Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con. D.R. n. 416 del 23.06.2014

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MANTOVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA. ULSS n. 3 DI BASSANO DEL GRAPPA

Azienda Ulss 12 Veneziana RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA

AVVISO PUBBLICO COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DI ATENEO

Relazione illustrativa

DIREZIONE GENERALE. Prot I/8 Bari, Comunicazione via

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale. Codice CIFRA:PER / DEL / 2013 /00

IL DIRETTORE GENERALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione Pag. 1/8 Codice Etico

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CODICE DI COMPORTAMENTODELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI SCHIGNANO PROVINCIA DI COMO. CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI - Art. 54, comma 5, D. Lgs. n. 165/2001

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

SOCIETA PARMAZEROSEI S.P.A. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNO

Comune di Pratola Serra Provincia di Avellino Il Segretario Comunale

C O M U N E D I G A M B E L L A R A PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, GAMBELLARA (VICENZA)

Stato di attuazione del. Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova. - Relazione integrativa anno

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) DELLA REGIONE PUGLIA PER IL TRIENNIO Elaborato III - Allegati -

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2015/2017

REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di Firenze

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LODI

DIREZIONE GENERALE Area Organizzazione e controllo Ufficio anticorruzione e trasparenza

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI MACERATA FELTRIA Provincia di Pesaro e Urbino

Modificato con deliberazione C.C. n. 92 del I N D I C E

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE

AREA ISTITUZIONALE GIURIDICA E DEL PERSONALE VADEMECUM RIASSUNTIVO DOCUMENTI, CODICI, PIANI E PROGRAMMI AZIENDALI.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 8 dd

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPAL BOZZA

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità ( )

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

UNIONE BASSA REGGIANA. Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale NR. 1 DEL

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Opere Sociali di N.S. di Misericordia Savona

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

OBBLIGHI DI TRASPARENZA

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

COMUNE DI GRADO AREA SERVIZI AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO

Oggetto: Adozione documento di politica in materia di informazione tecnico scientifica. Immediatamente eseguibile

COMUNE DI BOSISIO PARINI PROVINCIA DI LECCO

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO

Autorità Nazionale Anticorruzione

COMUNE DELLA SPEZIA. a norma dell articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

D E C R E T O. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO dott. Mauro Delendi

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

COMUNE DI TRAVERSETOLO

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI MEZZANI (PROVINCIA DI PARMA)

OGGETTO: RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL CODICE DI COMPORTAMENTO

Advertisement
Transcript:

Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con D.R. n. 416 del 23.06.2014 Premessa Il Codice di comportamento dell Ateneo di Parma (di seguito denominato Codice ) è stato adottato ai sensi dell art. 54, comma 5 del d.lgs. n. 165/2001, come modificato dall art. 1, comma 44 della l. n. 190/2012, il quale prevede che ciascuna pubblica amministrazione definisca con procedura aperta alla partecipazione e previo parere obbligatorio del proprio Organismo Indipendente di Valutazione, un proprio Codice di comportamento dei dipendenti. Il Codice è stato strutturato in base all articolato del Codice di comportamento nazionale dei dipendenti pubblici approvato con D.P.R. n. 62/2013 di cui costituisce integrazione e specificazione. Ai fini della sua predisposizione sono state altresì tenute in considerazione le prescrizioni contenute nei seguenti atti: - il Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.), approvato in data 11.9.2013, dalla Commissione Indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle Amministrazioni Pubbliche ora Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.AC.) - che contempla l adozione di uno specifico Codice di comportamento tra le misure principali di attuazione delle strategie di prevenzione della corruzione a livello decentrato; - la Delibera A.N.AC. n. 75/2013 recante le Linee guida in materia di codici di comportamento delle pubbliche amministrazioni, in cui sono esplicitate le indicazioni relative al contenuto dei codici ed alla procedura da seguire per la loro adozione; - il Piano della Prevenzione della corruzione dell Università degli Studi di Parma per il triennio 2014-2016 approvato con D.R. n. 57 in data 30.01.2014. Procedura e soggetti coinvolti Il testo del Codice di comportamento è stato oggetto di un ampia fase di consultazione pubblica che ha visto coinvolti stakeholders interni ed esterni, si riporta di seguito la procedura osservata per la sua

predisposizione, avvenuta in ottemperanza alle prescrizioni normative in materia di cui si è già fatto cenno in premessa: il primo passo, sulla base di quanto previsto dal P.N.A. e dal nostro P.T.P.C., i quali considerano il Codice di comportamento uno degli strumenti essenziali della prevenzione della corruzione, è consistito nell acquisizione di una proposta di bozza del codice da parte dell Ufficio Procedimenti Disciplinari - U.P.D.; Il testo proposto dall U.P.D., redatto tenendo conto di quanto indicato dalla Delibera A.N.AC. n. 75/2013 Linee guida in materia di codici di comportamento delle pubbliche amministrazioni, è stato oggetto di analisi comparata con lo schema di Codice che il CODAU ha predisposto e reso disponibile agli Atenei in relazione alle peculiarità degli stessi; successivamente è stata avviata la fase di consultazione pubblica tramite pubblicazione della Bozza del codice sul portale di Ateneo al fine di renderla conoscibile agli stakeholder esterni, ed è stata effettuata una consultazione delle R.S.U., OO.SS, C.U.G., Consiglio del Personale Tecnico - Amministrativo e del Consiglio degli Studenti; al temine della procedura di consultazione pubblica sono state apportante modifiche ed integrazioni dello schema del Codice, alla luce delle osservazioni e proposte pervenute tenendo conto dei parametri legali e delle peculiarità ordinamentali e organizzazione dell Ateneo, in particolare : - rilevato che tutte le osservazioni pervenute hanno espresso di ritenere necessaria la riformulazione dell art. 4 del Codice inerente ai Regali, compensi e altre utilità con l intento comune di allinearne il contenuto a quanto disposto in merito dal D.P.R. n. 62 del 2013, ed esaminate le ragioni indicate a sostegno della suddetta modifica, è stato reputato opportuno il loro l accoglimento introducendo il limite di 150 euro riprendendo il testo proposto dal CODAU, rispetto al testo originariamente proposto che prevedeva un divieto assoluto; - si è ritenuto di recepire il suggerimento proposto da una rappresentanza sindacale di escludere l applicabilità del comma 1 dell art. 5 anche per l adesione ad associazioni religiose o legate ad altri ambiti riferiti a informazioni sensibili oltre che per l adesione a partiti politici o sindacati, solo al fine di dare maggiore visibilità al suddetto concetto anche se già contenuto nel capoverso che precede la proposizione introdotta; - l art. 12 è stato modificato come proposto dal Consiglio del Personale Tecnico -Amministrativo con l inserimento nel comma 3 dopo dichiarazioni pubbliche dell aggettivo ufficiali, ed il comma 4, accogliendo la proposta di altra rappresentanza sindacale di inserire nell ultimo capoverso l inciso di norma ;

- all art. 14 la parola lavoratore è stata sostituita con la parola dipendente sia nel comma 2 che nel comma 3, accogliendo l osservazione presentata da una rappresentanza sindacale; - l art. 15 è stato integrato con l inserimento dell intero comma 5 dell art. 15 del D.P.R. n. 62/2013, come richiesto dal Consiglio del personale Tecnico Amministrativo; il Codice così rivisitato è stato trasmesso al Direttore Generale, il quale ha formulato alcune ultime osservazioni e integrazioni prevalentemente di carattere di specificativo di alcune disposizioni, le quali che sono state recepite nella testo finale; con nota di prot. n. 19875 del 28 maggio u.s., pertanto, il Codice, nella sua versione finale è stato trasmesso, ai fini dell acquisizione del parere obbligatorio ex art. 54, comma 5, D.Lgs 165 del 2001, al Nucleo di valutazione di Ateneo il quale con nota assunta al prot. n. 21789 del 13.06.u.s., raccomandando l integrazione dell art. 17 comma 4, ha espresso parere favorevole all adozione del Codice di comportamento, ritenendolo conforme alle prescrizioni di cui al D.P.R. n. 62/2013 ed a quanto precisato nelle linee guida di cui alla delibera A.N.A.C. n. 75/2013; il Codice, nel testo che ha recepito l osservazione del Nucleo di Valutazione, è stato adottato con D.R. n. 416 del 23.06.2014. Principali contenuti del Codice di Ateneo Il Codice di comportamento dell Università degli Studi di Parma integra e specifica le regole contenute nel D.P.R. 16 aprile 2013, n. 62, Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, definisce i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i dipendenti dell Università degli Studi di Parma sono tenuti ad osservare. Nell elaborazione del documento si è cercato di adeguare i contenuti del D.P.R. n. 62/2013 alla specifica realtà dell Università degli Studi di Parma, ed in particolare nel Codice di Ateneo, rispetto a quello nazionale: - è stato precisato l ambito di applicazione del codice, in particolare i destinatari sono stati individuati in riferimento al peculiare contesto universitario (Art. 1); - è stata declinata la disciplina relativa ai regali, compensi ed altre utilità mediante la definizione del limite del valore dei regali di modico valore, l indicazione della procedura che il dipendente deve

rispettare nel caso in cui riceva regali al di sopra del limite del valore previsto dal Codice, nonché le modalità di utilizzo da parte dell amministrazione dei regali ricevuti al di fuori dei casi consentiti (Art.4); - è stato specificato cosa si intende per di incarichi di collaborazione anche tramite l indicazione un elenco esemplificativo delle possibili tipologie, e definito il concetto di soggetti privati che potrebbero avere interessi economici significativi in decisioni o attività inerenti all amministrazione (Art. 4); - sono stati definiti i termini entro cui il dipendente è tenuto ad effettuare tutte le comunicazioni relative alla partecipazione ad associazioni ed organizzazioni, nonché le modalità secondo le quali la suddetta comunicazione deve essere effettuata. È stata inoltre esclusa l applicazione dell obbligo di comunicazione, oltre che per l adesione a partiti politici o a sindacati, anche per le associazioni religiose e legati ad altri ambiti riferiti ad informazioni sensibili (Art. 5); - sono stati definiti i termini e modalità entro cui il dipendente è tenuto ad effettuare le comunicazioni relative agli interessi finanziari che potrebbero comportare situazioni di conflitto di interesse ed obblighi di astensione (Art. 6); - è stata disciplinata la procedura per l esercizio dell obbligo di astensione in caso di conflitto d interessi, anche in riferimento al casi in cui il conflitto riguardi un Dirigente o il Direttore Generale (Art. 7); - è stato previsto l obbligo del dipendente di osservare le prescrizioni contenute nel Piano Triennale di Prevenzione della corruzione adottato dall Ateneo, nonché l obbligo di collaborare con il Responsabile della Prevenzione della corruzione, inoltre nell ottica di incentivare meccanismi di repressione/prevenzione di fenomeni corruttivi, è stata indicata quale misura di tutela del dipendente che segnala un illecito nell amministrazione, in raccordo con quanto previsto dalla legge e dal Piano triennale di prevenzione della corruzione, l obbligo di riservatezza per chiunque venga a conoscenza di segnalazioni o denunce di illecito, oltre che per coloro che sono direttamente coinvolti nella gestione dei relativi procedimenti, considerando la violazione di tale obbligo quale violazione dei doveri d'ufficio (Art. 8); - in materia di trasparenza e tracciabilità, oltre al rinvio alle previsioni del Programma Triennale della Trasparenza e Integrità e dell obbligo di collaborazione da parte dei titolari degli uffici tenuti alla comunicazione ed alla pubblicazione delle informazioni in modo regolare e completo, è stato previsto l obbligo per il dipendente di provvedere alla produzione e pubblicazione di dati in formato aperto, ai sensi dell art. 7 del D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 (Art. 9 );

- sono stati individuati quali comportamenti nei rapporti privati ritenuti lesivi dell immagine dell amministrazione, l uso improprio della posizione ricoperta nell Ateneo, vietando al lavoratore nelle attività private l utilizzo del nome, del logo o dell immagine dell ateneo se non per attività collegate all incarico svolto presso lo stesso, includendo altresì siti web e social network quali strumenti tramite i quali è possibile arrecare danno all immagine dell Ateneo (Art. 10); - è stato previsto l obbligo per i diretti superiori gerarchici, i responsabili delle unità organizzative o titolari di funzioni che comunque implicano il coordinamento di unità di personale di controllare che il dipendente utilizzi gli spazi, gli arredi, il materiale, le attrezzature, gli strumenti informatici, i telefoni messi a disposizione dall Ateneo con particolare cura e diligenza e secondo le modalità previste dall Amministrazione, che l uso dei permessi di astensione avvenga effettivamente per le ragioni e nei limiti previsti dalla legge e dai contratti collettivi e di vigilare sull effettiva presenza in servizio dei dipendenti, assumendo le opportune iniziative sotto il profilo disciplinare nel caso in cui ne ricorrano i presupposti (Art. 11); - è stato previsto l obbligo per i dirigenti di osservare e vigilare sul rispetto delle regole in materia di incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi di lavoro da parte dei propri dipendenti, anche al fine di evitare pratiche non consentite di doppio lavoro, di curare il benessere organizzativo della struttura alla quale sono preposti anche tramite l equa ripartizione dei carichi di lavoro. Sono state inoltre definite le modalità di comunicazione dei dati relativi ai conflitti di interesse (Art. 13); - sono stati dettagliati i compiti dell Ufficio Procedimenti Disciplinari in ordine alla applicazione del Codice (Art. 15); - è stata definita la procedura di adozione e diffusione del Codice (art. 17); Il Codice, unitamente alla presente relazione illustrativa viene pubblicato sul sito web istituzionale nella sezione Amministrazione trasparente, sotto-sezione 1 livello Disposizioni generali, sottosezione 2 livello Atti generali ; il relativo link verrà comunicato A.N.AC. Parma, 20 giugno 2014 Il Responsabile della Prevenzione della Corruzione Dirigente Area Risorse Umane F.to Avv. Gianluigi Michelini