Conoscere il corpo umano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conoscere il corpo umano"

Transcript

1 Conoscere il corpo umano CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 3 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S

2 CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO ARTICOLARE LE ARTICOLAZIONI Le articolazioni hanno la funzione di unire le terminazioni ossee tra di loro garantendo uno o più gradi di libertà. Tale funzione deve garantire anche che lo scheletro possa espletare la sua funzione di sostegno e protezione. Le articolazioni hanno anche il compito di parte passiva nella mobilità dell'organismo. 69

3 CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO ARTICOLARE Struttura delle Articolazioni CAPSULA ARTICOLARE è costituita da un manicotto di tessuto connettivo denso, che si inserisce tra i segmenti ossei in connessione rivestendo completamente l'articolazione. LEGAMENTI sono sostanzialmente dei cordoni connettivali che uniscono un capo osseo con l'altro. Sono molto resistenti e possono situarsi all'interno o all'esterno della capsula articolare. TENDINI i tendini dei muscoli, che si inseriscono direttamente sulle ossa, servono a stabilizzare l articolazione ed a trasmettere le forze tra gli elementi che mettono in connessione. CARTILAGINI ARTICOLARI rivestono le superfici articolari. La cartilagine articolare è soffice, comprimibile, estensibile e deformabile. Inoltre tende a riacquistare sempre il suo spessore di riposo. MEMBRANA SINOVIALE secerne un liquido vischioso (LIQUIDO SINOVIALE)che ha lo scopo di facilitare lo scorrimento tra le due superfici a contatto. In sostanza ha la stessa funzione di un lubrificante su di un cuscinetto 70

4 CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO ARTICOLARE Classificazione delle Articolazioni Sinartrosi (articolazioni immobili) le ossa sono unite da tessuto osseo, cartilagineo e connettivo (es: Cranio) Anfiartrosi (articolazioni semimobili) superfici ossee pianeggianti sono unite da dischi di cartilagine (es: Vertebre) Diartrosi (ampi movimenti) i capi ossei sono a contatto mediante superfici articolari e circondati da un manicotto di tessuto connettivo che delimita la cavità articolare Vertebre 71

5 CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO ARTICOLARE FLESSIONE ESTENSIONE PRONAZIONE - SUPINAZIONE FLESSIONE ESTENSIONE ABDUZIONE - ADDUZIONE FLESSIONE ESTENSIONE ABDUZIONE - ADDUZIONE FLESSIONE ESTENSIONE ABDUZIONE ADDUZIONE ROTAZIONE ESTERNA e INTERNA SCIVOLAMENTO DEI DUE CAPI ARTICOLARI 72

6 CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO ARTICOLARE Classificazione delle Articolazioni 73

7 Articolazione del gomito CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO ARTICOLARE Articolazione del ginocchio 74

8 CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO ARTICOLARE Articolazioni Articolazione coxo - femorale (dell anca) Articolazione scapolo - omerale (della spalla) Articolazioni della mano 75

9 CONOSCERE IL CORPO UMANO: APPARATO SCHELETRICO Contengono OSSEINA CALCIO MIDOLLO OSSEO Produce CELLULE del SANGUE 76

10 Osso L osso è composto principalmente di cellule e di una Matrice Extracellulare di natura prevalentemente collagenica (prevalentemente Collagene I) chiamata OSTEOIDE, che diventa mineralizzata per deposizione di Calcio e Fosfato (conferendo all osso la sua rigidità e resistenza), che imprigiona le cellule che l hanno prodotta. Duro ma con capacità dinamiche: è in grado di rinnovarsi in relazione alle forze 77 che agiscono su di esso.

11 Osso La parte CORTICALE DELL OSSO è costituita da un involucro esterno di osso compatto ed è rivestita da uno strato di connettivo denso, il PERIOSTIO (membrana che riveste totalmente le ossa), su cui sono inseriti muscoli, tendini e legamenti. La parte MIDOLLARE DELL OSSO è costituita da osso trabecolare, spugnoso ed è rivestita da un delicato strato di tessuto connettivo chiamato ENDOSTIO (membrana che riveste il canale midollare). Sia PERIOSTIO che ENDOSTIO contengono Cellule Osteoprogenitrici e Osteoblasti, responsabili della crescita, del rimodellamento e della riparazione delle fratture ossee. 78

12 Nell osso, oltre ai componenti duri (tessuto osseo) finora descritti si trovano le cosiddette parti molli, di cui fanno parte il periostio, la cartilagine ialina che riveste le superfici articolari libere, nonché il midollo osseo. Per mezzo di queste parti le singole ossa dell organismo vivente rappresentano veri e propri organi. La superficie esterna dell osso, eccezion fatta per le superfici articolari rivestite da cartilagine, è avvolta da una membrana ricca di vasi sanguigni e linfatici e di fibre nervose: il periostio. In esso, fibre nervose sensitive costituiscono plessi nervosi responsabili della sensibilità al dolore in caso di traumi o danni da sovraccarico. Le superfici articolari sono rivestite da cartilagine ialina bianco-azzurrastra opalescente, dotata di particolare resistenza alla pressione ed al taglio, tanto più di una certa elasticità. Grazie al rivestimento cartilagineo è assicurato un migliore scivolamento a livello delle superfici articolari, con eliminazione degli attriti. Le cavità interne dell osso sono occupate dal midollo osseo che può essere rosso, giallo oppure gelatinoso. Il midollo rosso ha il compito di formare gli elementi figurati del sangue; Il midollo giallo è circostanze, può trasformarsi in midollo rosso a funzione emopoietica; Il midollo gelatinoso è presente unicamente nelle persone anziane. prevalentemente formato da grasso e, in particolari 79

13 PERIOSTIO e ENDOSTIO 80

14 PERIOSTIO ENDOSTIO La superficie esterna dell osso è, infatti, rivestita da uno strato di connettivo denso vascolarizzato detto PERIOSTIO; le cavità e i canali scavati nell osso sono invece rivestiti dall ENDOSTIO. 81

15 Rappresentazione schematica del Periostio e dell Endostio 82

16 Matrice Ossea Calcio, Magnesio, Sodio, Potassio, Fluoro, Cloro. PARTE INORGANICA: CONFERISCE IL GRADO DI DUREZZA ALL OSSO PARTE ORGANICA: CONFERISCE IL GRADO DI ELASTICITA ALL OSSO Cellule Osteoprogenitrici ISTOGENESI: branca dell istologia che studia l origine e la formazione dei tessuti. 83

17 Osteoprogenitrici CONOSCERE IL CORPO UMANO: ISTOGENESI DELL OSSO Cellule dell osso Osteoprogenitrici (Strato interno del Periostio, superficie interna Canale di Havers e nell Endostio). Derivano dalle cellule mesenchimali embrionali SI DIVIDONO. Nelle regioni VASCOLARIZZATE danno origine agli OSTEOBLASTI. Nelle regioni NON VASCOLARIZZATE danno origine ai CONDROBLASTI. Molto attive nell accrescimento. Osteoblasti Derivano dalle cellule OSTEOPROGENITRICI e NON SI DIVIDONO. CELLULE DEPUTATE ALLA PRODUZIONE DELLA MATRICE OSSEA sintetizzano l impalcatura e cioè l Osteoide e mediano la sua mineralizzazione. Generano la MATRICE OSSEA consentendo L ACCRESCIMENTO OSSEO e la guarigione in caso di frattura con formazione di nuovo tessuto osseo. Gli OSTEOBLASTI rimanendo inclusi nella sostanza fondamentale da essi elaborata diventano OSTEOCITI (cellule ossee mature) 84

18 Cellule dell osso Osteociti cellule mature, per mm 3 CELLULE MATURE DELL OSSO derivano dagli osteoblasti, che rimasti intrappolati nella matrice ossea contribuiscono al continuo rinnovamento dell Osteoide (FUNZIONAMENTO DEL TESSUTO OSSEO). Appaiono cellule quiescenti ma possono secernere sostanze che mantengono la matrice ossea in buono stato. Rilascio di ioni calcio dalla matrice ossea quando la richiesta corporea aumenta. Osteoclasti CONTRASTANO LA FASE DI ACCRESCIMENTO erodendo l osso con la secrezione di enzimi e acidi - (PROCESSO DI DEGENERAZIONE DELLA MATRICE OSSEA) Agiscono insieme agli osteoblasti nel processo di RIMODELLAMENTO OSSEO. Cellule Fagocitiche, multinucleate, derivano da macrofagi-granulociti 85

19 CELLULE OSSEE 86

20 CELLULE OSSEE Cellula osteoprogenitrice Osteoblasti Superficie dell osso 87

21 OSTEOCITA Osteocita Lacuna Canalicolo Canalicolo Osso Cartilagine 88

22 OSTEOCLASTI 89

23 90

24 DEPOSIZIONE di MATRICE OSSEA da parte degli OSTEOBLASTI Cellula osteoprogenitrice (precursore dell'osteoblasto) Osteoblasto Osteoide (matrice ossea non calcificata) Matrice ossea calcificata Canalicoli con processi cellulari Osteocita 91

25 Classificazione in base alla forma: Ossa lunghe Zona allungata posta fra due teste globose (tibia). Ossa corte Lunghezza e larghezza uguali (carpali del polso). Ossa piatte Sottili, piatte a forma di piastre (cranio). Ossa irregolari Forma irregolare (sfenoide ed etmoide del cranio). Ossa sesamoidi CONOSCERE IL CORPO UMANO: ISTOGENESI DELL OSSO STRUTTURA del TESSUTO OSSEO Nei tendini, favoriscono meccanica del movimento (rotula). 92

26 Esistono due tipi di tessuto osseo che differiscono per l organizzazione: TESSUTO OSSEO NON LAMELLARE. Scarsamente presente nello scheletro adulto, rappresenta il primitivo tessuto osseo embrionale in seguito sostituito da osso lamellare. L osso non lamellare è nell insieme meno consistente di quello lamellare a causa della minore quantità di minerali che contiene. TESSUTO OSSEO LAMELLARE. Il più diffuso nello scheletro adulto, vede la sostanza intercellulare (matrice) organizzata in lamelle nelle quali le fibre collagene sono disposte parallelamente tra loro; nelle lamelle adiacenti tale decorso si fa perpendicolare. Tra una lamella e l altra, piccoli spazi comunicanti tra loro: le lacune, ospitano le cellule che, per mezzo di un sistema di canalicoli, entrano in contatto con le zone dell osso dalle quali possono ricevere materiali nutritivi. COMPATTO SPUGNOSO 93

27 TESSUTO NON LAMELLARE Il primo osso a formarsi nel periodo embrionale e fetale è di tipo non lamellare, caratterizzato da fibre di collagene intrecciate nel corso dello sviluppo lo scheletro va incontro a un progressivo rimaneggiamento che porta alla sostituzione di osso non lamellare con osso lamellare anche il primo osso che si forma nella riparazione delle fratture è di tipo non lamellare. 94

28 TESSUTO LAMELLARE Il tessuto lamellare è di due tipi: A) Tessuto lamellare COMPATTO: Il più rappresentato nello scheletro. Forma la diafisi delle ossa lunghe e riveste le epifisi e tutte le ossa corte e piatte. L osso compatto si ritrova in genere nelle zone sottoposte a stress meccanici provenienti da un numero limitato di direzioni; gli osteoni sono tutti allineati lungo un asse ben definito e, in questo modo, rendono l osso molto resistente quando è sottoposto ad uno stress meccanico lungo la direzione di questo asse. 95

29 B) Tessuto lamellare SPUGNOSO: Si trova nelle zone in cui le ossa non sono sottoposte a forti stress oppure in cui gli stress meccanici provengono da molteplici direzioni (solitamente parte interna delle OSSA). E costituito da una fitta rete di trabecole anastomizzate tra loro. Il tessuto osseo spugnoso costituisce le ossa brevi, la diploe delle ossa piatte e le epifisi delle ossa lunghe. Essendo poi molto più leggero dell osso compatto, quello spugnoso riduce il peso dello scheletro e facilita il movimento delle ossa. 96

30 ARCHITETTURA DELL OSSO OSSO SPUGNOSO OSSO COMPATTO 97

31 LA DISTRIBUZIONE DELLE TRABECOLE DELL OSSO SPUGNOSO DIPENDE DALLE LINEE DI CARICO. NELLE CAVITA DEL TESSUTO SPUGNOSO E NELLA CAVITÀ MIDOLLARE E CONTENUTO IL MIDOLLO OSSEO ROSSO, CON FUNZIONI EMOPOIETICHE, O MIDOLLO GIALLO, (PREVALENTEMENTE CELLULE ADIPOSE) (IL MIDOLLO ROSSO È PIÙ ABBONDANTE NEI BAMBINI) 98

32 Morfologia Osso Compatto E formato da colonne ossee parallele che nelle ossa lunghe si dispongono sulla linea in cui viene esercitato il carico. Ogni colonna è formata da strati concentrici di LAMELLE disposte intorno a canali centrali che contengono vasi ematici e linfatici e nervi. Questi canali sono chiamati CANALI di HAVERS, essi insieme con le loro lamelle concentriche formano i Sistemi Haversiani (OSTEONI). Essi comunicano l uno con l altro, con Endostio e Periostio per mezzo dei Canali di Volkmann. 99

33 MORFOLOGIA dell OSSO COMPATTO Lacuna Osteociti Canale di Havers Canale centrale per vasi sanguigni, etc Canalicoli Processi degli Osteociti Lamelle Cerchi concentrici originati dalla deposizione apposizionale dell osso. 100

34 STRUTTURA A LAMELLE DELL OSTEONE OSTEONE e/o SISTEMA HAVERSIANO VASI SANGUIGNI PERIOSTIO TRABECOLE dell OSSO SPUGNOSO LAMELLE INTERSTIZIALI CANALI HAVERSIANI LAMELLE Circonferenziali esterne CANALE di VOLKMANN Gli OSTEONI sono le unità strutturali dell osso compatto e hanno forma grossolanamente cilindrica; sono formati da 4 a 20 lamelle organizzate in anelli concentrici al cui centro passa un canale (canale di Havers), che attraversa tutta la struttura. Hanno diametro compreso tra 150 e 250 mm. Lo spazio compreso tra gli osteoni è riempito da strati di lamelle ossee parallele, che costituiscono i sistemi interstiziali. 101

35 STRUTTURA A LAMELLE DELL OSTEONE L Osteone è un cilindro di lamelle concentriche che circonda un canale centrale, Canale di Havers, gli osteoni rappresentano la struttura compatta dell osso.. OSSO COMPATTO e OSSO SPUGNOSO Lamelle cinconferenziali Lamelle Canalicoli OSTEONE di OSSO COMPATTO Trabecole di osso spugnoso OSTEONE CanaleHaversiano Periostio Canale perforante OSTEONE di OSSO COMPATTO 102

36 STRUTTURA A LAMELLE DELL OSTEONE PERIOSTIO OSTEONI ENDOSTIO 103

37 a) Anatomia dell omero. c) Organizzazione delle fibre di collagene all interno delle lamelle concentriche (Osteone). d) Sede e struttura dell osso spugnoso. b) Istologia dell osso compatto e spugnoso. 104

38 Morfologia dell Osso Spugnoso Dalle lamelle circonferenziali interne, verso la cavità midollare, dipartono delle TRABECOLE di osso spugnoso. Trabecole, sottili, composte da lamelle ossee irregolari con lacune contenenti Osteociti. Non ci sono sistemi di Havers, gli Osteociti scambiano metaboliti con i sinusoidi del midollo, tramite canalicoli. Endostio, sottile strato di connettivo che ricopre le trabecole. Osteoprogenitrici, Osteoblasti ed Osteoclasti. 105

39 Osso Spugnoso Midollo Trabecole 106

40 Epifisi Prossimale Metafisi Diafisi Cartilagine articolare Linea epifiseale Osso spugnoso Osso compatto Canale midollare (midollo giallo) Midollo giallo Osso compatto Periostio Fibre di Sharpey Arterie Osso spugnoso Osso compatto Cartilagine articolare Ialina Endostio Epifisi distale 107

41 Ossificazione Processo che prevede sia la produzione della Matrice Ossea organica sia la Calcificazione. Questo processo NON è CRESCITA!!! L'osso cresce apposizionalmente cartilagine). Due tipi di ossificazione: Intramembranosa Endocondrale (come 108

42 Ossificazione = processo di formazione del tessuto osseo Modalità di ossificazione Ossificazione Diretta Connettivale 1) MEMBRANOSA 2) INTERMEMBRANOSA Direttamente dal tessuto connettivo embrionale (centri di ossificazione si sviluppano nel mesenchima) Alcune ossa craniche OSSO PARIETALE OSSO FRONTALE OSSO OCCIPITALE Ossificazione Indiretta 1) CONDRALE 2) ENDOCONDRALE La formazione dell osso definitivo è preceduta da un abbozzo cartilagineo che viene gradualmente sostituito BASE DEL CRANIO COLONNA VERTEBRALE BACINO ARTI 109

43 Ossificazione Diretta Connettivale 1) MEMBRANOSA 2) INTERMEMBRANOSA A. L ossificazione è preceduta da un aumento della vascolarizzazione. B. Le cellule mesenchimali si differenziano in osteoblasti. C. Gli osteoblasti eleborano una sostanza fondamentale ossea (matrice o osteoide) nella quale si depositano successivamente i Sali calcarei. Condroitin-solfato Cheratan-solfato Collagene tipo I Osteonectina Osteopontina Tessuto connettivo cartilaginoso (condrociti). 110

44 D. L OSTEOIDE calcifica per deposizione di Sali di calcio e dà origine ai centri di ossificazione primaria. E. Gli osteoblasti intrappolati nell osteoide (sostanza fondamentale) da loro elaborata, diventano cellule ossee (OSTEOCITI). Frecce = osteoblasti secernenti l osteoide Punte = osteociti intrappolati OSTEOCITI INTRAPPOLATI OSTEOBLASTI SECERNENTI L OSTEOIDE 111

45 G. L osso neo formato appare in forma di delicate lamelle spine e piccole travi ossee: le trabecole (si uniscono in una rete per formare l osso spugnoso). H. Le trabecole confluiscono e si fondono ampliando il centro di OSSIFICAZIONE. I. Il connettivo circostante acquista significato di periostio. 112

46 OSSIFICAZIONE DIRETTA CONNETTIVALE Veduta tridimensionale dell ossificazione Connettivale Intermembranosa: tappe dell ossificazione a partire da una aggregazione di cellule mesenchimali. L osso spugnoso, può in seguito essere rimodellato in osso compatto. MESENCHIMA: tessuto primitivo dell embrione animale, dal mesenchima per trasformazione graduale originano vari tessuti connettivi dell organismo maturo (cartilagine, tessuto osseo, muscoli lisci). 113

47 Ossificazione Indiretta 1) CONDRALE 2) ENDOCONDRALE Avviene in due stadi principali: 1) Formazione di un abbozzo cartilagineo - L'osso si forma sia alla superficie dell'abbozzo cartilagineo, apponendosi all'esterno tra cartilagine e pericondrio (ossificazione pericondrale) sia all'interno di questo (ossificazione endocondrale). 2) Sostituzione della cartilagine con osso 114

48 A. ABBOZZO CARTILAGINEO EMBRIONALE. I condrociti intrappolati nella matrice cartilaginea diventano ipertrofici (sviluppo eccessivo), si ha un accumulano di glicogeno e si vacualizzano (tante piccole vescicole). B. VASCOLARIZZAZIONE DELL ABBOZZO CARTILAGINEO (zona centrale della diafisi), inizia la calcificazione della matrice all interno della cartilagine, i condrociti diventano cellule osteoprogenitrici e infine osteoblasti, calcificazione del periostio. C. MIGRAZIONE DELLE CELLULE OSTEOPROGENITRICI DAL PERIOSTIO a seguito dell ossificazione del periostio e della matrice che li avvolge, i condrociti ipertrofici non ricevendo più i nutrienti per diffusione muoiono, lasciando delle lacune. Le cellule osteoprogenitrici, le cellule ematopoietiche e i vasi sanguigni gemmano dal periostio ed invadono le lacune, formano il midollo osseo ed il suo rivestimento endostio. D. GLI OSTEOBLASTI SECERNONO MATRICE OSSEA CHE SI DEPOSITA A RIDOSSO DELLA MATRICE CARTILAGINEA CALCIFICATA. E. RIASSORBIMENTO DEI COMPLESSI DI CARTILAGINE CALCIFICATA e OSSO CALCIFICATO DA PARTE 115 DEGLI OSTEOCLASTI.

49 116

50 117

51 Gli osteoblasti si dispongono intorno ad un canale centrale contenente vasi sanguigni e formano lamelle ossee concentriche Struttura dell osso maturo 118

52 Osso compatto lamellare Osso compatto ad osteoni Midollo osseo Struttura dell osso maturo 119

53 Tre stadi evolutivi della stessa cellula. 4 TIPI DI CELLULE periostio 1 fibre collagene preosteoblasto osteoblasto osteoide 2 osteoclasto orletto increspato lacuna di Howship matrice ossea mineralizzata 3 osteocito canalicolo osseo 120

54 Processo di riparazione di una frattura in entrambi i tipi di ossificazione Formazione dell'ematoma Formazione del callo fibrocartilagineo Formazione del callo osseo Rimodellamento dell'osso 121

55 122

56 AUMENTO di DIMENSIONE dell OSSO DIAMETRO: CONOSCERE IL CORPO UMANO: ISTOGENESI DELL OSSO Apposizione di nuovo osso di origine periostale. Creste di osso neoformato inglobano vasi sanguigni longitudinali, fondendosi intorno ad esso e formando gli osteoni. LUNGHEZZA: Sostituzione di cartilagine con osso a livello della metafisi (tratto spugnoso delle ossa lunghe che collega la diafisi all'epifisi in fase di crescita). Il tessuto cartilagineo sul lato epifisario continua ad accrescersi, mentre quello diafisario viene invaso da nuovo osso. 123

57 Gli osteoclasti sono trasportati sulla superficie dell osso da riassorbire Gli osteoclasti si attaccano all osso Acidi ed enzimi prodotti dagli osteoclasti dissolvono l osso Gli osteoclasti scompaiono dopo aver riassorbito il tessuto Compaiono gli osteoblasti Gli osteoblasti producono proteine (collagene) e ricoprono l osso con sostanze adesive. Il calcio aderisce al collagene. Osso neoformato 124

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

APPARATO LOCOMOTORE OSSA SISTEMA SCHELETRICO ARTICOLAZIONI SISTEMA MUSCOLARE

APPARATO LOCOMOTORE OSSA SISTEMA SCHELETRICO ARTICOLAZIONI SISTEMA MUSCOLARE APPARATO LOCOMOTORE SISTEMA SCHELETRICO SISTEMA MUSCOLARE OSSA ARTICOLAZIONI FUNZIONI LOCOMOTORIA: consente la postura e il movimento FORMA E SOSTEGNO AL CORPO LE OSSA: PROTEGGONO LE PARTI INTERNE DANNO

Dettagli

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo Sistema scheletrico - ossa Il sistema scheletrico è fatto da: - cartilagini - articolazioni Nel tessuto osseo ci sono tante lamelle e in mezzo ci sono le cellule chiamate osteociti. I vasi sanguigni passano

Dettagli

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

Struttura del tessuto osseo

Struttura del tessuto osseo Struttura del tessuto osseo Classificazione in base alla forma: Ossa lunghe Zona allungata posta fra due teste globose (tibia) Ossa corte Lunghezza e larghezza uguali (carpali del polso) Ossa piatte Sottili,

Dettagli

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali Tessuto connettivo pr. detto Tessuto adiposo Cartilagine Osso Sangue

Dettagli

Sistemi di sostegno nei viventi Il sistema scheletrico

Sistemi di sostegno nei viventi Il sistema scheletrico prof. Filippo Quitadamo 1 Sistemi di sostegno nei viventi Il sistema scheletrico prof. Filippo Quitadamo 2 prof. Filippo Quitadamo 3 prof. Filippo Quitadamo 4 prof. Filippo Quitadamo 5 Obiettivi Illustrare

Dettagli

Sostegno e locomozione

Sostegno e locomozione Sostegno e locomozione Uno scheletro è un apparato che deve svolgere almeno le seguenti funzioni: sostenere il corpo permettere il movimento proteggere organi interni Uno scheletro può essere: Idroscheletro

Dettagli

OSTEOGENESI. intramembranosa) Formazione di tessuto osseo su una preesistente, pericondrio, osso) Formazione di tessuto osseo su una preesistente

OSTEOGENESI. intramembranosa) Formazione di tessuto osseo su una preesistente, pericondrio, osso) Formazione di tessuto osseo su una preesistente OSTEOGENESI OSSIFICAZIONE DIRETTA (intramembranosa( intramembranosa) Formazione di tessuto osseo su una preesistente matrice connettivale (mesenchima,(, pericondrio, osso) ( ossa del cranio, mandibola,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz Il tessuto osseo Prof. Fulvio Vitiello malattie metaboliche dell'osso 1 Il tessuto osseo: tessuto connettivo specializzato Funzione meccanica supporto della struttura corporea

Dettagli

IL SISTEMA SCHELETRICO: GENERALITA

IL SISTEMA SCHELETRICO: GENERALITA IL SISTEMA SCHELETRICO: GENERALITA Lo scheletro è formato dalle ossa,, dalle parti cartilaginee che ne rivestono le estremità e dalle connessioni articolari che si stabiliscono tra esse Le ossa sono di

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera TRAUMI LO SCHELETRO FUNZIONE: DI SOSTEGNO DI MOVIMENTO DI PROTEZIONE ORGANI INTERNI (es: cranio/cervello) EMOPOIETICA (midollo osseo, produzione cellule sangue) DI DEPOSITO (riserva di Sali, Calcio)

Dettagli

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili)

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili) LE ARTICOLAZIONI Le ossa dello scheletro sono tenute insieme dalle articolazioni. Tali strutture consentono una mobilità più o meno ampia a seconda della loro conformazione e della modalità con cui vengono

Dettagli

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue Connettivi Specializzati Cartilagine Osso Sangue Osso Connettivo specializzato, la cui matrice extracellulare è calcificata ed imprigiona le cellule che l hanno prodotta Funzione: Fornisce impalcatura

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO Indice PARTE I. ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA 1.ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA CENNI DI CITOLOGIA La struttura della cellula CENNI DI ISTOLOGIA Il tessuto epiteliale L epitelio di rivestimento

Dettagli

APPARATO LOCOMOTORE. Insieme di organi che producono spostamenti in massa del corpo o di singole parti di esso OSSA, ARTICOLAZIONI, MUSCOLI

APPARATO LOCOMOTORE. Insieme di organi che producono spostamenti in massa del corpo o di singole parti di esso OSSA, ARTICOLAZIONI, MUSCOLI APPARATO LOCOMOTORE APPARATO LOCOMOTORE Insieme di organi che producono spostamenti in massa del corpo o di singole parti di esso OSSA, ARTICOLAZIONI, MUSCOLI Scheletro: insieme di ossa collegate fra loro

Dettagli

I Tessuti Trofomeccanici. By A. Pirola

I Tessuti Trofomeccanici. By A. Pirola I Tessuti Trofomeccanici By A. Pirola Classificazione dei tessuti trofomeccanici Sono formati prevalentemente da sostanza fondamentale Svolgono funzioni di tipo Meccanico e Trofico T. Connettivo T. Cartilagineo

Dettagli

Il tessuto cartilagineo

Il tessuto cartilagineo Il tessuto cartilagineo CARTILAGINE Tessuto connettivo di sostegno costituito da cellule: Condroblasti, Condrociti, Condroclasti (che derivano dai monociti del sangue) La ECM è compatta e contiene: fibre,

Dettagli

SC.BIOLOGICHE I Anno - CORSO A LABORATORIO CITOLOGIA-ISTOLOGIA. Esercitazione n 4 CONNETTIVI DI SOSTEGNO

SC.BIOLOGICHE I Anno - CORSO A LABORATORIO CITOLOGIA-ISTOLOGIA. Esercitazione n 4 CONNETTIVI DI SOSTEGNO SC.BIOLOGICHE I Anno - CORSO A LABORATORIO CITOLOGIA-ISTOLOGIA Esercitazione n 4 CONNETTIVI DI SOSTEGNO Epiteliale Di Di rivestimento rivestimento Sensoriale Sensoriale Ghiandolare Ghiandolare Connettivo

Dettagli

Tessuto osseo. Caratteristiche generali: -Colore, leggerezza, resistenza. COMPONENTI: -Cellule e matrice extracellulare

Tessuto osseo. Caratteristiche generali: -Colore, leggerezza, resistenza. COMPONENTI: -Cellule e matrice extracellulare Tessuto osseo Varietà di tessuto connettivo a prevalente funzione meccanica, di sostegno e di protezione, ma anche metabolica ( riserva di minerali) e di movimento (dando attacco ai muscoli) Caratteristiche

Dettagli

IL SISTEMA SCHELETRICO

IL SISTEMA SCHELETRICO IL SISTEMA SCHELETRICO Il sistema scheletrico è una complicata impalcatura interna che svolge tre importantissime funzioni: sostiene il corpo e consente di mantenersi in posizione eretta; protegge gli

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

TESSUTI CONNETTIVI. 2) connettivi a funzione trofica (sangue, linfa) 3) T. connettivi di sostegno (cartilagine, osso) SANGUE FUNZIONI

TESSUTI CONNETTIVI. 2) connettivi a funzione trofica (sangue, linfa) 3) T. connettivi di sostegno (cartilagine, osso) SANGUE FUNZIONI TESSUTI CONNETTIVI 1) T. connettivo propriamente detto (TCPD) 2) connettivi a funzione trofica (sangue, linfa) 3) T. connettivi di sostegno (cartilagine, osso) SANGUE SOSTANZA INTERCELLULARE fluida: il

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli

SC.BIOLOGICHE I Anno - CORSO A LABORATORIO CITOLOGIA-ISTOLOGIA. Esercitazione n 4 CONNETTIVI DI SOSTEGNO

SC.BIOLOGICHE I Anno - CORSO A LABORATORIO CITOLOGIA-ISTOLOGIA. Esercitazione n 4 CONNETTIVI DI SOSTEGNO SC.BIOLOGICHE I Anno - CORSO A LABORATORIO CITOLOGIA-ISTOLOGIA Esercitazione n 4 CONNETTIVI DI SOSTEGNO Epiteliale Di Di rivestimento rivestimento Sensoriale Sensoriale Ghiandolare Ghiandolare Connettivo

Dettagli

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue Connettivi Specializzati Cartilagine Osso Sangue Osso Connettivo specializzato, la cui matrice extracellulare è calcificata ed imprigiona le cellule che l hanno prodotta Funzione: Fornisce impalcatura

Dettagli

Conosciamo le nostre ossa

Conosciamo le nostre ossa Conosciamo le nostre ossa 1. I l capitolo in questione potrebbe apparire a prima vista, un po «pesante»: se la pensate così potete evitarlo passando subito alle altre sezioni. Ma se siete interessati a

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

IL TESSUTO OSSEO Anche se a prima vista un osso può sembrare simile a una pietra,

IL TESSUTO OSSEO Anche se a prima vista un osso può sembrare simile a una pietra, L OSSO questo sconosciuto 1 Quanto spesso pensiamo alle nostre ossa - a parte i momenti in cui ci fanno male? Forse mai, o quasi mai. Invece dovremmo pensarci, perché lo scheletro è una parte del nostro

Dettagli

Andremo a vedere: Funzioni dell apparato locomotore. Cenni di anatomia Scheletro (osso) Articolazione Muscolo. Lesioni Muscolari. Lesioni Articolari

Andremo a vedere: Funzioni dell apparato locomotore. Cenni di anatomia Scheletro (osso) Articolazione Muscolo. Lesioni Muscolari. Lesioni Articolari Andremo a vedere: Funzioni dell apparato locomotore Cenni di anatomia Scheletro (osso) Articolazione Muscolo Lesioni Muscolari Lesioni Articolari Lesioni Ossee (fratture) Funzioni Forma del corpo Mantenimento

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA 1- NELLA SPALLA I TENDINI DELLA CUFFIA DEI ROTATORI TRANSITANO FRA DUE ZONE OSSEE PRIMA DI INSERIRSI SULL OMERO 2- FREQUENTI MOVIMENTI DEL BRACCIO PROVOCANO RIPETUTE COMPRESSIONI SUI TENDINI PROVOCANDONE

Dettagli

Attività motoria e benessere psicofisico

Attività motoria e benessere psicofisico Attività motoria e benessere psicofisico BENESSERE Il sistema Muscolo scheletrico -Ossa articolazioni -Tessuti molli muscoli, tendini e legamenti Con l'avanzare dell'età le articolazioni tendono generalmente

Dettagli

Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino

Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino Indice Introduzione Conclusioni 2 Introduzione Intendiamo sfruttare il paradigma del corpo umano e delle

Dettagli

Organizzazione del Corpo Umano

Organizzazione del Corpo Umano Organizzazione del Corpo Umano Cellula Unità fondamentale della vita, in grado di compiere attività di base come la riproduzione Gruppi di cellule con caratteristiche uguali Tessuto Tessuto Epiteliare

Dettagli

MIDOLLO OSSEO. Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica

MIDOLLO OSSEO. Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica MIDOLLO OSSEO Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica Maja Ukmar U.C.O di Radiologia Università di Trieste Azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti Trieste ANATOMIA E FISIOLOGIA

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 8. Struttura e morfologia ossea

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 8. Struttura e morfologia ossea Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 8 Struttura e morfologia ossea Lo scheletro umano è composto da oltre 200 ossa. Compone una struttura NON statica e rigida come un palazzo, piuttosto una serie di

Dettagli

L apparato locomotore comprende: Ossa; Articolazioni (con legamenti e capsule); I muscoli striati; I legamenti. Questo apparato ha funzione di

L apparato locomotore comprende: Ossa; Articolazioni (con legamenti e capsule); I muscoli striati; I legamenti. Questo apparato ha funzione di L apparato locomotore comprende: Ossa; Articolazioni (con legamenti e capsule); I muscoli striati; I legamenti. Questo apparato ha funzione di sostegno e protezione degli organi interni, e permette grazie

Dettagli

epitelio semplice composto

epitelio semplice composto I tessuti 1 Che cos è un tessuto Un tessuto è un raggruppamento di cellule aventi forma struttura e funzioni simili, tenute insieme da una sostanza intercellulare più o meno abbondante e di composizione

Dettagli

1. Biologia del tessuto osseo Pag. 3

1. Biologia del tessuto osseo Pag. 3 La legge n. 382 del 11/7/80 riguardante il riordinamento della docenza universitaria prevede, al I comma dell articolo 73, che al fine del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca il dottorando,

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

FUNZIONI TIPI DI OSSA PARTI I TESSUTO OSSEO ARTICOLAZIONI

FUNZIONI TIPI DI OSSA PARTI I TESSUTO OSSEO ARTICOLAZIONI FUNZIONI TIPI DI OSSA PARTI I TESSUTO OSSEO ARTICOLAZIONI WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Il sitema scheletrico ha tre funzioni: sostiene il corpo protegge gli organi interni più delicati consente il movimento

Dettagli

Osso e cicatrizzazione ossea. Patologia chirurgica veterinaria

Osso e cicatrizzazione ossea. Patologia chirurgica veterinaria Osso e cicatrizzazione ossea Patologia chirurgica veterinaria Tessuto osseo n Componente essenziale dell organismo Funzioni: 1. Impalcatura per l ancoraggio di muscoli, tendini e legamenti 2. Protezione

Dettagli

ORTOPEDIA E CLINICA TRAUMATOLOGICA VETERINARIA

ORTOPEDIA E CLINICA TRAUMATOLOGICA VETERINARIA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA MODULO PROFESSIONALIZZANTE 2 (Salute e benessere degli animali da compagnia) DISPENSE DEL CORSO DI ORTOPEDIA E CLINICA TRAUMATOLOGICA VETERINARIA Revisione 2004 Prof. Gerardo

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI CARTILAGINEE. Christian Carulli

IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI CARTILAGINEE. Christian Carulli IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI CARTILAGINEE Christian Carulli PRIMA CLINICA ORTOPEDICA - UNIVERSITA DI FIRENZE STRUTTURA COMPLESSA ORTOPEDIA GENERALE 1 AOU CAREGGI Direttore: Prof. Massimo Innocenti CARTILAGINE

Dettagli

Gerard Tortora, Brian Derrickson. Conosciamo il corpo umano

Gerard Tortora, Brian Derrickson. Conosciamo il corpo umano 1 Gerard Tortora, Brian Derrickson Conosciamo il corpo umano Capitolo 4 Il sistema scheletrico e le articolazioni 1. Le funzioni delle ossa e del sistema scheletrico 2. I quattro tipi di ossa 3. La struttura

Dettagli

Tessuto connettivo. E il più abbondante e si trova ovunque nel corpo

Tessuto connettivo. E il più abbondante e si trova ovunque nel corpo Tessuto Connettivo Tessuto connettivo E il più abbondante e si trova ovunque nel corpo Mette in connessione le varie parti (tessuti e organi) Costituito da cellule e fibre immerse in una matrice o sostanza

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

Le discipline dell atletica leggera sono molte e diversi sono i traumi di ciascuna di esse.

Le discipline dell atletica leggera sono molte e diversi sono i traumi di ciascuna di esse. Principali traumi in atletica Le discipline dell atletica leggera sono molte e diversi sono i traumi di ciascuna di esse. In questa breve relazione si è incentrata l attenzione soprattutto sulla corsa

Dettagli

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame Lo scheletro è una delle strutture più precoci e facili da vedere in un feto. Diviene visibile agli ultrasuoni appena le ossa sono

Dettagli

http://digilander.libero.it/glampis64 Il corpo umano è organizzato in livelli gerarchici Un organismo è costituito da un insieme di sistemi, formati a loro volta da organi, tessuti e cellule. I tessuti

Dettagli

Il Taping Neuromuscolare

Il Taping Neuromuscolare Studio medico di riabilitazione Sarita Il Taping Neuromuscolare Il Taping Neuromuscolare è una tecnica basata sui processi di guarigione naturale del corpo. I muscoli non sono solo legati ai movimenti

Dettagli

Il sistema scheletrico.

Il sistema scheletrico. Il sistema scheletrico 1 Morfologia delle ossa corpo o Diafisi estremità o Epifisi 2 Tessuto Osseo Tessuto connettivo specializzato a sostenere carichi conservando una leggerezza relativa con due tipi

Dettagli

Indice. Traduttori. Ringraziamenti PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1

Indice. Traduttori. Ringraziamenti PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1 Indice Prefazione Traduttori Ringraziamenti XIII XV XVII PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1 1. Metabolismo del calcio e del fosfato 3 L importanza del calcio nell organismo 3 Bilancio

Dettagli

PAR A A R M A OR O F R I F SMI

PAR A A R M A OR O F R I F SMI PARAMORFISMI LA COLONNA VERTEBRALE IL RACHIDE È COMPOSTO DA NUMEROSI SEGMENTI SOVRAPPOSTI L UNO ALL ALTRO, LE VERTEBRE. È MOLTO FLESSIBILE È COSTITUISCE UN SOSTEGNO STABILE, MOBILE ED ELASTICO PER TESTA,

Dettagli

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue Connettivi Specializzati Cartilagine Osso Sangue Cartilagine Funzione di sostegno Tessuto molto elastico Resistente alle sollecitazioni meccaniche Correlato al tessuto osseo Composizione della Cartilagine

Dettagli

Differenziamento Cellule Staminali

Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Tutte le cellule hanno funzioni di base Respirazione, crescita, divisione, sintesi La maggior parte ha inoltre delle capacità particolari 200 differenti

Dettagli

Ossificazione membranosa

Ossificazione membranosa Il processo fondamentale di formazione del tessuto osseo si può schematizzare in quattro momenti: differenziamento di cellule mesenchimatose indifferenziate in osteoblasti secrezione della matrice organica

Dettagli

Riconoscere i tessuti

Riconoscere i tessuti Riconoscere i tessuti ( Scritto da Aries90 e MrBadu) Ecco qualche consiglio per riconoscere i tessuti, da chi ha fatto l'esame di istologia e spera di poter dare la stessa soddisfazione ai prossimi esamizzandi!

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo TRAUMATOLOGIA Dr. Mentasti Riccardo Obiettivi Apprendere nozioni di anatomia e fisiologia dell apparato muscolo sceletrico Conoscere i meccanismi ed i principali traumi muscolo-scheletrici più frequenti

Dettagli

L Apparato muscolo-scheletrico: scheletrico: definizione

L Apparato muscolo-scheletrico: scheletrico: definizione L Apparato muscolo-scheletrico: scheletrico: definizione E il sistema costituito dall insieme di ossa articolazioni e muscoli funzionalmente integrate tra loro Il tessuto osseo TESSUTO CONNETIVALE SPECIALIZZATO

Dettagli

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue

Connettivi Specializzati. Cartilagine Osso Sangue Connettivi Specializzati Cartilagine Osso Sangue Cartilagine Funzione di sostegno Tessuto molto elastico Resistente alle sollecitazioni meccaniche Correlato al tessuto osseo Composizione della Cartilagine

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

IMC advanced education ARTO SUPERIORE

IMC advanced education ARTO SUPERIORE IMC advanced education ARTO SUPERIORE Ciascun braccio si articola con il tronco attraverso il cingolo scapolare. Esso è costituito dalla clavicola e dalla scapola, cui si connette l omero. La clavicola

Dettagli

composizione: 65% di cristalli di Ca sotto forma di cristalli di idrossiapatite 25% di proteine collageniche 2% di proteine non collageniche 10% di

composizione: 65% di cristalli di Ca sotto forma di cristalli di idrossiapatite 25% di proteine collageniche 2% di proteine non collageniche 10% di TESSUTO OSSEO è un tipo particolare di tessuto connettivo in quanto è mineralizzato questo gli conferisce particolari caratteristiche: è un tessuto resistente, ma presenta un certo grado di flessibilità

Dettagli

L Apparato Scheletrico e Articolare

L Apparato Scheletrico e Articolare L Apparato Scheletrico e Articolare Istologia Funzione Morfologia Modificazioni del Tessuto Osseo: accrescimento e riassorbimento Colonna Vertebrale Istologia Il tessuto osseo è costituito da una componente

Dettagli

Il sostegno e il movimento

Il sostegno e il movimento Il sostegno e il movimento 1. Come si muovono gli animali Il movimento degli unicellulari avviene grazie a pseudopodi, ciglia o flagelli 1 1. Come si muovono gli animali 1. Come si muovono gli animali

Dettagli

La Coxartrosi. Quadro Clinico

La Coxartrosi. Quadro Clinico La Coxartrosi Quadro Clinico Le articolazioni sono coinvolte in ogni nostro movimento. Movimenti come camminare, piegarsi e girarsi richiedono l utilizzo delle articolazioni dell anca e del ginocchio.

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

Articolazione Dell anca

Articolazione Dell anca Articolazione Dell anca Articolazione tra osso iliare a testa del femore DIARTROSI - enartrosi Priva di disco Sostiene il peso corporeo e le forze di compressione durante il movimento delle gambe Ammette

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Istituto di Clinica Ortopedica. L artrosi

Università degli Studi di Sassari Istituto di Clinica Ortopedica. L artrosi Università degli Studi di Sassari Istituto di Clinica Ortopedica L artrosi artrosi 1. Definizione 2.Epidemiologia 3.Anatomia patologica 4.Clinica 5.Diagnosi strumentale 6.Trattamento artropatia degenerativa

Dettagli

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma non troppo distanti tra loro? LA PLACENTA E formata dalla

Dettagli

Dispense di Scienze Motorie

Dispense di Scienze Motorie Dispense di Scienze Motorie Classe Prima A.S. 2015-2016 APPARATO LOCOMOTORE SOMMARIO SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 3 L'APPARATO LOCOMOTORE... 5 (1) CHE COS'È... 5 (2) LE OSSA... 7 (3) IL TESSUTO OSSEO...

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 9 Funzioni delle proteine Concetti chiave: La varietà strutturale delle proteine consente loro di svolgere un enorme quantità

Dettagli

CARTILAGINE ARTICOLARE

CARTILAGINE ARTICOLARE 2009 CARTILAGINE ARTICOLARE I Antonio Gigante Clinica Ortopedica Università Politecnica delle Marche Ancona - Italy CARTILAGINE ARTICOLARE Tessuto che ricopre le superfici articolari e grazie alle proprietà

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Osservazioni di osso equino al microscopio elettronico a scansione e alla microtomografia 3D

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Osservazioni di osso equino al microscopio elettronico a scansione e alla microtomografia 3D ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Osservazioni di osso equino al microscopio elettronico a scansione e alla microtomografia 3D Rossella Bedini (a), Pietro Ioppolo (a), Raffaella Pecci (a), Perla Filippini (a),

Dettagli

Presentazione a scopo informativo realizzata nell ambito della. Situazione Formativa «L APPARATO SCHELETRICO» PATENTE PEDAGOGICA EUROPEA SULLE TIC

Presentazione a scopo informativo realizzata nell ambito della. Situazione Formativa «L APPARATO SCHELETRICO» PATENTE PEDAGOGICA EUROPEA SULLE TIC Presentazione a scopo informativo realizzata nell ambito della Situazione Formativa «L APPARATO SCHELETRICO» Destinatari Gli alunni della Classe V ª A della Scuola Primaria di Giovo Istituto Comprensivo

Dettagli

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale.

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Funzioni della colonna vertebrale Stabilità La colonna vertebrale umana costituisce l asse mobile

Dettagli

Capitolo 1. Lo sviluppo dell apparato locomotore

Capitolo 1. Lo sviluppo dell apparato locomotore Capitolo 1 Lo sviluppo dell apparato locomotore L apparato locomotore inizia il suo sviluppo al 15 giorno di vita endouterina, con la comparsa della notocorda, costituita da un cordone di cellule derivanti

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Apparato scheletrico

Apparato scheletrico Apparato scheletrico L'apparato scheletrico ha la funzione di sostegno e di protezione degli organi interni ed è costituita dalle ossa. Le ossa sono formate dal tessuto osseo, composto da una sostanza

Dettagli

Osteointegrazione. Definizione della American Academy of Implants Dentistry:

Osteointegrazione. Definizione della American Academy of Implants Dentistry: Osteointegrazione 1 Osteointegrazione Definizione della American Academy of Implants Dentistry: "Contatto che interviene senza interposizione di tessuto non osseo tra osso normale rimodellato e un impianto

Dettagli

L apparato locomotore è costituito da: segmenti ossei (che formano lo scheletro del corpo) articolazioni (giunzioni segmentarie che permettono il

L apparato locomotore è costituito da: segmenti ossei (che formano lo scheletro del corpo) articolazioni (giunzioni segmentarie che permettono il Domenica 11 Novembre 2012 CORSO DI FORMAZIONE TECNICO EDUCATORE REGIONALE LA MACCHINA DELL UOMO: CENNI DI FISIOLOGIA, ANATOMIA DELL APPARATO LOCOMOTORE APPARATO LOCOMOTORE LE OSSA Relatore: Dott.Michele

Dettagli

CARTILAGINE. NON sono presenti vasi sanguigni

CARTILAGINE. NON sono presenti vasi sanguigni CARTILAGINE Tessuto connettivo di sostegno costituito da cellule: condrociti circondati da una ECM compatta, contenente: fibre, proteoglicani, glicoproteine I condrociti sono situati in cavità dette lacune

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

Anatomia generale. Corso di Laurea in Farmacia AA 2011-2012

Anatomia generale. Corso di Laurea in Farmacia AA 2011-2012 Anatomia generale Corso di Laurea in Farmacia AA 2011-2012 Prof. Eugenio Bertelli Professore associato di Anatomia Umana Università degli Studi di Siena Dipt. di Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e

Dettagli

Fondamentale è anche il sistema nervoso per il controllo funzionale. Spostamento nello spazio (contrazione muscolare) Forma del corpo

Fondamentale è anche il sistema nervoso per il controllo funzionale. Spostamento nello spazio (contrazione muscolare) Forma del corpo APPARATO LOCOMOTORE Ai fini della funzione motoria è fondamentale l integrazione fra apparato scheletrico e apparato muscolare, che insieme costituiscono l apparato locomotore. Fondamentale è anche il

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO Scuola di specializzazione in Fisiopatologia della riproduzione degli animali domestici (Direttore: Prof. Giovanni M Lacalandra) Disciplina: Morfologia ed anatomia topografia

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara DOTTORATO DI RICERCA IN BIOLOGIA EVOLUZIONISTICA E AMBIENTALE CICLO XXIV COORDINATORE Prof. GUIDO BARBUJANI ANALISI DEI MARCATORI SCHELETRICI DI STRESS OCCUPAZIONALE (MOS)

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli