COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI NEL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI NEL"

Transcript

1 REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI NEL COMUNE DI MONTECHIARUGOLO Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 8 del 24 gennaio

2 INDICE Parte 1 - ISTITUZIONE e FINALITÀ...3 Parte 2 - ORGANIZZAZIONE...3 Parte 3 - FUNZIONAMENTO E COMPETENZE...4 Parte 4 - ELEZIONI...5 Articolo 1 - ISTITUZIONE...3 Articolo 2 FINALITÀ...3 Articolo 3 - COMPOSIZIONE...3 Articolo 4 SEDE, MEZZI E RISORSE...3 Articolo 5 RIUNIONI...3 Articolo 6 - INSEDIAMENTO...4 Articolo 7 COMPETENZE...4 Articolo 8 COMPETENZE DEL PRESIDENTE...4 Articolo 9 COMPETENZE DEL VICE PRESIDENTE...4 Articolo 10 - COMPETENZE DEL SEGRETARIO...4 Articolo 11 DECADENZA E SOSTITUZIONE DEI CONSIGLIERI...4 Articolo 12 SCIOGLIMENTO...5 Articolo 13 INDIZIONE DELLE ELEZIONI...5 Articolo 14 REQUISITI DEGLI ELETTORI...5 Articolo 15 REQUISITI DI ELEGGIBILITÀ...5 Articolo 16 LISTE ELETTORALI...5 Articolo 17 - COMMISSIONE ELETTORALE...6 Articolo 18 SCHEDA ELETTORALE...6 Articolo 19 SEGGIO ELETTORALE...6 Articolo 20 OPERAZIONI DI VOTO...6 Articolo 21 ASSEGNAZIONE DEI VOTI...6 Articolo 22 PROCLAMAZIONE DEGLI ELETTI...6 Articolo 23 NORMA FINALE...6 2

3 Articolo 1 - ISTITUZIONE Parte 1 - ISTITUZIONE e FINALITÀ 1. In attuazione di quanto previsto dall articolo 41, comma 4, dello Statuto Comunale di Montechiarugolo è istituita la CONSULTA dei CITTADINI STRANIERI residenti nel Comune di Montechiarugolo. 2. La Consulta è eletta a suffragio universale, con voto libero e segreto, dai cittadini stranieri maggiorenni, residenti nel Comune di Montechiarugolo, nel rispetto di quanto previsto da questo regolamento. 3. Le disposizioni del presente regolamento non si applicano per i cittadini stranieri in possesso della cittadinanza italiana. Articolo 2 FINALITÀ 1. La Consulta favorisce il dialogo e l integrazione tra le diverse culture, promuove per i cittadini stranieri gli stessi diritti e doveri degli altri cittadini e intende affermare i diritti della persona, senza distinzioni. 2. La Consulta è un organo consultivo del Consiglio Comunale. A tal fine, la Consulta è sentita prima dell approvazione dei seguenti atti di competenza del consiglio Comunale: - Statuto del comune - Regolamento della Consulta dei cittadini stranieri - Bilancio di previsione e relazione previsionale e programmatica - Istituzione ed organizzazione dei servizi pubblici - Regolamenti comunali - Verifica di mandato 3. Le proposte di deliberazione che riguardano i predetti atti saranno trasmesse alla consulta almeno 10 giorni prima della loro approvazione ed il parere della consulta dovrà essere inserito nel fascicolo della stessa proposta nei termini stabiliti dal regolamento del consiglio comunale. 4. La Consulta informa, tramite il proprio Presidente e mediante una relazione annuale, il Consiglio Comunale delle condizioni e dei problemi delle comunità straniere sul territorio e riferisce le loro opinioni su questioni che riguardano l amministrazione del territorio comunale. 5. La Consulta aiuta i cittadini stranieri, singoli o associati, nell esercizio dei diritti a loro riconosciuti dalle Leggi e dallo Statuto Comunale, compresi quelli di partecipazione alla vita della comunità. 6. La Consulta vuole essere il punto di riferimento per i cittadini stranieri per i diversi aspetti quali: informazione, aggregazione e confronto sulla vita degli stranieri sotto i diversi aspetti, quali istruzione, lavoro, cultura, tempo libero, salute, servizi pubblici, ecc. 7. La Consulta collabora con il Comune per favorire la conoscenza alle comunità straniere dei servizi e delle attività dell ente. Articolo 3 - COMPOSIZIONE Parte 2 - ORGANIZZAZIONE 1. La Consulta è composta da 7 membri, compreso il Presidente e il Vicepresidente. Nella stessa dovranno essere rappresentate almeno tre nazionalità dei residenti stranieri ed ambedue i sessi. Articolo 4 SEDE, MEZZI E RISORSE 1. La sede della Consulta è in un locale messo a disposizione dall Amministrazione comunale. 2. La Consulta per il suo funzionamento può servirsi del personale e delle attrezzature fornite dal Comune. A tal fine il bilancio annuale del Comune prevede le necessarie risorse. Articolo 5 RIUNIONI 1. Le sedute della Consulta sono pubbliche. 2. L ordine del giorno di ogni seduta è trasmesso al Sindaco dal Presidente almeno 10 giorni prima della riunione. 3 Alle riunioni della Consulta può partecipare con diritto di parola il Sindaco o un suo delegato. 3

4 Parte 3 - FUNZIONAMENTO E COMPETENZE Articolo 6 - INSEDIAMENTO 1. La Consulta è insediata a seguito della convalida degli eletti, così come previsto nell articolo 22 del presente regolamento. 2. La Consulta resta in carica per la stessa durata del mandato amministrativo. 3. La prima riunione della Consulta è presieduta dal consigliere eletto con il maggior numero di voti. Articolo 7 COMPETENZE 1. Durante la prima riunione, presieduta dal consigliere più votato, si eleggono il Presidente e il Vice Presidente a maggioranza assoluta dei componenti (n. 4) della consulta. Se non si raggiunge la maggioranza assoluta, si deve tenere, entro 10 giorni, la seconda seduta e a quel punto sarà sufficiente la maggioranza relativa ovvero la maggioranza dei votanti. 2. La Consulta approva un Regolamento interno circa: le modalità di convocazione dei Consiglieri; i diritti e i doveri dei Consiglieri; i criteri di trattazione dell ordine del giorno; le procedure di voto. 3. La Consulta approva i pareri e le relazioni da presentare al Consiglio Comunale. 4. La Consulta approva a maggioranza assoluta le proposte di modifica del presente regolamento, da sottoporre al Consiglio comunale per l approvazione. Articolo 8 COMPETENZE DEL PRESIDENTE 1. Il Presidente è responsabile del buon funzionamento della Consulta e nomina un segretario della stessa, che può essere anche una persona che non fa parte della Consulta. 2. Il Presidente può richiedere al Sindaco, a nome della Consulta, di esaminare nella sede opportuna questioni di particolare importanza per gli stranieri. 3. Il Sindaco può invitare il Presidente della consulta, anche su richiesta dello stesso, a partecipare alle sedute consiliari quando siano in trattazione argomenti di particolare interesse per le comunità straniere e, in tale occasione, può concedere il diritto di parola allo stesso Presidente per far conoscere l opinione della consulta all assemblea consiliare. Articolo 9 COMPETENZE DEL VICE PRESIDENTE 1. Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in ogni sua funzione o per sua delega o in caso di necessità. Articolo 10 - COMPETENZE DEL SEGRETARIO 1. Il Segretario, ad ogni riunione della Consulta, tiene il verbale delle presenze, dello svolgimento della seduta, delle decisioni prese. Il verbale, di volta in volta, è trasmesso al Comune. Articolo 11 DECADENZA E SOSTITUZIONE DEI CONSIGLIERI 1. Si considera decaduto il Consigliere che: perde la cittadinanza straniera o acquisisce la cittadinanza italiana non ottiene il rinnovo del permesso di soggiorno ha un decreto di espulsione definitivo manca per tre volte consecutive alle riunioni, senza giustificati motivi. 4

5 2. In caso di decadenza, dimissioni o decesso, un consigliere viene sostituito dal primo non eletto della sua stessa lista, garantendo in ogni modo il principio della rappresentanza di almeno tre nazionalità, indicato nel precedente articolo 3 e di ambedue i sessi. 3 Se la lista è esaurita, viene nominato il primo non eletto più votato tra tutte le altre liste. In caso di parità si dà la precedenza alla lista meno rappresentata nella Consulta. Articolo 12 SCIOGLIMENTO 1. Il Sindaco, con delibera del Consiglio Comunale, scioglie la Consulta quando 4 consiglieri risultano decaduti o dimissionari e non è possibile la loro sostituzione. 2. Le elezioni per la nuova Consulta si svolgono, di norma, entro i tre mesi successivi alla decadenza o allo scioglimento. La Consulta, in questo caso, ha durata corrispondente a quello del mandato del sindaco in corso. 3. La Consulta scade al termine del mandato elettorale del Sindaco, ma dura in carica fino alla nomina della successiva. Parte 4 - ELEZIONI Articolo 13 INDIZIONE DELLE ELEZIONI 1. Il Sindaco neo eletto Indice, entro tre mesi dalla nomina, le elezioni della Consulta; nomina i componenti della Commissione Elettorale; fissa la data, il luogo e le modalità di svolgimento delle elezioni. 2. Le elezioni vengono pubblicizzate ai cittadini interessati con ogni mezzo idoneo (lettere a tutti i residenti stranieri, incontri, locandine, sito INTERNET, ). Articolo 14 REQUISITI DEGLI ELETTORI 1 Sono elettori tutti i cittadini stranieri residenti che alla data delle elezioni: hanno compiuto i diciotto anni di età; hanno la cittadinanza di un paese straniero o status di apolide e non siano cittadini italiani; hanno carta o permesso di soggiorno valido o in corso di rinnovo; sono iscritti all anagrafe del Comune; non hanno un decreto di espulsione definitivo. non sono incorsi in una delle cause escludenti la capacità elettorale previste dalle norme del T.U. approvato con D.P.R. 20/3/1967 n. 223 e successive modificazioni, in quanto applicabili. Articolo 15 REQUISITI DI ELEGGIBILITÀ 1. Sono eleggibili come membri della Consulta i cittadini stranieri che hanno i requisiti dell articolo precedente. 2. L esistenza delle condizioni predette sono verificate dall ufficio elettorale. Articolo 16 LISTE ELETTORALI 1. L elezione dei membri della Consulta avviene sulla base delle liste elettorali. 2. Ogni lista deve comprendere un numero di candidati non inferiore a cinque e non superiore a quindici. Devono essere, inoltre, rappresentare almeno tre nazionalità ed ambedue i sessi. 3. I promotori di ogni lista devono raccogliere almeno quindici firme di sostenitori tra gli aventi diritto al voto, esclusi i candidati. 4. Ogni elettore può firmare una sola lista. La firma deve essere autenticata dal Sindaco, da un Consigliere o da un funzionario comunale. 5. Ogni lista, in lingua italiana, deve indicare il simbolo e la denominazione della lista stessa. Deve riportare anche il cognome, il nome, il luogo e la data di nascita di ogni candidato e il suo numero progressivo in lista. Alla lista deve essere allegato un programma elettorale. 5

6 6. Le liste devono essere presentate all ufficio elettorale almeno trenta giorni prima della data delle elezioni. Alle liste presentate è assegnato un numero progressivo che corrisponde all ordine di presentazione. 7. Ogni candidato deve sottoscrivere un atto, da allegare alla propria lista, con il quale dichiara l accettazione della eventuale carica e il possesso dei requisiti necessari. Articolo 17 - COMMISSIONE ELETTORALE 1. La Commissione Elettorale è formata: dal Sindaco o da un Suo delegato; dal Segretario Comunale o da un Suo delegato; dal responsabile dell ufficio elettorale. 2. La Commissione Elettorale compie tutti gli atti necessari per garantire la validità delle elezioni e organizza, per quanto non dettato dal presente regolamento, lo svolgimento delle elezioni. 3. Gli interessati possono fare ricorso alla Commissione Elettorale contro qualsiasi decisione entro cinque giorni dalla comunicazione. La commissione deve rispondere entro cinque giorni dalla data in cui il ricorso perviene. Articolo 18 SCHEDA ELETTORALE 1. La scheda elettorale reca i simboli delle liste e gli spazi per dare la preferenza al candidato scelto; essa viene timbrata e firmata da un componente del seggio. Articolo 19 SEGGIO ELETTORALE 1. Il seggio elettorale è composto da un Presidente e da altri due membri. 2. Per la validità delle operazioni è sufficiente che siano presenti almeno due componenti. 3. Al seggio è ammesso un solo rappresentante per ogni lista presentata (come osservatore). Articolo 20 OPERAZIONI DI VOTO 1. Gli elettori devono presentarsi al seggio con la carta o il permesso di soggiorno. 2. Possono esprimere il voto di lista barrando il simbolo e un voto di preferenza scrivendo il nome o il numero del candidato preferito. 3. Il voto di lista è valido solo per la lista. Il voto di preferenza è valido per il candidato e la lista. 4. La scheda è nulla se ha segni di riconoscimento o se non è chiara la volontà dell elettore. 5. Lo scrutinio delle schede inizia subito dopo la chiusura del seggio. 6. Le schede nulle o bianche non vengono contate nel totale dei voti validi. Articolo 21 ASSEGNAZIONE DEI VOTI 1. A ciascuna lista spettano tanti consiglieri in proporzione ai voti ottenuti, applicando le stesse modalità di ripartizione previste dalla legge per l assegnazione dei consiglieri comunali nel Comune di Montechiarugolo. Articolo 22 PROCLAMAZIONE DEGLI ELETTI 1. Alla fine delle operazioni di scrutinio il Sindaco proclama gli eletti. Articolo 23 NORMA FINALE 1. Per quanto non previsto dal presente regolamento si fa riferimento alla normativa in vigore per l elezione dei consigli comunali nei Comuni con meno di abitanti in quanto applicabile. 2. Se il diritto di voto alle elezioni amministrative comunali viene concesso anche ai cittadini stranieri da una legge nazionale, la Consulta decade, avendo perso la sua ragione di essere. 6

7 3. Tutte le funzioni connesse allo svolgimento delle elezioni sono gratuite. 7

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI PARTE PRIMA 3 Istituzione e Funzionamento 3 ART. 1 - ISTITUZIONE 3 ART. 2 - FINI 3 ART. 3 - SEDE 3 ART. 4 - MEZZI E RISORSE

Dettagli

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del 16.02.05) Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione

Dettagli

COMUNE DI TORRE PELLICE

COMUNE DI TORRE PELLICE COMUNE DI TORRE PELLICE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI E DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO Approvato con deliberazione di C.C. n. 19 del 29/4/2013

Dettagli

PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI DELLA PROVINCIA DI PISA

PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI DELLA PROVINCIA DI PISA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI DELLA PROVINCIA DI PISA (Approvato con delibera del C. P. n. 27/2004 e modificato con delibere del Consiglio Provinciale nn. 143/2005 e 3 del

Dettagli

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI. Art. 1. Oggetto

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI. Art. 1. Oggetto REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l'istituzione ed il funzionamento della "Consulta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRA-UE ED APOLIDI RESIDENTI A TRIESTE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRA-UE ED APOLIDI RESIDENTI A TRIESTE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRA-UE ED APOLIDI RESIDENTI A TRIESTE Articolo 1 Istituzione della Consulta E istituita, quale organo consultivo del Consiglio

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA. Istituzione e funzionamento

INDICE PARTE PRIMA. Istituzione e funzionamento Regolamento per l elezione del consiglio dei cittadini stranieri non comunitari o apolidi residenti nel comune di Calenzano (Approvato con deliberazione n.37/cc del 31.03.2003 e modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI DEL COMUNE DI VICENZA

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI DEL COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEGLI STRANIERI DEL COMUNE DI VICENZA Articolo 1 Consiglio degli stranieri 1. Ai sensi dell art. 27 dello Statuto del Comune di Vicenza è istituito il Consiglio degli stranieri

Dettagli

C I T T À D I R E C A N A T I

C I T T À D I R E C A N A T I C I T T À D I R E C A N A T I REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNE DI RECANATI P R E M E S S A La Consulta Giovanile, nello spirito dello Statuto comunale, della Carta europea per la partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE REGOLAMENTO ELETTORALE I N D I C E TITOLO I ASSEMBLEA DEI DELEGATI Art. 1 - Convocazione delle elezioni dei Delegati all Assemblea Art. 2 - Ufficio Elettorale Istituzione Art. 3 - Ufficio Elettorale Competenze

Dettagli

Comune di Fabriano REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO AL CONSIGLIO COMUNALE DI FABRIANO

Comune di Fabriano REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO AL CONSIGLIO COMUNALE DI FABRIANO REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO AL CONSIGLIO COMUNALE DI FABRIANO APPROVATO CON DCC N.4 DEL 12.01.2010 REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO AL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO (Provincia di Pisa)

COMUNE DI MONTESCUDAIO (Provincia di Pisa) COMUNE DI MONTESCUDAIO (Provincia di Pisa) ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ------------- N. 06 DEL. 22.04.2006 OGGETTO: Approvazione del Regolamento del Rappresentante degli Stranieri L'anno

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO

REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 29 MAGGIO 1997 DIVENUTA ESECUTIVA A TUTTI GLI EFFETTI DI LEGGE DAL 1.8.1997 Articolo 1

Dettagli

COMUNE DI TERRANOVA DI POLLINO

COMUNE DI TERRANOVA DI POLLINO COMUNE DI TERRANOVA DI POLLINO PROV. DI POTENZA SETTORE AFFARI GENERALI-AMMINISTRATIVO ECONOMICO-FINANZIARIO Telef. 097393009-Fax 097393247 e-mail : genovese.giuseppe55@gmail.com C.F. 82000430767 P.I.

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA GIOVANILE Approvato con delibera di C.C. n. 33 del 15/10/2015 1 Articolo 1 - Istituzioni e scopi 1.E istituita dal Comune di Artegna

Dettagli

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE COMUNE DI MINERVINO MURGE (Aggiornato nel mese di marzo 2012) CAPO I - FINALITA E SCOPI Art. 1 Istituzione E istituito dal Comune di MINERVINO MURGE (BA), con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE ELETTIVA PER I CITTADINI STRANIERI (EXTRA- UE, APOLIDI E IN POSSESSO DELLA DOPPIA CITTADINANZA ITALIANA ED EXTRA-UE) RESIDENTI

Dettagli

C O M U N E D I O R T E

C O M U N E D I O R T E C O M U N E D I O R T E PROVINCIA DI VITERBO REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI GIOVANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n _10_ del 28 maggio 2008 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO

Dettagli

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali *

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Art. 1 Oggetto 1. È istituito il Consiglio delle autonomie locali (CAL), quale organo di rappresentanza delle autonomie

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l elezione della Consulta degli stranieri Approvato con Delibera di Consiglio n. 51 del

Regolamento per l istituzione e l elezione della Consulta degli stranieri Approvato con Delibera di Consiglio n. 51 del Regolamento per l istituzione e l elezione della Consulta degli stranieri Approvato con Delibera di Consiglio n. 51 del 07.07.2006 PARTE PRIMA Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione della Consulta

Dettagli

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte Città di Seregno Regolamento delle Consulte Art. 1 - Istituzione delle Consulte Comunali 1. Il Comune di Seregno valorizza le libere forme associative per la partecipazione dei cittadini all attività amministrativa,

Dettagli

Regolamento per l elezione ed il funzionamento del Consiglio dei Giovani del Comune di Calenzano (Approvato con delibera C.C. n.159 del

Regolamento per l elezione ed il funzionamento del Consiglio dei Giovani del Comune di Calenzano (Approvato con delibera C.C. n.159 del Regolamento per l elezione ed il funzionamento del Consiglio dei Giovani del Comune di Calenzano (Approvato con delibera C.C. n.159 del 13.12.2005) INDICE TITOLO I Principi ispiratori e attribuzioni generali

Dettagli

Regolamento del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze

Regolamento del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze Regolamento del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze Art. 1 Finalità 1.Allo scopo di favorire la partecipazione dei ragazzi e delle ragazze alla vita collettiva ed istituzionale, ai sensi dell

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO -

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO - CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO - Premessa Facendo costante riferimento alla Dichiarazione dei Diritti dei Bambini approvata all unanimità dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 66 del 28/11/2003 REGOLAMENTO CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO Art. 1 - Competenze La Consulta Comunale del Lavoro è un organo con funzioni propositive e consultive nei confronti della Amministrazione Comunale in materia di politiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEGLI IMMIGRATI

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEGLI IMMIGRATI Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEGLI IMMIGRATI Approvato con atto consiliare n. 99 del 29 settembre 1997 Esaminato senza rilievi dal CO.RE.CO. nella seduta del 14.10.1997

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 12

AMBITO TERRITORIALE N. 12 AMBITO TERRITORIALE N. 12 PROPOSTA DI REGOLAMENTO CONSULTA DELL IMMIGRAZIONE DELL AMBITO SOCIALE TERRITORIALE N. 12 DELL ORVIETANO Premessa Tutti gli uomini e le donne hanno diritto a vivere in pace, alla

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO Allegato alla deliberazione C.C. n. 24 del 2/4/2012 Il Presidente Il Segretario F.to Frigerio Ft.to Urbano Unità Organizzativa Servizi Sociali REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO 1 INDICE Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROMOZIONE DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROMOZIONE DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROMOZIONE DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n 3, del 31.01.2015 Art. 1 Promozione dei Comitato di Partecipazione Il Comune di Menconico,

Dettagli

Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO

Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO 1 INDICE Art.1 Oggetto, funzioni e sede...3 Art.2 Attribuzioni...3 Art.3 Funzionamento della Conferenza...3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONSULTE DI FRAZIONE

REGOLAMENTO PER LE CONSULTE DI FRAZIONE REGOLAMENTO PER LE CONSULTE DI FRAZIONE (artt. 34 e 35 dello Statuto Comunale) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30.09.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI SERRA DE' CONTI

COMUNE DI SERRA DE' CONTI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE FREQUENTANTI LE SCUOLE DI SERRA DE' CONTI (approvato con atto consiliare n. 11 / 2007, modificato con atto consiliare n. 39 / 2009) CONTI

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA. Istituzione della Consulta dei cittadini stranieri residenti nel Comune di Pistoia

COMUNE DI PISTOIA. Istituzione della Consulta dei cittadini stranieri residenti nel Comune di Pistoia COMUNE DI PISTOIA Istituzione della Consulta dei cittadini stranieri residenti nel Comune di Pistoia CC n 204 del 15/09/2003 REGOLAMENTO ISTITUTIVO Proposta della I Commissione consiliare permanente Pistoia,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA

DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA SEDUTA DEL 04/04/2002 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PIOVENE ROCCHETTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI PIOVENE ROCCHETTE Provincia di Vicenza COMUNE DI PIOVENE ROCCHETTE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Art. 7 Statuto Comunale) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 in data 27.04.2010 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI BARRALI CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO -

COMUNE DI BARRALI CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO - COMUNE DI BARRALI CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 11 del 29.02.2012 PREMESSA I Consigli Comunali dei Ragazzi (C.C.R.) già istituiti in

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE PROVINCIA DI PERUGIA www.comune.cittadellapieve.pg.it REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Immigrati residenti

Regolamento della Consulta Comunale degli Immigrati residenti Regolamento della Consulta Comunale degli Immigrati residenti Approvato con Deliberazione Consiliare n. 28 dd. 20.04.2016 Regolamento della Consulta Comunale degli Immigrati residenti Articolo 1 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE Il Comune di Mede intende difendere i diritti delle bambine, dei bambini, delle ragazze e dei

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 21 dicembre 2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI VIESTE Provincia di Foggia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE

COMUNE DI VIESTE Provincia di Foggia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNE DI VIESTE Provincia di Foggia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE INDICE CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI ART. 1 - ISTITUZIONE ART. 2 - ATTRIBUZIONI CAPO II - ORGANI DELLA CONSULTA GIOVANILE

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO Art. 1 Istituzione del Consiglio Comunale dei ragazzi

Dettagli

COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Allegato alla deliberazione di Consiglio comunale n. 20 del 07/05/2012 Art.1 Generalità e Finalità

Dettagli

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania)

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Statuto della Consulta Giovanile Comunale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 68 del 22/11/2005

Dettagli

COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ALLEGATO A ALLA DELIBERA CONSILIARE N. 15 DEL 08/05/2012 COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ( PROVINCIA DI BRINDISI ) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI 1 INDICE

Dettagli

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n.

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. Città di Desenzano del Garda Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. 81 del 30/09/2009 I N D I C E ART. 1 - ISTITUZIONE... 1 ART. 2 - FINALITA...

Dettagli

STATUTO CONSULTA COMUNALE GIOVANILE

STATUTO CONSULTA COMUNALE GIOVANILE STATUTO CONSULTA COMUNALE GIOVANILE TITOLO 1- DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Fonti normative Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro fondamento giuridico nella legge n 267/2000, T.U.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLO SPORT

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLO SPORT COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLO SPORT approvato con deliberazione consiliare nr. 55 del 25/05/2010 1 NUOVO

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione C.C. n. 88 del 26 luglio 2000

Comune di Padova REGOLAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione C.C. n. 88 del 26 luglio 2000 Comune di Padova REGOLAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE DEGLI STRANIERI Approvato con deliberazione C.C. n. 88 del 26 luglio 2000 Modificato con deliberazione C.C. n. 6 del 12 febbraio 2001 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del

Dettagli

PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE

PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE Tutti coloro che intendono concorrere alla carica di Presidente o di componente di Giunta Regionale devono presentare la propria formale

Dettagli

CITTA di TRICASE Provincia di Lecce

CITTA di TRICASE Provincia di Lecce CITTA di TRICASE Provincia di Lecce CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ART. 1 Finalità Al fine di favorire nei ragazzi l acquisizione della consapevolezza dei diritti e dei doveri civici verso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI All. Sub A alla delibera C.C. n. 47 del 26.10.2012 COMUNE DI NORCIA Provincia di Perugia REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI : : INDICE SOMMARIO REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato in consiglio comunale il 24 febbraio 2015; modificato in consiglio comunale il 30 marzo 2016 delibera n 15 Pagina 1 di 6 ART. 1

Dettagli

Rev. 0 dell 08/03/2012 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEI SINDACI ELETTIVI

Rev. 0 dell 08/03/2012 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEI SINDACI ELETTIVI Rev. 0 dell 08/03/2012 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEI SINDACI ELETTIVI 1 Sommario Art. 1... 3 Presentazione delle candidature... 3 Art. 2... 3 Insediamento

Dettagli

Città di Campi Salentina Provincia di Lecce REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELLE CONSULTE

Città di Campi Salentina Provincia di Lecce REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELLE CONSULTE Città di Campi Salentina Provincia di Lecce REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELLE CONSULTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 63 del 28/12/2009 ART. 1 LE CONSULTE 1. L Amministrazione comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI All. sub A alla delibera di C.C. n. 06 del 17.02.2004 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli

CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine. Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità

CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine. Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8..del

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 30.07.2012 1 Indice art. 1 Istituzione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO. Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO. Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri REGOLAMENTO COMMISSIONE RAGGRUPPAMENTO DONNE INGEGNERI TITOLO PRIMO COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTOISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI GIOVANI DEL COMUNE DI TIVOLI

REGOLAMENTOISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI GIOVANI DEL COMUNE DI TIVOLI REGOLAMENTOISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI GIOVANI DEL COMUNE DI TIVOLI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 19 del 22.04.2015 INDICE Premessa 3 Art. 1 Finalità 4 Art. 2 Competenze 4 Art.

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI

CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI COMUNE DI DESIO Provincia di Monza e Brianza CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. in data IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE Regolamento del Consiglio

Dettagli

Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Politiche Giovanili

Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Politiche Giovanili In ottemperanza a quanto previsto dall art. 10 della Legge n. 91 del 30 luglio 2007, su proposta della con delega per, viene emanato il seguente Regolamento che disciplina l organizzazione ed il funzionamento

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 224/21.12.2006 In vigore dal 1 febbraio 2007 SOMMARIO Articolo 1 - Compiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità Allegato alla deliberazione consiliare n. 45 del 18/04/2012 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI Art. 1 Costituzione e finalità Il Comune di Senigallia riconosce nei giovani

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA. Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA. Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014 Art. 1 (Istituzione) 1. Il Comune di Cesena riconosce la cultura

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Comune di Codogno Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 88 del 29 novembre 2012 Ripubblicato dal 3 dicembre

Dettagli

CITTA DI GALATONE REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO E GARANZIA DI CUI ALLA DELIBERA C.C. N. 46 DEL

CITTA DI GALATONE REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO E GARANZIA DI CUI ALLA DELIBERA C.C. N. 46 DEL s CITTA DI GALATONE Provincia di Lecce Via Colonna n. 6/8 Tel.0833861039 fax 0833861039 www.comune.galatone.le.it e-mail urp@comune.galatone.le.it Cod. Fisc. 82001290756 Part.IVA 02377220757. REGOLAMENTO

Dettagli

Associazione Pro Loco Calciano ( Matera)

Associazione Pro Loco Calciano ( Matera) Associazione Pro Loco Calciano ( Matera) R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASSOCIAZIONE Il presente regolamento disciplina il funzionamento dell associazione Pro Loco di Calciano in attuazione

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) v v v Regolamento per la elezione ed il funzionamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi v v v (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 49 del 27/06/2001)

Dettagli

Regolamento Consulta delle Associazioni e delle organizzazioni di volontariato. V Municipalità Arenella/Arenella. Norme di carattere generale ART 1

Regolamento Consulta delle Associazioni e delle organizzazioni di volontariato. V Municipalità Arenella/Arenella. Norme di carattere generale ART 1 Regolamento Consulta delle Associazioni e delle organizzazioni di volontariato. V Municipalità Arenella/Arenella Norme di carattere generale ART 1 Istituzione e sede 1. La Consulta dell associazionismo

Dettagli

DENOMINAZIONE SEDE SCOPI E COMPITI ART. 1. Denominazione sede

DENOMINAZIONE SEDE SCOPI E COMPITI ART. 1. Denominazione sede DENOMINAZIONE SEDE SCOPI E COMPITI ART. 1 Denominazione sede E istituita nel Comune di Catenanuova, con deliberazione del Consiglio Comunale su proposta della Giunta Municipale, l Associazione definita

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI.

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI. ìm Regione Sicilia REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI. Regione Sicilia CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO E FINALITÀ 1.11 presente regolamento, predisposto

Dettagli

Regolamento per la elezione diretta del Sindaco dei Ragazzi Scuola Primaria e Secondaria di primo grado di Oliveto Citra

Regolamento per la elezione diretta del Sindaco dei Ragazzi Scuola Primaria e Secondaria di primo grado di Oliveto Citra COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento per la elezione diretta del Sindaco dei Ragazzi Scuola Primaria e Secondaria di primo grado di Oliveto Citra ( (approvato con delibera del C.C.

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Città Metropolitana di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTA GIOVANI

COMUNE DI NERVIANO (Città Metropolitana di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTA GIOVANI COMUNE DI NERVIANO (Città Metropolitana di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTA GIOVANI Approvato con deliberazione n. 85/C.C. del 30.11.2016 e modificato con deliberazione n. 73/C.C. del 25.7.2017

Dettagli

R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017)

R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017) C O N S U L T A M E T R O P O L I T A N A D E L V O L O N T A R I A T O R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017) 1 Articolo 1 Dell'istituzione

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO

COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

CONSULTA COMUNALE PER L IMMIGRAZIONE REGOLAMENTO. Art. 1 ISTITUZIONE DELLA CONSULTA

CONSULTA COMUNALE PER L IMMIGRAZIONE REGOLAMENTO. Art. 1 ISTITUZIONE DELLA CONSULTA CONSULTA COMUNALE PER L IMMIGRAZIONE REGOLAMENTO Art. 1 ISTITUZIONE DELLA CONSULTA E istituita la Consulta Comunale per l immigrazione dei cittadini stranieri extracomunitari residenti nel Comune di Offida

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI Quando gli adulti prendono una decisione che ti riguarda in qualsiasi maniera, hai il diritto di esprimere la tua opinione e gli adulti devono

Dettagli

COMUNE DI SONNINO REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI

COMUNE DI SONNINO REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI COMUNE DI SONNINO REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI Approvato con deliberazione n 3 del 25/01/2000 Modificato con deliberazione n 32 del 24/7/2007. Modificato con Deliberazione n 25 del 07/11/2013 1 INDICE

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI del COMUNE di SCIOLZE REGOLAMENTO Sezione 1 ISTITUZIONE, ORGANI E COMPETENZE Articolo 1. ISTITUZIONE Viene istituito

Dettagli

Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia

Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia Estratto Art.li dal 18 al 21 Revisione del 22.11.2011 Revisione del 08.05.2012 Revisione del 24.09.2012 Revisione del 17.10.2012 Revisione del 29.11.2012

Dettagli

COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel Fax

COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel Fax COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel.0963.65035 Fax 0963.605802 www.comune.spilinga.vv.it REGOLAMENTO PER LA CONSULTA ANZIANI E PENSIONATI ART. 1 OBIETTIVI FONDAMENTALI La Consulta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO ELEZIONE ORGANI PRO LOCO RAGOGNA

REGOLAMENTO ELEZIONE ORGANI PRO LOCO RAGOGNA REGOLAMENTO ELEZIONE ORGANI PRO LOCO RAGOGNA Consiglio di Amministrazione Presidente Giunta Esecutiva Revisori dei Conti Collegio dei Probiviri Articolo 1 L Associazione Pro Loco Ragogna, con sede legale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI GRADO

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI GRADO Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI GRADO Approvato con deliberazione consiliare n.57 dd. 28.09.2007 ART.1 - COSTITUZIONE E FINALITA E istituita dal

Dettagli

Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia

Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia Articolo 1 - Costituzione E costituito, nell ambito di Assolegno - Associazione di settore di Federlegno-Arredo - con sede presso la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (adottato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 93 del 07.11.2001) ART. 1 Nell ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione del giovane

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO

REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO Approvato con DCC n.4 del 12.01.2010 Modificato con DCC n.137 del 13.09.2010 Art. 1 - Organismo e funzioni 1. Ai sensi dell'art. 16 dello Statuto

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con:

Dettagli

COMUNE DI CASTEL DI LAMA Provincia di Ascoli Piceno

COMUNE DI CASTEL DI LAMA Provincia di Ascoli Piceno COMUNE DI CASTEL DI LAMA Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 75 del 26/10/2000 e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DI RONCADE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DI RONCADE All.A C I T T A D I R O N C A D E ( T V ) Via Roma, 53 31056 - RONCADE (TV) Tel.: 0422-8461 Fax: 0422-840597 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO MARTIRI DELLA LIBERTA RONCADE DIREZIONE DIDATTICA RONCADE PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria. Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi

COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria. Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Indice Articolo 1 Generalità e finalità Articolo 2 Obiettivi Articolo 3 Corpo Elettorale Articolo 4 Partecipazione

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI BRA

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI BRA STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI BRA CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 Istituzione E istituita dal Comune di BRA, con Deliberazione del Consiglio Comunale n 63 in data 28-09-

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 19.09.2016 Indice generale Art. 1 - Finalità...3 Art. 2 - Obiettivi...3 Art. 3 Campi di applicazione...4

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 28

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 28 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 28 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PETERLINI e PINZGER COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche al testo unico di cui al decreto del

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Progetto per lo sviluppo della riforma istituzionale. LE COMUNITA Elezioni 2015

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Progetto per lo sviluppo della riforma istituzionale. LE COMUNITA Elezioni 2015 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Progetto per lo sviluppo della riforma istituzionale LE COMUNITA Elezioni 2015 1 LA REVISIONE DELLA LEGGE DI RIFORMA ISTITUZIONALE La riforma della legge provinciale n. 3 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina l attività della Consulta delle

Dettagli

A. Composizione liste elettorali

A. Composizione liste elettorali NOTA IN TEMA DI COMPOSIZIONE DELLE LISTE ELETTORALI, CONSIGLI COMUNALI E GIUNTE COMUNALI (a normativa vigente al 6 marzo 2014, senza considerare quanto previsto nell AS1212 (DDL Delrio ) non ancora approvato

Dettagli

CITTÀ DI TORREMAGGIORE Provincia di Foggia NUOVO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO

CITTÀ DI TORREMAGGIORE Provincia di Foggia NUOVO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO CITTÀ DI TORREMAGGIORE Provincia di Foggia NUOVO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n.60 del 20.10.2011 1 Art.

Dettagli