Giocare é comunicare.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giocare é comunicare."

Transcript

1 Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro Informatica Disabilità della Fondazione Informatica per la Promozione della Persona Disabile Riassunto: Viene descritto un progetto interamente realizzato dal CID dedicato a favorire la comunicazione e il gioco con bambini gravemente disabili sul piano della comunicazione orale e motorio. AdioScan si compone di una parte informatica (appicativo AdioScan) e di alcune componenti elettroniche (Adio, DIGIO). Nell'articolo vengono illustrati due applicazioni realizzate all'interno di questo progetto. E' a tutti nota l'importanza del gioco nello sviluppo del bambino sia nelle sue forme individuali che collettive. Giocare cooperativamente e comunicare é lo spontaneo inizio dello scambio, della convivenza e di tutte le facoltà che le occorrono. E' il preludio alla plastica formazione personale e sociale che serve per inoltrarsi nella vita. Ma, in situazioni particolari, quali quelle dei bambini gravemente colpiti da disabilità motorie e privi della parola, impossibilitati quindi a giocare e a comunicare, che cosa si può fare? Il CID (Centro Informatica Disabilità, CH Lugano), sorto in un ambiente di ricerca psico-pedagogica con équipe multidisciplinare formata da pedagogisti e ortopedagogisti svizzeri formati e sensibili, tra altro, all'influenza delle teorie dello psicologo Jean Piaget sulla moderna pedagogia costruttivista e da ingegneri dell'alta Scuola Politecnica Svizzera di Zurigo, oltre che da allievi, genitori ed educatori impegnati nella sperimentazione, da qualche anno, ha raccolto la sfida di rispondere alla difficile domanda. Di fronte ad un bambino colpito da grave disabilità motoria, occorre dapprima verificare se é in grado di produrre almeno un segnale (soffio, colpo col piede,...o altro) riconoscibile, che, opportunamente incanalato per mezzo di speciali adattamenti, diventerà l'input per accedere al computer. Sul versante della comunicazione poi, fin dagli anni settanta, con il ragionevole ridimensionamento del puro oralismo (riabilitazione logopedica quale unica formazione per le persone prive della parola), negli USA, in Germania, in Svizzera

2 ed anche in Italia si é ampliata l'applicazione della CAA, Comunicazione Alternativa e Aumentativa che si avvale dell'uso di interessanti dizionari simbolici e pittografici e di sintesi vocali, che consentono alla persona disabile ed al suo ambiente, previa un'adeguata formazione, di comunicare. La Comunicazione Aumentativa e Alternativa si può definire come l'insieme delle conoscenze, di tecniche, di strategie e di tecnologie che é possibile attivare per facilitare la comunicazione con persone che presentano una carenza o un'assenza, temporanea o permanente, nella comunicazione verbale. Il CID, partendo dalle suddette conoscenze teoriche ma anche molto legate all'esperienza diretta, ha sviluppato un insieme di tecnologie elettroniche ed informatiche innovativo, che permette ai bambini disabili, di giocare, azionare e comunicare contestualmente in interessanti situazioni di gioco. Immaginiamo di progettare un ambiente di gioco e di comunicazione chiaramente definito: le bolle di sapone. Chiediamoci: - com'é possibile immergere fisicamente nell'acqua saponata lo speciale attrezzo per fare le bolle senza poterlo afferrare? - come si potrà chiedere a qualcuno di riempirlo di nuovo, senza poter parlare? - come dire la gioia, la delusione, il "Ora tocca a te!", oppure "Dai', soffia più in alto!", e ancora: "Non lasciarla cadere!"? - come descrivere la quantità, la qualità delle bolle, il confronto con le bolle degli altri? Oppure domandiamoci ancora: come può interagire un bambino tetraplegico con i suoi compagni mentre giocano al popolare gioco con dadi Shut the Box? Si tratta di un gioco composto da due dadi che si devono lanciare e da una scatoletta con 9 ribalte di legno che indicano le prime 9 cifre. I giocatori devono chiudere (abbassare) il maggior numero di ribalte conseguendo però anche il minor punteggio (somma delle cifre appartenenti alle ribalte non abbassate). Come farà il bambino tetraplegico a lanciare i dadi, ad abbassare le ribalte corrispondenti alla somma indicata dai dadi? Come farà a correggere eventuali scelte sbagliate?

3 Fig 1 Adattamento per fare le bolle di sapone. Si compone di due motori e di due sensori (allegato 1). Con lo sviluppo dell'interfaccia elettronica ADIO, pilotata da un software di gestione della comunicazione AdioScan, un vero e proprio sistema autore destinato alla comunicazione e all'insegnamento delle personi disabili, creativamente configurabile dal terapista secondo le necessità e progettata per rispondere in modo adeguato ed estremamente individualizzato alle modalità di accesso al computer delle persone disabili motorie, il CID, offre alla persona disabile, uno strumento per intervenire attivamente nella realtà, sugli oggetti reali, e comunicare al tempo stesso. ADIO e AdioScan sono unici nel loro genere per la versatilità e la vastità delle applicazioni possibili.

4 fig. 2 Tabella di Comunicazione-Azione. Le zone in alto consentono il controllo di attuatori e sensori esterni. Le altre zone sono finalizzati alla comunicazione (AAC). Così bambini, allievi, genitori e insegnanti del gruppo di sperimentazione hanno potuto preparare situazioni di gioco quali: pupazzi animati, gru, trenini elettrici, funivie, piccoli robots, situazioni di controllo d'ambiente quali la preparazione di popcorn con l'apposito apparecchio, l'accensione di radio, hi-fi, ecc., sempre contemporaneamente dotate della possibilità di esprimersi su apposite Tabelle di Comunicazione pittografiche con sintesi vocali multilingue. Il progetto ADIO si compone di un insieme di strumenti informatici ed elettronici molto interessanti realizzati al fine di dare la possibilità alla persona disabile di interagire con giocattoli o in genere periferiche elettriche (attuatori) e di comunicare con l ambiente al tempo stesso. Il software dedicato (AdioScan ) consente di realizzare interfacce di comunicazione e di controllo del mondo fisico-reale particolarmente adattate alle limitate capacità di autonomia gestuale-motoria di bambini disabili.

5 Fig 3. Rappresenta una catena di interfacce Adio e Digio viste dalla parte degli ingressi analogici e digitali AdioScan é un sistema autore orientato alle esigenze di accesso di persone disabili motorie: in particolare offre delle modalità di accesso a scansione non presenti in sistemi autori commerciali ( Apple Media Tool, Macromind Director, HyperCard, Course Builder ecc.) Esso consente la creazione e la preparazione di attività di apprendimento e di comunicazione e di controllo di attuatori e sensori esterni con il computer particolarmente adattate alle diverse manifestazioni di disabilità motorie, sensoriali e comunicative. In modo particolare é di grande aiuto alle persone con difficoltà motorie importanti o o di linguaggio (distrofie muscolari, paraplegie, tetraplegie di vario tipo, disfasie, anatrie ecc.) AdioScan é un programma in grado di interpretare i segnali provenienti dall'utente e di proporre una gamma di simboli pittografici o letterali un modo da rappresentare una risposta ad un problema o a una domanda oppure un elemento di un messaggio composto. Il programma é utilizzabile da persone disabili in grado di segnalare volontariamente all'ambiente circostante un segnale semplice corrispondente al sì oppure al no. La proposta dei simboli da scegliere di norma viene effettuata attraverso la loro visualizzazione su uno schermo. Un po' meno comunemente, quando si é in

6 presenza di una grave disabilità visiva, percettiva o di attenzione, viene fatta attraverso un segnale uditivo. Con la strategia della scansione l'elaboratore indica uno dopo l'altra le singole caselle di una tabella, oppure singole zone chiedendo all'utente ogni volta se contiene la parte di/o messaggio che si vuole comunicare. L'elaboratore propone all'utente gli elementi da selezionare, evidenziandoli in varie maniere. Essi possono essere proposti uno dopo l'altro (scansione lineare) oppure se adeguatamente predisposti, per file e colonne e organizzati quindi per gruppi. Il programma é dotato di un proprio linguaggio per la creazione di Macro e di script molto sofisticati: caratteristiche che consentono una descrizione sempre più precisa dei complessi bisogni comunicativi, formativi e di controllo ambientale della persona disabile. fig. 4 La foto rappresenta un insieme di interfacce (alimentatore, ADIO, DIGIO) collegate in catene viste dalla parte delle uscite La parte elettronica ADIO (hardware) si compone di un modulo in grado di interfacciare un PC con periferiche e sensori esterni attraverso la porta seriale. La comunicazione verso o dall ambiente fisico esterno può assumere, da un punto di vista elettronico, caratteristiche analogiche o digitali. Ogni modulo dispone della possibilità di inviare corrente continua od alternata (+-24 V), attraverso 8 connettori di uscita a dispositivi elettrici (attuatori), é in grado di elaborare valori analogici rilevati da sensori esterni (sensori di luce, temperatura, umidità ecc.). Si possono collegare assieme, in catena, fino a 15 moduli ADIO.

7 Il modulo DIGIO svolge le stesse funzioni di ADIO ma in modalità digitale, rileva, cioè, valori 0, 1 ed é in grado di pilotare attraverso 16 relais interni altrettanti interruttori o commutatori (acceso, spento) in grado a loro volta di azionare dispositivi elettrici alimentati esternamente. CID Centro Informatica Disabilità, CP 61 CH 6903 Lugano (Svizzera) Meet CP, CH 6877 Coldrerio (Svizzera)

2.3 Le nuove tecnologie per disabili motori Claudio Bitelli

2.3 Le nuove tecnologie per disabili motori Claudio Bitelli 2.3 Le nuove tecnologie per disabili motori Claudio Bitelli Da quando si iniziarono anche in Italia le sperimentazioni delle nuove tecnologie come ausilio per l handicap motorio sono passati ormai più

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli

3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA

3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA 3. NUOVE TECNOLOGIE DIDATTICHE E CONOSCENZA 3.1 Le nuove tecnologie didattiche Con il termine nuove tecnologie didattiche si intende tradurre la sigla americana ICT (Information and Communication Technologies),

Dettagli

IL PORTFOLIO DELLO STUDENTE PERCORSO ATTRAVERSO LE PAGINE WEB

IL PORTFOLIO DELLO STUDENTE PERCORSO ATTRAVERSO LE PAGINE WEB Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Regionale del Veneto CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DI VICENZA TEL. 0444.251157- FAX 0444.251163 E_mail: interventieducativi@istruzionevicenza.it;

Dettagli

MATERIALI PER IL DOCENTE DI SOSTEGNO

MATERIALI PER IL DOCENTE DI SOSTEGNO MATERIALI PER IL DOCENTE DI SOSTEGNO STRUMENTI PER LA PROGRAMMAZIONE E LA DOCUMENTAZIONE DEI PERCORSI PER L INTEGRAZIONE (a cura della F.S. Integrazione 2011/12) 1. IL REFERENTE 2. LA DOCUMENTAZIONE 3.

Dettagli

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. I FONDAMENTI DEL E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE 2. CHE COSA È IL 3. QUALIFICHE E COMPETENZE DEGLI OPERATORI SPORTIVI 4. I QUATTRO LIVELLI DI QUALIFICA DEI

Dettagli

Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni LA RIABILITAZIONE

Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni LA RIABILITAZIONE Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni 2 LA RIABILITAZIONE I momenti successivi alla prima comunicazione che i genitori ricevono sulla condizione genetica del

Dettagli

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare,

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, sostenere e qualificare le organizzazioni di volontariato

Dettagli

Linee Guida per la Ricerca Attiva del Lavoro

Linee Guida per la Ricerca Attiva del Lavoro Linee Guida per la Ricerca Attiva del Lavoro Indice Premessa... 3 PARTE PRIMA Io chi sono e cosa voglio diventare... 4 1.1 Il portafoglio delle competenze... 5 1.2. Il bilancio delle competenze... 6 Cosa

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

IL RUOLO DELLA TELEVISIONE NEI PROCESSI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO 1. di Maria Amata Garito

IL RUOLO DELLA TELEVISIONE NEI PROCESSI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO 1. di Maria Amata Garito IL RUOLO DELLA TELEVISIONE NEI PROCESSI DI INSEGNAMENTO E DI APPRENDIMENTO 1 di Maria Amata Garito Introduzione La comunicazione bidirezionale e unidirezionale Dagli studi compiuti finora in ambito didattico

Dettagli

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire Luciano Mariani Sapersi autovalutare: una competenza da costruire www.learningpaths.org Estratto da: Luciano Mariani, Stefania Madella, Rosa D'Emidio Bianchi, Istituto Comprensivo "Borsi" di Milano - Il

Dettagli

UN MODO DIVERSO DI FARE IMPRESA. Guida alla creazione dell impresa sociale

UN MODO DIVERSO DI FARE IMPRESA. Guida alla creazione dell impresa sociale UN MODO DIVERSO DI FARE IMPRESA Guida alla creazione dell impresa sociale UN MODO DIVERSO DI FARE IMPRESA Guida alla creazione dell impresa sociale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia 1.1 Introduzione: obiettivi della ricerca e metodologia... 5 1.1.1 Obiettivi... 5 1.1.2 Il contesto

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI SINTESI NORMATIVA Riferimenti: 1. DIRETTIVA MINISTERIALE del 27 dicembre 2012; 2. CIRCOLARE MINISTERIALE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Didattica assistita dalle nuove tecnologie

Didattica assistita dalle nuove tecnologie PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Didattica assistita dalle nuove tecnologie Giochi e simulazioni. Una proposta curricolare sperimentale per l introduzione delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Dettagli

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Autori Alan S. Kaufman e Nadeen L. Kaufman Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 anni a 18 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Subtest

Dettagli

I n ambito pedagogico si parla molto di attività.

I n ambito pedagogico si parla molto di attività. A CURA DI STEFANO VITALE ORGANIZZARE UNA GIORNATA NEI CENTRI DI VACANZA PER RAGAZZI Idee e strumenti per la formazione di animatori/2 Come organizzare una giornata di vacanza in un centro estivo per ragazzi?

Dettagli

LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA

LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA I European Agency for Development in Special Needs Education LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA SCOLASTICO INCLUSIVO IN TUTTA EUROPA Sfide ed opportunità TE I LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA SCOLASTICO

Dettagli

Modelli teorici sull apprendimento di una L2

Modelli teorici sull apprendimento di una L2 Modelli teorici sull apprendimento di una L2 (D00013) Mauro Pichiassi Università per Stranieri di Perugia Pisa, 2009 ISBN: 978-88-6725-016-5 Ultima revisione 24 Settembre 2012 Presentazione del modulo

Dettagli

Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa

Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa Accesso delle persone con disabilità ai diritti sociali in Europa Rapporto preparato da Marc Maudinet Direttore Centro nazionale tecnico

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli