STATUTO Articolo 1 DENOMINAZIONE E' costituito un Consorzio con attività esterna denominato Consorzio Regionale per l'energia e la Tutela Ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATUTO Articolo 1 DENOMINAZIONE E' costituito un Consorzio con attività esterna denominato Consorzio Regionale per l'energia e la Tutela Ambientale"

Transcript

1 STATUTO Articolo 1 DENOMINAZIONE E' costituito un Consorzio con attività esterna denominato Consorzio Regionale per l'energia e la Tutela Ambientale in sigla CRETA (di seguito Consorzio) tra enti e imprese. Gli enti sono quelli di cui all'art. 1 comma 2 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165 e successive modifiche ed integrazioni. Articolo 2 SEDE Il Consorzio ha sede legale e sede operativa per i rapporti con i terzi presso il Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica dell'università della Calabria, via Pietro Bucci, cubo 42 C - 7 piano, Arcavacata di Rende (Cosenza). Con deliberazione dell'assemblea dei Consorziati potrà essere modificata la sede consortile e/o esserne istituite sedi secondarie, uffici o recapiti, sia in Italia che all'estero. Articolo 3 SCOPO E OGGETTO 3.1. Il Consorzio non ha scopo di lucro. Esso si propone, per conto dei Consorziati o di terzi che ne facciano richiesta, nei limiti e nel rispetto della normativa tempo per tempo vigente, di coordinare le attività di acquisto, approvvigionamento, distribuzione, erogazione di ogni fonte di energia, nonché la prestazione di servizi e consulenze funzionali all'ottimizzazione dell'utilizzo di fonti energetiche e della tutela dell'ambiente. Il Consorzio può altresì vendere, fatti salvi i limiti di legge, ogni tipo di energia anche assumendo la forma di grossista In particolare il Consorzio ha per oggetto, sempre entro i limiti e nel rispetto della normativa tempo per tempo vigente: a) l'acquisto collettivo per i Consorziati di energia elettrica ai sensi del Decreto Legislativo 16 Marzo 1999 n. 79; b) la prestazione di servizi di assistenza e di consulenza tecnica per l'acquisto di energia in qualsiasi forma e per il suo utilizzo ottimale; c) stabilire, intrattenere e coordinare tutti i contatti che si ritengono proficui con istituzioni, associazioni, e gruppi che operano nel settore energetico e della tutela ambientale, sia nell'ambito nazionale che internazionale, al fine di promuovere le conoscenze, le tecniche e le realizzazioni relative all'uso razionale dell'energia; d) consulenza, progettazione, realizzazione e gestione di sistemi nonché lo sviluppo di nuove tecniche e tecnologie miranti al risparmio energetico e alla tutela ambientale; e) consulenza sulla valutazione dell'impatto ambientale dei sistemi di produzione, trasporto e

2 utilizzo dell'energia in qualsiasi forma; f) consulenza, progettazione e sviluppo di piani energetici aziendali, comunali, provinciali, regionali e nazionali; g) consulenza e progettazione di piani regolatori per lo sviluppo e la realizzazione di reti tecnologiche per il trasporto e la distribuzione dell'energia, con particolare riferimento ai centri urbani; h) consulenza, progettazione e sviluppo di sistemi di trasporto elettrici e/o ibridi funzionanti con fonti convenzionali e/o alternative e/o rinnovabili; i) verifica della compatibilità ambientale di sistemi per produzione di energia sotto qualsiasi forma e da qualsiasi fonte; j) consulenza, ricerca, progettazione, sviluppo, utilizzo, e verifica della compatibilità ambientale di sistemi elettrici per la produzione di energia mediante Generazione Distribuita prodotta da qualsiasi fonte: solare, eolica, termoelettrica ecc., con particolare attenzione alle aree rurali e ai piccoli comuni; k) consulenza, progettazione, sviluppo e utilizzo di dispositivi innovativi per la conversione di energia elettrica in meccanica e viceversa; l) consulenza per la localizzazione di impianti per la produzione e la distribuzione di energia di qualsiasi tipo; m) la costituzione o la partecipazione ad organismi (associativi, consortili, societari) con soggetti aventi le stesse finalità; n) il coordinamento della propria attività con quella di altri organismi aventi il medesimo oggetto; o) progettazione, realizzazione e gestione di impianti per la produzione di energia sotto qualsiasi forma e da qualsiasi fonte; p) la richiesta, l'acquisizione e la gestione di finanziamenti sia pubblici che privati utili al raggiungimento dell'oggetto consortile; q) svolgere attività formative nel settore energetico ambientale; r) svolgere attività di ricerca anche finalizzata al miglioramento del funzionamento dei Sistemi Elettrici di generazione, trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica; s) la richiesta, l'acquisizione e la gestione di finanziamenti nazionali ed internazionali sia pubblici che privati e di finanziamenti relativi a ricerche di sistema gestiti dal CERSE ai sensi del D.L. 26 Gennaio 2000 utili al raggiungimento dell'oggetto consortile; t) Svolgere tutte le attività proprie delle ESCO (Energy Service Company) per l'acquisizione e la commercializzazione nella Borsa all'uopo costituita dal Gestore del Mercato Elettrico (GME) o tramite contratti bilaterali dei TEE (Titoli di Efficienza Energetica) ai sensi del

3 Decreto del Ministero delle Attività Produttive 20 Luglio 2004; u) ogni altra attività pattuita tra il consorziato ed il Consorzio in materia energetica e tutela ambientale Il Consorzio può compiere tutte le operazioni e gli atti, instaurare rapporti ed in genere tutto quanto sia necessario od utile per il raggiungimento dell'oggetto sociale. Articolo 4 DURATA 4.1. La durata del Consorzio è fissata fino al (trentuno dicembre duemilatrenta), salvo proroghe o anticipato scioglimento che dovranno essere approvati dalla assemblea dei Consorziati secondo le maggioranze previste per le modifiche del presente statuto. Articolo 5 CONSORZIATI FONDATORI E CONSORZIATI ORDINARI AMMISSIONE DI NUOVI CONSORZIATI 5.1. I Consorziati che aderiscono al Consorzio all'atto della costituzione hanno la qualifica di Consorziati fondatori. Il Consorzio è altresì aperto all'adesione di enti e imprese che intendono aderire successivamente all'atto della costituzione. In tal caso hanno la qualifica di Consorziati ordinari Non possono in ogni caso essere ammesse le imprese con procedure concorsuali in atto e gli enti pubblici in condizione di dissesto finanziario I soggetti che intendano entrare a far parte del Consorzio debbono rivolgere domanda scritta al Consiglio Direttivo. Nella domanda dovranno dichiarare di essere a conoscenza di tutte le disposizioni del presente statuto, dei regolamenti e delle deliberazioni già assunte e di accettarle integralmente, compresi gli obblighi che da queste scaturiscono; la domanda dovrà essere corredata dalla documentazione ritenuta necessaria dallo stesso Consiglio Sulla domanda di ammissione delibera l'assemblea dei Consorziati, come previsto all'art. 9 del presente Statuto Il nuovo consorziato, pena la decadenza dalla qualifica, deve versare la quota di partecipazione consistente nei contributi: iniziale, annuale e straordinario, secondo quanto previsto dall'art. 7 del presente Statuto. Articolo 6 RECESSO ED ESCLUSIONE 6.1. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento al Consiglio Direttivo con preavviso di almeno sei mesi (fa fede il timbro postale), e comunque con effetto solo dalla scadenza del contratto di fornitura collettivo stipulato nell'ambito consortile, salvo che il Consiglio Direttivo autorizzi un'efficacia

4 anticipata. E' fatta salva la facoltà del Consiglio Direttivo di emettere un provvedimento di diniego temporaneo che può prevedere lo spostamento della decorrenza del recesso fino ad un massimo di due esercizi successivi alla ordinaria decorrenza del recesso come sopra stabilita nei seguenti casi: - per effetto del recesso, la variazione dei consumi complessivi del Consorzio provochi una sensibile riduzione del potere contrattuale del Consorzio nei confronti dei fornitori; - per i Consorziati fondatori, cioè firmatari dell'atto costitutivo, il recesso non potrà comunque decorrere anteriormente alla scadenza di un biennio successivo all'esercizio in cui è avvenuta la costituzione del Consorzio L'esclusione può essere deliberata nei confronti del consorziato che abbia perduto anche uno soltanto dei requisiti indicati all'art. 5, prescritti per l'ammissione, o che non sia più in grado di contribuire al raggiungimento degli scopi consortili o che si sia reso inadempiente alle obbligazioni derivanti dal presente Statuto, dai regolamenti o dalle deliberazioni consortili o a quelle assunte per suo conto dal Consorzio, o che si trovi nelle condizioni indicate all'art. 5 comma 5.2. L'esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo. La decisione ha effetto immediato In caso di recesso o di esclusione il consorziato non avrà diritto alla liquidazione del contributo iniziale, né ad alcun rimborso od indennizzo su contributi versati. Il contributo iniziale del consorziato receduto o escluso si accresce proporzionalmente a quelle degli altri. Permane, comunque, l'obbligo del Consorziato al pagamento del saldo del contributo annuale di gestione In ogni caso il consorziato receduto od escluso si obbliga a rispondere in proprio degli impegni assunti dal Consorzio a suo nome e/o a suo conto prima della data di esclusione o recesso e per la parte di sua pertinenza, sino al completo soddisfacimento degli impegni medesimi. A partire dalla data di esclusione o recesso il consorziato perde ogni diritto o beneficio derivatogli dall'appartenenza al Consorzio. Articolo 7 FONDO CONSORTILE - CONTRIBUTI INIZIALI - ANNUALI E STRAORDINARI - CORRISPETTIVI - FIDEIUSSIONI 7.1. Il fondo consortile è formato da contributi iniziali, annuali e straordinari nonché dall'importo delle penalità che eventualmente saranno pagate dai Consorziati per inadempienza ai patti consortili, da proventi per prestazioni rese ai Consorziati e a terzi non consorziati e da finanziamenti pubblici. Possono essere fonte di finanziamento donazioni di qualsiasi tipo, la cui accettazione deve essere deliberata dall'assemblea su proposta del Consiglio Direttivo sentito il parere obbligatorio del Comitato Tecnico Scientifico di cui

5 all'art Ogni Consorziato deve versare una quota di partecipazione consistente in: contributo iniziale, contributo annuale, per i Consorziati che aderiscono successivamente alla costituzione del Consorzio anche un eventuale contributo straordinario una tantum. Gli importi di tutti i contributi previsti nel presente comma, sono disciplinati dal Regolamento Consortile Generale (RGC). Per quanto non espressamente indicato dal RGC, le modalità di versamento dei contributi di cui al presente comma e di tutti gli apporti al fondo consortile sono disciplinati da appositi provvedimenti del Consiglio Direttivo Gli importi dei contributi di cui al punto 7.2 possono essere aggiornati mediante apposita modifica del Regolamento Generale Consortile, approvata dalla Assemblea dei Consorziati, su proposta del Consiglio Direttivo (art. 10 comma 10.6 lettera b)) che deve acquisire il parere obbligatorio del CTS, sulla base del conto preventivo disposto dallo stesso Consiglio, salvo conguaglio a consuntivo. Per la definizione della proposta di aggiornamento dell'importo del contributo straordinario una tantum, il Consiglio Direttivo dovrà tenere conto dell'attività svolta dal Consorzio sino a quel momento e dal vantaggio sia economico sia patrimoniale che il nuovo Consorziato acquisisce entrando a far parte del Consorzio stesso L'Assemblea potrà deliberare altresì contributi straordinari ove il fondo consortile sia insufficiente per la realizzazione degli scopi dello Statuto Il singolo consorziato dovrà al Consorzio quanto previsto per l'esecuzione di specifiche prestazioni da lui richieste e di cui abbia individualmente beneficiato; ogni specifica prestazione deve essere preceduta dalla costituzione di apposita cauzione o polizza fideiussoria, con beneficio del vincolo dell'escussione immediata Nei contributi iniziali e nei contributi annuali sono compresi esclusivamente le attività di cui all'art. 3 comma 3.2 lettera a) e precisamente: analisi dei diagrammi di prelievo e/o di immissione di energia elettrica, tutte le attività amministrative e di gestione relative all'acquisto di energia tramite contratti bilaterali (art 2 comma 9; art. 6 D. Lgs. 79/99). Ogni altra attività di cui all'oggetto sociale, nonché altra pattuita dal Consorzio con il singolo consorziato implicherà dei costi aggiuntivi, rispetto ai contributi iniziali e annuali, definiti da appositi accordi Per tutta la durata del Consorzio i Consorziati non potranno chiedere la divisione del fondo Il contributo iniziale al fondo consortile è incedibile ed intrasferibile a qualsiasi titolo e per qualsiasi causa. I creditori particolari dei Consorziati non possono far valere i loro diritti sul fondo medesimo (art Codice Civile), parimenti non è consentita la costituzione di

6 pegno e/o ipoteca della quota di partecipazione o il suo assoggettamento ad altro vincolo Il Consorziando che richiede una analisi preliminare per l'adesione al Consorzio per l'acquisto collettivo di energia sarà tenuto a pagare l'apposita consulenza fornita dal Consorzio mediante il Comitato Tecnico Scientifico. Qualora il Consorziando di fatto opterà per l'adesione e questa sarà deliberata dal Consorzio, tale importo dovrà essere considerato al fine della copertura parziale o totale degli importi relativi ai vari contributi previsti per l'adesione al Consorzio ed eventualmente anche a copertura di uno o più contributi annuali o parte di essi. Articolo 8 ORGANI DEL CONSORZIO Sono organi del Consorzio: a) l'assemblea dei Consorziati; b) il Consiglio Direttivo; c) il Presidente; d) il Collegio dei Revisori; e) il Comitato Tecnico Scientifico. L'elenco degli organi consortili di cui al presente articolo è fisso e può essere modificato da variazioni statutarie assunte con consenso unanime. Articolo 9 ASSEMBLEA DEI CONSORZIATI 9.1 Ogni consorziato nomina un proprio rappresentante nell'assemblea dei Consorziati (di seguito Assemblea) secondo le proprie regole di nomina delle rappresentanze esterne. L'Assemblea è costituita da tutti i rappresentanti dei Consorziati. Ciascun rappresentante ha diritto a un voto, non ha diritto di intervento né di voto il rappresentante del consorziato inadempiente agli obblighi statutari. Ciascun consorziato può farsi rappresentare in Assemblea dal rappresentante di un altro consorziato (purché adempiente agli obblighi statutari) mediante delega scritta. Nessun rappresentante può avere più di due deleghe, per un massimo di tre voti. Dell'Assemblea fa parte il Presidente del Consorzio che la presiede con diritto di voto. 9.2 L'Assemblea è convocata dal Presidente del Consorzio almeno due volte all'anno, mediante lettera raccomandata da spedirsi ai Consorziati almeno 10 giorni prima della data fissata per la riunione; in caso di urgenza mediante telegramma. L'invito dovrà contenere l'ordine del giorno, l'indicazione della data e dell'ora stabilita per la prima e la seconda convocazione ed il luogo in cui si svolgerà la riunione, che potrà essere diverso dalla sede consortile purché in Italia. La seconda convocazione non potrà essere fissata prima di 24

7 (ventiquattro) ore dalla prima convocazione. In prima convocazione, l'assemblea è validamente costituita con la presenza di un numero di rappresentanti che comprese le deleghe ad essi attribuite possano esprimere un numero di voti pari alla metà più uno dei Consorziati e delibera con un voto pari alla metà più uno di quelli esprimibili dai rappresentanti presenti (deleghe comprese) e, in seconda convocazione, l'assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei rappresentati presenti e delibera con voto pari alla metà più uno di quelli esprimibili dai rappresentanti presenti ( deleghe comprese); fanno eccezione le materie per le quali il presente Statuto dispone diversamente. La votazione avviene sempre con voto palese. 9.3 Le deliberazioni dell'assemblea devono constare da verbale, sottoscritto dal Presidente e dal segretario e trascritte in apposito libro di cui i Consorziati possono prendere visione ed ottenere estratti. Il ruolo del Segretario è svolto dal Direttore del Consorzio; in caso di assenza o inadempimento, il Presidente può designare un membro dell' Assemblea a svolgere tale compito o, se necessario, può nominare anche soggetti esterni all'assemblea. 9.4 L'Assemblea è competente a: a) determinare il numero dei membri del Consiglio Direttivo; b) eleggere i membri del Consiglio Direttivo ad esclusione del membro del Comitato Tecnico Scientifico di cui all'art. 10; c) nominare, tra i membri del Consiglio Direttivo, il Presidente ed il vice Presidente del Consorzio; d) nominare i membri del Collegio dei Revisori; e) determinare gli eventuali compensi del Presidente del Consorzio, del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori; f) approvare il bilancio annuale, relative variazioni e/o ratificare le stesse nel rendiconto di gestione; g) deliberare sulla eventuale modifica della sede consortile e/o di istituirne delle secondarie; h) deliberare sull'ammissione dei nuovi Consorziati; i) deliberare in merito ai possibili sistemi di acquisto di energia diversi dai contratti bilaterali; j) emanare direttive al Consiglio Direttivo per il miglior raggiungimento degli scopi consortili; k) deliberare l'eventuale regolamento di funzionamento delle Assemblee e, su proposta del Consiglio Direttivo, deliberare sull'approvazione e/o modifiche degli altri regolamenti consortili. Per i regolamenti di natura tecnica, quale ad es. il Regolamento Consortile per l'acquisto di Energia Elettrica nel mercato libero (RECAEE), deve essere acquisito il parere vincolante del CTS;

8 l) nominare i liquidatori determinandone i poteri; m) deliberare sulle modifiche del presente Statuto. Per le materie di cui ai punti l), e m), l'assemblea delibera con voto superiore ai due terzi dei voti esprimibili da tutti i rappresentanti dei Consorziati in prima convocazione, e superiore ad un terzo in seconda convocazione, fatte salve le diverse maggioranze imposte inderogabilmente dalla legge e/o dal presente statuto. 9.5 I costi connessi alla partecipazione dei rappresentanti dei Consorziati alle riunioni dell'assemblea (gettoni di presenza, rimborso spese di viaggio, assicurazioni etc.) sono a carico dei Consorziati che vi faranno fronte ognuno secondo le proprie disposizioni interne. 9.6 All'Assemblea si applicano, in quanto compatibili, le norme del Codice Civile che disciplinano l'assemblea delle Società a Responsabilità Limitata. Articolo 10 CONSIGLIO DIRETTIVO Il Consiglio Direttivo è composto da un numero dispari variabile da tre a sette membri compreso il Presidente del Comitato Tecnico Scientifico (CTS) o suo delegato. Con l'esclusione del Presidente del CTS (che è nominato dal DEIS), i restanti membri vengono eletti tra soggetti designati dagli organi dei Consorziati deputati alla nomina delle proprie rappresentanze esterne e ciascun Consorziato potrà esprimere un numero di voti pari al numero dei membri da eleggere, non potrà comunque essere espresso più di un voto per ciascun candidato. Risulteranno eletti i soggetti risultati più votati. Non possono essere designati a far parte del Consiglio Direttivo i membri dell'assemblea dei Consorziati. Ad eccezione del Presidente del Consorzio, i membri del Consiglio Direttivo non possono far parte dell'assemblea dei Consorziati. Il Consiglio è investito di tutti i poteri necessari per la gestione del Consorzio, salvo i poteri spettanti all'assemblea Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente del Consorzio di cui all'art I Consiglieri durano in carica tre anni e sono rieleggibili In caso di dimissioni o di decadenza di un consigliere, il Consiglio Direttivo può sostituirlo per cooptazione nel caso in cui non venga meno la maggioranza dello stesso, in tale ultimo caso la nomina verrà effettuata dall'assemblea. Gli amministratori nominati mediante cooptazione restano in carica fino alla successiva Assemblea, che provvederà eventualmente a rinnovare il mandato fino alla scadenza del triennio in corso o ad eleggere un nuovo consigliere, tuttavia i consiglieri restano in carica fino alla data della successiva elezione. La decadenza avviene per morte o a seguito di tre assenze consecutive e ingiustificate del consigliere Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente a mezzo di raccomandata, telegramma,

9 telefax o posta elettronica, da inviare almeno tre giorni prima della riunione, in caso di urgenza la convocazione deve essere inviata almeno ventiquattro ore prima. Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei presenti, in caso di parità prevale il voto del Presidente. La votazione avviene con voto palese su tutti gli argomenti Il Consiglio Direttivo si esprime, attraverso delibere, sulle seguenti materie: a) variazioni di bilancio e rendiconto di gestione, approvando la relativa proposta da sottoporre all'assemblea per l'approvazione definitiva; b) modalità di versamento e proposte di modifica degli importi dei contributi iniziale, annuale e straordinario di cui all'art. 7 comma 7.1 del presente Statuto; c) atti di ordinaria e straordinaria amministrazione del Consorzio, salvo quelli riservati, per legge o per disposizione del presente Statuto, alla competenza di altri organi; d) domande di recesso, ed esclusione dei Consorziati; e) proposte deliberative per l'assemblea relativamente all'accesso nella Borsa dell'energia da parte del Consorzio, acquisito il parere obbligatorio del Comitato Tecnico Scientifico; f) provvedimenti e misure delle penalità nei confronti del consorziato che commetta infrazioni alle disposizioni del contratto o dei regolamenti e/o alle delibere degli organi consortili; g) proposte di eventuali modifiche da apportare ai regolamenti consortili; h) delibera su un eventuale regolamento interno di funzionamento del Consiglio Direttivo; i) aggiornamento degli importi previsti per la copertura dei costi del CTS di cui all'articolo 14 comma 14.3 qualora detti importi non siano stabiliti dal Regolamento Consortile Generale (RCG) Comunica l'oggetto delle delibere adottate ai Consorziati. Le delibere devono constare da verbale sottoscritto dal presidente e dal segretario e trascritte in apposito libro di cui i Consorziati possono prendere visione ed ottenere estratti. Articolo 11 PRESIDENTE E VICE PRESIDENTE DEL CONSORZIO Il Presidente ed il Vice Presidente del Consorzio sono eletti tra i membri del Consiglio Direttivo dall'assemblea e durano in carica tre anni e sono rieleggibili Al Presidente spetta la rappresentanza legale e processuale del Consorzio, la presidenza dell'assemblea e del Consiglio Direttivo. Egli è competente a: a) rilasciare quietanze liberatorie delle somme di denaro, da chiunque ed a qualsiasi titolo, versate al Consorzio; b) convocare e presiedere l'assemblea e le riunioni del Consiglio Direttivo; c) dare disposizioni per l'esecuzione delle delibere degli organi consortili;

10 d) eseguire gli incarichi espressamente conferitigli dall'assemblea o dal Consiglio Direttivo; e) vigilare sulla tenuta e la conservazione dei documenti e dei libri del Consorzio In caso di assenza dichiarata, di impedimento, o su esplicita delega del Presidente del Consorzio le funzioni del Presidente sono esercitate dal vice Presidente, la cui firma fa fede, nei confronti dei terzi Il Presidente, qualora venga a conoscenza di qualche infrazione alle disposizioni del contratto o dei regolamenti o delle deliberazioni degli organi consortili, invita il consorziato inadempiente a presentare per iscritto le eventuali giustificazioni e convoca immediatamente il Consiglio Direttivo per deliberare consequenziali provvedimenti ed eventualmente determinare la misura delle penalità. La deliberazione del Consiglio Direttivo sarà comunicata dal Presidente al consorziato interessato a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Articolo 12 DIRETTORE DEL CONSORZIO Il Direttore del Consorzio è un membro del Comitato Tecnico Scientifico (CTS), di cui all'art. 14, ed è nominato dal Presidente dello stesso CTS Il Direttore del Consorzio svolge le seguenti funzioni: a) partecipa senza diritto di voto alle adunanze dell'assemblea e del Consiglio Direttivo fungendo da segretario; b) redige i verbali di seduta degli organi consortili (Assemblea, Consiglio Direttivo e CTS); c) coordina tra loro i vari organi consortili e le interazioni; d) assiste il Presidente del Consorzio nell'esecuzione delle delibere del Consiglio Direttivo; e) assiste il Consiglio Direttivo nella predisposizione del bilancio preventivo e consuntivo; f) dirige tutta l'attività degli uffici e dei servizi consortili, presta assistenza alle eventuali modifiche ai regolamenti. Su proposta del Presidente del Consorzio, previo parere favorevole deliberato dal Consiglio Direttivo, il Direttore può assumere i poteri di rappresentanza ed amministrazione Il Direttore cura altresì la stesura dei bandi di gara da sottoporre al Consiglio Direttivo per l'approvazione. Ne cura inoltre la pubblicità. Articolo 13 COLLEGIO DEI REVISORI Qualora l'assemblea lo ritenga opportuno, può essere nominato il Collegio dei Revisori che si compone di tre membri eletti dall'assemblea stessa, la quale nomina anche il Presidente del Collegio Alla attività del Collegio dei Revisori si applicano, in quanto compatibili, le norme del

11 Codice Civile che disciplinano il Collegio Sindacale delle Società per Azioni. Articolo 14 COMITATO TECNICO SCIENTIFICO (CTS) 14.1 Il Comitato Tecnico Scientifico (CTS), nominato dal Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica (DEIS) dell'università della Calabria, è costituito da 5 esperti in materia energetica. IL CTS ha un Presidente ed un Coordinatore che sono compresi tra i membri dello stesso CTS. Il DEIS, nomina altresì il Presidente del CTS che deve essere un Professore Ordinario oppure Associato oppure un Ricercatore, tutti del Raggruppamento Scientifico Disciplinare ING-IND/33. Il Presidente del CTS nomina il Coordinatore e il Direttore del Consorzio A tale organo consortile sono affidati i seguenti compiti: a) analizza i prelievi/immissioni di energia, sulla base di dati storici di ciascun consorziato, per la predisposizione della scheda tecnica di cui all' art. 2 del Regolamento Consortile per l'acquisto di Energia Elettrica nel mercato libero (RECAEE); b) redige il Disciplinare di gara per l'acquisto di energia elettrica da sottoporre ai produttori e distributori nel mercato libero; c) dà pareri vincolanti, in materia energetica, su tutte le attività del Consorzio. L'eventuale decisione contraria al parere, deve essere debitamente motivata dall'organo che la assume; d) svolge la funzione di commissione nelle gare d'appalto; e) fornisce le attività di consulenza di cui all'art. 3, avvalendosi se necessario, di collaborazioni esterne; f) analizza i prelievi/immissioni di energia, sulla base di dati storici, di terzi non Consorziati che ne facciano richiesta ai fini della valutazione di una eventuale adesione al Consorzio o ne facciano semplicemente richiesta; 14.3 I costi di funzionamento del CTS per le attività relative al precedente comma 14.2, sono finanziati dal Consorzio: per le attività di cui alle lettere a), b) e c), mediante una quota percentuale dei contributi annuali versati da ciascun consorziato e, per le attività di cui alle lettere da d) ad f), da proventi derivanti dalle singole attività svolte dal CTS per conto del Consorzio. Il Consorzio verserà gli importi relativi ai costi di funzionamento del CTS al Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica (DEIS) dell'università della Calabria che provvederà alla relativa copertura. Articolo 15 OBBLIGHI DEI CONSORZIATI 15.1 Ogni consorziato può avvalersi dei servizi connessi all'acquisto collettivo di energia elettrica di cui all'articolo 3 comma 3.2 lettera a) e si impegna, in tal caso, a comunicare al

12 Consiglio Direttivo le eventuali variazioni nel proprio fabbisogno di energia elettrica Il consorziato che sia Ente Pubblico Territoriale si impegna a reinvestire parte dei risparmi conseguiti dall'accesso al mercato libero rispetto alle condizioni relative al contratto da cliente vincolato, in iniziative finalizzate al risparmio energetico ed alla tutela ambientale rispetto alle attività connesse con la produzione, la distribuzione e l'uso dell'energia; tale obbligo non sussiste per gli altri consorziati. Articolo 16 BILANCIO Gli esercizi annuali si chiudono al 31 dicembre di ogni anno: alla fine di ogni anno solare il Consiglio Direttivo predisporrà un bilancio da sottoporre al controllo del Collegio dei Revisori, se nominato, e all'approvazione dell'assemblea dei Consorziati L'eventuale residuo attivo risultante dal bilancio non può essere diviso fra i Consorziati ma deve essere destinato all'incremento del fondo consortile o reinvestito per il raggiungimento dello scopo del Consorzio di cui all'art Il deposito del bilancio consuntivo dovrà avvenire rispettando le norme al proposito esistenti. Articolo 17 SCIOGLIMENTO Il Consorzio può essere sciolto, prima di quanto previsto all'art. 4, nell'ipotesi in cui il numero dei Consorziati si riduca in modo tale da rendere impossibile il rispetto dei requisiti minimi stabiliti dalla normativa vigente o negli altri casi previsti dalla legge. In caso di scioglimento del Consorzio l'assemblea nominerà uno o più liquidatori determinandone i poteri Le attività residuate dopo l'estinzione delle eventuali passività saranno divise tra i Consorziati secondo le modalità fissate dall'assemblea. Articolo 18 CONTROVERSIE E FORO COMPETENTE E' esclusa la clausola arbitrale. In caso di contenziosi l'autorità legittimata a dirimerli è l'autorità giudiziaria competente per valori. Il Foro competente è quello in cui ricade la sede legale del Consorzio Le deliberazioni che non sono prese in conformità alle disposizioni di questo articolo o a quelle del contratto possono essere impugnate davanti all'autorità giudiziaria entro trenta giorni. Per i Consorziati assenti il termine decorre dalla comunicazione o, se si tratta di deliberazione soggetta ad iscrizione, dalla data di questa (art Codice Civile).

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA STATUTO CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO Articolo 1 Costituzione, sede durata È costituito, ai sensi dell'art.2602 del Codice Civile e della

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA Articolo 1 (costituzione e denominazione) È costituita con sede presso il Comune di Brugherio la Società Cooperativa denominata "Il Brugo società cooperativa

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO ALLEGATO -B- 112065/18206 STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO Articolo 1. Denominazione. Natura. 1.1. E' costituita una società a responsabilità limitata

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. "(..) s.r.l.".

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. (..) s.r.l.. STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1 1. La società è denominata: Articolo 1 Denominazione "(..) s.r.l.". denominazione Articolo 2 Oggetto 2. La società ha per oggetto (..) 2. Articolo 3 Sede

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

STATUTO della "Cooperativa Edilizia POLIZIA Società Cooperativa a r.l. TITOLO I COSTITUZIONE, SEDE E DURATA DELLA COOPERATIVA ARTICOLO 1

STATUTO della Cooperativa Edilizia POLIZIA Società Cooperativa a r.l. TITOLO I COSTITUZIONE, SEDE E DURATA DELLA COOPERATIVA ARTICOLO 1 STATUTO della "Cooperativa Edilizia POLIZIA Società Cooperativa a r.l. TITOLO I COSTITUZIONE, SEDE E DURATA DELLA COOPERATIVA ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E SEDE E' costituita con sede nel Comune di BOLOGNA

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE DI Milano 6 06/05/2014 N.ro. 9635 Serie 1T Esatti 356,00

AGENZIA DELLE ENTRATE DI Milano 6 06/05/2014 N.ro. 9635 Serie 1T Esatti 356,00 STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI - DE VIVO Largo Donegani, 2-20121 Milano TEL. 02-80683.1 email: info@lainati-devivo.net N. 58834 di repertorio N. 24135 di raccolta VERBALE DI ASSEMBLEA REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli