Il Partigiano di Piazza dei Martiri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Partigiano di Piazza dei Martiri"

Transcript

1

2

3 Enzo Barnabà Il Partigiano di Piazza dei Martiri Storia del siciliano che combatté i nazisti e finì appeso a un lampione Prefazione di Luca Barbieri Postfazione di Maurizio Angelini infinito e d i z i o n i

4 Copyright Infinito edizioni, 2013 Prima edizione: 2013 Infinito edizioni S.r.l. Formigine (MO) Posta elettronica: Sito Internet: Facebook: Infinito edizioni ISBN Copertina: Infinito edizioni Impaginazione e grafica: Infinito edizioni Immagine di copertina: per gentile concessione della Biblioteca civica di Belluno Fondo fotografico Questo romanzo è liberamente ispirato alle vicende di Salvatore Ciro Cacciatore, la cui reale biografia viene presentata nell appendice del presente libro. Ogni riferimento a persone, cose e situazioni non storiche è del tutto casuale.

5 Indice Prefazione di Luca Barbieri pag. 7 Prima parte I pag. 11 II pag. 15 III pag. 21 IV pag. 31 V pag. 37 VI pag. 45 VII pag. 53 VIII pag. 61 IX pag. 67 X pag. 71 XI pag. 77 XII pag. 85 Seconda parte I pag. 93 II pag. 99 III pag. 105 IV pag. 111 V pag. 113 VI pag. 119 VII pag. 125 VIII pag. 129 IX pag. 133

6 X pag. 139 XI pag. 143 XII pag. 145 XIII pag. 149 XIV pag. 157 XV pag. 161 Postfazione di Maurizio Angelini pag. 169 Appendice Ciro, un siciliano nel movimento partigiano bellunese pag. 175 Andata senza ritorno per Francesco e Ciro pag. 181 Immagini e documenti pag. 183

7 7 Prefazione di Luca Barbieri giornalista del Corriere del Veneto Il Partigiano di Piazza dei Martiri di Enzo Barnabà è un romanzo vero. Sa di vita, passioni, quotidianità, storia. Quella con la s minuscola, quotidiana e profonda, che ci sfiora ogni giorno anche senza che ce ne accorgiamo. Quando passeggiamo nelle nostre città, leggiamo distrattamente una targa, sorseggiamo l aperitivo in una piazza, inconsapevoli ormai delle vicende che quel luogo ha ospitato, delle voci e delle immagini intrappolate nelle pietre dei palazzi. Senza retorica, Il Partigiano di Piazza dei Martiri ci conduce per mano dentro la Resistenza, nelle vite a volte statuarie, a volte incoerenti, vere, e proprio per questo formidabili di persone che scelsero di essere veri patrioti, di ricostruire un Italia che il fascismo aveva prima illuso e poi mandato al massacro. Lo fa con leggerezza e gravità, com è la vita. Un po a tradimento anche, facendo credere al lettore di star seguendo soltanto il travaglio interiore (e le peripezie sentimentali) di un protagonista alla ricerca del proprio padre. Ma poi è lì che si arriva. E Il Partigiano di Piazza dei Martiri non tace nulla: la barbarie nazifascista, le torture, le lotte fratricide che portarono tanti ex partigiani andati in Jugoslavia per costruire il socialismo nel lager di Goli Otok, le persecuzioni che spingono tanti altri a espatriare, i piccoli opportunismi che ogni guerra porta

8 8 Il Partigiano di Piazza dei Martiri in seno. Ma inserendo il tutto nel contesto di un tempo irripetibile, in cui si stava da una parte o dall altra, o semplicemente non si stava. Un tempo che diede vita a una generazione per la quale l utopia divenne pane e orizzonte quotidiano. E poco importa se, come l orizzonte, l utopia è irraggiungibile. È la nostra storia, quella narrata in questo ottimo libro. Da Milano a Dubrovnik, dalla Sicilia a Roma, dalla Carnia alle Dolomiti. Per finire sui lampioni di Piazza dei Martiri a Belluno. Quella storia in cui uno dei capi della Resistenza, le cui fila in montagna s ingrossavano di giovani smossi dall appello di Concetto Marchesi all Università di Padova, aveva il volto di un ragazzo siciliano. Quando venne la sua ora, raccontano le cronache, venne avanti con passo fermo, con la testa alta, serio e deciso. Era convinto che la Resistenza fosse la prosecuzione del Risorgimento, una tappa fondamentale per la rinascita del suo e del nostro Paese. Quello che chiamiamo Italia.

9 Prima parte

10

11 11 S I cusa, Giulio, ma come si chiamava tuo padre?. Questa domanda da Dino non me la sarei aspettata, con lui non c è mai stata intimità, ci limitiamo a chiacchierare un po al baretto del circolo Arci assieme agli altri giocatori dopo la partita settimanale di tennis. Chissà perché me lo chiede. Salvatore. E di cognome? Mi pare che tu non porti il suo. S interrompe intuendo il mio fastidio. Al telefono ha potuto cogliere solo il tono con cui ho pronunciato il nome di mio padre, ma gli è bastato. Sono decenni che non parlo di lui. Neanche con mia mamma. La notte può forse succedere che continui a dialogare segretamente con lui, come facevo da bambino, ma non ci giurerei: i sogni io non li ricordo. Prendo fiato e cerco una scusa per tagliar corto. Non trovo nulla e rispondo forzando sull affabilità: Cacciatore, Salvatore Cacciatore. Sì, è proprio questo il nome che il vecchio generale ha pronunciato l altro giorno a Dubrovnik. Il vecchio generale, Dubrovnik, ma di cosa va cianciando questo qua, cosa gli ha preso? Dino, di cosa parli? Fammi capire. Se negli ultimi giorni al circolo non mi ci avete visto è perché ho fatto un viaggio in Dalmazia con Marcella. Una decisione presa sfogliando una rivista di viaggi una sera che in tv non c era niente da guardare. L indomani

12 12 Il Partigiano di Piazza dei Martiri eravamo già in macchina; sai, giugno è la stagione buona: prezzi abbordabili e spiagge deserte. D accordo, ma cosa c entra mio padre?, chiedo cercando di mettere a fuoco il viso di Dino accanto alla goffa composizione di piante grasse che la moglie ha voluto sistemare accanto al telefono. A Dubrovnik siamo stati attratti dal candore dei tavoli all aperto di un tranquillo ristorante che si trova in una bella piazza del centro storico. Mentre aspettavamo il risotto al nero di seppia che avevamo ordinato, lanciavamo sguardi ammirati ai blocchi di pietra levigati dal tempo con cui erano costruiti i palazzi e ci scambiavamo scherzosi commenti sul nostro viaggio. Al tavolo accanto al nostro venne a sedersi un vecchio signore molto distinto. Leggeva il giornale, ma si vedeva che era interessato alla nostra conversazione. Attaccò bottone in modo molto discreto, spiegando a Marcella chi fosse il personaggio imparruccato della statua che troneggiava in mezzo alla piazza e che lei guardava con evidente curiosità. Parlava un italiano fluente con un impercettibile accento slavo. Affermò di non essere di Ragusa è così che chiamava Dubrovnik ma che conosceva bene la città avendovi per anni, ai tempi di Tito, comandato un reggimento. Finito il pranzo, volle accompagnarci al porto per offrirci un caffè. Parlando a bassa voce e guardandosi attorno, disse che la lingua italiana gli faceva fare un tuffo nel passato poiché gli evocava alcuni suoi compagni di lotta partigiana. Prima di morire, avrebbe voluto rivedere quelli che vivevano ancora. In particolare, avrebbe voluto riabbracciarne uno, un siciliano, esuberante e dall intelligenza vivacissima, che si chiamava Salvatore Cacciatore. Pronunciò proprio il nome di tuo padre. Una coincidenza?.

13 I 13 Presumo di sì. Mio padre non l ho mai conosciuto, io. Non porto il suo nome poiché quando si trovava al fronte e seppe che mia mamma era incinta, dovette partire per la Russia senza poter effettuare, come desiderava, il matrimonio per procura. E dalla Russia purtroppo non è più ritornato. Non vedo cosa c entri la Jugoslavia. Parlavo, ascoltavo e nel frattempo andavo rovistando tra i miei pensieri. La prima immagine di papà che mi si è fissata nella mente non è stata tanto quella del soldato che mamma teneva sul comodino quanto piuttosto quella del vecchietto con la barba, appesa sopra la testiera del letto matrimoniale. Sarebbe più corretto dire del nostro letto, poiché io non ho mai posseduto una culla (la stanza era troppo piccola o noi eravamo troppo poveri per acquistarne una, non saprei dire) e il mio posto è stato fin quasi all adolescenza accanto a quello di mamma. Sulle nostre teste faceva bella mostra di sé un quadro ovale dai colori vivaci che (scoprirò dopo) rappresentava la Sacra Famiglia: a sinistra, una giovane donna che teneva tra le braccia protettrici un bambino paffuto; a destra, un signore barbuto dallo sguardo buono che si appoggiava a un giglio gigantesco e porgeva una coroncina di fiori al bimbo, il quale non esitava a protendere le manine per cercare di afferrarla; sullo sfondo, una placida campagna in fiore che invitava a sognare. Ed è proprio da quell immagine che partivano i miei sogni bambini e a quell immagine finivano poi per ancorarsi. Quella famiglia non poteva essere che la mia e quel signore affettuoso non poteva dunque essere altri che mio papà. Qualche anno dopo, invece, il padre lo presi in prestito da Paolino, il mio inseparabile compagno di giochi. Passavamo i pomeriggi nello slargo vicino a casa mia, sospesi

14 14 Il Partigiano di Piazza dei Martiri tra due epoche; cercavamo di lanciare il più vicino possibile a una pietruzza delle monetine che evocavano il non lontano regno sabaudo oppure di rovesciare, soffiandoci contro, mucchietti di figurine di calciatori e di ciclisti che preludevano a un miracolo economico che non sarebbe tardato ad arrivare. Quando i rintocchi del campanile della vicina Matrice annunciavano le sette, Paolino interrompeva il gioco e si precipitava verso il quadrivio dove stava per arrivare l autobus della zolfara. Io gli correvo dietro. Dall autobus scendevano, guardando in direzione delle persone in attesa, i minatori dall odore asprigno che avevano finito il loro turno. Paolino correva verso il padre che lo sollevava da terra e lo baciava sulle guance. Talvolta, il gesto paterno si estendeva anche a me e poi tutti e tre ripercorrevamo il cammino in senso inverso, con Paolino impettito che scoppiava di orgoglio. Il papà ci diceva che ormai era tempo di fichidindia, che lui aveva fabbricato un magnifico coppo (un cono di latta attaccato a un bastone) con cui la domenica successiva saremmo andati a raccogliere frutti dolcissimi di ogni colore. Ormai stavamo per diventare grandi e avremmo potuto cimentarci anche noi in quella delicata operazione. Sapevo che, anche se parlava a noi due, in realtà si rivolgeva soltanto al suo vero figlio. Il nodo alla gola che mi assaliva si scioglieva tramutandosi in angoscia quando arrivavamo davanti a casa mia e i due proseguivano verso la loro tenendosi per mano. Per fortuna, dietro la porta c era la mamma, immancabilmente pronta a stringermi sul suo petto e a colmarmi di tenerezze. Allora, pensi di andarci a Dubrovnik a conoscere il generale?. Mah, non so. La notte porta consiglio. Eventualmente, ti farò sapere.

15 15 II La nave è piena di pellegrini che si recano a Međugorje. Non so se ho fatto bene, abitando a Milano, a venire a imbarcarmi ad Ancona. Forse sarebbe stato preferibile andare a Trieste e da lì scendere giù lungo la costa, o magari è meglio così: le navi a me evocano evasione e avventura, in perfetta sintonia con lo spirito con cui affronto questo viaggio. Altra cosa erano i ferryboat con i treni dentro la pancia che da ragazzo prendevo sistematicamente in occasione delle feste: non erano vere navi, erano il cordone ombelicale che legava alla Sicilia mia madre e me, ormai trapiantati al nord. Dirlo a mamma non è stato facile. Non fa mai storie quando mi assento, ma so bene che le viene regolarmente il magone, in preda alla sindrome dell abbandono. Inoltre, questa volta lo scopo del viaggio non poteva che turbarla: cercare notizie sul mancato marito morto sessant anni prima comportava, in ogni caso, il fatto di rivangare dolori che aveva cercato di seppellire per sempre. Devo partire per alcuni giorni. La ditta mi ha affidato una missione all estero. Ma se sei in pensione da quasi un anno!. Non trovano nessuno in grado di riparare quella caldaia in Croazia e mi pagano bene. La tua caldaia mi fa sentire puzza di bruciato e non solo in senso proprio. Non è che parti a divertimento (quando parla con me, il suo italiano s infarcisce d espressioni siciliane) con una picciotta delle tue?.

16 16 Il Partigiano di Piazza dei Martiri In questo momento le picciotte, come dici tu, mi stanno rigorosamente alla larga. E poi, te l ho detto, è per lavoro. Il tempo non ha attenuato la sua gelosia, ma sa bene che, anche se le donne non mi dispiacciono, alla fine torno sempre da lei. Infatti: A me non me la racconti, Giulio. Anche se non sei più un ragazzo, tu resti il femminaro impenitente che sei sempre stato. Divertiti pure, l importante è che poi torni tranquillo a casa tua, va bene?. Ah scusa, mamma, cambiando discorso, com è che il geometra Dino Molinari è al corrente del fatto che io non porto il nome di papà?. E che ne so, io? Da quando abitiamo a Milano, cioè da quarantacinque anni e rotti, delle nostre storie non parlo con nessuno. Sarà stata quella testa sventata di tuo zio Gaetano quando è venuto a trovarci l anno scorso, che passava le giornate al bar del circolo Arci. Sulla nave mi mescolo agli altri viaggiatori; più che pellegrini, sembrano allegri vacanzieri: gruppetti di persone che occupano i tavolini giocando a carte, incitati e consigliati da parenti e amici, bambini che giocano a nascondino in ogni angolo del ponte, eccetera. Due pretini in abito talare chiacchierano in un angolo del salone principale cercando di tenere la situazione sotto controllo. Se fanno il pellegrinaggio, mi dico osservando i miei compagni di viaggio, qualcosa alla Madonna andranno pure a chiederla. Chessò, la guarigione da una malattia, la promozione per il figlio che quest anno è di maturità, un bravo marito, se si è vedove o zitelle... A proposito, a un certo punto noto una giunonica bruna solitaria non proprio giovanissima che istintivamente colloco in quest ultima categoria. A cena, faccio in modo di sedermici accanto.

17 II 17 Sembra contenta che qualcuno s interessi a lei e chiacchiera volentieri. Per l anagrafe si chiama Enea dice ridendo che suo papà pensava che ogni nome che finisce in a fosse femminile ma io posso chiamarla Ea, come tutti. Dopo il dessert, continuiamo la conversazione centellinando un whisky seduti su un divano. È di Rieti, come il gruppo di cui fa parte. Il seno è davvero notevole. Prendo ad accarezzarle una mano e lei mi lascia fare. È a questo punto che uno dei pretini la chiama con un cenno. Lei si alza arrossendo e ritorna dopo pochi minuti scusandosi di dover andare via. Mentre ingolla l ultimo sorso di whisky rimasto nel bicchiere, ho il tempo di dirle che devo parlarle di una cosa importante e di pronunciare il numero della mia cabina. Disteso sul letto, inganno il tempo esaminando una cartina di Ragusa/Dubrovnik. La pensione in cui alloggia il generale Branko Kovačević è così che si chiama l uomo di cui vado in cerca si trova in Gundulićeva poljana, quella che nel passato si chiamava piazza delle Erbe e che dev essere la stessa piazza del ristorante in cui Dino e Marcella l hanno conosciuto. Non dovrebbe essere difficile rintracciarla; il problema piuttosto sarà il parcheggio: mi faranno entrare in macchina all interno della città murata? Il pensiero corre poi verso la bella pellegrina; sto per convincermi che è meglio che mi metta il cuore in pace quando toc, toc sento bussare discretamente alla porta. È lei. Mi chiede cosa abbia da dirle e di farlo in fretta perché non vuole rovinarsi la reputazione agli occhi del gruppo. Le rispondo che quello che ho da dire non posso comunicarglielo né in due parole né in corridoio. Le stringo rassicurante la mano, la traggo verso l interno

18 18 Il Partigiano di Piazza dei Martiri e, dopo aver chiuso la porta, ricomincio il discorso così inopportunamente interrotto. All alba, fugge precipitosamente nella sua cabina, non prima di aver scritto su un foglietto il numero del proprio cellulare e avermi dato l ultimo appassionato bacio. A Spalato, dove attracchiamo, dopo l apertura del boccaporto le auto in uscita danno origine a un ingorgo. Fermo sulla passerella, mi guardo attorno e con la coda dell occhio scorgo Ea che, appoggiata al bastingaggio, mi scruta come se volesse intercettare i miei pensieri per magari passarli successivamente allo scanner. Il tempo è splendido; sento forti i primi odori dell estate. La strada per Ragusa (ormai ho deciso di chiamarla con questo nome che mi è familiare) sfiora un susseguirsi di baie identiche a quelle esposte nelle vetrine delle agenzie turistiche milanesi. Non resisto alla tentazione. Posteggio sotto un pino e corro a tuffarmi. Nuotando, scorgo una piccola, solitaria trattoria che, per la fretta di entrare in acqua, non avevo neppure notato. Decido di pranzare lì. Sono pescatori, o almeno così affermano. Il branzino è ottimo e il bianco che lo accompagna si lascia bere volentieri. La successiva siesta sulla sabbia è una sorta di atto dovuto. Quando mi sveglio, è come se avessi ricevuto un iniezione di benessere. A Ragusa arrivo nel tardo pomeriggio. Sono obbligato a posteggiare fuori le mura. La mia piazza la raggiungo facilmente: prima della fine dello Stradun, la via che taglia in due la città, giro a destra e ci arrivo subito. La pensione si trova al primo piano di un palazzo elegante. Alla persona che mi accoglie in portineria faccio il nome del generale, scusandomi di non parlare il croato. Il mio interlocutore trasale e, agitando le mani, proclama turbato:

19 II 19 Gheneral no è, gheneral no è. Non c è? E dov è andato?. Io no so. Via, andato via. Non riesco a cavar fuori nient altro da quell uomo. Sono deluso ma la sua agitazione mi incuriosisce. Scendendo le scale devo sprizzare dubbi da tutti i pori, se è vero che un signore dietro di me, dopo aver attratto la mia attenzione con una sorta di sibilo, afferma in buon inglese: Vedo che è perplesso, se vuole posso provare a spiegarle quello che succede. Grazie gli dico voltandomi e guardandolo in viso Sarebbe davvero una mano santa. Allora mi segua facendo finta di non conoscermi. Dopo pochi minuti, siamo seduti davanti a due espressi a un tavolino della saletta interna d un caffè. Perché cerca il generale?. Veramente è lui che cerca me, o meglio cerca un partigiano suo ex compagno d armi che potrebbe essere mio padre. Capisco. Immagino che lei non si interessi alla situazione politica dell ex Jugoslavia. Infatti. Non ne so praticamente nulla. So solo che c è stata una feroce guerra non molti anni fa. La politica non mi ha mai entusiasmato. Attraversando la città, ha visto gli effetti dei bombardamenti?. No, non mi è sembrato che fosse passata la guerra, comunque andavo di fretta. Anche se avesse esaminato i palazzi con attenzione non avrebbe notato nulla, ma qui c è stato per lunghi mesi un terribile assedio. Le ferite fisiche sono state riparate, quelle morali e psicologiche invece non ancora. Il generale Kovačević, pur avendo superato gli ottant anni, è una

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli