QUADRO FESSURATIVO: FACCIATA OVEST rilievo effettuato il 1 Luglio 2004

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO FESSURATIVO: FACCIATA OVEST rilievo effettuato il 1 Luglio 2004"

Transcript

1 LEGENDA Lesioni passanti Giunto dilatato Pietra lesionata Lesione trascurabile QUADRO FESSURATIVO: FACCIATA OVEST rilievo effettuato il 1 Luglio 2004 Generalità: Le discontinuità rilevate sono principalmente localizzate nella zona centrale di facciata, sul portale e sulla finestra dell ordine superiore. Alcune discontinuità assumono ad un analisi visiva i contorni di un quadro fessurativo potenzialmente lesivo della statica d alcuni quadranti dell edificio. Sono state rilevate un totale di 17 lesioni ( lesioni ). Per il rilievo di questa facciata non ci siamo potuti avvalere del ponteggio, quindi le lesioni all ordine superiore sono state individuate attraverso un binocolo. Alcune lesioni sembrerebbero il segno evidente del movimento franoso del terreno verso valle. Lesione 228 Si tratta di una lacuna di materiale lapideo accompagnata da discontinuità e parti in pericolo di distacco. E collocata alla sinistra del portale d ingresso di facciata a circa 110 cm dal basamento. La discontinuità è lunga 20 cm con spessore medio di 2 mm. 110

2 Lesione 229 La lesione interessa lo spigolo a sinistra del portale di ingresso, su entrambe le facce ortogonali (foto 1 e 2), e si trova ad un altezza di 435cm da terra. La lunghezza è di circa 1 metro, lo spessore medio di circa 2 mm. All altezza del ventre è ben visibile un espulsione di materiale, con parti a rischio di distacco. Sullo spigolo il rivestimento presenta delle lacune. Lesione

3 Interno La lesione, che interessa l architrave del portale di ingresso della facciata, ha uno spessore medio di 2 mm e appare risarcita. Dal rilievo del quadro fessurativo dell interno della chiesa risulta che questa lesione è passante (foto 3). All altezza del piano di imposta della volta a botte, al filo interno della facciata è presente una catena posizionata tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo quando sembra si siano formate questa lesione e quella del portale ad est, in seguito a movimenti franosi a valle del Tempio. La situazione necessita, quindi, di uno studio approfondito per comprendere la possibile evoluzione della,zona, anche in relazione alla totalità dell edificio. Lesione 231 La lesione si trova alla destra del portale di ingresso ad un altezza di circa 2 metri da terra. Ha una lunghezza di 70 cm, uno spessore medio di 1 mm e all altezza del ventre è possibile notare un movimento espulsivo di materiale. 112

4 Lesione 232 La lesione si trova sulla destra del portale d ingresso a 160 cm circa da terra. La discontinuità ha una lunghezza di 25 cm circa e uno spessore medio di 2 mm. E evidente un movimento espulsivo di materiale intorno al ventre della lesione e subito sotto di essa. Lesione 233 La lesione si trova sulla destra del portale d ingresso a 320 cm circa da terra. La lesione, che interessa due pietre, è lunga 80 cm ed ha uno spessore medio di 2 mm. Si può notare come il giunto sottostante sia dilatato e vi sia una perdita di materiale lapideo. 113

5 Lesione 234 Si tratta di una apertura dei giunti delle due pietre adiacenti alla lesione 233. Questo tipo di fenomeno caratterizza anche tutto il lato destro adiacente al portale subito sopra questa lesione, e potrebbe essere sintomo di un movimento da valutare. Lesione 235 La lesione, divisa in due rami, interessa due pietre, per una lunghezza di 65 cm e uno spessore medio di 2 mm. Le discontinuità hanno un andamento inclinato verso destra e sono accompagnate dalla apertura dei giunti e dalla perdita di materiale agli spigoli delle pietre. E da indagare se il movimento che denunciano sia in progress. 114

6 Lesione 236 La lesione, collocata nella faccia ortogonale al portone d ingresso, è lunga 48 cm e ha uno spessore di 2 mm. È possibile notare un movimento espulsivo verso l esterno e un rigonfiamento della zona. Lesione

7 Interno La lesione collocata sopra il timpano del portale d ingresso, va ad interessare interamente l ordine superiore di facciata fino al cornicione. Anche se guardando dall interno la lesione in foto 3 non appare perfettamente speculare, la vicinanza delle due lesioni e la loro posizione in facciata, necessita uno studio approfondito per comprendere la possibile evoluzione della zona, anche in relazione alla lesione passante 230 sull architrave del portale di ingresso e a quella ancora passante sulla finestra al secondo ordine di facciata. Lesione 238 La lesione interessa il collare del capitello della parasta destra di facciata. E lunga 35 cm e ha uno spessore di quasi 1 cm. 116

8 Lesione 239 Si tratta di una serie di lesioni e apertura dei giunti della pietre che a partire dall architrave del frontone di facciata scende sulla parasta per una lunghezza totale di 150 cm. Anche i giunti del rampante del frontone sono aperti e le pietre sconnesse, almeno ad una analisi visiva a distanza, visto che per il rilievo di questa facciata non è stato possibile utilizzare i ponteggi. Lesione 240 La lesione, collocata sull architrave del frontone del portale di ingresso, è lunga 30 cm ed ha uno spessore medio di 3 mm. Sono presenti segni di una risarcitura precedente. Vista la posizione di questa lesione, la situazione deve essere valutata attentamente per comprendere la possibile evoluzione della zona anche in relazione alla lesione sottostante, passante, posta sull architrave del portale di ingresso ( lesione 230). 117

9 Lesione 241 Interno Questa zona, sul lato del portale d ingresso, interessata dall apertura dei giunti delle pietre per una lunghezza di 180 cm, sembra avere una corrispondenza nell interno dove è visibile una stuccatura. Il fenomeno dovrà quindi essere valutato attentamente per comprendere se il movimento che ha generato questa lesione sia da ricollegare, come sembra, al movimento franoso che ha provocato l allontanamento delle due parti del Tempio in direzione nord-sud (vedi lesione 230). Lesione 242 Si tratta di una zona interessata da apertura dei giunti delle pietre del timpano della finestra all ordine superiore. Questo potrebbe denunciare un movimento da valutare anche in rapporto alla totalità del tempio. 118

10 Lesione 243 La lesione, collocata sull architrave della finestra, risulta passante ed è all esterno risarcita. Vista la sua posizione sarà necessaria un attenta valutazione della zona anche in rapporto al movimento di allontanamento relativo delle due parti del Tempio in direzione nord-sud, dovuto al movimento franoso del terreno. Lesione 244 Si tratta di una lesione localizzata alla destra del primo triglifo da sinistra, del fregio di facciata. La lesione, dal triglifo sale verso il cornicione e scende sulle due fasce che costituiscono la trabeazione, per una lunghezza di 177 cm. 119

11 QUADRO FESSURATIVO: BRACCIO SINISTRO DEL PROSPETTO OVEST rilievo effettuato il 01 Luglio 2004 e il 21 Luglio 2004 Generalità: La maggior parte delle lesioni di questo braccio sono localizzate o sulle paraste d angolo o in prossimità di queste, quindi risultano nella zona di influenza del pilastro angolare (vedi tavola del rilievo 1:1) sul quale è stata svolta una indagine approfondita vista la situazione piuttosto compromessa in cui versa. Alcune lesioni sembrerebbero il segno evidente del movimento franoso del terreno verso valle. Lesione 246 Si tratta di una lesione posta alla base della parasta d angolo, che ha uno spessore di circa 2 mm, e presenta al ventre una perdita di materiale. 120

12 Lesione 247 La lesione, collocata sulla parasta d angolo ad un altezza dal basamento di 250 cm circa, ha una lunghezza di 50 cm e uno spessore al ventre di 2 mm. Lesione 248 La lesione collocata sulla parasta d angolo ad un altezza dal basamento di 400 cm circa, ha una lunghezza di 50 cm e uno spessore al ventre di 5 mm. Sullo spigolo in basso è possibile notare una zona a rischio di distacco. 121

13 Lesione 249 La lesione collocata sulla parasta d angolo ad un altezza dal basamento di 240 cm, ha una lunghezza di 30 cm. Lesione 291 La lesione, collocata subito sopra il basamento, sulla sinistra del prospetto, è lunga 20 cm, ed è inclinata verso destra. 122

14 Lesioni 292, 293, 294, 295, 296, 297 Si tratta di una serie di lesioni in una zona prossima al pilastro angolare Le lesioni hanno tutte uno spessore valutabile intorno al millimetro e quasi tutte una inclinazione verso destra, quindi verso il pilastro. Sarebbe da valutare la zona anche rispetto alla totalità del tempio e capire se il movimento che denuncia sia in progress. Lesione 298 Si tratta di una serie di giunti aperti (con andamento a scaletta) e di alcune discontinuità che interessa tutta la lunghezza del braccio vicina alla parasta sinistra. La zona deve essere studiata anche in relazione alla lesione 299 di natura simile ma posta all estremo opposto. Entrambe sembrerebbero il segno del movimento di cedimento del terreno verso valle che andrebbe valutato con attenzione. 123

15 Lesione 299 Si tratta di una serie di giunti aperti (con andamento a scaletta) e di alcune discontinuità che interessa tutta la lunghezza del braccio vicina alla parasta destra; quindi questa localizzazione sottrae la zona all interessamento della facciata ponendola invece, più coerentemente, nella zona d interesse del pilastro. La zona deve essere studiata anche in relazione alla lesione 298 di natura simile ma posta all estremo opposto che denuncerebbe il movimento del terreno verso valle. 124

16 QUADRO FESSURATIVO: BRACCIO DESTRO DEL PROSPETTO OVEST rilievo effettuato il 24 LUGLIO 2004 Le lesioni di questo quadrante dell edificio sono localizzate prevalentemente nella parte centrale e in prossimità del pilastro angolare. Lesione 100 La lesione, che ha una lunghezza di 35 cm, è limitata al singolo elemento lapideo e non c è ad una prima analisi nessun interessamento delle parti circostanti. Sono evidenti i segni recenti di stuccatura dei giunti e di una lacuna da cui parte la discontinuità. 125

17 Lesione 101 La lesione, che ha una lunghezza di 35 cm, è limitata al singolo elemento lapideo e non c è ad una prima analisi nessun interessamento delle parti circostanti. Lesione 102 La lesione, che ha una lunghezza di 25 cm, è limitata al singolo elemento lapideo e non c è ad una prima analisi nessun interessamento delle parti circostanti. Sono evidenti i segni recenti di stuccatura di piccole lacune del rivestimento. 126

18 Lesione 103 La lesione lunga 15 cm, è collocata subito sopra il basamento e prossima alla parasta d angolo.ad una prima analisi vista la limitatezza del fenomeno non sembra essere necessario alcun intervento. Lesione 106 La lesione interessa l intradosso della parasta d angolo. Si tratta di una lesione composta di due rami che interessano due elementi lapidei per una lunghezza totale di 65 cm. Lo spessore è valutabile intorno ai 2 mm. 127

19 Lesione 122 La lesione lunga circa 30 cm, interessa una singola pietra. Il fenomeno potrebbe apparire limitato, ma la lesione è collocata in una zona prossima all angolo dove vi sono concentrate una decina di lesioni (lesioni , 130,149,150,151). Per cui sarà necessaria una valutazione attenta della zona in questione. Lesione 123 La lesione, collocata a 50 cm dalla 122, ha una lunghezza di 20 cm e sono evidenti segni di stuccatura della lesione e di una integrazione sopra di essa. La valutazione dovrà essere fatta in relazione alle altre lesioni presenti nella stessa zona. 128

20 Lesione 124 La lesione, collocata 60 cm più in basso della lesione 123, è lunga 25 cm e ha uno spessore valutabile intorno al millimetro. Lesione 125 Lesione 126 Le lesioni, collocate vicino alla 123, hanno entrambe una lunghezza di 15 cm e si notano in basso segni di stuccature e integrazioni recenti. 129

21 Lesione 127 La lesione, lunga circa 20 cm, presenta i segni di stuccature proprio nella zona del ventre della lesione. Lesione 128 La zona denuncia segni di stuccatura intorno alla lacuna.una discontinuità sembrerebbe attraversare la lacuna stessa. 130

22 Lesione 130 La lesione, lunga 15 cm, ha uno spessore valutabile intorno al millimetro. Sono evidenti segni di stuccature recenti intorno alla lesione. Lesione 132 Lesione 133 Si tratta di due lesioni vicine poste sulle paraste d angolo. La 132 risulta avere uno spessore maggiore, intorno ai 2 mm. 131

23 Lesione 148 Si tratta ancora di una lesione di 20 cm circa vicina a zone di risarcitura dei giunti. La discontinuità è limitata ad una singola pietra. Lesione 149 La lesione, collocata a 30 cm dalla lesione 127 (quindi alla zona soggetta ad una concentrazione di dieci lesioni), ha una lunghezza di 35 cm, uno spessore valutabile intorno al millimetro. La lesione, apparentemente limitata, deve essere valutata in rapporto alle altre lesioni vicine. 132

24 Lesione 150 Si tratta di una lesione composta di due rami con lunghezza totale di 40 cm circa. La lesione, apparentemente limitata, deve essere valutata in rapporto alle altre lesioni vicine. Lesione 151 La lesione risulta risarcita nella parte superiore, mentre nella parte inferiore si notano due lesioni di 10 cm di lunghezza. La lesione, apparentemente limitata, deve essere valutata in rapporto alle altre lesioni vicine. 133

25 Lesione 156 La lesione interessa l angolo inferiore destro del primo triglifo da sinistra dell ordine superiore e la fascia sottostante della trabeazione. La discontinuità, che appare risarcita, ha una lunghezza di 65 cm circa e uno spessore medio di 5 mm. 134

26 135

CAPITOLO TERZO IL RILIEVO DEL QUADRO FESSURATIVO 3.1 INTRODUZIONE

CAPITOLO TERZO IL RILIEVO DEL QUADRO FESSURATIVO 3.1 INTRODUZIONE CAPITOLO TERZO IL RILIEVO DEL QUADRO FESSURATIVO 3.1 INTRODUZIONE Alla data attuale sono stati eseguiti sulla base del rilievo architettonico del 2004 eseguito da Jacopo Meloni e approfittando dei ponteggi

Dettagli

21) FLAVIO ANDO (chalet)

21) FLAVIO ANDO (chalet) 21) FLAVIO ANDO (chalet) QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7 Clima acustico

Dettagli

27) Calambrone Ospedale

27) Calambrone Ospedale 27) Calambrone Ospedale QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione... 2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione... 5 Clima acustico

Dettagli

UTOE 30 Putignano Via Ximenes - servizi

UTOE 30 Putignano Via Ximenes - servizi UTOE 30 Putignano Via Ximenes - servizi QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Localizzazione, descrizione dell area... 2 Pericolosità idraulica... 5 Clima acustico e piano comunale di classificazione acustica...

Dettagli

PROGRAMMA/ORDINE DELLE DEMOLIZIONI (Art. 151 del Testo Unico della sicurezza D.Lgs 81/08) E DICHIARAZIONE DI IDONEITA STATICA

PROGRAMMA/ORDINE DELLE DEMOLIZIONI (Art. 151 del Testo Unico della sicurezza D.Lgs 81/08) E DICHIARAZIONE DI IDONEITA STATICA PROGRAMMA/ORDINE DELLE DEMOLIZIONI (Art. 151 del Testo Unico della sicurezza D.Lgs 81/08) E DICHIARAZIONE DI IDONEITA STATICA DESCRIZIONE DELL AREA DI CANTIERE Il cantiere confina con le seguenti vie:

Dettagli

INTERVENTI RELATIVI ALLA RISOLUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

INTERVENTI RELATIVI ALLA RISOLUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO Piano Regolatore dell Illuminazione Comunale comune di BORGOSATOLLO Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004. Area ricadente sotto l osservatorio astronomico Civica Specola

Dettagli

AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CUSAGO SETTORE EDILIZIA

AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CUSAGO SETTORE EDILIZIA AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CUSAGO SETTORE EDILIZIA OGGETTO: Integrazione Relazione Tecnica Edilizia Libera Cusago (MI), Via Cisliano 4-10. Piano di Recupero Ristrutturazione e Risanamento Conservativo

Dettagli

SCHEDA 4A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO SAME MINITAURO

SCHEDA 4A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO SAME MINITAURO SCHEDA 4A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO SAME MINITAURO Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista: dalla convenzione stipulata

Dettagli

CHIOSTRO CAPITOLARE INDAGINI PRELIMINARI

CHIOSTRO CAPITOLARE INDAGINI PRELIMINARI CHIOSTRO CAPITOLARE INDAGINI PRELIMINARI I resti dell archeggiatura del lato orientale del chiostro, ancora imprigionati in un muro di recinzione, in una foto dei primi del Novecento. L area del chiostro,

Dettagli

I FLOATING PIERS evento straordinario Giugno 2016

I FLOATING PIERS evento straordinario Giugno 2016 I FLOATING PIERS evento straordinario Giugno 2016 I Floating Piers, Progetto per il Lago d Iseo, Italia Dal 2014 Dal 18 giugno al 3 luglio 2016, tempo permettendo, il Lago d'iseo d Italia sarà ripensato.

Dettagli

E2b. E2b. E2b. E2b. E2b. E2b. E2c. E2b. E2b. E2b. E2c. E2b. E1 E2c. E2b. E2c. E2b. E2b 1:1.000

E2b. E2b. E2b. E2b. E2b. E2b. E2c. E2b. E2b. E2b. E2c. E2b. E1 E2c. E2b. E2c. E2b. E2b 1:1.000 F2 F2 F2 E4 B2 A1 E2c B2 A1 E1 E2c E2c E1 E2c 1:1.000 34 33 35 36 31 37 32 30 29 28 15 27 38 39 40 14 26 24 23 25 21 22 3 15 1 16 1:1.000 4 2 ZONA di PRGC: FABBRICATO n 14 XX MAPPALE N 247 Edificio tipo

Dettagli

REGOLE DI BASE DEL GIOCO DEGLI SCACCHI

REGOLE DI BASE DEL GIOCO DEGLI SCACCHI REGOLE DI BASE DEL GIOCO DEGLI SCACCHI Queste sono le regole di base del gioco degli scacchi. Per giocare nei tornei occorre seguire anche altre regole comportamentali ed agonistiche. Il regolamento completo

Dettagli

Toscana Grandiosa Villa storica con parco in vendita vicino Firenze Toscana vendita ville storiche

Toscana Grandiosa Villa storica con parco in vendita vicino Firenze Toscana vendita ville storiche Ville@Casali Real Estate s.r.l. Telefono: 800 984 481 Email: info@villeecasalinetwork.com Toscana Grandiosa Villa storica con parco in vendita vicino Firenze Toscana vendita ville storiche Firenze, IT

Dettagli

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si PROBLEMA Determinare il punto simmetrico di P( ;) rispetto alla retta x y =0 Soluzione Il simmetrico di P rispetto ad una retta r è il punto P che appartiene alla retta passante per P, perpendicolare ad

Dettagli

RAPPORTO DEI DANNI SUBITI DAGLI EDIFICI A SEGUITO DELL EVENTO SISMICO DEL 6 APRILE 2009 ORE 1.32 (UTC) AQUILANO

RAPPORTO DEI DANNI SUBITI DAGLI EDIFICI A SEGUITO DELL EVENTO SISMICO DEL 6 APRILE 2009 ORE 1.32 (UTC) AQUILANO Citare come: G.M. Verderame, I. Iervolino, P. Ricci (2009), Rapporto dei danni subiti dagli edifici a seguito dell evento sismico del 6 aprile 2009 V1.00, disponibile su http://www.reluis.it. RAPPORTO

Dettagli

Muratura armata. Norme Tecniche per le Costruzioni (Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14/01/2008)

Muratura armata. Norme Tecniche per le Costruzioni (Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14/01/2008) Muratura armata Norme Tecniche per le Costruzioni (Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14/01/2008) Circolare del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (Circolare n. 617 del

Dettagli

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Caso 13 Stima della tabella millesimale di proprietà in un condominio di 4 piani con appartamenti e negozi nella periferia di Torino 1. Descrizione del fabbricato... 2

Dettagli

Ampliamento SP 33 - Ponte di Novacella

Ampliamento SP 33 - Ponte di Novacella Eisackstr. 1 01 Le nostre prestazioni Progettazione Statica Direzione Lavori e contabilità Sicurezza Provincia Autonoma di Bolzano Dipartimento ai Lavori Pubblici Ripartizione Infrastrutture Periodo d

Dettagli

CINQUE MINUTI AL CIMITERO

CINQUE MINUTI AL CIMITERO CINQUE MINUTI AL CIMITERO a cura di Luigi Lattuchella, Susanna Barboni, Servizio Pre.S.A.L. della Asl TO5 Che cosa è successo Un dipendente di un impresa funebre, durante l effettuazione di rilievi tecnici

Dettagli

linea trasparenza linea trasparenza

linea trasparenza linea trasparenza linea trasparenza Pareti divisorie fisse realizzate completamente in ACCIAIO INOX lucido o satinato e cristallo temperato 8 mm trasparente (disponibiltà cristalli colorati, acidati e riflettenti > Pag.

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 21 aprile 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 21 aprile 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 21 aprile 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area Centro

Dettagli

22 gennaio 2014 TOPOGRAFIA e ORIENTAMENTO

22 gennaio 2014 TOPOGRAFIA e ORIENTAMENTO 22 gennaio 2014 TOPOGRAFIA e ORIENTAMENTO Per chi non sa dove andare qualunque strada é quella giusta! Topografia: Scienza della rappresentazione del territorio al fine di consentire l esatta individuazione

Dettagli

ALLEGATO C Modello per la valutazione della vulnerabilità sismica delle chiese

ALLEGATO C Modello per la valutazione della vulnerabilità sismica delle chiese ALLEGATO C Modello per la valutazione della vulnerabilità sismica delle chiese La metodologia considera 28 meccanismi di danno, elencati nel seguito, associati ai diversi macroelementi che possono essere

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Motori diesel 4T Interfacce con il sistema nave Ogni motore installato a bordo ha sostanzialmente quattro tipologie di interfacce con la nave, precisamente: Trasmissione potenza: collegamento meccanico

Dettagli

prof.a.battistelli PROIEZIONI ORTOGONALI

prof.a.battistelli PROIEZIONI ORTOGONALI PROIEZIONI ORTOGONALI PROIEZIONI ORTOGONALI È il disegno delle viste, da davanti, da sopra e di fianco di un oggetto tridimensionale disegnate in un foglio bidimensionale. Trasformiamoci in designer Per

Dettagli

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI Roma e provincia nel 2014 Indice I numeri più significativi... 2 Le conseguenze della Crisi economica... 3 Il contesto nazionale... 3 I numeri di Roma: la condizione occupazionale...

Dettagli

2,+!!+ * RELAZIONE TECNICA

2,+!!+ * RELAZIONE TECNICA !"# $%&%' "##"()&%"*+" #!,+!*-"- $./0' *1#&%"!+*" # 2,+!!+ * $%30' -"!-()&%+-"! 2 4%3&03/%%56%0 $&%7' 11# &%+!+-+" RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto dei lavori di manutenzione straordinaria della copertura

Dettagli

PROIEZIONI ASSONOMETRICHE

PROIEZIONI ASSONOMETRICHE 1 ci permettono di disegnare un solido, che ha 3 dimensioni, su un foglio che ha 2 dimensioni PROIEZIONI ORTOGONALI PROIEZIONI ASSONOMETRICHE PROIEZIONI PROSPETTICHE Libro consigliato: Disegno Laboratorio

Dettagli

DISEGNO E RAPPRESENTAZIONE

DISEGNO E RAPPRESENTAZIONE 29. Osservando la sezione longitudinale dell Auditorium di Ibirapuera costruito da Oscar Niemeyer a San Paolo nel 2005, qual è la corretta disposizione dei piani verticali per ottenere le sezioni trasversali

Dettagli

Riparazione del circuito Side Tone sul Kenwood TS-850S

Riparazione del circuito Side Tone sul Kenwood TS-850S Riparazione del circuito Side Tone sul Kenwood TS-850S di Roberto IS0GRB Questa e una di quelle riparazioni non semplici e lunghe a causa dei molteplici difetti rilevati. Mi e capitato in riparazione un

Dettagli

Come costruire una meridiana equatoriale

Come costruire una meridiana equatoriale Pagina 1 di 5 Come costruire una meridiana equatoriale La meridiana equatoriale è l'orologio solare più semplice da costruire. Per capire come funziona, supponiamo che la Terra sia disposta in modo che

Dettagli

Punti nel piano cartesiano

Punti nel piano cartesiano Punti nel piano cartesiano In un piano consideriamo due rette perpendicolari che chiamiamo x e. Solitamente, disegniamo la retta x (ascisse) orizzontalmente e orientata da sinistra a destra, la retta e

Dettagli

ESERCITAZIONI FISICA PER FARMACIA A.A. 2012/2013 ELETTROMAGNETISMO - OTTICA

ESERCITAZIONI FISICA PER FARMACIA A.A. 2012/2013 ELETTROMAGNETISMO - OTTICA ESERCITAZIONI FISICA PER FARMACIA A.A. 2012/2013 ELETTROMAGNETISMO - OTTICA Esercizio 1 Due cariche q 1 e q 2 sono sull asse x, una nell origine e l altra nel punto x = 1 m. Si trovi il campo elettrico

Dettagli

UGELLI PRESSA CON OTTURATORE

UGELLI PRESSA CON OTTURATORE UGELLI PRESSA CON OTTURATORE Tipo P Attuatore a pistone Tipo M Attuatore a molla SCHEDA TECNICA FEPA Srl via Monsagnasco 1B 10090 Villarbasse (TO) Tel.: +39 011 952.84.72 Fax: +39 011 952.048 info@fepa.it

Dettagli

APPARTAMENTO 5 VANI IN VENDITA A PISA - tra Media World e Viale delle Piagge

APPARTAMENTO 5 VANI IN VENDITA A PISA - tra Media World e Viale delle Piagge APPARTAMENTO 5 VANI IN VENDITA A PISA - tra Media World e Viale delle Piagge Privato vende bellissimo appartamento 5 vani, 2 bagni, molto luminoso perfettamente ristrutturato con parquet in tutte le stanze,

Dettagli

Restauro a cura della. Dott.ssa Maria Savino

Restauro a cura della. Dott.ssa Maria Savino Restauro a cura della Dott.ssa Maria Savino Quadro situato nell atrio superiore della Casa Comunale STATO DI CONSERVAZIONE Il murales si presentava in buono stato, essendo situato all'interno del comune

Dettagli

Valutazione efficacia della terapia con campi magneto-elettrici ultradeboli ODONTOIATRIA. Risultati definitivi Marzo 2014

Valutazione efficacia della terapia con campi magneto-elettrici ultradeboli ODONTOIATRIA. Risultati definitivi Marzo 2014 Valutazione efficacia della terapia con campi magneto-elettrici ultradeboli ODONTOIATRIA Risultati definitivi Marzo 2014 1. Analisi descrittive sul campione Il campione è composto da 20 partecipanti, con

Dettagli

Ispezione Termografica presso Residenza Lo Presti Via Arch. Broglio 24 Treviolo (BG)

Ispezione Termografica presso Residenza Lo Presti Via Arch. Broglio 24 Treviolo (BG) Ispezione Termografica presso Residenza Lo Presti Via Arch. Broglio 24 Treviolo (BG) in data 07/03/2008 eseguita da: Ing. Mirko Berizzi Ufficio Tecnico Vanoncini Spa Foto dell Edificio (Fronte Sud) Report

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE, CONSOLIDAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO EDIFICIO ANNESSO AGLI IMPIANTI SPORTIVI - PROGETTO ESECUTIVO -

INTERVENTO DI RIPARAZIONE, CONSOLIDAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO EDIFICIO ANNESSO AGLI IMPIANTI SPORTIVI - PROGETTO ESECUTIVO - Comune di Bagnolo di Po Provincia di Rovigo INTERVENTO DI RIPARAZIONE, CONSOLIDAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO EDIFICIO ANNESSO AGLI IMPIANTI SPORTIVI - PROGETTO ESECUTIVO - Committente: "COMUNE BAGNOLO

Dettagli

QUOTATURA. Affinché un qualsiasi oggetto disegnato possa essere esattamente realizzato deve essere perfettamente individuato in forma e dimensioni

QUOTATURA. Affinché un qualsiasi oggetto disegnato possa essere esattamente realizzato deve essere perfettamente individuato in forma e dimensioni QUOTATURA Affinché un qualsiasi oggetto disegnato possa essere esattamente realizzato deve essere perfettamente individuato in forma e dimensioni Il disegno di un oggetto è quindi completo se descrive

Dettagli

ESEMPIO DI CALCOLO DELL INVOLUCRO SOLARE

ESEMPIO DI CALCOLO DELL INVOLUCRO SOLARE ESEMPIO DI CALCOLO DELL INVOLUCRO SOLARE 1 Suggerimenti sul calcolo dell involucro solare Nel calcolo della distanza reciproca che dovranno mantenere i nuovi è consigliato e valutato nelle Linee Guida

Dettagli

Collettore complanare Collettore complanare con coibentazione preformata

Collettore complanare Collettore complanare con coibentazione preformata CALEFFI www.caleffi.com Collettore complanare Collettore complanare con coibentazione preformata 38537 Serie 356 Funzione I collettori complanari sono tipicamente utilizzati per la distribuzione del fluido

Dettagli

3. Segni della funzione (positività e negatività)

3. Segni della funzione (positività e negatività) . Segni della funzione (positività e negatività) Questo punto, qualora sia possibile algebricamente, ci permette di stabilire il segno che assume la variabile dipendente y (che esprime il valore della

Dettagli

Cabine Primarie. Università di Bologna Facoltà di Economia Corso CLEMST. Cabine Secondarie

Cabine Primarie. Università di Bologna Facoltà di Economia Corso CLEMST. Cabine Secondarie Cabine Primarie Università di Bologna Facoltà di Economia Corso CLEMST Cabine Secondarie Campo elettrico prodotto da una linea elettrica E costante nel tempo in quanto la tensione generalmente non varia

Dettagli

Via Giorgio e Guido Paglia, n BERGAMO Tel Fax REL.

Via Giorgio e Guido Paglia, n BERGAMO   Tel Fax REL. EUROGEO s.n.c. Via Giorgio e Guido Paglia, n 21 24122 BERGAMO e-mail: bergamo@eurogeo.net Tel. +39 035 248689 Fax +39 035 271216 REL. 01-16/11/2015 Provincia di Bergamo ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

INDICE. Premessa. Studio Geoelettrico. Misure di resistività. Interazioni Elettriche. Planimetrie e foto punti di rilievo.

INDICE. Premessa. Studio Geoelettrico. Misure di resistività. Interazioni Elettriche. Planimetrie e foto punti di rilievo. INDICE I II III IV V Premessa Studio Geoelettrico Misure di resistività Interazioni Elettriche Planimetrie e foto punti di rilievo I Premessa In relazione ai lavori in oggetto, è stato effettuato un sopralluogo

Dettagli

La pianta 1. Rilievo Le regole della rappresentazione grafica Geometria descrittiva rappresentare un oggetto su un piano bidimensionale Concetti base proiezione e sezione Tipologia delle rappresentazioni

Dettagli

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche

Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Progetto Laboratori Lauree Scientifiche Laboratorio sulle funzioni trigonometriche Le ore di insolazione giornaliera in funzione della latitudine Bozza di progetto Nel seguito verrà presentata la descrizione

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL DANNO DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RAFFORZAMENTO LOCALE... 11

1. DESCRIZIONE DEL DANNO DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RAFFORZAMENTO LOCALE... 11 INDICE 1. DESCRIZIONE DEL DANNO... 2 2. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RAFFORZAMENTO LOCALE... 11 1 1. DESCRIZIONE DEL DANNO A seguito degli eventi sismici del maggio 2012 il cimitero di Carpi ha riportato:

Dettagli

RAPPORTO PRELIMINARE SULLE PRESTAZIONI ED I DANNEGGIAMENTI AGLI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE MODERNI A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI EMILIANI DEL 2012

RAPPORTO PRELIMINARE SULLE PRESTAZIONI ED I DANNEGGIAMENTI AGLI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE MODERNI A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI EMILIANI DEL 2012 Sezione Strutture in muratura Masonry Structures Section masonry@eucentre.it RAPPORTO PRELIMINARE SULLE PRESTAZIONI ED I DANNEGGIAMENTI AGLI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE MODERNI A SEGUITO DEGLI EVENTI

Dettagli

LA SALDATURA. 2. La rappresentazione schematica comprende un segno grafico elementare, che può essere completato da:

LA SALDATURA. 2. La rappresentazione schematica comprende un segno grafico elementare, che può essere completato da: Normativa di riferimento La norma che stabilisce le regole da applicare per la rappresentazione schematica sui disegni dei giunti saldati è la UNI EN 22553: 1997. La normativa stessa accetta che i giunti

Dettagli

AMBITO DELL'INTERVENTO

AMBITO DELL'INTERVENTO RELAZIONE TECNICA PREMESSA La presente relazione vuole evidenziare alcuni interventi a favore della sicurezza stradale da adottarsi nell ambito urbano dell abitato della Frazione di Santa Croce del Comune

Dettagli

VISTA la l.r. 2/2008 che all articolo 5, comma 2 definisce le seguenti tipologie di strutture ricettive alberghiere:

VISTA la l.r. 2/2008 che all articolo 5, comma 2 definisce le seguenti tipologie di strutture ricettive alberghiere: Decreto n. 2160 del 03/08/2010 VISTA la legge regionale 7 febbraio 2008, n.2 Testo unico in materia di strutture turistico-ricettive e balneari ed in particolare l articolo 39, comma 1 che prescrive l

Dettagli

ANALISI ATTIVITA SOLARE DAL 2008 AL 2013

ANALISI ATTIVITA SOLARE DAL 2008 AL 2013 ANALISI ATTIVITA SOLARE DAL 2008 AL 2013 Di seguito trovate un analisi dei dati raccolti dal 2008 ad oggi (Dicembre 2013), in tutti questi anni ho visto crescere l attività solare e ho raccolto molta esperienza

Dettagli

Portoni sezionali per garage

Portoni sezionali per garage Portoni sezionali per garage Schede tecniche: aggiornate al 1.6.2008 Indice Indice Pag. LTE 0, con grecatura S, Woodgrain effetto legno 3 LTE 0, con grecatura M, Woodgrain effetto legno LTE 0, a cassettoni

Dettagli

Composizione del villaggio

Composizione del villaggio Composizione del villaggio CAP.21 CAPITOLO 21 Comincia ora li lavoro che da più soddisfazioni ma allo stesso tempo è il più pericoloso. Appena notate eccessivi rallentamenti nel vostro calcolatore dovete

Dettagli

Il sistema di sigillatura "ISOLBLOCK" nelle murature refrattarie di sicurezza

Il sistema di sigillatura ISOLBLOCK nelle murature refrattarie di sicurezza Il sistema di sigillatura "ISOLBLOCK" nelle murature refrattarie di sicurezza La società REFRASUD, nel campo delle esperienze maturate sui rivestimenti per siviere acciaio, ha formulato una particolare

Dettagli

Quadro riassuntivo di geometria analitica

Quadro riassuntivo di geometria analitica Quadro riassuntivo di geometria analitica IL PIANO CARTESIANO (detta ascissa o coordinata x) e y quella dall'asse x (detta ordinata o coordinata y). Le coordinate di un punto P sono: entrambe positive

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO MULTIMEDIALE DEI CAPITANI DI VENTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO MULTIMEDIALE DEI CAPITANI DI VENTURA INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco del Tevere MUSEO MULTIMEDIALE DEI CAPITANI DI VENTURA Il Museo è situato nel centro storico di Alviano all interno del castello; gli spazi di servizio e l allestimento

Dettagli

Le arti figurative: pittura e fotografia

Le arti figurative: pittura e fotografia Le arti figurative: pittura e fotografia a cura di:angeli Alice, Barotti Lara, Turato Sara Singolare esempio di casa-fienile, caratterizzato da 13 arcate a tutto sesto ritmate da parete. Lo stato dell

Dettagli

1. ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA

1. ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA 1. ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA Al fine di valutare il comportamento acustico della facciata è stata analizzata la situazione tipica, come indicato nel prospetto sottostante (prospetto AN_20_5N1, pianta

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 0 AL 2012 L Istat ha recentemente pubblicato i dati relativi alla rilevazione delle separazioni e dei divorzi condotta nel 2012 presso le cancellerie

Dettagli

PROVA ESEGUITA DA: Ing. Roberto Grasso Uff. Consulenza Tecnica INDEX spa CLIENTE:

PROVA ESEGUITA DA: Ing. Roberto Grasso Uff. Consulenza Tecnica INDEX spa CLIENTE: Ufficio Consulenza Tecnica RAPPORTO DI PROVA DATA DEL RILIEVO FONOMETRICO: 14 Marzo 2012 OGGETTO: Collaudo solaio San Giuseppe di Cassola PD PROVA ESEGUITA DA: Ing. Roberto Grasso Uff. Consulenza Tecnica

Dettagli

L illuminamento medio in esercizio risulta pari a 500 lux. Determinare :

L illuminamento medio in esercizio risulta pari a 500 lux. Determinare : 1)Un sala di lettura, di pianta rettangolare 10 x 5 metri, è illuminata con plafoniere dotate di due lampade fluorescenti tubolari, di potenza 36 W ciascuna e flusso luminoso 2800 lm. Le dimensioni dell

Dettagli

Esercizi sulla conversione tra unità di misura

Esercizi sulla conversione tra unità di misura Esercizi sulla conversione tra unità di misura Autore: Enrico Campanelli Prima stesura: Settembre 2013 Ultima revisione: Settembre 2013 Per segnalare errori o per osservazioni e suggerimenti di qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI SEDRINA DAMIANI - 1 Provincia di Bergamo

COMUNE DI SEDRINA DAMIANI - 1 Provincia di Bergamo COMUNE DI SEDRINA DAMIANI - 1 Provincia di Bergamo IDENTIFICAZIONE Ubicazione: via Sedrina Descrizione elementi tipologici generali N civico: blocco di schiera ortogonale alla viabilità antica Datazione

Dettagli

Le imprese nei mercati concorrenziali

Le imprese nei mercati concorrenziali Le imprese nei mercati concorrenziali Le decisioni di prezzo e di produzione delle imprese sono influenzate dalla forma di mercato. Un caso estremo di mercato è quello della concorrenza perfetta. Tre condizioni:

Dettagli

Comune di Villasimius Provincia di Cagliari

Comune di Villasimius Provincia di Cagliari Comune di Villasimius Provincia di Cagliari INTERVENTI DI RICONVERSIONE AD IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO DI QUALITA' DELL'IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI IN LOC. ZIMMIONI PROGETTO PRELIMINARE ELABORATO

Dettagli

ACCESSORI PER CAPPOTTO

ACCESSORI PER CAPPOTTO SCHEDA TECNICA - TECHNISCHES MERKBLATT ACCESSORI PER CAPPOTTO Rev. 3 Apr. 2011 PROFILO CW Descrizione: profilo di base preverniciato con gocciolatoio, impiegato come base di partenza nella posa di pannelli

Dettagli

Art. 72 Altezza dell'edificio

Art. 72 Altezza dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

COMPARATORE 1/100 COMPARATORE GRADUATO

COMPARATORE 1/100 COMPARATORE GRADUATO COMPARATORE 1/100 CLASSIFICAZIONE DELLO STRUMENTO: COMPARATORE GRADUATO Avente una approssimazione di 0,01 mm ESIGENZE DI VERIFICA: E utilizzato per il controllo di errori di forma dei pezzi e per misurazioni

Dettagli

RIDUZIONE DELLE DISTANZE

RIDUZIONE DELLE DISTANZE RIDUZIONE DELLE DISTANZE Il problema della riduzione delle distanze ad una determinata superficie di riferimento va analizzato nei suoi diversi aspetti in quanto, in relazione allo scopo della misura,

Dettagli

GEM AdB-ER Laboratori. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA Provincia di PISA

GEM AdB-ER Laboratori. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA Provincia di PISA GEM AdB-ER Laboratori COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA Provincia di PISA Area Territorio Servizi Tecnologici - Ambiente - Ecologia VALUTAZIONI E PROPOSTE PER LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

I N D I C E 1. GENERALITÀ Galleria IGA Galleria IGA RIFERIMENTI NORMATIVI 4 3. DATI DI BASE PER IL CALCOLO ILLUMINOTECNICO 5

I N D I C E 1. GENERALITÀ Galleria IGA Galleria IGA RIFERIMENTI NORMATIVI 4 3. DATI DI BASE PER IL CALCOLO ILLUMINOTECNICO 5 I N D I C E 1. GENERALITÀ 2 1.1 Galleria IGA01 2 1.2 Galleria IGA02 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI 4 3. DATI DI BASE PER IL CALCOLO ILLUMINOTECNICO 5 4. MODALITÀ DI CALCOLO 6 4.1 Caratteristiche generali 6

Dettagli

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI RILIEVO DI FACCIATA Per eseguire il rilievo della facciata di un edificio è necessario individuarne i rapporti proporzionali: Individuazione delle parti; individuazione delle matrici geometriche; individuazione

Dettagli

Palificata viva spondale Roma sec. Cornelini 26

Palificata viva spondale Roma sec. Cornelini 26 Palificata viva spondale Roma sec. Cornelini 26 SINONIMI Descrizione sintetica Struttura in legname tondo costituita da un incastellatura di tronchi a formare camere nelle quali vengono inserite fascine

Dettagli

Variante al P.R.G. di Besenello: Novembre 2005

Variante al P.R.G. di Besenello: Novembre 2005 COMUNE DI BESENELLO PROVINCIA DI TRENTO Variante al P.R.G. di Besenello: NORME DI ATTUAZIONE AL P.R.G. MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI progettista ing. Giorgio Rasera Il progetto di

Dettagli

Relazione di sopralluogo per la verifica speditiva delle condizioni geo-idrologiche dei siti di interesse

Relazione di sopralluogo per la verifica speditiva delle condizioni geo-idrologiche dei siti di interesse Report attività ISPRA del 03 Settembre 2016 Relazione di sopralluogo per la verifica speditiva delle condizioni geo-idrologiche dei siti di interesse 1. Anagrafica sopralluogo Denominazione sito: Comune

Dettagli

quindi, applicando la legge di annullamento del prodotto, si ottiene l insieme delle soluzioni: x x da cui:

quindi, applicando la legge di annullamento del prodotto, si ottiene l insieme delle soluzioni: x x da cui: ) Risolvi le seguenti equazioni e scrivi le soluzioni reali in ordine crescente, indicando se sono multiple e quante sono le eventuali soluzioni non reali: ( ) ( ) per risolvere questa equazione si applica

Dettagli

RELAZIONE PRELIMINARE SULLA SICUREZZA IN MERITO ALL ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

RELAZIONE PRELIMINARE SULLA SICUREZZA IN MERITO ALL ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE RELAZIONE PRELIMINARE SULLA SICUREZZA IN MERITO ALL ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Introduzione I lavori previsti e descritti dal progetto preliminare di cui questa relazione fa parte, saranno da ricondursi

Dettagli

Nuovi Orizzonti. Materia, avanguardia, tecnica nel totale rispetto della natura

Nuovi Orizzonti. Materia, avanguardia, tecnica nel totale rispetto della natura Una gamma dedicata a chi desidera arredare il proprio giardino con una particolare cura. La natura, ancora una volta, dona la sua essenza proiettando eleganza e stile nella scenografia in cui sono collocati

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di Napoli. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici. Provincia di Napoli

RELAZIONE TECNICA. Comune di Napoli. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici. Provincia di Napoli Comune di Napoli Provincia di Napoli RELAZIONE TECNICA Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici OGGETTO: PARTE D OPERA: PROGETTISTA: COMMITTENTE: Ristrutturazione villetta a due

Dettagli

Comune di Piacenza- via S. Vincenzo - Ex scuola S. Vincenzo Saggi stratigrafici

Comune di Piacenza- via S. Vincenzo - Ex scuola S. Vincenzo Saggi stratigrafici Alessandra D Elia Via G. Verdi, 13-29100 Piacenza Tel. & fax 0523384408 tel. cell. 3355877103 e. mail deliarestauri@yahoo.it pec alessandradelia@pec.laapc.it P.iva 01123600338 - C.F. DLELSN66L60F205O N.

Dettagli

F.O.M.E.T. S.p.A. PROGETTO DI MODIFICA DELL'IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI ORGANICI AUTORIZZATO CON D.D.S.A. N. 3621/09 SCREENING V.I.A.

F.O.M.E.T. S.p.A. PROGETTO DI MODIFICA DELL'IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI ORGANICI AUTORIZZATO CON D.D.S.A. N. 3621/09 SCREENING V.I.A. Comune di S. PIETRO DI MORUBIO Provincia di VERONA Committente F.O.M.E.T. S.p.A. via Larga 25-37050 S.Pietro di Morubio - VR - Oggetto PROGETTO DI MODIFICA DELL'IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI ORGANICI

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO LE TRSFRINI GEETRICHE RELTÀ E DELLI SCHED DI LVR Il televisore La forma rettangolare di uno schermo televisivo è differente a seconda del rapporto tra la larghezza e l altezza. I televisori di vecchio

Dettagli

CICLABILI A PARIGI. (Dicembre 2010) La verità è che una città non deve essere pensata, ma sognata (Didier Tronchet)

CICLABILI A PARIGI. (Dicembre 2010) La verità è che una città non deve essere pensata, ma sognata (Didier Tronchet) CICLABILI A PARIGI (Dicembre 2010) La verità è che una città non deve essere pensata, ma sognata (Didier Tronchet) CICLABILI A PARIGI La sensazione più evidente che si ha a Parigi osservando l uso che

Dettagli

Regolamento Comunale del Verde 1

Regolamento Comunale del Verde 1 Regolamento Comunale del Verde 1 ALLEGATO A Metodo per la stima del valore ornamentale delle alberature secondo il metodo Svizzero riadattato dal Comune di Ravenna Il valore ornamentale di una alberatura

Dettagli

Griglia di presa aria esterna ALAS-F 125

Griglia di presa aria esterna ALAS-F 125 Griglia di presa aria esterna ALAS-F 125 Ferdinand Schad KG Steigstraße 25-27 D-78600 Kolbingen Telefon 07463-980-0 Telefax 07463-980-200 info@schako.de www.schako.de Sommario Descrizione...3 Fornitura...

Dettagli

Misure di spostamento e deformazione eseguite su pannelli sandwich durante prove di carico in flessione a quattro punti

Misure di spostamento e deformazione eseguite su pannelli sandwich durante prove di carico in flessione a quattro punti DISTART DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELLE STRUTTURE, DEI TRASPORTI, DELLE ACQUE, DEL RILEVAMENTO, DEL TERRITORIO LABORATORIO PROVE STRUTTURE Bologna, 1//3 Pos. 73/3 Misure di spostamento e deformazione

Dettagli

Magnete in caduta in un tubo metallico

Magnete in caduta in un tubo metallico Magnete in caduta in un tubo metallico Progetto Lauree Scientifiche 2009 Laboratorio di Fisica Dipartimento di Fisica Università di Genova in collaborazione con il Liceo Leonardo da Vinci Genova - 25 novembre

Dettagli

europlus-silentium EFFETTO SULLA TRASMISSIONE DEL RUMORE AL CALPESTIO PROGETTO DI RICERCA ALLESTIMENTO IN LABORATORIO

europlus-silentium EFFETTO SULLA TRASMISSIONE DEL RUMORE AL CALPESTIO PROGETTO DI RICERCA ALLESTIMENTO IN LABORATORIO EFFETTO SULLA TRASMISSIONE DEL RUMORE AL CALPESTIO Misure di rumore di calpestio su solaio laterocementizio in laboratorio secondo UNI EN ISO 140-6 Nel mese di maggio 2009 è iniziata la sperimentazione

Dettagli

Meccanismi per nestre a bilico Multi-Matic

Meccanismi per nestre a bilico Multi-Matic VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO BILICO SISTEMI PER BILICI Meccanismi per nestre a bilico Multi-Matic ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Legenda HBB Altezza Battente in Battuta LBB Larghezza Battente in Battuta DBB Diametro

Dettagli

Poliquadra. giochi di luce, volumi e trasparenze

Poliquadra. giochi di luce, volumi e trasparenze Poliquadra giochi di luce, volumi e trasparenze Massima leggerezza. I materiali utilizzati sono accuratamente scelti per essere leggeri e flessibili. Fastand è realizzato sfruttando le migliori tecnologie

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEL GIORNO 14 OTTOBRE 2014 REGISTRATO SUL BACINO DEL FIUME ALBEGNA

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEL GIORNO 14 OTTOBRE 2014 REGISTRATO SUL BACINO DEL FIUME ALBEGNA CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 03 del /09/01; Delibera G.R. n. 368 del 15/02/02 REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado

GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni), RF (Relazioni e funzioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere

Dettagli

STRUTTURA PREFABBRICATA

STRUTTURA PREFABBRICATA STRUTTURA PREFABBRICATA Fornitura e posa in opera di pilastri laterali in c.a.v. prefabbricati, adeguatamente armati, compresa la fornitura e assistenza alla posa di centratori di base. Sezione 60x60 e

Dettagli

Pinze Angolari 180 Serie CGSN

Pinze Angolari 180 Serie CGSN CATALOGO > 202 Pinze Angolari 80 Serie CGSN > Pinze Serie CGSN Magnetiche Taglie: ø 6, 20, 25, 32 mm»» Elevata flessibilità di installazione Dita di presa in acciaio resistenti alla corrosione» Ampia zona

Dettagli

Manuale di utilizzo dell applicativo web SIT PRG

Manuale di utilizzo dell applicativo web SIT PRG Manuale di utilizzo dell applicativo web SIT PRG L applicativo web SIT PRG permette di interrogare e visualizzare i dati del PRG. E possibile posizionarsi esattamente sul territorio se si conosce l indirizzo

Dettagli

DISEGNO PROSPETTICO CAPITOLO 1 METODI DI RAPPRESENTAZIONE PER IL DISEGNO TECNICO: QUADRO GENERALE PROIEZIONI ORTOGRAFICHE PROIEZIONI ASSONOMETRICHE

DISEGNO PROSPETTICO CAPITOLO 1 METODI DI RAPPRESENTAZIONE PER IL DISEGNO TECNICO: QUADRO GENERALE PROIEZIONI ORTOGRAFICHE PROIEZIONI ASSONOMETRICHE CAPITOLO DISEGNO PROSPETTICO METODI DI RAPPRESENTAZIONE PER IL DISEGNO TECNICO: QUADRO GENERALE La norma UNI EN ISO 0209-2 raccoglie i principali metodi di rappresentazione raccomandati per il disegno

Dettagli

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2013

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2013 Via Diocleziano, 328 80124 NAPOLI - Italia Tel.: (39) 081.6108111 Telefax: (39) 081.6100811 email: aoo.napoli@pec.ingv.it website: www.ov.ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione

Dettagli