Solai osservazioni generali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solai osservazioni generali"

Transcript

1 SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende tutto quello che è compreso tra l intradosso della struttura e il pavimento finito.

2 Geometria: il solaio, a differenza delle volte, presenta la superficie di intradosso piana. La superficie piana sfrutta meglio il volume interno e consente una maggiore flessibilità nella distribuzione degli ambienti. Peso: rispetto alle volte si riduce il peso. Esecuzione semplificata: i pavimenti poggiano su un sottofondo piano e regolare e quindi non sono richieste centinature o a accorgimenti particolari. Funzionamento strutturale: i solai sono strutture che lavorano a flessione e taglio. Con una altezza h di interpiano uguale i solai consentono di avere un volume interno sfruttabile su tutta la superficie calpestabile. Nelle volte all imposta l altezza è minore e non è sempre sfruttabile. Solai osservazioni generali Tipi di solai: In legno con orditura semplice o composta o alla francese o veneziani. Con profilati e laterizi: voltine, volterrane e tavelloni. Con cls armato: a soletta piena, misti in cls precompresso e cls armato. In lamiera grecata e cls armato. A pannelli prefabbricati in cls armato o misti. Prestazioni Resistenza ai carichi Inerzia termica con buona resistenza alla trasmittanza Potere fonoisolante ai rumori: aerei e da calpestio Reazione e resistenza al fuoco Buona trasmittanza lineare e controllo della condensa.

3 SOLAI IN LEGNO La tecnica costruttiva non richiede opere provvisorie di sostegno:le travi, i travicelli e il tavolato sono subito in grado di sopportare i carichi. Sono presenti soprattutto nelle vecchie costruzioni e nelle costruzioni in legno e muratura e legno. Ad orditura semplice Ad orditura composta Travi disposte parallelamente alla distanza interassiale di cm sulle quali poggiano tavole (assito) dello spessore 3-6 cm accostate, senza alcun spazio, tra loro. Le travi si dispongono parallelamente al lato più corto della stanza e sono adeguate per coprire luci nette tra di 3-4 m. Pavimento Massetto Sottofondo Tavole Travi Elementi di un solaio ad orditura semplice Travi principali (T.P) disposte parallelamente alla distanza interassiale di cm sulle quali poggiano travi secondarie (travicelli) posti parallelamente ad una distanza interassiale di cm su cui poggiano tavole (assito) dello spessore 3-6 cm accostate, senza alcun spazio, tra loro. Le travi principali si dispongono parallelamente al lato più corto e sono adeguate per coprire luci nette tra di 3-4 m. Le travi secondarie sono perpendicolari a quelle principali e sono disposte parallelamente al lato più lungo della stanza.

4 ELEMENTI DI UN SOLAIO ALLA FRANCESE O ALLA VENEZIANA ELEMENTI DI UN SOLAIO AD ORDITURA COMPOSTA E costituito da travetti a interasse di circa 25 cm con l assito disposto longitudinalmente (parallelamente ai travetti) per evitare caduta di polvere o sabbia dagli interstizi. Assito Travi principali Travicelli Assito Assito Massetto Pavimento Muri portanti Sottofondo Travicelli Travi Principali

5 SOLAIO AD ORDITURA SEMPLICE E COMPOSTA SOLAIO AD ORDITURA SEMPLICE SOLAIO AD ORDITURA COMPOSTA

6 RESISTENZA Ai fini della resistenza negli elementi portanti dei solai in legno è buona regola attenersi ad un rapporto tra base ed altezza pari a 5/7 circa 0,7 in alternativa si possono utilizzare legni commerciali di misure standard. APPOGGI SULLA MURATURA Per evitare lesioni e frantumazione della muratura si frappone tra travicelli e/o travi principali e muro un elemento detto dormiente che ha una mera funzione di distribuzione del peso su una superficie più ampia. APPOGGIO SULLE TRAVI Solitamente i travicelli o il tavolato si appoggiano direttamente sulle travi con semplice attestamento o in modo sfalsato. Qualora si voglia ridurre lo spessore del solaio i travetti o l assito si possono incastrare alle travi. CONCATENAMENTO Le travi possono anche svolgere una funzione di collegamento tra i muri perimetrali specie se questi sono insufficientemente collegati con muri trasversali. In questo caso le travi sono munite di staffe di ferro collegate ad un elemento di ancoraggio detto bulzone incastrato alle staffe direttamente sul muro esterno. CONTROSSOFFITTI L intradosso del solaio in legno può essere a vista oppure nascosto da controsoffittature ancorate alle travi o ai travicelli. Anticamente si realizzavano dei soffitti a cassettoni anche riccamente decorati. PRATICA COSTRUTTIVA Appoggio sulle travi: per semplice attestamento (A), per sfasamento (B), ad incastro (C ), per accostamento (D) D C B A Ancoraggio con Bulzone Appoggio sul muro

7 SOLAI MISTI ACCIAIO E LATERIZIO E LEGNO E LATERIZIO Lo sviluppo della siderurgia ha consentito, a partire dalla seconda metà dell 800, la sostituzione del legno con travi di acciaio denominate putrelle. Le travi di acciaio offrono una ottima resistenza a flessione. I solai con travi in acciaio sono di tipo misto: travi in acciaio con voltine, volterrane o tavelloni. Raramente con legno o lamiera grecata. SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E VOLTINE IN MATTONI Impiegano travi a doppio T e voltine di mattoni disposte a una testa oppure in foglio. L interasse delle travi è in genere variabile tra 80 e 100 cm invece la monta dell arco delle voltine è compresa tra 1/15 1/20 dell interasse. Richiedono una centina in legno e sono più laboriosi dei solai in legno. SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E TAVELLONI. Nell impiego più tradizionale i tavelloni venivano collocati su elementi in laterizio con funzione di copriferro che potevano consentire l appoggio in linea con le ali inferiori delle travi oppure in posizione più rialzata ma in questo caso si utilizzavano delle tavelline a filo inferiore delle ali delle travi. Le tavelline svolgono una funzione di controsoffitto, portaintonaco e realizzano una camera d aria che favorisce l isolamento. Interasse ottimale delle travi cm. SOLAI LEGNO E LATERIZIO I solai in legno e laterizi sono costituiti da un orditura di travi principali e secondarie in legno sulle quali sono posti dei laterizi che possono essere di varia forma e dimensione (pianelle, tavelle). L interasse delle travi dipende dalla lunghezza dei laterizi. Ottimale cm SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E VOLTERRANE. Impiegano travi a doppio T e TRE elementi In Laterizio che poggiano su altri due elementi di estremità che hanno anche una funzione di copriferro. Sono entrati in disuso con l utilizzo di tavelloni in laterizio. SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E TAVELLONI POGGIANTI SU TRAVI. Il tavellone può poggiare sulle ali inferiori delle travi con riempimento con cls alleggerito. Vi è discontinuità tra tavellone e trave. Si possono avere problemi di scollamento di intonaco e condensa sulla trave. Il tavellone può poggiare sulle ali superiori dei profilati. Sui tavelloni si realizza un getto di cls di 4-5 cm. VESPAIO VENTILATO Si ottiene posizionando i tavelloni su gambette di cm di altezza in modo da formare una camera d aria per la ventilazione..

8 Solaio con voltine disposte a una testa Solaio con voltine Disposte in foglio SOLAI MISTI IN ACCIAIO E VOLTINE E VOLTERRANE Posa in opera di solaio con voltine Voltine a una testa Centina Putrelle 1 Massetto cls 2 Putrella 3 Volterrane 4 Copriferfro

9 Solaio con Tavelloni rialzati Solaio con Tavelloni a livello ali 1 Massetto cls 3 Tavellone 5 Elemento Copriferfro 1 Massetto cls 2 Putrella 3 Tavellone 4 Elemento Copriferfro 2 Putrella 4 Tavellina SOLAI MISTI IN ACCIAIO E TAVELLONI 1 Putrella 4 Controsoffitto 1 Putrella 2 Massetto cls 3 Tavellone 2 Massetto cls 3 Tavellone

10 PARTICOLARI DI SOLAIO CON VOLTINE (A), VOLTERRANE (B), CON TAVELLONI POGGIANTI SU ALA DELLA TRAVE ( C) E CON INTERCAPEDINE (D)

11 SOLAI MISTI IN LEGNO E LATERIZIO Pavimento Massetto cls Rete elettrosaldata VESPAIO AEREATO Tavelloni Travicelli Travi Principali Soletta di Calcestruzzo Volterrane Tavellone Camera d aria Gambetta Strato impermeabilizzante Travi in legno

12 SOLAI MISTI ACCIAIO E LATERIZIO PARTICOLARI COSTRUTTIVI SOLAIO CON VOLTINE DI MATTONI E TRAVI IN ACCIAIO Trave a C Calcestruzzo SOLAIO CON VOLTINE DI MATTONI TRAVI IN ACCIAIO (A) CONNETTORI DI IRRIGIDIMENTO (B) E RETE ELETTROSALDATA (C ) Voltine di mattoni a coltello Trave a doppio T C B A

13 SOLAI DI CALCESTRUZZO ARMATO C.A. I SOLAI IN C.A. consentono di coprire luci ampie e sopportare forti carichi, possono essere impiegati sia nelle murature portanti che nelle strutture con pilastri e travi in C.A. Possono essere A soletta piena interamente costituiti da una soletta in C.A. Misti in latero-cemento con laterizi o altro materiale con semplice funzione di alleggerimento. Misti con travi precompresse e laterizio o altro materiale Solai gettati direttamente in opera Solai con travetti prefabbricati normali o precompressi Solai con solette di C.A. precompresso I SOLAI IN C.A. IN GENERE SONO SOSTENUTI DA ELEMENTI CHE POSSONO ESSERE COSI CLASSIFICATE: Trave di cordolo permette l appoggio del solaio e consente la distribuzione uniforme dei carichi anche su strutture portanti in muratura. Trave portante a sezione rettangolare, a T o a doppio T. Sorregge i solai e trasferisce i carichi ai pilastri. Lavora a flessione, flessione + taglio e a volte a torsione e a sforzo normale. Le travi possono essere Ribassate se sporge al di sotto intradosso del solaio Trave portante. Rialzate se sporgono al di sopra dell estradosso del solaio. A spessore o piatte se l altezza è pari allo spessore del solaio. Hanno la base maggiore anche di molto dell altezza. Di parapetto sono rialzate sul perimetro del solaio per fornire una protezione. Portamuro reggono una parete perimetrale non strutturale. Travi veletta che delimitano all esterno i cassonetti degli avvolgibili. Le travi ribassate e quelle rialzate sono efficaci staticamente perché sono molto alte rispetto alla base. Le travi a spessore sono poco razionali dal punto di vista della resistenza perché hanno la base più grande dell altezza. Sono utilizzate perché sono alte quanto il solaio e non abbassano l altezza dei locali.

14 TIPOLOGIA DI SOALIO E DI TRAVI Trave rettangolare Soletta Direzione armatura del solaio Trave ribassata Cordoli Muri Trave rialzata Direzione armatura del solaio SOLAIO A SOLETTA PIENA Trave a spessore Trave a parapetto Travi Trave a portamuro Solaio Pilastri Trave a veletta

15 SOLAI DI CALCESTRUZZO ARMATO C.A. CON SOLETTA PIENA Senza nervature per coprire luci di 2-3 m con spessore tra i 12 e 20 cm. SOLAIO A SOLETTA PIENA SENZA NERVATURE Armatura di ripartizione As >20% Ap Con nervature possono coprire luci di notevoli dimensioni. Possono essere costituite da travi ribassate poste ad un interasse di 2-3 m. Con nervature incrociate costituite da travi principali ad un interasse di 3-4 m e travi secondarie perpendicolari a quelle principali ad un interasse di 2-3 m. Realizzano delle strutture a cassettone particolarmente apprezzate anche da un punto di vista estetico. Lo spessore delle solette può essere ridotto anche a 8-10 cm. Armatura principale SOLAIO A SOLETTA PIENA CON NERVATURE SOLAIO A SOLETTA PIENA CON NERVATURE INCROCIATE

16 SOLETTA PIENA Balcone con soletta piena Armatura per soletta piena Solai a soletta piena

17 SOLAI MISTI IN C.A. Sono solai alleggeriti con laterizi o altro materiale come blocchi di cls leggero di argilla espansa e materiale plastico. Solai gettati completamente in opera Solai con elementi prefabbricati: a travetti oppure a pannelli Trave Elementi: Travetto o nervatura viene realizzato negli spazi rimanenti fra i laterizi. Travetto ripartitore o rompitratta o correa disposto perpendicolarmente ai travetti serve per ripartire i carichi quando vi sono luci maggiori di 4-5 m. Sono solitamente disposti a metà solaio. Blindaggio allargamento della sezione di cls resistente in prossimità dell appoggio sulle travi. Qui è presente superiormente un momento negativo di incastro o semincastro e quindi il cls della nervatura posto inferiormente non è sufficiente. Può essere realizzato togliendo una fila di blocchi a file alternate o a file adiacenti. Trave di bordo elemento di c.a. posto all estremità del solaio a sbalzo per collegare i travetti. Doppio travetto nervatura doppia di irrigidimento del solaio di bordo. Travetto di solaio Laterizio Blindaggio Travetto di bordo Travetto ripartitore Pilastro Doppio travetto

18 ESEMPI DI SOLAI MISTI IN C.A. SOLAIO GETTATO IN OPERA SOLAIO CON TRAVI PRECOMPRESSE SOLAIO CON TRALICCIATI SEZIONE DI UN SOLAIO CON TRAVI PRECOMPRESSE

19 E un solaio un strutturalmente formato da un sistema di travi a T in cemento armato. E leggero e offre buona coibenza termica. Gli elementi di laterizio non si considerano partecipanti alla resistenza del solaio, anche se è indubbio che esercitino un azione di irrigidimento trasversale non trascurabile. L interasse delle nervature deve essere minore di 15 volte lo spessore medio della soletta, ma non più di cm 52. Se si usano laterizi che non partecipano alla resistenza, lo spessore medio della soletta di conglomerato (caldana) deve essere pari alla distanza dell asse neutro dal bordo compresso, ed in ogni caso non minore di cm 4. SOLAIO GETTATO IN OPERA Solaio alleggerito con laterizi Solaio alleggerito con pignatte e innesto con trave di cordolo Laterizio di alleggerimento (a), laterizio collaborante (b)

20 Solaio con traliccio e pignatte A SOLAI COMPLETATI IN OPERA Solaio con travetti precompressi e e pignatte B Pannello prefabbricato a più travetti C

21 SOLAI CON BLOCCHI CASSERATI E GETTATI IN OPERA Commercialmente si chiamano "VOLTERRANEE sono impiegati per la realizzazione di solai di tipo tradizionale da gettare completamente in opera. Sono dotati di due sporgenze laterali, nella par te inferiore, dette "alette". Con la loro presenza, l'accostamento dei blocchi consente di realizzare delle canalette aventi come fondo le alette stesse e come pareti laterali le pareti dei blocchi accostati e allineati secondo una predisposta tessitura. Queste canalette rappresentano la "cassaforma" delle nervature di calcestruzzo che costituiscono la parte portante del solaio da realizzare. In esse viene disposta l'armatura di acciaio opportunamente dimensionata e sagomata. Successivamente viene effettuato il getto del calcestruzzo. Per la preparazione dell'impalcato richiedono, come tutti i solai gettati in opera, un supporto continuo, piano, costituito quasi sempre da un tavolato di legno opportunamente sorretto e irrigidito da una doppia orditura incrociata di travicelli e travi (sempre di legno) e puntellato da elementi verticali, disposti sotto le travi, a distanza m.1,0 1,5. continuo, irrigidito m.1,0

22 ESEMPIO DI SOLAIO CON LASTRE PREFABBRICATE IN CEMENTO ARMATO CON TRALICCIATO E TRAVI PRECOMPRESSE

23 Solaio con elementi prefabbricati con tralicciati SOLAI CON ELEMENTI PREFABBRICATI Solaio con elementi prefabbricati in laterizio e tralicciati Solaio con laterizio a cassa vuota e tralicciati Solaio con e tralicciati

24 ESEMPIO DI SOLAIO PREFABBRICATO IN CEMENTO ARMATO CON TRALICCIATO E FONDELLO DI LATERIZIO Sono costituiti da un traliccio elettrosaldato, i cui ferri inferiori sono inglobati in una sezione di calcestruzzo a sua volta contenuta all interno di una fila di fondelli di laterizio con sezione a C ; nella sezione in calcestruzzo sono inserite barre in acciaio dimensionate in base ai momenti flettenti di esercizio. In questo modo si ottengono travetti di varie lunghezze (da 1,6 a 6,0 metri e oltre), che presentano una rigidezza e una resistenza sufficienti per sostenere i blocchi forati e il successivo getto di completamento. Il fondello ha spessore medio di 1.00 cm; la larghezza è di 12 cm, l'altezza totale 4 cm. Il traliccio metallico (elettrosaldato) ècomposto sempre da una corrente composto superiore, due correnti inferiori ed una staffatura d'anima.

25 SOLAI CON NERVATURE GETTATI IN OPERA Se un solaio ha luce superiore a 4,50 m è realizzato con blocchi di categoria non collaboranti, la soletta con spessore minimo di 4 cm deve essere armata. Se si usano blocchi collaboranti, il solaio semplicemente rasato, dovrà prevedere almeno una nervatura trasversale di irrigidimento. La nervatura può essere realizzata togliendo una fila di blocchi o inserendo una fila di blocchi di minore altezza.

26 SOLAI PREFABBRICATI IN LATERIZIO E FINITI IN OPERA In commercio ci sono due tipo di pannelli larghi cm 80 e cm 120 con altezze di cm, 12/16/20 e 24. Dopo il posizionamento in opera, deve essere disposta un armatura metallica nelle nervature che si creano in corrispondenza delle linee di accostamento dei pannelli. La realizzazione del solaio si conclude con il getto di completamento che riempie le nervature fino al filo superiore dei pannelli.

27 ESEMPI DI SOLAIO Posa in opera di un solaio con travetti a traliccio. Solaio con fondello traliccio RASATO

28 SOLAI CON PIASTRE IN C.A. E C.A.P. ALLEGGERITI CON BLOCCHI DI POLISTIROLO Sulla lastra sono disposti dei blocchi di alleggerimento con anche il compito di delimitare le nervature. La lastra può essere ad armatura lenta o in c.a. precompresso. Per assicurare i collegamenti e la resistenza trasversale la lastra viene armata con una rete elettrosaldata. Solaio alleggerito con blocchi in polistirolo Le lastre in c.a.p. vengono prodotte larghe 1,20 m nelle quali la funzione irrigidente è affidata non a tralicci ma a nervature in conglomerato che formano appoggio peri blocchi in laterizio o altro materiale. Solaio finito: vista di intradosso

29 ESEMPI DI SOLAIO Solaio con piastra prefabbricata e alleggerimento con polistirolo Solaio con travetti precompresso accostati Solaio alveolare precompresso Posa in opera di un solaio alveolare precompresso

30 CONFRONTO TRA I DIVERSI TIPI DI SOLAIO IN LATERO CEMENTO

31 CONFRONTO TRA I DIVERSI TIPI DI SOLAIO ALTEZZE E PESI

32 SOLAIO CON LAMIERA GRECATA E CLS Possono essere di due tipi Senza soletta denominati solai a secco. Di vari profili. Sulla lamiera è posto direttamente sottofondo e pavimentazione. Con soletta collaborante in cui la lamiera svolge anche la funzione di casseratura a perdere. E previsto sia il cls che l armatura metallica, in genere rete elettrosaldata. Lamiera grecata semplice e cls La lamiera grecata poggia sulle travi principali a doppio T oppure IPE o N.P. Per coprire la lamiera a vista si può prevedere una controsoffittatura. La lamiera grecata può essere semplice o doppia se costituite da due lamiere con nervature contrapposte unite tra loro. Lamiera grecata semplice e cls Esempi di soletta con lamiera grecata collaborante Bugnatura della lamiera grecata e fissaggio mediante saldatura o chiodatura a sparo.

33 SOLAIO CON LAMIERA GRECATA E CLS Armatura poggiante sulla lamiera grecata e getto di cls Tipi di lamiera grecata e cls Rete elettrosaldata lamiera e getto di cls Stratificazione di un solaio in lamiera grecata Raccordo trave con lamiera grecata Ancoraggio lamiera trave Solaio in lamiera grecata cls armato

34 TIPOLOGIA DI SOALI PER BALCONI Balcone con mensole e soletta piena I balconi possono essere realizzati con soletta piena e in laterocemento. In genere questi tipi di balconi hanno una sporgenza abbastanza contenuta 1-1,5 m. Sporgenze maggiori si possono ottenere con balconi provvisti di mensole ribassate o rialzate in C.A. La soletta del balcone è incastrata alle mensole e può essere piena o in latero-cemento. Balcone con mensole in laterocemento e con nervature prolungate dal solaio interno Armatura metallica per un balcone con soletta piena Balcone con mensole Rialzate e soletta piena Balcone con mensole in laterocemento e con nervature incrociate rispetto al solaio interno

35 COLLAUDO DEI SOLAI IN C.A. E ACCIAIO La normativa prevede il collaudo e la congruità statica dei solai in C.A. e in Acciaio. Collaudo: ispezione delle opere, disamina dei certificati di prova dei materiali eventuali prova di carico su parti di solaio e sulle travi più caricate che in genere sono quelli con luci maggiori. In rapporto ai carichi di progetto si analizzano le deformazioni misurando le frecce di inflessione. Si usano i flessimetri. I solai possono essere caricati con sacchi di cemento, pistoni oleodinamici o cuscini impermeabili riempiti di acqua. Carichi : Permanenti strutturali Permanenti portati non strutturali Carichi d esercizio in funzione della destinazione d uso

36 FASI E TECNICHE DI COLLAUDO

37 PRESTAZIONI DEI SOLAI: trasmittanza termica, fonoassorbenza e resistenza al fuoco TRASMITTANZA TERMICA I solai dell ultimo piano e quelli dei locali non riscaldati (box auto) fanno parte dell involucro disperdente. Quindi devono avere un buon isolamento termico. Tutti i solai, specie quelli a soletta piena hanno elevati valori di trasmittanza termica e quindi necessitano di coibentazione. POTERE FONOASSORBENTE Tutti i solai, specie quelli a soletta piena, hanno elevati valori di trasmittanza termica e quindi necessitano di coibentazione. I cordoli e le travi che sostengono i solai rappresentano dei punti critici in quanto formano dei ponti termici con elevata trasmittanza termica lineare. L inerzia termica dei solai è direttamente dipendente dallo spessore del solaio e dalla massa. Il potere fonoisolante è funzione della massa per unità di superficie quindi sono più fonoassorbenti i solai in C.A. a soletta piena che isolano meglio rispetto ai rumori aerei e da calpestio. Meno efficienti sono quelli in legno. La pavimentazione può contribuire all isolamento specie se predisposta su un adeguato strato di materiale coibente. RESITENZA AL FUOCO La resistenza al fuoco dipende dal tipo di materiale. Il legno è facilmente combustibile, l acciaio si deforma e genera situazioni di collasso della struttura. Nelle strutture in C.A. la resistenza al fuoco è direttamente proporzionale allo spessore degli elementi e al copriferro delle armature.

38 DISEGNO DI UN SOLAIO IN LATERO-CEMENTO

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI STRUTTURE MISTE E CONNETTORI Quando due materiali diversi sono tenuti uniti in modo efficace si comportano, da un punto di vista strutturale, come un elemento unico. In edilizia si utilizza questo principio

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante 11 LE SCALE Le scale rappresentano quelle parti di struttura che consentono il collegamento tra i vari piani. A seconda dello schema strutturale che le caratterizzano si differenziano in: Scale a soletta

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Strutture, cenni. 11011\(, i11 /,.l. Kill~tz, tzc.11i1 p(~xit~i/ ipli (ic(.(it//o.

Strutture, cenni. 11011\(, i11 /,.l. Kill~tz, tzc.11i1 p(~xit~i/ ipli (ic(.(it//o. Strutture, cenni La struttura portante di una casa unifamiliare è normalmente in muratura o a gabbia di cemento armato, salvo rare eccezioni (strutture metalliche, lignee, ibride, etc.,) che qui non sono

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

1 SEMESTRE 2013 N 1 P R E Z Z I I N F O R M ATIVI IN BOLOGNA C A M E R A D I C O M M E R C I O I N D U S T R I A, A R T I G I A N AT O E

1 SEMESTRE 2013 N 1 P R E Z Z I I N F O R M ATIVI IN BOLOGNA C A M E R A D I C O M M E R C I O I N D U S T R I A, A R T I G I A N AT O E 1 SEMESTRE 2013 N 1 P R E Z Z I I N F O R M ATIVI D DELLEE L L E OPERE EDILI IN BOLOGNA C A M E R A D I C O M M E R C I O I N D U S T R I A, A R T I G I A N AT O E A G R I C O LT U R A D I B O L O G N

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

PROTEZIONE AL FUOCO. Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro

PROTEZIONE AL FUOCO. Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro PROTEZIONE AL FUOCO Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro Evolvere insieme Sviluppare con e per il cliente tecnologie innovative ed ecosostenibili che permettano ad entrambi di raggiungere

Dettagli

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/262

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Manuale per la corretta POSA in OPERA

Manuale per la corretta POSA in OPERA Manuale per la corretta POSA in OPERA LINEA MAKE by Tecnasfalti SECONDA EDIZIONE MANUALE PER LA CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NUOVE COSTRUZIONI PAVIMENTO 1. L ISOLAMENTO

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

INDICAZIONI PROGETTUALI SUI SISTEMI ARCHITETTONICI

INDICAZIONI PROGETTUALI SUI SISTEMI ARCHITETTONICI INDICAZIONI PROGETTUALI SUI SISTEMI ARCHITETTONICI PP COP E RT UR A Int e r ve n t i s u l c o s t r u it o C.1 Struttura portante Crollo paramento murario per spinta dell orditura Isolamento termico di

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI

SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO Quaderno Tecnico SISTEMI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO CONTRO I RUMORI DA CALPESTIO NEGLI EDIFICI www.mapei.com ADESIVI SIGILLANTI PRODOTTI CHIMICI PER L

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono

Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono Sistema Comfort Acustico Il controllo assoluto del suono Manuale Tecnico 08/2010 Un Sistema ad alte prestazioni di isolamento e di assorbimento acustico Knauf, da sempre sensibile alle tematiche del comfort

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli