All Area Affari Giuridici e Contenzioso S E D E

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "All Area Affari Giuridici e Contenzioso S E D E"

Transcript

1 Circolare n. 42/D Protocollo: 2355 Rif.: Allegati: Vs. Roma, 17 giugno 2002 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Agli Uffici delle dogane di BIELLA VERCELLI SASSARI REGGIO EMILIA - AREZZO e, per conoscenza: Al Dipartimento delle Politiche Fiscali V.le Europa, ROMA Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, ROMA Al Servizio Consultivo Ispettivo Tributario SE.C.I.T ROMA All Area Personale, Organizzazione e Informatica S E D E All Area Affari Giuridici e Contenzioso S E D E All Area Verifiche e Controlli Tributi Doganali e Accise, Laboratori Chimici - SEDE AREA GESTIONE TRIBUTI E RAPPORTI CON GLI UTENTI Ufficio Regimi Doganali e Fiscali Roma, Via Mario Carucci 71 Telefono Fax

2 Agli Uffici di Diretta Collaborazione del Direttore S E D E Al Servizio Autonomo Interventi nel Settore Agricolo S E D E Alla Camera di Commercio Internazionale - Sezione Italiana Via XX Settembre, ROMA Alla Confederazione Generale dell'industria Italiana Viale dell'astronomia, ROMA Alla Confederazione Generale dell'agricoltura C.so Vittorio Emanuele, ROMA Alla Confederazione Generale Italiana del Commercio, del Turismo e dei Servizi P.zza G. Belli, ROMA All'Unione Italiana Camere di Commercio, Industria ed Artigianato P.zza Sallustio, ROMA Al Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Via XX Settembre, ROMA Alla Federazione Nazionale Spedizionieri Italiani Via Postumia, ROMA Alla Confederazione Generale Traffico e Trasporti Via Panama, ROMA 2

3 All'E.N.I. P.zza Enrico Mattei, ROMA All'Unione Petrolifera Via Giorgione, ROMA All'Associazione Nazionale Commercio Estero (A.N.C.E.) Corso Venezia, 47/ MILANO OGGETTO: Procedure di domiciliazione. Articolo 12 del Decreto Chiarimenti applicativi. Da parte della Confindustria è stato sottoposto a questa Area Centrale un quesito concernente l adeguamento delle autorizzazioni, rilasciate anteriormente al , data di entrata in vigore del Decreto , alle nuove modalità di rilascio e utilizzo del beneficio delle procedure di domiciliazione di cui al citato Decreto ed alla Circolare 11/D prot. 1176/VII/SD del , la cui scadenza per l adeguamento è stata prevista al 30 giugno 2002 dall art.12 del ripetuto decreto. Al fine di contemperare le esigenze dell Agenzia con gli interessi degli utenti e per assicurare la continuità operativa dei soggetti beneficiari delle anzidette autorizzazioni si forniscono i seguenti opportuni chiarimenti. CAPITOLO I PROCEDURA DI ADEGUAMENTO Ai sensi di quanto disposto dall articolo 12 del citato Decreto , i soggetti, già in possesso di autorizzazione alla procedura di domiciliazione ed interessati a mantenere tale beneficio, debbono presentare l apposita istanza, di cui al modello C allegato al suddetto Decreto, entro e non oltre la data del 30 giugno

4 L istanza di adeguamento deve essere trasmessa, tramite la Direzione circoscrizionale dell Agenzia delle Dogane ove è ubicata la sede legale dell impresa, alla relativa Direzione Regionale e, per conoscenza, ad ogni Direzione circoscrizionale interessata in relazione al/ai luogo/luoghi prescelto/i per l arrivo e la partenza delle merci, secondo le modalità stabilite dall articolo 3, comma 2, del citato Decreto Ai fini del previsto adeguamento la Direzione circoscrizionale interessata provvederà ad accertarsi che l istanza relativa sia stata compilata in ogni sua parte ed avrà particolare cura ad accertare ogni variazione intervenuta circa: a) Lo status di legale rappresentante. In caso di variazione dei legali rappresentanti la Circoscrizione doganale dovrà provvedere alla verifica a tappeto delle autocertificazioni concernenti i requisiti soggettivi dichiarati dai nuovi rappresentanti legali, secondo quanto disposto dalla Circolare 172/D prot. 5596/II/AGP del In particolare, dovranno essere presi in esame i requisiti e le condizioni stabiliti dall articolo 2 del Decreto Nel caso di assenza di modifiche, ai fini di controllo e di tutela degli interessi dell Agenzia, per i requisiti soggettivi continueranno a trovare applicazione, in via generale, le verifiche a campione, come previsto dalla Circolare della Funzione Pubblica n. 8 del per tutti i casi di utilizzo di autocertificazione. All atto della presentazione dell istanza di adeguamento i certificati o le relative autocertificazioni dovranno essere trasmessi ex novo se quelli già in possesso degli Uffici risultano di data anteriore a sei mesi. b) Requisito di cui alla legge , n. 575 (nulla osta ai fini antimafia). Nel caso in cui siano intervenute le variazioni di cui al punto a) o variazioni relative alla ragione sociale della società il possesso del requisito deve risultare dal certificato camerale munito della relativa attestazione o dal certificato rilasciato dalla competente Prefettura. c) Inesistenza di procedure esecutive e/o concorsuali. Tale requisito deve essere attestato in caso di cambio di ragione o denominazione sociale e/o variazione dell assetto societario della Ditta istante tramite esibizione del certificato camerale con relativa attestazione o del certificato del Tribunale. Il suddetto requisito può essere anche autocertificato dal legale 4

5 rappresentante ed in tal caso si richiama quanto previsto al precedente punto a) in materia di controlli. d) Istruttoria. L istruttoria relativa al rilascio delle autorizzazioni deve concludersi entro 90 giorni (cfr. Regolamento di attuazione degli artt. 2 e 4 della Legge , n. 241 approvato con D.M , n. 678), dalla presentazione dell istanza che, ripetesi, deve essere presentata entro e non oltre il 30 giugno Dal successivo 1 luglio le Ditte che non hanno presentato l istanza entro il predetto termine non potranno più usufruire delle relative autorizzazioni, che pertanto debbono intendersi automaticamente decadute. Le competenti Direzioni circoscrizionali avranno cura di segnalare tempestivamente i nominativi dei soggetti che non hanno presentato istanza di adeguamento all Area Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti Ufficio Regimi Doganali e Fiscali. E appena il caso di precisare che i soggetti, che non abbiano presentato la ripetuta istanza nei prescritti termini, potranno richiedere ex novo l autorizzazione alla procedura di domiciliazione, con le modalità di cui al decreto Nel caso in cui la Ditta beneficiaria presenti istanza di adeguamento entro il termine stabilito, l istruttoria da parte della Direzione circoscrizionale competente ha inizio dal giorno in cui è presentata l istanza ed ha termine con l emanazione da parte della competente Direzione Regionale del nuovo provvedimento autorizzatorio o con l eventuale provvedimento di diniego. Si richiama l attenzione di codeste Direzioni Regionali su quanto previsto dall articolo 2, comma 3 del citato Decreto in materia di sospensione della procedura autorizzatoria. CAPITOLO II PERIODO TRANSITORIO Procedura autorizzatoria data di rilascio delle nuove autorizzazioni Nel caso in cui le istruttorie, relative alle istanze presentate entro il 30 giugno, non siano terminate entro tale data con l emissione del relativo provvedimento di 5

6 autorizzazione, i soggetti richiedenti sono autorizzati ad avvalersi dell autorizzazione precedentemente rilasciata e ad utilizzare l eventuale relativo timbro speciale di cui all allegato 62 del Reg. (CEE) 2454/93. A decorrere dalla data del rilascio della nuova autorizzazione da parte della Direzione Regionale competente le autorizzazioni rilasciate dall Amministrazione Centrale cesseranno definitivamente di avere efficacia e, pertanto, l eventuale timbro speciale di cui all allegato 62, del Reg. (CEE) n. 2454/92, non potrà più essere utilizzato e dovrà essere restituito alla dogana, per il successivo inoltro all Istituto Poligrafico dello Stato per la deformazione. Nelle more del rilascio al soggetto beneficiario del suddetto timbro speciale relativo alla nuova autorizzazione, l esemplare n. 3 del D.A.U. potrà essere preautenticato mediante preventiva apposizione nella casella A dell impronta del timbro dell ufficio doganale competente e della firma di un funzionario di detto ufficio ai sensi dell articolo 286, paragrafo 2, lettera a) del Reg. (CEE) 2454/93. In alternativa, per aderire a numerose richieste di operatori che hanno evidenziato le difficoltà di ordine operativo connesse con l apposizione del suddetto timbro doganale sui formulari predisposti per la compilazione meccanografica, potrà essere consentito, su richiesta scritta dell interessato, con possibilità di contestuale indicazione nella stessa istanza di adeguamento, che l attivazione dell autorizzazione, rilasciata ai sensi del Decreto , decorra solo a partire dalla data di consegna del nuovo timbro speciale da parte dell Istituto Poligrafico dello Stato. Gli Uffici operativi vigileranno con la massima cura al fine di escludere che contemporaneamente possa essere utilizzata la precedente e la nuova autorizzazione. Di quanto sopra le Direzioni Regionali dovranno fare apposita menzione nel corpo della lettera con cui vengono inviate agli uffici interessati le autorizzazioni rilasciate a seguito di adeguamento. Ad evitare l insorgenza di irregolarità con le difformità tra l impronta del timbro speciale ed il cliché utilizzato per la preautenticazione dei formulari, si rammenta che il prestampaggio del timbro speciale di cui al più volte citato allegato 62 del Reg. (CEE) 2454/93 da parte delle tipografie autorizzate può essere consentito solo dopo l effettivo rilascio del suddetto timbro da parte dell Istituto Poligrafico dello Stato. 6

7 Tipografie autorizzate Restano confermati, senza necessità di ulteriori richieste di parte e qualora beninteso ne sussistano le condizioni, i provvedimenti con i quali sono state rilasciate ai soggetti beneficiari le autorizzazioni ad avvalersi del prestampaggio del timbro speciale di cui al più volte citato allegato 62 presso tipografie già riconosciute. Numerazione delle autorizzazioni Si richiama l attenzione delle Direzioni Regionali sulla necessaria attribuzione a tutte le autorizzazioni rilasciate di un numero progressivo indipendentemente dalla sigla IM o SR. Requisiti oggettivi relativi ai luoghi di arrivo e/o partenza delle merci. Nel caso in cui nell istanza di adeguamento il beneficiario richieda contestualmente nuovi luoghi di arrivo e partenza delle merci, questi può attestarne la disponibilità anche mediante una dichiarazione sostitutiva come previsto dalla citata circolare 11/D, punto 2, lettera e), ferma restando l acquisizione da parte del competente ufficio doganale preposto al controllo, in occasione del rituale sopralluogo, della documentazione a relativa comprova della disponibilità stessa. La disponibilità dell area attrezzata indicata nell istanza potrà giuridicamente derivare anche per effetto di norme legge (cfr. ad es. nota prot. 1064/IV/AGT del concernente le procedure di domiciliazione per l importazione di gas metano di origine naturale in applicazione del D.lvo 164/2000). Con l occasione si ritiene utile suggerire che tale dichiarazione venga richiesta anche per i luoghi precedentemente autorizzati e per i quali l Amministrazione non sia in possesso di alcun titolo giuridico comprovante la disponibilità dell area attrezzata. In proposito si richiama quanto già riportato al punto a) relativamente al controllo delle dichiarazioni. 7

8 Elenco delle merci. Per le imprese industriali, commerciali ed agricole le Direzioni Regionali che rilasciano le nuove autorizzazioni o provvedono ad adeguare quelle precedentemente rilasciate dalla Direzione Centrale, dovranno sempre indicare nell autorizzazione l elenco delle merci ammesse al beneficio. Tale elenco, che può anche figurare su un foglio a parte, è finalizzato ad individuare il tipo di merci oggetto dell autorizzazione ed a consentire all Ufficio doganale una maggiore facilità e speditezza nella effettuazione dei controlli. E appena il caso di precisare che l elenco delle merci escluse, indicato nell articolo 4, comma 2, del decreto deve essere riferito sia ai soggetti intermediari che alle imprese industriali, commerciali ed agricole, come indicato nella risoluzione n.2/d prot. 2117/IV/AGT del CAPITOLO III DISPOSIZIONI A CARATTERE GENERALE GESTIONE ORDINARIA Codeste Direzioni Regionali, nel trasmettere i nuovi provvedimenti di autorizzazione all Area Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti Ufficio Regimi Doganali e Fiscali -, vorranno comunicare il/i nominativo/i del/i legale/i rappresentanti delle Società ammesse alla procedura di domiciliazione nonché il numero della Partita Iva dei beneficiari, onde consentire l aggiornamento della banca dati relativa ai soggetti autorizzati. Nell ipotesi di rilascio dell autorizzazione alla procedura di domiciliazione per il regime del deposito dovranno esserne indicati, nel corpo della stessa, gli estremi del relativo provvedimento autorizzatorio. Si precisa che i soggetti beneficiari debbono comunicare agli uffici doganali competenti ogni modifica intervenuta nell ambito della gestione dell autorizzazione, compresa la variazione dei legali rappresentanti. In caso di mancata comunicazione, la Direzione circoscrizionale provvederà ad emettere formale richiamo al beneficiario. In particolare, nell ipotesi di trasferimento della sede legale del beneficiario in ambito regionale diverso da quello precedente, con conseguente attribuzione della 8

9 competenza della gestione dell autorizzazione ad altra Direzione Regionale, si forniscono, le seguenti precisazioni sulla procedura da adottare. La Società beneficiaria dovrà effettuare comunicazione del trasferimento della propria sede legale alla Direzione Regionale che ha rilasciato l autorizzazione e per conoscenza a tutte le Direzioni circoscrizionali interessate. Per rendere più rapido l iter amministrativo del trasferimento, la predetta Direzione Regionale invierà d ufficio alla consorella, competente per la nuova sede legale, il carteggio completo relativo all autorizzazione precedentemente emessa; quest ultima provvederà, ferma restando la validità dell istruttoria precedentemente esperita e semprechè non siano intervenute ulteriori variazioni, ad attribuire alla stessa, con la massima tempestività, una nuova numerazione, secondo le modalità previste dalla citata circolare n. 11/D del Resta inteso che il beneficiario dovrà necessariamente richiedere un nuovo timbro speciale all Istituto Poligrafico dello Stato recante la numerazione attribuita in sede di aggiornamento. Nelle more della concessione della nuova autorizzazione sarà seguita la medesima procedura già prevista per le autorizzazioni rilasciate a seguito di istanza di adeguamento come indicato nel precedente Capitolo II. Per una corretta gestione delle autorizzazioni al beneficio delle procedure di domiciliazione codeste Direzioni vorranno, infine, provvedere ad impartire le opportune disposizioni ai dipendenti Uffici, al fine di pubblicizzare al massimo la data di scadenza del per l adeguamento delle autorizzazioni di che trattasi, non mancando di evidenziare quanto riportato al punto d), in ordine alle conseguenze connesse alla mancata presentazione dell istanza entro la predetta data. Ogni inconveniente sarà immediatamente portato a conoscenza di questa Area. Il Direttore dell Area Centrale Dr. A Tarascio 9

Circolare n. 27/D. Roma, 18 luglio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Circolare n. 27/D. Roma, 18 luglio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Circolare n. 27/D Protocollo: 3966 Rif.: Allegati: Vs. Roma, 18 luglio 2005 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

ALLE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI ALLE DIREZIONI DELLE CIRCOSCRIZIONI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI

ALLE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI ALLE DIREZIONI DELLE CIRCOSCRIZIONI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI CIRCOLARE N. 74/D Protocollo: Rif.: Allegati: 10479/IP Vs. Roma, 3 dicembre 2004 ALLE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DELLE DOGANE ALLE DIREZIONI DELLE CIRCOSCRIZIONI DELL AGENZIA DELLE DOGANE AGLI UFFICI

Dettagli

Circolare n. 37/D. Roma, 29 settembre 2005. Alle Direzioni Regionali Loro Sedi. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi

Circolare n. 37/D. Roma, 29 settembre 2005. Alle Direzioni Regionali Loro Sedi. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi Roma, 29 settembre 2005 Protocollo: 2074/5201 Rif.: Allegati: 1 Circolare n. 37/D Alle Direzioni Regionali Loro Sedi Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi Agli Uffici delle

Dettagli

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, 51 00162 ROMA

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, 51 00162 ROMA Circolare n. 75/D Protocollo: Rif.: 5998/IV/AGT Vs. Roma, 11 Dicembre 2002 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Allegati: 3 Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane

Dettagli

Circolare n.22/d. Roma, 28 dicembre 2012. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Circolare n.22/d. Roma, 28 dicembre 2012. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Circolare n.22/d Roma, 28 dicembre 2012 Protocollo: 144003 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e,

Dettagli

Agli Uffici delle Dogane di

Agli Uffici delle Dogane di CIRCOLARE N. 4/D Roma, 11 febbraio 2004 Protocollo: 4837 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni delle Circoscrizioni Doganali LORO SEDI Agli Uffici

Dettagli

Circolare n. 6/D. Roma, 26 gennaio 2005. All. Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Direzioni delle Circoscrizioni doganali

Circolare n. 6/D. Roma, 26 gennaio 2005. All. Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Direzioni delle Circoscrizioni doganali Circolare n. 6/D Protocollo: 8532 Roma, 26 gennaio 2005 Rif.: legati: 2 la le Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Ufficio

Dettagli

Ad ACCREDIA. DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTI E CONTROLLI Ufficio Metodologia dei Controlli e degli accertamenti in materia di accise

Ad ACCREDIA. DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTI E CONTROLLI Ufficio Metodologia dei Controlli e degli accertamenti in materia di accise CIRCOLARE N. 7/ D Roma, 06 maggio 2013 Protocollo: 24643 / R.U. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Rii.: Agli Uffici delle dogane Loro sedi Allegati: 1 e, per conoscenza: Alla Direzione

Dettagli

CIRCOLARE 52/D. Roma, 28 dicembre 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE 52/D. Roma, 28 dicembre 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE 52/D Protocollo: 1653 Rif.: Allegati: 2 Vs. Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 20/D Protocollo: 2548 Roma, 16 aprile 2003 Rif.: Allegati: Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Roma, 1 febbraio 2012 Protocollo: Rif.: 148047 /RU Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane Allegati: Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI

Dettagli

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 20/D Protocollo: 74 Roma, 13 maggio 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

Roma, 12 maggio 2008. Alle Direzioni Regionali. Agli Uffici delle Dogane. All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti

Roma, 12 maggio 2008. Alle Direzioni Regionali. Agli Uffici delle Dogane. All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti Roma, 12 maggio 2008 Protocollo: 3215 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali Agli Uffici delle Dogane All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti All Area Centrale Verifiche e controlli

Dettagli

Circolare n. 19/D. Roma, 15 novembre 2013. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Circolare n. 19/D. Roma, 15 novembre 2013. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Circolare n. 19/D Roma, 15 novembre 2013 Protocollo: 131265 Rif.: Allegati: 2 Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 2/D. Roma, 19/03/ 2003. Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI 1095/V/AGT

RISOLUZIONE N. 2/D. Roma, 19/03/ 2003. Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI 1095/V/AGT RISOLUZIONE N. 2/D Roma, 19/03/ 2003 Protocollo: Rif.:. Allegati: 1095/V/AGT Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni delle circoscrizioni dell Agenzia delle Dogane LORO

Dettagli

Roma, 10 ottobre 2008

Roma, 10 ottobre 2008 Protocollo: 31544 Allegati: Roma, 10 ottobre 2008 Alle Direzioni Regionali Agli Uffici delle dogane LORO SEDI Alle Aree Centrali Agli Uffici di Diretta Collaborazione del Direttore Al SAISA SEDE Al Dipartimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/D. Roma, 1 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 34/D. Roma, 1 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 34/D Roma, 1 luglio 2004 Protocollo: 4053 Rif.: Allegati: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

e, per conoscenza: Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI

e, per conoscenza: Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI Protocollo: 7521 Rif.: Allegati: 1 Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/D. Roma, 11 aprile 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE N. 13/D. Roma, 11 aprile 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE N. 13/D Roma, 11 aprile 2005 Protocollo: Rif.: Allegati: 1337/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia

Dettagli

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c.

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c. Roma, 24 dicembre 2004 Protocollo: 3933 Rif.: Allegati: 1 CIRCOLARE n. 80/D Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, p.c. Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/D. Roma, 6 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE N. 36/D. Roma, 6 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE N. 36/D Roma, 6 luglio 2004 Protocollo: 2655 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni delle Circoscrizioni

Dettagli

Circolare n. 7/D. e p.c. Roma, 18 febbraio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza

Circolare n. 7/D. e p.c. Roma, 18 febbraio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza Roma, 18 febbraio 2004 Circolare n. 7/D Protocollo: 7652 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle

Dettagli

Roma, 16.10.2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

Roma, 16.10.2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Roma, 16.10.2002 Protocollo: 2339.02 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Circoscrizioni Doganali Agli Uffici delle Dogane di BIELLA VERCELLI

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

Roma, 30 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Roma, 30 dicembre 2004 Protocollo: 5574 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/D. e p.c.

CIRCOLARE N. 16/D. e p.c. CIRCOLARE N. 16/D Roma, 11 maggio 2011 Protocollo: Rif.: Allegati: 26922 / RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Alle Sezioni Operative Territoriali e p.c.

Dettagli

Roma, 15/10/2008. A: Direzioni Regionali Uffici delle Dogane

Roma, 15/10/2008. A: Direzioni Regionali Uffici delle Dogane Roma, 15/10/2008 Protocollo: 34826 / ACVCT /V A: Direzioni Regionali Uffici delle Dogane Rii.: Allegati: 1 Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali DG dello Sviluppo agroalimentare Assitol

Dettagli

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, ROMA

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, ROMA Circolare n. 37/D Protocollo: 3557 Rif.: Allegati: Vs. Roma, 7 luglio 2004 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Prot.4601/ACGT IL DIRETTORE

Prot.4601/ACGT IL DIRETTORE Prot.4601/ACGT IL DIRETTORE Visto il Testo Unico delle disposizioni legislative in materia doganale approvato con D.P.R. 23 gennaio 1973, n.43, e, in particolare gli articoli 50, 51 e 52 che dettano norme

Dettagli

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Impresa in un giorno - 13 IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Le imprese che iniziano l attività di agente o rappresentante di commercio devono presentare la segnalazione certificata di inizio

Dettagli

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali Protocollo: Rif.: Allegati: n. 169792/RU Roma, 23.12.2009 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI Agli Uffici di

Dettagli

Roma, 16 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

Roma, 16 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Roma, 16 dicembre 2004 Protocollo: 5496 Rif.: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Allegati: Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

Roma, 30 giugno 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 3265/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza

Roma, 30 giugno 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 3265/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza Roma, 30 giugno 2003 Protocollo: Rif.: Allegati: 3265/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

Roma, 4 novembre 2004

Roma, 4 novembre 2004 Roma, 4 novembre 2004 Protocollo: 3305 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Rif.: Allegati: Vs. Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 38/D Roma, 23 ottobre 2008 Protocollo: 31326 Rif.: Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI All.ti 1 Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici di Diretta Collaborazione del Direttore

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005 Protocollo: Segue: Allegati: n. 13209/CC Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle dogane LORO SEDI

Dettagli

RISOLUZIONE N.4/D. Roma, 21 agosto 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI

RISOLUZIONE N.4/D. Roma, 21 agosto 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI RISOLUZIONE N.4/D Roma, 21 agosto 2002 Protocollo: 2423 Rif.: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane - TUTTE Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI Allegati: Agli Uffici delle Dogane di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA DIREZIONE GENERALE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO E LE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti

Dettagli

OGGETTO: Art. 82 del D. Lgs. 59/2010. Modifiche al D.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43, in materia di attività di spedizioniere doganale.

OGGETTO: Art. 82 del D. Lgs. 59/2010. Modifiche al D.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43, in materia di attività di spedizioniere doganale. CIRCOLARE 19/D Roma, 24/06/2011 Protocollo: Rif.: All.: 75654 RU Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Al Consiglio Nazionale degli Spedizionieri

Dettagli

REGOLAMENTO. Premessa

REGOLAMENTO. Premessa REGOLAMENTO RECANTE LE MODALITÀ PER L ACCREDITAMENTO E LA VIGILANZA SUI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI CHE SVOLGONO ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI SERVIZI DI REGISTRAZIONE E DI MESSA A DISPOSIZIONE DELLE CREDENZIALI

Dettagli

Gas metano - SNAM RETE GAS S.p.A. - Approvazione dei verbali di misura/allocazione del gas naturale.

Gas metano - SNAM RETE GAS S.p.A. - Approvazione dei verbali di misura/allocazione del gas naturale. CIRCOLARE N. 73/D Roma, 17 dicembre 2003 Protocollo: 5056 Rif.: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Allegati: n. 8 e, per conoscenza: All Area Affari Giuridici e Contenzioso

Dettagli

F A X. Roma, 30 giugno 2001

F A X. Roma, 30 giugno 2001 F A X Roma, 30 giugno 2001 Prot. n. 1721 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Ai Laboratori Chimici

Dettagli

M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D

M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D Roma, 16 novembre 2012 Protocollo: 115366 / R.U. Alle Direzioni interregionali, regionali, e provinciali Rif.: Agli Uffici delle dogane Loro sedi Allegati: e, per conoscenza:

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 20 maggio 2015 Prot. 58510/RU Rif.: 17631/RU /2015 46452/RU/2015 Allegati: Alle Direzioni Regionali, Interregionali ed Interprovinciale Agli Uffici delle dogane All Agenzia delle entrate Direzione

Dettagli

AVVISO FORMAZIONE ELENCO IMPRESE PER AFFIDAMENTO IN ECONOMIA O TRAMITE PROCEDURA NEGOZIATA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

AVVISO FORMAZIONE ELENCO IMPRESE PER AFFIDAMENTO IN ECONOMIA O TRAMITE PROCEDURA NEGOZIATA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AREA 24 S.p.A. Corso Cavallotti, 51 18038 SANREMO Tel. 0184 524066 / Fax 0184 524064 area24spa@area24spa.it AVVISO FORMAZIONE ELENCO IMPRESE PER AFFIDAMENTO IN ECONOMIA O TRAMITE PROCEDURA NEGOZIATA DI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati RISOLUZIONE N. 52/E Roma, 17 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

Dettagli

Con la presente vengono fornite indicazioni ai fini dell autorizzazione all esercizio di detta modalità di gioco.

Con la presente vengono fornite indicazioni ai fini dell autorizzazione all esercizio di detta modalità di gioco. Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i giochi Ufficio 11 - Bingo Roma, 17 giugno 2011 AI CONCESSIONARI DEL GIOCO A DISTANZA

Dettagli

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco REGISTRO UFFICIALE USCITA Prot. n. 19712 del 05/10/2015 s.06.04.01 Lavori Preparatori Alle All Alle Ai Agli Agli Direzioni Centrali LORO SEDI Ufficio Centrale Ispettivo SEDE Direzioni Regionali e Interregionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

SEDI SEDI ROMA ROMA SEDE OGGETTO:

SEDI SEDI ROMA ROMA SEDE  OGGETTO: Roma, 11 febbraio 2015 Protocollo: Rif.: Allegati: 17631/RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali ed Interprovinciale di Trento di Bolzano SEDI Agli Uffici delle dogane SEDI e, p.c.: All Agenzia delle

Dettagli

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*)

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*) Riferimento SIMEST.. (a cura del destinatario) SIMEST SPA DIPARTIMENTO AGEVOLAZIONI CORSO VITTORIO EMANUELE II, N.323 00186 R O M A DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE

Dettagli

Roma, 28 gennaio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 317/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza

Roma, 28 gennaio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 317/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza Roma, 28 gennaio 2004 Protocollo: Rif.: Allegati: 317/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c.

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c. CIRCOLARE N. 23/D Roma, 27 luglio 2007 Protocollo: 2192/IV/2007 Rif: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I Allegati: e, p.c. All Avvocatura Generale dello Stato Via dei Portoghesi,

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle imprese Roma, 29 settembre 2014, prot.

Dettagli

Avvio dal 1 gennaio 2009 delle funzionalità dell ufficio di partenza/ingresso.

Avvio dal 1 gennaio 2009 delle funzionalità dell ufficio di partenza/ingresso. Roma, 16 dicembre 2008 Protocollo: n. 55060 Rif.: Alle Direzioni Regionali delle Dogane Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Aree Centrali Agli Uffici di diretta Collaborazione del Signor

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2007

Roma, 13 dicembre 2007 Roma, 13 dicembre 2007 Protocollo:7179 Rif.: Allegati: e per conoscenza: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni delle Circoscrizioni Doganali Agli Uffici

Dettagli

Roma, 14 novembre 2007

Roma, 14 novembre 2007 Roma, 14 novembre 2007 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Protocollo: 6661 Rif.: Allegati: Agli Uffici delle Dogane Alle Circoscrizioni doganali Agli Uffici Tecnici di Finanza TUTTE e,

Dettagli

Roma, 20.03.2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI.

Roma, 20.03.2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Roma, 20.03.2009 RU 29696 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici di diretta collaborazione del Direttore

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/D. 32223/RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali

CIRCOLARE N. 6/D. 32223/RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali CIRCOLARE N. 6/D Roma, 4 aprile 2012 Protocollo: Rif.: Allegati: 32223/RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Agli Uffici delle dogane E p.c. a: Alle Direzioni Centrali Agli Uffici di

Dettagli

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

e, p.c.: All Area Centrale Affari Giuridici e Contenzioso SEDE All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti SEDE

e, p.c.: All Area Centrale Affari Giuridici e Contenzioso SEDE All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti SEDE Circolare n. 18/D Roma, 6 maggio 2005 Protocollo: 126.05 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N 930/68 DEL 13/10/2011 1 1.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

Oggetto: Dogane Rilascio certificati EUR 1 Punto della situazione.

Oggetto: Dogane Rilascio certificati EUR 1 Punto della situazione. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 11 maggio

Dettagli

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo Eventi sismici della provincia dell Aquila Vice Commissario delegato alle operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni sfollate e per l accelerazione e la chiusura della prima fase dell emergenza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità in capo ai componenti dell organo di amministrazione, dell organo di controllo e al responsabile

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/D. Agli UTF. Alle Aree Centrali

CIRCOLARE N. 46/D. Agli UTF. Alle Aree Centrali CIRCOLARE N. 46/D Roma, 12 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali delle Dogane Protocollo: 7274 Rif.: Allegati: Alle Circoscrizioni doganali Agli UTF AUTORE: ANGELO CUTRONA Agli Uffici delle Dogane Alle

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Roma, 31 luglio 2007. All'Unione Italiana delle Camere di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato Piazza Sallustio, 21 00187 ROMA

Roma, 31 luglio 2007. All'Unione Italiana delle Camere di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato Piazza Sallustio, 21 00187 ROMA Roma, 31 luglio 2007 Protocollo: 5357 Rif.: Allegati: All'Unione Italiana delle Camere di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato Piazza Sallustio, 21 Alla Camera di Commercio Internazionale Via

Dettagli

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1.

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1. Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL Revisione 1. PROCEDURE ecolabel rev1 Premesso che : regolamento CE n. 1980/2000

Dettagli

BERTOLINI CARBURANTI S.r.l. Via F.lli Cervi, n. 151 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.301818 r.a. Telefax 0522.308321

BERTOLINI CARBURANTI S.r.l. Via F.lli Cervi, n. 151 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.301818 r.a. Telefax 0522.308321 BERTOLINI CARBURANTI S.r.l. Via F.lli Cervi, n. 151 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.301818 r.a. Telefax 0522.308321 Circolare n. 01/2003 A tutte le Aziende di Autotrasporti Protocollo n. 01997 Reggio

Dettagli

Oggetto: Attuazione delle disposizioni in materia di certificazione e documenti d identità.

Oggetto: Attuazione delle disposizioni in materia di certificazione e documenti d identità. Trascrizione OCR nota MIUR del 7 dicembre 2012 numero 3364 Dipartimento per l Istruzione * Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Oggetto: Attuazione delle disposizioni in materia di

Dettagli

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23-09-2015 Messaggio n. 5864 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche trasmesse

Dettagli

Provincia di Caserta Settore Ambiente, Ecologia e Gestione Rifiuti

Provincia di Caserta Settore Ambiente, Ecologia e Gestione Rifiuti LINEE GUIDA PER L'ISCRIZIONE DELLE IMPRESE E DEGLI ENTI SOTTOPOSTI ALLE "PROCEDURE SEMPLIFICATE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 214, 215 E 216 DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED

Dettagli

Roma,13 giugno2005. A ledirezioniregionali LORO SEDI. A ledirezionicircoscrizionali del Agenzia deledogane LORO SEDI

Roma,13 giugno2005. A ledirezioniregionali LORO SEDI. A ledirezionicircoscrizionali del Agenzia deledogane LORO SEDI Protocollo: 3210 Rif.: Allegati: Vs. Roma,13 giugno2005 A ledirezioniregionali del AgenziadeleDogane A ledirezionicircoscrizionali del Agenzia deledogane AgliU ficitecnicidifinanza e,perconoscenza: AgliUfficideledogane

Dettagli

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910)

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910) Roma, 25.02.2008 Protocollo: 535/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

Nuove modalità di trasmissione in Dogana dei documenti di transito T1/T2 allo sdoganamento.

Nuove modalità di trasmissione in Dogana dei documenti di transito T1/T2 allo sdoganamento. Trasmissine Protocollo: 52705/RU Rif.: Allegati: vari Milano, 05.08.2011 Ai Titolari di Procedura di Domiciliazione LORO SEDI Ai destinatari autorizzati nel regime del transito LORO SEDI per il tramite

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

CIRCOLARE N. 53/D. Roma, 23 novembre

CIRCOLARE N. 53/D. Roma, 23 novembre CIRCOLARE N. 53/D AREA AFFARI GIURIDICI E CONTENZIOSO UFFICIO CONTENZIOSO AMMINISTRATIVO Roma, 23 novembre Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle dogane Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE - CREDENZIALI DI ACCESSO E REGISTRAZIONE NELL AREA RISERVATA - COMPILAZIONE DOMANDA ISCRIZIONE - FIRMA

Dettagli

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale del Garante): BENEFICIARIO FINALE (denominazione / ragione sociale PMI beneficiaria): LINEA D INTERVENTO PRESCELTA Linea

Dettagli

TRASFERIMENTO DI TITOLARITA DI FARMACIA A SOCIETA CAMPO DI APPLICAZIONE

TRASFERIMENTO DI TITOLARITA DI FARMACIA A SOCIETA CAMPO DI APPLICAZIONE TRASFERIMENTO DI TITOLARITA DI FARMACIA A SOCIETA CAMPO DI APPLICAZIONE Questa procedura si applica al trasferimento della titolarità di una farmacia a società di persone. SCOPO Scopo della procedura è

Dettagli

Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale LORO SEDI

Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale LORO SEDI Roma, 20/10/2014 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale LORO SEDI Protocollo: Rif.:a nota prot.n. Allegati: 117274.RU E p.c. Direzione Centrale antifrode e controlli Direzione Centrale

Dettagli

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 30.09.2014 Protocollo: RU 106795 Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013

Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013 Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013 Benefici fiscali sul gasolio per autotrazione per il quarto trimestre 2012. Appuntamento al 31 Gennaio 2013 Benefici fiscali sul gasolio per autotrazione per il quarto

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

M I N U T A. Roma, 06 settembre 2011. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali. Agli Uffici delle dogane. Loro sedi. e, per conoscenza:

M I N U T A. Roma, 06 settembre 2011. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali. Agli Uffici delle dogane. Loro sedi. e, per conoscenza: M I N U T A Roma, 06 settembre 2011 Protocollo: 75649 / R.U. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Rif.: Allegati: Agli Uffici delle dogane e, per conoscenza: Loro sedi Alla Direzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009 RISOLUZIONE N. 126/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2009 Oggetto: Acquisto di aeromobili e di altri beni e servizi destinati ad attività di trasporto aereo a prevalente carattere

Dettagli