Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio"

Transcript

1 Università degli Studi di Cagliari Esercitazione: Ediicio ultipiano in Acciaio Sommario Introduzione.... Analisi dei carichi Veriica delle travi Trave N Trave N Trave N Trave N Veriica dei pilastri Pilastrata N... 7

2 Introduzione Normativa di rierimento: -Norme tecniche per le costruzioni 008.

3 . Analisi dei carichi Pesi dei materiali dalla Tabella 3..I delle Norme Tecniche -Il solaio è realizzato in: -lamiera grecata con soletta collaborante -strato di cls alleggerito per il passaggio degli impianti di 80 mm del peso di kn/m 3 -pavimento in piastrelle di 0 mm del peso di 0 kn/m 3. Carichi permanenti non strutturali strato di cls alleggerito kn/m m, kn/m pavimento in piastrelle di 0 mm del peso di 0 kn/m 3 0.0m 0, kn/m peso totale,5 kn/m -Sul solaio sono presenti dei tramezzi così ormati: -Intonaco civile spessore 5 mm e peso unitario 0 kn/m 3 -uratura in orati spessore 00 mm e peso a m di parete 0,9 kn/m I tramezzi sono alti 3,30 m. intonaco 0 kn/m m 0,3 kn/m uratura in orati 0,9 kn/m intonaco 0 kn/m m 0,3 kn/m peso totale,5 kn/m I carichi dovuti ai tramezzi possono essere ragguagliati ad un carico permanente portato uniormemente distribuito che nel caso di un peso per unità di lunghezza pari a,5 kn/m 3.30m,95 kn/m è pari a,00 kn/m. (par Carichi variabili - Carichi variabili pari a kn/m per ediici ad uso uicio non aperto al pubblico (par.3.. I carichi con i quali verrà dimensionata la lamiera grecata sono i carichi permanenti non strutturali ed i carichi variabili. Carichi permanenti non strutturali 3,5 kn/m

4 Carichi variabile,00 kn/m peso totale 5,5 kn/m -Scelta del tipo di solaio Considerando un carico di 5,5 kn/m ed una luce di, m si opta per un solaio in lamiera grecata con getto di calcestruzzo collaborante con le seguenti caratteristiche: -lamiera tipo HI-BOND Type A55/P 600 -calcestruzzo della classe Rck 50 -Altezza del solaio 0 cm -spessore della lamiera 0,70 mm -Peso proprio del solaio:,9 kn/m Riepilogo analisi dei carichi -Peso proprio del solaio:,9 kn/m - Carichi permanenti non strutturali 3,5 kn/m -Carichi variabile,00 kn/m -Caratteristiche dell acciaio (par..3.. odulo elastico E0000 N/mm odulo di elasticità trasversale G80769 N/mm Densità ρ7850 kg/m 3 Tensione di snervamento 75 N/mm Tensione di rottura tk 30 N/mm

5 . Veriica delle travi.. Trave N -Predimensionamento della trave Considerando una luce di,8 m ed un rapporto h/l, altezza trave/luce, pari a /6-/0 si assume una trave di h0 mm. -Dati del proilo: -altezza h 0 mm -larghezza b 0 mm -spessore delle ali t 9,8 mm -spessore dell anima t w 6, mm -raggio di raccordo r 5 mm -area A 39 mm -momento d inerzia rispetto all asse orte I x 389 cm -modulo di resistenza astico rispetto all asse orte W,x 366,6 cm 3 -Peso per unità di lunghezza g t 0,3 kn/m -Classiicazione del proilo per le azioni lettenti (par acciaio S75 ε 0, 9 con y 75N/mm tensione di snervamento dell acciaio. y d 33, < 7 l anima appartiene alla classe, t w ε dove dh- (t +r è l altezza dell anima. c,6 < 9 l ala appartiene alla classe, t ε dove c(b- r-t w /. a sezione è classiicata in base alla classe della componente più alta, nel nostro caso la sezione appartiene alla classe. -Carichi sulla trave Peso proprio della trave: 0,3 kn/m Peso proprio del solaio:, 9 kn/m,m,56 kn/m Carichi permanenti portati: 3,5 kn/m,m 8,5 kn/m Carichi variabili:,00 kn/m,m,8 kn/m -Combinazione di carico SU (par..6. F sd G G + G G + Q Q K dove: G,3 G Carichi permanenti G,5 G Carichi permanenti non strutturali Q,5 Q K Carichi variabili Carico a metro lineare:

6 F sd,3 (0,3 +,56 +,5 8,5 +,5,8 6, knm -Calcolo delle sollecitazioni assimo taglio sollecitante: Fsd 6,,8 Vsd 6, 9kN assimo momento sollecitante: Fsd 6,,8 sd 75, 5kNm 8 8 -Calcolo della resistenza a taglio (par... A V A-b t +(t w + rt 9,7 mm / 3 75 VPl Rd Av 9, N 89, 8kN, Poiché si ha V sd 6,9kN<V Pl,Rd 89,8kN la veriica risulta soddisatta. Poiché il taglio sollecitante V sd non risulta mai superiore al 50% del taglio resistente astico V Pl,Rd si può trascurare l interazione tra il taglio e il momento lettente nella successiva veriica. -Calcolo della resistenza al momento lettente Il momento resistente di progetto è (essendo la sezione di classe: 75 c, Rd W N 96, 0kNm 0.05 Poiché si ha sd 75,5kNm< c,rd 96,0kNm la veriica risulta soddisatta. -Veriica agli stati limite di esercizio (deormazione (par... Spostamenti e deormazioni che possano compromettere l eicienza e l aspetto di elementi non strutturali, o che possano limitare l uso della costruzione, la sua eicienza e il suo aspetto. δ tot δ + δ δ δ δ c Spostamento elastico dovuto ai carichi permanenti Spostamento elastico dovuto ai carichi variabili monta iniziale della trave δ max spostamento inale depurato della monta iniziale δ tot - δ c Abbassamento totale: 5 [0,3 + (,56 + 8,5 +,8] 800 δ max (389 0 Abbassamento dovuto ai carichi variabili: 5,8 800 δ,mm 6mm( ( ,3mm 9,mm( 50

7 .. Trave N -Dati del proilo: -altezza h 0 mm -larghezza b 0 mm -spessore delle ali t 9,8 mm -spessore dell anima t w 6, mm -raggio di raccordo r 5 mm -area A 39 mm -momento d inerzia rispetto all asse orte I x 389 cm -modulo di resistenza astico rispetto all asse orte W,x 366,6 cm 3 -Peso per unità di lunghezza g t 0,3 kn/m -Carichi sulla trave Peso proprio della trave: 0,3 kn/m Peso proprio del solaio:, 9 kn/m,m,8 kn/m Carichi permanenti portati: 3,5 kn/m,m,3 kn/m Peso dei pannelli preabbricati esterni: 8,0 kn/m Carichi variabili:,00 kn/m,m, kn/m -Combinazione di carico SU (par..6. F sd G G + G G + Q Q K dove: G,3 G Carichi permanenti G,5 G Carichi permanenti non strutturali Q,5 Q K Carichi variabili Carico a metro lineare: F sd,3 (0,3+,8 +,5 (,3 + 8,0 +,5, 5, 3kNm -Classiicazione del proilo per le azioni lettenti (par acciaio S75 ε 0, 9 con y 75N/mm tensione di snervamento dell acciaio. y d 33, < 7 l anima appartiene alla classe, t w ε dove dh- (t +r è l altezza dell anima. c,6 < 9 l ala appartiene alla classe, t ε dove c(b- r-t w /. a sezione è classiicata in base alla classe della componente più alta, nel nostro caso la sezione appartiene alla classe.

8 -Calcolo delle sollecitazioni assimo taglio sollecitante: Fsd 5,3,8 Vsd 60, 75kN assimo momento sollecitante: Fsd 5,3,8 sd 7, 9kNm 8 8 -Calcolo della resistenza a taglio (par... A V A-b t +(t w + rt 9,7 mm / 3 75 VPl Rd Av 9, N 89, 8kN, Poiché si ha V sd 60,75kN<V Pl,Rd 89,8kN la veriica risulta soddisatta. Poiché il taglio sollecitante V sd non risulta mai superiore al 50% del taglio resistente astico V Pl,Rd si può trascurare l interazione tra il taglio e il momento lettente nella successiva veriica. -Calcolo della resistenza al momento lettente Il momento resistente di progetto è (essendo la sezione di classe: 75 c, Rd W N 96, 0kNm 0.05 Poiché si ha sd 7,9kNm< c,rd 96,0kNm la veriica risulta soddisatta. -Veriica agli stati limite di esercizio (deormazione (par... δ tot δ + δ δ δ δ c Spostamento elastico dovuto ai carichi permanenti Spostamento elastico dovuto ai carichi variabili monta iniziale della trave δ max spostamento inale depurato della monta iniziale δ tot - δ c Abbassamento totale: 5 [0,3 + (,8 +, ,] 800 δ max (389 0 Abbassamento dovuto ai carichi variabili: 5, 800 δ,03mm 6mm( ( ,6mm 9,mm( 50

9 .3. Trave N 3 Poiché devo veriicare la trave n 3 devo valutare il carico concentrato traserito su di essa dalle due travi su di essa vincolate. Il carico sulla trave n 3 sarà pari alla metà del carico delle due travi che sono state deinite come trave n. Avremo una F sd ,0kN -Dati del proilo: -altezza h 330 mm -larghezza b 60 mm -spessore delle ali t,5 mm -spessore dell anima t w 7,5 mm -raggio di raccordo r 8 mm -area A 66 mm -momento d inerzia rispetto all asse orte I x 770 cm -momento d inerzia rispetto all asse debole I y 778,0 cm -momento d inerzia torsionale I T 8,5 cm I y ( h t -costante d ingobbamento I ω cm 6 -modulo di resistenza astico rispetto all asse orte W,x 80,3 cm 3 -Peso per unità di lunghezza g t 0,9 kn/m -Classiicazione del proilo per le azioni lettenti (par acciaio S75 ε 0, 9 con y 75N/mm tensione di snervamento dell acciaio. y d 39, < 7 l anima appartiene alla classe, t w ε dove dh- (t +r è l altezza dell anima. c 5,8 < 9 l ala appartiene alla classe, t ε dove c(b- r-t w /. a sezione è classiicata in base alla classe della componente più alta, nel nostro caso la sezione appartiene alla classe. -Calcolo delle sollecitazioni assimo taglio sollecitante taglio dovuto al carico concentrato + taglio dovuto al peso proprio della trave. Fsd.3 0,9,8 Vsd + 6, 5kN assimo momento sollecitante momento dovuto al carico concentrato + momento dovuto al peso proprio della trave. Fsd,8.3 0,9,8 sd + 53, 0kNm 8

10 -Calcolo della resistenza a taglio A V A-b t +(t w + rt 308, mm / 3 75 VPl Rd Av 308, 6598N 66kN, Poiché si ha V sd 65,0 kn<v Pl,Rd 66kN la veriica risulta soddisatta. Poiché il taglio sollecitante V sd non risulta mai superiore al 50% del taglio resistente astico V Pl,Rd si può trascurare l interazione tra il taglio e il momento lettente nella successiva veriica. -Calcolo della resistenza al momento lettente Il momento resistente di progetto è (essendo la sezione di classe: 75 c, Rd W N 0, 7kNm 0.05 Poiché si ha sd 53,0kNm< c,rd 0,7kNm la veriica risulta soddisatta. -Veriica alla stabilità delle aste inlesse (svergolamento Approccio Norme tecniche 008 par...3. Il momento resistente di progetto per i enomeni di instabilità di una trave lateralmente non vincolata può essere assunto pari a: b, Rd χ W 0 Il attore χ è il attore di riduzione per l instabilità lesso-torsionale, dipendente dal tipo di proilo impiegato; può essere determinato per proili laminati o composti saldati dalla ormula:,0 χ Φ + Φ β λ λ Φ [ + α ( λ λ,0 + β λ ] 0,5 Il coeicient α è un attore di impeezione unzione del tipo di sezione. Il attore considera la reale distribuzione del momento lettente tra i ritegni torsionali dell elemento inlesso ed è deinito dalla ormula: [ ( λ 0,8 ] 0,5 ( k c I coeiciente k c è tabellato in unzione del diagramma del momento lettente. Il coeiciente di snellezza adimensionale λ è dato dalla ormula: W λ è il momento itico elastico di instabilità torsionale considerando la sezione lorda del proilo e i ritegni torsionali nell ipotesi di diagramma di momento lettente uniorme: π ψ EI ψ,75,05 B A y GI T + 0,3 π + B A con EI GI B ω T < A

11 Approccio EC3 Il momento resistente di progetto (EC3 per i enomeni di instabilità di una trave lateralmente non vincolata può essere assunto pari a: b, Rd χ W 0 Il attore χ è il attore di riduzione per l instabilità lesso-torsionale, dipendente dal tipo di proilo impiegato; può essere determinato per proili laminati o composti saldati dalla ormula: χ Φ + Φ λ Φ 0,5 [ + α ( λ 0, + λ ] Il coeicient α è un attore di impeezione unzione del tipo di sezione. Il coeiciente di snellezza adimensionale λ è dato dalla ormula: λ W è il momento itico elastico di instabilità torsionale: Con: z g k k w π EI k I ( k GI ( C z ( C z Y ω T C ( + + g ( k k w I Y π EI y distanza tra punto di apicazione del carico e centro di taglio coeiciente di lunghezza eicace nei conronti nei conronti della rotazione di un estremo nel piano coeiciente di lunghezza eicace nei conronti nei conronti dell ingobbamento di un estremo distanza tra due ritegni torsionali I valori di C e C sono tabellati in unzione della condizione di carico e di vincolo. Procedimento Determinazione dei coeicienti: k k ω z g 0 mm C, mm α 0,3 g

12 Calcolo del momento itico: I I , knm π π ω,879 (00 Y 3Calcolo di λ : W λ , Calcolo del attore di riduzione χ : Φ χ 0,5 Φ [ + α ( λ 0, + λ ] 0,5 [ + 0,3 (0,77 0, + 0,77 ] 0, Φ λ 0,68 + 0,68 0,77 0,89 5Calcolo del momento resistente di progetto: 75 b, Rd χ W 0, N 88kNm 0,05 Poiché si ha sd 53,0kNm< b,rd 88,0kNm la veriica risulta soddisatta.

13 -Veriica agli stati limite di esercizio (deormazione δ tot δ + δ δ δ δ c Spostamento elastico dovuto ai carichi permanenti Spostamento elastico dovuto ai carichi variabili monta iniziale della trave δ max spostamento inale depurato della monta iniziale δ tot - δ c Abbassamento totale: 5 0,9 800 δ max (770 0 Abbassamento dovuto ai carichi variabili: 3 (, δ,5mm 6mm( ( [(0,3 +,56 + 8,5 +,8 800] ( ,3mm 9,mm( 50

14 .. Trave N Poiché devo veriicare la trave n devo valutare il carico concentrato traserito su di essa dalla trave su di essa vincolata. Il carico sulla trave n sarà pari alla metà del carico della trave che deinita come n. Avremo una F sd 63,0kN -Dati del proilo: -altezza h 300 mm -larghezza b 50 mm -spessore delle ali t 0,7 mm -spessore dell anima t w 7, mm -raggio di raccordo r 5 mm -area A 538 mm -momento d inerzia rispetto all asse orte I x 8356 cm -momento d inerzia rispetto all asse debole I y 603,8 cm -momento d inerzia torsionale I T 0, cm I y ( h t -costante d ingobbamento I ω cm 6 -modulo di resistenza astico rispetto all asse orte W,x 68, cm 3 -Peso per unità di lunghezza g t 0, kn/m -Classiicazione del proilo per le azioni lettenti (par acciaio S75 ε 0, 9 con y 75N/mm tensione di snervamento dell acciaio. y d 35,0 < 7 ε 66,58 l anima appartiene alla classe, t w dove dh- (t +r è l altezza dell anima. c 5,8 < 9 ε 8,36 l ala appartiene alla classe, t dove c(b- r-t w /. a sezione è classiicata in base alla classe della componente più alta, nel nostro caso la sezione appartiene alla classe. -Calcolo delle sollecitazioni assimo taglio sollecitante taglio dovuto al carico concentrato + taglio dovuto al peso proprio della trave+ taglio dovuto al peso della tamponatura. Fsd.3 0,,8.5 8,00,8 Vsd + + 6, 6kN assimo momento sollecitante momento dovuto al carico concentrato + momento dovuto al peso proprio della trave + momento dovuto al peso della tamponatura. Fsd,8.3 0,,8.5 8,00,8 sd + +, 0kNm 8 8

15 -Calcolo della resistenza a taglio A V A-b t +(t w + rt 568 mm / 3 75 VPl Rd Av N 388kN, Poiché si ha V sd 6,0 kn<v Pl,Rd 388kN la veriica risulta soddisatta. Poiché il taglio sollecitante V sd non risulta mai superiore al 50% del taglio resistente astico V Pl,Rd si può trascurare l interazione tra il taglio e il momento lettente nella successiva veriica. -Calcolo della resistenza al momento lettente Il momento resistente di progetto è (essendo la sezione di classe: 75 c, Rd W N 6, 5kNm 0.05 Poiché si ha sd,0knm< c,rd 6,5kNm la veriica risulta soddisatta. -Veriica alla stabilità delle aste inlesse (svergolamento Approccio EC3 Il momento resistente di progetto (EC3 per i enomeni di instabilità di una trave lateralmente non vincolata può essere assunto pari a: b, Rd χ W 0 Il attore χ è il attore di riduzione per l instabilità lesso-torsionale, dipendente dal tipo di proilo impiegato; può essere determinato per proili laminati o composti saldati dalla ormula: χ Φ + Φ λ Φ 0,5 [ + α ( λ 0, + λ ] Il coeicient α è un attore di impeezione unzione del tipo di sezione. Il coeiciente di snellezza adimensionale λ è dato dalla ormula: λ W è il momento itico elastico di instabilità torsionale:

16 π EI I ( k GI ( C z ( C z Y k ω T C ( + + g ( k k w I Y π EI y g Con: z g k k w distanza tra punto di apicazione del carico e centro di taglio coeiciente di lunghezza eicace nei conronti nei conronti della rotazione di un estremo nel piano coeiciente di lunghezza eicace nei conronti nei conronti dell ingobbamento di un estremo distanza tra due ritegni torsionali I valori di C e C sono tabellati in unzione della condizione di carico e di vincolo. Procedimento Determinazione dei coeicienti: k k ω z g 0 mm C, mm α 0, Calcolo del momento itico: I I , knm π π ω,879 (00 Y 3Calcolo di λ : λ W , Calcolo del attore di riduzione χ : Φ 0,5 [ + α ( λ 0, + λ ] 0,5 [ + 0, (0,50 0, + 0,50 ] 0, 657 χ 0,9 Φ + Φ 0, ,657 0,50 λ 5Calcolo del momento resistente di progetto: 75 b, Rd χ W 0, N 5kNm 0,05 Poiché si ha sd,7knm< b,rd 5,0kNm la veriica risulta soddisatta. -Veriica agli stati limite di esercizio (deormazione Abbassamento totale: 5 (0, δ max ( Abbassamento dovuto ai carichi variabili: 3 (, δ,5mm 6mm( ( [(0,3 +,56 + 8,5 +,8 00] ( ,0mm 9,mm( 50

17 3. Veriica dei pilastri 3.. Pilastrata N -Carichi sul pilastro (poiché l area d inluenza di un pilastro è pari a, m x, m, ogni pilastro porta i carichi di 3, m di solaio: Dati del pilastro HEA 0: -altezza h 0 mm -larghezza b 0 mm -spessore delle ali t mm -spessore dell anima t w 7 mm -raggio di raccordo r 8 mm -area A 63 mm -momento d inerzia rispetto all asse orte I y-y 50 cm -momento d inerzia rispetto all asse debole I z-z 955 cm -Peso per unità di lunghezza g t 0,505 kn/m Dati del pilastro HEA 0: -altezza h 30 mm -larghezza b 0 mm -spessore delle ali t mm -spessore dell anima t w 7,5 mm -raggio di raccordo r mm -area A 768 mm -momento d inerzia rispetto all asse orte I y-y 7763 cm -momento d inerzia rispetto all asse debole I z-z 769 cm -Peso per unità di lunghezza g t 0,603 kn/m Dati del pilastro HEB0: -altezza h 0 mm -larghezza b 0 mm -spessore delle ali t 7 mm -spessore dell anima t w 0 mm -raggio di raccordo r mm -area A 0600 mm

18 -momento d inerzia rispetto all asse orte I y-y 60 cm -momento d inerzia rispetto all asse debole I z-z 393 cm -Peso per unità di lunghezza g t 0,83 kn/m -Carichi sul pilastro Peso proprio della trave n 3 IPE 0 0, 3 kn/m,8m,5 kn Peso proprio della trave n 3 IPE 330 0,9 kn/m,9m,35 kn Peso travi sul pilastro:,35+,5+ 0,375+0,375+0,375+0,3755,35 kn Peso proprio del solaio:, 9 kn/m 3,m 3,8 kn/m Carichi permanenti portati: 3,5 kn/m 3,m 8, kn/m Carichi variabili:,00 kn/m 3,m 6, kn/m Carico dovuto ai permanenti strutturali e portati: N Ed,3 (5,55 + 3,8 +,5 8, 85, 6kN

19 Questa procedura, valida per carichi diversi nei piani, risulta superlua nel nostro esempio avendo ipotizzato i piani caricati tutti nello stesso modo. Si perviene in questo caso agli stessi risultati dell esempio caricando con il valore del coeiciente di amiicazione maggiore direttamente l ultimo piano. -assime azioni assiali con cui veriicare i pilastri Tronco HEA 0 (base piano n 6 N max : 9 kn Tronco HEA 0 (base piano n 3 N max : 05 kn 3 Tronco HEB 0 (base piano Terra N max : 99 kn -Classiicazione del proilo per le azioni lettenti Proilo HEA 0: 35 acciaio S35 ε 0, 9 con y 75N/mm tensione di snervamento dell acciaio. y d 3,5 < 33 l anima appartiene alla classe, t w ε dove dh- (t +r è l altezza dell anima. c 8,7 < 9 l ala appartiene alla classe, t ε dove c(b- r-t w /. a sezione è classiicata in base alla classe della componente più alta, nel nostro caso la sezione appartiene alla classe. Proilo HEA 0: d 3,66 < 33 l anima appartiene alla classe, t w ε dove dh- (t +r è l altezza dell anima. c 8,59 < 9 l ala appartiene alla classe, t ε dove c(b- r-t w /. a sezione è classiicata in base alla classe della componente più alta, nel nostro caso la sezione appartiene alla classe.

20 Proilo HEB0: d 7,75 < 33 l anima appartiene alla classe, t w ε dove dh- (t +r è l altezza dell anima. c 5,98 < 9 l ala appartiene alla classe, t ε dove c(b- r-t w /. a sezione è classiicata in base alla classe della componente più alta, nel nostro caso la sezione appartiene alla classe. -Compressione - Tronco HEA 0 (base piano n 6, N max :9 kn Resistenza di calcolo a compressione: A Nc, Rd 685kN 0,05 Poiché si ha N Ed 9kN< N c,rd 685kN la veriica risulta soddisatta. - Tronco HEA 0 (base piano n 3, N max :05 kn Resistenza di calcolo a compressione: A Nc, Rd 0kN 0,05 Poiché si ha N Ed 05kN< N c,rd 0kN la veriica risulta soddisatta. -3 Tronco HEB 0 (base piano Terra, N max :99 kn Resistenza di calcolo a compressione: A Nc, Rd 776kN 0,05 Poiché si ha N Ed 99kN< N c,rd 776kN la veriica risulta soddisatta. -Instabilità Resistenza di calcolo all instabilità: χ A Nb, Rd χ Φ 0,5[ + α ( λ 0, + λ ] Φ + Φ + λ λ A N N è il carico itico elastico dell asta pari a: E I N π 0 dove 0 β è la lunghezza di libera inlessione.

21 Per un asta incernierata agli estremi β,0, per cui 0,y 0,z,0 3,33,3m. - Tronco HEA 0 (base piano n 6, N max :9 kn Per le sezioni laminate quando si ha h/b<, e t <00 mm, si considera la curva d instabilità b per l asse orte y-y e la curva d instabilità c per l asse debole z-z. -asse orte y-y Dalla curva d instabilità b ricavo il attore di imperezione α0,3. π E I y y π N 086kN , y λ 0, Φ 0,5[ + 0,3(0, 0, + 0, ] 0,6 χ 0,90 0,6 + 0,6 0, e quindi la resistenza di calcolo a compressione rispetto all asse orte y-y: 0, N b, Rd 550kN,05 -asse debole z-z Dalla curva d instabilità c ricavo il attore d imperezione α0,9. π E I z z π N 377kN , z λ 0, Φ 0,5[ + 0,9(0,689 0, + 0,689 ] 0,857 χ 0,73 0, ,857 0,689 e quindi la resistenza di calcolo a compressione rispetto all asse debole z-z: 0, N b, Rd 3kN,05 a resistenza di calcolo a compressione sarà la minore tra quelle calcolate rispetto ai due assi. Poiché si ha N Ed 9kN< N b,rd 3kN la veriica risulta soddisatta.

22 - Tronco HEA 0 (base piano n 3, N max :05 kn Per le sezioni laminate quando si ha h/b<, e t <00 mm, si considera la curva d instabilità b per l asse orte y-y e la curva d instabilità c per l asse debole z-z. -asse orte y-y Dalla curva d instabilità b ricavo il attore di imperezione α0,3. π E I y y π N 760kN , y λ 0, Φ 0,5[ + 0,3(0,378 0, + 0,378 ] 0,60 χ 0,936 0,60+ 0,60 + 0,378 e quindi la resistenza di calcolo a compressione rispetto all asse orte y-y: 0, N b, Rd 833kN,05 -asse debole z-z Dalla curva d instabilità c ricavo il attore di imperezione α0,9. π E I z z π N 56kN , z λ 0, Φ 0,5[ + 0,9(0,683 0, + 0,683 ] 0,806 χ 0,766 0, ,806 0,633 e quindi la resistenza di calcolo a compressione rispetto all asse debole z-z: 0, N b, Rd 5kN,05 a resistenza di calcolo a compressione sarà la minore tra quelle calcolate rispetto ai due assi. Poiché si ha N Ed 05kN< N b,rd 5kN la veriica risulta soddisatta. -3 Tronco HEB 0 (base piano Terra, N max :99 kn Per le sezioni laminate quando si ha h/b<, e t <00 mm, si considera la curva d instabilità b per l asse orte y-y e la curva d instabilità c per l asse debole z-z. -asse orte y-y Dalla curva d instabilità b ricavo il attore d imperezione α0,3. π E I y y π N 08kN , y

23 λ 0, Φ 0,5[ + 0,3(0,369 0, + 0,778 ] 0,597 χ 0,937 0, ,597 0,369 e quindi la resistenza di calcolo a compressione rispetto all asse orte y-y: 0, N b, Rd 60kN,05 -asse debole z-z Dalla curva d instabilità c ricavo il attore d imperezione α0,9. π E I z z π N 759kN , z λ 0, Φ 0,5[ + 0,9(0,65 0, + 0,65 ] 0,799 χ 0,77 0, ,799 0,65 e quindi la resistenza di calcolo a compressione rispetto all asse debole z-z: 0, N b, Rd 0kN,05 a resistenza di calcolo a compressione sarà la minore tra quelle calcolate rispetto ai due assi. Poiché si ha N Ed 99kN< N b,rd 0kN la veriica risulta soddisatta.

24

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinorzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Documento approvato il 24 luglio 2009 dall assemblea Geneale Consiglio

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La progettazione strutturale in zona sismica Il nuovo quadro normativo Comune di Castellammare di Stabia - Scuola Media Statale Luigi Denza - dal 27/02/2007 al 10/05/2007-

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Docente: Collaboratori: Prof. Ing. Angelo MASI Dr. Ing. Giuseppe Santarsiero Ing. Vincenzo

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Manuale di progettazione per strutture in acciaio inossidabile. (Terza Edizione)

Manuale di progettazione per strutture in acciaio inossidabile. (Terza Edizione) Manuale di progettazione per strutture in acciaio inossidabile (Terza Edizione) 006 Euro Inox e The Steel Construction Institute -87997-06-X -87997-039-3 (Prima Edizione) Euro Inox e The Steel Construction

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22 TUBI CARPENTERIA ELETTROSALDATI TUBI TONDI SALDATI DA NASTRO Diametro in pollici Diametro esterno Spessore Peso Kg/m DIMENSIONI SPESS. PESO DIMENSIONI SPESS. PESO Kg/m Kg/m /8 1,7 0,7 1 1 0, 8 1, 1, 1/

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

dell affidabilità strutturale

dell affidabilità strutturale Metodiprobabilisticiper per lavalutazione dell affidabilità strutturale Obiettivo dell esercitazione: acquisire le conoscenze necessarie per applicare i metodi probabilistici (livello III, II e semi probabilistico)

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Appunti di Teoria dei Segnali Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Concetti preliminari di probabilità... Introduzione alla probabilità... Deinizione di spazio degli eventi... Deinizione di evento...

Dettagli

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI STRUTTURE MISTE E CONNETTORI Quando due materiali diversi sono tenuti uniti in modo efficace si comportano, da un punto di vista strutturale, come un elemento unico. In edilizia si utilizza questo principio

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Facoltà. Tesi di laurea in TICI. Laureando: Nicola GUARAN NOÉ

Facoltà. Tesi di laurea in TICI. Laureando: Nicola GUARAN NOÉ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREAA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILEC Tesi di laurea in COSTRUZIONE DI PONTI ANALISI PARAMETRICHE DI PONTI A STRUTTURA MISTA ACCIAIO

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato Corso di aggiornamento professionale Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato 7 maggio 7 giugno 2013 Aula Magna Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio.

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio. Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione Rev. 383601 00 Pagina 1 di 48 Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata,

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI

METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI APPENDICE I METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI SOMMARIO METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI...1 SOMMARIO...1 SINTESI...2

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli