PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA"

Transcript

1 CITTÀ DI SAVIGLIANO (Provincia di Cuneo) Prot. n del CONSIGLIO COMUNALE SESSIONE STRAORDINARIA Seduta del giorno 22 luglio 2010 PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA

2 ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO COMUNALE DEL 22 LUGLIO Comunicazioni, interrogazioni e interpellanze. 2. Variante parziale n.26 al Prgc, formata ai sensi dell art comma legge regionale 56/77 e successive modifiche e integrazioni. 3. Variante strutturale al vigente piano regolatore generale, denominata "variante 2010" - documento programmatico e relazione tecnica ai fini ambientali - formata ai sensi dell'art. 31 ter della l.u.r. modificata e integrata dalla l.r n. 1 Approvazione. 4. L.R 29/12/2006, N.38 D.G.R. 08/02/2010, N Criteri comunali per l insediamento degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande - Approvazione. 5. Concessione di servitu' all'e.n.e.l. per posa di minibox su terreno di proprieta' comunale sito in via Martina.

3 CITTÀ DI SAVIGLIANO (Provincia di Cuneo) Alle ore 19,00 il Presidente invita il Segretario a procedere all appello dei presenti. Eseguito tale appello risultano presenti n.16 Consiglieri (BOGLIONE Francesco, BONETTO Claudio, BUTTIERI Marco, BRIZIO Federica, CARENA Catterina, CIFANI Elisabetta, D ALESSANDRO Fulvio, DANIELE Giacomo, FERRARO Ottaviano GHIONE Guido, GOSIO Massimiliano, GRINDATTO Luca, MOTTA Antonio, RUBIOLO Piergiorgio SOAVE Sergio, TESIO Sergio ) ed assenti n. 5 Consiglieri (ALBERTINI Laura, BONINO Carmine, PORTOLESE Pasquale, RACCA Marco, TOMATIS Mario). Risultano altresì presenti tutti gli Assessori. Ritenuto legale il numero dei presenti per validamente deliberare, il Presidente dichiara aperta la seduta e invita a procedere all esecuzione dell inno nazionale. ===================

4 CITTÀ DI SAVIGLIANO (Provincia di Cuneo) APERTURA DI SEDUTA COMUNICAZIONI PRESIDENTE: dà la parola al Sindaco per commemorare la figura di un grande uomo, di un grande politico e di un grande amico, il dott. Alfredo Dominici. SINDACO: il Consiglio Comunale si apre con il ricordo della figura di Alfredo Dominici che fu per trentacinque anni membro del Consiglio e per due anni Sindaco. Afferma che con lui volge al termine una stagione della storia saviglianese, quella della generazione che in gioventù aveva vissuto sotto il fascismo combattendo per la libertà dell Italia, operando per la ricostruzione del Paese e per il miglioramento complessivo della società in nome di ideali alti per quanto discutibili fossero o potessero apparire. Entra BONINO Carmine (16 + 1) = 17 Il dott. Dominici era un liberale autentico e parlando con lui si sentiva la traccia di grandi pensieri e il segno di una tradizione puntellata di personaggi importanti come Giovanni Giolitti, Marcello Soleri e, ovviamente, Luigi Einaudi, primo Presidente della Repubblica. Ricorda i primi incontri con Alfredo Dominici, quando cercava di aprire un dialogo con i giovani che cominciavano ad interessarsi di politica anche se le distanze ideologiche erano troppo marcate. L impegno di Dominici era nel senso di suscitare sempre un dibattito anche con chi possedeva idee molto diverse dalla sua e di cercare qualcuno che ne ereditasse la passione sincera che aveva segnato mezzo secolo di storia unitaria. I discorsi che si intrecciavano con Dominici erano impregnati della passione indicibile di quei tempi e obbligavano tutti a confrontarsi con ciò che si collocava agli antipodi della propria sensibilità politica. A quest ultimo tributa la propria formazione politica, comprendendo finalmente l importanza di passare dai grandi ideali alla minuta realtà. Ritiene che le attitudini di Alfredo Dominici si esplicassero soprattutto nella lettura del bilancio: quello che per gli altri risultava un ostico esercizio, per questi diventavano lo spartito su cui leggere lucidamente i lineamenti della politica tenuta dalla Giunta. Venne anche il momento in cui fu Sindaco e fu la stagione che gli diede più grandi soddisfazioni e nella quale egli si assise con piena soddisfazione. Per la caratteristica che aveva di saper coniugare realtà e idealità, Alfredo Dominici si impose anche nella politica provinciale e regionale nella quale tuttavia non ebbe la fortuna che avrebbe meritato. Afferma che per lungo tempo l ex Sindaco fu ai vertici del partito liberale a livello provinciale ma le promesse non mantenute di carriera politica dell on. Badini Gonfalonieri ed una maturazione interna verso una lettura più moderna del liberalismo lo portarono a militare nelle file dei repubblicani dove fu seguito dall elettorato di partenza grazie sia alle sue doti personali che alle sue capacità politiche. Ricorda che Dominici aveva la capacità di rigenerarsi dopo ogni sconfitta politica, pensando subito alla prossima opportunità; un attitudine che lo seguiva dai tempi della Resistenza saviglianese. Egli, inoltre, seguitava ad aggiornarsi sulle vicende politiche della città, come riferiscono i famigliari stessi, cui va il cordoglio dell intera Amministrazione Comunale. Rimpiange di non averlo nominato Presidente del Consiglio Comunale nel Il dott. Dominici, infatti, in virtù del suo senso forte e vigile delle istituzioni sarebbe stato un ottimo Presidente ma le negoziazioni avviate con i partiti non ne permisero l elezione. Pur prendendo atto di un doloroso distacco non bisogna dimenticare che visse una vita piena. La sua morte deve spiegarsi con commozione e con una volontà di imitazione per colui che tante sere ha trascorso in Consiglio Comunale.

5 APPLAUSO PRESIDENTE: dopo le bellissime e realistiche parole del Sindaco si passa ad un momento di gioiosa tristezza e si conferiscono tre attestati. SINDACO: si tratta di assegni simbolici che grazie all Organizzazione della Stra Savian si conferiscono a tre istituzioni che si sono particolarmente distinti in opere di solidarietà per la città. APPLAUSO SINDACO: Il primo assegno di va al fondo emergenze sociali dell Associazione di Mutuo Soccorso presieduto da Valerio Maccagno. PAONNE Marco: ricorda che si tratta dei soldi che derivano dalle iscrizioni alla Stra Savian, a cui hanno partecipato in più di tremila. L incasso di viene suddiviso in tre progetti. Essi sono stati individuati dal Comitato della Manifestazione e dall intera Giunta, in particolare dal Vice Sindaco Folco. Il primo va al Mutuo Soccorso ed è un aiuto per situazioni critiche. Il secondo attestato va alla Società San Vincenzo. Invita ad avvicinarsi i rappresentanti della Società e consegna l assegno. APPLAUSO Il terzo ed ultimo attestato viene conferito, dietro suggerimento del Consigliere D Alessandro, alla città di Tempera, sita nei pressi dell Aquila. L intenzione è quella di destinare 1.700, al progetto di realizzazione di un campo da calcetto. L attestato viene consegnato nelle mani della Protezione Civile affinché faccia da tramite. Dà la parola al rappresentante della Protezione Civile RAPPRESENTANTE PROTEZIONE CIVILE: riferisce che si tratta di un progetto finanziato sia dalla Provincia che dalla Regione Piemonte per la ricostruzione della città di Tempera. Uno dei primi progetti che si faranno, sarà la costruzione di un campo da calcio. Il secondo consisterà invece nella realizzazione di un Asilo. APPLAUSO PAONNE Marco: ringrazia gli intervenuti per aver partecipato. PRESIDENTE: afferma che è il momento della premiazione di un validissimo atleta: Picco Alessandro. Egli ha vinto il campionato italiano di ciclismo chilometro con partenza da fermo e convocato in nazionale, è in procinto di partire per i Campionati Europei di Manchester. PAONNE Marco: consegna la targa a questo campione italiano. Afferma che si tratta di una disciplina molto particolare e che Picco ha conseguito un tempo notevole. PRESIDENTE: porge gli auguri di buon compleanno agli Assessori Paonne Marco e Tortone Osvaldo ed a Enzo Romano prezioso collaboratore della Presidenza del Consiglio, compiuti rispettivamente il 9, il 18 ed il 21 Luglio. Esce BUTTIERI Marco ( 17 1) = 16 Esce PAONNE Marco BONETTO Claudio: fa presente che la radio nazionale ha diffuso un comunicato relativo all aeroporto di Levaldigi, elogiandone l operato in occasione della chiusura dell aeroporto di Caselle. Si congratula con i Responsabili dell Aeroscalo per aver saputo far fronte all emergenza. FOLCO Maria Silvana: comunica che martedì 20 luglio, l Amministrazione di Savigliano è stata convocata insieme ad altri Comuni, compresi nell Asl di Fossano. Afferma di essersi fermamente opposta ad una proposta di razionalizzazione che prevederebbe la chiusura degli ambulatori

6 infermieristici di Benevagienna, Marene, Villanova Solaro, Murazzo, S. Sebastiano e Levaldigi. Le ragioni dell opposizione sono le seguenti: Levaldigi dista 11 km dal capoluogo, ha una popolazione anziana e il numero dei prelievi è alto. La proposta in oggetto colpisce le fasce più deboli e va ad assommarsi ai tagli subiti dai Consorzi che si occupano di soggetti svantaggiati. PRESIDENTE: comunica che il Consigliere Ferraro Ottaviano si è recentemente laureato in Ingegneria Informatica nel ramo Cinema e Comunicazioni con il massimo dei voti presso il Politecnico di Torino. Augura al Consigliere una crescita professionale di tipo esponenziale. Entra PAONNE Marco, Esce CUSSA Claudio

7 CITTÀ DI SAVIGLIANO (Provincia di Cuneo) INTERROGAZIONI e INTERPELLANZE PRESIDENTE: la prima interrogazione ha per oggetto: installazione culla termica per bambini abbandonati ed è presentata dal Consigliere Carmine Bonino. Entrano RACCA Marco e BUTTIERI Marco (16 + 2) = 18 Entra CUSSA Claudio BONINO Carmine: presenta la seguente interrogazione: Sull onda dei recenti esempi, in particolare presso gli Ospedali S.Anna di Torino, Mangiagalli di Milano, nonché di Varese. Firenze etc, in riferimento all installazione di una culla per la vita per bambini abbandonati,si propone a codesto spett.le Ente di provvedere anche in Provincia ad un analoga iniziativa. La culla per la vita rappresenterebbe certamente uno strumento, riservato, di accoglienza per bambini che rischierebbero una sorte nefasta e disumana, ed offrirebbe a donne che si trovano alle prese con una maternità non gradita, una soluzione positiva ad un problema che tante volte non sanno come affrontare e finiscono purtroppo per risolvere nella maniera peggiore. Riprende integralmente il testo dell interrogazione. Aggiunge che essa è rivolta maggiormente all Asl ma viene presentata in Consiglio Comunale affinché funga da cassa di risonanza. Riferisce di averne parlato anche con il direttore dell Asl Bedogni ottenendo il suo interessamento. L installazione di culle termiche, presso ad esempio l Ospedale S. Croce di Cuneo, presenterebbe dei costi molto contenuti. La culla termica permetterebbe di sottrarre i neonati ad una sorte nefasta e ingiusta. Chiede al Sindaco di accogliere tale proposta e di sollecitarne l attuazione presso l Asl locale. FOLCO Maria Silvana: prende atto della proposta presentata anche se significherebbe ripristinare metodi di stampo medioevale. Inoltre, le maternità indesiderate possono risolversi lasciando i bambini alle cure dell Ospedale, previa dichiarazione della madre. Ritiene umiliante per una donna dover utilizzare tali metodi ma soprattutto afferma che la maternità vada sostenuta attraverso altri servizi utili come l Asilo Nido, il prolungamento dell orario di Estate Ragazzi, il lavoro dell Oasi Giovani e dei Consorzi. BONINO Carmine: ritiene giusta la politica di prevenzione grazie ai servizi menzionati ma sostiene che la culla termica sarebbe soltanto un extrema ratio. PRESIDENTE: la seconda interrogazione ha per oggetto intitolazione dei giardini di via C.A. Dalla Chiesa al Grande Torino e alla tragedia dell' Heysel e viene presentata dal Consigliere Fulvio D Alessandro. D ALESSANDRO Fulvio: presenta la seguente interrogazione: Per quanto rispetti tutte le squadre calcistiche straniere e italiane, ne rispetti soprattutto lo spirito agonistico e sportivo, mi preme proporre una dedica finalizzata a due eventi storico/sportivi, a mio avviso, di particolare rilevanza. La prima si riferisce all immagine storica del Grande Torino ancor oggi nel cuore di tanti appassionati di calcio (attempati e/o meno) ma soprattutto di sport. Il tragico epilogo di un mito che ha fatto grande l Italia non ci deve far dimenticare i meriti agonistici

8 di giocatori vestiti in casacca granata, moltissimi di questi poi anche in azzurro, che hanno scandito gli anni epici di uno sport amatissimo e, almeno allora, assicuramene genuino, oltre che popolare. La Storia del Grande Torino deve essere a mio avviso degnamente ricordata a Savigliano anche e soprattutto sul piano storico. La seconda verte su un triste anniversario (1985/2010). A venticinque anni dalla tragedia dell Heysel, dove morirono 35 tifosi bianconeri, penso sia giusto ricordare la passione sincera di moltissimi juventini per una squadra che ha dato tanto allo sport italiano e mondiale con risultati agonistici di particolare rilevanza. Posseggo uno dei rari palloni con le insegne ufficiali del Torino e della Juventus. Pallone realizzato anni fa per uno dei tanti derby a cui ci auguriamo, prima o poi, di poter nuovamente assistere. Penso che i giardini quasi speculari (due mezzelune di un simbolico pallone) di via Della Chiesa a Savigliano possano accogliere degnamente le mia proposta in un ottica di condivisione e di rispetto sportivo. Con una targa a ricordo propongo quindi di dedicare ufficialmente i giardini di Via Dalla Chiesa (lato ovest )a IL GRANDE TORINO 1939/1949.Al contempo, sempre con una targa ricordo, propongo di dedicare ufficialmente i giardini di Vis Dalla Chiesa (lato est) a 1985 TRAGEDIA DELL HEYSEL - JUVENTUS CLUB. Sperando nell accoglimento di questa mia auspico, in uno spirito di ricercata sportività, che la posa delle due targhe veda i club, le tifoserie e gli appassionati accomunati nello stesso giorno in un ricordo congiunto di sentita partecipazione e condivisione di valori che dovrebbero sempre prevalere anche e soprattutto nello sport del calcio. Riprende integralmente il testo dell interrogazione. SINDACO: di tale iniziativa si è già parlato in sede di Conferenza dei Capigruppo. Essa potrebbe accomunare due tifoserie accesamente contrarie. In proposito ricorda le parole del giornalista Gian Paolo Ormezzano, per il quale i sostenitori delle due squadre si debbano necessariamente odiare. Propone di invitare i rappresentanti delle due tifoserie locali in sede di Conferenza dei Capigruppo per parlare della questione. Esce CARENA Catterina (18 1) = 17 D ALESSANDRO Fulvio: apprezza lo spirito espresso dal Sindaco. Si tratta di due grandi squadre che hanno fatto la storia negli anni 40 e 50. Si ritiene disponibile a discuterne in sede di Conferenza dei Capigruppo. Entra CARENA Catterina (17 +1) = 18 BONINO Carmine: riferisce che tale iniziativa sarebbe la prima nel suo genere in Italia. PRESIDENTE: la terza interpellanza ha per oggetto Informazioni sull'ipotizzata apertura di un nuovo Centro Commerciale in via Torino ed è presentata dal Consigliere Guido Ghione. GHIONE Guido: presenta la seguente interpellanza Leggendo il Saviglianese appena uscito in edicola e da informazioni che ho raccolto ho appreso che sarebbe stata presentata domanda per la costruzione di un nuovo centro commerciale in Via Torino e che di questa questione si è discusso martedì sera in un incontro tra Ascom e Giunta. Tutto ciò premesso chiedo al Sindaco di informare il Consiglio sugli sviluppi della situazione e ai gruppi rappresentati in Consiglio di esprimersi sulla questione. Riprende integralmente il testo dell interpellanza. SINDACO: riferisce che avrebbe affrontato la questione in sede di Conferenza dei Capigruppo. Aggiunge che c è stato un incontro preliminare con l Ascom e l interessamento di una società per costruire un centro commerciale in Via Torino, nell area individuata come L2 ed in Via Alba all interno dell anello della circonvallazione. L individuazione dell area è stata una scelta obbligata in quanto una Legge Regionale lo prevede espressamente. Tuttavia, le dimensioni di tale struttura sarebbero di mq e la Giunta ritiene che andrebbero a sbilanciare la concorrenza con il centro saviglianese, a scapito di quest ultimo. Aggiunge che non si ravvisa l esigenza di incrementare il commercio cittadino in quanto la situazione appare equilibrata: esistono le aree mercatali, gli

9 esercizi di vicinato e la media distribuzione. L Amministrazione ha deciso di optare per una tecnica dissuasiva volta ad aumentare i costi degli oneri che il privato dovrà assumersi prima di realizzare l insediamento, ad es. è stato richiesto l intero completamento di Via Matteotti, il rifacimento dei marciapiedi, la realizzazione di piste ciclabili e di rotonde. In sostanza una ristrutturazione perfetta della viabilità dal costo superiore ai 4 milioni di euro. Riferisce che la tecnica adottata dalla Giunta è già stata sperimentata in un altra occasione con successo. Auspica che dal punto di vista politico ci possano essere ordini del giorno. Ritiene che la realizzazione di un centro commerciale contrasti con la linea politica adottata dall Amministrazione e che l interpellanza presentata dal Consigliere Ghione sia perciò molto opportuna. GHIONE Guido: afferma che si tratta di una questione su cui si è molto dibattuto in campagna elettorale. Ritiene che l attuale Amministrazione non abbia individuato un piano commerciale preciso. Il piano commerciale di Cuneo presenta maglie molto più ristrette di quello saviglianese. La situazione commerciale cittadina è satura sotto il profilo commerciale e la realizzazione di un centro commerciale danneggerebbe sicuramente gli esercizi del centro. Esprime preoccupazione per questo potenziale insediamento e ritiene si debba intervenire politicamente per limitare l espansione di tali strutture i cui effetti potrebbero rivelarsi nefasti. SINDACO: l identificazione di quell area era obbligata. Inoltre l apertura domenicale non è consentita e ciò costituisce uno dei vincoli più forti posti all inizio della legislatura. Aggiunge che il piano commerciale della città si articola sulla base delle linee guida di provenienza regionale. In presenza di un orientamento politico unanime circa questa tematica, ritiene fondamentale sensibilizzare i Consiglieri Regionali. In questo caso, infatti, l interesse pubblico e quello privato coincidono. DANIELE Giacomo: ritiene che il Sindaco abbia assunto una posizione assai corretta, volta a preservare lo status quo in ambito commerciale. Aggiunge che a livello regionale, l Assessore al Commercio ha promesso di ridurre gli insediamenti di grandi dimensioni favorendo gli esercizi di vicinato. Inoltre, è perplesso da alcune esternazioni di altri Capigruppo riportate dalla stampa locale, ad esempio del Consigliere Buttieri, il quale, aggiunge, ha una concezione molto superficiale della sinistra, che ha invece affrontato esigenze reali. D ALESSANDRO Fulvio: sostiene l assunto del Consigliere Daniele e sottolinea il richiamo alla campagna elettorale. Aggiunge che il suo gruppo ha sostenuto il programma amministrativo del Sindaco, in cui vi era una presa di posizione contro la grande distribuzione. Ritiene importante parlare anche dell importanza dei distributori senza impacchettamento di latte, detersivi e paste, poiché la concorrenza crea dei prezzi migliori senza trascurare l aspetto solidale del commercio. BUTTIERI Marco: prende atto e plaude al comportamento del Sindaco. Si dispiace che il Consigliere Daniele abbia male interpretato le sue parole. Sostiene che la competenza in materia di insediamenti commerciali è della Regione ma che l Amministrazione di Savigliano ha comunque individuato un area, inserita con la variante 2001 al Piano Regolatore approvato nel 2004, destinando una porzione del territorio ad area terziario-commerciale. Ritiene, quindi, che la zona era appetibile per l insediamento di una grande distribuzione. L Amministrazione è responsabile di aver programmato quell area ad uso commerciale. Esce BONINO Carmine (18 1) = 17 Esce PAONNE Marco CUSSA Claudio: il Piano Commerciale viene redatto sulla base delle linee guida delineate dalla Regione. Non esistevano possibilità di destinare l area a zona terziario commerciale, in quanto la legge impone di istituire aree L2. Lo stesso discorso vale per gli impianti fotovoltaici di cui il Comune ha limitato l installazione senza bloccarla completamente. Da un punto di vista tecnico non si poteva impedire l individuazione di un area L2 soprattutto per una città di abitanti come Savigliano.

10 GHIONE Guido: vorrebbe sapere quando è stata presentata la domanda in Regione per realizzare l insediamento. CUSSA Claudio: in sede di Conferenza dei Servizi parteciperanno tecnici del Comune, i quali non potranno negare il consenso in quanto la suddetta Conferenza deve rispettare la Legge Urbanistica. RUBIOLO Piergiorgio: ritiene che in sede di Conferenza dei Servizi si possa esprimere un parere di non congruità, ritenendo l insediamento sovradimensionato rispetto alla realtà saviglianese. CUSSA Claudio: la Conferenza dei Servizi deve dare l autorizzazione, i tecnici indicano le misure previste dalla legge per la realizzazione dell insediamento mentre i politici intervengono alla discussione senza diritto di voto. PITTAVINO Silvio: sottolinea che il privato che vuole realizzare il Centro Commerciale deve presentare il P.e.c all Ufficio Urbanistica. Sulla base di esso si svolge l istruttoria. Entra PORTOLESE Pasquale (17 + 1) = 18 SINDACO: ritiene che le strade per fronteggiare il problema siano due: perseguire l ostruzionismo tecnico, aumentando gli oneri di cui i privati interessati all insediamento dovranno farsi carico e nello stesso tempo muoversi a livello politico. Aggiunge che i gruppi politici dovrebbero evitare di rinfacciarsi reciprocamente le responsabilità, ma collaborare all istituzione di un tavolo comune cui dovrebbero partecipare anche Consiglieri e Assessori a livello regionale. PRESIDENTE : la quarta interrogazione ha per oggetto modifica dello Statuto e del Regolamento del Consiglio Comunale per l istituzione dell Ufficio di Presidenza ed è presentata dal Consigliere Piergiorgio Rubiolo. Esce BUTTIERI Marco (18 1) = 17 RUBIOLO Piergiorgio: presenta la seguente interrogazione: Tante parole sono state spese durante il precedente quinquennio di amministrazione in riferimento all istituzione del Vice Presidente del Consiglio; senza purtroppo arrivare mai ad una proposta seria dell allora maggioranza di sinistra-centro, benché la minoranza avesse più volte sollecitato la suddetta modifica allo Statuto. Bisogna invece riconoscere che fin dall inizio del suo mandato Lei ha riconosciuto pubblicamente la necessità di provvedere a colmare questa lacuna. Oggi pur essendo passato già un anno da questa apertura, parlo come Rappresentante del Gruppo Consiliare de il Popolo della Libertà, ci troviamo di fronte ad una proposta della prima Commissione che sicuramente non piace neanche a Lei. L intenzione del nostro gruppo era ed è quella creare, meglio istituire come già successo in altri Comuni o Enti in Piemonte o Italia un organo che abbia un contesto più allargato e realmente rappresentativo di tutto il Consiglio (come ben è stato detto dal nostro Segretario Comunale). Capisco che sia difficile ragionare e condividere le proposte che di volta in volta vengono fatte da chi è chiamato ad amministrare in maggioranza, soprattutto da chi in Consiglio siede nei banchi di minoranza; ma questo ritengo sia un argomento da affrontare in maniera bipartisan, se mi concesso il termine, e non per l ennesima volta con un voto positivo di un unica parte del Consiglio. Chiedo quindi a Lei da buon Professore di esaminare a fondo entrambe le proposte fatte dal Segretario e discusse nella I^ Commissione, per evitare l ennesima e questa volta ben più grave spaccatura tra maggioranza e opposizione. Le soluzioni che il sottoscritto ed il suo Gruppo propongono sono quelle di ridiscuterne nella Commissione stessa e/o direttamente in Consiglio Comunale senza preclusioni. Per dovere di cronaca pur non avendovi partecipato, la I^ Commissione si è espressa in data 13 luglio u.s a favore della seconda ipotesi, ma come sempre questa soluzione ha trovato il consenso solo dei gruppi di maggioranza. Oggi e domani lo Statuto e il Regolamento non penso siano passibili di modifiche ad ogni tornata amministrativa e questa deve essere sicuramente una modifica largamente condivisa, o sbaglio?. Ritengo che, nel ruolo che Lei oggi rappresenta per tutti i cittadini di Savigliano, debba perlomeno esprimersi o intervenire.

11 Riprende integralmente il testo dell interrogazione. Entra BUTTIERI Marco (17 + 1) = 18 SINDACO: Il lavoro della I^ Commissione si è svolto in modo egregio ma vi sono alcuni aspetti dell interrogazione presentata dal Consigliere Rubiolo pienamente condivisibili. Ritiene che sulla tematica in oggetto non sia sufficiente avere il solo voto positivo della maggioranza. Suggerisce di aprire nuovamente un tavolo di discussione per trovare una soluzione di compromesso tra le istanze della maggioranza e quelle della minoranza, soprattutto su un importante tema regolamentare. CIFANI Elisabetta: fa presente che l iter che ha portato alla decisione è stato tranquillo ma al contempo faticoso. La discussione sul tema in oggetto si è protratta per tre sedute e si è reso necessario arrivare ad una conclusione senza tuttavia voler prevaricare le istanze della minoranza. Entra BONINO Carmine (18 +1) = 19 Sono state esaminate le due proposte, quella secondo la quale il Vice Presidente fa le veci del Presidente in caso di assenza di quest ultimo e quella, invece, relativa all Ufficio di Presidenza in cui Presidente e Vice Presidente collaborano nella gestione del Consiglio Comunale. Aggiunge che nella penultima seduta essendo emersi orientamenti diversi si era concordato di discuterne all interno dei Gruppi Consiliari di appartenenza. La data dell ultima riunione è stata fissata in previsione del Consiglio Comunale del 22 luglio. Riferisce che la soluzione di assegnare la Vice Presidenza semplice ha ottenuto il voto favorevole della maggioranza e il voto contrario della Lega Nord. L astensione è stata massiccia, in quanto nè tre dei membri effettivi né i loro supplenti si sono presentati. Ha partecipato il Consigliere D Alessandro in veste di uditore ma senza diritto di voto. Afferma che nessuno degli assenti ha chiesto di soprassedere, di rimandare ulteriormente la riunione della I^ Commissione. Ritiene importante che ci sia l unanimità per la modifica del Regolamento consiliare, che tuttavia non è stata raggiunta in quanto difetta il parere favorevole dei membri della minoranza. Aggiunge che alla maggioranza non interessa questa modifica e che quand anche la Commissione dovesse essere riconvocata non ci sarebbero comunque altri argomenti. Il Consigliere Gosio è l unico ad aver assunto una posizione possibilista. D ALESSANDRO Fulvio: ritiene che il Consigliere Rubiolo abbia sbagliato a non partecipare ai lavori della I^ Commissione e a non aver incaricato il suo supplente. Aggiunge che l interrogazione presentata risulta inopportuna in quanto i Gruppi Consiliari erano comunque disposti a discutere della questione. RUBIOLO Piergiorgio: afferma di aver indirizzato volutamente questa interrogazione al Sindaco in quanto questi si era impegnato in occasione della prima seduta del Consiglio Comunale a istituire la figura della Vice Presidenza. Auspica che il Sindaco solleciti la maggioranza ad assumere una posizione più aperta nei confronti della minoranza. Propone di trasformare la propria interrogazione in interpellanza per ascoltare le proposte dei Consiglieri e di ridiscutere della modifica al Regolamento in una nuova seduta della Commissione. PRESIDENTE: fa presente che il tempo a disposizione dei Consiglieri per le interrogazioni sta terminando e dà la parola al Sindaco. SINDACO: ritiene non opportuno trasformare l interrogazione del Consigliere Rubiolo in interpellanza perché si rischierebbe di ripetere quanto già è stato detto. Afferma che il Segretario Comunale spiegherà in quale modo prendere atto in Consiglio Comunale della decisione presa dalla Commissione per poterne discuterne e apportare eventuali modifiche. RUBIOLO Piergiorgio: chiede se fosse possibile avere le convocazioni per i supplenti anche solo via . Apprezza la proposta del Sindaco, aggiunge inoltre di aver mancato ai lavori della Commissione e del Consiglio Comunale solo in poche occasioni e di non essere mai mancato ai lavori della Conferenza dei Capigruppo. Riferisce di non aver potuto partecipare alla seduta del 13 luglio a causa di impegni sopraggiunti ma di non essere stato l unico assente. Aggiunge però che

12 non avendo la I^ Commissione preso in considerazione altre opzioni di modifica al Regolamento, ha deliberatamente scelto di non presenziare. PRESIDENTE: precisa che da informazioni assunte dall Ufficio di Presidenza risulta che le convocazioni siano state inviate anche ai supplenti. Aggiunge che in ogni caso, in futuro, verranno sempre inviate. Sospende la seduta per un breve intervallo di 15 minuti. Escono BOGLIONE Francesco, PORTOLESE Pasquale, TESIO Sergio, FERRARO Ottaviano, BRIZIO Federica, GHIONE Guido, RACCA Marco e CARENA Catterina (19 8) = 11

CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO)

CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO) CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 OGGETTO: ART. 31 COMMI 21 E 22 DELLA LEGGE 448/1998 - ACCORPAMENTO AL DEMANIO STRADALE DI PORZIONE DI CORSO

Dettagli

Direzione Servizi Amministrativi /010 Area Sport e Tempo Libero MP 0/B CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE.

Direzione Servizi Amministrativi /010 Area Sport e Tempo Libero MP 0/B CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Direzione Servizi Amministrativi 2016 04403/010 Area Sport e Tempo Libero MP 0/B CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 11 ottobre 2016 Convocata la Giunta presieduta dal Vicesindaco Guido

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO

COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO COMUNICAZIONE DEL SINDACO METROPOLITANO IN ORDINE A MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento della Consulta cittadina dell ambiente

Regolamento della Consulta cittadina dell ambiente Regolamento della Consulta cittadina dell ambiente Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 18.02.2013 In vigore dal 19.03.2013 Revoca del Regolamento approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO -

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO - CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - REGOLAMENTO - Premessa Facendo costante riferimento alla Dichiarazione dei Diritti dei Bambini approvata all unanimità dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 224/21.12.2006 In vigore dal 1 febbraio 2007 SOMMARIO Articolo 1 - Compiti

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 30.07.2012 1 Indice art. 1 Istituzione

Dettagli

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali)

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali) CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Principi generali) 1. Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dello Statuto d autonomia e della legge regionale

Dettagli

CONFERENZA ZONALE PER L ISTRUZIONE Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia Isola REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA ZONALE

CONFERENZA ZONALE PER L ISTRUZIONE Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia Isola REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA ZONALE CONFERENZA ZONALE PER L ISTRUZIONE Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia Isola REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA ZONALE INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Composizione Art. 3

Dettagli

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte Città di Seregno Regolamento delle Consulte Art. 1 - Istituzione delle Consulte Comunali 1. Il Comune di Seregno valorizza le libere forme associative per la partecipazione dei cittadini all attività amministrativa,

Dettagli

CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO)

CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO) CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 OGGETTO: MODIFICA AL PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE APPROVATO CON D.C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PROVVISORIO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO PROVVISORIO DI FUNZIONAMENTO CONSIGLIO METROPOLITANO della CITTA METROPOLITANA di ROMA CAPITALE REGOLAMENTO PROVVISORIO DI FUNZIONAMENTO Gli articoli da 1 a 9 della proposta di Regolamento provvisorio di funzionamento del Consiglio

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI NO-PROFIT

CITTÀ DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI NO-PROFIT CITTÀ DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI NO-PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 84 del 25.10.2012 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Regolamento Commissioni consultive

Regolamento Commissioni consultive Regolamento Commissioni consultive Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 29.11.2012 e pubblicato sul sito dal al ai sensi dell art. 88 dello statuto comunale. Esecutivo il Il Segretario

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 13 MARZO 2015)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 13 MARZO 2015) Protocollo RC n. 4976/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 13 MARZO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì tredici del mese di marzo, alle ore 9,40,

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA AUTENTICA DELL ORIGINALE COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA CODICE ENTE: 033-039 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Delibera n. 69 del 16/04/2012 OGGETTO: ISTITUZIONE FARMACIA

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ESTRATTO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "INSIEME PER PIANEZZA" IN MERITO A EMERGENZA IMPIANTI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE TRA CONAF E FEDERAZIONI REGIONALI (Approvato dal Conaf il 30 novembre 2006)

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE TRA CONAF E FEDERAZIONI REGIONALI (Approvato dal Conaf il 30 novembre 2006) REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE TRA CONAF E FEDERAZIONI REGIONALI (Approvato dal Conaf il 30 novembre 2006) Premessa Articolo 1 (Conferenza Permanente tra il CONAF e le Federazioni Regionali) Articolo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA (di seguito anche Regione ) e UNIONE PROVINCE LOMBARDE (di seguito anche UPL), per l istituzione del Tavolo permanente di consultazione istituzionale in materia

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI GRADO

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI GRADO Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI GRADO Approvato con deliberazione consiliare n.57 dd. 28.09.2007 ART.1 - COSTITUZIONE E FINALITA E istituita dal

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO Art. 1 - Competenze La Consulta Comunale del Lavoro è un organo con funzioni propositive e consultive nei confronti della Amministrazione Comunale in materia di politiche

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REG. DEL. N 76 ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE AL BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI REGIONALI A FAVORE DI COMUNI

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA'

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' Citta'di Casoria REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' approvato dal Consiglio Comunale con atto n 9 del 23.03.2017-1 Articolo 1 ISTITUZIONE E SEDE Al fine di favorire la piena integrazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REG. DEL. N 4 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: LAVORI DI AMPLIAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DELLA SCUOLA ELEMENTARE "PAOLO CALIARI". PRESA

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI All. sub A alla delibera di C.C. n. 06 del 17.02.2004 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REG. DEL. N 101 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONCESSIONE CONTRIBUTO ALL'ASSOCIAZIONE "BACO DA SETA" PER GESTIONE PROGETTO "BORSA

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ATTO n. 33 del 15/07/2009 OGGETTO: NOMINA DEL PRESIDENTE E VICE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI TORRE PELLICE

COMUNE DI TORRE PELLICE COMUNE DI TORRE PELLICE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI E DEL CONSIGLIERE STRANIERO AGGIUNTO Approvato con deliberazione di C.C. n. 19 del 29/4/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA. Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA. Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014 Art. 1 (Istituzione) 1. Il Comune di Cesena riconosce la cultura

Dettagli

COMUNE DI MASERA Provincia Verbano-Cusio-Ossola

COMUNE DI MASERA Provincia Verbano-Cusio-Ossola COMUNE DI MASERA Provincia Verbano-Cusio-Ossola DELIBERAZIONE N. 2 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ONORARIA DEL COMUNE DI MASERA

Dettagli

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n.

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. Città di Desenzano del Garda Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. 81 del 30/09/2009 I N D I C E ART. 1 - ISTITUZIONE... 1 ART. 2 - FINALITA...

Dettagli

COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel Fax

COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel Fax COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel.0963.65035 Fax 0963.605802 www.comune.spilinga.vv.it REGOLAMENTO PER LA CONSULTA ANZIANI E PENSIONATI ART. 1 OBIETTIVI FONDAMENTALI La Consulta Comunale

Dettagli

Verbale di assemblea ordinaria

Verbale di assemblea ordinaria Servizio Acque Depurate s.p.a. (SE.A.D.) Sede in Corso Vittorio Veneto n. 20-48024 MASSA LOMBARDA (RA) Capitale sociale Euro 258.000,00 i.v. C.F.- Reg.Imp. 91001990398 Verbale di assemblea ordinaria Rea.

Dettagli

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 06/05/2014 OGGETTO: OSSERVATORIO COMUNALE PER IL MONITORAGGIO DEL LAVORO PRECARIO ED IL CONTRASTO E L EMERSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità Allegato alla deliberazione consiliare n. 45 del 18/04/2012 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI Art. 1 Costituzione e finalità Il Comune di Senigallia riconosce nei giovani

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie /019 Servizio Promozione della Sussidiarietà e della Salute, Famiglia MP 0/B

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie /019 Servizio Promozione della Sussidiarietà e della Salute, Famiglia MP 0/B Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2017 00946/019 Servizio Promozione della Sussidiarietà e della Salute, Famiglia MP 0/B CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Deliberazione della Giunta Comunale N. 150 del 23/12/2015 OGGETTO: CONTRIBUTO ALL ASSOCIAZIONE ANT ONLUS. PROVVEDIMENTI. Pubblicata all'albo pretorio

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE POLITICHE SOCIALI Approvato con delibera di C.C. n. 39 del 27/04/2004 Modificato con delibera di C.C. n. 77 del 29/11/2004 Modificato

Dettagli

COMUNE DI SAN FIOR Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER I SERVIZI SOCIALI ED ASSISTENZIALI

COMUNE DI SAN FIOR Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER I SERVIZI SOCIALI ED ASSISTENZIALI COMUNE DI SAN FIOR Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER I SERVIZI SOCIALI ED ASSISTENZIALI ARTICOLO 1 - Istituzione della Commissione 1. È istituita la Commissione

Dettagli

C O M U N E D I C O L L E F E R R O ( P r o v i n c i a d i R o m a )

C O M U N E D I C O L L E F E R R O ( P r o v i n c i a d i R o m a ) C o p i a C O M U N E D I C O L L E F E R R O ( P r o v i n c i a d i R o m a ) Deliberazione della Giunta Comunale n. 230 OGGETTO: Sospensione della procedura per l acquisizione del diritto di superficie

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PER LA TERZA ETA DELLA CITTA DI MOGLIANO VENETO (Approvato con deliberazione del C.C. n.

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PER LA TERZA ETA DELLA CITTA DI MOGLIANO VENETO (Approvato con deliberazione del C.C. n. REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PER LA TERZA ETA DELLA CITTA DI MOGLIANO VENETO (Approvato con deliberazione del C.C. n. 97/99) PREMESSA Il Comune di Mogliano Veneto, in attuazione di quanto previsto dall art.

Dettagli

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali *

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Art. 1 Oggetto 1. È istituito il Consiglio delle autonomie locali (CAL), quale organo di rappresentanza delle autonomie

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE ORIGINALE Seduta del 23/09/2011 n.313 del Registro deliberazioni OGGETTO: Autorizzazione utilizzo palestra Provinciale sita in

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 DEL 04 Febbraio 2011 OGGETTO: RILASCIO DI LETTERE DI IMPEGNO E PATRONAGE PER L ASSUNZIONE DI UNA FIDEJUSSIONE COMMERCIALE DI EURO 32.000,00 EMESSA DA SAN FELICE

Dettagli

CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO)

CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO) CITTÀ DI SAVIGLIANO (PROVINCIA DI CUNEO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 OGGETTO: CONCESSIONE DI SERVITÙ ALLA ELCA ENGINEERING S.R.L. DI POSA ELETTRODOTTO PER ALLACCIO A CABINA ENEL

Dettagli

COMUNE DI FARA NOVARESE Provincia di Novara

COMUNE DI FARA NOVARESE Provincia di Novara COMUNE DI FARA NOVARESE Provincia di Novara VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 62 Oggetto: CONTRIBUTO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL UTILIZZO DEI MICRO-NIDI PRIVATI MODALITA PER L EROGAZIONE.

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI Approvato con deliberazione consiliare n. 9 dd. 17 marzo 2005. In vigore dal 6 aprile 2005 1 Art. 1 Costituzione 1. Il Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ESTRATTO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 55 OGGETTO: L.R. 8.7.1999 N. 19 - MODIFICA DEL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE REDATTO IN CONFORMITA AL

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 06/09/2017

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 06/09/2017 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 06/09/2017 OGGETTO: "ALLENA UNA MENTE VINCENTE - IN CAMPO CON LA MENTE" SERATA DEDICATA ALLA PSICOLOGIA DELLO SPORT. 6.10.2017 PRESSO SALA MARTIGNONI L anno

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 124 della Giunta Comunale OGGETTO: INDIVIDUAZIONE SPAZI E CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEGLI STESSI PER L ESERCIZIO TEMPORANEO DI ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI PROFESSIONISTI. ARTICOLO 1 (Oggetto del Regolamento) ARTICOLO 2 (Finalità e compiti della Consulta)

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI PROFESSIONISTI. ARTICOLO 1 (Oggetto del Regolamento) ARTICOLO 2 (Finalità e compiti della Consulta) REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI PROFESSIONISTI ARTICOLO 1 (Oggetto del Regolamento) 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento, organizzazione, criteri di selezione ed il numero

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 21 dicembre 2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL MONDO PRODUTTIVO Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina l attività della Consulta delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DEL TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DEL TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 29.10.2012 TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI DEL COMUNE DI ZIBIDO SAN GIACOMO art. 1 PRINCIPI ISPIRATORI 1.

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Città Metropolitana di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTA GIOVANI

COMUNE DI NERVIANO (Città Metropolitana di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTA GIOVANI COMUNE DI NERVIANO (Città Metropolitana di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTA GIOVANI Approvato con deliberazione n. 85/C.C. del 30.11.2016 e modificato con deliberazione n. 73/C.C. del 25.7.2017

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO DEI SINDACI Del Distretto 2 dell ASL 5

REGOLAMENTO DEL COMITATO DEI SINDACI Del Distretto 2 dell ASL 5 COMITATO DEI SINDACI CITTÀ DI RIVOLI, ROSTA, VILLARBASSE, ALPIGNANO E VAL DELLA TORRE DISTRETTO 2 dell A.S.L. 5 - REGIONE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL COMITATO DEI SINDACI Del Distretto 2 dell ASL 5 Approvato

Dettagli

Con l intervento e l opera del Dott. VINCENZO FILIPPINI SEGRETARIO GENERALE.

Con l intervento e l opera del Dott. VINCENZO FILIPPINI SEGRETARIO GENERALE. GIUNTA COMUNALE DI PIACENZA Delibera n 201 05/08/2014 OGGETTO : COLLABORAZIONE DEL COMUNE DI PIACENZA CON IL PARTITO DEMOCRATICO PIACENZA PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE "FESTA DE L'UNITA'" DAL

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO

COMUNE DI ROTTOFRENO COPIA AUTENTICA DELL ORIGINALE COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Delibera n. 182 del 04/12/2015 OGGETTO: COSTITUZIONE DELLA COMMISSIONE DI COLLAUDO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. COPIA N 86 del 26/11/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. COPIA N 86 del 26/11/2014 COMUNE DI LAVENO MOMBELLO Provincia di Varese Via Roma 16/A - C.A.P. 21014 Tel. 0332 625511 Fax 0332626042 www.comune.laveno.va.it Codice Fiscale / Partita I.V.A 00213100126 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 28/07/2016 1 È costituito all interno del Consiglio di Amministrazione di Prysmian S.p.A. (la Società

Dettagli

COMUNE DI VIESTE Provincia di Foggia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE

COMUNE DI VIESTE Provincia di Foggia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNE DI VIESTE Provincia di Foggia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE INDICE CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI ART. 1 - ISTITUZIONE ART. 2 - ATTRIBUZIONI CAPO II - ORGANI DELLA CONSULTA GIOVANILE

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE REGOLAMENTO ASSEMBLEARE ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento, approvato dall Assemblea del 29 giugno 2007, disciplina lo svolgimento dell Assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLI DI FRAZIONE

REGOLAMENTO CONSIGLI DI FRAZIONE REGOLAMENTO CONSIGLI DI FRAZIONE REGOLAMENTO CONSIGLI DI FRAZIONE 1 TITOLO I Istituzione e sedi ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. L amministrazione comunale, ai sensi di quanto previsto dall articolo

Dettagli

Direzione Servizi Amministrativi /010 Area Sport e Tempo Libero Marketing, Promozione e Progetti Speciali MP 0/A CITTÀ DI TORINO

Direzione Servizi Amministrativi /010 Area Sport e Tempo Libero Marketing, Promozione e Progetti Speciali MP 0/A CITTÀ DI TORINO Direzione Servizi Amministrativi 2016 04998/010 Area Sport e Tempo Libero Marketing, Promozione e Progetti Speciali MP 0/A CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 8 novembre 2016 Convocata

Dettagli

COMUNITA MONTANA MAIELLETTA PENNAPIEDIMONTE PROVINCIA DI CHIETI

COMUNITA MONTANA MAIELLETTA PENNAPIEDIMONTE PROVINCIA DI CHIETI COMUNITA MONTANA MAIELLETTA PENNAPIEDIMONTE PROVINCIA DI CHIETI ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA Seduta del 6 SETTEMBRE 2011 N. 47 OGGETTO: AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N. 27 MAIELLETTA. L.R.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 10 giugno 2013 n 15 OGGETTO: Giuramento del Sindaco. L'anno duemilatredici il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO Allegato alla deliberazione C.C. n. 24 del 2/4/2012 Il Presidente Il Segretario F.to Frigerio Ft.to Urbano Unità Organizzativa Servizi Sociali REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO 1 INDICE Articolo

Dettagli

C O M U N E D I T U R R I PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Piazza Sandro Pertini, TURRI

C O M U N E D I T U R R I PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Piazza Sandro Pertini, TURRI C O M U N E D I T U R R I PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Piazza Sandro Pertini, 1 09020 TURRI N 24 del 20.06.2016 DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Elezioni amministrative del 05 giugno

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 47

CITTÀ DI CARMAGNOLA (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 47 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 47 OGGETTO: Convenzione per destinazione d uso di interesse collettivo (Cooperativa Sociale Solidarietà

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M.

CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. COPIA N. 51 reg. Delib. CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CAMPO SPORTIVO COMUNALE DI VIA PALMANOVA,

Dettagli

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 238

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 238 REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Deliberazione della Giunta Provinciale Registro Delibere di Giunta N. 238 OGGETTO: Iniziative culturali dedicate alla figura ed all'opera di Pier Paolo Pasolini

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Deliberazione della Giunta Comunale N. 165 del 13/12/2016 OGGETTO: CONTRIBUTO ALL ASSOCIAZIONE ANT ONLUS. PROVVEDIMENTI. Pubblicata all'albo pretorio

Dettagli

di deliberazione del

di deliberazione del COMUNE DI CAPUA PROVINCIA DI CASERTA Medaglia d Oro al Valor Civile di deliberazione del Numero Data O g g e t t o 37 04.07.2016 Elezione componenti Commissione Elettorale Comunale Art. 41, comma 2, del

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA approvato con deliberazione C.C. n. 96 del 15/11/2006 e modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE Il Comune di Mede intende difendere i diritti delle bambine, dei bambini, delle ragazze e dei

Dettagli

FONDI PER L'EMERGENZA ABITATIVA. ASSEGNAZIONE E CONCESSIONE A FAVORE DELLE PROVINCE (ART.14, L.R , N

FONDI PER L'EMERGENZA ABITATIVA. ASSEGNAZIONE E CONCESSIONE A FAVORE DELLE PROVINCE (ART.14, L.R , N Provincia di Bologna COPIA n. 84 del 24.09.2014 OGGETTO: FONDI PER L'EMERGENZA ABITATIVA. ASSEGNAZIONE E CONCESSIONE A FAVORE DELLE PROVINCE (ART.14, L.R. 21-12-2012, N. 19 / APPROVAZIONE CRITERI DI EROGAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ESTRATTO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2 OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELL AREA EX CIRCOLO 1 MAGGIO A C ENTRO SPORTIVO POLIFUNZIONALE - APPROVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE PROVINCIA-AUTONOMIE LOCALI

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE PROVINCIA-AUTONOMIE LOCALI REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE PROVINCIA-AUTONOMIE LOCALI Art. 1 FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina la Conferenza Permanente Provincia-Autonomie Locali prevista dall art. 8 del vigente

Dettagli

COMUNE DI RIMA SAN GIUSEPPE Provincia di Vercelli

COMUNE DI RIMA SAN GIUSEPPE Provincia di Vercelli DELIBERAZIONE N. 26 COMUNE DI RIMA SAN GIUSEPPE Provincia di Vercelli Oggetto : Concessione di Comodato porzione di immobile comunale alla Cooperativa Montana Valsermenza a.r.l. Atto di Indirizzo. VERBALE

Dettagli

Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino, Volvera REGOLAMENTO DEL COMITATO DEI SINDACI DEL DISTRETTO 3 DELL ASL 5

Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino, Volvera REGOLAMENTO DEL COMITATO DEI SINDACI DEL DISTRETTO 3 DELL ASL 5 COMITATO DEI SINDACI CITTÀ DI COLLEGNO E GRUGLIASCO DISTRETTO 1 dell A.S.L. 5 - REGIONE PIEMONTE Comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino, Volvera REGOLAMENTO DEL COMITATO DEI

Dettagli

COMUNE DI SORDIO PROVINCIA DI LODI

COMUNE DI SORDIO PROVINCIA DI LODI COMUNE DI SORDIO PROVINCIA DI LODI ---------------------- Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima convocazione NR. 14 DEL 22-05-2013 COPIA OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA DI VIMERCATE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA DI VIMERCATE REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA DI VIMERCATE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 51 del 18 maggio 1998 e modificato con deliberazione del Consiglio comunale n. 19 dell 8 giugno 2004.

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE Provincia di Perugia

COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE Provincia di Perugia COMUNE DI CITTÀ DELLA PIEVE Provincia di Perugia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 180 Del 29-09-2016 Oggetto: Costituzione ai sensi dell'art. 11, comma 4, dello Statuto Comunale del Tavolo "Una

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA GIOVANILE Approvato con delibera di C.C. n. 33 del 15/10/2015 1 Articolo 1 - Istituzioni e scopi 1.E istituita dal Comune di Artegna

Dettagli

REGOLAMENTO per il funzionamento della CONSULTA SPORTIVA

REGOLAMENTO per il funzionamento della CONSULTA SPORTIVA Allegato n. 1 alla delibera del Consiglio Comunale n. 02 del 30.01.2007 CITTA DI ORZINUOVI Provincia di BRESCIA A R E A S E R V I Z I G E N E R A L I REGOLAMENTO per il funzionamento della CONSULTA SPORTIVA

Dettagli

COMUNE DI ALDENO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI ALDENO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI ALDENO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 113 della Giunta comunale OGGETTO: Concessione contributo straordinario al Corpo Volontario dei Vigili del Fuoco di Aldeno. L anno duemilaquindici

Dettagli

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.67 DEL

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.67 DEL COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.67 DEL 10-08-2015 Londa, 24-08-2015 Il Responsabile dei Servizi Amministrativi 2015 Oggetto: APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO PIEMONTE

COMUNE DI SAN MANGO PIEMONTE COMUNE DI SAN MANGO PIEMONTE Provincia di Salerno VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 1 DEL 09.01.2014 OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DI UN IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 DEL 25 GIUGNO 2014

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 DEL 25 GIUGNO 2014 ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 DEL 25 GIUGNO 2014 OGGETTO:COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE ASSETTO DEL TERRITORIO - COSTITUZIONE ------------------------ L anno duemilaquattordici

Dettagli

Oggetto: Regolamento della Commissione della Biblioteca IL RESPONSABILE DI SETTORE

Oggetto: Regolamento della Commissione della Biblioteca IL RESPONSABILE DI SETTORE C.C. Oggetto: Regolamento della Commissione della Biblioteca IL RESPONSABILE DI SETTORE RICHIAMATA la propria proposta n. 49 del 16.04.09, di approvazione da parte del Consiglio Comunale del Nuovo Regolamento

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Deliberazione della Giunta Comunale N. 128 del 23/09/2016 OGGETTO: CONCESSIONE PATROCINIO ONEROSO ALL'ASSOCIAZIONE IL MONDO UNA FAMIGLIA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PELLEGRINO PARMENSE

COMUNE DI PELLEGRINO PARMENSE COMUNE DI PELLEGRINO PARMENSE Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n. 63 in data N. 63 OGGETTO: URBANISTICA - CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO L anno duemilasedici questo giorno venticinque

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRA-UE ED APOLIDI RESIDENTI A TRIESTE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRA-UE ED APOLIDI RESIDENTI A TRIESTE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI EXTRA-UE ED APOLIDI RESIDENTI A TRIESTE Articolo 1 Istituzione della Consulta E istituita, quale organo consultivo del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 181 della Giunta Comunale OGGETTO: CONCESSIONE CONTRIBUTO STRAORDINARIO ASSOCIAZIONE SPORTIVA S.C. AVIO ASD L anno duemilaquindici addì due

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LECCO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LECCO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LECCO Deliberazione di Giunta n. 32 / 12.4.2016 32 C1) SOCIETÀ POLO LOGISTICO INTEGRATO BIONE LECCO-MAGGIANICO SPA: PROPOSTA DEL SOCIO DI MAGGIORANZA

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Gruppo Consiliare di Alleanza Nazionale. Proposta di legge

Consiglio Regionale della Puglia Gruppo Consiliare di Alleanza Nazionale. Proposta di legge Proposta di legge Istituzione del Consiglio delle Autonomie Locali Ad iniziativa dei Consiglieri Regionali: Ruocco Avv.Roberto, Saccomanno dott.michele, Attanasio dott.tommaso, Congedo dott.saverio, Lospinuso

Dettagli

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 28/12/2011)

Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 28/12/2011) Municipio Roma 6 Unità di Direzione Servizio Consiglio e Commissioni Municipio Roma 6 prot. n. 81864/2011 Prot. S.D. 36/2011 Estratto dal verbale del Consiglio del Municipio Roma 6 (seduta del 28/12/2011)

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O M U N E D I A L A (Provincia di Trento) N. 063 Registro delibere Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Autorizzazione Associazione storico-culturale Memores installazione monumento

Dettagli