La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati"

Transcript

1 La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il presupposto soggettivo dell azione revocatoria fallimentare 3. La prova della scientia decoctionis. 4. La rilevanza della qualifica professionale del convenuto in revocatoria. 5. Conclusioni. 1. Uno degli aspetti maggiormente discussi in tema di revocatoria fallimentare attiene al profilo probatorio della conoscenza dello stato di insolvenza in cui versava la società fallita al momento dei pagamenti. Come è noto, infatti, la prova della scientia decoctionis è essenziale nella concreta applicazione dell'art. 67 legge fallimentare in quanto l'accertamento di tale elemento soggettivo è condizione indispensabile per l'accoglimento dell'azione revocatoria proposta dal fallimento 1. Al fine di meglio comprendere la portata di tale problematica riteniamo utile fare riferimento ad una fattispecie concreta. Si pensi, quindi, al caso in cui la società Alfa promuova un giudizio nei confronti della società di leasing Beta, perché nell anno antecedente la dichiarazione dello stato di insolvenza di Alfa, quest ultima aveva effettuato a favore di Beta dei pagamenti, revocabili ai sensi dell art. 67, comma 2, L.F., in quanto atti a titolo oneroso avvenuti nell anno antecedente la dichiarazione di insolvenza. Ai fini della fruttuosa esperibilità dell azione revocatoria, il curatore ha l onere di provare la conoscenza in capo alla società Beta, nel momento della ricezione dei pagamenti, dello stato di insolvenza di Alfa. In proposito, il curatore, al fine di assolvere il suddetto onere probatorio, deduceva che la sussistenza in capo a Beta dell elemento soggettivo era desumibile da numerosi articoli apparsi sulla stampa nazionale e locale, dall esame del bollettino dei protesti cambiari, dalle numerose procedure esecutive a carico di Alfa nel periodo antecedente e concomitante con quello dei pagamenti in oggetto, dall esame dei dati di bilancio, ma soprattutto dalla circostanza che Beta è una società di leasing e, come tale, operatore qualificato. Si tratta quindi di comprendere se gli elementi dedotti dalla curatela siano idonei a provare la c.d. scientia decoctionis in capo alla società revocata, soffermandosi in particolare sull efficacia probatoria che può essere attribuita alla qualifica professionale del creditore revocando. 2. La pratica operativa dimostra come i criteri elaborati dal legislatore spesso si presentino di dubbia interpretazione e applicazione. 1 In tali termini si esprime anche MARCHETTI, Revocatoria fallimentare e prova della scientia decoctionis, in Fall., 1997, p. 171 ss. 117

2 Questo succede, ad esempio, nel tema che ci riguarda in cui l art. 67, comma 2, della L.F. prevede che, con riguardo ai c.d. atti normali, il curatore debba fornire la prova che al momento del compimento dell atto il creditore-convenuto fosse a conoscenza dello stato di insolvenza del debitore. Vediamo che l art. 67, comma 2, L.F. prevede l assoggettabilità a revocatoria dei pagamenti di debiti liquidi ed esigibili, degli atti a titolo oneroso e di quelli costitutivi di diritti di prelazione per debiti contestualmente creati, se compiuti entro l anno anteriore alla dichiarazione di fallimento. I suesposti atti giuridici revocandi non sono atti anomali bensì rientrano nel normale esercizio dell impresa e di per sé non sono significativi dello stato di insolvenza dell imprenditore che li compie. Essi, tuttavia, sono soggetti a revocatoria in quanto producono comunque un depauperamento per i creditori o alterano la par condicio. In questo caso, pertanto, il curatore fallimentare che agisce in revocatoria dovrà, oltre che fornire la prova del fatto storico del compimento nel periodo sospetto dell atto revocando, dimostrare che il convenuto in revocatoria fosse a conoscenza dello stato di insolvenza in cui versava il debitore successivamente fallito all epoca dell atto. Bisogna, altresì, specificare che lo stato di insolvenza, di cui deve essere a conoscenza il convenuto in revocatoria, corrisponde alla nozione accolta nell art. 5 L.F. come presupposto per la dichiarazione di fallimento e quindi come incapacità dell imprenditore ad assolvere regolarmente, e con normali mezzi solutori, alle obbligazioni assunte per il venir meno della liquidità e della disponibilità di credito occorrenti per il normale svolgimento dell attività d impresa. Orbene, il caso preso come punto di riferimento della presente indagine rientra nel campo di applicazione dell art. 67, comma 2, L.F. in quanto il pagamento delle rate di leasing costituisce un atto a titolo oneroso che rientra nell esercizio della normale attività di impresa. 3. A questo punto si tratta, quindi, di comprendere come debba essere interpretato il presupposto soggettivo della scientia decoctionis 2. Se la lettera della norma appare chiara ed inequivoca, richiedendo al curatore di fornire specifica e rigorosa dimostrazione della consapevolezza del terzo dell insolvenza della controparte al momento della contrattazione, l assolvimento di tale onere probatorio, traducendosi nella esteriorizzazione di uno stato psicologico interno, si dimostra nella maggior parte dei casi molto difficile 3. 2 In generale sulla prova della scientia decoctionis V. MARCHETTI, ivi; VELDIRAME, Scientia decoctionis e revocatoria delle rimesse in c/c, in Fall., 2004, p. 756 ss.; PENZI, Note in tema di conoscenza e presunzione di conoscenza dell insolvenza, in Giur. it., 2004, p. 12 ss.; BARBIERI, Scientia decoctionis e prova per presunzioni, in Fall., 2000, p ss.; SAMPIETRO, Carattere presuntivo della scientia decoctionis, in Fall., 2001, p. 416 ss.; LOPREIATO, Pluralità e concordanza di elementi indiziari nella ricostruzione presuntiva della scientia decoctionis, in Banca, borsa, tit. cred., 2005, p. 656 ss. 3 In questo senso si è pronunciato anche SAMPIETRO, op.cit., p

3 Le uniche ipotesi, infatti, in cui l attore in revocatoria potrebbe fornire agevolmente tale prova sono rappresentate dalla confessione giudiziale o stragiudiziale del convenuto o dal giuramento decisorio di quest ultimo 4. Per ovviare ad una simile situazione, la giurisprudenza, con orientamento pressoché unanime, è giunta ad ammettere la possibilità di assolvere l onere in questione attraverso l utilizzo di elementi presuntivi, purché ovviamente gravi, precisi e concordanti ai sensi dell art c.c. In generale, possiamo affermare che la norma fallimentare richiede la prova della conoscenza effettiva e non della semplice conoscibilità dell insolvenza, assumendo rilievo la concreta situazione psicologica della parte al momento dell atto impugnato. Questo, del resto, è l orientamento costante della giurisprudenza di legittimità 5, secondo il quale in tema di revocatoria fallimentare l'oggetto della prova è costituito non dalla mera conoscibilità, secondo parametri oggettivi riconoscibili da un soggetto di media diligenza ed avvedutezza, ma da una concreta situazione psicologica ( conoscenza effettiva ) dello stato di decozione. Proprio in ragione dell evidente difficoltà di provare uno stato interiore, come più sopra accennato, la giurisprudenza si è pronunciata generalmente nel senso che è ammissibile il ricorso alle presunzioni al fine di provare la scientia decoctionis, purché, per i loro requisiti di gravità, precisione e concordanza, queste siano tali da far presumere l effettiva conoscenza dello stato di dissesto dell imprenditore fallito da parte del terzo 6. Tra i suddetti elementi presuntivi è possibile riscontrare, nella casistica giurisprudenziale, categorie di fatti e/o circostanze che assumono rilevanza primaria quali indici della situazione di decozione in cui versava il debitore al momento del pagamento: per l appunto, a titolo esemplificativo, plurime procedure esecutive pendenti nei confronti del debitore, reiterata levata di protesti contro il medesimo, 4 Così SAMPIETRO, ivi. 5 Si vedano tra le altre Cass. civ., sez. I, 4 maggio 2009, n , in Giust. civ. Mass., 2009, p. 708 ss.; Cass. civ., sez. I, 28 novembre 2008, n , in Guida dir., 2009, n. 7, p. 50; Cass. civ., sez. I, 1 luglio 2008, n , in Guida dir., 2008, n. 44, p. 63; Cass. civ., sez. I, 23 aprile 2008, n , in Guida dir., 2008, n. 27, p. 79; Cass. civ., sez. I., 15 febbraio 2008, n. 3781, in Giust. civ. Mass., 2008, p. 232; Cass. civ., sez. I, 7 febbraio 2001, n. 1719, in Giust. civ., 2002, p ss., con nota di MELONCELLI; Cass. civ., sez. I, 21 gennaio 2000, n. 656, in Fall., 2000, p ss., con nota di TARZIA; Cass. civ., sez. I, 26 gennaio 1999, n. 683, in Fall., 2000, p. 136 ss. con nota di STESURI; Cass. civ., sez. I, 6 novembre 1999, n , in Fall., 2000, p con nota di BARBIERI. Per quanto attiene alla giurisprudenza di merito V. Trib. Milano, sez. II, 25 maggio 2009, n. 6941, in Riv. dott. com., 2009, p. 601; Trib. Bari, sez. IV, 4 maggio 2009, n. 1437, in Giurisprudenzabarese.it, 2009; Trib. Milano, sez. II, 31 gennaio 2008, n. 1294, in Giust. Milano, 2008, n. 3, p Si veda in proposito la giurisprudenza di cui alla nota 4. In dottrina v. CORDA, La buona fede dei terzi nei rapporti con il fallito, in Dir. fall., 1989, p. 286; TERRANOVA, Effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli ai creditori, in Comm. Scialoja-Branca alla legge fall., Bologna-Roma, 1993, p. 104 ss.; CANDIOTTO, La conoscenza dello stato di insolvenza, Milano,

4 bilanci dai quali emerga una situazione di crisi patrimoniale 7, notizie sull insolvenza diffuse attraverso i mezzi di comunicazione di massa 8. Inoltre, secondo la giurisprudenza sono indizi utili ai fini della prova della scientia decoctionis, e che permettono di giungere ad una prova diretta della stessa, il fatto che lo stesso convenuto in revocatoria abbia levato protesti o pignoramenti, o abbia proposto azione giudiziarie di recupero del credito o istanze di fallimento nei confronti dell imprenditore poi fallito 9. O ancora qualora si rinvengano lettere, atti o documenti relativi al rapporto tra il creditore convenuto in revocatoria e il debitore poi fallito dai quali risulti chiaramente che, all epoca del pagamento o dell atto oneroso, il primo era a conoscenza dell insolvenza del secondo 10. Pertanto, nel caso di specie si può concludere che le deduzioni della curatela in ordine all esistenza di protesti, alle numerose procedure esecutive nonché alle risultanze dei bilanci potranno costituire indici della conoscenza da parte della convenuta dello stato di insolvenza della società Alfa al momento dei pagamenti revocandi. 4. A questo punto è opportuno valutare un altro elemento che si potrebbe rilevare decisivo ai fini della prova della scientia decoctionis in capo alla società convenuta. In particolare, deve essere tenuto ben presente che le presunzioni di conoscenza effettiva della decozione del debitore da parte dell accipiens si ricostruiscono non solamente in base ad un dato temporale, bensì tenendo in debita considerazione le caratteristiche soggettive del creditore revocando. È infatti opinione consolidata in giurisprudenza che, nei confronti di determinate categorie di soggetti, le caratteristiche personali di questi ultimi costituiscono importanti strumenti di valutazione. Nella specie, va considerato che operatori economici quali banche, istituti finanziari, società di leasing e di factoring (i c.d. operatori qualificati ) proprio in ragione dell attività economica svolta sono tenuti a compiere scrupolose e particolareggiate indagini nei confronti dei propri clienti, al fine di verificarne la solvibilità e/o la consistenza patrimoniale. Tali soggetti sono, invero, tenuti a dotarsi di un organizzazione di mezzi in grado di verificare l effettiva sussistenza degli elementi indicatori di insolvibilità del cliente, e ad operare secondo criteri di avvedutezza, prudenza e professionalità nell accertamento delle condizioni economiche dei propri clienti 11. È infatti frequente che, a fronte di un rischio per il proprio credito, tali 7 Cfr. BUTA, Conoscenza dello stato di insolvenza e risultanze dei bilanci, in Banca, borsa, tit. cred., Cass. civ., sez. I, 4 maggio 2009, n , cit.; Cass. civ., sez. I, 1 luglio 2008, n , cit.; Cass. civ., sez. I, 28 febbraio 2007, n. 4762, in Banca borsa tit. cred., 2008, p. 420 ss. con nota di SABATELLI, La prova della scientia decoctionis nella disciplina delle revocatorie fallimentari; Trib. Milano, 24 giugno 2003, in Fallimento 2003, p. 1346; Trib. Milano, 17 settembre 1998, in Giur. it., 1999, p In questo senso Cass. civ., sez. I, 8 maggio 2008, n , in Guida dir., 2008, n. 30, p. 85; App. Roma, sez. I, 18 febbraio 2008, n. 705, in Guida dir., 2008, n. 11, p Così VELDIRAME, Scientia decoctionis e revocatoria delle rimesse in c/c, in Fall., 2004, p. 756 ss. 11 Cfr. in tal senso App. Napoli, 11 marzo 2003, in Giur. nap., 2003, p. 271; Trib. Bergamo, 20 dicembre 2002, in Fall., 2003, p. 1231; App. Catania, 20 ottobre 2000, in Dir. fall., 2001, p. 1259; Cass. civ., sez. I, 11 novembre 120

5 operatori adottino misure di autotutela quali la revoca delle aperture di credito, o addirittura recedano dai contratti con i propri clienti. Nei confronti di questi operatori qualificati, dunque, si può a ragione sostenere che gli elementi tipicamente indicativi di una conoscibilità solo astratta dello stato di insolvenza siano idonei a fondare una presunzione di concreta ed effettiva conoscenza. A ciò si aggiunga che, in base alla comune esperienza, è del tutto inverosimile che dati economici di pubblico dominio o di facile acquisizione siano stati ignorati da chi era tenuto a curare i propri interessi di creditore. Dall'esame dell'ampia casistica esaminata dai giudici di legittimità, emerge come sia stato dato di volta in volta rilievo a singole circostanze idonee a motivare in via presuntiva la conoscenza dello stato di insolvenza; così, ad esempio, per quanto attiene all ipotesi presa in esame, è stata attribuita particolare importanza all attività esercitata dal terzo in relazione alle maggiori specifiche conoscenze che lo stesso può avere 12. Ad esempio nel caso delle banche si è sostenuto che queste, essendo per definizione operatori professionali del credito, hanno più facilmente la possibilità di percepire lo stato di insolvenza, pur essendo sempre necessario che sia data la prova della conoscenza di singoli e specifici fatti rivelatori dell'insolvenza 13. Da questo punto di vista, il terzo operatore qualificato ha un dovere di tenersi informato sulle condizioni patrimoniali del soggetto con il quale lo stesso intrattiene rapporti 14. O meglio il creditore convenuto in revocatoria, se operatore qualificato, essendo dotato di particolari cognizioni tecniche, nonché di mezzi informativi privilegiati, non può non percepire i sintomi dell insolvenza del soggetto in difficoltà 15. Il terzo convenuto in revocatoria, se operatore professionale particolarmente qualificato, essendo dotato di particolari cognizione tecniche, nonché di mezzi informativi privilegiati, non può non percepire l emersione dei segni dell insolvenza in capo al soggetto in difficoltà, con la conseguenza che, anche in assenza degli elementi indiziari forniti dei requisiti prescritti dalla legge e richiamando surrettiziamente la nozione di conoscibilità, si perviene alla revoca dell atto. Secondo altro orientamento, accolto anche da parte della giurisprudenza 16, la conoscenza si fonda sull effettivo 1998 n , in Giust. civ. Mass., 1998, p. 2327; Cass. civ., sez. I, 27 aprile 1998 n. 4277, in Fall., 1999, p. 297; e, con particolare riferimento alle società di leasing, Trib. Genova, 29 aprile 1993, in Fall., 1993, p In particolare la giurisprudenza ritiene che il rapporto che lega il terzo al fallito ben possa essere indice rilevatore della conoscenza dello stato di insolvenza. Ad esempio rilevano i vincoli di amicizia e di convivenza, V. App. Bari, 30 giugno 1954; la qualità di collaboratore nell impresa di un congiunto, V. App. Firenze, 4 aprile 1963, in Giur. tosc., 1963, p Cass. civ., sez. I, 9 agosto 1983, n. 5534, in Fall., 1984, p App. Bologna, 13 aprile 2000, in Dir. fall., 2000, p. 782 con nota di TURSI, Revocatoria fallimentare e banche: una fase del perenne conflitto; Cass. civ., sez. I, 21 luglio 1998, n. 7125, in Dir. fall., 1999, p. 750; Cass. civ., sez. I, 21 agosto 1996, n. 7722, in Dir. fall., 1997, p. 710; Trib. Cagliari, 14 marzo 2002, in Riv. giur. sarda, 2004, p. 39 ss. con nota di FALINI. In dottrina PAJARDI, BOCCHIOLA, La revocatoria fallimentare, Milano, 1998, p. 24; DE SEMO, Diritto fallimentare, Firenze, 1948, p Per cui anche in assenza di altri elementi indiziari si può pervenire alla revoca dell atto. 16 Cass. civ., sez. I, 24 marzo 2000, n. 3524, in Gius, 2000, p. 1436; Cass. civ., sez. I, 12 maggio 1998, n. 4769, in Dir. fall., 1999, II, p. 941; 121

6 rapporto intercorso tra la sfera di operatività dell operatore professionale e i segni esteriori del dissesto dell imprenditore concretamente manifestatisi. In questa prospettiva le qualità soggettive del terzo sono senz altro suscettibili di assumere rilievo nel giudizio diretto ad accertare l esistenza dell elemento soggettivo, ma solo nella misura in cui vengano presi in considerazione i veicoli privilegiati di conoscenza a disposizione dell operatore economico qualificato. Sotto altro punto di vista, viceversa, la conoscenza dello stato di insolvenza si fonda sull effettivo rapporto intercorso tra la sfera di operatività dell operatore professionale e i segni esteriori del dissesto dell imprenditore concretamente manifestatesi 17. Per cui le qualità soggettive del terzo sono senz altro suscettibili di assumere rilievo nel giudizio diretto ad accertare l esistenza dell elemento soggettivo, ma solo nella misura in cui vengono presi in considerazione i veicoli privilegiati di conoscenza a disposizione dell operatore qualificato 18. Di conseguenza la mera qualifica professionale del convenuto non è di per sé idonea a fondare la prova della conoscenza dello stato di insolvenza della società fallita nel periodo sospetto. 5. Alla luce delle considerazioni più sopra svolte riteniamo che poiché Beta, in quanto società di leasing, è a tutti gli effetti un operatore qualificato nel senso sopra riportato, va da sé che, davanti alla presenza di svariati elementi indicatori di uno stato di sofferenza patrimoniale del debitore, essa non poteva non essere a conoscenza, nel periodo al quale sono riferibile i pagamenti revocandi, del fatto che Alfa si trovava in una situazione di dissesto tale che l avrebbe portata ben presto allo stato di conclamata insolvenza. È preferibile, pertanto, condividere la posizione di quella parte della giurisprudenza che ritiene rilevante ai fini della prova della scientia decoctionis la particolare qualifica professionale del creditore. Non vi è dubbio, a nostro avviso, che un istituto di credito o una società di leasing, come nel caso preso in esame, in ragione dell attività svolta e degli strumenti investigativi in loro possesso, siano sempre a conoscenza della reale situazione patrimoniale e finanziaria della società con cui collaborano. E questo sia nella fase preliminare del rapporto, ossia nel momento di verifica dei requisiti, sia durante il corso di tutta l attività. 17 Cass. civ., sez. I, 24 marzo 2000, n. 3524, in Gius, 2000, p. 1436; Cass. civ., sez. I, 12 maggio 1998, n. 4769, in Dir. fall., 1999, p In questo senso V. PORRARO, Presunzioni d insolvenza, status professionale e condizione di fallibilità nella revocatoria fallimentare, in Giust. civ.,

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello di Giuseppe Rebecca Studio Rebecca & Associati Vicenza/Schio Finalmente pubblicata una nuova sentenza del giudice Mauro Vitiello,

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA SOMMARIO: 1. La massima - 2. Il caso - 3. La questione - 4. Soluzioni giuridiche 5 Osservazioni. 1. La

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CROTONE, SEZ. CIVILE in persona del Dott. Michele Sessa ha emesso la seguente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CROTONE, SEZ. CIVILE in persona del Dott. Michele Sessa ha emesso la seguente SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CROTONE, SEZ. CIVILE in persona del Dott. Michele Sessa ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n. 1028 del Ruolo Generale

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria

Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Revocatoria fallimentare di anticipi in conto corrente. Riduzione consistente e durevole dell esposizione debitoria Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014. Estensore Vitiello. Revocatoria fallimentare -

Dettagli

SOMMARIO DEL PRESENTE FASCICOLO (3-4/2014) Parte Prima ARTICOLI, BIBLIOGRAFIA, LEGISLAZIONE, RASSEGNE

SOMMARIO DEL PRESENTE FASCICOLO (3-4/2014) Parte Prima ARTICOLI, BIBLIOGRAFIA, LEGISLAZIONE, RASSEGNE SOMMARIO DEL PRESENTE FASCICOLO (3-4/2014) Parte Prima ARTICOLI, BIBLIOGRAFIA, LEGISLAZIONE, RASSEGNE Marco Aiello, L accordo di risanamento fondato sul piano attestato: la fattispecie e le prassi negoziali...

Dettagli

Revocatorie Rimesse bancarie

Revocatorie Rimesse bancarie Revocatorie Rimesse bancarie 22 giugno 2004 Confronto su prassi giudiziaria e giurisprudenziale presso il Tribunle di Torre Annunziata Dott. Massimo Sequino Presupposto normativo Art. 67 comma 2 legge

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on REVOCATORIA FALLIMENTARE DELLE RIMESSE IN CONTO CORRENTE E CESSIONE DEL CREDITO Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

Indice. 1 Gli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli per i creditori ------------------------------- 3

Indice. 1 Gli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli per i creditori ------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE V GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SUGLI ATTI PREGIUDIZIEVOLI PER I CREDITORI PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

REVOCATORIA FALLIMENTARE DEI PAGAMENTI DEL TERZO E DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (Avv. Pietro Gobio Casali Mantova E-mail: avvgobiocasali@libero.

REVOCATORIA FALLIMENTARE DEI PAGAMENTI DEL TERZO E DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (Avv. Pietro Gobio Casali Mantova E-mail: avvgobiocasali@libero. REVOCATORIA FALLIMENTARE DEI PAGAMENTI DEL TERZO E DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (Avv. Pietro Gobio Casali Mantova E-mail: avvgobiocasali@libero.it) SOMMARIO: 1) Revocabilità dei pagamenti eseguiti dal terzo;

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Corso Avanzato di Formazione Professionale

Corso Avanzato di Formazione Professionale Corso Avanzato di Formazione Professionale GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NELL AMBITO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI Diritto dei Contratti, Diritto Fallimentare e Crisi D impresa MODULO 1: Diritto dei Contratti

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO 17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO di Luciano Quattrocchio, Professore Sommario: 1. I riferimenti normativi - 2. La disciplina nel contesto fallimentare - 3.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore)

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) PRINCIPIO DI EFFETTIVITA VS CRITERIO FORMALE Il principio di effettività può

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Presidente Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Com. Girolamo Fabio Porta Membro designato dalla Banca

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

Del/Par. n.8/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007

Del/Par. n.8/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007 1 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. Sez. Mario G. C. Sancetta Presidente Cons. Francesco Amabile Cons. Raffaele Del

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Che svolge le funzioni di Presidente ai sensi dell art. 4 del Regolamento

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N.2669/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust

Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust In due recenti sentenze della giurisprudenza di merito viene chiarito che l imposta sulle donazioni e successioni si applica

Dettagli

www.italianbankruptcylaw.org

www.italianbankruptcylaw.org www.italianbankruptcylaw.org IL TRIBUNALE DI CASSINO riunito in Camera di Consiglio nelle persone dei Magistrati Dr. Amedeo Ghionni Presidente, Dr. Gabriele Sordi Giudice, Dr. Andrea Petteruti Giudice

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA "CAN" di ANGELO GINEX. 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016

È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA CAN di ANGELO GINEX. 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016 È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA "CAN" di ANGELO GINEX SOMMARIO: 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016. - 2. La giurisprudenza di legittimità in tema di notifica della cartella

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti I^ sessione 2012 Materie aziendali: Il candidato illustri i principi

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RISPOLI FARINA Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RISPOLI FARINA Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) MARINARI (NA) CARRIERO (NA) CONTE Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RISPOLI FARINA Membro designato

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura NO ALLA DOPPIA SOMMATORIA Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura 12/06/2014 Tribunale di Torino - Ordinanza 10 giugno 2014 n. 759 In un contratto di finanziamento, ai fini del superamento

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. avv. Vincenzo Meli Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli