Black Slot: un salto nel vuoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Black Slot: un salto nel vuoto"

Transcript

1 Black Slot: un salto nel vuoto Tutti i tentativi per trovare una soluzione politica o amministrativa al caso che sta tenendo col fiato sospeso l intera industria sono andati a vuoto. I gestori, in vista del temuto rastrellamento, hanno cominciato a dismettere gli apparecchi sotto inchiesta, ma tra mille difficoltà, e la Sapar ora punta sulla Finanziaria per ottenere una modifica di legge che renda intrinseca la legalità delle macchine in possesso di certificazione e controllati dalla rete lack Slot, una bomba ad B orologeria senza un timer visibile, ma con il ticchettio del count-down che stordisce ed angoscia sempre di più col passare dei giorni, in attesa della fatidica Ora-X, quella dell inizio delle operazioni di controllo negli esercizi pubblici e di sequestro, ovviamente laddove i gestori non abbiano provveduto al ritiro spontaneo degli apparecchi e alla loro dismissione, come da invito formulato dalla Procura di Venezia e dall Aams stessa. Di sicuro, ci troviamo di fronte a procedure del tutto anomale, che destano chiari dubbi di legittimità, soprattutto perché a fronte della mancata adesione del gestore a tali disposizioni si ha automaticamente l avvio di un procedimento penale, con conseguenze che andremo ad illustrare più avanti. Al di là di ciò, ed è qui che si ravvisa il core problem di tutta la vicenda, sebbene sia ormai fin troppo chiara la posizione di parte lesa del gestore, questi è diventato l unico autentico parafulmine di tutta la situazione. Eppure, soluzioni concrete e attendibili non erano mancate da parte della Sapar. In primo luogo per via legislativa: svariati sono stati i tentativi di far approvare la modifica del comma 5 dell art. 110 da ultimo, con un emendamento al cosiddetto decreto sul tesoretto presentato ad inizio agosto da Azzolini, Vegas, Bonfrisco, Ferrara, Taddei e Sacconi in virtù della quale si sarebbero potuti superare gli equivoci attualmente generati dalla contraddittoria compresenza di elementi quali l abilità, l alea e l intrattenimento da un lato, e dall altro di parametri che stabiliscono la percentuale minima di vincita, il ciclo entro il quale la percentuale deve essere rispettata, ecc., scongiurando altresì la possibilità che qualsiasi altro apparecchio possa essere risucchiato nel vortice (ipotesi divenuta ormai concreta, essendo certa la notizia che parallelamente sono state avviate indagini su altri 6 modelli di schede). Detto emendamento che comunque non mancherà di essere rilanciato (con qualche possibile correzione) in sede di Finanziaria 13

2 2007 SETTEMBRE SEPTEMBER si configurava come segue: «3-quinquies. Il comma 85 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, è sostituito dal seguente: 85. All articolo 110 del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il comma 5 è sostituito dal seguente: 5. Si considerano apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il gioco di azzardo quelli che, privi di attestazione di conformità rilasciata dalle competenti autorità amministrative, consentono vincite puramente aleatorie di premi in denaro. Sono in ogni caso escluse da tale tipologia le macchine vidimatrici per i giochi gestiti dallo Stato e gli apparecchi di cui al successivo comma 6 ; b) al comma 6, lettera a), le parole: gli elementi di abilità o intrattenimento sono presenti insieme all elemento aleatorio, sono soppresse». A quel punto, l azione della Sapar è proseguita sul binario dell upgrade che, come abbiamo già avuto modo di illustrare nello scorso numero di Automat, si configurava come la miglior soluzione-tampone in attesa della sospirata modifica di legge. Ma, a Piazza Mastai l idea non è La sentenza del Tar del Lazio che respinge il ricorso contro la revoca dei nulla osta del modello Flexy Screen BLACK SLOT piaciuta sin dall inizio. E, a fronte dell insistenza con cui i nostri esponenti hanno sostenuto questa causa, a tutti i livelli, alla fine i vertici di (OMISSIS) FATTO Aams si sono visti costretti ad emanare un comunicato per spiegare i motivi per i quali l aggiornamento della Black Slot&co. non poteva essere autorizzato. Con riferimento alla richiesta di upgrade recita la nota del 7 agosto pervenuta a questa Amministrazione, Aams precisa che tale procedura non può trovare applicazione mancando, ad oggi, una specifica previsione normativa. Infatti, il richiamo ai contenuti dell articolo 8, comma 6, lettera c) del decreto interdirettoriale 4 dicembre 2003 così come modificato dal decreto interdirettoriale 19 settembre 2006 non può riguardare apparecchi certificati nell ambito di una previsione normativa e regolamentare precedente. In tal senso, il recente decreto interdirettoriale 18 luglio 2007 (che ha riaperto i termini per il rilascio dei nulla osta di distribuzione ed esercizio degli apparecchi ex art. 110, comma 6, del Tulps, rispettivamente, al 15 dicembre ed al 31 dicembre del corrente anno), dispone all art. 1, comma 1 che la riapertura dei suddetti termini è limitata ad apparecchi per i quali sia stata già rilasciata certificazione dell esito positivo della verifica di conformità. Le disposizioni dell articolo 8 comma 6, lettera c) citato, sono applica- Espone la ricorrente che in data aveva ottenuto dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, Direzione Generale, Direzione Centrale per le risorse amministrative, un certificato di conformità dell esemplare dell apparecchio a premio appartenente alla tipologia comma 6 dell art. 110 del Tulps. Tale provvedimento autorizzatorio veniva rilasciato all esito delle verifica tecnica di conformità nonché della relazione concernente la verifica stessa di cui all art. 8, comma 4 del decreto interdirettoriale del 4 dic inviata all organismo di certificazione e ispezione Cermet Srl. Il provvedimento reca come contenuto la certificazione dell Amministrazione della conformità dell esemplare alle prescrizioni normative ed alle regole tecniche vigenti. La legge di riferimento è rappresentata dall articolo 38 comma 1 della l. n. 388 del 2000 come sostituita dall art. 22 comma 2 legge n. 289 del A completamento e specificazione della legge è stato emanato da Aams e dal Dipartimento di PS il decreto interdirettoriale del 4 dic recante oggetto Regole Tecniche di Produzione e verifica tecnica degli apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento di cui all art. 110 comma 6 del Tulps. Secondo quanto sancito dalle norme esaminate è l Amministrazione intimata a compiere le verifiche tecniche avvalendosi di organismi esterni convenzionati. Tali organismi certificano la corri-

3 bili ad apparecchi di cui all art. 110, comma 6, lett. a) del Tulps, non potendo in alcun modo essere adattati a posteriori ad apparecchi verificati ed omologati secondo prescrizioni oggi non più valide. L amministrazione, in sostanza, ha voluto dire: non è che ci manchi la volontà, ma non abbiamo gli strumenti legislativi per muoverci in questa direzione. Un affermazione, questa, sulla quale sarebbe lecito obiettare. Ma la Sapar ha preferito non dilungarsi su tale aspetto, bensì intervenire direttamente sul problema, inviando una lettera al Presidente Prodi, ai Ministri Amato, Padoa Schioppa e Santagata, al Viceministro Visco, al Sottosegretario Grandi, ai Presidenti delle Commissioni V e VI di Camera e Senato e ai vertici di Aams, per richiedere un intervento urgente del governo affinché emani una specifica norma che autorizzi l upgrade delle macchine sotto inchiesta. L Associazione Nazionale Sapar, che rappresenta circa 1500 operatori di apparecchi da gioco e da intrattenimento e come tale risulta essere la più rappresentativa nell ambito della categoria segnala che in data 8 agosto ha ricevuto dalla Aams la comunicazione con la spondenza dell apparecchio alle prescrizioni vigenti. Dopo la certificazione di conformità la ricorrente ha chiesto 1200 nulla osta di distribuzione equivalenti agli esemplari fabbricati. Sennonché, in data 22 dicembre 2006 l Amministrazione, in persona del medesimo funzionario Dirigente sottoscrivente il certificato di conformità del 7 dic. 2004, emetteva un provvedimento di revoca dello stesso. Avverso tale provvedimento unitamente al successivo atto datato 16 gennaio 2007 propone l odierno gravame la ricorrente affidato ai seguenti profili: 1) Eccesso di potere per erronea interpretazione delle risultanze della istruttoria amministrativa. Travisamento del presupposto del provvvedimento impugnato. quale l Amministrazione formalizza il rifiuto ad autorizzare la sostituzione del software (c.d. upgrade ) delle schede di gioco di circa il 50% La motivazione del provvedimento impugnato è sorretta da una verifica tecnica esperita da Sogei allegata al provvedimento medesimo. Sogei afferma che a fronte di una teorica possibilità di configurare il prodotto come difforme dalle prescrizioni vigenti all epoca del rilascio della certificazione di conformità, tuttavia esisterebbero altre circostanze che non consentono che si verifichi in concreto ciò che teoricamente sarebbe vietato. A fronte delle normative all epoca vigenti non rappresentate dall art. 110 Tulps comma 6 nel testo apportato dalla legge n.266 del 23 dic comma 525, non sarebbe chiaramente evincibile il precetto che si assume violato. 2) Eccesso di potere e violazione di legge (art. 58 l. n. 388 del degli apparecchi certificati e controllati dallo Stato, se non in presenza di una adeguata previsione normativa. La situazione è quindi divenuta insostenibile per i gravissimi risvolti conseguenti al provvedimento del PM di Venezia che invita i gestori a procedere all immediato ritiro e alla dismissione degli apparecchi da gioco denominati Black Slot, Stack Slot e Terza Dimensione, in conseguenza al decreto di sequestro preventivo ex art. 321 c.p.p. disposto dal GIP del Tribunale Ordinario di Venezia, su richiesta del Sost. Proc. Dott. Gava. La necessità di garantire la piena legalità del settore è da sempre perseguita dagli operatori rappresentati e la situazione creatasi si sostanzia in una impossibilità di recuperare gli investimenti già sopportati con la contemporanea necessità di affrontarne dei nuovi e onerosi senza alcuna garanzia e con la continua incertezza che ha portato alla quasi totale paralisi di un settore dalle grandi potenzialità: la più temuta delle conseguenze risiede nel timore che il lavoro immenso profuso per ottenere l affermazione della legalità del settore possa essere vanificato dall affermarsi di offerta di gioco illegale a danno delle imprese di gestione e dell intero sistema degli apparecchi e di reg. (decreto interdirettoriale 4 dic. 2003). Violazione del principio del contrarius actus per mancato ripetizione del protocollo di verifica tecnica di cui al decreto interdirettoriale del 4 dic Nel caso di specie si doveva porre in essere una nuova verifica tecnica in virtù del decreto del 4 dic ) Violazione di legge, difetto di motivazione del provvedimento. Ius superveniens: art. 1 co 85 della legge n.296 del , art. 1 co. 525 della legge 266 del L attuale legislazione rende meno stringenti i parametri legislativi dell art. 110 Tulps rispetto a quelli contemplati nel Legittima l erogazione della vincita di 100 euro per ciascuna partita. Assimila gli apparecchi di cui al 15

4 2007 SETTEMBRE SEPTEMBER 18 LA SENTENZA DEL TAR comma 6 dell art. 110 del RD 773 del 1931 alle macchine vidimatrici delle giocate del lotto. 4) Eccesso di potere: disparità di trattamento. La scheda black slot è utilizzata dalla maggioranza dei produttori italiani di apparecchi che non sono stati tuttavia sottoposti a verifica. 4) bis Eccesso di potere: disparità di trattamento. In altre situazioni Aams risolse problemi similari senza ricorrere all ordine di dismissione degli apparecchi e senza revocare i certificati di conformità. 5) Contraddittorietà tra gli scopi del provvedimento e gli effetti dello stesso. Peraltro il soggetto economico che subisce tutte le più gravi conseguenze negative sono appunto le imprese di gestione che in assenza di interventi normativi urgenti saranno costrette a licenziamenti che si stimano già per i prossimi tre mesi, in circa il 50% dei occupati dalle imprese di gestione, pur essendo totalmente estranee a qualsiasi comportamento illecito ipotizzato dalla procura. Pertanto la Scrivente associazione condivide le premesse e la richiesta di dichiarazione dello stato di crisi del settore già formalizzata da tutti i concessionari di rete e chiede che il Governo si faccia carico della problematica adottando interventi normativi urgenti e straordinari finalizzati a: permettere la sostituzione delle schede di gioco mediante procedure di upgrade rendendo possibile e praticabile e a costi contenuti il ripristino degli apparecchi, conservando i nulla osta già posseduti dai singoli apparecchi; introdurre misure a sostegno delle imprese di gestione in materia fiscale, permettendo la dilazione del pagamento del Preu e incentivi alla eventuale sostituzione degli apparecchi in discorso; intervenire sull impianto normativo per garantire stabilità e certezza degli investimenti nel settore, definendo i ruoli dei diversi protagonisti della filiera. La Sapar ribadisce la piena disponibilità delle imprese rappresentate 5) bis Confronto tra le esigenze di tutela dell ordine pubblico e di salvaguardia del consumatore. Conclude la ricorrente chiedendo l accoglimento del ricorso formulando contestualmente una richiesta di risarcimento dei danni. Si è costituita l Aams confutando con ampia memoria difensiva le argomentazioni sostenute nel ricorso. Si è costituita in giudizio l ATI Atlantis World Goup of Companies NV facendo presente di essere uno dei concessionari italiani dei Monopoli di Stato del servizio pubblico di raccolta del cd gioco lecito e di gestire circa mille gestori possessori di slot machines per circa slot machines. Atlantis ha nel proprio parco a collaborare per la definitiva affermazione della legalità nel settore che si trova oggi ad affrontare una così grave crisi per fatti e responsabilità del tutto estranei alla propria sfera di azione, chiede quindi la convocazione di un urgentissimo incontro con il Governo per definire una linea d azione ed una gamma di interventi da attuarsi in tempi rapidissimi per scongiurare la possibile definitiva scomparsa del comparto. Nel frattempo, si è appreso del mancato accoglimento, da parte del Tar del Lazio, del ricorso presentato contro la revoca del nulla osta del modello Flexy Screen (con conseguente dismissione d ufficio degli apparecchi che lo contemplano), e dell avvio, da parte dei concessionari di rete, delle operazioni di ritiro degli apparecchi, inviando ai gestori delle comunicazioni inizialmente molto soft, ma al tempo stesso inequivocabili. Come ha dichiarato pubblicamente Assoslot, ferma è stata la presa di posizione di Aams nei confronti dei concessionari affinché questi procedessero con sollecitudine all effettuazione delle procedure di dismissione. E ciò esprime chiaramente le reali intenzioni di Piazza Mastai, al di là delle pur legittime giustificazioni riportate nel comunicato di cui sopra. macchine circa schede di gioco rientranti nella tipologia di cui si discute Black Slot. Conclude la interveniente chiedendo l accoglimento del ricorso proposto. Alla pubblica udienza del il ricorso veniva trattenuto in decisione. DIRITTO Il ricorso non merita accoglimento. 2. In punto di fatto si evidenzia che su iniziativa della Procura della Repubblica del Tribunale di Venezia (proced. penale n.5657 del 2006 RG), erano state sottoposte a sequestro le schede di gioco denominate Black slot, a suo tempo omologate da Aams ai sensi dell art. 22 della legge n.289 del 2002, installate negli apparecchi

5 D altro canto, né Aams né i concessionari potevano fare a meno di prendere atto della notizia (certa ma non resa nota per iscritto) che il PM di Venezia aveva concesso un periodo di tolleranza sia rendendosi conto dell enorme mole di lavoro a cui i gestori sarebbero stati sottoposti, sia per evitare situazioni di caos che avrebbero facilmente prestato il fianco all illegalità, e anche per permettere alla Guardia di Finanza, a cui l esecuzione del sequestro è delegata, di organizzare tutti gli adempimenti necessari limitandolo però a soli 45 giorni (a far data dal 4 luglio, giorno della pubblicazione del comunicato di Aams), ovvero al 19 agosto. Ciò non ha comunque impedito il verificarsi di sporadici episodi di sequestro, che pur essendo prontamente rientrati hanno tenuto alto il clima di all erta. A Napoli, ad esempio, sono stati i Carabinieri a dar corso a controlli in alcuni locali, che hanno portato all apposizione di una quindicina di sigilli. A Bolzano, addirittura, è stato un ispettore di Aams a sequestrare un apparecchio della famiglia della Nazionale Elettronica. Per la cronaca, nel primo caso, il dissequestro immediato è stato disposto proprio in virtù del fatto che non era ancora decorso il periodo da intrattenimento NewSlot, per difformità dalle specifiche tecniche normativamente previste, sul presupposto che le caratteristiche del gioco non coincidessero con i parametri previsti dall articolo 110 Tulps, comma 6. La suddetta Procura di Venezia ha disposto anche perizia tecnica su un apparecchio Black slot, mod. Flexy screen, identificato con codice modello CM L e prodotto dalla medesima società ricorrente riscontrando la non conformità dell apparecchio alla normativa di riferimento. Successivamente la Procura della Repubblica di Venezia ha sottoposto a sequestro preventivo numerosi apparecchi da intrattenimento sui quali è stata installata la scheda BlacK Slot. Su tali presupposti l Amministrazione ha chiesto alla Sogei Spa, partner tecnologico pubblico del Ministero dell Economia e delle Finanze, di effettuare l esame sul codice sorgente del modello di apparecchio nonché di verificare altri apparecchi installati sul territorio. La verifica effettuata da Sogeicon la collaborazione tecnica della Società GLI Italia, ha evidenziato la non conformità del modello di apparecchio alle prescrizioni normative. La verifica rilevava che il software di gioco consente vincite superiori a euro 50,00 (limite modificato dalla legge finanziaria per il 2006 a 100,00 euro) e che sono presenti sequenze di vincite fortunate di euro 50,00 consecutive; quando è attiva la modalità Joker Frenzy, a seguito di una prima vincita di euro 50,00 o inferiore (in questo caso occorrono più partite), è possibile per il giocatore forzare in maniera continua la vincita nella giocata successiva. In tale modo entro il quale doveva andare a realizzarsi la presunzione legale che i gestori fossero a conoscenza della possibilità concessa dal PM veneziano di ritirare spontaneamente le macchine, resa nota, lo ricordiamo, dalla nota di Aams del 4 luglio. Nel secondo caso, sembra che si sia trattato di sequestro amministrativo e non penale, frutto di un disguido forse dovuto ad un eccesso di solerzia da parte del funzionario. Tornando alle iniziative Sapar, il Presidente Dalla Pria, nella prima metà di agosto, ha intrapreso una serie di contatti su tutto il fronte associativo di settore, per verificare le linee di pensiero di tali organismi di rappresentanza e la loro eventuale disponibilità ad avviare iniziative comuni, al di là della già assodata convergenza con le posizioni di Assoslot e dei concessionari facenti capo ad essa. Inutile nascondere che, in passato, con alcune associazioni è sempre stato problematico trovare una sintonia. Ma la gravità del momento e la necessità manifestata dal mondo politico di poter valutare una proposta univoca da parte delle associazioni stesse ha indotto la Sapar a mettere in atto tutti i tentativi necessari per appianare le divisioni e trovare un comune denominatore alle varie istanze avanzate dalle parti in causa. Il momento di sintesi è stata la riunione indetta a Roma il 30 agosto, con la partecipazione di sono state registrate anche vincite in 5 partite consecutive di euro 216, In punto di diritto si osserva che tale sistema si pone in contrasto con l art. 110, comma 6 lettera a) Tulps, anche così come da ultimo novellato (l.n.266 del 2005), secondo il quale è previsto che l importo massimo delle vincite da distribuire non può superare rispettivamente prima gli euro 50,00 e poi 100,00 e con il Decreto Intedirettoriale del 4 dic relativo alle caratteristiche tecniche degli apparecchi appartenenti alla tipologia di cui all art. 110, comma 6 del Tulps che ha stabilito la non predeterminabilità della vincita. La stessa modalità di gioco trasferisce crediti alle partite successive e predetermina il risultato di queste ultime. In sostanza il software in esame 19

6 2007 SETTEMBRE SEPTEMBER 22 Assotrattenimento, Acmi, Assoslot (con i rappresentanti di Atlantis World, Gamenet e HBG) e Acadi. In quella sede, è emersa perlomeno la volontà di tutte le associazioni di creare un confronto periodico per ricercare possibili convergenze, le cui basi poggiano su tre elementi cardine: introduzione dell upgrade, sollecito di un intervento legislativo che dia certezze assolute agli operatori, autorizzazione alla dismissione programmata degli apparecchi sotto inchiesta. Tornando alla cronaca, la fatidica deadline prevista per il ritiro spontaneo degli apparecchi è stata ampiamente superata senza che nulla accadesse. Anche qui, per fortuna, ha prevalso il buonsenso: avviare un operazione così massiccia nel pieno del mese di agosto comportava notevoli controindicazioni pratiche. D altro canto, nessuno può illudersi che l esecuzione del sequestro possa andare chissà quanto per le lunghe. Essa è stata ritardata solo per dare il tempo alla rimozione spontanea degli apparecchi sollecitata da Aams attraverso i concessionari, e anche per permettere alla Guardia di Finanza, a cui l esecuzione del sequestro è delegata, di organizzare tutti gli adempimenti necessari (trattandosi di apparecchi). LA SENTENZA DEL TAR elude la normativa in vigore in quanto dà la possibilità al consumatore di superare i limiti prescritti per le vincite e mette in condizione di poter predeterminare l importo della vincita attraverso il sistema Jocker Frenzy, grazie al quale l eccedenza non pagata al giocatore e cioè i crediti accumulati dal giocatore, vengono momentaneamente accantonati per essere corrisposti nelle partite successive grazie a vincite agevolate. Il sistema si arresta solo nel momento in cui sono stati restituiti al giocatore tutti i crediti che superano i 200,00 euro. 4. Deduce la ricorrente nelle numerose censure, profili vari di eccesso di potere per erroneità, travisamento, difetto di motivazione, Anche le grandi attese che si nutrivano nei riguardi della riunione del Consiglio dei Ministri del 28 agosto (poi slittato al 4 settembre), contraddittorietà, in particolare riferiti alla presupposta verifica tecnica effettuata dalla Amministrazione attraverso Sogei. Tali censure non hanno pregio. Va premesso che l atto appare trova i suoi presupposti su un accertamento tecnico, e cioè accertamento di un fatto verificabile in modo non opinabile in base a conoscenze di strumenti tecnici di sicura acquisizione. Tali accertamenti tecnici non vengono posti in discussione dalla ricorrente con una apposita controperizia limitandosi la medesima ricorrente ad affermare, con riferimento al riepilogo finale della relazione Sogei, la irragionevolezza ed illogicità della verifica effettuata e conseguentemente del provvedimento. nella quale questo tema avrebbe dovuto essere in qualche modo agganciato all altra gravosa questione del momento, la galattica sanzione di 98 miliardi comminata ai concessionari per il mancato collegamento dei comma 6 alla rete telematica, sono state deluse. Il vertice come si leggerà nella nota pubblicata a parte (vedi pag. 38) ha prodotto un sostanziale nulla di fatto, in un senso e nell altro. In questo bailamme, i gestori si sono trovati attanagliati nel dilemma sul che fare?. Forti anche i dibattiti in Sapar: da un lato preme la volontà di strapparsi di dosso l etichetta di vittime sacrificali dell enorme baco di sistema portato alla luce dall inchiesta di Venezia; dall altro emerge un forte senso di responsabilità nei confronti degli associati e quindi la necessità di prestare la massima cautela a fronte dell incombenza dell azione di sequestro. Saggiamente, si è optato per diffondere una nota informativa incentrata sulle conseguenze penali e civili anche per i gestori e gli esercenti connesse al sequestro, e con la doverosa premessa che in questa fase, le valutazioni sono ampiamente discrezionali ed esclusiva prerogativa della Magistratura. Tuttavia deve osservarsi che l analisi effettuata da Sogei non è limitata al solo riepilogo, come sembra sostenersi nel ricorso, ma è contenuta in una complessa relazione richiamata dal provvedimento di revoca della certificazione di conformità e parte integrante della motivazione dello stesso provvedimento, comunque conoscibile dalla interessata. Nel provvedimento si evince chiaramente l iter logico seguito ed i motivi di contrasto del sistema software con quanto prescritto anche dal novellato art. 110, comma 6, lett. A) Tulps. Come precedentemente osservati, in particolare si rilevava in tale relazione che quando è attiva la modalità Joker Frenzy, a seguito di una prima vincita di euro 50,00 o inferiore (in questo caso occorrono più partite), è possibile per il giocatore forzare in manie-

7 Quanto agli aspetti penali, dall atteggiamento tenuto dalla Magistratura procedente e dalle istruzioni esecutive del sequestro si evince che tanto l esercente quanto il gestore, essendo chiaramente persone danneggiate dal reato più grave (falsità ideologica in certificato), non sono considerati responsabili di alcun illecito penale e quindi non dovrebbero essere sottoposti ad indagine (è bene specificare che l invito a nominare una persona di fiducia o un legale perché assista alle operazioni di sequestro è un obbligo di legge per la validità delle operazioni di sequestro atto garantito e non significa di per sé stesso che si è sottoposti a indagine). Comunque, un atto di sequestro fa nascere l indisponibilità del bene e l obbligo di custodia (di solito gli apparecchi sono sequestrati nei locali e questo da luogo a un danno all immagine dell ignaro esercente; ancora lo stesso esercente è nominato custode del bene sequestrato con relativi obblighi e serie responsabilità connesse). Inoltre, se nell eventuale, ma facilmente ipotizzabile, processo (date le ipotesi di reato i tempi non saranno brevi) trovasse accoglimento la tesi dell accusa, se cioè questi apparecchi consentono il gioco d azzardo, sia gli apparecchi che il denaro in essi contenuti saranno ra continua la vincita nella giocata successiva. In tale modo sono state registrate anche vincite in 5 partite consecutive di euro 216,00. Risulta chiara al violazione dell art. 110, comma 6 lett. A) Tulps nel quale tra l altro si afferma che l importo massimo delle vincite che può essere erogato non può superare euro 100,00. Risulta quindi conseguenziale la legittimità del provvedimento di revoca del certificato di conformità nonché di revoca del nulla osta di distribuzione e messa in esercizio degli apparecchi. Siffatti atti di revoca devono considerarsi quali dovuti e vincolati, esclusa ogni possibilità di valutazione discrezionale, con la conseguenza che non necessitano di alcuna particolare motivazione essendo sufficiente il mero richiamo al presupposto di fatto soggetti a confisca obbligatoria (il Preu deve essere pagato comunque come previsto dall ultima finanziaria). e normativo per il ritiro, mentre l interesse pubblico si configura in re ipsa, come ripristino della legalità violata per contrasto con norme imperative. Quanto alla censura di disparità di trattamento in relazione al fatto che Eurogruppo non è l unica società che ha ottenuto il certificato di conformità con il sistema Black slot si richiama il costante insegnamento giurisprudenziale secondo il quale il vizio di eccesso di potere per disparità di trattamento non è configurabile per giustificare un comportamento illegittimo per violazione di norme imperative. In conclusione il ricorso non è meritevole di accoglimento. Spese ed onorari tuttavia, in relazione all andamento della vicenda, possono essere compensati. Per quanto concerne gli aspetti civilistici, si ritiene che gli operatori che subiscono la misura o che hanno avuto conoscenza tramite gli inviti dei concessionari a dismettere gli apparecchi hanno sicuramente diritto ad ottenere un risarcimento dei danni subiti. In questo senso è utile innanzitutto, a prescindere da ogni altra valutazione, scrivere a chi ha venduto gli apparecchi entro 8 giorni dal ricevimento della comunicazione del concessionario indicando le fatture di acquisto a norma degli art e 1495 del codice civile per chiedere la restituzione del prezzo ed il risarcimento dei danni. Inoltre si impone una riflessione: se il concessionario (su istruzione di Aams) ci invita/impone di dismettere/distruggere un bene aziendale sulla base di un provvedimento ancora non definitivo, seppure si ottempera all invito, è opportuno scrivere tanto al Concessionario quanto ad Aams per riservarsi il risarcimento dei danni anche nei loro confronti. Infatti se nel processo o già nel corso delle indagini, il bene ormai distrutto risultasse pienamente legale ed in regola, bisognerà avere traccia di averlo distrutto su loro indicazione e non per una normale scelta commerciale (in questa ultima comunicazione con- P.Q.M. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione II, definitivamente pronunciando sul ricorso come in epigrafe, lo RE- SPINGE. Compensa spese ed onorari. Ordina che la presente decisione sia eseguita dall Autorità amministrativa. Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del 20 giugno 2007 dal Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, sezione seconda, con l intervento dei signori giudici: Dr. Roberto CAPUZZI Presidente rel. Dr. Silvetro Maria RUSSO Consigliere Dr. Anna BOTTIGLIERI Primo Referendario Presidente estensore 23

8 2007 SETTEMBRE SEPTEMBER 24 viene sottolineare che fino a dichiarazione di falsità o revoca il certificato di conformità è considerato comunque valido). Un quadro, quello appena esposto, che dovrebbe indurre i gestori alla massima cautela nell esporsi all eventuale sequestro degli apparecchi, pur apparendo remota l ipotesi che possano prodursi gli effetti del decreto sui requisiti dei terzi raccoglitori, che di certo rappresenterebbe la conseguenza più grave per la loro attività. Ma, a prescindere da queste valutazioni, enormi sono per i gestori i problemi pratici da affrontare. L obbligo di rinnovare con rapidità il parco macchine si scontra con le difficoltà generate dalle lungaggini nelle procedure di dismissione, dalla non immediata reperibilità dei nuovi apparecchi, dai limiti di capienza dei magazzini soprattutto dai tempi di rilascio dei nuovi nulla osta. Senza poi sottovalutare il fatto che, in ogni caso, le macchine introdotte ex novo in fretta e in furia sul mercato avranno vita breve; quindi, investimenti nuovamente a rischio e probabilmente non ammortizzabili. Un qualche segnale di speranza era sembrato giungere dalle parole del Sottosegretario Alfiero Grandi, intervenuto in una trasmissione di Rai Utile il 7 settembre. In effetti, il tema del programma era lo Scoop del secolo, ovvero la questione della sanzione da 98 miliardi comminata ai concessionari. Ma la presenza di Marco Menduni, uno dei due giornalisti del Secolo XIX che ha realizzato la famosa inchiesta pubblicata il 31 maggio, con un titolo a dir poco dirompente Videopoker: l ombra di cosa nostra dietro il buco da 98 miliardi, ha fatto sì che la discussione si spostasse anche sui fatti di Venezia. In una repubblica democratica ha detto il Sottosegretario è normale che la procura possa intervenire su atti amministrativi. E la ragione sta nel fatto che le vincite consentite sono fuori dai parametri. La situazione è complessa ha aggiunto Grandi ma innanzitutto nel settore delle slot cerchiamo di salvare quello che c è, facendo in modo che tutti possano arrivare almeno a fine anno con una certa serenità. Il magistrato si è comportato con ragionevolezza, poiché ad oggi non è stata sequestrata la generalità delle macchinette sotto inchiesta. D altra parte mi risulta che circa apparecchi siano già stati sostituiti; le aziende produttrici si sono dette disponibili a sfornare un certo numero di macchine nei prossimi mesi, e c è anche in corso l ipotesi di sostituzione delle sole schede. La cosa certa è che, nonostante le difficoltà, la nostra rete è la più grande e sofisticata del mondo, e sarebbe sbagliato tornare indietro e buttare via il lavoro che abbiamo svolto finora. Tra le pieghe di un di un dibattito che non è stato fluido come si dovrebbe per dare assolute certezze, Grandi ha fatto riferimento ad un atto parlamentare che impegna il governo a trovare soluzioni idonee a salvaguardare gli interessi di tutti. Ma, se per questo atto va intesa la risoluzione Nannicini, allora la frase dello stesso Grandi: abbiamo dato tempo fino alla fine dell anno per sostituire le macchine, dovrebbe essere inquadrata (come si è poi dimostrato) nell ambito della riapertura dei nulla osta comma 6 stabilita col decreto del 18 luglio e non, come vorrebbero le interpretazioni più ottimistiche, in un blocco del provvedimento del magistrato sino a dicembre. I tempi di pubblicazione della Rivista limitano le nostre considerazioni a quanto accaduto sino al 20 settembre. Da ultimo, va riferito che il proposito della Presidenza Sapar di opporsi al diniego dell Amministrazione all istanza concernente l upgrade presentando un ricorso al TAR (di cui è stato dato ragguaglio anche sul proprio sito internet), ha via via sollevato, nella Presidenza stessa, la necessità di ulteriori approfondimenti. Su questo, non incide tanto la pronuncia del Procuratore Gava del 13 settembre, nella quale ha dichiarato che al proprio ufficio non possono in alcun modo competere valutazioni inerenti giochi assolutamente nuovi. Semmai, può proporsi il rischio che una volta raggiunta l intesa sull upgrade, a livello politico possa venir meno l esigenza, almeno nel breve periodo, di un intervento legislativo nei termini più volte enunciati. Pertanto, sarà il Consiglio Direttivo a dare le indicazioni definitive in merito, nella riunione in programma il giorno prima dell Enada. La storia di questi giorni è stata arricchita dagli esposti presentati alla Procura di Venezia dall azienda produttrice dei software commercializzati dalla Nazionale Elettronica e da un altro noto personaggio del settore per spingere la soluzione dell upgrade e bloccare i sequestri, evidenziando il fatto che anche le altre schede in circolazione presentano analoghe caratteristiche. Iniziativa velleitaria, perché il Procuratore, come abbiamo appena riferito, si è dichiarato non competente in materia. Ma la riflessione si sposta sull effettiva opportunità di portare avanti azioni autonome che implicitamente disconoscono il ruolo delle associazioni, esprimendo altresì una forte disaggregazione nel settore. E questo è forse l aspetto più deleterio, anche perché se, da ultimo, l indicatore del livello di comprensione del problema da parte del Governo può essere individuato nella risposta data dal Sottosegretario alle Finanze Lettieri il 20 settembre all interrogazione presentata dall On.le Salerno che conferma come unica soluzione quella già tracciata con la riapertura dei termini di rilascio dei nulla osta di esercizio comma 6 allora bisogna proprio rimboccarsi le maniche per trovare una linea chiara, precisa, incisiva e soprattutto univoca, che rappresenti le istanze del settore nella sua interezza. Altrimenti, il treno della Finanziaria 2008 rischia di diventare un altra occasione perduta. Marco Cerigioni

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

L accesso ai documenti amministrativi. Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria

L accesso ai documenti amministrativi. Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria L accesso ai documenti amministrativi 11.1 Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria L accesso ai documenti amministrativi 11.1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli