RISPETTO DEL SEGRETO PROFESSIONALE E DELLA PRIVACY DA PARTE DELL ASSISTENTE SOCIALE (P. P. Vissicchio)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISPETTO DEL SEGRETO PROFESSIONALE E DELLA PRIVACY DA PARTE DELL ASSISTENTE SOCIALE (P. P. Vissicchio)"

Transcript

1 RISPETTO DEL SEGRETO PROFESSIONALE E DELLA PRIVACY DA PARTE DELL ASSISTENTE SOCIALE (P. P. Vissicchio)

2 Introduzione Il segreto professionale La Privacy Le implicazioni di carattere penale Conclusione

3 INTRODUZIONE La lezione di oggi, spero possa essere esaustiva e, per certi versi, accattivante perché intendo, con i limiti di tempo che mi sono stati imposti, fornirvi sufficienti notizie sull argomento in modo da permettervi di avere un quadro generale sull argomento. Mi aiuterò con delle slides informative che integreranno l argomento e completeranno il senso di quanto sto per dirvi. E allora, il segreto professionale lo incontriamo quotidianamente, inconsapevolmente. Tutti noi leggiamo i quotidiani, per esempio, seguiamo i telegiornali, i giornali radio, le notizie dal web, insomma noi tutti dai media (e non dai midia come viene erroneamente detto, media è una parola latina) apprendiamo centinaia e centinaia di notizie quotidianamente. Il giornalista, ma anche il medico, l avvocato, il professore, il poliziotto, l assistente sociale e via via anche altre categorie di lavoratori intellettuali si propone quotidianamente come mediatore intellettuale tra il fatto (o, per meglio dire i dati/fatto) e colui che, di tali dati, ne è l utilizzatore conclusivo. Bella scoperta, direte, ma c è un fatto molto interessante: ciascuno di noi è tenuto al segreto professionale e ciò gli consente di ricevere le notizie, i dati e quant altro debba considerarsi dato riservato e, quindi, dato sensibile, perché la legge garantisce la raccolta ed il trattamento dei dati. Il concetto di privacy ha, pertanto, una natura poliedrica, trova applicazione in molteplici situazioni, in relazione al singolo e all'impresa, al singolo ed alla pubblica amministrazione (numerosi sono gli esempi: tra datore di lavoro e dipendente; tra paziente e medico e così via). Tale concetto è caratterizzato da sfaccettature e da molte differenziazioni ma, soprattutto da un mutamento culturale della società che passa da una visione della persona fondata sull' intangibilità della proprietà privata ad una concezione incentrata sull'individuo in se e nella sua personalità. La legge 675/96, nota come legge sulla privacy, disciplina garanzie sulla gestione delle informazioni personali. Nello specifico, all art. 1, comma 1, "garantisce che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali, nonché nella dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale; garantisce altresì i diritti delle persone giuridiche e di ogni altro ente o associazione". Per definizione, si sottolinea il diritto individuale alla protezione dei dati personali, affermando che "Chiunque ha diritto alla protezione dei dati che lo riguardano". Tale definizione semplifica il quadro di riferimento legato all'ambito di applicazione delle disposizioni normative, in quanto rende applicabili i principi di tutela in tutte le circostanze in cui chiunque, per qualsiasi fine, tratta dati personali di chiunque altro. Il diritto garantito della protezione dei dati personali, obbliga i soggetti che li trattano, a garantirne la protezione. Appare importante richiamare la disposizioni di cui al comma 2 dell'articolo 2 che dispone che il trattamento dei dati personali è disciplinato assicurando un elevato livello di tutela dei diritti e delle libertà fondamentali dell'individuo nel rispetto dei principi di armonizzazione, semplificazione ed efficacia delle modalità previste per il loro esercizio da parte degli interessati, nonché l'adempimento degli obblighi da parte dei titolari del trattamento. Vi richiamo queste norme introduttive a carattere generale, poiché uno dei presupposti del

4 nuovo codice (Il Decreto Legislativo 196 del 2003) è che l'assenza di "complicazione procedurale" assume di per sé un valore di "tutela" per i soggetti di cui vengono trattati i dati personali. In relazione all'argomento si possono sottolineare definizioni di rilevante importanza per l'argomento. E così avremo: LA FASE DEL TRATTAMENTO E quella fase in cui qualsiasi operazione o complesso di operazioni, effettuate anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concerne la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modifica, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca dati. IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO Può essere la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza. Nel caso in cui il trattamento è effettuato da una persona giuridica, da una pubblica amministrazione o da qualsiasi altro ente, associazione o organismo, il titolare del trattamento è l'entità nel suo complesso o l'unità od organismo periferico che esercita un potere decisionale del tutto autonomo sulle finalità e sulle modalità del trattamento, ivi compreso il profilo della sicurezza. Questo ce lo dice l articolo 28. IL RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO E la persona fisica, ma anche la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altroente, associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento di dati personali. Ricordiamo a tale proposito che il Responsabile è una figura che può essere individuata facoltativamente dal titolare con precisa indicazione delle modalità di assegnazione, nonché le caratteristiche della figura (che - tra l altro - sono specificate nel successivo articolo 29). GLI INCARICATI Sono le persone fisiche autorizzate a compiere operazioni di trattamento dal titolare o dal responsabile. Tali soggetti devono essere individuati per iscritto (in ossequio all articolo 30) e sono gli unici a poter compiere operazioni di trattamento sui dati personali. Gli incaricati, inoltre, operano sotto la diretta autorità del titolare o del responsabile, attenendosi alle istruzioni impartite. Per quanto riguarda le definizioni dei dati oggetto di tutela, si ha la distinzione fondamentale tra: I DATI PERSONALI

5 I dati personali consistono in qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale. I DATI SENSIBILI Cosa sono, allora, i dati sensibili? Sono dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale. Qui prenderemo in considerazione tutto ciò che le leggi inerenti alla riservatezza, alla privacy ed al segreto professionale affermano con un attenta analisi degli articoli del codice di procedura penale. Faremo riferimento anche al codice deontologico trattando la privacy specificatamente nel contesto della professione di assistente sociale e nella riservatezza che lo stesso assistente sociale deve avere nei confronti dell utente.

6 IL SEGRETO PROFESSIONALE Per delineare brevemente il concetto è necessario definisce il segreto professionale come una relazione intercorrente tra la conoscenza di cose o fatti e un determinato soggetto, rilevante sotto un duplice aspetto: da un punto di vista passivo il segreto comporta l obbligo per i non autorizzati di non procurarsi, divulgare o utilizzare notizie relative a certi oggetti; dal un punto di vista attivo, il segreto dà luogo a un potere, spettante a date persone, di escludere i terzi da quella conoscenza dalla sua comunicazione ad altri o dal suo sfruttamento. La prima e documentata traccia delle radici del segreto professionale trova il fondamento nel Giuramento di Ippocrate ( a.c.)...consapevole dell importanza e della solennità dell atto che compio e dell impegno che assumo, giuro di osservare il segreto su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell esercizio della mia professione o in ragione del mio stato.... La Legge n. 675 del 31 dicembre 1996, meglio conosciuta come la legge sulla privacy, impone alcune incombenze, molte delle quali peraltro già contemplate dal Codice Deontologico e dal Codice Penale, riguardanti il segreto professionale. L assistente sociale deve serbare il segreto su tutto ciò che gli è confidato o che può conoscere in ragione della sua professione, nonché sulle prestazioni effettuate o da effettuare. Deve tutelare la riservatezza della documentazione in suo possesso riguardante gli utenti e, nella compilazione e trasmissione di ogni atto, deve garantire la tutela della segretezza. Anche nella collaborazione alla costituzione di banche di dati deve assicurarsi della tutela della riservatezza. Il segreto professionale, assoluto e inderogabile nella sua sacralità come visto già nel Giuramento di Ippocrate, rappresenta anche negli ordinamenti moderni un fondamentale obbligo sia etico che giuridico: la violazione del segreto professionale è penalmente sanzionata dagli articoli 622 e 326 del Codice Penale. E, quindi, si dovrà, dunque, aver cura ad attuare tutte quelle procedure atte a salvaguardare la privacy del cittadino utente. Si dovrà evitare l'esposizione pubblica della documentazione oppure l'esposizione pubblica dei nomi degli utenti, ovvero dare l'informazione senza la previa autorizzazione del diretto interessato. Quando l'utente chiede di conoscere la sua posizione in ordine alla prenotazione nelle liste degli utenti che si rivolgono al servizio sociale, si dovrà aver cura di criptare i nominativi delle altre persone negli elenchi di attesa. Particolare cura andrà posta anche nel rilascio, in busta chiusa ai diretti interessati (o a chi è espressamente delegato) dei risultati e dei documenti. A questo proposito bisogna ricordare che la Legge prevede anche la presenza di un professionista affinché spieghi agli utenti la natura delle certificazioni e la casistica di riferimento. Tuttavia, l applicazione della Legge può essere quanto mai difficoltosa nei casi urgenti o nei casi in cui l utente è in stato di incoscienza o di demenza senile. In questo caso si dovrà ricorrere ancora ad una maggiore attenzione alla riservatezza dei dati: sarà cura, in questi specifici casi, del personale medico accertarsi che chi ne ha il diritto legalmente, venga a conoscenza dei dati dell utente (che, per altri aspetti, si è trasformato in un paziente). *****

7 C è un altro aspetto da considerare nella salvaguardia del segreto professionale: sono i principi dettati dal codice deontologico. Il Codice Deontologico contiene le esigenze etiche di una professione. Esso costituisce il suo elemento di identità, è lo strumento attraverso il quale un professionista si presenta alla società e, contestualmente, è lo strumento che orienta e guida il professionista nelle scelte di comportamento, nel fornire i criteri per affrontare i dilemmi etici e deontologici, nel dare pregnanza etica alle azioni professionali. Più specificamente, il codice deontologico è incentrato tutto sulla responsabilità di una professione a servizio delle persone, delle famiglie, della società, dell organizzazione di lavoro, nonché dei colleghi e della professione stessa. Il codice deontologico è la normativa di riferimento del professionista cui si deve attenere per l'espletamento della sua professione. Non è, e non può essere trattata alla stessa stregua di una norma vera e propria perché le norme dettate dagli ordini professionali sono atti che non entrano nel sistema delle fonti del diritto. Le fonti del diritto, infatti, che comunemente chiamiamo diritto positivo, inteso come norma promanante dal potere politico, sono circondate dalle garanzie procedimentali tipiche delle fonti per quanto riguarda la loro formazione. Le norme, quindi, del codice deontologico non godono delle medesime garanzie e non sono interessate dal circuito politico decisionale dello stato. E pur vero che gli organismi degli ordini sono elettivi, ma rappresentano pur sempre solo una parte della società civile (cioè a dire una categoria professionale) diversamente dal soggetto/rappresentante politico che, invece, rappresentano la generalità dei consociati. ***** In data 8 maggio 1997 è entrata in vigore la legge 31 dicembre 1996 numero 675 " Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali". La normativa prevede alcune incombenze per quelle attività professionali in cui vi è la necessità di raccogliere, registrare in archivio cartaceo o informatico e utilizzare i dati personali degli assistiti per le finalità specifiche della professione. In particolare, ai sensi degli articoli e 14 della legge citata, è necessario acquisire il consenso scritto del cittadino/utente che lo autorizza a raccogliere, registrare e utilizzare i dati personali. Il consenso deve essere esteso, per evidenti motivi di continuità professionale, anche ai sostituti in caso di assenza dell assistente sociale titolare (qui parliamo di equipe, evidentemente). Quando si tratta di bambini è necessaria l autorizzazione del genitore che ne esercita la potestà e, nel caso in cui questa manchi, del giudice tutelare. Abbiamo visto, in pratica, che la Legge n 675/96 sulla privacy si è inserita nel nostro ordinamento in maniera trasversale, creando spesso incertezze e confusione in un settore che, per voi che sarete assistenti sociali, è già regolato dalle norme (per così dire) del codice deontologico. Recenti disposizioni del Garante della Privacy, scaturite in parte dalle quotidiane esperienze e dalle varie segnalazioni o richieste di spiegazioni, stanno in parte semplificando e chiarendo i comportamenti da adottare nelle singole situazioni. L'informativa al cittadino su come verranno utilizzati i dati personali può essere orale, oppure con apposita modulistica o cartellonistica visibile, purché in linguaggio comprensibile. Tutta la documentazione deve essere consegnata al diretto interessato - o se minore a chi

8 esercita la potestà tutoria - oppure anche ad altre persone purché muniti di delega scritta. Importante è che tale documentazione dovrà essere consegnata in busta chiusa. Inoltre, nel caso in cui vi fossero presenti anche dati sanitari questi ultimi possono essere resi noti all'interessato solo tramite un medico: pertanto, possono essere consegnati al medico di fiducia che a sua volta li rende noti al paziente e chiarisce oralmente all'interessato, oppure insieme alla refertazione allegando un breve giudizio scritto. Nell ambito degli addetti al trattamento dei dati personali va ribadito che il personale dipendente è tenuto al segreto professionale o d'ufficio. Tutta la documentazione deve essere conservata in posti non alla portata di tutti. In relazione alla privacy agli sportelli, lo abbiamo detto prima, vanno criptati gli elenchi delle prenotazioni e agli sportelli, o nelle segreterie vanno adottati provvedimenti atti a tutelare la riservatezza: segnare la distanza di cortesia dallo sportello, oppure far entrare uno alla volta nella segreteria. La richiesta da parte dell'interessato dell'invio a una Compagnia Assicurativa di documentazione clinica per la definizione di pratiche risarcitorie si configura come consenso all'operazione, ovvero deve esserci esplicito consenso di trasmissione dei dati del paziente all'assicurazione. Ogni cittadino ha diritto di conoscere i dati personali dell assistente sociale con cui intende instaurare un rapporto. Inoltre gli Albi Professionali sono pubblici e chiunque li può consultare presso gli Ordini e, spesso, gli stessi Ordini Professionali li rendono fruibili tramite la rete internet. ***** Ma cos è davvero il segreto professionale? Il segreto, in senso letterale, è ciò che deve essere tenuto nascosto. La Suprema Corte di Cassazione (con sentenza n sez. III del 10 gennaio 1967) ha affermato che, in senso giuridico, il segreto è ogni fatto che, per disposizione di legge o per decisione di una volontà giuridicamente autorizzata è destinato a rimanere nascosto a qualsiasi persona diversa dal legittimo depositario. La consegna del segreto costituisce da sempre un aspetto della fisionomia di qualsiasi professionista che ha l'opportunità di apprendere, vedere o semplicemente intuire aspetti della sfera più intima dell utente o dei suoi familiari, non solo per rispetto dell'altrui privacy, ma anche per garantire l'esercizio di una attività professionale libera da sospetti o riserve. Il segreto professionale è l obbligo a non rivelare le informazioni aventi natura di segreto, apprese all interno del rapporto fiduciario. Ha un fondamento: Etico, perché legato al rispetto della persona; Deontologico, sancito come norma di comportamento professionale nel Codice Deontologico con un forte richiamo ad un obbligo di riservatezza; Giuridico, in quanto sancito dagli artt. 200 e 622 del c.p., dalla Legge 675/96 sulla privacy e dalla Legge del 3 aprile 2001 n. 119 (legge specifica per gli assistenti sociali). Ne deriva che il segreto tende a proteggere la riservatezza dell individuo. Nel campo del servizio sociale le notizie date dagli utenti non devono essere propagate. Il mancato rispetto della riservatezza è punibile a querela della persona offesa, ed è importante sottolineare che, perché sia reato, e quindi punibile, occorre: la querela della persona offesa; senza giusta causa, per cui si presuppone che ci sia una giusta causa, cioè quando ci sono interessi maggiori rispetto a quelli tutelati dal segreto professionale;

9 se dal fatto può derivare nocumento, cioè pregiudizio, un danno ingiusto cioè contrario al diritto, arrecato al soggetto. Dunque, riepiloghiamo. La legge n. 675 del 1996 istituisce l'autorità del Garante per la tutela dei dati personali mentre il segreto professionale è tradizionalmente uno dei doveri fondamentali di qualsiasi professionista ed è una delle regole essenziali della deontologia. La legge n. 675 del 1996 non ha fatto altro che costituire un rafforzamento dei compiti che già l assistente sociale (in questo caso ed in questo ambito parliamo di assistenti sociali) era tenuto a osservare per quanto riguarda la tutela dei dati e delle notizie relative ai propri utenti. Al riguardo vi faccio notare come tra le cause che costituiscono "giusta causa" di rivelazione del segreto professionale è stato aggiunto un punto che prevede la possibilità di derogare alle norme sul segreto professionale, laddove esista l'urgenza di salvaguardare la vita o la salute di terzi anche in caso di diniego dell'interessato, ma previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali. In questo caso si è inteso con tale modificazione sancire che, per la deroga al segreto professionale, é inderogabile sia l'urgenza di salvaguardare la vita dell utente (e/o lo stato di disagio o la salute di terzi) sia l'autorizzazione del Garante. Questa autorizzazione può discendere sia da un provvedimento generale sia da una richiesta specifica che l assistente sociale può inoltrare. Va da sé che nemmeno, in ultima analisi, la cancellazione dall albo professionale esime moralmente il professionista dagli obblighi di non divulgare fatti e notizie apprese nel corso della professione non più esercitata. Ripeto: l assistente sociale, cessando la propria attività e chiedendo la cancellazione dall'albo, non può ritenersi esentato dal rispetto del segreto professionale. E', questa, una considerazione di notevole importanza considerando che le rivelazioni concernenti i dati sensibili di alcuni utenti potrebbero riguardare, inoltre, soggetti molto noti al pubblico e vi potrebbe essere un interesse economico per l assistente sociale, anche se non più professionalmente in attività, a utilizzare alcune conoscenze acquisite durante la propria vita professionale anche per scopi di lucro non certo commendevoli. Il segreto professionale che, come è noto, è anche previsto dal codice penale (artt. 326 e 622) è un obbligo imposto a determinati professionisti di non divulgare notizie di cui sono venuti a conoscenza nell ambito della loro professione. E' chiaro che la norma penale si riferisce anche ad avvocati, magistrati, commercialisti ed altri ma è altrettanto chiaro che per l assistente sociale (a cui si richiama la legge professionale n. 119 del 3 aprile 2001) la problematica del segreto professionale è particolarmente importante considerata la delicatezza del rapporto che si instaura fra assistente ed utente. Il segreto professionale viene definito, dal punto di vista giuridico, una relazione che intercorre fra la conoscenza di cose e fatti e un determinato soggetto. ***** Ma quand è che incontriamo le giuste cause di rivelazione del segreto professionale? Vi possono essere occasioni in cui il segreto professionale può venire meno: occorre innanzitutto distinguere in cause legali e cause sociali.

10 Le cause legali Derivano dal diritto positivo e sono costituite da norme imperative, scriminative e permissive. In altri termini: le norme imperative impongono di rendere noto il segreto in forza di una disposizione di legge che impone al professionista il dovere di informativa mediante le denunce, i referti, i rapporti, le relazioni e le certificazioni; oppure richiedono di riferire su fatti riscontrati in occasione di perizie, consulenze tecniche, arbitrati o visite varie; le norme scriminative escludono la punibilità perché eliminano l'antigiuridicità del fatto o fanno venir meno la colpevolezza dell'autore della rivelazione. Per esempio, non è perseguibile penalmente il sanitario che ha reso noto il segreto col consenso del titolare (art. 50 c.p.); oppure quando ricorre il caso fortuito o la forza maggiore (art. 45 c.p.); o, ancora quando il professionista è stato costretto con la violenza (art. 46 c.p.), cadendo in errore (art. 47 c.p.), tratto in inganno (art. 48 c.p.), per uno stato di necessità (art. 54 c.p.) o per difendere la propria reputazione professionale (art. 52 c.p.); le norme permissive si riferiscono alla facoltà riconosciuta dall art. 351 del c.p.p. di astenersi dal testimoniare su fatti coperti dal segreto professionale, tanto nei processi penali quanto nelle cause civili. L'astenersi dalla testimonianza costituisce un diritto e non un obbligo, il quale è pertanto libero di decidere se rendere o non rendere la deposizione, valutandone l'opportunità secondo le circostanze e assumendone la responsabilità. L'Autorità può a sua volta imporre con ordinanza la deposizione del professionista ma, a parte ciò, la regola deontologica espressamente richiamata è quella di non deporre mai su argomenti coperti dal segreto professionale. Le cause sociali Anche se non è presente una norma precisa in merito, sarebbe giustificabile l assistente sociale che si sottrae all'obbligo del segreto spinto da pulsioni etico-sociali; si fa, per questo, l'esempio della segnalazione di una malattia di un addetto a pubblici servizi che mette in pericolo l'incolumità di molte persone o la rilevazione fatta allo scopo di salvare un terzo innocente da una condanna ingiusta. Possiamo dedurre, a questo punto, che la rivelazione è consentita ed è lecita qualora sussista una giusta causa. Ma affinché si configuri il reato è necessario che dalla rivelazione del segreto, avvenuta senza - appunto - giusta causa derivi, o possa derivarne per l utente, un danno ingiusto ovvero contrario al diritto. Gli atti di indagine, per esempio, compiuti dal pubblico ministero (art. 358 c.p.p.) e dalla polizia giudiziaria (art. 348 c.p.p.) sono coperti dal segreto fino a quando l'imputato non ne possa avere conoscenza e, comunque, non oltre la chiusura delle indagini preliminari (art. 405 c.p.p.). Quando è necessario per la prosecuzione delle indagini, il pubblico ministero può, in deroga a quanto previsto dall'art. 114, consentire, con decreto motivato, la pubblicazione di singoli atti o di parte di essi. In tal caso, gli atti pubblicati sono depositati presso la segreteria del pubblico ministero. Anche quando gli atti non sono più coperti dal segreto a norma del comma 1, il pubblico ministero, in caso di necessità per la prosecuzione delle indagini, può disporre, con decreto motivato:

11 a) l'obbligo del segreto per singoli atti, quando l'imputato lo consente o quando la conoscenza dell'atto può ostacolare le indagini riguardanti altre persone; b) il divieto di pubblicare (art. 414 c.p.p.) il contenuto di singoli atti o notizie specifiche relative a determinate operazioni. ***** Facciamo un altro esempio, questa volta in ambito medico. Una possibilità di superare il dilemma, posto dal diritto alla riservatezza del paziente affetto da patologie infettive, si trova nel Codice di deontologia medica che prevede che il medico valuti l opportunità della deroga al dovere di segreto allorché sia in grave pericolo la salute o la vita di terzi. Resta il piano etico, che vede confrontarsi le istanze di chi sostiene l opportunità di privilegiare la tutela della salute del partner del paziente sieropositivo, rispetto a chi afferma il prevalere dell obbligo di segreto nei confronti di quest ultimo. Molti autori, in dottrina, che sostengono l opportunità di informare il partner di un soggetto sieropositivo, ignaro della situazione di malattia del proprio compagno, avallano il principio primario della tutela della salute di terzi. A tale concezione si contrappone quella di chi afferma invece che il principio del rispetto della riservatezza è il fondamento della tutela della salute di ogni cittadino. Come vedete non ne usciamo. Ora, la possibilità per il professionista di poter instaurare un rapporto efficace con il proprio utente, deriva dalla fiducia che quest ultimo ripone in lui. Tale sentimento non può prescindere dalla garanzia di un segreto su tutto ciò che avviene tra l assistente sociale e l utente. Di qui la concezione che segreto, fiducia ed esercizio della professione siano strettamente connessi e, quindi, il venir meno del primo di questi tre fondamenti, conduca all impossibilità di instaurare con lui un rapporto tale da poterlo tutelare. Il professionista deve rispettare, accanto al segreto professionale, anche l obbligo di denuncia che subentra quando nell esercizio della propria funzione abbia il sospetto o la certezza di trovarsi di fronte ad un reato perseguibile d ufficio (art Codice di procedura penale, c.p.p.). La denuncia d ufficio (art. 331 c.p.p.) è sancita da comportamenti violenti che costituiscono reati perseguibili d ufficio. La legge prevede che determinate categorie di persone (pubblici ufficiali, incaricati di un pubblico servizio) che, nell esercizio o a causa delle loro funzioni o servizio vengano a conoscenza di questo tipo di reato, devono farne denuncia per ciò eventualmente anche contro la volontà della persona offesa dal reato: il procedimento penale sarà lo stesso di quello instaurato con una querela. Solo la persona offesa dal reato può decidere se presentare querela (art 336 c.p.p) ovvero se vuole instaurare un giudizio nei confronti dell autore del reato. Il termine per la querela è di 90 gg. (mentre per la violenza sessuale e stalking è di 180 gg.). Decorso il termine non è più possibile presentare querela. In qualsiasi momento sino all apertura formale del processo (apertura del dibattimento) - la querela può essere ritirata con la conseguenza che il reato non è più perseguibile. Solo nel caso di violenza sessuale la querela è irrevocabile. Inoltre si parla di obbligo di denuncia-segnalazione quando il benessere di una persona minore o di una persona incapace di tutelare i propri interessi sia in pericolo e, in questo caso, viene effettuata una segnalazione all Ufficio Minori. Si parla di obbligo senza indugio ovvero senza fare trascorrere del tempo inutile se è necessaria un immediata chiarificazione sul prosieguo della procedura. *****

12 Passiamo ad altro. La professione che svolgerete si avvale del lavoro in équipe, multidisciplinare, ed il servizio sociale presuppone la conoscenza dello stato psico-fisico del soggetto affinché possano essere erogate le giuste prestazioni di carattere assistenziale o previdenziale. La trasmissione dei dati avviene normalmente tra colleghi e riguarda pure le notizie che il docente riferisce agli studenti a lezione. Ai sensi dell'art. 622 del codice penale, la rivelazione del segreto professionale è punibile solo se ne possa derivare nocumento. Qui, però, può trovare applicazione un principio generale della scienza penalistica, previsto all'art. 5 del c.p. che testualmente prevede che "non è punibile chi lede o pone in pericolo un diritto con il consenso della persona che può validamente disporne". In sostanza non c'è miglior giudice di chi eventualmente subirebbe il danno dalla rivelazione delle notizie da tenere segrete sulla opportunità o meno della rivelazione stessa. Occorre al riguardo, peraltro, precisare che, a volte, l'obbligo del segreto professionale è posto a tutela di un interesse della collettività di cui neanche il cittadino/utente può essere arbitro. Il sistema delle deroghe, comunque, attribuisce al professionista la valutazione sull'opportunità di svelare il segreto quando sia in grave pericolo la salute o la vita di terzi. A mio avviso tale previsione, di carattere molto ampio, è pur sempre applicabile in modo più restrittivo rispetto alla "giusta causa" prevista come deroga dall'art. 622 del c.p. La deroga di cui si tratta attribuisce all assistente sociale la responsabilità di superare l'obbligo del rispetto del segreto quando, a suo giudizio, esistano situazioni estremamente gravi che mettono a repentaglio la salute e la vita dei terzi, ferma restando la preventiva autorizzazione del Garante per la tutela dei dati personali, in relazione anche a quanto già specificato. L'obbligo della non divulgazione del segreto professionale rimane a carico dell assistente sociale anche dopo la morte dell utente a tutela del diritto alla riservatezza di cui gli eredi sono i depositari secondo le normali regole successorie quali ideali continuatori della personalità dello scomparso. L'ultimo comma dell'articolo 622 c.p. che vi sto commentando affronta una delle problematiche più scottanti del rapporto fra deontologia professionale e ordinamento giudiziario. Tale comma prevede, infatti, il divieto di testimoniare al Giudice su fatti di cui egli sia venuto a conoscenza per ragioni dipendenti dall'esercizio della professione. E infatti è necessario subito ricordare che l'art. 200 c.p.p. contempla, al punto d), gli esercenti altri uffici o professioni ai quali la legge riconosce la facoltà di astenersi dal deporre, determinata dal segreto professionale, e tra questi - pertanto - vi sono anche gli assistenti sociali.

13 LA PRIVACY Dal 1 gennaio 2004 è in vigore il Codice della privacy, testo organico e integrato di tutte le disposizioni emanate dal 1996 in poi in materia di protezione dei dati personali. In Italia la normativa sulla privacy è stata oggetto, negli ultimi anni, di continui aggiornamenti in tutti gli ambiti. Non so se ci avete fatto caso ma una normativa instabile è generalmente un indicatore di tensioni e conflitti. Per gli operatori professionali la traduzione pratica di tutto ciò può essere un aumento di carte, di burocrazia e di stress lavorativo. La privacy (termine che verrà utilizzato per designare ogni aspetto dell ampia e variegata sfera della riservatezza) è cambiata nel tempo: da diritto della persona a essere lasciata in pace a diritto di controllare l uso che altri fanno di informazioni sul proprio conto ma anche un diritto alla libertà delle proprie scelte esistenziali. E emersa, da subito, la necessità di una nuova cultura che valutasse la privacy come un valore comune a tutti quelli che operano nel sistema che, al tempo stesso, avrebbe potuto garantire la dignità dell assistito nel suo percorso assistenziale. 1. Storia ed evoluzione del concetto di privacy Il diritto di privacy è il diritto dell'individuo di essere lasciato solo, è la pretesa giusta dell'individuo di determinare in che misura egli desidera condividere parte di sé con gli altri, e di determinare il suo controllo sul tempo, sul luogo e sulle circostanze debite per comunicare con gli altri. Essa significa il suo diritto di ritirarsi e di partecipare a seconda di come lo desidera. E' anche il diritto dell'individuo di controllare la diffusione dell'informazione su se stesso. Al momento della sua nascita, alla fine del 1800, il "right of privacy" si configurava come diritto di essere lasciato in pace (right to be let alone), di non subire intrusioni indesiderate nella sfera della vita privata, in una società caratterizzata da una circolazione delle informazioni sempre più vasta e veloce. L affermarsi di un right of privacy, distinto da quello al rispetto dell'onore, del decoro e della reputazione, ha origine sul finire dell 800 nel mondo anglosassone, espressione della libertà dell'individuo da ingerenze non gradite nella propria vita privata. A più di un secolo di distanza, oggi, da quella prima riflessione giuridica, il diritto alla privacy ha subito una notevole trasformazione, riconducibile a diversi fattori, che trovano la loro matrice comune nell evoluzione storico-politica della società. In tale evoluzione, si è passati da una visione statica e negativa della "privacy", intesa come strumento atto ad impedire la conoscenza, da parte di estranei, delle informazioni personali, ad una visione dinamica e attiva della stessa, intesa come strumento che il singolo ha a sua disposizione per controllare la raccolta, la classificazione e l uso di quelle informazioni da parte di chi gestisce le banche dati, nelle quali le stesse sono inserite e conservate (soggetti pubblici o privati). In merito a questo, si possono richiamare i diritti riconosciuti all interessato tra i quali quelli di conoscere l esistenza di trattamenti che lo riguardano, di essere informato circa le finalità del trattamento, di ottenere, dal titolare o dal responsabile, la comunicazione dei dati che gli appartengono, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, l aggiornamento, la rettifica, l integrazione dei dati inesatti o incompleti, l attestazione che tali modifiche siano state rese note a coloro ai quali i dati erano stati comunicati. Il concetto di privacy è inserito nella consapevolezza del carattere inarrestabile e rapido di

14 tale progresso a fronte della lentezza delle innovazioni istituzionali. La privacy assume quindi un duplice significato: - quello di diritto ad essere lasciati soli (inteso come diritto esclusivo di conoscenze delle vicende relative alla propria vita privata); - quello riferito alla tematica dei computers crimes (che si può intendere come dirittointeresse al controllo dei propri dati personali). Accanto alla tutela della vita privata si affianca, quindi, il nuovo rapporto tra l individuo e il potere pubblico e privato. Si nota, appunto, l esigenza di creare un controllo delle informazioni personali da parte del potere e, al di la di tale problematica politicoistituzionale, si deve considerare anche il problema della criminalità tecnologica (computers crimes, dicevo). ****** Orbene, con riferimento alle illecite schedature dei cittadini e alla divulgazione dei dati personali: 1. De iure condito, occorre verificare gli strumenti legislativi offerti dal nostro sistema positivo. 2. De iure condendo, constatata la sempre maggiore natura pubblicistica della privacy, è utile l analisi comparatistica tra diverse esperienze di politica criminale. La precedente definizione di privacy come interesse alla conoscenza esclusiva, deve essere rivista anche in relazione al sistema penale positivo. Il concetto di privacy visto sotto il duplice aspetto considerato, può essere inteso come classificazione fondamentale, alla quale ricondurre tutta una serie di interessi singolarmente considerati meritevoli di protezione. È proprio in relazione al termine privacy che si scorge l inadeguatezza del termine riservatezza che ne rappresenta solo un aspetto marginale. Da ricordare che quando al termine privacy associamo il termine vita privata, si considera la privacy in un campo strettamente tecnico. Si nota che al di là del tema in questione, nella elaborazione nord americana, il termine privacy ha assunto un contenuto così vasto per cui non lo si può ricondurre ad un unica nozione. Da ciò si giustifica l esistenza del più ampio right of privacy che racchiude tutta una serie di interessi che fanno pensare alla privacy come una clausola generale (cioè come un unico diritto della personalità) specificata dal giudice di volta in volta in relazione all interesse da tutelare. Appare però evidente che tale nozione aperta di privacy non può essere utilmente considerata come vigente nel diritto penale. In relazione al principio di tassatività e all esigenza di protezione del bene giuridico tutelato bisognerà valutare le posizioni di quella parte della dottrina che ritiene non specificato il bene vita privata, e ritenendo che sia stato già specificato dall art. 615 bis c.p. Quanto detto apre una nuova indagine volta a definire se sia sufficiente che il legislatore delimiti l apparente contenuto del bene. In Italia, l esistenza di un diritto alla riservatezza è stata oggetto di varie vicende giurisprudenziali, prima del riconoscimento in diritto positivo, avvenuto con la L. 675/96. Il suo fondamento era da ricercarsi nella L. 848/55, di ratifica ed esecuzione della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali - firmata a Roma il 4 novembre e del Protocollo addizionale - firmato a Parigi il 20 marzo , dove all art. 8 si affermava così: "Ogni persona ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, del suo domicilio e della sua corrispondenza. Non può aversi interferenza di un'autorità pubblica nell'esercizio di questo diritto a meno che questa ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria per la sicurezza nazionale, per la sicurezza pubblica, per il benessere

15 economico del paese, per la difesa dell'ordine e per la prevenzione dei reati, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà degli altri". Già nella Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo, - all art 12 si stabiliva che: Nessun individuo potrà essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa, nella sua corrispondenza, né a lesioni del suo onore e della sua reputazione. Ogni individuo ha diritto a essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o lesioni". La direttiva 95/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell ottobre 1995, dettava regole sulla tutela delle persone fisiche, riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione degli stessi. Nel dicembre dello stesso anno, venivano promulgate: la citata L. 675 e la L. 676, di delega al Governo in tema di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali. Il 30/6/2003 veniva varato, con D.Lgs. 196, il testo unico denominato Codice in materia di protezione dei dati personali. Dal 1996, pertanto, si è avviata una stagione di crescente interesse per il tema della privacy, con un susseguirsi di normative regolamentari e di pronunce dell Autorità Garante fino alla stipula del suddetto codice entrato in vigore nel La recente Costituzione per l Europa, all art. II-68 sancisce che ogni persona ha diritto alla protezione dei dati di carattere personale che la riguardano. Tali dati devono essere trattati secondo il principio di lealtà, per finalità determinate e in base al consenso della persona interessata o a un altro fondamento legittimo previsto dalla legge. Ogni persona ha il diritto di accedere ai dati raccolti che la riguardano e di ottenerne la rettifica. Il rispetto di tali regole è soggetto al controllo di un autorità indipendente. 2. Riservatezza e segreto (differenze) La differenza tra riservatezza e segreto è stata configurata da molti come una differenza di grado del bene tutelato, che sarebbe sempre lo stesso, consistendo sempre nella riservatezza, intesa come modo di essere negativo della persona rispetto alla conoscenza altrui; modo di essere che, rispetto a certi particolari settori e manifestazioni della vita privata, diventa completamente negativo, assumendo, così, i contorni del segreto. La distinzione tra riservatezza e segreto viene individuata, allora, contrapponendo l interesse al segreto, vale a dire ad impedire che terzi vengano a conoscenza della notizia, e l interesse alla riservatezza, vale a dire a precludere la divulgazione e la pubblicizzazione della notizia stessa. L interesse di fondo che si vuole garantire è, ad ogni modo, lo stesso e consiste, almeno in parte, in un esigenza di isolamento morale della persona, accanto alla quale, però, è stata individuata anche quella, ulteriore, di stare con gli altri alle proprie condizioni. 3. Il consenso informato Il consenso informato lo troviamo in occasione, per esempio, di ricoveri ospedalieri (per interventi chirurgici) ma, anche, in quelle situazione di particolare disagio sociale (quali, ad esempio, una perdurante crisi familiare in cui vi potrebbero essere coinvolti soggetti minori). Può essere espresso per iscritto o verbalmente. Nel caso del consenso espresso verbalmente è necessaria la dell avvenuta espressione del consenso da parte del professionista o dell operatore che agisce per conto di un organismo che riceve, appunto, tale consenso.

16 Il consenso deve essere ottenuto, di norma, prima del trattamento dei dati anche se, in certe circostanze, è consentito provvedere successivamente: per esempio, nel caso vi siano delle situazioni gravi che impediscono l immediato reperimento del consenso. La comunicazione dei dati deve avvenire in forma intelligibile, anche attraverso l utilizzo di grafia comprensibile; in caso di comunicazione di codici o sigle, devono essere forniti, anche mediante gli incaricati, i parametri per la comprensione del relativo significato. Il consenso informato può essere espresso da un'altra persona, solo se questa è stata chiaramente delegata; titolare del bene giuridico tutelato è sempre l utente, mentre nel caso di minore o incapace di intendere e di volere, è il legale rappresentante. Badate, il consenso dei parenti prossimi non ha alcun significato legale. 4. Privacy e dati genetici Il Consiglio d Europa, con la raccomandazione n. 97 del 2004 sull argomento, afferma che L espressione dei dati genetici si riferisce a tutti i dati, indipendentemente dalla tipologia, che riguardano i caratteri ereditari di un individuo o le modalità di trasmissione di tali caratteri nell ambito di un gruppo di individui legati da vincoli di parentela. Ed aggiunge che L espressione dati genetici si riferisce ugualmente ad ogni dato che riguardi lo scambio di informazione genetica relativa ad un individuo o a una discrepanza genetica, in rapporto con gli aspetti, quali che siano, della salute o di una malattia, ne costituiscono o meno un carattere identificabile. Perché vi ho dato notizia di questa Raccomandazione del Consiglio d Europa? Perché questa norma è richiamata nella delega parlamentare che ha condotto alla preparazione ed alla redazione della Legge 675/96. Dunque, i dati genetici potranno essere utilizzati solo con particolari modalità e per finalità di tutela della salute, ricerca scientifica ed epidemiologica o utilizzo probatorio in sede giudiziaria. L'autorizzazione generale, necessaria per rendere legittimo il trattamento dei dati genetici, è rivolta agli esercenti le professioni sanitarie, alle strutture sanitarie pubbliche e private, ai laboratori di genetica, agli enti ed istituti di ricerca, agli psicologi, sociologi, assistenti sociali e consulenti tecnici, ai farmacisti (limitatamente ai dati indispensabili per la fornitura dei farmaci), agli avvocati e agli investigatori privati (limitatamente alle operazioni e ai dati necessari per svolgere investigazioni difensive, a patto che il diritto sia di pari rango di quello dell'interessato). La protezione dei dati personali fissa i limiti per l'utilizzo di questa delicatissima categoria di dati, legata alla sfera più intima della persona, e per il rispetto dei diritti fondamentali e della dignità della persona. Si possono utilizzare tali dati sensibili in relazione alle garanzie necessarie allorquando sia indispensabile ricorrere all'utilizzazione di dati genetici per circoscritte e tassative finalità di tutela della salute dell'interessato o di un terzo appartenente alla stessa linea genetica, di ricerca scientifica e statistica finalizzata alla tutela della salute della collettività in campo medico, biomedico o epidemiologico, o per finalità probatorie in un procedimento civile o penale. Il trattamento è di regola ammesso solo dopo aver acquisito il consenso scritto dell'interessato e dopo averlo comunque specificamente informato sugli scopi perseguiti, sui risultati che si intendono conseguire, sui diritti che egli ha di opporsi al trattamento, sul periodo di conservazione dei dati e dei campioni biologici. Il consenso è sempre revocabile.

17 5. Privacy e segreto professionale Le informazioni sulla salute di un paziente sono utili per la cura del soggetto, ma possono rivelare anche altri dati sensibili. Il trattamento di questi dati deve essere conforme alla legge, altrimenti il rischio è quello di violare il diritto di riservatezza. Quando si fa riferimento a dati sensibili, la normativa della privacy ha una portata maggiore rispetto al segreto professionale che deve mantenere il professionista. La legge, tuttavia, viene considerata inutile da molte categorie professionali e operatori sociali dato che il rapporto utente/assistente sembrerebbe già sufficientemente tutelato dalle norme deontologiche. La legge, però, può essere letta diversamente in relazione alle varie prospettive in cui è posta. Infatti da un lato permette all interessato il controllo dei dati, inclusa la circolazione, e dall atro apre consapevolmente delle falle in relazione al segreto professionale, anche se con lo scopo di tutelare il terzo o la collettività. Stefano Rodotà (ricorderete, primo garante della privacy) afferma che viene tutelato il diritto di ognuno all autodeterminazione informativa e alla non discriminazione, ma allo stesso tempo sottolinea che il diritto dell utente a mantenere la riservatezza sui dati deve decadere quando il trattamento di questi è indispensabile e strettamente utile per la tutela di terzi e collettività. A tal proposito l art 23 della legge 675/96 afferma che gli esercenti, le professioni sanitarie e gli organi sanitari pubblici possono trattare i dati idonei a rivelare lo stato di salute di un paziente solo con l autorizzazione del Garante, anche in mancanza del consenso del paziente stesso, in relazione alla tutela di terzi e della collettività, per il perseguimento di tutela di incolumità fisica e della salute. 6. Caratteristiche della privacy Da tempo la privacy ha assunto un significato più ampio: non è solo la difesa della sfera privata, ma è la possibilità di ciascuno di controllare l'uso delle informazioni che lo riguardano in quanto, nelle società attuali, queste informazioni rappresentano elementi fondamentali nell'organizzazione sociale, nell'efficienza amministrativa ed imprenditoriale. Il problema dell'ammissibilità di una tutela della riservatezza distinta e complementare rispetto alla tutela dell'onore, del decoro e della reputazione in quanto avente per oggetto il riserbo, l'intimità della vita privata, considerati come interessi direttamente meritevoli di protezione è stato per lunghi anni oggetto di discussione che ha coinvolto dottrina e giurisprudenza. La legge 196 / 2003 (di cui vi parlerò tra poco) ha introdotto nel nostro ordinamento una disciplina sulla protezione dei dati personali e ha istituito un organo di garanzia del rispetto dei diritti della personalità per quanto attiene alle multiformi attività di trattamento dei dati stessi. La tutela dei dati personali è generalmente considerata uno dei contenuti della riservatezza. Quest'ultima e l'identità personale (la cui menzione costituisce un tratto originale della normativa italiana) si pongono come specificazioni di una disciplina che colloca i dati personali in una dimensione propriamente costituzionale visto che, ai sensi dell'art.1, il loro trattamento deve svolgersi nel rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali, nonché della dignità delle persone fisiche. La complessità dei soggetti, delle attività e delle formule che autorizzano alla trattazione dei dati propone ancora una volta l affermazione di una ovvietà: l obbligo di riservatezza sui contenuti degli incontri professionali, nonché sulla documentazione ad essi attinente,

18 deve essere tenuto nei confronti di tutti indistintamente, siano essi privati cittadini, autorità pubbliche o colleghi. 7. Eccezioni di divulgazione dei dati Vi sono dei casi specifici in cui è possibile, ovvero eccezionalmente accettato, divulgare i dati in possesso. 1. La prima eccezione è costituita dall Autorizzazione al trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale rilasciata dal Garante per la protezione dei dati personali. L autorizzazione è rilasciata in via generale e preventiva, senza che i professionisti interessati ne debbano fare richiesta. La ratio di tale autorizzazione appare chiara: consentire lo svolgimento del proprio lavoro utilizzando e rivelando, nella sola misura strettamente indispensabile alla corretta prestazione professionale, alcune informazioni sullo stato di salute fisico e psichico dell utente che, altrimenti, sarebbero protette, sia dalla legge 675/96 che dal più ampio dovere di segreto professionale. 2. La seconda eccezione al generale dovere di mantenere il segreto su quanto appreso per doveri professionali è costituita dai rapporti tra il professionista e l Autorità giudiziaria. Anche il Codice Deontologico si occupa del problema ma, solo per la professione medica, viene in soccorso l art. 365 del codice penale, nel secondo comma, che ammette una importante deroga posta proprio a tutela del segreto professionale ed a garanzia di quella libertà del professionista di cui si è già accennato. Difatti, voi tutti sapete che il referto può essere omesso in tutti quei casi in cui la sua proposizione esporrebbe la persona assistita ad un procedimento penale. Ciò significa che il medico ha l obbligo di referto quando il proprio cliente riferisce gli elementi che integrano l ipotesi di un delitto perseguibile d ufficio senza che ne possa rimanere coinvolto, in caso contrario il medico deve omettere il referto. 8. Misure di sicurezza per la riservatezza dei dati personali Queste misure di sicurezza sono dei provvedimenti tecnici, logistici e organizzativi programmati e attuati per l effettiva tutela dei dati personali. Si distinguono in: - Misure di sicurezza minime, tese a ridurre i rischi di distruzione o perdita di dati, di accesso non autorizzato o di trattamento non conforme alla normativa. Devono essere periodicamente aggiornate, in rapporto al progresso tecnologico e alla tipologia dei rischi; la loro adozione è obbligatoria. L omissione, qualora si verifichi un evento di danno, comporta responsabilità penale. - Misure di sicurezza idonee: sono destinate a ridurre i rischi. Sono da individuarsi in base alle soluzioni tecniche concretamente disponibili e alle esigenze peculiari di ogni ambito. Da carenze di tali misure possono conseguire addebiti di responsabilità civile. Estrema attenzione dovrà essere riservata alla custodia di documenti contenenti dati sensibili. 9. La legge 675/1996 e il decreto l.vo 196/2003 Come detto fino ad ora, il principale obiettivo della L. 31 dicembre 1996, n. 675, c.d. legge sulla privacy, era quello di garantire che il trattamento di dati personali si svolga nel rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali e della dignità dei soggetti.

19 La normativa non riguardava solo le banche dati vere e proprie, ma tutti i trattamenti di dati, intendendosi per trattamento qualsiasi operazione, svolta con strumenti manuali o elettronici avente ad oggetto dati di persone fisiche o di enti collettivi. Infatti, la L. 675/1996, parifica il regime dei dati relativi alle persone fisiche a quello proprio delle informazioni concernenti le persone giuridiche pubbliche e private, gli enti e le associazioni non riconosciute e riconosce che il trattamento dei dati personali è lecito sempre che siano rispettati una serie di adempimenti formali che hanno lo scopo di tutelare la persona rispetto all intrusione di un terzo nella sua vita privata. Per verificare se il trattamento dei dati si svolga secondo le regole dettate dalla legge, sono previsti due fondamentali passaggi. Il primo riguarda l informativa che riceverà l interessato il quale potrà, in questo modo, conoscere tutti i dettagli circa il trattamento, compresi l ambito e la durata dello stesso. Particolari formalità di raccolta ed utilizzazione sono previste per i cosiddetti dati sensibili e per quelli di cui all art. 686 del c.p.p. (iscrizioni nel casellario giudiziario). Per questi dati, infatti, il trattamento svolto da soggetti privati è possibile solo con il consenso scritto dell interessato e con la contemporanea autorizzazione del Garante. Il secondo passaggio attiene all istituzione dell Autorità Garante che ha conoscenza, anche tramite la notificazione, del trattamento in corso ed al quale sono attribuiti una serie di poteri di vigilanza, controllo, regolamentazione, decisione, stimolo normativo, nonché informazioni nei confronti dell opinione pubblica. Sempre in termini generali va ancora ricordato che la "legge sulla privacy" evidenzia la necessità di bilanciare i rapporti intercorrenti tra la tutela della riservatezza ed altri diritti costituzionalmente garantiti. 10. Privacy e lavoro. Tutela della salute. Fino a quando non si ha l'occasione di leggere il testo della legge sulla privacy si può pensare che essa sia essenzialmente indirizzata alla categoria dei giornalisti per proteggere l'ignaro cittadino dai golosi scoop ai quali detti professionisti sono dediti, nonché ad altri soggetti operanti soprattutto in campo informatico e multimediale (in particolare ai pirati informatici, ai gestori di reti, ai venditori per corrispondenza, ecc.) che sono in grado di registrare e catalogare le caratteristiche e le azioni del singolo che si avventura per le autostrade informatiche. Ma la lettura del testo fa ricredere lo studioso giacché si avvede subito che molti sono i soggetti che vengono chiamati in causa. La normativa è, infatti, dedicata alla protezione del cittadino per quanto riguarda la sua riservatezza e la tutela della sua identità personale, caratteristiche denominate comunemente privacy. I dati personali tutelati dalla legge sono tutti quei dati che sono identificativi del soggetto fisico, giuridico, di ente o associazione e, quindi, come tali, anche i dati anagrafici, o addirittura un eventuale indicazione numerica identificativa della persona. Il legislatore probabilmente all'inizio non aveva esteso le sue considerazioni ai dati che obbligatoriamente vengono trattati nel mondo del lavoro ed in particolare a quelli finalizzati alla tutela dai rischi con le attività lavorative ed il cui trattamento peraltro è previsto da vari disposti legislativa. Le attività di sicurezza e protezione lavorativa richiedono l'istituzione di una serie di documenti non sempre esplicitamente previsti dall'attuale legislazione in materia, nei quali vengono contenuti dati che per il loro significato possono avere la connotazione di sensibili. La norma quindi prevede che i dati sensibili possano essere trattati nei luoghi di lavoro soltanto nei casi specificamente previsti ed essere trattati soltanto da soggetti sottoposti

20 all'obbligo del segreto d'ufficio e non debbano essere, in alcun caso, comunicati a impiegati dell'ufficio del personale se non per le informazioni indispensabili alle assunzioni di decisioni attinenti alle mansioni relative dell'interessato.

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili.

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Da questo principio deriva, per tutti gli operatori sanitari,

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE . DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Moderna definizione della DEONTOLOGIA Strumento di informazione e guida permanente nell esercizio professionale, diretto sin dalla preparazione universitaria a realizzare una

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei Il rispetto della privacy. Cosa comporta la presenza dell altro? Quale altro? Quando vale e per chi il segreto professionale? Cosa introduce nel processo comunicativo? E fuori dal segreto professionale

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 (il "Codice") ART. ADEMPIMENTO (destinatari

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria.

Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione e biometria. Aspetti pratici della corretta gestione degli adempimenti necessari. Privacy e rapporto di lavoro. Controlli del datore di lavoro su internet ed e-mail. Sistemi di videosorveglianza, geolocalizzazione

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

Nozioni generali in materia di privacy. Genova, 7 ottobre 2013

Nozioni generali in materia di privacy. Genova, 7 ottobre 2013 Nozioni generali in materia di privacy Genova, 7 ottobre 2013 Termine anglosassone traducibile con riservatezza Nasce nel 1800 e si configura come diritto ad essere lasciato in pace OVVERO Non subire intrusioni

Dettagli

Garante per la protezione dei dati personali (G. U. 29 dicembre 1997, n. 279)

Garante per la protezione dei dati personali (G. U. 29 dicembre 1997, n. 279) Garante per la protezione dei dati personali (G. U. 29 dicembre 1997, n. 279) Autorizzazione n. 2/1997 al trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale IL GARANTE VISTA la

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Allegato 2) COMPENDIO DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PREMESSA La presente trattazione, che si colloca nell ambito delle attività

Dettagli

AVIS COMUNALE MILAZZO

AVIS COMUNALE MILAZZO Con l introduzione del D.Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali, che dal lontano 2004 è diventato operativo sostituendo la L. 675/1996, molte sono le domande sulla necessità di una nuova legge

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory.

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_6.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory. Pagina 1 di 9 La tutela della privacy Il quadro normativo italiano 1.1. La cosiddetta "legge sulla privacy" La più importante legge italiana in materia di "privacy" è la l. 31 dicembre 1996, n. 675, "Tutela

Dettagli

Garante per la protezione dei dati personali

Garante per la protezione dei dati personali Garante per la protezione dei dati personali Autorizzazione n. 3/2000 al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni In data odierna, con la partecipazione

Dettagli

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012 Privacy Novità legislative e giurisprudenziali Gabriele Faggioli Intel, 11 luglio 2012 1 Considerazioni iniziali Il 2011 e il 2012 sono stati caratterizzati da importanti novità nel settore normativo della

Dettagli

Il problema non e garantire la privacy. E educare chi non la vuole ad apprezzarla

Il problema non e garantire la privacy. E educare chi non la vuole ad apprezzarla La tutela della riservatezza: inquadramento normativo e criticità Il problema non e garantire la privacy. E educare chi non la vuole ad apprezzarla (Umberto Eco) La tutela della riservatezza: inquadramento

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196)

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno

Dettagli

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Perché la Provincia istituisce il Registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento? La Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

Codice di deontologia osteopatica

Codice di deontologia osteopatica SOCIETA ITALIANA DI OSTEOPATIA Codice di deontologia osteopatica ANNO 2014 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione Il Codice di deontologia osteopatica di seguito indicato con il termine di Codice

Dettagli

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale COMUNE DI CASAZZA Comune di Casazza Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale in ottemperanza del D.Lgs. 196/2003 e s.m. Adottato con DCC n.

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI [doc. web n. 3620014] Autorizzazione n. 3/2014 - Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni - 12 dicembre 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Garante per la protezione dei dati personali AUTORIZZAZIONE 13 dicembre 2012 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte dei liberi professionisti. (Autorizzazione n. 4/2012). (GU n.3 del

Dettagli

Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003.

Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003. Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003. Adottato con deliberazione n. 706 del 30/12/2014 Articolo 1

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DI PAZIENTI ED UTENTI

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DI PAZIENTI ED UTENTI INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DI PAZIENTI ED UTENTI (Ai sensi dell'art. 13 del Codice della Privacy - D. Lgs.30 Giugno 2003, n. 196 "Testo Unico delle norme in materia di tutela delle

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PROVVEDIMENTO 31 gennaio 2002 Autorizzazione al trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale. (Autorizzazione n. 2/2002). IL

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI. Circolare n. 3 del 10 aprile 2004

STUDIO DOTT. BONVICINI. Circolare n. 3 del 10 aprile 2004 STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 3 del 10 aprile 2004 Settore: Oggetto: PRIVACY IL CODICE DELLA PRIVACY: NOVITÀ E CONFERME Riferimenti: D.Lgs. 30.6.2003, n. 196 Dall 1.1.2004 è in vigore il nuovo Testo

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Approvato con Deliberazione Consiliare N 18 del 17/03/2008 SOMMARIO : CAPO I

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 11.06.2015 Indice Capo I - Principi generali

Dettagli

COMUNE DI MARCIGNAGO

COMUNE DI MARCIGNAGO COMUNE DI MARCIGNAGO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI MARCIGNAGO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 27.09.2011 SOMMARIO:

Dettagli

Roma, 18/06/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 123

Roma, 18/06/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 123 Ufficio Centrale di monitoraggio e coordinamento in materia di protezione dei dati personali e accesso alle banche dati Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale

Dettagli

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp? Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1042761 Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE 1 Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Informativa

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI SOCI AOBI. Principi generali

CODICE DEONTOLOGICO DEI SOCI AOBI. Principi generali Principi generali 1. I Soci AOBI, in particolare i Soci Ordinari e i Soci Professionali, nell esercizio della propria attività ed anche al di fuori di essa, devono uniformare il proprio comportamento all

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI MISURE MINIME DI SICUREZZA INDICE Articolo 1 - Ambito

Dettagli

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione CARTA DI TORINO 2008 Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione Il testo è stato redatto dal Consiglio dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e dal Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree

Dettagli

Il certificato medico: deontologia e diritto

Il certificato medico: deontologia e diritto Il certificato medico: deontologia e diritto Il certificato medico è la prestazione di carattere medico legale più comune della medicina clinica e perciò è necessario che chi la svolge abbia una chiara

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione n. 2/2013 - Autorizzazione al trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale (In corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale) IL GARANTE PER LA PROTEZIONE

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI (a norma dell art. 29, comma 4, del Codice in materia di protezione dei dati personali, emanato con decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, più oltre

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014 Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni martedì 14 ottobre 2014 Organizzazione dell intervento I PARTE Le origini della Privacy: trasformazione sociale e adeguamento normativo

Dettagli

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Ai sensi e nel rispetto dell art. 13 D.Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 recante il Codice in materia di protezione dei dati personali, ed in relazione ai dati personali di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SANT EGIDIO ALLA VIBRATA (Provincia di Teramo) Tel. 0861/846511 Fax 0861/840203 Part. IVA: 00196900674 e-mail: info@comune.santegidioallavibrata.te.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.)

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) CODICE DEONTOLOGICO Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) Modificato dal Direttivo A.I.Te.R.P il 15 Dicembre 2012 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERAL I Definizione... 3 TITOLO II COMPITI

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati (Pubblicata sulla G.U. n. 196 del 24 agosto 2007 - supp. ord. n. 186) Registro delle Deliberazioni Del. n.

Dettagli

Il Trattamento dei dati personali

Il Trattamento dei dati personali Il Trattamento dei dati personali Obblighi e adempimenti del professionista dott. Francesco Loppini LA PRIVACY DAL PUNTO DI VISTA STORICO In Italia, a partire dal 1981, numerosi disegni di legge: Il progetto

Dettagli

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Dr. Ivan Salvadori Dottorando in Diritto Penale dell Informatica Facoltà di Giurisprudenza di Verona LA STRUTTURA DEL CODICE DELLA PRIVACY 1 PARTE:

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI 1 Informativa Privacy Fondazione Ettore Sansavini per Ricerca Scientifica Onlus INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

DOSSIER SU PROGETTI DI LEGGE

DOSSIER SU PROGETTI DI LEGGE IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l assistenza giuridico-legislativa in materia di affari istituzionali DOSSIER SU PROGETTI DI LEGGE Argomento: Proposta di legge n. 285 Modifica all

Dettagli

INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. 30.06.2003, N. 196

INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. 30.06.2003, N. 196 Associazione per la Ricerca Scientifica Via A. Cesalpino, 2-90128 Palermo Italia C.F.: 97187000829 c/c postale: 51331064 codice iban- IT15 0076 0104 6000 0005 1331 064 e-mail: emmanuele.ars@hotmail.it

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP

Dettagli

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. N.196/03

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. N.196/03 INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. N.196/03 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Desideriamo informarla che il Decreto Legislativo 196/2003 Codice in materia di protezione

Dettagli

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il Codice privacy è entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e riunisce in un unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi in materia, i regolamenti e i codici

Dettagli

Regolamento Comunale per l'utilizzo dei sistemi di. videosorveglianza

Regolamento Comunale per l'utilizzo dei sistemi di. videosorveglianza COMUNE DI SIRMIONE PROVINCIA di BRESCIA Regolamento Comunale per l'utilizzo dei sistemi di videosorveglianza approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 4 ottobre 2007 INDICE Art. 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 46 del 16.11.2010 INDICE: Art. 1 - Premessa Art. 2 Principi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA approvato con delibera G.C. n. 291 del 18 ottobre 2007 1 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI SOGGETTI RESPONSABILI Art. 1 Finalità e definizioni P.

Dettagli

Allegato "C" all'atto n. 83.995/27.791 di repertorio CODICE DEONTOLOGICO. Principi e regole vincolanti per gli iscritti al ROI

Allegato C all'atto n. 83.995/27.791 di repertorio CODICE DEONTOLOGICO. Principi e regole vincolanti per gli iscritti al ROI Allegato "C" all'atto n. 83.995/27.791 di repertorio CODICE DEONTOLOGICO Principi e regole vincolanti per gli iscritti al ROI Principi generali Art. 1 Gli iscritti al ROI, di seguito indicati con il nome

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli