Solai osservazioni generali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solai osservazioni generali"

Transcript

1 SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende tutto quello che è compreso tra l intradosso della struttura e il pavimento finito.

2 Geometria: il solaio, a differenza delle volte, presenta la superficie di intradosso piana. La superficie piana sfrutta meglio il volume interno e consente una maggiore flessibilità nella distribuzione degli ambienti. Peso: rispetto alle volte si riduce il peso. Esecuzione semplificata: i pavimenti poggiano su un sottofondo piano e regolare e quindi non sono richieste centinature o a accorgimenti particolari. Funzionamento strutturale: i solai sono strutture che lavorano a flessione e taglio. Con una altezza h di interpiano uguale i solai consentono di avere un volume interno sfruttabile su tutta la superficie calpestabile. Nelle volte all imposta l altezza è minore e non è sempre sfruttabile. Solai osservazioni generali Tipi di solai: In legno con orditura semplice o composta o alla francese o veneziani. Con profilati e laterizi: voltine, volterrane e tavelloni. Con cls armato: a soletta piena, misti in cls precompresso e cls armato. In lamiera grecata e cls armato. A pannelli prefabbricati in cls armato o misti. Prestazioni Resistenza ai carichi Inerzia termica con buona resistenza alla trasmittanza Potere fonoisolante ai rumori: aerei e da calpestio Reazione e resistenza al fuoco Buona trasmittanza lineare e controllo della condensa.

3 SOLAI IN LEGNO La tecnica costruttiva non richiede opere provvisorie di sostegno:le travi, i travicelli e il tavolato sono subito in grado di sopportare i carichi. Sono presenti soprattutto nelle vecchie costruzioni e nelle costruzioni in legno e muratura e legno. Ad orditura semplice Ad orditura composta Travi disposte parallelamente alla distanza interassiale di cm sulle quali poggiano tavole (assito) dello spessore 3-6 cm accostate, senza alcun spazio, tra loro. Le travi si dispongono parallelamente al lato più corto della stanza e sono adeguate per coprire luci nette tra di 3-4 m. Pavimento Massetto Sottofondo Tavole Travi Elementi di un solaio ad orditura semplice Travi principali (T.P) disposte parallelamente alla distanza interassiale di cm sulle quali poggiano travi secondarie (travicelli) posti parallelamente ad una distanza interassiale di cm su cui poggiano tavole (assito) dello spessore 3-6 cm accostate, senza alcun spazio, tra loro. Le travi principali si dispongono parallelamente al lato più corto e sono adeguate per coprire luci nette tra di 3-4 m. Le travi secondarie sono perpendicolari a quelle principali e sono disposte parallelamente al lato più lungo della stanza.

4 ELEMENTI DI UN SOLAIO ALLA FRANCESE O ALLA VENEZIANA ELEMENTI DI UN SOLAIO AD ORDITURA COMPOSTA E costituito da travetti a interasse di circa 25 cm con l assito disposto longitudinalmente (parallelamente ai travetti) per evitare caduta di polvere o sabbia dagli interstizi. Assito Travi principali Travicelli Assito Assito Massetto Pavimento Muri portanti Sottofondo Travicelli Travi Principali

5 SOLAIO AD ORDITURA SEMPLICE E COMPOSTA SOLAIO AD ORDITURA SEMPLICE SOLAIO AD ORDITURA COMPOSTA

6 RESISTENZA Ai fini della resistenza negli elementi portanti dei solai in legno è buona regola attenersi ad un rapporto tra base ed altezza pari a 5/7 circa 0,7 in alternativa si possono utilizzare legni commerciali di misure standard. APPOGGI SULLA MURATURA Per evitare lesioni e frantumazione della muratura si frappone tra travicelli e/o travi principali e muro un elemento detto dormiente che ha una mera funzione di distribuzione del peso su una superficie più ampia. APPOGGIO SULLE TRAVI Solitamente i travicelli o il tavolato si appoggiano direttamente sulle travi con semplice attestamento o in modo sfalsato. Qualora si voglia ridurre lo spessore del solaio i travetti o l assito si possono incastrare alle travi. CONCATENAMENTO Le travi possono anche svolgere una funzione di collegamento tra i muri perimetrali specie se questi sono insufficientemente collegati con muri trasversali. In questo caso le travi sono munite di staffe di ferro collegate ad un elemento di ancoraggio detto bulzone incastrato alle staffe direttamente sul muro esterno. CONTROSSOFFITTI L intradosso del solaio in legno può essere a vista oppure nascosto da controsoffittature ancorate alle travi o ai travicelli. Anticamente si realizzavano dei soffitti a cassettoni anche riccamente decorati. PRATICA COSTRUTTIVA Appoggio sulle travi: per semplice attestamento (A), per sfasamento (B), ad incastro (C ), per accostamento (D) D C B A Ancoraggio con Bulzone Appoggio sul muro

7 SOLAI MISTI ACCIAIO E LATERIZIO E LEGNO E LATERIZIO Lo sviluppo della siderurgia ha consentito, a partire dalla seconda metà dell 800, la sostituzione del legno con travi di acciaio denominate putrelle. Le travi di acciaio offrono una ottima resistenza a flessione. I solai con travi in acciaio sono di tipo misto: travi in acciaio con voltine, volterrane o tavelloni. Raramente con legno o lamiera grecata. SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E VOLTINE IN MATTONI Impiegano travi a doppio T e voltine di mattoni disposte a una testa oppure in foglio. L interasse delle travi è in genere variabile tra 80 e 100 cm invece la monta dell arco delle voltine è compresa tra 1/15 1/20 dell interasse. Richiedono una centina in legno e sono più laboriosi dei solai in legno. SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E TAVELLONI. Nell impiego più tradizionale i tavelloni venivano collocati su elementi in laterizio con funzione di copriferro che potevano consentire l appoggio in linea con le ali inferiori delle travi oppure in posizione più rialzata ma in questo caso si utilizzavano delle tavelline a filo inferiore delle ali delle travi. Le tavelline svolgono una funzione di controsoffitto, portaintonaco e realizzano una camera d aria che favorisce l isolamento. Interasse ottimale delle travi cm. SOLAI LEGNO E LATERIZIO I solai in legno e laterizi sono costituiti da un orditura di travi principali e secondarie in legno sulle quali sono posti dei laterizi che possono essere di varia forma e dimensione (pianelle, tavelle). L interasse delle travi dipende dalla lunghezza dei laterizi. Ottimale cm SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E VOLTERRANE. Impiegano travi a doppio T e TRE elementi In Laterizio che poggiano su altri due elementi di estremità che hanno anche una funzione di copriferro. Sono entrati in disuso con l utilizzo di tavelloni in laterizio. SOLAI CON TRAVI IN ACCIAIO E TAVELLONI POGGIANTI SU TRAVI. Il tavellone può poggiare sulle ali inferiori delle travi con riempimento con cls alleggerito. Vi è discontinuità tra tavellone e trave. Si possono avere problemi di scollamento di intonaco e condensa sulla trave. Il tavellone può poggiare sulle ali superiori dei profilati. Sui tavelloni si realizza un getto di cls di 4-5 cm. VESPAIO VENTILATO Si ottiene posizionando i tavelloni su gambette di cm di altezza in modo da formare una camera d aria per la ventilazione..

8 Solaio con voltine disposte a una testa Solaio con voltine Disposte in foglio SOLAI MISTI IN ACCIAIO E VOLTINE E VOLTERRANE Posa in opera di solaio con voltine Voltine a una testa Centina Putrelle 1 Massetto cls 2 Putrella 3 Volterrane 4 Copriferfro

9 Solaio con Tavelloni rialzati Solaio con Tavelloni a livello ali 1 Massetto cls 3 Tavellone 5 Elemento Copriferfro 1 Massetto cls 2 Putrella 3 Tavellone 4 Elemento Copriferfro 2 Putrella 4 Tavellina SOLAI MISTI IN ACCIAIO E TAVELLONI 1 Putrella 4 Controsoffitto 1 Putrella 2 Massetto cls 3 Tavellone 2 Massetto cls 3 Tavellone

10 PARTICOLARI DI SOLAIO CON VOLTINE (A), VOLTERRANE (B), CON TAVELLONI POGGIANTI SU ALA DELLA TRAVE ( C) E CON INTERCAPEDINE (D)

11 SOLAI MISTI IN LEGNO E LATERIZIO Pavimento Massetto cls Rete elettrosaldata VESPAIO AEREATO Tavelloni Travicelli Travi Principali Soletta di Calcestruzzo Volterrane Tavellone Camera d aria Gambetta Strato impermeabilizzante Travi in legno

12 SOLAI MISTI ACCIAIO E LATERIZIO PARTICOLARI COSTRUTTIVI SOLAIO CON VOLTINE DI MATTONI E TRAVI IN ACCIAIO Trave a C Calcestruzzo SOLAIO CON VOLTINE DI MATTONI TRAVI IN ACCIAIO (A) CONNETTORI DI IRRIGIDIMENTO (B) E RETE ELETTROSALDATA (C ) Voltine di mattoni a coltello Trave a doppio T C B A

13 SOLAI DI CALCESTRUZZO ARMATO C.A. I SOLAI IN C.A. consentono di coprire luci ampie e sopportare forti carichi, possono essere impiegati sia nelle murature portanti che nelle strutture con pilastri e travi in C.A. Possono essere A soletta piena interamente costituiti da una soletta in C.A. Misti in latero-cemento con laterizi o altro materiale con semplice funzione di alleggerimento. Misti con travi precompresse e laterizio o altro materiale Solai gettati direttamente in opera Solai con travetti prefabbricati normali o precompressi Solai con solette di C.A. precompresso I SOLAI IN C.A. IN GENERE SONO SOSTENUTI DA ELEMENTI CHE POSSONO ESSERE COSI CLASSIFICATE: Trave di cordolo permette l appoggio del solaio e consente la distribuzione uniforme dei carichi anche su strutture portanti in muratura. Trave portante a sezione rettangolare, a T o a doppio T. Sorregge i solai e trasferisce i carichi ai pilastri. Lavora a flessione, flessione + taglio e a volte a torsione e a sforzo normale. Le travi possono essere Ribassate se sporge al di sotto intradosso del solaio Trave portante. Rialzate se sporgono al di sopra dell estradosso del solaio. A spessore o piatte se l altezza è pari allo spessore del solaio. Hanno la base maggiore anche di molto dell altezza. Di parapetto sono rialzate sul perimetro del solaio per fornire una protezione. Portamuro reggono una parete perimetrale non strutturale. Travi veletta che delimitano all esterno i cassonetti degli avvolgibili. Le travi ribassate e quelle rialzate sono efficaci staticamente perché sono molto alte rispetto alla base. Le travi a spessore sono poco razionali dal punto di vista della resistenza perché hanno la base più grande dell altezza. Sono utilizzate perché sono alte quanto il solaio e non abbassano l altezza dei locali.

14 TIPOLOGIA DI SOALIO E DI TRAVI Trave rettangolare Soletta Direzione armatura del solaio Trave ribassata Cordoli Muri Trave rialzata Direzione armatura del solaio SOLAIO A SOLETTA PIENA Trave a spessore Trave a parapetto Travi Trave a portamuro Solaio Pilastri Trave a veletta

15 SOLAI DI CALCESTRUZZO ARMATO C.A. CON SOLETTA PIENA Senza nervature per coprire luci di 2-3 m con spessore tra i 12 e 20 cm. SOLAIO A SOLETTA PIENA SENZA NERVATURE Armatura di ripartizione As >20% Ap Con nervature possono coprire luci di notevoli dimensioni. Possono essere costituite da travi ribassate poste ad un interasse di 2-3 m. Con nervature incrociate costituite da travi principali ad un interasse di 3-4 m e travi secondarie perpendicolari a quelle principali ad un interasse di 2-3 m. Realizzano delle strutture a cassettone particolarmente apprezzate anche da un punto di vista estetico. Lo spessore delle solette può essere ridotto anche a 8-10 cm. Armatura principale SOLAIO A SOLETTA PIENA CON NERVATURE SOLAIO A SOLETTA PIENA CON NERVATURE INCROCIATE

16 SOLETTA PIENA Balcone con soletta piena Armatura per soletta piena Solai a soletta piena

17 SOLAI MISTI IN C.A. Sono solai alleggeriti con laterizi o altro materiale come blocchi di cls leggero di argilla espansa e materiale plastico. Solai gettati completamente in opera Solai con elementi prefabbricati: a travetti oppure a pannelli Trave Elementi: Travetto o nervatura viene realizzato negli spazi rimanenti fra i laterizi. Travetto ripartitore o rompitratta o correa disposto perpendicolarmente ai travetti serve per ripartire i carichi quando vi sono luci maggiori di 4-5 m. Sono solitamente disposti a metà solaio. Blindaggio allargamento della sezione di cls resistente in prossimità dell appoggio sulle travi. Qui è presente superiormente un momento negativo di incastro o semincastro e quindi il cls della nervatura posto inferiormente non è sufficiente. Può essere realizzato togliendo una fila di blocchi a file alternate o a file adiacenti. Trave di bordo elemento di c.a. posto all estremità del solaio a sbalzo per collegare i travetti. Doppio travetto nervatura doppia di irrigidimento del solaio di bordo. Travetto di solaio Laterizio Blindaggio Travetto di bordo Travetto ripartitore Pilastro Doppio travetto

18 ESEMPI DI SOLAI MISTI IN C.A. SOLAIO GETTATO IN OPERA SOLAIO CON TRAVI PRECOMPRESSE SOLAIO CON TRALICCIATI SEZIONE DI UN SOLAIO CON TRAVI PRECOMPRESSE

19 E un solaio un strutturalmente formato da un sistema di travi a T in cemento armato. E leggero e offre buona coibenza termica. Gli elementi di laterizio non si considerano partecipanti alla resistenza del solaio, anche se è indubbio che esercitino un azione di irrigidimento trasversale non trascurabile. L interasse delle nervature deve essere minore di 15 volte lo spessore medio della soletta, ma non più di cm 52. Se si usano laterizi che non partecipano alla resistenza, lo spessore medio della soletta di conglomerato (caldana) deve essere pari alla distanza dell asse neutro dal bordo compresso, ed in ogni caso non minore di cm 4. SOLAIO GETTATO IN OPERA Solaio alleggerito con laterizi Solaio alleggerito con pignatte e innesto con trave di cordolo Laterizio di alleggerimento (a), laterizio collaborante (b)

20 Solaio con traliccio e pignatte A SOLAI COMPLETATI IN OPERA Solaio con travetti precompressi e e pignatte B Pannello prefabbricato a più travetti C

21 SOLAI CON BLOCCHI CASSERATI E GETTATI IN OPERA Commercialmente si chiamano "VOLTERRANEE sono impiegati per la realizzazione di solai di tipo tradizionale da gettare completamente in opera. Sono dotati di due sporgenze laterali, nella par te inferiore, dette "alette". Con la loro presenza, l'accostamento dei blocchi consente di realizzare delle canalette aventi come fondo le alette stesse e come pareti laterali le pareti dei blocchi accostati e allineati secondo una predisposta tessitura. Queste canalette rappresentano la "cassaforma" delle nervature di calcestruzzo che costituiscono la parte portante del solaio da realizzare. In esse viene disposta l'armatura di acciaio opportunamente dimensionata e sagomata. Successivamente viene effettuato il getto del calcestruzzo. Per la preparazione dell'impalcato richiedono, come tutti i solai gettati in opera, un supporto continuo, piano, costituito quasi sempre da un tavolato di legno opportunamente sorretto e irrigidito da una doppia orditura incrociata di travicelli e travi (sempre di legno) e puntellato da elementi verticali, disposti sotto le travi, a distanza m.1,0 1,5. continuo, irrigidito m.1,0

22 ESEMPIO DI SOLAIO CON LASTRE PREFABBRICATE IN CEMENTO ARMATO CON TRALICCIATO E TRAVI PRECOMPRESSE

23 Solaio con elementi prefabbricati con tralicciati SOLAI CON ELEMENTI PREFABBRICATI Solaio con elementi prefabbricati in laterizio e tralicciati Solaio con laterizio a cassa vuota e tralicciati Solaio con e tralicciati

24 ESEMPIO DI SOLAIO PREFABBRICATO IN CEMENTO ARMATO CON TRALICCIATO E FONDELLO DI LATERIZIO Sono costituiti da un traliccio elettrosaldato, i cui ferri inferiori sono inglobati in una sezione di calcestruzzo a sua volta contenuta all interno di una fila di fondelli di laterizio con sezione a C ; nella sezione in calcestruzzo sono inserite barre in acciaio dimensionate in base ai momenti flettenti di esercizio. In questo modo si ottengono travetti di varie lunghezze (da 1,6 a 6,0 metri e oltre), che presentano una rigidezza e una resistenza sufficienti per sostenere i blocchi forati e il successivo getto di completamento. Il fondello ha spessore medio di 1.00 cm; la larghezza è di 12 cm, l'altezza totale 4 cm. Il traliccio metallico (elettrosaldato) ècomposto sempre da una corrente composto superiore, due correnti inferiori ed una staffatura d'anima.

25 SOLAI CON NERVATURE GETTATI IN OPERA Se un solaio ha luce superiore a 4,50 m è realizzato con blocchi di categoria non collaboranti, la soletta con spessore minimo di 4 cm deve essere armata. Se si usano blocchi collaboranti, il solaio semplicemente rasato, dovrà prevedere almeno una nervatura trasversale di irrigidimento. La nervatura può essere realizzata togliendo una fila di blocchi o inserendo una fila di blocchi di minore altezza.

26 SOLAI PREFABBRICATI IN LATERIZIO E FINITI IN OPERA In commercio ci sono due tipo di pannelli larghi cm 80 e cm 120 con altezze di cm, 12/16/20 e 24. Dopo il posizionamento in opera, deve essere disposta un armatura metallica nelle nervature che si creano in corrispondenza delle linee di accostamento dei pannelli. La realizzazione del solaio si conclude con il getto di completamento che riempie le nervature fino al filo superiore dei pannelli.

27 ESEMPI DI SOLAIO Posa in opera di un solaio con travetti a traliccio. Solaio con fondello traliccio RASATO

28 SOLAI CON PIASTRE IN C.A. E C.A.P. ALLEGGERITI CON BLOCCHI DI POLISTIROLO Sulla lastra sono disposti dei blocchi di alleggerimento con anche il compito di delimitare le nervature. La lastra può essere ad armatura lenta o in c.a. precompresso. Per assicurare i collegamenti e la resistenza trasversale la lastra viene armata con una rete elettrosaldata. Solaio alleggerito con blocchi in polistirolo Le lastre in c.a.p. vengono prodotte larghe 1,20 m nelle quali la funzione irrigidente è affidata non a tralicci ma a nervature in conglomerato che formano appoggio peri blocchi in laterizio o altro materiale. Solaio finito: vista di intradosso

29 ESEMPI DI SOLAIO Solaio con piastra prefabbricata e alleggerimento con polistirolo Solaio con travetti precompresso accostati Solaio alveolare precompresso Posa in opera di un solaio alveolare precompresso

30 CONFRONTO TRA I DIVERSI TIPI DI SOLAIO IN LATERO CEMENTO

31 CONFRONTO TRA I DIVERSI TIPI DI SOLAIO ALTEZZE E PESI

32 SOLAIO CON LAMIERA GRECATA E CLS Possono essere di due tipi Senza soletta denominati solai a secco. Di vari profili. Sulla lamiera è posto direttamente sottofondo e pavimentazione. Con soletta collaborante in cui la lamiera svolge anche la funzione di casseratura a perdere. E previsto sia il cls che l armatura metallica, in genere rete elettrosaldata. Lamiera grecata semplice e cls La lamiera grecata poggia sulle travi principali a doppio T oppure IPE o N.P. Per coprire la lamiera a vista si può prevedere una controsoffittatura. La lamiera grecata può essere semplice o doppia se costituite da due lamiere con nervature contrapposte unite tra loro. Lamiera grecata semplice e cls Esempi di soletta con lamiera grecata collaborante Bugnatura della lamiera grecata e fissaggio mediante saldatura o chiodatura a sparo.

33 SOLAIO CON LAMIERA GRECATA E CLS Armatura poggiante sulla lamiera grecata e getto di cls Tipi di lamiera grecata e cls Rete elettrosaldata lamiera e getto di cls Stratificazione di un solaio in lamiera grecata Raccordo trave con lamiera grecata Ancoraggio lamiera trave Solaio in lamiera grecata cls armato

34 TIPOLOGIA DI SOALI PER BALCONI Balcone con mensole e soletta piena I balconi possono essere realizzati con soletta piena e in laterocemento. In genere questi tipi di balconi hanno una sporgenza abbastanza contenuta 1-1,5 m. Sporgenze maggiori si possono ottenere con balconi provvisti di mensole ribassate o rialzate in C.A. La soletta del balcone è incastrata alle mensole e può essere piena o in latero-cemento. Balcone con mensole in laterocemento e con nervature prolungate dal solaio interno Armatura metallica per un balcone con soletta piena Balcone con mensole Rialzate e soletta piena Balcone con mensole in laterocemento e con nervature incrociate rispetto al solaio interno

35 COLLAUDO DEI SOLAI IN C.A. E ACCIAIO La normativa prevede il collaudo e la congruità statica dei solai in C.A. e in Acciaio. Collaudo: ispezione delle opere, disamina dei certificati di prova dei materiali eventuali prova di carico su parti di solaio e sulle travi più caricate che in genere sono quelli con luci maggiori. In rapporto ai carichi di progetto si analizzano le deformazioni misurando le frecce di inflessione. Si usano i flessimetri. I solai possono essere caricati con sacchi di cemento, pistoni oleodinamici o cuscini impermeabili riempiti di acqua. Carichi : Permanenti strutturali Permanenti portati non strutturali Carichi d esercizio in funzione della destinazione d uso

36 FASI E TECNICHE DI COLLAUDO

37 PRESTAZIONI DEI SOLAI: trasmittanza termica, fonoassorbenza e resistenza al fuoco TRASMITTANZA TERMICA I solai dell ultimo piano e quelli dei locali non riscaldati (box auto) fanno parte dell involucro disperdente. Quindi devono avere un buon isolamento termico. Tutti i solai, specie quelli a soletta piena hanno elevati valori di trasmittanza termica e quindi necessitano di coibentazione. POTERE FONOASSORBENTE Tutti i solai, specie quelli a soletta piena, hanno elevati valori di trasmittanza termica e quindi necessitano di coibentazione. I cordoli e le travi che sostengono i solai rappresentano dei punti critici in quanto formano dei ponti termici con elevata trasmittanza termica lineare. L inerzia termica dei solai è direttamente dipendente dallo spessore del solaio e dalla massa. Il potere fonoisolante è funzione della massa per unità di superficie quindi sono più fonoassorbenti i solai in C.A. a soletta piena che isolano meglio rispetto ai rumori aerei e da calpestio. Meno efficienti sono quelli in legno. La pavimentazione può contribuire all isolamento specie se predisposta su un adeguato strato di materiale coibente. RESITENZA AL FUOCO La resistenza al fuoco dipende dal tipo di materiale. Il legno è facilmente combustibile, l acciaio si deforma e genera situazioni di collasso della struttura. Nelle strutture in C.A. la resistenza al fuoco è direttamente proporzionale allo spessore degli elementi e al copriferro delle armature.

38 DISEGNO DI UN SOLAIO IN LATERO-CEMENTO

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai):

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): 1) riportare i carichi verticali agenti ai piani agli elementi strutturali verticali che a loro volta li trasmettono alle fondazioni; 2) garantire

Dettagli

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio 10 I SOLAI 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio I solai sono strutture piane aventi la funzione di portare i carichi presenti sulle costruzioni e di trasferirli alle strutture su cui si appoggiano.

Dettagli

ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008. Prof. Luca Venturi GLI ORIZZONTAMENTI

ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008. Prof. Luca Venturi GLI ORIZZONTAMENTI ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008 2008 Prof. Luca Venturi GLI ORIZZONTAMENTI Si chiamano solai quelle strutture che servono a coprire determinati spazi realizzando un piano (orizzontale

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

I SOLAI. CORSO DI MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Prof. Michele M. Lepore

I SOLAI. CORSO DI MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Prof. Michele M. Lepore I SOLAI CORSO DI MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Prof. Michele M. Lepore Schema statico della volta Schema statico del solaio !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! I requisiti richiesti Requisiti

Dettagli

Requisiti fondamentali

Requisiti fondamentali Requisiti fondamentali Resistenza meccanica Modesta deformabilità Minimo spessore Peso ridotto Buone proprietà isolanti, termiche e acustiche Superficie d intradosso piana Resistenza al fuoco Rapida realizzazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA GENERALITÀ SULLE CHIUSURE ORIZZONTALI. Classificazione e caratteristiche delle chiusure orizzontali

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA GENERALITÀ SULLE CHIUSURE ORIZZONTALI. Classificazione e caratteristiche delle chiusure orizzontali GENERALITÀ SULLE CHIUSURE ORIZZONTALI Classificazione e caratteristiche delle chiusure orizzontali Chiusure orizzontali di base Chiusure orizzontali intermedie Chiusure di copertura - Solai di tipo monolitico

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI Il solaio a travetti tralicciati, noto anche come solaio bausta, è costituito da travetti tralicciati e da elementi di alleggerimento in laterizio. I travetti

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 398 Analisi E.04.10.10.a Solaio misto di cemento armato e laterizio gettato in opera, per strutture piane, con calcestruzzo non inferiore a Rck 30 N/mm², costituito da pignatte interposte fra nervature

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI CHIUSURE ORIZZONTALI ISOLAI CHIUSURA ORIZZONTALE Unità tecnologica costituita dall insieme degli elementi tecnici orizzontali e suborizzontali aventi la funzione di individuare e delimitare spazi interni

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 - CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 Per una maggiore chiarezza e trasparenza sui contenuti del corso svolti durante l anno scolastico si allega il programma che segue. I libri di testo a cui

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

SOLAI - STRUTTURE IN FERRO - T.M.R. Trave Metallica Reticolare

SOLAI - STRUTTURE IN FERRO - T.M.R. Trave Metallica Reticolare Azienda certificata secondo la UNI EN ISO 3834-2:2006 per saldature di travi reticolari in ferro con e senza piatto Certificato n 799114016792 Azienda con ATTESTATO DI DENUNCIA DELL ATTIVITA DI CENTRO

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici LE PARETI INTERNE Sono elementi costruttivi che hanno principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici secondo dimensioni adatte alla destinazioni funzionali che devono essere realizzate

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE

SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE Il solaio a lastre tralicciate predalles, rappresenta per la D.M.P. DALLA MORA PREF. S.R.L., il fiore all occhiello della propria produzione, non solo per la continua crescita

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO IPOTESI DI MASSIMA DELLA DISTRIBUZIONE INTERNA Dall analisi delle esigenze degli

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO A/A 2008-2009 PROGETTO DI SCALE IN CEMENTO ARMATO A/A 2008-2009 CONTENUTO LEZIONE Generalità sulle scale e tipologie Scala con trave a ginocchio modellazione e calcolo sollecitazioni Progetto dei gradini

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE OPERE DI EDILIZIA SCOLASTICA ED ISTITUZIONALE I.S.I.S. "DON MILANI" ROMANO DI LOMBARDIA - BG REALIZZAZIONE NUOVA SEDE - 1 LOTTO FUNZIONALE

Dettagli

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera La corretta esecuzione dei solai in laterizio Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera 2Indice La corretta esecuzione dei solai in laterizio Indice Premessa pag. 3 I blocchi in laterizio

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Riccardo

Dettagli

Analisi dei carichi NNT 2008

Analisi dei carichi NNT 2008 Analisi dei carichi NNT 2008 2/25 Caso di studio Il caso di studio è rappresentato da un edificio di 2 piani, con altezza di interpiano pari a 3m, destinato a civile abitazione. 4.6m 5.2m 5.4m 1.5m 5.0m

Dettagli

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA Descrizione prodotto L architrave prefabbricato tralicciato in laterocemento della serie AR, prodotto dalla LPM S.p.A., è un elemento strutturale

Dettagli

Applicazioni degli isolanti di origine vegetale in pannelli su chiusure verticali: alcuni esempi

Applicazioni degli isolanti di origine vegetale in pannelli su chiusure verticali: alcuni esempi Applicazioni degli isolanti origine vegetale in pannelli su chiusure verticali: alcuni esempi Soluzione tecnica Prodotto Altre applicazioni del prodotto Isolamento in intercapene Struttura in legno rivestimento

Dettagli

I /\ I,m, blero soluzioni costruttive

I /\ I,m, blero soluzioni costruttive I /\ I,m, blero soluzioni costruttive Realizzare prodotti immutabili nel tempo 197 nasce la Brandellero Floriano Forte dell esperienza maturata, Floriano decise di aprire un azienda di solai prefabbricati,

Dettagli

RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO

RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO Pagina 1 di 5 Vincenzo Bacco RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO Fin dal suo apparire nella tecnologia costruttiva dei solai misti, il componente in laterizio, inteso come blocco

Dettagli

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria LA MATERIA PRIMA Il polistirene espanso sinterizzato (EPS) è un materiale rigido, di peso ridotto, derivato dal petrolio, composto da carbonio, idrogeno e per il 98% d aria. Oltre al vapore acqueo, per

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Solai unidirezionali Solai in latero-cemento I solai in latero-cemento rappresentano gran parte delle strutture piane orizzontali adoperate sul territorio nazionale. Sono

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

Laboratorio di Tecnica delle Costruzioni

Laboratorio di Tecnica delle Costruzioni Politecnico di Bari Corso di Laurea in Ingegneria g Edile-Architettura a.a. 2012-2013 2013 Disciplina: Tecnica delle (Laboratorio) Docente: Prof. Ing. Pietro MONACO Collaborazione: Ing. Michele LUISI Ing.

Dettagli

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO

SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri SCALA CON GRADINI PORTANTI E TRAVE A GINOCCHIO Tipologie correnti di scale Progetto di gradini portanti Progetto della trave a ginocchio Esecutivi: piante,

Dettagli

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per recinzioni e per il contenimento terra, parapetti, velette,

Dettagli

SISTEMA SOLAIO A TRAVETTI IN CALCESTRUZZO PRECOMPRESSO CELERSAP E BLOCCHI IN LATERIZIO INTERPOSTI BIC

SISTEMA SOLAIO A TRAVETTI IN CALCESTRUZZO PRECOMPRESSO CELERSAP E BLOCCHI IN LATERIZIO INTERPOSTI BIC SISTEMA SOLAIO A TRAVETTI IN CALCESTRUZZO PRECOMPRESSO CELERSAP E BLOCCHI IN LATERIZIO INTERPOSTI BIC 3 Il sistema solaio CELERSYSTEM della Fantini Scianatico rappresenta la proposta più completa che il

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

LE STRUTTURE PORTANTI VERTICALI

LE STRUTTURE PORTANTI VERTICALI LE STRUTTURE PORTANTI VERTICALI Muratura portante: assemblaggio di elementi resistenti, artificiali o naturali, disposti con regolarità e collegati con malta. STRUTTURE PORTANTI VERTICALI Le strutture

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì ANALISI DEI CARICHI AGGIORNAMENTO 25/11/2011

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì ANALISI DEI CARICHI AGGIORNAMENTO 25/11/2011 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì ANALISI DEI CARICHI AGGIORNAMENTO 25/11/2011 1 Muratura di mattoni pieni a una testa (15.5 cm) 2.85 Intonaco esterno in malta

Dettagli

Impresa & cantiere IMPERMEABILIZZAZIONE SOLAI

Impresa & cantiere IMPERMEABILIZZAZIONE SOLAI Impresa & cantiere IMPERMEABILIZZAZIONE SOLAI FOGLIO NOTIZIE TECNICHE N 4 - Gennaio 2011 Una buona esecuzione delle opere di impermeabilizzazione non può prescindere da una accurata valutazione della natura

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA Essenzialmente, l armatura offre un incremento di resistenza a trazione e a taglio nonchè, ovviamente, a flessione mentre i blocchi e la malta assorbono prevalentemente

Dettagli

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare attenzione alla ricerca nel campo dell innovazione tecnologica,

Dettagli

Nome file: 5_(1).doc. L Subsistemi di partizioni orizzontali: i solai (1) L.1 Il processo produttivo

Nome file: 5_(1).doc. L Subsistemi di partizioni orizzontali: i solai (1) L.1 Il processo produttivo L Subsistemi di partizioni orizzontali: i solai (1) L.1 Il processo produttivo L.1.1 Schema di funzionamento di impianto per la produzione La produzione di laterizio avviene, oggi, in stabilimenti dotati

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di Ancona Lavori di: Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale Esecutore: Impresa Bianchi Costruzioni COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Il Progettista: Bianchi Mario Computo: Descrizione:

Dettagli

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO.

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. I dati esposti sono dati indicativi relativi alla produzione attuale e possono essere cambiati ed aggiornati dalla Peter Cox in qualsiasi momento

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

Eurosolaio Barbieri. Progetto

Eurosolaio Barbieri. Progetto Eurosolaio Barbieri Progetto Occorre rilevare che oggi, nella realizzazione in stabilimento degli elementi prefabbricati da utilizzare nei solai, è poca o nulla l attenzione prestata alle disposizioni

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI DI

CHIUSURE ORIZZONTALI DI CHIUSURE ORIZZONTALI DI COPERTURA INCLINATE Chiusure orizzontali di copertura discontinue - Costituite da piani inclinati (falde) La geometria dipende della pianta dell edificio e della pendenza da conferire

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

LA STRUTTURA A TELAIO

LA STRUTTURA A TELAIO 4 1 capitolo 4 LA STRUTTURA A TELAIO Questo tipo di struttura è costituita da un orditura di travi e pilastri che, formando un insieme di telai (si definisce telaio l elemento strutturale realizzato con

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

Procedimento misto per la stima di costo

Procedimento misto per la stima di costo Procedimento misto per la stima di costo Venezia, 12 maggio 2005 Obiettivo e struttura della lezione L obiettivo della lezione è illustrare una metodologia di analisi del valore che consenta di pervenire

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 45 I CALCESTRUZZI LEGGERI I calcestruzzi leggeri hanno massa volumica inferiore a 2000 kg/m 3, minore di quella dei calcestruzzi normali ( 2250-2400 Kg/m 3 ), per la presenza all interno del conglomerato

Dettagli

CASI DI STUDIO e ANALISI TECNOLOGICA DELLE VARIABILITA

CASI DI STUDIO e ANALISI TECNOLOGICA DELLE VARIABILITA CASI DI STUDIO e ANALISI TECNOLOGICA DELLE VARIABILITA Il mio obbiettivo per limitare il ponte termico del balcone è quello di garantire la continuità dell isolante tra la muratura e la partizione orizzontale

Dettagli

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di prodotti innovativi caratterizzati da elevati standard

Dettagli

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO Deposito: c/da Malapezza - 98042 Pace Del Mela (ME) Tel. 090. 9385533 Fax 090. 9383307 e-mail: info@currolaterizi.it sito web: www.currolaterizi.it

Dettagli

Vincenzo Bacco. Solaio in latero-cemento Confronto con sistemi alternativi

Vincenzo Bacco. Solaio in latero-cemento Confronto con sistemi alternativi 2 Vincenzo Bacco Solaio in latero-cemento Confronto con sistemi alternativi 2 Solaio in latero-cemento Confronto con sistemi alternativi Indice Indice Premessa pag. 3 Descrizione pag. 4 Rispondenza alla

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 Descrizione della struttura: PARETE PERIMETRALE ESTERNA Codice: M1 Trasmittanza

Dettagli

TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO.

TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO. INDICE INDICE... 1 RELAZIONE SANITARIA... 2 INQUADRAMENTO.... 2 TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO.... 2 DESTINAZIONI D'USO....

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima parte prima FONDAZIONI FONDAZIONI A POZZO FONDAZIONE A POZZO GETTO FONDAZIONE A PLATEA SCAVO FONDAZIONI SU PALI IN LEGNO STRUTTURE DI SOTTERRANEO MURATURE IN SOTTERRANEO FINESTRE SOTTERRANEI DRENAGGIO

Dettagli

21/02/2015 SOLUZIONI E SISTEMI TECNICI PER LA RISTRUTTURAZIONI DELLE PARTIZIONI ORIZZONTALI

21/02/2015 SOLUZIONI E SISTEMI TECNICI PER LA RISTRUTTURAZIONI DELLE PARTIZIONI ORIZZONTALI SOLUZIONI E SISTEMI TECNICI PER LA RISTRUTTURAZIONI DELLE PARTIZIONI ORIZZONTALI Tipologie di solai Riqualificazione statica dei divisori orizzontali Sistemi e soluzioni per il consolidamento e rinforzo

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm NUOVO ELEVETOR è un sistema combinato di casseri con altezza 15 cm e basi di supporto

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE ORDINARIA E ARMATA SECONDO LE NTC 2008 Come progettare edifici prestazionali in laterizio Modena - 15 Febbraio 2013 Sommario Brevi cenni sull evoluzione

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Roberto Calliari Chi ben comincia è a metà dell opera! Questo detto popolare si può correttamente applicare nella costruzione di un edificio efficiente.

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

Antonio Laurìa. Modalità di posa

Antonio Laurìa. Modalità di posa Antonio Laurìa Tecnologia Modalità di posa L articolo descrive le principali istruzioni per la posa a secco di un manto di copertura in laterizio distinguendo tra quelle relative ad un manto in tegole

Dettagli

Lista delle categorie di lavorazione e delle forniture previste per l'esecuzione dell'appalto

Lista delle categorie di lavorazione e delle forniture previste per l'esecuzione dell'appalto Comune di Ancona Lavori di: Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale Esecutore: Impresa Bianchi Costruzioni Lista delle categorie di lavorazione e delle forniture previste per l'esecuzione

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli