REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE"

Transcript

1 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N 6 ) Delibera N 914 del Proponente ANNA RITA BRAMERINI DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI, AMBIENTALI E PER LA MOBILITA' Pubblicita /Pubblicazione Atto soggetto a pubblicazione integrale (PBURT/BD) Dirigente Responsabile ALDO IANNIELLO Estensore RITA MONTAGNI Oggetto Approvazione dello schema di accordo per promuovere la diffusione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli immobili da parte di Società Esco approvazione del programma di azioni della G.R. emanato ai sensi dell'art. 104 della L.R. 27/12/2011 (Legge Finanziaria per l'anno 2012) - Revoca della D.G.R. 123/2011. Presenti ENRICO ROSSI SALVATORE ALLOCCA ANNA RITA BRAMERINI ANNA MARSON CRISTINA SCALETTI GIANFRANCO SIMONCINI LUIGI MARRONI Assenti LUCA CECCOBAO RICCARDO NENCINI GIANNI SALVADORI STELLA TARGETTI ALLEGATI N 2 ALLEGATI Denominazion Pubblicazione Tipo di trasmissione Riferimento A Si Cartaceo+Digitale Accordo volontario B Si Cartaceo+Digitale Programma di azione

2

3 LA GIUNTA REGIONALE Vista la Legge Regionale 24 febbraio 2005 n. 39 Disposizioni in materia di energia ; Vista la delibera del Consiglio Regionale 8 luglio 2008, n.47 Approvazione Piano d Indirizzo Energetico Regionale ; Preso atto degli obiettivi del Piano d Indirizzo Energetico Regionale (PIER) per la produzione di energia da fonti rinnovabili fra cui la fonte solare fotovoltaica; Visto l articolo 133 della legge regionale 27 dicembre 2012, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012), che proroga il piano d indirizzo energetico regionale in attesa del nuovo PAER; Visto il DM 10 settembre 2010, recante Linee guida per l autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili ; Visto il DM 5 maggio 2011, che stabilisce i criteri per incentivare la produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici e lo sviluppo di tecnologie innovative per la conversione fotovoltaica; Visto che il DM 5 maggio 2011, in conformità con gli obiettivi del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n.387, intende promuovere ed incentivare lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili; Preso atto che il DM 5 maggio 2011, con riferimento all elettricità prodotta mediante conversione fotovoltaica della fonte solare, prevede criteri per l incentivazione stabilendo una specifica tariffa incentivante di importo decrescente e di durata tali da garantire un equa remunerazione dei costi di investimento e di esercizio degli impianti di produzione; Preso atto che, il DM 5 maggio 2011 intende promuovere in particolare gli impianti fotovoltaici che possono essere realizzati anche disponendo i relativi moduli sugli edifici e che tale soluzione consente l utilizzo dei tetti degli edifici anche per scopi energetici; Vista la deliberazione Giunta Regionale n. 123 del del 7 marzo 2011 Approvazione schema di accordo per promuovere la diffusione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli immobili da parte di società E.S.Co. ; Visto lo schema di accordo volontario da proporre alle ESCO per regolamentare la realizzazione su immobili privati di impianti fotovoltaici, di cui alla deliberazione 123/2011; Visto il D.M. 5 maggio 2011 "quarto conto energia che ha cambiato il quadro degli incentivi riducendone in modo rilevante l entità già a partire dal 2012 e maggiormente nel 2013; Visto il D.M. 5 luglio 2012 quinto conto energia che ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica che ha ulteriormente ridotto gli incentivi per gli impianti di produzione di energia da fonte fotovoltaica; Preso atto che, a seguito dei citati decreti ministeriali, risulta molto ridotta la misura degli incentivi per i soggetti che realizzano impianti per la produzione di energia da fonte fotovoltaica e che, 1

4 pertanto, attualmente l investimento in impianti fotovoltaici di piccola taglia, per essere remunerativo per le società ESCO deve prevedere, oltre al sistema defgli incentivi previsti dal conto energia anche la possibilità per dette Società di utilizzare almeno una parte dell energia prodotta dagli impianti; Ritenuto pertanto necessario modificare lo schema di Accordo volontario per l installazione di impianti fotovoltaici su immobili privati approvato con la deliberazione della Giunta regionale 123/2011, prevedendo, all articolo 4, comma 2 di detto schema di accordo che proprietario dell immobile su cui è realizzato l impianto potrà usufruire per 20 anni del 50% dell energia prodotta dall impianto, mentre la restante quota sarà a disposizione della Società ESCO realizzatrice dell impianto medesimo; Visto, pertanto, il nuovo testo dello schema di accordo volontario da proporre alle ESCO per regolamentare la realizzazione su immobili privati di impianti fotovoltaici, Allegato A della presente deliberazione, modificato rispetto a quello approvato con la deliberazione della Giunta regionale 123/2011 nell articolo 4, comma 2 e che sostituisce il precedente; Visto l articolo 104 della legge regionale 27 dicembre 2012, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012) ai sensi del quale la Giunta Regionale ha il compito di promuovere azioni volte a favorire l installazione di impianti fotovoltaici destinati all autoconsumo sulle coperture degli immobili di civile abitazione o ad attività di piccole e medie imprese e, a tal fine, deve individuare azioni volte a promuovere l attivazione dell accordo da stipulare fra Regione e società ESCO, favorendone in particolare la conoscenza e supportando il raccordo tra le società medesime e i soggetti interessati all installazione degli impianti; Ritenuto pertanto di promuovere l accordo Allegato A della presente deliberazione favorendone la massima conoscenza e diffusione presso le società ESCO potenzialmente interessate alla sua sottoscrizione; Valutato opportuno a tal fine di approvare e curare l attuazione del programma Allegato B della presente deliberazione denominato Azioni volte a promuovere l attivazione dell accordo stipulato tra Regione e le società di servizi energetici (Energy Service Companies ESCO ) Articolo 104 della l.r.66/2011, che indica tutte le iniziative dirette ad assicurare la massima conoscibilità sul territorio dell accordo tra Regione e società ESCO; Preso atto che il programma, Allegato B della presente deliberazione, nel rispetto dell articolo 104 della l.r.66/2011 non determina oneri a carico del bilancio regionale; Visto il parere favorevole espresso dal CTD nella seduta del 4 ottobre 2012 A VOTI UNANIMI, DELIBERA 1) di approvare il nuovo testo dello schema di accordo volontario da proporre alle ESCO per regolamentare la realizzazione su immobili privati di impianti fotovoltaici, Allegato A della presente deliberazione; 2

5 2) di approvare il programma, Allegato B della presente deliberazione denominato Azioni volte a promuovere l attivazione dell accordo stipulato tra Regione e le società di servizi energetici (Energy Service Companies ESCO ) Articolo 104 della l.r.66/2011 ; 3) di dare mandato alle competenti strutture regionali di provvedere all attuazione del programma di cui al precedente punto 2) della presente deliberazione; 4) di dare atto che la realizzazione del programma di cui al punto 2) non determina oneri a carico del bilancio regionale; 5) di revocare la propria deliberazione 7 marzo 2011, n.123 Approvazione schema di accordo per promuovere la diffusione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli immobili da parte delle Società ESCO. 6) Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi dell art. 5 comma 1 lett. f) della Legge Regionale 23/2007 e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta Regionale ai sensi dell art. 18 comma 2 della medesima LR 23/2007. SEGRETERIA DELLA GIUNTA IL DIRETTORE GENERALE ANTONIO DAVIDE BARRETTA Il Direttore generale RICCARDO BARACCO Il Dirigente Responsabile ALDO IANNIELLO 3

6 Allegato A Accordo volontario Relativo alla INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SU IMMOBILI PRIVATI TRA Regione TOSCANA, con sede in Firenze via di Novoli 26 (CF ), rappresentata dal Presidente della Giunta Regionale, E à ESCO denominata... (di seguito Società) con sede legale in.., codice fiscale e partita IVA.. nella persona di., nella sua qualità di.. PREMESSO CHE la Regione Toscana promuove da tempo, attraverso le proprie attivit à, la realizzazione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli immobili destinati a civile abitazione ovvero ad attività di piccole e medie imprese destinati all autoconsumo, evidenziandone le opportunità ed i conseguenti risparmi energetici e tendendo alla eliminazione di ogni costo per il proprietario dell immobile mediante le opportunità offerte dal Conto Energia, ora disciplinato dal DM 6 agosto 2010, che consentono il ricorso a formule chiavi in mano ; la Regione Toscana, a tal proposito, ha promosso la presente iniziativa che consiste nel coinvolgere Società Esco nella installazione di piccoli impianti fotovoltaici sulle coperture degli immobili alle condizioni sotto meglio specificate; per le ragio ni sopra dette, la promozione si rivolge alla installazione di impianti 1

7 fotovoltaici di piccola e media taglia (da 1 a 50 kilowatt di potenza); la Societ à opera nel settore dei servizi energetici in qualità di E.S.Co. (Energy Service Company), come riconosciuto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas e promuove iniziative di efficienza energetica e di risparmio energetico anche incentivando lo sviluppo delle fonti rinnovabili. la Societ à opera su tutto il territorio regionale (oppure: opera nelle seguenti aree della Toscana..) direttamente o attraverso una propria rete commerciale costituita da selezionati imprenditori; è interesse della Società aderire, eventualmente attraverso la propria rete commerciale, all iniziativa promossa dalla Regione Toscana Regione Toscana e Societ à intendono, per i motivi sopra descritti, verificare congiuntamente le modalità attuative della proposta da rivolgere ai cittadini e PMI interessate TUTTO CIO PREMESSO Si conviene quanto segue: Art. 1 PREMESSE Le premesse formano parte integrante del presente accordo. Art. 2 OGGETTO DELL ACCORDO 1. Con la sottoscrizione del presente accordo, la Società si impegna al rispetto di quanto previsto dagli articoli 3, 4, 5 del presente accordo volontario e dei relativi obblighi a suo carico. In relazione a dette disposizioni e a detti obblighi, la Società si impegna ad inserire le necessarie clausole nel contratto che stipulerà con i privati interessati. Art.3 OBBLIGHI DELLA SOCIETA 1. La Società, direttamente o attraverso la propria rete commerciale, a richiesta del singolo interessato, progetterà, realizzerà ed effettuerà la manutenzione dell impianto fotovoltaico che sarà 2

8 installato sul tetto di fabbricato di proprietà del richiedente. 2. Al momento della stipulazione del contratto con i privati interessati la Società verificherà che per l immobile sul quale dovrà essere realizzato l impianto fotovoltaico, detti privati siano titolari di un contratto di fornitura di energia elettrica in bassa tensione. Verificherà altresì che i privati richiedano al Gestore del Servizio Elettrico (GSE) l attivazione dello scambio sul posto, sulla propria fornitura. 3. L impianto sarà progettato, realizzato e manutenuto a cura e spese della Società, che assisterà il richiedente anche nel procedimento amministrativo diretto al rilascio dei titoli abilitativi necessari per l installazione dell impianto fotovoltaico. 4. La Società effettuerà a propria cura e spese la manutenzione dell impianto per un periodo di venti anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell impianto stesso. 5. La Società, che avrà l incarico di realizzare l impianto, gestirà, senza alcuna spesa per il richiedente, tutti gli adempimenti presso il GSE e presso la Società di distribuzione di energia elettrica per l attivazione dell impianto. 6. La Società darà ampio risalto alla iniziativa mediante tutti i mezzi d informazione che vorrà utilizzare. Art.4 OBBLIGHI E DIRITTI CONTRATTUALI PROPOSTI DALLA SOCIETA A CHI RICHIEDA L INSTALLAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1. La società proporrà al richiedente, proprietario dell immobile, di concedere la servitù volontaria per anni 20 di installazione sul tetto o sul lastrico solare dell impianto che sarà di proprietà della Società stessa o di proprio affiliato. 2. La proposta della Società avrà il seguente contenuto: il richiedente, proprietario dell immobile potrà beneficiare per i propri usi per 20 anni del 50% dell energia prodotta dall impianto dell energia prodotta dall impianto. Alla scadenza del suddetto periodo, la servitù cesserà per la decorrenza del termine e la proprietà dell impianto sarà trasferita a titolo gratuito, senza formalità, anche per accessione, al proprietario dell immobile su cui è installato, fatta salva l ipotesi in cui il 3

9 proprietario dell immobile chieda alla Società la rimozione dello stesso, entro il termine di sei mesi dopo la scadenza dei 20 anni suddetti. In tal caso l impianto fotovoltaico sarà rimosso a cura e spese della Società. 3. La Società che avrà realizzato l impianto chiederà al richiedente proprietario dell immobile il mandato irrevocabile per l incasso della tariffa incentivante che sarà corrisposta dal GSE. Art. 5 IMPIANTI CHIAVI IN MANO 1. Con la sottoscrizione del presente accordo, la Società si impegna, altresì, a valutare e a rendere noto a quali condizioni di favore i privati interessati possano direttamente installare a proprie spese impianti fotovoltaici sul tetto, prevedendo un prezzo competitivo, soluzioni economiche convenienti ed altresì forme di finanziamento di credito al consumo fino a 120 mesi. Art. 6 OBBLIGHI DELLA REGIONE 1. La Regione si impegna: a) a svolgere attività informativa del presente accordo volontario; b) a fornire alla Società tutte le informazioni esistenti e future e l accesso alle banche dati in merito all utilizzo dell energia sul territorio. Art. 7 DISPOSIZIONI DIVERSE 1. Regione Toscana e Società convengono di operare congiuntamente anche su altri temi legati all utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili distribuite quali minieolico e solare termico al fine di promuovere la cultura dell efficienza energetica e della produzione diffusa di energia da fonti rinnovabili 2. Regione Toscana e Società convengono di attivare un link dedicato all interno dei rispettivi siti web al fine di consentire agli interessati di aderire all iniziativa attraverso la compilazione di un format on line. 4

10 3. La Regione si impegna altresì a dare pubblicità con ogni mezzo idoneo alla presente iniziativa. REGIONE TOSCANA SOCIETA' ESCO 5

11 Allegato B Programma di azioni della Giunta regionale emanato ai sensi dell articolo 104 della legge regionale 27 dicembre 2011 (Legge finanziaria per l anno 2012). Azioni volte a promuovere l attivazione dell accordo stipulato tra Regione e le società di servizi energetici (Energy Service Companies ESCO ) Articolo 104 della l.r.66/2011 Il presente programma indica tutte le iniziative dirette ad assicurare la massima conoscibilità sul territorio dell accordo tra Regione e società ESCO. A tal fine, la struttura regionale competente provvede alla: 1) Presentazione dell Accordo ad ASSOESCO l associazione che riunisce le ESCO italiane, al fine di provvedere attraverso ASSOESCO: Alla diffusione dell Accordo presso i propri associati anche mediante l inserimento della documentazione relativa all Accordo sul proprio sito internet All assistenza delle società associate che intenderanno sottoscrivere l Accordo. 2) Presentazione dell Accordo al Polo di Innovazione Tecnologico sulle energie rinnovabili che associa le aziende inserite nei distretti delle energie rinnovabili nelle province di Siena, Pisa e Grosseto, al fine di: Inviare la documentazione relativa all Accordo alle società associate del Polo; Mettere a disposizione nella sezione documentazione del loro sito una cartella con la documentazione; Programmare un incontro presso la sede del POLO di Innovazione Tecnologico dove la Regione possa presentare i contenuti dell Accordo alle società interessate; 2) Presentazione dell Accordo al Polo tecnologico di Navacchio che realizza servizi qualificati per lo sviluppo tecnologico delle piccole e medie imprese, al fine di: Inviare la documentazione relativa all Accordo alle società presenti all interno del polo tecnologico; Mettere a disposizione nella sezione documentazione del loro sito una cartella con la documentazione relativa all accordo; Programmare un incontro presso la sede del polo tecnologico dove la Regione possa presentare i contenuti dell Accordo alle società interessate. 4) Presentazione dell Accordo ad AGESI, l associazione Imprese di Facility Management ed energia che rappresenta a livello nazionale, comunitario e internazionale le imprese operanti nel settore dei servizi di facility management energia volti ad incrementare le produttività e lo sviluppo dell economia privata e della pubblica amministrazione, al fine di: inviare la documentazione relativa all Accordo alle società che AGESI rappresenta; mettere a disposizione, in apposita sezione del sito una cartella con la documentazione relativa all accordo; La struttura regionale competente provvede, inoltre, a: 5) Favorire la sottoscrizione dell Accordo da parte delle Società inserite nell Accordo regionale per la riduzione delle inefficienze energetiche tramite ESCO di cui alla

12 deliberazione n. 1000/2002 già destinatarie elitarie per il raggiungimento delle finalità dell Accordo; 6) Pubblicare gli i Accordi sottoscritti con le società ESCO interessate sul sito regionale nella sezione opportunità dedicata sia per i cittadini che per le aziende; 7) Presentare gli Accordi sottoscritti presso le Associazioni dei consumatori e le associazioni di categoria.

GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni

GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni 31.10.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 il confronto con la conferenza dei Sindaci territorialmente competenti - di individuare nel Dr. Roberto Abati attuale direttore amministrativo

Dettagli

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS;

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS; riferimento agli importi attuali dello stipendio tabellare, dell indennità di vacanza contrattuale e della retribuzione di posizione percepiti dai dirigenti regionali di ruolo responsabili di area di coordinamento,

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 24-10-2011 (punto N 34 ) Delibera N 907 del 24-10-2011 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-10-2010 (punto N. 13 ) Delibera N.907 del 25-10-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-10-2010 (punto N. 13 ) Delibera N.907 del 25-10-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-10-2010 (punto N. 13 ) Delibera N.907 del 25-10-2010 Proponente CRISTINA SCALETTI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-01-2012 (punto N 6 ) Delibera N 23 del 16-01-2012 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 10-09-2012 (punto N 7 ) Delibera N 809 del 10-09-2012 Proponente ANNA RITA BRAMERINI DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI, AMBIENTALI

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-04-2014 (punto N 38 ) Delibera N 344 del 28-04-2014 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-11-2013 (punto N 11 ) Delibera N 984 del 25-11-2013 Proponente SALVATORE ALLOCCA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-10-2011 (punto N 13 ) Delibera N 877 del 17-10-2011 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-11-2011 (punto N 39 ) Delibera N 1004 del 21-11-2011 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-04-2013 (punto N 6 ) Delibera N 299 del 29-04-2013 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 10-06-2013 (punto N 10 ) Delibera N 437 del 10-06-2013 Proponente VINCENZO CECCARELLI DIREZIONE GENERALE POLITICHE MOBILITA', INFRASTRUTTURE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 10-08-2012 (punto N 2 ) Delibera N 753 del 10-08-2012 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-03-2015 (punto N 8 ) Delibera N 182 del 02-03-2015 Proponente STEFANIA SACCARDI LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 19-02-2014 (punto N 30 ) Delibera N 118 del 19-02-2014 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2010 (punto N. 58 ) Delibera N.370 del 22-03-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2010 (punto N. 58 ) Delibera N.370 del 22-03-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2010 (punto N. 58 ) Delibera N.370 del 22-03-2010 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-02-2015 (punto N 37 ) Delibera N 119 del 16-02-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2015 (punto N 33 ) Delibera N 251 del 16-03-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 07-04-2015 (punto N 122 ) Delibera N 457 del 07-04-2015 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-10-2014 (punto N 20 ) Delibera N 822 del 06-10-2014 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-07-2015 (punto N 25 ) Delibera N 768 del 28-07-2015 Proponente STEFANO CIUOFFO DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-01-2015 (punto N 24 ) Delibera N 53 del 26-01-2015 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI EMMANUELE BOBBIO DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA'

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 23-02-2009 (punto N. 24 ) Delibera N.121 del 23-02-2009

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 23-02-2009 (punto N. 24 ) Delibera N.121 del 23-02-2009 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 23-02-2009 (punto N. 24 ) Delibera N.121 del 23-02-2009 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE POLITICHE FORMATIVE, BENI

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 18-05-2015 (punto N 59 ) Delibera N 647 del 18-05-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Oggetto: Approvazione protocollo d intesa con la Soc. ENEL.si S.r.l. per lo sviluppo delle energie rinnovabili.

Oggetto: Approvazione protocollo d intesa con la Soc. ENEL.si S.r.l. per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Estratto dalla delibera del Consiglio Comunale n.52 del 10.8.2009 Oggetto: Approvazione protocollo d intesa con la Soc. ENEL.si S.r.l. per lo sviluppo delle energie rinnovabili. -Il Sindaco relaziona in

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 30-07-2012 (punto N 44 ) Proposta di legge N 44 del 30-07-2012 Proponente SALVATORE ALLOCCA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

COMUNE DI CUNEO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale. Seduta del 20 Novembre 2013

COMUNE DI CUNEO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale. Seduta del 20 Novembre 2013 COMUNE DI CUNEO N.295 registro deliberazione Settore Lavori Pubblici Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 20 Novembre 2013 OGGETTO: AFFIDAMENTO ALLA SOCIETA DI SERVIZI ENERGETICI AJA

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

Scrittura Privata: TELECOSTRUZIONI s.r.l. xxx - 1/8

Scrittura Privata: TELECOSTRUZIONI s.r.l. xxx - 1/8 SCRITTURA PRIVATA La presente scrittura viene stipulata il giorno xxx/xxx/xxx tra: la società TELECOSTRUZIONI s.r.l. (di seguito Cessionario), con sede in Casalnuovo di Napoli (NA), Via San Marco n. 77,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 08-03-2010 (punto N. 31 ) Delibera N.262 del 08-03-2010 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 08-03-2010 (punto N. 31 ) Delibera N.262 del 08-03-2010 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 08-03-2010 (punto N. 31 ) Delibera N.262 del 08-03-2010 Proponente ENRICO ROSSI GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE

Dettagli

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro pluriuso di Storo. Piano Economico e Finanziario Caso Base Iniziale

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro pluriuso di Storo. Piano Economico e Finanziario Caso Base Iniziale Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro pluriuso di Storo Piano Economico e Finanziario Caso Base Iniziale Giugno 2009 Introduzione 1) Nell ambito degli impegni assunti

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Allegati in cartella separata N. 102 - Registro Deliberazioni. OGGETTO: REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLA COPERTURA DEL FABBRICATO

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA PRIMARIA DEL CENTRO;

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA

Dettagli

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013 SOMMARIO Pag. 2. CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: MODIFICATO IL BANDO E LE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO Pag. 3. RINNOVABILI TERMICHE: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 20 DEL 20 MAGGIO 2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 20 DEL 20 MAGGIO 2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA RAGUSA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 20 DEL 20 MAGGIO 2014 L anno 2014 il giorno 20 del mese di maggio, nella sede camerale, il dott. Roberto Rizzo,

Dettagli

COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo

COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo AREA LAVORI PUBBLICI CONVENZIONE PER LA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI * * * * * * Il giorno del mese di.. dell'anno DUEMILA.

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici La ESCo del Sole nuove energie per risparmiare Impianti fotovoltaici Tecnologie per produrre energia rinnovabile Scheda - Impianti solari fotovoltaici (PV)* L impianto solare fotovoltaico Vi è una differenza

Dettagli

ART. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

ART. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI PRESSO ABITAZIONI PRIVATE NELLA PROVINCIA DI GORIZIA ANNO 2013 ART. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 37/I-II del 13/09/2011 / Amtsblatt Nr. 37/I-II vom 13/09/2011 74 60989 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2011 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Trasforma l energia del sole in energia produttiva

Trasforma l energia del sole in energia produttiva Trasforma l energia del sole in energia produttiva Un servizio Upgrading Services Upgrading Services progetta, installa e gestisce impianti fotovoltaici per aziende su tutto il territorio nazionale. Fornisce

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio Ing. Luigi Corona 1 PRODUZIONE DA FONTI RINNOVABILI: PROGETTO 1000 TETTI FOTOVOLTAICI SU 1000 SCUOLE Nel 2008 CEV ha promosso il Progetto 1000 tetti fotovoltaici

Dettagli

CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267

CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267 CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267 L'anno 2014, il giorno [ ] del mese di [ ] Tra La Provincia di Padova, C.F. [ ], con sede in Padova, Via., n, rappresentata da [ ], nato il [ ],

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI)

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Procedura aperta per la progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici,

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO ABITAZIONI PRIVATE NELLA PROVINCIA DI GORIZIA - ANNO 2012

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO ABITAZIONI PRIVATE NELLA PROVINCIA DI GORIZIA - ANNO 2012 BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO ABITAZIONI PRIVATE NELLA PROVINCIA DI GORIZIA - ANNO 2012 PREMESSE La Provincia di Gorizia intende proseguire, nell

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza Venerdì 23 marzo 2012 IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Relatore: Ing. Maurizio Landolfi Consumi energetici

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 40 In data: 13/03/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL 'BONUS TARIFFA SOCIALE

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-10-2008 (punto N. 21 ) Delibera N.839 del 20-10-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-10-2008 (punto N. 21 ) Delibera N.839 del 20-10-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-10-2008 (punto N. 21 ) Delibera N.839 del 20-10-2008 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

COPIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

COPIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI AGNOSINE DELIBERAZIONE N. 27 in data 27/12/2012 COPIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO:ESAME ED APPROVAZIONE ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'ATTUAZIONE DI INTERVENTI DI SVILUPPO

Dettagli

Preventivo Contratto CASA EFFICIENTE

Preventivo Contratto CASA EFFICIENTE Preventivo Contratto CASA EFFICIENTE Spazio per inserire intestazione affiliato 2 Spazio per inserire intestazione cliente Gentile Cliente, facendo seguito alla Sua richiesta, desideriamo porre alla sua

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE Comune di GIOIA DEL COLLE Gruppo ETIS Tecnologie S.P.E.S. Gioia SpA COMUNE DI GIOIA DEL COLLE Bando pubblico BANDO 100 TETTI SOTTO IL SOLE NEL COMUNE DI GIOIA DEL COLLE BANDO 100 TETTI SOTTO IL SOLE 2

Dettagli

Avv. Marinella Baldi Consulente MUVITA

Avv. Marinella Baldi Consulente MUVITA Constatazione che un rilevante numero di condomini dispone di sistemi di produzione gestione del calore obsoleti e inefficienti con enorme spreco di energia e risorse economiche. I risparmi ottenibili

Dettagli

SETTORE 5 - Servizio di Gestione del Territorio ed alle Imprese Ufficio Ambiente

SETTORE 5 - Servizio di Gestione del Territorio ed alle Imprese Ufficio Ambiente SETTORE 5 - Servizio di Gestione del Territorio ed alle Imprese Ufficio Ambiente (05-54 tetto fotovoltaico cantiere affidamento Polo Navacchio.doc) DETERMINAZIONE N. 54 DEL 26 luglio 2011 N. Registro generale

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N 101/15 del 01/04/2015 Oggetto: ADESIONE AL CONTRATTO

Dettagli

l energia sostenibile

l energia sostenibile l energia sostenibile il Gruppo Le sinergie tra le società del Gruppo a servizio del cliente Il gruppo societario, del quale Omnia Energia rappresenta l anima commerciale, si è evoluto nel corso degli

Dettagli

Programma ASPEA: Regolamento di attuazione

Programma ASPEA: Regolamento di attuazione Allegato A Programma ASPEA: Regolamento di attuazione 1 di 8 GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA ASPEA Con il Programma ASPEA (Azzeramento SPesa Energetica Associati), il Consorzio ASMEZ intende semplificare l

Dettagli

Servizio lavori pubblici, grandi opere, energia e protezione civile

Servizio lavori pubblici, grandi opere, energia e protezione civile DETERMINAZIONE N. 2851 DEL 15/10/2013 Proponente: 4U Servizio lavori pubblici, grandi opere, energia e protezione civile U.O. proponente: 4U04 Politiche Energetiche Proposta di determinazione N. 1185 del

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 117 del 09 dicembre 2014 Oggetto:

Dettagli

B A N D O. 100 impianti fotovoltaici da 3 kwp nel territorio del Comune di Fontaniva E N E R G I E I N F I N I T E

B A N D O. 100 impianti fotovoltaici da 3 kwp nel territorio del Comune di Fontaniva E N E R G I E I N F I N I T E C OMUNE DI F ONTANIVA - P R O V I N C I A D I R O V I N C I A D I P A D O V A - B A N D O E N E R G I E I N F I N I T E Indice Art. 1 Oggetto e Finalità... 3 Art. 2 Interventi ammissibili... 3 Art. 3 Requisiti

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: Proposta N 2013AD002383

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: Proposta N 2013AD002383 REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

Fiscal News N. 114. La circolare di aggiornamento professionale. 08.03.2012 Fondo Kyoto: al via i finanziamenti per l ambiente. Premessa e obiettivi

Fiscal News N. 114. La circolare di aggiornamento professionale. 08.03.2012 Fondo Kyoto: al via i finanziamenti per l ambiente. Premessa e obiettivi Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 114 08.03.2012 Fondo Kyoto: al via i finanziamenti per l ambiente A cura di Carlo De Luca Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie Con il

Dettagli

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare:

Il Fondo Kyoto finanzia i progetti in uno o più dei seguenti settori, elencati nella Parte Prima, Capitolo II, della Circolare: Nota di approfondimento Il Fondo Kyoto Cambia la disciplina del Fondo rotativo Kyoto, istituito dalla Legge Finanziaria 2007 e originariamente regolamentato dal D.M. 25 novembre 2008 e s.m.i. e dalla relativa

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel: 075 7971056, 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it

Dettagli

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE 5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE La normativa nazionale relativa all energia prodotta da sistemi solari fotovoltaici riguarda

Dettagli

PROTOCOLLO AMIANTO + FOTOVOLTAICO NEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE DI CASALE MONFERRATO: SOTTOSCRIZIONE DA PARTE DELL AZIENDA / GRUPPO..

PROTOCOLLO AMIANTO + FOTOVOLTAICO NEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE DI CASALE MONFERRATO: SOTTOSCRIZIONE DA PARTE DELL AZIENDA / GRUPPO.. N. PROTOCOLLO AMIANTO + FOTOVOLTAICO NEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE DI CASALE MONFERRATO: SOTTOSCRIZIONE DA PARTE DELL AZIENDA / GRUPPO.. Addì., in Casale Monferrato, in una sala al piano del civico Palazzo

Dettagli

Disciplina erogazione di prestazioni sanitarie specialistiche di. procreazione medicalmente assistita

Disciplina erogazione di prestazioni sanitarie specialistiche di. procreazione medicalmente assistita Deliberazione DG n... del - Allegato 1 a) Repertorio n. del CONVENZIONE TRA AZIENDA USL 7 E CHIANCIANO SALUTE SPA Disciplina erogazione di prestazioni sanitarie specialistiche di procreazione medicalmente

Dettagli

Verbale di deliberazione di Giunta Comunale

Verbale di deliberazione di Giunta Comunale COPIA COMUNE DI VILLANUOVA SUL CLISI PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE N. 50 La presente deliberazione consta di N. fogli, N. pag. e N. allegati CODICE ENTE 10452 CODICE MATERIA Verbale di deliberazione

Dettagli

Ver. 1.00 giugno 2007

Ver. 1.00 giugno 2007 Ver. 1.00 giugno 2007 1 INDICE 3. Le fonti rinnovabili 4. Energia Elettrica o Acqua Calda 5. Come Funziona? 6. Conto Energia 7. Beneficiari 8. Potenza dell impianto 9. Tipi di impianto 10. Non integrato

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 206 4 novembre 2015

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 206 4 novembre 2015 Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 206 4 novembre 2015 Oggetto : Determinazione dei costi delle ispezioni da riconoscere ai professionisti per l'effettuazione

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012 detto anche Quinto conto energia Guida alla lettura Premessa Il V Conto Energia aggiorna lo schema di incentivi previsti per incentivare la produzione di energia elettrica

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Provincia di Torino Città di Orbassano VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 59 OGGETTO: CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI RECIPROCI TRA LA PROVINCIA DI TORINO E IL

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA "REGIONE ETERNIT FREE"

PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE ETERNIT FREE ALLEGATO SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA "REGIONE ETERNIT FREE" TRA REGIONE ABRUZZO E ANCI ABRUZZO LEGAMBIENTE AZZEROCO 2 1 L anno 2011, il giorno.., del mese di, presso la sede della Regione Abruzzo in

Dettagli

D.L. Competitività ed altre disposizioni

D.L. Competitività ed altre disposizioni Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti Impianti fotovoltaici su immobili pubblici e risparmio energetico nella pubblica amministrazione: Un opportunità per il riequilibrio dei conti (A cura dell Ing. Gianluca Toso) 1. Cenni sul Nuovo Conto

Dettagli

[SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA]

[SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA] Allegato 3 Schema di fideiussione [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA] Spett.le Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 O r i g i n a l e SOGGETTA a comunicazione prefettura. NON SOGGETTA a comunicazione prefettura. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO PUBBLICO PER L'ATTRIBUZIONE

Dettagli

Consulenza GAS & POWER

Consulenza GAS & POWER Consulenza GAS & POWER Consulenza GAS & POWER Le sfide dell'economia impongono un continuo rinnovamento e per restare al passo con i tempi è necessario aggiornarsi a partire dai settori più strategici

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA GESTIONE DELLE NUMERAZIONI UTILIZZATE PER LE RACCOLTE FONDI TELEFONICHE NON PROFIT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA GESTIONE DELLE NUMERAZIONI UTILIZZATE PER LE RACCOLTE FONDI TELEFONICHE NON PROFIT CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER LA GESTIONE DELLE NUMERAZIONI UTILIZZATE PER LE RACCOLTE FONDI TELEFONICHE NON PROFIT (REDATTO AI SENSI DELL ART. 30, COMMA 8 DELL ALLEGATO A DELLA DELIBERA N. 26/08/CIR

Dettagli

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 15-2314 Programma regionale di cofinanziamento a favore dell'efficienza energetica nei cicli e delle strutture

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE. Vista la nota della Comunità Montana di Valle Sabbia protocollo n. 1979 del 8 aprile 2015 del seguente contenuto:

IL CONSIGLIO COMUNALE. Vista la nota della Comunità Montana di Valle Sabbia protocollo n. 1979 del 8 aprile 2015 del seguente contenuto: Delibera di consiglio comunale n. 18 del 30 aprile 2015 OGGETTOI: approvazione nuovo accordo di programma ex art. 34 d.lgs. 267/2000 finalizzato all attuazione sul territorio della comunità montana di

Dettagli

Codice di comportamento degli agenti immobiliari

Codice di comportamento degli agenti immobiliari Codice di comportamento degli agenti immobiliari Approvato con delibera della Giunta camerale n.69 del 29 maggio 2014 Articolo 1 Finalità 1. Il presente Codice di comportamento contiene norme finalizzate

Dettagli

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Ing. Salvatore Favuzza

Dettagli