità e la rigidezza di quest ultima consente alla struttura voltata di equilibrare i carichi verticali con stati tensionali di sola compressione. Ove non si ritenga di poter conseguire pienamente tale risultato, i rinorzi sulla volta possono limitarsi ai pennacchi d angolo, nei quali la trazione è prevista in direzione ortogonale alle diagonali del vano. 4.6 CONFINAMENTO DI COLONNE DI MURATURA Il coninamento di elementi strutturali prevalentemente compressi ha lo scopo di incrementare la loro resistenza e deormazione ultima. Inoltre, lo stesso intervento può migliorare la risposta strutturale in condizioni di esercizio. Il coninamento di elementi strutturali di muratura, sottoposti a prevalente sollecitazione di sorzo assiale, si attua attraverso la predisposizione di un sistema di elementi resistenti a trazione che, contrastando la dilatazione trasversale dell elemento strutturale, coneriscono alla muratura un beneico stato di compressione triassiale. Simili interventi sono praticati sia per la riparazione di elementi danneggiati o deteriorati, sia per il rinorzo di elementi integri in vista di un adeguamento statico o sismico della struttura di appartenenza. Il sistema di elementi di coninamento può essere realizzato con tessuti, lamine e barre (altrimenti dette tiranti) di FRP. I tessuti sono applicati sul contorno come asciatura esterna continua (ricoprimento) o discontinua (cerchiatura); le barre sono disposte all interno della colonna per realizzare cuciture armate opportunamente diuse. 55

63 Le cuciture interne vengono realizzate alloggiando le barre di FRP in ori praticati secondo due direzioni ortogonali della sezione trasversale. L insieme delle barre disposte alla stessa quota secondo ognuna di tali direzioni orma uno strato (Figura 4-6). Le cuciture sono in grado di contrastare le dilatazioni trasversali che nascono nell elemento strutturale in conseguenza della compressione assiale. Le barre di cucitura sono rese solidali alla muratura mediante saturazione del oro con materiale adesivo o per mezzo di sistemi di contrasto alle estremità. strati di barre di cucitura Figura 4-6 Sezione longitudinale di una colonna con barre disposte in due direzioni ortogonali. Nel caso in cui si realizzi un intervento di coninamento che preveda sia cuciture interne che una asciatura esterna, si consiglia di utilizzare barre e tessuti di caratteristiche meccaniche simili. Nella quantiicazione degli eetti del coninamento su elementi compressi di muratura, si utilizzano i parametri meccanici di progetto determinati sperimentalmente o deiniti dalla Normativa vigente sulla base dei materiali componenti Resistenza di progetto a compressione centrata dell elemento coninato La veriica di elementi strutturali coninati viene condotta valutando l azione esercitata dalla asciatura e dai tiranti, in unzione della geometria e della tipologia del sistema a base di FRP utilizzato. Per la valutazione della pressione di coninamento è buona norma disporre le ibre in direzione perpendicolare all asse dell elemento. In caso di disposizione ad elica l eicacia del coninamento va opportunamente valutata. La veriica dell elemento coninato consiste nell accertare che sia soddisatta la seguente limitazione: N Sd N, (4.21) Rmc,d essendo N Sd il valore di progetto dell azione assiale agente (da valutarsi, per le diverse combinazioni di carico prevedibili, come prescritto dalla Normativa vigente) e N Rmc,d il valore di progetto della resistenza della colonna coninata. La resistenza assiale di progetto, N, è deinita come segue: Rmc,d 1 N A A, (4.22) Rmc,d m mcd m md Rd dove il coeiciente parziale Rd deve essere assunto pari a 1.10 (Tabella 2-2, 2.4.2), il simbolo A m rappresenta l area della sezione trasversale dell elemento coninato, rappresenta la resistenza a compressione della muratura non coninata e mcd è il valore di progetto della resistenza a compressione dell elemento coninato. Alla resistenza di progetto, mcd, di un elemento coninato soggetto ad un valore l della pressione 56 md

64 di coninamento (deinita nel seguito in unzione delle caratteristiche del sistema di elementi coninanti), contribuisce soltanto una quota parte di quest ultima, l,e, detta pressione eicace di coninamento : mcd k', (4.23) md l,e dove k ' è un coeiciente (adimensionale) di incremento della resistenza. Il valore del coeiciente di incremento della resistenza k ' può essere stabilito sulla base di risultati sperimentali relativi a provini di muratura di caratteristiche analoghe a quelle considerate nell intervento di coninamento. In alternativa è possibile assumere la seguente relazione: g 1000 m k ', (4.24) essendo g m la densità di massa della muratura espressa in kg/m 3. La pressione eicace di coninamento, l,e, è unzione della orma della sezione e delle modalità di intervento. Indicato con V m il volume dell elemento murario e con V c,e il volume della porzione eicacemente coninata, si introduce il seguente coeiciente di eicienza: k e V c,e V, (4.25) m in unzione del quale può essere deinita la pressione eicace di coninamento. Il coeiciente di eicienza, k e, può essere espresso come prodotto di un coeiciente di eicienza orizzontale, k H, per uno di eicienza verticale, k V : l, e ke l kh kv l. (4.26) L eicacia dell intervento di coninamento può essere altresì alterata dalla disposizione a spirale della asciatura esterna. Se è l angolo di inclinazione delle ibre rispetto al piano della sezione trasversale dell elemento, si introduce il seguente coeiciente k : k α tg. (4.27) L introduzione di tale coeiciente, moltiplicativo della pressione di coninamento, l, penalizza la pressione eicace di coninamento, l,e, indotta dalla asciatura esterna per eetto dell inclinazione da essa presentata. Il suddetto coeiciente riguarda soltanto il contributo della asciatura esterna e- ventualmente realizzata a spirale. Il contributo di tiranti disposti ortogonalmente all asse della colonna non è invece aetto da tale coeiciente. Al ine di limitare deormazioni assiali e danneggiamenti in condizioni di esercizio, è opportuno contenere l incremento di resistenza dell elemento coninato entro valori non superiori al 50% della resistenza, md, del materiale non coninato Coninamento di colonne circolari Si deiniscono, nell ordine, le seguenti due quantità adimensionali, corrispondenti al rapporto geometrico relativo al rinorzo della asciatura esterna ed a quello relativo ad eventuali tiranti: 57

65 4t b D p n A b b, b D pb, (4.28) dove: - t è lo spessore del rinorzo, - b è l altezza della striscia, - D è il diametro esterno della sezione trasversale, - p è il passo delle strisce (misurato in asse), - n b è il numero di barre che costituiscono il generico strato (per la sezione circolare si ipotizza che tutti gli strati siano realizzati con lo stesso numero di barre), - A b è l area della sezione della singola barra, - p b è la distanza (misurata in asse) tra due strati consecutivi costituiti da barre disposte lungo la medesima direzione. Nel caso di asciatura continua il rapporto si specializza in 4 t D. In condizione di equilibrio limite, la pressione di coninamento, l, può essere calcolata con la relazione che segue: 1 l ( E 2 b Eb ) d,rid, (4.29) 2 essendo E e E b, rispettivamente, i moduli di elasticità normale del ricoprimento di FRP (nella direzione delle ibre) e dei tiranti, ed d,rid un opportuno valore ridotto di calcolo della deormazione del rinorzo all atto del collasso della colonna. Nel caso di applicazione combinata di tessuti e barre, la deormazione ridotta di calcolo del composito, b,rid, può essere assunta pari a: essendo a il attore di conversione ambientale, min ;, (4.30) (r) (r) (b) (b) d,rid a k a k (r) k e (b) k, rispettivamente, la deormazione ultima (r) (b) della asciatura e delle barre, e, nell ordine, i coeicienti parziali del composito ibrorinorzato della asciatura e delle barre (Tabella 2-1; per le barre, non comprese nella tabella, si suggerisce il valore =1.50). (b) Per le sezioni circolari, il coeiciente di eicienza orizzontale, k H, relativo alla asciatura esterna, è pari a 1. Il coeiciente di eicienza verticale, k V, è pari a 1 nel caso di asciatura continua. Qualora la disposizione delle ibre sia ad elica, si deve ridurre opportunamente l eicienza del coninamento in unzione dell inclinazione delle ibre, introducendo il coeiciente k (eq. (4.27)). In caso di una asciatura discontinua di elementi murari a sezione circolare di diametro D (Figura 4-7), composta cioè da cerchiature di altezza b disposte ad interasse p, il coeiciente di eicienza verticale, k V, può essere calcolato mediante la relazione: dove p ' è la distanza netta tra le strisce. 2 ' p k V 1, (4.31) 2 D 58

66 b p p Zona non coninata D p /2 D Figura 4-7 Sezione circolare coninata con asciatura discontinua. Il coninamento di elementi a sezione circolare mediante sola cucitura con barre di FRP consente di conseguire incrementi di resistenza a compressione minori di quelli ottenuti mediante l utilizzo di asciatura esterna. Pertanto, applicazioni di questo tipo devono essere opportunamente vagliate ed analizzate. Nel caso di cucitura dell elemento murario mediante barre di FRP, le barre disposte secondo una direzione vanno salsate in altezza rispetto a quelle disposte nella direzione ortogonale; inoltre, l interasse ra le barre disposte nella stessa direzione non deve essere maggiore di D/5. La riduzione della sezione coninata nelle zone intermedie tra due strati contigui di cuciture, similmente a quanto ipotizzato per le sezioni circolari con asciatura esterna discontinua, è da imputare al enomeno di diusione tensionale, schematizzabile attraverso una legge parabolica con angoli di attacco pari a 45. In assenza di valutazioni più approondite del volume eicacemente coninato, il coeiciente di eicienza deinito dalla relazione (4.25) può essere valutato mediante la ormula (4.31) sostituendo alla quantità p il passo p b ra le cuciture Coninamento di colonne quadrate o rettangolari Il coninamento mediante rivestimento di FRP di elementi a sezione quadrata o rettangolare consente di conseguire solo modesti incrementi della resistenza a compressione. Applicazioni di questo genere devono pertanto essere attentamente vagliate ed analizzate. Prima dell applicazione del sistema a base di FRP è opportuno procedere ad un arrotondamento degli spigoli della sezione con raggio minimo di 20 mm, allo scopo di evitare pericolose concentrazioni di tensione, che potrebbero condurre ad una prematura rottura del sistema di coninamento. La pressione di coninamento, l, di un elemento di sezione rettangolare, di dimensioni b e h, può essere valutata mediante la seguente relazione: 1 l min, x E 2 b, x Eb ;, y E 2 b, y Eb d, rid, (4.32) 2 nella quale i parametri adimensionali,x,,y, b,x, b,y sono deiniti come (Figura 4-8):,x 4t b h p 4t b b p,,y, b, x nb, x A p h b b, b, y nb, y A p b b b, (4.33) essendo n b,x ed n b,y il numero di barre disposte negli strati orditi nelle direzioni x e y, rispettivamente. Nel caso di sola asciatura continua la pressione di coninamento può essere valutata mediante la re- 4 t max b, h e b = 0. lazione (4.29) assumendo 59

67 Con rierimento ad una sezione rettangolare coninata mediante applicazione di un rinorzo esterno continuo, rappresentata in Figura 4-8, si può ritenere che l area di muratura eettivamente coninata sia solo una parte di quella complessiva per l instaurarsi di un eetto arco dipendente dal raggio di curvatura con cui è stato arrotondato lo spigolo della sezione. Zona non coninata r c x h h y b = b 2 r c b Figura 4-8 Coninamento di sezioni rettangolari con asciatura esterna. Il coeiciente di eicienza orizzontale è ornito dal rapporto tra l area coninata e quella totale, A m : k H '2 '2 b h 1 3 A m, (4.34) dove b e h sono le dimensioni indicate in Figura 4-8. In assenza di adeguate prove sperimentali, che ne comprovino l eicacia, non va considerato l eetto del coninamento esterno su sezioni rettangolari per le quali b/h>2, ovvero max{ b, h} 900mm. L utilizzo combinato di una asciatura esterna e di cuciture interne realizzate con barre può contribuire ad aumentare l area della sezione eicacemente coninata in sezioni quadrate, rettangolari (Figura 4-9) o di orma più articolata. Figura 4-9 Coninamento di elementi di muratura per mezzo di tessuti, senza e con barre di FRP. In caso di una asciatura discontinua di elementi murari con rinorzi di FRP di altezza b disposti ad interasse p (Figura 4-7), il coeiciente di eicienza verticale può essere calcolato attraverso la relazione: 2 ' p kv 1. (4.35) 2 min{ b, h } Qualora la disposizione delle ibre sia ad elica, si deve ridurre opportunamente l eicienza del coninamento in unzione dell inclinazione delle ibre, introducendo il coeiciente k (eq. (4.27)). Nel caso di cucitura dell elemento murario mediante barre di FRP, le barre disposte secondo una direzione vanno salsate in altezza rispetto a quelle disposte nella direzione ortogonale. Con rierimento alla Figura 4-10, si può ritenere che l area di muratura eettivamente coninata risulti ridotta 60

Interventi con FRP-rafforzamento locale di nodi d angolo

Interventi con FRP-rafforzamento locale di nodi d angolo Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2012 2013 Pro. Felice C. Ponzo Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata Interventi con FRP-raorzamento locale di nodi d angolo Ing. Gianluca AULETTA

Dettagli

Rinforzo di Strutture Murarie

Rinforzo di Strutture Murarie Rinorzo di Strutture Murarie Veriiche di elementi strutturali ricorrenti: Ribaltamento di pannelli murari Flessione di pannelli uori del piano Flessione e taglio di pannelli nel piano Architravi e asce

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo di Compositi Fibrorinforzati

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo di Compositi Fibrorinforzati CNR Commissione di Studio per la Predisposizione e l Analisi di Norme Tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L ANALISI DI NORME

Dettagli

CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L ANALISI DI NORME

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l.

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l. Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato 2S.I. s.r.l. www.2si.it Ing. Marco Pizzolato Ing. Gennj Venturini 201310 Introduzione Una volta modellato un edificio esistente è possibile assegnare

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo di Compositi Fibrorinforzati

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo di Compositi Fibrorinforzati CNR Commissione incaricata di ormulare pareri in materia di normativa tecnica relativa alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE INCARICATA DI FORMULARE PARERI IN MATERIA DI NORMATIVA

Dettagli

Indice. Prefazione. Premessa ... XXVII. Introduzione ...XXIX. Simbologia ... XXXIII. Acronimi ... XXXIX. CAPITOLO 1 I materiali ...

Indice. Prefazione. Premessa ... XXVII. Introduzione ...XXIX. Simbologia ... XXXIII. Acronimi ... XXXIX. CAPITOLO 1 I materiali ... Prefazione Premessa Introduzione Simbologia Acronimi... XXV... XXVII...XXIX... XXXIII... XXXIX CAPITOLO 1 I materiali 1.1 INTRODUZIONE...1 1.2 LE CARATTERISTICHE DEL RINFORZO...2 1.2.1 Le principali fibre

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO - Classiicazione e veriica sezioni - Modelli sismo-resistenti dissipativi per le strutture in acciaio - Veriiche per gli elementi dissipativi - Applicazione della Gerarchia

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

Prove di aderenza su elementi in c.a. rinforzati con CFRP

Prove di aderenza su elementi in c.a. rinforzati con CFRP Materiali ed Approcci Innovativi per il Progetto in Zona Sismica e la Mitigazione della Vulnerabilità delle Strutture Università degli Studi di Salerno & Consorzio ReLUIS Salerno 12-13 Febbraio 2007 Prove

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013

GUIDA DELL UTENTE. Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013 PARETI Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE Pareti duttili sismoresistenti in c.a. p. 2 by FERRARI ing.

Dettagli

RINFORZO PER CARICHI VERTICALI: STRUTTURE IN CA

RINFORZO PER CARICHI VERTICALI: STRUTTURE IN CA GLI INTERVENTI POST SISMA RINFORZO PER CARICHI VERTICALI: STRUTTURE IN CA Relatore: Ing. Adriano DICUONZO, Ph.D. Funzionario del Servizio Tecnico Bacino Reno Struttura Competente in Materia Sismica Regione

Dettagli

RINFORZO PER CARICHI VERTICALI: STRUTTURE IN CA

RINFORZO PER CARICHI VERTICALI: STRUTTURE IN CA GLI INTERVENTI POST SISMA RINFORZO PER CARICHI VERTICALI: STRUTTURE IN CA Relatore: Ing. Adriano DICUONZO, Ph.D. Funzionario del Servizio Tecnico Bacino Reno Struttura Competente in Materia Sismica Regione

Dettagli

Studi Preliminari finalizzati alla redazione di

Studi Preliminari finalizzati alla redazione di CNR Commissione incaricata di formulare pareri in materia di normativa tecnica relativa alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE INCARICATA DI FORMULARE PARERI IN MATERIA DI NORMATIVA

Dettagli

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio Università degli Studi di Cagliari Esercitazione: Ediicio ultipiano in Acciaio Sommario Introduzione.... Analisi dei carichi... 3. Veriica delle travi... 5.. Trave N... 5.. Trave N... 7.3. Trave N 3...

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Ricercatore di Tecnica delle Costruzioni Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

I MATERIALI INNOVATIVI PER LA

I MATERIALI INNOVATIVI PER LA CONVEGNO DI STUDIO: SINERGIE PER UN CONDOMINIO SICURO I MATERIALI INNOVATIVI PER LA RIQUALIFICAZIONE IMMOBILIARE Dott. Ing. Saverio Spadea Dottore di Ricerca in Ingegneria delle Strutture e del Recupero

Dettagli

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 INTRODUZIONE La verità scomoda di Al Gore che mette in luce i pericoli per

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI

VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI Giornata di Approondimento Tecnico sulle Costruzioni di Legno con presentazione del Documento CNR-DT 06/007 - Venezia, 6 settembre 008 CNR-DT 06/007 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed VERIFICA

Dettagli

idomini MANUALE UTENTE

idomini MANUALE UTENTE idomini MANUALE UTENTE Introduzione al software per la determinazione dei domini di resistenza di sezioni in cemento armato e cemento armato rinforzato con FRP. COPYRIGHT idomini e tutta la relativa documentazione

Dettagli

Il controllo di accettazione di materiali fibrorinforzati per il rinforzo strutturale

Il controllo di accettazione di materiali fibrorinforzati per il rinforzo strutturale Il controllo di accettazione di materiali ibrorinorzati per il rinorzo strutturale COKIT: un sistema per la caratterizzazione di materiali compositi per le costruzioni Giulia Fava, Carlo Poggi Dipartimento

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

Esempi di applicazione

Esempi di applicazione 1 I compositi firosi vengono impiegati ogni qualvolta vi sia da assorire uno sforzo di trazione pura o di trazione prodotta dalla flessione o dal taglio. Il rinforzo a flessione viene realizzato mediante

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Strutture di Calcestruzzo Armato con Barre di Materiale Composito Fibrorinforzato

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Strutture di Calcestruzzo Armato con Barre di Materiale Composito Fibrorinforzato CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L ANALISI DI NORME

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

il materiale in questione presenta una caratteristica tensione deformazione ben approssimabile con una legge del tipo σ = c ε n in cui:

il materiale in questione presenta una caratteristica tensione deformazione ben approssimabile con una legge del tipo σ = c ε n in cui: Esercizio C. Ricalcatura libera di rame ricotto Si vuole eseguire la ricalcatura libera di un cilindro di rame ricotto di altezza e diametro pari a millimetri, ino a portarlo ad un'altezza di 7 millimetri.

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM 1 1. Premessa La presente relazione ha per oggetto lo studio delle strutture in cemento armato in cui il rinforzo interno, anzichè

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI Il Manuale della Presagomatura 13 2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI 2.1 Ancoraggi Le barre di armatura, i fili o le reti elettrosaldate devono essere ancorate in modo tale da consentire

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A.

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria D.I.S.T.A.R.T. Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Appunti dai seminari tenuti dal ing. Ferretti XVII ciclo del dottorato

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 9 gennaio 1996.

DECRETO MINISTERIALE 9 gennaio 1996. DECRETO MINISTERIALE 9 gennaio 1996. Norme tecniche per il calcolo, l esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche. SOMMARIO Parte generale

Dettagli

!"#!!$#!!"!$$% che pone l Italia in posizione di avanguardia tecnica nel settore.

!#!!$#!!!$$% che pone l Italia in posizione di avanguardia tecnica nel settore. !"#!!$#!!"!$$% Si fa nel seguito riferimento alla tecnologia SIKA Italia s.p.a. e al riferimento bibliografico: Carotti A., Composti FibroRinforzati. Costruzioni e Rinforzi strutturali in CPFR, CLUP 2003

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

I MATERIALI COMPOSITI FIBRORINFORZATI IN EDILIZIA CARATTERISTICHE, APPLICAZIONI E QUADRO NORMATIVO

I MATERIALI COMPOSITI FIBRORINFORZATI IN EDILIZIA CARATTERISTICHE, APPLICAZIONI E QUADRO NORMATIVO I MATERIALI COMPOSITI FIBRORINFORZATI IN EDILIZIA CARATTERISTICHE, APPLICAZIONI E QUADRO NORMATIVO ing. Francesco Monni MATERIALE COMPOSITO: materiale costituito dall abbinamento di due o più materiali

Dettagli

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI Claudio Barandoni Pisa 01/07/2015 Ingegnere Civile Edile Dottore di Ricerca in Materiali e strutture per L Architettura Via F. Rismondo, 39 56123 PISA MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA

Dettagli

A. Balsamo 1, I. Iovinella 2 and M.I. Verbicaro 3

A. Balsamo 1, I. Iovinella 2 and M.I. Verbicaro 3 WORKSHOP I Collegamenti nelle Strutture Prefabbricate Connnections in Precast Structures Università degli Studi di Bergamo ACI Italy Chapter, Dalmine, Italy, 5 October 2012 WORKSHOP I Collegamenti nelle

Dettagli

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 16 gennaio 2008 Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo 4.3.1 Valutazione della sicurezza Definizione: Le strutture composte sono costituite da parti realizzate

Dettagli

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche plizzari@ing.unibs.it Università di Brescia Corso di Tecnica delle Costruzioni Verifica di una struttura esistente Corso Tecnica delle Costruzioni 2/71 Comportamento

Dettagli

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA 1 Progetto CARFIB integrato ai sistemi VHDRS MuCis 4. I SISTEMI RAZIONALI DI RINFORZO CON COMPOSITI NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE Vigili del fuoco Belluno Ing. Giuseppe Lomoro ing. giuseppe lomoro 1 Certificazione (voce di Wikipedia) Il certificato, in

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

PREMESSA: APPLICAZIONI:

PREMESSA: APPLICAZIONI: PRETENDI L'ITALIA PREMESSA: L utilizzo dei materiali compositi in Ingegneria e Architettura per il recupero, rinforzo, protezione e messa in sicurezza strutturale, sta crescendo rapidamente in particolare

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

Elementi strutturali e collegamenti in acciaio

Elementi strutturali e collegamenti in acciaio Acciaio 1 Elementi strutturali e collegamenti in acciaio Il materiale di seguito riportato è liberamente tratto da appunti preparati nel 1998 da A. D Aveni e F. Neri per il corso di Progetto di strutture

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI erifica agli stati limite: la sollecitazione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

FRP PROFILES PROFILI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO

FRP PROFILES PROFILI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO FRP PROFILES 2008 FRP PROFILES PROFILI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO COSA SONO I PROFILI PULTRUSI? I Profili Pultrusi sono elementi in profilo sottile di materiale composito ottenuti con la tecnica

Dettagli

Danni ed interventi su strutture in c.a. e muratura

Danni ed interventi su strutture in c.a. e muratura CORSO CINEAS Valutazione dei danni da calamità naturali Palermo, 19 ottobre 2011 Danni ed interventi su strutture in c.a. e muratura Andrea Prota aprota@unina.it Ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

ELEMENTI PER SOLAIO IN LAMELLARE

ELEMENTI PER SOLAIO IN LAMELLARE ELEMENTI PER SOLAIO IN LAMELLARE IL SISTEMA INTELLIGENTE. Elementi per solaio in lamellare HASSLACHER NORICA TIMBER 1 FROM WOOD TO WONDERS. INDICE TROVERETE MOLTO DI PIÙ ALL INTERNO. Pagina 01 Preazione

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Sintesi dei dati. aver eliminato una uguale percentuale di valori estremi sia in basso sia in alto.

TRACCIA DI STUDIO. Sintesi dei dati. aver eliminato una uguale percentuale di valori estremi sia in basso sia in alto. TRACCIA DI STUDIO Sintesi dei dati Per concentrare l inormazione di una serie di misure, è necessario identiicare un indice in grado di rappresentare correttamente la tendenza di un enomeno con una perdita

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Costruzioni in legno Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Bozza del 18/5/21 Costituzione del tronco Bozza del 18/5/21 Difetti Bozza del 18/5/21 Relazione tra Umidità, Umidità relativa e Temperatura

Dettagli

DISPOSITIVI MECCANICI PER L ANCORAGGIO L LAMINE DI FRP NEGLI INTERVENTI DI RINFORZO A FLESSIONE O A PRESSOFLESSIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI DI C.A.

DISPOSITIVI MECCANICI PER L ANCORAGGIO L LAMINE DI FRP NEGLI INTERVENTI DI RINFORZO A FLESSIONE O A PRESSOFLESSIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI DI C.A. Materiali ed Approcci Innovativi per il Progetto in Zona Sismica e la Mitigazione della Vulnerabilità delle Strutture Università degli Studi di Salerno, 12-13 13 Febbraio 2007 DISPOSITIVI MECCANICI PER

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO pull PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO - Sistema IDES-Wrap con Tessuto UNI-direzionale IDES-Wrap C-UNI/220 IDES-Wrap C-UNI/320 IDES-Wrap C-UNI/420 - Sistema IDES-Wrap con

Dettagli

Disposizioni costruttive per edifici in c.a.

Disposizioni costruttive per edifici in c.a. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 28 novembre 2003

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IL CONSOLIDAMENTO DI MURATURE STORICHE ovvero: valutazione e caratteristiche

Dettagli

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità)

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) DI SEGUITO ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA CHE SONO STATE INTRODOTTE DI RECENTE OPPURE CHE VERRANNO INTRODOTTE NELLA VERSIONE VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) MASTERSAP

Dettagli

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI Le opere e le componenti strutturali devono essere progettate, eseguite, collaudate e soggette a manutenzione in modo tale da consentirne la prevista

Dettagli

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi www.seicocompositi.it 360 soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi L azienda SERVIZI_ PROGETTAZIONI VENDITA e ASSISTENZA Con tecnici altamente qualificati SEICO COMPOSITI offre un servizio completo

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI OGGETTO LAVORI Committente: FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI Il Progettista Strutturale VERIFICA DELLE RIGIDEZZE. La rigidezza iniziale (K in ) si calcola con la formula: K = GAEl 2 h 3 G1,2hEl 2 dove: E,G

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

Il controllo di accettazione di materiali fibrorinforzati per il rinforzo strutturale

Il controllo di accettazione di materiali fibrorinforzati per il rinforzo strutturale Il controllo di accettazione di materiali rorinorzati per il rinorzo strutturale COKIT: un sistema per la caratterizzazione di materiali compositi per le costruzioni Pro. Carlo Poggi e Ing. Giulia Fava

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità

LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità LEZIONE N 7 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Generalità Introduzione al cemento armato precompresso (c.a.p.) Gli stati di coazione e il concetto di pre-sollecitazione Lo stato di precompressione nel c.a.p

Dettagli